COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì-Cesena Via Marino Moretti, 5 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì-Cesena Via Marino Moretti, 5 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì-Cesena Via Marino Moretti, 5 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

2 I N D I C E ARTICOLO I Disposizioni generali ARTICOLO II Pubblicità del ritrovamento ARTICOLO III Restituzione dei documenti ARTICOLO IV Restituzione degli oggetti al proprietario ARTICOLO V Richiesta da parte del ritrovatore del premio di legge ARTICOLO VI Acquisto della proprietà delle cose da parte del ritrovatore ARTICOLO VII Acquisto della proprietà da parte del Comune ARTICOLO VIII Disposizioni finali 2

3 ARTICOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI 1. Nell ambito del settore Affari Generali Ufficio U.R.P. opera il servizio Oggetti Rinvenuti, con il compito di svolgere le funzioni che il Codice Civile Libro III sez. I artt. 927 e seguenti, attribuisce al Sindaco in materia di cose mobili ritrovate. 2. Ogni oggetto che viene ritrovato e consegnato all U.R.P. da personale della Polizia Municipale o delle forze di polizia dello Stato, da operatori dei soggetti gestori di servizi pubblici, o altri Enti, deve essere accompagnato da un verbale di consegna ( allegato A) contenente la descrizione dell oggetto, le circostanze del ritrovamento e, se conosciuti, i dati del ritrovatore; l Ufficio provvede alla verifica della rispondenza degli oggetti trasmessi e descritti nel verbale di consegna e contestualmente rilascia ricevuta di consegna. 3. Se la consegna è effettuata da un cittadino presso l URP ovvero presso la Polizia Municipale, sarà uno di questi uffici a redigere un verbale del quale rilascerà copia al ritrovatore. 4. L operatore dell ufficio ricevente verifica sempre il contenuto dell oggetto depositato, procedendo ove occorra, anche all apertura di oggetti chiusi a chiave come borse e valigie. Tale operazione è obbligatoria, al fine di evitare il deposito presso il competente Ufficio dell Amministrazione Comunale di sostanze pericolose, nocive o deteriorabili. 5. Il denaro, gli oggetti preziosi o di valore verranno custoditi in apposita cassaforte ed affidati temporaneamente all Ufficio Ragioneria. 6. I materiali deperibili contenuti in zaini, borsoni, valigie e simili che potrebbero procurare problemi di carattere igienico sanitario, verranno distrutti e di ciò verrà redatto apposito verbale. 7. Qualora all URP pervengano sostanze sospette, nocive o pericolose, verrà inviata tempestiva comunicazione all Autorità competente. 8. Il Comune non risponde di eventuali danni o irregolarità che si possono verificare quando la restituzione degli oggetti è effettuata da altri Enti o Organi. ARTICOLO II - PUBBLICITA' DEL RITROVAMENTO 1. La forma di pubblicazione del ritrovamento degli oggetti è regolata dall articolo 928 del C.C. Ai fini della custodia, i beni ritrovati non recanti alcuna indicazione del proprietario, vengono trasmessi dall U.R.P alla fine di ogni trimestre con i relativi verbali - all Ufficio Economato il quale provvederà a stilare apposito elenco descrittivo che verrà affisso all albo pretorio del comune e pubblicato sul sito internet dell Amministrazione Comunale. L Ufficio economato provvederà altresì a trasmettere tale elenco al comando dei Carabinieri e di Polizia Municipale, ai fini del confronto con le denunce di smarrimento o furto a questi pervenute. La pubblicazione viene effettuata trimestralmente. ARTICOLO III - RESTITUZIONE DOCUMENTI 1. L URP provvederà direttamente a rintracciare la persona residente nel Comune di Cesenatico 3

4 a cui appartiene il documento di identificazione personale ritrovato per la restituzione: carte d'identità, patenti di guida, libretti di circolazione, tessere sanitarie, tessere universitarie, passaporti, blocchetti di assegni di C/C, tessere bancomat, libretti di risparmio, tessere di identificazione rilasciate da ditte o Pubbliche Amministrazioni ai propri dipendenti, abbonamenti a trasporti pubblici, tessere varie ed altri documenti aventi valore certificativo. 2. Per le persone residenti altrove, i documenti vengono inviati direttamente all interessato, salvo che non sia noto l indirizzo, nel qual caso il documento viene trasmesso al Comune di residenza, se noto, ovvero all ente emittente. 3. I documenti di identificazione personale appartenenti a persone residenti all estero verranno inviati ai relativi Consolati o Ambasciate. 4. La notizia del ritrovamento e della restituzione di documenti per i quali è stata presentata denuncia di smarrimento e/o di furto sarà data al Comando Polizia Municipale di Cesenatico per l aggiornamento della banca dati SDI. ARTICOLO IV - RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI AL PROPRIETARIO 1. L Ufficio competente, URP o Economato, prima di procedere alla consegna dell oggetto rinvenuto, accerta che la persona che si presenta per il ritiro sia il legittimo proprietario o un suo legale rappresentante o persona delegata al ritiro. 2. Chi si dichiara proprietario del bene rinvenuto ha l onere di fornire la descrizione particolareggiata del medesimo ed esibire l eventuale denuncia di smarrimento o di furto presentata alle competenti autorità di Pubblica Sicurezza. 3. L Ufficio annota, sul verbale di consegna, le generalità, il recapito e gli estremi del documento di identificazione della persona cui è stato consegnato il bene. Inoltre informa l interessato dell'opportunità di dare notizia, del ritrovamento, alle autorità competenti presso le quali era stata presentata la denuncia del furto o di smarrimento. 4. Gli oggetti custoditi non possono essere mostrati fatta eccezione per quegli oggetti usati e privi di valore commerciale che possono avere valore o significato solo per il legittimo proprietario come: occhiali da vista, mazzi di chiavi, indumenti, scarpe, teli da mare, medicinali, ricette, referti medici, diari, fotografie, giocattoli, materiale di puericultura e cose simili. ARTICOLO V - RICHIESTA DA PARTE DEL RITROVATORE DEL PREMIO DI LEGGE 1. A norma dell articolo 930 del C.C., spetta al ritrovatore, qualora questi ne faccia richiesta, un premio pari ad un decimo della somma o del prezzo della cosa ritrovata; se tale somma o prezzo eccede. 5,16 il premio sarà pari, per la parte che eccede. 5.16, ad un ventesimo. 2. Il proprietario, ai sensi dell art. 930 del C.C., deve provvedere sotto la propria responsabilità, a pagare al ritrovatore, la somma prevista per Legge a titolo di premio. 4

5 3. Le disposizioni relative all'acquisto della proprietà da parte del ritrovatore, e quelle relative al premio dovuto al medesimo, non si applicano ai Pubblici Ufficiali, agli incaricati di Pubblico servizio, ai dipendenti per cose trovate durante l'esercizio delle loro funzioni o attività pubbliche, nonché ai conducenti di veicoli in servizio pubblico per le cose trovate all'interno delle vetture. ARTICOLO VI - ACQUISTO DELLA PROPRIETA' DELLE COSE DA PARTE DEL RITROVATORE 1. Trascorso un anno dall'ultimo giorno della pubblicazione all'albo Pretorio del Comune senza che alcuno si sia presentato a richiedere la restituzione dell'oggetto, quest'ultimo sarà messo a disposizione del ritrovatore, che lo potrà ritirare entro 60 giorni dalla data predetta. 2. La restituzione da parte dell Ufficio Economato avverrà con le modalità di cui al precedente articolo 4. ARTICOLO VII - ACQUISTO DELLA PROPRIETA' DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE 1. Il Comune diviene proprietario degli oggetti o del loro prezzo, qualora le circostanze ne abbiano richiesto la vendita, quando siano trascorsi i termini previsti dall articolo precedente senza che il ritrovatore abbia ritirato l oggetto. 2. Per gli oggetti divenuti di proprietà comunale, l Ufficio economato provvederà : a) a consegnare ad associazioni di beneficenza (iscritti all'albo provinciale del volontariato) che ne abbiano fatta preventiva richiesta; b) ad alienare nelle forme e nei modi ritenuti più opportuni da parte del Dirigente dei Servizi Finanziari con proprie Determinazioni, anche sulla base del valore stimato, di quegli oggetti ai quali venga attribuito un valore, con versamento dei proventi al Tesoriere Comunale; c) A distruggere gli oggetti privi di valore commerciale (borse, valige, buste con indumenti, vestiario, effetti personali). ARTICOLO VIII - DISPOSIZIONI FINALI 1. Le disposizioni del presente regolamento non si applicano alle cose in stato di abbandono (Codice Civile Libro III della Proprietà Titolo II della proprietà Capo III dei modi di acquisto della proprietà Sezione I dell occupazione e dell invenzione Art. 923) ; alle armi, munizioni o esplosivi; ai veicoli a motore con targa o muniti di altro sistema di registrazione che ne consenta di individuare il proprietario. 2. Il presente regolamento entra in vigore il primo giorno del mese successivo alla data dall intervenuta esecutività della deliberazione approvativa. 5

6 NOTE Si riporta il testo degli artt del Codice civile relativi alle cose smarrite: Articolo 927 C.C. - Cose ritrovate Chi trova una cosa mobile deve restituirla al proprietario e se non la conosce, consegnarla senza ritardo al sindaco del luogo in cui l'ha trovata, indicando le circostanze del ritrovamento. Articolo 928 C.C. - Pubblicazione del ritrovamento Il sindaco rende nota la consegna per mezzo di pubblicazione nell'albo pretorio del comune, da farsi per due domeniche successive e da restare affissa per tre giorni ogni volta. Articolo 929 C.C. - Acquisto di proprietà della cosa trovata Trascorso un anno dall'ultimo giorno della pubblicazione senza che si presenti il proprietario, la cosa oppure il suo prezzo, se le circostanze ne hanno richiesto la vendita, appartiene a chi l'ha trovata. Così il proprietario come il ritrovatore, riprendendo la cosa o ricevendo il suo prezzo, devono pagare le spese occorse. Articolo 930 C.C. - Premio dovuto al ritrovatore Il proprietario deve pagare a titolo di premio al ritrovatore, se questi lo richiede, il decimo della somma o del prezzo della cosa ritrovata. Se tale somma o prezzo eccede. 5, il premio per il sovrappiù è solo del ventesimo. Se la cosa non ha valore commerciale, la misura del premio è fissata dal giudice secondo il suo prudente apprezzamento. 6

7 (allegato A) COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì-Cesena Via Marino Moretti, 5 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO FAX 0547/79257 NUMERO VERDE VERBALE RINVENIMENTO N. IN TRIPLICE COPIA:1 ALL INTERESSATO,1 ALL ECONOMATO, 1 ALL URP L anno il giorno del mese di presso l U.R.P. il / la sottoscritto/sottoscritta sig. /ra residente a in Via Tel. dichiara di avere rinvenuto il giorno alle ore in i seguenti beni Che vengono depositati presso l ufficio URP per gli adempimenti di competenza. Il sottoscritto depositante dichiara di essere a conoscenza che potrà chiedere la restituzione di quanto depositato entro i 60 giorni successivi ad un anno dall ultimo giorno di pubblicazione all albo pretorio del Comune e che, dopo tale termine, quanto depositato verrà acquisito a patrimonio comunale. Il verbalizzante Il depositante NOTA Per ottenerla restituzione è necessario contattare l Ufficio Economato al numero di telefono

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì-Cesena Piazza II Risorgimento, 6 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì-Cesena Piazza II Risorgimento, 6 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì-Cesena Piazza II Risorgimento, 6 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE I N D I C E ARTICOLO I Disposizioni generali ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 112 del 30 se embre 2013 "REGOLAMENTO"PER"LA"GESTIONE"DEGLI"OGGETTI"RINVENUTI"NEL"TERRITORIO"COMUNALE"

Dettagli

COMUNE DI. Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI

COMUNE DI. Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI CHIUSA COMUNE DI SCLAFANI Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI Allegato alla Deliberazione di G.C. n. 20 del 20/02/2013 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI. APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002

REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI. APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002 REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI 2002 APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002 REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 L Ufficio Oggetti Rinvenuti, ha

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 in ata 26 Aprile 2006. La deliberazione ed il regolamento

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del C.C. n. 84 del 8.9.2005 INDICE DISPOSIZIONI GENERALI PUBBLICITA DEL RITROVAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del C.C. n. 9 dell 8/2/2005 In vigore dal 10 marzo 2005 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.3 del 19.03.2012 COMUNE DI OLGIATE OLONA Provincia di Varese REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le funzioni che il Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Nell ambito del Servizio Programmazione Acquisti del Comune di Trieste

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.42 del 16/09/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE 1 Indice Art. 1 Oggetto

Dettagli

dovranno essere trascritte, altresì, le successive operazioni relative all oggetto ritrovato.

dovranno essere trascritte, altresì, le successive operazioni relative all oggetto ritrovato. ARTICOLO 1 Nell ambito del Settore VII Polizia Municipale presso gli Uffici del Comando di Polizia Municipale, opera l ufficio Oggetti Rinvenuti, con il compito di ricevere, e custodire tutte le cose mobili

Dettagli

COMUNE DI BELLUNO. Regolamento. per la gestione. degli oggetti rinvenuti

COMUNE DI BELLUNO. Regolamento. per la gestione. degli oggetti rinvenuti COMUNE DI BELLUNO Regolamento per la gestione degli oggetti rinvenuti Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 73 del 29/11/2004 DISPOSIZIONI GENERALI - premessa - Nell ambito del Settore Bilancio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI"

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI COMUNE DI MEZZAGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI" Approvato con delibera di C.C. nr. 18 del 09-06-2015 INDICE art.1 DISPOSIZIONI GENERALI art. 2 CONSEGNA DEL BENE art.3

Dettagli

Comune di Avigliana. Regolamento

Comune di Avigliana. Regolamento Comune di Avigliana Provincia di Torino Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale. Approvato dal Consiglio Comunale in data 17/10/2013 con deliberazione n. 65 1

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI E BENI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI E BENI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI E BENI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 28 del 3 aprile 2006 1 INDICE Art. 1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE n. 32 REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Allegato sub-b alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 30/6/2003 Art.1 Obblighi per il ritrovatore di cosa

Dettagli

REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI

REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE NUCLEO POLIZIA AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Art. 2: Art. 3: Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI SMARRITI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI SMARRITI COMUNE DI QUINTO VICENTINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI SMARRITI 1 DISPOSIZIONI GENERALI Titolo primo Articolo 1 1. Nell ambito del Servizio Patrimonio ed alle sue dipendenze opera

Dettagli

Beni ed Oggetti Rinvenuti

Beni ed Oggetti Rinvenuti COMUNE DI CUTIGLIANO Provincia di Pistoia ******************************************************************************** Regolamento del Servizio Beni ed Oggetti Rinvenuti Approvato con Delibera del

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE ALLEGATO AL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 10 del

Dettagli

COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SORESINA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.56 del 6.11.2014 INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale

Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale Regolamento per la gestione degli oggetti e beni rinvenuti nel territorio comunale Spesso nei magazzini comunali vengono depositati beni mobili smarriti o ritrovati per i quali procedere alla catalogazione

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 65 del 27 novembre 2013 In vigore dall'1 gennaio 2014

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso NORME PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 66/1982) Art. 1 OBBLIGHI PER CHI RITROVA

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI OGGETTI RITROVATI

REGOLAMENTO DEGLI OGGETTI RITROVATI = COMUNE DI FORLI = REGOLAMENTO DEGLI OGGETTI RITROVATI approvato con delibera della G.C. n. 395 del 9/12/2009 - collegato al Codice III DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Riferimenti normativi 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE. Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE. Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LE COSE RITROVATE Art. 1 Obblighi per chi trova una cosa mobile A mente dell'art. 927 del C.C., chiunque ritrova una cosa mobile nel territorio del Comune deve restituirla al proprietario.

Dettagli

6/ter REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE MOBILI RITROVATE SUL TERRITORIO COMUNALE CITTÁ DI PINEROLO CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO

6/ter REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE MOBILI RITROVATE SUL TERRITORIO COMUNALE CITTÁ DI PINEROLO CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO 6/ter CITTÁ DI PINEROLO CITTÁ METROPOLITANA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE MOBILI RITROVATE SUL TERRITORIO COMUNALE 1 I N D I CE TITOLO I OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Regolamento oggetti rinvenuti

Regolamento oggetti rinvenuti COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA Provincia di Alessandria Via Berthoud 49 - cap 15069 - p.iva 00211750062 Regolamento oggetti rinvenuti INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento e riferimenti normativi Articolo

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI RINVENUTI

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI RINVENUTI CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 69 del 9 novembre 2009 Indice Art. 1 Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 99 del 13-03-1995 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 244 del 29-10-1998

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO "OGGETTI TROVATI" (Deliberazione del Consiglio comunale n. 140/1571 del 19.7.1991) DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO OGGETTI TROVATI (Deliberazione del Consiglio comunale n. 140/1571 del 19.7.1991) DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO "OGGETTI TROVATI" (Deliberazione del Consiglio comunale n. 140/1571 del 19.7.1991) DISPOSIZIONI GENERALI 1) Nell ambito del Settore Funzionale n. 15 Polizia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CHIANOCCO PROVINCIA DI TORINO CAP 10050 Fr. Roccaforte 1, codice fiscale 01271840017- tel 0122-49734- Fax 0122-643807 www.comune.chianocco.to.it-e-mail:chianocco@ruparpiemonte.it Allegato a Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA IL SINDACO. Per ogni conseguente effetto di legge, ed ai sensi di quanto previsto dal vigente Codice Civile.

COMUNE DI BOLOGNA IL SINDACO. Per ogni conseguente effetto di legge, ed ai sensi di quanto previsto dal vigente Codice Civile. COMUNE DI BOLOGNA IL SINDACO Per ogni conseguente effetto di legge, ed ai sensi di quanto previsto dal vigente Codice Civile. RENDE NOTO Che presso l Ufficio Comunale Oggetti Rinvenuti in Via dell Industria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE. ART. 1 Oggetto del regolamento, ambito di applicazione ed esclusioni 1. Il presente regolamento disciplina le attività dell

Dettagli

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 168 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 168 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 168 in data 28/08/2008 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INTRODUZIONE E L'UTILIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE DIREZIONE INTERDIPARTIMENTALE GARE E CONTRATTI ECONOMATO AREA GESTIONE AMMINISTRATIVA LL.PP. ED ECONOMALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO COMUNALE 1 I N D I C E CAPO

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O della lotteria organizzata dall Associazione La quantità e natura dei premi sono di seguito elencati: Ordine Estrazione Descrizione del premio I biglietti messi in vendita sono al

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI INDICE ART. 1 - FINALITÀ E CONTENUTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - ORGANIZZAZIONE ART. 3 - GESTIONE DEI VEICOLI E RELATIVE RESPONSABILITÀ ART. 4 - USO DEI VEICOLI CON PERSONALE AUTISTA ART. 5 - MODALITÀ DI

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI SEDI DI LUOGHI DI LAVORO COMUNALI

COMUNE DI ALBANELLA REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI SEDI DI LUOGHI DI LAVORO COMUNALI COMUNE DI ALBANELLA REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DEL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI SEDI DI LUOGHI DI LAVORO COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 12 in data 15.07.2005 Articolo 1 Oggetto

Dettagli

a) direttamente ad un centro di raccolta, qualora iscritto all Albo nazionale dei gestori ambientali

a) direttamente ad un centro di raccolta, qualora iscritto all Albo nazionale dei gestori ambientali Servizi alla Comunità Sede Nazionale 00161 Roma Via G. A. Guattani, 13 Tel (06) 441881 Fax (06) 44249515 Email: servizi.comunita@cna.it Sede di Bruxelles Ufficio Europeo ISB 36-38 Rue Joseph II Tel + 322

Dettagli

T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari. PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico.

T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari. PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico. T R I B U N A L E D I C A T A N I A Sezione Sesta civile Ufficio esecuzioni immobiliari PROCEDURE ESECUTIVE IMMOBILIARI Informazioni per il pubblico. 1. Come si viene a conoscenza delle vendite giudiziarie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO DI ECONOMATO C O M U N E D I N E R V I A N O Città Metropolitana di Milano REGOLAMENTO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione n. 48/C.C. del 26.9.2013 e modificato con deliberazioni n. 6/C.C. del 26.2.2015 e n. 40/C.C.

Dettagli

COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI

COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI SETTORE POLIZIA LOCALE E CONTROLLO DEL TERRITORIO COMUNICAZIONE MESSA IN ESERCIZIO ASCENSORI Ogni volta che viene messo in esercizio un ascensore o un montacarichi non destinati ad un servizio pubblico

Dettagli

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 Sommario

Dettagli

COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VICENZA

COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VICENZA COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VICENZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 12/04/2016 (pgn. 48998) 1 I N D I

Dettagli

Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili

Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa 56036 Palaia - Piazza della Repubblica n 56 Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili Approvato con deliberazione

Dettagli

Provincia di Cagliari

Provincia di Cagliari COMUNE DI SERRENTI Provincia di Cagliari Regolamento Per l attribuzione dei vantaggi economici previsti dalle leggi sul diritto allo studio Approvato dal Consiglio Comunale con atto N. 30 dell 11.04.2003

Dettagli

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di Su carta intestata della Pro Loco Al sig. Prefetto della Provincia di Al sig. Sindaco del Comune di Via Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione dei Monopoli di Stato Ufficio Regionale

Dettagli

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELL AREA AFFARI GENERALI E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA N 116 del 24 /05//2010

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELL AREA AFFARI GENERALI E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA N 116 del 24 /05//2010 COMUNE DI CASAVATORE Provincia di Napoli Area Affari Generali Servizio Organi Istituzionali DETERMINA DEL DIRIGENTE DELL AREA AFFARI GENERALI E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA N 116 del 24 /05//2010 ISCRITTA

Dettagli

REGOLAMENTO ECONOMALE

REGOLAMENTO ECONOMALE REGOLAMENTO ECONOMALE INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 L Economo Art. 3 Attribuzioni Art. 4 - Cassa economale Art. 5 Fondi a disposizione dell Economo Art. 6 Pagamenti a mezzo cassa economale

Dettagli

Comune di Milazzo (Provincia di Messina) 1 Dipartimento Affari Generali e Risorse Umane

Comune di Milazzo (Provincia di Messina) 1 Dipartimento Affari Generali e Risorse Umane Comune di Milazzo (Provincia di Messina) 1 Dipartimento Affari Generali e Risorse Umane REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO RELATIVO AGLI ATTI DEPOSITATI PRESSO LA CASA COMUNALE ED AGLI ADEMPIMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DELL 08.04.2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la gestione e l uso

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI SALE E LOCALI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 38 DEL 29 LUGLIO 2002 \\Srv2\Ufficio\REGOLAMENTI E CONVENZIONI\regolamenti per sito\reg. USO

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO.

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. Approvato con Deliberazione di C.C. n. 66. del 07.07.2005

Dettagli

COMUNE di VILLORBA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENI MOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE. (Provincia di Treviso) entrato in vigore il 20 dicembre 2005

COMUNE di VILLORBA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENI MOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE. (Provincia di Treviso) entrato in vigore il 20 dicembre 2005 COMUNE di VILLORBA (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENI MOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE entrato in vigore il 20 dicembre 2005 Approvato con deliberazione di C.C. n 53 del 23.11.2005

Dettagli

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna N.ro chiave consegnata N.ro P.G. del Competenza: URP Classificazione: 06.09 Codificazione: Bike14 SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA

COMUNE DI MARCIANA MARINA COMUNE DI MARCIANA MARINA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIFUNZIONALE (Approvato con delibera C.C. n. 18 del 13.4.1999, modificato con delibera C.C. n. 14 del 15.3.2002 con l introduzione

Dettagli

COMUNE DI PASTORANO. (Provincia di Caserta)

COMUNE DI PASTORANO. (Provincia di Caserta) COMUNE DI PASTORANO (Provincia di Caserta) Via L. Caracciolo n. 6-81050 Pastorano (CE) - Tel.: 0823-879021 - Fax: 0823-879335 - C.F. e P. I.V.A.: 02703380614 Sito internet: http://www.pastorano.gov.it

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI COMUNE DI SPOTORNO Provincia di Savona REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI AGENTI CONTABILI 1 Sommario Art. 1 FINALITA DEL REGOLAMENTO Art. 2 ATTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI Art. 3 INCASSI E VERSAMENTI EFFETTUATI DIRETTAMENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Approvato con delibera n. 7 del 22/11/2006 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE di C.C. n. 3 del 18/03/2008) INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3

Dettagli

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE COMUNE DI ANACAPRI (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE Approvato con delibera di C.C. n. 23 del 21.04.2010 Art. 1 - Esercizio di noleggio

Dettagli

RICHIESTA ATTI DI INCIDENTE STRADALE

RICHIESTA ATTI DI INCIDENTE STRADALE COMANDO POLIZIA LOCALE SEZIONE TRAFFICO E CIRCOLAZIONE Corso Roma 1/5 Isola del Liri (FR) Telefono 0776808048 - Fax 0776800031 e.mail poliziamunicipale@comune.isoladelliri.fr.it Ufficiale responsabile

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia

Città di Portogruaro Provincia di Venezia Città di Portogruaro Provincia di Venezia Prot. n. 0034737 BANDO DI ASTA PUBBLICA PER LA VENDITA DI N. 1 ALLOGGIO SFITTO SITO IN LOC. LUGUGNANA VIA MARMOLADA CIV. 4 EX PROPRIETA DELLO STATO CEDUTO AL COMUNE.-

Dettagli

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA VISTO l art. 163 del D. Lgs. 31.03.1998 n 112 sul trasferimento di funzioni e compiti di Polizia Amministrativa

Dettagli

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese)

CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese) CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO (Provincia di Varese) SETTORE: Settore VIII Strategie Territoriali OO.PP. Infrastrutture UFFICIO: TUTELA AMBIENTALE Oggetto: Assegnazione di contributi per l installazione sulle

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

COMUNE DI PALAIA. Eccezionalmente l uso può essere concesso per manifestazioni che si tengono al di fuori del territorio comunale.

COMUNE DI PALAIA. Eccezionalmente l uso può essere concesso per manifestazioni che si tengono al di fuori del territorio comunale. COMUNE DI PALAIA DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DI ATTREZZATURE COMUNALI (SEDIE E TAVOLI) PER L ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI INDICE Art. 1 Oggetto. Art. 2 Modalità di concessione

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 105 DATA 10.12.2013 OGGETTO: Adozione dei cani randagi accalappiati nel Comune

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera del Consiglio Comunale del 10/07/2006 n. 15/41098 1 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 3 ART.

Dettagli

CONDIZIONI DELLA VENDITA La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano; la vendita è a corpo e non a misura, formula

CONDIZIONI DELLA VENDITA La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano; la vendita è a corpo e non a misura, formula CONDIZIONI DELLA VENDITA La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano; la vendita è a corpo e non a misura, formula visto e piaciuto, trasporto a carico dell acquirente.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB

COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COPIA WEB COMUNE DI TAVERNOLA BERGAMASCA ROVINCIA DI BERGAMO Codice ente 10215 DELIBERAZIONE N. 35 in data: 18.05.2015 Soggetta invio in elenco ai Capigruppo Consiliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA DI BELICE

COMUNE DI SANTA MARGHERITA DI BELICE UFFICIO SEGRETERIA REGISTRO GENERALE N._ 330 DEL 12 MAG. 2014 _ COMUNE DI SANTA MARGHERITA DI BELICE =================================================== SETTORE AFFARI GENERALI DETERMINA DIRIGENZIALE N.

Dettagli

Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche

Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 120 del 27/06/2013 INDICE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Art. 2 Gestione del servizio

Dettagli

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale

Provincia di Napoli. Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Città di Giugliano incampania Provincia di Napoli Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale ed Ispettore Volontario Ambientale Approvato con Delibera del Commissario Straordinario

Dettagli

C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE

C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE C.C. N.14 del 23.07.2009: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI. CONSIGLIO COMUNALE Premesso che l art. 7 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i, dispone che nel rispetto dei principi fissati

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI)

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI) REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA (cd. TESTAMENTI BIOLOGICI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27.. del 4 maggio 2015 INDICE

Dettagli

C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 33

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 2009) Art. 1 - Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme disciplinano

Dettagli

COMUNE DI GAGLIANO DEL CAPO

COMUNE DI GAGLIANO DEL CAPO COMUNE DI GAGLIANO DEL CAPO MODULO DI RICHIESTA DELLA CHIAVE CODIFICATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA DI GAGLIANO DEL CAPO, DENOMINATO "BY BIKE".

Dettagli

VERBALE DI ACCESSO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO

VERBALE DI ACCESSO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO VERBALE DI ACCESSO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO L 'anno, il giorno del mese di.., alle ore, io sottoscritto, nominato custode giudiziario nella procedura esecutiva n. R. G. Es. del Tribunale di, promossa da

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 73 di Reg. Data 10/8/2015 OGGETTO: Gestione sinistri stradali. Integrazione deliberazione Giunta Comunale n. 64 del 25.6.2015.

Dettagli

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Titolo I - Albo Pretorio Informatico 1. Albo Pretorio L Albo Pretorio on line

Dettagli

COMUNE DI GENGA PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI GENGA PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI GENGA PROVINCIA DI ANCONA Approvato con atto di C.C. m. 48 del 29.11.2012 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI INDICE Art.1 - Oggetto e finalità del regolamento Art.2

Dettagli

PROCEDURE CONVENZIONE CARD

PROCEDURE CONVENZIONE CARD Smart company PROCEDURE CONVENZIONE CARD LA CONVENZIONE CARD La Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto (CARD), prevede, per la parte di nostro interesse, due tipologie di sinistri e precisamente:

Dettagli

Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona. Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla. aderente a:

Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona. Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla. aderente a: Associazione della Proprietà Edilizia della Provincia di Savona Sindacato Inquilini Casa e Territorio aderente alla aderente a:! 1 CONTRATTO TIPO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE TURISTICO E PER USO VACANZA Ai

Dettagli

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione

Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Procedura per il rilascio della Carta di Attivazione Per il funzionamento di un sistema di emissione dei titoli di accesso e per la generazione del sigillo fiscale è necessario richiedere il rilascio all

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

CITTA' DI ALCAMO ************

CITTA' DI ALCAMO ************ ALLEGATO B CITTA' DI ALCAMO PROVINCIA DI TRAPANI ************ REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELL AUTOPARCO (allegato alla delibera di C.C. n. 92 del 21/7/2011) Art. 1 Principi generali

Dettagli

COMUNE DI CUTRO Provincia di Crotone Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche

COMUNE DI CUTRO Provincia di Crotone Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche COMUNE DI CUTRO Provincia di Crotone Regolamento per l organizzazione del Servizio Notifiche Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. del INDICE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Art.

Dettagli