La Società tra Professionisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Società tra Professionisti"

Transcript

1 Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO TONALINI STRADELLA (PV) Via Dallagiovanna 16 Tel PAVIA Viale Cesare Battisti 17 Tel Seguici sul sito: tonalini.it oppure su Scarica la nostra App Notaio Tonalini

2 L esercizio in forma associata delle professioni protette La costituzione di società tra professionisti per l esercizio di professioni regolamentate in ordini professionali è espressamente disciplinata dall art. 10 della legge 12 novembre 2011, n. 183 (legge di stabilità per il 2012), e dal successivo decreto attuativo (decreto del Ministero della Giustizia 8 febbraio 2013, n. 34). La riforma ha eliminato lo storico divieto di costituire società per l esercizio di professioni protette (legge 23 novembre 1939, n. 1815, ora abrogata), che era stato a suo tempo introdotto per garantire un collegamento diretto tra la figura del professionista, obbligatoriamente iscritto agli ordini professionali, e l'esecuzione della prestazione. Si trattava, quindi, di una garanzia per il cliente, che entrava in rapporto esclusivamente con una determinata persona fisica, iscritta in un albo professionale in seguito a un rigoroso controllo della sua preparazione. L'unica forma associativa consentita ai professionisti era allora quella dello studio associato, costituito solo tra soggetti regolarmente iscritti a un albo professionale, e comprendente nella denominazione il nome e il cognome di tutti gli associati (art. 1 della legge 23 novembre 1939, n. 1815). Anche in questo caso, però, l'incarico viene affidato dal cliente al singolo professionista, e non allo studio, che non ha personalità giuridica e assume rilievo solo nei rapporti tra gli associati, al fine della divisione degli utili. La forma organizzativa dello studio associato è sopravvissuta alla riforma, essendo espressamente fatta salva dalla nuova legge (art. 10, comma 9, della legge 12 novembre 2011, n. 183), nonostante l abrogazione della legge 23 novembre 1939, n Una prima breccia nel divieto di esercizio dell'attività professionale in forma societaria era stata aperta, già da alcuni anni, dalla possibilità, ammessa prima dalla giurisprudenza e poi dalla stessa legge (art. 90 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163), di costituire società per l esercizio dell attività di ingegneria, e in particolare per l esecuzione di studi di fattibilità, ricerche, consulenze, progettazioni o direzioni dei lavori, valutazioni di congruità tecnico-economica o studi di impatto ambientale, nella forma di società di ingegneria (società di capitali o società cooperative a cui possono partecipare anche soggetti non professionisti, senza alcun limite specifico) oppure di società di professionisti (società di persone o di società cooperative, costituite esclusivamente tra professionisti iscritti negli appositi albi previsti dai vigenti ordinamenti professionali). La deroga al divieto era stata giustificata con l'opportunità di consentire forme organizzate per l esercizio dell'attività di progettazione di grandi opere pubbliche. Norme specifiche erano state dettate anche per le società tra farmacisti (art. 7 della legge 8 novembre 1991 n. 362) e per le società tra avvocati (decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 96). Altri esempi, anche se controversi, di società professionali si sono visti nell ambito delle professioni mediche, nelle quali, sempre più spesso, è necessario utilizzare attrezzature tecnologicamente avanzate, che richiedono grossi investimenti. L esercizio della professione in forma societaria In seguito all'abrogazione del divieto previsto dall art. 2 della legge 23 novembre 1939, n. 1815, oggi è espressamente consentito costituire società tra professionisti, aventi per oggetto l'esercizio di professioni regolamentate in ordini professionali. Tre le attività professionali regolamentate in ordini professionali, le cosiddette professioni protette, rientrano, per esempio, quella di dottore commercialista ed esperto contabile, le professioni tecniche (ingegnere, architetto, geometra) le professioni sanitarie (medico-chirurgo, veterinario, farmacista, infermiera professionale, levatrice, assistente sanitaria, fisioterapista e massoterapista) e la professione di psicologo. Ricordiamo invece che la costituzione di società per la professione di avvocato è ancora regolata dalla normativa precedente, in attesa dell approvazione di una disciplina specifica (in forza della delega conferita al governo con l art. 5 della legge 31 dicembre 2012, n. 247), mentre non è 2

3 possibile costituire società per l esercizio dell attività notarile, connessa alla funzione di pubblico ufficiale. E espressamente escluso dall ambito di applicazione della società tra professionisti l esercizio delle professioni non protette, cioè di quelle professioni non organizzate in ordini e collegi (esercitate ai sensi dell art. 1, secondo comma, della legge 14 gennaio 2013, n. 4). Queste attività possono essere esercitate sia attraverso un contratto d opera intellettuale, sia nell ambito di un attività imprenditoriale, in forma individuale o societaria, e anche prima della sua abrogazione non ricadevano nel divieto di costituire società per l esercizio di attività professionali di cui all art. 2 della legge 23 novembre 1939, n. 1815, che riguardava esclusivamente le professioni organizzate in ordini e collegi. Le società tra professionisti, dunque, non possono avere per oggetto l esercizio di attività professionali non organizzate in ordini e collegi, e gli esercenti una professione non protetta non possono partecipare a una società tra professionisti quale soci professionisti. Ricordiamo, peraltro, che la collaborazione tra soggetti che esercitano una professione protetta e soggetti che esercitano una professione non protetta non può avvenire neppure nella forma di associazione professionale (studio associato), essendo espressamente vietata la costituzione di un associazione mista (art. 1 della legge 23 novembre 1939, n. 1815). Rimane aperta, tuttavia, la possibilità degli esercenti una professione non protetta di partecipare a una Stp in qualità di soci per prestazioni tecniche o per finalità di investimento, a condizione che i soci professionisti mantengano la maggioranza di due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei soci. Le prestazioni tecniche, comunque, possono essere rese soltanto in via strumentale e accessoria rispetto all attività professionale svolta dalla società, e non possono rientrare nell oggetto sociale. Il tipo di società La società tra professionisti non costituisce un tipo di società a sé stante. Essa è quindi disciplinata dalle norme del codice civile dettate per il tipo sociale prescelto dai soci, con la sola eccezione delle norme specificamente introdotte dalla legge in relazione al loro particolare oggetto sociale. Le società tra professionisti possono dunque essere costituite nella forma di società di persone (società semplici, società in nome collettivo, società in accomandita semplice), società di capitali (società a responsabilità limitata, società per azioni, società in accomandita per azioni) oppure società cooperative. Le società cooperative di professionisti sono costituite da un numero di soci non inferiore a tre, coerentemente con quanto previsto dal codice civile, che ammette le società cooperative con tre soli soci, se sono tutti persone fisiche (art del codice civile). La scelta di comprendere la società semplice tra le forme societarie ammesse appare coerente con la natura economica, ma non commerciale, dell attività professionale. Le società tra professionisti possono essere costituite anche nella forma di s.r.l. con capitale compreso inferiore a euro (dunque anche di 1 euro), mentre non è possibile utilizzare la forma della s.r.l. semplificata, dato che lo statuto standard previsto per questa forma societaria non è compatibile con le indicazioni richieste per la società tra professionisti. Il tipo sociale può essere scelto liberamente dai soci, tenendo presenti le conseguenze sul regime di responsabilità personale per le obbligazioni sociali, l ammontare richiesto per il capitale sociale e le diverse regole sul funzionamento della società. Tra le obbligazioni sociali assume, ovviamente, una rilevanza preminente la responsabilità per le prestazioni professionali rese dalla società ai clienti. Secondo l opinione prevalente, il rapporto d opera professionale si instaura tra il cliente e la società, alla quale è conferito l incarico professionale, anche se questo viene poi eseguito da uno o più soci professionisti. Da ciò deriverebbe che la responsabilità per la prestazione professionale 3

4 ricada sulla società, e non sul singolo professionista. Nei tipi sociali caratterizzati dalla responsabilità illimitata dei soci (quali la società semplice, la s.n.c. e, per gli accomandatari, anche la s.a.s.), pertanto, ciascun socio si troverebbe a rispondere personalmente, con il proprio patrimonio, anche per le prestazioni professionali fornite dagli altri soci. L opinione secondo la quale il rapporto d opera professionale si instaura tra il cliente e la società appare confermata dalla previsione dell iscrizione della Stp all ordine professionale, con conseguente assoggettamento al relativo regime disciplinare, dalla possibilità che sia la società a scegliere il professionista che eseguirà la prestazione (in mancanza di una specifica designazione da parte del cliente), e soprattutto dall obbligo, previsto dalla legge a carico della società, di stipulare una polizza assicurativa per la responsabilità civile derivante dall esercizio dell attività professionale. Ricordiamo però che c è chi ritiene che il rapporto d opera professionale si instauri tra il cliente e il singolo professionista, poiché la legge prevede che l attività professionale sia esercitata in via esclusiva da parte dei soci. Denominazione e ragione sociale La denominazione sociale (o la ragione sociale), in qualunque modo formata, deve contenere l'indicazione di società tra professionisti. Tale indicazione si aggiunge a quella previste per il tipo sociale prescelto (per esempio s.n.c., s.r.l., etc.). Nel caso della s.n.c. o della s.a.s., dunque, la regione sociale deve sempre contenere anche il nome di almeno uno dei soci illimitatamente responsabili. Non è necessario indicare nella ragione sociale le attività professionali svolte dalla società. Nelle società costituite per l esercizio di più attività professionali, comunque, è consentito utilizzare l espressione multiprofessionale. Oggetto sociale e clausole obbligatorie La legge prevede che possono assumere la qualifica di società tra professionisti le società il cui atto costitutivo preveda: a) l'esercizio in via esclusiva dell'attività professionale da parte dei soci. Ciò significa che l oggetto sociale deve prevedere esclusivamente l esercizio delle professioni protette. Le società tra professionisti, infatti, non possono avere per oggetto l esercizio di attività professionali non organizzate in ordini e collegi. Gli esercenti una professione non protetta non possono partecipare a una società tra professionisti quale soci professionisti, ma soltanto in qualità di soci per prestazioni tecniche o per finalità di investimento, a condizione che i soci professionisti mantengano la maggioranza di due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei soci. Le prestazioni tecniche, dunque, possono essere rese soltanto in via strumentale e accessoria rispetto all attività professionale svolta dalla società, e non possono rientrare nell oggetto sociale. La società tra professionisti può essere costituita anche per l'esercizio di più attività professionali. Si può dunque costituire una società tra professionisti multidisciplinare, per l esercizio di diverse professioni protette, con la presenza di soci iscritti ai rispettivi albi professionali. b) l'ammissione in qualità di soci dei soli professionisti iscritti ad ordini, albi e collegi, anche in differenti sezioni, nonché dei cittadini degli Stati membri dell'unione europea, purché in possesso del titolo di studio abilitante, ovvero soggetti non professionisti soltanto per prestazioni tecniche, o per finalità di investimento. In ogni caso il numero dei soci professionisti e la partecipazione al capitale sociale dei professionisti deve essere tale da determinare la maggioranza di due terzi nelle deliberazioni o 4

5 decisioni dei soci; il venir meno di tale condizione costituisce causa di scioglimento della società e il consiglio dell'ordine o collegio professionale presso il quale è iscritta la società procede alla cancellazione della stessa dall'albo, salvo che la società non abbia provveduto a ristabilire la prevalenza dei soci professionisti nel termine perentorio di sei mesi. c) criteri e modalità affinché l'esecuzione dell'incarico professionale conferito alla società sia eseguito solo dai soci in possesso dei requisiti per l'esercizio della prestazione professionale richiesta; la designazione del socio professionista sia compiuta dall'utente e, in mancanza di tale designazione, il nominativo debba essere previamente comunicato per iscritto all'utente. c-bis) la stipula di una polizza di assicurazione per la copertura dei rischi derivanti dalla responsabilità civile per i danni causati ai clienti dai singoli soci professionisti nell'esercizio dell'attività professionale. d) le modalità di esclusione dalla società del socio che sia stato cancellato dal rispettivo albo con provvedimento definitivo. Esecuzione dell incarico L'incarico professionale conferito alla società può essere eseguito solo dai soci in possesso dei requisiti per l'esercizio della prestazione professionale richiesta. Il socio professionista che deve eseguire la prestazione è scelto dal cliente, e in mancanza di scelta deve essere preventivamente comunicato per iscritto al cliente dalla società. Nell'esecuzione dell'incarico ricevuto, il socio professionista può avvalersi, sotto la propria direzione e responsabilità, della collaborazione di ausiliari e, solo in relazione a particolari attività, caratterizzate da sopravvenute esigenze non prevedibili, può avvalersi di sostituti. In ogni caso i nominativi dei sostituti e degli ausiliari sono comunicati al cliente per iscritto. Il cliente può comunicare per iscritto il proprio dissenso, entro tre giorni dalla comunicazione ricevuta. I professionisti soci sono tenuti all'osservanza del codice deontologico del proprio ordine, e la società è soggetta al regime disciplinare dell'ordine al quale è iscritta. Il socio professionista può opporre agli altri soci il segreto concernente le attività professionali a lui affidate. Informazioni al cliente La società professionale, al momento del primo contatto con il cliente, gli deve fornire le seguenti informazioni, anche tramite il socio professionista (art. 4 del decreto del Ministero della Giustizia 8 febbraio 2013, n. 34): a) sul diritto del cliente di chiedere che l'esecuzione dell'incarico conferito alla società sia affidata ad uno o più professionisti da lui scelti (al fine di consentire la scelta, la società deve consegnare al cliente l'elenco scritto dei singoli soci professionisti, con l'indicazione dei titoli o delle qualifiche professionali di ciascuno di essi); b) sulla possibilità che l'incarico professionale conferito alla società sia eseguito da ciascun socio in possesso dei requisiti per l'esercizio dell'attività professionale; c) sulla esistenza di situazioni di conflitto d'interesse tra cliente e società, che siano anche determinate dalla presenza di soci con finalità d'investimento (per consentire al cliente di valutare eventuali situazioni di conflitto di interesse, la società deve consegnare al cliente anche l'elenco scritto dei soci con finalità d'investimento). 5

6 La prova dell'adempimento degli obblighi di informazione e il nominativo del professionista o dei professionisti eventualmente indicati dal cliente devono risultare da atto scritto. I soci professionisti e i soci per finalità di investimento o per prestazioni tecniche La legge prevede che il numero dei soci professionisti e la partecipazione al capitale sociale dei professionisti debba essere comunque tale da determinare la maggioranza dei due terzi nelle deliberazioni o decisioni dei soci (art. 10, comma 4, lettera b), della legge 12 novembre 2011, n. 183). I soci per finalità di investimento o per prestazioni tecniche non possono dunque avere più di un terzo dei voti nelle deliberazioni o decisioni dei soci. Questa regola si applica sia nell ipotesi in cui il diritto di voto sia attribuito per teste, (come di regola avviene nelle società di persone e cooperative), sia nell ipotesi in cui sia commisurato alla partecipazione al capitale sociale (come di regola avviene nelle società di capitali). I soci professionisti possono anche essere meno dei due terzi dei soci, nelle società di persone o cooperative, o essere titolari di meno dei due terzi del capitale, nelle società di capitali, purché vengano adottate delle pattuizioni tali da garantire agli stessi i due terzi dei voti. Ciò deve avvenire in tutte le deliberazioni o decisioni sociali, sia quelle che riguardano le modifiche di statuti, atti costitutivi e patti sociali, sia quelle relative ad operazioni che richiedono una delibera assembleare o una decisione sociale, come l approvazione dei bilanci o la nomina degli organi sociali. La regola dei due terzi non esclude, però, che il voto del socio non professionista possa essere determinante per l assunzione di una delibera o decisione. E infatti possibile che, in caso di disaccordo tra i soci professionisti, la maggioranza sia raggiunta grazie al voto del socio non professionista. Inoltre, si ritiene possibile la previsione di un quorum deliberativo superiore ai due terzi dei voti, rendendo così sempre rilevante anche il voto dei soci non professionisti. Nelle società di persone, la regola legale dell unanimità dei consensi (art c.c.) rende irrilevante il calcolo delle maggioranze nel voto. Il problema si pone soltanto se si desidera derogare alla regola generale. In tal caso è necessario prevedere nei patti sociali una clausola che attribuisca ai soci professionisti almeno i due terzi dei voti. Nel caso in cui sia prevista l amministrazione disgiunta, però, il terzo comma dell art c.c. attribuisce la decisione sull opposizione alla maggioranza dei soci, amministratori e non, calcolata secondo la parte attribuita a ciascuno di essi negli utili, pertanto è sempre necessario prevedere nei patti sociali una clausola che attribuisca ai soci professionisti almeno i due terzi dei voti. Nelle società di capitali, nel caso in cui i soci professionisti detengano un numero di partecipazioni inferiori ai due terzi, è necessario limitare il diritto di voto dei soci non professionisti ricorrendo ai particolari diritti di cui all art. 2468, terzo comma, c.c. (nelle società a responsabilità limitata) oppure alle azioni con voto limitato o alle azioni con voto plurimo ai sensi dell art c.c. (nelle società per azioni). Conferimenti I conferimenti a titolo di capitale nella società tra professionisti seguono le regole dettate per il tipo societario concretamente adottato. Normalmente i soci professionisti eseguono un conferimento in denaro, e si impegnano a prestare la propria attività professionale a favore della società. Si può anche ipotizzare che i soci professionisti si limitino a conferire la propria opera, e pertanto assumano la qualità di soci d opera in senso stretto, ovviamente soltanto nelle società di persone 6

7 (art c.c., art c.c.) o a responsabilità limitata (art c.c.). Nelle società per azioni, invece, la prestazione dell opera professionale può formare oggetto di una prestazione accessoria (art c.c.). Si ritiene comunque possibile che il socio professionista si limiti al conferimento di denaro o altri beni, senza assumere alcun impegno circa lo svolgimento della propria attività professionale a favore della società. In questo caso, l assunzione di ciascuno specifico incarico professionale dovrà essere negoziato con la società. Un altra ipotesi che potrà verificarsi con frequenza è il conferimento nella società tra professionisti dello studio professionale preesistente. Nella maggior parte dei casi il conferimento avrà per oggetto i beni strumentali, o comunque le attività e passività relative allo studio professionale. Sembra possibile conferire anche l avviamento, inteso come andamento medio storico del fatturato del singolo professionista, mentre è da escludere che possa essere oggetto di conferimento la clientela, stante la natura personale del rapporto fiduciario che caratterizza il contratto d opera professionale. Ricordiamo che secondo la Corte di Cassazione (sentenza 9 febbraio 2010, n. 2860) nell ambito del trasferimento dello studio professionale è possibile ipotizzare soltanto l impegno del cedente volto a favorire la prosecuzione del rapporto professionale tra i vecchi clienti e il soggetto subentrante attraverso l'assunzione di obblighi positivi di fare, quali il compimento di un'attività promozionale di presentazione, e negativi di non fare, quali il divieto di esercitare la medesima attività nello stesso luogo. I soci per finalità di investimento possono conferire denaro o altri beni, mentre i soci per prestazioni tecniche possono conferire la propria opera (nelle società di persone o s.r.l.), eventualmente insieme a una somma di denaro. Incompatibilità La legge prevede espressamente che la partecipazione ad una società tra professionisti è incompatibile con la partecipazione ad altra società tra professionisti (art. 10, comma 6, della legge 12 novembre 2011, n. 183). L incompatibilità si applica anche alla partecipazione a società multiprofessionali. Ciascun socio, dunque, può partecipare a una sola società tra professionisti. La previsione di legge non fa riferimento ai soli soci professionisti, quindi la limitazione si applica a tutti i soci, anche ai soci per prestazioni tecniche o con finalità di investimento. Ulteriori limitazioni sono previste per i soci con finalità di investimento (art. 6 del decreto del Ministero della Giustizia 8 febbraio 2013, n. 34). Il socio per finalità d'investimento può far parte di una società professionale solo quando: a) sia in possesso dei requisiti di onorabilità previsti per l'iscrizione all'albo professionale cui la società è iscritta; b) non abbia riportato condanne definitive per una pena pari o superiore a due anni di reclusione per la commissione di un reato non colposo e salvo che non sia intervenuta riabilitazione; c) non sia stato cancellato da un albo professionale per motivi disciplinari. Costituisce requisito di onorabilità la mancata applicazione, anche in primo grado, di misure di prevenzione personali o reali. Le incompatibilità si applicano anche ai legali rappresentanti e agli amministratori delle società, le quali rivestono la qualità di socio per finalità d'investimento di una società professionale. Il mancato rilievo o la mancata rimozione di una situazione di incompatibilità, desumibile anche dalle risultanze dell'iscrizione all'albo o al registro tenuto presso l'ordine o il collegio professionale, integrano illecito disciplinare per la società tra professionisti e per il singolo professionista. 7

8 Amministrazione Le norme sulla società tra professionisti non contengono alcuna previsione specifica circa l amministrazione della società Ferma restando l applicazione della disciplina specifica dettata per il tipo societario scelto, è sorto il dubbio circa la possibilità di attribuire l incarico di amministratore a un socio con finalità di investimento o per prestazioni tecniche. Il dubbio deriva dall intento manifestato dal legislatore di evitare eccessive ingerenze dei soci non professionisti nello svolgimento dell attività professionale della società. Nelle società di persone, infatti, con l attribuzione dell amministrazione a un socio non professionista, la prevalenza dei soci professionisti nelle decisioni risulterebbe limitato alla modifica dei patti sociali e alla nomina e revoca degli amministratori. Secondo l interpretazione prevalente, però, in mancanza di uno specifico divieto, l amministrazione della società può essere affidata anche a soggetti diversi dai soci professionisti. La ragione di questa scelta viene individuata nell opportunità di consentire l affidamento ad altri soggetti dei compiti amministrativi della società, tra cui rientrano anche attività estranee all attività professionale (quali la redazione dei documenti contabili, la tenuta dei libri sociali, la gestione del personale), in modo che i professionisti possano concentrarsi sullo svolgimento della propria attività. E senz altro possibile, comunque, introdurre specifiche limitazioni nei patti sociali o nello statuto della società. La società tra professionisti unipersonale Rimane ancora molto controversa la possibilità di costituire una società tra professionisti unipersonale (nella forma di s.r.l. o di s.p.a.). Pur in mancanza di uno specifico divieto, molti ritengono che ciò non sia possibile, perché porterebbe di fatto a una limitazione della responsabilità nell ambito dell esercizio individuale della professione. Allo stato attuale, dunque, è consigliabile un atteggiamento prudente. Iscrizione al registro delle imprese La società tra professionisti deve iscriversi nel registro delle imprese nella sezione ordinaria prevista per il tipo societario adottato. La società tra professionisti deve inoltre iscriversi alla sezione speciale del registro delle imprese istituita ai sensi dell art. 16 del d.lgs. 2 febbraio 2001, n. 96, ai fini di certificazione anagrafica e di pubblicità notizia, anche per la verifica dell eventuale incompatibilità dei soci. La certificazione dell iscrizione nella sezione speciale riporta l indicazione della qualifica di società tra professionisti. Iscrizione all albo professionale La società tra professionisti è iscritta in una sezione speciale degli albi o dei registri tenuti presso l'ordine o il collegio professionale di appartenenza dei soci professionisti. La società tra professionisti può essere costituita anche per l'esercizio di più attività professionali. Si può dunque costituire una società tra professionisti multidisciplinare, per l esercizio di diverse professioni protette, con la presenza di soci iscritti ai rispettivi albi professionali. In questo caso la 8

9 società deve iscriversi soltanto all albo professionale relativo all attività indicata nell atto costitutivo come attività prevalente. Le associazioni professionali La forma organizzativa dell associazione professionale (studio associato) è sopravvissuta alla riforma, essendo espressamente fatta salva dalla nuova legge (art. 10, comma 9, della legge 12 novembre 2011, n. 183), nonostante l abrogazione della legge 23 novembre 1939, n Ciò significa che è ancora possibile esercitare le professioni protette nella forma di associazione professionale, costituita solo tra soggetti regolarmente iscritti a un albo professionale, e comprendente nella denominazione il nome e il cognome di tutti gli associati (art. 1 della legge 23 novembre 1939, n. 1815). In questo caso, però, l'incarico viene affidato dal cliente al singolo professionista, e non allo studio, che non ha personalità giuridica e assume rilievo solo nei rapporti tra gli associati, al fine della divisione degli utili. La trasformazione di associazione professionale in società tra professionisti In seguito all entrata in vigore della legge 12 novembre 2011, n. 183, si è inevitabilmente prospettata l eventualità di procedere alla trasformazione in società tra professionisti degli studi associati attualmente costituiti nella forma di associazioni professionali. L associazione professionale è considerata dalla giurisprudenza prevalente un contratto associativo atipico, che dà origine a un centro autonomo di imputazione di rapporti giuridici, pur se privo della personalità giuridica. L associazione professionale sarebbe dunque simile all associazione non riconosciuta, pur differenziandosene per la presenza di uno scopo di lucro. Una parte della giurisprudenza ritiene invece assimilabile l associazione professionale alla società semplice, poiché svolge un attività economica ma non commerciale. Seguendo l interpretazione fornita dalla giurisprudenza prevalente, sarebbe dunque possibile la trasformazione dell associazione professionale in società tra professionisti, secondo le modalità della trasformazione eterogenea atipica, con il consenso di tutti gli associati e con gli effetti di cui all art c.c. ( Con la trasformazione l'ente trasformato conserva i diritti e gli obblighi e prosegue in tutti i rapporti anche processuali dell'ente che ha effettuato la trasformazione. ), rispettando il disposto dell art novies c.c. a tutela dei creditori (efficacia della trasformazione solo dopo sessanta giorni dall ultimo degli adempimenti pubblicitari previsti). In alternativa si potrebbe ipotizzare la costituzione della società tra professionisti mediante conferimento, da parte di ciascuno dei professionisti associati, della propria quota del preesistente studio associato. Nessun problema presenta invece l ipotesi della trasformazione di una società di servizi in società tra professionisti, che si può attuare anche con una semplice modifica dei patti sociali o dello statuto, ove rimanga inalterato il tipo sociale (per esempio, quando una s.n.c. di servizi diventa una società tra professionisti conservando la forma di s.n.c.). Non è possibile, invece, ipotizzare la trasformazione in società tra professionisti di un associazione temporanea di professionisti (normalmente contratta per la partecipazioni ad appalti pubblici), che ha la natura giuridica di un contratto di mandato con rappresentanza. 9

10 Le altre forme di società per l esercizio di professioni protette Rimangono in vigore, in deroga alla nuova normativa generale, le norme speciali che disciplinano le società tra farmacisti, le società di ingegneria e le società tra avvocati, che peraltro saranno tutte oggetto di modifiche nell ambito della legge per la concorrenza Le società tra farmacisti (art. 7 della legge 8 novembre 1991 n. 362) attualmente possono essere costituite solo nella forma di società di persone o società cooperative a responsabilità limitata, ma la proposta avanzata dal governo apre anche alle società di capitali, i cui soci non dovranno più essere necessariamente farmacisti. Sarà eliminato anche l obbligo che a dirigere la farmacia sia un farmacista socio. Le società per l esercizio dell attività di ingegneria (art. 90 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163), e in particolare per l esecuzione di studi di fattibilità, ricerche, consulenze, progettazioni o direzioni dei lavori, valutazioni di congruità tecnico-economica o studi di impatto ambientale, possono essere costituite nella forma di società di ingegneria (società di capitali o società cooperative a cui possono partecipare anche soggetti non professionisti, senza alcun limite specifico) oppure di società di professionisti (società di persone o di società cooperative, costituite esclusivamente tra professionisti iscritti negli appositi albi previsti dai vigenti ordinamenti professionali). Con la legge sulla concorrenza 2015 sarà probabilmente introdotta una norma interpretativa che eliminerà ogni dubbio sulla possibilità che le società di ingegneria assumano incarichi anche da soggetti privati. Rimangono in vigore anche le norme speciali che disciplinano le società tra avvocati (decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 96), in attesa delle modifiche che saranno probabilmente introdotte con la legge sulla concorrenza 2015, anche in questo caso con l apertura ai soci di capitale. 10

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI SOCIETA TRA PROFESSIONISTI La Società tra professionisti STP è stata introdotta e riconosciuta da poco nel nostro ordinamento come società mono o multi disciplinare regolamentata dal D.M. 8 febbraio 2013

Dettagli

Le Societa' Tra Professionisti

Le Societa' Tra Professionisti Il quadro normativo: disposizioni generali Nel corso degli ultimi due anni si sono susseguiti dei provvedimenti che hanno previsto e regolamentato un nuovo modello organizzativo: Le Società Tra Professionisti

Dettagli

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse

La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse PROFESSIONE INTELLETTUALE ART. 2229 COD.CIV. La legge determinaleprofessioni intellettuali per le quali è obbligatorio l iscrizione in albi L iscrizione nell albo è disposta nell interesse generale della

Dettagli

Società tra professionisti Questioni applicative ad un anno dall entrata in vigore

Società tra professionisti Questioni applicative ad un anno dall entrata in vigore Studio n. 224-2014/I Società tra professionisti Questioni applicative ad un anno dall entrata in vigore Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 20 marzo 2014 Approvato dal CNN il 3 aprile 2014

Dettagli

ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE

ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO INGEGNERE SEMINARI DI AVVIO ALLA PROFESSIONE PER GIOVANI INGEGNERI COMMISSIONE GIOVANI L'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Dott. Andrea Ruggeri Cannata - Dott. Andrea Aiello - Dott. ing. Gaetano Fede - Dott.

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LE SOCIETA TRA PROFESSIONISTI. I modulo. ROMA, 30 ottobre 2014 ISTITUTO G. TAGLIACARNE

LE SOCIETA TRA PROFESSIONISTI. I modulo. ROMA, 30 ottobre 2014 ISTITUTO G. TAGLIACARNE MM LE SOCIETA TRA PROFESSIONISTI I modulo ROMA, 30 ottobre 2014 ISTITUTO G. TAGLIACARNE Profilo generale Legge 1815/1939 Art. 2229 Legge Bersani 1 Legge Bersani 2 DL 185/2011 L 4 del 2013 Profili speciali

Dettagli

Le norme di riforma dello

Le norme di riforma dello SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI AL VIA Marco D Alesio È l ora del debutto di un nuovo modello societario che si affianca agli altri già a disposizione dei professionisti che vogliono esercitare l attività in

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.)

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.) COMMISSIONE ALBO, ORDINAMENTO E TUTELA SOCIETA TRA PROFESSIONISTI (S.T.P.) (Decr. Min. Giust. n. 34 dell 8/2/2013) 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L. 1815 del 23 novembre 1939 (Legge disciplinante l esercizio

Dettagli

SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI

SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI Circolare informativa per la clientela n. 21/2012 del 28 giugno 2012 SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI In questa Circolare 1. Normativa 2. Decreto attuativo 3. Compagine sociale 4. Scelta della forma sociale

Dettagli

NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI: LA COOPERATIVA TRA PROFESSIONISTI. (Bologna, 17 marzo 2014) A cura di Mauro Iengo

NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI: LA COOPERATIVA TRA PROFESSIONISTI. (Bologna, 17 marzo 2014) A cura di Mauro Iengo Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI: LA COOPERATIVA TRA PROFESSIONISTI (Bologna, 17 marzo 2014) A cura di Mauro Iengo Uno dei problemi che incontrano i professionisti italiani

Dettagli

All inizio del 2011 l esercizio in forma non individuale della professione. forense poteva svolgersi in due modi diversi. Uno riguardava le presone

All inizio del 2011 l esercizio in forma non individuale della professione. forense poteva svolgersi in due modi diversi. Uno riguardava le presone ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI TRA AVVOCATI E SOCIETA TRA AVVOCATI Torino, 28.6.2013 (Avv. Marco Weigmann) Appunti I. La situazione normativa all 11.11.2011 All inizio del 2011 l esercizio in forma non individuale

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO DEL DENARO. Alessandro GARIBOTTI Presidente de l Ordine Avvocati di Lucca

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO DEL DENARO. Alessandro GARIBOTTI Presidente de l Ordine Avvocati di Lucca LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO DEL DENARO Alessandro GARIBOTTI Presidente de l Ordine Avvocati di Lucca INTERMEDIATE MEETING / STAGE FBE Geneva, 10 th 13 th October 2012 Parte Prima

Dettagli

SPIN-OFF Aspetti legali

SPIN-OFF Aspetti legali SPIN-OFF Aspetti legali 2 Principali argomenti trattati Avviare un impresa Forme societarie Fattori di scelta della società Costituzione spin-off universitari, aspetti da considerare 3 Avviare un impresa

Dettagli

LE SRL ODONTOIATRICHE

LE SRL ODONTOIATRICHE LE SRL ODONTOIATRICHE Via del Vecchio Politecnico n 9 20121Milano Tel. 02. 76316733 - Fax 02. 76009506 E-mail: paolo.giuliano@glpa.it Paolo Giuliano Dottore Commercialista e Revisore dei Conti ART. 1 -

Dettagli

Liberalizzazione delle attività economiche

Liberalizzazione delle attività economiche LE NOVITÀ DEL "DECRETO LIBERALIZZAZIONI" e del DECRETO SVILUPPO Il D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" convertito

Dettagli

Professionisti e fisco (Aspetti generali)

Professionisti e fisco (Aspetti generali) Fisco Pratico 2010 Professionisti 5 Professionisti e fisco (Aspetti generali) Lavoro autonomo Dal punto di vista fiscale le attività professionali e artistiche rientrano fra le attività di lavoro autonomo,

Dettagli

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Genova, 13 Gennaio 2015 Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile 1 Quali

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa

Circolare N.120 del 4 Settembre 2012. Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Circolare N.120 del 4 Settembre 2012 Professioni regolamentate. Più tempo per la copertura assicurativa Professioni regolamentate: più tempo per la copertura assicurativa Gentile cliente, con la presente

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI CresciItalia

DECRETO LIBERALIZZAZIONI CresciItalia Art. 2 - Tribunale delle imprese DECRETO LIBERALIZZAZIONI CresciItalia Art. 3 - Accesso dei giovani alla costituzione di società a responsabilità limitata Art. 9 - Disposizioni sulle professioni regolamentate

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013

Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 Circolare N.126 del 31 Luglio 2013 RC professionisti. Dal 15 agosto diventa un obbligo! Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che entro il prossimo 15.08.2013, secondo quanto previsto

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate

Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate Società di farmacisti e socio di capitali Parere pro veritate Mi si chiede di rispondere, secondo verità, al seguente QUESITO: se sia legittimo costituire una società tra professionisti, ai sensi dell

Dettagli

SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI. Circolare n. 10/2013 TORINO 02/05/2013. REGOLAMENTO di ATTUAZIONE. Studio effemme srl 1

SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI. Circolare n. 10/2013 TORINO 02/05/2013. REGOLAMENTO di ATTUAZIONE. Studio effemme srl 1 SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI REGOLAMENTO di ATTUAZIONE Circolare n. 10/2013 TORINO 02/05/2013 1 SOCIETÀ tra PROFESSIONISTI REGOLAMENTO di ATTUAZIONE In questa Circolare 1. Quadro normativo 2. Forme societarie

Dettagli

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE a cura del Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

Società tra professionisti, le strutture societarie divengono a pieno titolo strumento di esercizio dell attività professionale: potenzialità e limiti

Società tra professionisti, le strutture societarie divengono a pieno titolo strumento di esercizio dell attività professionale: potenzialità e limiti Società tra professionisti, le strutture societarie divengono a pieno titolo strumento di esercizio dell attività professionale: potenzialità e limiti Auditorium San Fedele Milano, 17 gennaio 2014 Relazione

Dettagli

1.1. LIMITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DELL ARCHITETTO

1.1. LIMITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DELL ARCHITETTO Pratica professionale dell architetto 349 1.1. LIMITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DELL ARCHITETTO N.B. Le modifiche apportate dal d.p.r. 328/2001 agli ordini professionali, in precedenza indicate, non cambiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Leonardo da Vinci - Ripamonti via Belvedere, 18 22100 Como - tel. 031 520745 - fax 031 507194 sito web: http://www.davinciripamonti.gov.it

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Regolamento

SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Regolamento SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Regolamento Di Stefano Perego A seguito dell art. 10, commi 3-11, L. 12.11.2011, n. 183 (Legge di stabilità 2012) i professionisti potrebbero cercare forme di associazione. La

Dettagli

Chi è il mediatore creditizio? Il soggetto che svolge l attività di mediazione creditizia può essere una persona fisica?

Chi è il mediatore creditizio? Il soggetto che svolge l attività di mediazione creditizia può essere una persona fisica? Chi è il mediatore creditizio? È mediatore creditizio il soggetto che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari previsti dal Titolo V del TUB con la

Dettagli

S T A T U T O della società tra avvocati "STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P." ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori

S T A T U T O della società tra avvocati STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P. ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori S T A T U T O della società tra avvocati "STUDIO LEGALE S. PERON N. CERA E ALTRI S.T.P." ARTICOLO 1 - RAGIONE SOCIALE E' costituita tra i signori PERON Avv. STEFANO, CERA Avv. NICOLA e FACCO Avv. ALESSIA

Dettagli

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LE TIPOLOGIE DI SOCIETA Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 IMPRESA E AZIENDA Impresa: attività economica professionalmente organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI

SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI di Gabriella Trinchese Ricercatrice in Diritto Societario Presentazione di Stefano Pochetti INDICE Presentazione del Prof. Stefano Pochetti... 2 1. Il quadro normativo... 3 1.1.

Dettagli

LE SOCIETA DI PERSONE

LE SOCIETA DI PERSONE DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA LE SOCIETA DI PERSONE PARTE SECONDA PAOLO VILLA martedi 28 ottobre 2014 SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011 UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra Bari, 9 settembre 2011 1 RIFORMA PROFESSIONI LIBERALIZZARE o DEREGOLAMENTARE? Liberalizzare:

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA 1 PROGRAMMA DEL MODULO Cercheremo di fare chiarezza su: Ø Ø Ø Ø aspetti economico-aziendali aspetti civilistico-procedurali aspetti operativo-contabili principali lineamenti

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

Le società. i beni in natura possono essere conferiti in proprietà o in godimento

Le società. i beni in natura possono essere conferiti in proprietà o in godimento Le società * Società sono organizzazioni di persone e di mezzi create per l'esercizio in comune di un'attività economica sono tipiche > è possibile dar vita a una società solo adottando uno dei tipi previsti

Dettagli

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. L iscrizione della società nel Registro delle imprese. 2. L iscrizione

Dettagli

Circolare N.115 del 27 Luglio 2012

Circolare N.115 del 27 Luglio 2012 Circolare N.115 del 27 Luglio 2012 Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DELLA PROFESSIONE

GUIDA ALLA RIFORMA DELLA PROFESSIONE GUIDA ALLA RIFORMA DELLA PROFESSIONE 1. DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012. 2. Art. 9 del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito

Dettagli

Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa

Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa CIRCOLARE A.F. N.115 del 27 Luglio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Professioni regolamentate: conto alla rovescia per l obbligo di copertura assicurativa Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Orientamento imprenditoriale

Orientamento imprenditoriale Orientamento imprenditoriale Tipologie di società Esistono due grandi tipologie di società a scopi di lucro. Esse sono la società di persone e la società di capitali. La differenza fra le due società consta

Dettagli

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE)

Notaio Claudio Calderoni ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI RELATIVI A SOCIETÀ ED ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI (AZIENDE) ATTI COSTITUTIVI DI SOCIETÀ DI PERSONE (S.N.C./S.A.S.), DI CAPITALI (S.R.L./S.P.A.) E COOPERATIVE L intervento del Notaio nella fase costitutiva

Dettagli

Studio Campana e Associati Dottori Commercialisti

Studio Campana e Associati Dottori Commercialisti STATUTO Art. 1. - Denominazione Lo Studio Associato come sopra costituito (in appresso indicato per brevità come lo Studio ) viene denominato: Studio Associato di Consulenza e Assistenza Societaria, Tributaria,

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.)

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) LE FORME GIURIDICHE Per Forma giuridica si intende la tipologia giuridica del soggetto cui farà capo l attività e le norme ad essa conseguenti. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) Il Codice

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC LA LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI: ASPETTI DI INTERESSE Avv. Cristina BAUCO Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC Diretta 17 ottobre 2011 SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI Disciplina

Dettagli

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE

ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE ELEMENTI DI DIRITTO COMMERCIALE 001 Nella società in nome collettivo per le obbligazioni sociali risponde: A solamente la società F B gli amministratori in modo limitato F C solidalmente ed illimitatamente

Dettagli

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria

Linee Guida per la scelta della tipologia societaria Linee Guida per la scelta della tipologia societaria elaborate da Chiara Piconi- Dottore commercialista e Revisore legale Consorzio Nazionale per la Formazione, l Aggiornamento e l Orientamento Via Ludovisi,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX CAPITOLO I LINEAMENTI DI ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Ordinamento professionale forense, pluralità degli ordinamenti

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi PARERE TECNICO GIURIDICO SUL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICAZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA AD UNA COOPERATIVA DI LAVORO E VALENZA DEI LIMITI DIMENSIONALI DOPO L EMANAZIONE DELLA LEGGE 14 FEBBRAIO 2003, N. 30

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA.

STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA. STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA. 1. I CONSORZI FRA IMPRENDITORI. 1.1. Premessa. I consorzi trovano la propria disciplina nel Libro V, Titolo

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ ED AMBITO D APPLICAZIONE.

ART. 1 - FINALITÀ ED AMBITO D APPLICAZIONE. Direzione Ricerca e Relazioni Internazionali Decreto n. 09, IL RETTORE VISTO l art. 6 comma 9 della legge 240/2010; VISTO il decreto ministeriale 168 del 10 agosto 2011 Regolamento concernente la definizione

Dettagli

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si affida il Giudice durante il processo civile. Nel processo

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

Senato della Repubblica Commissione 10ª (Industria, commercio, turismo)

Senato della Repubblica Commissione 10ª (Industria, commercio, turismo) Tecniche (RTP) nell ambito dell esame in sede referente del disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza (AS 2085) Roma, 17 novembre 2015 RETE NAZIONALE DELLE PROFESSIONI DELL AREA TECNICA

Dettagli

LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie

LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie A cura di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Scheda riassuntiva delle scadenze. 3. Alcune osservazioni.

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ SEMPLICE: PRINCIPI GENERALI E CONTENUTO DELL ATTO COSTITUTIVO

COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ SEMPLICE: PRINCIPI GENERALI E CONTENUTO DELL ATTO COSTITUTIVO 1 COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ SEMPLICE: PRINCIPI GENERALI E CONTENUTO DELL ATTO COSTITUTIVO c.c. 2251 Prassi Studio Consiglio nazionale del Notariato 4265/2003; Studio Consiglio nazionale del Notariato

Dettagli

Riforma degli Ordinamenti professionali D.P.R. n. 137/2012 G.U. n. 189 del 14.08.2012

Riforma degli Ordinamenti professionali D.P.R. n. 137/2012 G.U. n. 189 del 14.08.2012 Piacenza 3 maggio 2013 Trento 20 maggio 2013 Riforma degli Ordinamenti professionali D.P.R. n. 137/2012 G.U. n. 189 del 14.08.2012 Regolamento di delegificazione L. n. 400/1988 Interessa tutte le professioni

Dettagli

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO

ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO . ALLEGATI NOTA 1 PROMOTORE FINANZIARIO NOTA 2 MEDIATORE CREDITIZIO PROMOTORE FINANZIARIO La figura del promotore finanziario è regolata dal Dlgs 24 febbraio 1998, n. 58, che all art.31, comma 2, definisce

Dettagli

AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI e CONSULENZE

AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI e CONSULENZE AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI e CONSULENZE ART. 1 - OGGETTO CASA LIVORNO E PROVINCIA S.P.A. (in seguito

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

COSTITUZIONE ED ISCRIZIONE DI SOCIETA TRA PROFESSIONISTI MONO E MULTI DISCIPLINARI

COSTITUZIONE ED ISCRIZIONE DI SOCIETA TRA PROFESSIONISTI MONO E MULTI DISCIPLINARI LINEE GUIDA PER LA COSTITUZIONE ED ISCRIZIONE DI SOCIETA TRA PROFESSIONISTI MONO E MULTI DISCIPLINARI Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ivrea Pinerolo Torino

Dettagli

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore?

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore? L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO: NOMINA E REVOCA A cura di: Avv. Anna Nicola - ANAPI 1. Quali sono i requisiti per essere amministratore (art. 71 bis disp. Att. C.c.)? 2. A oggi c è una scadenza per la

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. La disciplina attuale. 2.1. Nelle società per azioni. 2.2. Nelle società a responsabilità limitata. 3. La nuova disciplina.

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

RISOLUZIONE N.128/E QUESITO

RISOLUZIONE N.128/E QUESITO RISOLUZIONE N.128/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 dicembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - Applicabilità dell esenzione Iva alle prestazioni sanitarie rese dalle farmacie Art. 10, n. 18),

Dettagli

Consulenza, l esclusiva per l avvocato si ferma all attività giurisdizionale (Guida al Diritto)

Consulenza, l esclusiva per l avvocato si ferma all attività giurisdizionale (Guida al Diritto) Consulenza, l esclusiva per l avvocato si ferma all attività giurisdizionale (Guida al Diritto) di Eugenio Sacchettini Pubbilichiamo la seconda puntata di analisi della riforma forense nel testo approvato

Dettagli

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato LA SOCIETA DI PERSONE A cura del Dott. Giovanni Aloisio Con la collaborazione del Dott. Giuseppe Trovato 1 Le società di persone possono essere di tre tipologie: Società semplice (s.s.) Società in nome

Dettagli

REVISIONE LEGALE NOVITÀ dei DD.MM. 20.6.2012, nn. 144 e 145 e del D.M. 25.6.2012, n. 146

REVISIONE LEGALE NOVITÀ dei DD.MM. 20.6.2012, nn. 144 e 145 e del D.M. 25.6.2012, n. 146 Circolare informativa per la clientela n. 29/2012 dell'11 ottobre 2012 REVISIONE LEGALE NOVITÀ dei DD.MM. 20.6.2012, nn. 144 e 145 e del D.M. 25.6.2012, n. 146 In questa Circolare 1. Quadro normativo di

Dettagli

Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali. Le forme giuridiche per la costituzione della STP

Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali. Le forme giuridiche per la costituzione della STP Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali LE SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI: ESAME DELLA NORMATIVA E PROPOSTE DI INTERVENTO Premessa L art. 10 della legge 12 novembre 2011, n. 183 contiene

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI Osservazioni e note sul D.L. 4 luglio 2006, n. 223 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per

Dettagli

Il Geometra del Futuro un nuovo Regolamento per la professione di domani

Il Geometra del Futuro un nuovo Regolamento per la professione di domani La Riforma della Professione e le prospettive per gli Iscritti I Geometri a confronto I Decreti del cambiamento: D.L. 6 LUGLIO 2011 N. 98 Disposizioni Urgenti per la stabilizzazione finanziaria Art. 29

Dettagli

Agenti e rappresentanti di commercio: soppressione del ruolo e nuove modalità di accesso all'attività

Agenti e rappresentanti di commercio: soppressione del ruolo e nuove modalità di accesso all'attività Agenti e rappresentanti di commercio: soppressione del ruolo e nuove modalità di accesso all'attività Dal 12 maggio 2012 è operativo il D. Lgs. 26.03.2010 n. 59 che apporta significative modifiche alle

Dettagli