Considerazione generali I.1. Perché riscaldamento a pavimento?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Considerazione generali I.1. Perché riscaldamento a pavimento?"

Transcript

1 Considerazione generali I.1 Perché riscaldamento a pavimento? Un riscaldamento a pavimento al giorno d oggi non è un lusso ma una decisione ragionata a favore del comfort e del risparmio energetico. Molti vantaggi nei confronti di altri sistemi di riscaldamento a parità di investimenti parlano a favore della trasmissione del calore tramite il pavimento. Nel caso di riscaldamento con radiatori, dato che il pavimento è freddo, questa temperatura verrebbe percepita come troppo bassa. Il calore irradiato dal pavimento è confortevole, aumenta il benessere e fa incrementare la produttività sul posto di lavoro. Il riscaldamento a convezione causa il flusso verticale dell aria solleva la polvere e la distribuisce nell ambiente. Dal punto di vista igienico pertanto sarebbe da preferire un riscaldamento a pavimento. Oltre a questo viene risparmiato il lavoro supplementare di pulizia dei radiatori. Quasi la metà delle nuove costruzioni nel campo delle mono o multifamigliari viene corredata di riscaldamento a pavimento. Ma anche nelle costruzioni di interesse pubblico come scuole, asili, uffici, palestre e capannoni viene impiegato sempre più il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento è un riscaldamento a bassa temperatura in quanto grazie alla grande superficie scaldante è sufficiente un basso livello di temperatura per riscaldare la costruzione. I locali vengono riscaldati uniformemente dal calore irradiato dal pavimento senza causare un grande movimento dell aria. Con il riscaldamento a pavimento la persona sente benessere già con una temperatura ambiente ridotta di 2 C. La bassa temperatura di mandata di questo sistema di riscaldamento fa aumentare il risparmio energetico in quanto le perdite per la produzione e la distribuzione del calore vengono abbassate. In combinazione con i moderi sistemi di produzione del calore come per es. caldaie a condensazione, pompe di calore, panelli solari ed altri sistemi di produzione alternativa dell energia il riscaldamento a pavimento risulta ancora più ecologico. Questo sistema apre anche per il futuro tutte le opzioni che possono essere scelte per un ulteriore risparmio energetico nel campo della bassa temperatura. Nella ristrutturazione di vecchie costruzioni, dove molte volte si è in presenza di un ridotto carico statico delle solette, il riscaldamento a pavimento offre una vera alternativa mediante sistemi specifici che impiegano spessori ridotti. 04/07 SCHÜTZ 1

2 I.1 Considerazioni generali Il riscaldamento a pavimento della Schütz offre al committente: comfort e benessere tramite il calore irradiato ideale distribuzione del calore installazione economica e bassi costi di esercizio variabilità nell arredare grazie alla mancanza di radiatori libera scelta della finitura del pavimento: parquette, piastrelle, tappeti. lunga durata, tecnica sicura gradevole temperatura della superficie scaldante meno polveri in circolazione e migliori condizioni igieniche dell aria ambiente nessuna ulteriore pulizia e lavori di restauro delle superfici scaldanti all installatore: progettazione del sistema secondo tecnica e regole conosciute, sono le basi per la funzionalità del riscaldamento a pavimento sistemi di facile montaggio componenti del sistema armonizzati tra di loro elevato standard qualitativo collaborazione con istituti di collaudo indipendenti: certificazione SHK, SKZ, FIW, ÜGPU, DIN-CERTCO, WTP, e marchio di qualità RAL all architetto/progettista: maggiore libertà nell arredamento Sistemi indicati per massetti fluidi o asciutti minori spessori della soletta nel caso della ristrutturazione di vecchie abitazioni sistemi che consentono il maggior risparmio energetico e in conformità alla normativa vigente in materia Software di progettazione per i sistemi di riscaldamento a pavimento SCHÜTZ adattamento del rendimento termico mediante la variazione del passo di posa, portata e temperatura di mandata possibilità di ridurre la temperatura ambiente in estate mediante il pavimento 2 SCHÜTZ 04/07

3 Considerazioni generali I.1 Quali sistemi sono disponibili? Secondo le norme DIN 18560, parte 2 vengono differenziate le seguenti tipologie costruttive: A Soletta galleggiante con elemento scaldante nel massetto sopra lo strato isolante B Elemento scaldante sotto il massetto, all interno dello strato isolante; la soletta galleggiante può essere in esecuzione asciutta oppure umida. Nella maggior parte dei casi A esistono le seguenti esecuzioni: Sistema montaggio a clips Sistema lastra a nocche Nel tipo di costruzione B, si trova la seguente esecuzione: Sistema montaggio asciutto Ognuno di questi sistemi ha i propri vantaggi, impieghi privilegiati e fissaggi delle tubazioni. 04/07 SCHÜTZ 3

4 I.1 Considerazioni generali Tipi di posa delle tubazioni Posa a forma di chiocciola Viene adottata sia nel sistema a clips che in quello a nocche come pure in quello asciutto. I tubi scaldanti vengono posizionati in modo tale che la mandata ed il ritorno si trovano alternativamente uno affianco all altro. Il risultato è che il circuito completo raggiunge una temperatura pressoché costante della superficie scaldante. Nel caso di finestre con grandi superfici viene consigliata un integrazione nella superficie adiacente. Anche se sufficientemente isolate, presso le finestre si trova il punto più freddo. Questa superficie perimetrale può essere realizzata come circuito separato, oppure sottoforma di seconda chiocciola all interno del circuito ma anche infittendo il passo di posa. La posa a forma di meandri Con questo sistema di posa il tubo scaldante viene posato iniziando dalle pareti esterne in modo da consentire un leggero abbassamento della temperatura verso l interno della parete. Questa tecnica di posa può essere adottata in tutti i sistemi menzionati precedentemente. 4 SCHÜTZ 04/07

5 Considerazioni generali I.1 Isolazione termica supplementare La lastre isolanti dei sistemi di riscaldamento a pavimento soddisfano le richieste di isolazione termoacustica quando i locali sottostanti sono riscaldati. Nei locali sottostanti non riscaldati o riscaldati solo saltuariamente, oppure nel caso che i locali siamo appoggiati al terreno o collocati sopra ambienti con temperatura esterna viene richiesta una maggiore isolazione e per questo motivo si rende necessario l impiego di un isolazione supplementare sotto le lastre isolanti del sistema. Se sopra il pavimento grezzo sono posati i cavi elettrici, tubazioni dell acqua sanitaria e del riscaldamento, ecc., si rende necessaria comunque la posa di un isolazione supplementare come spessore di compensazione. I questi due casi si parla comunque posa a due strati del riscaldamento a pavimento. La SCHÜTZ produce e commercializza tre tipi diversi di isolazione: Schiuma poliuretanica rigida come isolazione termica Schiuma rigida di polistirolo espanso come isolazione termica Schiuma rigida di polistirolo espanso come isolazione termoacustica Le isolazioni termiche in schiuma poliuretanica rigida (PUR) sono prodotti sintetici a schiuma rigida a cellule chiuse che si contraddistinguono in modo particolare per le alte capacità termoisolanti e allo stesso tempo per l alta resistenza alla pressione. La produzione industriale avviene per reazione chimica del polistirolo e l isocianato con l aggiunta di catalizzatori e conduttori (esenti da cloro-fluoro-carburi). Come mezzo conduttore viene utilizzato il pentano, un idrocarburo senza potenziale di danneggiamento dello strato d ozono. PUR è un duroplasto, ciò significa che mantiene la sue rigidità da - 30 C fino a + 90 C. Nel processo di produzione il PUR viene ricoperto da ambo le parti con fogli di alluminio senza l impiego di ulteriori collanti, in modo da raggiungere la classificazione λ=0,025w/mk. Le lastre in schiuma rigida di PUR vengono sottoposte ad un continuo controllo qualitativo sia proprio che da parte di istituti esterni. La certificazione del produttore viene effettuata dall ÜGPU (associazione per Schiuma poliuretanica rigida il controllo della schiuma poliuretanica). 04/07 SCHÜTZ 5

6 I.1 Considerazioni generali Dati tecnici dell isolazione supplementare PUR E con copertura in alluminio da ambo i lati: Dati tecnici Spigolo delle lastre: Conduttività termica: Reazione al fuoco secondo DIN 4102: Carico massimo (con il 10% di deformazione): piatto λ = 0,025 W/mK B2 100 kpa Dimensione delle lastre 625 x mm Tipo E 20 E 25 E 30 E 40 E 47 E 50 Resistività termica 0,80 m 2 K/W 1,00 m 2 K/W 1,20 m 2 K/W 1,60 m 2 K/W 1,88 m 2 K/W 2,00 m 2 K/W Spessore delle lastre 20 mm 25 mm 30 mm 40 mm 47 mm 50 mm DEO dh DEO dh DEO dh DEO dh DEO dh DEO dh Dimensione delle lastre x mm Tipo E 53 Resistività Spessore termica delle lastre 2,12 m 2 K/W 53 mm DEO dh 6 SCHÜTZ 04/07

7 Considerazioni generali I.1 Schiuma rigida di polistirolo (EPS) La schiuma rigida di polistirolo è prevalentemente una schiuma rigida a cellule chiuse, prodotta trattando termicamente un granulato di polistirolo espandibile. Il materiale rigido di polistirolo nasce con un procedimento chimico di polimerizzazione. Per poterne ricavare un prodotto schiumoso, come mezzo conduttore viene aggiunto il pentano. Con questo si ottiene il polistirolo espanso a forma di perla (EPS). Non appena queste perle vengono riscaldate con vapore acqueo, queste si gonfiano fino a raggiungere una grandezza di 50 volte maggiore quella iniziale. Le perle preschiumate vengono successivamente trasformate in blocchi. Un nuovo riscaldamento con vapore acqueo provoca un ulteriore procedimento di schiumatura dove avviene uno spostamento delle perle. Trascorso un determinato periodo di invecchiamento i blocchi vengono ritagliati in lastre mediante l impiego di seghe a filo incandescente. 04/07 SCHÜTZ 7

8 I.1 Considerazioni generali Dati tecnici dell isolazione termica in polistirolo (EPS): Dati tecnici Spigolo delle lastre: piatto Reazione al fuoco secondo DIN 4102: B1 (difficilm. infiammabile) Dimensioni delle lastre x 500 mm Tipo EPS EPS EPS Spessore delle lastre 20 mm 30 mm 40 mm Conduttività termica λ = 0,04 W/mK λ = 0,04 W/mK λ = 0,04 W/mK Resistività termica 0,50 m 2 K/W 0,75 m 2 K/W 1,00 m 2 K/W Carico massimo * 100 kpa 100 kpa 100 kpa DEO DEO DEO DEO * Carico massimo con il 10% di deformazione Dati tecnici dell isolazione termoacustica in polistirolo (EPS-T): Tipo d impiego T: materiali isolanti acustici per solette con richiesta di isolamento dall aria e dal rumore secondo le norme DIN 4109, per es. sotto solette galleggianti secondo le norme DIN parte 2, indicate all impiego con minore comprimibilità (per es. sotto solette prefabbricate) oppure per carichi più alti EN In questi blocchi di polistirolo dopo un procedimento di compressione le cellule chiuse vengono fatte scoppiare. La struttura a cellule aperte porta all incremento desiderato dell isolazione acustica. Dati tecnici Spigolo delle lastre: piatto Conduttività termica: λ = 0,04 W/mK Reazione al fuoco secondo DIN 4102: B1 (difficilm. infiammabile) Grandezza delle lastre x 500 mm Tipo EPS-T 20-2 EPS-T 25-2 EPS-T 30-3 Resistività termica 0,44 m 2 K/W 0,56 m 2 K/W 0,67 m 2 K/W Carico massimo * 5,0 kpa 5,0 kpa 4,0 kpa Rigidità dinamica SD 30 SD 20 SD 20 Miglioramento dell isolazione acustica * 26 db 28 db 28 db DES sg DES sg DES sm * Carico massimo secondo le norme DIN EN ** Per solette secondo le norme DIN parte 2 con m 70 kg/m 2 Nella descrizione tipologica viene segnalata la pressione impiegata e la comprimibilità in mm. 8 SCHÜTZ 04/07

9 Considerazioni generali I.1 Costruzione della soletta e riscaldamento a pavimento secondo le norme DIN EN Attraverso l impiego del riscaldamento a pavimento agli architetti e ai progettisti viene concessa più libertà nelle scelte tecniche. Il fabbisogno primario di energia prefissato di una costruzione può essere raggiunto mediante una migliore isolazione oppure impiegando una tecnica innovativa per l impianto. Per poter utilizzare nel modo più ottimale questo spazio al fine di risparmiare nei costi di costruzione e di esercizio, la tecnica impiantistica deve essere considerata nella progettazione sin dall inizio. Sotto la dicitura "altezza costruttiva, vengono elencate le richieste minime previste della normativa DIN EN 1264 per il riscaldamento a pavimento. Resistività termica minima (m 2 k/w) dello spessore isolante sotto il riscaldamento a pavimento. Locali sottostanti riscaldati Locali sottostanti non riscaldati oppure riscaldati saltuariamente, oppure collocati direttamente sul terreno *) Aria esterna sottostante Temperatura esterna di progetto Temperatura esterna di progetto Temperatura esterna di progetto T d 0 ºC 0 C > T d -5 C -5 C > T d -15 C 0,75 m 2 K/W 1,25 m 2 K/W 1,25 m 2 K/W 1,50 m 2 K/W 2,00 m 2 K/W * con un livello della falda acquifera 5 m questo valore dovrebbe essere aumentato Questi dati sono validi per le nuove costruzioni con temperature interne normali, ciò significa per quelle costruzioni che secondo il tipo di impiego raggiungono una temperatura interna di 19 C e più e che annualmente vengono riscaldate per più di 4 mesi Altezze del massetto con riscaldamento a pavimento SCHÜTZ come sistema a clip, per esempio, quadro-takk EPS-T 30-2 oppure come sistema a nocche EPS-T 30-2: Locali sottostanti Locali sottostanti non Aria esterna sottostante. riscaldati riscaldati oppure riscaldati Temperatura esterna saltuariamente oppure di progetto collocati direttamente sul terreno T d -15 C Sistema a clips 93 mm 113 mm 143 mm quadro-takk EPS-T 30-2 ad uno strato Isolazione supplementare Isolazione supplementare EPS EPS EPS Sistema a nocche 93 mm 113 mm 143 mm EPS-T 30-2 ad uno strato Isolazione supplementare Isolazione supplementare EPS EPS EPS I dati relativi all altezza e alle varianti si riferiscono al pavimento grezzo fino allo spigolo superiore del massetto (senza finitura superiore, copertura delle tubazioni 45 mm) Secondo EnEV per non adeguare l altezza delle porte in caso di ristrutturazione, dove il massetto può essere eseguito con l isolamento di spessore massimo della conduttività termica λ = 0,04 W/mK. 04/07 SCHÜTZ 9

10 I.1 Considerazioni generali Pavimento I sistemi di riscaldamento a pavimento della SCHÜTZ sono indicati sia per i pavimenti in cemento che fluidi (solfato di calcio). I pavimenti in cemento (ZE) vengono prodotti impiegando cemento con l aggiunta di acqua mentre i pavimenti in solfato di calcio (pavimenti anidritici AE) vengono prodotti impiegando un legante anidritico con l aggiunta di acqua. La copertura delle tubazioni nel caso di pavimenti scaldanti della classe di solidità CT-F4 per carichi massimi fino a 2,0 kn m 2 e indicata in 45 mm. Per altri gradi di solidità è possibile ridurre la copertura delle tubazioni fino a 30 mm, deve essere però dimostrato che il pavimento in relazione alla sua portata e alla sua flessibilità con l impiego di piastrelle o marmi abbia le stesse caratteristiche del pavimento con classe di solidità CT-F4 dello spessore di 45 mm. 2 Il pavimento deve essere separato da altri componenti della costruzione mediante fughe in modo da consentire un movimento di almeno 5 mm. Allo scopo vengono impiegate delle strisce isolanti perimetrali lungo le pareti e altri componenti della costruzione. Queste devono arrivare fino alla soletta grezza e collegate in modo duraturo alla stessa. In modo particolare occorre effettuare una posa a regola d arte nel montaggio dell armadietto per i collettori al fine di evitare la trasmissione di rumorosità. Dopo aver montato l armadietto, viene smontata la protezione in lamiera per il pavimento e la striscia isolante perimetrale viene posata attraverso l armadietto (fig. 1). 1 Dopo aver posato le tubazioni del riscaldamento, la protezione in lamiera del pavimento viene rimontata e successivamente ricoperta con la striscia isolante perimetrale (fig. 2). Nella posa del pavimento non può essere compromesso il funzionamento degli elementi scaldanti e i componenti della costruzione, per esempio impiegando del tavolato non indicato allo scopo. Per il trasporto del cemento sul sistema di tubazioni dovrebbero essere impiegati sotto il tavolato dei sostegni in legno o prodotti similari. Oltre a questo dovrebbero essere evitati alti carichi sull isolazione in modo da non ridurre l effetto isolante. Nella produzione di massetti indicati al riscaldamento a pavimento possono essere impiegati solo gli additivi che fanno aumentare la parte del volume dei pori d aria di non altre il 5% - DIN Parte SCHÜTZ 04/07

11 Considerazioni generali I.1 Fughe di dilatazione Nel caso di pavimenti scaldanti con copertura in marmo o piastrelle non possono essere superate le superfici della grandezza di 40 m 2 con una lungrezza massima di 8 m. Per locali quadrati la superficie sopra riportata può essere superata però fino al rapporto di lunghezza di 2:1 DIN Sulla posizione delle fughe deve essere predisposta una progetto, dal quale si possa ricavare la loro disposizione. Il piano delle fughe deve essere predisposto dal progettista e messo a disposizione di chi esegue il pavimento DIN Nei pavimenti scaldanti i passaggi delle porte nella regola devono essere corredati di fughe. All interno della superficie scaldante con circuiti riscaldati in modo differente (non zone perimetrali), questi devono essere separati da fughe di dilatazione. Nella pratica vengono impiegati i profili per giunti di dilatazione i quali vengono adottati in funzione dei diversi sistemi scaldanti. Nel sistema a clip viene montato per primo il profilo angolare autoadesivo sulla lastra del sistema. Successivamente viene inserita la striscia di dilatazione nel profilo angolare. Nel sistema a nocche viene creata una zona flessibile impiegando l elemento di compensazione. Sull elemento di compensazione può essere fissato il profilo di dilatazione come per il sistema a clip. Nella progettazione dei massetti per riscaldamento a pavimento i circuiti e i pavimenti devono essere adeguati uno all altro. Le fughe di dilatazione nei sottofondi portanti non devono incrociare l elemento scaldante. Le tubazioni di allacciamento che incrociano le fughe di dilatazione devono essere protette nella maniera più appropriata da guaine di protezione DIN Allo scopo i tubi scaldanti che incrociano le fughe di dilatazione devono essere protetti da un tubo flessibile ( ca. 0,3 m lungo). Nelle vicinanze dei tubi di protezione in sistemi a nocche, queste devono essere tagliate. 04/07 SCHÜTZ 11

12 I.1 Considerazioni generali Per migliorare la lavorabilità consigliamo l additivo per massetti W 200, W e W 200-Tempo W 200: W 200-Tempo: Effetto liquidificante provvede al completo avvolgimento del tubi con il massetto. Miglioramento della capacità di trattenere l acqua, con ciò miscelazione ottimale del massetto Viene migliorata l amalgamazione e risparmiata acqua per l impasto Aumento della resistenza alla pressione e alla piegatura Superfici senza crepe Dosaggio: 1% del peso del cemento Velocizzazione dell asciugatura e essiccazione di massetti cementizi per pavimenti scaldanti Accorciamento dei tempi di asciugatura del % Effetto liquidificante provvede al completo avvolgimento dei tubi con il massetto Dosaggio: 2-3% del peso del cemento W : Solo per pavimenti classe di solidità minima ZE 30 La copertura dei tubi può essere ridotta fino a 30 mm Viene migliorata l amalgamazione e risparmiata acqua per l impasto Aumento della resistenza alla pressione e alla piegatura Aumento della conduttività termica Dosaggio: 10% del peso del cemento Gli additivi della SCHÜTZ servono per plastificare il sottofondo in cemento. Non possono essere impiegati in combinazione con altri additivi oppure per pavimenti anidridici. 12 SCHÜTZ 04/07

13 Considerazioni generali I.1 Pavimenti in cemento (CT): Durante la posa e i primi 3 giorni successivi la temperatura del massetto non deve diminuire oltre i 5 C. Per ridurre al minimo il ritiro occorre proteggere il pavimento in cemento dall asciugatura troppo veloce, sia dal calore che dai giri d aria. Prima dei 3 giorni dopo la posa il pavimento non deve essere calpestato e prima dei 7 giorni non dovrebbe essere caricato ulteriormente. Al più presto 21 giorni dopo la posa del pavimento possono iniziare le operazioni di riscaldamento secondo protocollo (vedi cap. I.9) Con questo non viene assicurato che il massetto abbia raggiunto l umidità relativa massima necessaria per la posa. Pavimenti fluidi in solfato di calcio (anidridici CA/CAF): Durante la posa e i primi 3 giorni successivi la temperatura del massetto non deve diminuire di oltre 5 C. Per ridurre al minimo il ritiro occorre proteggere il pavimento dall asciugatura troppo veloce, dal calore a dai giri d aria. Il pavimento non dovrebbe essere calpestato prima che siano trascorsi 2 giorni e prima dei 5 giorno non dovrebbe essere caricato ulteriormente Al più presto 7 giorni dopo aver ultimato le operazioni di posa possono essere ultimate le operazioni di riscaldamento secondo il protocollo ( vedi cap. I.9). Con questo non viene assicurato che il massetto abbia raggiunto l umidità relativa massima necessaria per la posa. 04/07 SCHÜTZ 13

14 I.1 Considerazioni generali Maturazione del massetto Contenuto d umidità massimo consentito del pavimento in % Finitura del pavimento Pavimento in cemento Pavimento in solfato di calcio Finitura elastica Finitura tessile 1,8 1,8 3,0 1,8 1,8 3,0 2,0 0,3 0,3 1,0 0,3 0,3 0,3 con barriera vapore con traspirazione del vapore Pasquette Laminato Piastrelle, pietre naturali, parti in calcestruzzo Letto di grosso spessore Letto sottile Indicazioni sulla normativa riguardanti l esecuzione DIN EN (riscaldamento a pavimento, sistemi e componenti) Presupposti per l installazione di un impianto di riscaldamento a pavimento sono la conclusione dei lavori si finitura delle pareti interne e la chiusura delle porte e finestre al fine di evitare giri d aria. Il sottofondo portante deve essere eseguito secondo le normative vigenti. Le tubazioni ed i canali devono essere posati e fissati in modo tale da creare una superficie piana adatta alla posa dello strato isolante termico o termoacustico, prima della posa dei tubi scaldanti. Devono essere previste le necessarie altezze costruttive. Nella posa dello strato isolante le testate devono essere a stretto contatto. In caso di posa di più strati isolanti occorre provvedere a che le superfici a contatto dello strato inferiore non siano corrispondenti a quelli dello strato inferiore. Prima della posa dello strato di supporto deve essere montata una striscia di dilazione perimetrale (striscia isolante perimetrale) lungo i muri e gli altri componenti edilizi che penetrano nello strato di supporto, tale striscia isolante deve essere saldamente fissata alla base di supporto, per esempio ai telai delle porte, piloni e montanti. La striscia perimetrale deve ergersi dalla base di supporto fino alla superficie del pavimento e permettere un movimento della stessa fino a 5 mm. Nel caso di più strati isolanti, la striscia perimetrale deve essere posata prima dell applicazione dello strato di isolamento superiore. Durante la posa dello strato di supporto la striscia isolante perimetrale deve essere fissata in modo che rimanga ferma in posizione. La striscia isolante perimetrale che supera il livello del pavimento non deve essere tagliata fino al completamento del rivestimento e nel caso di impiego di pavimenti tessili o plastici, fino all indurimento dell additivo. Dopo l arrivo in cantiere i tubi scaldanti devono essere trasportati, conservati e movimentati in modo tale da essere: protetti da eventuali eventi potenzialmente dannosi i tubi di plastica devono essere conservati al riparo dalla luce solare diretta DIN EN (pavimenti in edilizia) Gli strati isolanti devono essere eseguiti in materiali rispondenti alle normativa DIN EN oppure DIN EN ( ) Nei pavimenti scaldanti la comprimibilità degli strati isolanti non deve superare i 5 mm nel caso di carichi =/< a 3 kpa e non più di 3 mm nel caso di carichi > a 3 kpa. Se richiesto, lo strato isolante deve essere protetto con adeguati interventi dall umidità, per es. tramite barriere vapore. Questo tipo di interventi deve essere previsto in fase di progettazione. 14 SCHÜTZ 04/07

Sistema a nocche I.3. In questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono posati sulla lastra portante trà le nocche fissatubo

Sistema a nocche I.3. In questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono posati sulla lastra portante trà le nocche fissatubo Sistema a nocche I.3 In questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono posati sulla lastra portante trà le nocche fissatubo Molti impianti di riscaldamento a pavimento vengono eseguiti

Dettagli

Rotolo isolante ultra-takk della SCHÜTZ

Rotolo isolante ultra-takk della SCHÜTZ Soluzioni speciali I.2.2 Rotolo isolante ultra-takk della SCHÜTZ L ultra-takk è una valida alternativa nel caso di grandi superfici sulle quali va montato un riscaldamento a pavimento. Srotolare a posare:

Dettagli

Tubi scaldanti e accessori I.5

Tubi scaldanti e accessori I.5 La qualità dei sistemi di riscaldamento a pavimento dipende anche dalla bontà dei tubi scaldanti. Devono essere resistenti contro la formazione di fessure per tensioni interne, resistenti alla diffusione

Dettagli

eurothex ThermoPlus HI-performance Sistema Sistema ad alta efficienza energetica

eurothex ThermoPlus HI-performance Sistema Sistema ad alta efficienza energetica eurothex HI-performance ad alta efficienza energetica Un sistema di riscaldamento e raffrescamento ad alta efficenza energetica Thermoplus è un sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento ad

Dettagli

SISTEMI SCHÜTZ PER IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO.

SISTEMI SCHÜTZ PER IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO. SISTEMI SCHÜTZ PER IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO. Soluzioni e sistemi per l oggi e il domani! Il moderno riscaldamento a pavimento della SCHÜTZ la base per un miglior comfort abitativo. Lo sviluppo del

Dettagli

Blanke TRIMAT. Blanke TRIMAT diminuisce notevolmente i rimbombi prodotti dal calpestio: è perciò ideale per le ristrutturazioni.

Blanke TRIMAT. Blanke TRIMAT diminuisce notevolmente i rimbombi prodotti dal calpestio: è perciò ideale per le ristrutturazioni. DATI TECNICI Blanke TRIMAT Fonoassorbente e separatore Uso e funzione Blanke TRIMAT, materassino fonoassorbente che neutralizza le tensioni, è usato per la posa di piastrelle, pietra naturale, graniglia

Dettagli

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche)

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Ing. Clara Peretti Coordinatrice Consorzio Q-RAD 2 Contenuti della presentazione Il

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI

ESEMPI DI APPLICAZIONI RISCALDAMENTO IN FIBRA DI CARBONIO ESEMPI DI APPLICAZIONI MATERASSINO SOTTO IL MASSETTO E PAVIMENTO L installazione sotto il massetto, grazie all inerzia termica dello stesso, consente di mantenere la

Dettagli

C è da ristrutturare la casa? con SCHÜTZ sarà tutto più semplice

C è da ristrutturare la casa? con SCHÜTZ sarà tutto più semplice C è da ristrutturare la casa? con SCHÜTZ sarà tutto più semplice TÀ NOVI 1 Piedi caldi, mente fresca R 50: l innovativo impianto di riscaldamento a pavimento SCHÜTZ appositamente concepito Giá gli antichi

Dettagli

I sistemi di riscaldamento a pavimento: i motivi della scelta e la soluzione per le ristrutturazioni

I sistemi di riscaldamento a pavimento: i motivi della scelta e la soluzione per le ristrutturazioni Pinerolo, 28 marzo 2008 I sistemi di riscaldamento a pavimento: i motivi della scelta e la soluzione per le ristrutturazioni Per. Ind. Massimo Fabricatore Direttore Generale velta italia Riscaldamento

Dettagli

SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI. space

SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI. space SPACE NUOVI SISTEMI RADIANTI space SPACE Il sistema di riscaldamento radiante a pavimento LOEX SPACE, è studiato e progettato appositamente per l ottenimento del massimo comfort in stabilimenti produttivi,

Dettagli

velta siccus / HD / klima Il sistema di riscaldamento nelle ristrutturazioni

velta siccus / HD / klima Il sistema di riscaldamento nelle ristrutturazioni velta siccus / HD / klima Il sistema di riscaldamento nelle ristrutturazioni 2 La seguente documentazione ha validità dal 01.2011 fino alla prossima nuova edizione. Si riserva la possibilità di apportare

Dettagli

ROTEX Monopex: piacevolmente in casa.

ROTEX Monopex: piacevolmente in casa. R O T E X M o n o p e x : r i s c a l d a m e n t o a p a v i m e n t o. ROTEX Monopex: piacevolmente in casa. Riscaldamento a pavimento per un clima accogliente. Una decisione importante Riscaldamento

Dettagli

mflor e il riscaldamento a pavimento

mflor e il riscaldamento a pavimento mflor e il riscaldamento a pavimento Gli impianti di riscaldamento a pavimento stanno acquistando sempre più popolarità, poiché oltre ad elevati livelli di comfort offrono numerosi altri vantaggi. Questo

Dettagli

Uno stimolo al lavoro

Uno stimolo al lavoro Un investimento edilizio si basa principalmente su considerazioni di ordine economico, tra cui i costi d esercizio e di manutenzione delle varie infrastrutture. Vanno considerati senz altro i consumi energetici,

Dettagli

Sistema per pavimenti

Sistema per pavimenti Schlüter -BEKOTEC Sistema per pavimenti 9.1 struttura in basso spessore a ridotta deformazione concava e convessa Scheda tecnica Applicazione e funzione Schlüter -BEKOTEC è un sistema sicuro che permette

Dettagli

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE MISCELAZIONE E POSA IN OPERA CARNIVAL è un massetto minerale

Dettagli

well-built for better living gruppo attiva MANUALE DI POSA LITHOTHERM ITALIANO

well-built for better living gruppo attiva MANUALE DI POSA LITHOTHERM ITALIANO well-built for better living gruppo attiva MANUALE DI POSA LITHOTHERM ITALIANO DI COSA SI TRATTA LITHOTHERM è un sistema radiante a pavimento a bassa temperatura con un breve tempo di reazione: questo

Dettagli

SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE. Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti. Fino al 20 %

SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE. Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti. Fino al 20 % SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti Fino al 20 % di risparmio sui costi di riscaldamento COMFORT, RISPARMIO E BENESSERE I motivi per scegliere

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTO DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO VANTAGGI Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti sono caratterizzati da un particolare meccanismo di scambio termico, l irraggiamento,

Dettagli

Sistemi a pavimento radiante 0541IT gennaio 2013

Sistemi a pavimento radiante 0541IT gennaio 2013 Componenti SISTEMA A PAVIMENTO RADIANTE A SECCO Descrizione Sistema a pavimento radiante in esecuzione a secco, senza l impiego di malta cementizia come strato di supporto della finitura superficiale e

Dettagli

Ultraslim. ...l impianto a pavimento in soli 20 mm di spazio. Conversione in cmyk del Pantone_300 c. Conversione in cmyk del Pantone_485 c

Ultraslim. ...l impianto a pavimento in soli 20 mm di spazio. Conversione in cmyk del Pantone_300 c. Conversione in cmyk del Pantone_485 c Pantone_485 c Conversione in cmyk del Pantone_485 c Pantone_300 c Conversione in cmyk del Pantone_300 c c 0 m 95 y 100 k 0 c 2 m 31 y 3 k 12...l impianto a pavimento in soli 20 mm di spazio Ultraslim Sistema

Dettagli

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti FERMACELL L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti EDIZIONE 00 0 buone ragioni scegliere l alta qualità FERMACELL! Le lastre in gessofibra FERMACELL hanno le carte in regola per soddisfare

Dettagli

Isolamento acustico anticalpestio

Isolamento acustico anticalpestio Isolamento acustico anticalpestio Isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato Pavitema Rex è una gamma di isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato nata per rispondere alla

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI. www.rftsrl.eu

NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI. www.rftsrl.eu NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI www.rftsrl.eu RFT - FOUR x FOUR AUTOCENTRANTE Pavimento sopraelevato STANDARD Pavimento sopraelevato ANTISISMICO L innovazione di FOUR x FOUR consiste

Dettagli

Sistemi a pannelli radianti Geberit. Benessere a pavimento

Sistemi a pannelli radianti Geberit. Benessere a pavimento Sistemi a pannelli radianti Geberit Benessere a pavimento Il sistema del futuro 3 Scegliere il benessere 5 Risparmio energetico 7 Progettare senza vincoli 9 Tecnica collaudata 12 Progettazione e supporto

Dettagli

home X14-X17 X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI

home X14-X17 X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI home X Performance X14-X17 NUOVI SISTEMI RADIANTI X PERFORMANCE I componenti che fanno parte della sezione X Performance, sono realizzati con materiali di elevatissima qualità e studiati per dare il massimo

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento Sistemi di posa - comfort e risparmio energetico Sistemi di posa - Sistema Easy Sistemi di posa - Sistema Easy Tech ribassato Easy 50 - Pannello isolante Easy Tech 50R - Pannello isolante ribassato Tubo

Dettagli

Pannelli isolanti Akustic SD30 e SD20

Pannelli isolanti Akustic SD30 e SD20 Akustic SD30 e SD20 TECEradiant - Pannello preformato AKUSTIC Descrizione: pannello preformato termoacustico per abbattimento rumore da calpestio, in polistirene espanso sinterizzato, doppia densità, conforme

Dettagli

9.4. Applicazione e funzione. Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico

9.4. Applicazione e funzione. Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico Schlüter -BEKOTEC-EN 18 FTS Sistema per pavimenti con funzione di isolamento acustico 9.4 Struttura per massetto di basso spessore privo di tensioni, a ridotta deformazione. Particolarmente indicato per

Dettagli

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca

PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca PRODOTTI e SOLUZIONI in argilla espansa Leca 1RIEMPIMENTI, ALLEGGERIMENTI, ISOLAMENTI Argilla espansa a Argilla espansa basso assorbimento antirisalita di Argilla espansa. d acqua. umidità. Leca Lecapiù

Dettagli

I SISTEMI DI PARTIZIONE INTERNA

I SISTEMI DI PARTIZIONE INTERNA Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Architettura Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura Tecnologia dell Architettura I prof. arch. Sergio Russo Ermolli a.a. 2010-2011 I SISTEMI

Dettagli

KLIMA NUOVI SISTEMI RADIANTI. klima

KLIMA NUOVI SISTEMI RADIANTI. klima KLIMA NUOVI SISTEMI RADIANTI klima KLIMA LOEX Klima è il sistema di riscaldamento e raffrescamento radiante a soffitto che consente di realizzare un clima molto gradevole in ambienti adibiti principalmente

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME HOME ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SISTEMA DI RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO LOEX HOME RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE INDICE 1. Note per le istruzioni di montaggio 2. Sicurezza

Dettagli

PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE. Tech

PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE. Tech PAVIMENTO SOPRAELEVATO RADIANTE Tech I sistemi radianti a secco non necessitano di massetto cementizio per la distribuzione del calore. Sono leggeri, veloci da posare, immediatamente calpestabili e hanno

Dettagli

aquatherm climasystem

aquatherm climasystem ecologico e conveniente La forma contemporanea del riscaldamento un clima gradevole con il sistema climasystem di ecologico e conveniente La forma contemporanea del riscaldamento Alti costi per il riscaldamento,

Dettagli

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale 2 L AZIENDA Lafarge Gessi è una società del Gruppo multinazionale Lafarge, nata in seguito alla rapida crescita dei sistemi costruttivi a secco che si è registrata

Dettagli

Ci sta a cuore. il vostro benessere. Prodotti ecologici per l edilizia realizzati con materie prime naturali e rinnovabili

Ci sta a cuore. il vostro benessere. Prodotti ecologici per l edilizia realizzati con materie prime naturali e rinnovabili Prodotti ecologici per l edilizia realizzati con materie prime naturali e rinnovabili Gamma dei prodotti Ci sta a cuore il vostro benessere isolare meglio, naturalmente legno: doni che la natura ci offre

Dettagli

DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto

DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto DomoKap Il sistema termoisolante a cappotto Flessibile Semplice da posare Resistente Delta Servizi S.a.s. Sistema termoisolante a cappotto DomoKap Delta Servizi S.a.S Settore Edilizia presenta un sistema

Dettagli

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI CON PARAMETRI CASA CLIMA A BASSOCONSUMO E N E R G E T I C O RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI Vantaggi immediati per un futuro migliore Strada Comunale Gelati, 5 29025

Dettagli

Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro

Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro 1 Sistemi di climatizzazione radiante, la soluzione per un efficiente utilizzo dell energia Manuel Moro Amministratore Delegato KLIMIT Srl Rappresentante Esclusivo Herz per l Italia 2 1 Come funziona un

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio I Gli elementi riscaldanti piatti sono certificati VDE secondo norme DIN EN60335-1 e DIN EN60335-2-96. Leggere attentamente le presenti istruzioni prima di intraprendere il montaggio.

Dettagli

l ideale in intercapedine www.poron.it DIVISIONE EDILIZIA SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN INTERCAPEDINE NeoTA 031 NeoSB/SL 031

l ideale in intercapedine www.poron.it DIVISIONE EDILIZIA SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN INTERCAPEDINE NeoTA 031 NeoSB/SL 031 SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN INTERCAPEDINE NeoTA 031 NeoSB/SL 031 DIVISIONE EDILIZIA l ideale in intercapedine LASTRA STAMPATA BATTENTATA stampata con incastro M/F sul lato lungo per isolamento termico

Dettagli

Minima altezza, massimo comfort Il riscaldamento a pavimento per ristrutturazioni soft. Il calore è il nostro elemento

Minima altezza, massimo comfort Il riscaldamento a pavimento per ristrutturazioni soft. Il calore è il nostro elemento [ Aria ] Uponor Riscaldamento/Raffrescamento [ Acqua ] [ Terra ] [ Buderus ] Minima altezza, massimo comfort Il riscaldamento a pavimento per ristrutturazioni soft Sistema per le ristrutturazioni Minitec

Dettagli

L'EFFICIENZA E IL COMFORT NELLE RIQUALIFICAZIONI CON I SISTEMI RADIANTI A SECCO

L'EFFICIENZA E IL COMFORT NELLE RIQUALIFICAZIONI CON I SISTEMI RADIANTI A SECCO L'EFFICIENZA E IL COMFORT NELLE RIQUALIFICAZIONI Relatore: Ing. Alessandro Buzzoni - responsabile ufficio tecnico FloorTech CONSUMI ENERGETICI In Italia il SETTORE CIVILE è attualmente responsabile di

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il progetto di un impianto di riscaldamento

Dettagli

del davanzale e della terrazza!

del davanzale e della terrazza! MADE IN GERMANY Progettare il raccordo ideale per l isolamento termoacustico del davanzale e della terrazza! PER NUOVE COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI Elementi di raccordo universali e termoisolanti al

Dettagli

Sistema a clips I.2. Per questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono fissati con i clips sulla lastra isolante.

Sistema a clips I.2. Per questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono fissati con i clips sulla lastra isolante. Sistema a clips I.2 Per questo tipo di riscaldamento a pavimento i tubi scaldanti vengono fissati con i clips sulla lastra isolante. Allo scopo la lastra del sistema non serve solo per il fissaggio dei

Dettagli

condizioni per la posa su massetto riscaldante

condizioni per la posa su massetto riscaldante condizioni per la posa su massetto riscaldante Parchettificio Toscano s.r.l. - 56024 Corazzano - S. Miniato (PI) Italia - Tel. (0039) 0571 46.29.26 Fax (0039) 0571 46.29.39 info@parchettificiotoscano.it

Dettagli

HIGH QUALITY LEADER MONDIALE NELLE SCHIUME POLIURETANICHE

HIGH QUALITY LEADER MONDIALE NELLE SCHIUME POLIURETANICHE HIGH QUALITY LEADER MONDIALE NELLE SCHIUME POLIURETANICHE NOVITA MONTAGGIO & ISOLAMENTO GENIUS APPLICATORE BREVETTATO Monocomponente, autoespandente, con particolare applicatore Genius Gun. MONTAGGIO &

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS Il pannello di vetro cellulare POLYDROS si ottiene partendo dalla polvere di vetro, la quale, mediante un processo termico-chimico, si trasforma in

Dettagli

Rigips. Rigiton Climafit: Diminuire il fabbisogno energetico grazie al soffitto e raggiungere un clima perfetto.

Rigips. Rigiton Climafit: Diminuire il fabbisogno energetico grazie al soffitto e raggiungere un clima perfetto. Rigips Rigiton Climafit: Diminuire il fabbisogno energetico grazie al soffitto e raggiungere un clima perfetto. Sano e gradevole. Un ambiente interno ottimale protegge la salute e rende il clima gradevole

Dettagli

sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm.

sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm. sistema euromax Eurotherm SpA Pillhof 91 I-39010 Frangarto BZ Tel. 0471 63 55 00 Fax 0471 63 55 1 1 mail@eurotherm.info www.eurotherm.info sistema euromax Alta resistenza nel minimo spessore Il sistema

Dettagli

Soluzioni di riscaldamento a pavimento per il massimo risparmio energetico

Soluzioni di riscaldamento a pavimento per il massimo risparmio energetico Distribuzione del calore Pannelli radianti Logafix Roll Logafix Comfort Logafix Fest Soluzioni di riscaldamento a pavimento per il massimo risparmio energetico Il calore è il nostro elemento La chiave

Dettagli

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL

SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO BENFER SCHOMBURG INTERNATIONAL SOLIDONE LEGANTE IDRAULICO PER MASSETTI A RAPIDA ESSICCAZIONE (4* GIORNI) E A RITIRO CONTROLLATO CARATTERISTICHE TECNICHE: Solidone è un legante idraulico formulato con cementi speciali ad alta resistenza

Dettagli

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE Claudioforesi S.r.l. via Fosso, 2/4 60027 S. Biagio Osimo (AN) Tel. 071 7202204 071 7109309 Fax. 071 7108180

Dettagli

SST-Rolltec. Sistemi certificati di CLIMATIZZAZIONE radiante a pavimento e a parete. EVOFIRE italianfiretechnologies

SST-Rolltec. Sistemi certificati di CLIMATIZZAZIONE radiante a pavimento e a parete. EVOFIRE italianfiretechnologies SST-Rolltec Sistemi certificati di CLIMATIZZAZIONE radiante a pavimento e a parete UNA TECNOLOGIA COLLAUDATA PER IL TUO BENESSERE Il sistema termico domestico più diffuso e collaudato degli ultimi trent

Dettagli

velta calore Riscaldamento e raffrescamento a pavimento: il sistema a rete

velta calore Riscaldamento e raffrescamento a pavimento: il sistema a rete velta calore Riscaldamento e raffrescamento a pavimento: il sistema a rete La seguente documentazione ha validità dal 09.09 fino alla prossima nuova edizione. Si riserva la possibilità di apportare variazioni

Dettagli

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011

I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 I cappotti ad elevato spessore: la corretta posa in opera. CONVEGNO AIPE - MADE 2011 6 Ottobre 2011 Che cosa vuol dire IPERISOLAMENTO DISPERSIONI TERMICHE DELL INVOLUCRO minime unbeheizt unbeheizt WSVO

Dettagli

OVER-FOIL 311 Over-foil 311 è un isolante termico e acustico riflettente. per pareti e coperture, nonchè una perfetta barriera. all acqua e al vapore.

OVER-FOIL 311 Over-foil 311 è un isolante termico e acustico riflettente. per pareti e coperture, nonchè una perfetta barriera. all acqua e al vapore. Over-foil 311 è un isolante termico e acustico riflettente per pareti e coperture, nonchè una perfetta barriera all acqua e al vapore. L isolamento è un problema... RISOLTO! Over-foil 311 è un innovativo

Dettagli

pronouvo1073 Appoggi per pareti e solette per pareti portanti con la verifica di ammortamento di rumore per l empa

pronouvo1073 Appoggi per pareti e solette per pareti portanti con la verifica di ammortamento di rumore per l empa Appoggi per pareti e solette per pareti portanti pronouvo1073 con la verifica di ammortamento di rumore per l empa Gli appoggi Pronouvo 1073 sono utilizzati ovunque sia richiesto un maggiore isolamento

Dettagli

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento Isolamenti, termo cappotto e case di legno L isolamento dell involucro Isolare in maniera ottimale un edificio consente un risparmio dei consumi di energia dal 40 fino ed oltre il 70%. Investire nel miglioramento

Dettagli

Pavitema. Isolamento acustico dei sottopavimenti AGGLOMERATO DI SCHIUMA DI GOMMA ESPANSA. Vantaggi. Pavitema Soft

Pavitema. Isolamento acustico dei sottopavimenti AGGLOMERATO DI SCHIUMA DI GOMMA ESPANSA. Vantaggi. Pavitema Soft Pavitema Isolamento acustico dei sottopavimenti Pavitema rappresenta la soluzione pratica ed economica per risolvere il problema dell isolamento anticalpestio. L offerta della Maxitalia è costituita da

Dettagli

Riscaldamento e raffrescamento a pavimento - il sistema a rete

Riscaldamento e raffrescamento a pavimento - il sistema a rete velta calore Riscaldamento e raffrescamento a pavimento - il sistema a rete www.veltaitalia.it Velta Calore: la sicurezza frutto di anni d esperienza. Qualità fino nel dettaglio. L affidabilità dei sistemi

Dettagli

Riscaldamento a parete Documentazione tecnica 2-2008 TECNICA

Riscaldamento a parete Documentazione tecnica 2-2008 TECNICA Riscaldamento a parete Documentazione tecnica 2-2008 TECNICA Riscaldamento a parete Indice Introduzione Campo di impiego 3 Comfort 3 Risparmio energetico 3 Tubo Qualità 4 Omologazione 4 Difustop PE-Xa

Dettagli

Impianti di riscaldamento

Impianti di riscaldamento Dati tecnici del sistema Raxofix, vedi capitolo "Descrizione del sistema" all'inizio del manuale Impianti di riscaldamento Utilizzo corretto Il sistema Raxofix di tubazioni in plastica esclusivamente in

Dettagli

VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO. Il giunto cappotto-serramento : Controtelaio Clima Profili portaintonaco

VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO. Il giunto cappotto-serramento : Controtelaio Clima Profili portaintonaco Il giunto cappotto-serramento : Controtelaio Clima Profili portaintonaco Marcatura CE Le normative europee 1) Resistenza meccanica e stabilità 2) Sicurezza in caso di incendio 3) Igiene, salute e ambiente

Dettagli

HENCO SOFFITTO RAPID-ALU

HENCO SOFFITTO RAPID-ALU HENCO SOFFITTO RAPID-ALU PSH-RAC Descrizione: Il sistema di riscaldamento e raffrescamento a parete o a soffitto RAPID-ALU è costituito da un pannello in cartongesso, avente spessore 15 mm, il pannello

Dettagli

a secco. silenzioso. veloce MPA -24 db Scaglie di legno mineralizzate Sistema sottopavimento fonoisolante Novembre 2015 Un prodotto di:

a secco. silenzioso. veloce MPA -24 db Scaglie di legno mineralizzate Sistema sottopavimento fonoisolante Novembre 2015 Un prodotto di: MPA Sistema sottopavimento fonoisolante -24 db TU Braunschweig Istituto per il controllo dei materiali da costruzione a secco. silenzioso. veloce Un prodotto di: Novembre 2015 Sistema di riscaldamento

Dettagli

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti!

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! Il riscaldamento a pavimento Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! SALUTE E BENESSERE IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO ATTIVO Già dopo

Dettagli

Sistema a pavimento. eurosport. Il sistema radiante per i pavimenti flettenti

Sistema a pavimento. eurosport. Il sistema radiante per i pavimenti flettenti IT Sistema a pavimento Il sistema radiante per i pavimenti flettenti Il sistema radiante per i pavimenti flettenti Il pavimento radiante senza massetto Soluzione ideale per tutti i grandi ambienti dove

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 45 I CALCESTRUZZI LEGGERI I calcestruzzi leggeri hanno massa volumica inferiore a 2000 kg/m 3, minore di quella dei calcestruzzi normali ( 2250-2400 Kg/m 3 ), per la presenza all interno del conglomerato

Dettagli

Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni

Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni 1 2 Potete contare su di noi > Pronouvo1073 Appoggi per muri e solette >

Dettagli

La NUOVA generazione di MASSETTO RADIANTE per pavimenti riscaldati. λ 2,02 W/mK

La NUOVA generazione di MASSETTO RADIANTE per pavimenti riscaldati. λ 2,02 W/mK La NUOVA generazione di MASSETTO RADIANTE per pavimenti riscaldati. λ 2,02 W/mK NUOVA FORMULAZIONE Da 10 anni il massetto specifico per sistemi di riscaldamento e raffrescamento a pavimento. 10 anni di

Dettagli

HYPOPLAN. Documenti di progettazione. Member of the KME Group [I] KME Italy S.p.A. HYPOPLAN

HYPOPLAN. Documenti di progettazione. Member of the KME Group [I] KME Italy S.p.A. HYPOPLAN HYPOPLAN Documenti di progettazione KME Italy S.p.A. HYPOPLAN [I] Member of the KME Group SOMMARIO 2 Introduzione 3 I vantaggi 4 Dati tecnici: sistema a umido e sistema a secco 7 Tabella di posa rapida

Dettagli

Non fanno una piega. Sottofondi a Secco Brio

Non fanno una piega. Sottofondi a Secco Brio Non fanno una piega Sottofondi a Secco Brio Sistema Costruttivo a Secco 10/2006 Sottofondi a Secco Brio Leggeri, resistenti e semplici da posare Un passo avanti nella tecnologia delle lastre per sottofondi

Dettagli

ROTEX Monopex : riscaldamento a pavimento. ROTEX Monopex : piacevolmente in casa.

ROTEX Monopex : riscaldamento a pavimento. ROTEX Monopex : piacevolmente in casa. ROTEX Monopex : riscaldamento a pavimento. ROTEX Monopex : piacevolmente in casa. Riscaldamento a pavimento per un clima accogliente. Una decisione importante La nuova tendenza di costruire case con ambienti

Dettagli

PAVIFOND REVOLUTION. novità MASSETTO PREMISCELATO SUPER LEGGERO E ISOLANTE A BASE DI VETRO ESPANSO PER PAVIMENTO

PAVIFOND REVOLUTION. novità MASSETTO PREMISCELATO SUPER LEGGERO E ISOLANTE A BASE DI VETRO ESPANSO PER PAVIMENTO LINEA novità 0 PAVIFOND REVOLUTION CONDUCIBILITÀ TERMICA λ 0,09 W/mK È UN PRODOTTO ECO ECOSOSTENIBILE MASSETTO PREMISCELATO SUPER LEGGERO E ISOLANTE A BASE DI VETRO ESPANSO PER PAVIMENTO PRODOTTO COMPOSTO

Dettagli

HYPOPLAN. Sistema di riscaldamento a parete. Member of the KME Group [I] KME Italy S.p.A. HYPOPLAN

HYPOPLAN. Sistema di riscaldamento a parete. Member of the KME Group [I] KME Italy S.p.A. HYPOPLAN HYPOPLAN Sistema di riscaldamento a parete KME Italy S.p.A. HYPOPLAN [I] Member of the KME Group HYPOPLAN Sistema di riscaldamento a parete 2 KME Italy S.p.A. - HYPOPLAN Il sistema HYPOPLAN combina le

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

EPS 10/2013. Knauf Therm Pavimenti. Soluzioni per l isolamento termico e l alleggerimento di elementi strutturali orizzontali

EPS 10/2013. Knauf Therm Pavimenti. Soluzioni per l isolamento termico e l alleggerimento di elementi strutturali orizzontali EPS 10/2013 Knauf Therm Pavimenti Soluzioni per l isolamento termico e l alleggerimento di elementi strutturali orizzontali Knauf Therm: soluzioni isolanti per l isolamento civile ed industriale Elevate

Dettagli

Tubi di rame SANCO e WICU per idrotermosanitari

Tubi di rame SANCO e WICU per idrotermosanitari Tubi di rame SANCO e WICU per idrotermosanitari La Società Il Gruppo Wieland Il gruppo Wieland, con sede ad Ulm, è uno dei leader mondiali nella produzione di semilavorati e prodotti speciali in rame

Dettagli

Pannello Radiante Pulsar

Pannello Radiante Pulsar CONFORME ALLA NUOVA NORMA EUROPEA EN 14037 Pannello Radiante Pulsar Riscaldamento e Raffrescamento Per ambienti commerciali, amministrativi, sportivi, etc. A controsoffitto o a vista 1 Riscaldamento e

Dettagli

DIBt. Tel.: +49 30 78730-0 Fax: +49 30 78730-320 E-mail: dibt@dibt.de

DIBt. Tel.: +49 30 78730-0 Fax: +49 30 78730-320 E-mail: dibt@dibt.de Omologazione generale di applicazione ai fini della sicurezza costruttiva Istituto tedesco per la tecnica delle costruzioni ENTE DI DIRITTO PUBBLICO Istituto di omologazione per prodotti edili e tipologie

Dettagli

AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO

AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO AKTIVBOARD PANNELLI RADIANTI PER PARETE E SOFFITTO IN CARTONGESSO SISTEMI RADIANTI Pag. 14 PANNELLO RADIANTE PER PARETI E SOFFITTI COS È AktivBoard è un sistema di riscaldamento e raffrescamento a parete

Dettagli

Il mercato futuro della ristrutturazione. La base migliore per il vostro successo.

Il mercato futuro della ristrutturazione. La base migliore per il vostro successo. Il mercato futuro della ristrutturazione. La base migliore per il vostro successo. Riscaldamento / raffrescamento radiante xnet. La risposta razionale ad ogni esigenza. Per molto tempo l offerta di sistemi

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono

Dettagli

Isolamento acustico anticalpestio certificato

Isolamento acustico anticalpestio certificato Isolamento acustico anticalpestio certificato L anticalpestio ecologico sotto rivestimento Pavigran e Damtec : l isolamento acustico anticalpestio certificato. CARATTERISTICHE Pavigran e Damtec sono linee

Dettagli

AEROLINE T U B E S Y S T E M S. Tecnica di montaggio rapido rapida - semplice - sicura B A U M A N N G M B H

AEROLINE T U B E S Y S T E M S. Tecnica di montaggio rapido rapida - semplice - sicura B A U M A N N G M B H AEROLINE T U B E S Y S T E M S B A U M A N N G M B H Tecnica di montaggio rapido rapida - semplice - sicura AEROLINE Per la Baumann GmbH di Ulm la via è la meta: in continuo sviluppo di prodotti con cui

Dettagli

RESTRUCTURA 2010. Arch: Emma Cavigliasso

RESTRUCTURA 2010. Arch: Emma Cavigliasso RESTRUCTURA 2010 Workshop: Edifici in legno ad alta efficienza energetica Arch: Emma Cavigliasso Costruzioni in Legno La casa in classe energetica A di Biella Il Gruppo La Foca La Focanascenel 1960aVillarbasseeneiprimiannidiattivitàimportaecommercializzacase

Dettagli

Edilizia ecologica ed a basso consumo energetico Casa unifamigliare a Givoletto (TO)

Edilizia ecologica ed a basso consumo energetico Casa unifamigliare a Givoletto (TO) Edilizia ecologica ed a basso consumo energetico Casa unifamigliare a Givoletto (TO) Progettazione bioclimatica ed architettonica, direzione lavori: Ing. Clemente Rebora ProAere Avigliana (TO) pag. 1 Principi

Dettagli

Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL

Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL Schede tecniche FERMACELL Impermeabilizzare nelle costruzioni a secco FERMACELL Sollecitazione dell umidità Campi di utilizzo Secondo la sollecitazione di umidità cui è sottoposto un elemento costruttivo,

Dettagli

il tecnologico sottotegola www.poron.it SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA Porontek 030

il tecnologico sottotegola www.poron.it SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA Porontek 030 SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMICO IN COPERTURA DI EDVIS IL ION IZ E IA Porontek 030 il tecnologico sottotegola PANNELLO SOTTOTEGOLA per isolamento termico microventilato di coperture a falde accoppiato a lamina

Dettagli

ImpIantI radianti a pavimento posa e progettazione 09-07

ImpIantI radianti a pavimento posa e progettazione 09-07 Impianti radianti a Pavimento Posa e progettazione 09-07 IMPIANTI GEOTERMICI - GEOTHERMAL PLANTS INDICE Impianti radianti a Pavimento Posa e progettazione Impianti ad uso civile pg. 5 Impianti ad uso

Dettagli

Buono Microclima confortevole

Buono Microclima confortevole Temperatura superficiale della parete radiante 45 40 35 30 25 Comfort termico mediante convezione e irradiazione (secondo Dr. Ledwina). Tratto dal materiale didattico del Corso di Architettura Bioecologica

Dettagli

PRINCIPALI CARATTERISTICHE PER L'IMPIEGO NELLE COSTRUZIONI RESIDENZIALI. sufficientemente disponibile - smaltibile in discariche per inerti

PRINCIPALI CARATTERISTICHE PER L'IMPIEGO NELLE COSTRUZIONI RESIDENZIALI. sufficientemente disponibile - smaltibile in discariche per inerti MATERIALI TERMOISOLANTI PRINCIPALI CARATTERISTICHE PER L'IMPIEGO NELLE COSTRUZIONI RESIDENZIALI Produzione Impiego Ecologia Proprietà termoigrometriche e acustiche Conduttività termica W/mK Classe di reazione

Dettagli