PASSAGGIO PER L INFERNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PASSAGGIO PER L INFERNO"

Transcript

1 DOMENICO SANTORO PASSAGGIO PER L INFERNO 1

2 Santoro Domenico Narrativa e Racconti Questo romanzo è opera della fantasia. Nomi, personaggi, luoghi e avvenimenti sono il prodotto dell immaginazione dell autore o, se reali, sono u- tilizzati in modo fittizio. Ogni riferimento a fatti o persone viventi o scomparse è del tutto casuale. Copyright Agosto 2010 di Santoro Domenico. 2

3 Non ho una casa, la mia casa è il mondo; Non ho un credo, il mio credo è la spada. Non ho amici, il mio amico è il tempo. Non ho paura: la mia forza è nella mia volontà. (Dominic) 3

4 Romanzo 4

5 PROLOGO La verità non esiste. Non è mai esistita. O meglio non esiste una verità assoluta, incontrovertibile, inconfutabile. In un mondo popolato da una stirpe di pusillanimi mentecatti non esiste una verità vera, unica e indiscutibile. Esistono tante versioni della verità: quella che ci viene offerta sui giornali o dai mezzibusti tramite la televisione; quella che ci viene propinata quotidianamente dai politici e quella che ci predicano i preti dall alto di un pulpito. Esiste la verità che ci raccontano i nostri amici e persino i nostri parenti. Quella dei nostri mariti, mogli e amanti. C è la verità che si cerca nelle aule dei tribunali, o nei templi del culto. Ci sono verità che non si riescono a raccontare neanche a se stessi e vengono relegate e nascoste, celate nella parte più intima e buia della nostra anima. A volte verità imbarazzanti vengono alla luce, scovate da mastini travestiti da giornalisti e vengono date in pasto ad un pubblico affamato di sciagure altrui che trova nella distruzione di un altro essere umano un momento di distrazione alla noia quotidiana o un momento di estasi per alimentare la propria follia. Un mondo invaso da puritani pronti a gridare allo scandalo e a puntare il dito accusatore sul colpevole di turno. Un dito puntato con tanta forza e brutalità quanto maggiormente esiste la necessità o la volontà di allontanarlo da se stessi. C è chi stanco della realtà che lo circonda o incapace di interagire con essa, la cerca in un mondo fatto di paradisi artificiali che alla fine conducono solo e sempre alla morte. La verità è come il nero tunnel del destino: una linea indefinita che ciascun essere umano è chiamato a personalizzare con le sue azioni le sue scelte e i suoi errori ma che conduce inevitabilmente ad un unico invariabile epilogo. 5

6 Era la verità, che aveva cercato Claudio. L aveva rincorsa, aveva pensato di scorgerla nel posto più antico del mondo, ma non l aveva trovata. 6

7 Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Corte distaccata, Sezione di Assise Penale. 1 grado. 14 Febbraio L attesa nell aula del tribunale era insopportabile. C era un aria soffocante nonostante il freddo che faceva là fuori e la pioggia che cadeva battente in quella grigia mattina di febbraio. Era un aria pesante viziata dai termosifoni e dalla cappa di tensione che aleggiava nell ambiente, date le circostanze. Era la fase conclusiva di un lungo processo per fatti che erano accaduti otto anni prima. Processo che lo vedeva coinvolto in uno sporco caso di appropriazione indebita e di cui lui era l unico imputato. Claudio non vedeva l ora di uscire da quel cazzo di tribunale. Sentiva nelle narici il pizzicore causato dalla polvere vecchia di anni emanata da tutte quelle cartacce ammuffite e dalla presenza di quelle persone che puzzavano di stantio. Quei parassiti rincoglioniti che passavano la vita dietro una scrivania sommersi dalle scartoffie e che avevano impresso il loro orribile odore nell ambiente che li circondava. Quella cappa opprimente era resa ancora più insopportabile dalla presenza degli habituè, una striminzita accozzaglia di sfigati pervertiti che non avendo niente da fare si trastullavano ad assistere alle sciagure altrui in veste di spettatori nelle aule dei tribunali. Li odiava. Odiava quella mescolanza di buoni a nulla che se ne stavano seduti, impalati a guardare e sperare che il giudice emettesse una sentenza di condanna: Erano come squali affamati, per loro era più eccitante sentire condannare piuttosto che udire la proclamazione di un assoluzione. Claudio si girò per guardarsi alle spalle. 7

8 Oltre ai suoi genitori non c era anima viva delle persone della sua famiglia, né dei suoi presunti amici. Nessuno era accorso a sostenerlo nel momento in cui avrebbe avuto maggior bisogno di una parola di incoraggiamento. Neanche Anna. A quel pensiero non poté impedire a un sorriso beffardo di manifestarsi sul suo viso. Era anche per colpa di Anna se adesso si trovava in quella posizione, se era costretto a subire quel momento di fastidioso disagio. Finalmente il cancelliere annunciò che il presidente di quell Assise di primo grado stava facendo il suo ingresso in aula. Claudio guardò nella direzione della porta che comunicava con la camera di consiglio e la vide. Sapeva che sarebbe stata lei a giudicare la sua causa, e di questo non era affatto contento. I due si sfiorarono con lo sguardo per un attimo, come due belve pronte al combattimento. La dottoressa Guardamagno fece il suo ingresso in aula ottenendo l immediato silenzio della platea. Era una donna maledettamente in gamba, temibile e temuta nel suo ambiente. Anche se di aspetto minuto, aveva una figura gradevole ed armoniosa. Insomma come donna non era niente male. Su di lei giravano voci che erano diventate delle leggende. Sposata, quarantatré anni portati alla grande, i party che dava nella sua villa sul mare erano considerati mitici, soprattutto per quello che avveniva tra i pochi intimi che erano ammessi a restare dopo una certa ora. Nell ambiente si sussurrava che fosse una ninfomane e che riuscisse a scoparsi anche quattro uomini contemporaneamente. Qualcuno sosteneva che durante un udienza preliminare per confondere un importante teste particolarmente recalcitrante gli aveva offerto ripetutamente la visione delle sue parti intime attraverso una serie di abili ed opportune aperture ed accavallamenti delle cosce. In quell occasione aveva indossato una attillata gonna sotto la quale non portava le mutandine. Il teste, sotto choc, e con gli occhi vitrei come se fosse stato sotto l effetto della scopolamina, aveva ammesso tutto quello che lei aveva voluto che ammettesse rovinando irrimediabilmente l imputato che in quel caso si era beccato tre anni di carcere. 8

9 Al suo fianco Il viceprocuratore onorario una donna magra e insignificante se ne stava sugli attenti come un soldatino davanti a un generale di corpo d armata. Era terrorizzata da Guardamagno e pendeva letteralmente dalle sua labbra. Il presidente del tribunale si fermò un attimo a guardare la platea, soffermò impercettibilmente lo sguardo su Claudio e siccome quest ultimo sostenne la vista dei suoi freddi occhi azzurri, chiarissimi, quasi grigi diede immediatamente inizio alla lettura del verdetto. In nome del Popolo Italiano, visti gli articoli 640, 640 bis e 61 del codice penale, tenuto conto delle aggravanti Alla lettura di quei codici Claudio non riusciva a credere alle sue orecchie. Lo stavano condannando per truffa aggravata. Avevano sovvertito l intero processo cambiando all ultimo momento le carte in tavola. e al pagamento di un ammenda di duemila euro di provvisionale immediatamente esecutiva, in attesa di un completo ristoro in separata sede civile Guardamagno continuava a leggere il verdetto e mentre le parole cominciavano a diventare solo dei suoni indistinti nella sua testa rivolse un occhiata interrogativa verso il suo avvocato come per dire Ma cosa cazzo sta succedendo? lei gli restituì lo sguardo perplessa. Neanche lei si sarebbe aspettato un simile sconvolgimento della situazione anche se sapevano che da quel giudice potevano aspettarsi di tutto. Claudio Cottafava serrò la mascella e fissò intensamente nella direzione del giudice che lo stava condannando. Avevano giocato sporco nei suoi confronti, e per questo gliela a- vrebbe fatta pagare. A lei e a tutti quei fottuti bastardi che l avevano tradito. 9

10 2 Aveva conosciuto Anna nell estate del 1999, undici anni prima, durante un soggiorno a Scopello vicino Castellammare del Golfo, in cui era solito prendere in affitto un rustico residence nei pressi della Riserva dello Zingaro. Soggiorno che lui era solito trascorrere verso la metà di Giugno. Mare, sole e divertimento erano l imperativo che si era imposto per ristorarsi dopo un anno dedicato al duro lavoro. Aveva preso in affitto una casetta a pochi minuti dalla spiaggia dei delfini, molto carina, col tetto di mattoni rossi e tanto verde intorno. L assoluta tranquillità dell ambiente e la vista incantevole sul mare erano proprio quello che ci voleva per trasformare la sua vacanza in una vacanza da sogno. La mattina si svegliava al sorgere del sole e si preparava la colazione. Apparecchiava il tavolo sul terrazzino e si godeva lo spettacolo del mare e il profumo delle ginestre e delle rose che adornavano il balcone in pietra grezza. Amava starsene per lungo tempo a contemplare quello spettacolo che suscitava nel suo animo allegria e voglia di vivere. Verso le undici scendeva in spiaggia dopo aver indossato il suo migliore costume da bagno e portandosi appresso un asciugamano di spugna. La spiaggia privata apparteneva al residence e lui aveva libero accesso avendo affittato un ombrellone con sedia e lettino che erano perennemente a sua disposizione. Si portò con fare disinvolto presso la riva e sistemò l asciugamano sulla sabbia bianca e sottile. Da dietro i vetri affumicati dei suoi occhiali da sole poteva os- 10

11 servare con tranquillità e circospezione l ambiente circostante. A quell ora la spiaggia pullulava di quelle che lui aveva definito le nonne sexy. Signore ancora relativamente giovani con una media di età sui cinquanta cinquantacinque anni che scendevano in spiaggia portandosi appresso il loro nipotino in fasce. Osservò la tipa che gli passò vicino stringendo al seno il minuscolo fagottino. La donna era proprietaria di un corpicino niente male. Frutto evidentemente di diete, sedute in palestra e massaggi. Una serie di accessori completavano l opera: Bikini griffati e ridotti, calzature da mare con suola rialzata da zeppe che provvedevano a slanciare ulteriormente il sedere rendendolo ancora più invitante. Unghie laccate e rossetto a sottolineare la bocca piena e invitante, capelli freschi di parrucchiere. Erano donne che avevano sposato ricchi professionisti decisamente più vecchi di loro che provvedevano alla loro vacanza e al loro mantenimento. D estate spedivano le mogli in villeggiatura per restarsene in città nei loro uffici muniti di aria condizionata e dotati di segretaria venticinquenne pronta a succhiare il loro uccello da sotto la scrivania mentre il datore di lavoro era intento a concludere affari per telefono o via internet. Claudio si concesse un sorriso di soddisfazione. L anno precedente era andato in quei luoghi con l intento di puntare questo genere di signore e fare qualche conquista col risultato di riuscire a scoparsene ben cinque. Aveva provveduto lui a rendere giustizia a quelle mogli tradite e trascurate, bisognose di avere a disposizione un cazzo giovane e duro in sostituzione del pene floscio e grinzoso dei loro mariti. Era la dura legge della natura, e lui era li pronto per rendere giustizia laddove se ne avvertiva la necessità. Stavolta però i suoi obbiettivi erano diversi. Voleva abbassare la fascia di età delle sue prede perché nel suo globale intento c era l obbiettivo di esplorare l intero universo femminile per coglierne tutte le sfumature e le caratteristiche nascoste. Era affascinato dall idea della conquista. Donne a disposizione, pagando, poteva averne quante ne voleva e se desiderava una scopata senza impegni e senza sforzo era quella la strada che perseguiva ma potendo avere tempo e materiale 11

12 a disposizione su cui lavorare preferiva mettersi alla prova. Ne aveva quasi un bisogno morboso. L incontro con Anna avvenne quasi per caso e al di fuori dagli schemi che di solito si prefiggeva di seguire. l aveva conosciuta una sera al ristorante Calanova, un posticino molto raffinato ed elegante che lui frequentava quasi tutte le sere. Lei era in compagnia di una coppia di amici che avevano occhi solo per se stessi e si vedeva lontano un miglio che si stava annoiando a reggere loro il moccolo. Claudio mentre gustava un piatto di aragosta al vino bianco aveva sentito il lontano disagio di uno sguardo posato addosso e voltandosi nella sua direzione l aveva sorpresa che repentinamente distoglieva gli occhi dalla sua parte. L aveva guardata attentamente e aveva notato quella bella ragazza bionda strizzata in un abitino scollato che metteva in risalto un bel seno generoso. Le rivolse un occhiata e un sorriso affabile mentre gli era sembrato di scorgere un ombra di rossore che le si allargava sul viso. Improvvisamente gli venne un idea: fece un cenno al cameriere che subito accorse ai suoi comandi e gli ordinò di portare una coppa di champagne ghiacciato alla bella signora bionda del tavolo di fronte. Il cameriere eseguì prontamente e lui si pose in attesa. Anna Berselli era seduta afflitta e delusa al tavolo dei suoi amici Salvo e Monica. Quei due sembravano ignorarla, anzi sembravano ignorare tutto il mondo intorno a loro. Pareva che stessero vivendo una seconda fottutissima luna di miele e lei si rendeva conto che aveva fatto uno sbaglio ad accettare di andare in vacanza con loro. Si era persino sorpresa a posare lo sguardo sul tipo che stava mangiando da solo al tavolo di fronte. L aveva osservato. Sembrava danaroso e sicuro di se. Si stupì a fare delle considerazioni di quel genere. Cosa cavolo le stava accadendo? Adesso si metteva a fare osservazioni e apprezzamenti anche su dei perfetti sconosciuti. Era colpa di questi due che cinguettavano come due cinciallegre in amore. O forse del fatto che non si faceva una scopata da più di tre anni. Arrossì all idea di quello che aveva appena 12

13 pensato. In effetti era vero. Non aveva più visto un cazzo da quando quel bastardo di Ciro l aveva mollata per Samyrha, una puttanella musulmana, e se l era filata con lei all estero. Adesso Anna aveva ottenuto il divorzio ma da allora non era stata più con nessuno. Aveva conosciuto Ciro che era poco più di una ragazzina ed in breve aveva sfornato due figli. Si era calata subito nel ruolo di moglie e di madre vedendo sfiorire la sua bellezza e la sua giovinezza giorno dopo giorno. Aveva dedicato tutta se stessa alla famiglia e in compenso Ciro l aveva ricambiata frequentando tutte quelle puttanelle finché una di esse non glielo aveva portato via. Adesso aveva deciso di dire basta e di cominciare a pensare un po anche a se stessa. Aveva cominciato a truccarsi di nuovo e a vestirsi in modo da valorizzare la sua figura. Aveva persino cambiato il colore dei capelli passando dal suo anonimo castano ad un biondo striato di colpi di sole che le donava moltissimo. Al ricordo fece una smorfia di disgusto. Quel bastardo ciccione di Ciro l aveva abbandonata da sola con due figli piccoli. Se non fosse stato per l aiuto di suo padre, per tirare avanti sarebbe dovuta andare a fare la puttana. Anna Berselli era la secondogenita di una famiglia di benestanti decaduti. Il padre, Antonino, detto Ninotto, si era fatto da se. Si era arricchito vendendo mozzarelle e bocconcini trasportandoli dai paesi dell interland Casertano nelle grandi città. Successivamente, nel corso dei suoi numerosi viaggi, aveva conosciuto un paio di personaggi importanti, tra cui un direttore di banca di pochi scrupoli un tal Astolfo che aveva visto in lui la gallina dalle uova d oro. Infatti Astolfo grazie allo sfruttamento dell amico si era creato una posizione economica invidiabile. Ninotto a seguito dei suggerimenti dell amico direttore aveva ripreso in mano il suo titolo di studio di geometra e si era messo a costruire strade e palazzi. Tutto sembrava andare bene e così sarebbe stato se negli ultimi dieci anni Ninotto non fosse stato afflitto da una forma di rincoglionimento precoce e a seguito di una serie di investimenti sbagliati, delle vere e proprie cazzate, aveva perso tutto. Ad Anna era rimasta solo una piccola casa al mare nei 13

14 pressi di Gaeta che il padre non aveva potuto scialacquare poiché era già intestata a lei. La sua situazione economica era al momento disastrosa per cui aveva bisogno di un po di ossigeno, o forse più esattamente di qualcuno che la mantenesse. Mentre era immersa nei suoi pensieri non si era accorta del cameriere che si era materializzato al loro tavolo e la stava osservando reggendo in mano un vassoio con una coppa di champagne. Quando si rese conto della sua presenza lo scrutò con aria interrogativa come per dire Che accidenti vuoi?. Il cameriere depositò il vassoio sul tavolo e indicò verso il tipo del tavolo di fronte, poi disse: Il signor Cottafava sarebbe onorato di offrirle una coppa di champagne. Anna guardò verso il tipo del tavolo di fronte e lui alzò il suo calice sorridendo e accennando un muto brindisi. Osservò i suoi compagni di tavolo. Erano talmente assorti a flirtare che nemmeno si erano accorti di quello che stava succedendo. Andassero a farsi fottere tutti e due. Prese una decisione su due piedi e accettò la coppa. In fondo che gliene fregava? Era sempre meglio che starsene li a guardarsi le unghie delle mani. Afferrò la coppa per lo stelo e la sollevò in direzione del suo corteggiatore, muovendo impercettibilmente la testa in segno di gradimento. Lei non poteva saperlo ma stava per commettere uno dei più grossi errori della sua vita. Claudio era molto soddisfatto. La ragazza aveva abboccato. Lei aveva un aria così annoiata e triste e lui aveva sfoggiato il suo infallibile fascino da gentiluomo. Quella sera era molto affascinante con la sua abbronzatura che risaltava da sotto la camicia bianca, perfettamente stirata, e coi suoi migliori pantaloni neri dal taglio francese. Il suo istinto gli suggeriva che lei aveva un gran bisogno di una sontuosa scopata e lui aveva giusto la cura che faceva al suo caso. Per quella sera non si spinse oltre. Aveva lasciato il suo segno e ora lei doveva rosolarsi in una terapeutica attesa. 14

15 Anna vide il tipo dello champagne che si era alzato ed era andato alla cassa. Era leggermente basso per i suoi gusti ma molto elegante e fascinoso strizzato in quei pantaloni neri e quella camicia bianca, dal taglio sportivo, che gli calzava a pennello. Probabilmente se le faceva confezionare su misura. Stava chiacchierando col proprietario del ristorante e si scambiavano sorrisini e battute, dovevano essere molto amici. Ma la cosa più interessante era l American Express Gold che aveva fatto scivolare con noncuranza nelle mani del cassiere per pagare il conto. Questo particolare aveva azzerato ogni considerazione negativa sulla statura. Qualora ci fosse stata. Ritornata in albergo Anna aveva fatto una doccia rinfrescante e si era adagiata sul letto. Prima di infilarsi la camicia da notte si era trattenuta a guardare la sua immagine riflessa nello specchio. Osservò la sua figura snella ma armoniosamente piena nei punti giusti. Soppesò i seni prosperosi che da ragazza erano stato il suo vanto e che adesso tendevano leggermente a cedere alla forza di gravità. Si era rasata la parte sottostante della vulva per poter indossare bikini ridotti e quella soluzione le sembrò maliziosamente invitante ed eccitante. Alla fine si concesse un sorriso: decise che per una donna di trentaquattro anni poteva considerarsi ancora bella e desiderabile. Occupava una camera singola confinante con quella dei suoi amici Salvo e Monica. Il silenzio in cui era immersa era disturbato dai mugolii di Monica e dai colpi che il letto trasmetteva contro la parete della sua stanza. Quei due stavano scopando. Cristo, non saltavano una sera. Si abbandonò al pensiero dello sconosciuto che aveva incontrato al ristorante, per distrarsi dal sentire Monica che godeva sguaiatamente e invitava Salvo a riempirla sempre di più col suo cazzo. Cristo, da quanto tempo non faceva l amore! Erano passati più di tre anni, un tempo esageratamente lungo. E si rendeva conto che desiderava farlo, si rendeva conto che si era tenuta in serbo per troppo tempo. Se non fosse stato per il fatto che aveva scodellato due figli a quest ora sarebbe potuta ritornare quasi vergine. 15

16 Claudio Cottafava aveva deciso che doveva scoparsela. Era per questo che aveva chiesto tutte quelle notizie al suo amico ristoratore. Era venuto a sapere nome, cognome e dove alloggiava insieme ai suoi due amici. La sua seconda mossa fu quella di inviare un mazzo di rose all indirizzo dell albergo dove alloggiava Anna. Aveva scelto un misto di rose rosse e arancio. Per farle intendere che c era un accenno di passione ma anche interesse al fascino che lei possedeva. Seguì un invito a cena che lei accettò. Lui naturalmente continuò a stupirla con le sua spensieratezza e sicurezza economica soprattutto quando noleggiò un lussuoso motoscafo con marinaio a bordo e si fecero scorazzare al largo di Scopello. Fu una giornata indimenticabile. Ebbe solo qualche problema dopo pranzo per andare di corpo. In effetti Claudio era afflitto da un incontenibile cacarella che lo tormentava subito dopo aver mangiato. E siccome erano in barca non c erano cessi a disposizione. Ma lui era abituato a queste situazioni di emergenza e, fingendo di voler fare un bagno rinfrescante, si era allontanato di una cinquantina di bracciate, al riparo da occhi indiscreti. Finalmente aveva potuto liberarsi mentre il mare provvedeva contemporaneamente a lavargli il sedere e ad allontanare la risulta. Fortuna che nessuno aveva avuto voglia di seguirlo, ma di questo non a- veva dubbi: Salvo sonnecchiava al sole mentre Monica gli reggeva la mano. Quanto ad Anna sembrava fosse in estasi mentre si godeva il sole a poppa del grosso Riva. A sera accompagnò i suoi ospiti in albergo. Da quel momento, era sicuro, Anna gli avrebbe definitivamente aperto le gambe. Purtroppo accadde l imprevisto e Anna dovette fare improvvisamente ritorno a casa, interrompendo la vacanza. Suo padre era stato ricoverato in ospedale e la notizia l aveva sconvolta al punto che si dimenticò completamente di Claudio, sostituito da questa nuova impellente necessità. 16

17 3 L estate era passata e Claudio era rincasato nel monolocale dove aveva la sua residenza. Prima di rientrare in servizio dalle ferie stava passando al vaglio alcune pratiche in sospeso e stava archiviando i ricordi piacevoli della vacanza trascorsa a Scopello. Ripensò ad Anna che era passata fuggevolmente attraverso il suo destino senza nemmeno che lui avesse avuto la possibilità di approfondirne la conoscenza. Stava giusto sorridendo quando squillò il telefono. Il suo sorriso si allargò mentre apriva il telefonino e leggeva il nome di Anna sul display. E mentre rispondeva con un Pronto! a trentadue denti lei gli stava chiedendo se avesse voglia di rivederla. In fondo si erano lasciati repentinamente senza neanche la possibilità di salutarsi. Claudio Cottafava era euforico. Mentre chiudeva lo sportellino del suo cellulare aveva il presentimento che quella che gli era sembrata un occasione mancata e destinata ad essere relegata tra quelle che lui aveva battezzato le storie orfane, cioè quelle avventure che avevano avuto un accenno di partenza e poi si erano dissolte in un nulla di fatto, correva il rischio di essere recuperata e condotta in porto. Fu così che ad ottobre, dopo un lungo ed estenuante corteggiamento durato tre mesi, ma che lui stesso aveva deciso 17

18 di prolungare tanto perché voleva che il polpo si cuocesse a puntino nel suo brodo, finalmente si decise a fare il grande passo. Si sentiva come il gatto che avendo ormai catturato il topo si sollazzava a giocarci senza tuttavia affondare il colpo fatale. Non subito. Lei ormai presa e disposta a lasciarsi scappare sovente un Ti amo lui sempre rigido e razionale, mai disonesto nei sentimenti, non promettendo mai niente di più di quello che si era proposto. Galeotta fu la spiaggia di Gaeta, dove lei possedeva un casetta vicino al mare, fu lì in una calda sera di fine ottobre che affondò lo stocco per la prima volta dentro il tenero corpo di Anna. Dovette confessare a se stesso che con lei riuscì a provare quello che con molte donne, più razionali e fredde, soprattutto se a pagamento, non era riuscito a saggiare. Anna era calda e passionale e, a suo dire, desiderosa di recuperare tre anni di astinenza durante la quale era stata a digiuno di proteine del fosforo. Da ottobre 99 a marzo 2000 fu un continuo ralliamiento senza sosta che raggiunse la sua apoteosi nuovamente in quel di Gaeta a Villa Irlanda dove Claudio dando il meglio di se stesso, durante un fresco pomeriggio primaverile di Marzo riuscì a scoparsela per ben cinque volte. Anna era estasiata sembrava aver trovato pane per i suoi denti. Soprattutto aveva scoperto un lato di se stessa che non conosceva. Aveva scoperto che il cazzo le piaceva. Cosa che con Ciro, il suo ex marito, non era mai accaduto. Ma si sa, ogni uomo è diverso. E diverso è il modo di entrare nell intimo di una donna. Ciro era sbrigativo e risoluto, si limitava a infilarglielo dentro senza troppi preamboli, senza darle il tempo di accorgersi che anche lei era una femmina e in quanto tale una potenziale puttana. Claudio era riuscito dove Ciro aveva fallito: aveva snidato la puttana che si nascondeva in lei. Nei tre mesi che seguirono Claudio Cottafava dovette allontanarsi per impegni di lavoro e per un viaggio che lo condusse a Praga. Il contatto che doveva avere sul posto non si fece vivo per cui si ritrovò con un sacco di tempo a disposi- 18

19 zione che cercò di utilizzare nel migliore dei modi e cioè fottendo a ripetizione. Quella che doveva essere una trasferta fatta di noiose conferenze e estenuanti riunioni con colleghi con la puzza sotto il naso e per giunta infagottati in abiti grigi che emanavano un fastidioso fetore di naftalina si trasformò in una fase di terapia intensiva in cui mise a dura prova la sua prostata e i suoi testicoli che furono spremuti fino a tirar fuori litri di sborra. Aveva percorso quello che si sarebbe potuto chiamare il giro sessuale del mondo in venticinque giorni. Era quella che lui aveva definito la terapia del cazzo. Claudio si concesse un sorriso di soddisfazione. Lui amava coniare nuove definizioni e questa, con un briciolo di umano narcisismo, gli sembrava particolarmente azzeccata. E in effetti in venticinque giorni trascorsi a Praga aveva attaccato alla sua cintura quasi tutte le più importanti bandierine del globo: le migliori fighe provenienti dall Africa, dall Asia, dall Australia, persino dalla cara vecchia Europa erano passate sotto la rassegna della sua fava. Poteva dirsi sicuro di non aver fatto mancare nulla al suo uccello. In quel periodo si dimenticò completamente di Anna. Al rientro a casa ci fu una riunione col suo dirigente di filiale, un uomo infido, pronto a passare sul cadavere della madre pur di realizzare profitti. Il dirigente aveva riunito tutti i promotori finanziari che facevano capo a quella banca poiché aveva deciso di promuovere un nuovo pacchetto di investimenti: i cosiddetti P.F.P. e G.P.P. due oscuri acronimi che stanno per Personal Financial Planning e Gestioni Patrimoniali Personalizzate. Due porcate che avevano la presunzione di stabilire con larghissimo anticipo rispetto alle scadenze convenute, la somma di denaro che presumibilmente sarebbe maturata a fine gestione. Una vera cagata. E dire che fino ad allora Claudio era riuscito a realizzare rendimenti superiori ai tassi medi di mercato. Forse anche un po di più rispetto alle aspettative dei clienti. Tanto che, con alcuni di essi (circa una decina), fra i più evoluti finanziariamente, convenne di ricevere una gratifica -calcolata ad personam- allorquando si realizzasse un extra rendimento. Questo accordo, nato all inizio 19

20 del 1998 e sancito fino a tutto il 1999 prevedeva una liquidazione trimestrale delle spettanze. Sempre pagata cash ovvero tramite assegni circolari intestati al traente e girati a terzi perlopiù sconosciuti. Tutto scivolò pacifico e senza forzature benché questa pratica non rientrasse fra quelle contemplate nell esercizio della professione di Promotore, pena la radiazione dall albo. Poi giunse il 2000, con tutto il suo carico di paure e incertezze sia nel bene che nel male. Claudio riuscì a realizzare grazie ad argomenti di discussione come il famoso Y2K meglio conosciuto come il baco del millennio, nuovi clienti, raccolta di cash nuovo a pioggia e nuovi conti e budget raggiunti con largo anticipo. Però di contro arrivò anche una inattesa novità: la New Economy e con essa tutta una sequenza di piccole ed insignificanti aziende neo-quotate (che di li ad un anno sarebbero sparite) il cui valore in borsa raddoppiava di trimestre in trimestre. Era il delirio alla sua massima apoteosi. A causa di questa Bolla Speculativa tantissimi clienti cominciarono ad essere affetti dalla sindrome di G. Gekko. Erano diventati tutti maghi della finanza. I tassi di extra rendimento galoppavano al ritmo di due cifre al mese e tutti quelli che avevano un accordo con Claudio cominciarono piano piano a defilarsi. Sostenevano di essere stati loro gli artefici del risultato e pertanto non intendevano più pagare l extra pattuito. Questa che per Claudio fu una piccola mazzata, più morale che economica, gli fece riflettere su come erano ingrati certi individui. Ma le cose tutto sommato andavano ancora bene per cui decise di tenere botta e evitare di sollevare inutili polveroni. Intanto cominciò a preparare una lista di dieci nomi. Con meticolosa precisione completò un archivio di dieci cartelle in cui raccolse tutto il materiale riguardante i dieci clienti selezionati: numero di conto, numero di carte di credito, fotocopia di documenti e firme. E tutto quello che sarebbe potuto servire per poter clonare un identità. Questo archivio segreto fu depositato presso una cassetta di sicurezza di una banca concorrente alla sua. Era convinto che l archivio un giorno sarebbe potuto tornare utile. 20

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Il coraggio di cambiare ciò che non era

Il coraggio di cambiare ciò che non era Il coraggio di cambiare ciò che non era Riccobono Stefania IL CORAGGIO DI CAMBIARE CIÒ CHE NON ERA racconto Alle persone che amo... con immenso amore. Prologo arrivo a New York, Luglio Una calda mattina

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

SABATO, 31 AGOSTO. A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi.

SABATO, 31 AGOSTO. A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi. SABATO, 31 AGOSTO A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi. Tutto è cominciato questa mattina quando le ho chiesto se poteva comprarmi uno

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

CARMEN TOTARO Le piene di grazia

CARMEN TOTARO Le piene di grazia CARMEN TOTARO Le piene di grazia Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07491-9 Prima edizione: marzo 2015 Impaginazione: studio pym / Milano Le piene di grazia

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega)

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) Quando suona la campanella rivista online. http://www.quandosuonalacampanella.it/ IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) di Enrico Roversi E il 1996. Io Sono un giovane precario della

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001 Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo

Dettagli

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO ESERCIZI FASE DELL ATTENZIONE Il cliente sarà coinvolto nel processo di auto se prestiamo attenzione Es.1: prestare

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa

Lei e Lui. preparare la colazione. piangere disperatamente. pettinare i bambini. arrabbiarsi. dare l acqua alle piante. scrivere la lista della spesa 5 Lei e Lui 1 Chi fa cosa? Lavora con un compagno. Insieme guardate questa famiglia: lei, lui, un bambino e una bambina. È mattina, tutti si sono appena svegliati e si preparano per uscire. Secondo voi

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Angela Grazioso Una corsa in bicicletta Essenza Angela Grazioso Una corsa in bicicletta ISBN 978-88-6628-203-7 copyright 2013 Caosfera Edizioni

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Presentazione. di Donatella Spinelli*

Presentazione. di Donatella Spinelli* Presentazione di Donatella Spinelli* Parole in corso è un libro e allo stesso tempo un gioco, pieno di consigli e di strumenti preziosi per chi vuole aiutare i bambini con difficoltà di lettura a progredire

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Bianchi orizzonti. Grazie per la bellissima foto a Sara

Bianchi orizzonti. Grazie per la bellissima foto a Sara Bianchi orizzonti Grazie per la bellissima foto a Sara - Lui è fatto così. - È stronzo! - No, non è stronzo, è che è fatto così. - È stronzo! - Ma... - Che significa che è fatto così? Se è fatto così,

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli