Appendice Statistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appendice Statistica"

Transcript

1 REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Appendice Statistica Luglio 2009

2 REGIONE CALABRIA Dipartimento 11 Cultura, Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione Tecnologica, Alta formazione Settore 2 Politiche dell'istruzione, Programmazione delle Reti Scolastiche e del Sistema Educativo Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Via Molé Catanzaro - tel Responsabile del progetto: Dott.ssa Sonia Tallarico, Dirigente Settore Politiche dell Istruzione, Programmazione delle Reti Scolastiche e del Sistema Educativo, Regione Calabria Gruppo di lavoro Dott.ssa Antonella Cauteruccio, Dirigente Servizio Istruzione, Regione Calabria Prof.ssa Maria De Paola, Università della Calabria Dott. Fabrizio Guzzo, ricercatore. Osservazioni, contributi e suggerimenti al contenuto del presente lavoro potranno essere inviati a: Settore 2 Politiche dell'istruzione, Programmazione delle Reti Scolastiche e del Sistema Educativo Il rapporto è disponibile sul portale tematico Calabria Istruzione del sito istituzionale della Regione Calabria. I dati della presente pubblicazione, ove non diversamente specificato, sono patrimonio della Regione Calabria. È consentito l utilizzo e la pubblicazione dei dati con citazione della fonte: FONTE: Regione Calabria, Osservatorio Regionale Istruzione e Diritto allo Studio,

3 APPENDICE STATISTICA A.1 Le scuole Tabella A 1.1 Presenza sito Internet per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico** Liceo Scientifico Misti* Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: Anagrafe regionale degli istituti (SISPICAL) * La categoria " Misti" è adoperata per classificare gli che comprendono al proprio interno diverse tipologie di scuola secondaria di II grado. ** Dall anno scolastico 1998/99 gli magistrali sono stati trasformati in Licei socio-psico-pedagogici. Nota: I licei artistici sono presenti solo all interno di misti, mentre gli istituti d arte sono stati inclusi nella categoria Istituto Professionale. Tabella A 1.2 Presenza di rete intranet per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico Liceo Scientifico Misti Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A

4 Tabella A 1.3 Presenza di laboratori informatici per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico Liceo Scientifico Misti Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A 1.1. Tabella A 1.4 Presenza di laboratori specifici per indirizzo per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico Liceo Scientifico Misti Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A

5 Tabella A 1.5 Presenza di aula magna per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico Liceo Scientifico Misti Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A 1.1. Tabella A 1.6 Presenza di biblioteche per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico Liceo Scientifico Misti Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A

6 Tabella A 1.7 Presenza di sale cinema/proiezioni per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico Liceo Scientifico Misti Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A 1.1. Tabella A 1.8 Presenza di spazi esterni/giardini per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico Liceo Scientifico Misti Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A

7 Tabella A 1.9 Presenza di parcheggi per disabili per provincia e tipologia di scuola secondaria di II grado. 2008/09. Liceo Classico Liceo Psico Pedagogico Liceo Scientifico Misti Istituto Professionale Istituto Tecnico Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A

8 A.2 Gli alunni e le classi Tabella A 2.1 scolastiche* e sezioni per provincia. dell'infanzia statale scolastiche Sezioni scolastiche Sezioni scolastiche Sezioni scolastiche Sezioni Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Italia Fonte: Elaborazione su dati del Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. * Le scuole sono intese come unità scolastiche caratterizzate da un omogenea tipologia di offerta formativa. Vengono quindi conteggiate distintamente: le scuole dell'infanzia; i plessi della scuola primaria; le scuole secondarie di I e secondo II; eventuali sezioni staccate delle scuole secondarie di I e II grado; i diversi tipi di scuola all'interno di una stessa scuola secondaria di II grado. Tabella A 2.2 scolastiche e classi per provincia. primaria statale Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Italia Fonte: vedi tabella A. 2.1 Tabella A 2.3 scolastiche e classi per provincia. statale secondaria di I grado Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Italia Fonte: vedi tabella A

9 Tabella A 2.4 scolastiche e classi per provincia. statale secondaria di II grado Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Italia Fonte: vedi tabella A. 2.1 Tabella A 2.5 scolastiche e classi per provincia. statale secondaria di II grado per tipologia di scuola. Liceo Classici Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei Scientifici Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei Psico Pedagogici (Ex Ist./Scuole Magistrali) Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria

10 Tecnici Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Professionali Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei Artistici Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria d'arte Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A

11 Figura A 2.1 Rapporti alunni per classe per tipologia e grado di scuola in Calabria a.s. 1999/00 a.s. 2000/01 a.s. 2001/02 a.s. 2002/03 a.s. 2003/04 a.s. 2004/05 a.s. 2005/06 a.s. 2006/07 a.s. 2007/08 a.s. 2008/09 dell'infanzia primaria sec. di I grado sec. di II grado Fonte: vedi tabella A. 2.1 Tabella A 2.6 Alunni iscritti in Calabria per ordine e grado (scuola statale) dell'infanzia primaria secondaria di I grado secondaria di II grado Variazioni annuali in percentuale dell'infanzia - -0,5-2,0-3,0 0,1-1,5-3,8-2,9 0,1-2,8 primaria - -3,3-3,1-3,7-1,6-3,1-1,5-0,7-1,5-2,3 secondaria di I grado - -2,3-0,6-3,1-2,5-2,7-4,3-3,7-3,1-0,2 secondaria di II grado - 1,5 1,0 1,4-0,9 0,3-0,1-1,5-1,2-1,7 - -1,2-1,1-1,7-1,3-1,6-1,9-1,9-1,5-1,7 Fonte: vedi tabella A

12 Tabella A 2.7 Serie storica del rapporto fra alunni in situazione di handicap e posti di sostegno nelle scuole statali normali per regione. Anno scolastico 1997/ / / / / / / / / /07 Piemonte 2,0 2,0 2,2 2,3 2,1 2,1 2,1 2,1 2,3 2,0 Lombardia 2,3 2,3 2,3 2,2 2,4 2,1 2,2 2,3 2,3 2,2 Liguria 1,8 2,0 2,0 2,0 2,0 1,9 1,8 1,8 1,8 1,7 Veneto 2,4 2,3 2,6 2,6 2,5 2,4 2,4 2,3 2,4 2,2 Friuli-Venezia Giulia 2,7 2,2 2,4 2,0 1,8 2,2 2,2 2,2 1,3 2,1 Emilia-Romagna 2,1 2,2 2,3 2,2 2,2 2,3 2,3 2,2 2,2 1,9 Toscana 1,8 1,9 2,1 1,9 2,0 1,8 1,8 1,9 1,9 1,9 Umbria 1,9 2,1 2,0 2,0 2,1 2,2 2,2 2,4 2,5 2,3 Marche 2,2 2,1 2,0 2,0 2,2 2,0 2,1 2,1 2,1 1,9 Lazio 2,0 2,1 2,4 2,3 2,5 2,7 2,6 2,5 2,7 2,4 Abruzzo 2,3 2,3 2,2 2,4 2,4 2,5 2,5 2,5 2,7 2,5 Molise 2,7 2,5 2,5 2,3 2,2 2,2 2,0 2,2 1,9 1,8 Campania 2,3 1,6 1,9 1,9 1,7 1,7 1,8 1,9 1,9 1,8 Puglia 1,8 1,9 1,9 2,0 1,9 1,7 1,7 1,7 1,8 1,7 Basilicata 1,6 1,4 1,7 1,6 1,6 1,7 1,6 1,6 1,4 1,3 Calabria 2,0 2,1 2,0 2,1 2,1 1,8 1,7 1,7 1,8 1,8 Sicilia 1,7 1,7 1,9 1,9 1,8 1,5 1,6 1,5 1,7 1,6 Sardegna 2,1 2,0 2,1 1,8 1,8 1,8 1,8 1,8 1,9 1,7 Italia 2,0 2,0 2,1 2,1 2,1 2,0 2,0 2,0 2,0 1,9 Fonte: Elaborazione su dati ISTAT (banca dati Disabilità in cifre ) 12

13 Tabella A 2.8 Alunni con cittadinanza straniera per ordine scolastico e regione. 2007/08. V. A. Per cento iscritti REGIONI Infanzia Primaria Secondaria I grado Secondaria II grado Infanzia Primaria Secondaria I grado Secondaria II grado Piemonte ,1 11,4 10,8 6,7 9,7 Valle d'aosta ,8 8,1 6,7 4,6 6,8 Lombardia ,9 12,0 11,5 7,0 10,3 Trentino-Alto Adige ,7 8,4 8,2 4,9 7,5 Veneto ,6 12,1 11,8 6,4 10,2 Friuli Venezia Giulia ,0 10,1 10,3 6,8 8,9 Liguria ,5 9,6 10,6 7,6 9,0 Emilia Romagna ,1 13,6 13,2 9,3 11,8 Toscana ,3 11,1 11,2 6,6 9,4 Umbria ,2 13,6 12,7 7,9 11,4 Marche ,1 11,5 11,3 6,9 9,9 Lazio ,4 8,3 8,2 5,3 5,3 Abruzzo ,3 6,2 6,0 3,1 5,0 Molise ,0 2,7 2,6 1,2 2,1 Campania ,9 1,4 1,5 0,9 1,2 Puglia ,5 1,9 1,8 1,0 1,5 Basilicata ,3 1,7 1,8 0,8 1,3 Calabria ,1 3,1 2,9 1,4 2,3 Sicilia ,7 2,2 1,9 1,0 1,7 Sardegna ,2 1,6 1,9 0,8 1,3 ITALIA ,7 7,7 7,3 4,3 6,4 Nord Ovest ,5 11,6 11,1 6,9 10,0 Nord Est ,4 12,0 11,8 7,4 10,3 Centro ,3 9,9 9,8 6,1 8,5 Sud ,6 2,2 2,2 1,2 1,8 Isole ,6 2,1 1,9 1,0 1,7 Fonte: ISTAT (2008b) 13

14 Tabella A 2.9 secondaria di secondo grado: tassi di scolarità* degli alunni con cittadinanza italiana e straniera per sesso e regione. 2006/07. REGIONI Alunni con cittadinanza italiana Maschi Femmine Maschi e femmine Alunni con cittadinanza straniera Maschi Femmine Maschi e femmine Piemonte 89,2 93,9 91,5 62,5 82,0 71,7 Valle d'aosta 86,5 95,6 90,9 71,1 101,0 84,6 Lombardia 87,3 90,9 89,1 56,6 66,0 60,9 Trentino Alto Adige 69,9 86,5 78,0 44,3 61,3 52,2 Bolzano 61,0 80,0 70,2 45,3 60,7 52,3 Trento 79,8 94,0 86,7 43,6 61,8 52,2 Veneto 90,8 94,2 92,4 50,6 65,6 57,5 Friuli Venezia Giulia 97,4 97,0 97,2 57,1 74,2 64,9 Liguria 95,2 95,1 95,2 80,7 98,2 88,7 Emilia Romagna 98,3 98,9 98,6 75,3 88,0 81,1 Toscana 100,1 99,3 99,7 64,8 73,9 69,0 Umbria 100,7 102,3 101,5 62,7 80,0 70,8 Marche 102,9 102,7 102,8 73,1 77,0 74,9 Lazio 97,2 98,1 97,6 69,3 87,4 77,7 Abruzzo 99,3 97,1 98,2 60,3 70,1 65,0 Molise 100,9 99,4 100,2 65,4 82,4 73,1 Campania 94,5 88,7 91,7 54,7 78,3 65,6 Puglia 93,5 93,7 93,6 66,3 78,2 72,0 Basilicata 104,6 102,7 103,6 57,3 91,3 72,1 Calabria 94,9 93,6 94,3 71,5 93,5 81,8 Sicilia 91,4 91,2 91,3 50,7 61,1 55,5 Sardegna 99,0 103,2 101,0 56,1 80,9 66,3 ITALIA 93,5 94,1 93,8 61,9 75,5 68,1 Nord 89,9 93,5 91,6 60,2 73,6 66,3 Centro 99,0 99,3 99,2 67,8 80,7 73,7 Mezzogiorno 94,5 92,7 93,6 58,5 74,8 66,1 Fonte: elaborazioni Istat su dati del Ministero della pubblica istruzione * Il tasso di scolarità, calcolato come rapporto tra gli iscritti alla scuola superiore e la popolazione residente di anni, può assumere valori superiori a 100 per la presenza di ripetenze, anticipi di frequenza o di studenti residenti in altre regioni. 14

15 Tabella A 2.10 Alunni con cittadinanza non italiana nati in Italia per ordine scolastico e provincia. 2007/08. V. A. Per cento alunni con cittadinanza non italiana PROVINCIA Infanzia Primaria Secondaria I grado Secondaria II grado Infanzia Primaria Secondaria I grado Secondaria II grado Cosenza ,2 15,9 13,9 4,9 Catanzaro ,6 15,1 8,6 2,1 Crotone ,5 14,3 9,2 16,5 Reggio Calabria ,3 17,9 12,4 6,9 Vibo Valentia ,8 12,3 2,4 8,1 Calabria ,6 16,1 11,0 6,0 ITALIA ,2 41,1 17,8 6,8 Fonte: ISTAT 2008b 15

16 A.3 L organico Tabella A 3.1 Posti normali* in Calabria per ordine e grado dell'infanzia primaria secondaria di I grado secondaria di II grado Variazioni annuali percentuali dell'infanzia - -0,4-0,4-1,2-0,9-0,7-1,2-3,3-1,0-4,4 primaria - -1,5-1,1-0,9-3,1-1,9-0,5-1,6-3,7-4,6 secondaria di I grado - -3,7-0,5-1,7-2,6-0,8-0,1 1,6-3,5-8,2 secondaria di II grado - 1,8 0,5-0,2-2,8-0,9 1,3-1,0-1,5-4,3 - -0,9-0,4-0,9-2,6-1,2 0,1-0,9-2,6-5,3 Fonte: Elaborazioni su dati Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca - Dir. gen. per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. * Il numero dei posti comprende posti e cattedre intere. 16

17 Tabella A 3.2 Posti personale docente di sostegno in Calabria per ordine e grado dell'infanzia primaria secondaria di I grado secondaria di II grado Variazioni annuali percentuali dell'infanzia - 5,4-5,1 5,4-1,7 4,0-0,3-0,8-3,6-5,2 primaria - 3,8-2,2 13,8-4,1 0,7-0,8-2,4-1,5-7,3 secondaria di I grado - 1,0-1,7 19,2 1,1 0,2 3,2 2,9-8,0-2,7 secondaria di II grado - -43,7 78,1 77,5 18,4 6,4 6,5 0,4 4,8 1,5 - -3,9 4,5 23,9 2,5 2,3 2,3 0,1-2,0-3,3 Fonte: vedi tabella A

18 Figura A 3.1 Posti personale docente normale in Calabria per ordine e grado. Numeri indice a base fissa ( 1990/00) dell'infanzia primaria secondaria di I grado secondaria di II grado Fonte: vedi tabella A 3.1 Figura A 3.2 Posti personale docente di sostegno in Calabria per ordine e grado. Numeri indice a base fissa ( 1990/00) dell'infanzia primaria secondaria di I grado secondaria di II grado Fonte: vedi tabella A

19 A.4 Il personale Tabella A 4.1 Personale docente ed educativo per tipo di contratto e provincia. statale (a). 2008/09. determinato (b) Personale educativo (c) Fino al temine delle annuali attività didattiche di sostegno di sostegno di sostegno di sostegno Cosenza n.d. Catanzaro n.d. Crotone n.d. Reggio Calabria n.d. Vibo Valentia n.d. Calabria n.d. Fonte: Elaborazioni su dati Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca - Dir. gen. per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. (a) Non sono inclusi i docenti di religione (b) I docenti a tempo determinato possono coprire l'intero orario d'una cattedra o coprirne solo una parte. Il loro numero quindi, in particolare nel caso dei supplenti fino al termine dell'attività didattica (30 giugno), non corrisponde ad altrettanti posti vacanti. (c) Il personale educativo svolge attività presso i Convitti e gli Educandati. Tale figura professionale normalmente non è impegnata nella didattica, ma in attività quali assistenza e vigilanza (assistenza nelle attività di studio, culturali, sportive e ricreative, vigilanza all'entrata e all'uscita), rapporti individuali con le famiglie e i docenti etc. Tabella A 4.2 Personale docente a tempo nella scuola statale* di sostegno di sostegno di sostegno di sostegno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 4.1 * Non sono inclusi i docenti di religione. Dati non disponibili a livello provinciale per a.s. 2007/08 19

20 Tabella A 4.3 Personale docente a tempo nella scuola statale*. Variazioni annuali in percentuale. Varizioni / Variazioni / Variazioni / di sostegno di sostegno di sostegno Cosenza -0,2 2,2-2,9-3,2-3,8 10,1 Catanzaro -0,1-1,5-3,4-5,7-4,1 10,3 Crotone -0,4 8,0-2,5-3,2-2,1 10,9 Reggio Calabria -0,4-0,2-3,0-2,2-4,3 18,2 Vibo Valentia -1,2-0,8-3,3-3,6-2,6 10,9 Calabria -0,3 0,9-3,0-3,5-3,7 12,4 Fonte: vedi tabella A 4.1 * Non sono inclusi i docenti di religione. Dati non disponibili a livello provinciale per a.s. 2007/08 Tabella A 4.4 Personale docente per tipo di contratto nella scuola statale (a). 2008/09. di sostegno determinato (b) Fino al temine delle annuali attività didattiche di sostegno di sostegno dell'infanzia primaria secondaria di I grado secondaria di II grado Fonte: vedi tabella A (a) Non sono inclusi i docenti di religione (b) I docenti a tempo determinato possono coprire l'intero orario d'una cattedra o coprirne solo una parte. Il loro numero quindi, in particolare nel caso dei supplenti fino al termine dell'attività didattica (30 giugno), non corrisponde ad altrettanti posti vacanti. 20

21 Tabella A 4.5 Personale docente a tempo determinato (b) nella scuola statale (a) annuali Fino al temine delle attività didattiche annuali Fino al temine delle attività didattiche annuali Fino al temine delle attività didattiche annuali Fino al temine delle attività didattiche di sostegno di sostegno di sostegno di sostegno di sostegno di sostegno di sostegno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 4.1 (a) Non sono inclusi i docenti di religione (b) I docenti a tempo determinato possono coprire l'intero orario d'una cattedra o coprirne solo una parte. Il loro numero quindi, in particolare nel caso dei supplenti fino al termine dell'attività didattica (30 giugno), non corrisponde ad altrettanti posti vacanti. Non sono disponibili i dati a livello provinciale per l a.s. 2007/08. di sostegno 21

22 Tabella A 4.6 Personale docente a tempo determinato (b) nella scuola statale (a). Variazioni annuali in percentuale Variazioni / Variazioni / Variazioni / annuali Fino al temine delle attività didattiche annuali Fino al temine delle attività didattiche annuali Fino al temine delle attività didattiche di di di di di di sostegno sostegno sostegno sostegno sostegno sostegno Cosenza 30,7-2,8 9,0 16,5 26,5-22,9 26,5 10,0-44,0 70,4-21,3-39,9 Catanzaro -9,2 300,0-4,9 6,2 60,7 100,0 18,0 4,8-42,7-100,0-37,8-71,0 Crotone -11,3-100,0 5,4 1,5 74,5 0,0 15,0 10,8-37,5 0,0-13,8-44,8 Reggio Calabria -9,1 66,7 0,6 3,3 64,7 15,0 15,0 19,4-47,4-73,9-12,2 6,5 Vibo Valentia -1,2-40,9-1,1 10,9 29,4 30,8 2,3-3,1 0,9-47,1-41,8-66,5 Fonte: vedi tabella A 4.1 Calabria 2,5 0,0 2,4 7,9 46,8 4,2 18,1 10,2-38,2-18,7-23,5-34,4 (a) Non sono inclusi i docenti di religione (b) I docenti a tempo determinato possono coprire l'intero orario d'una cattedra o coprirne solo una parte. Il loro numero quindi, in particolare nel caso dei supplenti fino al termine dell'attività didattica (30 giugno), non corrisponde ad altrettanti posti vacanti. Non sono disponibili i dati a livello provinciale per l a.s. 2007/08. 22

23 Tabella A 4.7 Personale docente per tipo di contratto e provincia. dell infanzia statale (a) determinato (b) annuali Docenti a tempo Fino al termine attività didattiche annuali determinato (b) Docenti a tempo Fino al termine attività didattiche annuali determinato (b) Fino al termine attività didattiche annuali determinato (b) Fino al termine attività didattiche Tot. soste. Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 4.1 (a) Non sono inclusi i docenti di religione (b) I docenti a tempo determinato possono coprire l'intero orario d'una cattedra o coprirne solo una parte. Il loro numero quindi, in particolare nel caso dei supplenti fino al termine dell'attività didattica (30 giugno), non corrisponde ad altrettanti posti vacanti. Non sono disponibili i dati a livello provinciale per l a.s. 2007/08. 23

24 Tabella A 4.8 Personale docente per tipo di contratto e provincia. primaria statale (a) determinato (b) annuali Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Docenti a tempo Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Fino al temine delle attività didattiche Tot. soste. Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 4.1 (a) Non sono inclusi i docenti di religione (b) I docenti a tempo determinato possono coprire l'intero orario d'una cattedra o coprirne solo una parte. Il loro numero quindi, in particolare nel caso dei supplenti fino al termine dell'attività didattica (30 giugno), non corrisponde ad altrettanti posti vacanti. Non sono disponibili i dati a livello provinciale per l a.s. 2007/08. 24

25 Tabella A 4.9 Personale docente per tipo di contratto e provincia. statale secondaria di I grado (a) determinato (b) annuali Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Docenti a tempo Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Fino al temine delle attività didattiche Tot. soste. Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 4.1 (a) Non sono inclusi i docenti di religione (b) I docenti a tempo determinato possono coprire l'intero orario d'una cattedra o coprirne solo una parte. Il loro numero quindi, in particolare nel caso dei supplenti fino al termine dell'attività didattica (30 giugno), non corrisponde ad altrettanti posti vacanti. Non sono disponibili i dati a livello provinciale per l a.s. 2007/08. 25

26 Tabella A 4.10 Personale docente per tipo di contratto e provincia. statale secondaria di II grado (a) determinato (b) annuali Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Docenti a tempo Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Fino al temine delle attività didattiche annuali determinato (b) Fino al temine delle attività didattiche Tot. soste. Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 4.1 (a) Non sono inclusi i docenti di religione (b) I docenti a tempo determinato possono coprire l'intero orario d'una cattedra o coprirne solo una parte. Il loro numero quindi, in particolare nel caso dei supplenti fino al termine dell'attività didattica (30 giugno), non corrisponde ad altrettanti posti vacanti. Nota: non sono disponibili i dati a livello provinciale per l a.s. 2007/08. 26

27 Tabella A 4.11 Presenza femminile nella scuola (valori percentuali). Prospetto provinciale. 2008/09. dell'infanzia primaria Docenti secondaria di I grado secondaria di IIgrado Personale educativo Personale amministrativo, tecnico ed ausiliario Area A* Area B Area D** primaria e secondaria di I grado Dirigenti secondaria di IIgrado Cosenza 99,5 96,3 74,7 57,4 14,0 40,5 39,0 43,9 46,2 30,9 0,0 Catanzaro 99,7 93,8 74,8 58,7 15,8 45,7 46,0 41,8 57,5 20,0 0,0 Crotone 99,1 91,9 74,9 57,4-25,2 44,4 41,2 42,1 42,9 - Reggio Calabria 99,0 96,0 78,6 64,4 27,0 43,0 41,5 45,4 54,3 33,3 100,0 Vibo Valentia 99,5 95,0 72,2 59,7 6,9 34,9 42,6 39,6 46,2 28,6 0,0 Calabria 99,4 95,2 75,6 59,7 16,1 40,2 41,6 43,2 50,1 30,5 25,0 Fonte: vedi tabella A 4.1 * Nel presente prospetto sono conteggiati nell'area A anche i Collaboratori scolastici tecnici (addetti alle aziende agrarie). ** Nel presente prospetto sono conteggiati nell'area D anche i Responsabili amministrativi (ovvero personale già svolgente funzioni di Responsabile Amministrativo presso le segreterie scolastiche che non ha conseguito, per varie motivazioni, il passaggio a Direttore dei servizi generali e amministrativi). Istituzioni educative 27

28 Tabella A 4.12 Personale ATA con contratto a tempo e determinato per provincia (scuola statale). A tempo A tempo determinato A tempo A tempo determinato A tempo A tempo determinato A tempo A tempo determinato Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 4.1 Nota: non sono disponibili i dati a livello provinciale per l a.s. 2007/08. 28

29 Tabella A 4.13 Cessazioni dal servizio del personale docente. 2008/09. Limiti d'età Dimissioni Altro dell'infanzia Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria primaria Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria secondaria di I grado Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria secondaria di II grado Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A

30 A.5 Tassi di scolarità e risultati Tabella A 5.1 Ammessi per anno di corso e provincia. primaria statale, a.s. 2007/08. I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: Elaborazioni su dati Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca - Dir. gen. per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. Tabella A 5.2 Ammessi per anno di corso e provincia. secondaria statale di I grado, a.s. 2007/08. I Anno II Anno III Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 5.1. Tabella A 5.2 Ammessi per anno di corso e provincia. secondaria statale di II grado, a.s. 2007/08. I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A

31 Tabella A 5.3 Ammessi per tipo di scuola e provincia. secondaria statale di II grado, a.s. 2007/08. Licei Classici Licei Scientifici Licei Psico Pedagogici Tecnici Professio. Licei Artistici d'arte Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A 5.1. Tabella A 5.3 Ammessi per tipo di scuola secondaria statale di II grado, anno di corso e provincia. 2007/08. Licei classici I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei scientifici I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei Psico Pedagogici (Ex Ist./ Scuole Magistrali) I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Tecnici I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno 31

32 Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Professionali I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei Artistici I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria d'arte I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A

33 Tabella A 5.4 Esaminati e licenziati per provincia. secondaria statale di I grado. 2007/08. Esaminati Licenziati Non licenziati Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A 5.1. Calabria Tabella A 5.5 Esaminati agli esami di stato per provincia. secondaria statale di II grado Esaminati Diplomati Non Diplomati Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Esaminati Diplomati Non Diplomati Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Esaminati Diplomati Non Diplomati Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Fonte: vedi tabella A 5.1. Calabria

34 Tabella A 5.6 Diplomati per votazione conseguita e regione. secondaria statale di II grado. 2006/07. votazione Regione Diplomati Lode Piemonte Lombardia Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia Nord Ovest Fonte: vedi tabella A 5.1. Nord Est Centro Sud Isole

35 A.6 Dispersione scolastica Tabella A 6.1 Alunni ripetenti per anno di corso e provincia. primaria statale. 2007/08. I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: Elaborazioni su dati Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca - Dir. gen. per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi. Tabella A 6.2 Alunni ripetenti per tipo di scuola, anno di corso e provincia. secondaria statale di II grado. 2007/08. Licei classici I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei scientifici I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei Psico Pedagogici (Ex Ist./ Scuole Magistrali) I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria

36 Tecnici I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Professionali I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Licei Artistici I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria d'arte I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria Fonte: vedi tabella A

37 Tabella A 6.3 Alunni ripetenti in Calabria per 100 iscritti e per anno di corso. secondaria statale di I grado. 2007/08 I Anno II Anno III Anno 2,6 3,0 1,5 2,4 2006/07 I Anno II Anno III Anno 2,2 2,8 1,3 2,1 2005/06 I Anno II Anno III Anno 2,5 2,2 1,3 2,0 2004/05 I Anno II Anno III Anno 4,2 2,8 1,7 2,9 Fonte: vedi tabella A 6.1. Tabella A 6.4 Alunni ripetenti in Calabria per 100 iscritti e per anno di corso. secondaria statale di II grado. 2007/08 I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno 7,0 6,2 6,3 5,6 1,2 5,4 2006/07 I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno 5,8 5,3 6,1 5,0 0,5 4,7 2005/06 I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno 6,4 6,6 6,5 5,5 1,9 5,5 2004/05 I Anno II Anno III Anno IV Anno V Anno 5,8 5,3 6,0 4,7 1,3 4,8 Fonte: vedi tabella A

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI

VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI VIDEOCONFERENZA CON I DIRIGENTI SCOLASTICI sul tema: ORGANICO DI DIRITTO del personale docente a.s. 2007/08 Relatrice: Maria Luisa Altomonte IL SISTEMA SCOLASTICO STATALE IN EMILIA ROMAGNA LE - 1 Le sedi

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16. Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16

Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16. Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16 Le scuole del Veneto all avvio dell anno scolastico 2015/16 Anticipazioni su dati provvisori a.s. 2015/16 Dirigenze scolastiche statali a.s. 2015/16 Provincia Direzione didattica Istituto comprensivo Scuola

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS Servizio di Consulenza all

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Contesto e risorse - Popolazione scolastica

Contesto e risorse - Popolazione scolastica Contesto e risorse - Popolazione scolastica Provenienza socio-economica e culturale degli studenti e caratteristiche della popolazione che insiste sulla scuola (es. occupati, disoccupati, tassi di immigrazione).

Dettagli

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell' Parte 1 - Le scuole statali...iv Istituzioni scolastiche statali interessate per livello... IV Tavola A1.1 - Istituzioni scolastiche

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

I NUMERI DELLE DONNE

I NUMERI DELLE DONNE 1. Laureati anno solare 2009 per genere e area di studi Atenei provincia di Milano 2. Scuole, classi e studenti delle scuole secondarie di secondo grado per regione. Anno scolastico 2009/2010 3. Iscritti

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale

Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale Emanati in Gazzetta Ufficiale Concorsi pubblici, per esami, su base circoscrizionale per le esigenze del MINISTERO DIFESA 1 Dettaglio: concorso pubblico Data di pubblicazione in G.U. 4^ S.S. : 25.10. 2005

Dettagli

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Istituzioni scolastiche - prospetto provinciale Circoli didattici

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

Atto n. 189 - Schema di decreto legislativo recante determinazione dei collegi elettorali della Camera dei deputati. Allegato

Atto n. 189 - Schema di decreto legislativo recante determinazione dei collegi elettorali della Camera dei deputati. Allegato Atto n. 189 - Schema di decreto legislativo recante determinazione dei collegi elettorali della Camera dei deputati Allegato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva

Dettagli

L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE

L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE L A SCUOLA CATTOLICA IN CIFRE Anno 2014/2015 Fonte: elaborazione CSSC su dati MIUR 2015 LE SCUOLE DELL INFANZIA Nell universo di scuola paritaria le scuole dell infanzia costituiscono la porzione più importante,

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

RILEVAZIONE INTEGRATIVA DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO NON STATALI ALUNNI PER INDIRIZZI DI STUDIO SEZIONE A CLASSI PER ANNO DI CORSO

RILEVAZIONE INTEGRATIVA DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO NON STATALI ALUNNI PER INDIRIZZI DI STUDIO SEZIONE A CLASSI PER ANNO DI CORSO Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

Gennaio-Febbraio 2018

Gennaio-Febbraio 2018 1 - TOT Gennaio-Febbraio 2018 EXTR 536 3729 4265 28756 60882 89638 14522 20990 35512 15147 20853 36000 1401982 2554245 3956227 Lazio 912 23.184 41.077 8.978 22.483 32.162 63.560 Umbria 910 6.099 15.401

Dettagli

Anno TOT CAPACITA' RICETTIVA FLUSSI TURISTICI 05/02/2019 TOTALE ITALIANI

Anno TOT CAPACITA' RICETTIVA FLUSSI TURISTICI 05/02/2019 TOTALE ITALIANI 1 - TOT Anno 2018 EXTR 527 4439 4966 28582 65265 93847 14436 22139 36575 15068 22474 37542 9557727 19675376 29233103 Lazio 912 219.840 411.696 140.452 331.490 360.292 743.186 Lombardia 903 145.687 275.986

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE Negli ultimi 10 anni l incremento è stato del 165,5 per cento. Purtroppo, nel 77 per cento dei casi i responsabili non vengono assicurati alla giustizia

Dettagli

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Seminari del QSN 7 luglio 25 Istruzione I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Marta Foresti - Aline Pennisi Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

I NUMERI DELLA SCUOLA

I NUMERI DELLA SCUOLA Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Ministeriale, per la Gestione del Bilancio e per le Risorse umane e dell Informazione I NUMERI DELLA SCUOLA settembre 2007 RTI : EDS

Dettagli

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Prot. n 3334 del 6 settembre 2010 Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Il Piano Nazionale Scuola Digitale, della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

Anno Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze

Anno Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze 1 - TOT Anno 2017 EXTR 539 3552 4091 28964 60058 89022 14636 20789 35425 15262 20509 35771 9593028 18500148 28093176 Lazio 912 197.431 365.238 124.646 302.443 322.077 667.681 Umbria 910 43.683 217.206

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE. Scuola dell'infanzia Regione

ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE. Scuola dell'infanzia Regione ELENCO POSTI MESSI A CONCORSO SUDDIVISI PER REGIONE Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

L abbandono degli studi universitari.

L abbandono degli studi universitari. L abbandono degli studi universitari. Il caso Università degli Studi di Salerno XIV Indagine AlmaLaurea sul Profilo dei Laureati Laurearsi in tempo di crisi Come valorizzare gli studi universitari Dott.ssa

Dettagli

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Norme di riferimento - D.lgs.15 aprile 2005, n. 77, "Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, a norma dell'articolo

Dettagli

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015

AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 AOODPPR - Registro Ufficiale - Prot. n.276 del 20/01/2015 Avviso progetto Smart Future : fornitura, a partire dall anno scolastico 2014/2015, di tecnologie digitali a 54 classi di scuola primaria e di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca di concerto con Il Ministro dell economia e delle Finanze e con il Il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione VISTO il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Scuola dell'infanzia. Scuola Primaria. Posti. Regione

Scuola dell'infanzia. Scuola Primaria. Posti. Regione Scuola dell'infanzia Abruzzo 30 Basilicata 37 Calabria 144 Campania 278 Emilia Romagna 54 Lazio 118 Liguria 16 Lombardia 88 Marche 35 Molise 11 Piemonte 47 Puglia 136 Sardegna 48 Sicilia 246 Toscana 82

Dettagli

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 22 dicembre #economia Rassegna stampa TG3 RAI FVG 20dic2015 Messaggero Veneto 20dic2015 Il Piccolo 20dic2015 Gazzettino 20dic2015 La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 Nell ultimo decennio

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

ISTRUZIONE CAMPUS CELSIUS

ISTRUZIONE CAMPUS CELSIUS ISTRUZIONE La Provincia di Lucca ha organizzato un sistema integrato per il diritto all apprendimento e al lavoro coordinando in un unico Dipartimento Servizi ai Cittadini tutte le sue competenze in materia

Dettagli

Scuola Secondaria I grado

Scuola Secondaria I grado Scuola Secondaria I grado Definizione della disponibilità per TFA e corsi di laurea magistrali per il prossimo anno accademico La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio per i prossimi

Dettagli

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE 7ISTRUZIONE E FORMAZIONE Nell anno scolastico 2012/2013 gli studenti iscritti nelle scuole di diverso grado e ordine sono quasi nove milioni, circa 17.500 in meno rispetto al precedente anno. Gli alunni

Dettagli

Volontariato, mediazione culturale, scuole e università in carcere

Volontariato, mediazione culturale, scuole e università in carcere Volontariato, mediazione culturale, scuole e università in carcere Elaborazione del Centro Studi di Ristretti Orizzonti, basata sull articolo I numeri del trattamento, di Antonella Barone, in Le Due Città

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA Servizio sociale dei Comuni dell Ambito Distrettuale 6.1 Sacile MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO MINORI ANNO 2013/2014 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE SULLE POLITICHE SOCIALI DELLA

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Cod. ISTAT INT 00051 AREA: Ambiente e territorio Settore di interesse: Ambiente Servizi di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi svolti dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Titolare: Dipartimento

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale Cagliari, 1 febbraio 2006 Iscritti all università per regione Anno 2004 - tasso di iscritti all università per regione di residenza

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

alunni con cittadinanza non italiana

alunni con cittadinanza non italiana Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale per i Sistemi Informativi Direzione Generale Studi e Programmazione con cittadinanza non italiana scuole statali e non statali anno scolastico /7

Dettagli

Gennaio-Novembre 2018

Gennaio-Novembre 2018 1 - TOT CONSISTENZA RICETTIVA E RILEVATI NEGLI ESERCIZI RICETTIVI Gennaio-Novembre 2018 EXTR 528 4398 4926 28617 65025 93642 14456 22060 36516 15090 22403 37493 8785278 18138949 26924227 Lazio 912 196.079

Dettagli

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015

4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità 4 RAPPORTO SULLA COESIONE SOCIALE NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Anno 2015 Provincia di Reggio Emilia 1 4. IL SISTEMA FORMATIVO 2 Gli studenti iscritti

Dettagli

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Sono disponibili sul sito internet del SIAN i dati di vendita dei prodotti fitosanitari relativi alle dichiarazioni

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

QUADRO RIEPILOGATIVO SULLA REGOLAMENTAZIONER REGIONALE DELL APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO

QUADRO RIEPILOGATIVO SULLA REGOLAMENTAZIONER REGIONALE DELL APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO REGIONI REGOLAMENTAZIONE ORE E MODALITA APPRENDISTATO APPRENDISTATO Lazio no Valle D Aosta no Friuli Venezia Giulia si 500 ore annue per tre anni per apprendisti fra i 15 e 18 anni 400 ore annue per tre

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270)

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEZIONE DI PISA S.S. dell Abetone e del Brennero, 4 56123 PISA Responsabile: dott. Riccardo Forletta email:

Dettagli

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA 5 ISTRUZIONE In questo capitolo sono presentati i dati sull istruzione scolastica ed universitaria, i dati provengono dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, che ora accorpa il

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità nel sistema nazionale di istruzione. Anticipazione dei dati A.S. 2010/2011

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità nel sistema nazionale di istruzione. Anticipazione dei dati A.S. 2010/2011 Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione L integrazione scolastica degli alunni con

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI. Risultati della ricerca. Milano, 21 marzo 2006. Indagine effettuata per Venditalia a cura di:

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI. Risultati della ricerca. Milano, 21 marzo 2006. Indagine effettuata per Venditalia a cura di: UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI Risultati della ricerca Milano, 21 marzo 2006 Indagine effettuata per Venditalia a cura di: Stefania Farneti Direttore di ricerca METODOLOGIA E CAMPIONE Come premesso,

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ministero del e della Previdenza Sociale Partenza Roma, 27/11/2007 Prot. 13/II/0027825 Ministero del e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE DEL MERCATO DEL LAVORO Alle Direzioni Regionali e Provinciali

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli