LE#SOCIETA #TRA#PROFESSIONISTI#

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE#SOCIETA #TRA#PROFESSIONISTI#"

Transcript

1 LESOCIETA TRAPROFESSIONISTI Ilquadronormativo:disposizionigenerali Nel corso degli ultimi due anni si sono susseguiti dei provvedimenti che hanno previsto e regolamentatounnuovomodelloorganizzativo: LeSocietàTraProfessionisti Iprovvedimentinormativiimportantiariguardosono: laleggedistabilitàdel12novembre2011n.183 ildecretoliberalizzazionid.l.del24gennaio2012n.1comemodificatadallaleggedi conversione24marzo2012n.27 La legge di stabilità del 12 novembre 2011 n. 183 all art. 10, comma 10 1 ha disciplinato la RiformadegliordiniprofessionaliesocietàtraprofessionistiprevedendocheilMinistrodella Giustizia di concerto con il ministro dello Sviluppo economico, entro 6 mesi dalla data di pubblicazionedellaleggestessa,dovesseadottareunregolamentoalloscopodidisciplinarele Stp Il Decreto Liberalizzazioni all art.9bis 2 ha previso la possibilità di costituire società tra professionisticonimodelliprevistidaititolivevidellibrovdelcodicecivile(s.s,soc.di persone,societàdicapitali,societàcooperative) Ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n , il Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, entro sei mesi dalla data di pubblicazione della presente legge, adotta un regolamento allo scopo di disciplinare le materie di cui ai precedenti commi 4, lettera c)(, 6 e 7. c) criteri e modalita' affinche' l'esecuzione dell'incarico professionale conferito alla societa' sia eseguito solo dai soci in possesso dei requisiti per l'esercizio della prestazione professionale richiesta; la designazione del socio professionista sia compiuta dall'utente e, in mancanza di tale designazione, il nominativo debba essere previamente comunicato per iscritto all'utente; d) le modalita' di esclusione dalla societa' del socio che sia stato cancellato dal rispettivo albo con provvedimento definitivo. 5. La denominazione sociale, in qualunque modo formata, deve contenere l'indicazione di societa' tra professionisti. 6. La partecipazione ad una societa' e' incompatibile con la partecipazione ad altra societa' tra professionisti. 7. I professionisti soci sono tenuti all'osservanza del codice deontologico del proprio ordine, cosi' come la societa' e' soggetta al regime disciplinare dell'ordine al quale risulti iscritta. 11. La legge 23 novembre 1939, n. 1815, e successive modificazioni, e' abrogata. 2 «Art. 9-bis. (Società tra professionisti) 1. All articolo 10 della legge 12 novembre 2011, n. 183 sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 3 è aggiunto, in fine, il seguente periodo: Le società cooperative di professionisti sono costituite da un numero di soci non inferiore a tre ; b) al comma 4, lettera b, è aggiunto ), in fine, il seguente periodo: in ogni caso il numero dei soci professionisti o la partecipazione al capitale sociale dei professionisti deve essere tale da determinare la maggioranza di due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei soci; il venir meno di tale condizione costituisce causa di scioglimento della società e il consiglio dell ordine o collegio professionale presso il quale è iscritta la società procede alla cancellazione della stessa dall albo, salvo che la società non abbia provveduto a ristabilire la prevalenza dei soci professionisti nel termine perentorio di sei mesi; ; c) al comma 4, dopo la lettera c), è inserita la seguente: c-bis) la stipula di polizza di assicurazione per la copertura dei rischi derivanti dalla responsabilità civile per i danni causati ai clienti dai singoli soci professionisti nell esercizio dell attività professionale ; d) al comma 9 le parole: salvi i diversi modelli societari ed associativi sono sostituite dalle seguenti: salve le associazioni professionali, nonché i diversi modelli societari. 2. Il socio professionista può opporre agli altri soci il segreto concernente le attività professionali a lui affidate. 1

2 Conquasidodicimesidiritardo,l 8febbraio2013,ilMinistrodellaGiustiziadiconcertoconil MinistrodellosviluppoeconomicohaemanatoilDecreton.34chedettaleregolesulleStp. Il6Aprileèstatopubblicatoingazzettaufficialeilregolamento in materia di società per l esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema ordinistico, ai sensi di quantoprevistodallaleggedistabilità. Questanuovanormativa, ha in sostanza, abolito il divieto, contenuto nella legge n.1815 del 1939 che consentiva l aggregazione tra professionisti solo con la formula dello Studio associato. La legge di stabilità del 2012 (183/2011), ha chiarito in modo esplicito che restano salve le associazioni professionali, nonché i diversi modelli societari vigenti. Le stp non cancellano le ASSOCIAZIONIPROFESSIONALImaessesiconfermanolaprincipalealternativaalleStp.Questo èstatoribaditoanchedaldecreton.34. Quindiapartiredal21Aprile2013(22inquantoil21cadedidomenica)èpossibilecostituire societàcheabbianoperoggettol eserciziodiunaattivitàprofessionale. Tutti i professionisti che svolgono un attività regolamentata nel sistema ordinistico ( come per esempio architetti, avvocati, commercialisti o ingegneri) potranno avviare imprese in formaassociata. Vediamocome: LetipologiediStp Inbaseaquantoprevistodallaleggedistabilità(legge12novembre2011n.183,articolo10) LeStppossonoessere: 1) Società tra professionisti o società professionaliaventiadoggetto l esercizio di una attività professionali per le quali sia prevista l iscrizione in appositi albi o elenchi regolamentatinelsistemaordinistico 2) Societàmultidisciplinaricostituiteperl eserciziodipiùattivitàprofessionali. Sia le società tra professionisti che quelle multidisciplinari possono essere costuite nelle formedella societàdipersone: (1) s.s. (2) s.n.c. (3) s.a.s. societàdicapitali (1) s.p.a (2) s.a.p.a. (3) s.r.l. (4) s.r.l.s. (5) s.r.l.c.r. societàcooperative(conunnumerodisocinoninferioreatre) 2

3 Acondizionechel attocostitutivopreveda: 1) l esercizioinviaesclusivadell attivitàprofessionaledapartedeisoci 2) cheisocisiano: professionistiiscrittiaordini,albiecollegi icittadinidistatimembridell UnioneEuropea,purchéinpossessodeltitolodistudio abilitanteallaprofessione soggettinonprofessionisti,ma soltantoperprestazionitecniche (lalegge,sulpunto, non brilla per chiarezza, ma si può immaginare un SOCIO D OPERA NON PROFESSIONISTA IN UNA STP DI PERSONE che svolga funzioni ancillari rispetto ai servizi prettamente professionali; oppure a UN SOCIO AMMINISTRATORE DI STP DI CAPITALIchesioccupidigestioneediorganizzazionedellostudio soggettinonprofessionistimachediventanosocidellastpperfinalitàdiinvestimento. Quantoallaripartizionedelcapitalesocialetrasociprofessionistiesocinonprofessionisti,è orastabilito,pereffettodellaleggediconversionedeldlliberalizzazioni,isociprofessionisti abbianolamaggioranzadi2/3nelledeliberazioniodecisionideisoci. Qualora tale condizione venga meno, si verifica una causa di scioglimento della società con cancellazione della stessa dall ordine di appartenenza salvo che la società provveda a ricostituirelaprevalenzadeisocineltermineperentoriodi6mesi. Una società tra professionisti potrà comprendere, quindi, due tipi di soci: il socio professionista, ovvero colui che detiene le conoscenze e le competenze tecniche per soddisfarelerichiestedellacommittenza,eilsociodicapitale,quelloche,noninpossessodi qualificheotecnichespecifiche,partecipaappuntoallastpconuncapitalediinvestimento. Ai soci di capitale spetta al massimo 1/3 del capitale totale della Stp; mentre i soci professionisti,provenientianchedadiversiordini,devonodetenerealmenoi2/3delcapitale. Questi devono risultare iscritti ai rispettivi albi professionali di appartenenza e devono rispettareilcodicedeontologicodeiloroordinidiappartenenza. 3) ladenominazionesocialedellastpdevecontenerel indicazionedistp (avremoquindi Alfasocietàperazionitraprofessionisti Betasocietàcooperativatraprofessionisti GammadiMarioRossiec.societàinnomecollettivotraprofessionisti Può essere utilizzata anche la nuova Srls(srl semplificata) oppure la nuova Srlcr(srl con capitaleridotto). 3

4 Conferimentoedesecuzionedell incaricoprofessionale Il principio cardine su cui poggia la nuova disciplina delle società tra professionisti è la distinzione concettuale fra l esercizio della professione e l esecuzione effettiva della prestazioneprofessionale: l eserciziodellaprofessionepuòesseresvoltononsoloindividualmentemaanchein formaassociataecomune,anchemediantelacostituzionedistp l esecuzione della prestazione è riservata esclusivamente alla persona fisica del professionistaabilitato(l eserciziodell attivitàprofessionalepuòquindiesseresvolto anche in forma societaria, che prevede pure la possibile partecipazione di soci non professionisti o di investimento, ma l esecuzione dell incarico deve essere necessariamenteeffettuatadaiprofessionistiabilitati) Al fine di garantire che l esecuzione della prestazione avvenga solo ed esclusivamente dal socio professionista abilitato gli articoli n.3, 4, 5 del decreto 34 in attuazione del principi espressinellafonteprimariadellaleggen.183/2011imponedegliobblighiinformativi INCAPOALLASOCIETA NEICONFRONTIDEICLIENTI. Dettiobblighiinformativisonodettagliatinell articolo4delregolamento: Al momento del primo contatto con il cliente, la società professionale gli deve fornire, anchetramiteilsocioprofessionistaleseguentiinformazioni: 1) l elencoscritto:. dei singoli soci professionisti, con l indicazione dei titoli o delle qualifiche professionalidiciascunodiessi.deisociconfinalitàd investimento SCOPO della normativa: tutelare in modo più completo le ragioniegliinteressidel clienteeconsentirgliunaliberaeconsapevolescelta. Particolareattenzionedovràesserepostasullaprovadocumentale. Dato che, viene espressamente richiesto, dal comma 3 dell art.4, che la prova dell adempimento degli obblighi di informazione nonché il nominativo del professionistaodeiprofessionistieventualmenteindicatidalclientedevonorisultare da atto scritto, risulterà opportuno predisporre delle apposite informative da consegnarealcliente,conservandonecopiacontrofirmatadalclientestesso. Sulpuntodiscrepanzatrailregolamentoelalegge183/2011: legge 183/2011: art.10 comma 4,lettera c) criteri e modalita' affinche' l'esecuzione dell'incarico professionale conferito alla societa' sia eseguito solo dai soci in possesso dei requisiti per l'esercizio della prestazione professionale richiesta; la designazione del socio professionista sia compiuta dall'utente e, in mancanza di tale designazione, il nominativo debba essere previamente comunicato per iscritto all'utente; ilregolamento:l oneredicomunicareperiscrittoalclienteilnominativodelprofessionista, ove questo non sia stato designato dal cliente medesimo, non appare tuttavia negli obblighi informativielencatidall articolo4delregolamento 4

5 Sulpuntolarelazioneillustrativaalregolamentoaffermacheèstatoritenutoopportunonon inserirloinquantoritenutosuperfluoeinutileaggraviodegliobblighiinformativinelcasoin cuiilclienteabbiarimessoallasocietàlasceltaalsuointernodelsingoloprofessionistache eseguiràl incarico. Stantel esplicitaprevisionecontenutanellanormaprimaria,siritienetuttaviachepermanga lanecessitàchetaleobbligodocumentalesiaprevistonell attocostitutivodellastp. 2) dirittodelclientedichiederechel esecuzione dell incaricoconferitoallasocietàsia affidataaunoopiùprofessionistidaluiscelti: nel caso in cui il cliente non designa uno specifico professionista, deve essere informatosulfattochel incaricoprofessionaleconferitoallasocietàverràeseguitoda ciascun socio in possesso dei requisiti per l esercizio dell attività professionale, con esclusionequindi,deisocinonprofessionistiosocidiinvestimento. All art. 5 si prevede che nell esecuzione dell incarico ricevuto, il socio professionista può avvalersi: 1) dellacollaborazionediausiliarisottolapropriadirezioneeresponsabilità; 2) può avvalersi di sostituti solo in relazione a particolari attività, caratterizzate da sopravvenuteesigenzenonprevedibili Inognicasoinominativideisostitutiedegliausiliarisonocomunicatialclienteperiscritto. Entro3giornidallacomunicazioneilclientehalafacoltàdicomunicareperiscrittoilproprio dissenso. 3) è possibile che l incarico professionale conferito alla società sia eseguito da ciascunsocioinpossessodeirequisitiperl eserciziodell attivitàprofessionale 4) esistenza di situazioni di conflitto d interesse tra cliente e società, che siano determinateanchedall eventualepresenzadisociconfinalitàd investimento. Partecipazioneallasocietàtraprofessionisti INCOMPATIBILITA ART.6 La fonte normativa primaria all art. 10 comma 6, prevede che la partecipazione ad una societàèincompatibileconlapartecipazioneadaltrastp Ilregolamento,all art.6precisa: la partecipazione a una società è incompatibile con la partecipazione ad altra società traprofessionistiomultidisciplinare. DURATA DELL INCOMPATIBILITA L incompatibilità si applica per tutta la durata dell iscrizione della società all ordine di appartenenza. L incompatibilitàvienemenoalladataincui:.ilrecessodelsocio.l esclusionedelsocio.iltrasferimentodell interapartecipazioneallastp produconoiloroeffettiperquantoriguardailrapportosociale(cioèalladatad iscrizione nelregistrodelleimpresedell attoattinentelaqualitàdisocio). 5

6 ULTERIORI IPOTESI DI INCOMPATIBILITA perisociconfinalitàd investimento: il socio per finalità d investimentopuòfarpartediunasocietàprofessionale solo quando:. sia in possesso dei requisiti di onorabilità previsti per l iscrizione all albo professionalecuilasocietàèiscritta(tracui,semprelamancataapplicazione,anchein primogrado,dimisurediprevenzionepersonalioreali).nonabbiariportatocondannedefinitiveperunapenapariosuperioreadueannidi reclusioneperlacommissionediunreatononcolposo,salvochenonsiaintervenuta riabilitazione.nonsiastatocancellatodaunalboprofessionalepermotividisciplinari Se socio con finalità d investimento sia una società, queste cause di incompatibilità si applicanoailegalirappresentantieagliamministratoridellasocietà. Ilmancatorilievoolamancatarimozionediunasituazionediincompatiblità(desumibile anche dallerisultanzedell iscrizioneall albooalregistrotenutopressol ordineoil collegioprofessionale)integranol illecitodisciplinare: perlastp perilsingoloprofessionista ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE Ai fini della verifica dell incompatibilità di cui all art. 6 decreto n.34, la Stp è iscritta nella sezione speciale del registro delle imprese istituite presso la competente camera di commercio. Funzione:certificazioneanagraficaepubblicitànotizia Riflessione: dato il suo particolare oggetto sociale (che la distingue dalle altre società commerciali )l iscrizioneavvieneinunasezionespecialedelregistrodelleimprese.questo testimonia la specifica natura delle Stp, da cui dovrebbe discendere alcune importanti conseguenzemaservonoancorachiarimentidefinitivisuduepunti:. l inapplicabilità della disciplina fallimentare (che è procedura tipica delle imprese commerciali). la considerazione dei redditi della Stp non come redditi d impresa (e quindi governati dal principiodicompetenza),macomeredditidilavoroautonomobasatisulcriteriodell incasso. Iscrizioneall AlboProfessionaleeRegimeDisciplinare IlcapoIVdeldecretoministerialefissa,dagliarticoli8al12,icriteri,perl iscrizione delle Stpall alboprofessionaleeillororegimedisciplinare. ISCRIZIONE NELL ALBO PROFESSIONALE: Nellanormaprimarianonvieraalcunriferimentonormativoall obbligodiiscrizionedellastp all alboprofessionalemaèl art.8deldecretoministerialechesanciscel obbligod iscrizione dellastpinunaappositasezionespecialedeglialbiodeiregistritenutipressol ordineoil collegioprofessionalediappartenenzadeisociprofessionisti. 6

7 Possonoaversiduecasi: 1) Stpesercentistessaattività:ladomandadiiscrizionedeveessererivoltaalconsiglio dell ordine o del collegio professionale nella cui circoscrizione è posta la sede legale dellastp risultandoquindiirrilevantel ordineterritorialepressoilqualesonoiscritti isociprofessionisti. 2) Stpmultidisciplinari(esercentipiùattivitàprofessionali):l individuazionerisultapiù problematica. Si pone il problema di individuare presso quale ordine o collegio professionaleindirizzareladomandadiiscrizione adesempio,unastpcostituitatra commercialisti e consulenti del lavoro dovrà essere iscritta all ordine dei dottori commercialistioall ordinedeiconsulentidellavoro? Il decreto ministeriale individua l ordine al quale è necessario iscrivere la Stp con riferimento al criterio dell attività prevalente come individuata nello statuto e nell atto costitutivo. Dal tenore letterale della disposizione parrebbe quindi doversi avere unicamente a riferimentol attivitàindicatanellostatutoonell attocostitutivo,nonquindil attivitàpoidi fattoesercitatacomeprevalentedallastp. La domanda di iscrizione deve essere rivolta al consiglio dell ordine o del collegio professionale,sceltotramiteilcriteriodell attivitàprevalentecomeindividuatanellostatutoo nell attocostitutivo,nellacuicircoscrizioneèpostalasedelegaledellastp. LA DOMANDA Prima Fase Ladomandadiiscrizionedovràesserecorredatada: 1 attocostitutivoestatutodellasocietàincopiaautentica 2 certificatodiiscrizionenelregistrodelleimprese 3 certificatodiiscrizioneall albo,elencooregistrodeisociprofessionistichenon sianoiscrittipressol ordineoilcollegiocuièrivoltaladomanda Nel caso di società semplici tra professionsiti (s.s.tp), in luogo del documento indicato al primopunto,sipuòallegareunadichiarazioneautenticatadelsocioprofessionistacuispetti l amministrazionedellasocietà)quindi: 1dichiarazioneautenticatadelsocioprofessionistacuispettil amministrazionedellasocietà 2certificatodiiscrizionenelregistrodelleimprese 3certificatodiiscrizioneall albo,elencooregistrodeisociprofessionistichenonsianoiscritti pressol ordineoilcollegiocuièrivoltaladomanda SecondaFase Presentata la domanda di iscrizione, sarà il consiglio dell ordine o del collegio professionale cheiscriveràlastpnell appositasezionespecialeannotando: ragionesocialeodenominazionesociale oggettoprofessionaleunicooprevalente sedelegale nominativodellegalerappresentante nomideisociiscritti eventualisociiscrittipressoalbioelenchidialtreprofessioni 7

8 TerzaFase Avvenutal iscrizionepressol ordinediappartenenzaillegalerappresentantedellastpdovrà attivarsiperrichiederel annotazionedell intervenutaiscrizioneanchenellasezionespeciale delregistrodelleimprese. Eventualivariazionicircaglielementisopraelencativannosemprecomunicati. DINIEGO DI ISCRIZIONE (Art. 10) Nelcasoincuiilconsigliodell ordinealqualeèstatapresentataladomandadiiscrizionedella Stp,neghil iscrizione,l articolo10deldecretodisponeche,primadellaformaleadozionedi taleprovvedimentonegativo,ilconsigliodell ordinedeveattivareuncontraddittoriocon il legale rappresentante della società, mediante comunicazione di un parere motivato contenenteimotivicheostanoall accoglimentodelladomanda. Nei termini di 10 giorni dal ricevimento della comunicazione, la Stp, sempre tramite il suolegale rappresentante, ha diritto di presentare proprie memorie, corredate, se lo ritiene,anchedadocumenti. Talememoriasaràesaminatadalconsigliodell ordineprofessionalecompetente;nelcasoin cuiilconsigliononaccolgaleosservazionieventualmentepresentatedallastp,emetteràuna formale lettera di diniego all iscrizione, impugnabile secondo le disposizioni dei singoli ordinamentiprofessionali.ècomunquefattasalvalapossibilità,previstadalleleggivigenti,di ricorrereall autoritàgiudiziaria. CANCELLAZIONE DALL ALBO PER DIFETTO SOPRAVVENUTO DI UN REQUISITO (art.11) Qualora venga meno uno dei requisiti previsti dalla legge o dal regolamento, il Consiglio dell Ordine presso cui è iscritta la società, provvede, nel rispetto del principio del contraddittorio a cancellare la Stp dall albo se la società non provvede a regolarizzare nel termineperentoriodi3mesi(chedecorronodalmomentoincuisièverificatalasituazionedi irregolarità). REGIME DISCIPLINARE DELLA SOCIETA (Art.12) Venendo a esaminare il regime disciplinare della Stp, diverse sono le problematiche che il decretoinesamesiètrovatoadoverregolamentareneldettaglio. Innanzituttosidovevadecideresel esercizioincomunedell attivitàprofessionalesvoltaperil tramite della Stp, iscritta a un ordine, liberasse i singoli soci professionisti da ogni responsabilitàdicaratteredeontologico. L art.12hastabilito: rimane immutata la responsabilità disciplinare personale del singolo socio professionistaalrispettodelleregoledeontologichedell ordinealqualeèiscritto selaviolazionedeontologicacommessadalsocioprofessionista,ancheiscrittoad unordinediversodaquellodellasocietà,èricollegabileadirettiveimpartitedalla società,ilsocioprofessionistaconcorrerà,conlapropriaresponsabilitàpersonale,e conunapropriaeautonomaresponsabilitàconcorrentedellastp. Problema: NELL INDIVIDUARE L ORDINE COMPETENTE AD ATTIVARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE, NESSUN PROBLEMA EMERGE, NELL IPOTESI IN CUI IL SOCIO PROFESSIONISTA E LA STP SIANO ISCRITTI AL 8

9 MEDESIMO ORDINE (ESEMPIO: socio professionista iscritto all Ordine dei Dottori Commercialisti ed esperti ContabilieStpiscrittanell appositasezionespecialedelmedesimoordine,inquantoaventeadoggettosociale prevalentedastatutol esercizioincomunedell attivitàdicommercialista). Nullavienedettosulqualesial Ordineterritorialmentecompetenteadazionare,incapoalsocioprofessionista, uneventualeprocedimentodisciplinare ESEMPIO:socioprofessionistaiscrittoall ordinediverona(l iscrizionedeveessereeffettuataavendoariguardo illuogoovelapersonafisicahalaresidenzaoildomicilioprofessionale)diunastpconsedelegaleamilanoe iscrittaall albosezionespecialedell ODCdiMilano. Inpassatoildecretolegislativo96/2001disciplinantelacostituzionedellesocietàtraavvocati,prevedevache periprocedimentidisciplinaril ordinecompetentefossequellaoverisultavaiscrittalasocietàquindinelnostro casoodcdimilano. SOCIETA MULTIDISCIPLINARE:fermalaresponsabilitàdisciplinaredelsocioprofessionista,cheèsoggettoalle regoledeontologichedell ordinealqualeèiscritto,lastprispondedisciplinarmentedelleviolazionidellenorme deontologichedell ordinealqualerisultaiscritta. AspettiFiscaliePrevidenziali Nelalegge183/2011,néiltestodeldecretoministerialen.34fornisconoinformazioni: altrattamentofiscale altrattamentoprevidenziale dariservareallestpeairelativisoci. La stessa relazione illustrativa sottolinea << ancora restano estranei all oggetto del provvedimento illustrato, per assenza di riferimenti nella normativa primaria, i profili fiscale e previdenziale delle società professionali, aspetti che trovano adeguata regolamentazione legislativa per talune professioni (ingegneri, architetti) e che, quanto agli avvocati, sono stati di recente esplicitamente trattati dalla citata riforma ordinamentale>> Sulpianofiscalerimangonoindefinite:.l effettivanaturatributariadelredditoprodotto(diimpresaoprofessionale).leregoleconlequaliverràdeterminatoilredditostesso(criteriodicompetenzaodicassa).iltrattamentofiscaleacuiverràsottoposto(soggettoaritenutad accontoononsoggetto). IprincipalieffettidelREDDITOPROFESSIONALE: determinazionedelredditoexarticolo53deltuir tassazioneinbasealprincipiodicassa(connecessitàdioperarevariazionifiscaliper adeguarsiataleprincipio) ricavidellasocietàsoggettiaritenutad acconto IprincipalieffettidelREDDITOD IMPRESA: determinazionedelredditosecondoleregolepropriedelredditod impresa principiodicompetenzasiaaifinicivilisticachefiscali ricavidellasocietànonsoggettiaritenuted acconto 9

10 CONCLUSIONI: Indizicheportanoallavoro autonomo Sonomoltigliindizicheconduconoadaffermarechelenuovestpdetermineranno,redditodi lavoroautonomo. Ciòinquanto: lanormaprimariaprevedechelestppossanocostituiresoloperesercitareunaopiù attivitàprofessionali il reddito prodotto dagli esercenti attività professionali non può essere considerato d impresa me deve essere considerato, a tutti gli effetti, reddito di lavoro autonomo, secondol articolo2222delcodicecivile l articolo 10 della Legge 183/2011, combinato con il decreto ministeriale, vincola in modomoltosignificativol entrataeilruolodeisocinonprofessionisti in passato l Agenzia delle Entrate ha già avuto modo di affermare che le società tra avvocati, disciplinate dal Dlgs 96/2001, producono esclusivamente redditi di lavoro autonomo Sulpianoprevidenzialeglieffettisarannodiversiasecondadellatipologiadireddito:.se le Stp generassero REDDITI DI LAVORO AUTONOMO, il regime contributivo dei redditi delle Stp, sarebbe attratto alle regole della previdenza dei professionisti e, quindi in fattura andrebberoindicatideicontributiintegrativi..selestpproducesseroredditid IMPRESAsiavrebberoiseguentieffetti:.leStpsarebberodeltuttoesclusedalleregolediprevidenzadeiprofessionisti.noncisarebberocontributiintegratividaindicareinfattura.i singoli soci professionisti dovrebbero costruirsi in proprio una posizione previdenziale Schema Riepilogativo: Ipotesi di previdenza Stp: La Stp deve essere tenuta al versamento del CONTRIBUTO INTEGRATIVO, potendolo addebitare in fattura ai clienti Soci Professionisti: Versano alle rispettive casse di previdenza Soci tecnici: Versano alle rispettive Casse di appartenenza o all Inps Soci di mero Capitale: Non versano contributi previdenziali, a meno che non svolgono un attività nell impresa. Riflessione: Con le nuove stp rischio di elusione contributiva:nellaregolamentazionediqueste nuovestrutturegiuridichesiintravedeilrischiocheiredditieivolumid affariprodotti dallasocietàdicapitalitraprofessionisti senonperfettamenteinquadratipotrebbero nonessereincardinabiliall internodelmeccanismoprevidenzialedelleprofessioniacui quelleattivitàsonoriconducibili. E necessario, pertanto, fare chiarezza per evitare che le società traprofessionisti possano divenire per i soci un veicolo che permetta di evitare l assoggettamento alla normativa previdenziale a cui sono ordinariamente soggetti coloro che svolgono la medesimaattivitàinformaindividualeoassociata.questiultimi,infatti,sonotenutial versamentosiadellacontribuzionesoggettiva,sulredditoprofessionale,cheintegrativa, sulvolumed affari. 10

11 Sono evidenti gli effetti negativi che ne deriverebbero per i conti delle Casse di previdenza. Sono, altresì, facilmente valutabili i rischi di alterazione della concorrenza nell ambitodelmedesimosettoreprofessionale,chepresenterebberocostisuperioriper gli imprenditori che si rivolgessero agli studi professionali tradizionali, rispetto alle Stp. 11

Le Societa' Tra Professionisti

Le Societa' Tra Professionisti Il quadro normativo: disposizioni generali Nel corso degli ultimi due anni si sono susseguiti dei provvedimenti che hanno previsto e regolamentato un nuovo modello organizzativo: Le Società Tra Professionisti

Dettagli

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse PROFESSIONE INTELLETTUALE ART. 2229 COD.CIV. La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse generale della

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.)

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.) COMMISSIONE ALBO, ORDINAMENTO E TUTELA SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.) (Decr. Min. Giust. n. 34 dell 8/2/2013) 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L. 1815 del 23 novembre 1939 (Legge disciplinante l esercizio

Dettagli

Le norme di riforma dello

Le norme di riforma dello SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI AL VIA Marco D Alesio È l ora del debutto di un nuovo modello societario che si affianca agli altri già a disposizione dei professionisti che vogliono esercitare l attività in

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI SOCIETA TRA PROFESSIONISTI La Società tra professionisti STP è stata introdotta e riconosciuta da poco nel nostro ordinamento come società mono o multi disciplinare regolamentata dal D.M. 8 febbraio 2013

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

All inizio del 2011 l esercizio in forma non individuale della professione. forense poteva svolgersi in due modi diversi. Uno riguardava le presone

All inizio del 2011 l esercizio in forma non individuale della professione. forense poteva svolgersi in due modi diversi. Uno riguardava le presone ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI TRA AVVOCATI E SOCIETA TRA AVVOCATI Torino, 28.6.2013 (Avv. Marco Weigmann) Appunti I. La situazione normativa all 11.11.2011 All inizio del 2011 l esercizio in forma non individuale

Dettagli

ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE

ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI COMMISSIONE GIOVANI L'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Dott. Andrea Ruggeri Cannata - Dott. Andrea Aiello - Dott. ing. Gaetano Fede - Dott.

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI

SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI Circolare informativa per la clientela n. 21/2012 del 28 giugno 2012 SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI In questa Circolare 1. Normativa 2. Decreto attuativo 3. Compagine sociale 4. Scelta della forma sociale

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI: LA COOPERATIVA TRA PROFESSIONISTI. (Bologna, 17 marzo 2014) A cura di Mauro Iengo

NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI: LA COOPERATIVA TRA PROFESSIONISTI. (Bologna, 17 marzo 2014) A cura di Mauro Iengo Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI: LA COOPERATIVA TRA PROFESSIONISTI (Bologna, 17 marzo 2014) A cura di Mauro Iengo Uno dei problemi che incontrano i professionisti italiani

Dettagli

PREDISPOSIZIONE DI FATTURE PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PREDISPOSIZIONE DI FATTURE PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI AGGIORNAMENTI PREDISPOSIZIONE DI FATTURE PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI La redazione delle fatture per le prestazioni di lavoro autonomo deve tenere conto: del regime contributivo applicabile al professionista;

Dettagli

LE SOCIETA TRA PROFESSIONISTI. I modulo. ROMA, 30 ottobre 2014 ISTITUTO G. TAGLIACARNE

LE SOCIETA TRA PROFESSIONISTI. I modulo. ROMA, 30 ottobre 2014 ISTITUTO G. TAGLIACARNE MM LE SOCIETA TRA PROFESSIONISTI I modulo ROMA, 30 ottobre 2014 ISTITUTO G. TAGLIACARNE Profilo generale Legge 1815/1939 Art. 2229 Legge Bersani 1 Legge Bersani 2 DL 185/2011 L 4 del 2013 Profili speciali

Dettagli

Società tra professionisti, le strutture societarie divengono a pieno titolo strumento di esercizio dell attività professionale: potenzialità e limiti

Società tra professionisti, le strutture societarie divengono a pieno titolo strumento di esercizio dell attività professionale: potenzialità e limiti Società tra professionisti, le strutture societarie divengono a pieno titolo strumento di esercizio dell attività professionale: potenzialità e limiti Auditorium San Fedele Milano, 17 gennaio 2014 Relazione

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO DEL DENARO. Alessandro GARIBOTTI Presidente de l Ordine Avvocati di Lucca

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO DEL DENARO. Alessandro GARIBOTTI Presidente de l Ordine Avvocati di Lucca LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO DEL DENARO Alessandro GARIBOTTI Presidente de l Ordine Avvocati di Lucca INTERMEDIATE MEETING / STAGE FBE Geneva, 10 th 13 th October 2012 Parte Prima

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a

Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a norma dell articolo 21, comma 1, della legge 31 dicembre

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI FEDERAZIONE ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI CONSERVATORI TOSCANI AREZZO GROSSETO LIVORNO LUCCA PISTOIA PRATO SIENA FAD formazione a distanza Seminario formativo valido per 4 CFP obbligatori in materia

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 17 maggio 2012 A tutti gli Iscritti all Albo e p.c. Al Consiglio dell Ordine Nazionale degli Attuari Ai Comitati Regionali All Istituto Italiano degli Attuari Prot. n. 066/2012

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Decreto liberalizzazioni e professioni: lavori in corso per la modifica dell ordinamento

Il punto di pratica professionale. Decreto liberalizzazioni e professioni: lavori in corso per la modifica dell ordinamento Il punto di pratica professionale Decreto liberalizzazioni e professioni: lavori in corso per la modifica dell ordinamento a cura di Mauro Marrucci Consulente del lavoro in Livorno Il D.L. 24 gennaio 2012,

Dettagli

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011 UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra Bari, 9 settembre 2011 1 RIFORMA PROFESSIONI LIBERALIZZARE o DEREGOLAMENTARE? Liberalizzare:

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La riforma dell ordinamento professionale: stato dell arte e adempimenti futuri. (c.r.

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La riforma dell ordinamento professionale: stato dell arte e adempimenti futuri. (c.r. Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La riforma dell ordinamento professionale: stato dell arte e adempimenti futuri (c.r. 389) Roma, 12 settembre 2012 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Il Geometra del Futuro un nuovo Regolamento per la professione di domani

Il Geometra del Futuro un nuovo Regolamento per la professione di domani La Riforma della Professione e le prospettive per gli Iscritti I Geometri a confronto I Decreti del cambiamento: D.L. 6 LUGLIO 2011 N. 98 Disposizioni Urgenti per la stabilizzazione finanziaria Art. 29

Dettagli

CIRCOLARE N. 33/IR DEL 31 LUGLIO 2013 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI:

CIRCOLARE N. 33/IR DEL 31 LUGLIO 2013 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI: CIRCOLARE N. 33/IR DEL 31 LUGLIO 2013 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI: ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE E NELLA SEZIONE SPECIALE DELL ALBO, INCOMPATIBILITÀ E REGIME DISCIPLINARE

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Regolamento

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Regolamento SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Regolamento Di Stefano Perego A seguito dell art. 10, commi 3-11, L. 12.11.2011, n. 183 (Legge di stabilità 2012) i professionisti potrebbero cercare forme di associazione. La

Dettagli

SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI. Circolare n. 10/2013 TORINO 02/05/2013. REGOLAMENTO di ATTUAZIONE. Studio effemme srl 1

SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI. Circolare n. 10/2013 TORINO 02/05/2013. REGOLAMENTO di ATTUAZIONE. Studio effemme srl 1 SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI REGOLAMENTO di ATTUAZIONE Circolare n. 10/2013 TORINO 02/05/2013 1 SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI REGOLAMENTO di ATTUAZIONE In questa Circolare 1. Quadro normativo 2. Forme societarie

Dettagli

Liberalizzazione delle attività economiche

Liberalizzazione delle attività economiche LE NOVITÀ DEL "DECRETO LIBERALIZZAZIONI" e del DECRETO SVILUPPO Il D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" convertito

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * *

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * * Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 OGGETTO: Nuova disciplina delle dimissioni volontarie * * * * * * * * * * * * In Gazzetta Ufficiale n. 42 del 19 febbraio 2008 è stato

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate

Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate Mi si chiede di rispondere, secondo verità, al seguente QUESITO: se sia legittimo costituire una società tra professionisti, ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. 15 del 21 Dicembre 2015 FORMAZIONE ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 Istituzione e ambito di applicazione

Dettagli

IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI

IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI IL DDL CONCORRENZA: LE SOCIETA DI CAPITALI LA TASSAZIONE DEI REDDITI D IMPRESA ALLA LUCE DELLA DELEGA FISCALE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Il Disegno di legge sulla concorrenza licenziato dal Consiglio

Dettagli

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di:

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di: CNF: nasce lo Sportello del cittadino, consulenza gratuita Consiglio Nazionale Forense, bozza regolamento 14.02.2013 I Consigli dell Ordine degli Avvocati istituiranno uno Sportello per il cittadino con

Dettagli

-------------------------

------------------------- Direzione Centrale Gestione Tributi ------------------------- Settore Servizi ai Contribuenti Ufficio Rapporti con i CAF e altri intermediari Prot n. 3/4/117874/03 Roma, Alle Direzioni Regionali e, per

Dettagli

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE Circolare 29 del 12 dicembre 2014 Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE 1 Premessa... 3 2 Operazioni straordinarie delle società di persone

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. n 413 Salerno, lì 24 Marzo 2012 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 51/2012. Decreto Legge sulle Liberalizzazioni: il testo definitivamente approvato

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SCHEMA DI

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SCHEMA DI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SCHEMA DI Regolamento di disciplina dei requisiti patrimoniali e di indipendenza delle società di consulenza finanziaria, nonché dei requisiti di professionalità, onorabilità

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI CresciItalia

DECRETO LIBERALIZZAZIONI CresciItalia Art. 2 - Tribunale delle imprese DECRETO LIBERALIZZAZIONI CresciItalia Art. 3 - Accesso dei giovani alla costituzione di società a responsabilità limitata Art. 9 - Disposizioni sulle professioni regolamentate

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO ZURIGO Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n.1089

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO ZURIGO Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n.1089 FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE SOCIETÀ DEL GRUPPO ZURIGO Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n.1089 Documento sulla politica di investimento (data approvazione: 19/12/2012) Sommario PREMESSA...

Dettagli

Definizione della tipologia contrattuale

Definizione della tipologia contrattuale LE COLLABORAZIONI AUTONOME CON PARTITA IVA novità della riforma Fornero con particolare riguardo ai riflessi sull attività degli organi di vigilanza del Ministero del Lavoro a cura di Umberto Ranucci,

Dettagli

DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012.

DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012. GUIDA ALLA RIFORMA DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO, PIANIFICATORE, PAESAGGISTA E CONSERVATORE DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012.

Dettagli

Fatture Professionisti

Fatture Professionisti Fatture Professionisti INTRODUZIONE I redditi di lavoro autonomo sono individuati dall'articolo 53 del Tuir, con la importante distinzione tra quelli derivanti dall'esercizio di arti e professioni e quelli

Dettagli

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Articolo 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica

Dettagli

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE CIRCOLARE N. 8 - SETTEMBRE 2012: LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE COMUNICAZIONE DEI DATI DEI CONTI CORRENTI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE La Manovra Monti ha previsto l obbligo, da parte degli

Dettagli

LE SRL ODONTOIATRICHE

LE SRL ODONTOIATRICHE LE SRL ODONTOIATRICHE Via del Vecchio Politecnico n 9 20121Milano Tel. 02. 76316733 - Fax 02. 76009506 E-mail: paolo.giuliano@glpa.it Paolo Giuliano Dottore Commercialista e Revisore dei Conti ART. 1 -

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali. Le forme giuridiche per la costituzione della STP

Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali. Le forme giuridiche per la costituzione della STP Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali LE SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI: ESAME DELLA NORMATIVA E PROPOSTE DI INTERVENTO Premessa L art. 10 della legge 12 novembre 2011, n. 183 contiene

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

S T A T U T O della società tra avvocati "STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P." ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori

S T A T U T O della società tra avvocati STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P. ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori S T A T U T O della società tra avvocati "STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P." ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori PERON Avv. STEFANO, CERA Avv. NICOLA e FACCO Avv. ALESSIA

Dettagli

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1 INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO Collaborazioni Esterne 1 PROCEDURA DI ACCESSO L Università degli Studi di Milano- Bicocca, a seguito di procedura pubblica di selezione, può

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

Regolamento interno per il conferimento di incarico a soggetti terzi per l organizzazione di eventi formativi e per il relativo accreditamento

Regolamento interno per il conferimento di incarico a soggetti terzi per l organizzazione di eventi formativi e per il relativo accreditamento Regolamento interno per il conferimento di incarico a soggetti terzi per l organizzazione di eventi formativi e per il relativo accreditamento PREMESSA L articolo 6 del Regolamento per la formazione professionale

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

Riforma degli Ordinamenti professionali D.P.R. n. 137/2012 G.U. n. 189 del 14.08.2012

Riforma degli Ordinamenti professionali D.P.R. n. 137/2012 G.U. n. 189 del 14.08.2012 Piacenza 3 maggio 2013 Trento 20 maggio 2013 Riforma degli Ordinamenti professionali D.P.R. n. 137/2012 G.U. n. 189 del 14.08.2012 Regolamento di delegificazione L. n. 400/1988 Interessa tutte le professioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88 /E

RISOLUZIONE N. 88 /E RISOLUZIONE N. 88 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 ottobre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Fatturazione e regime fiscale dei compensi da versare ai medici, dipendenti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999. (Relatore: TESTA) SUL DISEGNO DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999. (Relatore: TESTA) SUL DISEGNO DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6322-A RELAZIONE DELLA V COMMISSIONE PERMANENTE (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) Presentata alla Presidenza il 24 settembre 1999 (Relatore:

Dettagli

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO . ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO PROMOTORE FINANZIARIO La figura del promotore finanziario è regolata dal Dlgs 24 febbraio 1998, n. 58, che all art.31, comma 2, definisce

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

Regolamento interno per l accreditamento di eventi formativi organizzati da soggetti terzi

Regolamento interno per l accreditamento di eventi formativi organizzati da soggetti terzi Regolamento interno per l accreditamento di eventi formativi organizzati da soggetti terzi PREMESSA L articolo 6 del Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine territoriale di Catania,

Dettagli

Periodico informativo n. 12/2011. Inarcassa: aumento del contributo integrativo

Periodico informativo n. 12/2011. Inarcassa: aumento del contributo integrativo Periodico informativo n. 12/2011 Inarcassa: aumento del contributo integrativo Gentile cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento informativo, che dal 1 gennaio 2011, è stato

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 9-06-1994 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 9-06-1994 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 9-06-1994 REGIONE PIEMONTE Norme di attuazione della legge 8 novembre 1991, n. 381 > Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE

Dettagli

Dott.ssa Ilaria Redaelli 21 Marzo 2013

Dott.ssa Ilaria Redaelli 21 Marzo 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli 21 Marzo 2013 Legge di stabilità 2012 art.10 legge 183/2011 Introdotta la possibilità di costituire delle società tra professionisti avente come oggetto l esercizio di attività

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

(Roma, 25 NOVEMBRE 2003)

(Roma, 25 NOVEMBRE 2003) SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE COOPERATIVE DI LAVORO AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 3 APRILE 2001, N. 142 (come modificata dalla legge 30/2003, art. 9) (Roma, 25 NOVEMBRE 2003) 1 ARTICOLO 1 Scopo ed

Dettagli

SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI

SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI di Gabriella Trinchese Ricercatrice in Diritto Societario Presentazione di Stefano Pochetti INDICE Presentazione del Prof. Stefano Pochetti... 2 1. Il quadro normativo... 3 1.1.

Dettagli

Fisco: angolo quesiti agosto 2008. QUESITO N. 1: Perdita Caparra RISPOSTA

Fisco: angolo quesiti agosto 2008. QUESITO N. 1: Perdita Caparra RISPOSTA Stampa Fisco: angolo quesiti agosto 2008 admin in Auto & Fisco, Modello UNICO, Unico 2008 QUESITO N. 1: Perdita Caparra La società Alfa srl ha costruito degli immobili ad uso abitativo su un terreno di

Dettagli

DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015

DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015 DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015 OGGETTO: Decreto Legislativo 27 maggio 1999 n. 165 - Decreto Ministeriale 27 marzo 2008 e D.G.R. 17 ottobre 2008 n. 725. Autorizzazione all attività di Centro

Dettagli

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE. 1. Premessa

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CONTRATTO ATTO DI

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE TRAMITE PROCEDURA COMPARATIVA PER INCARICHI PROFESSIONALI

AVVISO DI SELEZIONE TRAMITE PROCEDURA COMPARATIVA PER INCARICHI PROFESSIONALI Determina n. 3 del 20 novembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE TRAMITE PROCEDURA COMPARATIVA PER INCARICHI PROFESSIONALI La Società Consortile a Responsabilità Limitata Uniontrasporti intende avviare una procedura

Dettagli

RISOLUZIONE N. 125/E. Roma, 6 maggio 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 125/E. Roma, 6 maggio 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 125/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 6 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 della legge n. 212 del - Costi ammissibili al credito d imposta per le attività

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi 1. D: Cosa accade ai COA attualmente in carica? F.A.Q. R: Sono prorogati di diritto sino al 31 Dicembre 2014 (art. 65 co. 2). 2. D: Quali sono le cause di incompatibilità per i Consiglieri del COA e quando

Dettagli

OBBLIGHI DELLE CASE PREPONENTI

OBBLIGHI DELLE CASE PREPONENTI OBBLIGHI DELLE CASE PREPONENTI Quando si dà mandato ad un agente o ad un rappresentante di commercio, (che deve essere iscritto all albo professionale agenti per poter svolgere detta attività), la casa

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14

Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14 Focus di approfondimento a seguito delle domande del webinar 8.05.14 Il ciclo di gestione delle performances: applicazione del d.lgs. n. 150/09 nel comparto Regioni ed autonomie locali Ruolo degli OIV

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale.

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 29 del 27 aprile

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. CXCII n. 1 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AGENZIA PER LE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (Periodo 8 marzo - 31 dicembre 2002) (Articolo

Dettagli

La Libera Professione Guida sintetica

La Libera Professione Guida sintetica INSERTO SPECIALE I.R. Giugno 2007 - N. 35 COLLEGIO INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROVINCIA DI COMO Ist. ai sensi Legge 29-10-54 n. 1049 La Libera Professione

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE*

RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* RASSEGNA NORMATIVA RASSEGNA PERIODICA DI LEGISLAZIONE* Giugno 2005 Comunicato n. 68/2005 Legge n. 62/2005 Disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia alle Comunità

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REGOLAMENTO del 12 ottobre 2011, n. 7. Regolamento Disciplina del registro regionale delle associazioni di promozione sociale LA GIUNTA REGIONALE

REGOLAMENTO del 12 ottobre 2011, n. 7. Regolamento Disciplina del registro regionale delle associazioni di promozione sociale LA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO del 12 ottobre 2011, n. 7 Regolamento Disciplina del registro regionale delle associazioni di promozione sociale LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE visto

Dettagli

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» LEGGE REGIONALE 18 OTTOBRE 2006, N. 13 «Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 50 DEL 31 OTTOBRE

Dettagli

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale».

3. La denominazione sociale, comunque formata, deve contenere l'indicazione di «cooperativa sociale». L. 8 novembre 1991, n. 381 Disciplina delle cooperative sociali 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli