REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE"

Transcript

1 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 17 di data Entrato in vigore il IL SEGRETARIO GENERALE M.Flavia Brunelli IL SINDACO Giuliano Pellegrini 0

2 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento contempla e disciplina le occupazioni di spazi ed aree pubbliche o private soggette a servitù di pubblico passaggio di cui al Capo II, articoli da 38 a 57, del Decreto Legislativo n.507 e successive modificazioni ed integrazioni. ART. 2 GESTIONE DEL SERVIZIO 1. Il Comune può scegliere se gestire direttamente la tassa di cui al presente Regolamento, ovvero affidarla a soggetto esterno (concessionario) ai sensi dell art. 53 del D.Lgs. n. 446/ Il concessionario è scelto tra i soggetti iscritti all Albo di cui all art. 53 del D.Lgs. n. 446/1997, secondo le modalità di cui al Decreto Ministeriale n. 289/2000. ART. 3 FUNZIONARIO RESPONSABILE 1. Nel caso di gestione diretta il Comune designa un Funzionario cui sono attribuiti i poteri ed i compiti per l esercizio di ogni attività organizzativa e gestionale della tassa. Il predetto funzionario sottoscrive anche le richieste, gli avvisi, i provvedimenti relativi e dispone i rimborsi. 2. Il Comune è tenuto a comunicare alla Direzione centrale per la fiscalità locale del Ministero dell Economia e delle Finanze il nominativo del funzionario responsabile entro sessanta giorni dalla sua nomina. 3. Nel caso di gestione in concessione, le attribuzioni di cui al presente articolo spettano al concessionario. Al concessionario stesso incombono inoltre gli obblighi previsti dal presente Regolamento, nonché la comunicazione al Ministero di cui al quarto comma del presente articolo. ART. 4 SOGGETTI PASSIVI DELLA TASSA 1. La tassa è dovuta dal titolare dell'atto di concessione o di autorizzazione o, in mancanza, dell'occupante di fatto, anche abusivo, in proporzione alla superficie effettivamente occupata sottratta all'uso pubblico. ART. 5 OCCUPAZIONI SOGGETTE A TASSA 1. Conformemente a quanto stabilito dal Decreto Legislativo n. 507 del 15 novembre 1993 sono soggette alla tassa le occupazioni di qualsiasi natura, effettuate, anche senza titolo, 1

3 nelle strade, nei corsi, nelle piazze e, comunque, sui beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune. 2. Sono parimenti soggette alla tassa le occupazioni di spazi sovrastanti al suolo pubblico di cui al comma precedente con esclusione dei balconi, verande, bow-windows e simili infissi di carattere stabile, nonché le occupazioni sottostanti il suolo medesimo, comprese quelle poste in essere con condutture e impianti di servizi pubblici gestiti in regime di concessione amministrativa. 3. Non sono considerate occupazioni soggette a tassazione le soste inferiori all'ora. 4. La tassa si applica altresì alle occupazioni realizzate sui tratti di aree private sulle quali risulta costituita, nei modi e nei termini di legge, la servitù di pubblico passaggio. 5. Sono escluse dalla tassa le occupazioni di aree appartenenti al patrimonio disponibile del Comune. 6. Per le occupazioni abusive il relativo trattamento tributario verrà stabilito in base alla configurazione oggettiva dell'occupazione stessa. ART. 6 TARIFFA PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA Per ciascuna occupazione la tassa è applicata secondo le tariffe di cui all allegato A) del presente regolamento. ART. 7 OCCUPAZIONI PERMANENTI O TEMPORANEE 1. Le occupazioni di spazi ed aree pubbliche sono permanenti o temporanee. a. Sono permanenti le occupazioni di carattere stabile effettuate a seguito del rilascio di un atto di concessione, aventi comunque durata non inferiore all'anno, comportino o meno l'esistenza di manufatti o impianti. b. Sono temporanee le occupazioni di durata inferiore all'anno. 1. Per le occupazioni che, di fatto, si protraggano per un periodo superiore a quello consentito originariamente, ancorché uguale o superiore all'anno, si applica la tariffa dovuta per le occupazioni temporanee di carattere ordinario aumentata del 20 per cento. ART. 8 GRADUAZIONE E DETERMINAZIONE DELLA TASSA 1. Ai fini della graduazione della tassa a seconda dell'importanza dell'area sulla quale insiste l'occupazione, le strade, gli spazi e le altre aree pubbliche di cui al precedente art. 5 sono classificate in n. 2 categorie. La classificazione è quella prevista all allegato B) del presente regolamento ai sensi dell art. 42 comma 3, del D. Lgs , n. 507, e successive modificazioni e integrazioni. 2. La misura della tassa corrispondente alla seconda categoria viene ridotta del 10% rispetto a quella deliberata per la prima. 3. La tassa è comunque commisurata alla superficie occupata, espressa in metri quadrati o in metri lineari. 4. Le frazioni inferiori al metro quadrato o al metro lineare sono calcolate con arrotondamento alla misura superiore. 2

4 5. Nel caso di più occupazioni, anche della stessa natura, di misura inferiore al metro quadrato o al metro lineare, la tassa si determina autonomamente per ciascuna di esse. 6. Le occupazioni temporanee di cui all'articolo 15 del presente regolamento, effettuate nell'ambito della stessa categoria prevista al precedente comma 1) ed aventi la medesima natura, sono calcolate cumulativamente con arrotondamento al metro quadrato. 7. Le superfici eccedenti i mille metri quadrati per le occupazioni sia temporanee che permanenti, verranno calcolate in regione del 10 per cento. ART. 9 ESENZIONI DALLA TASSA 1. A norma dell'articolo 49 del Decreto Legislativo n. 507 sono esenti dal pagamento della tassa: a. le occupazioni effettuate dallo Stato, dalle Regioni, Provincie, Comuni e loro consorzi, da enti religiosi per l'esercizio di culti ammessi dallo Stato, da enti pubblici di cui all'art. 87, comma 1 - lettera c), del Testo unico delle imposte sui redditi, approvato con Decreto del Presidente della Repubblica n. 917, per finalità specifiche di assistenza, previdenza, sanità, educazione, cultura e ricerca scientifica; b. le tabelle indicative delle stazioni e fermate e degli orari dei servizi pubblici di trasporto, nonché le tabelle che interessano la circolazione stradale, purché non contengano indicazioni di pubblicità, gli orologi funzionanti per la pubblica utilità, sebbene di privata pertinenza purché privi di qualsiasi messaggio pubblicitario, le aste delle bandiere; c. le occupazioni da parte delle vetture destinate al servizio di trasporto pubblico di linea in concessione nonché di vetture a trazione animale durante le soste o nei posteggi ad esse assegnati; d. le occupazioni occasionali di durata non superiore a quella stabilita nei regolamenti di polizia locale e le occupazioni determinate dalla sosta dei veicoli per il tempo necessario al carico e scarico delle merci; e. le occupazioni con impianti adibiti ai servizi pubblici nei casi in cui ne sia prevista all'atto della concessione o successivamente, la devoluzione gratuita al Comune al termine della concessione medesima; f. le occupazioni di aree cimiteriali; 2. Ai sensi dell'articolo 3 comma 63 della L. n. 549/1995, sono parimenti esenti dal pagamento della tassa le occupazioni effettuate a mezzo di passi carrabili. ART. 10 RICHIESTA E RILASCIO DELLA CONCESSIONE O AUTORIZZAZIONE 1. Le concessioni di occupazioni di cui al presente regolamento, sono subordinate all'osservanza delle norme qui contenute, delle norme e regolamento di polizia locale, di igiene ed edilizia e del codice della strada. 2. Esse sono sempre revocabili. 3. Le occupazioni del sottosuolo non possono essere revocate se non per necessità dei pubblici servizi. 4. Chiunque intenda occupare in via permanente o temporanea il suolo pubblico, soprassuolo e sottosuolo di una pubblica area, o di area privata soggetta a servitù pubblica, deve farne 3

5 richiesta in carta legale al Sindaco. La domanda deve contenere le generalità complete, la residenza e il codice fiscale del richiedente, l ubicazione dettagliata del suolo o spazio che si desidera occupare, le esatte misure e la durata dell occupazione, le modalità dell uso, nonché la dichiarazione che il richiedente è disposto a sottostare a tutte le condizioni contenute nel presente regolamento, e a tutte le altre norme che l autorità comunale intendesse prescrivere in relazione alla domanda prodotta ed a tutela del pubblico transito e della pubblica proprietà. 5. Qualora l occupazione comporti opere che rivestono carattere di particolare importanza, la domanda dovrà essere corredata da disegni e grafici, con le relative misure, atti ad identificarne l opera stessa. Dovranno inoltre essere prodotti tutti i documenti che saranno richiesti ai fini dell esame e della decisione sull istanza. 6. La richiesta, dopo essere stata sottoposta al parere dei competenti uffici comunali, sarà esaminata dall autorità comunale competente, la quale accertata la sussistenza dei requisiti prescritti rilascerà apposito atto di concessione. 7. Nell atto di concessione o autorizzazione sono indicate: la durata dell occupazione, la misura dello spazio concesso e le condizioni alle quali è subordinata. 8. La concessione o autorizzazione non può essere né in parte né in toto ceduta o subconcessa dal titolare richiedente. 9. Può essere consentita la voltura a giudizio insindacabile dell'amministrazione comunale, previa domanda di cambiamento di intestazione. 10. In caso di presentazione di più domande per la stessa area, a parità di condizioni, la priorità di presentazione costituisce preferenza, così come la richiesta di titolari di negozi che chiedono la concessione dello spazio antistante il negozio stesso, per l'esposizione della merce. 11. L'atto di concessione all'occupazione non implica da solo che il richiedente sia legittimato a dare esecuzione all'occupazione, dovendo procurarsi a sua cura e responsabilità eventuali licenze ed autorizzazioni prescritte (commerciali, di pubblica sicurezza, edilizia, ecc.) e che a richiesta dovrà esibire. 12. In particolare, qualora richiesto dal tipo di occupazione l'amministrazione comunale potrà prevedere appositi canoni, cauzioni, nonché disciplinari ai sensi e termini di legge. ART. 11 REVOCA DI CONCESSIONI O AUTORIZZAZIONI 1. La revoca di concessioni o autorizzazioni concernente l'utilizzazione del suolo pubblico è sempre possibile e dà diritto alla restituzione della tassa pagata in anticipo, senza interessi, riferito all'eventuale periodo non usufruito. 2. Il Comune ha la facoltà di revocare le accordate concessioni quando le occupazioni arrechino disturbo alla circolazione dei veicoli o danni a terzi o per motivi di ordine pubblico. 3. In particolare la revoca viene disposta per i seguenti motivi: a. quando il concessionario o i suoi dipendenti tengano contegno offensivo alla decenza o arrechino disturbo alla quiete pubblica; b. quando il concessionario ceda ad altri l'uso dello spazio a lui assegnato senza l'autorizzazione dell'amministrazione comunale; c. quando il concessionario danneggi l'area avuta in concessione; 4. Il mancato pagamento della tassa dovuta per qualunque tipo di occupazione comporta, oltre l'applicazione delle sanzioni previste dal presente regolamento, la revoca della concessione o autorizzazione, trascorsi 5 giorni dalla data di ricevimento della diffida di mancato 4

6 pagamento notificata a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento al titolare della concessione o autorizzazione. Nel caso di occupazione di aree adibite a pubblico mercato da parte di utenti che non abbiano ottenuto regolare atto autorizzativo, il mancato pagamento comporterà l immediato allontanamento dallo stesso. 5. Comporta altresì la revoca della concessione o autorizzazione il mancato rispetto o adeguamento alle norme previste dai regolamenti comunali vigenti. ART. 12 DENUNCIA E VERSAMENTO DELLA TASSA 1. Per le occupazioni permanenti di suolo pubblico, i soggetti di cui all'art. 4 del presente regolamento, devono presentare apposita denuncia entro trenta giorni dalla data del rilascio dell'atto di concessione e, comunque non oltre il 31 dicembre dell'anno di rilascio della concessione medesima. La denuncia va effettuata utilizzando gli appositi modelli all'uopo predisposti dagli uffici comunali competenti; la denuncia deve contenere gli elementi identificativi del contribuente, gli estremi dell'atto di concessione, la superficie occupata, la misura di tariffa corrispondente, l'importo complessivo dovuto. Negli stessi termini deve essere effettuato il versamento della tassa dovuta per l'intero anno di rilascio della concessione. L'attestato del versamento deve essere allegato alla denuncia ed i relativi estremi trascritti nella denuncia stessa. 2. L'obbligo della denuncia, nei modi e nei termini di cui al comma precedente, non sussiste per gli anni successivi a quello di prima applicazione della tassa, sempreché non si verifichino variazioni nella occupazione che determinino un maggiore ammontare del tributo. In mancanza di variazioni nelle occupazioni, il versamento della tassa deve essere effettuato nel mese di gennaio, utilizzando l'apposito modulo di conto corrente postale all'uopo predisposto. 3. Il pagamento della tassa deve essere effettuato mediante versamento a messo di conto corrente postale intestato al Comune ovvero direttamente presso la Tesoreria comunale con modalità che verranno stabilite con apposito decreto del Ministro delle finanze, ovvero, in caso di affidamento in concessione, al suo concessionario anche mediante conto corrente postale, con arrotondamento all euro per difetto se la frazione non è superiore ai 50 centesimi o per eccesso se è superiore. 4. Per le occupazioni di cui all'art. 15 del presente regolamento, il versamento deve essere effettuato nel mese di gennaio di ciascun anno. Per le variazioni in aumento verificatesi nel corso dell'anno, la denuncia anche cumulativa e il versamento possono essere effettuati entro il 30 giugno dell'anno successivo. 5. Per le occupazioni temporanee l'obbligo della denuncia è assolto con il pagamento della tassa e la compilazione del modulo di versamento di cui al comma 3 del presente articolo, da effettuarsi non oltre il termine previsto per le occupazioni medesime. Qualora le occupazioni non siano connesse ad alcun previo atto dell'amministrazione comunale, il pagamento della tassa può essere effettuato senza la compilazione del suddetto modulo, mediante versamento diretto. Lo stesso, da parte del soggetto passivo dovrà essere effettuato direttamente al personale incaricato della riscossione, sia dipendente del Comune che incaricato dalla concessionaria in caso di gestione appaltata, il quale provvederà a rilasciare regolare quietanza 5

7 distaccandola da apposito bollettario numerato contenente copia originale e la figlia che rimarrà attaccata al bollettario stesso. 6. Sono escluse dall'obbligo della denuncia e dalla compilazione del previsto modello di versamento, di cui al comma 3 del presente articolo, le occupazioni poste in essere in occasione di fiere, festeggiamento e mercati. Per tali fattispecie la riscossione avverrà in forma diretta ai sensi del comma precedente. ART. 13 OCCUPAZIONI PERMANENTI: COMMISURAZIONE 1. L a tassa è dovuta per anni solari a ciascuno dei quali corrisponde un'obbligazione tributaria autonoma. 2. Essa è commisurata alla superficie occupata e si applica sulla base delle misure di tariffa stabilite. 3. Per le occupazioni di spazi soprastanti e sottostanti il suolo la tariffa è ridotta del 50%. 4. Per le occupazioni con tende, fisse o retrattili, aggettanti direttamente sul suolo pubblico, la tariffa è ridotta al 30%. ART. 14 AUTOVETTURE PER TRASPORTO PUBBLICO Per le occupazioni permanenti con autovetture adibite a trasporto pubblico nelle aree a ciò destinate, la tassa va commisurata alla superficie dei singoli posti assegnati. ART. 15 OCCUPAZIONI DI SOPRASSUOLO E SOTTOSUOLO 1. Le occupazioni del soprassuolo e sottosuolo di cui all art. 46 del D. L.gs. 507/1993 sono tassate con i criteri indicati nei seguenti commi. 2. La tassa per le occupazioni del sottosuolo e soprassuolo stradale con condutture, cavi e impianti in genere ed altri manufatti destinati all'esercizio ed alla manutenzione delle reti di erogazione di pubblici servizi, compresi quelli posti sul suolo e collegati alle reti stesse, è determinata forfettariamente in base al numero di utenze relative a ciascuna azienda, di erogazione del pubblico servizio, per ciascun servizio erogato, così come riportato nell allegato A) del presente regolamento. 3. Per l occupazione permanente con seggiovie e funivie è dovuta nella misura stabilita nell allegato A) del presente regolamento, come da art. 47 comma 3 del D. Lgs. 507/1993. ART. 16 DISTRIBUTORI DI CARBURANTI 1. Per l impianto ed esercizio di distributori di carburanti e dei relativi serbatoi sotterranei e la conseguente occupazione del suolo e sottosuolo comunale, è dovuta una tassa annua di cui all allegato A) del presente regolamento, con l applicazione dei criteri indicati nell art. 48, commi da 1 a 6, del D. Lgs. n. 507/

8 ART. 17 APPARECCHI AUTOMATICI PER LA DISTRIBUZIONE DEI TABACCHI 1. Per l'impianto e l'esercizio di apparecchi automatici per la distribuzione dei tabacchi e la conseguente occupazione del suolo o soprassuolo pubblico è dovuta una tassa annua nella misura indicata nell allegato A) del presente regolamento, con l applicazione dei criteri indicati all'art. 48, comma 7, del D. Lgs n. 507/1993. ART. 18 CONCESSIONI PER OCCUPAZIONI TEMPORANEE IN GENERE 1. Per ottenere la concessione di occupazione temporanea di suolo pubblico o privato soggetto a servitù di pubblico passaggio si osservano le modalità di cui all'articolo n. 10 del presente regolamento. 2. In ogni caso i concessionari sono tenuti ad osservare i regolamenti di polizia municipale e della circolazione stradale, nonché gli ordini del servizio di vigilanza urbana nei riguardi della disciplina del collocamento delle merci, dei materiali e dei banchi di vendita nei pubblici mercati e fiere. 3. Nessun diritto di preferenza può essere invocato dai vari richiedenti, salvo per i negozianti per la concessione dello spazio antistante il proprio esercizio. 4. La concessione si intende ad ogni effetto precaria e come tale sempre revocabile, ne è vietata la subconcessione. ART. 19 OCCUPAZIONI TEMPORANEE: DISCIPLINA E TARIFFE 1. Per le occupazioni temporanee la tassa è commisurata alla superficie occupata ed è graduata, nell'ambito delle categorie previste all'art. 8 del presente regolamento, in rapporto alla durata delle occupazioni medesime. 2. L occupazione di durata non inferiore a 15 giorni comporta l applicazione della tariffa ridotta del 50%. Per le occupazioni temporanee di durata non inferiore ad un mese o che si verifichino con carattere ricorrente comporta la stipula di apposita convenzione, con pagamento anticipato, e la riduzione della tariffa del 50 per cento. Le due riduzioni non sono cumulabili tra loro. 3. Per occupazioni di durata inferiore alle dodici ore giornaliere si applica la tariffa giornaliera ridotta del 30%. Per le occupazioni superiori alle dodici ore giornaliere si applica la tariffa intera a giorno a metro quadro. 4. Per le occupazioni di tende e simili, la tariffa è ridotta al 30%. Ove le tende siano poste a copertura di banchi di vendita nei mercati o, comunque, di aree pubbliche già occupate, la tassa va determinata con riferimento alla sola parte di esse eventualmente sporgente dai banchi o dalle aree medesime. 5. Per le occupazioni effettuate in occasione di fiere o festeggiamenti, la tariffa di cui al precedente comma 3 è aumentata del 50%, con esclusione di quelle realizzate con installazione di attrazioni, giochi e divertimenti dello spettacolo viaggiante. 7

9 6. Per le occupazioni poste in essere con installazioni di attrazioni, giochi e divertimenti dello spettacolo viaggiante, la tariffa di cui al comma 3 del presente articolo è ridotta dell'80%. 7. Per le occupazioni temporanee di cui all articolo 46 del D. Lgs. 507/1993, la tariffa è ridotta del 50%. 8. Per le occupazioni temporanee realizzate in occasione di manifestazioni politiche, culturali o sportive la tariffa di cui al comma 3 del presente articolo è ridotta dell'80%. 9. Per le occupazioni con autovetture di uso privato realizzate su aree a ciò destinate, la tassa va determinata con tariffa ordinaria. 10. Per le occupazioni realizzate da venditori ambulanti, pubblici esercizi o da produttori agricoli che vendono direttamente i loro prodotti, la tariffa è ridotta del 50%. 11. Per le occupazioni soprastanti e sottostanti il suolo, la tariffa è ridotta del 50%. 12. Le tariffe per le occupazioni realizzate per l'esercizio dell'attività edilizia risultano ridotte del 50%. ART. 20 ACCERTAMENTI, RIMBORSI E RISCOSSIONI COATTIVE 1. Gli accertamenti, i rimborso e le riscossioni coattive vengono effettuati seguendo le procedure indicate all'art. 51 del D.Lgs , n ART. 21 SANZIONI E INTERESSI 1. Per i casi di omessa o infedele denuncia si applicano le sanzioni previste dall articolo 53 del D. Lgs. 507/1993 e successive modificazioni. 2. Per i casi di omesso, tardivo o parziale versamento si applicano le sanzioni previste dall articolo 13 del D. Lgs. 471/ Sulle somme dovute a titolo di tassa gli interessi si applicano nella misura e con le modalità previste dalla normativa vignte. ART. 22 RINVIO AD ALTRE DISPOSIZINI 1. Per quanto non espressamente indicato nel presente Regolamento si rimanda alle norme contenute nel D. Lgs , n. 507, nonché alle speciali norme vigenti in materia. 8

10 ALLEGATO A) TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TARIFFE (Ai sensi e per gli effetti del D. Lgs , n. 507) OCCUPAZIONI PERMANENTI (Art ) Tariffa base occupazioni suolo Area categoria 1 Area categoria 2 20,00 18,00 - Per le occupazioni di spazi soprastanti o sottostanti il suolo, la tariffa è ridotta del 50%. - Per le occupazioni con tende fisse o retrattili, la tariffa è ridotta al 30% (riduzione del 70%). - Per le occupazioni con condutture cavi e impianti di erogazione di pubblici servi la tariffa è di 0,775.per ciascuna utenza (tariffa annualmente rivalutata in base all indice ISTAT dei prezzi al consumo rilevato al 31 dicembre dell anno precedente), in ogni caso l ammontare complessivo non può essere inferiore ad 516,46. Occupazione con seggiovie o funivie Area categoria 1 Area categoria 2 - fino ad un massimo di 5 km lineari 80,00 72,00 - maggiorazione per ogni km o frazione superiore a km 5 12,00 10,80 Distributori di carburante Tariffa da applicarsi in relazione alla superficie occupata Area categoria 1 Area categoria 2 35,00 31,50 Area categoria 1 Area categoria 2 Apparecchi automatici distribuzione tabacchi Tassa annuale per apparecchio 12,00 10,80 9

11 OCCUPAZIONI TEMPORANEE (Art ) Area categoria 1 Area categoria 2 Tariffa base giornaliera 1,11 1,00 Fascia Oraria: - occupazione di durata inferiore alle 12 ore: riduzione del 30% - occupazione di durata superiore alle 12 ore: tariffa intera - Per le occupazioni di durata non inferiore a 15 giorni, la tariffa è ridotta del 50%. - Per le occupazioni con tende e simili, la tariffa è ridotta al 30% (riduzione del 70%). - Per le occupazioni di spazi soprastanti o sottostanti il suolo, la tariffa è ridotta del 50%. - Per le occupazioni in occasione di fiere e festeggiamenti, con esclusione di quelle realizzate con installazioni e divertimenti dello spettacolo viaggiante, la tariffa è aumentata del 50%. - Per le occupazioni realizzate da venditori ambulanti, pubblici esercizi e da produttori agricoli che vendono direttamente il loro prodotto, la tariffa è ridotta del 50%. - Per le occupazioni poste in essere con installazioni di attrazioni, giochi e divertimenti dello spettacolo viaggiante, la tariffa è ridotta dell 80%. - Le tariffe per le occupazioni per i fini di cui all articolo 46 del D. Lgs. 507/1993 (occupazioni di sottosuolo e soprassuolo) sono ridotte del 50%. - Per le occupazioni realizzate per l esercizio dell attività edilizia, la tariffa è ridotta del 50%. - Per le manifestazioni politiche, culturali, sportive, religiose, la tariffa è ridotta dell 80%. - Per le occupazioni di durata non inferiore a 30 giorni o che si verifichino con carattere ricorrente, per le quali è disposta la riscossione mediante convenzione, la tariffa è ridotta del 50%. Area categoria 1 Area categoria 2 Occupazione di carattere temporaneo di cui all articolo 47 comma 5 (soprassuolo e sottosuolo) Fino a km lineari 1 e di durata 15,00 13,50 non superiore ai 30 giorni a) per le occupazioni superiori al km lineare, la tariffa è aumentata del 50%; b) per le occupazioni di durata superiore ai 30 giorni fino ai 90 giorni la tariffa è maggiorata del 30%; c) per le occupazioni di durata superiore ai 90 giorni fino ai 180 giorni la tariffa è maggiorata del 50%; d) per le occupazioni di durata superiore ai 180 giorni la tariffa è maggiorata del 100%. 10

12 ALLEGATO B) TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CLASSIFICAZIONE STRADE E AREE PUBBLICHE 1^ CATEGORIA: Sono classificate in questa categoria le strade e aree pubbliche che si trovano all interno del perimetro del centro storico come definiti dai rispettivi piani regolatori ( in allegato gli estratti dei vari piani regolatori). 2^ CATEGORIA: Sono classificate in questa categoria le strade e aree pubbliche che si trovano al di fuori del perimetro centro storico come definiti dai rispettivi piani regolatori 11

13 INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento pag. 1 Art. 2 Gestione del servizio pag. 1 Art. 3 Funzionario Responsabile pag. 1 Art. 4 Soggetti passivi della tassa pag. 1 Art. 5 Occupazioni soggette a tassa pag. 1 Art. 6 Tariffa per l applicazione della tassa pag. 2 Art. 7 Occupazioni permanenti o temporanee pag. 2 Art. 8 Graduazione e determinazione della tassa pag. 2 Art. 9 Esenzioni dalla tassa pag. 3 Art. 10 Richiesta e rilascio della concessione o dell autorizzazione pag. 3 Art. 11 Revoca di concessione o autorizzazione pag. 4 Art. 12 Denuncia e versamento della tassa pag. 5 Art. 13 Occupazioni permanenti: commisurazione pag. 6 Art. 14 Autovetture per trasporto pubblico pag. 6 Art. 15 Occupazioni di soprassuolo e sottosuolo pag. 6 Art. 16 Distributori di carburanti pag. 6 Art. 17 Apparecchi automatici per la distribuzione dei tabacchi pag. 7 Art. 18 Concessioni per occupazioni temporanee in genere pag. 7 Art. 19 Occupazioni temporanee: disciplina e tariffe pag. 7 Art. 20 Accertamenti, rimborsi e riscossioni coattive pag. 8 Art. 21 Sanzioni e interessi pag. 8 Art. 22 Rinvio ad altre disposizioni pag. 8 ALLEGATO A) TOSAP TARIFFE pag. 9 ALLEGATO B) TOSAP CLASSIFICAZIONE STRADE E AREE PUBBLICHE pag

COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO UFFICIO TRIBUTI TARIFFE 2013 1 DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507) (Allegato alla deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI

PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI C.O.S.A.P. CANONE OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE (Art. 63, D.L.gs. 15 dicembre 1997, n. 446) Tabella A TARIFFE Con effetto dal

Dettagli

COMUNE DI RONCHI DEI LEGIONARI. Ufficio Tributi TARIFFE T.O.S.A.P. OCCUPAZIONI PERMANENTI Tariffe annuali

COMUNE DI RONCHI DEI LEGIONARI. Ufficio Tributi TARIFFE T.O.S.A.P. OCCUPAZIONI PERMANENTI Tariffe annuali TARIFFE T.O.S.A.P. OCCUPAZIONI PERMANENTI Tariffe annuali OCCUPAZIONI DEL SUOLO COMUNALE (Tavolini, fioriere, ecc.) Categoria Importo I 33.05/mq. II 29.74/mq OCCUPAZ. DI SPAZI SOVRASTANTI E SOTTOSTANTI

Dettagli

VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP

VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP COMUNE DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP La tassa per l'occupazione di suolo pubblico è dovuta per l'occupazione, temporanea o permanente, di tutti gli spazi

Dettagli

COMUNE DI GHEDI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GHEDI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GHEDI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera del Consiglio Comunale: - n. 72 del 22 dicembre 1998 Variato con delibere del

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. Allegato A TARIFFA DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE ANNO 2015

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. Allegato A TARIFFA DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE ANNO 2015 Allegato A TARIFFA DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE ANNO 2015 PARTE I OCCUPAZIONI PERMANENTI O TEMPORANEE CRITERI DI DISTINZIONE GRADUAZIONE E DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA - SUPERFICIE

Dettagli

Comune di Piana di Monte Verna. Provincia di Caserta R E G O L A M E N T O TASSA PER L OCCUPAZIONE DEL SUOLO E DELLE AREE PUBBLICHE

Comune di Piana di Monte Verna. Provincia di Caserta R E G O L A M E N T O TASSA PER L OCCUPAZIONE DEL SUOLO E DELLE AREE PUBBLICHE Comune di Piana di Monte Verna Provincia di Caserta R E G O L A M E N T O TASSA PER L OCCUPAZIONE DEL SUOLO E DELLE AREE PUBBLICHE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 52 del 18.07.1994) ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO PRIMO AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE Sommario Art. 1 - Istituzione del canone per l occupazione strade, aree e spazi pubblici... Art. 2 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI LAURIA. Provincia di Potenza. CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP D.Lgs 15/11/1997, n. 446

COMUNE DI LAURIA. Provincia di Potenza. CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP D.Lgs 15/11/1997, n. 446 CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP D.Lgs 15/11/1997, n. 446 Il Canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche COSAP -è disciplinato dal D. Lgs. 15/11/1997, n. 446, e s.m.i.,

Dettagli

Comune di Fuipiano Valle Imagna

Comune di Fuipiano Valle Imagna Comune di Fuipiano Valle Imagna REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 24.06.2005 1 Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 24 del 01.08.2013-1 - COMUNE DI USMATE VELATE (Provincia

Dettagli

COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera commissariale n.16 del 12/02/2008

Dettagli

Tipologia Tariffa annua Tariffa giornaliera. Insegne d esercizio non luminose 11.40 0.83. Insegne d esercizio luminose 33 1.03. Preinsegne 11.40 0.

Tipologia Tariffa annua Tariffa giornaliera. Insegne d esercizio non luminose 11.40 0.83. Insegne d esercizio luminose 33 1.03. Preinsegne 11.40 0. Allegato A Tariffe Canone Pubblicità (Delibera di C.C. n. 8 del 13/02/2002) L importo delle seguenti tariffe è calcolato per ciascun metro quadro di superficie occupata dal messaggio. Se la superficie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO Approvato con deliberazione del C.C. n. 45 del 24/03/2011 INDICE Art. 1 Canone di Concessione non ricognitorio Art. 2 - Superficie

Dettagli

PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA. D.Lgs. 15 NOVEMBRE 1993, n 507

PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA. D.Lgs. 15 NOVEMBRE 1993, n 507 COMUNE DI BARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA D.Lgs. 15 NOVEMBRE 1993, n 507 e successive modificazioni ed integrazioni In vigore

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE O SOGGETTE A SERVITU' DI PUBBLICO PASSAGGIO

R E G O L A M E N T O PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE O SOGGETTE A SERVITU' DI PUBBLICO PASSAGGIO Comune di BRUSASCO Prov. di TORINO R E G O L A M E N T O PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE O SOGGETTE A SERVITU' DI PUBBLICO PASSAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO

COMUNE DI CORBETTA CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNE DI CORBETTA CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO Approvato con deliberazione C.C. n. 163 del 30.11.1998 modificato con deliberazioni C.C.: n. 26 del 1.3.1999; n. 102 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO Approvato con deliberazione di C.C. n. 20 del 18 /07 /2013 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il

Dettagli

COMUNE DI AVIGLIANO UMBRO (Provincia di Terni) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI AVIGLIANO UMBRO (Provincia di Terni) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI AVIGLIANO UMBRO (Provincia di Terni) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 28.10.1998

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA (Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato A) alla delibera del consiglio comunale n. 28 del 27/4/2007 COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

Dettagli

TARIFFE COSAP Aggiornamento - Deliberazione Commissario Straordinario n. 48 del 05.03.2010 (a decorrere dal 01.01.2010)

TARIFFE COSAP Aggiornamento - Deliberazione Commissario Straordinario n. 48 del 05.03.2010 (a decorrere dal 01.01.2010) TARIFFE COSAP Aggiornamento - Deliberazione Commissario Straordinario n. 48 del 05.03.2010 (a decorrere dal 01.01.2010) OGGETTO UNITA DI MISURA TARIFFA EURO TARIFFA OCCUPAZIONI PERMANENTI DI SUOLO, SOTTOSUOLO

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Servizio Fiscalità Locale Riscossione Coattiva Entrate Catasto

COMUNE DI NOVARA Servizio Fiscalità Locale Riscossione Coattiva Entrate Catasto COMUNE DI NOVARA Servizio Fiscalità Locale Riscossione Coattiva Entrate Catasto REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE T.O.S.A.P. Approvato con deliberazione

Dettagli

CITTA DI NOVATE MILANESE

CITTA DI NOVATE MILANESE CITTA DI NOVATE MILANESE Provincia di Milano Area Gestione Sviluppo del Territorio Via V. Veneto 18 PEC: comune.novatemilanese@legalmail.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE

Dettagli

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera C.C. n.. 46 del 07.08.2013 - INDICE ART. 1) ART. 2)

Dettagli

COMUNE DI PONTE LAMBRO

COMUNE DI PONTE LAMBRO COMUNE DI PONTE LAMBRO Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE O SOGGETTE A SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO APPROVATO DEL

Dettagli

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ C O M U N E D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione. 1. La pubblicità esterna effettuata nell ambito del Comune

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA - 1 - COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA Deliberazioni consiliari n. 23/1994, n. 63/2000 e 146/2001

Dettagli

NORMATIVA GENERALE COSAP

NORMATIVA GENERALE COSAP NORMATIVA GENERALE COSAP La disciplina del canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche, (C.O.S.A.P.), è contenuta nell art. 63 del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446. Le Province hanno la facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CITTA DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato C) alla deliberazione di Consiglio Comunale N. 9 del 15 febbraio

Dettagli

COMUNE DI POLISTENA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI POLISTENA Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Approvato con delibera C.C. n. 37 del 14-10-2013 P a g i n a 2 Sommario ART. 1

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO Approvato con deliberazione C.C. n. 68. del 27.11.1998, modificato con delibera di C.C. n. 11 del

Dettagli

C O M U N E DI ACCETTURA Provincia di Matera

C O M U N E DI ACCETTURA Provincia di Matera C O M U N E DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE Deliberazione C.C. n. 12 del 30/04/2010 1 INDICE Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI ENTRATE PATRIMONIALI CAPO I CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Art. 1 - Canone di Concessione non ricognitorio Le seguenti tipologie di concessioni

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Articolo 27, commi 5, 7 e 8, del D.Lgs n. 285 del 30 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO. Allegato alla deliberazione di C.C. n.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO. Allegato alla deliberazione di C.C. n. Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2008 norma 7.3.3 Certificato CSQ N. 9159.CMPD del 27/05/2010 T P51 MD01 Rev. 3 www.comune.paderno-dugnano.mi.it Processo trasversale a tutti i settori REGOLAMENTO

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 del 20/09/2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento Comunale PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento Comunale PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento Comunale PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE 1 I N D I C E Art. 1 Ambito e finalità del regolamento Art. 2 Distinzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione del CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione del CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI OSIO SOTTO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione del CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. del 12.07.2013 Il Segretario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E DI AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E DI AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E DI AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.) Adottato con Deliberazione Consiglio Comunale n del 27.12.2001 2 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE Riserva Naturale Regionale COMUNE di BERGEGGI Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE DELIBERA DI C.C. N. 5 DEL 09.04.2008 Modificato con Deliberazione

Dettagli

CITTA DI ANZIO REGOLAMENTO COMUNALE. per l APPLICAZIONE del CANONE per l OCCUPAZIONE di SPAZI ed AREE PUBBLICHE. (Provincia di Roma)

CITTA DI ANZIO REGOLAMENTO COMUNALE. per l APPLICAZIONE del CANONE per l OCCUPAZIONE di SPAZI ed AREE PUBBLICHE. (Provincia di Roma) CITTA DI ANZIO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE per l APPLICAZIONE del CANONE per l OCCUPAZIONE di SPAZI ed AREE PUBBLICHE (Artt. 52 e 63 D.LGS. 15 Dicembre 1997 n. 446) I N D I C E 1 PARTE I PREVISIONE

Dettagli

INDICE. Art. 6 Occupazioni permanenti e temporanee. Criteri di distinzione. Graduazione e

INDICE. Art. 6 Occupazioni permanenti e temporanee. Criteri di distinzione. Graduazione e 1 INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Oggetto del canone Art. 3 Soggetti attivi e passivi Art. 4 Modalità per la richiesta ed il rilascio di concessioni ed autorizzazioni Art. 5 Revoca di concessioni

Dettagli

Canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche... 2

Canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche... 2 Canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche... 2 Articolo 1 Oggetto del canone... 2 Articolo 2 Soggetti attivi e passivi... 2 Articolo 3 Revoca di concessioni o autorizzazioni... 2 Articolo 4 Occupazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 26.03.2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento pagina

Dettagli

C O M U N E D I C A P I T I G N A N O ( P r o v i n c i a d i L AQUILA ) ( T O S A P )

C O M U N E D I C A P I T I G N A N O ( P r o v i n c i a d i L AQUILA ) ( T O S A P ) C O M U N E D I C A P I T I G N A N O ( P r o v i n c i a d i L AQUILA ) R E G O L A M E N T O P E R L A D I S C I P L I N A D E L L O C C U P A Z I O N E D I S P A Z I E D A R E E P U B B L I C H E E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano Codice Fiscale 00873100150 - Piazza Diaz n. 1-20020 Busto Garolfo - www.comune.bustogarolfo.mi.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO

Dettagli

CITTA DI ALZANO LOMBARDO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE COSAP

CITTA DI ALZANO LOMBARDO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE COSAP CITTA DI ALZANO LOMBARDO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE COSAP Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 9 del 08/04/2011 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Istituzione

Dettagli

COMUNE DI AULLA Provincia di Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI AULLA Provincia di Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI AULLA Provincia di Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 135 del 30.11.98

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLA OCCUPAZIONE DELLE AREE E SPAZI PUBBLICI SOGGETTE A SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLA OCCUPAZIONE DELLE AREE E SPAZI PUBBLICI SOGGETTE A SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLA OCCUPAZIONE DELLE AREE E SPAZI PUBBLICI SOGGETTE A SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO Il presente regolamento: a) è stato

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI BASTIA UMBRA Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI BASTIA UMBRA Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera del C.C. n. 43 del 03.06.1994 Modificato con delibera del

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

COMUNE DI PALESTRINA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA COMUNE DI PALESTRINA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA INDICE SISTEMATICO Capo I DISPOSIZIONI GENERALI AMMINISTRATIVE

Dettagli

ELENCO DELLE TARIFFE PER I SERVIZI COMUNALI ANNO 2015. Occupazione di spazi sovrastanti e sottostanti il suolo comunale

ELENCO DELLE TARIFFE PER I SERVIZI COMUNALI ANNO 2015. Occupazione di spazi sovrastanti e sottostanti il suolo comunale PROVINCIA DI CUNEO Piazza Umberto I,2 - C.A.P. 12030 0175.72101 FAX 0175.72630 E-MAIL segreteria@comune.lagnasco.cn.it ELENCO DELLE TARIFFE PER I SERVIZI COMUNALI ANNO 2015 TASSA OCCUPAZIONE SUOLO ED AREE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE EX ART. 63 D.L. 15.12.97.N. 446

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE EX ART. 63 D.L. 15.12.97.N. 446 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE EX ART. 63 D.L. 15.12.97.N. 446 - Approvato con deliberazione consiliare n. 126 del 30.12.1998, modificato e integrato

Dettagli

CITTA DI CASTELLAMMARE DI STABIA

CITTA DI CASTELLAMMARE DI STABIA CITTA DI CASTELLAMMARE DI STABIA Regolamento per le occupazioni di spazi ed aree pubbliche e per l applicazione della relativa tassa (TOSAP) nel territorio della Città di Castellammare di Stabia Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 30 marzo 1999

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA (Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507) Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (approvato dal C.S. con delib.n.36 del 10.5.94, ratificata dal C.C. con la.n.127 del 4.11.94, modificato

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese REGOLAMENTO CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese REGOLAMENTO CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese REGOLAMENTO CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

COMUNE DI GAGGIO MONTANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI GAGGIO MONTANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI GAGGIO MONTANO PROVINCIA DI BOLOGNA ================== REGOLAMENTO T.O.S.A.P. ================== 1 REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L'APPLICAZIONE DELLA RELATIVA

Dettagli

COMUNE DI STEZZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI STEZZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI STEZZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 47 del 22/11/2010 1 Capo

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALME Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE

COMUNE DI VILLA D ALME Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE COMUNE DI VILLA D ALME Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE Regolamento adottato con deliberazione di C.C. n.16

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (Delibera C.P. n. 111/A del 20.12.01, C.P. n. 209 del 19.12.2002, C.P. n. 226 del 20/12/2007) 1 INDICE CAPO I Art

Dettagli

Comune di PINASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

Comune di PINASCA. Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Comune di PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (D. Lgs. 15/12/1997, n. 446, art. 63) Art. 1 Ambito e finalità del

Dettagli

REGOLAMENTO Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche

REGOLAMENTO Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona VIA MUNICIPIO, 17 17022 BORGIO VEREZZI - Tel. 019 / 61 82 11 Fax 019 / 61 82 37 REGOLAMENTO Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE (C.O.S.A.P.)

REGOLAMENTO DELLE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE (C.O.S.A.P.) REGOLAMENTO DELLE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE (C.O.S.A.P.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 9 marzo 2015 TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 32 del 17.06.2013 Modificato dal Consiglio Comunale con atto n.

Dettagli

COMUNE DI ARQUATA SCRIVIA Provincia di Alessandria

COMUNE DI ARQUATA SCRIVIA Provincia di Alessandria COMUNE DI ARQUATA SCRIVIA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA (T.O.S.A.P.) Approvato con D.C.C. n. 31/1995

Dettagli

CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia)

CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia) CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ALLEGATO alla delibera

Dettagli

La misura del canone è differenziata per tipologia di occupazione come risulta dai prospetti di seguito riportati:

La misura del canone è differenziata per tipologia di occupazione come risulta dai prospetti di seguito riportati: 3.2.2. Tabelle per il calcolo del canone La misura del canone è differenziata per tipologia di occupazione come risulta dai prospetti di seguito riportati: - Canone per le occupazioni permanenti di suolo

Dettagli

COMUNE DI TOSCOLANO-MADERNO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI TOSCOLANO-MADERNO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI TOSCOLANO-MADERNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE SOMMARIO CAPO I CONCESSIONI PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED

Dettagli

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ITIRID arebiled led led Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con CC. N 57 del 30/06/94 (CRC 03/10/94 prot. N 26138) - Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE C.O.S.A.P. CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE C.O.S.A.P. CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE C.O.S.A.P. CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Sommario CAPO I CONCESSIONI PER L'OCCUPAZIONE Di SPAZI ED AREE PUBBLICHE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art.

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 11.09.2014 COMUNE DI SISSA TRECASALI Provincia di Parma REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE

Dettagli

REGOLAMENTO comunale

REGOLAMENTO comunale Servizio AA.PP. REGOLAMENTO comunale per la disciplina del pagamento del C.O.S.A.P. per i posteggi ed altra area pubblica utilizzata per l esercizio di attivita economiche Approvato con deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI BREGANO TARIFFE 2015

COMUNE DI BREGANO TARIFFE 2015 COMUNE DI BREGANO TARIFFE 2015 ADDIZ. COM. IRPEF da 0 a 15.000 0,57% da 15.0000,01 a 28.000 0,60% da 28.0000,01 a 55.000 0,75% da 55.000,01 a 75.000 0,79% oltre 75.000 0,80% TASI abitazione principale

Dettagli

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi. Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.it IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Prima di iniziare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI I N D I C E Art. 1 - Finalità e contenuto Art. 2 Canone non ricognitorio Art. 3 - Pagamento, accertamento e interessi del canone di Concessione

Dettagli

ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI)

ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) ARTICOLI FACOLTATIVI AD INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARI) Criteri redazionali: - note esplicative: carattere Arial corsivo - parti integrative: carattere Arial

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULL OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULL OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI CASTELLAZZO BORMIDA PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULL OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE INDICE CAPO 1 - NORME GENERALI...3 ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 58 DEL 07/06/94 MODIFICATO CON

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (T.O.S.A.P.)

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (T.O.S.A.P.) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (T.O.S.A.P.) CAPO I OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Occupazioni di suolo e spazio pubblico)

Dettagli

UFFICIO TRIBUTI C.O.S.A.P. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE

UFFICIO TRIBUTI C.O.S.A.P. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE COMUNE DI CLES UFFICIO TRIBUTI C.O.S.A.P. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE Approvato con delibera consiliare 30.11.1998, n. 66 modificato con delibera

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza)

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 13 aprile 2016 Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

Comune di Verbania (Provincia di Verbano Cusio Ossola) Regolamento Comunale per l Applicazione del Canone per l occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT-JEAN

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT-JEAN COMUNE DI GRESSONEY-SAINT-JEAN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento per l applicazione del canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche. Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 51 del 29/07/2014, in vigore

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

COMUNE DI FUTANI (SA) C O S A P CANONE PER L OCCUPAZIONE REGOLAMENTO SPAZI AREE PUBBLICHE WWW. C O M U N E. F U T A N I. SA. IT

COMUNE DI FUTANI (SA) C O S A P CANONE PER L OCCUPAZIONE REGOLAMENTO SPAZI AREE PUBBLICHE WWW. C O M U N E. F U T A N I. SA. IT COMUNE DI FUTANI (SA) C O S A P CANONE PER L OCCUPAZIONE REGOLAMENTO WWW. C O M U N E. F U T A N I. SA. IT DI SPAZI E AREE PUBBLICHE I SOMMARIO CAPO I CONCESSIONI PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

Dettagli

Autorizzazioni temporanee

Autorizzazioni temporanee Autorizzazioni temporanee PIEMONTE Legge Regionale n. 38/2006, art. 10 1. In occasione di fiere, feste o altre riunioni straordinarie di persone, il comune può rilasciare autorizzazioni temporanee alla

Dettagli

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 5

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano. Regolamento comunale per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l'applicazione della relativa tassa

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano. Regolamento comunale per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l'applicazione della relativa tassa COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento comunale per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l'applicazione della relativa tassa Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 95

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28/7 in data 31/03/2008 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana ORIGINALE DELIBERAZIONE DELCOMMISSARIO STRAORDINARIO (art.48 del D.Lgs 18/8/2000, n. 267) Delibera n 41 Id. Delibera 739207

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Soggetto attivo Art. 3 Presupposto impositivo e finalità Art. 4 Soggetti passivi Art. 5 Applicazione

Dettagli