HOTEL MANAGERS. inverno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HOTEL MANAGERS. inverno"

Transcript

1 D I R E T T O R I A L B E R G O HOTEL MANAGERS inverno L'emotional marketing è fra le ultime frontiere nel settore dell'ospitalità alberghiera. Giuseppe Arnone, con la sua innata creatività olfattiva, studia, progetta e realizza vere e proprie emozioni olfattive creando così ricordi indelebili. Servizio a pagina 65 Autor. Tribunale di Roma N. 30/2002 del 24/1/2002 Poste Italiane SpA - Sped. in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Roma Periodico trimestrale di Tecnica Professionale fondato da FRANCO ARABIA Organo ufficiale dell A.D.A. - (anno XXX) Anno 14 Nuova serie - Inverno 2007

2

3 [Editoriale] AUTORITHY PER IL Turismo Franco Arabia Il convegno di Milano, di Ada e Solidus, sul defunto Ministero del Turismo ha evidenziato luci e ombre di una situazione parossistica, ma questo già si sapeva, considerando che, al momento di redigere la Costituzione repubblicana, gli estensori ritenevano il fenomeno turistico di scarso valore economico; e quindi, nella distribuzione dei centri di potere riconducevano l interesse turistico agli appetiti territoriali. Nell immaginario collettivo, ancora oggi, quando si parla di turismo si ascolta di tutto e di più, mancando nei fatti una coscienza di settore, al contrario di altri comparti produttivi del Paese che, avendola avuta sin dai tempi della rivoluzione industriale, hanno assorbito le maggiori risorse dello Stato sia in termini finanziari, sia in termini di risorse umane, e non solo. Nel tempo, questo iniziale approccio ha determinato effetti nocivi di natura ambientale, se solo si pensa per esempio che diverse multinazionali hanno invaso poli turistici di grande bellezza naturale con le proprie raffinerie di petrolio, che l Europa aveva rifiutato, uccidendo il turismo, l agricoltura, alimentando - fra l altro - elevate incidenze di mortalità per cause legate alla natura di quelle attività. È stata una politica dissennata quella avviata nel dopoguerra e protrattasi in modo significativo per diversi decenni, e sino a tempi nostri. Peraltro, anche il mondo accademico non ha fatto meglio, volendo considerare che la cultura manageriale è accreditata come una variabile lessicale, piuttosto che un processo di modificazione strutturale dei sistemi produttivi. Più in generale, per esempio, la riforma della scuola ha rimodulato la vecchia denominazione di Preside in Dirigente e nel settore della sanità, da Burocrate in Manager, lasciando il resto inalterato. Di là di qualche meritevole eccezione (per esempio il dirigente scolastico dell alberghiero di Brindisi), sostanzialmente gli uomini ai vertici sono rimasti gli stessi, con il loro vecchio modo di pensare, ma qui dovremmo aprire una querelle sul significato di manager, cosa che faremo per mezzo del nostro Centro Studi Manageriali Mario Losciale. Ora, occorre dire che modificare la Costituzione Italiana, soprattutto sulla scorta degli interessi maturati dagli apparati regionali, è una cosa quasi impossibile, ma valutate le giuste ragioni del convegno di Milano e considerato il disordine di setsegue a pag. 6 3]

4 [Sommario] inverno 2007 [ 4

5 3 7 Editoriale Authorithy per il Turismo Franco Arabia Management La contabilità analitica Gianluca de Carolis 10 Redazione Lettere in Redazione 12 Spigolature Ragazzi lesti Claudio Nobbio 14 Ada-Solidus Gli interventi di Gaetano Torino e Antonio de Septis Impresa & diritto L'associazione in partecipazione Vincenzo Meleca Progettazione La macchina albergo Giandonato Disanto 35 Adastory La storia di Ada Pensieri in Libertà Maximize results Bruno Calì Terza pagina Gi antichi degli antichi Laura Cacioppo 52 Adaeventi Eventi nelle regioni

6 [Editoriale] AUTORITHY PER IL Turismo segue da pag. 3 - (Franco Arabia) tore, è auspicabile che in atto il Governo preveda almeno una figura che sia motivo di garanzia del mercato( Authority ), è non solo. C è da aggiungere, a tal riguardo, che una recente indagine di Job in Tourism, ha posto ai suoi lettori tre domande sul tema dello Yield Management, concludendo la stessa, che essendo il fenomeno nuovo ( almeno sul piano del linguaggio), detta tecnica ha bisogno di svilupparsi in modo più equilibrato, implicitamente ammettendo come da qualche parte ci sia disinvoltura nella gestione della politica tariffaria, atteggiamento che nei fatti si tramuta in variabile perversa del mercato, che in economia è nota come attività di dumping. A questo punto, è opportuno fare chiarezza sull argomento sia per potenziare le argomentazioni in favore della nomina di un Authority del Turismo, sia per creare stimoli culturali che aiutino l ulteriore sviluppo della coscienza generale degli operatori per un corretto approccio alla politica tariffaria, affinché sia esso stesso in primis un fattore di salvaguardia del capitale d impresa e del prodotto. Ancorché noto, è bene ricordare che sul piano dottrinario il termine dumping ha derivazione economica e che il Diritto Internazionale per ciò intende la vendita di un bene o di un servizio a prezzo inferiore a quello ufficiale, quando non si tratta addirittura di vendita sottocosto; e poiché il fenomeno determina perturbazione sui mercati, in tal senso già da tempo sono state emanate norme internazionali antidumping ( Generale Agreement on tariffs andtrade Gatt). In Italia, in materia di prezzi è ancora vigente il Regio Decreto n del 24 ottobre 1935, che seppure in molti punti è superato con la liberalizzazione, per effetto di alcune sentenze della Corte Costituzionale restano ancora validi alcune norme, rivedute e corrette, del precitato decreto: la pubblicità dei prezzi (tabella e cartellini), la dichiarazione annuale che prevede la denuncia del minimo e del massimo della tariffe. Ovviamente, senza prescindere dalle correlazioni con le altre Leggi dello Stato, quando il quadro di perturbazione si configuri come concorrenza sleale, di cui gli articoli del Codice Civile. L orientamento maggioritario, in dottrina e giurisprudenza, precisa che la nozione di concorrenza sleale debba desumersi dalla ratio stessa della norma, giacché riconduce il principio a due presupposti soggettivi: la qualità dell imprenditore del soggetto attivo e passivo dell atto e l esistenza tra loro di un rapporto di concorrenza economica. E consequenziale che, da una parte l atto denunciato debba essere soggettivamente qualificato, mentre dall altra, c è la necessità che i due soggetti nella fattispecie, di concorrenza sleale, svolgano attività qualificabili come affini, tali da ravvisare la sussistenza di un rapporto economico concorrenziale fra gli stessi. Il secondo presupposto si pone in relazione al convincimento che il danno concorrenziale si concretizza, in pratica, in uno sviamento della clientela a fronte di un effettiva relazione concorrenziale, non solo al momento in cui il fatto è denunciato ma anche in prospettiva. Nel nostro Paese, concludendo, esistono vistose disuguaglianze già sotto il profilo strutturale fra alberghi di stessa categoria; in qualche caso si registrano violazioni nell applicazione dei prezzi in ragione del minimo dichiarato, entrando verosimilmente in concorrenza con alberghi di fascia inferiore, ma anche della stessa categoria, configurando fenomeni di concorrenza sleale che sono perseguibili dal nostro ordinamento giuridico. Altri esempi potrebbero distrarci dal vero obiettivo dell editoriale che, nascendo dalla sollecitazione di Ada e Solidus del già citato convegno di Milano, sul Ministero del Turismo, ha avviato l istanza per le autorità politiche per la designazione di una figura di garante e di controllo, in grado d intervenire, ovvero un Authority di garanzia per il settore turistico e alberghiero. [ 6

7 [Management] La Contabilità analitica Gianluca de Carolis Nel quadro generale di cultura d impresa, qualche volta ci si imbatte in considerazioni fatte da imprenditori di ultima generazione che oggettivamente limitano qualsiasi visione di prospettiva manageriale, nel momento in cui affermano che alcune funzioni aziendali non sono necessarie, oppure che l organizzazione, intesa come valore patrimoniale, è solo un discorso astratto, accademico. Sappiamo, invece, che qualsiasi sistema, piccolo che sia, ingloba in sé un valore intrinseco riconducibile alla dinamica dell organizzazione, alla sua efficienza, alla sua efficacia, ai risultati che la stessa produce. Premesso ciò, volendo considerare la funzione di Contabilità Analitica ( COAN )come propedeutica al management, piace richiamare la definizione di Peroni che, nel delinearlo, pone l accento sul fatto che esso si discosta dalle tecnologie e dall amministrazione tradizionalmente intese, giacché ingloba in un uno la simultanea e intelligente valorizzazione di tutti i mezzi di cui l organizzazione dispone migliorando la produttività. La funzione di Contabilità Analitica (COAN), che parte dal sistema di Contabilità Generale (COGE), in dottrina è definita contabilità direzionale o management accounting. Il principio sui cui essa si fonda deriva dall esigenza di attribuire i dati nella loro competenza temporale e costituisce, fra l altro, uno dei punti di partenza per la costruzione del budget generale e degli altri, più specifici, che ne formano l ossatura: il budget d esercizio, di tesoreria, d investimento, di dotazioni, di manutenzione, delle vendite, di marketing, e così via. È noto, infatti, che la Contabilità Generale (COGE) produce informazioni ai fini del calcolo del reddito d esercizio, del capitale di funzionamento, e per questo, in definitiva afferisce alla gestione globale, palesando oggettivi limiti, sui tempi brevi, in ordine alla gestione caratteristica e all attribuzione delle spese per competenza. Da qui l esigenza di un impostazione contabile che realizzi velocemente il quadro di andamento economico, almeno su base mensile. Il sistema COAN, da una parte si avvale di dati certi, per esempio i ricavi, per effetto della progressione e della possibilità di registrazione giornaliera della produzione, dall altra di costi generati nel corso del mese non necessariamente passati per cassa (debiti stanziabili e utili anche al budget di tesoreria), quali per esempio le commissioni agenzie e le commissioni delle carte di credito, i cui tempi di evidenza di contabilità generale sono differiti, mentre se rilevati per competenza sono riconducibili al conto economico del mese. A differenza del sistema di contabilità generale, quello analitico tiene conto della spesa o del ricavo in ordine temporale, salvo poi avuto a distanza di tempo il dato di contabilità generale - procedere con le rettifiche, dal momento che i risultati ottenuti dalle due funzioni, alla fine, devono combaciare. In pratica, il manager deve poter disporre di uno strumento di consultazione rapida sull andamento della gestione caratteristica, che per altri versi è il presupposto della funzione del Controllo di Gestione, che è altra cosa. segue a pag. 8 7]

8 [Management] segue da pag. 7 Il risultato che ci offre la Contabilità Analitica è su diversi livelli di lettura. Un primo livello riepiloga i ricavi e i costi in modo da distinguere i due margini di contribuzione e il risultato operativo, come da esempio che segue: Il secondo livello è più analitico, dovendo scindere in dettaglio il dato generale offerto dalla prima lettura. Per esempio, analizzando il costo lavoro, lo stesso deve essere ribaltato sui diversi centri produttivi, non limitandosi peraltro agli stipendi, ma aggiungendo gli oneri sociali e altri costi, come le divise, il vitto. In questo caso, la rilevazione tiene conto delle singole voci che compongo la retribuzione, giacché in fase di analisi è importante focalizzare le singole incidenze, al fine di consentire al manager l assunzione di decisioni strategiche. Volendo esemplificare ulteriormente, mentre nel primo livello di lettura registriamo il dato di costo generale, il secondo livello consente il dettaglio come da esempio che segue: Costo lavoro ordinario Costo lavoro straordinario Maggiorazioni per straordinario nelle diverse aliquote. Maggiorazioni per lavoro domenicale Festività lavorate Maggiorazioni per festività Maggiorazione per lavoro notturno nelle diverse aliquote. Costo per il vitto Costo per l alloggio Costo per le divise del personale Altri costi: visite fiscali, medico aziendale, trasferte, costo per la formazione, e cosi via. La Contabilità Analitica, in altre parole, definisce i centri di ricavo e i centri di costo e attribuisce i dati per competenza: i frigobar, che seppure contengono merci riconducibili alla ristorazione sotto il profilo della loro natura, essendo posizionati nelle camere spostano la rilevazione sull appartamento; cosi per la quota parte di costo lavoro dei camerieri di sala, ove siano questi a rimpiazzare le merci, in caso diverso, quella relativa al personale che, di fatto, svolge tale incarico (cameriera ai piani o altro personale). Proseguendo negli esempi, l importo di fine mese delle commissioni delle carte di credito, verosimilmente non hanno ancora rispondenza né in banca, né in Contabilità Generale; cosi le fatture per commissioni agenzie saranno detratte dall agente o dal touroperator al momento del pagamento del sospeso, con tempi che vanno dai 30 ai 120 giorni. La Contabilità Analitica, avendo la funzione di rilevare il costo per competenza, nel momento in cui gli eventi accadono, in pratica ne determina l attribuzione, effettua le rilevazioni sistematiche che consentono l imputazione corretta. Altri costi, per esempio, quelli delle materie prime, cucina, caffetteria, cantina; oppure cancelleria e stampati, materiali di impiego diretto o di manutenzione, la Contabilità Analitica li rileva dai consumi mensili dell economato. Gli esempi potrebbero continuare, ma entreremmo nel campo delle metodologie che richiedono più spazio e momenti di studio diversi. Lo scopo, in questa fase, è quello di segnalare l importanza della funzione della contabilità analitica (COAN). [ 8

9

10 [Lettere in redazione] Diritti fonografici Egregio Direttore, dalla Società Consortile Fonografici ho ricevuto un intimazione a pagare una tassa di equo compenso per la comunicazione al pubblico di fonogrammi in strutture ricettive. Ma non si paga già la Siae? Lettera firmata M. M. Roma In effetti, l articolo 73 bis della legge sul diritto d autore introduce il principio dell equo compenso per i produttori discografici e gli artisti che interpretano la musica e le canzoni, quando vi è diffusione in pubblico. Occorre distinguere il diritto d autore, che è altra cosa, dal diritto del discografico e degli artisti che interpretano il pezzo, trattandosi ovviamente di cose diverse sul piano del diritto. alla SCF; e inoltre, la Federalberghi, l Aica, la Federturismo, hanno stipulato convezioni sulla base del numero di camere, la stagionalità e quant altro, riconoscendo in buona sostanza la fondatezza della richiesta. Modulo per dimissioni volontarie Caro direttore, Ho saputo che c è una nuova legge che regola le dimissioni dei dipendenti, e che non è più possibile darle con una semplice raccomandata. Mi sembra un assurdità, ma è vero? C.C. Modena Si, è vero. La Legge n. 188 del 17 novembre 2007, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell 8 novembre 2007, n. 260, regola l istituto delle dimissioni volontarie sia del lavoratore, sia del prestatore d opera, pena nullità. Vale a dire che, se le modalità delle dimissioni non sono conformi a quelle previste dalla Legge, l atto è inefficace, perciò c è il rischio di vederselo impugnare a posteriori in qualsiasi momento, ma potrebbe generare altri risvolti nel caso in cui il dipendente dovesse sostenere che al momento delle dimissioni era poco sereno, oppure di aver ricevuto pressioni e quant altro o addirittura di averle firmate in bianco al momento dell assunzione. La legge è entrata in vigore il 23 novembre 2007, ma i Centri degli Impieghi comunali e le Direzioni Provinciali del Lavoro in atto sono sforniti dei moduli. Sostanzialmente, se un singolo soggetto acquista un Cd o un Mp3 per uso personale ha già esaurito quanto dovuto in quanto lo ha pagato; la riproduzione in pubblico è una cosa diversa. Paradossalmente per ogni ascoltatore occorrerebbe acquistare il singolo CD, in quanto diversamente si andrebbe a ledere il diritto del discografico e dell interprete. Fra l altro, la Corte Europea di Giustizia, con sentenza del 7 dicembre 2006, ha dato ragione Si tratta di un modello che il dipendente che intende dimettersi deve personalmente richiedere agli appositi uffici, che avrà una data di emissione con un codice alfanumerico, nonché gli spazi da compilare a cura dell interessato e in cui devono essere inseriti gli estremi del datore di lavoro, della tipologia di contratto dal quale s intende recedere. La validità del modulo è di quindici giorni dal momento dell emissione, dopodiché di fatto si annulla e occorre rifare la richiesta. La procedura si applica oltre che ai contratti di lavoro subordinato, anche ai contratti di collaborazione coordinata e continuativa, ai contratti di collaborazione a progetto, ai contratti di collaborazione a natura occasionale, ai contratti di associazione in partecipazione e ai contratti di lavoro instaurati dalle cooperative con i propri soci. [ 10

11 Direttore Franco Arabia Direttore Responsabile Claudio Nobbio Redazione Daniela Caporali Comitato dei Garanti Presidente Senatore Prof. Dott. Armando Plebe Componenti Aldo Vagnozzi, Arnaldo Tassi Alberto Fregola, Azzo Zanghieri Pubblicità A.D.A. Associazione Direttori Albergo Viale delle Medaglie d Oro, Roma Tel. (39) Fax. (39) Coordinamento grafico e stampa PROMOGRAPH COMMUNICATION Via della Casetta Mattei, Roma Tel Fax Progetto grafico Micaela Serino Promograph Communication Associato all USPI Unione Stampa Periodica Italiana Autor. Tribunale di Roma N. 30/2002 del 24/1/2002 Poste Italiane SpA - Sped. in abb. postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB RomaCopyright ADASERVIZI Soc. Coop. arl Finito di stampare in Gennaio 2008 Qualsiaisi riproduzione anche parziale è vietata senza preventiva autorizzazione. Tutto il materiale inviato non verrà restituito e resterà di proprietà dell Editore. Lettere e articoli firmati impegnano solo la responsabilità degli autori. Le proposte pubblicitarie implicano la sola responsabilità degli inserzionisti. La rivista è distribuita gratuitamente. Presidenti Onorari ADA Ernesto Bob Gaetano Nino Ottolini Ω Bruno Galleani Ω Sergio Pittarello Ω Aldo Vagnozzi Renato Rocchi Ω Sandro Attanasio Ω Giuseppe Faroldi Vito Pedrotti Ω Renzo Salmasi Vittorio de Martino Presidenti Onorari Centro Studi Manageriali Mario Losciale Raffaello Gattuso Ω Giorgio Arcolin Piero Roggi Presidente e Giunta Esecutiva ADA Presidente Franco Arabia Vice-presidenti Gian Paolo Mura - Vicario Paolo Sanavia, Gaetano Torino Consigliere amministratore Antonio Giubileo Componenti Giunta Esecutiva Lucia Padovan, Maurizio Baggetta Assistente al presidente ADA Adriana Wu Segreteria Generale Segretario Generale Leonardo Donati Segretaria Daniela Caporali Collegio dei Revisori dei conti ADA 1) Fregola Alberto, Presidente 2) Bressan Piero, Effettivo 3) Pellegrini Egidio, Effettivo 4) Martucci Luigi, Supplente 5) Zertanna Giulio, Supplente Collegio dei Probiviri 1) Tassi Arnaldo, Presidente 2) Debiasi Hugo, Effettivo 3) Fasola Alfonso, Effettivo 4) Ferretti Piero, Supplente 5) Tavernier Adolfo, Supplente Consiglio delle Regioni Coordinatore Giorgio Botton, Presidente regionale Veneto Vice Coordinatore Metallo Demetrio, Presidente regionale Calabria Segretario Bartolomeo D Amico, Presidente regionale Puglia Consiglieri Ferraro Gian Paolo, Presidente reg. Abruzzo e Molise Anastasio Anna, Presidente regionale Basilicata Alovisi Alberto, Presidente regionale Campania Eumenidi Luciano, Presidente reg. Emilia Romagna Martuscelli Umberto, Presidente regionale Lazio Guidugli Francesco, Presidente regionale Liguria Rotolo Piero, Presidente regionale Lombardia Dadone Dario, Presidente regionale Piemonte D Ambra Felice, Presidente regionale Sardegna Benigni Piero, Presidente regionale Sicilia Boscherini Vulmaro, Presidente regionale Toscana Marroni Antonio, Presidente reg. Trentino-Alto Adige Pilli Danilo, Presidente regionale Umbria CENTRO STUDI MANAGERIALI MARIO LOSCIALE Presidente, Antonio de Septis Vice-presidente, Adriana Wu Tesoriere, Antonio Giubileo Comitato Scientifico Gaetano Castellano Egidio Mantellassi Vincenzo Meleca Roberto Raffaele Di Barletta Tullio Romita ADASERVIZI Soc. Coop. a r.l. Consiglio d Amministrazione Presidente Umberto Martuscelli Vice Presidente Vittorio Caminiti Amministratore Delegato Renato Baladelli Consiglieri Giorgio Lama, Antonio Marroni Collegio Sindacale Presidente Michele Frisini Sindaci titolari Alberto Fregola, Antonio Gedeone Sindaci Supplenti Betta Brilli, Alessandro Aristi Cotani

12 [Spigolature] Claudio Nobbio Ragazzi lesti Iragazzi della Via Gluck erano quei giovinetti del dopoguerra cantati da Adriano Celentano in canzoni fortunate. Avevano valori di ecologia, di libertà, di buoni sentimenti. Oggi i ragazzini della Moldavia o di chissà quale paese sono stati sguinzagliati a Venezia dopo avere fatto stage alla stazione di Milano Centrale. Invadono ponti, campi calli affollate, salgono e scendono dai vaporetti, frugano negli zaini, nelle tasche, nelle borse nelle valige degli ignari turisti:prelevano portafogli macchine fotografiche telefonini chiavi di casa occhiali, qualsiasi cosa possa avere un qualsivoglia valore commerciale traducibile in soldi. Sicuramente sono organizzati e dietro hanno adulti che li dirigono come nei libri di fine ottocento. Qualcuno è agguantato sul fatto. Sputi bestemmie improperi, strattoni, dopodiché si chiama il comando dei vigili. Quando i vigili arrivano, sia pure in tempo ragionevole, dopo essere stati quasi insultati dai passanti che dicono: poveri ragazzi lasciateli andare, sono accompagnati al comando, fotografati e poi affidati ai centri di accoglienza giovani. Scappano l ora successiva senza nemmeno toccare cibo, tanto troveranno il modo di sfamarsi. Sono troppo giovani e non si possono trattenere. Non hanno documenti. Da noi il gioco delle impronte digitali non funziona ancora. Per ora solo le intercettazioni, ma loro non telefonano ai banchieri o ai briganti.che cosa fare, quindi? Prima o poi dovrà essere preso qualche provvedimento, prima che invadano l Italia, non solo Milano e, per il momento, Venezia. Probabilmente andrebbero tenuti per qualche tempo in caserme apposite, ora che lo stato le dismette, e cercare di farne dei Centri di studio, di recupero e d insegnamento di qualche mestiere. Come, rinchiuderli!? Già immaginiamo le reazioni. Ma devono essere in qualche modo registrati prima che diventino professionisti del piccolo brigantaggio, quando non è già grande. Lasciati liberi completamente non conduce a niente. Mettere dei bracciali controllabili a distanza? Perché no! Scriveteci le vostre opinioni. [ 12

13

14 [Convegno ADA-SOLIDUS] Ottimo successo del convegno organizzato da Adalombardia con Solidus Molto apprezzato l'intervento del vice presidente nazionale Gaetano Torino e quello del Presidente del Centro Studi Antonio de Septis Gaetano Torino, vicepresidente nazionale di ADA Signore e signori buongiorno, porgo il saluto del presidente nazionale, oggi impossibilitato a partecipare a questo importante incontro, il cui tema sottolinea l esigenza d avere il Ministero del Turismo in modo così ovvio al punto da considerarlo, sia pure in positivo, quasi pleonastico. Ho partecipato, di recente, ad una conferenza sul terziario, che ha messo in luce il trend di settore e ha evidenziato come le grandi concentrazioni, per esempio quelle bancarie, ma anche le compagnie alberghiere, registrino un rilevante tasso di sviluppo, quindi è impensabile che un fenomeno economico, com è quello turistico, possa essere lasciato senza un preciso conduttore che detti regole e princìpi, tali da garantire il sistema stesso, sia in termini di sviluppo, sia in termini di corretta interpretazione sociale. Sui grandi numeri, che sono già stati brillantemente trattati dagli illustri relatori che mi hanno preceduto, non occorre aggiungere altro, per questo mi limiterò ad accennare un argomento che mi è caro, anche per la posizione che occupo di vice-presidente nazionale di Ada. Volendo entrare più specificamente nell argomento, vorrei ripetere uno slogan che spesso alcuni ricordano: Nessun vento è favorevole per chi non sa dove andare, ognuno ha una missione da compiere, e noi ne abbiamo una strategica a livello nazionale, anche senza cabina di regia, ma comunque l abbiamo e la dobbiamo perseguire. La professionalità dei manager alberghieri italiani è abbastanza nota ed è per questo che dobbiamo insistere sui temi importanti, forse sostituendoci o quanto meno cercando di farlo ad una classe politica che non ha realmente compreso il valore del turismo. Dobbiamo farlo con coraggio e quando occorre bisogna fare autocritica, senza autolesionismo. Noi governiamo i sottosistemi sociali che nel loro insieme costituiscono l ossatura del turismo, o parte di esso, riferendomi in particolare al mondo alberghiero e alla nostra professione. Siamo consapevoli che esistono problematiche in ordine alla differenza della qualità dei prodotti, alle località balneari, ma ci sono realtà oggettivamente riconducibili alla qualità della vita, al benessere del cliente, alle nuove frontiere del wellness e del fitness; e questo a prescindere dalle notizie contraddittorie sui raggi Uva o cose di questo genere. Abbiamo il dovere, quindi, di attivarci in tal senso sul piano del miglioramento delle attrezzature, andando incontro ai bisogni della domanda, ma anche ai desideri insoddisfatti, alle mode culturali, insomma dobbiamo procedere verso l innovazione, difendendo i binomi prodotti-mercato che ognuno di noi dispone. La nostra Associazione, i singoli componenti sono fortemente orientati al mercato, perciò anche in assenza di quella famosa cabina di regia, sia pure con il disorientamento imperante, con i ricambi generazionali, non ci resta che lavorare come abbiamo sempre fatto con attenzione ed estrema professionalità. Grazie. Antonio De Septis, presidente del Centro Studi Manageriali Mario Losciale di ADA Ho letto una frase di Seneca che dice: Il marinaio che non definisce la meta prima, difficilmente raggiungerà il porto. In questo momento il turismo si trova nelle stesse condizioni del marinaio. Sono stato un profondo regionalista, quando sono nate le Regioni si diceva che fossero uno Stato vicino ai cittadini, devo ammettere che oggi sono un [ 14

15 [Convegno ADA-SOLIDUS] Franco Alzetta, presidente di Solidus mentre porge il benvenuto pentito perché io che faccio impresa trovo un percorso a ostacoli per avviare le imprese di cui mi interesso. Mi ritrovo a dover ragionare con le Province, con la Regione e da ultimo anche con lo Stato. Il Centro Studi di ADA, di cui sono presidente, pone grande attenzione a questo tema provocatorio nel momento in cui si parla di federalismo perché si tende a sostenere l eliminazione dei ministeri. La proposizione di un nuovo ministero quindi non è altro che una provocazione. Mi permetto, però di dissentire da Renato Andreoletti e di dire che non voglio il Ministero del Turismo, è la mia opinione personale. Voglio un Ministero dell Economia che si interessi anche di turismo con la stessa dignità con cui si interessa di industria, di agricoltura e di commercio. Ricostituire il Ministero del Turismo sembra quasi una sottovalutazione culturale. In questo momento la situazione è questa: la modifica dell articolo quinto della Costituzione ha dato alle Regioni la competenza sul turismo non la delega che è cosa ben diversa. Non è quindi così facile ritirare la delega. Quello che invece potremmo tentare di fare, uno step alla volta, è cercare innanzitutto di fare questo grande Ministero dell Economia che si interessi di turismo e riattivare la conferenza Stato-Regioni perché tutte le leggi di attuazione delle Regioni devono trovare un momento di armonizzazione nazionale al fine di evitare che un povero disgraziato di straniero che decide di venire in Italia non sia costretto a fare un seminario di aggiornamento per sapere che cos è un quattro stelle in Lombardia, piuttosto che in Liguria, e se le informazioni le deve chiedere all APT oppure ai sistemi turistici locali. La seconda Legge Quadro, la 135, dà meno indicazioni della precedente, la 217: è a maglie larghe e non dice nulla sulle professioni turistiche. I direttori d albergo, per fare un esempio, non sono citati né nella prima, né nella seconda legge quadro. Ci sono regioni che hanno le APT, altre che invece non l hanno. C è questa invenzione dei sistemi turistici locali. Mi interesso di turismo, ma non è detto che ne capisca. Personalmente però non ho capito cosa sono i sistemi turistici locali. Ognuno li interpreta a modo proprio: se 5 paesi piccoli, per esempio, si mettono d accordo per fare la festa di San Rocco, quello è un sistema turistico locale. Abbiamo la necessità di avere anche un buon rapporto con le imprese e con l intermediazione. Abbiamo la necessità di fare in modo che il turismo non sia un fatto soltanto spontaneo. Quando ho avuto occasione, nella mia carriera, di parlare con alcuni rappresentanti dello Stato, politici, non ho trovato nessuno che abbia sostenuto che il turismo non è un fatto importante. Tutti mi hanno detto che è un fatto importante. C è qualcuno che dice bugie. In modo un po provocatorio dicevo ai miei colleghi che noi abbiamo fatto male a mettere i nostri collaboratori con le belle divise, dovevamo metterli con le tute blu e ci dovevamo iscrivere ai metalmeccanici perché, forse, avremmo ottenuto di più. Abbiamo bisogno di un riferimento regionale perché le leggi siano fatte pensando ai bisogni di un certo tipo di industria, vi ricordo la legge sull apprendistato per fare un esempio. Una buona fetta del turismo italiano è turismo stagionale. Molti colleghi che hanno responsabilità in strutture stagionali devono venirci a dire come si fa ad assumere un apprendista stagionalmente se la nuova Finanziaria darà un nuovo colpo ai contratti a termine. Come si fa ad assumere uno stagista? Un mio collega fra 3 mesi vuole edificare un ala nuova nella sua struttura. Decide di sospendere 5 dipendenti, non lo può fare. Non li potrà mandare in cassa integrazione. Queste cose devono essere discusse a livello nazionale, non è possibile delegare le regioni. Un altro problema è anche quello dell Iva sull esportazione. Il mio vicino di casa che ha una modesta industria di olio, vende il suo prodotto sul mercato tedesco, ai supermercati. Lui l Iva non la paga perché in Europa l Iva si paga una volta sola. Il mio collega invece che ha un contratto con un grande operatore tedesco e fattura direttamente all operatore, deve pagare l Iva, ma l operatore non potrà scaricarla. I premi sulle esportazioni sono considerati premi soltanto per l industria. Noi abbiamo bisogno di fare il gioco della verità. Non vorrei mancare di rispetto a chi di queste cose si interessa per mestiere, ma ho detto al mio assessore al turismo regionale che se vuol fare una cosa buona deve interessarsi meno di turismo perché fino a questo momento il turismo è vissuto con gli sforzi degli operatori e quando i politici si mettono di mezzo riescono solo a fare quello che ha fatto Sviluppo Italia con il portale spendendo denaro pubblico. Ho consigliato all assessore di occuparsi meno del turismo, di fare meno fiere e palcoscenici perché effettivamente dobbiamo comprendere che il turismo è un fatto economicamente rilevante e importante. Voglio ricordare anche che il turismo è il comparto economico che è costato e ancora costa di meno alla collettività. Le imprese del turismo sono le più sane e quelle che falliscono di meno. Nonostante tutto, l opinione pubblica ha la percezione che il turismo non sia una cosa importante per la nostra economia. 15]

16 [Impresa e diritto] Le flessibilità sconosciute: l associazione in partecipazione Vincenzo Meleca PREMESSA tra gli imprenditori ed i managers, una C è, lamentela abbastanza radicata: il mercato del lavoro italiano è troppo rigido, non vi sono strumenti che consentano di adattare l organizzazione aziendale alle diverse esigenze. Non solo, ma, in questi ultimissimi tempi, le lamentele si sono vieppiù incrementate a causa della dichiarazione di incostituzionalità dei tirocini estivi di orientamento, nonchè delle ultime modifiche legislative che restringono alquanto le possibilità del ricorso a rapporti di lavoro a tempo determinato ed aboliscono il lavoro intermittente (conosciuto anche come lavoro a chiamata o job on call ed utilizzato abbastanza nel settore alberghiero, come alternativa tout-court ai contratti extra ). Ebbene, non mi trovo del tutto d accordo con queste posizioni. Gli strumenti per instaurare rapporti di lavoro flessibili, anche se non di semplice utilizzazione, in realtà ci sono, come è possibile vedere dal prospetto che segue. Tra tutti gli strumenti indicati, ve n è uno assai poco conosciuto che potrebbe venire incontro a specifiche esigenze del mondo alberghiero, l associazione in partecipazione. Nelle note che seguono cercherò di fornire alcune informazioni che contribuiscano a favorirne la conoscenza. DEFINIZIONE, INQUADRAMENTO NORMATIVO E CARATTERISTICHE PRINCIPALI L associazione in partecipazione è un contratto mediante il quale una parte (associante) attribuisce ad un altra parte (associato) una partecipazione agli utili della sua impresa o di una parte di essa in cambio di un corrispettivo che può essere in denaro oppure ed è la parte che qui più ci interessa esaminare in attività lavorativa. È pertanto un contratto di scambio, caratterizzato dall aleatorietà del compenso, che ben potrebbe addirittura essere nullo o persino negativo. Le norme che regolamentano questa particolare forma di rapporto di lavoro sono ancora essenzialmente gli articoli dal 2549 al 2554 del Codice civile nonché dal secondo comma dell art. 86 del D.Lgs. 276/03, meglio conosciuto come Legge Biagi. 1 L interpretazione letterale delle norme, sia del Codice civile che della Legge Biagi, consente di ipotizzare due tipologie base di associazione in partecipazione, quella con subordinazione e quella, invece, caratterizzata dall autonomia dell associato: ed è su questa seconda forma di rapporto di lavoro che ci soffermeremo, per l indubbio interesse gestionale. 1 Decreto legislativo 10 settembre 2003 n.276, art. 86, comma 2: Al fine di evitare fenomeni elusivi della disciplina di legge e contratto collettivo, in caso di rapporti di associazione in partecipazione resi senza una effettiva partecipazione ed adeguate erogazioni a chi lavora, il lavoratore ha diritto ai trattamenti contributivi, economici e normativi stabiliti dalla legge e dai contratti collettivi per il lavoro subordinato svolto nella posizione corrispondente del medesimo settore di attività, o in mancanza di contratto collettivo, in una corrispondente posizione secondo il contratto di settore analogo, a meno che il datore di lavoro, o committente, o altrimenti utilizzatore non comprovi, con idonee attestazioni o documentazioni, che la prestazione rientra in una delle tipologie di lavoro disciplinate dal presente decreto ovvero in un contratto di lavoro subordinato speciale o con particolare disciplina, o in un contratto nominato di lavoro autonomo, o in altro contratto espressamente previsto dall ordinamento [ 16

17 [Impresa e Diritto] I principali stumenti di flessibilità nei rapporti di lavoro Esigenze aziendali Stagionali Sostitutive Per la realizzazione di un opera od un progetto Copertura posti di lavoro ad orario ridotto Copertura posti ad orario prolungato Inserimento e formazione di giovani Attività non rientranti nella mission aziendale Riduzione costi Attività effettuabili senza (o con un limitato) esercizio del potere direttivo Principali strumenti contrattuali utilizzabili Principali norme di riferimento Subordinato a tempo determinato D.Lgs. 368/01 Subordinato (da altro datore di lavoro): - somministrazione D.Lgs. 276/03, artt. 20 e s. - appalto D.Lgs. 276/03, art distacco D.Lgs. 276/03, art. 30 Subordinato a tempo determinato D.Lgs. 368/01 Subordinato (da altro datore di lavoro): - somministrazione D.Lgs. 276/03, artt. 20 e s. - appalto D.Lgs. 276/03, art distacco D.Lgs. 276/03, art. 30 Subordinato a tempo determinato D.Lgs. 61/01 Autonomo a progetto D.Lgs. 276/03, artt. 75 e s. Subordinato - part-time (in generale) - part-time week end Subordinato part-time ripartito (job sharing) Subordinato - a tempo determinato: di inserimento - a tempo indeterminato: apprendistato Non lavorativo: tirocini formativi Subordinato (da altro datore di lavoro) - somministrazione - appalto Subordinato: - a domicilio - in telelavoro Subordinato (da altro datore di lavoro): - somministrazione - appalto Autonomo: - di agenzia - a progetto - non a progetto - associazione in partecipazione Subordinato: - a domicilio - in telelavoro Autonomo: - di agenzia - a progetto - non a progetto - associazione in partecipazione D.Lgs. 61/00 CCNL D.Lgs. 276/03, artt. 41 e s. D.Lgs. 276/03, artt. 54 e s. D.Lgs. 276/03, artt. 47 e s. L. 196/97, art. 18 D.Lgs. 276/03, artt. 20 e s. D.Lgs. 276/03, art. 29 L. 877/73 Acc. Interconf D.Lgs. 276/03, artt. 20 e s. D.Lgs. 276/03, art. 29 Cod.civ. artt D.Lgs. 276/03, artt. 75 e s. D.Lgs. 276/03, artt. 61 e 70 e s. D.Lgs. 276/03, art. 86 L. 877/73 Acc. Interconf Cod.civ. artt D.Lgs. 276/03, artt. 75 e s. D.Lgs. 276/03, artt. 61 e 70 e s. Cod. civ. artt e D.Lgs. 276/03, art ]

18 [Impresa e Diritto] Quali sono dunque le caratteristiche principali? Forma: in assenza di specifiche previsioni, la forma scritta non sembra essere richiesta indispensabilmente, anche se riteniamo che sia senz altro opportuna. Durata: non è facile dare una risposta certa, anche se in linea di massima i contratti di lavoro autonomo si intendono automaticamente a tempo determinato. La specificità dell associazione in partecipazione potrebbe peraltro prevedere la legittimità anche di una durata a tempo indeterminato, con le forme di disdetta proprie del diritto civile. Oggetto: con questo contratto l imprenditore-committente 2 affida ad un terzo, lavoratore autonomo, lo svolgimento di mansioni relative all intero comparto aziendale (nel settore alberghiero, ad esempio, quelle di Direttore d albergo) oppure di una sua parte autonoma e circoscritta (ad esempio, il rifacimento camere, per la Governante, la ristorazione, per il Maitre, oppure il bar) con o senza responsabilità di coordinamento di risorse umane. Sotto il profilo strettamente operativo, l attribuzione della gestione comporta evidentemente una serie di adempimenti di tipo organizzativo formale, quale quello, ad esempio, di una corretta informazione al personale dell albergo del ruolo ricoperto dall associato, od organizzativo sostanziale, quale quello dell attribuzione di deleghe in materia direttiva e/o disciplinare 3. Resta però fermo il principio che la gestione nel suo insieme compete esclusivamente all imprenditore/associante, tant è che soltanto nei confronti di quest ultimo sorgono diritti ed obblighi nei confronti di terzi, quali ad esempio quelli derivanti dall instaurazione e risoluzione di rapporti di lavoro, sottoscrizione di contratti di acquisto e di vendita, responsabilità civili e penali in materia di sicurezza del lavoro eccetera 4. Corrispettivo: in cambio del suo apporto lavorativo, l associato ha diritto ad una partecipazione agli utili 5. Ci si è domandato se è lecito concordare forme di compenso diverse, ad esempio anche come minimo garantito o come partecipazione ai ricavi: la risposta non può che essere negativa, nel senso che il contratto di associazione in partecipazione è specificamente di tipo aleatorio, non consentendo né la lettera né lo spirito della norma interpretazioni diverse 6. Può però essere consentita l erogazione da parte dell associante di acconti periodici, meglio se basati su dati consuntivi riferiti a periodi più brevi (ad esempio, trimestrali o semestrali) quello preso a riferimento per il bilancio aziendale (di norma, annuale): ovviamente, se gli utili definitivi dovessero essere inferiori agli acconti erogati, l associante dovrà provvedere al recupero della differenza, onde evitare i rischi di veder trasformato dal giudice il rapporto di lavoro da autonomo a subordinato, come meglio vedremo in appresso. Diritti e doveri dell associato: come abbiamo detto, mentre la gestione dell impresa compete esclusivamente all associante, l associato ha il diritto-dovere di prestare l attività lavorativa necessaria a realizzare l oggetto del contratto. Essendo però un lavoratore autonomo (abbiamo già detto prima che in queste note ci occupiamo solo di questo tipo di lavoratore), nell ambito della sua prestazione egli non ha gli obblighi tipici del dipendente subordinato quali quelli del rispetto di orari di lavoro più o meno rigidi e predeterminati, con tutti i limiti relativi (orario massimo settimanale normale e straordinario, riposi giornalieri e settimanali, pause, ferie ecc.), anche se, logicamente dovrà coordinarsi con quelli del settore e delle risorse umane affidatigli. Il suo diritto al corrispettivo commisurato agli utili gli da inoltre il diritto a verificare l andamento economico del settore aziendale oggetto del contratto di associazione in partecipazione 7 : ma in cosa può consistere il rendiconto di cui parla la legge? 2 Trattandosi di un rapporto di lavoro autonomo, è bene utilizzare la terminologia appropriata, onde evitare suggestioni pericolose (quali quella di datore di lavoro, in genere associata al rapporto di lavoro subordinato) in caso di contenzioso 3 Cfr. il 2 comma dell art Cod. civ.: Il contratto può determinare quale controllo possa esercitare l associato sull impresa o sullo svolgimento dell affare per cui l associazione è stata contratta. Ricordiamo anche che la recente Legge 3 agosto 2007 n.123, all art. 6 impone anche all associato in partecipazione, quale lavoratore autonomo, l obbligo di indossare un apposito cartellino di identificazione. 4 Cfr. art Cod. civ.: I terzi acquisiscono diritti ed assumono obbligazioni soltanto verso l associante 5 Cfr. art Cod. civ.: Con il contratto di associazione di partecipazione l associante attribuisce all associato una partecipazione agli utili della sua impresa o di uno o più affari verso il corrispettivo di un determinato apporto 6 In tal senso, cfr. Cass. 1420/02. Contra, però, Cass. 3936/97, che ritiene lecito un corrispettivo calcolato sui ricavi, ritenuti comunque un elemento variabile, tale da far escludere la subordinazione 7 Cfr. art Cod. civ., 2 comma: I n ogni caso, l associato ha diritto al rendiconto dell affare compiuto o a quello annuale della gestione, se questa si protrae per più di un anno [ 18

19

20 [Impresa e Diritto] Il contratto ben può precisare forme, tempi e documentazione: ad esempio, si potrebbe ipotizzare l esame dei periodici (mensili, trimestrali, semestrali) report aziendali, magari supportati dalla relativa idonea documentazione di supporto (contratti, fatture, ricevute fiscali, ecc.), oppure dei dati trasmessi periodicamente ad organi di controllo e regolazione dei mercati borsistici, ovvero ancora dei risultati di audit delle società di revisione e certificazione di bilancio. Il diritto dell associato al rendiconto è inderogabile. Rischi per l associato: essendo l associato di cui stiamo parlando un lavoratore autonomo, egli si fa carico dei rischi d impresa: ciò significa che se non vi sono utili, non gli competerà alcun corrispettivo. La legge precisa però che le perdite non possono superare il valore del suo apporto, nel caso corrispondente al valore della sua prestazione lavorativa 8. Non ha invece rischi verso i terzi per decisioni che ha assunto nello volgimento delle funzioni oggetto del contratto, perché la responsabilità verso terzi resta in capo all associante 9. Rischi per l associante: i rischi sono essenzialmente riconducibili a due aree di responsabilità, quella verso i terzi e quella nei confronti dello stesso lavoratore associato. Verso i terzi, l associante risponde integralmente degli atti posti in essere dall associato (nei confronti del quale potrà, eventualmente, rivalersi). Verso l associato, i rischi conseguono eminentemente da una non corretta gestione del contratto: l aver di fatto sottoposto il lavoratore al potere direttivo o disciplinare, l avergli imposto orari di lavoro rigidi, l avergli corrisposto i compensi in forma fissa o comunque non collegata ad una percentuale sugli utili 10, il non avergli sottoposto il rendiconto renderà assai probabile che, in caso di contenzioso, il rapporto di associazione in partecipazione sia ritenuto un negozio simulato, con trasformazione dello stesso in rapporto di lavoro subordinato (a tempo pieno e magari a tempo indeterminato), con le ovvie conseguenze sul piano retributivo e contributivo (nei confronti del lavoratore stesso) ed amministrativo (nei confronti dei vari enti ed uffici pubblici interessati 11 ). La legge Biagi sembra aver, a tal proposito, introdotto una sorta di presunzione legale di subordinazione, con inversione dell onere della prova, posta a carico dell associante 12. Aspetti fiscali e contributivi: se l associato contribuisce con il solo apporto lavorativo, il corrispettivo derivante dalla partecipazione agli utili determina la tassazione prevista per i redditi da lavoro autonomo 13. Per quel che riguarda invece gli oneri contributivi, al corrispettivo si applicano le norme previste per le assicurazioni obbligatorie per l invalidità, la vecchiaia ed i superstiti 14, con il 55% a carico dell associante ed il 45% a carico dell associato 15. Note conclusive Fermo restando che le posizioni di lavoro concretamente interessabili in un albergo non sono poi molte (Direttore, F & B Manager, Housekeeper, Maitre, Barman), quali possono essere i vantaggi per un imprenditore alberghiero di stipulare un contratto di associazione in partecipazione? Il primo, a mio parere il più importante, è quello di utilizzare al meglio le prestazioni di un lavoratore fortemente orientato ai risultati, con le ovvie conseguenze non soltanto sulla qualità della sua prestazione lavorativa, ma anche su quella quantitativa (sia in termini di prestazioni effettive, sia in termini di assenze). 8 Cfr. art Cod. civ.: Salvo patto contrario, l associato partecipa alle perdite nella stessa misura in cui partecipa agli utili, ma le perdite che colpiscono l associato non possono superare il valore del suo apporto 9 Cfr. art Cod. civ., cit. 10 Sulla legittimità di una percentuale sui ricavi, vedi precedente nota 6 11 Si fa riferimento in particolare all Inps ed all Inail, per gli aspetti contributivi ed assicurativi, ma anche all Agenzia per le entrate, per le omesse ritenute fiscali conseguenti al differente regime, nonché dei Centri per l impiego, per le omesse registrazioni di legge 12 Cfr. precedente nota 1 13 Cfr. artt. 44 e 53 del DPR 917/86 (Testo unico delle imposte dei redditi), come risultanti dalla rinumerazione dell articolato, in vigore dal Cfr. Circ. Inps 29 marzo 2004 n. 57, che fornisce anche indicazioni circa forme di associazione in partecipazione con apporto misto di capitale e lavoro 15 Cfr. art. 43 Legge 326/03 [ 20

Definizione della tipologia contrattuale

Definizione della tipologia contrattuale LE COLLABORAZIONI AUTONOME CON PARTITA IVA novità della riforma Fornero con particolare riguardo ai riflessi sull attività degli organi di vigilanza del Ministero del Lavoro a cura di Umberto Ranucci,

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero La riforma del mercato del lavoro proposta da Elsa Fornero entrata in vigore il 18 Luglio 2012 è orientata a razionalizzare

Dettagli

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi Riforma Biagi 1 Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi - Dott. Roberto Bresci - Riforma Biagi 2 Ambito normativo Legge 133/1999 Legge 342/2000 Legge 289/2002 (Finanziaria 2003) D. Lgs.

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

La nuova riforma del lavoro

La nuova riforma del lavoro Ai gentili clienti Loro sedi La nuova riforma del lavoro Premessa Con la riforma del lavoro, il legislatore ha modificato profondamente (se non riscritto) la disciplina dei rapporti di lavoro. Al fine

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013 REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS Giugno 2013 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1. Poste Italiane S.p.A. (d ora innanzi indicata come POSTE ITALIANE) definisce la procedura di Conciliazione Business secondo

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Comitato Olimpico Nazionale Italiano

Comitato Olimpico Nazionale Italiano Comitato Olimpico Nazionale Italiano Il CONI, emanazione del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), è autorità di disciplina regolazione e gestione delle attività sportive nazionali. Il Comitato Olimpico

Dettagli

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11.

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Lavoro Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? Si possono stipulare rapporti di lavoro all'interno di una odv?

Lavoro Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? Si possono stipulare rapporti di lavoro all'interno di una odv? Rapporti di lavoro: cosa prevede la legge? La legge 266/1991, art. 2 secondo comma, precisa che "L'attività del volontario non può essere retribuita in alcun modo nemmeno dal beneficiario. Al volontario

Dettagli

di Patrizia Della Serra

di Patrizia Della Serra TFR E FONDI PENSIONE COSA CAMBIA PER LE AZIENDE di Patrizia Della Serra Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Il Tfr fino al 31 dicembre 2006...4 Il Tfr dall'1 gennaio 2007...4 Agevolazioni

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del 21.01.2015 ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE Per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato effettuate dal 1

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Premessa. Descrizione del Bilancio

Premessa. Descrizione del Bilancio Premessa Il Bilancio Preventivo 2011 è stato elaborato prendendo come riferimento i dati dell esercizio appena concluso e assumendo come obbiettivo la volontà di garantire la stessa impegnativa e intensa

Dettagli

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 1 Ancona, 9 marzo 2011 A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 Maxisanzione per il lavoro nero La prima novità introdotta dal Collegato Lavoro, in tema

Dettagli

PARERE PRO VERITATE PROPRIO PERSONALE E UTILIZZANDO I LOCALI LORO MESSI A DISPOSIZIONE DAL PRESIDENTE DEL

PARERE PRO VERITATE PROPRIO PERSONALE E UTILIZZANDO I LOCALI LORO MESSI A DISPOSIZIONE DAL PRESIDENTE DEL Roma, 3 febbraio 2011 PARERE PRO VERITATE Il sottoscritto avv. CLAUDIO BERLIRI, nato a Roma il 18.07.1936 (c.f. BRL CLD 36L18 H501J), con studio in Roma, Via Alessandro Farnese n. 7 premesso - che numerosi

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero.

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. La riforma del mercato del lavoro (c.d. riforma Fornero) è contenuta nella Legge 28 giugno 2012, n. 92, successivamente modificata dal decreto legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 del 12 marzo 2001. Sono pervenute da parte di Amministrazioni ed Enti iscritti all Istituto richieste di

CIRCOLARE N. 11 del 12 marzo 2001. Sono pervenute da parte di Amministrazioni ed Enti iscritti all Istituto richieste di Agli Uffici Provinciali INPDAP Ai Dirigenti Generali Centrali e Compartimentali DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Ai Coordinatori delle consulenze professionali A tutte le

Dettagli

PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006. Normativa sul lavoro Tema B. www.giformazione.it

PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006. Normativa sul lavoro Tema B. www.giformazione.it PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006 Normativa sul lavoro Tema B Flessibilità: due diversi punti di vista Flessibilità Visione negativa Visione positiva Lavoratori marciatori in via di estinzione Cosa fare?

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Centro Studi Cafasso 80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 1/2006 Napoli, 7 aprile 2006 A tutte le Aziende assistite Loro

Dettagli

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing Modello di contratto Somministrazione o staff leasing MODELLO DI CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE O STAFF LEASING... [Somministratore], con sede legale in..., via..., n...., C.F...., partita IVA..., autorizzazione

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Il lavoro straordinario

Il lavoro straordinario Il lavoro straordinario Il titolo XVI (artt. 77-78) del Ccnl degli studi professionali regolamenta il lavoro straordinario. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. c del d.lgs. n. 66/2003, il lavoro straordinario

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

L accesso al lavoro tra stage, mini jobs e contratto a tutele crescenti

L accesso al lavoro tra stage, mini jobs e contratto a tutele crescenti L accesso al lavoro tra stage, mini jobs e contratto a tutele crescenti Franco Scarpelli docente di diritto del lavoro Università degli Studi di Milano-Bicocca 1 Entrare nel mercato del lavoro: gli stage

Dettagli

Quote albo 2012 5.236.825,00

Quote albo 2012 5.236.825,00 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO PREVENTIVO 2012 ENTRATE CORRENTI Quote albo 2012 5.236.825,00 La previsione per il 2012 è calcolata sui dati forniti dagli Ordini regionali e sull importo dovuto per le quote

Dettagli

GENNAIO FEBBRAIO MARZO

GENNAIO FEBBRAIO MARZO GENNAIO Legge stabilità 2014: numerose le novità per gli enti locali e gli organismi partecipati Legge 147 del 27 dicembre 2013 (Legge Stabilità 2014) Le nuove scadenze previste dai D.l. Milleproroghe

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO 1. QUADRO RMATIVO...2 1.1 Contenuti del D.L. n. 93/08...2 1.2 Contenuti del D.L. n. 185/08... 2 1.3 Contenuti della L. n. 191/09...3 1.4 Contenuti

Dettagli

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA

SCUOLA DI GIURISPRUDENZA SCUOLA DI GIURISPRUDENZA AVVISO DI SELEZIONE N. 1/2011 Avviso di selezione per soli titoli per la stipula di n. 1 contratto di natura professionale concernente la consulenza medica da prestarsi per tutte

Dettagli

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA I lavoratori che, recandosi fuori sede per ragioni di servizio, sostengono spese connesse con l esecuzione del loro lavoro hanno diritto di ricevere dall impresa

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

I contratti di lavoro speciali

I contratti di lavoro speciali Modulo 2 > DOCUMENTI 2 I contratti di lavoro speciali 1. I contratti di lavoro speciali Nel nostro ordinamento giuridico, soprattutto negli ultimi anni, hanno assunto un utilizzo via via crescente contratti

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

VADEMECUM DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE DELLA REGIONE ABRUZZO.

VADEMECUM DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE DELLA REGIONE ABRUZZO. VADEMECUM DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE DELLA REGIONE ABRUZZO. Indice. 1. Aspetti generali 2. Obbligo della Comunicazione 3. Oggetto della Comunicazione 4. Destinatari della Comunicazione 5.

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura

I venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura I contratti di lavoro 8 9 maggio 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano LAVORO SUBORDINATO Art. 2094 c.c.: «E prestatore di lavoro subordinato

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Trattamento fiscale delle indennità assegnate per trasferte art.

OGGETTO: Istanza di interpello - Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Trattamento fiscale delle indennità assegnate per trasferte art. RISOLUZIONE N. 284/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 luglio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Trattamento fiscale delle indennità assegnate

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE NON CONTINUATIVA. Con la presente scrittura privata, si concorda e stipula, a partire dal.../.../2015, quanto segue:

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE NON CONTINUATIVA. Con la presente scrittura privata, si concorda e stipula, a partire dal.../.../2015, quanto segue: CONTRATTO DI COLLABORAZIONE NON CONTINUATIVA Con la presente scrittura privata, si concorda e stipula, a partire dal.../.../2015, quanto segue: 1) Il/la Sig./Sig.ra... (di seguito il Collaboratore o il

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa via Venezia, 26-48121 RAVENNA RA Tel./fax 0544219377 e-mail: info@villaggioglobale.ra.it - web: www.villaggioglobale.ra.it REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010 Premessa

Dettagli

IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno

IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno IMPOSIZIONE FISCALE SUI PREMI E SULLE VINCITE IN ITALIA, CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLE IMPOSTE SUI REDDITI di Achille Mattei, Promotion Plus Uno QUANTO è TASSATA LA FORTUNA? Nell attuale periodo di incertezza

Dettagli

ELENCO REVISORI ENTI LOCALI ANALISI STATISTICA E CRITICITÀ

ELENCO REVISORI ENTI LOCALI ANALISI STATISTICA E CRITICITÀ ELENCO REVISORI ENTI LOCALI ANALISI STATISTICA E CRITICITÀ 15 Febbraio 2015 ABSTRACT Dal 10 dicembre 2012, i Revisori dei conti degli enti locali sono estratti a sorte da un elenco tenuto dal Ministero

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

La riforma del lavoro

La riforma del lavoro La riforma del lavoro Cosa cambia per le imprese LAVORO A CHIAMATA Contratto di lavoro con cui il lavoratore si mette a disposizione del datore di lavoro che ne può utilizzare la prestazione in modo discontinuo

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA

IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA IL CONTRATTO DI AGENZIA IN GERMANIA TRADUZIONE DEI 84. ss. DEL CODICE DI COMMERCIO TEDESCO (HGB) COME MODIFICATI DALLA L. 23 ottobre 1989 84. (Definizione dell agente di commercio) 1. È agente di commercio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/189/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott.ssa Laura De Rentiis dott. Donato Centrone

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * *

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * * Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 OGGETTO: Nuova disciplina delle dimissioni volontarie * * * * * * * * * * * * In Gazzetta Ufficiale n. 42 del 19 febbraio 2008 è stato

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Convegno Fondazione Giuseppe Pera Lucca, 26 giugno 2015 Associato di diritto del lavoro Università di Pisa IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Il campo di applicazione del nuovo diritto

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Servizio Prestito Titoli Rendi Extra

Servizio Prestito Titoli Rendi Extra Servizio Prestito Titoli Rendi Extra INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

CONVEGNO DI MILANO - 1 DICEMBRE 2014

CONVEGNO DI MILANO - 1 DICEMBRE 2014 CONVEGNO DI MILANO - 1 DICEMBRE 2014 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE ISTTITUZIONI SCOLASTICHE: RUOLI E RESPONSABILITÀ APPROFONDIMENTO - Studio di casi FORMAZIONE DOCENTI sulla SICUREZZA FUORI ORARIO

Dettagli

Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma

Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma Il Ministro dell economia e delle finanze con decreto 20 marzo 2008, pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO

GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Riforma del Mercato del Lavoro Legge 92/2012 GUIDA AL NUOVO LAVORO A PROGETTO DI RENZO LA COSTA LUGLIO 2012 Il nuovo lavoro a progetto 1 Il contratto di lavoro

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO Abbreviazioni.................................. pag. XXIII CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO 1. Alle origini del diritto del lavoro................... 1 2. Il periodo corporativo.........................

Dettagli

DL Milleproroghe Principali novità per le aziende

DL Milleproroghe Principali novità per le aziende DL Milleproroghe Principali novità per le aziende 11.2015 Marzo Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PROROGA PER IL 2015 DEL REGIME DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE... 2 2.1 Limite temporale della proroga...

Dettagli

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO In questa Circolare 1. Premessa 2. La responsabilità solidale fiscale 3. La responsabilità solidale retributiva / contributiva 1. PREMESSA Come noto

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 NOTE CONCLUSIVE Fausto Marchionni Gli intermediari assicurativi svolgono un ruolo centrale nella

Dettagli