AVVISO PUBBLICO. Reindustrializzazione del Sito Produttivo Inattivo ex Lucania Metalli srl Comune di Melfi (PZ) ALLEGATO A REGIONE BASILICATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO. Reindustrializzazione del Sito Produttivo Inattivo ex Lucania Metalli srl Comune di Melfi (PZ) ALLEGATO A REGIONE BASILICATA"

Transcript

1 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE, POLITICHE DELL IMPRESA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO Reindustrializzazione del Sito Produttivo Inattivo ex Lucania Metalli srl Comune di Melfi (PZ) 1

2 ART.1 Obiettivi 1. Il presente Avviso Pubblico mira a promuovere la realizzazione di Piani di Reindustrializzazione e di salvaguardia dei Livelli Occupazionali del Sito Produttivo Inattivo ex Lucania metalli, ubicato nel comune di Melfi (PZ). ART.2 Soggetti beneficiari 1. Possono presentare Manifestazione di Interesse per la realizzazione di Piani di Reindustrializzazione le imprese, operanti nei settori di attività compresi nelle Sezioni C, D e E del Codice ATECO 2007, in possesso dei requisiti definiti all art.2 delle DIRETTIVE approvate con la DGR. n. 87 del 29/01/2013 (allegato 1 al presente Avviso Pubblico); 2. Ai fini del presente Avviso non sono concedibili aiuti nei seguenti settori in quanto esclusi ai sensi dell art.1 del Regolamento (CE) 800/2008: Attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli di cui all Allegato I del Trattato CE, in coerenza con l articolo 2, paragrafi 2, 3 e 4, del Regolamento (CE) 1857/2006 se: - Se l importo dell aiuto è fissato sulla base del prezzo o della quantità di tali prodotti acquistati da produttori primari o immessi sul mercato dalle imprese in questione; - Se l aiuto è subordinato al fatto di venire parzialmente trasferito a produttori primari. Settore dell industria carboniera. Settore dell industria siderurgica. Settore della costruzione navale. Settore delle fibre sintetiche. Aiuti ad attività connesse all esportazione, vale a dire gli aiuti direttamente connessi ai quantitativi esportati, alla costituzione e alla gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse all attività d esportazione. Aiuti condizionati all impiego di prodotti interni rispetto ai prodotti d importazione ART.3 Attività e spese ammissibili 1. Sono ammissibili alle agevolazioni di cui al presente Avviso Pubblico i Piani di Reindustrializzazione volti alla realizzazione di interventi di ristrutturazione, eventuale ampliamento dello stabilimento industriale esistente o alla realizzazione di Piani di industrializzazione fuori sito di Salvaguardia dei livelli Occupazionali (rif. art. 17 della Legge Regionale 28 dicembre 2007, n. 28 come modificato dalla Legge Regionale 9 agosto 2012, n. 19); 2

3 2. Sono ammissibili alle agevolazioni del presente Avviso Pubblico le attività e le spese definite all art. 9 delle DIRETTIVE (allegato 1). ART.4 Manifestazione di Interesse 1. La Manifestazione di Interesse deve essere redatta utilizzando l'apposita modulistica di cui agli Allegati 2 e 3 al presente Avviso Pubblico. Gli allegati sono disponili in formato word sul sito ufficiale della regione Basilicata 2. Le istanze dovranno pervenire, pena esclusione, entro le ore 12,00 del sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del presente Avviso Pubblico sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata al protocollo del Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell Impresa, Innovazione Tecnologica della Regione Basilicata - Via Vincenzo Verrastro n POTENZA. 3. Le Manifestazioni di Interesse devono essere contenute in plico chiuso sul quale dovrà essere apposta, oltre all indicazione del mittente, la dicitura: NON APRIRE Piano di Reindustrializzazione sito Produttivo Inattivo ex Lucania metalli srl, ubicato nel comune di Melfi (PZ). 4. La presentazione della Manifestazione di interesse non costituisce vincolo per l Amministrazione Regionale che si riserva, per motivi connessi a sopravvenuti interessi pubblici prevalenti ed alla totale disponibilità di risorse finanziarie, di non addivenire alla attivazione della procedura negoziale di cui all art. 6 delle DIRETTIVE e di procedere alla conseguente revoca del presente Avviso. ART.5 Documentazione 1. La Manifestazione di Interesse deve contenere una descrizione del Piano di Reindustrializzazione comprensiva del progetto di investimento. 2. Il progetto di investimento deve essere composto dagli elementi previsti all art. 3 comma 1 lett. C) punti 1 e 2 delle DIRETTIVE (allegato 1). 3. Gli elementi informativi minimi del Progetto degli Investimenti Produttivi (art. 3 comma 1 lett. C, punto 1 delle DIRETTIVE), utili alla descrizione dello stesso, sono i seguenti: dimensione dell impresa proponente; descrizione degli interventi che si intendono realizzare in forma dettagliata per singola voce di spesa; descrizione del ciclo produttivo e dei prodotti; ammontare dell investimento complessivo, con l indicazione dell importo delle spese ammissibili alle agevolazioni; 3

4 forma delle agevolazioni (conto capitale o conto interessi o forma mista conto capitale/conto interessi) a cui si intende accedere; descrizione dettagliata del Piano economico e finanziario con particolare riferimento all apporto dei mezzi propri e dell intermediario finanziario. 4. Gli elementi informativi minimi del Progetto dei livelli occupazioni (art. 3 comma 1 lett. C punto 2 delle DIRETTIVE), oltre a quelli già previsti al medesimo articolo delle DIRETTIVE deve contenere una descrizione dettagliata del Piano Occupazionale che deve obbligatoriamente prevedere: - la ricollocazione di un numero minimo di 23 unità lavorative già impegnate nella precedente attività in caso di piani reindustrializzazione relativi allo stesso sito; - la ricollocazione di un numero minimo di 28 unità lavorative già impegnate nella precedente attività in caso di piani di industrializzazione fuori sito 5. La Manifestazione di Interesse deve essere corredata della Scheda Tecnica (allegato 3) e della seguente documentazione: copia degli ultimi due bilanci (per le società costituite) o, per le ditte individuali (già attive) dichiarazione dei redditi o, copia della situazione patrimoniale iniziale, per le imprese di nuova costituzione o non ancora costituite; copia aggiornata del libro soci (per le Società costituite) dichiarazione attestante la futura compagine societaria per le società non ancora costituite; dichiarazioni del possesso dei requisiti di cui all art. 2 delle Direttive (allegato 1) dichiarazione di impegno a costituirsi nel rispetto di quanto previsto al all art. 2 delle Direttive (per le imprese non ancora costituite). 6. Tutta la documentazione prodotta in originale o copia conforme all originale deve essere vidimata dal legale rappresentante dell impresa (dal futuro legale rappresentante dell impresa non ancora costituita). 7. Alla Manifestazione di Interesse può essere allegata ogni altra documentazione tecnica, amministrativa e finanziaria ritenuta utile ai fini della valutazione. ART.6 Modalità e criteri di valutazione delle Manifestazioni di Interesse 1. Le Manifestazioni di Interesse sono valutate dalla Struttura di Valutazione di cui all art. 4 comma 3 delle DIRETTIVE (allegato 1), sulla base dei criteri di cui al successivo punto 2, già stabiliti all art. 4 comma 1 delle medesime DIRETTIVE; 2. Il punteggio complessivo massimo attribuibile al piano di reindustrializzazione candidato sulla manifestazione di interesse de quo è pari ad un massimo di punti 100 e ripartiti sulla base dei criteri di cui al punto 1 come di seguito: 4

5 - dimensione, solidità e credibilità del soggetto imprenditoriale proponente, max punti 30; - occupazione attivata dalla iniziativa industriale in termini quantitativi e qualitativi, max punti 25; - cantierabilità e tempi di realizzazione, max punti 15; - iniziative industriali che presentano elementi di: innovazione tecnologica; salvaguardia ambientale; risparmio energetico, processo di produzioni di qualità, max punti 20; - capacità di stimolare la nascita di attività indotte, max punti Il Dirigente Generale del Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell Impresa, Innovazione Tecnologica nomina la Struttura di Valutazione di cui all art. 4 comma 3 delle Direttive (allegato 1). 4. La Struttura di Valutazione deve concludere le procedure di istruttoria e conseguentemente redigere la graduatoria di merito delle Manifestazioni di Interesse pervenute entro e non oltre 60 giorni dal suo insediamento. L apertura dei plichi è fissata entro il 30 giorno successivo a quello di scadenza del presente Avviso Pubblico. 5. La graduatoria di merito delle Manifestazioni d Interesse è approvata dalla Giunta Regionale. ART. 7 Contributo Massimo Concedibile 1. Il contributo massimo concedibile per l investimento è determinato in Euro milioni. ART. 8 Informazioni sul Procedimento e sul trattamento dei dati Personali 3. I dati forniti dalle imprese all Amministrazione Regionale saranno oggetto di trattamento esclusivamente per le finalità del presente Avviso e per scopi istituzionali. 4. Il trattamento dei dati in questione è presupposto indispensabile per la partecipazione al presente Avviso e per tutte le conseguenti attività. I dati saranno trattati dalla Regione Basilicata per il perseguimento delle sopraindicate finalità in modo lecito e secondo correttezza, nel rispetto del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali, anche con l ausilio di mezzi elettronici e comunque automatizzati. Qualora la Regione debba avvalersi di altri soggetti per l espletamento delle operazioni relative al trattamento, l attività di tali soggetti sarà in ogni caso conforme alle disposizioni di legge vigenti. Per le predette finalità e al fine di monitorare e verificare il raggiungimento degli obiettivi nonché per la realizzazione di analisi e ricerche a fini statistici da parte dell Amministrazione regionale, del Governo Nazionale o da enti da questi individuati, la Regione Basilicata si riserva di comunicare e trasferire i dati personali, che sono oggetto di tutela ai sensi del D. Lgs. n. 196 del 30/06/2003, ai soggetti autorizzati, che li gestiranno quali responsabili del trattamento, esclusivamente per le finalità medesime. 5

6 5. Titolare del trattamento dei dati è la Regione Basilicata - Giunta Regionale, con sede in Via Vincenzo Verrastro n Potenza. 6. Responsabile del trattamento dei dati è l Ufficio Industria ed Attività Manifatturiera del Dipartimento Attività produttive, politiche dell Impresa ed Innovazione Tecnologica. 7. Alle imprese beneficiarie sono riconosciuti i diritti di cui all art. 7 del citato D. Lgs. n. 196/2003, in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi rivolgendo le richieste alla Regione Basilicata. ART. 9 Rinvio 1. Per quanto non previsto dal presente Avviso Pubblico, si applicano le disposizioni previste dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale in materia. 6

MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI DI COMPLETAMENTO DI FILIERA

MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI DI COMPLETAMENTO DI FILIERA ALLEGATO B2 MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI DI COMPLETAMENTO DI FILIERA PROCEDURA VALUTATIVA A SPORTELLO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DELLA FILIERA TURISTICA

Dettagli

ALLEGATO B MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA

ALLEGATO B MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA REGIONE BASILICATA AVVISO PUBBLICO CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO SU UNITA ABITATIVE PRIVATE ALLEGATO B MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA GENERATA DAL SISTEMA

Dettagli

Art.1 SOGGETTI DESTINATARI

Art.1 SOGGETTI DESTINATARI ALL. A AVVISO PUBBLICO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DI OPERATORI DI TELECOMUNICAZIONI PER L UTILIZZO DI RETI E LA FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA ACCESSIBILI AL PUBBLICO SU INFRASTRUTTURE

Dettagli

Modulo di domanda per l attribuzione di un voucher per certificazione QR-Code Campania. Dati identificativi dell impresa

Modulo di domanda per l attribuzione di un voucher per certificazione QR-Code Campania. Dati identificativi dell impresa PAC III DGR 497/2013 Terra dei fuochi Misure anticicliche a salvaguardia dell occupazione azioni a supporto delle imprese agricole ed agroalimentari MISURA B1 CERTIFICAZIONE QR CODE CAMPANIA PROTOCOLLO

Dettagli

Bando Attività di Vicinato

Bando Attività di Vicinato COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo ALLEGATO B alla Delibera di Giunta Comunale P.G. 87807/06 BANDO ATTUATIVO DI CONCESSIONE CONTRIBUTI ANNO

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per la concessione di contributi a sostegno della partecipazione ad iniziative e programmi promozionali di cui alla legge regionale

Dettagli

32 70022 +39 080 3105531 06194250723 C.F. SLVNCL76R18C134X

32 70022 +39 080 3105531 06194250723 C.F. SLVNCL76R18C134X Start Up Settori di intervento Sono ammissibili gli investimenti riguardanti i settori di cui all allegato A del Regolamento. Sono validi i divieti e le limitazioni derivanti dalle vigenti normative dell

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA P.O. FESR Campania 2007-2013 OBIETTIVO OPERATIVO 2.4 CREDITO E FINANZA INNOVATIVA - MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCESSO E ALLA FINANZA PER L IMPRESA PER GLI OPERATORI ECONOMICI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup )

FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup ) FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup ) Aggiornamento al 18 dicembre 2013 CHI PUÒ RICHIEDERE LE AGEVOLAZIONI Chi può partecipare

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell Impresa, Innovazione Tecnologica AVVISO PUBBLICO. Anno 2009

REGIONE BASILICATA. Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell Impresa, Innovazione Tecnologica AVVISO PUBBLICO. Anno 2009 REGIONE BASILICATA Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell Impresa, Innovazione Tecnologica AVVISO PUBBLICO Anno 2009 CONTRIBUTO REGIONALE PER LA RIDUZIONE DEL COSTO DELL ENERGIA PER LE FAMIGLIE

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

ALLEGATO B1 MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI PORTANTI

ALLEGATO B1 MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI PORTANTI ALLEGATO B1 MODELLO DI DOMANDA TELEMATICA PROGETTI PORTANTI PROCEDURA VALUTATIVA A SPORTELLO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LO SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DELLA FILIERA TURISTICA - LINEA D INTERVENTO

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO PROGRAMMA ACCEDO PROGETTO FACILITO DINA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Università degli Studi di Perugia DR n. 2244

Università degli Studi di Perugia DR n. 2244 Università degli Studi di Perugia DR n. 2244 Il Rettore Oggetto: Avviso di selezione per l attribuzione di contributi di mobilità per attività di docenza e ricerca in entrata Visto l Art. 1, comma 4 dello

Dettagli

FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup )

FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup ) FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup ) Aggiornamento al 10 gennaio 2014 CHI PUÒ RICHIEDERE LE AGEVOLAZIONI Chi può presentare domanda

Dettagli

1. PREMESSA. La somma stanziata per l erogazione dei contributi ammonta a 150.000,00 euro ed è così ripartita:

1. PREMESSA. La somma stanziata per l erogazione dei contributi ammonta a 150.000,00 euro ed è così ripartita: Contributi alle MPMI della provincia di Varese per l banda larga (allegato alla determinazione n. 304 del 9 luglio 2014) 1. PREMESSA Nell ambito dell Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI D.A. n.835 del 31.3.2004 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI ISTITUZIONE DEL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 ALLEGATO D AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 Dipartimento Attività Produttive, Politiche

Dettagli

Forum delle Imprese Innovative pugliesi

Forum delle Imprese Innovative pugliesi Forum delle Imprese Innovative pugliesi Bari, 30 novembre 2011 dott. A.Lobello Responsabile Imprese Innovative Il Regolamento Regionale n. 20 del 14/10/2008 Regolamento per aiuti alle piccole imprese innovative

Dettagli

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Comune di UTA Provincia di Cagliari Allegato A alla delibera C.C. n.31 del 04/10/2012 Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Mediterraneo da scoprire

Mediterraneo da scoprire Mediterraneo da scoprire a cura della Divisione Politiche Comunitarie 19 Dicembre 2013 - n. 13/2013 Informativa su bandi e finanziamenti europei e nazionali - BANDI - Invitalia, ripartono i finanziamenti

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI

DOMANDA DI ACCESSO ALLE AGEVOLAZIONI P.O. FESR Campania 2007-2013 OBIETTIVO OPERATIVO 2.4 CREDITO E FINANZA INNOVATIVA - MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCESSO E ALLA FINANZA PER L IMPRESA PER GLI OPERATORI ECONOMICI PRESENTI SUL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 27/02/2016 IL SEGRETARIO COMUNALE QUALE RESPONSABILE

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento ALLEGATO A Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione di progetti per la nuova costruzione, ristrutturazione ed ampliamento delle aree sosta- artt. 3 e 4 l.r. 26/93-.

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA GRAN SASSO

COMUNITÀ MONTANA GRAN SASSO Voucher per MicroNido e Servizi Integrativi Prima Infanzia AVVISO PUBBLICO La Regione Abruzzo, Dipartimento per la Salute e il Welfare, ha emanato un Avviso pubblico per gli Enti d Ambito Sociale ai fini

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

Incubatore Sociale Selezione di n 25 giovani Promotori di innovazione sociale

Incubatore Sociale Selezione di n 25 giovani Promotori di innovazione sociale AVVISO PUBBLICO Incubatore Sociale Selezione di n 25 giovani Promotori di innovazione sociale ART. 1 PREMESSA Nell ambito del Programma Italia Tunisia 2007/ 2013 -Strumento Europeo di Vicinato e Partenariato

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START UP INNOVATIVE Innovation Factory, incubatore certificato di AREA Science Park (di seguito IF ), nel quadro degli interventi volti a

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

L.R. 15/2005 - D.G.R. 500/14 - D.G.R. 522/14 - D.G.R.

L.R. 15/2005 - D.G.R. 500/14 - D.G.R. 522/14 - D.G.R. L.R. 15/2005 - D.G.R. 500/14 - D.G.R. 522/14 - D.G.R. 754/14 Bando per la selezione dei volontari del Servizio Civile Regionale su Garanzia Giovani - anno 2014 (Estratto del bando approvato con decreto

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA BANDO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI GIOVANI, PRESENTATI DA IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA Scadenza 31 dicembre 2012 Partner: Project by: Bando per la selezione di progetti

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL. 1 AL DECRETO N..DEL INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL'ATTIVAZIONE DEL PERCORSO VOLTO ALLA DEFINIZIONE DEGLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO ACCEDO - NIZZA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO ACCEDO-NIZZA 1) DEFINIZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

Città di Campi Salentina

Città di Campi Salentina Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Settore 4. Tecnico e Sviluppo Locale N. 226 del Reg. Data 29/07/2011 N. 790 del Reg. Generale OGGETTO AVVISO

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE NAUTICA DISTRETTI PRODUTTIVI INNOVATIVI

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE NAUTICA DISTRETTI PRODUTTIVI INNOVATIVI Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive MANIFESTAZIONE DI INTERESSE NAUTICA DISTRETTI PRODUTTIVI INNOVATIVI Giugno 2011 1. PREMESSA Accanto agli operatori del comparto produttivo di imbarcazioni,

Dettagli

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954

COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 COMUNE DI SIAMAGGIORE Provincia di Oristano Via San Costantino n. 2 Cap. 09070 Siamaggiore - C.F. 00070940954 Scadenza: ore 13,00 del giorno 18/03/2014 BANDO Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R.

Dettagli

Allegato A. Modello di domanda. DGC n. del DATI DEL RICHIEDENTE: Il/la sottoscritto/a. il residente in Provincia ( ) alla via. C.F. Tel.

Allegato A. Modello di domanda. DGC n. del DATI DEL RICHIEDENTE: Il/la sottoscritto/a. il residente in Provincia ( ) alla via. C.F. Tel. AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI DI INTERVENTI FINALIZZATI A SOSTENERE LE POLITICHE AMBIENTALI TRAMITE RIDUZIONE DEL CONSUMO ENERGETICO E PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI ALTERNATIVE PER

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PER LA RICERCA E LA PROTEZIONE AMBIENTALE

ISTITUTO SUPERIORE PER LA RICERCA E LA PROTEZIONE AMBIENTALE ISTITUTO SUPERIORE PER LA RICERCA E LA PROTEZIONE AMBIENTALE AVVISO DI SELEZIONE N. 39/09 PER N. 5 CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA E indetta una procedura comparativa, per soli titoli,

Dettagli

Progetto Affiancamento nello sviluppo di tematiche specifiche del Portale dell istruzione in Calabria

Progetto Affiancamento nello sviluppo di tematiche specifiche del Portale dell istruzione in Calabria Progetto Affiancamento nello sviluppo di tematiche specifiche del Portale dell istruzione in Calabria POR Calabria FESR 2007/2013 Asse IV Qualità della Vita e Inclusione Sociale AVVISO PUBBLICO PER LA

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO E) BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 2034 giovani da avviare al servizio

Dettagli

I Percorso di formazione e inserimento professionale n. nell ambito del. Corso e avanzato in Applicazioni Web-Mobile ed Internet of

I Percorso di formazione e inserimento professionale n. nell ambito del. Corso e avanzato in Applicazioni Web-Mobile ed Internet of Sardegna Ricerche I Percorso di formazione e inserimento professionale n t nell ambito del Corso e avanzato in Applicazioni Web-Mobile ed Internet of r v PUBBLICO Things Bando Pubblico Bando Pubblico e

Dettagli

Finanziamenti News Opportunità di Sviluppo per gli Enti Locali

Finanziamenti News Opportunità di Sviluppo per gli Enti Locali Finanziamenti News Opportunità di Sviluppo per gli Enti Locali In collaborazione con Rassegna periodica sui bandi e le agevolazioni per la Pubblica Amministrazione Locale ------- Newsletter informativa

Dettagli

Legale rappresentante e relativa qualifica (es. Presidente, Direttore, etc.):

Legale rappresentante e relativa qualifica (es. Presidente, Direttore, etc.): Spett.le Fondazione CARIGE Via D. Chiossone, 10 16123 GENOVA GE (luogo e data) DATI RIGUARDANTI IL RICHIEDENTE: Il richiedente deve coincidere con il soggetto che sostiene gli oneri per l'iniziativa a

Dettagli

TICKET VIADANA SALUTE

TICKET VIADANA SALUTE PROGETTO SPERIMENTALE TICKET VIADANA SALUTE Linee guida per l erogazione di ticket per l acquisto di beni per la salute degli anziani residenti nel Comune di Viadana 1. Premessa Il Consorzio Servizio Pubblico

Dettagli

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO Incentivi per la creazione di nuove imprese Azioni di sostegno allo start-up

Dettagli

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa

21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N.215 21.05.2012 Regione Lazio: incentivi alla creazione d impresa A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

REGIONE DEL VENETO A.R.P.A.V. AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO

REGIONE DEL VENETO A.R.P.A.V. AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO REGIONE DEL VENETO A.R.P.A.V. AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI DOCENTI AI QUALI CONFERIRE INCARICHI DI DOCENZA NELL

Dettagli

COMUNE DI AGNONE (IS)

COMUNE DI AGNONE (IS) UNIONE EUROPEA COMUNE DI AGNONE (IS) AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N 5 BORSE LAVORO PER SVILUPPARE PERCORSI DI INTEGRAZIONE E MIGLIORARE IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI POR

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio

Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Repubblica Italiana Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Disponibile in formato elettronico sul sito: www.regione.lazio.it Legge Regionale n.12 del 13 agosto 2011 Data 22/10/2013 Numero 87 Supplemento

Dettagli

Art. 1 (Finalità e obiettivi)

Art. 1 (Finalità e obiettivi) AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI, SOGGETTI PRIVATI SINGOLI O ASSOCIATI, FONDAZIONI ED ASSOCIAZIONI PER INIZIATIVE ED INTERVENTI IN MATERIA AMBIENTALE L art. 12

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RIVOLTO A DIPLOMATI E LAUREATI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI TIROCINIO FORMATIVO NELLA P.A.

AVVISO PUBBLICO RIVOLTO A DIPLOMATI E LAUREATI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI TIROCINIO FORMATIVO NELLA P.A. 1 AVVISO PUBBLICO RIVOLTO A DIPLOMATI E LAUREATI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI TIROCINIO FORMATIVO NELLA P.A. TRANSIZIONE ALLA VITA ATTIVA - CRESCITA PROFESSIONALE - QUALIFICAZIONE DELL AZIONE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI PSICOLOGI AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER L ASSEGNAZIONE DI 60 BORSE DI STUDIO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI PSICOLOGI AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER L ASSEGNAZIONE DI 60 BORSE DI STUDIO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI PSICOLOGI AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER L ASSEGNAZIONE DI 60 BORSE DI STUDIO Il Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi VISTA la L. 18 febbraio 1989,

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014

Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Allegato alla Delibera di Giunta camerale n. 25 del 17 febbraio 2014 Bando per il sostegno ai processi di brevettazione delle imprese della provincia di Piacenza Premessa La Camera di commercio di Piacenza

Dettagli

AVVISO INDICATIVO PER LA RICERCA DI SOGGETTI PROMOTORI DI PROPOSTE DI. (art. 153 del D. Lgs n. 163/2006)

AVVISO INDICATIVO PER LA RICERCA DI SOGGETTI PROMOTORI DI PROPOSTE DI. (art. 153 del D. Lgs n. 163/2006) AVVISO INDICATIVO PER LA RICERCA DI SOGGETTI PROMOTORI DI PROPOSTE DI FINANZA DI PROGETTO (PROJECT FINANCING) (art. 153 del D. Lgs n. 163/2006) 1. Caratteristiche generali dell intervento. Il Comune di

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato alla Cultura CONCESSIONE AMMINISTRATIVA Repertorio n. 127 del 30 gennaio 2015

REGIONE CALABRIA Assessorato alla Cultura CONCESSIONE AMMINISTRATIVA Repertorio n. 127 del 30 gennaio 2015 REGIONE CALABRIA Assessorato alla Cultura CONCESSIONE AMMINISTRATIVA Repertorio n. 127 del 30 gennaio 2015 TRA La Regione Calabria, in persona del Dirigente generale Dott.ssa Sonia Tallarico, nata a Catanzaro

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia: mission e obiettivi Invitalia è l Agenzia del Governo che ha l obiettivo di contribuire ad accrescere la competitività

Dettagli

REGIONE BASILICATA ALLEGATO D) AVVISO PUBBLICO

REGIONE BASILICATA ALLEGATO D) AVVISO PUBBLICO REGIONE BASILICATA ALLEGATO D) AVVISO PUBBLICO Manifestazione d Interesse per la realizzazione di un Piano di reindustrializzazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali del Sito Produttivo Inattivo

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese ALLEGATO N. 2A Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese DM 7 AGOSTO 2014 Credito d imposta a favore delle imprese sottoscrittrici di accordi di programma volti

Dettagli

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve Il Fondo di Rotazione regionale per il settore

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI:

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI: 1 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI: - ARTE, ATTIVITA E BENI CULTURALI - VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

Dettagli

Centri per l impiego della Provincia di Terni

Centri per l impiego della Provincia di Terni Centri per l impiego della Provincia di Terni AVVISO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI PER FAVORIRE IL POSSESSO DA PARTE DI DONNE IMMIGRATE DI PATENTI IN REGOLA CON

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ART. 4 COMMA 21 L.R. 15.03.2012, N. 6

Dettagli

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO)

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) BANDO PER LA SELEZIONE DI N. 12 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE, denominato Insieme per fare, DA REALIZZARE NEL COMUNE DI

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. CE n. 834/2007 del Consiglio del 28 giugno 2007, pubblicato nella GUCE 20 luglio 2007, che detta gli obiettivi ed i principi della produzione biologica nonché le norme di produzione, di etichettatura

Dettagli

Tra essi figura Roma Capitale, assegnataria del 50% ( 1.000.000,00) delle risorse finanziarie disponibili.

Tra essi figura Roma Capitale, assegnataria del 50% ( 1.000.000,00) delle risorse finanziarie disponibili. AVVISO PUBBLICO rivolto al sostegno economico delle famiglie romane in lista di attesa per l anno educativo 2010-2011 presso servizi comunali o convenzionati di cura della prima infanzia, con figli frequentanti

Dettagli

AVVISO SERVIZIO PROGETTI

AVVISO SERVIZIO PROGETTI Settore Assistenza e Segreteria Organi Istituzionali, Affari Generali, Politiche Sociali e per la Famiglia, Politiche per la Casa, Politiche del Lavoro, Volontariato, Pari Opportunità, Risorse Umane, Euro

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SINOPIA COMUNITÀ GIOVANILE ONLUS DI FOGGIA. PROGETTO Green House CUP J78I14000140008 AVVISO PUBBLICO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SINOPIA COMUNITÀ GIOVANILE ONLUS DI FOGGIA. PROGETTO Green House CUP J78I14000140008 AVVISO PUBBLICO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SINOPIA COMUNITÀ GIOVANILE ONLUS DI FOGGIA PROGETTO Green House CUP J78I14000140008 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DI GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI LOCALI INTENZIONATI A SPERIMENTARE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA Art. 1 SCOPO DELL AVVISO PUBBLICO 1. La Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato

Dettagli

Programma di attività Cabina di Regia Finanziamenti comunitari e Politiche Comunitarie.

Programma di attività Cabina di Regia Finanziamenti comunitari e Politiche Comunitarie. Programma di attività Cabina di Regia Finanziamenti comunitari e Politiche Comunitarie. AVVISO DI SELEZIONE DI ESPERTI IN MATERIA DI SISTEMI TERRITORIALI, PROGETTAZIONE INTEGRATA E FUND RAISER IL DIRETTORE

Dettagli