Bollettino. Settimanale. Anno XXV - n. 21

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino. Settimanale. Anno XXV - n. 21"

Transcript

1 Bollettino Settimanale Anno XXV - n. 21 Pubblicato sul sito 15 giugno 2015

2

3 SOMMARIO INTESE E ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE 5 A480 - INCREMENTO PREZZO FARMACI ASPEN Provvedimento n I748B - CONDOTTE RESTRITTIVE DEL CNF Provvedimento n I759 FORNITURE TRENITALIA Provvedimento n I771 - SERVIZI DI POST-PRODUZIONE DI PROGRAMMI TELEVISIVI RAI Provvedimento n A484 - UNILEVER/DISTRIBUZIONE GELATI Provvedimento n OPERAZIONI DI CONCENTRAZIONE 184 C11072B - MOBY/TOREMAR Provvedimento n C METANO NORD/UTILITÀ Provvedimento n SEPARAZIONI SOCIETARIE 200 SP157 - H3G/CONDOTTE POSTE ITALIANE E POSTEMOBILE Provvedimento n ATTIVITA' DI SEGNALAZIONE E CONSULTIVA 202 AS COMUNE DI SEVESO (MB) - IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA DI PROPRIETÀ ENEL SOLE SRL 202 AS SVOLGIMENTO DEI SERVIZI POSTALI NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 206 AS SERVIZI AUTORIZZATI DI LINEA CON AUTOBUS 208 AS SCHEMA DI ATTO DI REGOLAZIONE IN MATERIA DI GARE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE 212 PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE 218 PS SKY PUBBLICITÀ-UEFA CHAMPIONS LEAGUE Provvedimento n IP221 - UNIVERSITÀ AMBROSIANA-DENOMINAZIONE NON RICONOSCIUTA Provvedimento n PS T-SHOCK31-TIMODELLACLUB Provvedimento n PS9820 VALUEBASKET-MACATA CONSEGNA PRODOTTO Avviso della comunicazione del termine di conclusione della fase istruttoria 243

4

5 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO INTESE E ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE A480 - INCREMENTO PREZZO FARMACI ASPEN Provvedimento n L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 13 maggio 2015; SENTITO il Relatore Dottoressa Gabriella Muscolo; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 102 del Trattato sul Funzionamento dell Unione europea (TFUE); VISTO il Regolamento del Consiglio CE n. 1/2003 del 16 dicembre 2002, concernente l applicazione delle regole di concorrenza di cui agli articoli 101 e 102 del TFUE; VISTO il d.p.r. 30 aprile 1998, n. 217; VISTA la propria delibera del 19 novembre 2014, con la quale è stata avviata un istruttoria ai sensi dell articolo 14, della legge n. 287/90, nei confronti delle società Aspen Italia S.r.l. e Aspen Pharma Trading Ltd. per accertare l esistenza di violazioni dell art. 102 del TFUE in relazione a un possibile abuso di posizione dominante nei mercati dei farmaci a base di melfalan (Alkeran), clorambucile (Leukeran) mercaptopurina (Purinethol) e tioguanina (Tioguanina); VISTA la propria delibera del 11 febbraio 2015 con cui è stato esteso soggettivamente il procedimento nei confronti di Aspen Pharma Ireland Ltd.; VISTI gli atti del procedimento e, in particolare, gli elementi acquisiti nel corso degli accertamenti ispettivi effettuati in data 27 novembre 2014, ai sensi dell art. 14, comma 2, della legge n. 287/90 presso le sedi delle società Aspen Italia S.p.A., GlaxoSmithKline S.p.A. e Laboratorio Farmacologico Milanese S.r.l. e, ai sensi dell articolo 22 del Regolamento 1/2003, attraverso la cooperazione dell Autorità di Concorrenza Irlandese, Competition and consumer protection commission, presso le società Aspen Pharma Trading Ltd. e Aspen Pharma Ireland Ltd., i cui documenti sono stati trasmessi a questa Autorità ex art. 12 del Regolamento 1/2003; CONSIDERATO che dalla documentazione acquisita nel corso delle ispezioni emerge che la società Aspen Pharmacare Holdings Ltd. sarebbe stata coinvolta: 1) nel processo di pricing delle specialità medicinali considerate nonché nella gestione della catena di distribuzione delle stesse; 2) nel processo di rinegoziazione dei prezzi di tali farmaci con l Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA); 3) nel subentro del gruppo Aspen al gruppo GlaxoSmithKline nella commercializzazione dei farmaci in esame; RITENUTO necessario estendere soggettivamente l istruttoria alla società Aspen Pharmacare Holdings Ltd.;

6 6 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO 2015 DELIBERA a) di estendere soggettivamente il procedimento avviato il 19 novembre 2014 alla società Aspen Pharmacare Holdings Ltd.; b) che il responsabile del procedimento è la Dott.ssa Paola Roberta Sfasciotti; c) la fissazione del termine di giorni trenta, decorrente dalla data di notificazione del presente provvedimento, per l esercizio, da parte dei rappresentanti legali dei predetti soggetti, ovvero di persone da essi delegate, del diritto di essere sentiti, precisando che la richiesta di audizione dovrà pervenire alla Direzione Agroalimentare e Trasporti della Direzione Generale per la Concorrenza di questa Autorità almeno sette giorni prima della scadenza del termine sopra indicato; d) che gli atti del procedimento possono essere presi in visione dalle società nei cui confronti si svolge l istruttoria, ovvero da persone da esse delegate, presso la Direzione Agroalimentare e Trasporti della Direzione Generale per la Concorrenza di questa Autorità. Il presente provvedimento sarà notificato ai soggetti interessati e pubblicato nel Bollettino dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. IL SEGRETARIO GENERALE Roberto Chieppa IL PRESIDENTE Giovanni Pitruzzella

7 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO I748B - CONDOTTE RESTRITTIVE DEL CNF Provvedimento n L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 27 maggio 2015; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTO l articolo 101 del Trattato sul Funzionamento dell Unione Europea (TFUE); VISTA la Legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO in particolare l articolo 15, comma 2, della citata Legge, nella parte in cui prevede che, in caso di inottemperanza alla diffida di cui al comma 1 dello stesso articolo, l'autorità applica la sanzione amministrativa pecuniaria fino al dieci per cento del fatturato ovvero, nei casi in cui sia stata applicata la sanzione di cui al comma 1, di importo non inferiore al doppio della sanzione già applicata con un limite massimo del dieci per cento del fatturato, determinando altresì il termine entro il quale il pagamento della sanzione deve essere effettuato; VISTA la Legge 24 novembre 1981, n. 689; VISTO il proprio provvedimento n del 22 ottobre 2014, con il quale è stato accertato che il Consiglio Nazionale Forense (CNF), in violazione dell art. 101 TFUE, ha posto in essere un intesa unica e continuata, restrittiva della concorrenza, consistente nell adozione di due decisioni volte a limitare l autonomia dei professionisti rispetto alla determinazione del proprio comportamento economico sul mercato, stigmatizzando quale illecito disciplinare la richiesta di compensi inferiori ai minimi tariffari e limitando l utilizzo di un canale promozionale e informativo attraverso il quale si veicola anche la convenienza economica della prestazione professionale; VISTI i punti (b) ed (e) del dispositivo del citato provvedimento, con i quali, rispettivamente, si ordina al CNF di assumere misure atte a porre termine all infrazione accertata, dandone adeguata comunicazione agli iscritti, e di comunicare tali adempimenti all Autorità, trasmettendo una specifica relazione entro il 28 febbraio 2015; VISTO il punto (c) del dispositivo del citato provvedimento, con il quale si diffida il CNF dal porre in essere in futuro comportamenti analoghi a quello oggetto dell infrazione; VISTI gli atti del procedimento; CONSIDERATO quanto segue: I. IL PROVVEDIMENTO DI CONCLUSIONE DELL ISTRUTTORIA I748 CONDOTTE RESTRITTIVE DEL CNF 1. Con provvedimento n del 22 ottobre 2014, l'autorità ha accertato che il Consiglio Nazionale Forense [CNF n.d.r.], in violazione dell articolo 101 del TFUE, ha posto in essere un infrazione unica e continuata, restrittiva della concorrenza, consistente nell adozione di due decisioni volte a limitare l autonomia dei professionisti rispetto alla determinazione del proprio comportamento economico sul mercato, stigmatizzando quale illecito disciplinare la richiesta di compensi inferiori ai minimi tariffari [circolare n. 22-C/2006 ndr] e limitando l utilizzo di un canale promozionale e informativo attraverso il quale si veicola anche la convenienza economica

8 8 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO 2015 delle prestazioni professionali [parere n. 48/2012 n.d.r.] 1. Infatti, la circolare ed il parere miravano a limitare direttamente e indirettamente la concorrenza tra i professionisti basata sulle condizioni economiche dell offerta dei servizi professionali, con evidente svantaggio per i consumatori finali In particolare, la circolare n. 22-C/2006, pubblicata unitamente e quale premessa alle disposizioni in materia di tariffe prima e di parametri poi, prevedeva, inter alia, che il fatto che le tariffe minime non siano più obbligatorie non esclude che sempre civilisticamente parlando le parti contraenti possano concludere un accordo con riferimento alle tariffe come previste dal D.M. Tuttavia, nel caso in cui l avvocato concluda patti che prevedano un compenso inferiore al minimo tariffario, pur essendo il patto legittimo civilisticamente, esso può risultare in contrasto con gli artt. 5 e 43 c. II del codice deontologico, segnatamente con i criteri del decoro e della dignità professionale ivi contenuti. Il parere n. 48/2012, invece, sussumeva nella fattispecie deontologica dell accaparramento della clientela l attività pubblicitaria svolta dai professionisti attraverso l uso di piattaforme quali AmicaCard, ritenendo che le stesse consentono al professionista, dietro pagamento di un corrispettivo, di pubblicizz[are] l attività del suo studio evidenziando la misura percentuale dello sconto riservato ai titolari della carta effettuando, in tal modo, un offerta generalizzata al pubblico, il cui elemento distintivo è rappresentato dalla vantaggiosità dello sconto prospettato dal professionista offerente, mentre rimangono del tutto aspecifici ed indeterminati la natura e l oggetto dell attività al medesimo richiesta, aggiungendo che il sito costituisce [ ] un canale di informazione concentrato sul prevalente aspetto della mera convenienza economica del servizio offerto [ ], comportando lo svilimento della prestazione professionale da contratto d opera intellettuale a questione di puro prezzo. 3. Come risulta dal provvedimento di chiusura dell istruttoria, alla data di adozione dello stesso, l infrazione accertata risultava ancora in corso 3. Infatti, mentre nel corso del procedimento istruttorio, la circolare n. 22-C/2006 era stata rimossa dalla banca dati del CNF, dove era pubblicata unitamente alle tariffe ministeriali (e poi anche ai parametri) 4, il parere n. 48/2012 continuava ad essere pubblicato sia nella sezione circolari e pareri della banca dati del CNF, sia nella sezione del sito web dedicata alla deontologia forense (www.codicedeontologico-cnf.it), entrambe accessibili a chiunque dalla homepage del sito istituzionale del CNF, e non risultavano atti di revoca dello stesso comunicati agli iscritti Con specifico riferimento alla natura restrittiva del parere n. 48/2012, nel citato provvedimento, l Autorità aveva rilevato che il parere introduce una restrizione della concorrenza tra i professionisti sottoposti alla vigilanza del CNF, impedendo loro di utilizzare determinate piattaforme digitali per pubblicizzare i propri servizi professionali, anche con riguardo alla componente economica degli stessi [...] 6, pertanto esso limita l impiego da parte degli avvocati di un importante canale messo a disposizione dalle nuove tecnologie per la diffusione dell informazione circa la natura e la convenienza dei servizi professionali offerti, potenzialmente in grado di raggiungere un ampio numero di consumatori sul territorio nazionale. Piattaforme 1 Cfr. lett. a) del deliberato del provvedimento finale, adottato a conclusione dell istruttoria relativa al caso I748, provvedimento n del 22 ottobre 2014, notificato al CNF in data 14 novembre 2014 e pubblicato in Boll. n. 44/ Cfr. AGCM, provv. n , cit., para. 108 e Cfr. AGCM, provv. n , cit., Cfr. AGCM, provv. n , cit., para e Cfr. AGCM, provv. n , cit., para. 46 e Cfr. AGCM, provv. n , cit., para. 125.

9 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO quali AmicaCard, infatti, costituiscono un mezzo idoneo per fornire agli avvocati nuove opportunità professionali, offrendo loro una maggiore capacità di attrazione di clientela rispetto alle tradizionali forme di comunicazione pubblicitaria; inoltre, tali strumenti permettono agli avvocati di penetrare nuovi mercati, consentendo di mettere in concorrenza servizi offerti da professionisti anche geograficamente distanti tra loro. Gli avvocati, come noto, pur essendo iscritti presso uno specifico albo circondariale, possono liberamente esercitare la propria attività professionale sull intero territorio nazionale, dovendo, esclusivamente nel caso di attività giudiziale, munirsi di un domiciliatario per ricevere la notifica degli atti processuali, laddove non abbiano una sede nel luogo dove si trova l'autorità giudiziaria presso la quale il giudizio è in corso Nel provvedimento, inoltre, l Autorità dava conto dei vantaggi economici e della funzione procompetitiva svolta dalla pubblicità in un economia di mercato 8, rigettando poi l argomentazione del CNF secondo cui sarebbe legittima la pubblicità effettuata dagli avvocati utilizzando siti con nomi di dominio propri, mentre sarebbe deontologicamente scorretto l utilizzo di siti messi a disposizione da terzi per svolgere la medesima attività 9. In relazione a quest ultimo aspetto, infatti, nel citato provvedimento si afferma espressamente che appare inoltre artificiosa e non condivisibile la distinzione, effettuata dal CNF, tra la pubblicità veicolata dai professionisti tramite propri siti web, considerata legittima, e quella veicolata tramite le vetrine online quali AmicaCard, che il CNF ritiene invece in violazione della norma deontologica relativa all accaparramento della clientela. La distinzione, basata sul fatto che nel primo caso il sito web è accessibile alla generalità degli utenti, mentre nel secondo caso lo sarebbe solo agli iscritti al circuito attraverso il quale si pubblicizza l attività professionale, appare capziosa e in ogni caso non risulta corrispondente alla realtà dei fatti nel caso di specie. E infatti emerso che le vetrine di AmicaCard e le informazioni ivi contenute sono accessibili a chiunque navighi sul web, mentre ciò che è riservato agli iscritti al circuito è unicamente il vantaggio economico, consistente in uno sconto sul compenso professionale che il professionista si impegna a riconoscere agli affiliati al circuito AmicaCard. In ogni caso, anche qualora ciò non fosse, e la pubblicità online fosse visibile esclusivamente da un numero ristretto di utenti, segnatamente gli affiliati al circuito in questione, ciò non muterebbe la natura pubblicitaria della comunicazione e il rilievo per i consumatori destinatari delle informazioni ivi contenute. Del resto anche la pubblicità su riviste generali o specializzate, ovvero le inserzioni su guide tematiche o su rubriche quali, ad esempio, le Pagine Gialle, sono visibili esclusivamente da coloro che acquistano o ricevono tali pubblicazioni, ma la legge non prevede alcun trattamento maggiormente restrittivo per queste forme di pubblicità rispetto a quella per esempio veicolata attraverso cartelloni pubblicitari o via etere. D altra parte né la riforma Bersani né i successivi interventi di liberalizzazione in materia di pubblicità dei professionisti, compresa da ultimo la legge di riforma dell ordinamento forense, introducono distinzioni tra la pubblicità diretta alla generalità degli utenti/consumatori e quella diretta a un gruppo ristretto degli stessi, risultando entrambe forme lecite di comunicazione delle informazioni professionali Cfr. AGCM, provv. n , cit., para Cfr. AGCM, provv. n , cit., para Cfr. AGCM, provv. n , cit., para e Cfr. AGCM, provv. n , cit., para

10 10 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO L Autorità rigettava, infine, le argomentazioni del CNF volte a giustificare la restrizione concorrenziale provocata dal parere n. 48/2012 sulla base della pretesa idoneità della stessa a perseguire in maniera proporzionata obiettivi di interesse generale, rilevando inoltre come il legislatore nella c.d. riforma Bersani prima e nella legge forense poi abbia sancito la legittimità della pubblicità professionale 11, anche mediante strumenti informatici, senza distinguere in base all appartenenza degli stessi ai professionisti o all accessibilità agli stessi da gruppi più o meno ampi di utenti/consumatori 12. II. L INOTTEMPERANZA ALLA LETTERA (B) ed (E) DEL DELIBERATO DEL PROVVEDIMENTO n del 22 ottobre 2014 a) Fatto 7. Il provvedimento dell Autorità n del 22 ottobre 2014 prescriveva la trasmissione da parte del CNF, entro il 28 febbraio 2015, di una relazione scritta finalizzata ad illustrare le misure assunte dal CNF per porre termine all infrazione dell art. 101 TFUE accertata nel provvedimento stesso, come disposto dalla lettera b) del dispositivo. Essendo trascorso il termine sopra indicato, il CNF, con comunicazione del 14 aprile 2015, veniva sollecitato a presentare la citata relazione prevista dalla lettera e) del dispositivo 13. A tale richiesta non seguiva, tuttavia, alcuna risposta da parte del CNF. 8. Da accertamenti, effettuati in data 7, 13 e 21 maggio 2015, è emerso che il parere n. 48/2012 risulta ancora pubblicato nel sito istituzionale del CNF, sia nella sezione dedicata alla deontologia professionale (www.codicedeontologico-cnf.it), dove sono raccolti i pareri, la prassi e le sentenze in materia deontologica, sia nella banca dati del CNF, nella sezione circolari e pareri, accessibile dalla homepage del sito istituzionale dello stesso 14. è inoltre emerso che non risultano pubblicati sul sito del CNF atti e/o comunicazioni di revoca del parere n. 48/2012. b) Valutazioni e conclusioni sull inottemperanza alla lettera (b) ed (e) del deliberato del provvedimento n del 22 ottobre Dalle evidenze raccolte e dal comportamento passivo tenuto dal CNF a seguito della chiusura dell istruttoria emerge che il Consiglio non si è conformato a quanto deliberato nel provvedimento adottato dall Autorità il 22 ottobre 2014, lettere b) ed e), a mente del quale il CNF avrebbe dovuto adottare misure atte a porre termine all infrazione dandone adeguata comunicazione agli iscritti e comunicare le stesse all Autorità mediante specifica relazione scritta, entro il 28 febbraio Infatti, il CNF non ha provveduto a revocare il parere n. 48/2012 dandone adeguata comunicazione agli iscritti, in tal modo perpetuando la restrizione concorrenziale oggetto dell accertamento istruttorio. 11 Si ricorda che, per legge prevede quali uniche condizioni per la legittimità della pubblicità degli avvocati che le informazioni trasmesse siano trasparenti, veritiere, corrette e non devono essere comparative con altri professionisti, equivoche, ingannevoli, denigratorie o suggestive e facciano riferimento alla natura e ai limiti dell obbligazione professionale (cfr. art. 10, commi 2 e 3, L. n. 247/2012), senza menzionare ulteriori requisiti quali il decoro e la dignità professionali. 12 Cfr. AGCM, provv. n , cit., para , nonché Cfr. doc Cfr. doc. 2, 3 e 4.

11 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO III. L INOTTEMPERANZA ALLA LETTERA (C) DEL DELIBERATO DEL PROVVEDIMENTO n del 22 ottobre 2014 a) Fatto 11. L Autorità, nel citato provvedimento n del 22 ottobre 2014, oltre ad accertare l infrazione commessa dal CNF, diffidava quest ultimo dal porre in essere in futuro comportamenti analoghi a quello oggetto dell infrazione accertata Tuttavia, in data 21 maggio 2015, si rilevava che il vigente codice deontologico forense, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 16 ottobre 2014 ed entrato in vigore il 15 dicembre , all articolo 35, rubricato Dovere di corretta informazione, prescrive al comma 9 che L avvocato può utilizzare, a fini informativi, esclusivamente i siti web con domini propri senza reindirizzamento, direttamente riconducibili a sé, allo studio legale associato o alla società di avvocati alla quale partecipi, previa comunicazione al Consiglio dell Ordine di appartenenza della forma e del contenuto del sito stesso, aggiungendo al comma 11 che le forme e le modalità delle informazioni devono comunque rispettare i principi di dignità e decoro della professione e stabilendo, infine, al comma 12 che la violazione dei doveri di cui ai precedenti commi comporta l applicazione della sanzione disciplinare della censura La Relazione illustrativa del codice deontologico specifica che: l art. 35 ( dovere di corretta informazione ) trova ora collocazione sempre in questo titolo e, in applicazione dell art. 17 dei principi generali (che mutua la previsione legislativa), affina, semplifica e razionalizza gli articoli 17 e 17 bis del codice ancora vigente e si pone in diretta saldatura con il divieto di accaparramento di clientela; degne di particolare menzione sono le previsioni di cui ai commi 9 e 10 destinate a presidiare, con la realistica consapevolezza dell arduità del compito, il complesso ed articolato mondo di internet; il comma 11, con il valore che assume come previsione di chiusura, riflette una linea interpretativa da sempre fatta propria ed avallata dalla giurisprudenza del Consiglio Nazionale Forense e della Corte di legittimità 18. b) Valutazioni e conclusioni sull inottemperanza alla lettera (c) del deliberato del provvedimento n del 22 ottobre In via preliminare si ricorda che, secondo la consolidata giurisprudenza comunitaria e nazionale, i professionisti sono qualificabili quali imprese ai fini dell applicazione delle norme in materia di concorrenza e, agli stessi fini, gli ordini professionali costituiscono associazioni di imprese Cfr. AGCM, provv. n , cit., lett. c), del deliberato. 16 Nuovo codice deontologico forense, approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 31 gennaio 2014 e pubblicato sulla G.U. n. 241 del 16 ottobre Cfr. doc. 5. Si ricorda che, ai sensi dell articolo 51, comma 1, della Legge n. 247/2012: le infrazioni ai doveri e alle regole di condotta dettati dalla legge o dalla deontologia sono sottoposte al giudizio dei consigli distrettuali di disciplina. L art. 53 della medesima legge prescrive inoltre che: [ ] la censura consiste nel biasimo formale e si applica quando la gravità dell infrazione, il grado di responsabilità, i precedenti dell incolpato e il suo comportamento successivo al fatto inducono a ritener che egli non incorrerà in un altra infrazione (comma 2), mentre la sospensione consiste nell esclusione temporanea dall esercizio della professione o dal praticantato e si applica per le infrazioni consistenti in comportamenti e in responsabilità gravi quando non sussistono le condizioni per irrogare la sola sanzione della censura. Il codice deontologico vigente prevede inoltre che nei casi più gravi, la sanzione disciplinare può essere aumentata nel suo massimo: [ ] b) fino alla sospensione dall esercizio dell attività professionale non superiore a un anno, nel caso in cui sia prevista la sanzione della censura [ ] (art. 22 comma 2). 18 Cfr. doc Infatti, la nozione di impresa abbraccia qualsiasi entità che eserciti un attività economica, a prescindere dal suo status giuridico e dalle relative modalità di finanziamento. Si tratta pertanto di un interpretazione funzionale della nozione di impresa, in base alla quale è qualificabile come impresa qualsiasi soggetto che eserciti un attività economica, ossia

12 12 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO 2015 Parimenti, la giurisprudenza comunitaria e nazionale ha espressamente riconosciuto che i codici deontologici costituiscono deliberazioni di associazioni di imprese, rientrando, in quanto tali, nel campo materiale di applicazione dell articolo 101 del TFUE Le disposizioni contenute nell art. 35 del vigente codice deontologico forense ripropongono sostanzialmente quanto contenuto nel parere n. 48/2012, giungendo a ritenere, al pari del parere, deontologicamente scorretto pertanto sanzionabile disciplinarmente l utilizzo di piattaforme digitali messe a disposizione degli avvocati da soggetti terzi per veicolare informazioni relative all attività professionale, in tal modo limitando l utilizzo di un canale promozionale e informativo attraverso il quale si veicola anche la convenienza economica della prestazione 21. Così facendo, il CNF ha reiterato l infrazione accertata e stigmatizzata nel provvedimento di chiusura dell istruttoria del caso I748. In particolare, le disposizioni del codice deontologico recepiscono le argomentazioni del CNF in merito alla distinzione tra l utilizzo legittimo di siti web con nomi di dominio propri per veicolare la pubblicità professionale e l impiego illegittimo di siti messi a disposizione da terzi per svolgere la medesima attività, che, come visto sopra, sono state espressamente rigettate dall Autorità nel proprio provvedimento. 16. Tale continuità tra i principi e gli argomenti alla base del parere n. 48/2012 e le disposizioni dell art. 35 del vigente codice deontologico forense emerge inoltre dal contenuto della relazione illustrativa del codice. Questa, infatti, espressamente individua l art. 35 quale anello di congiunzione tra le disposizioni deontologiche in materia di pubblicità e quelle in materia di accaparramento della clientela, fattispecie quest ultima sotto la quale, in assenza di una disposizione analoga all attuale art. 35, il parere n. 48/2012 sussume la condotta dei professionisti che utilizzano piattaforme digitali per pubblicizzare i propri servizi professionali. 17. Parimenti, la prescrizione contenuta nel comma 9 dell art. 35 del codice deontologico sull obbligo di comunicazione preventiva al Consiglio dell Ordine di appartenenza della forma e del contenuto dei siti utilizzati per lo svolgimento di attività pubblicitarie, nonché la disposizione di chiusura di cui al comma 11 con cui si subordinano le forme e le modalità delle informazioni al rispetto dei principi di dignità e decoro della professione, oltre a contrastare con le vigenti disposizioni di legge, si pongono in contrasto con quanto contenuto nel citato provvedimento dell Autorità. 18. Infatti, tali prescrizioni confermano e inaspriscono le limitazioni introdotte dal CNF per mezzo del parere n. 48/2012 all impiego di un nuovo canale di diffusione delle informazioni relative all attività professionale, idoneo a veicolare anche la convenienza economica della prestazione. 19. In conclusione, le sopra citate disposizioni dell art. 35 del codice deontologico forense, entrato in vigore il 15 dicembre 2014, si pongono in contrasto con i principi e le valutazioni effettuate dall Autorità nel provvedimento n del 22 ottobre 2014; esse, pertanto, costituiscono una violazione di quanto disposto alla lettera c) del deliberato del provvedimento, con il quale l Autorità diffidava il CNF dal porre in essere in futuro comportamenti analoghi a quello oggetto dell infrazione accertata. un attività consistente nell offrire beni e servizi sul mercato. Cfr. ex multis, Corte di Giustizia, causa C-1/12, Ordem dos Tecnicos Oficiais de Contas (OTOC), ECLI:EU:C:2013:127, para e causa C-136/12, Consiglio Nazionale dei Geologi v. AGCM, ECLI:EU:C:2013:489, para 41-45; Consiglio di Stato, Sez. VI, sent. n. 238 del 22 gennaio 2015 (Geologi); TAR Lazio, Sez. I, sent. n del 1 aprile 2015 (FNOMCEO). 20 Cfr. Corte di Giustizia, causa C-136/12, Consiglio Nazionale dei Geologi v. AGCM, cit., para 46-47; Consiglio di Stato, sent. n. 238/2015, cit. (Geologi); TAR Lazio, sent. n. 4943/2015, cit. (FNOMCEO). 21 Cfr. AGCM, provv. n , para. 146.

13 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO RITENUTO, pertanto, che la permanenza e la mancata revoca con adeguata comunicazione agli iscritti del parere n. 48/2012 rappresenti una violazione del deliberato del provvedimento n del 22 ottobre 2014, perpetuando l accertata situazione anticoncorrenziale, e che la riproposizione nell art. 35 del codice deontologico di disposizioni già censurate nel provvedimento n del 22 ottobre 2014 integri una violazione del divieto di reiterare comportamenti analoghi a quelli oggetto dell infrazione accertata; DELIBERA a) di contestare al Consiglio Nazionale Forense (CNF) la violazione di cui all articolo 15, comma 2, della Legge n. 287/90 per inottemperanza al provvedimento dell Autorità n del 22 ottobre 2014; b) che il responsabile del procedimento è il dott. Matteo Pierangelo Negrinotti; c) che gli atti del procedimento possono essere presi in visione presso la Direzione Manifatturiero e Servizi della Direzione Generale per la Concorrenza di questa Autorità dai legali rappresentanti del Consiglio Nazionale Forense, nonché da persone da essi delegate; d) con riguardo all inottemperanza contestata, che, ai sensi dell articolo 18, comma 1, della Legge n. 689/81, entro il termine di trenta giorni dalla notificazione del presente provvedimento, gli interessati possono far pervenire all Autorità scritti difensivi e documenti e chiedere di essere sentiti; e) che il procedimento deve concludersi entro centottanta giorni dalla notificazione del presente provvedimento. Il presente provvedimento sarà notificato ai soggetti interessati e pubblicato nel Bollettino dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. IL SEGRETARIO GENERALE Roberto Chieppa IL PRESIDENTE Giovanni Pitruzzella

14 14 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO 2015 I759 FORNITURE TRENITALIA Provvedimento n L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 27 maggio 2015; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101 del Trattato sul funzionamento dell Unione europea (Tfue); VISTA la documentazione acquisita in data 5 e 6 novembre 2013 presso gli Uffici della Procura della Repubblica di Firenze e presso gli Uffici della Polizia di Stato - Compartimento Polizia Ferroviaria per la Toscana - Squadra di Polizia Giudiziaria, con l ausilio della Guardia di Finanza - Nucleo Speciale Tutela Mercati - Gruppo Antitrust, relativa a condotte, poste in essere dai principali operatori del mercato della fornitura di beni e servizi elettromeccanici per il comparto ferroviario, suscettibili di integrare una fattispecie di intesa restrittiva della concorrenza; VISTA la propria delibera adottata in data 5 febbraio 2014, con la quale è stata avviata un istruttoria, ai sensi dell articolo 14 della legge n. 287/90, nei confronti delle società A.E.G. (Applicazioni Elettriche Generali) S.r.l., Damiano Motor s S.p.a., El.Ca. Elettromeccanica Campana S.p.a., Elettromeccanica Pm S.r.l., Firema Trasporti S.p.a. in amministrazione straordinaria, G.M.G. Elettromeccanica di Clavo Anna &C. S.n.c., M.E.I.S. Elettromeccanica S.r.l., Motortecnica S.r.l., Piaggio & Figli Service S.r.l., P.M. &C. S.c.a.r.l., Retam Sud Industria Elettromeccanica S.p.a., So.El.Ta. Elettromeccanica di Baroni Luciano &C. S.n.c., volta ad accertare eventuali violazioni dell articolo 2 della legge n. 287/90 o dell articolo 101 del Tfue, e con cui è stato fissato al 31 marzo 2015 il termine di chiusura del procedimento; VISTO il provvedimento adottato in data 16 aprile 2014, con il quale il procedimento è stato esteso soggettivamente nei confronti della società Elettromeccanica So.El.Ta. S.r.l.; VISTO il provvedimento adottato in data 24 settembre 2014, con il quale il procedimento è stato esteso soggettivamente nei confronti della società I.E.E. Industrie Elettromeccaniche Europee S.r.l.; VISTO il provvedimento adottato in data 12 novembre 2014, con il quale il procedimento è stato esteso oggettivamente con riferimento alla gara di Trenitalia S.p.a. a procedura aperta Gpa n. 5792, relativa al periodo maggio-luglio 2011, per la fornitura di servizi di riparazione di motori elettrici; VISTO il provvedimento adottato in data 19 dicembre 2014, con il quale il procedimento è stato esteso oggettivamente con riferimento alle procedure negoziate di Trenitalia S.p.a. -riferite al periodo settembre 2008, al periodo dicembre 2008-gennaio 2009 e al periodo marzo per la prestazione rispettivamente del servizio di rifacimento indotti per motori di trazione T850, del servizio di riparazione di motoalternatori e del servizio di revisione e riparazione di motori 6FRA, e con il quale è stato altresì prorogato al 31 maggio 2015 il termine di chiusura del procedimento; VISTA la Comunicazione delle Risultanze Istruttorie trasmessa alle Parti in data 3 marzo 2015; VISTE le memorie conclusive delle Parti, pervenute in data 9 aprile 2015 (Elettromeccanica So.El.Ta. S.r.l.), 15 aprile 2015 (Elettromeccanica Pm S.r.l.), 15 aprile 2015 (P.M. &C. S.c.a.r.l. in liquidazione), 15 aprile 2015 (M.E.I.S. Elettromeccanica S.r.l.), 16 aprile 2015 (I.E.E. Industrie Elettromeccaniche Europee S.r.l.), 16 aprile 2015 (Firema Trasporti S.p.a. in amministrazione straordinaria), 16 aprile 2015 (A.E.G. -Applicazioni Elettriche Generali- S.r.l.), 17 aprile 2015

15 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO (G.M.G. Elettromeccanica di Clavo Anna &C. S.n.c.), 17 aprile 2015 (Piaggio & Figli Service S.r.l.), 17 aprile 2015 (Trenitalia S.p.a.) e 21 aprile 2015 (El.Ca. Elettromeccanica Campana S.p.a.); SENTITI in audizione finale, in data 21 aprile 2015, i rappresentanti delle società A.E.G. (Applicazioni Elettriche Generali) S.r.l., Damiano Motor's S.p.a., El.Ca. Elettromeccanica Campana S.p.a., Elettromeccanica Pm S.r.l., Elettromeccanica So.El.Ta. S.r.l., Firema Trasporti S.p.a. in amministrazione straordinaria, G.M.G. Elettromeccanica di Clavo Anna &C. S.n.c., I.E.E. Industrie Elettromeccaniche Europee S.r.l., M.E.I.S. Elettromeccanica S.r.l., Motortecnica S.r.l., Piaggio & Figli Service S.r.l., P.M. &C. S.c.a.r.l. in liquidazione e Trenitalia S.p.a.; VISTA tutta la documentazione acquisita nel corso dell istruttoria; CONSIDERATO quanto segue: I. LE PARTI 1. Parti del procedimento sono le seguenti tredici società: A.E.G. (Applicazioni Elettriche Generali) S.r.l. (di seguito Aeg); Damiano Motor's S.p.a. (di seguito Dmotor); El.Ca. Elettromeccanica Campana S.p.a. (di seguito Elca); Elettromeccanica Pm S.r.l. (di seguito El-Pm); Elettromeccanica So.El.Ta. S.r.l. (di seguito Soelta) 1 ; Firema Trasporti S.p.a. in amministrazione straordinaria (di seguito Firema); G.M.G. Elettromeccanica di Clavo Anna &C. S.n.c. (di seguito Gmg); I.E.E. Industrie Elettromeccaniche Europee S.r.l. (di seguito Iee) 2 ; M.E.I.S. Elettromeccanica S.r.l. (di seguito Meis); Motortecnica S.r.l. (di seguito Motortecnica); Piaggio & Figli Service S.r.l. (di seguito Piaggio); P.M. &C. S.c.a.r.l. in liquidazione (di seguito Pm) e Retam Sud Industria Elettromeccanica S.p.a. in liquidazione (di seguito Retam). La società Trenitalia S.p.a. (di seguito Trenitalia), a seguito di motivata richiesta di intervento (doc. I.24), è stata ammessa a partecipare al procedimento istruttorio (doc. I.31). 2. Aeg è una società specializzata nella manutenzione e riparazione di motori elettrici e generatori in corrente continua, di motori per trazione elettrica e trasporti ferro-tranviari, di motori e generatori in bassa e media tensione. Oltre al settore ferro-tranviario, le attività di Aeg si rivolgono anche ai settori siderurgico, energetico, minerario, cementifero, chimico, petrolifero e della meccanica di base. Nel giugno del 2013 la società ha operato una scissione societaria (scissione parziale mediante assegnazione di parte del patrimonio), che ha in particolare comportato la permanenza in capo ad Aeg della sola attività immobiliare (le attività tipiche industriali sono state invece trasferite alla società di nuova costituzione Iee). Il capitale sociale di Aeg risulta suddiviso in parti uguali tra due persone fisiche. Nel corso del 2014, Aeg ha realizzato un fatturato pari a 0,60 milioni di euro. 3. Dmotor è una società che svolge attività di revisione e riparazione di macchine elettriche rotanti (di qualsiasi tipo, tensione e potenza), di riavvolgimento e potenziamento di motori di trazione, nonché di costruzione di avvolgimenti (in corrente continua e alternata), collettori e reattanze. Il capitale sociale di Dmotor risulta detenuto da tre persone fisiche. Nel corso del 2014 sono stati realizzati da Dmotor 0,05 milioni di euro di fatturato. 1 A seguito di fusione con la precedente società So.El.Ta. Elettromeccanica di Baroni Luciano &C. S.n.c. (cfr. provvedimento di estensione soggettiva adottato dall Autorità nella sua adunanza del 16 aprile 2014, doc. II.58). 2 A seguito di scissione societaria parziale, mediante assegnazione di parte del patrimonio, di Aeg (cfr. provvedimento di estensione soggettiva adottato dall Autorità nella sua adunanza del 24 settembre 2014, doc. III.163).

16 16 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO Elca è una società attiva nella costruzione, riparazione e manutenzione di macchine elettriche statiche e rotanti di qualsiasi tipo, nella costruzione di bobine per avvolgimenti elettrici e di altro materiale elettrico, meccanico e isolante, e nella riparazione, manutenzione e revisione di parti di veicoli ferroviari; il principale ambito di operatività sono in particolare le riparazioni elettromeccaniche rivolte a motori, parti di motori e carrelli destinati alla trazione ferroviaria. Il capitale sociale di Elca risulta detenuto da tre persone fisiche. Il fatturato conseguito da Elca nel 2014 è stato pari a 2,11 milioni di euro. 5. El-Pm è una società che opera nel settore elettromeccanico, eseguendo in particolare attività di manutenzione e riparazione di motori e carrelli per vetture ferroviarie. Il capitale sociale di El-Pm risulta detenuto da una persona fisica (con una quota data in usufrutto ad un altra persona fisica). Da parte sua, El-Pm detiene un terzo delle quote consortili di Pm. Nel corso del 2014, El-Pm ha realizzato un fatturato complessivo pari a 0,90 milioni di euro. 6. Soelta è una società che opera in ambito elettromeccanico svolgendo in particolare attività di manutenzione, riparazione e avvolgimento di motori elettrici (in corrente continua e alternata) destinati a vari impieghi (trazione ferroviaria, impianti petrolchimici, raffinerie, cementifici, acciaierie, acquedotti). Il capitale sociale di Soelta è ripartito, anche per il tramite di un altra società (la Baroni S.r.l.), tra due persone fisiche. Il fatturato conseguito da Soelta nel corso del 2014 è stato pari a 1,90 milioni di euro. 7. Firema è una società che progetta e realizza veicoli ferroviari, svolgendo anche la relativa attività di post-vendita di manutenzione, revisione e fornitura di ricambi pure per treni di produzione non propria; Firema produce altresì equipaggiamenti elettronici, convertitori ausiliari e motori di trazione per veicoli ferroviari e urbani. Firema si trova allo stato, e a far data da agosto 2010, nella procedura di Amministrazione straordinaria normativamente prevista per il caso di grandi imprese in stato di insolvenza. Fino alla dichiarazione dello stato di insolvenza e all ammissione alla procedura di Amministrazione straordinaria, Firema risultava controllata, per il tramite di un veicolo societario (la Gmr S.p.a. 3 ), da persone fisiche membri di una stessa famiglia. Nel corso del 2014, Firema ha realizzato, quasi interamente in Italia, un fatturato complessivo pari a [50-100] 4 milioni di euro. 8. Gmg è una società la cui attività consiste nella riparazione e revisione di motori elettrici (in corrente continua e alternata) per trazione ferroviaria e per uso industriale e di apparecchiature elettromeccaniche, nonché nella costruzione di bobine per motori elettrici. Il capitale sociale di Gmg risulta suddiviso tra tre persone fisiche. Il fatturato conseguito da Gmg nel 2014 è stato pari a 0,88 milioni di euro. 9. Iee è la società, costituita nel 2013, a cui come detto sono state trasferite le sopradescritte attività industriali di Aeg. 3 Ora Gmr S.r.l.. 4 Nella presente versione alcuni dati sono omessi, in quanto si sono ritenuti sussistenti elementi di riservatezza o di segretezza delle informazioni.

17 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO Il capitale sociale di Iee risulta suddiviso in parti uguali tra le medesime due persone fisiche titolari del capitale di Aeg. Nel corso del 2014, Iee ha realizzato un fatturato complessivo pari a 3,89 milioni di euro. 10. Meis è una società attiva nella produzione di bobine di avvolgimento per motori elettrici, nonché nella manutenzione e riparazione dei motori elettrici stessi (utilizzati per la trazione ferrotranviaria o in campo energetico, petrolifero e cementifero). Il capitale sociale di Meis risulta ripartito tra quattro persone fisiche. Il fatturato conseguito da Meis nel corso del 2014 è stato complessivamente pari a 4,04 milioni di euro. 11. Motortecnica è una società attiva nella progettazione, costruzione, manutenzione e riparazione di macchine elettriche. Il capitale sociale di Motortecnica risulta suddiviso tra due persone fisiche. Nel corso del 2014, Motortecnica ha realizzato un fatturato complessivo pari a 9,09 milioni di euro. 12. Piaggio è una società che opera in campo elettromeccanico con particolare riferimento alle macchine elettriche rotanti (di media e grande potenza); nello specifico, vengono svolte attività di manutenzione e riparazione di motori e generatori (in corrente continua e alternata), di trasformatori e alternatori, con costruzione di parti sia elettriche (avvolgimenti, anelli, collettori) che meccaniche (alberi, cuscinetti, ecc). Il capitale sociale di Piaggio è ripartito tra sei persone fisiche. Il fatturato conseguito da Piaggio nel corso del 2014 è stato complessivamente pari a 4,02 milioni di euro. 13. Pm è una società consortile, allo stato in liquidazione, attiva nel settore elettromeccanico eseguendo, in particolare, la manutenzione e riparazione di motori e carrelli per vetture ferroviarie. Nel corso del 2014 è stato realizzato da Pm un fatturato pari a 0,13 milioni di euro. I soci di Pm sono, per quote paritetiche, El-Pm e altre due società (l impresa ungherese Muszer Automatika Kft e Treniservizi S.r.l.). 14. Retam è una società, allo stato in liquidazione, che opera in ambito elettromeccanico mediante la revisione e riparazione di motori elettrici (in corrente continua e alternata), nonché mediante la produzione e revisione di apparecchiature e componentistica per la trazione ferroviaria. L intero capitale sociale di Retam è detenuto dalla società Elettroservice S.r.l., a sua volta partecipata da sette persone fisiche. Nel corso del 2014, Retam ha realizzato un fatturato di 0,23 milioni di euro. II. L ISTRUTTORIA II.1 Il procedimento istruttorio 15. Il procedimento istruttorio, finalizzato alla raccolta da parte degli Uffici della competente Direzione della Direzione Generale per la Concorrenza dell Autorità (di seguito anche Uffici) degli elementi necessari per accertare la sussistenza di fattispecie illecite dal punto di vista antitrust, è stato avviato con delibera dell Autorità del 5 febbraio 2014.

18 18 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO 2015 Il procedimento è stato aperto d ufficio a seguito di notizie di stampa relative a un possibile cartello anticoncorrenziale, emerso durante accertamenti di natura penale, posto in essere da diverse imprese operanti nell ambito della fornitura di beni e servizi elettromeccanici per la trazione ferroviaria con riferimento a procedure d acquisto indette da Trenitalia. A seguito del rilascio, da parte del competente Sostituto Procuratore della Repubblica, del nulla osta all acquisizione documentale a fini antitrust (doc. I.8), è stata acquisita diversa documentazione presente agli atti del fascicolo penale 5 (doc. I.3, Allegati da 1 a 13, e doc. I.4 Allegato 1) Il termine di conclusione del procedimento, originariamente fissato al 31 marzo 2015, è stato successivamente prorogato al 31 maggio 2015 a seguito delle estensioni intervenute, allo scopo in particolare di garantire il pieno esercizio del diritto di difesa delle Parti e la più ampia applicazione del principio del contraddittorio. Il procedimento è stato infatti esteso oggettivamente ad ulteriori quattro procedure di acquisto di Trenitalia 7, ed è stato altresì esteso soggettivamente alle società Soelta e Iee. 17. Per quanto riguarda nello specifico l estensione nei confronti della società Iee, l intervenuta separazione giuridica delle business unit di Aeg ha, come visto, comportato la scissione dell attività immobiliare dalle attività tipiche industriali, quelle cioè oggetto di istruttoria. La prima è stata lasciata in capo ad Aeg, che ha di conseguenza nettamente ridotto il capitale sociale e modificato l oggetto sociale (includendovi quale attività prevalente quella immobiliare). Le attività industriali sono state invece trasmesse alla società di nuova costituzione Iee, che è così subentrata di diritto in tutto il patrimonio attivo e passivo assegnatole e, quindi, in tutte le relative ragioni, azioni e diritti così come in tutti gli obblighi (secondo quanto espressamente riportato nell atto notarile di scissione, doc. II.123) Dalle informazioni fornite, inoltre, si rileva come il controllo di entrambe le società in questione (Aeg e Iee) sia ad oggi riconducibile alle medesime due persone fisiche, ciascuna detentrice del 50% del capitale sociale in entrambi i casi (doc. II.124, VIII.405). Per di più, anche nel passato, a far data dalla costituzione di Iee (giugno 2013), si rileva una identità nel tempo degli assetti proprietari e di controllo tra le predette società (doc. II.146, VIII.405). I dati di fatturato mostrano come la gran parte del fatturato sociale sia ora appannaggio di Iee e non già di Aeg. 19. Il procedimento istruttorio si è articolato in diversi passaggi tra i quali l acquisizione della mole documentale rilevante, le audizioni delle Parti e diverse richieste di informazioni. In particolare, al fine di acquisire una maggiore conoscenza dei fatti oggetto di accertamento, gli Uffici hanno predisposto set di richieste di informazioni inviate alla competente Autorità giudiziaria (per il tramite della Guardia di Finanza), a Trenitalia nonché alle Parti stesse. 5 Procedimento penale n. 4222/2010 Rgnr presso la Procura della Repubblica di Firenze, organo di Polizia Giudiziaria la Polizia di Stato - Questura di Firenze e il Compartimento Polizia Ferroviaria per la Toscana. Tale procedimento coinvolge anche persone fisiche all epoca dei fatti funzionari di Trenitalia. 6 Di seguito anche indicati, quando necessario, come doc. I.3/x con 1 <= x <= Cfr. provvedimento di estensione oggettiva adottato dall Autorità nella sua adunanza del 12 novembre 2014 (ad esempio doc. III.227) e provvedimento di estensione oggettiva adottato dall Autorità nella sua adunanza del 19 dicembre 2014 (ad esempio doc. IV.236). 8 Inoltre, eventuali sopravvenienze passive relative al ramo d azienda trasferito ed accertate successivamente saranno a carico della società beneficiaria [Iee], anche se riferite ad eventi o fatti anteriori alla data di efficacia della scissione. Resta pertanto sin da ora autorizzato ogni Ente od Ufficio sia pubblico che privato, senza necessità di ulteriori atti, a trasferire ed intestare alla società Iee tutti i documenti, depositi cauzionali od altro titolo, polizze, contratti, conti attivi e passivi, atti e negozi in genere.

19 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO Durante tutto il corso del procedimento istruttorio, l esercizio del diritto di difesa delle Parti è stato garantito nelle varie occasioni, in particolare attraverso: richieste, e relativi accoglimenti, di accesso a tutti gli atti via via acquisiti al fascicolo istruttorio 9 ; richieste, e relativi accoglimenti, di audizione dei rappresentanti delle Parti 10 ; presentazione di atti, di istanze e di memorie difensive di vario tenore (ivi incluse le memorie conclusive prima dell audizione finale innanzi al Collegio dell Autorità). 20. In data 3 marzo 2015 è stata inviata alle Parti la Comunicazione delle risultanze istruttorie (CRI). Il 21 aprile 2015, successivamente al deposito delle deduzioni e delle memorie finali delle Parti, sono stati sentiti in audizione innanzi al Collegio dell Autorità i rappresentanti degli Uffici nonché i rappresentanti delle società Aeg, Dmotor, Elca, El-Pm, Soelta, Firema, Gmg, Iee, Meis, Motortecnica, Piaggio, Pm e Trenitalia. II.2 I fatti 21. Il presente procedimento riguarda le condotte poste in essere dai principali operatori attivi nell ambito della fornitura di beni e servizi elettromeccanici per il settore ferroviario. Tali condotte sono state poste in essere, nell arco temporale ricompreso tra marzo 2008 e settembre 2011, in occasione di ventiquattro procedure pubbliche di acquisto (ventidue delle quali svoltesi nel contesto del cosiddetto Sqf, Sistema di qualificazione fornitori) indette dalla società Trenitalia S.p.a. per il soddisfacimento delle proprie esigenze. 22. Dalle risultanze istruttorie è emerso come le Parti abbiano concordato le modalità di partecipazione alle predette procedure pubbliche, al fine di preordinarne gli esiti, mediante continui contatti (comunicazioni elettroniche, elaborazione comune di dati, comunicazioni telefoniche, incontri fisici) e scambi di informazioni sensibili. In particolare, obiettivo delle Parti era la ripartizione delle commesse con la fissazione comune dei relativi prezzi di riferimento; a tal fine, le Parti si servivano di appositi database (quali i cosiddetti Tabellone e piccolo Tabellone) la cui funzione era di registrare le posizioni di debito o credito dei singoli soggetti. In tal modo, le imprese a credito (debito) per procedure passate maturavano diritti (rinunce) per procedure future, pure nella forma dell impegno dell aggiudicatario a cedere parte della commessa (attraverso ad esempio sub-appalti, sub-contratti, specifici ordinativi, forniture incrociate, ecc) anche a chi non risultava formalmente neanche tra i partecipanti alla procedura interessata. Ciò, come si vedrà, si evince chiaramente dai due Tabelloni nei quali, oltre a essere riportati gli importi appannaggio dell aggiudicatario/i, si rinvengono anche le eventuali somme spettanti ad altre imprese -a titolo delle predette forme di sub-forniture- secondo il descritto sistema ripartitorio. 9 Gli accessi agli atti sono in particolare avvenuti: per Meis in data 26 marzo 2014 (doc. I.32), in data 27 maggio 2014 (doc. II.83), in data 12 settembre 2014 (doc. II.132), in data 10 novembre 2014 (doc. III.210), in data 9 gennaio 2015 (doc. IV.253), in data 19 marzo 2015 (doc. VI.332), in data 20 marzo 2015 (doc. VI.348) e in data 20 aprile 2015 (doc. VIII.418); per Firema in data 6 giugno 2014 (doc. II.87), in data 5 novembre 2014 (doc. III.205), in data 21 gennaio 2015 (doc. IV.255), in data 1 aprile 2015 (doc. VI.370) e in data 21 aprile 2015 (doc. VIII.420); per Piaggio in data 16 luglio 2014 (doc. II.107) e in data 27 marzo 2015 (doc. VI.367); per Aeg in data 26 settembre 2014 (doc. II.157), in data 5 dicembre 2014 (doc. III.232) e in data 20 marzo 2015 (doc. VI.349); per Soelta in data 23 ottobre 2014 (doc. III.191); per Iee in data 20 marzo 2015 (doc. VI.350) e in data 8 aprile 2015 (doc. VI.372); per Trenitalia in data 18 aprile 2014 (doc. I.49), in data 27 ottobre 2014 (doc. III.195) e in data 20 aprile 2015 (doc. VIII.419). 10 Le audizioni infraprocedimentali sono in particolare avvenute: per Gmg in data 19 settembre 2014 (doc. II.152); per Piaggio in data 30 settembre 2014 (doc. II.159); per Meis in data 3 ottobre 2014 (doc. III.178); per Retam in data 10 ottobre 2014 (doc. III.182); per Motortecnica in data 17 ottobre 2014 (doc. III.184); per El-Pm e Pm in data 20 ottobre 2014 (doc. III.186); per Soelta in data 24 ottobre 2014 (doc. III.192); per Firema in data 6 novembre 2014 (doc. III.206); per Trenitalia in data 3 novembre 2014 (doc. III.203).

20 20 BOLLETTINO N. 21 DEL 15 GIUGNO Le evidenze agli atti danno conto del fatto che nel periodo oggetto di istruttoria i prezzi venivano mantenuti dalle Parti artificiosamente elevati. Di ciò si ha evidenza, in primo luogo, in relazione ad una procedura Trenitalia oggetto di istruttoria (la Gpa n. 5792), con riferimento alla quale si osservano offerte particolarmente competitive rispetto a quelle delle Parti (inferiori del 40% in un lotto e del 75% circa nei restanti due 11 ) presentate da un soggetto -la società Sicme Motori- diverso dalle Parti stesse (doc. IV.275). In secondo luogo, Trenitalia ha fornito i risultati di proprie stime da cui emerge, a partire dal 2012, un calo dei prezzi -peraltro spesso offerti da alcune delle stesse Parti- nell ordine del 25% circa 12 (che diviene 50% circa tenendo conto dell aumento, dal 2012, del prezzo della principale materia prima 13 ) rispetto al costo degli acquisti effettuati nel periodo oggetto di istruttoria dalla medesima stazione appaltante in relazione ai medesimi beni e servizi elettromeccanici. a) Il Tabellone 24. Emblematico al riguardo è un documento cartaceo (Tabellone) rinvenuto presso la sede della società Elca 14 (doc. I.3/2) in quanto consente di ricostruire la logica ripartitoria seguita dalle Parti nella partecipazione alle procedure di gara interessate, nonché le modalità con le quali sono state definite le quote di volta in volta spettanti alle diverse società. Esso è difatti un prospetto schematico di tipo dinamico, ossia che tiene via via conto delle posizioni in sospeso derivanti dal passato (ossia dalle precedenti procedure di acquisto di Trenitalia). La funzione del prospetto è quella di riepilogare le assegnazioni distribuite a ciascuna impresa per ogni appalto Trenitalia, così come il credito/debito complessivo maturato nei confronti delle altre imprese (ossia del tavolo). 25. Più precisamente, il credito/debito derivante dalla prima procedura di gara lì indicata (la Gpn 5149 Roma 12 marzo 2008 ) costituisce il punto di partenza per i suoi aggiornamenti progressivi -derivanti dalle differenze assegnazioni meno quota, cfr. infra- in occasione delle successive procedure di gara, sino all ultima di esse (la Rich. Prev Foligno 30 giugno 2010 ). 26. Nello specifico, per ciascuna procedura di acquisto vengono indicati, nelle diverse colonne del prospetto: i categorici di gara (ossia dei codici numerici); la descrizione del relativo prodotto; le quantità; il prezzo unitario (di aggiudicazione); il corrispondente valore complessivo (quantità*prezzo); seguono più colonne ognuna riferita ad una diversa impresa del cartello. Le imprese indicate nel prospetto sono tutte le Parti 15 : Aeg [Aeg]; DamianoM [Dmotor]; Elca [Elca]; FiremaT [Firema]; Meis [Meis]; Pm [dizione riferita a El-Pm e/o a Pm]; RetamS [Retam]; Gmg [Gmg]; Piaggio [Piaggio]; Motortecnica [Motortecnica]; Soelta [Soelta]. 11 Il computo è effettuato rispetto alla media delle offerte economiche presentate dalle varie ATI costituite dalle Parti. 12 Tale valore numerico è una media semplice della stima riferita alla fornitura di beni (bobine), pari al 24%, e della stima riferita alla prestazione di servizi (riparazione motori), pari al 27% (doc. VIII.404). A sua volta, il predetto 24% è un aggiornamento (reso possibile dal completamento in tempi recenti di una quinta procedura di gara) del valore precedentemente fornito del 16% circa (calcolato considerando invece l insieme delle sole prime quattro gare, doc. IV.275). In generale, tali valori numerici rappresentano un affinamento dell iniziale stima indicativa del 25-30% fornita dalla stessa Trenitalia in sede di audizione infraprocedimentale (doc. III.203). 13 Stima condotta considerando l indicatore congiunturale del prezzo dei semilavorati in rame. 14 I relativi fogli sono stati rinvenuti, secondo la descrizione della Polizia Giudiziaria (di seguito anche Pg), in una cartellina intestata Elca con sopra manoscritto Precedenti Trenitalia Bobine. 15 Qui come altrove ad eccezione ovviamente di Iee, all epoca non esistente.

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità LAVORI (articoli, e del decreto legislativo n. del 00) Importi in euro: fino a 00.000 da 00.000 a.000.000 da.000.000 di preinformazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI CAPO I DEFINIZIONE DI ACCESSO E DI DOCUMENTO AMMINISTRATIVO ART.1 Fonti e finalità 1. Il

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli