Che cos e EPICS. EPICS e l acronimo di Experimental Physics and Industrial Control System.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che cos e EPICS. EPICS e l acronimo di Experimental Physics and Industrial Control System."

Transcript

1 Che cos e EPICS EPICS e l acronimo di Experimental Physics and Industrial Control System. Questo nome indica un progetto nato, alla fine degli anni 80, da una collaborazione tra due laboratori americani: il Los Alamos National Laboratory e l Argonne National Laboratory. L idea era quella di sviluppare un insieme di strumenti software (toolkit) intesi a rendere possibile la realizzazione di sistemi di controllo distribuiti su rete Ethernet a progettisti non necessariamente esperti in linguaggi di programmazione ne, tantomeno, in tecniche di programmazione di rete. Un efficiente sistema di distribuzione dei dati in un architettura client-server (dove il numero di variabili di processo puo facilmente arrivare a centinaia di migliaia come nel caso di un acceleratore di grosse dimensioni) era l obbiettivo primario e rimane il punto di forza del software EPICS. Perchè EPICS è diffuso nei sistemi di controllo degli acceleratori? Il controllo di una macchina acceleratrice presenta alcune peculiarità che non sono riscontrabili nel controllo di un impianto industriale (dove pure il numero delle variabili di processo puo raggiungere quantita paragonabili o anche superiori a quelle di un acceleratore). La diversita piu evidente e l estrema eterogeneita della strumentazione impiegata negli acceleratori. Questa eterogeneita e innanzitutto funzionale nel senso che devono essere trattati parametri fisici spesso non acquisibili con i normali controllori industriali (PLC) e gli strumenti usati presentano modalita di interfacciamento non riconducibili ad un unico standard ne hardware ne software. Per dare un esempio, e perfettamente normale che in un acceleratore coesistano strumenti che comunicano con il sistema di controllo attraverso schede di interfaccia Pci, CompactPci, VME o GPIB ovvero moduli di interfaccia seriale RS232 o RS485 con diversi protocolli software. Anche i sistemi operativi variano a seconda delle applicazioni, per cui devono poter operare assieme computer che funzionano con Windows o Linux assieme ad altri che funzionano con S.O. real-time (es. Vxworks).

2 I principi fondamentali dell architettura La funzionalita piu importante dell architettura EPICS e dunque quella di fornire un infrastruttura di rete basata su un comune modello di comunicazione che consenta a dispositivi di controllo basati su diverse tecnologie hardware e software di rendere disponibili i propri dati in modo trasparente all applicazione. Questa infrastruttura, denominata Channel Access, implementa il concetto di bus software in cui un numero virtualmente illimitato di applicazioni Client puo avere accesso ai dati di un Server attraverso un meccanismo di chiamata per nome. Un altro punto essenziale e il seguente: nessuna applicazione Client ha accesso diretto ai dati degli strumenti. Ogni dispositivo hardware viene gestito da un unico processore (detto IOC, ovvero Input Output Controller) il quale contiene una porzione locale di un Data Base real-time distribuito su rete e implementato in memoria RAM. Questo Data Base viene continuamente aggiornato (secondo dei criteri configurabili) con i dati provenienti dagli strumenti: quando un applicazione Client chiede di accedere a una Variabile di Processo (PV) associata a un particolare strumento, in verita accede alla copia di tale dato presente nel Data Base. I moduli software di un IOC I moduli che devono essere sempre presenti in un IOC sono: Una istanza locale del Data Base contenente tutte le variabili di processo gestite da quell IOC Un IOC engine, ovvero un insieme di task che provvedono a processare nella sequenza configurata i record del Data Base. Un processo Channel Access Server necessario per rendere disponibili i dati delle variabili di processo contenute nel Data Base. Uno (o piu ) Device Driver che saranno invocati quando il Data Base deve essere aggiornato con i dati provenienti dal campo.

3 Il Data Base e il concetto di Record Nella filosofia di EPICS, tutti i dati relativi al funzionamento della macchina ( e quindi non solamente quelli associati a dei dispositivi hardware) sono considerati come elementi del Data Base distribuito e, in quanto tali, denominati Records. Il Record e una struttura di dati e puntatori a funzioni. Il valore di una variabile di processo e contenuto in uno degli elementi (VAL) di tale struttura. Il numero dei campi del Record, ovvero degli elementi della struttura e variabile e dipende dal tipo di record. Il concetto di Record in EPICS e sostanzialmente diverso da quello di un Data Base relazionale. Esso non e semplicemente un contenitore di informazioni, ma un entita costruita per essere processata secondo delle modalita che sono configurabili come proprieta del record stesso. Un record ha normalmente, tra le sue proprieta, dei LINK verso altri record. Questi link determinano la sequenza con cui i record vengono processati e la direzione del flusso di dati da un record a un altro. Un record puo ricevere dei dati da un dispositivo hardware: in tal caso processare il record significa invocare una funzione (driver) che trasferisce il dato dal dispositivo al record stesso. Proprieta generali dei Record Riassumiamo le proprieta piu salienti di un Record Epics: Il nome di ogni record e unico in tutta le rete. (Nota: se un database deve essere installato in piu IOC per riprodurre la stessa funzione di controllo, si possono usare delle macro substitutions per generare dei nomi diversi a partire da un template comune) Esistono dei pseudo records che hanno lo scopo di eseguire delle operazioni aritmetiche o logiche sui dati in ingresso. Ne e un esempio il record CALC (Calculation). Esiste anche il record C sub che e a tutti gli effetti una funzione C che puo ricevere i dati da qualunque altro gruppo di records. Un record svolge la sua funzione quando viene processato. Il processamento di un record puo avvenire a una cadenza programmata (periodic SCAN, normalmente compreso tra 0.1 e 10 sec) oppure in seguito ad eventi esterni (event SCANNING, tipicamente segnali di Interrupt generati dall hardware). Un record e spesso processato come conseguenza del processamento di un altro record al quale e collegato da un LINK (Passive SCANNING)

4 I campi dei Record I campi dei record variano grandemente a seconda del tipo di record. Le categorie in cui possono essere raggruppati i possibili campi sono le seguenti: Campi dedicati alla Descrizione del record Campi dedicati alla configurazione del meccanismo di Scansione (SCAN Fields) Campi dedicati alla configurazione degli allarmi (ALARM fields) Campi dedicati alla configurazione dell interfaccia verso l hardware (ADDRESS Fields) Campi dedicati alla conversione dei dati di I/O in unita ingegneristiche. Campi dedicati alla configurazione di Event Notification verso il Channel Access (MONITOR Fields) Campi contenenti parametri per il debugging e la simulazione. Campi dedicati a descrivere il tipo di LINK verso altri record. Nonostante il numero di campi di un record possa essere veramente elevato (da alcune decine a quasi un centinaio per record molto complessi) il progettista puo limitarsi a configurare solamente quelli che hanno rilevanza per la sua applicazione. I campi non configurati vengono semplicemente ignorati durante il processamento del record. La configurazione del Data Base Ogni IOC deve contenere un Data Base locale. Questo e costituito da un insieme di records e dai relativi links. Ogni record e una insieme di campi definiti attraverso stringhe ASCII; pertanto un Data Base puo essere completamente configurato con un semplice Editor di testo. Il modo piu comune per configurare un Data Base e tuttavia quello di usare dei tool grafici (ad. es. vdct = Visual Data base Configuration Tool) che mostrano, per un dato tipo di record, tutti e solo i campi modificabili dall utente.

5 Il Data Base come strumento per creare un applicazione di controllo I link di collegamento tra record possono essere usati per creare un flusso di controllo. Lo schema qui sotto mostra un esempio di concatenazione la cui funzione e quella di stabilizzare una variabile fisica (una tensione) attraverso l applicazione di una controreazione. Nota: Il record #1 contiene il valore di set_point della tensione e puo essere modificato solo attraverso il Channel Access (per esempio da un comando dell operatore). I record #2 e #4 hanno un link verso l hardware (rispettivamente Input e Output ), il record #3 e un puro blocco di elaborazione numerica. REC #1 RECORD TYPE: Soft Ch. NAME: V_REF_IN INP_LINK: Channel Access VAL DATA LINK FORWARD Processing LINK REC #2 REC #3 REC #4 RECORD TYPE: ai NAME: VOLTAGE_IN SCAN: 0.1 sec INP_LINK: INSTR_IO VAL FLNK RECORD: CALC SCAN: Passive VAL FLNK RECORD TYPE: ao NAME: V_OUT SCAN: Passive OUT_LINK: INSTR_IO L interfaccia verso l hardware Ogni record ha un campo (DTYPE) che specifica se e di tipo soft channel oppure se e collegato a un dispositivo hardware. Quando un record viene processato, l IOC engine (ovvero il processo che gestisce lo scanning dei records) va a verificare il contenuto del campo DTYPE e, se il nome corrisponde a un dispositivo hardware, il controllo viene passato alla funzione che gestisce la comunicazione con lo strumento. Il set di funzioni che implementano l interfaccia con un dispositivo hardware si chiama Device Support. Nella pratica, il Device Support contiene i dettagli relativi alla comunicazione con la strumentazione: ad es., uno strumento che ha un interfaccia di tipo seriale avra un protocollo di comunicazione basato su stringhe ASCII. Questo protocollo e specifico per un particolare strumento ed e generalmente indipendente dal driver della porta di comunicazione. Il Device Support invochera a sua volta le funzioni di I/O di basso livello che sono richieste per la gestione del canale fisico cui e collegato lo strumento (Driver Support). Queste funzioni sono quasi sempre dipendenti dal sistema operativo sopra il quale funziona l IOC.

6 Device Support e Driver Support Quando si vuole sviluppare il supporto per un nuovo strumento, e buona pratica, anche se non strettamente necessario, tenere separato il livello del Device Support da quello del Driver Support al fine di ottenere una migliore riusabilita del codice. Per esempio, uno strumento che comunica con un protocollo a stringhe ASCII potrebbe essere fornito con un interfaccia RS232 o GPIB, ma il set di comandi rimane invariato in entrambi i casi. Record Support Process() Return VAL Device Support Fetch Data Call Driver Driver Support Low level I/O HARDWARE Driver sincroni e asincroni Una delle assunzioni irrinunciabili della filosofia EPICS e che il processamento di un record (in particolare uno che abbia un link con un dispositivo hardware) deve comunque durare un tempo molto breve (tipicamente qualche µs) in modo tale da non ritardare l elaborazione di altri record che hanno la stessa priorita di scansione. Quando uno strumento puo essere controllato attraverso dei registri di I/O mappati in memoria (ovvero aree di I/O dedicate con tempi di accesso comparabili a quelli della memoria) il problema non sussiste. Molti strumenti tuttavia, in particolare quelli che usano una porta di comunicazione seriale, hanno tempi di risposta incompatibili con il modello di un driver standard. Il driver di questi strumenti deve essere progettato in modo da poter operare in modo ASINCRONO rispetto al funzionamento dell IOC engine. Per questo motivo tutti i record hanno un campo PACT (Processing Active) che deve essere posto Attivo quando inizia l operazione di I/O e cambiato di stato dal driver quando l operazione di I/O e terminata. Quando viene processato un record con il flag PACT gia attivo, il suo forward link non puo propagare il processamento agli altri record della stessa catena e il controllo viene immediatamente restituito all IOC engine in modo che possano essere elaborati gli altri record del Data Base.

7 L integrazione con altri sistemi Nel sistema di controllo di un acceleratore non tutte le funzioni possono essere implementate nativamente in IOC Epics. Un esempio sono le applicazioni di sicurezza dove vengono tradizionalmente usati dei PLC industriali certificati per garantire alti livelli di affidabilita (ad. es, possono operare in configurazioni ridondanti, etc.) In questi casi, l applicazione di controllo viene eseguita dal PLC e le variabili di processo da esso acquisite vengono poi esportate sul Channel Access. L interfacciamento e possibile attraverso un OPC Server configurando, su un PC Windows, un IOC che svolge la funzione di client verso l OPC e di server verso il CA. (vedi figura). In alternativa, l IOC puo usare un driver scritto per il protocollo specifico del PLC. Epics Driver per le piu comuni famiglie di PLC (Siemens, Allen Bradley, Schneider) sono scaricabili da web. Applicazioni di controllo complesse: il Sequencer Abbiamo visto come una semplice applicazione di controllo possa essere costruita collegando i record di un Data Base in modo da configurare una catena di elaborazione. Questo metodo, che ha il vantaggio di una notevole velocita, diventa pero scarsamente praticabile quando il numero dei link tra i record diventa cosi elevato da rendere difficilmente leggibile la logica dell intera applicazione. In questo caso puo essere preferibile controllare la sequenza di processamento dei record attraverso un applicazione (scritta a linee di testo) che viene normalmente eseguita nell IOC ma accede ai record del Data Base come un client esterno, ovvero attraverso il Channel Access. Tale applicazione e il Sequencer che viene programmato usando il linguaggio SNL (State Notation Language, simile al linguaggio C). Il Sequencer in pratica implementa una macchina a stati descritta come una serie di stati possibili associati a una lista di condizioni o eventi che possono produrre la transizione da uno stato all altro. La struttura base di un codice SNL e del tipo: state st1 { when ( test_condition) { do_something } state st2 ; when (test_condition) { do_something } state st3; }

8 Il Channel Access Il Channel Access e, assieme al Data Base, il pilastro fondamentale su cui poggia l architettura di EPICS. Esso consente ad un applicazione Client (ad es. l interfaccia Operatore) di accedere ai record caricati in un IOC semplicemente invocandoli per nome, senza conoscere a priori il numero IP dell IOC dove sono installati. Poiche in EPICS non esiste un naming service, l individuazione dell IOC contenente la PV (Process Variable) avviene attraverso un meccanismo basato sul protocollo di rete UDP; segue quindi la connessione su TCP/IP. 1. Broadcast (UDP): chi ha una PV chiamata TEMP1? CA Client Network 2. L IOC che contiene la variabile si identifica 3. Viene stabilita una connessione TCP/IP tra Client e IOC CA Server IOC #1 CA Server IOC #2 CA Server IOC #3 EPICS Clients Epics offre, sul lato Client, un notevole numero di applicazioni intese a velocizzare la realizzazione di un sistema di controllo completo nelle sue funzionalita. Le piu importanti sono quelle orientate alla realizzazione dell interfaccia verso l operatore (OPI). Lo strumento storico per la creazione di interfacce grafiche e MEDM (Motif Editor and Display Manager). Esso consente di collegare in modo immediato una PV a un oggetto grafico (es. un Meter o un cursore lineare, etc.). Il look e mostrato in figura.

9 Interfacce al Channel Access Sono state sviluppate diverse librerie di interfaccia per consentire ad applicazioni utente scritte in diversi linguaggi di programmazione (C, Java, Python etc.) di accedere ai record Epics attraverso il Channel Access. Per quanto riguarda lo sviluppo di applicazioni grafiche e particolarmente interessante una libreria di interfaccia verso l ambiente di programmazione LabView. Questa libreria (basata su un meccanismo di memory sharing in ambiente Windows) permette di collegare un VI (LabView Virtual Instrument) a una PV Epics. Nota: partire dalla release 8.6, National Instruments ha inserito la possibilita di realizzare applicazioni Epics Client tra le funzionalita standard di LabView, senza quindi la necessita di usare librerie esterne all ambiente. CSS: un ambiente Java per lo sviluppo di applicazioni Client Uno strumento molto versatile per lo sviluppo di applicazioni Client e il Control System Studio (CSS), un ambiente integrato basato su Eclipse. Vantaggi: funzionalita estendibile con aggiunta di plug in include molte utilities per il debug delle applicazioni ricco set di widget per lo sviluppo di grafica include analisi di trend delle PV archiviate

10 Altri Client Tools Fra i numerosi strumenti disponibili per estendere la funzionalita di un sistema di controllo, vale la pena di citarne almeno due: Channel Archiver: e lo strumento che consente di archiviare gruppi configurabili di variabili di processo per una successiva analisi. Puo funzionare in modalita standalone o in connessione a Data Base Server esterni (ad es. Oracle o mysql). Include l interfaccia verso il tool CSS e un web server per la configurazione remota. Alarm Handler (ALH): e uno strumento di fondamentale importanza per gestire gli allarmi. Consente di visualizzare gli allarmi secondo la loro sequenza temporale e/o secondo la loro gravita. Permette di analizzare la correlazione tra eventi e di gestire in modo selettivo le condizioni di persistenza dell allarme. Conclusione Epics e un ambiente di sviluppo di software orientato ai controlli che permette di integrare sotto un unico modello una grande quantita di dispositivi hardware basati su interfacce e protocolli di comunicazione diversi. Il Channel Access e riconosciuto essere uno tra i piu veloci e robusti middleware disponibili per le applicazioni di controllo distribuite su rete Ethernet. Esso e stato adottato come standard di comunicazione da oltre un centinaio di Laboratori di ricerca dove sono installate macchine acceleratrici o impianti per lo studio della fusione nucleare. Epics e completamente open source e continua ad essere sviluppato da una vasta comunita di programmatori che lavorano nel campo degli acceleratori e quindi conoscono perfettamente tutti gli aspetti del controllo di queste macchine e della fisica ad esse associata. Riferimenti:

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi Virtualizzazione delle Periferiche Corso di Sistemi Operativi Introduzione Una delle funzioni principali di un SO è di controllare tutte le periferiche connesse al PC SO deve: comandare i dispositivi ascoltare

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

ACQUISIZIONE DATI TELECONTROLLO AUTOMAZIONI

ACQUISIZIONE DATI TELECONTROLLO AUTOMAZIONI 1 ACQUISIZIONE DATI 2 TELECONTROLLO 3 BUILDING E INFRASTRUTTURE 4 AUTOMAZIONI ACQUISIZIONE DATI Sistema di acquisizione dati: sistema in grado di raccogliere, elaborare e memorizzare grandezze analogiche

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo F.O.A.M. Free Object Access Method Un introduzione Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo Il protocollo FOAM. FOAM (Free Object Access Method) è un protocollo

Dettagli

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi What is LabVIEW???? Pietro Giannone University of Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO HSRIO_BROCHURE.DOC HSRIO HIGH SPEED REMOTE INPUT OUTPUT Nome documento: Hsrio_Brochure.doc Responsabile: Bassignana Luigi Data: 01/04/2008 1 DESCRIZIONE Sistema modulare di IO remoto ad alta velocità,

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI

SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI Strumenti dedicati a particolari fasi operative (esempio: analizzatori di bus di campo, sniffer, strumenti per il monitoraggio della distribuzione dell energia,..)

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI

Indice degli argomenti del s.o. Software. Software. Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Buona lezione a tutti!! SISTEMI OPERATIVI Gli appunti sono disponibili per tutti gratis sul sito personale del Prof M. Simone al link: www.ascuoladi.135.it nella pagina web programmazione, sezione classi

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Dispensa di Informatica I.1

Dispensa di Informatica I.1 IL COMPUTER: CONCETTI GENERALI Il Computer (o elaboratore) è un insieme di dispositivi di diversa natura in grado di acquisire dall'esterno dati e algoritmi e produrre in uscita i risultati dell'elaborazione.

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Introduzione Il programma di formazione base di Movicon prevede la disponibilità di nr. 10 moduli, così suddivisibili:

Introduzione Il programma di formazione base di Movicon prevede la disponibilità di nr. 10 moduli, così suddivisibili: Introduzione Il programma di formazione base di Movicon prevede la disponibilità di nr. 10 moduli, così suddivisibili: Corso base 1 = nr. 5 moduli, 1 gg. presso sede Progea o centro autorizzato Corso base

Dettagli

Introduzione a Oracle 9i

Introduzione a Oracle 9i Introduzione a Oracle 9i Ing. Vincenzo Moscato - Overview sull architettura del DBMS Oracle 9i L architettura di Oracle 9i si basa sul classico paradigma di comunicazione client-server, in cui sono presenti

Dettagli

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

Logic Lab. un progetto italiano. www.axelsw.it. soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Logic Lab soluzioni SOFTWARE PER L'AUTOMAZIONE INDUSTRIALE un progetto italiano www.axelsw.it Logic Lab La garanzia e l economia degli standard più diffusi sul mercato LogicLab è un ambiente di sviluppo

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Il Contesto. Riassunto

Il Contesto. Riassunto Temento Systems mostra come la tecnologia Jtag Boundary-Scan integrata in un sistema automatico di collaudo possa aumentare la copertura del test di schede complesse altrimenti non collaudabili. Il Contesto

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

ODP piattaforma per concetti aperti di telecontrollo via GPRS

ODP piattaforma per concetti aperti di telecontrollo via GPRS ODP piattaforma per concetti aperti di telecontrollo via GPRS trasmissione sicura via GPRS uso di componenti standard (PLC e modem) uso di protocolli e interfacce standard struttura aperta per la connessione

Dettagli

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete Sistemi Operativi di Rete Estensione dei Sistemi Operativi standard con servizi per la gestione di risorse in rete locale Risorse gestite: uno o più server di rete più stampanti di rete una o più reti

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES APPLICAZIONE DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU COMPACTRIO Ryan King Q uesta applicazione presenta una soluzione software per un datalogger embedded stand-alone basato su hardware

Dettagli

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione

Dott. Davide Tamellini Ing. Vittorio Agostinelli. Automazione. AssoAutomazione La gestione dell IP dinamico in rete GPRS con utilizzo del protocollo IEC60870: il concetto di Plc Gprs Manager, nella comunicazione wireless con standard IEC, applicato alle reti idriche geograficamente

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Le tendenze future nella tecnologia PC Bus

Le tendenze future nella tecnologia PC Bus Le tendenze future nella tecnologia PC Bus Agenda Bus Il software NI Demo Domande I Bus Test and Measurement Message based GPIB Ethernet USB Register-based VXI PCI PXI PCI Express Cos è la GPIB? General

Dettagli

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione al sistema operativo Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Che cos è un sistema operativo Alcuni anni fa un sistema operativo era definito come: Il software necessario a controllare

Dettagli

Gestione allarmi Trends

Gestione allarmi Trends Il sistema di visualizzazione rappresenta una soluzione semplice e compatta per accedere alle principali funzionalità di controllo di un abitazione. Composto di uno schermo LCD touch screen retroilluminato

Dettagli

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC + Cosa vediamo nella lezione di oggi Oggi analizzeremo insieme una specifica tecnologia Java per l accesso e la manipolazione di basi di dati relazionali

Dettagli

DD 1050i. Terminale di pesatura Serie Diade. Touch screen, mille dati con un dito.

DD 1050i. Terminale di pesatura Serie Diade. Touch screen, mille dati con un dito. DD 1050i Terminale di pesatura Serie Diade Touch screen, mille dati con un dito. Terminale di pesatura Serie Diade DD 1050i DIADE in matematica indica la combinazione di due elementi per raggiungere l

Dettagli

1.2 Software applicativo per PC Windows

1.2 Software applicativo per PC Windows 211 1.2 Software applicativo per PC Windows Caratteristiche principali di Saia Visi.Plus Integrazione ottimale e personalizzabile per Saia PG5 e Saia PCD, utilizzato con successo in tutto il mondo a partire

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

Introduzione alle Reti Informatiche

Introduzione alle Reti Informatiche WWW.ICTIME.ORG Introduzione alle Reti Informatiche Cimini Simonelli - Testa Sommario Breve storia delle reti... 3 Internet... 3 Gli standard... 4 Il modello ISO/OSI... 4 I sette livelli del modello ISO/OSI...

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Capitoli 8 e 9. SQL embedded. Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet. Sistemi di basi di dati Raghu Ramakrishnan, Johannes Gehrke

Capitoli 8 e 9. SQL embedded. Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet. Sistemi di basi di dati Raghu Ramakrishnan, Johannes Gehrke Capitoli 8 e 9 Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet SQL embedded SQL nel codice applicativo I comandi SQL possono essere chiamati dall interno di un programma in un linguaggio ospite (ad esempio

Dettagli

Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica

Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica A.N. D ANDREA, F. GIANNETTI, G. MANARA, M. MICHELINI, P. NEPA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE, UNIVERSITÀ

Dettagli

Ministero della Difesa/ Stato Maggiore della Difesa

Ministero della Difesa/ Stato Maggiore della Difesa Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Verticale Applicazione: CMS/CMD - Card Management System - Carta Multiservizi della Difesa Amministrazione: Ministero della Difesa/ Stato Maggiore

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

SYSTEM MANUAL SM_0038 ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI. Database Connection Service con ETG30xx su LAN Locale verso un Server MySQL

SYSTEM MANUAL SM_0038 ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI. Database Connection Service con ETG30xx su LAN Locale verso un Server MySQL SYSTEM MANUAL ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI Database Connection Service con ETG30xx su LAN Locale verso un SM_0038 Invio di records verso un, i dati contenuti nei campi dei records sono presenti e letti

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching

* Accesso ai file remoti - trasferimento effettivo dei dati mediante RPC - aumento delle prestazioni tramite caching * Sistemi operativi di rete: ambiente composto da risorse remote accessibili esplicitamente con controllo utente. Funzioni principali (demone); - login remoto (telnet) - trasferimento di file remoti (FTP)

Dettagli

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software WEB-BASED MANAGEMENT SOFTWARE C-Light è l applicazione per la gestione locale (intranet) e remota (internet) di ogni impianto d automazione integrabile

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA Presentazione Tesi di Laurea in Misure per l Automazione

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE SCADA/HMI MOVICON

PROGRAMMA FORMAZIONE SCADA/HMI MOVICON PROGRAMMA FORMAZIONE SCADA/HMI MOVICON Il programma di formazione Movicon prevede la disponibilità dei seguenti corsi: Corso base : Nr. 1 gg. Presso sede Progea o centro autorizzato. Su accordo, presso

Dettagli

HMI: WinCC. Service Pack 2 per SIMATIC Maintenance Station 2009 (Customer Support ID: 60498043)

HMI: WinCC. Service Pack 2 per SIMATIC Maintenance Station 2009 (Customer Support ID: 60498043) Industry Automation USO ESTERNO Nr. 2012/2.2/60 Data: 23.11.12 HMI: WinCC Service Pack 2 per SIMATIC Maintenance Station 2009 (Customer Support ID: 60498043) L opzione SIMATIC Maintenance Station 2009

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

3. Il client HMI, che consente la visualizzazione delle informazioni e riceve dall'utente l'input da inviare al controllore. SLC

3. Il client HMI, che consente la visualizzazione delle informazioni e riceve dall'utente l'input da inviare al controllore. SLC ISIMP-QR00_EN-P:Layout 6.9.007 0:0 Page Ogni sistema FactoryTalk View Site Edition è dotato di 5 componenti. In questo esempio tutti e 5 i componenti sono in esecuzione in un unico computer, il computer..

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Touch screen, mille dati con un dito

Touch screen, mille dati con un dito DD 1050 Terminale di pesatura Serie Diade Touch screen, mille dati con un dito Strumenti e Tecnologie per Pesare Terminale di pesatura Serie Diade DD 1050 DIADE in matematica indica la combinazione di

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Redatto: Nucleo Gestione Innovazione e fornitori IT Versione: 1.0 Data emissione: 9/11/2006

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Definizione e storia dei sistemi operativi

Definizione e storia dei sistemi operativi Definizione e storia dei sistemi operativi Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Che cos è un Sistema Operativo? E un insieme di programmi agisce come intermediario tra HW e uomo per

Dettagli

MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER

MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER MIXER-DJ MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER MIXER Mixer è un ambiente applicativo di tipo Enterprise Service Bus (ESB) per la gestione delle trasmissioni di file su Linux. All'interno

Dettagli

OMNI3 Powered by OMNICON Srl Via Petrarca 14/a 20843 Verano Brianza (MB) lunedì 18 novembre 13

OMNI3 Powered by OMNICON Srl Via Petrarca 14/a 20843 Verano Brianza (MB) lunedì 18 novembre 13 1 Monitoraggio Impianti Fotovoltaici e servizi relativi l energia Centro servizi per la gestione dei consumi 2 OMNI3 Il monitoraggio degli impianti Il tema della sostenibilità ambientale diventa sempre

Dettagli

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE:

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE: per impianti fotovoltaici APPLICATION NOTE: SISTEMA DI TELEGESTIONE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 200907ANN01 @ MMIX, INGECO WWW.COM2000.IT Pagina 1 di 8 Sommario Introduzione...3 I vantaggi del sistema di

Dettagli

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC di base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte completa indipendenza del codice dal tipo di database o di

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650

GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650 GE 032 DESCRIZIONE RETI GEOGRAFICHE PER MX 650 MONOGRAFIA DESCRITTIVA Edizione Gennaio 2010 MON. 255 REV. 1.0 1 di 27 INDICE Introduzione alle funzionalità di gestione per sistemi di trasmissioni PDH...

Dettagli

OmniAccessSuite. Plug-Ins. Ver. 1.3

OmniAccessSuite. Plug-Ins. Ver. 1.3 OmniAccessSuite Plug-Ins Ver. 1.3 Descrizione Prodotto e Plug-Ins OmniAccessSuite OmniAccessSuite rappresenta la soluzione innovativa e modulare per il controllo degli accessi. Il prodotto, sviluppato

Dettagli

Sistemi e schedulazione in tempo reale

Sistemi e schedulazione in tempo reale Sistemi e schedulazione in tempo reale 1 Sistemi in tempo reale Sistemi di calcolo in cui la correttezza del funzionamento dipende criticamente dal tempo in cui i risultati sono prodotti. Possibili campi

Dettagli

Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010

Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Soft Control facile con RTX e Windows Embedded Standard 7 RTX 2009: funzionalità ed uso pratico Gianluigi Magnasco easitec S.r.l. Parma, 16 Settembre 2010 Definizione di Sistema Tempo Reale: Definizione

Dettagli

INTERFACCE SNMP E SOFTWARE PER UPS MONOFASE

INTERFACCE SNMP E SOFTWARE PER UPS MONOFASE INTERFACCE SNMP E SOFTWARE NetAgent (connessione tramite rete LAN RJ45) NetAgent è un interfaccia SNMP (Simple Network Management Protocol) che permette il collegamento e la configurazione dell UPS in

Dettagli

Nota Tecnica Premium HMI 4.0.1152 TN0022

Nota Tecnica Premium HMI 4.0.1152 TN0022 Premium HMI 4.0.1152 Introduzione Il documento raccoglie le note di rilascio per la versione 4.0.1152 di Premium HMI. Le principali novità introdotte riguardano i seguenti aspetti: Nuove funzioni per una

Dettagli

Eureka Web. Connessione remota a centrali via Web

Eureka Web. Connessione remota a centrali via Web Eureka Web Connessione remota a centrali via Web Luglio 2013 2 Connessione remota a centrali via Web INDICE ACCESSO E UTILIZZO DEL PANNELLO DI CONTROLLO DI EUREKA WEB IMPOSTAZIONE DI EUREKA WEB Impostazione

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli