LA CHIMICA NUCLEARE. Figura 1 - La lastra fotografica trovata impressionata da Becquerel

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CHIMICA NUCLEARE. Figura 1 - La lastra fotografica trovata impressionata da Becquerel"

Transcript

1 LA CHIMICA NUCLEARE Lo studio delle trasformazione che avvengono nel nucleo atomico permette applicazioni che spaziano in numerosi campi della scienza, dallo studio della formazione degli elementi nell universo alla sintesi di molecole radioattive per la medicina La storia della scoperta e dell isolamento di questa sostanza [il radio] ha fornito la prova della mia ipotesi, secondo cui la radioattività è una proprietà atomica della materia e può fornire un metodo di ricerca per nuovi elementi. L ipotesi ha condotto alle attuali teorie sulla radioattività. (Marie Curie, Nobel Lecture, ). Le reazioni chimiche sono trasformazioni che comportano lo scambio o la condivisione degli elettroni tra gli atomi coinvolti nella formazione dei legami, mentre le reazioni nucleari provocano cambiamenti dell identità degli elementi stessi in quanto interessano il cuore dell atomo fatto di protoni e neutroni. Le reazioni nucleari sono spesso accompagnate dal rilascio di quantità di energia enormemente più grandi di quelle coinvolte nelle reazioni chimiche, ed inoltre, la velocità e la resa di queste reazioni generalmente non dipendono dalle variazioni di temperatura, pressione o dalla presenza di catalizzatori. La chimica nucleare ha avuto origine dalla scoperta del chimico francese Henri Becquerel che nel 1896, durante i suoi studi sulla fosforescenza, notò casualmente che un minerale ricco di uranio, la pechblenda, posto accanto a lastre Figura 1 - La lastra fotografica trovata impressionata da Becquerel fotografiche chiuse nei loro contenitori a prova di luce, ne provocava l'annerimento e ne dedusse che tali minerali dovevano emettere dei raggi molto più penetranti di quelli luminosi (fig.1). Questo significava che questi raggi dovevano trasportare energia, ma la pechblenda li emetteva in continuazione senza alcun apporto esterno di energia. Questa apparente violazione del principio di conservazione dell energia rese presto evidente che i raggi di Becquerel dovevano aver origine nei nuclei dell atomo. Infatti, dato che la radiazione dell uranio rimane invariata sia nella forma di elemento che di composto, ed essa non varia con la temperatura, pressione o stato di ionizzazione, la radiazione non può essere derivata dalle transizioni elettroniche. Becquerel chiamò queste emissioni raggi uranici. Nel 1898 i coniugi Curie scoprirono il radio, un nuovo elemento che emetteva dei raggi cinquecento più intensi di quelli dell'uranio. Questo elemento era in grado di emettere tre tipi di radiazioni: i raggi alfa, i raggi beta e i raggi gamma. I raggi gamma sono radiazioni elettromagnetiche come i raggi X; i raggi alfa e beta consistono invece in 1 curie lecture.html

2 particelle di materia. Il radio, emettendo energia e materia, si trasforma in elio e piombo, cioè in elementi più leggeri. Dato che la stessa cosa avviene per tutte le altre sostanze radioattive, si può dedurre che in natura si realizza spontaneamente la trasmutazione degli elementi. Dato che era chiaro che questi raggi non erano una caratteristica solo dell uranio fu cambiato il nome da raggi uranici a radioattività. Ai Curie e Bacquerel nel 1903 fu assegnato il premio Nobel per la Fisica per il loro lavoro sulla radioattività. Nel 1911 Marie Curie vinse il premio Nobel per la Chimica per aver scoperto due nuovi elementi e rimane l unica persona ad essere stata premiata con il Premio Nobel sia in fisica che in chimica. Ci sono essenzialmente tre sorgenti elementi radioattivi: i nuclidi primordiali sono gli elementi radioattivi presenti dalla formazione della Terra e hanno un età comparabile a quella del sistema solare; i nuclidi cosmogenici che sono atomi costantemente prodotti nell atmosfera dal bombardamento dei raggi cosmici; gli elementi radioattivi di origine antropogenica sono il risultato delle attività umane nella produzione dell energia nucleare e nella dispersione di fallout radioattivo durante le esplosioni nucleari. Il nucleo costituisce la parte centrale dell atomo, presenta dimensioni dell ordine di m ed è formato da protoni e da neutroni, che sono detti nucleoni (particelle formanti il nucleo). I primi presentano carica elettrica positiva, mentre i secondi sono privi di carica elettrica. Il numero di protoni è uguale al numero di elettroni, così che l'atomo è elettricamente neutro. La somma del numero dei protoni più il numero dei neutroni viene chiamato numero di massa e si indica con la lettera A, mentre il numero totale di protoni viene chiamato numero atomico e si indica con la lettera Z. Per un dato elemento, il numero di protoni è fisso ed è quello che lo caratterizza, mentre il numero di neutroni può essere variabile. Atomi che presentano lo stesso numero atomico ma diversa massa atomica sono detti isotopi. Nel 1903, Ernest Rutherford e Frederik Soddy proposero che la radioattività è il risultato del cambiamento naturale di un isotopo di un elemento in un isotopo di un altro elmento, e chiamarono questo processo reazione nucleare. A differenza delle equazioni chimiche in cui gli elementi mantengono la loro identità, nelle reazioni nucleari questi si trasformano in altri elementi con diverse caratteristiche. Comunque anche le reazioni nucleari vanno bilanciate, nel senso che la somma delle masse iniziali deve essere uguale a quella delle masse finali. L isotopo generico X viene rappresentato con la seguente notazione: Per esempio, i simboli e rapprentano rispettivamente l isotopo del Carbonio con 6 protoni e 6 neutroni e l isotopo con 6 protoni e 8 neutroni. Le principali particelle subatomiche (protoni, neutroni ed elettroni) hanno notazioni simili: Protone Neutrone Elettrone

3 Nel caso dell elettrone l esponente 0 sta ad indicare un numero di massa praticamente zero rispetto al nucleo. L indice inferiore -1 indica la carica negativa della particella. Esso non è un è un numero atomico ma scrivendo il simbolo in questo modo è utile per bilanciare le equazioni nucleari. Consideriamo il decadimento del radio-226 in radon-222. In questa reazione nucleare detta decadimento alfa, il nucleo instabile emette una particella alfa composta da due protoni e due neutroni (un nucleo di elio ), e si trasforma in un nucleo diverso, con numero atomico (Z-2) e numero di massa (A 4). Come si può vedere dalla tabella precedente, la somma dei numeri dei numeri di massa e dei numeri atomici rimane uguale nella reazione nucleare. Le radiazioni alfa sono poco penetranti e nell aria possono percorrere pochi cm perché vengono bloccate dagli urti con le molecole che costituiscono l aria stessa. Il passaggio di una particella alfa attraverso un mezzo provoca, a causa della carica elettrica +2 e della massa 7400 volte maggiore di quella dell'elettrone, la ionizzazione di un gran numero di atomi. Quando la radiazione ionizza molecole all interno di cellule di organismi viventi, queste possono modificare le normali reazioni biochimiche determinando la morte della cellula o la sua riproduzione anormale. La capacità di ionizzare molecole o atomi da parte della radiazione è detto potere ionizzante. Di tutti i tipi di radiazione, quella alfa presenta il potere ionizzante maggiore Nel decadimento beta, un neutrone può essere convertito in un protone, un elettrone e un altra particella chiamata antineutrino 2. Il nucleo si trasforma in un nucleo con numero atomico (Z + 1) ma stesso numero di massa A. Un esempio è il decadimento del Carbonio-14 in Azoto-14: La somma dei numeri di massa rimane uguale nella reazione ([14 = ], così come la somma della carica elettrica [6 = ]). Le radiazioni beta sono più penetranti di quelle alfa e sono in grado di attraversare sottili fogli metallici, ma sono molto meno massive delle particelle alfa e quindi hanno un potere ionizzante inferiore. Il decadimento gamma è di natura elettromagnetica ed accompagna solitamente una radiazione alfa o una radiazione beta. Infatti, dopo l'emissione alfa o beta, il nucleo è ancora eccitato perché i suoi protoni e neutroni non hanno ancora raggiunto il nuovo stato di equilibrio. Pertanto, il nucleo si libera rapidamente dell eccesso di energia attraverso l'emissione di una radiazione gamma. Il raggio gamma non ha massa né carica e pertanto quando viene emesso da un atomo radioattivo questo non cambia la 2 Il neutrino è una particella ad elevato contenuto di energia senza carica elettrica e di massa praticamente nulla, la cui esistenza fu prevista teoricamente da L.Pauli nel 1931 per rendere conto dell'energia e della quantità di moto mancanti nel decadimento beta e da E. Fermi nel Nel 1956 trovò evidenza sperimentale ad opera di F. Reines e C.L. Cowan Jr. L antineutrino è l antiparticella del neutrino.

4 sua massa atomica o il numero atomico. Per esempio, l emissione alfa dell U-238 è anche accompagnato dall emissione di un raggio gamma: Le radiazioni gamma sono molto penetranti, e bloccarle richiede materiali ad elevata densità come il piombo (Fig. 2). Altro tipo di radiazione è l emissione di positroni. Questa avviene quando in un nucleo instabile un protone è convertito in un neutrone ed è emesso un positrone ed un neutrino. Il positrone è Figura 2 - Diverso potere di penetrazione delle un antiparticella dell elettrone: ha la radiazioni nucleari stessa massa dell elettrone ma carica opposta. Se un positrone collide con un elettrone queste due particelle si annichilano l una con l altra rilasciando energia nella forma di raggi gamma. L emissione di positroni è a volte chiamata emissione β +. Il potere ionizzante e di penetrazione dei positroni è simile a quello dei raggi β. Quando un atomo emette un positrone, il suo numero atomico decresce di 1, mentre il numero di massa rimane invariato: ad esempio, l equazione nucleare per l emissione positronica del fosforo-30: ν Lo stesso risultato dell emissione positronica si ha con un altro tipo di decadimento, la cattura elettronica. In questo tipo di radiazione, un elettrone proveniente dallo strato più esterno dell atomo viene assorbito da un nucleo instabile, e unendosi ad un protone, si trasforma in un neutrone con l emissione di un neutrino. Un esempio di cattura elettronica è il decadimento del potassio-40 in argo-40: ν Il potassio-40 costituisce lo 0,01% della crosta terrestre ed è il responsabile della maggior parte della radiazione di origine naturale nelle specie viventi e nel suolo. Il rapporto tra protoni e neutroni all'interno di un nucleo ed il numero ed il tipo di interazioni che si stabiliscono tra essi determina se questo nucleo sia o non sia stabile (fig. 3). Ciascun nucleone è in grado di stabilire interazioni con altri nucleoni; una coppia protone-neutrone stabilisce una somma di interazioni stabili e bilanciate reciprocamente, mentre un eccesso o un difetto di neutroni nel nucleo sbilancia il numero ed il tipo delle interazioni e pertanto il nucleo risulta instabile. Solo quei nuclei che possiedono approssimativamente lo stesso numero di protoni e di neutroni risulta stabile nelle condizioni attuali presenti sulla terra.

5 Nel nucleo la repulsione elettrostatica tra i protoni è molto intensa, ma esso è mantenuto unito da una forza specifica, detta interazione (o forza) nucleare forte (fig.3). Questa forza è estremamente intensa, ma decresce molto rapidamente all'aumentare della distanza tra i nucleoni; perciò il nucleo, quando le sue dimensioni aumentano tanto da non permettere all interazione forte di superare quella elettrica repulsiva, tende a decomporsi formando, così, nuclei più stabili. Un importante numero per determinare la stabilità nucleare è il rapporto di neutroni e protoni (N/Z). La fig. 4 mostra un grafico in cui sono posti in ascisse il numero di protoni (Z) ed in ordinata il numero di neutroni (N) per tutti i nuclei conosciuti. Gli elementi che stanno sulla diagonale hanno tutti una stabilità nucleare elevata, (questa regione è conosciuta come banda di stabilità) mentre quelli che si trovano sopra la diagonale (eccesso di neutroni) e sotto (eccesso di protoni) sono instabili e soggetti a decadimento radioattivo. I nuclei degli elementi leggeri hanno un rapporto N/Z tendente ad uno, mentre i nuclei degli elementi pesanti mostrano tutti un eccesso di neutroni noto come eccesso di massa. Figura 3 - Le due opposte forze presenti in un nucleo sono la repulsione elettrostatica tra i protoni positivi e la forza nucleare forte che tiene insieme i protoni e neutroni Figura 4 - La banda di stabilità nucleare mostra diverse combinazioni di protoni/neutroni che danno luogo a isotopi con tempo di dimezzamento misurabile. L ingrandimento della banda nella regione da Z=66 a Z=79 mostra i diversi tipi di decadimento radioattivo Quando Z cresce, la stabilità del nucleo tende a diminuire a causa della repulsione coulombiana, le forze nucleari attrattive devono quindi aumentare ed è necessario un numero N di neutroni percentualmente maggiore. Pertanto all'aumentare del numero di protoni, la repulsione elettrostatica rende necessario un leggero eccesso di neutroni e per questo il rapporto N/Z si discosta dall'unità per molti nuclei stabili. Per esempio, a Z=40 i nuclei stabili hanno un rapporto N/Z di circa 1,25 e a Z=80 il rapporto raggiunge 1,5. Il limite di questa stabilità è dato dall'elemento bismuto con Z=83, dopodiché in natura non esistono nuclei stabili in condizioni normali. Per raggiungere la stabilità i nuclei con Z > 83 danno luogo a processi di decadimento che riducono il valore di Z. Nuclei con Z elevato (>83) come l americio emettono spontaneamente particelle alfa diminuendo il suo numero atomico Z due unità e il suo numero di massa A di quattro unità.

6 Il tipo di radioattività emessa dipende in parte dal rapporto N/Z. Se questo è molto alto, i nuclidi che si trovano sopra la valle di stabilità hanno troppi neutroni e tendono a dar luogo a decadimenti beta, convertendo neutroni in protoni e incrementando così il numero atomico. Se il rapporto N/Z è troppo basso, i nuclidi sotto la valle di stabilità tendono convertire protoni in neutroni attraverso una emissione di positroni. Oltre al rapporto N/Z, anche il numero reale di protoni e neutroni agisce sulla stabilità del nucleo. La tabella mostra diversi nuclidi che hanno combinazioni di nucleoni pari o dispari. È da notare che i nuclidi stabili hanno un numero pari sia di protoni che di neutroni. A partire dagli anni 50 è stato sviluppato un modello a gusci del nucleo, costituito da particelle che si muovono in un campo di forze nucleari. Analogamente ai gusci elettronici completi, il modello prevede che, in corrispondenza di gusci nucleari pieni, contenenti un prestabilito numero di nucleoni (N o Z = 2, 8, 20, 28, 50, 82 e N=126), il sistema sia particolarmente stabile. Questi numeri sono chiamati numeri magici. Dato che i numeri magici sono pari, questo spiega perché gli elementi con numeri di protoni e neutroni pari rappresentano il 90% degli elementi presenti nella crosta terrestre (tab. 1). Esempi sono:,,, e Il piombo-208, ha 82 protoni e 126 neutroni e il nucleo, doppiamente magico, appare essere virtualmente eterno. Diversi isotopi radioattivi decadono spontaneamente per formare un prodotto che a sua volta è radioattivo. La maggior parte degli elementi radioattivi non decade direttamente in un nucleo stabile, ma passa attraverso una serie di decadimenti successivi fino a raggiungere un isotopo stabile. Queste sequenze di reazioni nucleari sono dette catene di decadimento radioattivo. In ogni stadio della sequenza, il reagente è chiamato isotopo Figura 5 - Catena di decadimento dell U-238; i pallini celesti rappresentano emissione beta e quelli rosa emissione gamma genitore, e il prodotto isotopo figlio. Ad esempio l uranio, il più pesante elemento presente in natura (Z=92), ha l isotopo la cui catena di decadimento segue lo schema seguente riportato in fig.5. Nel primo stadio l uranio-238 emette una particella alfa e si trasforma in torio-234.

7 Il nuclide figlio,, che si forma in seguito al decadimento dell uranio, è esso stesso radioattivo, e decade a Proactinio-234. Anche il è radioattivo e pertanto decade a attraverso l emissione beta. Il decadimento radioattivo continua finché è raggiunto lo stato stabile del Pb-207. Le leggi del decadimento radioattivo sono stabilite in termini matematici. Il momento in cui un dato nucleo radioattivo decadrà non può essere previsto. La radioattività è un processo statisticamente casuale, e la probabilità che un nucleo decada in un dato momento è la stessa per tutti i nuclei di ogni nuclide radioattivo. Tutti i nuclei radioattivi decadono con una cinetica di primo ordine, e ciò significa che la velocità di decadimento di un particolare campione è direttamente proporzionale al numero di nuclei presenti. La velocità di decadimento sarà quindi espressa dalla relazione: Dove N è il numero di nuclei radioattivi e λ la costante di velocità detta costante di decadimento, che rappresenta la frazione dei nuclei radioattivi presenti che decadrà in una data unità di tempo (il segno meno sta ad indicare che N diminuisce). Integrando questa equazione si ottiene: (1) Dove N o e N t sono i numeri di atomi della specie radioattiva esistenti rispettivamente al tempo zero e al tempo t. Indicando con /, il tempo necessario affinché il 50% degli atomi considerati decadano, la (1) diventa: e quindi: 0,5 / /, / è chiamato tempo di dimezzamento ed è caratteristico per ogni nuclide. Il tempo di dimezzamento è Figura 6 - Decadimento del Radon-220 con tempo di indipendente dal numero di dimezzamento di 55,6 s nuclei ed è inversamente proporzionale alla costante di decadimento. In fig. 6 è riportato l andamento del

8 Tabella 2 Tipo di decadimento e tempo di dimezzamento di diversi isotopi radioattivi decadimento del Radon-220. In tabella 2 sono riportati i valori dei tempi di dimezzamento di alcuni isotopi radioattivi, e da essi risulta quanto sia ampio l intervallo di valori di /, anche per i diversi nuclidi di uno stesso elemento. Sulla base della velocità di decadimento di un isotopo radioattivo è possibile datare l età di un materiale. L esempio più conosciuto è la procedura usata per datare i manufatti archeologici basata sulla misura delle quantità di carbonio-14 e carbonio-12 in materiali di origine biologica. Confrontando il rapporto tra il contenuto di 238 U (t 1/2 = 4, anni) e quello del prodotto finale del suo decadimento, 206 Pb nei meteoriti, è stato possibile misurare l età del Sistema Solare, e quindi della Terra: 4,7 miliardi di anni 3. Figura 7 - Diagramma schematico di un ciclotrone. Al centro vengono introdotte le particelle cariche che subiscono un accelerazione mediante i due elettrodi cavi. Magneti presenti sopra e sotto questi elettrodi determinano una traiettoria a spirale che si espande all aumentare della velocità delle particelle. Quando queste hanno velocità sufficiente escono dall acceleratore e si dirigono verso i nuclei target In natura è possibile trovare isotopi instabili, o perché questi isotopi presentano tempi di dimezzamento molto lunghi come (ad esempio l uranio-235, l uranio-238 e il torio- 232) o perché, nonostante abbiano brevi tempi di dimezzamento sono continuamente formati da reazioni nucleari (ad esempio, il carbonio-14 formato in reazioni nucleari iniziate dai raggi cosmici o gli isotopi formati nelle catene di decadimento radioattivo). Tutti gli altri isotopi sono stati sintetizzati mediante reazioni nucleari artificiali, indicate come trasmutazioni. La prima trasmutazione è stata realizzata da Ernest Rutherford nel 1919, il quale bombardando con particelle alfa atomi di azoto osservò tra i prodotti la formazione di protoni. Egli correttamente concluse che era avvenuta la reazione nucleare seguente: 3 Le trasformazioni nucleari: "La datazione mediante radioisotopi" - Lezioni di Scienze Naturali Treccani.it

9 Le particelle alfa usate nei primi studi sulle reazioni nucleari venivano da materiali radioattivi naturali come l uranio e presentavano energie relativamente basse rispetto a quelle necessarie per superare la repulsione elettrostatica dei nuclei. La scoperta del neutrone e il suo uso come proiettile nel bombardamento dei nuclei e l utilizzo di particelle di alta energia ottenute mediante acceleratori, hanno esteso notevolmente la chimica delle reazioni nucleari aprendo la strada alle trasmutazioni artificiali degli elementi chimici. Le particelle, accelerate ad altissima velocità, sono in grado di superare la repulsione elettrostatica e penetrare i nuclei bersaglio, dando luogo a trasformazioni nucleari. In fig. 7 è riportato il diagramma schematico di un acceleratore di particelle, il ciclotrone. Grazie alle reazioni nucleari si sono ottenuti degli elementi artificiali con numero atomico Z superiore a 92 (uranio), i cosiddetti elementi transuranici. Lo sviluppo degli acceleratori di particelle ad alta energia ha permesso di far avvenire collisioni di nuclei più leggeri mediante fasci di ioni pesanti ed ottenere anche nuclidi con tempi di dimezzamento brevissimo ampliando così il sistema periodico con nuovi elementi con numero atomico fino a Gli elementi radioattivi sono usati in molte aree della scienza e della medicina. Ad esempio la diagnostica per immagini (nuclear imaging), che consiste nella creazione di immagini di specifiche parti del corpo, utilizzando un isotopo radioattivo somministrato come elemento o incorporato in un composto che si concentra nei tessuti che devono essere analizzati. Le emissioni radioattive vengono rilevate e utilizzate per ricostruire un immagine dei tessuti (fig.8). La tabella mostra una lista di radioisotopi normalmente utilizzati nei processi di nuclear imaging. Tutti Tabella 3 Isotopi radioattivi utilizzati nella diagnostica per immagini. Sono indicati i tempi di dimezzamento e i principali aree analizzate gli isotopi emettono radiazione gamma. Questo tipo di radiazione è preferita per la creazione di immagini perché, in piccole dosi, danneggia meno i tessuti delle radiazioni alfa o beta. La tomografia ad emissione di positroni (PET) è un metodo di diagnostica per immagini utilizzato per osservare la struttura e la funzione del cervello. Si inietta nel flusso sanguigno una sostanza marcata con un isotopo che emette positroni (decadimento beta) che viene trasportata fino al cervello. L isotopo radioattivo emette positroni che vengono annichiliti da elettroni con una simultanea emissione a 180 l uno dall altro di due fotoni gamma. Una serie di sensori rilevano le zone di emissione e mediante un computer viene costruita una mappa che mostra dove l emissione è localizzata nel corpo (fig.8). Due degli isotopi utilizzati sono l 15 O, iniettato come H 2 15 O per misurare il flusso del sangue e il 18 F legato a una molecola simile al glucosio per misurare l assunzione di glucosio, un indicatore del metabolismo. 4 I nuovi elementi superpesanti - Chimica moderna Treccani.it

10 Figura 8 - La PET permette di vedere come il cervello utilizza il glucosio. A destra immagine di persona normale. Il colore rosso mostra la più alta utilizzazione del glucosio. A sinistra, immagine di persona che abusa di cocaina. Il cervello mostra un utilizzazione minore del glucosio. Ci sono molte aree con ridotta attività metabolica una mole di deuterio in una mole di protoni e neutroni: Poiché, gli isotopi utilizzati hanno tempi di dimezzamento brevi, l apparecchiatura per la PET deve essere localizzata vicino ad un ciclotrone dove sono preparati i radionuclidi che vengono incorporati nel composto di trasporto. Si può determinare la stabilità termodinamica di un nucleo calcolando l energia nucleare di legame, E b cioè l energia richiesta per separare i nuclei di un atomo in protoni e neutroni. Per esempio l energia di legame nucleare per il deuterio è l energia richiesta per separare 2,15 10 L energie di legame nucleare è legata al fatto che quando i nucleoni si uniscono la massa del nucleo è sempre minore di quella delle masse dei suoi componenti e la differenza (difetto di massa) è quella che fornisce - con la famosa legge di Einstein - l'energia di legame del nucleo 5 : Figura 9 energia di legame per nucleone in funzione del numero di massa dell atomo (espressa in MeV) decomporre un nucleo) corrisponde al dove c = 2, m/s. Per confrontare i valori delle energie di legame che intercorrono tra i nucleoni di nuclidi diversi, si può calcolare l energia per nucleone, dividendo il valore dell energia di legame per il numero dei nucleoni che lo costituiscono (fig. 9). Da notare che il valore più stabile (cioè il valore maggiore di energia per con energia di legame di 8,79 MeV. 5 Ad esempio considerando la formazione di una mole deuterio da mole di protoni e neutroni, tendendo presente le masse relative si calcola, per il difetto di massa, il valore: Δm =[ g/mol g/mol] g/mol = g/mol

11 L andamento del grafico mostra che i nuclei con numeri di massa più bassi del ferro dovrebbero tendere ad unirsi, mentre quelli con numeri più alti a dividersi per ottenere nuclei con valori attorno a 60. Le energie di attivazione richieste per queste trasformazioni nucleari sono tali che nelle condizioni normali avvengono spontaneamente solo per rari elementi radioattivi naturali. Le reazioni nucleari possono essere provocate attraverso il processo di fissione nucleare (nuclei grandi che si rompono per dare nuclei più piccoli) e di fusione nucleare (nuclei leggeri che si uniscono per dare nuclei più pesanti). La fissione nucleare fu scoperta alla fine degli anni 30 a seguito del bombardamento con neutroni dell isotopo dell uranio-235. Questo, inizialmente cattura il neutrone per formare uranio-236 che è però instabile e successivamente si spezza dando due nuovi nuclei che possono essere uguali (fissione simmetrica) o diversi (fissione asimmetrica). Durante il processo si liberano nuovi neutroni che provocano a loro volta altre fissioni determinando un processo a catena. Ad esempio: 3 L energia liberata è di 2, J per mole di. Il processo di fissione produce un energia 26 milioni di volte maggiore di Figura 10 - Rappresentazione del processo di quella prodotta dalla combustione del fissione in cui ogni evento produce tre neutroni che possono provocare altre fissioni metano (8, J). La reazione a catena, determinando un processo a catena fatta avvenire lentamente, può essere sfruttata per produrre energia elettrica nei reattori nucleari. In una reazione di fusione nucleare piccoli nuclei reagiscono per formare nuclei più pesanti. Un esempio di fusione è quello tra i nuclei di idrogeno-2 (deuterio) e idrogeno-3 (trizio): 1,7 10 Questa reazione richiede un enorme energia di attivazione per superare la forza di repulsione elettrostatica tra i nuclei di idrogeno e pertanto per realizzarla sono necessarie temperature dell ordine da 10 6 a 10 7 K, come quelle presenti all interno del sole. A queste temperature la materia non esiste come atomi o molecole ma nella forma di plasma costituito da nuclei non legati ed elettroni. Anche se c è la speranza che in futuro le reazioni di fusione possano essere sfruttate come fonte di energia per scopi civili, esistono ancora molti problemi tecnici che devono essere risolti, soprattutto per quanto riguarda le temperature estremamente alte richieste dalle reazioni e come confinare il plasma abbastanza a lungo da permettere il rilascio di una quantità netta di energia. Poiché il plasma è un conduttore

12 elettrico, esso è soggetto alle forze magnetiche. Così, un approccio è confinare il plasma caldo mediante un campo magnetico. Un altro metodo, detto a confinamento inerziale, consiste nel riscaldare con fasci di raggi laser o fasci di particelle accelerate la materia così rapidamente che le reazioni di fusione hanno luogo prima che questa abbia il tempo di espandersi. Ciononostante le enormi difficoltà, molte caratteristiche della fusione nucleare incoraggiano a proseguire la ricerca in questo campo. Primo, l idrogeno è un propellente poco costoso e disponibile in quantità praticamente illimitata. Secondo, molti isotopi radioattivi che si generano durante la fusione nucleare hanno tempi di dimezzamento brevi e pertanto essi rimangono un pericolo per un tempo molto limitato.

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova)

L ATOMO. Risponde (o almeno ci prova) L ATOMO Di cosa sono fatte le cose? Come si è arrivati a capire gli atomi? Com è fatto un atomo? Quanto è grande un atomo? Che atomi esistono in natura? Perché esistono gli atomi? Risponde (o almeno ci

Dettagli

April 11, 2011. Fisica Nucleare. Monica Sambo. Sommario. Introduzione. Radioattivitá. Fisica del nucleo. Bibliografia. Esempio. Raggi emessi Esempio

April 11, 2011. Fisica Nucleare. Monica Sambo. Sommario. Introduzione. Radioattivitá. Fisica del nucleo. Bibliografia. Esempio. Raggi emessi Esempio April 11, 2011 1 2 3 4 Indicando con Z il numero dei protoni (numero atomico dell atomo) e con N il numero dei neutroni si definisce A il numero di massa del : A = Z + N (1) Nei nuclei leggeri si ha la

Dettagli

Indice. Bibliografia... 23

Indice. Bibliografia... 23 Indice 1 Legge del decadimento radioattivo......................... 1 1.1 I fenomeni radioattivi.................................... 1 1.2 La legge esponenziale del decadimento radioattivo........... 4

Dettagli

L energia nucleare La radioattività

L energia nucleare La radioattività L energia nucleare La radioattività La radioattività fu scoperta nel 1896 da Henri Bequerel, un fisico francese che per primo osservò l emissione spontanea di radiazioni da un pezzo di un minerale di uranio,

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi)

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Il presente documento schematizza le principali particelle sub atomiche. Lo scopo di questa dispensa è fornire una schematizzazione sintetica

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

APPROFONDIMENTO Reazioni nucleari e loro applicazioni

APPROFONDIMENTO Reazioni nucleari e loro applicazioni APPROFONDIMENTO COSA SI DEVE SAPERE PER RISOLVERE QUESTI ESERCIZI? Concetti essenziali A.1 Decadimento radioattivo e stabilità nucleare Per diventare più stabile,un nuclide radioattivo può emetter particelle

Dettagli

MODELLI ATOMICI. Modello Atomico di Dalton

MODELLI ATOMICI. Modello Atomico di Dalton MODELLI ATOMICI Gli atomi sono i piccoli mattoni che compongono la materia. Circa 2500 anni fa, il filosofo DEMOCRITO credeva che tutta la materia fosse costituita da piccole particelle che chiamò atomi.

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1 IL SOLE Il Sole è nato circa 4,6 miliardi di anni fa e resisterà per altri 5 miliardi di anni circa. E una stella relativamente fredda, piccola rispetto alle altre ed è interamente gassoso. La temperatura

Dettagli

La radioattività - Un introduzione

La radioattività - Un introduzione La radioattività - Un introduzione L ATOMO E IL NUCLEO Mediante celebri esperimenti condotti all inizio del secolo scorso sotto la guida di Ernest Rutherford è stato stabilito che l atomo è composto di

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi

Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi Gabriele Chiodini Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Lecce! Progetto di ricerca e formazione Rif. PON01_03054

Dettagli

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare INTRODUZIONE Nel 1946 due ricercatori, F. Block ed E.M.Purcell, hanno indipendentemente osservato per

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

b) Conversione diretta dell energia solare in energia elettrica: i pannelli fotovoltaici Pesaro, 21 e 28 Maggio 2014

b) Conversione diretta dell energia solare in energia elettrica: i pannelli fotovoltaici Pesaro, 21 e 28 Maggio 2014 Parte 1 - La questione energetica Parte 2 : alcune fonti per produzione di energia elettrica a) L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione b) Conversione diretta dell energia solare in

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO COME FUNZIONA UNA CELLA FOTOVOLTAICA EFFETTO FOTOVOLTAICO: Un flusso luminoso che incide su un materiale semiconduttore opportunamente

Dettagli

L energia nucleare. Tesina di SCIENZE. Studente: Filippo Turchi ESAME DI Classe 3ª Sez. E LICENZA MEDIA Anno scolastico 2008/2009

L energia nucleare. Tesina di SCIENZE. Studente: Filippo Turchi ESAME DI Classe 3ª Sez. E LICENZA MEDIA Anno scolastico 2008/2009 SCUOLA MEDIA STATALE BUSONI - VANGHETTI EMPOLI L energia nucleare Studente: Filippo Turchi ESAME DI Classe 3ª Sez. E LICENZA MEDIA Anno scolastico 2008/2009 Tesina di SCIENZE L ENERGIA NUCLEARE Massa ed

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come continua questa serie di numeri? 1-4 - 10-22 - 46-94 -... A) 188 B) 190 C) 200 D) 47 L2

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93 INDICE CAPITOLO 25 CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 25.1 Elettromagnetismo: presentazione 591 25.2 Carica elettrica 592 25.3 Conduttori e isolanti 595 25.4 Legge di Coulomb 597 25.5 Distribuzioni

Dettagli

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Christian Ferrari Liceo di Locarno Il nucleo atomico: aspetti storici 1 L ipotesi del nucleo atomico risale al 1911 e fu formulata da Rutherford

Dettagli

SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA DELLA SCIENZA DISCUSSA AL POLITECNICO DI TORINO

SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA DELLA SCIENZA DISCUSSA AL POLITECNICO DI TORINO AGENZIE DI STAMPA ADNKRONOS LANCI DI AGENZIA SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO SOSTENIBILITÀ: ENERGIA E PREVISIONI TERREMOTI GRAZIE AL NUCLEARE PULITO = LA NUOVA FRONTIERA

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

PARTICELLE SUBATOMICHE

PARTICELLE SUBATOMICHE MODELLI ATOMICI Il cammino per arrivare alla moderna teoria atomica è stato lungo e complesso: ogni nuova scoperta faceva venire alla luce anche nuovi problemi, che dovevano essere affrontati e risolti;

Dettagli

Nascita e morte delle stelle

Nascita e morte delle stelle Nascita e morte delle stelle Se la materia che componeva l universo primordiale fosse stata tutta perfettamente omogenea e diffusa in modo uguale, non esisterebbero né stelle né pianeti. C erano invece

Dettagli

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti

Radon. un problema per la salute negli ambienti confinati. Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti Radon un problema per la salute negli ambienti confinati Centro Regionale per le Radiazioni Ionizzanti e non Ionizzanti 1 ARPA PIEMONTE Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Realizzazione

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore?

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore? 1 ) Volendo calcolare di quanto è aumentata la temperatura di un corpo al quale è stata somministrata una certa quantità di calore, è necessario conoscere: A. Il calore specifico e la massa del corpo.

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Elettrostatica 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Prof. Giovanni Ianne 1 L ELETTRIZZAZIONE PER STROFINIO Un

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Il Nucleo. Dimensioni del nucleo dell'ordine di 10. m Il raggio nucleare R = R 0 -15

Il Nucleo. Dimensioni del nucleo dell'ordine di 10. m Il raggio nucleare R = R 0 -15 Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t 1/2 circa 900 s), i protoni sono

Dettagli

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 Il Modello Standard Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 1 Sommario I costituenti elementari della materia Tre famiglie di mattoni elementari Quattro forze fondamentali:

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna MODELLI ATOMICI Dai primi modelli alla teoria moderna Se numerose evidenze sperimentali avevano permesso di trovare l'esistenza delle particelle subatomiche, le loro dimensioni, così infinitamente piccole,

Dettagli

1. FISICA NUCLEARE E RADIOATTIVITÀ. 1.1 Al cuore della materia

1. FISICA NUCLEARE E RADIOATTIVITÀ. 1.1 Al cuore della materia 9 1. FISICA NUCLEARE E RADIOATTIVITÀ 1.1 Al cuore della materia 1.1.1 L atomo Nel mondo in cui viviamo tutta la materia, sia vivente che inanimata, è costituita da atomi. Questi hanno dimensioni molto

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE

LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE Parma 22 Maggio 2003 LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE Dr. Asti Mattia Servizio di Medicina Nucleare Arcispedale Santa Maria Nuova RE LA MEDICINA NUCLEARE CHE COS E : branca specialistica che si avvale dell

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

IL DECADIMENTO RADIOATTIVO

IL DECADIMENTO RADIOATTIVO IL DECADIMENTO RADIOATTIVO Principi di fisica sub-nucleare Le interazioni fondamentali Principi di fisica nucleare Stabilità dei nuclei Tipi di decadimento Bilancio energetico Attività Legge del decadimento

Dettagli

Spettrometria di massa

Spettrometria di massa Tecniche di monitoraggio ambientale di tipo fisico Spettrometria di massa (J. B. Fenn, K. Tanaka, K. Wüthrich, premio nobel per la chimica nel 2002) Analisi chimica dell aerosol Riconoscimento di inquinanti

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino Lunedì 20 dicembre 2010 Docente del corso: prof. V. Maiorino Se la Terra si spostasse all improvviso su un orbita dieci volte più lontana dal Sole rispetto all attuale, di quanto dovrebbe variare la massa

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti

materia atomi miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti Elementi e Composti materia miscugli omogenei e eterogenei sostanze elementari composti atomi Gli atomi sono, per convenzione, le unità costituenti le sostanze Le sostanze possono essere costituite da

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Un altro importante parametro di questo processo è la risoluzione che rappresenta la distanza minima che la litografia può apprezzare.

Un altro importante parametro di questo processo è la risoluzione che rappresenta la distanza minima che la litografia può apprezzare. TECNICHE LITOGRAFICHE La litografia è un processo basilare nella realizzazione di circuiti integrati,esso consiste nel depositare un materiale detto resist sul wafer da processare che una volta esposto

Dettagli

Magnetismo. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Magnetismo. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi I magneti Il campo magnetico Il ciclotrone Fisica a.a. 2007/8 2 I magneti

Dettagli

Fisica Nucleare e statistica di Poisson nel problema dell uranio impoverito

Fisica Nucleare e statistica di Poisson nel problema dell uranio impoverito Flavio Marchetto e Giuseppina Rinaudo INFN - Sezione di Torino CESEDI Nov. 2001 Fisica Nucleare e statistica di Poisson nel problema dell uranio impoverito Premessa Quando, nell autunno 2000, scoppiò il

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Istituto di Medicina Human Tecar è partner tecnico di e Scienza dello Sport Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Tecnologia innovativa per il

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Fisica nucleare. 3.1 Il nucleo dell atomo. 24 3La Fisica moderna

Fisica nucleare. 3.1 Il nucleo dell atomo. 24 3La Fisica moderna 24 3La Fisica moderna Fisica nucleare Per affrontare l Unità devi sapere Il modello elementare della struttura atomica Le caratteristiche della luce come onda Il significato dell equivalenza tra massa

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 1 Carica elettrica, legge

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno. R Cesario

L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno. R Cesario L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno R Cesario R Cesario I primi tesisti di Roma Tre a Frascati (2005-2006) Sommario del corso integrativo di Progetto

Dettagli

IL SOLE. Il Sole è una stella cioè un corpo che emette luce ed energia ed è formato da gas, principalmente idrogeno (74%) ed elio (24%)

IL SOLE. Il Sole è una stella cioè un corpo che emette luce ed energia ed è formato da gas, principalmente idrogeno (74%) ed elio (24%) IL SOLE Il Sole è una stella cioè un corpo che emette luce ed energia ed è formato da gas, principalmente idrogeno (74%) ed elio (24%) Struttura del Sole 0 - nel NUCLEO viene prodotta l energia emessa

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare. 1. Decadimenti naturali del nucleo

PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare. 1. Decadimenti naturali del nucleo PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare 1. Decadimenti naturali del nucleo Escludendo gli elementi più leggeri (idrogeno ed elio), tutti gli altri sono stati prodotti da reazioni nucleari

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile Elementi di ottica L ottica si occupa dello studio dei percorsi dei raggi luminosi e dei fenomeni legati alla propagazione della luce in generale. Lo studio dell ottica nella fisica moderna si basa sul

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia:

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia: Energy in our life 1. Forme di energia: Energia meccanica; Energia nucleare; Energia elettrica; Energia chimica; Energia termica; 1. Consumi nel mondo; 2. Consumi in italia; 3. Consumi in Sicilia; 4. Energia

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE

IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE Il nucleo atomico Struttura atomica Elementi e isotopi Forze nucleari Decadimento radioattivo Fissione e fusione L energia nucleare Reattori nucleari Centrali nucleari

Dettagli