2012 RELAZIONI E BILANCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2012 RELAZIONI E BILANCIO"

Transcript

1 2012 RELAZIONI E BILANCIO

2 Global Assicurazioni Società per Azioni Sede e direzione Generale Piazzale Marengo, Milano Indirizzo PEC: Codice fiscale, Partita IVA e Registro Imprese di Milano n R.E.A. n della C.C.I.A.A. di Milano Società soggetta all attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese s.c. Capitale Sociale ,00 euro 2012 RELAZIONI E BILANCIO

3 Indice

4 Organi sociali 7 Dati di sintesi 8 Convocazione dell Assemblea 9 Relazione del Consiglio di Amministrazione 11 Il contesto di riferimento 12 Il mercato assicurativo 12 Nuova Produzione Vita 2012 Polizze individuali Sportelli bancari e postali 12 Rami danni ripartizione per canale distributivo dei premi lordi contabilizzati al III trimestre L andamento gestionale nell esercizio 13 Modello organizzativo del Gruppo Credito Valtellinese 13 Valutazioni di sintesi, fatti gestionali significativi 14 Il Portafoglio premi 15 I premi incassati e le provvigioni 15 Il risultato di esercizio 15 Collaborazione con le banche del Gruppo Credito Valtellinese 15 Le compagnie mandanti 16 Lo sviluppo dei prodotti 16 Il personale 17 La formazione e le regole di comportamento 20 Altre informazioni 21 Iniziative culturali e benefiche 21 Qualità 21 Il capitale sociale 21 I rapporti con le Società del Gruppo Credito Valtellinese e le altre parti correlate 21 Azioni proprie 22

5 Adesione al consolidato fiscale 22 I fatti di rilievo intervenuti dopo la fine dell esercizio e la prevedibile evoluzione della gestione 23 Proposta di destinazione dell utile 23 Conclusioni 24 Relazione del Collegio Sindacale 25 Schemi di Bilancio 29 Stato Patrimoniale 30 Conto Economico 31 Prospetto delle variazioni del Patrimonio netto 32 Nota Integrativa 35 PARTE A Criteri di valutazione 36 PARTE B Informazioni sullo Stato Patrimoniale 42 PARTE C Informazioni sul Conto Economico 51 PARTE D Altre informazioni 56 Relazione della Società di Revisione 57 Allegati 61 Rendiconto Finanziario 62 Bilancio Riclassificato 63 Stato Patrimoniale e Conto Economico al del Credito Valtellinese S.c. ex art. 2497, quarto comma, Codice Civile 64 Prospetto dei rapporti con le Società del gruppo 66 Prospetto dei corrispettivi per i servizi resi dalla Società di Revisione ex art. 149-duodecies del reg CONSOB N /

6 Relazioni e bilancio

7

8 Organi sociali Presidente Vice Presidente Vicario Vice Presidente Consiglieri CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Luigi Tavasci Matteo Rinaldi Norberto Gualteroni Luciano Camagni Umberto Colli Michele Rinaldi Pietro Rinaldi 7 Presidente Sindaci effettivi COLLEGIO SINDACALE Vittorio Schena Marco Bormetti Giovanni Traverso Direttore Generale DIREZIONE GENERALE Michele Rinaldi Delegato Assicurativo Delegato Assicurativo Vicario DELEGATI ASSICURATIVI Michele Rinaldi Federico Tavridis SOCIETÀ DI REVISIONE KPMG S.p.A. Relazioni e Bilancio 2012 Global Assicurazioni

9 Dati di sintesi Signori Azionisti, il bilancio dell esercizio chiuso al , che viene sottoposto al Vostro esame e alla Vostra approvazione, evidenzia un utile lordo di euro che, al netto delle imposte d esercizio, genera un utile netto di euro, come risulta dai seguenti dati riepilogativi: Bilancio Bilancio Variazione % STATO PATRIMONIALE Attività ,32% Passività ,99% Risultato d esercizio ,52% CONTO ECONOMICO Ricavi ,77% Costi ,14% Utile lordo ,46% Imposte ,32% Utile netto ,52% Global Assicurazioni Relazioni e Bilancio

10 Convocazione dell Assemblea Signori Azionisti, Vi ricordiamo che sarete chiamati in Assemblea Ordinaria per deliberare sul seguente Ordine del giorno: 9 1 Relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale sull esercizio 2012; presentazione del bilancio al ; delibere inerenti e conseguenti. 2 Determinazione del numero dei componenti il Consiglio di Amministrazione e nomina degli Amministratori per l esercizio Determinazione del compenso degli Amministratori. Relazioni e Bilancio 2012 Global Assicurazioni

11

12 Relazione del Consiglio di Amministrazione 11 Relazione del Consiglio di Amministrazione Relazioni e Bilancio 2012 Global Assicurazioni

13 Il contesto di riferimento Il mercato assicurativo Le elaborazioni effettuate dall IVASS sui dati forniti dalle imprese mostrano che nei primi nove mesi del 2012 la raccolta premi complessiva realizzata in Italia è stata pari a 75,6 miliardi di euro (-7,7% rispetto al 2011). La raccolta dei premi vita, pari a 50,4 miliardi di euro, ha registrato una riduzione del 10,2% rispetto al 2011, con un incidenza sul portafoglio globale vita e danni che si attesta al 66,7% (68,6% nello stesso periodo del 2011). La raccolta danni, che ha totalizzato 25,2 miliardi di euro, rispetto al 2011 diminuisce dell 1,3% (calcolato su basi omogenee), con un incidenza del 33,3% sul portafoglio globale (31,4% nello stesso periodo del 2011). I rami differenti dalla R.C. auto registrano un lieve calo rispetto al 2011 (-2,3%, calcolato su basi omogenee), mentre la raccolta R.C. auto, con un ammontare di premi pari a 13,1 miliardi, è diminuita dello 0,3%, sempre calcolato su basi omogenee, rispetto allo stesso periodo del Nuova Produzione Vita 2012 Polizze individuali - Sportelli bancari e postali I dati della nuova produzione vita 2012 pubblicati dall ANIA, riportano per gli sportelli bancari e postali un decremento, rispetto al 2011, del 17,1%. La suddivisione per tipologia di ramo/prodotto della nuova produzione 2012 degli sportelli bancari e postali evidenzia ancora la preponderanza delle polizze Tradizionali di ramo I (80,5% del totale, rispetto al 78,6% del 2011) ed una diminuzione dell incidenza delle polizze Linked di ramo III (18,2% del totale, rispetto al 19,5% del 2011). Rami danni ripartizione per canale distributivo dei premi lordi contabilizzati al III trimestre 2012 Le elaborazioni effettuate dall IVASS sui dati forniti dalle imprese mostrano che gli sportelli bancari raccolgono il 3,3% del totale rami danni (3,6% nello stesso periodo del 2011) e l 1,6% del ramo R.C. auto (1,5% nello stesso periodo del 2011) Global Assicurazioni Relazioni e Bilancio

14 Relazione del Consiglio di Amministrazione L andamento gestionale nell esercizio Modello organizzativo del Gruppo Credito Valtellinese Il Gruppo bancario Credito Valtellinese è costituito da banche territoriali, società specializzate e società di produzione per la fornitura di servizi - in un ottica di sinergie ed economie di scala - a tutte le società del Gruppo. L attuale struttura del Gruppo è graficamente di seguito rappresentata. 13 MERCATO CREDITO VALTELLINESE CREDITO SICILIANO CARIFANO FINANZA SPECIALIZZATA APERTA FIDUCIARIA MEDIOCREVAL CRESET SERVIZI TERRITORIALI FINANZIARIA SAN GIACOMO GLOBAL BROKER (*) GLOBAL ASSICURAZIONI (*) CORPORATE CENTER DELTAS BANKADATI SERVIZI INFORMATICI STELLINE SERVIZI IMMOBILIARI (*) Società assicurative soggette all attività di direzione e coordinamento del Credito Valtellinese ai sensi degli artt e seguenti del Codice Civile. Il modello organizzativo del Gruppo, definito ad impresa-rete, attribuisce alle banche territoriali il presidio del mercato di riferimento e alle società specializzate e di produzione il necessario supporto operativo. Si fonda pertanto sulla piena valorizzazione delle competenze distintive di ciascuna componente, con l obiettivo di conseguire la massima efficienza e competitività, sulla correlazione funzionale e operativa delle stesse, sull adozione nel governo dei processi aziendali delle medesime regole e metodologie. Ciò consente di superare i vincoli dimensionali e beneficiare pienamente del vantaggio di prossimità rispetto agli ambiti territoriali di elezione, coniugando efficacemente specializzazione e flessibilità, funzioni produttive e attività distributive. Al 31 dicembre 2012 il Gruppo Credito Valtellinese è presente sul territorio nazionale in undici regioni con un network di 544 Filiali, attraverso le banche del territorio che connotano l Area Mercato : --Credito Valtellinese S.c., società capogruppo, presente con la propria rete di 368 sportelli, la maggior parte dei quali 231 in Lombardia, oltre che in Valle d Aosta, Piemonte, Veneto, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Toscana e Lazio; --Carifano S.p.A., con una rete operativa di 40 sportelli, prevalentemente nelle Marche, nonché in Umbria, a Perugia ed Orvieto; --Credito Siciliano S.p.A., è presente con una rete di 136 sportelli in tutte le province della Sicilia, oltre che a Roma e Torino con due sportelli dedicati al credito su pegno. Le seguenti società connotano l Area Finanza Specializzata : --Aperta Fiduciaria S.r.l., società autorizzata all attività fiduciaria di tipo statico, amministrazione di beni per conto terzi e intestazione fiduciaria; --Mediocreval S.p.A., banca specializzata nei finanziamenti a medio e lungo termine, finanza d impresa e leasing; --Finanziaria San Giacomo S.p.A., società specializzata nella gestione dei crediti non performing principalmente degli intermediari finanziari del Gruppo; --Creset Servizi Territoriali S.p.A., società specializzata nella gestione della fiscalità locale, servizi di tesoreria Relazioni e Bilancio 2012 Global Assicurazioni

15 e cassa per conto degli enti pubblici locali presenti nei territori delle banche del Gruppo; --Global Assicurazioni S.p.A. (1), agenzia assicurativa plurimandataria partner nell attività di Bancassicurazione e, più in generale, nella distribuzione di polizze assicurative standardizzate tramite reti di vendita; --Global Broker S.p.A. (2),società specializzata nell intermediazione assicurativa rivolta al segmento Corporate. Completano il perimetro del Gruppo le società di servizi strumentali all attività bancaria, che ne connotano l Area Produzione : --Deltas società consortile per Azioni (3), costituisce il Corporate center del Gruppo, supporta la Capogruppo nella definizione e gestione del disegno imprenditoriale unitario, svolge funzioni di coordinamento e attività di supporto nelle aree dell amministrazione, pianificazione, gestione risorse umane, marketing, auditing, legale, compliance e risk management; --Bankadati Servizi Informatici società consortile per Azioni, società di gestione e sviluppo delle attività afferenti l Information and Communication Technology (ICT), l organizzazione, il back office e i processi di supporto; --Stelline Servizi Immobiliari S.p.A., gestisce il patrimonio immobiliare delle società del Gruppo, svolge attività di redazione di stime e valutazioni immobiliari a supporto dell erogazione del credito da parte delle banche territoriali e sviluppa, in via autonoma, iniziative a favore delle comunità locali di riferimento. Valutazioni di sintesi, fatti gestionali significativi 14 Nel corso dell esercizio 2012, in una situazione macroeconomica caratterizzata dal perdurare della profonda crisi finanziaria e reale che ha coinvolto in maniera significativa anche il settore bancario e assicurativo, l efficacia del modello distributivo promosso da Global Assicurazioni e basato sul plurimandato ha consentito, nonostante il contesto economico poco favorevole, di mantenere le posizioni commerciali acquisite e di migliorare l attività anche dal punto di vista qualitativo. Nel corso dell anno l attività di sviluppo dei prodotti si è principalmente concentrata sul consolidamento del catalogo, già oggetto nel 2011 di diversi interventi, sugli adeguamenti normativi e sull analisi del fabbisogno della clientela per l individuazione di nuovi prodotti e di modifiche ai prodotti esistenti da realizzare nel corso del Sul fronte dell adeguamento alla normativa, Global Assicurazioni nel corso del 2012 ha realizzato importanti interventi nell ambito dei prodotti e dei processi per ottemperare agli obblighi in materia di antiriciclaggio, oltre che alle disposizioni introdotte ad inizio anno dal Decreto Liberalizzazioni, concernenti l attività di intermediazione assicurativa, con particolare riferimento all emissione delle polizze R.C. Auto. Si segnala inoltre l approvazione il del Decreto Legge n. 179 (cosiddetto Decreto Sviluppo Bis ), convertito nella Legge 221/2012, che produrrà certamente effetti rilevanti sull intero sistema dell intermediazione assicurativa nazionale nonché sull operatività della Società. L ambito di applicazione della nuova norma spazia dall assicurazione obbligatoria R.C. Auto all intermediazione assicurativa relativa a tutti i rami vita e danni. Più nel dettaglio, tra le norme introdotte dal D.L. n. 179 particolare impatto avranno il divieto di prevedere nei contratti R.C. Auto patti di tacito rinnovo e la possibilità per gli intermediari di primo livello (agenti, broker, banche, sim, intermediari finanziari) di poter collaborare tra loro liberamente con il solo obbligo di informativa alla clientela sull impiego di tale modalità distributiva; l intera normativa comporta per la Società potenzialità di sviluppo di carattere strategico ed operativo di grande rilevanza. Le nuove disposizioni di legge confermano l attualità e la correttezza del modello strategico avviato dalla (1) SOCIETÀ SOTTOPOSTA ALL ATTIVITÀ DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DEL CREDITO VALTELLINESE E PERTANTO INSERITA NEL PERIMETRO DI CONSOLIDAMENTO, TUTTAVIA NON INCLUSA NEL GRUPPO, AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA, IN QUANTO ESERCENTE ATTIVITÀ ASSICURATIVA (2) CFR. NOTA PRECEDENTE (3) IL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA CAPOGRUPPO È STATO APPROVATO NEL MESE DI GENNAIO L OPERAZIONE TROVERÀ ATTUAZIONE INDICATIVAMENTE ENTRO IL PRIMO TRIMESTRE DELL ANNO IN CORSO Global Assicurazioni Relazioni e Bilancio

16 Relazione del Consiglio di Amministrazione Società fin dalla sua costituzione nel dicembre del Infatti, Global Assicurazioni opera come agente plurimandatario e collabora con altri intermediari di primo livello, contemperando quindi nel suo modello strategico originario entrambi gli elementi centrali della nuova normativa. Nel pieno rispetto delle disposizioni normative vigenti in materia di distribuzione di prodotti assicurativi e al fine di incrementare in maniera costante la competenza degli addetti commerciali impegnati presso la rete distributiva, Global Assicurazioni ha promosso nel corso dell anno l erogazione formativa a favore di oltre 1500 risorse. La Società è stata altresì coinvolta, nel corso del 2012, in un significativo riassetto societario del Gruppo Credito Valtellinese, che ha visto la fusione per incorporazione del Credito Artigiano nel Credito Valtellinese e il passaggio da 4 a 3 banche territoriali. 15 Il Portafoglio premi Il portafoglio complessivo alla data del risulta pari a euro, così suddiviso: --Vita euro (di cui Tcm euro); --Danni non Auto euro; --Auto euro; --Previdenza Complementare euro. I premi incassati e le provvigioni I premi incassati nel 2012 ammontano a euro, in diminuzione rispetto all esercizio precedente (-25,48%) e sono suddivisi nel modo seguente: --Vita: euro; --Danni non Auto: euro; --Auto: euro; --Previdenza Complementare: euro. Le provvigioni sono pari a euro, in diminuzione del 22,87% rispetto al Il risultato di esercizio L esercizio 2012 si è chiuso con un utile lordo di euro (-27,46%) e con un utile netto di euro (-27,52 %). I costi generali sono quantificati in euro (-7,30%). Collaborazione con le banche del Gruppo Credito Valtellinese A seguito del riassetto societario del Gruppo Credito Valtellinese, la Società a fine 2012 collabora con le 3 banche territoriali del Gruppo Creval, operative nel territorio con 544 filiali, come di seguito rappresentato. Credito Valtellinese 368 Credito Siciliano 136 Carifano 40 Totale 544 Relazioni e Bilancio 2012 Global Assicurazioni

17 Le compagnie mandanti In data la Società ha sottoscritto un nuovo mandato di intermediazione con la Compagnia Zurich Investments Life S.p.A. per la gestione di portafoglio di prodotti assicurativi nel ramo vita. In data è cessato il mandato con la Compagnia Unisalute, con la quale non risultava più alcuna polizza attiva. Sempre in data la Società ha disdettato il mandato con la compagnia Italiana Assicurazioni. Il rapporto di collaborazione cesserà il senza polizze attive. In data la Compagnia L Assicuratrice Italiana Vita (L Aiv) è stata fusa per incorporazione nella Compagnia Allianz con decorrenza I mandati complessivamente in essere alla data del sono 22. Lo sviluppo dei prodotti 16 L attività di sviluppo prodotti nel 2012 è stata indirizzata al consolidamento del catalogo, che nel 2011 era già stato oggetto di diversi interventi, agli adeguamenti normativi ed all analisi dei fabbisogni della clientela per nuovi prodotti e modifiche ai prodotti esistenti da realizzare nel corso del Nell ambito dei prodotti vita, segmento Risparmio, è stata messa in linea dal mese di gennaio una nuova versione della polizza Global Risparmio Protetto di Allianz, nella quale sono stati modificati il premio minimo ed il rendimento minimo garantito. Nel mese di dicembre, i prodotti vita TCM di puro rischio, Global Tutela e Fin+A Vita di Aviva S.p.A., sono stati adeguati a quanto disposto dalla Direttiva Comunitaria 2004/113/CE (cd direttiva Gender), che in attuazione del principio della parità di trattamento tra uomini e donne per quanto riguarda l accesso a beni e servizi e la loro fornitura, vieta di differenziare i premi e le prestazioni dei contratti assicurativi in base al sesso degli assicurati. Nel comparto dei prodotti vita la Società ha realizzato inoltre una serie di interventi sui processi e sulla modulistica finalizzati ad ottemperare alla normativa in materia di antiriciclaggio, anche alla luce dell entrata in vigore del Regolamento Isvap n. 41/2012 che attribuisce in modo specifico agli intermediari obblighi di presidio diretto del rispetto della normativa. Inoltre nel settore investimento a premio unico è stata realizzata una nuova versione della polizza Global Futuro Più di Allianz che è in linea dal 2 gennaio 2013 e che introduce un importante garanzia assicurativa che prevede una maggiorazione del capitale liquidato in caso di 2012 Global Assicurazioni Relazioni e Bilancio

18 Relazione del Consiglio di Amministrazione decesso dell assicurato per infortunio o malattia. Nel comparto danni rami elementari, con effetto 1 gennaio 2013, le condizioni della polizza Global Protezione Salute di Global Assistance sono state riviste per recepire le indicazioni dell IVASS in merito all eliminazione nelle polizze malattia delle clausole che impediscono ai differentemente abili mentali di assicurarsi. Inoltre, a seguito dell entrata in vigore del Provvedimento Isvap 2946/2011, dal 2 aprile 2012 i prodotti Global Protezione Casa, Polizza Protezione Attiva, Fin+A Vita e Fin+A Danni, sono stati rivisti per adeguarli alla normativa relativa al Conflitto di Interesse degli intermediari. Sempre per la medesima normativa, è stata esclusa la possibilità di porre in vincolo o a pegno le polizze Danni e Vita collocate dalle Banche del Gruppo Creval indicando quale vincolatario o creditore pignoratizio la Banca stessa. Con riferimento al settore Auto la società ha parzialmente rivisto il processo di emissione e di rinnovo alla luce del Decreto Liberalizzazioni e del Regolamento Isvap sull offerta R.C. Auto in fase di emanazione che prevede obbligo di tre preventivi personalizzati, da sottoporre al cliente prima della sottoscrizione del contratto, di tre compagnie assicurative appartenenti a diversi gruppi. Tale attività si concluderà non appena l Organo di Vigilanza emanerà la normativa attuativa. Quanto invece a specifiche iniziative promozionali sui prodotti collocati, nel secondo semestre dell anno sono state attivate due campagne commerciali. La prima ha interessato la polizza vita a premio ricorrente Progetto Risparmio di Genertellife offerta, nel periodo della campagna, con uno sconto del 40% sui costi di caricamento relativi a tutti i premi previsti dal piano dei versamenti. La seconda campagna, dedicata alle polizze danni rami elementari, ha avuto come obiettivo l incremento del numero delle polizze collocate. Le iniziative commerciali del 2012 sono state supportate da materiale di comunicazione appositamente realizzato (depliant, manifesti, espositori da banco, totem) e pubblicizzate sui siti Internet del Gruppo, con video sui monitor in filiale e attraverso annunci pubblicitari su banner di siti internet d informazione nonché sul sito della Società. Global Assicurazioni nel 2012 ha complessivamente confermato il livello della propria efficienza gestionale come può rilevarsi dal numero esiguo dei reclami (17) rispetto al portafoglio gestito ed al numero delle operazioni effettuate. Nel corso del 2012 la Società ha gestito chiamate in entrata, ha emesso polizze, ha effettuato circa operazioni di post vendita e ha erogato n. 140 giornate di formazione in aula nei confronti di n soggetti abilitati alla intermediazione assicurativa. In conclusione si sottolinea il perdurare delle performance positive dei prodotti in collocamento di investimento e risparmio intermediati da Global Assicurazioni, sia a premio unico sia a premio ricorrente, come di seguito meglio specificato: --Polizze Global Valore Protetto e Progetto Risparmio, legate alla Gestione Separata Ri-Alto di Genertellife, che hanno registrato un rendimento lordo del 4,45% (ai clienti è stato riconosciuto un rendimento variabile dal 3,00% al 3,30% a seconda della versione di prodotto sottoscritto); --Polizza Global Futuro Più, legata alla Gestione Separata AZS VITARIV di Allianz che ha registrato un rendimento lordo del 3,91% (ai clienti è stato riconosciuto un rendimento variabile dal 2,51% al 2,71% a seconda dell ammontare dei premi versati). 17 Il personale La gestione del personale nel modello organizzativo del Gruppo Credito Valtellinese Sono attribuiti a specifiche funzioni a livello di gruppo la definizione delle politiche gestionali, delle metodologie operative, la formazione e la selezione del personale, l erogazione di servizi specialistici e di consulenza in materia di gestione del personale, tra i quali la gestione del sistema informativo integrato del personale. Presso le singole società e in stretto coordinamento con le corrispondenti strutture, sono invece svolte le specifiche attività di gestione delle risorse umane. Tale configurazione garantisce da una parte la definizione e lo sviluppo coerente dei modelli di gruppo e dall altra la vicinanza e l ascolto delle risorse nell ambito del disegno imprenditoriale unitario. Relazioni e Bilancio 2012 Global Assicurazioni

19 L evoluzione quantitativa delle risorse A fine dicembre l organico matricolare della società è costituito da 22 Collaboratori. Di questi, 2 sono distaccati presso altre società del Gruppo e presso società esterne, mentre 1 risorsa è distaccata presso la nostra azienda. L organico operativo in servizio presso le strutture aziendali assomma quindi a 21. Nel corso dell esercizio 1 persona è stata assunta e 2 collaboratori hanno concluso il rapporto di lavoro. Sotto il profilo dell inquadramento, l organico operativo della società, è costituito da: --2 dirigenti; --3 quadri; --16 appartenenti alle altre categorie professionali. ORGANICO PER CATEGORIE CONTRATTUALI AL 31/12/2012 9,5% DIRIGENTI 14,3% QUADRI 76,2% CATEGORIE PROFESSIONALI Relativamente alle forme contrattuali del personale operativo, 20 risorse pari a circa il 95,2% - sono assunte con contratto a tempo indeterminato, mentre 1 collaboratore è assunto a tempo determinato rappresentando il 4,8% del totale. I contratti part-time interessano 3 dipendenti, corrispondenti al 14,2% dei collaboratori in organico. La ripartizione per genere, evidenzia una percentuale di lavoratrici pari al 57,1% del totale. COLLABORATORI A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO AL ,2% TEMPO INDETERMINATO 4,8% TEMPO DETERMINATO 2012 Global Assicurazioni Relazioni e Bilancio

20 Relazione del Consiglio di Amministrazione COLLABORATORI FULL TIME E PART TIME AL ,8% FULL-TIME 14,2% PART-TIME L età media dei Collaboratori in organico è pari a 37 anni, mentre mediamente è di 6,3 anni l anzianità di servizio. Il 47,6% circa del personale è laureato e il 52,4% circa è in possesso di un diploma di scuola media superiore. COLLABORATORI PER TITOLO DI STUDIO AL ,4% DIPLOMA 47,6% LAUREA Nel corso dell anno 2012, l indice di crescita professionale corrispondente agli avanzamenti di carriera sul numero medio dei dipendenti è del 4,7%, mentre l indice di mobilità che esprime i cambiamenti di ruolo rispetto al numero medio dei dipendenti è pari al 9,5%. La Formazione Particolare attenzione è costantemente posta all attività di formazione delle risorse umane, anche attraverso l utilizzo della formazione a distanza. I fabbisogni formativi, in termini quantitativi e qualitativi, sono individuati con riguardo alla valutazione delle prestazioni, al monitoraggio delle conoscenze, ai piani di sviluppo individuali. Relazioni e Bilancio 2012 Global Assicurazioni

21 La formazione destinata nel 2012 ai Collaboratori di Global Assicurazioni ha impegnato 630 ore in aula tradizionale, di cui 143 presso società esterne e 487 presso le strutture didattiche del Gruppo, oltre a 324 ore in autoapprendimento. La percentuale dei collaboratori che hanno partecipato nel 2012 ad interventi formativi è stata pari al 100%. Le iniziative proposte sono state indirizzate ad una preparazione tecnico-professionale adeguata, oltre che a favorire l aggiornamento e l approfondimento di competenze specifiche, l utilizzo appropriato delle procedure a supporto dell operatività, il rispetto della normativa interna ed esterna. La formazione e le regole di comportamento Global Assicurazioni nel 2012 ha svolto la consueta attività di formazione ed assistenza al personale abilitato a svolgere attività di intermediazione assicurativa presso gli sportelli bancari del Gruppo Credito Valtellinese, al fine di garantire il rispetto della normativa vigente. Il Servizio Help Desk di Global Assicurazioni, che fornisce assistenza al personale addetto all attività di intermediazione assicurativa relativamente alle problematiche legate alle attività di vendita e gestione dei prodotti assicurativi, nel 2012 ha gestito contatti (tra e telefonate). Le telefonate in entrata sono state complessivamente circa di cui l 84% dalla rete di vendita e il 16% dai clienti. Il monitoraggio delle richieste ha permesso, in particolare, di rilevare il fabbisogno formativo degli operatori di sportello e le eventuali criticità e problematiche ricorrenti, da trattare nei corsi di formazione erogati in aula. L attività di formazione svolta nel corso del 2012 è sintetizzata nello schema seguente: N. giornate di formazione d aula 140 N. corsi erogati N. addetti abilitati 36 (corsi di nuova progettazione:6 in aula e 4 a distanza) (1514 addetti banche e 16 addetti Global Assicurazioni) 20 In merito alle regole di correttezza, trasparenza e professionalità, anche nel 2012 sono state intraprese le opportune iniziative per garantire che l attività di intermediazione assicurativa si svolga nel rispetto della normativa vigente. Nei corsi di formazione in aula e a distanza (wbt), oltre a richiamare le principali regole di comportamento degli intermediari nei confronti dei clienti, quali gli obblighi relativi all informativa pre-contrattuale e alla verifica sull adeguatezza, si è puntato ad affinare le competenze su come proporre o consigliare contratti adeguati in relazione alla propensione al rischio e alle esigenze di copertura assicurativa e previdenziale del cliente. Il presidio sul rispetto delle regole in materia di esercizio dell attività di intermediazione per il tramite di personale abilitato viene invece garantito dal processo che subordina il rilascio delle abilitazioni ad operare nella procedura di emissione e gestione delle polizze, alla preventiva verifica da parte del Servizio del Personale della Banca, del possesso dei requisiti di onorabilità e di professionalità, censiti tramite il programma di gestione del personale. L attività di verifica sull osservanza delle regole generali di comportamento da parte della rete distributiva è stata svolta sia mediante i controlli in loco presso le filiali, effettuati dagli auditor del Servizio Ispettorato delle singole aree territoriali del Gruppo Credito Valtellinese, sia attraverso controlli a distanza effettuati per mezzo di apposite funzioni di applicativo Global Assicurazioni Relazioni e Bilancio

22 Relazione del Consiglio di Amministrazione Altre informazioni Iniziative culturali e benefiche Nel corso del 2012 la Società ha ulteriormente confermato il proprio impegno nell ambito della responsabilità sociale tramite il sostegno di iniziative di carattere assistenziale e culturale. In particolare si ricorda il sostegno alla Onlus AUS Niguarda, associazione di volontariato che affianca l Unità Spinale Unipolare dell Azienda Ospedaliera di Niguarda Cà Grande di Milano, nel delicato compito della riabilitazione globale delle persone con lesione al midollo spinale; oltre al supporto destinato alla Confraternita San Carlo Borromeo, da sempre impegnata nella diffusione dei valori fondamentali della fede cristiana nei vari ambiti della comunità. La Società ha inoltre contribuito alla sponsorizzazione di importanti iniziative culturali tra le quali ricordiamo la mostra In confidenza col sacro - Statue vestite al centro delle Alpi, promossa dalla Fondazione - Centro Studi Nicolò Rusca, dal Gruppo Credito Valtellinese e dal MVSA - Comune di Sondrio, con il sostegno della Fondazione Cariplo; la mostra, inaugurata nel corso del 2011, è stata prorogato fino al mese di marzo Qualità Ad ottobre 2012 il RINA, primario Istituto di certificazione, a seguito delle accurate verifiche condotte, ha confermato integralmente a Global Assicurazioni la certificazione in essere dal 2005 di Progettazione, vendita e gestione post vendita di polizze di bancassicurazione vita e danni, in base al dettato della norma di riferimento ISO 9001:2008. Anche nel 2012 Global Assicurazioni ha aderito all edizione annuale della Campagna Nazionale della Qualità, che ha visto la partecipazione di oltre 250 aziende italiane pubbliche e private che condividono il ruolo strategico della Qualità per migliorare il nostro Paese. Il capitale sociale Nessuna variazione è intervenuta nel Capitale Sociale, che alla data del 31 dicembre 2012 ammonta a euro. Global Assicurazioni rientra nel perimetro di consolidamento del Credito Valtellinese, che esercita l attività di direzione e coordinamento sulla Società. I rapporti con le Società del Gruppo Credito Valtellinese e le altre parti correlate La Società ha in essere con il Credito Valtellinese, banca Capogruppo del Gruppo Credito Valtellinese che agisce in nome e per conto di tutte le Banche del Gruppo, un incarico finalizzato alla proposta e vendita per conto delle Compagnie assicurative di prodotti del settore. Con le Banche del Gruppo Credito Valtellinese sono in essere normali rapporti di conto corrente bancario. Global Assicurazioni ha sottoscritto con la partecipata Bankadati Società consortile per azioni un contratto per la fornitura di servizi informatici e strutture tecnologiche ed un contratto per la fornitura di servizi di supporto (logistica, economato e controllo costi), con la partecipata Deltas Società consortile per azioni un contratto per la fornitura di servizi di supporto operativo, governo strategico e corporate center, con Stelline Servizi Immobiliari un contratto per la gestione, progettazione e realizzazione di servizi immobiliari ed un contratto per l affitto dei locali e per la locazione di posti auto - regolati da normali condizioni di mercato. I rapporti di debito, credito nonché i costi ed i ricavi con le Società di cui sopra sono indicati a commento delle singole voci in nota integrativa. Relazioni e Bilancio 2012 Global Assicurazioni

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli