CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

Advertisement
Documenti analoghi
Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

LA VALLE DI PALANFRÈ

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

Mobile Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

CIMA DI PRAMPERET m 2337

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

visita il nostro sito

Alice Terasc (Val Bavona), 7a+ (6b+ obbl.)

Pizzo d'uccello (m.1781) - via Oppio- Colnaghi

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

Itinerario n La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo

Itinerario n Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

TORRE VENEZIA, m 2337 parete O via Castiglioni-Kahn + varianti Soldà e centrale ed uscita Livanos salite del 12/10/1999 e del 22/5/2011

PALA DI SAN MARTINO (2982 m)

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

TREKKING IN VAL MASTALLONE

Monte Pisanino. Descrizione del percorso

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

Da Nebbiuno a Fosseno percorso nr 1

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

Monte Spino da S. Michele

SETTEMBRE 2011 SABATO 3 Itinerario ad anello con partenza da Campigna

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

10 Maggio 2015 Rapallo (Santuario Caravaggio)

17 Luglio Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014

Ferrata Siggioli & Pizzo D Uccello

ULTRATRAIL 50 Km m dislivello positivo

primo avamposto roccioso, spostandosi, al suo termine, a sinistra ove si trova una sosta su chiodi uniti da cordino rosso. Noi abbiamo sostato qui,

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio

Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia. : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- :

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE

Itinerario n Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore

: RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

Presentazione creata da Antonino Oddo A.N.E. Grafica by Thor Software

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M.

Totes Gebirge - Austria

Distelgrube Faltmaralm

C.A.I. PONTE S. PIETRO

Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

DAI PIANI RESINELLI AI SENTIERI DELLA GRIGNA

Club Alpino Italiano. Monte Rotondo dal Santuario di Macereto. Monti Sibillini. Ussita m 15 km. 5 h (senza soste)

Parco naturale Fanes Senes Braies: escursioni nella natura (1) Col Bechei de Sora (2794 m)

GITA ESTIVA SULLE DOLOMITI DI SESTO Luglio Schede descrittive degli itinerari

Club Alpino Italiano Sezione di Ascoli Piceno Via Serafino Cellini

Alta Via dell'adamello

Viaggio in macchina circa 4 ore. In auto

Percorso Zona Orientale

DOLOMITI FRIULANE. Trekking Agosto 2015

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

Sentiero Busatte Tempesta da Torbole sul Garda

Lombardia, Alpi Retiche, Gruppo Masino-Bregaglia, Valle dell'oro, Valtellina, Sondrio

Fig. 1 : La piazzetta di San Costantino,punto di partenza e di arrivo dell anello 7. Ref. : ap-2217.

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

MAKALU 8463 m, NEPAL via normale nord-ovest, discesa in sci e cenni sulle altre vie del versante ovest 1

CAI - ALPINISMO GIOVANILE. Primo Corso Di Avvicinamento Alla Montagna Segnaletica

Esplorando i Sentieri del Linas in MTB

Ispuligidenìe (Cala Mariolu)

10/11/12 Luglio 2015 Tour del Marguareis (Cuneo) Attrezzatura consigliata. Accesso Stradale. Introduzione

Trekking nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

COMPRENSORIO ALPINO PENISOLA LARIANA CONSUNTIVO ISTITUTI A REGOLAMENTAZIONE SPECIALE

Itinerario n La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore

CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI

TREKKING DEL "SELLARONDA"

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Sentiero Attrezzato delle Creste della Mughera (1161) da Limone sul Garda

Anello dal Corno alle Scale alle Cascate del Dardagna

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel )

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Scialpinismo nel Trentino

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE

Ferrata Monte Albano Ottorino Marangoni 2014, Mori

Azzerare il contachilometri

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D /D )

CARTA DEI SENTIERI DEI MONTI PICENTINI

Scialpinismo nelle Dolomiti

VAL PESIO. Sentiero Natura Certosa-Pian delle Gorre Cascate del Sault e Gias Sottano di Sestrera

Région Autonome Vallée d Aoste - Regione Autonoma Valle d'aosta. Le Alte Vie 1-2

ITINERARIO ANELLO di CASTELFRANCO

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista Bolca VRwww.bolca.it

Sentieri a a a 995 DESCRIZIONE TEMPI NOTA

: ARENZANO-PASSO GAVETTA-PASSO GAVA-P. TARDIA CREVARI-CAMPENAVE-VOLTRI :

Cima Grande di Lavaredo via Hasse Brandler

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

Advertisement
Transcript:

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 Presentazione: escursione faticosa ma breve e di soddisfazione, relativamente poco nota probabilmente a causa della scarsa visibilità dell itinerario dalla strada asfaltata che da Riva Valdobbia sale a Ca di Ianzo, oltre che della vicinanza del comodo e frequentatissimo fondovalle del Vogna. La cima è posta al limite Est del contrafforte che, staccatosi dal Corno Bianco, separa le Valli Otro e Vogna e si innalza in alcune vette di difficoltà più propriamente alpinistica (Punta delle Pisse, Punta della Croce, Punta Balmone e Corno d Otro). La Cima Mutta è ben visibile dai pressi delle gallerie tra Mollia e Riva Valdobbia, e questo consente in inverno di verificare le condizioni di innevamento della parte finale dell itinerario; la vetta è il limite destro (Est) della cresta su cui spicca un (troppo) evidente ripetitore del segnale televisivo. La ripidezza di alcuni tratti e l esposizione interamente a Sud sono compensate da un eccezionale panorama a volo d uccello sul massiccio del Monte Rosa (1), sui gruppi del Corno Bianco (2) e del Tagliaferro-Carnera (3) oltre che sulle vette che separano la Valsesia dalle Prealpi Biellesi; tutte queste montagne sono facilmente identificabili dalla vetta grazie alla rosa segnaletica posta in sommità (4). Non esistono difficoltà di orientamento lungo la via,in quanto il sentiero è stato molto ben segnalato di recente in bianco-rosso (n. 10), con indicazioni verniciate su sassi e cartelli in lamiera posti sulle piante, resiste anche qualche sbiadito segnavia giallo-rosso del CAI Varallo (5,6). È frequente l incontro con i camosci (7), in particolare nel bosco sotto l Alpe Poesi e lungo la variante fuorisentiero di salita. Accesso: dal centro di Riva Valdobbia (VC), nei pressi del parcheggio a monte del cimitero si imbocca la strada asfaltata in salita (indicazioni per la Valle Vogna) e la si segue fino alla località Ca di Ianzo (1354 m), dove è possibile parcheggiare l auto; nei pressi di un cartello che descrive le escursioni praticabili in Val Vogna, un segnavia in lamiera bianco-rosso con aggiunta la scritta per Cima Mutta indica l inizio del sentiero (8). Nei fine settimana dei mesi di Giugno-Luglio-Settembre e tutti i giorni del mese di Agosto, l accesso alle frazioni a monte di Ca di Ianzo è consentito solamente a piedi: ne segue che tutti gli escursionisti che normalmente proseguirebbero in auto fino alla località S. Antonio per raggiungere il fondovalle del Vogna si fermano proprio a Ca di Ianzo, limitandovi i posti a disposizione per il parcheggio. Itinerario: il sentiero sale ripidamente tra la fitta vegetazione, mantenendosi a destra di un torrente senza mai attraversarlo, e dopo una svolta decisa verso destra nella faggeta sbuca all aperto all Alpe Selveglio (1536 m). Si oltrepassa una cappelletta con bella vista sui Corni del Pallone, e tra le case ci si tiene sulla destra (a sinistra invece dopo pochi metri si incontrano una fontana e l indicazione per la località Oro); giunti in pochi passi ad un rudere (segnavia

sulle pietre residue), si sale ripidamente a sinistra e dopo un canale con sfasciumi si entra nel bosco misto (larici, faggi, betulle). A questo punto si può arrivare anche oltrepassando il rudere e subito dopo piegando bruscamente a sinistra per salire per prati con percorso libero fino all ingresso del bosco: questa breve variante è particolarmente consigliata in discesa in presenza di neve fresca. Dopo un lieve mezzacosta nel bosco la traccia esce all aperto presso le visibili baite dell Alpe Poesi (1715 m, fontana) (9,10,11), a sinistra delle quali si sale verso il limitare del bosco per poi giungere in ambiente aperto al panoramico e verdeggiante dosso dell Alpe Le Piane (1832 m) (12); guardando alle spalle delle baite è già intuibile il resto del percorso, e si scorge anche la meta (palina e bandiera arancione) al limite destro della cresta (13) che chiude la testata del vallone. Al di sopra dell Alpe Le Piane il bosco scompare, e i segnavia rimangono praticamente solo sulle rocce; non conviene puntare direttamente alla cresta soprastante, ma dopo aver raggiunto il dosso sopra le baite aggirare con un largo semicerchio i radi larici posti in mezzo alla radura (14). Sempre seguendo i segnavia biancorossi, si giunge a quota 2000 ca. in corrispondenza della verticale del ripetitore, per poi piegare decisamente a destra in curva di livello e attraversare con facilità una pietraia (grossi blocchi) (15) in direzione della cima; giunti ad una zona erbosa caratterizzata da alcune pozze d acqua e da terreno umido, si scorge a sinistra un canalino terroso che si risale a piacimento fino allo spartiacque, da cui con pochi metri di facile cresta erbosa (16) si raggiunge verso destra (Est) la vetta. La discesa è lungo lo stesso percorso, in quanto il versante che guarda su Alagna è ripidissimo oltre che impraticabile per la presenza fitta di piante, mentre la cresta (2,17) in direzione del Corno d Otro è riservata agli alpinisti: questi, una volta raggiunto il Corno, potrebbero scendere per erboso crinale alla Sella di Costa e di lì chiudere l anello a S. Antonio dopo erta discesa dal passo (segnalazioni) e quindi lunghissimo traverso discendente su sentieri quasi dimenticati (ma percorsi dall itinerario Alta Via Tullio Vidoni). Variante principale di salita: a destra dell Alpe Le Piane si raggiunge una visibile vasca bianca usata come fontana (18), e si prosegue per pochi passi su disagevole sentiero fino ad attraversare uno stretto valloncello oltre il quale la traccia si perde; si risale quindi verso sinistra (Nord) il ripidissimo dosso con percorso libero (presenza di placche rocciose rossastre superabili con facile arrampicata di I grado, peraltro evitabili) (19,20,21) e si esce direttamente sulle roccette del lato Sud della cima (22) e di lì alla vetta (23). Pur non presentando difficoltà di orientamento (l ambiente è molto aperto e l Alpe Le Piane sempre ben in vista lungo tutta la salita), questa variante è riservata ad escursionisti esperti per la ripidezza dell ascesa e (se si segue fedelmente la cresta Est) per l esposizione dell ultimo tratto; si segnala però che è sempre possibile abbandonare la variante traversando verso sinistra in qualsiasi punto per raggiungere il pianeggiante percorso su pietraia, anche se il traverso sembra piuttosto scomodo. La variante qui indicata è sconsigliabile in discesa, in particolare dopo piogge recenti, in quanto si svolge su placche rocciose e su scivoli erbosi ripidi e poco affidabili. Itinerario - stagione invernale: percorso piacevole e divertente, se si esclude il tratto su pietraia che in inverno nasconde molti buchi che potrebbero risultare indigesti se coperti da neve poco compatta; consigliabili le ciaspole per il bel percorso tra i dossi che caratterizzano la vasta radura sopra l Alpe le Piane. La via

è generalmente sicura grazie all esposizione favorevole che consente la rapida trasformazione e consolidamento del manto nevoso, ma dopo recenti nevicate abbondanti il rischio di distacchi di valanghe dalla cresta e/o l eventuale presenza di lastre di neve ventata impone cautela e capacità di valutazione del pericolo oggettivo. La discesa dalla variante è ancora più sconsigliabile di quanto lo sia in assenza di neve, in quanto il paesaggio invernale potrebbe impedire di riconoscere la costruzione dell Alpe Le Piane; in questo caso si rischierebbe quindi di scendere troppo per poi perdersi nei boschi del sottostante ripido versante Sud-Est della montagna invece di riprendere il comodo sentiero della via normale all altezza della vasca da bagno. Itinerario - scialpinismo: poco consigliabile, in quanto la neve vi si scioglie rapidamente la discesa dalla vetta sarebbe possibile solo in condizioni di innevamento abbondante e quindi di rischio di instabilità del versante Sud lungo la via normale; sembra invece interessante la discesa lungo la variante di salita che è peraltro priva di blocchi rocciosi, ma con difficoltà non trascurabile (BSA) e comunque con percorso potenzialmente pericoloso in quanto prima o poi comporta il taglio verso Ovest del ripidissimo versante Sud-Est per congiungersi alla via normale nei pressi dell Alpe Le Piane. Immagini 1 2

3 4 5

6 7 8

9 10 11

12 13 14

15 16 17

18 19 20

21 22 23