Carta dei Servizi Sociali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei Servizi Sociali"

Transcript

1 AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N.ro 69 Comune di SARZANA Carta dei Servizi Sociali

2

3 Carta dei Servizi Sociali

4 04 CARTA DEI SERVIZI Presentazione 07 Servizi sociali per i cittadini e le loro famiglie Sostegno economico 14 Sostegno canoni di locazione 16 Assistenza domiciliare 18 Inserimenti sociolavorativi 20 Cittadinanza attiva 22 Informazioni utili La ricerca del lavoro 26 Sportello informagiovani 26 L abitazione: case di edilizia popolare 27 L Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) 27 Il sostegno all integrazione sociale per cittadini stranieri 28 Mediazione linguistica culturale 28 Istruzione e formazione in età adulta 28 Servizi sociali per i minori e le loro famiglie Centri ricreativi estivi 32 Affidamento familiare 33 Interventi educativi per i minori 34 Assegno al nucleo familiare 36 Assegno di maternità 38 Altri servizi 40 Informazioni utili Asili Nido 42 Servizi sociali per i disabili e le loro famiglie Interventi educativi 46 Soggiorni vacanza estivi 47

5 CARTA DEI SERVIZI Inserimento lavorativo protetto 48 Assistenza domiciliare 49 Altri servizi 50 Informazioni utili Contributi economici per abbattimento barriere architettoniche in edifici privati 52 Balneazione agevolata 52 Servizi sociali per gli anziani e le loro famiglie Servizi residenziali e semiresidenziali 56 Integrazione sociale 58 Servizi di prossimità 60 Altri servizi 62 Informazioni utili Centri sociali 64 Università età libera 64 05

6 06

7 Presentazione CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi sociali è un documento che ha lo scopo di offrire ai cittadini un valido strumento per conoscere i servizi, le attività e gli interventi promossi dai Comuni nell ambito dei Servizi Sociali. La carta dei servizi sociali serve: a garantire e migliorare la qualità dei servizi erogati ad avvicinare e far partecipare attivamente i cittadini all attività del territorio a tutelare i diritti dei cittadini. La carta dei servizi sociali contiene: informazioni utili riguardo alle attività del settore socio-assistenziale di Ambito la descrizione dei servizi forniti ai cittadini le modalità di erogazione dei servizi. Struttura della carta: La carta dei servizi sociali è stata impostata in modo discorsivo, per consentirne una più agevole lettura, con diversi colori che indicano i singoli settori di intervento: generalità dei cittadini, minori, disabili, anziani. 07

8 CARTA DEI SERVIZI I servizi sociali I Servizi Sociali dei Comuni della Val di Magra riuniscono una serie articolata di servizi ed interventi, coordinati tra loro, rivolti ai cittadini residenti, italiani ed immigrati di ogni fascia di età, in regola con le disposizioni legislative vigenti, con particolare riferimento alle persone che in un determinato momento della vita richiedono interventi di sostegno. I Servizi Sociali attivano interventi socio-assistenziali ed educativi che hanno come scopo la promozione, il mantenimento ed il recupero del benessere dei suoi cittadini ed il pieno sviluppo delle persone nell ambito dei rapporti familiari e sociali. Il funzionamento dei servizi è garantito da operatori che lavorano in proficua collaborazione tra loro e che sono dotati delle necessarie competenze professionali, organizzative, gestionali ed amministrative. Le Assistenti Sociali nelle diverse aree di intervento si avvalgono della collaborazione di altri soggetti del territorio e degli operatori dell Azienda/Aziende ASL per tutte le attività integrate sociosanitarie. I valori fondamentali, ispirati ai principi della Costituzione Italiana e condivisi da tutti gli operatori, sono: Il rispetto per la persona come il diritto di ciascun individuo ad affrontare con dignità possibili situazioni di difficoltà personale, sociale ed economica. L uguaglianza, l imparzialità e l equità nell erogazione dei servizi, perché a tutti siano date pari opportunità. L efficacia e l efficienza, perché non vi siano sprechi e si risponda ai bisogni. La solidarietà, la sussidiarietà e la cittadinanza attiva, perché si creino e crescano nella società le opportunità di aiutare e di essere aiutati. Gli interventi ed i servizi erogati dai servizi sociali sono disciplinati dal Regolamento dei Servizi Sociali degli Ambiti Territoriali Sociali del Distretto Socio-Sanitario della Val di Magra n.19 approvato con delibera del Consiglio Comunale di Sarzana n. 106 del , disponibile per la consultazione presso la sede del Comune o dei Servizi Sociali, sul sito del Distretto Sociosanitario. 08

9 Priorità generali per la fruizione dei servizi I servizi vengono erogati al cittadino in funzione delle disponibilità economiche previste dal Bilancio e sono rivolti prioritariamente a : Famiglie con figli minori a carico Famiglie inabili incapaci di provvedere ai propri bisogni primari Persone/nuclei con minori risorse economiche Persone senza familiari di riferimento Sede dell Ambito Territoriale Sociale n.69 CARTA DEI SERVIZI La sede operativa dell Ambito Territoriale Sociale n.69 di Sarzana è situata in Via Falcinello n.1/a. dove sono presenti il Presidente/Assessore ai Servizi Sociali, la coordinatrice e gli operatori dei servizi sociali. Presso la sede centrale del Comune di Sarzana (Piazza Matteotti n.1) è dislocato il Dirigente dei Servizi alla Persona Le persone possono accedere al servizio negli orari di ricevimento del pubblico: Ufficio Amministrativo: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 tel fax ; Le assistenti sociali ricevono i cittadini secondo le seguenti modalità: libero accesso al giovedì dalle ore 8,30 alle ore 12,30; appuntamento telefonico tel o Coordinatrice tel L Assessore ai Servizi Sociali riceve i cittadini: appuntamento telefonico tel

10 CARTA DEI SERVIZI Suggerimenti, osservazioni, reclami Tutti i cittadini possono, individualmente o in forma associata, (ma non in forma anonima) avanzare segnalazioni o suggerimenti riguardo al funzionamento dei servizi sociali, ed anche sporgere reclamo per il mancato rispetto degli impegni previsti dalla presente carta dei servizi. Reclami e segnalazioni possono essere presentati: all Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Sarzana sia presentandosi personalmente allo sportello, oppure via e mail, o per telefono. al Distretto Socio Sanitario Val di Magra tramite il sito internet del Distretto,oppure mandando una e- mail. Il cittadino può chiedere informazioni sui servizi esistenti telefonando a: Ufficio amministrativo Servizi Sociali del Comune tel / Ufficio relazioni con il pubblico tel /

11 URP, Ufficio Relazioni con il Pubblico L Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune ha sede in Piazza Matteotti, 5. tel e fax 0187/ E aperto al pubblico dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle e dalle ore alle di lunedì e giovedì (tranne periodo estivo). Distretto Socio Sanitario Il sito del Distretto Socio Sanitario Val di Magra è l indirizzo mail Il Difensore Civico INFORMAZIONI UTILI Il Difensore Civico è un autorità eletta dal Consiglio Regionale a tutela dei cittadini, associazioni ed enti che hanno in corso pratiche con organi della Pubblica Amministrazione ligure (Regione, Comuni, Province, altri enti pubblici e gestori di pubblico servizio). Ha il ruolo di garante dell imparzialità e del buon andamento della Pubblica Amministrazione e in questa veste può segnalare, su istanza dei cittadini, le disfunzioni, gli abusi, i ritardi della Amministrazione, verificare la correttezza dei procedimenti e sollecitarne la conclusione nei termini di legge, procedere all esame congiunto di pratiche pendenti. L ufficio del Difensore Civico regionale ha sede in Genova, viale Brigate Partigiane, 2 - tel , n. verde , Un funzionario dell Ufficio del Difensore Civico Regionale riceve a Sarzana, presso la sede dell Ufficio Relazioni con il Pubblico, piazza Matteotti 5, ogni secondo venerdì del mese. Occorre prendere appuntamento telefonando preventivamente all URP al tel oppure allo

12

13 Servizi sociali per i cittadini e le loro famiglie

14 SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Finalità del sostegno economico Supportare cittadini temporaneamente in difficoltà attraverso l erogazione di un contributo economico a sostegno del reddito. A chi è rivolto Ai cittadini che non siano in grado di far fronte anche temporaneamente ai bisogni fondamentali con le proprie risorse Gli interventi economici sono rivolti prioritariamente a: famiglie in difficoltà con figli minori a carico invalidi civili con totale inabilità lavorativa anziani con pensione minima INPS 14 Sostegno economico

15 Modalità di erogazione SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Per ottenere il contributo è necessario presentare una domanda che viene valutata dalle Assistenti Sociali del comune di residenza, previo colloquio e presentazione di tutta la documentazione richiesta Il tempo massimo che trascorre dalla scadenza del periodo di presentazione della domanda alla risposta del Servizio Sociale è di 30 giorni. Il contributo è subordinato alle disponibilità di ogni singolo bilancio comunale. Il Servizio Sociale garantisce la piena riservatezza di ogni informazione e dato riguardante gli interventi di sostegno economico. Per concedere il contributo, il Servizio Sociale tiene presente sia la situazione economica complessiva della persona che lo richiede (ISEE), che la sua più generale condizione di vita al momento della richiesta, in modo da avere un quadro d insieme del suo stato di bisogno. Il contributo può essere erogato direttamente in denaro, oppure sotto forma di buoni alimentari spendibili nei supermercati locali, o ancora sotto forma di attirbuzione di vantaggi economici (ad esempio, esenzioni e agevolazioni tariffarie) 15

16 SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Finalità del Sostegno economico ai canoni di locazione La Regione Liguria con L.R. 431/98 ha istituito il Fondo Regionale di sostegno alle locazioni che prevede la possibilità di ottenere un parziale rimborso annuale a coloro che sostengono un canone di affitto ad alta incidenza sul reddito. Ogni anno la Regione Liguria stabilisce i criteri ed i tempi per l emanazione dei bandi nei Comuni che sono riferiti alle spese sostenute nell anno precedente. Il bando viene pubblicato all albo Pretorio del Comune di Sarzana 16 Sostegno ai canoni di locazione

17 A chi è rivolto I requisiti di base per accedere a tale contributo sono: la residenza nel comune dove è ubicato l alloggio; un contratto di locazione regolarmente registrato; ricevute di versamento delle locazioni; ISEE rispondente ai parametri stabiliti dalla Regione; non essere titolari di alcuna proprietà immobiliare; non essere assegnatario di casa popolare. SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE 17

18 SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Finalità del servizio di assistenza domiciliare Lo scopo di questo servizio è quello di aiutare la persona a mantenere per quanto è possibile la propria autonomia nella sua abitazione e nel suo ambiente di vita. A chi è rivolto Ai cittadini che sono in una situazione di difficoltà, temporanea o prolungata, nel prendersi cura di sé rispetto ai propri bisogni primari Il servizio viene erogato in regime di appalto con il privato sociale che fornisce Operatori Socio Assistenziali qualificati. 18 Assistenza domiciliare

19 Modalità di erogazione SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Per accedere al servizio di assistenza domiciliare è necessario rivolgersi al Servizio Sociale per un colloquio con l Assistente Sociale, nel corso del quale viene fatta una prima valutazione della situazione, successivamente approfondita da una visita domiciliare. Se la domanda di assistenza domiciliare viene accolta l assistente sociale definisce un progetto d' intervento che specifica tempi e modalità, condividendolo con il destinatario e/o i familiari. Il progetto personalizzato di assistenza, può essere modificato assieme all assistente sociale con cui lo si è concordato inizialmente in relazione a cambiamenti significativi dei bisogni della persona. Nel caso che al momento della richiesta non vi sia un posto disponibile, il richiedente viene inserito in lista d attesa e contattato nel momento in cui si rendesse disponibile un posto. Il costo del servizio è stabilito in base alla situazione economica complessiva della persona che ne fa richiesta (ISEE) ed è disciplinato dal Regolamento dei Servizi Sociali dell Ambito Territoriale Sociale n. 69 di Sarzana. Il servizio di assistenza domiciliare, in relazione a quanto stabilito nel progetto d intervento individualizzato, può intervenire per la persona che non è in grado di provvedere da sé alla preparazione del pasto consegnando il pasto già pronto a domicilio 19

20 SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Inserimenti socio-lavorativi per cittadini in situazione di fragilità Il Servizio Sociale comunale può attivare percorsi protetti di inserimento socio-lavorativo a favore di cittadini residenti, in condizione di fragilità clinica e sociale, che non sono in grado di sostenere una normale attività lavorativa. L intervento,che fa parte di un processo più ampio d integrazione sociale, rappresenta un occasione di apprendimento, di socializzazione e di crescita della persona, attivato attraverso un progetto individualizzato che di norma vede coinvolti più servizi (sociali e sanitari) e che viene condiviso con la persona ed i suoi familiari. Il comune di residenza può riconoscere un contributo economico e provvede alla copertura delle polizze INAIL e Responsabilità Civile. Servizi sanitari coinvolti: Servizio Tossicodipendenti Via Paci,1 Sarzana tel Assistenza Psichiatrica Via Paci,1 Sarzana tel Inserimenti socio lavorativi

21 SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE 21

22 SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Promozione e sostegno alla cittadinanza attiva Una comunità locale fa fronte ai bisogni ed alle richieste di aiuto dei propri cittadini non solo attraverso i Servizi Sociali del Comune, ma anche attraverso la solidarietà di molti altri soggetti, associazioni o singole persone, nonché attraverso l impegno e la partecipazione attiva. 22 Cittadinanza attiva

23 Consulte del Comune di Sarzana/Comitati di gestione Consulta Comunale soggetti diversamente abili (D.C.C. n. 81 del ) Consulta Comunale per l ambiente (D.C.C. n. 35 del ) Consulta Comunale per lo sport e la ricreazione (D.C.C. n. 28 del ) Comitati di gestione della Scuola Comunale dell infanzia (D.C.C. n. 37 del ) Comitati di gestione dell asilo nido comunale G. Tendola (D.C.C. n. 37 del ) Centri sociali gestione telefono BARONTINI Associazione Terza Età BRADIA Associazione Bradia CROCIATA Associazione La Crociata NAVE Circolo Arci-Auser FALCINELLO Associazione Falcinello Piazza Prulla (dalle 16 in poi) SARZANELLO Associazione Cult. Vivi Sarzanello GRISEI Circolo ARCI BATTIFOLLO Circolo ARCI MARINELLA Circolo ARCI SAN LAZZARO Circolo ARCI Le Consulte territoriali SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Le Consulte territoriali possono concorrere alla determinazione ed all attuazione dell attività politicoamministrativa comunale esprimendo pareri non vincolanti, formulando indicazioni e proposte su singoli argomenti o materie riguardanti interessi collettivi dei propri residenti e domiciliati. Le sedi delle Consulte Territoriali sono reperite presso Immobili di proprietà comunale o concessi ad altro titolo al Comune. Consulte territoriali presenti sul territorio: 1.Centro Storico; 2.Trinità-Ponti di Ferro; 3.Crociata; 4.Battifollo; 5.Olmo, S. Caterina, Boettola; 6.Grisei, Ghiaia di Falcinello; 7.Falcinello - Piazza e Prulla; 8.Bradia; 9.Nave, S. Michele e Fortezza; 10.Sarzanello; 11.S. Lazzaro; 12.Marinella 23

24 SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE Partecipazione, dialogo e confronto on-line tra Istituzioni, Territorio e cittadini. Progetto CON-Net - Consulte territoriali in rete ll Progetto CON-Net - Consulte territoriali in rete nel Comune di Sarzana è un progetto innovativo che vuole far dialogare insieme Comune, Consulte, Associazioni e Cittadini, offrendo una luogo virtuale dove tutti insieme possono confrontarsi e comunicare con il supporto di strumenti telematici. Il progetto apre un canale di scambio su vari argomenti come: politiche sociali, ambiente, urbanistica, cultura, trasporti / mobilità ed attività istituzionale. E possibile inoltre recarsi presso alcuni punti pubblici, i CON-Net Point, dove la persona può aver accesso ad Internet, consultare il materiale informativo ed eventualmente usufruire del supporto di persone messe a disposizione dalle Consulte e dalle Associazioni: Centro Sociale Barontini Via Ronzano tutte le mattine (tranne festivi e prefestivi) ore ; Centro Culturale Ceccarelli (ex scuola di Crociata), Via Crociata, mar e giov ore , sabato ore ; Centro Territoriale Permanente Val di Magra, presso Scuola Media Poggi-Carducci, Via L. Neri, tutte le mattine (tranne festivi e prefestivi) ore , martedì, mercoledì e giovedì ore ; Biblioteca di Marinella, Via Giovanni XXIII, tutti i pomeriggi (tranne festivi e prefestivi) ore , martedì e mercoledì mattina ore ; Centro Sociale di Falcinello, Via Terma, martedì, mercoledì e venerdì ore ; Biblioteca Civica Martinetti, Via Landinelli, tutti i pomeriggi (tranne festivi) ore

25 SERVIZI SOCIALI PER I CITTADINI E LE LORO FAMIGLIE 25

26 INFORMAZIONI UTILI La ricerca del lavoro Per informazioni su offerte di lavoro e corsi di orientamento e/o formativi professionalizzanti, è opportuno rivolgersi al Centro Provinciale per l Impiego, dove è possibile anche avere colloqui di orientamento al lavoro con l Assistente Sociale preposta, previo appuntamento. CENTRO PER L IMPIEGO piazza Vittorio Veneto, Sarzana tel Sportello Comunale Informagiovani/Segreteria Studenti Università di Pisa Offre servizi informativi e di primo orientamento indirizzati ai giovani ed agli adolescenti del territorio della Val di Magra e mirato a far conoscere loro le opportunità presenti sul territorio nei diversi ambiti: lavoro e professioni scuola, università e formazione professionale educazione permanente vita sociale, diritti e salute cultura, sport, tempo libero viaggi e vacanze studiare e lavorare all estero Lo sportello Informagiovani svolge inoltre funzioni di Segreteria Studenti decentrata dell Università di Pisa. Ci si può rivolgere allo sportello per le varie pratiche amministrative di immatricolazione, iscrizione, rilascio di certificati, domanda di borsa di studio e di riduzione tasse, trasferimento, interruzione temporanea o rinuncia agli studi. Ha sede in piazza Matteotti, 5 presso l Ufficio Relazioni con il Pubblico. Tel Orario al pubblico: dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle e dalle ore alle di lunedì e giovedì (tranne periodo estivo). 26

27 L abitazione: case di edilizia popolare Gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, o case popolari, sono abitazioni di proprietà pubblica che vengono concesse in affitto a canone agevolato ai cittadini o famiglie in condizione disagiata. Per ottenere l assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica è necessario partecipare a specifici bandi che vengono periodicamente pubblicati. Per informazioni su requisiti e modalità necessari rivolgersi a: A.R.T.E. (Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia ) Via XXIV Maggio n. 369 Comune di SARZANA, Ufficio Casa, via Bertoloni tel Aperto al pubblico dal lunedì al sabato ore e ore di lunedì e giovedì (tranne periodo estivo). L Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E. ) I.S.E.E., Indicatore della Situazione Economica Equivalente, è un valore che dà la misura della situazione economica complessiva di un nucleo familiare. E obbligatorio presentare l ISEE da parte dei cittadini che chiedono l accesso agevolato a prestazioni o servizi comunali non destinati alla generalità dei soggetti (ad esempio: Fondo per la non autosufficienza, centri estivi, contributi economici a sostegno del reddito, assistenza domiciliare sociale, ecc. ) Per effettuare il calcolo dell ISEE i cittadini possono rivolgersi ai C.A.F. (Centri di Assistenza Fiscale) presentando la documentazione necessaria. I C.A.F. convenzionati con il Comune di Sarzana: C.A.F. C.G..I.L. Via Paganino n. 4/c, Sarzana, tel Dal Lunedì al Venerdì dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,30 C.A.F. C.I.S.L. Via Brig.Part. Muccini n.40 Sarzana, Tel Lunedì dalle 9,00 alle 12,00; C.A.F. U.I.L. Via Sobborgo Emiliano n.43 Sarzana, tel dal Lunedì al Giovedì dalle 9,00 alle 12,30 e dalle 15,00 alle 18,30 INFORMAZIONI UTILI 27

28 28 INFORMAZIONI UTILI Sostegno all integrazione sociale per cittadini stranieri Per facilitare l integrazione degli stranieri nella comunità locale i servizi sociali collaborano con gli sportelli dei sindacati C.G.I.L.,C.I.S,L e U.I.L. (vedi indirizzi e riferimenti telefonici sopra riportati) Tali sportelli offrono informazioni su: legislazione in materia di immigrazione; orientamento sui servizi esistenti sul territorio e sulle modalità di accesso; istruttorie per il rilascio di permessi, carte di soggiorno, pratiche di ricongiungimenti familiari ecc. Mediazione linguistica- culturale I comuni, per facilitare l integrazione sociale e scolastica dei bambini stranieri immigrati sia per l apprendimento della lingua italiana che per l inserimento nel nuovo contesto di vita, attivano, in ambito scolastico previa richiesta delle scuole interessate, interventi di mediazione linguistica-culturale. Il servizio di mediazione linguistico/culturale è rivolto a minori, residenti, iscritti (per la prima volta) alle scuole del territorio, dalla scuola dell infanzia a quella secondaria di primo grado. Istruzione e formazione in età adulta Centro Territoriale Permanente (CTP) Val di Magra presso la Scuola Media "Poggi-Carducci" di Sarzana (Via L. Neri, 22) tel Il CTP Val di Magra organizza: corsi per l alfabetizzazione in lingua italiana (italiano per stranieri) corsi per il conseguimento del diploma di scuola media Si rivolge a persone adulte italiane e straniere lavoratori, casalinghe, disoccupati, pensionati. Agli stranieri offre la possibilità di migliorare il proprio inserimento nell ambiente socio-economico della città attraverso un percorso di apprendimento funzionale della lingua italiana. Agli adulti che abbiano interrotto il percorso scolastico prima del completamento della scuola dell obbligo offre la possibilità di perfezionare la propria istruzione acquisendo un titolo di studio. A tutti offre percorsi di istruzione e formazione anche specifici che consentano di migliorare le proprie condizioni di vita.

29 INFORMAZIONI UTILI Associazione Val di Magra Formazione Sarzana (Via Falcinello,1) tel L Associazione Val di Magra organizza: corsi di formazione, riqualificazione e aggiornamento per occupati disoccupati e soggetti in cerca di prima occupazione 29

30

31 Servizi sociali per i minori e le loro famiglie

32 AREA SERVIZI AI MINORI Finalità dei Centri ricreativi estivi I Centri ricreativi estivi hanno l obiettivo di favorire la promozione del benessere dei minori. Nei centri vengono strutturate diverse attività di tipo ludico, sportivo ed educativo che offrono la possibilità a bambini e ragazzi di condividere con i coetanei esperienze educative e socializzanti. Gli animatori propongono un calendario settimanale di giochi, attività espressive, sportive, laboratori tecnico-manuali ed altre eventuali attività. A chi è rivolto Ogni estate l Ambito n. 69 promuove i Centri ricreativi Estivi a cui possono partecipare di norma bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. I centri Estivi sono realizzati in strutture comunali con modalità decise annualmente dall amministrazione. E prevista una partecipazione economica da parte delle famiglie dei minori partecipanti. 32 Centri ricreativi estivi

33 Finalità dell Affidamento familiare AREA SERVIZI AI MINORI L affidamento familiare è un intervento temporaneo di aiuto e sostegno rivolto ad un minore e alla sua famiglia che si trovano a vivere una situazione di difficoltà Coloro che decidono di aderire all affidamento accolgono nella propria vita e nella propria casa il bambino e si impegnano ad assicurare un adeguata risposta ai suoi bisogni affettivi, educativi, di mantenimento e di istruzione nel rispetto della sua storia personale e familiare. Chi può diventare affidatario Tutti possono diventare affidatari: famiglie, coppie, single. Si può scegliere di dare la propria disponibilità per alcuni mesi, per alcuni anni, per alcune ore della giornata, per i fine settimana, per la durata di un emergenza. Le persone coppie o single interessate a conoscere l affido si possono rivolgere all ufficio competente del comune telefonando allo /12. Affidamento familiare 33

34 AREA SERVIZI AI MINORI Finalità degli interventi educativi L intervento, oltre a fornire aiuto e supporto educativo alla persona minorenne, intende offrire sostegno e possibilità di positiva evoluzione al contesto di relazioni che sta intorno al minore, con particolare riguardo alla sua situazione familiare. 34 Interventi educativi per i minori

35 A chi è rivolto A bambini ed adolescenti che mostrino segnali di difficoltà e disagio. Modalità di erogazione AREA SERVIZI AI MINORI L intervento educativo rivolto ai minori consiste in concreto nell affiancare al bambino o all adolescente un educatore che in relazione alla singola progettualità, accompagni il minore nel suo percorso di crescita individuale e sociale. Gli interventi educativi per minori vengono attivati dal Servizio Sociale del Comune di residenza, anche dietro segnalazione del Servizio materno Infantile dell ASL o della scuola, e strutturati sulla base di un progetto educativo individualizzato, con il coinvolgimento della famiglia. 35

36 AREA SERVIZI AI MINORI Assegno al Nucleo Familiare, cos è. E un intervento di sostegno, destinato ai nuclei familiari con almeno tre figli minori, che dispongono di redditi rispondenti ai criteri ed ai limiti stabiliti annualmente dallo Stato. L'assegno viene corrisposto dall INPS ed è stabilito in tredici mensilità con importo definito annualmente. L assegno è rivolto ai cittadini italiani o comunitari residenti nel territorio dello Stato. Il nucleo familiare deve essere composto da almeno un genitore e tre figli minori che siano figli propri e sui quali eserciti la potestà genitoriale. Ai figli minori del richiedente sono equiparati i figli del coniuge, nonché i minori ricevuti in affidamento preadottivo. Il genitore e i tre minori devono far parte della stessa famiglia anagrafica. Questo requisito non si considera soddisfatto se alcuno dei tre figli minori, quantunque risultante nella famiglia anagrafica del richiedente, sia in affidamento presso terzi. 36 Assegno al nucleo familiare

37 AREA SERVIZI AI MINORI Come usufruirne. La domanda va presentata presso l Ufficio Protocollo del Comune di Sarzana completa di Istanza di assegno al nucleo familiare e certificazione ISEE. 37

38 AREA SERVIZI AI MINORI Assegno di maternità, cos è. L'assegno di maternità è un contributo economico previsto per mamme - cittadine italiane o comunitarie o cittadine extracomunitarie in possesso di carta di soggiorno - che non svolgano attività lavorativa e non percepiscano contributi dall'inps per la maternità, o li percepiscano per un importo inferiore alla misura mensile dell assegno stesso. L assegno viene corrisposto in un unica soluzione, corrispondente a cinque mensilità. È previsto in qualunque caso di ingresso di un minore nel nucleo familiare, per nascita, affidamento preadottivo o adozione. L'importo dell'assegno viene stabilito annualmente a livello nazionale. 38 Assegno di maternità

39 AREA SERVIZI AI MINORI Come usufruirne. La domanda deve essere presentata entro il termine perentorio di 6 mesi dall'ingresso del bambino nel nucleo familiare. La domanda va presentata presso l Ufficio Protocollo del Comune di Sarzana completa di Istanza di assegno al nucleo familiare e Certificazione ISEE. Le condizioni reddituali per poter usufruire dell assegno vengono stabilite annualmente a livello nazionale. 39

40 AREA SERVIZI AI MINORI sostegno economico pag. 14 sostegno economico ai canoni di locazione pag. 16 assistenza domiciliare pag. 18 inserimenti socio-lavorativi protetti pag altri servizi...

41 AREA SERVIZI AI MINORI 41

42 42 INFORMAZIONI UTILI Asilo Nido L Asilo Nido ha lo scopo di favorire l equilibrato sviluppo psicofisico del bambino fino a tre anni, sostenendo ed integrando la famiglia nei suoi compiti educativi e di cura. Il servizio Asilo Nido può accogliere bambini da tre mesi ai tre anni di età;gli asili nido comunali accolgono prioritariamente i cittadini minori residenti nel comune in cui è ubicata la struttura. Ogni asilo nido ha un proprio regolamento che definisce le modalità organizzative. ASILI NIDO sul territorio di Sarzana DENOMINAZIONE SEDE UTENTI POSTI Asilo nido G. Tendola Viale XXI Luglio tel da 3 a 36 mesi 44 (Comune di Sarzana) Asilo nido Gulliver Via Paganino tel da 12 a 36 mesi 38 L Asilo nido Gulliver ha 20 posti convenzionati con il Comune di Sarzana Micro nido Il girotondo di Alice Via Torrione San Francesco, 33 da 12 a 36 mesi 17 Micro nido Pimpirulin Via Sarzanello, 232/A da 3 a 36 mesi 13 posti disponibili al di fuori del territorio comunale destinati a cittadini residenti a sarzana: n. 2 posti in convenzione presso l Asilo nido comunale Il Castello Magico di S. Stefano Magra altri servizi per minori presenti sul territorio n. 1 sezione primavera per bambini tra i 24 ed i 36 mesi attivata presso la scuola dell infanzia Saudino, Via Marina 8. Modalità di accesso all asilo nido comunale G. Tendola ed ai posti convenzionati presso le altre strutture (disciplinate dalla D.G. C. numero 98 del 1999): Per l ammissione viene stilata apposita graduatoria sulla base delle domande presentate entro il termine fissato annualmente (di norma entro il 15 maggio).

Carta dei Servizi Sociali

Carta dei Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N.ro 67 Comuni di: AMEGLIA CASTELNUOVO MAGRA ORTONOVO Carta dei Servizi Sociali Carta dei Servizi Sociali 04 CARTA DEI SERVIZI Presentazione 07 Servizi sociali per i cittadini

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE BENEFICIARI SERVIZIO ASSEGNO CIVICO IN FAVORE DI CITTADINI E/O FAMIGLIE CHE

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno

Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno Procedimento Assegni al nucleo familiare numeroso Dove E' un contributo economico annuale a sostegno dei nuclei familiari in cui sono presenti almeno tre figli minori di 18 anni. L'importo massimo dell'assegno

Dettagli

SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO

SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO 9 SERVIZI DI SOSTEGNO ECONOMICO Assegno di maternità 9 È un contributo economico per affrontare le spese legate alla nascita ed ai primi mesi di vita del neonato. Può essere richiesto per nascite, adozioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI 1. PRINCIPI GENERALI I seguenti criteri disciplinano, all interno di un sistema integrato

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA

SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 2 SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA 28 Servizi per la prima infanzia 2 Sono servizi educativi che offrono ai bambini al di sotto dei tre anni uno spazio di gioco ed incontro con altri

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI 2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle domande e

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008 Assessorato alle Politiche Sociali partner dei cittadini Vademecum 2007/2008 Cari concittadini, questa guida ai servizi sociali del Comune di Cagliari è una prima risposta concreta, all esigenza e al diritto

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Procedimenti amministrativi 1

Procedimenti amministrativi 1 Scheda di rilevazione dei procedimenti amministrativi (art. 35, comma 1, del D.Lgs. 33/2013) Soc.01 A1) Breve descrizione del procedimento ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI. su richiesta del cittadino, viene

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. C O M U N E d i C A D E L B O S C O d i S O P R A REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. Approvato con Deliberazione C.C. n. 43 del 30/09/1999 CONTROLLATO nella

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara Finito di stampare ottobre 2012 .. Comune di Gradara Carta Bimbi Informazioni per le

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

AVVISO. Invito per la raccolta delle candidature per prestazioni di lavoro accessorio per il progetto Reciproca solidarietà e lavoro accessorio 2015

AVVISO. Invito per la raccolta delle candidature per prestazioni di lavoro accessorio per il progetto Reciproca solidarietà e lavoro accessorio 2015 AVVISO Invito per la raccolta delle candidature per prestazioni di lavoro accessorio per il progetto Reciproca solidarietà e lavoro accessorio 2015 La Città di Ciriè intende coinvolgere per l anno 2015,

Dettagli

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA SPERIMENTALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME SERVIZI

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CRITERI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIO-EDUCATIVO ED ASSISTENZIALE PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016

BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016 COMUNE DI LORETO Provincia di Ancona Settore VI - Servizi Sociali BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016 Il Responsabile 6 Settore Funzionale rende noto che sono aperte le

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI POLIZZI GENEROSA PROVINCIA DI PALERMO Via Garibaldi n. 13 - cap. 90028 - tel. 0921 551621 - fax 0921 688205 Sito internet: www.comune.polizzi.pa.it CARTA DEI SERVIZI SOCIALI Delibera n. 38 del

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste famiglia Assegno di Maternità e Assegno per il Nucleo Famigliare 01 Tali sostegni economici sono volti a favorire il benessere di nuclei familiari con figli. L assegno di maternità è un contributo economico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO PREMESSA A seguito della direttiva prot. n. 108191/10/com del 9.1.01, il Commissario

Dettagli

Oggetto: richiesta ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

Oggetto: richiesta ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Al Sig. Sindaco del Comune di ISOLA DEL LIRI Oggetto: richiesta ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Il/La sottoscritto/a... nato/a in... Prov. il././.. e residente in ISOLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI OSPEDALETTO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI PRESENTAZIONE La Carta dei Servizi Sociali del Comune di Ospedaletto Lodigiano nasce come strumento di cittadinanza attiva,

Dettagli

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Asilo nido ALBANO LAZIALE Carta dei servizi Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Premessa I servizi educativi rivolti alla prima infanzia rappresentano una delle priorità dell Amministrazione

Dettagli

Contributi e agevolazioni per famiglie

Contributi e agevolazioni per famiglie Contributi e agevolazioni per famiglie Opuscolo realizzato dall Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Signa Febbraio 2014 Bonus sociale tariffe energetiche: luce e gas Il valore del Bonus è differenziato

Dettagli

PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO

PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA 2 - FINANZIAMENTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI SETTEMBRE 2008 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento di cui si sono dotati i Comuni del Distretto 5, secondo quanto previsto dalla

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Hai voglia di casa? Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Regione Lombardia presenta il bando per l erogazione del contributo per agevolare l accesso alla proprietà

Dettagli

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS AVVISO PER LA CONCESSIONE DEL BONUS STRAORDINARIO UNA TANTUM ALLE FAMIGLIE CON FIGLI ANNO 2011 per complessivi Euro 23.000 Il Comune con il presente Bando persegue gli obiettivi di: Promuovere la centralità

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

Regolamento dei Servizi Sociali

Regolamento dei Servizi Sociali Allegato alla D.C.C. n.23 del 29.09.2003 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE 70020 - PROVINCIA DI BARI - P.I. 00878940725 UFFICIO SEGRETERIA - Piazza A. Moro n.10 - Tel. 080/764333 - Fax 080/775600 - E-mail

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010.

ALLEGATO 1 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. ALLEGATO 1 alla deliberazione di Giunta Comunale n. 184 del 10/12/2009 TARIFFE DEI SERVIZI PUBBLICI DIVERSI A DOMANDA INDIVIDUALE IN VIGORE DAL 01/01/2010. CENTRO DIURNO Come stabilito all art. 14 del

Dettagli

Comune di Villanova di Camposampiero UFFICIO SERVIZI SOCIALI. Contributi per le famiglie in difficoltà economiche

Comune di Villanova di Camposampiero UFFICIO SERVIZI SOCIALI. Contributi per le famiglie in difficoltà economiche Comune di Villanova di Camposampiero UFFICIO SERVIZI SOCIALI Informafamiglie Contributi per le famiglie in difficoltà economiche attraverso il tuo Comune di residenza FIGLI UTENZE BANDI ASSISTENTE SOCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 66 DEL 15/06/2011 SOMMARIO: ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

Dettagli