Oggetto: Spettabile BORSA ITALIANA S.P.A. EQUITY MARKET LISTING Piazza degli Affari, Milano. 12, settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Spettabile BORSA ITALIANA S.P.A. EQUITY MARKET LISTING Piazza degli Affari, 6 20123 Milano. 12, settembre 2013"

Transcript

1 Spettabile BORSA ITALIANA S.P.A. EQUITY MARKET LISTING Piazza degli Affari, Milano 12, settembre 2013 Oggetto: Confronto del sistema di governo societario di World Duty Free con le raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina predisposto dal Comitato per la Corporate Governance delle società quotate, promosso da Borsa Italiana S.p.A. Ai sensi della Sezione IA.1.1, Tavola 1, punto 1.11, delle Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A., in vigore alla data odierna, la relazione allegata redatta, per quanto applicabile, sulla base del format per la relazione sul governo societario emanato da Borsa Italiana nel gennaio descrive il modello di governo societario di World Duty Free S.p.A., che verrà implementato a partire dalla data di avvio alle negoziazioni delle azioni ordinarie della Società sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. confrontato con le raccomandazioni proposte dal codice di autodisciplina del 14 marzo 2006 (come modificato nel marzo 2010 e nel dicembre 2011), predisposto dal Comitato per la Corporate Governance delle Società Quotate, promosso da Borsa Italiana S.p.A. World Duty Free S.p.A. Dott. Gianmario Tondato da Ruos PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

2 RELAZIONE SUL SISTEMA DI CORPORATE GOVERNANCE E SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETÀ QUOTATE ai sensi della Sezione IA.1.1., Tavola 1, punto 1.11, delle Istruzioni al Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A. Emittente: World Duty Free S.p.A. Sito web: Data di approvazione: settembre 2013

3 Indice GLOSSARIO... 4 INTRODUZIONE PROFILO DELLA SOCIETÀ COMPLIANCE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NOMINA E SOSTITUZIONE COMPOSIZIONE Componenti del Consiglio di Amministrazione Cumulo massimo agli incarichi ricoperti in altre società RUOLO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ORGANI DELEGATI Delegato Presidente del Consiglio di Amministrazione Comitato esecutivo ALTRI CONSIGLIERI ESECUTIVI AMMINISTRATORI INDIPENDENTI LEAD INDEPENDENT DIRECTOR DIRETTORE GENERALE TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI SOCIETARIE COMITATI INTERNI AL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMITATO PER LE RISORSE UMANE REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI COMITATO CONTROLLO E RISCHI E CORPORATE GOVERNANCE SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO AMMINISTRATORE ESECUTIVO INCARICATO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO DIRETTORE INTERNAL AUDIT PRESIDI DI COORDINAMENTO MODELLO ORGANIZZATIVO EX D.LGS. 231 DEL SOCIETÀ DI REVISIONE DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI INTERESSI DEGLI AMMINISTRATORI E OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE NOMINA DEI SINDACI SINDACI RAPPORTI CON GLI AZIONISTI ASSEMBLEE

4 GLOSSARIO Assemblea Borsa Italiana Cod. Civ. Codice/Codice di Autodisciplina Codice WDF Collegio Sindacale Comitato Controllo e Rischi e Corporate Governance Comitato per le Risorse Umane Consiglio di Amministrazione Consob Data di Quotazione Emittente, WDF o Società Gruppo o Gruppo WDF Istruzioni al Regolamento di Borsa MTA Regolamento di Borsa Regolamento Emittenti Consob l assemblea dei soci dell Emittente. Borsa Italiana S.p.A. il codice civile. il Codice di Autodisciplina delle società quotate approvato nel dicembre 2011 dal Comitato per la Corporate Governance e promosso da Borsa Italiana S.p.A., ABI, Ania, Assogestioni, Assonime e Confindustria. il Codice di Autodisciplina che sarà approvato dal Consiglio di Amministrazione della Società nella seduta del 20 settembre il collegio sindacale dell Emittente. il comitato interno al Consiglio di Amministrazione costituito in conformità all art. 7 del Codice di Autodisciplina. il comitato interno al Consiglio di Amministrazione costituito in conformità all art. 6 del Codice di Autodisciplina. il consiglio di amministrazione dell Emittente. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa con sede in Roma, Via G.B. Martini n. 3. la data di inizio delle negoziazioni delle azioni ordinarie della Società sul MTA. World Duty Free S.p.A. collettivamente, la Società e le società di tempo in tempo da essa, direttamente o indirettamente, controllate ai sensi dell art Cod. Civ. e dell art. 93 del TUF. le Istruzioni al Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana, in vigore alla data della Relazione. il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana. il Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana, deliberato dall assemblea di Borsa Italiana, vigente alla data della Relazione. il Regolamento emanato dalla Consob con deliberazione n del 1999 in materia di emittenti, e successive modifiche ed integrazioni. 4

5 Regolamento Mercati il Regolamento emanato dalla Consob con deliberazione n del 2007 in materia di mercati, e successive modifiche e integrazioni. Relazione Scissione Società di Revisione Statuto di Quotazione Statuto Vigente TUF la presente relazione di confronto del sistema di governo societario dell Emittente con le raccomandazioni di cui al Codice di Autodisciplina. la scissione parziale proporzionale di Autogrill S.p.A. (società scissa) a favore dell Emittente (società beneficiaria) deliberata dalle assemblee delle predette società in data 6 giugno la società di revisione iscritta nell albo speciale previsto dall art. 161 del TUF, incaricata della revisione legale dei conti dell Emittente. lo statuto sociale della Società, adottato con delibera dell Assemblea Straordinaria del 6 giugno 2013, con efficacia a partire dalla data di efficacia della Scissione. lo statuto sociale della Società vigente alla data della presente Relazione. il Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, e successive modifiche e integrazioni (Testo Unico della Finanza). 5

6 INTRODUZIONE La presente Relazione è stata predisposta dalla Società in ottemperanza all obbligo, previsto dalla Sezione IA.1.1, Tavola 1, punto 1.11 delle Istruzioni al Regolamento di Borsa, di fornire congiuntamente alla domanda di ammissione a quotazione delle azioni della Società sul MTA una relazione avente ad oggetto il confronto del sistema di governo societario dell Emittente alla Data di Quotazione con le raccomandazioni proposte dal Codice di Autodisciplina. Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta che si terrà il 20 settembre 2013, adotterà il Codice WDF, volto a recepire - in un documento sintetico e sistematicamente organizzato, - le disposizioni del Codice di Autodisciplina, fatte salve alcune raccomandazioni che la Società non ritiene di adottare alla luce delle proprie specifiche caratteristiche (per la descrizione di tali aspetti, si rinvia al prosieguo della presente relazione). La Società, in vista e al fine della quotazione delle proprie azioni sul MTA, ha adottato e per altra parte adotterà, entro l avvio delle negoziazioni delle proprie azioni ordinarie sul predetto MTA o in data immediatamente successiva, alcune deliberazioni volte ad allineare la propria corporate governance alla best practice internazionale cui il Codice di Autodisciplina è ispirato. Più in particolare: (i) (ii) (iii) l Assemblea, in data 6 giugno 2013, inter alia, ha approvato, in sede straordinaria, il testo dello Statuto di Quotazione, che entrerà in vigore alla data di efficacia della Scissione e che sarà pertanto già in vigore alla Data di Quotazione; l Assemblea inoltre, in data 18 luglio 2013, inter alia, ha - aumentato a 9 (nove) il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e nominato, ad integrazione del Consiglio in carica, 6 (sei) nuovi membri di cui 3 (tre) in possesso dei requisiti di indipendenza ai sensi dell art. 147-ter, comma 4, del TUF, ed appartenenti al genere meno rappresentato nel rispetto delle disposizioni in materia di equilibrio tra generi (maschile e femminile), stabilendo che i nuovi amministratori entreranno in carica a far data dal 16 settembre 2013; - conferito l incarico per la revisione legale dei conti a KPMG, ai sensi degli artt. 14 e 16 del Decreto Legislativo 17 gennaio 2010, n. 39 in materia di revisione legale dei conti (il D.Lgs. 39/2010 ) e degli artt. 155 e seguenti del TUF per i bilanci relativi agli esercizi dal 31 dicembre 2013 al 31 dicembre 2021 (estremi inclusi); - approvato un regolamento volto a dsciplinare lo svolgimento dei lavori assembleari, in aderenza a quanto previsto dall art. 9 del Codice di Autodisciplina; il Consiglio di Amministrazione, nella seduta consiliare del 31 luglio 2013, in adesione al Codice di Autodisciplina, ha: - approvato il regolamento concernente le operazioni compiute da soggetti rilevanti, ai sensi dell art. 114, comma 7, del TUF e degli artt. 152 e seguenti del Regolamento Emittenti Consob (c.d. Codice di internal dealing ) che è 6

7 (iv) entrato in vigore dalla data di presentazione a Borsa Italiana della domanda di ammissione sul MTA delle azioni della Società; - adottato un codice per il trattamento delle informazioni privilegiate (il Codice per il trattamento delle Informazioni Privilegiate ) e approvato l istituzione del registro delle persone che hanno accesso ad informazioni privilegiate (il Registro ) in ottemperanza agli artt. 114, comma 1, e 115-bis del TUF; il Codice per il trattamento delle Informazioni Privilegiate è entrato in vigore alla data di presentazione a Borsa Italiana della domanda di ammissione sul MTA delle azioni della Società, mentre il Registro diverrà operativo dalla Data di Quotazione; inoltre, il Consiglio di Amministrazione, in una prossima seduta consiliare che si terrà il 20 settembre 2013: - valuterà l indipendenza dei componenti dell organo consiliare, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 147-ter, comma 4, del TUF e dell articolo 3 del Codice di Autodisciplina, verificando all interno del medesimo la presenza di un numero adeguato di amministratori non esecutivi ed indipendenti; - approverà la costituzione di un Comitato Controllo e Rischi e Corporate Governance, determinandone i componenti e verificando la sussistenza, in capo ad essi, il possesso dei requisiti previsti dal Codice di Autodisciplina. Inoltre, adotterà un Regolamento del suddetto Comitato, che ne disciplinerà la composizione, il ruolo ed il funzionamento, in ottemperanza all articolo 7 del Codice di Autodisciplina. Tale regolamento entrerà in vigore alla Data di Quotazione (cfr. successivo articolo 8); - approverà la costituzione di un Comitato per le Risorse Umane, determinandone i componenti e verificando la sussistenza, in capo ad essi, il possesso dei requisiti previsti dal Codice di Autodisciplina. Inoltre, adotterà un Regolamento del suddetto Comitato Controllo, che ne disciplinerà la composizione, il ruolo ed il funzionamento, in ottemperanza all articolo 6 del Codice di Autodisciplina. Tale regolamento entrerà in vigore alla Data di Quotazione (cfr. successivo articolo 6); - approverà la costituzione di un Comitato per le operazioni con Parti Correlate, verificando la sussistenza, in capo ai suoi componenti, il possesso dei requisiti previsti dal Codice di Autodisciplina. Inoltre adotterà la procedura in materia di operazioni con parti correlate, con efficacia a far data dalla Data di Quotazione, contenente principi di comportamento per l attuazione di operazioni con parti correlate, ai sensi dell art bis del Cod. Civ., della delibera Consob in materia di operazioni con parti correlate, n del 12 marzo 2010, e successive modifiche e integrazioni (la Procedura per Operazioni con Parti Correlate ); - nominerà, con efficacia a far data dalla Data di Quotazione, il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari ai sensi dell art bis del TUF e dell art. 18 dello Statuto di Quotazione; 7

8 (v) - nominerà, con efficacia a far data dalla Data di Quotazione, l amministratore incaricato del sistema del controllo interno e di gestione dei rischi (l Incaricato ), a cui saranno attribuite le funzioni indicate nel Criterio Applicativo 7.C.4 del Codice di Autodisciplina; - nominerà, con efficacia a far data dalla Data di Quotazione e subordinatamente al parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi e Corporate Governance, il Direttoreinternal audit, a cui saranno attribuite le funzioni indicate nel Criterio Applicativo 7.C.5 del Codice di Autodisciplina; - delibererà la costituzione dell organismo di vigilanza previsto dall art. 6, primo comma, del D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 (il D. Lgs. 231), nominandone i componenti e stabilendone le funzioni; - nominerà, con efficacia a far data dalla Data di Quotazione, l investor relator, deputato alla gestione dei rapporti con investitori e intermediari finanziari; - come sopra indicato, approverà il Codice WDF. Infine, nella seduta consiliare che si terrà alla Data di Quotazione - il Comitato per le Operazioni con Parti Correlate esprimerà il proprio parere vincolante sulla Procedura per Operazioni con Parti Correlate e, all esito, il Consiglio procederà - alternativamente - a confermarne l approvazione o ad apportarvi le modifiche che il suddetto Comitato dovesse eventualmente indicare; - il Comitato Controllo e Rischi e Corporate Governance esprimerà il proprio parere sulla nomina del responsabile della funzione internal audit e, all esito, il Consiglio procederà - alternativamente - a confermare detta nomina o ad assumere le diverse deliberazioni che si dovessero rendere opportune alla luce del predetto parere; - il Consiglio di Amministrazione, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi e Corporate Governance, e sentiti il Collegio Sindacale e dell Incaricato, adotterà alcune regole volte a garantire il coordinamento tra i diversi soggetti coinvolti nel sistema di controllo interno e di gestione dei rischi (le Norme di Coordinamento Internal Audit ); - approverà il Modello (come definito nel paragrafo 9.4). La Società, in conformità a quanto previsto dal punto 1.11 della Sezione IA.1.1, Tavola 1, delle Istruzioni al Regolamento di Borsa, si impegna a trasmettere nuovamente a Borsa Italiana la presente Relazione, opportunamente integrata con le modifiche e le integrazioni che interverranno tra la data odierna e la Data di Quotazione, non appena possibile. 8

9 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Il sistema di corporate governance della Società si basa sui principi riconosciuti dalla best practice internazionale quali elementi fondanti un buon sistema di governo societario: il ruolo centrale del Consiglio di Amministrazione, la corretta gestione delle situazioni di conflitto di interessi, l efficienza del sistema di controllo interno e la trasparenza nei confronti del mercato, con particolare riferimento alla comunicazione delle scelte di gestione societaria. La governance di WDF, così come prevista dallo Statuto di Quotazione, è strutturata secondo il modello tradizionale di amministrazione e controllo e consta degli organi di seguito indicati: - Assemblea; - Consiglio di Amministrazione; - Collegio Sindacale. La governance di WDF consta altresì de: - il Comitato per le Operazioni con Parti Correlate; - il Comitato Controllo e Rischi e Corporate Governance; - il Comitato per le Risorse Umane. L Assemblea è l organo che rappresenta l interesse della generalità degli azionisti ed esprime, attraverso le proprie deliberazioni, la volontà sociale. Il Consiglio di Amministrazione, ai sensi dello Statuto di Quotazione, è l organo al quale è demandata in via esclusiva, entro l ambito dell oggetto sociale, la gestione dell impresa e a cui sono conferiti tutti i poteri che per legge o per lo stesso Statuto di Quotazione non siano espressamente riservati all Assemblea. Lo Statuto di Quotazione prevede che i membri del Consiglio di Amministrazione siano nominati dall Assemblea per un periodo, stabilito dalla stessa Assemblea, non inferiore ad un esercizio e non superiore a tre esercizi, mediante il meccanismo del voto di lista volto a garantire la presenza in Consiglio di Amministrazione di un adeguato numero di amministratori eletti dalla minoranza, nonché il rispetto delle disposizioni in materia di equilibrio tra generi (maschile e femminile). Il Consiglio di Amministrazione elegge tra i suoi componenti un Presidente che dura in carica per tutta la durata dello stesso Consiglio di Amministrazione. Il Consiglio di Amministrazione può nominare altresì uno o più Vice Presidenti. Il Consiglio nomina infine un Segretario, scelto anche al di fuori dei propri membri, ove non vi abbia provveduto l assemblea. Il Consiglio di Amministrazione ha altresì la facoltà di delegare parte delle proprie attribuzioni ad un Comitato Esecutivo, determinandone i limiti della delega nonché il numero dei componenti e le modalità di funzionamento, e nominare uno o più Amministratori Delegati, conferendo loro i poteri e determinandone la remunerazione, sentito il parere del Collegio Sindacale. Sono membri di diritto del Comitato Esecutivo, ove costituito, il Presidente e, se nominati, il o i Vice Presidenti e lo o gli Amministratori Delegati. 9

10 Alla data della presente Relazione, il Consiglio di Amministrazione della Società non ha costituito un Comitato Esecutivo né nominato uno o più Amministratori Delegati, fermo restando che nella seduta consiliare del prossimo 20 settembre il Consiglio di Amministrazione intende procedere alla nomina di José Maria Palencia Suacedo quale Delegato dell Emittente (cfr. successivo paragrafo 3.4.1) Il Comitato Controllo e Rischi e Corporate Governance è un comitato interno al Consiglio di Amministrazione, avente - tra l altro - funzioni consultive e propositive in materia di controllo interno e gestione dei rischi aziendali, composto, ai sensi del principio 7.P.4 del Codice di Autodisciplina, e così come previsto dal Regolamento del Comitato Controllo e Rischi e Corporate Governance, da tre amministratori non esecutivi, dotati di adeguata professionalità in materia di governance aziendale e di controlli interni, nonché in grado di esercitare autonomia di giudizio nello svolgimento dei compiti ad essi affidati. Il Comitato per le Risorse Umane è un comitato interno al Consiglio di Amministrazione, composto, ai sensi dal principio 6.P.3 del Codice di Autodisciplina, e così come previsto dal Regolamento del Comitato per le Risorse Umane, da tre amministratori non esecutivi di cui almeno due indipendenti. Tale Comitato svolge le funzioni del comitato per la remunerazione previsto dal Codice. Ai sensi dello Statuto di Quotazione, il Collegio Sindacale è composto da tre Sindaci effettivi e due supplenti. I Sindaci sono nominati dall Assemblea mediante il meccanismo del voto di lista al fine di garantire la presenza di un sindaco eletto dalla minoranza, nonché il rispetto delle disposizioni in materia di equilibrio tra generi (maschile e femminile). Essi durano in carica tre esercizi, sono rieleggibili e scadono alla data dell Assemblea convocata per l approvazione del bilancio relativo al terzo esercizio della carica. Il Collegio Sindacale svolge le funzioni ad esso attribuite dalla legge e da altre disposizioni regolamentari applicabili. Per tutto il periodo di ammissione delle azioni della Società alle negoziazioni presso un mercato regolamentato italiano, il Collegio Sindacale esercita altresì ogni altro dovere e potere previsto dalle leggi speciali; con particolare riferimento all informativa al medesimo dovuta, l obbligo degli amministratori di riferire, ai sensi dell art. 150 del TUF, ha cadenza trimestrale, ed è adempiuto con le modalità indicate dall art. 15 dello Statuto di Quotazione. Il Collegio Sindacale, inoltre, quale comitato per il controllo interno e la revisione contabile, ai sensi del D. Lgs. 39/2010, esercita tutte le altre attività per il medesimo previste ai sensi del citato decreto. Lo Statuto di Quotazione prevede che la revisione legale dei conti sia esercitata, ai sensi delle applicabili disposizioni di legge, da un soggetto avente i requisiti previsti dalla normativa vigente. La Società di Revisione rappresenta l organo di controllo esterno alla Società cui sono demandate le funzioni di controllo legale dei conti. In particolare, la Società di Revisione è tenuta a verificare, nel corso dell'esercizio, la regolare tenuta della contabilità sociale e la corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili, nonché ad esprimere con apposita relazione un giudizio sul bilancio di esercizio e sul bilancio consolidato. Le attribuzioni e le modalità di funzionamento degli organi sociali sono disciplinate dalla legge, dallo Statuto di Quotazione e dalle deliberazioni assunte dagli organi competenti. Per una descrizione dettagliata di ciascun organo e/o soggetto che compone la governance della Società si rimanda agli specifici capitoli della presente Relazione. 10

11 2. COMPLIANCE Il Consiglio di Amministrazione, in adesione al Codice di Autodisciplina, nella seduta che si terrà il 20 settembre 2013, adotterà il Codice WDF. Detto Codice, raccogliendo in un unico documento, sistematicamente organizzato, le regole base di governance che la Società si impegna a implementare, ha lo scopo di fornire agli Azionisti e agli altri stakeholder un utile strumento per comprendere con maggiore facilità e immediatezza la struttura essenziale del governo societario di WDF. Nei successivi paragrafi della Relazione si darà fra l altro conto - secondo il principio comply or explain - dei pochi principi e criteri applicativi del Codice ai quali la Società non ha allo stato ritenuto di adeguarsi. Il Codice WDF, dopo la sua approvazione, sarà consultabile sul sito internet della Società (www.wdfg.com). Come sopra indicato, l Emittente ha adottato e adotterà ulteriori deliberazioni in materia di corporate governance al fine di dare attuazione del Codice WDF e di realizzare un più completo adeguamento del proprio modello di governo societario alle disposizioni del Codice di Autodisciplina. Dette ulteriori misure, secondo quanto descritto nel proseguo della presente Relazione, entreranno in vigore con efficacia a far data dalla Data di Quotazione, fatto salvo per il Codice per il trattamento delle Informazioni Privilegiate, per la nomina del referente informativo (come di seguito definito), nonché per il Codice di Internal Dealing, la cui efficacia decorre dalla data di presentazione a Borsa Italiana della domanda di ammissione a quotazione delle azioni di WDF sul MTA. A tal riguardo si precisa peraltro che, ove necessario, la Società provvederà, in conformità a quanto previsto dal punto 1.11 della Sezione IA.1.1, Tavola 1, delle Istruzioni al Regolamento di Borsa, a trasmettere nuovamente la presente Relazione, opportunamente integrata, a Borsa Italiana, non appena disponibile e comunque prima del provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni della Società. Né la Società né le sue Controllate sono soggette a disposizioni di legge non italiane che influenzino la struttura di Corporate Governance di WDF. 3. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della normativa vigente per le società con azioni quotate in mercati regolamentati ed in conformità alle raccomandazioni del Codice di Autodisciplina, il Consiglio di Amministrazione ricopre un ruolo centrale nel sistema di governance della Società che avrà efficacia alla Data di Quotazione. A tale riguardo, il paragrafo 1.1. del Codice WDF stabilisce che il Consiglio di Amministrazione (di seguito, anche il Consiglio ) è l organo collegiale preposto al governo della Società ed ha, pertanto, esclusiva competenza e pieni poteri ai fini della gestione dell impresa sociale, perseguendo l obiettivo prioritario della creazione di valore per gli Azionisti in un orizzonte di medio- lungo periodo, nel rispetto delle norme di legge e regolamentari applicabili, dello statuto sociale di volta in volta vigente. Il Consiglio di Amministrazione elegge tra i suoi componenti un Presidente, ove non vi abbia provveduto l Assemblea, e un Segretario, quest'ultimo scelto anche fuori dei suoi componenti. Ai sensi dell art. 15 dello Statuto di Quotazione, il Consiglio di Amministrazione può altresì 11

12 nominare uno o più Vice Presidenti e uno o più Amministratori Delegati, con poteri congiunti e/o disgiunti, nonché attribuire agli altri Consiglieri particolari incarichi. Inoltre, può nominare uno o più Direttori Generali, Vicedirettori Generali, Direttori, Procuratori per singoli atti o categorie di atti, determinandone i poteri, anche di rappresentanza sociale, nonché gli eventuali emolumenti. Il Consiglio di Amministrazione può infine nominare un Comitato Esecutivo ai sensi dell'articolo 2381 del Cod. Civ., determinandone il numero dei suoi membri e la durata in carica. Sono membri di diritto del Comitato Esecutivo il Presidente e, se nominati, il o i Vice Presidenti e lo o gli Amministratori Delegati. Il Consiglio di Amministrazione, previo parere obbligatorio del Collegio Sindacale, nomina il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari ai sensi dell art. 154-bis del TUF, conferendogli adeguati mezzi e poteri per l espletamento dei compiti allo stesso attribuiti. 3.1 NOMINA E SOSTITUZIONE Ai sensi dell art. 10 dello Statuto di Quotazione, la società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione eletto dall Assemblea e composto da un numero di membri stabilito dall Assemblea prima della nomina e compreso tra 5 (cinque) e 15 (quindici). In mancanza di deliberazione dell'assemblea, il numero dei componenti il Consiglio di Amministrazione si intende automaticamente fissato in 15 (quindici). I consiglieri eletti durano in carica 3 (tre) esercizi ovvero per il periodo, comunque non superiore a 3 (tre) esercizi, stabilito all'atto della nomina dall Assemblea. Essi sono rieleggibili. Tutti gli amministratori debbono essere in possesso dei requisiti di eleggibilità, professionalità ed onorabilità previsti dalla legge e da altre disposizioni applicabili. Ai sensi dell art. 147-ter, del TUF, almeno due amministratori devono inoltre possedere i requisiti di indipendenza ivi richiesti ( Amministratori Indipendenti ). In ottemperanza alle previsioni legislative e regolamentari applicabili alle società quotate, l art. 10 dello Statuto di Quotazione stabilisce che la nomina del Consiglio di Amministrazione avviene da parte dell Assemblea sulla base di liste presentate dai soci, secondo la procedura di seguito descritta. Possono presentare una lista per la nomina degli amministratori i soci che, al momento della presentazione della lista, siano titolari, da soli ovvero unitamente ad altri soci presentatori, di una quota di partecipazione almeno pari all 1,5% del capitale sociale o la diversa misura - se inferiore - determinata dalla Consob ai sensi dell art. 147-ter, comma 1, del TUF ed in conformità a quanto in proposito stabilito dal Regolamento Emittenti Consob. Le liste devono essere depositate presso la sede sociale entro i termini di legge, ossia almeno venticinque giorni prima di quello previsto per l Assemblea chiamata a deliberare sulla nomina degli amministratori, in unica convocazione. Le liste, inoltre, sono messe a disposizione del pubblico, secondo le modalità prescritte dalla disciplina vigente, a cura della società e nei termini previsti dall art. 144-octies del Regolamento Emittenti Consob, ossia almeno ventun giorni prima di quello previsto per la predetta assemblea, in unica convocazione. Le liste prevedono un numero di candidati non superiore a 15 (quindici), ciascuno abbinato ad un numero progressivo. Inoltre esse devono indicare quali candidati siano in possesso dei requisiti di indipendenza previsti dalla disciplina legale e regolamentare vigenti. 12

13 Le liste che presentino un numero di candidati pari o superiore a 3 (tre) devono essere composte da candidati appartenenti ad entrambi i generi, in modo che appartengano al genere meno rappresentato almeno un quinto (in occasione del primo mandato successivo al 6 giugno 2013), e poi un terzo (comunque arrotondati all eccesso) dei candidati. Unitamente a ciascuna lista, entro i termini previsti dalla disciplina legale e regolamentare di tempo in tempo vigente, devono essere depositate le dichiarazioni con le quali i singoli candidati accettano la propria candidatura e attestano, sotto la propria responsabilità, l inesistenza di cause di ineleggibilità e di incompatibilità, nonché l esistenza dei requisiti prescritti dalla normativa vigente per le rispettive cariche. Con le dichiarazioni è altresì depositato per ciascun candidato un curriculum vitae riguardante le caratteristiche personali e professionali con l eventuale indicazione dell idoneità a qualificarsi come indipendente. Le liste per le quali non sono osservate le statuizioni di cui sopra, sono considerate come non presentate. Ogni Azionista potrà presentare o concorrere alla presentazione di una sola lista e ogni candidato potrà presentarsi in una sola lista a pena d ineleggibilità. Al termine della votazione, risultano eletti i canditati delle due liste che hanno ottenuto il maggior numero di voti, secondo i seguenti criteri: a) dalla lista che ha ottenuto la maggioranza dei voti espressi dagli Azionisti sono tratti, nell ordine progressivo con il quale sono elencati nella lista stessa, un numero di Amministratori pari al numero totale dei componenti da eleggere, tranne 1 (uno); b) 1 (un) è tratto dalla seconda lista che ha ottenuto in Assemblea il maggior numero di voti ( lista di minoranza ), che non sia collegata in alcun modo, neppure indirettamente, con gli Azionisti che hanno presentato o votato la lista risultata prima per numero di voti. In caso di parità di voti di lista, si procede a nuova votazione da parte dell intera Assemblea, risultando eletti i candidati che ottengano la maggioranza semplice dei voti fermo restando quanto di seguito previsto per assicurare l equilibrio tra i generi nel rispetto di quanto indicato dalla disciplina pro tempore vigente. Se al termine della votazione non fossero eletti in numero sufficiente Amministratori in possesso dei requisiti di indipendenza previsti dalla disciplina legale e regolamentare vigente, viene escluso il candidato che non sia in possesso di tali requisiti eletto come ultimo in ordine progressivo della lista che abbia ottenuto il maggior numero di voti, il quale viene sostituito dal candidato successivo avente i requisiti di indipendenza, tratto dalla medesima lista del candidato escluso. Tale procedura, se necessario, sarà ripetuta sino al completamento del numero degli Amministratori indipendenti da eleggere. Qualora, inoltre, con i candidati eletti con le modalità sopra indicate non sia assicurata la composizione del Consiglio di Amministrazione conforme alla disciplina pro tempore vigente inerente l equilibrio tra generi, il candidato del genere più rappresentato eletto come ultimo in ordine progressivo nella lista che ha riportato il maggior numero di voti viene sostituito dal primo candidato del genere meno rappresentato non eletto della stessa lista secondo l ordine progressivo. A tale procedura di sostituzione si fa luogo sino a che non sia assicurata la composizione del Consiglio di Amministrazione conforme alla disciplina pro tempore vigente inerente l equilibrio tra generi. Qualora infine detta procedura non assicuri il risultato da ultimo indicato, la sostituzione avverrà con delibera assunta dall Assemblea a maggioranza relativa, previa presentazione di candidature di soggetti appartenenti al genere meno rappresentato. 13

14 In caso di presentazione di una sola lista, ovvero nel caso in cui non venga presentata alcuna lista, ovvero nel caso in cui la lista presentata non consenta la nomina di Amministratori indipendenti nel rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti, l Assemblea delibera con le maggioranze di legge, fermo il rispetto della disciplina pro tempore vigente inerente l equilibrio tra generi. L Assemblea, anche nel corso del mandato, può variare il numero dei componenti il Consiglio di Amministrazione, sempre entro il limite di 15 (quindici) membri, provvedendo alle relative nomine. Gli Amministratori così eletti scadranno con quelli in carica. In relazione alla sostituzione dei Consiglieri, l art. 11 dello Statuto di Quotazione prevede che, se nel corso dell esercizio vengono a mancare uno o più Amministratori, si provvede ai sensi dell articolo 2386 del Cod. Civ.. In deroga alle altre disposizioni del predetto art. 11 dello Statuto di Quotazione, qualora, per qualsiasi ragione, l tratto dalla lista di minoranza non possa assumere la carica o, avendola assunta, decada, subentra il candidato appartenente alla medesima lista, secondo il rispettivo ordine progressivo, che sia ancora eleggibile e disposto ad accettare la carica. L Assemblea provvede alla conferma dell cooptato dal Consiglio di Amministrazione, ovvero alla nomina di altro in sua sostituzione, con le maggioranze di legge, fermo restando che, se l cooptato, o l da questi sostituito, era tratto dalla lista di minoranza, l Azionista che rappresenta la percentuale maggiore di capitale sociale presente in Assemblea e gli Azionisti ad esso collegati in alcun modo, anche indirettamente, non potranno votare. In ogni caso deve essere assicurato, sia in sede di cooptazione sia in sede assembleare, il rispetto della disciplina pro tempore vigente inerente l equilibrio tra i generi. Se viene meno la maggioranza dei Consiglieri, s intenderà dimissionario l intero Consiglio di Amministrazione e l Assemblea dovrà essere convocata senza indugio dal Consiglio di Amministrazione per la ricostituzione dello stesso. 3.2 COMPOSIZIONE Componenti del Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione della Società in carica è stato nominato all atto della costituzione della Società in data 27 marzo 2013 e rimarrà in carica sino all approvazione del bilancio di esercizio che si chiuderà in data 31 dicembre In data 18 luglio 2013, l Assemblea ha provveduto ad aumentarne i membri, portandoli da tre a nove e ha nominato sei consiglieri, nelle persone di Lynda Christine Tyler-Cagni, Jose María Palencia Saucedo, Gilberto Benetton, Alberto De Vecchi, Laura Cioli e Carla Cico. I consiglieri neo eletti assumeranno la carica a far data dal 16 settembre Alla data della presente Relazione il Consiglio di Amministrazione è composto dai seguenti membri: Gianmario Tondato da Ruos, Gianni Mion e Paolo Roverato. Alla luce di quanto precede si segnala che il meccanismo del voto di lista troverà prima applicazione in occasione della nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione prevista per l assemblea di approvazione del bilancio relativo all esercizio chiuso al 31 dicembre

15 La tabella che segue fornisce le informazioni rilevanti in merito a ciascun membro del Consiglio di Amministrazione in carica alla Data di Quotazione. Nome e cognome Gianmario Tondato da Ruos Carica Presidente consiglio di Amministrazione Luogo e data di nascita Data di efficacia della carica Oderzo (TV), 12/02/ marzo 2013 Jose María Palencia Saucedo esecutivo * Madrid (Spagna), 01/06/ settembre 2013 Gilberto Benetton non esecutivo Treviso, 19/06/ settembre 2013 Carla Cico non Verona, 21/02/ settembre 2013 esecutivo Laura Cioli non Macerata, 10/07/ settembre 2013 esecutivo Alberto De Vecchi non Milano, 06/06/ settembre 2013 esecutivo Gianni Mion non Vo (PD), 06/09/ marzo 2013 esecutivo Paolo Roverato non esecutivo Padova, 04/04/ marzo 2013 Lynda Christine Tyler- Cagni non esecutivo Bushey (Regno Unito), 06/03/ settembre 2013 * Jose María Palencia Saucedo sarà nominato Delegato dalla Società nella seduta consiliare che si terrà il prossimo 20 settembre (cfr. successivo paragrafo 3.4.1) Si riporta di seguito un breve curriculum vitae, dal quale emergono le competenze e l esperienza maturate in materia di gestione aziendale, di ciascuno dei membri del consiglio di amministrazione. 15

16 Gianmario Tondato Da Ruos presidente del consiglio di amministrazione. Nato ad Oderzo (Treviso) nel 1960, dopo la laurea in Economia e Commercio all Università Ca Foscari di Venezia, inizia il suo percorso professionale nel 1985 in Nordica S.p.A. e lo prosegue in diverse società di rilevanti dimensioni. Entra nel Gruppo Autogrill nel 2000, quando si trasferisce negli Stati Uniti per gestire l integrazione della controllata americana HMS, e conduce un intenso lavoro di rifocalizzazione strategica. Attraverso una politica di sviluppo organico e per acquisizioni porta Autogrill quasi al raddoppio del fatturato. È amministratore delegato di Autogrill dal mese di aprile 2003, lead independent director di GTECH S.p.A. (già Lottomatica Group S.p.A.), chairman di HMS, presidente del consiglio di amministrazione di WDF e consigliere di amministrazione di WDFG SAU. Jose María Palencia Saucedo amministratore. Nato a Madrid (Spagna) nel 1963, si laurea in Economia e Commercio all Universidad Complutense de Madrid e successivamente consegue un MBA in Business Administration presso l Università L. Bocconi di Milano. Inizia il suo percorso professionale nel 1988 nel settore strategia e sviluppo presso Acerinox e lo prosegue in Mitsui & Co. (dal 1993 al 1995) e Arthur Andersen (1996). Ricopre il ruolo di direttore generale in SEPPA (Sociedad Estatal de Participaciones Patrimoniales) dal 1996 al 1999 e in Eurocofin dal 1999 al Nel 2001 entra in Aldeasa come direttore generale e membro del consiglio di amministrazione. Dal 2006 ricopre l incarico di amministratore delegato di WDFG SAU. Gilberto Benetton amministratore. Nato nel 1941 a Treviso, è il regista della diversificazione della famiglia Benetton nei settori retail, infrastrutture ed immobiliare avvenuta negli ultimi 20 anni, dopo aver dato inizio nel 1965, con i fratelli Giuliana, Luciano e Carlo, all attività di Benetton Group, società leader nel settore moda. È presidente di Edizione S.r.l., la finanziaria della famiglia Benetton (in cui presiede a tutta l attività di investimento, sia dal punto di vista finanziario che immobiliare), presidente di Autogrill e consigliere del Gruppo Atlantia. È consigliere di Mediobanca S.p.A., di cui era già membro del consiglio di sorveglianza dal È inoltre consigliere di Pirelli S.p.A. Appassionato sportivo, è il promotore delle numerose attività del gruppo nello sport, in particolare nel settore giovanile, nelle attività sociali e nel rugby professionistico. Tramite la Fondazione Benetton ha voluto la realizzazione de La Ghirada, autentica cittadella dello sport a Treviso, dal 1982 aperta a tutti gli appassionati. Dal 1988 è Presidente di Verde Sport S.p.A., società che si occupa della gestione del centro polifunzionale de La Ghirada e dell'organizzazione delle sue molteplici attività rivolte ai giovani e al territorio; e di Asolo Golf Club S.r.l., uno dei più prestigiosi in Europa. Carla Cico - amministratore. Nata a Verona nel 1961, dopo la laurea in Lingue Orientali all Università Ca Foscari di Venezia, consegue un MSE presso la University of London e un MBA presso la London Business School. Inizia il suo percorso professionale in Italtel, Pechino e ChongQing nel Dopo avere ricoperto il ruolo di direttore responsabile in IRI a Pechino dal 1993 al 1994, lavora per il gruppo Telecom Italia a Roma dal 1995 al 1999 come direttore di business internazionale in Stet International per l identificazione, la valutazione, la negoziazione e la struttura finanziaria per acquisizioni nel mercato internazionale. Dal 1999 al 2001 svolge l attività di consulente per l individuazione e valutazione di possibili opportunità di investimento nel settore delle telecomunicazioni e nell area di internet presso CVC/Opportunity Fund in Brasile. Successivamente, ricopre il ruolo di amministratore delegato in aziende sia quotate che private (Brasil Telecom S.A. dal 2001 al 2005, Ambrosetti Cina - parte del Gruppo Ambrosetti - dal 2007 al 2009, Rivoli S.p.A. dal 2010 al 2012). È la prima donna a ricoprire la carica di amministratore delegato in un azienda di telecomunicazioni 16

17 in America Latina e nel 2003 è eletta come migliore amministratore delegato nel settore delle telecomunicazioni in America Latina dall Agenzia Reuters International Investor Research. Nel 2004 e nel 2005 è inclusa nella lista della rivista Forbes e Fortune come una delle donne più importanti nel mondo del business. Poteri del consiglio di amministrazione Laura Cioli amministratore. Nata a Macerata nel 1963, si laurea in Ingegneria Elettronica presso l Università di Bologna. Abilitata alla professione di ingegnere dal 1988, consegue un master in Direzione Aziendale presso la SDA Bocconi di Milano nel Inizia il suo percorso professionale come analista industriale presso ITP Automazione (dal 1988 al 1989). Dal 1991 al 1998 è responsabile, in Bain & Company, dello sviluppo e della gestione di progetti presso grandi aziende industriali e di servizi, principalmente relativi alle aree strategia, organizzazione e miglioramento operativo. Entra in Vodafone Italia nel 1999 come membro dell executive committee, ricoprendo diversi ruoli di indirizzo ed operativi e vi resta fino al 2006, anno in cui diventa vice president senior di Enigas & Power (occupandosi anche dello sviluppo e della gestione della presenza di Eni nel mercato del gas e dell energia elettrica, attraverso la guida delle attività di business development, definizione strategia commerciale, marketing, comunicazione, nonché tutte le attività operative di vendita, customer service, billing). Dal 2008 al 2012 è direttore generale di SKY Italia (Gruppo News Corporation), come responsabile di conto economico. Attualmente è membro indipendente del consiglio di amministrazione e del comitato esecutivo di Impregilo S.p.A., presidente del comitato accordo strategico Impregilo/Salini, membro indipendente del consiglio di amministrazione e del Comitato Nomine e Remunerazione di Cofide - Gruppo De Benedetti S.p.A., membro dell International Advisory Board del MIP-Politecnico di Milano e membro dell Alumni Advisory Board dell Università Bocconi. Alberto De Vecchi amministratore. Nato a Milano nel 1955, è laureato in Discipline Economiche e Sociali all Università L. Bocconi di Milano. Inizia la sua carriera professionale in Banca Commerciale Italiana. Dal 1985 è in Montedison, dove viene nominato direttore della pianificazione finanziaria. Nel 1995 entra in Esaote S.p.A. in qualità di Chief Financial Officer, portando la società alla quotazione presso la Borsa Valori di Milano nel Dal 2003 al 2006 è Chief Financial Officer in Bracco S.p.A. È in Autogrill dal 2006 come Chief Financial Officer. In Autogrill ha partecipato in particolare alle acquisizioni di Aldeasa, Alpha e WDF Europe. Dal 2006 è membro del consiglio di amministrazione di WDFG SAU. Gianni Mion amministratore. Nato nel 1943 a Vo (PD), è laureato in Economia e Commercio all'università Ca Foscari di Venezia. Dottore Commercialista e Revisore dei Conti, è stato amministratore delegato di Edizione S.r.l. dal 1986, società nella quale da giugno 2012 riveste la carica di vice presidente. La sua carriera professionale inizia in KPMG come auditor e prosegue in Mc Quay Europa S.p.A. nel ruolo di controller. Nel 1974 entra in Gepi S.p.A. e ne diventa vice direttore generale nel Consigliere delegato in Fintermica S.p.A. dal 1983 al 1985, prosegue il suo percorso in Marzotto S.p.A., ricoprendo la carica di direttore finanza fino al Paolo Roverato amministratore. Nato a Padova nel 1963, è laureato in Economia Aziendale all Università Ca Foscari di Venezia. È Dottore Commercialista e Revisore contabile. Inizia la carriera professionale presso un primario studio commercialista di Padova e prosegue nel 1989 in Arthur Andersen S.p.A., diventandone dirigente nel 1994 ed assumendo nel tempo incarichi di crescente responsabilità nell'ambito dell'organizzazione nazionale. Dal 2002 è dirigente di Edizione S.r.l. È stato consigliere di amministrazione di numerose società tra le quali Telecom 17

18 Italia Media S.p.A., Gemina S.p.A., Aeroporti di Roma S.p.A., Investimenti Infrastrutture S.p.A., Leonardo S.r.l., Schemaventotto S.p.A., Sagat-Aeroporto di Torino S.p.A., Aeroporto di Firenze S.p.A. e amministratore delegato di Aeroporti Holding S.p.A. Attualmente ricopre i seguenti incarichi: consigliere di amministrazione e membro del Comitato di Controllo e Corporate Governance e del Comitato per le Risorse Umane di Autogrill, consigliere di amministrazione di WDF e di Edizione Property S.p.A. e amministratore delegato di Edizione Alberghi S.r.l. È inoltre sindaco effettivo di Alì S.p.A. ed Elvox S.r.l. Lynda Christine Tyler-Cagni amministratore. Nata a Bushey (Regno Unito) nel 1956, si forma in Francia (presso l Institut d Etudes Politiques), nel Regno Unito (conseguendo un bachelor in Arti, Lingue, Economia e Politica presso la Kingston University) e negli Stati Uniti. Dopo avere ricoperto il ruolo di direttore risorse umane Francia in Air Products & Chemicals Inc. dal 1979 al 1988, entra in Mortimer Leman International come consulente risorse umane. Dal 1990 al 1994 lavora in Cummins Engine Company Inc. come direttore risorse umane Europa e come direttore marketing e vendite Europa, Medio Oriente e Africa. Dal 1995 al 2000 è vice presidente risorse umane Europa in Stanley Black & Decker e dal 2000 al 2010 è direttore centrale risorse umane in Ermenegildo Zegna. Attualmente è vice presidente senior delle risorse umane in Fast Retailing (holding di Uniqlo, Comptoir des Cotonniers, Princesse tam.tam, Theory, G.U., J Brand, ecc.) Cumulo massimo agli incarichi ricoperti in altre società In applicazione delle raccomandazioni contenute nel Criterio Applicativo 1.C.3 del Codice di Autodisciplina, il paragrafo 1.5 del Codice WDF prevedrà che il Consiglio di Amministrazione abbia la facoltà di esprimere il proprio orientamento in merito al numero massimo di incarichi di che i Consiglieri possono rivestire in società quotate, anche estere, in società finanziarie, bancarie o assicurative o di rilevanti dimensioni, tale da risultare incompatibile con un efficace svolgimento del proprio ruolo di della Società. Con riferimento al numero massimo di incarichi, il Consiglio di Amministrazione considera tra le prerogative necessarie per ricoprire la carica di o Sindaco che i soggetti investiti del predetto incarico dispongano di tempo adeguato per poter svolgere in modo efficace il compito loro affidato. Inoltre, il paragrafo 2.3 del Codice WDF disporrà l obbligo dei componenti del Consiglio di Amministrazione di accettare la carica di amministratori solo qualora ritengano di poter dedicare allo svolgimento diligente dei loro compiti il tempo necessario, anche tenendo conto del numero di cariche di amministratore o sindaco ricoperte in altre società quotate in mercati regolamentati (anche esteri), in società finanziarie bancarie o assicurative o di rilevanti dimensioni, tenuto conto, ove sussistente, dell orientamento espresso dal Consiglio di Amministrazione. Nome e cognome Gianmario Tondato da Ruos Società in cui si è o si è stati titolari di cariche societarie AUTOGRILL S.P.A. Carica ricoperta delegato Stato della carica alla Data della Relazione AUTOGRILL HOLDINGS UK Chairman (presidente) GTECH S.P.A. (GIÀ LOTTOMATICA GROUP S.P.A.) indipendente, presidente del Comitato degli 18

19 GUALA CLOSURES S.P.A. amministratori indipendenti, presidente del Comitato per la remunerazione e le nomine indipendente, membro del Comitato per la remunerazione HMSHOST CORPORATION Chairman (presidente) WORLD DUTY FREE GROUP SAU WORLD DUTY FREE GROUP ESPAÑA S.A. Gianni Mion AUTOGRILL S.P.A. Paolo Roverato AUTOGRILL GROUP INC. AEROPORTI DI ROMA S.P.A. ATLANTIA S.P.A. BENETTON GROUP S.P.A. BRENVEY BURGO GROUP S.P.A. EDIZIONE S.R.L. Vice presidente EDIZIONE HOLDING S.P.A.* delegato EUROSTAZIONI S.P.A. FEDERMANAGER FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VENEZIA GEMINA S.P.A. LUXOTTICA GROUP S.P.A. IL GAZZETTINO S.P.A. IMMOBILIARE CEWA S.R.L. INVESTIMENTI INFRASTRUTTURE S.P.A. SCHEMAVENTOTTO S.P.A. SINTONIA S.P.A. * SINTONIA S.P.A. (GIÀ SINTONIA S.A.) delegato Presidente consiglio di amministrazione SPACE HOLDING S.R.L. TELECOM ITALIA S.P.A. ADR AEROPORTI DI ROMA S.P.A. 19

20 AEROPORTI HOLDING S.R.L. AEROPORTO DI FIRENZE S.P.A. delegato ALI S.P.A. Sindaco effettivo ALI GROUP S.P.A. Sindaco effettivo AUTOGRILL S.P.A. CAREL INDUSTRIES S.P.A. Sindaco supplente EDIZIONE ALBERGHI S.P.A. delegato EDIZIONE PROPERTY S.P.A. ELVOX S.P.A. Sindaco effettivo GEMINA S.P.A. INVESTIMENTI INFRASTRUTTURE S.P.A. SAGAT S.P.A. TELECOM ITALIA MEDIA S.P.A. UNIX S.P.A. Sindaco effettivo Lynda Christine Tyler-Cagni Jose María Palencia Saucedo Gilberto Benetton FAST RETAILING CO. LTD. (JAPAN) AUTOGRILL HOLDINGS UK LTD. ITDC-ALDEASA INDIA PVT. LTD. SOCIEDAD DE DISTRIBUCIÓN COMERCIAL AEROPORTUARIA DE CANARIAS S.L. Group Officer & vice presidente senior WDFG INTERNATIONAL LTD. WDFG UK LTD. WDFG UK HOLDINGS LTD. WORLD DUTY FREE GROUP SAU WORLD DUTY FREE GROUP ESPAÑA S.A. WORLD DUTY FREE GROUP GERMANY GMBH delegato Presidente consiglio di amministrazione delegato ALLIANZ S.P.A. ASOLO GOLF CLUB S.R.L. Presidente consiglio di amministrazione ATLANTIA S.P.A. AUTOGRILL S.P.A. Presidente consiglio di amministrazione 20

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Relazione sul governo societario. e sugli assetti proprietari 2013

Relazione sul governo societario. e sugli assetti proprietari 2013 Relazione sul governo societario e sugli assetti proprietari 2013 Relazione al 21 marzo 2014 relativa all esercizio 2013 (ai sensi dell art 123-bis TUIF - modello di amministrazione e controllo tradizionale)

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale)

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) - Denominazione Emittente: BANCA MONTE DEI PASCHI DI

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014 Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014 (1) La Relazione è pubblicata nel sito internet della Società all indirizzo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI EDIZIONE NOVEMBRE 2010 Approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 30 Novembre 2010 Indice Premessa...3 A. PARTE GENERALE...5 1. Inquadramento...5

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Denominazione Emittente: UniCredit S.p.A. Sito Web: www.unicreditgroup.eu

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI AI SENSI DELL ARTICOLO

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI AI SENSI DELL ARTICOLO MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Modello

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

02. Relazione. annuale sul Governo

02. Relazione. annuale sul Governo PIRELLI & C. S.p.A. Milano 02. Relazione annuale sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 RELAZIONE annuale sul governo societario e gli assetti proprietari 2013 Sommario SOMMARIO 2 01. RELAZIONE

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015 Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015 (1) La Relazione è pubblicata nel sito internet della Società all indirizzo

Dettagli

Assemblea Ordinaria 23 aprile 2015. Nomina del Consiglio di Amministrazione Lista dei Candidati n. 2

Assemblea Ordinaria 23 aprile 2015. Nomina del Consiglio di Amministrazione Lista dei Candidati n. 2 Assemblea Ordinaria 23 aprile 2015 Nomina del Consiglio di Amministrazione Lista dei Candidati n. 2 U. T. COMMUNICATIONS S.p.A. Milano, 30 marzo 2015 Spettabile RCS Mediagroup S.p.A. Via Angelo Rizzoli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli