SICUREZZA DEI BENI CULTURALI ORDINE DEGLI INGEGNERI PROVINCIA DI LATINA 19 luglio 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA DEI BENI CULTURALI ORDINE DEGLI INGEGNERI PROVINCIA DI LATINA 19 luglio 2010"

Transcript

1 SICUREZZA DEI BENI CULTURALI ORDINE DEGLI INGEGNERI PROVINCIA DI LATINA 19 luglio 2010 ARGOMENTI TRATTATI: EDIFICI DI INTERESSE STORICO ARTISTICO E QUELLI DESTINATI A BIBLIOTECHE, ARCHIVI E MUSEI NORME E ADEGUAMENTI ANTINCENDIO Ing. Sebastiano Giuliano 1

2 BENI CULTURALI I BENI CULTURALI CHE COMPONGONO IL PATRIMONIO STORICO ED ARTISTICO NAZIONALE SONO TUTELATI SECONDO LE DISPOSIZIONI DEL D. Lgs. 22 gennaio 2004, n.42, IN ATTUAZIONE DELL ART. 9 DELLA COSTITUZIONE (Titolo I, Capo I, Sezione I, Art. I) 2

3 BENI CULTURALI Il Patrimonio culturale 1. Il patrimonio culturale è costituito dai beni culturali e dai beni paesaggistici. 2. Sono beni culturali le cose immobili e mobili che, ai sensi degli articoli 10 e 11, presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico e le altre cose individuate dalla legge o in base alla legge quali testimonianze aventi valore di civiltà. 3. Sono beni paesaggistici gli immobili e le aree indicati all'articolo 134, costituenti espressione dei valori storici, culturali, naturali, morfologici ed estetici del territorio, e gli altri beni individuati dalla legge o in base alla legge. 4. I beni del patrimonio culturale di appartenenza pubblica sono destinati alla fruizione della collettività, compatibilmente con le esigenze di uso istituzionale e sempre che non vi ostino ragioni di tutela. 3

4 PATRIMONIO CULTURALE AFFRONTANDO IL PROBLEMA DELLA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI APPARTENGONO AL PATRIMONIO CULTURALE: EDIFICI PREGEVOLI PER ARTE; EDIFICI PREGEVOLI PER STORIA; EDIFICI DESTINATI A CONTENERE OGGETTI DI INTERESSE CULTURALE SOTTOPOSTI A TUTELA DA PARTE DELLO STATO QUALI: ARCHIVI, BIBLIOTECHE, MUSEI, GALLERIE, COLLEZIONI, ETC.; MONUMENTI; AREE ARCHEOLOGICHE; CATTEDRALI, CHIESE E SIMILI. 4

5 EDIFICI GLI EDIFICI DI UNA STESSA CATEGORIA POSSONO DIFFERENZIARSI: PER CARATTERISTICHE STRUTTURALI; PER GEOMETRIA; PER ARTICOLAZIONE PLANIVOLUMETRICA; PER DESTINAZIONE D USO DELL INTERO EDIFICIO E/O PARTE DI SINGOLI VOLUMI DELLO STESSO; NATURA E QUANTITATIVI DELLE SOSTANZE SUSCETTIBILI DI BRUCIARE; FATTORI DI ESPOSIZIONE AL RISCHIO D INCENDIO DEI BENI IN ESSI CONTENUTI E DELLE PERSONE CHE A QUALSIASI TITOLO SONO PRESENTI IN ESSI (VISITATORI, ADDETTI, FREQUENTATORI, SOPRATTUTTO PER QUELLI PORTATORI DI HANDICAP). 5

6 VALUTAZIONE DEL GRADO DI SICUREZZA ANTINCENDIO LA VALUTAZIONE DEL GRADO DI SICUREZZA ANTINCENDIO PUO AVVENIRE MEDIANTE GLI APPROCCI O DI NATURA PRESCRITTIVA O DI NATURA PRESTAZIONALE: L APPROCCIO DI NATURA PRESCRITTIVA PREVEDE IL RISPETTO DELLE REGOLE TECNICHE EMANATE DAL MINISTERO DELL INTERNO CON ESIGUI MARGINI DI DISCREZIONALITA PER TECNICI E RESPONSABILI DELLE ATTIVITA NON SEMPRE FACILMENTE APPLICABILI (In sostanza è il legislatore che esegue preventivamente l analisi del rischio ed impone le misure di prevenzione e protezione idonee a compensare il rischio); L APPROCCIO DI NATURA PRESTAZIONALE PREVEDE CHE IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SICUREZZA ANTINCENDIO VENGA DIMOSTRATO IN RALAZIONE ALLA VEROSIMILE SITUAZIONE CHE POTREBBE RISCONTRARSI IN CASO D INCENDIO (Gli obiettivi possono diventare dei valori di soglia di alcune grandezze, per esempio la concentrazione di CO dopo 5 min ad altezza di 1,5 m dal pavimento < 200 ppm, oppure che il flusso radiante < 1 KW/m2, ecc.) 6

7 ATTIVITA SOGGETTE ALLE VISITE ED AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI DA PARTE DEI VIGILI DEL FUOCO AI FINI DEL RILASCIO DEL CPI Le attività soggette a rilascio del Certificato di prevenzione incendi, definite come Beni Culturali sono quelle elencate nel punto 90 dell allegato al DM 16 febbraio 1982: Edifici pregevoli per arte o storia e quelli destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni o comunque oggetti di interesse culturale sottoposti alla vigilanza dello Stato di cui al Regio Decreto 7 novembre 1942, n

8 Punto 90 DM Gli insediamenti Beni Culturali rientrano tutti nel punto 90) per uno o più dei seguenti motivi: Perché edifici pregevoli per arte o storia Perché edifici destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni o comunque oggetti d interesse culturale sottoposti alla tutela da parte dello Stato Perché edifici pregevoli per arte o storia destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni o comunque oggetti d interesse culturale e/o altre attività incluse nell allegato al DM

9 RICHIESTA DEL RILASCIO DEL CPI Il responsabile legale dell insediamento deve richiedere al Comando dei Vigili del Fuoco competente per territorio il rilascio di un unico ed onnicomprensivo certificato di prevenzione incendi, la cui attività primaria deve essere individuata nel citato punto 90 dell allegato al DM , indicando le eventuali attività secondarie presenti 9

10 MODELLI RICHIESTA 10

11 NORMATIVA DI RIFERIMENTO REGIO DECRETO 7 NOVEMBRE 1942, 1564; Approvazione delle norme per l'esecuzione, il collaudo e l'esercizio degli impianti tecnici che interessano gli edifici pregevoli per arte o storia e quelli destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni e oggetti d'interesse culturale. DECRETO MINISTERIALE 16 FEBBRAIO 2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti e elementi costruttivi di opere da costruzione DECRETO MINISTERIALE 9 MARZO 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del C.N.VV.F. DECRETO MINISTERIALE 9 MAGGIO 2007 Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio D.M. 30 NOVEMBRE 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi. DECRETO MINISTERIALE 20 MAGGIO 1992, N. 569 Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre. D.P.R. 30 GIUGNO 1995, N. 418 Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi. D.P.R. 12 GENNAIO 1998, N. 37 Regolamento recante disciplina dei provvedimenti relativi alla prevenzione incendi. D.M. 4 MAGGIO 1998 Modalità di presentazione e contenuti delle domande per la richiesta dell esame del progetto e di rilascio del C.P.I. D. Lgs. 29 OTTOBRE 1999, N. 490 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e ambientali, a norma dell articolo 1 della legge 8 ottobre, n DECRETO LEGISLATIVO 22 gennaio 2004, n.42 Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n

12 REGIO DECRETO 7 NOVEMBRE 1942, 1564 Tale decreto rende obbligatorie le norme compilate dal CNR per l esecuzione, il collaudo e l esercizio degli impianti tecnici che interessano gli edifici pregevoli per arte o storia e quelli destinati a contenere biblioteche, archivi, musei, gallerie, collezioni e oggetti d interesse culturale sottoposti alla vigilanza dello stato. 12

13 IMPIANTI TECNICI Queste norme, che hanno per fine la sicurezza degli edifici e la buona conservazione dei materiali in essi contenuti, si applicano per l esecuzione, il collaudo e l esercizio di: Impianti termici Impianti elettrici Impianti idraulici 13

14 IMPIANTI TECNICI Di seguito si elencano le disposizioni ancora vigenti del R.D. 07/11/42 n. 1564, le altre sono state abrogate dal D.P.R. 30/06/95, n. 418: Art.1 limiti e applicabilità delle norme; Art. 4 opere sotterranee; Art. 5 distanze degli impianti da materiali infiammabili; Art. 6 locali per abitazioni; Art. 13 isolamento delle canalizzazioni e sistemazione degli apparecchi; Art. 14 impianti ad aria calda; Art limiti di umidità negli ambienti; Art. 26 distanza delle tubazioni e condotte; Art. 27 sistemazione delle tubazioni e condotte; Art. 28 misure contro eventuali perdite d acqua; Art. 29 organi tecnici; Art. 30 controllo dell apparecchiatura antincendi; Art. 31 controllo degli impianti di riscaldamento; art. 32 controllo della temperatura e dell umidità; Art. 33 vigilanza sugli apparecchi locali di riscaldamento; Art. 34 collaudo impianto idrico; Art. 35 schemi di impianti termici. Arch. Giancarlo Ranalletta 14

15 D.M. 30 NOVEMBRE 1983 SIMBOLI GRAFICI 15

16 D.P.R. 30 giugno 1995, n. 418 ( Edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.) Campo di applicazione: edifici pubblici e privati sottoposti a tutela ai sensi della Legge 1 giugno 1939, n. 1089, destinati a contenere biblioteche ed archivi. Attività consentite negli edifici: tutte le attività comprese nel D.M. 16 febbraio 1982 non pertinenti a condizione che risultino isolate o separate con strutture REI 120 rispettando le norme sulle attività a rischio specifico. 16

17 Prescrizioni tecniche Divieti È vietato nei locali tenere ed usare fiamme libere, fornelli o stufe a gas, stufe elettriche con resistenza in vista, stufe a kerosene e sostanze che possono reagire tra loro provocando incendi; Carico d incendio Carico d incendio non è incrementabile dopo il rilascio del C.P.I.; Per le attività di nuova istituzione o per gli ampliamenti da realizzare, il carico d incendio ad esclusione delle strutture non può essere superiore a 50 kg/m2 in ogni singolo ambiente; 17

18 CARICO DI INCENDIO DECRETO 9 marzo 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attivita' soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Il carico d incendio è il potenziale termico netto della totalità dei materiali combustibili contenuti in uno spazio corretto in base ai parametri indicativi della partecipazione alla combustione dei singoli materiali. Il carico di incendio è espresso in MJ. Convenzionalmente 1MJ è assunto pari a 0,054 chilogrammi di legna equivalente. Il carico di incendio specifico è il carico di incendio riferito all unità di superficie lorda. E espresso in MJ/m2. qf,d = δq1 δq2 δn qf qf = g H mψ/a 18

19 T A B E L L E 19

20 T A B E L L E 20

21 T A B E L L E 21

22 Reazione al fuoco dei materiali I materiali di rivestimento dei pavimenti devono essere di classe non superiore a 2; I materiali di rivestimento e quelli suscettibili di prendere fuoco su ambo le facce devono essere di classe non superiore a 1; I mobili imbottiti devono essere di classe 1 IM. 22

23 Reazione al fuoco dei materiali La reazione al fuoco esprime il grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco cui è sottoposto nelle sue effettive condizioni di messa in opera. In relazione alle specifiche prove ai materiali per l edilizia (rivestimenti, controsoffitti, pavimenti, etc.) e a quelli di arredamento (tessuti, tendaggi, mobili imbottiti) viene assegnata una classe : Classe 0 (materiali incombustibili) Classe 1, 2, 3, 4, 5 all aumentare della loro partecipazione alla combustione 23

24 Sale di consultazione e lettura Vie di esodo Sistema organizzato di vie di esodo: Realizzare il percorso più breve per raggiungere le uscite; La larghezza dei percorsi non inferiore a 0,90 m e privi di ostacoli e segnalati con cartelli indicanti anche le istruzioni sul comportamento da tenere in caso d incendio; I percorsi devono avere lunghezza non superiore a 30 m, e dimensionati in funzione del massimo affollamento ipotizzabile, per una capacità di deflusso non superiore a 60; La larghezza totale si ottiene sommando la larghezza di tutte le uscite di larghezza non inferiore a 0,90 che immettono su spazio scoperto o luogo sicuro; Diversamente si deve procedere alla riduzione dell affollamento anche con l ausilio di sistemi che limitino l afflusso delle persone in ingresso. 24

25 DEPOSITI Il materiale conservato deve essere posizionato in scaffali e/o contenitori metallici lasciando passaggi liberi di larghezza non inferiore a 0,90 m; La comunicazione tra questi locali ed il resto dell edificio deve avvenire tramite porte REI 120 munite di congegni di autochiusura; Con carico d incendio superiore a 50 kg/m2 deve essere installato impianto di spegnimento automatico collegato a impianto di allarme; Deve essere assicurata la ventilazione naturale pari a 1/30 della superficie in pianta o n. 2 ricambi ambiente/ora con mezzi meccanici. 25

26 Impianti elettrici Gli impianti elettrici devono essere realizzati secondo le prescrizioni della legge 1 marzo 1968, n. 186 e della legge 5 marzo 1990, n. 46; Norme CEI Nelle sale di lettura con presenza di pubblico, deve essere installato un sistema di sicurezza per l illuminazione delle vie di esodo e la segnalazione delle uscite di sicurezza per il tempo necessario a consentire l evacuazione di tutte le persone; Deve essere realizzata la protezione contro le scariche atmosferiche 26

27 Ascensori e montacarichi Gli ascensori e montacarichi devono rispettare le norme del DECRETO 15 Settembre 2005 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento ubicati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi. 27

28 Mezzi antincendio Devono essere installati estintori portatili di capacità estinguente non inferiore a 13 A nella misura di uno ogni 150 m2 di superficie di pavimento in posizione ben visibile, segnalata e di facile accesso; L impianto idrico antincendio deve essere realizzato da una rete ad anello dotata di attacchi DN 45 UNI utilizzabili per il collegamento a naspi o manichette; La rete idrica deve essere dimensionata per garantire una portata minima di 240 litri/min per ogni colonna montante con più di due idranti; L alimentazione idrica deve essere in grado di assicurare ai due idranti idraulicamente più sfavoriti almeno 120 litri/min per ogni idrante, con una pressione residua di 2 bar e per un tempo di almeno 60 min. All esterno del fabbricato devono essere previsti una rete di idranti DN 70 UNI e un attacco di mandata per autopompe. 28

29 ESTINTORI A CO2 E POLVERE 29

30 IDRANTI DN 45 UNI 30

31 NASPO DN 25 UNI 31

32 IDRANTI 32

33 PORTE PULSANTI DI ALLARME E PRESIDI ANTINCENDIO 33

34 Rivelazione e allarme Nei locali devono essere installati impianti fissi di rivelazione automatica di incendio, collegati a dispositivi di allarme ottici e/o acustici percepibili nei locali presidiati; Deve essere installato almeno un sistema di allarme acustico in grado di avvertire le persone presenti delle condizioni di pericolo in caso d incendio. Nei locali aperti al pubblico deve essere previsto un impianto di altoparlanti da utilizzare in condizioni di emergenza per dare le necessarie istruzioni ai presenti o soluzioni alternative. 34

35 IMPIANTO DI RIVELAZIONE E ALLARME Tali dispositivi di segnalazione sfruttano per la rivelazione di un incendio: Prodotti dalla combustione Rivelatori di fumo Luminosità della fiamma Rivelatori Ottici Aumento della temperatura Rivelatori Termici L impianto è costituito da: 1 Elemento sensore (rivelatori); 2 Centrale di controllo (presidiata o teleallarme); 3 Elemento motore (alimentazione elettrica di sicurezza. 35

36 D.M. 20 maggio 1992, n. 569 (Norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici ed artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre.) Campo di applicazione Le norme di questo regolamento, volte ad assicurare la sicurezza degli edifici e la buona conservazione dei materiali in essi contenuti, si applicano agli edifici pubblici e privati di interesse artistico e storico destinati a contenere musei, gallerie, collezioni, oggetti di interesse culturale o manifestazioni culturali, per le quali si applicano le disposizioni contenute nella legge 1 giugno 1939, n (modificata dal D. Lgs. 29 ottobre 1999, n. 490). Attività consentite Tutte le attività comprese e non nel D.M. 16 febbraio 1982 nel rispetto delle vigenti disposizioni di prevenzione incendi. 36

37 Misure precauzionali per lo sfollamento delle persone in caso di emergenza Gli edifici devono essere provvisti di un sistema organizzato di vie di uscita per il deflusso rapido e ordinato delle persone verso luoghi sicuri. Deve essere individuato il percorso più breve per raggiungere le uscite. Tale percorso deve avere larghezza non inferiore a 0,90 m, essere privo di ostacoli e adeguatamente segnalato con segnaletica applicata ad intervalli regolari (30 m) indicante le istruzioni sul comportamento da tenere in caso di pericolo. Il massimo affollamento consentito deve essere commisurato alla larghezza totale delle vie di esodo esistenti con capacità di deflusso pari a 60 persone per modulo. 37

38 Divieti e comunicazioni Le attività disciplinate dal presente regolamento non devono avere comunicazioni con altre attività soggette, che non siano pertinenti con l attività principali. Sono consentite eccezionalmente comunicazioni tramite porte REI 120. È vietato nei locali tenere ed usare fiamme libere, fornelli o stufe a gas, stufe elettriche con resistenza in vista, stufe a kerosene e sostanze che possono reagire tra loro provocando incendi; È vietato il deposito di sostanze infiammabili in quantità eccedenti il normale uso giornaliero, usate per il restauro delle opere. Negli ambienti ove è svolta l attività di restauro, gli impianti elettrici, anche provvisori, non devono costituire cause di pericolo. 38

39 Carico d incendio e reazione al fuoco Il carico di incendio determinato da elementi di arredo non è incrementabile dopo il rilascio del C.P.I. Non sono considerati elementi di arredo gli oggetti esposti al pubblico. Negli atrii, corridoi di disimpegno, nelle scale e nelle rampe, non possono essere posti elementi di arredo combustibili, oltre al carico d incendio esistente costituito dalle strutture e dal materiale esposto indicato nel C.P.I. Per le attività di nuova istituzione o per gli ampliamenti da realizzare, il carico d incendio relativo agli arredi e al materiale da esporre, di tipo combustibile, ad esclusione delle strutture esistenti, non può essere superiore a 10 kg/m2 in ogni singolo ambiente. 39

40 Misure precauzionali per lo sfollamento delle persone in caso di emergenza Il conteggio delle uscite può essere effettuato sommando la larghezza di tutte le uscite di larghezza non inferiore a 0,90 che immettono su spazio scoperto o luogo sicuro; Nel computo della larghezza delle uscite possono essere conteggiati anche gli ingressi, se questi consentono un facile deflusso in caso d emergenza. Diversamente si deve procedere alla riduzione dell affollamento anche con l ausilio di sistemi che limitino l afflusso delle persone in ingresso. 40

41 Carico d incendio e reazione al fuoco I nuovi elementi di arredo combustibili, che siano successivamente introdotti negli ambienti, devono possedere le seguenti caratteristiche di reazione al fuoco: 1.I materiali di rivestimento del pavimento devono essere di classe non superiore a 2; 2.I materiali suscettibili di prendere fuoco su ambo le facce devono essere di classe non superiore a 1; 3.I mobili imbottiti devono essere di classe 1 IM. 41

42 Depositi Il materiale conservato deve essere posizionato in modo da mantenere uno spazio libero di 1 metro da soffitto, lasciando passaggi liberi di larghezza non inferiore a 0,90 m tra i materiali depositati; La comunicazione tra questi locali ed il resto dell edificio deve avvenire tramite porte REI 120 che di regola devono essere chiuse; Con carico d incendio superiore a 50 kg/m2 deve essere installato impianto di spegnimento automatico i cui agenti estinguenti devono essere compatibili con i materiali depositati; Deve essere assicurata la ventilazione naturale pari a 1/30 della superficie in pianta o n. 2 ricambi ambiente/ora con mezzi meccanici. 42

43 Aree a rischio specifico Le attività a rischio specifico di servizio elencate nel D.M. 16 febbraio 1982 devono essere realizzate in conformità alle vigenti disposizioni di prevenzione incendi; Le centrali termiche di nuova installazione, non possono essere ubicate all interno degli edifici disciplinati dal presente regolamento. 43

44 Impianti elettrici Gli impianti elettrici devono essere realizzati secondo le prescrizioni della legge 1 marzo 1968, n. 186 e della legge 5 marzo 1990, n. 46; Norme CEI Negli ambienti con presenza di pubblico, deve essere installato un sistema di sicurezza per l illuminazione e l indicazione delle vie di esodo e la segnalazione delle uscite di sicurezza; Deve essere realizzata la protezione contro le scariche atmosferiche. 44

45 Mezzi antincendio Devono essere installati estintori portatili di capacità estinguente non inferiore a 13 A nella misura di uno ogni 150 m2 di superficie di pavimento in posizione ben visibile, segnalata e di facile accesso; L impianto idrico antincendio deve essere realizzato da una rete ad anello dotata di attacchi DN 45 UNI utilizzabili per il collegamento a naspi o manichette; La rete idrica deve essere dimensionata per garantire una portata minima di 240 litri/min per ogni colonna montante con più di due idranti; L alimentazione idrica deve essere in grado di assicurare ai due idranti idraulicamente più sfavoriti almeno 120 litri/min per ogni idrante, con una pressione residua di 1,5 bar e per un tempo di almeno 60 min. All esterno del fabbricato deve essere previsto un attacco di mandata per autopompe VV.F.. 45

46 Rivelazione e allarme Nei locali devono essere installati impianti fissi di rivelazione automatica di incendio, collegati a dispositivi di allarme ottici e/o acustici percepibili nei locali presidiati; Deve essere installato almeno un sistema di allarme acustico ed ottico in grado di avvertire le persone presenti delle condizioni di pericolo in caso d incendio. 46

47 LA DIRETTIVA 89/106/CEE DEL 21/12/88 PRODOTTI DA COSTRUZIONE E DOCUMENTO INTERPRETATIVO N. 2 SICUREZZA IN CASO DI INCENDIO La Direttiva 89/106/CEE, recepita con D.P.R. 21/04/1993, n. 246, stabilisce per i prodotti da costruzione anche la sicurezza in caso d incendio. Il requisito sicurezza in caso d incendio è subordinato al raggiungimento nell attività dei seguenti obiettivi fondamentali: Garantire la capacità portante dell edificio per un periodo determinato; Limitare la produzione e la propagazione dell incendio e quelle dei prodotti della combustione all interno delle opere; Limitare la propagazione dell incendio alle opere vicine; Consentire che gli occupanti possano lasciare l opera o che vengano soccorsi in altro modo; Prendere in considerazione la sicurezza delle squadre di soccorso. 47

48 DOCUMENTO INTERPRETATIVO N. 2 DELLA COMUNITA EUROPEA Il documento stabilisce che in materia di sicurezza antincendio delle opere gli strumenti di progettazione devono essere finalizzati: Per determinare i dati di base sulle modalità di sviluppo e propagazione dell incendio e dei suoi effluenti nelle opere (sia all interno che all esterno degli edifici); Per valutare le azioni conseguenti all esposizione al calore ed agli effluenti di persone e opere, o all azione meccanica sulle strutture e sulle opere; Per valutare la prestazione dei prodotti da costruzione esposti all incendio in relazione a: infiammabilità, propagazione della fiamma, velocità di emanazione del calore, produzione di fumo e dei gas tossici nel caso di incendi in fase di sviluppo, resistenza al fuoco delle strutture; Per calcolare i tempi di attivazione dei sistemi di controllo, delle squadre antincendio e degli occupanti;inoltre per verificare l effetto dei sistemi di controllo dell incendio e del fumo ed i tempi di rivelazione in funzione della natura e della ubicazione dei rivelatori di incendio o di fumo: Per valutare e progettare le misure di evacuazione e di soccorso. 48

49 L APPLICAZIONE DELL INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO NELLE ATTIVITA SOGGETTE Con l emanazione del D.M. 4 maggio 1998 si stabilisce che per le attività non regolate da specifiche disposizioni di sicurezza antincendio, nella relazione tecnica venga evidenziata l osservanza dei criteri generali di sicurezza, tramite l individuazione dei pericoli di incendio, la valutazione dei rischi connessi e la descrizione delle misure di prevenzione e protezione antincendio da attuare per ridurre i rischi. Il tecnico è quindi tenuto ad eseguire la valutazione del rischio incendio presente nell attività e nulla esclude che essa possa effettuarsi con i metodi dell ingegneria della sicurezza antincendio specie in quelle attività prive di specifiche regole tecniche di prevenzione incendi (depositi, fabbriche, attività industriali, ecc.). 49

50 PROGETTO DI SICUREZZA ANTINCENDIO Obiettivi Strategia Elaborazione Verifica 50

51 OBIETTIVI GENERALI DI UN PROGETTO DI SICUREZZA ANTINCENDIO 1. RIDUZIONE DELLE OCCASIONI DI INCENDIO 2. STABILITA DELLE STRUTTURE ALLA AZIONE DEL FUOCO 3. NON PROPAGAZIONE DELL INCENDIO 4. SICUREZZA DEGLI OCCUPANTI 5. SICUREZZA DEI SOCCORRITORI 51

52 STRATEGIA ANTINCENDIO PER GARANTIRE LA SICUREZZA DEGLI OCCUPANTI, DEI BENI MOBILI E DI QUELLI IMMOBILI SERVE L ADOZIONE DI UNA STRATEGIA DI SICUREZZA ANTINCENDIO CHE COMPRENDA IL NOVERO DELLE MISURE PREVENTIVE, DI PROTEZIONE ATTIVA E PASSIVA E QUELLE DI NATURA ORGANIZZATIVA. 52

53 OBIETTIVI SPECIFICI DI UN PROGETTO DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI UN EDIFICIO RIENTRANTE NEL COSIDDETTO Patrimonio culturale 1. Una mirata adozione di misure preventive atte a ridurre le occasioni d incendio e per agire sulla azione del fuoco; 2. La tutela degli insediamenti e degli edifici contenitori nei confronti della azione del fuoco; 3. La tutela del contenuto degli insediamenti e degli edifici anche in condizioni di emergenza; 4. La sicurezza degli occupanti (frequentatori ed addetti) anche in condizioni di emergenza; 5. La sicurezza dei soccorritori in condizioni di emergenza. 53

54 SCHEMA PROGETTO DI SICUREZZA ANTINCENDIO 54

55 INCENDIO DI PROGETTO Gli incendi possono assumere andamenti e produrre conseguenze affatto differenti in relazione alle: caratteristiche chimico fisiche delle sostanze combustibili che partecipano alla combustione; energia di innesco; condizioni al contorno 55

56 INCENDIO DI PROGETTO Per via di diversi parametri (volume,capacità termica e ventilazione del contenitore, carico d incendio, velocità di combustione delle sostanze suscettibili di bruciare, modalità di stoccaggio, etc.) i tempi di flash-over di incendi accidentali di sostanze combustibili solide variano di norma da qualche minuto (fino a 5) a poche decine di minuti (fino a 20). Per i beni culturali è in questo breve lasso di tempo che il problema incendio deve essere affrontato e risolto per salvaguardare i beni del contenitore. 56

57 INCENDIO DI PROGETTO E quindi necessario un progetto di sicurezza che deve fare riferimento ad un percorso costituito da più e diversi momenti, tra i quali: Definire l incendio di progetto che si vuole affrontare e risolvere; Provvedere al suo tempestivo rivelamento; Provvedere all invio di allarmi mirati; Provvedere al controllo e/o allo spegnimento con sostanze idonee; Provvedere all intervento ad uomo presente con verifiche e/o azioni mirate. 57

58 GLI INCENDI POSSONO ESSERE RAPPRESENTATI DA CURVE TEMPERATURA - TEMPO La curva ISO 834 è l azione fuoco con la quale si caratterizza la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi Curva di un incendio lentamente crescente Curva degli idrocarburi Curva di un incendio esterno 58

59 GLI INCENDI POSSONO ESSERE RAPPRESENTATI ANCHE DA CURVE PARAMETRICHE LA TEMPERATURA VARIA CON IL VARIARE CON LE CONDIZIONI DI VENTILAZIONE 59

60 CURVE QUALITATIVAMENTE SIGNIFICATIVE DI RATEO DI RILASCIO DI CALORE RHR DELL INCENDIO IN OGNI SUA FASE (TEMPO) 60

61 VILLA MONDRAGONE EDIFICIO DEL 1500 DI INTERESSE STORICO ARTISTICO TUTELATO DALLO STATO, ADIBITO A BIBLIOTECA, ESPOSIZIONE, SALE CONVEGNO E ATTIVITA RICETTIVA 61

62 PLANIMETRIA 62

63 INGRESSO PRINCIPALE 63

64 BILIOTECA 8 - BIBLIOTECA 64

65 9 - GALLERIA 65

66 SALA CONVEGNI 1- SALONE DEGLI SVIZZERI 66

67 SALA DI ACCESSO AL SALONE DEGLI SVIZZERI INGRESSO ALLA SALA CONFERENZE 67

68 ALTRE SALE SALA DELLE CARIATIDI 68

69 ALTRE SALE 69

70 PORTICO PORTICO DEL VENANZIO 70

71 CORTE INTERNA 10 - CORTE 71

72 PROSPETTO DEL RETRO 72

73 GIARDINI 73

74 IL PALAZZO DELLA CIVILTA' ITALIANA 74

75 IL PALAZZO DELLA CIVILTA' ITALIANA Il Palazzo della Civiltà Italiana, progettato dagli Architetti Guerrini, La Padula e Romano ed inaugurato il 30 novembre del 1940, è uno dei monumenti tra i più rappresentativi della Roma moderna Sono in corso le opere di restauro conservativo del Palazzo, consegnato nel novembre 2003 al Ministero per i Beni e le Attività Culturali che ha affidato i lavori all impresa Fenice restauri. Gli interventi riguardano in particolare: il restauro dei rivestimenti delle facciate in pietra da taglio e protezione con prodotti speciali; il rifacimento del manto impermeabile dello stilobate e di tutti i porticati; il rifacimento dei lucernai in vetrocemento dello stilobate; il ripristino delle pavimentazioni in pietra da taglio dello stilobate e dei porticati; la sostituzione dei discendenti per lo smaltimento delle acque piovane; il rinnovo dell'impianto di protezione dalle scariche atmosferiche; il restauro di tutti gli infissi monumentali con la realizzazione di uscite di sicurezza e l'installazione di vetri camera; gli infissi centrali lato nord e lato sud sono stati modificati in modo da consentirne l'agevole smontaggio e facilitare l'introduzione di oggetti voluminosi all'interno delle sale ai vari piani; il ripristino della tinteggiatura delle volte a crociera dei porticati con colore originale ritrovato con studi stratigrafici; il ripristino dell'impianto di illuminazione dei porticati; l eliminazione delle superfetazioni all'interno dello stilobate; il restauro strutturale del solaio dello stilobate per garantirne la fruibilità; la demolizione delle pavimentazioni al piano terra; il ripristino del manto impermeabile al piano copertura. La struttura verrà inoltre adeguata alle normative vigenti in materia di sicurezza e di risparmio energetico, e verrà recuperata la singolare modalità di illuminazione suggerita in fase progettuale per riproporre un immagine notturna vicina alle intenzioni del gruppo progettista che intendeva rendere l edificio simile a un faro di luce. Il progetto di ristrutturazione del Palazzo, in corso di definizione, propone inoltre di dedicare la splendida terrazza alla ristorazione. La cucina, negli anni in cui esplose il pensiero futurista, fu il centro di un ampio dibattito artistico esteso ad ogni manifestazione della sua estetica. I futuristi erano convinti che la cornice, ovvero il ristorante, dovesse rappresentare un elemento fondamentale di continuità con la linea della sua cucina. Da un riordino di vecchi carteggi, ritrovati durante i lavori di ristrutturazione del Palazzo della Civiltà Italiana, sono spuntati gli appunti redatti dalla Curti S.A. di Bologna e datati 4 settembre 1939/XVII che hanno per oggetto E/42 Palazzo Civiltà & Ristorante a Quota 107. Si tratta, in pratica, del progetto di una grande veranda da 500 metri quadrati, con vetrate e profilati metallici per completare con un punto di riferimento gastronomico l idea, cara ai futuristi, della cucina come parte integrante della civiltà e della cultura italiana. Oggi EUR S.p.A., nell ambito del progetto di ristrutturazione dell edificio, sta considerando il recupero dell idea di un ristorante panoramico in cima al Palazzo della Civiltà Italiana, che diventi punto di riferimento della cucina tradizionale delle varie Regioni italiane. 75

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

D.P.R. 30 giugno 1995, n. 418

D.P.R. 30 giugno 1995, n. 418 D.P.R. 30 giugno 1995, n. 418 Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storicoartistico destinati a biblioteche ed archivi. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Modulo Argomento Ore Data Orario 1 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma Rivelazione incendi e prevenzione incendi Di cosa parliamo? 1. Il quadro normativo: DM 37/2008 2. La normativa di prevenzione incendi: certificazione 3. La regola dell arte: UNI 9795 EN 54 4. Rivelazione

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO Settore Patrimonio e Demanio Servizi Progettazione Manutenzione Fabbricati Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295111 Fax 0341.295444 AMPLIAMENTO I.P.S.S.C.T.S. G. FUMAGALLI IN CASATENOVO

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C.

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. 15/02/2008 L.C. 28/03/2008 GENERALITA' COMPARTIMENTI La presente

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO PREMESSA Il legno è un materiale che, impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (ad es. strutturali, decorativi o di arredamento ecc.), ha sempre posto il problema della sua combustibilità, intesa

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO ( 4 ORE) 1) INCENDIO 1 ora principi della combustione prodotti della combustione sostanze estinguenti

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987 DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n 246 Gazzetta Ufficiale n 148 del 27 giugno 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO A CURA DI Ing. SEBASTIANO MARTIGNANO Via G.Boccaccio, n. 4 73100 LECCE Via Cerreto di Spoleto, n. 29 00181 Roma Tel.: +39 (832) 498023 Fax: +39 (832)

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE INDICE 1) Premessa 2) Progetto edilizio 3) verifica norme antincendio 4) Attività 91 5) Mezzi ed impianti fissi di estinzione 6) Segnaletica di sicurezza 1 REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

2 Principali misure di protezione antincendio da adottare

2 Principali misure di protezione antincendio da adottare Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio 058 688 31 10 cancelleria@mendrisio.ch mendrisio.ch C O STRUZIONI P R OVVISORI E L I N EE GUI D A DI PROTEZIONE ANTINCENDIO 1 Scopi e basi legali 1.1

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo

O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo 9.00 13.00 Giorno Periodo Argomento Docente 20.03 23.03 24.03 27.03 30.03 Introduzione alla Prevenzione Incendi. Allegato I del D.M. 10 marzo 1998 (valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro).

Dettagli

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile IL MINISTERO DELL INTERNO tramite Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Emana le norme contenenti le misure di Prevenzione e di Protezione contro gli Incendi che

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI)

ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) La sicurezza al fuoco nella progettazione e posa in opera di canne fumarie Dott.ing. Paolo Bosetti Servizio Antincendi e Protezione

Dettagli

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari I SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. GENERALITÀ... 3 2.1. SCOPO... 3 2.2. DESTINAZIONE D USO... 3 2.3. CLASSIFICAZIONE... 4 3. UBICAZIONE... 4 3.1. GENERALITÀ... 4 3.2. ACCESSO ALL AREA... 4 4. SEPARAZIONI -

Dettagli

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI -

Piano per la gestione delle emergenze UFFICI E RESIDENZA FASCETTI - Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI 1 STRUTTURA SEDE UFFICI E RESIDENZA FASCETTI Piazza dei Cavalieri,

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 2011

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 2011 PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 011 A) OBIETTIVI E FONDAMENTI DI PREVENZIONE INCENDI A1 A A3 A4 A5 A6 Introduzione alla prevenzione

Dettagli

Le novità introdotte dalla nuova regola tecnica sulle attività commerciali attualmente in corso di emanazione. Arch.

Le novità introdotte dalla nuova regola tecnica sulle attività commerciali attualmente in corso di emanazione. Arch. Le novità introdotte dalla nuova regola tecnica sulle attività commerciali attualmente in corso di emanazione Arch. Valter Cirillo Dopo un elaborazione che a fasi alterne e con il contributo di diversi

Dettagli

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI*

ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* PREVENZIONE INCENDI DI STEFANO FELICIONI* ADEGUAMENTO DEGLI ASILI NIDO ESISTENTI SECONDO LA NUOVA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI A distanza di più di vent anni dall emanazione delle norme di prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Ufficio Anagrafe Riglione Il tecnico

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI PREMESSA La presente relazione è inerente la ristrutturazione del Palazzo Marchesale sito nel Comune di Matino.- Il progetto di ristrutturazione prevede l utilizzo di tale

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE

INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE Datore di Lavoro Unico Sicurezza Lavoro CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE Registro antincendio scuola

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F.

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. Sommario SOMMARIO Prefazione... IX Nota sugli autori... XI Capitolo 1 GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. 1.1 Norme fondamentali di prevenzione incendi...

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO SANITARIO INDICE 1- GENERALITA...2 2- RETI DI ADDUZIONE DELL ACQUA...3 3- RETI DI SCARICO SERVIZI IGIENICI...5 4- IMPIANO IDRICO ANTINCENDIO...6 5- RETI DI IDRANTI...6 6- IMPIANTI FISSI DI RILEVAZIONE INCENDI...7

Dettagli

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 APPROVAZIONE DELLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Centri commerciali e locali di vendita Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it Gli esercizi commerciali sono luoghi frequentati quotidianamente da

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

programma aggiornato al 05/02/14

programma aggiornato al 05/02/14 programma aggiornato al 05/02/14 Modulo 1: Obiettivi, direttive, Legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi Presentazione del corso Presidenti degli Ordini e Collegi 0.15 15.30 15.45 mercoledì

Dettagli