NEWSLETTER n GENNAIO 2015 SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER n. 24 - GENNAIO 2015 SOMMARIO"

Transcript

1 NEWSLETTER n GENNAIO 2015 SOMMARIO 1. NOVITÀ NORMATIVE CONSIGLIO DEI MINISTRI - Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti BANCA DI ITALIA/CONSOB - Pubblicate le nuove norme di recepimento della AIFMD IVASS Finanziamenti da parte di imprese assicurative BANCA D ITALIA - Aggiornamenti alle Circolari n. 115, 139, 148, 154, 189, 217 e GAZZETTA UFFICIALE UE - Unione bancaria: le nuove norme sulla definizione dei contributi ex ante al Fondo di risoluzione unico GAZZETTA UFFICIALE UE - CRR: modifiche alle norme tecniche di attuazione GAZZETTA UFFICIALE UE - Solvency II: Regolamento delegato (UE) 2015/ GAZZETTA UFFICIALE UE - BRRD: nuove norme sui contributi ex ante ai meccanismi di finanziamento della risoluzione GAZZETTA UFFICIALE UE - Le nuove norme sul requisito di copertura della liquidità e sul coefficiente di leva finanziaria (CRR) CONSOB - Approvate le modifiche al Regolamento di Borsa Italiana PROSSIME NOVITÀ BANCA DI ITALIA - Disposizioni per l iscrizione e la gestione dell elenco degli operatori di microcredito COMUNICAZIONI, OPINIONI, COMMENTI E GIURISPRUDENZA ISDA - Paper sui meccanismi di recovery delle CCPs CONSIGLIO EUROPEO PER I PAGAMENTI (EPC) - Aggiornato i Rulebook SEPA CONSOB - Bilanci 2014 delle società quotate ESMA - Aggiornate le linee guida in materia di UCITS (ETF) e AIFMD BCE Raccomandazione sulla politica di distribuzione dei dividendi...10 APPENDICE CONSIGLIO DEI MINISTRI - Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti...11

2 1.2. BANCA DI ITALIA/CONSOB - Pubblicate le nuove norme di recepimento della AIFMD IVASS Finanziamenti da parte di imprese assicurative

3 1. NOVITÀ NORMATIVE 1.1. CONSIGLIO DEI MINISTRI - Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti In data 24 gennaio 2015 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 19 il decretolegge 24 gennaio 2015, n. 3, recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti. Per approfondire si rinvia alla appendice della presente newsletter BANCA DI ITALIA/CONSOB - Pubblicate le nuove norme di recepimento della AIFMD In data 19 gennaio 2015, al fine del recepimento della Direttiva 2011/61/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell 8 giugno 2011 sui gestori di fondi di investimento alternativi (AIFMD), sono state pubblicate le modifiche: - al Regolamento congiunto Banca d Italia Consob in materia di organizzazione e procedure degli intermediari; - al Regolamento Intermediari e Regolamento Emittenti della Consob, adottate con Delibera n dell 8 gennaio 2015; - al Provvedimento della Banca d Italia dell 8 maggio 2012 che è abrogato e sostituito dal nuovo Regolamento Banca d Italia sulla gestione collettiva del risparmio. Per approfondire si rinvia alla appendice della presente newsletter IVASS Finanziamenti da parte di imprese assicurative In data 11 novembre 2014, come anticipato nella newsletter n. 20/2014, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 262 il Provvedimento IVASS del 21 ottobre 2014 n. 22, recante modifiche ed integrazioni al Regolamento n. 36 del 31 gennaio Tale regolamento (22/2014) rientra in un più ampio quadro normativo avviato con il Decreto Competitività (D.L. 91/2014, convertito con modificazioni dalla L. 11 agosto 2014, n. 116), allo scopo di rilanciare e favorire lo sviluppo delle imprese. Per approfondire si rinvia alla appendice della presente newsletter. 3

4 1.4. BANCA D ITALIA - Aggiornamenti alle Circolari n. 115, 139, 148, 154, 189, 217 e 272 In data 23 gennaio 2015, la Banca d Italia ha pubblicato i seguenti aggiornamenti ad alcune circolari di vigilanza: - Circolare n. 115 del 7 agosto aggiornamento del 20 gennaio 2015; - Circolare n. 148 del 2 luglio aggiornamento del 20 gennaio 2015; - Circolare n. 189 del 21 ottobre aggiornamento del 20 gennaio 2015; - Circolare n. 217 del 5 agosto aggiornamento del 20 gennaio 2015; - Circolare n. 272 del 30 luglio aggiornamento del 20 gennaio 2015; - Comunicazione del 20 ottobre 2014 Bilancio e segnalazioni di vigilanza; - Circolare n. 189 del 21 ottobre aggiornamento del 30 settembre 2014; - Circolare n. 217 del 5 agosto aggiornamento del 30 settembre 2014; - Circolare n. 272 del 30 luglio aggiornamento del 30 settembre 2014; - Circolare n. 262 del 22 dicembre aggiornamento del 22 dicembre 2014; 1.5. GAZZETTA UFFICIALE UE - Unione bancaria: le nuove norme sulla definizione dei contributi ex ante al Fondo di risoluzione unico In data 22 gennaio 2015 è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea il Regolamento di esecuzione (UE) 2015/81 del Consiglio, che stabilisce condizioni uniformi di applicazione, per quanto riguarda i contributi ex ante al Fondo di risoluzione unico, del Regolamento (UE) n. 806/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio. Quest ultimo provvedimento fissa norme e una procedura uniformi per la risoluzione degli enti creditizi e di talune imprese di investimento nel quadro del meccanismo di risoluzione unico e del Fondo di risoluzione unico. Il Regolamento 2015/81 stabilisce in particolare le condizioni di attuazione dell obbligo in capo al Comitato di risoluzione unico di calcolare i contributi per i singoli enti ai sensi del regolamento (UE) n. 806/2014 al Fondo di risoluzione unico e la metodologia di calcolo di tali contributi. 4

5 1.6. GAZZETTA UFFICIALE UE - CRR: modifiche alle norme tecniche di attuazione In data 21 gennaio 2015 è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea il Regolamento di esecuzione (UE) 2015/79 della Commissione del 18 dicembre 2014 che modifica - relativamente ad attività vincolate, modello unico di punti di dati (DPM) e regole di convalida - il regolamento di esecuzione (UE) n. 680/2014. Quest ultimo stabilisce norme tecniche di attuazione per quanto riguarda le segnalazioni degli enti ai fini di vigilanza conformemente al regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio. Il Regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea GAZZETTA UFFICIALE UE - Solvency II: Regolamento delegato (UE) 2015/35 In data 17 gennaio 2015 è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea il Regolamento delegato (UE) 2015/35, che integra la direttiva 2009/138/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in materia di accesso ed esercizio delle attività di assicurazione e di riassicurazione (Solvency II). Il Regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea ed è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri GAZZETTA UFFICIALE UE - BRRD: nuove norme sui contributi ex ante ai meccanismi di finanziamento della risoluzione In data 17 gennaio 2015 è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea il Regolamento delegato (UE) 2015/63 della Commissione, del 21 ottobre 2014, che integra la Direttiva 2014/59/UE del Parlamento europeo e del Consiglio (c.d. BRRD, Bank Recovery and Resolution Directive) per quanto riguarda i contributi ex ante ai meccanismi di finanziamento della risoluzione. Il Regolamento stabilisce: 5

6 - la metodologia da seguire per il calcolo dei contributi che gli enti devono versare ai meccanismi di finanziamento della risoluzione e per la loro correzione in funzione del profilo di rischio dell ente; - gli obblighi degli enti riguardo alle informazioni che devono fornire ai fini del calcolo dei contributi e riguardo al pagamento dei contributi ai meccanismi di finanziamento della risoluzione; - le misure che permettono alle autorità di risoluzione di verificare che i contributi siano stati pagati correttamente. Il Regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell Unione europea e si applica a decorrere dall 1 gennaio GAZZETTA UFFICIALE UE - Le nuove norme sul requisito di copertura della liquidità e sul coefficiente di leva finanziaria (CRR) In data 17 gennaio 2015 sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell'unione europea due nuovi regolamenti di integrazione e modifica del Regolamento CRR: - Regolamento delegato (UE) 2015/61 della Commissione che integra il Regolamento (UE) n. 575/2013 per quanto riguarda il requisito di copertura della liquidità per gli enti creditizi, applicabile a decorrere dal 1 ottobre 2015; - Regolamento delegato (UE) 2015/62 della Commissione che modifica il Regolamento (UE) n. 575/2013 per quanto riguarda il coefficiente di leva finanziaria CONSOB - Approvate le modifiche al Regolamento di Borsa Italiana In data 14 gennaio 2015, la Consob con la delibera n ha approvato le modifiche al Regolamento dei mercati organizzati e gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. Le modifiche riguardano: - la revisione del requisito della sufficiente diffusione per le Pmi (che modifica la percentuale di partecipazione azionaria rilevante ai fini del calcolo del flottante in fase di ammissione, dal 2% al 5%, conseguente alla nuova disciplina sugli assetti proprietari per le Pmi); 6

7 - la revisione del requisito di permanenza nel segmento Star, a seguito della nuova raccomandazione sulla remunerazione degli amministratori, di cui all art. 6 del codice di autodisciplina di Borsa; - l aggiornamento sull attività di revisione legale dei conti a seguito della riforma introdotta con il d.lgs. n. 39/10; - la modifica della percentuale di flottante necessaria per l ammissione in Borsa delle Reic (Real estate investment companies), legata alle modifiche normative sulle Siiq (Società di investimento immobiliare quotate); - l introduzione del non-executing broker tra le categorie di partecipanti al mercato Idem, segmento Idex; - le modalità per l esecuzione delle proposte di negoziazione cross nel mercato Idem. 7

8 2. PROSSIME NOVITÀ 2.1. BANCA DI ITALIA - Disposizioni per l iscrizione e la gestione dell elenco degli operatori di microcredito In data 28 gennaio 2015, la Banca d Italia ha posto in pubblica consultazione lo schema delle Disposizioni per l iscrizione e la gestione dell elenco degli operatori di microcredito, che dà attuazione all articolo 15 del Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze 17 ottobre 2014, n. 176, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 1 dicembre 2014, e alla disciplina dettata dall art. 111 del D.lgs. 1 settembre 1993, n. 385, (TUB) come modificato dal D. lgs. 13 agosto 2010, n Le disposizioni rispondono all esigenza di consentire alla Banca d Italia l esercizio dei controlli relativi alla tenuta dell elenco. Osservazioni, commenti e proposte possono essere trasmessi, entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del documento. 8

9 3. COMUNICAZIONI, OPINIONI, COMMENTI E GIURISPRUDENZA 3.1. ISDA - Paper sui meccanismi di recovery delle CCPs In data 26 gennaio 2015, l ISDA ha diffuso un paper tramite il quale si propone di definire gli standard minimi di mercato per la costituzione di meccanismi concordati per la gestione delle crisi e di recovery delle CCPs ( CCP Default Management, Recovery and Continuity: A Proposed Recovery Framework ). Nel documento si espongono le linee guida proposte dall ISDA per giungere ad una ordinata gestione delle eventuali crisi cui potrebbe essere soggetta una CCP, precisando che l avvio di procedure di recovery e messa in sicurezza (con le relative proposte di allocazione delle eventuali perdite ai partecipanti e ai clienti) sarebbero da preferire alle procedure di chiusura definitiva della CCP. In particolare, le CCP sono tenute a sviluppare specifici piani per l attuazione di procedure di recovery nel caso di rischi alla propria solvibilità derivanti dal condizioni esogene dei mercati o endogene causate da altri fattori interni CONSIGLIO EUROPEO PER I PAGAMENTI (EPC) - Aggiornato i Rulebook SEPA In data 26 gennaio 2015, il Consiglio europeo per i pagamenti (European Payments Council) ha pubblicato le versioni aggiornate dei Rulebook SEPA. A partire dal 20 novembre 2016, entreranno in vigore la versione: del SEPA Direct Debit Rulebook (SDD), SEPA Direct Debit Business to Business Rulebook (SDD B2B) sull addebito diretto, congiuntamente alle relative linee guida di attuazione CONSOB - Bilanci 2014 delle società quotate In data 19 gennaio 2015, con la Comunicazione n la Consob ha indicato alle società quotate le aree di maggior rilievo da evidenziare con particolare attenzione nei bilanci del In particolare, fra le aree più rilevanti la Comunicazione considera: - l applicazione dei principi contabili internazionali relativi alla preparazione e alla presentazione delle relazioni finanziarie consolidate (Ifrs 10 e 12). 9

10 - la rappresentazione in bilancio degli accordi a controllo congiunto (Ifrs 11 e 12); - l iscrizione e la misurazione di attività per imposte differite (Ias 12); - le verifiche per riduzione di valore delle attività non finanziarie (impairment test), con particolare riguardo agli avviamenti e alle attività immateriali a vita utile indefinita (Ias 36); La Comunicazione non ha un contenuto precettivo autonomo, in quanto non introduce alcun obbligo ulteriore, bensì richiama gli emittenti ad una puntuale ed esaustiva applicazione delle norme e dei principi contabili di riferimento considerati nella loro interezza ESMA - Aggiornate le linee guida in materia di UCITS (ETF) e AIFMD In data 9 gennaio 2015, l ESMA ha pubblicato nuovi aggiornamenti alle proprie linee guida e Questions and Answers, in relazione alla: - Direttiva UCITS (Direttiva 2009/65/EC), con particolare riferimento alla regolamentazione concernente i fondi ETF; - Direttiva AIFMD (Direttiva 2011/61/CE) BCE Raccomandazione sulla politica di distribuzione dei dividendi In data 29 gennaio 2015, la Banca Centrale Europea (BCE) ha indirizzato alle banche una raccomandazione riguardante le politiche di distribuzione dei dividendi per l esercizio finanziario 2014, nell ambito del suo obiettivo di rafforzare la sicurezza e la solidità del sistema bancario dell area dell euro. In particolare, le banche: - dovrebbero adottare una politica di distribuzione dei dividendi conservativa che tenga conto delle difficili condizioni economiche e finanziarie correnti; - che hanno registrato una carenza patrimoniale residua a seguito della valutazione approfondita del 2014 non dovrebbero distribuire dividendi; - devono continuare a rafforzare la base patrimoniale al fine di rispettare i requisiti del 2019; La vigilanza bancaria della BCE ha, inoltre, comunicato che la remunerazione variabile sarà oggetto di un analisi dettagliata nei prossimi mesi. 10

11 APPENDICE 1.1. CONSIGLIO DEI MINISTRI - Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti Il Consiglio dei Ministri del 20 gennaio 2015 ha dato il via libera al cd. Investment Compact, il pacchetto di misure finalizzato al riordino del sistema bancario, per renderlo conforme agli indirizzi europei, e al rilancio degli investimenti e allo sviluppo del credito, soprattutto per le piccole e medie imprese italiane. In particolare, il Decreto Legge 24 gennaio 2015, n. 3 (Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti) è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale n. 19 del 24 gennaio 2015 ed è entrato in vigore il 25 gennaio Attualmente il decreto è all esame del Parlamento per la conversione in legge. Nel seguito della narrativa, a carattere sommario, si dà evidenza delle principali novità contenute nel decreto legge. 1. Banche popolari (art. 1). Le banche popolari con attivo superiore agli otto miliardi di euro dovranno trasformarsi in società per azioni entro 18 mesi, mentre le altre resteranno a vocazione territoriale. L obiettivo, a detta del Governo, è quello di rafforzare il settore bancario adeguandolo allo scenario europeo, garantendo che la liquidità disponibile diventi credito per famiglie e imprese. 2. Portabilità dei conti correnti (art. 2). La disposizione prevede che le banche e i prestatori di servizi a pagamento dovranno procedere, a fronte della richiesta da parte del cliente, a trasferire il conto di pagamento senza oneri e spese di portabilità (che resteranno pertanto a carico dell istituto di credito) entro tempi definiti. Inoltre, agli intermediari si richiedei di rendere noti gli indicatori che assicurano la trasparenza informativa alla clientela, quali l'indicatore sintetico di costo e il profilo dell'utente, anche attraverso gli sportelli automatici e gli strumenti di accesso remoto ai servizi bancari. 3. Equity crowdfunding (art. 4, c. 10, lett. c) 11

12 La previsione dell art. 4, c. 10, lett. c modifica l art. 100-ter del TUF (introdotto dal Decreto Crescita n. 179/2012) consentendo alle start up innovative la raccolta di capitali di rischio tramite portali web. Con tale disposizione viene data la possibilità anche agli operatori di private equity e venture capital di raccogliere capitali sia nella forma di fondi (OICR) sia di società di capitali, a patto che gli investimenti siano prevalentemente indirizzati alle startup innovative o alle piccole e medie imprese innovative e che rimangano entro il limite massimo di raccolta fissato da Consob per le operazioni senza prospetto. 4. Sace (art. 3). Con l obiettivo di rafforzarne l attività, a supporto dell internazionalizzazione e dell export dell economia del Paese, il gruppo assicurativo-finanziario Sace sarà autorizzato a costituirsi come banca, potendo svolgere l esercizio del credito diretto. 5. Società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese (art. 7). E costituito un nuovo strumento societario, società di servizio per la patrimonializzazione e la ristrutturazione delle imprese, destinato al riequilibrio finanziario e al consolidamento industriale delle realtà imprenditoriali italiane che vivono un momento di temporanea difficoltà patrimoniale, ma aventi buone prospettive dal punto di vista industriale ed economico. La società (con finalità diverse rispetto ai Fondi strategico e italiano d investimento), sarà a capitale interamente sottoscritto dagli investitori istituzionali e professionali. 12

13 1.2. BANCA DI ITALIA/CONSOB - Pubblicate le nuove norme di recepimento della AIFMD 1 Premessa. La AIFMD (Direttiva 2011/61/CE) ha introdotto nell ordinamento comunitario un regime normativo volto a promuovere una maggiore integrazione del mercato europeo del risparmio gestito e, in particolare, degli investimenti alternativi, attraverso l armonizzazione della disciplina applicabile ai gestori (GEFIA) di fondi alternativi (FIA), e cioè di tutti quegli organismi di investimento collettivo non rientranti nell ambito di applicazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). In data 21 gennaio 2015, la Consob e la Banca d Italia hanno pubblicato sui propri siti internet le versioni definitive dei regolamenti di rispettiva competenza necessari all implementazione della citata direttiva AIFM, del Regolamento Delegato UE n. 231/2013, nonché dei Regolamenti UE n. 345/2013 (EuVECA) e 346/2013 (EuSEF). In particolare, si tratta del: 1. Regolamento congiunto Banca d Italia Consob in materia di organizzazione e controlli degli intermediari che prestano servizi di investimento e di gestione collettiva; 2. Regolamento Intermediari e Regolamento Emittenti della Consob; 3. Regolamento sulla gestione collettiva del risparmio della Banca d Italia e disciplina del depositario (autorizzazione, compiti, obblighi e responsabilità). Con la pubblicazione dei provvedimenti, si è, in parte, completato il processo di recepimento della AIFMD all interno dell ordinamento nazionale, avviato con il D.lgs. 4 marzo 2014, n. 44 (che ha apportato le necessarie modifiche al D.lgs. 24 febbraio 1998). Manca, infatti, ancora la definizione del decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze di attuazione all articolo 39 del TUF (che sostituirà il D.M. n. 228/1999), il quale prevede di identificare i criteri generali posti alla base dell attuale processo di riforma della disciplina della gestione collettiva del risparmio. 1 Clicca sui link seguenti per accedere al resoconto della consultazione, pubblicato dalle Autorità di Vigilanza (Resoconto: Regolamento sulla gestione collettiva del risparmio, Regolamento congiunto, Regolamento Intermediari e Regolamento Emittenti). Cfr. anche le osservazioni alla consultazione pubblica sullo schema di regolamento della Banca d Italia in materia di gestione collettiva del risparmio (clicca qui per accedervi) presentate dallo Studio Annunziata & Conso lo scorso 25 agosto 2014, oggetto di recepimento o di chiarimento da parte dell Autorità di Vigilanza. 13

14 E opportuno, in ogni caso, dare evidenziare di come l entrata in vigore del testo definitivo dei regolamenti di Banca d Italia e Consob avverrà solo a seguito della pubblicazione dei medesimi in Gazzetta Ufficiale e che il termine previsto per l adozione, da parte dei soggetti rientranti nell ambito di applicazione della AIFMD, di tutte le misure necessarie per rispettare le disposizioni di recepimento è stato prorogato al 30 aprile scadenza già di per sé prorogata una prima volta dal 22 luglio al 31 dicembre con il D.L. n. 192/2014 (in attesa di conversione). Le principali modifiche. Nel seguito della narrativa, a carattere sommario, si dà evidenza delle principali aree oggetto di intervento da parte della regolamentazione secondaria (Consob e Banca d Italia) di recente pubblicazione. 1. Modifiche al Regolamento Congiunto del 29 ottobre 2007 emanato dalla Banca d Italia e dalla Consob ai sensi dell art. 6 comma 2-bis del TUF (Regolamento Congiunto): - novità in materia di obblighi organizzativi che attengono alla quantità e alla qualità delle risorse umane impiegate, ai processi interni decisionali, informativi e di controllo, nonché alle procedure contabili utilizzate; - inseriti il Titolo III e l allegato 2 (il cui testo non era stato pubblicato nella fase di consultazione), dedicati alle politiche e prassi di remunerazione e incentivazione dei GEFIA (tale disciplina non si applica ai c.d. gestori sotto-soglia ). - per i c.d. gestori sotto-soglia, la normativa permette, qualora sia assicurata l adeguatezza e l efficienza del sistema dei controlli, di accentrare in un unica funzione di controllo le funzioni di gestione del rischio e di controllo della conformità e di non istituire la funzione di audit interno. Inoltre, ai medesimi gestori non si applicano le norme previste in tema di strategie di voto e deroghe sono previste in materia di conflitti di interesse e esternalizzazione delle funzioni operative essenziali. 2. Modifiche al Regolamento Consob n del 29 ottobre 2007 (Regolamento Intermediari): - le novità attengono, in via generale, alla disciplina relativa alla condotta del gestore, alla regolamentazione degli incentivi, agli obblighi previsti in tema di best execution e alla regole in tema di rendicontazioni e registrazioni. 14

15 3. Modifiche al Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 (Regolamento Emittenti): - è interessato l impianto definitorio, finalizzato all inclusione dei FIA aperti e chiusi nel quadro della disciplina, e si prevede una generale riorganizzazione della regolamentazione in tema di gestione collettiva; - gli interventi sulle norme relative agli OICVM adeguano il corpo normativo al nuovo impianto definitorio e regolamentare. 4. Modifiche al Regolamento della Banca d Italia dell 8 maggio 2012 (Regolamento sulla Gestione Collettiva del Risparmio): - meglio identificato il contenuto della riserva di attività, chiarendo le caratteristiche degli OICR oggetto del servizio di gestione collettiva del risparmio; - in materia di procedimento autorizzativo, le novità riguardano il regime autorizzativo delle SICAF (necessario ai fini dell adeguamento alla normativa primaria) e il regime previsto per l autorizzazione dei gestori sotto-soglia (con requisiti meno stringenti); - interventi sulla disciplina relativa all adeguatezza patrimoniale e al contenimento del rischio; - disposizioni specifiche riguardanti la funzione di valutazione dei beni degli OICR e di delega a terzi della valutazione del calcolo del NAV; - specifici interventi per disciplinare le ipotesi di attività transfrontaliera dei gestori, tanto in regime di libera prestazione di servizi quanto nelle ipotesi di stabilimento di succursali. - riformulata la disciplina del depositario, con particolare riferimento alla fase di assunzione dell incarico, alle previsioni riguardanti i rapporti tra il gestore e il depositario e la disciplina della responsabilità di quest ultimo; - nuove norme in materia di registrazione dei gestori di fondi EuVECA ed EuSEF, nonché sui partecipanti al capitale dei gestori (Titolo IV, Capitolo I). 15

16 1.3. IVASS Finanziamenti da parte di imprese assicurative La disciplina dei finanziamenti alle imprese ha registrato rilevanti novità a seguito dell entrata in vigore del D.L. n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività) e del Provvedimento IVASS del 21 ottobre 2014 n. 22. Il Decreto Competitività, allo scopo di rilanciare lo sviluppo delle imprese, ha apportato, in particolare, modifiche alle disposizioni del Codice delle Assicurazioni Private in materia di investimenti delle imprese di assicurazione, ampliandone la portata e regolandone le modalità operative 2. Al Provvedimento IVASS, invece, è stato affidato il compito di disciplinare le condizioni e i limiti per la concessione dei finanziamenti. Le condizioni previste per la concessione di finanziamenti da parte delle imprese di assicurazione (cfr. art. 114 TUB) concernono tre distinti profili. Al primo profilo appartengono le condizioni soggettive e oggettive che si rinvengono all interno del Regolamento ISVAP n. 36 del 2011 (come modificato dal Provvedimento IVASS n. 22/2014); al riguardo è previsto che: - i finanziamenti devono essere erogati esclusivamente in favore di soggetti diversi dalle persone fisiche e dalle microimprese (cfr. Raccomandazione 2003/361/CE); - il beneficiario del finanziamento deve essere individuato da una banca o da un intermediario finanziario iscritto nell apposito Albo di cui all art. 106 TUB; - la banca o l intermediario deve trattenere un interesse economico nell operazione di finanziamento fino alla scadenza dell operazione, pari ad almeno il 5% del finanziamento concesso; - il sistema dei controlli interni e gestione dei rischi dell impresa di assicurazione deve essere adeguato e deve consentire di comprendere a pieno i rischi, in particolare di credito, connessi a tale categoria di attivi; - l impresa di assicurazione deve essere dotata di un adeguato livello di patrimonializzazione. 2 Per completezza si segnala che anche altri soggetti sono entrati a far parte del novero di quegli operatori ai quali il Decreto Competitività riconosce la facoltà di erogare - nel rispetto di determinate condizioni -, finanziamenti in favore delle imprese; si tratta, segnatamente, delle società di cartolarizzazione dei crediti e degli organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR). 16

17 Il secondo profilo è di natura procedurale: le imprese di assicurazione che intendono erogare credito devono adottare una delibera quadro avente ad oggetto la politica degli investimenti. Le imprese di assicurazione che vogliono, invece, investire i propri attivi in finanziamenti diretti, dovranno prevedere altresì un piano dei finanziamenti. Sotto il profilo squisitamente tecnico, i finanziamenti diretti all impresa, in cui il prenditore sia selezionato da una banca o da un intermediario finanziario (ma si ritiene che l impresa di assicurazione possa erogare il credito anche singolarmente), sono suddivisi in tre classi in ragione del ricorrere di determinati requisiti. A ciascuna classe corrispondono dei limiti percentuali massimi di finanziamento delle riserve tecniche imposti alle compagnie di assicurazione. Da ultimo, si osserva come il quadro di vigilanza sulle imprese di assicurazione sia stato modificato in conseguenza dell ampliarsi della loro operatività e dei rischi connessi. È pertanto previsto che le imprese di assicurazione abilitate alla concessione di finanziamenti siano tenute, al pari delle banche e degli intermediari finanziari, ad inviare a Banca d Italia le segnalazioni periodiche ed ogni altro documento richiesto, nonché a partecipare alla Centrale dei Rischi della Banca d Italia. 17

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 Marzo 2011 Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 1. Perché un programma di attività normativa? Far

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Testo Unico Bancario. Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385

Testo Unico Bancario. Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia. Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 Testo Unico Bancario Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia Versione aggiornata al decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169 ottobre 2012

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE

PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PRINCIPALI INTERVENTI NORMATIVI AGLI STRUMENTI NAZIONALI DI INCENTIVAZIONE ALLE IMPRESE Guida ragionata delle disposizioni normative Commissione Attività

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli