Automazione e Telecontrollo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Automazione e Telecontrollo"

Transcript

1 1 Automazione e Telecontrollo

2 Alta tecnologia per l automazione Presente da oltre 15 anni nel settore dell automazione industriale, SENECA ha raggiunto una posizione preminente nel mercato italiano della strumentazione di controllo dei processi industriali e civili facendo dell innovazione, dell affidabilità e dell assistenza tecnica di qualità i propri punti di forza. Le nostre linee di prodotto per l automazione, ideate e realizzate interamente al nostro interno, sono compatibili e aperte nei confronti degli standard tecnologici più diffusi. SENECA propone un ampia gamma di prodotti e sistemi ad alto valore aggiunto, a partire dalla strumentazione di campo per finire col software di monitoraggio e controllo, passando per una area tecnologica comprendente sistemi di interfaccia, condizionamento, acquisizione e controllo. SENECA garantisce così l intero ciclo di trattamento del segnale, alimentazione e separazione galvanica comprese, fino alla visualizzazione del dato.

3 3 INNOVAZIONE SENECA realizza strumentazione ad alto contenuto innovativo per rafforzare la propria posizione di mercato e fornire al cliente la massima flessibilità e la redditività dei propri investimenti. Da sempre attenta allo sviluppo del mercato e con l intento di offrire know-how specifico e soluzioni complete, SENECA è oggi un azienda protagonista per tecnologia e innovazione. L hardware SENECA supporta lo stato dell arte dei protocolli di comunicazione industriale per applicazioni di telecontrollo e trasmissione dati in ambito industriale. La programmazione e la configurazione dei nostri strumenti più evoluti si basa su standard informatici internazionalmente riconosciuti. QUALITÀ La qualità globale è attestata dalla certificazione ISO 9001 e garantisce sia all esterno che all interno dell azienda una precisa volontà e un impegno inderogabile. Innovazione e sicurezza costituiscono le linee di sviluppo del processo di miglioramento. Norme e procedure regolano ogni fase del ciclo di vita del prodotto. Supervisione e controllo totali garantiscono la qualità effettiva. I controlli e le prove, attuati anche in condizioni estreme, ai quali sono sottoposti i nostri prodotti prima di essere immessi sul mercato, sono mirati all obiettivo zero difetti. ROBUSTEZZA EN /2002 (EN ) Compatibilità elettromagnetica Emissione - Ambiente industriale pesante. EN /2002 (EN ) Compatibilità elettromagnetica Immunità - Ambiente industriale pesante. EN Prescrizioni di Sicurezza per apparecchi elettrici di misura e controllo. Costruzione in tecnologia SMT (Surface Mounting Technology) su unico circuito stampato. Scrupoloso burn in effettuato su tutta la produzione. Rafforzato livello di immunità intrinseca dai disturbi elettromagnetici. Certificazione RINA per applicazioni navali. Marcatura UL e UR CSA. PRODUZIONE SECONDO STANDARD INTERNAZIONALI Laboratorio interno per l esecuzione di tutte le prove di compatibilità elettromagnetica e di sicurezza. Laboratori esterni qualificati per prove di comparazione. Produzione e collaudi interni mediante le più moderne linee per la produzione SMT (Surface Mounting Technology) e PTH (Pin Through Hole). Test con sistemi di collaudo automatico con generazione dei singoli report di prova. Produttività di migliaia di componenti/ora coniugando elevata velocità di produzione, con l accuratezza e la flessibilità richieste. Conformità del processo produttivo alle normative lead free RAEE e ROHS.

4 4 SENECA si prende cura dei vostri segnali... Serie K ATTUATORI SENSORI Temperatura Pressione Livello Portata Posizione Velocità Segnali digitali, seriali, analogici normalizzati e isolati galvanicamente Serie Z

5 5 Alimentazione e protezione Isolamento galvanico Interfacce analogiche, digitali e seriali I/O distribuito Visualizzazione e controllo Acquisizione dati Telecontrollo Serie Z-PC Sistema distribuito ModBUS RTU Profibus DP Slave CANOpen SUPPORTI GSM / GPRS UHF / VHF WLAN UMTS Satellite ISP DSL Fibra Ottica Linea Seriale PSTN STANDARD INFORMATICI OPC SCADA IEC OCX / Active X Html / Java DATA RECORDER PROTOCOLLI PPP HTTP SMTP FTP Ethernet ModBUS TCP IEC 870 Visualizzatori e strumentazione da fronte quadro Z-TOP Serie S Unità di Telecontrollo

6 6

7 Indice dei prodotti 7 1 AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO Serie Z-PC Introduzione 9 Trasmissione e tecniche di collegamento 14 Schemi di collegamento 18 Acquisizione dati 20 Telecontrollo 22 Building e infrastrutture 24 Automazione 26 Tabelle di selezione rapida 28 UNITA DI CONTROLLO 35 Z-RTU Unità remota di telecontrollo 37 Micro RTU Apparati di telegestione impianti e protezione catodica 43 Z-TWS-02, Z-TWS-64, Z-LWS, Z-BRIDGE CPU modulari multifunzione 47 I/O DIGITALI 51 Z-D-IN Modulo 5 ingressi digitali / RS Z-D-OUT Modulo 5 uscite digitali / RS Z-10-D-IN Modulo 10 ingressi digitali / RS Z-10-D-OUT Modulo 10 uscite digitali / RS Z-D-IO Modulo digitale multifunzione 6 ingressi - 2 uscite 61 I/O ANALOGICI 63 Z-DAQ Modulo ingresso analogico universale / RS Z-PID Modulo ingresso - uscita con regolazione PID / RS Z-4AI Modulo 4 ingressi tensione - corrente / RS Z-4TC Modulo 4 ingressi da termocoppia / RS Z-8TC Modulo 8 ingressi da termocoppia / RS Z-4RTD-2 Modulo 4 ingressi da termoresistenze / RS Z-8AI Modulo 8 ingressi tensione - corrente / RS Z-3AO Modulo 3 uscite analogiche / RS SPECIALI 81 Z203 Analizzatore di rete monofase 83 S203T S203TA Analizzatore di rete trifase avanzato 85 Z-SG Convertitore strain gauge 87 DI COMUNICAZIONE 89 Z-PROFIBUS Modulo interfaccia Profibus-DP slave 91 Z107 S107P Convertitori seriali RS232 - RS485/ S107USB K107USB Convertitori seriali asincroni RS485 / USB 95 Z-LINK S-LINK Moduli di comunicazione radio 97

8 8 Indice dei prodotti 1 AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO HMI 99 S401 Indicatore con visualizzatore OLED e interfaccia ModBUS 101 ZTOP Pannelli operatore touchscreen con display grafico 105 SOFTWARE E ACCESSORI 109 Serie Z-PC Introduzione al software 110 Z-PROG Configuratore moduli I/O 113 Z-NET3 Configuratore di sistema su base IEC Z-NET2 RTU Software di gestione dati e telecontrollo 118 OPC Server Software di interscambio dati client/server 119 ISAGRAF Pacchetto di programmazione PLC IEC DATA RECORDER Software di acquisizione, visualizzazione e registrazione dati 121 Z-CALCULUS Software OPC client di contabilizzazione consumi energetici 125 Z-POWER Trasformatori di tensione 19 Vac 126 Z-PC DIN Supporti bus per connessione rapida su guida DIN 126 S117P Convertitore seriale asincrono RS232/USB e TTL/USB 126 PM00... Cavi di collegamento 126

9 AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 9 serie Z-PC 1

10 10 SERIE Z-PC Serie Z-PC, sistema aperto, scalabile e standard Ingressi digitali Ingressi optoisolati per sensori reed, proximity, pnp, npn, contatto pulito, ingressi con contatori veloci fino a 32 bit e 10 KHz Uscite digitali Uscite a relè SPST o MosFET, ritardo e fail safe programmabili, diagnostica sul frontale Sistema di connessione e alimentazione Supporti in nylon caricato PA6 con fibra di vetro al 30% Hot Swapping Terminale alimentazione / linea dati Montaggio moduli su guida DIN in posizione verticale CPU modulari e multifunzione PLC, Web Server, RTU, datalogger, bridge ethernet ModBUS Master / Slave su RS232/RS485 Interfacce RS232 (user free/programmazione) Porta Ethernet 10BaseT aperta alle reti di supervisione e alla connessione remota Microprocessore RISC / MISC a 32/64 bit Memorie: fino a 32 MB RAM, 64 MB memoria flash (dati) Batteria di backup per variabili ritentive Ethernet Collegamento Seriale Html/Java Web Client LAN-Ethernet / ModBUS TCP Architetture Client/Server e VPN OPC SCADA Apparati di comunicazione per GSM/GPRS, DSL, PSTN, WiLAN, UHF... Stampanti, pannelli operatore, sistemi di identificazione

11 Acquisizione dati, automazione distribuita, telecontrollo 11 Ingressi e uscite analogici Acquisizione e comando grandezze elettriche standard (tensione, corrente, ohm), alimentazione trasduttori, risoluzione fino a 15 bit + segno Moduli speciali: controllo della temperatura, celle di carico, analizzatori di rete Acquisizione ingressi diretta da RTD 2, 3 o 4 fili Acquisizione termocoppie J,K,R,S,T,B,E,N Acquisizione grandezze elettriche da analizzatore di rete Acquisizione ingresso di misura da cella di carico a estensimetro Interfacce di comunicazione Moduli radio short range 100 kbps, 10 mw, MHz Moduli di conversione seriale RS232/RS485 Bus di campo Regolatori Analogici: Z-PID, ingresso universale, impostazioni azione proporzionale, integrale, derivativa Digitali: Z-D-IO, modulo 6 DI, 2 DO, funzionamento I/O slave o funzionamento automatico per valvole pneumatiche, motorizzate e gestione allarmi Espansioni I/O PLC, regolatori e dispositivi di campo ModBUS RTU Master/Slave Profibus DP (Slave) CanOPEN (Master)

12 12 SERIE Z-PC PUNTI DI FORZA HARDWARE SOFTWARE COMUNICAZIONE Isolamento galvanico a 3 vie Alimentazione trasduttori Elevate capacità di elaborazione e calcolo Elettronica analogica e digitale ad alte prestazioni APERTURA INTEGRAZIONE WEB SERVER OPC Server (stand-alone e PPP) Esportabilità dei dati tramite database standard e apertura verso ogni SCADA ACQUISIZIONE DATI PLC TELECONTROLLO Sistema di T&M, collaudo, analisi dati Modulo software DATA RECORDER DATA LOGGER: campionamento variabili, visualizzazione trend Standard di configurazione e programmazione IEC Ambiente integrato user friendly Librerie e funzioni precompilate CABLAGGIO CONFIGURABILITA DIAGNOSTICA Posizionamento dei moduli in prossimità di attuatori e trasduttori Connessione rapida bus Hot swapping Riduzione costi Utilizzo come I/O slave, interfaccia con altri sistemi ModBUS Schede Profibus DP, CanOpen CPU multifunzione 200 MHz 32 o 64 bit Memorie: 8 MB RAM, 16 MB flash Batteria di backup per variabili ritentive 7 linguaggi di programmazione variabili analogiche timer contatori Elevata parametrizzazione via software e dip-switch Stato dell arte protocolli di comunicazione di alto livello (PPP, http, Ethernet, ModBUS TCP, SMTP, FTP, IEC 870 ) ModBUS RTU, RS485 fino a bps, 32 nodi e m Porta di comunicazione Ethernet 10Base-T Fino a 4 porte seriali RS232/485 Stazione operatore su browser Funzioni CGI Web editor, pagine web su flash RTU su linea telefonica, GSM / GPRS, gestione automatica , SMS, allarmi e scambio dati Schedulatore/archiviator e/visualizzatore automatico Scheda smart speech RTU dedicate Autodiagnosi, localizzazione guasti, verifica stati di funzionamento PUNTI DI FORZA

13 Punti di forza Architetture 13 ARCHITETTURE ACQUISIZIONE DATI / CONTROLLO LOCALE Gestione diretta segnali I/O via RS232 / Ethernet / OPC server Riduzione costi di cablaggio, messa in servizio, manutenzione Interazione con i moduli periferici tramite RS485 ModBUS Integrazione con sistemi di supervisione, pagine html/java accessibili via browser Debug e programmazione in ISAGRAF Radiomodem Z-LINK (10 mw, MHz, 100 Kbps), per sostituzione cavi seriali SISTEMI DISTRIBUITI Interfaccia Profibus DP e CanOPEN Master Integrazione con dispositivi di terze parti con porta RS485 I/O ModBUS Master Comunicazione ethernet ModBUS TCP/IP client-server Fino a 32 nodi sulla stessa linea senza l uso di ripetitori TELECONTROLLO Apertura e standardizzazione grazie alla tecnologie di comunicazione PPP, SMTP, FTP, ModBUS TCP, Ethernet,.Net, IEC 61131, IEC 870 Accesso remoto tramite PPP; invio e ricezione dati da e verso centro di controllo e tra stazioni remote; invio automatico di messaggi vocali mediante scheda Smart Speech Gestione remota allarmi, invio di SMS, , file di eventi digitali e fuori soglia al centro di supervisione Sensori e attuatori ModBUS RTU - RS485 Unità ingegneria Unità ingegneria Z-TWS MODBUS RTU RS485 I/O Ethernet I/O Ethernet / ModBUS TCP Wireless LAN I /O Z-TWS SCADA Z-TWS 10 mw MHz 100 Kbps Unità operatore Unità operatore MODBUS RTU RS485 Z-TWS MODBUS RTU RS485 DCS ethernet Ethernet / MODBUS Unità di controllo e supervisione Rete telematica internet ISDN/PSTN SMTP (e mail) Rete GSM I /O Z-TWS locale BROWSER ModBUS RTU - RS485 I/O PLC I/O ZPC Z-TWS MODBUS RTU RS485 Ethernet / LAN MODBUS RTU RS485 Z-TWS remoto ARCHITETTURE

14 14 SERIE Z-PC 1. IL PROTOCOLLO MODBUS Il protocollo Modbus RTU è uno degli standard di mercato più noti e conosciuti. La semplicità di installazione, di configurazione e di integrazione in diversi sistemi di supervisione, controllo e automazione è la caratteristica vincente per il protocollo Modbus RTU che coniuga semplicità di utilizzo a prestazioni di buon livello. Le specifiche aperte non rendono necessari vincoli hardware. L'accesso fisico si basa su una trasmissione di tipo seriale half-duplex. L'interfaccia elettrica consente collegamenti in modalità punto a punto (RS232) o multipoint. Il protocollo ModBUS è utilizzato per stabilire comunicazioni master/slave fra dispositivi intelligenti attraverso l identificazione dell indirizzo di un dispositivo o di un messaggio, il tipo di azione da intraprendere o l invio di una risposta. L utilizzo del protocollo Modbus RTU è compatibile con molti altri prodotti di automazione industriale: PLC, termoregolatori, pannelli operatore, registratori dati, ecc., i quali possono comunicare facilmente con un supervisore comune. Per integrare il bus di campo con la rete aziendale e i sistemi di supporto alle decisioni, la serie Z-PC adotta una versione aperta e integrabile del protocollo ModBUS, ovvero ModBUS TCP/IP. Tale protocollo combina le caratteristiche di versatilità, scalabilità e diffusione capillare di Ethernet TCP/IP con una modalità di rappresentazione dei dati indipendente dall hardware costituita da ModBUS, realizzando così un infrastruttura aperta e accessibile per lo scambio dei dati di processo. Le CPU delle unità di controllo Z-TWS dispongono fino a: 1 porta RS232 (monitor di sistema e acquisizione I/O), 2 porte RS485 (acquisizione I/O, Master I/O ModBUS), 1 porta RS232/RS485 (impostabile via dip-switch per collegamenti con moduli I/O o altri dispositivi) e porta Ethernet 10BaseT che supporta Ethernet TCP/IP e ModBUS TCP/IP. Il protocollo MODBUS è stato sviluppato dalla Gould-Modicon per consentire l'interscambio di informazioni tra dispositivi di controllo in ambito industriale, secondo una gerarchia Master-Slave che vede collegati alla stessa linea seriale i vari dispositivi Slave, ognuno identificato dal proprio indirizzo, interrogati periodicamente (polling) da un unico Master. Sono ammesse due modalità per il protocollo: ASCII e RTU (Remote Terminal Unit); quest'ultima, utilizzata dalla serie Z, prevede: 1 bit di Start (fisso), 8 bit per il dato, 1 bit di parità (opzionale), 1 o 2 bit di Stop e CRC per il controllo del messaggio; la sincronizzazione del pacchetto (framing) avviene ogni qualvolta trascorra un silenzio maggiore di 3.5 caratteri: in tal caso il successivo bit ricevuto è interpretato come l'inizio del nuovo pacchetto. Quest'ultimo è sequenzialmente costituito da: l'indirizzo del dispositivo (primo byte), il codice funzione, il campo dati (2 byte per valore) ed il CRC-16. In particolare il codice funzione assume i seguenti significati (vengono riportati i più comuni): Codice funzione Primo indirizzo Significato Codice funzione Significato Read Coil Status 05 Force Single Coil Read Input Status 06 Preset Single Register Read Holding Register 15 Write Multiple Coils Read Input Register 16 Write Multiple Registers Le funzioni sono supportate dai moduli della serie Z dipendentemente dal modello, e non tutte risultano pertanto lecite: quelle non ammesse generano errore (exception error). Tipicamente il Master può richiedere allo Slave operazioni di lettura/scrittura su più registri consecutivi, specificando dopo l'indirizzo del primo, il numero di registri implicati nell'operazione; nell'esempio seguente viene richiesto allo Slave 17 il contenuto degli Holding Registers dal al 40110: Identificativo Slave Funzione Indirizzo partenza Numero registri CRC-16 Decimale Esadecimale 0x11 0x03 0x00 0x6B 0x00 0x03 0x76 0x87 Supponendo che i registri abbiano, nell'ordine, il contenuto 555, 0 e 100, la risposta dello Slave sarà: Identificativo Slave Funzione # Byte Indirizzo Indirizzo Indirizzo CRC-16 Decimale Esadecimale 0x11 0x03 0x06 0x02 0x2B 0x00 0x00 0x00 0x64 0xC8 0xBA Nota: La locazione del primo registro di ogni funzione è all'indirizzo fisico 0000, e la notazione nxxxx è una notazione implicita che identifica contemporaneamente il registro e la funzione associata (ad esempio per la funzione 03 Read Holding Register il primo indirizzo diventa 40001, come da tabella).

15 Trasmissione dati e tecniche di collegamento INTERFACCIA SERIALE L interfaccia seriale RS485, che costituisce il supporto fisico per il protocollo di comunicazione MODBUS, è basata su una linea di comunicazione differenziale bilanciata con impedenza caratteristica di 120 Ohm. La lunghezza massima del collegamento dipende dal Baud-rate, dal rumore elettrico dell'ambiente di posa, dal tipo e dalla qualità del cavo; di norma viene garantito il funzionamento fino a 1.2 km. Il cavo di collegamento può essere non schermato se la distanza è di qualche metro in un ambiente non disturbato; per distanze fino a 100 m è possibile usare un cavo semplicemente twistato e schermato, mentre oltre 100 m è opportuno utilizzare cavi speciali, quali ad esempio il CEAM CPR 6003 oppure il BELDEN La connessione tra il dispositivo Master e gli Slave va di norma eseguita secondo configurazioni a catena, con derivazioni dalla linea limitate ad un paio di metri; vanno invece evitate diramazioni a stella che vedono attestazioni multiple ai dispositivi (figura 1). È importante, particolarmente nei lunghi collegamenti, che l'ultimo dispositivo chiuda la linea, evitando così fenomeni di riflessione sulla stessa: allo scopo è sufficiente attivare la resistenza interna al modulo mediante il dip-switch preposto; va evidenziato che solo i dispositivi di testa (Master e Slave 5 in figura 1) devono avere attiva la resistenza di chiusura, risultando gli altri dispositivi passanti sulla linea. Lo schermo di ogni cavo utilizzato nella connessione deve essere attestato all'apposito morsetto di GND ad entrambe le estremità, ma il collegamento a terra deve essere eseguito in un solo punto; in un ambiente estremamente disturbato può essere conveniente collegare gli altri GND a terra tramite un condensatore da 10 nf 400 V. Master Slave 1 Slave 2 Slave 3 Slave 4 Slave 5 Slave 3 Slave 3 Slave 4 Slave 5 Master Slave 2 Master < 2m Slave 1 Slave 2 SI NO Slave 1 Figura 1 Esempi di connessioni corrette (a sinistra) ed errata (a destra). Norme di installazione I moduli della Serie Z-PC sono progettati per essere montati su guida DIN in posizione verticale. Per un funzionamento ed una durata ottimale, bisogna assicurare una adeguata ventilazione ai moduli, evitando di posizionare canaline od altri oggetti che occludano le feritoie di ventilazione. Evitare il montaggio dei moduli sopra ad apparecchiature che generino calore; è consigliabile il montaggio nella parte bassa del quadro. Quando i moduli sono montati affiancati e lavorano in condizioni gravose (tensione di alimentazione > 30 Vdc/26 Vac, alimentazione degli ingressi/uscite, temperatura elevate all interno del quadro) è possibile che sia necessario separarli di almeno 5 mm. Il montaggio effettuato con gli appositi supporti da guida DIN assicura praticità di montaggio e la corretta ventilazione dei moduli stessi.

16 16 SERIE Z-PC 3. CRC-16 Nei sistemi robusti di comunicazione viene spesso utilizzato un meccanismo di identificazione degli errori basato su di un algoritmo prefissato che calcola un valore numerico (checksum) in base al contenuto del messaggio; al messaggio trasmesso viene allegato il checksum, che verrà poi ricalcolato dal ricevitore e confrontato: solo se il checksum ricevuto e quello ricalcolato coincidono il messaggio viene ritenuto valido. L'uso di appropriati algoritmi rende pressoché nulla la probabilità che due messaggi diversi (ma simili) generino lo stesso checksum, per cui l'errore di trasmissione viene individuato statisticamente sempre. In particolare il CRC (Cyclic Redundancy Checksum) utilizza una tipologia di algoritmo che esegue la divisione del messaggio (considerato alla stregua di un polinomio) con un polinomio costante (polinomio generatore); il checksum è propriamente il resto della divisione, ed ha pertanto una dimensione nota e pari al grado massimo del polinomio generatore. I CRC standard si distinguono per il polinomio utilizzato (e quindi la dimensione del checksum stesso) e per il modo di allegare il valore al messaggio: in particolare il MODBUS RTU si basa sul CRC-16, che prevede un cheksum di 16 bit originato dal polinomio X16+X15+X2+1 e posto in coda al messaggio dopo averne scambiato l'ordine dei byte (cioè viene prima trasmesso il messaggio, quindi il byte basso e quello alto del CRC). Le routine di implementazione del calcolo si basano o su operazioni booleane (space-saving) o su calcoli tabellati (time-saving); viene qui riportato in forma descrittiva un esempio del primo tipo: 1. Caricare con il valore 0xFFFF (tutti 1) un registro a 16 bit (8+8) che verrà detto CRC Register; 2. Fare lo XOR del (primo) byte del messaggio con il byte basso del CRC Register, e mettere il risultato ancora nel CRC Register; 3. Shiftare a destra di uno il CRC Register, caricando con 0 il bit più significativo (msb); 4. Valutare il bit uscito a destra nell'operazione di shift: - Se vale 0, ripetere dal punto 3 (altro shift); - Se vale 1, eseguire lo XOR del CRC Register col valore 0xA001, che rappresenta in forma di maschera il polinomio X16+X15+X2+1; 5. Ripetere i punti 3 e 4 fino ad effettuare 8 shift: a questo punto è stato elaborato il (primo) byte del messaggio; 6. Ripetere i punti da 2 a 5 per tutti i byte (anche detti caratteri) del messaggio; 7. Il contenuto finale del CRC Register rappresenta il valore del checksum; 8. Scambiare l'ordine dei due byte del CRC Register e accodarli al messaggio. Una possibile traduzione in un pseudo-codice assembly è la seguente: ; R0 [n bytes] contiene il puntatore al primo carattere del messaggio ; R1 [1 byte] contiene il numero di bytes che compongono il messaggio ; R2 [1 byte] contiene la parte alta del CRC Register ; R3 [1 byte] contiene la parte bassa del CRC Register ; R4 [1 byte] è utilizzato per contare il numero di bit ; R5 [1 byte] è utilizzato come registro temporaneo ; MOV R2, 0xFF ; mette a 1 tutti i bit della parte alta del CRC Register (punto 1) MOV R3, 0xFF ; mette a 1 tutti i bit della parte bassa del CRC Register (punto 1) Label A MOV R4, 0x08 ; inizializza a 8 il contatore dei bit MOV R5, [R0] ; mette in R5 il (primo) carattere del messaggio (puntato da R0) INC R0 ; fa avanzare il puntatore al carattere per il prossimo ciclo XOR R3, R5 ; esegue lo XOR tra il carattere con il byte basso (punto 2) Label B CLR C ; azzera il bit Carry, utilizzato nel processo di shift a destra RRC R2 ; ruota a detra attraverso il carry il byte alto (punto 3) RRC R3 ; ruota a detra attraverso il carry il byte basso. Ora nel Carry si JNC Label C) ; trova il bit da valutare al punto 4 XOR R3, 0x01 ; valuta il bit uscito nell'operazione di shift (punto 4 XOR R2, 0xAO ; se non è zero, esegue lo XOR del CRC Register Label C DEC R4 ; decrementa il numero di operazioni di shift che mancano JNZ Label B ; ripete fino ad ottenere 8 operazioni di shift (punto 5) DEC R1 ; decrementa il numero di caratteri che mancano JNZ Label A ; ripete fino all'ultimo carattere del messaggio Prima di eseguire la routine, è necessario caricare nei registri R0 e R1 rispettivamente il puntatore al primo carattere del messaggio e la lunghezza del messaggio in bytes; il checksum calcolato si trova nei registri R2 e R3 (rispettivamente parte alta e parte bassa).

17 Trasmissione dati e tecniche di collegamento Z-PC DIN - SUPPORTI PER IL MONTAGGIO I moduli della serie Z-PC si avvalgono di supporti in nylon caricato PA6 con fibra di vetro al 30% da installare all'interno della guida DIN da 35 mm che permettono di diminuire ulteriormente i tempi di cablaggio, in quanto evitano la connessione dei 5 conduttori (seriale RS485 ed alimentazione) comuni a ciascun nodo della rete. L uso di tali supporti permette inoltre l'hot swapping, cioè l'inserimento o l'estrazione dal bus dei moduli anche con alimentazione e comunicazione attiva, permettendone quindi la sostituzione "a caldo" senza causare inutili interruzioni di funzionamento alla rimanente parte del sistema. Tali supporti infine, oltre a garantire una praticità nel montaggio di sistemi basati sulla Serie Z-PC, permettono di rispettare la distanza consigliata tra 2 moduli affiancati, garantendone una corretta ventilazione. Z-PC DIN RS485 24V Supporto modulare a 2 alloggi + testa Quadro di controllo con moduli Serie Z-PC 5. NORME CE I moduli della serie Z-PC sono conformi a: EN (emissione elettromagnetica, ambiente industriale) EN (immunità elettromagnetica, ambiente industriale) EN (sicurezza) EN60742: trasformatori di isolamento e trasformatori di sicurezza, poiché tutti i circuiti devono essere isolati con doppio isolamento dai circuiti sotto tensione pericolosa. Il trasformatore di alimentazione deve essere a norma Trasmissione in radiofrequenza. La normativa tecnica ETSI impone di non irradiare con una potenza E.I.R.P. superiore ai 10 mw (equivalente a 10 dbm).

18 18 SERIE Z-PC Sistema distribuito, integrazione tra controllo e supervisione Max 32 moduli I/O per m senza ripetitore Max 32 moduli I/O per m senza ripetitore RS232 / RS485 ModBUS RTU - RS485 Z-TWS LAN / WAN / Internet Ethernet - ModBUS TCP LEGENDA Reti di controllo Collegamenti seriali Reti informatiche

19 Schemi di collegamento 19 Sistema di trasmissione dati e gestione remota 434 / 869 MHz 100 kbps RS232 RS232 / RS485 ModBUS RTU - RS485 Z-TWS GSM / GPRS / PSTN / XDSL LAN / WAN / Internet Ethernet - ModBUS TCP LEGENDA Reti di controllo Collegamenti seriali Reti informatiche

20 20 SERIE Z-PC SERIE Z-PC ACQUISIZIONE DATI SOLUZIONI ACQUISIZIONE E REGISTRAZIONE DATI BASA- TA SU DATA RECORDER E I/O SLAVE DATA RECORDER Integrazione completa con Z-NET3, configurazione univoca dell hardware Software plug&play effettivo Costi ridotti rispetto all hardware dedicato dei datalogger e dei registratori Estrema flessibilità di configurazione ed espandibilità del sistema DATALOGGING BASATO SU Z TWS Possibilità di utilizzo della CPU per elaborazioni e calcoli complessi Disponibilità di flash memory 16 MB Utilizzo di 2 porte seriali (RS232/RS485), 1 porta Ethernet Modbus/TCP Integrazione con Web Editor di supervisione ACQUISIZIONE DATI BASATA SU I/O SLAVE E LABVIEW O VISUAL STUDIO Utilizzo di script VI (Virtual Instrument), ovvero funzioni dedicate per interfaccia LabView / Strumenti con interfaccia Modbus e librerie.net Librerie controlli dll per la comunicazione ModBUS RTU TECNOLOGIE OPC Integrazione con Scada, Mes e altre piattaforme IT Diagnostica immediata Accesso ai dati plug&play a prescindere da driver di comunicazione e architetture CAMPI DI IMPIEGO COLLAUDI DI FINE LINEA CALIBRAZIONI DI MISURA E PROVE DI LABORATORIO ANALISI DEI CONSUMI ELETTRICI MONITORAGGIO TEMPERATURE BANCHI PROVA TEST DI TENUTA E PORTATA NETWORKING & INTERFACE RILEVAMENTI AMBIENTALI E DI PROCESSO

21 21 SERIE Z-PC ACQUISIZIONE DATI CASI APPLICATIVI MONITORAGGIO INDIPENDENTE TEMPERATURE IN FORNI PRODUZIONE POLIMERI SOLUZIONE I / O Circa 64 Hardware N 2 Z-BRIDGE + vari moduli I/O slave Z-PC Comunicazione ModbusTCP / IP Gestione dati Z-Net, DATA RECORDER per acquisizione indipendente misure e ges ione report BENEFICI Acquisizione misure Report automatico fine test Controllo indipendente forni Supporto scelte dimensionali e qualità dei materiali ARCHITETTURA 16 CH 16 CH data recorder ModbusTCP / P data recorder Z-BRIDGE Z-BRIDGE #RS485 (1) #RS485 (2 #RS485 (1) #RS485 (2 Modbus RTU /O SLAVE Z-PC I/O SLAVE Z-PC SISTEMA MOBILE DI ACQUISIZIONE DATI PER ANALISI DEI CONSUMI PRODUZIONE ACQUE MINERALI SOLUZIONE I / O Circa 100 Hardware N 1 Z-TWS.02 + vari moduli I/O slave, analizzatori di rete trifase, pc industriale Comunicazione ModbusTCP / IP Gestione dati Z-Net, DATA RECORDER per: Acquisizione parametri elettrici e di processo Supervisione Web Editor integrato in Z-NET, pagine video BENEFICI Gestione multi-configurazione nei processi di distribuzione e imbottigliamento Analisi parametri di processo ed elettrici Supervisione web ARCHITETTURA SUPERVISIONE ModbusTCP / P data recorder /O Z-PC RS485 MODBUS RTU

22 22 SERIE Z-PC SERIE Z-PC TELECONTROLLO SOLUZIONI E VANTAGGI HARDWARE COMUNICAZIONE Soluzione modulare Soluzione low power piccoli impianti ETHERNET 1 porta BaseT Protocolli SMTP client, FTP client/server, HTTP server, PPP client/server, ModBUS TCP client/server, IEC server Soluzione integrata Soluzione integrata SERIALE BUS 4 porte RS232 / RS485 Protocolli ModBUS RTU master/slave, ModBUS RTU / ASCII master, IEC slave CANopen Master, Profibus DP slave (TP-Wire) CAN, I2C COM REMOTA GSM / GPRS /PSTN SOFTWARE PROGRAMMA INTEGRATORI Configuratore IEC 61131, 8 funzioni integrate tra cui rotazione pompe Web Editor, supervisione con pagine html/java Configurazione intuitiva e programmazione standard Comunicazione flessibile e massima apertura Front-end di comunicazione tra centro e periferiche Tecnologie OPC per sistemi stand-alone, GPRS, tunnelling Librerie software gratuite pronte all uso Gestione allarmi e controlli remo i Pacchet i programmazione logiche IEC Apertura verso i più diffusi Scada Numerose possibilità HMI e supervisione Supporto e servizi per i partner qualificati CAMPI DI IMPIEGO TRATTAMENTO ACQUE DISTRIBUZIONE ACQUE PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE GAS PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE ENERGIA AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE E IMPIANTI PUBBLICI SERVIZI AGROALIMENTARE / INGEGNERIA CLIMATICA

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design Power Fail Rx Tx Dout QEED www.q.it info@q.it CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Unità di controllo gruppi elettrogeni

Unità di controllo gruppi elettrogeni Unità di controllo gruppi elettrogeni Pag. 8 Pag. 9 CONTROLLORI PROTEZIONE MOTORE Avviamento con o senza selettore a chiave. Ingressi e uscite programmabili. LED frontali diagnostica e allarmi motore.

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Attivatore Telefonico GSM

Attivatore Telefonico GSM Part. U1991B - 10/09-01 PC Attivatore Telefonico GSM art. F462 Istruzioni d uso INFORMAZIONI PER LA SICUREZZA L'impiego dell'attivatore GSM art. F462 in componenti o sistemi per supporto vita non è consentito

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Catalogo 2013 Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Contatori di energia EQ Meters Raggiungere l equilibrio perfetto I consumi di energia sono in aumento a livello

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX ADATTATO PER QUALSIASI APPLICAZIONE DISPOSITIVI PORTATILI DI PEPPERL+FUCHS SICUREZZA INTRINSECA I lettori

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID)

HM 10 16 25 Hybrid Meter. Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) HM 10 16 25 Hybrid Meter Smart metering commerciale Smart Gas Meter 2004/22/EC (MID) SMART GAS METER HM series G10 G16 G25 HyMeter è un contatore per uso commerciale a tecnologia ibrida. Combina le caratteristiche

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Figurato. PowerLogic System Misura, controllo e qualità dell'energia Merlin Gerin

Figurato. PowerLogic System Misura, controllo e qualità dell'energia Merlin Gerin Merlin Gerin Figurato Amperometri e voltmetri digitali 182 Centrali di misura Power Meter 182 Centrali di misura Circuit Monitor 182 Micro Power Server 183 Gateway Ethernet EGX 183 Software SMS 183 Software

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC SPECIFICHE TECNICHE Il Manager BM-MA è un apparato multifunzione antifurto sia per pannelli fotovoltaici che cassette di parallelo,

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email :

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : info@sicurezzacsc.it sito : www.sicurezzacsc.it 2 NEXTtec progetta

Dettagli

3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR

3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR Ã Ã 3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR 9RJOLDPRIDUYLULVSDUPLDUHWHPSRHGHQDUR 9LDVVLFXULDPRFKHODFRPSOHWDOHWWXUDGLTXHVWRPDQXDOHYLJDUDQWLUjXQD FRUUHWWDLQVWDOOD]LRQHHGXQVLFXURXWLOL]]RGHOSURGRWWRGHVFULWWR

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS /2 Introduzione /5 Soft Starter ES /8 Biblioteca di blocchi softstarter SIRIUS RW44 per SIMATIC PCS 7 /10 Motor Starter ES /1 Biblioteca di

Dettagli

PMVF 20 SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA MANUALE OPERATIVO

PMVF 20 SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA MANUALE OPERATIVO I354 I 0712 31100174 PMVF 20 SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA MANUALE OPERATIVO ATTENZIONE!! Leggere attentamente il manuale prima dell utilizzo e l installazione. Questi apparecchi devono essere installati

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

SCHEDA TECNICA ONLINE. FLOWSIC100 Process DISPOSITIVI DI MISURA DEL FLUSSO DELLA MASSA

SCHEDA TECNICA ONLINE. FLOWSIC100 Process DISPOSITIVI DI MISURA DEL FLUSSO DELLA MASSA SCHE TECNIC ONLINE ISPOSITIVI I MISUR EL FLUSSO ELL MSS B C E F H I J K L M N O P Q R S T ISPOSITIVI I MISUR EL FLUSSO ELL MSS Informazioni per l'ordine FLUSSO VOLUMETRICO FFIBILE N PROCESSI Tipo ulteriori

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

04/2004 A5E00264164-01

04/2004 A5E00264164-01 Prefazione SIMATIC Premesse Descrizione del compito SM331; AI 8 x 12 Bit Struttura meccanica dell impianto di esempio Collegamento elettrico Getting Started Parte2: Tensione e PT100 Progettazione con SIMATIC

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1.

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1. DPS-Promatic Telecom Control Systems Famiglia TCS-AWS di Stazioni Metereologiche Autonome connesse alla rete GSM (www.dpspro.com) Guida rapida all'uso versione 1.0 Modelli che compongono a famiglia TCS-AWS:

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC . Guida alle FM 35x. 1 ... 1 Guida alle FM 35x.... 1 Tipologie d Encoder... 4 Acquisizione degli encoder con S7-300 e S7-400.... 4 Conteggio e misura.... 6 Modalità di conteggio... 6 Posizionamento con

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli