NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE"

Transcript

1 ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica ufficiale. Altre attività didattiche, quali quelle svolte in corsi di Master universitario e in corsi di perfezionamento, sono disciplinate dagli specifici regolamenti e/o da apposite delibere adottate dagli organi accademici e direttivi. 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE Le attività di didattica ufficiale si distinguono in: a. didattica frontale, che comprende i corsi di lezioni effettuate dal docente come insegnamento ufficiale afferente a un determinato settore scientificodisciplinare, di un corso di laurea triennale, specialistica/magistrale, nonché l insegnamento professato nelle scuole di specializzazione, nelle scuole di dottorato di ricerca e nei corsi di dottorato di ricerca secondo le modalità e il numero di ore fissate dalla competente struttura didattica; b. didattica non frontale, che comprende l attività strumentale alla didattica frontale che i docenti universitari sono tenuti a garantire nei termini definiti al punto a, e quella comunque necessaria allo svolgimento dei compiti previsti dal ruolo istituzionale ricoperto. In particolare per didattica non frontale si intende: i. preparazione dell attività didattica relativa al corso di insegnamento da professare; ii. ricevimento e assistenza degli studenti in ambito didattico; iii. partecipazione a Commissioni di esame di profitto; iv. partecipazione a Commissioni di esame di laurea; v. assistenza agli studenti nelle tesi di laurea; vi. vii. viii. partecipazione a organi accademici collegiali e di governo dell Ateneo; attività di tutorato agli studenti, resa in termini di informazione sistematica sull ordinamento degli studi, orientamento alla scelta del piano degli studi e dell argomento della tesi di laurea, insegnamento di metodologie di apprendimento per il superamento delle difficoltà, addestramento all uso delle infrastrutture per lo studio; attività seminariale. 2. DEFINIZIONE CARICO DIDATTICO 2.1. Professori di ruolo di prima fascia e di seconda fascia I professori di ruolo devono assicurare la loro presenza per non meno di 250 ore annuali relativamente alle attività didattiche di seguito riportate: Pagina 1 di 9

2 a. didattica frontale, di cui al punto 1., lettera a.. Il numero di ore di impegno obbligatorio da dedicare a tale attività è definito dagli organi direttivi, sentito il Senato accademico; b. didattica non frontale, di cui al punto 1., lettera b., a esclusione del punto vii. I professori di ruolo a tempo pieno sono tenuti a garantire la loro presenza per non meno di altre 100 ore annuali anche per attività di tutorato agli studenti Ricercatori universitari e assistenti del ruolo ad esaurimento Le strutture didattiche competenti definiscono per tutti i ricercatori universitari e gli assistenti del ruolo ad esaurimento il numero di ore che rientrano nel loro regime orario di impegno e non eccedono le 350 ore annue per i ricercatori universitari e gli assistenti del ruolo ad esaurimento a tempo pieno, e le 200 ore annue per i ricercatori universitari e gli assistenti del ruolo ad esaurimento a tempo definito. Tali ore devono essere dedicate alle attività di didattica di cui al punto 4 delle Disposizioni concernenti lo svolgimento dei compiti dei ricercatori universitari in Università Cattolica del Sacro Cuore. I ricercatori universitari sono tenuti, all interno dei limiti del loro regime di impegno, a garantire almeno 60 ore dedicate ai compiti didattici integrativi di cui al punto 4, lettera a), primo alinea, delle suddette disposizioni Professori aggregati Ai ricercatori universitari, e ai tecnici laureati che hanno svolto tre anni di insegnamento, possono essere affidati, con il loro consenso e fermo restando il rispettivo inquadramento e trattamento giuridico ed economico, corsi e moduli di insegnamento curriculari, compatibilmente con la programmazione didattica definita dagli organi accademici e direttivi. A essi è riconosciuto il titolo di professore aggregato per il periodo di durata degli stessi corsi e moduli. Ai ricercatori universitari ai quali viene riconosciuto il titolo di professore aggregato si applicano tutte le norme delle Disposizioni concernenti lo svolgimento dei compiti dei ricercatori universitari in Università Cattolica del Sacro Cuore, a eccezione del punto 4., lettera c), primo comma. Il numero di ore di impegno da dedicare ad attività di didattica frontale è pari a quello fissato per i professori di ruolo di prima fascia e di seconda fascia. Gli affidamenti o supplenze di corsi o moduli di insegnamento ufficiali attribuiti da una Facoltà dell Università Cattolica sono da considerarsi in ogni caso rientranti nei limiti dell impegno orario complessivo per loro previsto fino a concorrenza di n. 30 ore. L eventuale completamento degli impegni di attività di didattica frontale potrà essere garantito anche da attività di didattica integrativa di cui alla lettera a., primo alinea, del punto 4. delle Disposizioni concernenti lo svolgimento dei compiti dei ricercatori universitari in Università Cattolica del Sacro Cuore. Pagina 2 di 9

3 Queste ultime sono da considerarsi rientranti nei limiti dell impegno orario complessivo per loro previsto. Ai ricercatori universitari ai quali viene riconosciuto il titolo di professore aggregato, le ore previste per la preparazione dell attività didattica relativa al corso di insegnamento da professare sono da considerarsi rientranti nei limiti dell impegno orario complessivo di cui al punto 4., lettera c), secondo comma, delle predette Disposizioni Personale assunto ai sensi dell art. 1, comma 14, della legge n. 230/2005 Al personale assunto ai sensi dell art. 1, comma 14, della legge n. 230/2005 si applicano le norme del Regolamento per il conferimento di contratti di diritto privato a tempo determinato per lo svolgimento di attività di ricerca e di didattica integrativa e, le previsioni contenute nelle vigenti Disposizioni concernenti lo svolgimento dei compiti dei ricercatori universitari in Università Cattolica del Sacro Cuore, con le seguenti precisazioni: 1. ai contrattisti non può essere richiesto un impegno eccedente le 350 ore annue; 2. i contrattisti sono tenuti a dedicare allo svolgimento di attività di didattica integrativa il numero di ore annue determinato dal Consiglio di facoltà competente entro un massimo di 60 e indicato nel bando e nel relativo contratto; 3. ai contrattisti non può essere riconosciuto il titolo di professore aggregato ai sensi di quanto disposto dall undicesimo comma dall art. 1 della legge 4 novembre 2005, n Ai contrattisti possono, in ogni caso, essere affidati, con il loro consenso, corsi e moduli di insegnamento curriculari, compatibilmente con la programmazione didattica definita dagli Organi accademici e direttivi, con le seguenti ulteriori precisazioni: - l affidamento o supplenza di corsi o moduli di insegnamento curriculari attribuiti ai contrattisti da una Facoltà dell Università Cattolica del Sacro Cuore non rientra nei limiti dell impegno orario complessivo per loro previsto; - le ore previste per la preparazione dell attività didattica relativa al corso di insegnamento sono da considerarsi rientranti nei limiti dell impegno orario complessivo per loro previsto. 3. CRITERI E PROCEDURE DI CONFERIMENTO Ai fini della programmazione didattica i Consigli di facoltà, qualora un insegnamento sia fruito da un numero di studenti pari o superiore a 250, ne possono proporre lo sdoppiamento da parte degli organi accademici e direttivi, anche tenendo conto delle sezioni e sedi operative nelle quali si articola la Facoltà stessa. Allo stesso fine i Consigli di facoltà, per la realizzazione delle attività sopra Pagina 3 di 9

4 descritte, assicurano la più adeguata utilizzazione dei professori di ruolo e dei ricercatori universitari incardinati nelle Facoltà. In sede di conferimento degli insegnamenti da attivarsi in ciascun anno accademico, relativamente ai corsi di laurea o laurea specialistica/magistrale, le Facoltà devono: i. indicare il corso di laurea o di laurea specialistica/magistrale in cui l insegnamento è assegnato; ii. assicurare che la distribuzione dei conferimenti tra i corsi di laurea o di laurea specialistica/magistrale offerti rispecchi tendenzialmente il rapporto tra l utenza disponibile di ciascun corso di studio e l utenza disponibile complessiva della Facoltà, calcolate con riferimento agli studenti da immatricolarsi al primo anno di corso; iii. garantire in ogni caso che a ciascun corso di laurea o di laurea specialistica/magistrale sia imputato un numero di conferimenti che tenga conto del numero dei docenti richiesto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, al fine del possesso dei requisiti necessari di docenza nell anno accademico nel quale vengono conferiti gli insegnamenti; iv. fornire per ciascun insegnamento le informazioni richieste dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, relativamente ai requisiti di trasparenza. Le previsioni di cui ai punti ii. e iii. non si applicano ai corsi di laurea o di laurea specialistica/magistrale a esaurimento Criteri generali a. Titolarità Il Consiglio di facoltà definisce, con il consenso degli interessati, gli insegnamenti che i professori di ruolo di prima e di seconda fascia devono svolgere come titolarità, nell ambito del settore scientifico-disciplinare di inquadramento o di settore affine, su uno dei corsi di laurea triennale o di laurea specialistica/magistrale attivati nell anno accademico di riferimento. Per la Facoltà di Medicina e chirurgia A. Gemelli il completamento della titolarità può essere assegnato, in via residuale, anche nelle scuole di specializzazione di area sanitaria. b. Affidamenti interni Gli insegnamenti programmati dal Consiglio di facoltà, non coperti da professori di ruolo secondo quanto indicato alla precedente lettera a. e per i quali non può essere utilizzato l istituto della mutuazione, specificato nel successivo punto 3.2., lettera b., possono essere conferiti, con il loro consenso, a: i. professori di ruolo e fuori ruolo, ricercatori universitari e assistenti del ruolo ad esaurimento del medesimo settore scientifico-disciplinare o di Pagina 4 di 9

5 settore affine appartenenti alla stessa Facoltà; ii. in mancanza, professori di ruolo, ricercatori universitari e assistenti del ruolo ad esaurimento del medesimo settore scientifico-disciplinare o di settore affine di altra Facoltà dell'università Cattolica; nel caso di affidamenti di insegnamenti a professori di ruolo, del conferimento deve essere data comunicazione al Preside della Facoltà di appartenenza; nel caso di affidamenti di insegnamenti a ricercatori universitari o ad assistenti del ruolo ad esaurimento, gli stessi dovranno essere autorizzati dal Preside della Facoltà di appartenenza; iii. personale assunto ai sensi dell art. 1, comma 14, della legge n. 230/2005 del medesimo settore scientifico-disciplinare o di settore affine appartenente alla Facoltà o ad altra Facoltà dell Università Cattolica; nel caso di affidamenti di insegnamenti a personale appartenente a Facoltà diversa, gli stessi dovranno essere autorizzati dal Preside della Facoltà di appartenenza. c. Contratti di insegnamento Qualora non sia possibile conferire un insegnamento secondo le modalità sopra esposte, con deliberazione del Consiglio di facoltà lo stesso può essere conferito per contratto a: i. professori di ruolo, a ricercatori universitari e ad assistenti del ruolo ad esaurimento di altra Università del medesimo settore scientifico-disciplinare o di settore affine; ii. soggetti italiani e stranieri in possesso di adeguati requisiti scientifici e professionali e a soggetti incaricati all interno di strutture universitarie che abbiano svolto adeguate attività di ricerca debitamente documentata, a esclusione del personale tecnico amministrativo delle Università, salvo quanto previsto dallo specifico regolamento deliberato dagli Organi direttivi. Gli incarichi di insegnamento, a titolo gratuito o retribuito, possono essere: annuali; annuali, annuali rinnovabili o pluriennali, con durata non superiore a tre anni, ai sensi dell art. 1, comma 10, della legge n. 230/2005. Le procedure di selezione per il conferimento di tali contratti sono disciplinate da specifico regolamento. d. Supplenze In caso di indisponibilità nel corso dell anno accademico del titolare del singolo insegnamento, la Facoltà può conferire la supplenza per affidamento interno o per contratto. Pagina 5 di 9

6 3.2. Criteri specifici a. Numero minimo ore per conferimento Ai sensi di quanto previsto dal regolamento didattico di Ateneo gli insegnamenti possono essere articolati in moduli, attribuiti a non più di due docenti, per non meno di 20 ore ciascuno. Tale previsione non si applica agli insegnamenti impartiti nei corsi di studio attivati nella Facoltà di Medicina e chirurgia A. Gemelli, a esclusione dei corsi interfacoltà. b. Mutuazioni Al fine di evitare sovrapposizioni di insegnamenti comuni tra più corsi di laurea o di laurea specialistica/magistrale, le Facoltà accertano preliminarmente la possibilità di mutuare insegnamenti già attivati in altri corsi di laurea o di laurea specialistica/magistrale della stessa o di altra Facoltà dell Ateneo. Nel caso di insegnamenti da mutuare da altra Facoltà, la mutuazione è disposta sentito il Preside della Facoltà interessata. c. Risoluzione affidamento e contratto conferito Qualora alla data di scadenza del termine di presentazione dei piani degli studi non risultassero studenti iscritti a un insegnamento/modulo, il relativo affidamento o contratto si intenderà risolto. Specifica clausola verrà inserita nel bando di concorso, se previsto, e nel contratto di insegnamento. Nel caso di contratti pluriennali gli stessi si intenderanno altresì risolti nel caso in cui: - al termine del primo o dei successivi anni di insegnamento il numero degli studenti iscritti allo stesso sia inferiore al numero minimo previsto dai criteri generali per l attivazione dei corsi di studio e degli insegnamenti, definiti dagli Organi direttivi; - l insegnamento non sia più inserito nell offerta formativa della Facoltà. Specifiche clausole verranno inserite nel bando di concorso e nel contratto di insegnamento. d. Età per il conferimento di attività di didattica ufficiale Ai professori di ruolo e ai ricercatori universitari si applicano le specifiche norme di legge. Ai professori di ruolo collocati a riposo può essere conferita n. 1 attività di Pagina 6 di 9

7 didattica ufficiale, per contratto, sino al compimento del 72 anno di età rapportato all inizio dell anno accademico. In via eccezionale previa delibera motivata da parte della Facoltà e approvazione del Rettore, può essere conferita n. 1 attività di didattica ufficiale, per contratto a professori di ruolo dell Università Cattolica sino al compimento del 75 anno di età rapportato all inizio dell anno accademico, purché non si tratti dell insegnamento di titolarità svolto durante gli ultimi cinque anni di servizio attivo. Ai ricercatori universitari e agli assistenti del ruolo ad esaurimento collocati a riposo può essere conferita n. 1 attività di didattica ufficiale, per contratto, sino al compimento del 67 anno di età rapportato all inizio dell anno accademico. Ai professori di ruolo, ai ricercatori universitari e agli assistenti del ruolo ad esaurimento cessati dal servizio senza aver maturato i requisiti per il collocamento a riposo e ai soggetti di alta qualificazione non appartenenti ai ruoli universitari può essere conferita n. 1 attività di didattica ufficiale, per contratto, previa delibera motivata da parte della Facoltà, sino al compimento del 70 anno di età rapportato all inizio dell anno accademico. In via eccezionale previa delibera motivata da parte della Facoltà e approvazione del Rettore, può essere conferita n. 1 attività di didattica ufficiale a tali persone sino al compimento del 72 anno di età rapportato all inizio dell anno accademico. e. Incarichi retribuiti al personale delle pubbliche amministrazioni Il contratto di insegnamento a dipendenti delle pubbliche amministrazioni può essere stipulato solo previa autorizzazione dell amministrazione di appartenenza o in presenza di apposite convenzioni. In tale caso l Università dovrà dare comunicazione, entro il 30 aprile di ogni anno, all amministrazione di appartenenza di tali dipendenti, del compenso erogato nell'anno precedente Procedura di attribuzione degli insegnamenti ufficiali I Consigli di facoltà, su indicazione dei Consigli di corso, ove esistenti, dopo aver proceduto alla programmazione didattica degli insegnamenti per l anno accademico successivo, compresi quelli impartiti a distanza che dovranno essere indicati in modo specifico, tenuto conto del calendario di pianificazione dell offerta formativa deliberato dagli organi accademici e direttivi dell Università, determinano: a) gli insegnamenti conferiti per titolarità nel rispetto degli obblighi di didattica frontale previsti; Pagina 7 di 9

8 b) gli insegnamenti da mutuare da altre Facoltà; c) gli insegnamenti conferiti per affidamento interno di cui al precedente paragrafo 3.1., lettera b.; d) gli insegnamenti da ricoprire mediante contratto annuale, annuale rinnovabile o pluriennale, di cui al paragrafo 3.1., lettera c., secondo periodo, secondo alinea, per i quali si procede previa pubblicazione del relativo bando, emanato in conformità a quanto previsto da specifico regolamento; e) gli insegnamenti da ricoprire mediante contratto annuale di cui al paragrafo 3.1., lettera c., secondo periodo, primo alinea, individuando direttamente i nominativi dei soggetti cui attribuirli. I soggetti a cui gli insegnamenti sono conferiti sono tenuti, pena decadenza dall incarico, a compilare l apposito modulo predisposto dall amministrazione universitaria e a consegnarlo agli Uffici di gestione del Personale docente delle sedi di Milano e di Roma e presso la Direzione di sede di Brescia, di Piacenza e di Campobasso. 4. SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE E SCUOLE DI DOTTORATO DI RICERCA E CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA Il conferimento di insegnamenti e di attività didattiche nelle scuole di specializzazione, scuole di dottorato di ricerca e nei corsi di dottorato di ricerca è disciplinato secondo quanto previsto dai rispettivi regolamenti e dalle delibere a essi inerenti. 5. ASPETTI RETRIBUTIVI Il trattamento economico spettante ai docenti titolari di affidamento, supplenza o contratto viene stabilito annualmente dagli organi direttivi Professori di prima e di seconda fascia Al termine dell anno accademico, a seguito di consegna del registro delle lezioni, gli Uffici competenti individuano il carico didattico svolto dai professori di prima e di seconda fascia per le diverse attività didattiche previste al punto 2.1. del presente regolamento, e verificano l eventuale eccedenza rispetto all impegno orario complessivo per loro previsto. Gli affidamenti e le supplenze che superano i predetti limiti sono retribuiti, fatta salva l eventualità, con il consenso dell interessato, che il conferimento dell insegnamento sia avvenuto a titolo gratuito. I professori che svolgono attività didattica nei corsi di laurea e di laurea specialistica/magistrale per le professioni sanitarie attivati presso la sede di Pagina 8 di 9

9 Campobasso e le sedi convenzionate sono retribuiti indipendentemente dal monte ore raggiunto. 5.2 Professori aggregati e assistenti del ruolo ad esaurimento Al termine dell anno accademico, a seguito di consegna dei registri relativi alle attività svolte (registro dei ricercatori universitari e delle lezioni e delle esercitazioni), gli Uffici competenti individuano, per le diverse attività didattiche previste al punto 2.3. del presente regolamento, il carico didattico svolto dai ricercatori universitari ai quali viene riconosciuto il titolo di professore aggregato e dagli assistenti del ruolo ad esaurimento e verificano l eventuale eccedenza rispetto all impegno orario complessivo per loro previsto. Spetta, per i corsi affidati, una remunerazione a partire dalla trentunesima ora di insegnamento solo se l impegno orario complessivo eccede i limiti previsti per l opzione esercitata. I ricercatori universitari ai quali viene riconosciuto il titolo di professore aggregato e gli assistenti del ruolo ad esaurimento che svolgono attività didattica nei corsi di laurea e di laurea specialistica/magistrale per le professioni sanitarie attivati presso la sede di Campobasso e le sedi convenzionate sono retribuiti indipendentemente dal monte ore raggiunto. 5.3 Professori e ricercatori universitari di ruolo presso altro Ateneo e docenti a contratto La retribuzione spettante ai professori e ai ricercatori universitari di ruolo presso altro Ateneo e ai docenti a contratto è indicata nel contratto con loro sottoscritto, fatta salva l eventualità, con il consenso dell interessato, che il conferimento dell insegnamento sia disposto a titolo gratuito. Pagina 9 di 9

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011)

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011) LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011) 1. Definizione delle tipologie di attività didattica Ai fini delle presenti linee guida, vengono così definite

Dettagli

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE E FUNZIONI Art. 1 Ambito di applicazione 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Emanato con D.R. n. 337del 18/07/2014. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" RIPARTIZIONE II Settore IV REGOLAMENTO PER LE ATTRIBUZIONI DI ATTIVITA DIDATTICHE (conferimento affidamenti/supplenze attribuzioni contratti di insegnamento)

Dettagli

Art. 3 Programmazione didattica

Art. 3 Programmazione didattica Regolamento sull'impegno didattico dei professori e ricercatori universitari (l. 240/10, art. 6, c. 2 e 3), sulla verifica dell'effettivo svolgimento dell'attività didattica (l. 240/10, art. 6, c. 7) e

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

ART. 1 Oggetto, finalità e soggetti destinatari

ART. 1 Oggetto, finalità e soggetti destinatari REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI STUDIO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 10 DELLA LEGGE N. 230/2005 E DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 SENATO ACCADEMICO 27 marzo 2009, 16 marzo

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI AI SENSI DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento di incarichi di docenza, non rientranti negli obblighi

Dettagli

OGGETTO: Didattica: tipologie e retribuzioni relative alla copertura delle nuove forme di docenza.

OGGETTO: Didattica: tipologie e retribuzioni relative alla copertura delle nuove forme di docenza. Ripartizione del Personale Prot. n. 35469 03.08.2004 Ai Presidi di Facoltà Al Pro Rettore del Polo Scientifico e Didattico di Terni Ai Presidenti dei Corsi di Studio Ai Direttori delle Scuole di Specializzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Romsch UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTÀ DI. Anno Accademico.. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Prof. PROFESSORE DI I FASCIA TEMPO PIENO PROFESSORE DI II FASCIA TEMPO DEFINITO SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

POLITECNICO DI BARI ART. 1 ATTIVITA E REGIME DI IMPEGNO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI

POLITECNICO DI BARI ART. 1 ATTIVITA E REGIME DI IMPEGNO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LA DISCIPLINA DELLO STATO GIURIDICO, DIRITTI E DOVERI DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI DI RUOLO (ex articolo 6, commi 2, 3, 7, 8 e 14, della Legge n. 240/2010)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto

Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto Regolamento recante la disciplina dei professori a contratto IL COMITATO TECNICO ORGANIZZATIVO Visto il D.P.R. 11.7.1980, n. 382; Vista la legge 9.5.1989 n. 168, concernente l istituzione del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA AL PERSONALE DOCENTE VISTA Il Consiglio di Amministrazione la Legge 21.12.1999, n.508; il DPR 28.02.2003, n.132;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena (Emanato con D.R. n. 1529 del 17.10.2012, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.10.2012

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO Emanato con D.R. n. 12096 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo l 8 giugno 2012 In

Dettagli

ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE

ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE ANNO ACCADEMICO. REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE dal Dott..... nato a. il. ricercatore per il raggruppamento disciplinare n.. (D.M. 4 ottobre 2000 e modifiche D.M. 18 marzo 2005). Da consegnare

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTA DI ECONOMIA Prot. n. del UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTA DI ECONOMIA AVVISO DI SELEZIONE N. 2 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI A.A. 2010-2011 LAUREE MAGISTRALI IL PRESIDE VISTA la Legge n. 230/2005,

Dettagli

Tecniche paesaggistiche ICAR/15 3 24 863,28

Tecniche paesaggistiche ICAR/15 3 24 863,28 Decreto 41/2011 Prot. n. 1856 del 02/12/2011 pos VII/12 Facoltà di ARCHITETTURA IL PRESIDE VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento

Dettagli

BANDO PER LA COPERTURA DELL INSEGNAMENTO DI CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE MEDIANTE LA STIPULA DI UN CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO IL RETTORE

BANDO PER LA COPERTURA DELL INSEGNAMENTO DI CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE MEDIANTE LA STIPULA DI UN CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO IL RETTORE Decreto Rettorale n. 2/2015 BANDO PER LA COPERTURA DELL INSEGNAMENTO DI CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE MEDIANTE LA STIPULA DI UN CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO IL RETTORE Visto il D.P.R. 11.7.1980, n.

Dettagli

IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 314

IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 314 IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 314 Vista la legge 15/3/97 n. 127 ed in particolare l'art. 17 comma 96; Visto Visto il D.M. 21/5/98 n. 242, recante il regolamento per la disciplina dei professori a contratto,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia (DIGIEC)

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia (DIGIEC) AVVISO PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER COPERTURA, TRAMITE CONTRATTO DI DIRITTO PRIVATO, DI INSEGNAMENTI VACANTI NEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRIDENZA - DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

A.A. 2014/2015 II AVVISO DI VACANZA

A.A. 2014/2015 II AVVISO DI VACANZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO JONICO IN SISTEMI GIURIDICI ED ECONOMICI DEL MEDITERRANEO: SOCIETÀ, AMBIENTE, CULTURE Prot. n. 557/2014 A.A. 2014/2015 II AVVISO DI VACANZA Vista la

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Foggia, 5 gennaio 2012 Prot. n. 174 VII.1 Rep. n. 10/2012 Il PRESIDE la Legge 30 dicembre, n. 240/2010 Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché

Dettagli

Bollettino Ufficiale di Ateneo

Bollettino Ufficiale di Ateneo Bollettino Ufficiale di Ateneo Anno XI N. 2 - Luglio 2007 Periodico di atti normativi, circolari ed altre comunicazioni dell Università Bollettino Ufficiale dell Università degli Studi di Teramo Periodico

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015

BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015 Dipartimento di Scienze Repertorio n. 72/2014 prot n. 1484 del 15/12/2014 (2014-URM3DSC-0001484) BANDO N. 1 PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER L A. A. 2014/2015 Visto l art. 23 della

Dettagli

Riforma degli ordinamenti didattici universitari

Riforma degli ordinamenti didattici universitari Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Legge 19 novembre 1990, n. 341 Gazzetta Ufficiale 23 novembre 1990, n. 274 Riforma degli ordinamenti didattici universitari 1. Titoli universitari 1. Le università

Dettagli

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo; VISTO il Regolamento

Dettagli

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N.

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. Decreto n. 11397 IL RETTORE VISTA la Legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca; VISTI gli artt. 24 e 29, comma 11, lettera c) della Legge 30 dicembre 2010,

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento Didattico di Ateneo

Regolamento Didattico di Ateneo Regolamento Didattico di Ateneo Emanato con Decreto Rettorale n. 946 del 18.9.2001 Modifiche e integrazioni: Decreto Rettorale n. 990 del 10.9.2002 (All.A) - Decreto Rettorale n. 1130 del 2.10.2002 (All.A)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

E M A N A ART. 1 (OGGETTO - FINALITA' - REQUISITI)

E M A N A ART. 1 (OGGETTO - FINALITA' - REQUISITI) Pagina 1 di 5 il D.P.R. 11.7.1980, N. 382; VISTA la Legge 9.5.1989, n. 168, concernente l'istituzione del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; VISTA la Legge 19.11.1990,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N.

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. Senato Accademico 28 aprile 2016 Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 Decreto Rettorale 759-2016 del 6 maggio 2016 Pubblicazione all Albo di Ateneo n. 128 del 9 maggio 2016 - Prot. 40568 Ufficio

Dettagli

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014 Senato Accademico 21.6.2011 e 19.2.2014 Consiglio di Amministrazione 28.6.2011 e 26.2.2014 Decreto Rettorale 654-2011 del 7.7.2011 e 240-2014 del 3.3.2014 e 1056-2014 del 4.9.2014 Pubblicazione all Albo

Dettagli

CAPO I - PARTE GENERALE. Art. 1 Oggetto

CAPO I - PARTE GENERALE. Art. 1 Oggetto 1 REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato Emanato con D.R. n. 621/2012 del 05.04.2012 Modificato con D.R. n. 860/2013 del 05.06.2013 Modificato con D.R. n. 1490/2015 del 29/10/2015 Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340)

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340) REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 31 maggio 2011, n. 660 e confermato con Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340) Parte prima NORME GENERALI ART. 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Prot. n 23091 del 02/07/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE MARIO ARESU IL DIRETTORE il vigente Statuto di questo Ateneo; VISTA la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

(Emanato con decreto rettorale n. 65 del 31 gennaio 2013)

(Emanato con decreto rettorale n. 65 del 31 gennaio 2013) Regolamento di Ateneo per il conferimento dei compiti didattici e di servizio agli studenti a professori e ricercatori universitari, e per il conferimento di contratti per attività di insegnamento. (Emanato

Dettagli

Decreto Rettorale n. 2855/AG del 09 novembre 2012

Decreto Rettorale n. 2855/AG del 09 novembre 2012 Decreto Rettorale n. 2855/AG del 09 novembre 2012 REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI DEL POLITECNICO DI MILANO, AI SENSI DELL ART. 6 DELLA LEGGE 30.12.2010, N. 240 Art.

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

PREMESSO CHE VISTE INDIVIDUATA

PREMESSO CHE VISTE INDIVIDUATA CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PER L ISTITUZIONE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERATENEO IN LINGUE E LETTERATURE STRANIERE MODERNE (ABILITAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità Articolo 1. Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e il funzionamento dei corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente successivi

Dettagli

- che, con D.R. n.257 del 31.01.2012 è stato approvato il. Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento e

- che, con D.R. n.257 del 31.01.2012 è stato approvato il. Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento e UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI CONTRATTO INCARICO DI INSEGNAMENTO Tra l'università degli Studi di Cagliari, codice fiscale 80019600925, in persona del Presidente del Consiglio della Facoltà di Medicina

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) in PRODUZIONI ANIMALI (Classe L-38) Ai sensi del D.M. 270/2004 Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123)

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) Denominazione inglese della

Dettagli

Decreto 130/2013 Prot. 2587 pos. III/8.1 del 19/09/2013. BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO sede di Firenze e Empoli

Decreto 130/2013 Prot. 2587 pos. III/8.1 del 19/09/2013. BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO sede di Firenze e Empoli Decreto 130/2013 Prot. 2587 pos. III/8.1 del 19/09/2013 BANDO UNICO PER AFFIDAMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO sede di Firenze e Empoli n. 3 anno accademico 2013-2014 IL DIRETTORE VISTA la legge 30 dicembre

Dettagli

Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali

Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali Facoltà di GIURISPRUDENZA Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali Prot. n. 587 del 24.04.2012 IL DIRETTORE VISTO il Decreto Ministeriale n. 537 del 21 dicembre 1999 Regolamento recante norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MASTER IN ARCHITETTURA SOSTENIBILE NELLE CITTA MEDITERRANEE

MASTER IN ARCHITETTURA SOSTENIBILE NELLE CITTA MEDITERRANEE Decreto n. 2 / 2012 Prot. n. 82 III/5 del 17/01/2012 Facoltà di ARCHITETTURA IL PRESIDE VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento ;

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

A.A. 2013/2014 AVVISO DI VACANZA

A.A. 2013/2014 AVVISO DI VACANZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO JONICO IN SISTEMI GIURIDICI ED ECONOMICI DEL MEDITERRANEO: SOCIETÀ, AMBIENTE, CULTURE Reg. Prot. n. 727/2013 A.A. 2013/2014 AVVISO DI VACANZA Vista

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA Art. 1 - Finalità e oggetto 1.1 Il presente regolamento

Dettagli

Facoltà di ARCHITETTURA

Facoltà di ARCHITETTURA Decreto n. 26/ 2012 Prot. n. 612 pos. III/5 del 03/05/2012 Facoltà di ARCHITETTURA IL PRESIDE VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Manifesto degli studi Anno Accademico 2014-2015 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE INFERMIERISTICHE

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Vice Presidenza di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Lingue e Letterature, Traduzione e Interpretazione Vice Presidenza di Bologna Decreto rep. n. 73/2015 Prot. n. 929 Alma Mater Studiorum Università di Bologna Allegato A IL VICEPRESIDENTE VISTO l art. 23 co. 2 della L. 240/2010; VISTO il Decreto Rettorale n 418/2011 Regolamento di

Dettagli

PSICOTECNOLOGIE E PROCESSI FORMATIVI del Corso di Laurea a distanza in Discipline della Ricerca Psicologico Sociale

PSICOTECNOLOGIE E PROCESSI FORMATIVI del Corso di Laurea a distanza in Discipline della Ricerca Psicologico Sociale I L P R E S I D E VISTA VISTO VISTA DATO la legge 30 dicembre 2010, n.240; il Regolamento per le attribuzioni delle attività didattiche; la delibera del Consiglio di Facoltà del 19.12.2011 sull attribuzione

Dettagli

A.A. 2014/2015 AVVISO DI VACANZA

A.A. 2014/2015 AVVISO DI VACANZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO JONICO IN SISTEMI GIURIDICI ED ECONOMICI DEL MEDITERRANEO: SOCIETÀ, AMBIENTE, CULTURE Prot. n. 404/2014 A.A. 2014/2015 AVVISO DI VACANZA Vista la legge

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

MASTER IN ARCHITETTURA SOSTENIBILE NELLE CITTA MEDITERRANEE

MASTER IN ARCHITETTURA SOSTENIBILE NELLE CITTA MEDITERRANEE Decreto n. 34 /2012 Prot. n. 800 pos III/5 del 04/06/2012 Facoltà di ARCHITETTURA IL PRESIDE VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240, ed in particolare l articolo 23 Contratti per attività d insegnamento

Dettagli

IL RETTORE RIP/II Dec.n. 313 UPDR. Vista la legge 15/3/97 n. 127 ed in particolare l'art. 17 comma 96;

IL RETTORE RIP/II Dec.n. 313 UPDR. Vista la legge 15/3/97 n. 127 ed in particolare l'art. 17 comma 96; IL RETTORE RIP/II Dec.n. 313 UPDR Vista la legge 15/3/97 n. 127 ed in particolare l'art. 17 comma 96; Visto il D.M. 21/5/98 n. 242, recante il regolamento per la disciplina dei professori a contratto,

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO IN MATERIA DI: CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E DI SECONDA FASCIA; DI CHIAMATA DIRETTA DI STUDIOSI STABILMENTE IMPEGNATI ALL ESTERO O DI CHIARA FAMA; DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA LINEE OPERATIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.A. 2014-15

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA LINEE OPERATIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.A. 2014-15 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA LINEE OPERATIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.A. 2014-15 ********************************************************** SOMMARIO PARTE 1 - CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI BANDO PER CONFERIMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO A.A.2015/2016. Il DIRETTORE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI BANDO PER CONFERIMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO A.A.2015/2016. Il DIRETTORE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica Decreto n. 49 del 19/02/2016 Prot. N. 216 del 19/02/2016 BANDO PER CONFERIMENTO INCARICHI DI INSEGNAMENTO A.A.2015/2016

Dettagli