A.T.C. RN2. Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.T.C. RN2. Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2"

Transcript

1 A.T.C. RN2 Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2 Dicembre 2013

2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità 1. Il presente regolamento recepisce quanto previsto dalla L.R. 8/94 e ss.ii.mm., dal Regolamento per la gestione degli Ungulati in Emilia-Romagna approvato con Delibera di Giunta n. 2008/751 del 26/05/2008 (in seguito citato come R.R. n. 1/08) e dagli indirizzi del Piano Faunistico Venatorio della Provincia di Rimini. 2. Il presente regolamento persegue la tutela degli Ungulati selvatici disciplinandone le modalità gestionali e le forme di prelievo nel territorio dell ATC RN2. 3. Tutti gli interventi di Pianificazione e gestione degli Ungulati previsti nel presente regolamento sono approvati dall ATC su proposta della Commissione Tecnica nominata dall ATC annualmente. TITOLO II - LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CINGHIALE ART. 2 La pianificazione territoriale 1. L ATC RN2 entro 60 gg. dall approvazione del Piano Faunistico Venatorio provinciale (PFV) valuta le caratteristiche e la superficie del territorio soggetto alla pianificazione per la gestione del Cinghiale che, a seguito di accordi con i soggetti gestori delle Aree Protette, per ricomprendere anche le aree contigue dei Parchi. 2. Entro il predetto termine l ATC, definito l ambito territoriale di propria competenza gestionale, approva la ripartizione del territorio di caccia programmata in Distretti per la gestione e il prelievo del Cinghiale (DG-cinghiale) che, a seguito dell approvazione della Provincia, rappresentano le aree gestionali omogenee per il termine di vigenza del PFV stesso. I DG-cinghiale possono essere variati dall ATC, prima del termine annuale di iscrizione delle squadre di braccata o dei gruppi di girata, qualora venga ad essere modificata la pianificazione degli istituti faunistico-venatori nel periodo di vigenza del PFV o nel caso in cui non vengano presentate domande di accesso al prelievo del cinghiale in braccata o in girata nei numeri minimi previsti annualmente dall ATC. 3. I DG-cinghiale rappresentano la base minima territoriale di intervento per una razionale organizzazione e localizzazione delle attività di gestione faunistico-venatoria ascrivibili a un popolazione di cinghiale 4. I DG-cinghiale possono avere un estensione minima di ha e massima di ha di SASP (Superficie Agro-Silvo-Pastorale). Il perimetro di tali zone è individuato in coincidenza di strade pubbliche e corsi d acqua di prima categoria. 5. L ATC stabilisce annualmente, entro il 15 gennaio, il numero minimo e massimo delle squadre per la caccia al cinghiale in braccata, i gruppi di girata e i selecacciatori che possono essere ammessi alla gestione e al prelievo in ogni DG-cinghiale individuato. Il numero massimo di squadre di braccata che possono essere ammesse al prelievo complessivamente nel territorio dell ATC RN2 è determinato dal parametro n. squadre = SASP di caccia programmata/2.500 ha. arrotondato per difetto. 6. L ATC ripartisce l intero territorio dei DG-cinghiale in Unità di Gestione (UG-cinghiale) nell ambito del Piano di gestione annuale di cui al successivo art. 3 comma Le UG-cinghiale rappresentano le porzioni territoriali che vengono assegnate in via esclusiva alle squadre per la caccia in braccata, ove i componenti delle stesse possono operare il prelievo anche in forma selettiva o con il metodo della girata, a fini della gestione faunistico-venatoria. 8. Ciascuna UG-cinghiale ha di una superficie minima di ha. 500.

3 ART. 3 La gestione faunistico-venatoria 1. Entro il 31 marzo di ogni anno il Consiglio Direttivo dell ATC approva il Piano annuale di gestione del Cinghiale. 2. Il Piano annuale, redatto in conformità a quanto previsto all art. 4 del R.R. n. 751/08, viene completato con il disciplinare attuativo per il prelievo del cinghiale. Il disciplinare per il prelievo del cinghiale viene approvato dall ATC e trasmesso alla Provincia ogni anno entro 30 giorni dal termine di avvio della stagione venatoria previsto per ogni forma di caccia 3. Il disciplinare attuativo, oltre alle modalità dettagliate circa il prelievo cinghiale, stabilisce, sulla base dei censimenti di cinghiale che devono essere realizzati entro il 31 marzo di ogni anno, le densità obiettivo di cinghiale di ogni distretto in funzione di quanto stabilito dal PFVP e il piano minimo e massimo di abbattimento. 4. Annualmente l ATC pubblica i risultati dell attività di gestione faunistico-venatoria, riferita all annata venatoria precedente, rendendoli noti alle categorie interessate ART. 4 Accesso al prelievo del cinghiale 1. Il prelievo del cinghiale è consentito in forma selettiva e nelle forme di caccia collettiva. 2. In attesa che il territorio dell ATC RN2 venga considerato nell ambito dei PFV della Regione Emilia- Romagna e della Provincia di Rimini con indicazioni circa la vocazione faunistica rispetto al cinghiale, il prelievo in forma selettiva e con il metodo della girata sono esercitati esclusivamente nelle UGcinghiale. 3. Le squadre, i gruppi di girata e i selecacciatori che intendono operare la gestione e il prelievo del cinghiale nell ATC RN2 presentano domanda entro il 31 gennaio di ogni anno utilizzando gli appositi modelli disponibili presso l ATC. 4. Eventuali integrazioni dei componenti delle squadre o dei gruppi di girata potranno essere presentate all ATC RN2 una sola volta ed entro e non oltre il 30 aprile di ogni anno. 5. La squadra, nei termini previsti al precedente comma 3, per poter presentare richiesta di ammissione al prelievo deve avere le seguenti caratteristiche: a) essere costituita da un minimo di 40 ed un massimo di 80 componenti, compreso il capo squadra, salva diversa indicazione restrittiva da parte, della Provincia aventi i requisiti previsti dal R.R. n. 751/08; b) annoverare tra i componenti almeno il 40% di cacciatori residenti nel territorio dei comuni dell ATC RN2 c) annoverare tra i componenti non più di 10 cacciatori non iscritti all ATC RN2. 6. Ogni gruppo di girata, costituito solo dai componenti della squadra che presenta istanza per l accesso alla gestione e al prelievo in un DG-cinghiale, deve essere costituito: da un minimo di 6 ad un massimo di 20 componenti, compreso il conduttore di cane limiere, aventi i requisiti previsti dal R.R. n. 751/08; da almeno il 50% di soggetti residenti nei comuni dell ATC RN2. 7. La squadra che intende esercitare il prelievo anche con il metodo della girata nella UG-cinghiale assegnata, presenta contestualmente domanda per il prelievo in braccata e per il prelievo con il metodo della girata.

4 8. I cacciatori di selezione che intendono operare il prelievo del cinghiale devono essere componenti di una squadra di caccia in braccata e devono produrre domanda di autorizzazione al prelievo contestualmente all istanza prodotta dalla squadra di appartenenza. 9. Ogni anno, valutati i requisiti di ogni squadra richiedente, l ATC provvede ad assegnare a quelle idonee i DG-cinghiale, sulla base dei posti disponibili di cui al precedente art. 2 comma 3, secondo i seguenti criteri di priorità: a) Sono ammesse le squadre omologhe che presentano domanda di operare il prelievo nello stesso DG-cinghiale in cui sono state autorizzate al prelievo nella stagione venatoria precedente all atto di domanda, che annoverano tra i componenti: la percentuale più alta di residenti nei comuni dell ATC RN2; la percentuale più alta di residenti della provincia in cui ricade l ATC RN2. Vengono ritenute squadre omologhe, di cui al precedente comma, quelle che mantengono almeno il 70% dei componenti che costituivano la stessa nell atto di autorizzazione della stagione venatoria precedente. b) quindi sono ammesse le squadre denominate aggregate, ovvero quelle costituite da almeno il 51% dei componenti di ciascuna di 2 squadre autorizzate nella S.V. precedente all atto di domanda nell ATC RN2; c) poi vengono ammesse le squadre omologhe, aventi i requisiti di cui alla precedente lett. a), che presentano domanda per esercitare il prelievo in DG-cinghiale diverso da quello in cui erano state autorizzate al prelievo nelle precedenti stagioni venatorie; d) vengono infine ammesse le squadre costituite con il maggior numero di componenti residenti nei comuni ricadenti nell ATC RN2. A parità di tale parametro hanno priorità quelle che annoverano il maggior numero di residenti nella provincia di Rimini. Nel caso di ulteriore parità di merito prevalgono le squadre con il maggior numero di componenti. 10. Qualora una squadra non venga ammessa ad operare nel DG-cinghiale richiesto, per indisponibilità di spazio, l ATC può proporre alla stessa di operare in un altro DG-cinghiale avente capienza. 11. Qualora una squadra non venga autorizzata al prelievo automaticamente non vengono autorizzati il gruppo di girata e i selecacciatori facenti parte della stessa. 12. Successivamente all ammissione nel DG-cinghiale, l ATC provvede ad assegnare in via esclusiva alla squadra una UG-cinghiale per l intera annata venatoria. 13. L ATC assegna in prima fase l UG-cinghiale 14. L ATC assegna in prima fase l UG-cinghiale alle squadre aggregate, garantendo alle stesse una superficie di pianificazione territoriale pari a circa un minimo del 70% e massimo del 80% della sommatoria della superficie delle UG-cinghiale assegnate alle stesse nella stagione venatoria precedente. La definizione dei confini dell UG-cinghiale viene definita in accordo con i Responsabili delle due squadre che si aggregano; in mancanza di tale accordo l ATC procede a definire i confini della nuova UG-cinghiale. 15. L ATC assegna in seconda fase le UG-cinghiale alle squadre omologhe valutando l impegno e i risultati ottenuti nella gestione faunistico-venatoria nell annata/e venatorie precedenti. I parametri considerati per la valutazione sono: a) Correttezza nell esecuzione dei censimenti di cinghiale; b) Adozione di forme di prelievo diversificate nella stessa UG-cinghiale quali, prelievo selettivo, girata e braccata; c) Completamento del piano di abbattimento; d) Valutazione dei danni prodotti dal cinghiale nell UG-cinghiale gestita;

5 e) Collaborazione all esecuzione di interventi gestionali previsti nel Piano annuale; f) Sanzioni e provvedimenti disciplinari subiti. 16. L ATC assegna quindi l UG-cinghiale alle squadre di nuova costituzione sulla base delle disponibilità territoriali residue valutando la composizione delle squadre, ovvero privilegiando quelle con un maggior numero di residenti nei comuni dell ATC RN2, quindi quelle con il maggior numero di residenti nella provincia di riferimento e infine quelle con il maggior numero di componenti. 17. Quale contributo per la gestione del cinghiale e per gli interventi di prevenzione ed indennizzo dei danni prodotti dal cinghiale, ogni squadra ammessa alla gestione e al prelievo è tenuta a versare, entro il 30 aprile di ogni anno, una quota minima di 2.000,00 (euro duemila/00) fino ad un massimo di 6.000,00 (euro seimila/00). La quota è stabilita dall ATC in rapporto alle spese che lo stesso sostiene per la gestione del cinghiale, ovvero rispetto ai parametri riportati al precedente comma 13 e alle caratteristiche dull UG-cinghiale assegnata. Pertanto il contributo può essere diversificato nei diversi DG-cinghiale e/o UG-cinghiale. I gruppi di girata e i cacciatori di selezione del cinghiale non versano alcun contributo ulteriore. Le squadre di nuova costituzione dovranno versare la quota che l ATC stabilisce annualmente. 18. Il contributo che la squadra versa all ATC è incrementato di 50,00 per ogni eventuale componente non iscritto all ATC RN2 facente parte della stessa. 19. L introito determinato dal contributo versato dalle squadre va a costituire un capitolo di bilancio dell ATC destinato all attività di gestione degli Ungulati. 20. La squadra è tenuta ad eseguire il Piano Annuale di Abbattimento (PAA) entro i valori minimi e massimi stabiliti. Qualora nell ambito della squadra siano autorizzati ad operare un gruppo di girata e/o cacciatori di selezione questi operano il prelievo nel rispetto del PAA assegnato alla squadra stessa. 21. In ogni DG-cinghiale l ATC nomina, di concerto con le squadre, un capo distretto aventi le funzioni previste dal R.R. n. 1/08 e vice-capo distretto sino ad un massimo di Nell ambito del PAA di ogni DG-cinghiale un capo gestionale è assegnato al capo distretto, quale forma di rimborso spesa, che può prelevarlo attraverso il prelievo selettivo. Qualora il capo distretto non fosse in possesso dell abilitazione di selecacciatore, il capo potrà essere prelevato da selecacciatore appartenente alla squadra designato dal caposquadra. 23. Le squadre, i gruppi di girata e i cacciatori di selezione di cinghiale sono tenuti a rispettare le modalità di prelievo stabilite nel disciplinare attuativo di cui al precedente art. 3, comma Nel caso in cui in una UG-cinghiale sia stato autorizzato il prelievo del cinghiale con il metodo della braccata e della girata e/o di selezione, nella stessa giornata di prelievo può essere impiegata più di un metodo (tecnica) di prelievo. 25. I cinghiali abbattuti durante l attività di caccia, al termine della giornata di caccia, devono essere tutti recapitati in un punto di raccolta, che la squadra è tenuta ad indicare all ATC contestualmente al rilascio dell atto di ammissione al prelievo, ove vengono registrati dal capo-distretto o dal suo vice i dati riferiti ad ogni animale. Resta fermo che vanno rispettate le norme Regionali relative all igiene degli alimenti (Allegato Tecnico Regolamento regionale sulla gestione degli ungulati in E.R.). ART. 5 Controllo di Cinghiale 1. Il controllo è effettuato secondo le norme emanate in merito dalla Provincia in base all art.16 della L.R. 8/94

6 TITOLO III - LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CAPRIOLO ART. 6 Gestione dei Cervidi 1. Considerato che nell ATC RN2 le segnalazioni di presenza di Daino e Cervo sono occasionali, e certamente non esistono popolazioni strutturate, le specie non saranno soggette a specifica gestione sino quando le segnalazioni di presenza non saranno tali da indurre la Commissione tecnica a integrare il presente regolamento per disciplinare le attività gestionali e di prelievo delle specie. ART. 7 La pianificazione territoriale 1. L ATC RN2 entro 60 gg. dall approvazione del Piano Faunistico Venatorio provinciale (PFV) valuta le caratteristiche e la superficie del territorio soggetto alla pianificazione per la gestione del Capriolo che, a seguito di accordi con i soggetti gestori delle Aree Protette, per ricomprendere anche le aree contigue dei Parchi. 2. Entro il predetto termine l ATC, definito l ambito territoriale di propria competenza gestionale, approva la ripartizione del territorio di caccia programmata in Distretti per la gestione e il prelievo del Capriolo (DG-capriolo) che, a seguito dell approvazione della Provincia, rappresentano le aree gestionali omogenee per il termine di vigenza del PFV stesso. 3. I DG-capriolo possono avere un estensione minima di ha e massima di ha Il perimetro di tali zone è individuato in coincidenza di limiti fisici artificiali e naturali facilmente riscontrabili nel territorio, quali strade e corsi d acqua. 4. Nell ambito del Piano annuale, di cui al successivo art. 8 comma 5, l ATC approva la ripartizione dei DGcapriolo in Unità di Gestione per l accesso al prelievo (UG-capriolo) che devono avere una superficie agro-silvo-pastorale superiore ha 100. ART. 8 La gestione faunistica 1. La gestione faunistica è fondata sulla conoscenza delle caratteristiche ambientali del territorio dell ATC RN2 e sulla conoscenza dei parametri di popolazione del Capriolo nonché delle specie in diretto rapporto ecologico con la stessa. Pertanto l analisi territoriale e i censimenti della popolazione sono i presupposti per la pianificazione e quindi per gli interventi gestionali. A tale proposito si adotta il protocollo ISPRA. 2. Entro 60 giorni dall approvazione del PFV provinciale, in applicazione delle indicazioni dello stesso, l ATC approva un piano quinquennale di gestione del Capriolo. 3. Entro il 1 marzo di ogni anno l ATC approva il protocollo per la realizzazione dei censimenti annuali 4. Entro il 30 aprile di ogni anno l ATC approva la relazione consuntiva riportante l esito dell attività di prelievo realizzata durante la precedente stagione venatoria. 5. Entro il 15 maggio di ogni anno l ATC approva il Piano Annuale di gestione del Capriolo (PA-capriolo), ove vengono considerati e definiti: a) l analisi delle caratteristiche territoriali; b) l applicazione delle indicazioni previste nel piano quinquennale e la relativa programmazione degli

7 interventi; c) le modalità di raccolta dei dati inerenti l impatto del capriolo specie sulle attività antropiche; d) la definizione progettuale dell attività di prevenzione dei danni alle produzioni agricole e la valutazione della reale efficacia in termini di riduzione dei danni; e) l accurata valutazione dei danni all attività produttiva agricola; f) la definizione progettuale degli interventi di miglioramento ambientale o in favore della specie; g) la definizione di interventi gestionali accessori. h) Il disciplinare volto a regolamentare in dettaglio le modalità di esecuzione del prelievo e delle relative attività accessorie; i) L assegnazione ai selecacciatori delle UG-capriolo, sulla base della graduatoria di merito; j) L assegnazione ai selecacciatori del piano di prelievo individuale, sulla base della graduatoria di merito, e la documentazione comprendente il materiale autorizzativo, entro 15 giorni dalla data di inizio dell accesso al prelievo. 6. Il prelievo di capriolo può essere attuato solo quando nei DG-capriolo la densità stimata è pari o superiore a 8 caprioli/kmq, o comunque secondo quanto previsto dal PFVP e dalle carte di vocazione faunistica. 7. Il PPA-capriolo viene stabilito, sia in termini numerici che in rapporto alle classi di età e sesso, entro i termini massimi dei parametri indicati nello specifico protocollo dall ISPRA e dal PFV della Provincia di Rimini. 8. Nell ambito del PPA-capriolo ad ogni selecacciatore non possono essere assegnati oltre i 5 capi per annata venatoria, fatto salvo che possono essere assegnati ulteriori capi gestionali sulla base di quanto stabilito al successivo art Dal PPA-capriolo sono decurtati, prima dell assegnazione ai selecacciatori titolari di UG-capriolo, i capi gestionali di cui al successivo art. 11. I capi rimanenti sono assegnati ai selecacciatori in base alla graduatoria di merito, di cui al successivo art I capi del PPA-capriolo non assegnati ai selecacciatori titolari di UG-capriolo sono destinati alla caccia speciale con assegnazione prioritaria ai selecacciatori del DG in cui ricade la UG stessa e quindi agli altri selecacciatori ammessi infine ai non ammessi dall ATC RN2 in base alla graduatoria. Annualmente l ATC pubblica i risultati dell attività di gestione faunistico-venatoria, riferita all annata venatoria precedente, rendendoli noti alle categorie interessate. ART. 9 Accesso alla gestione e al prelievo 1. Il numero di selecacciatori, in possesso di abilitazione riconosciuta dalla Provincia di riferimento, che possono essere ammessi annualmente alla gestione e al prelievo di capriolo è corrispondente al numero di UG-capriolo individuate dall ATC in base a quanto previsto nel Piano annuale. 2. Entro il 31 gennaio di ogni anno i selecacciatori interessati ad operare nell ATC RN2 presentano domanda di ammissione alla gestione e al prelievo in uno dei DG-capriolo, utilizzando apposito modulo reso disponibile dall ATC. Dal 2015 sono esonerati dal dover presentare domanda coloro che sono stati autorizzati nella stagione venatoria precedente e che hanno ritirato il materiale autorizzativo. Il selecacciatore può comunque annualmente presentare domanda nel caso in cui intenda variare DGcapriolo ove vuole operare o per aggiornare i requisiti di merito.

8 3. Rispetto al numero di selecacciatori che possono essere annualmente ammessi in base al precedente comma 1, i DG-capriolo sono assegnati in via prioritaria a coloro che risiedono nei comuni dell'atc RN2, i posti rimanenti sono assegnati prioritariamente ai residenti della Provincia in cui ricade l'atc e successivamente ai residenti della Regione Emilia-Romagna o della Repubblica di San Marino e quindi di altre Regioni. 4. Entro la fine del mese di febbraio di ogni anno l ATC ammette all esecuzione dei censimenti di Capriolo i selecacciatori richiedenti nei DG-capriolo in base ad una graduatoria di merito, i cui parametri di valutazione sono riportati al seguente comma 7 5. In ogni DG-capriolo l ATC nomina un capo distretto e un massimo di 2 vice per espletare le funzioni previste dal R.R. n. 751/ L ATC RN2 riserva la disponibilità di accesso allo stesso per i selecacciatori ammessi ad operare la gestione e il prelievo di capriolo nel proprio ambito. Pertanto per ottenere l assegnazione dell UGcapriolo è obbligatoria l iscrizione all ATC RN2. 7. All atto di presentazione della domanda per accedere alla gestione e al prelievo di capriolo, ogni selecacciatore viene inserito nel Registro Graduatoria UG-capriolo (RG-UG), con l assegnazione contestuale di punti in rapporto ai criteri riportati al successivo comma 9, che determinano la graduatoria di priorità per l ammissione ad un DG-capriolo e per la successiva assegnazione dell UG. 8. La mancata esecuzione dei censimenti obbligatori esclude il selecacciatore dal RG-UG. 9. I parametri che vengono considerati per la formulazione della graduatoria del RG-UG sono i seguenti: a) Residenza anagrafica nel territorio del DG-capriolo oggetto di richiesta p.ti 30 b) Domanda di accesso per la corrente annata venatoria alla gestione e prelievo nello stesso DG-capriolo autorizzato nella precedente annata venatoria p.ti 20 c) Proprietà di fondo agro-forestale di superficie superiore ad ha. 5,00 ricadente nel DGcapriolo oggetto di richiesta e registrato da almeno 2 anni precedenti la domanda p.ti 5 d) Conduzione di fondo agro-forestale di superficie superiore ad ha 5,00 ricadente nell DGcapriolo oggetto di richiesta e registrato da almeno 2 anni precedenti la domanda p.ti 4 e) Possesso di abilitazione di conduttore di cane traccia, ai sensi del R.R. n. 1/08 p.ti 2 f) Possesso di abilitazione di operatore abilitato ai rilevamenti biometrici, ai sensi del R.R. n. 1/08 p.ti 2 g) cacciatore di ungulati con metodi selettivi specializzato nel prelievo del cervo p.ti 2 h) Per ogni anno di autorizzazione, rilasciata da ente preposto, all esercizio del prelievo selettivo di Cervidi p.ti A seguito dell esecuzione dei censimenti, sulla base delle UG-capriolo definite dall ATC e rispetto alla graduatoria del RG-UG, l ATC ammette in via definitiva il selecacciatore nel DG-capriolo. L assegnazione delle UG-capriolo avviene attraverso la scelta delle stesse dal selecacciatore che ha maggiori punti nella graduatoria del RG-UG. 11. La graduatoria può essere contestata dal selecacciatore solo rispetto ai punti accreditati nell anno di presentazione della domanda di accesso al prelievo, attraverso istanza di contestazione inoltrata entro 15 giorni dalla data di approvazione della graduatoria da parte dell ATC. 12. Successivamente all approvazione della Provincia di Rimini del PPA-capriolo, vengono assegnati ad ogni selecacciatore i capi oggetto di prelievo sulla base della graduatoria di merito prevista nel Registro Graduatoria PA-capriolo (RG-PA), fatto salvo quanto previsto al successivo comma 15.

9 13. A coloro che non siano mai stati autorizzati da una Provincia ad esercitare il prelievo di Capriolo in una UG per un intera stagione venatoria ovvero vengano ammessi al prelievo di capriolo per la prima volta successivamente al conseguimento dell abilitazione al titolo di cacciatore di Ungulati con metodi selettivi, denominati in seguito tirocinanti selecacciatori, possono essere assegnati solo i seguenti capi nel primo anno di attività: 1 femmina oppure 1 piccolo (classe 0) in UG non assegnata e con onere di contributo economico definito annualmente dall ATC. 14. Ogni selecacciatore autorizzato dall ATC RN2 alla gestione e al prelievo in una UG-capriolo viene iscritto nel RG-PA con l assegnazione contestuale di punteggi, secondo i seguenti parametri: a) Per attività di censimento, nel rispetto del protocollo di cui all art. 8 comma 3: per ogni uscita obbligatoria p.ti 2 per ogni uscita facoltativa p.ti 3 b) Valutazione della qualità di preparazione del trofeo, stabilita da apposita commissione, per ogni trofeo: fino da un massimo di p.ti 3 ad un minimo di p.ti - 3 c) Valutazione della qualità di preparazione delle mandibole, stabilita da apposita commissione, per ogni mandibola: fino ad un massimo di p.ti 3 ad un minimo di p.ti - 3 d) Collaborazione all esecuzione del Piano annuale di gestione o di altre attività gestionali dell ATC, in cui i punti saranno stabiliti dalla Commissione Tecnica, fino ad un massimo di p.ti 30 e) Abbattimento di piccolo assegnato (classe 0) p.ti 4 f) Esecuzione corretta di tutto il piano di abbattimento assegnato p.ti 3 g) Valutazione dei trofei, con punteggio assegnato da Commissione Tecnica, rispetto alla qualità degli stessi: da un massimo per trofei scadenti di p.ti 5 a un minimo per trofei di qualità di p.ti - 5 h) Abbattimento di capi feriti o defedati p.ti 5 i) Corretta segnalazione di capo ferito p.ti 2 j) Accompagnamento dei selecacciatori tirocinanti, per ogni uscita (fino max. p.ti 15) p.ti 1 k) Collaborazione alla realizzazione della mostra dei trofei, con assegnazione da parte della Commissione Tecnica, sino ad un massimo di p.ti 10 l) Partecipazione all attività di misurazione biometriche e verifiche dei reperti ossei p.ti 3 m) Per ogni anno di autorizzazione rilasciata dall ATC RN2 all esercizio del prelievo in forma selettiva di Capriolo p.ti 3 n) Per non aver effettuato uscite finalizzate al prelievo di capriolo in base all autorizzazione rilasciata dall ATC RN2 p.ti- 20 o) Per mancato abbattimento di caprioli del piano di prelievo autorizzato dall ATC RN2 con un numero di uscite inferiori a 4 p.ti- 10 p) Per mancato abbattimento di caprioli del piano di prelievo autorizzato dall ATC RN2 con un numero di uscite comprese tra le 4 e le 8 p.ti - 5 q) Per mancata disponibilità ad effettuare alcun accompagnamento per prelievo capi di caccia speciale p.ti- 10

10 r) Errato abbattimento: maschio adulto (classe II) invece di maschio giovane (classe I) assegnato p.ti- 10 s) Errato abbattimento: maschio adulto (classe II) invece di piccolo (classe 0) o femmine assegnate p.ti- 20 t) Errato abbattimento: maschio giovane (classe I) invece di piccolo (classe 0) o femmine assegnate p.ti- 10 u) Errato abbattimento: femmina adulta (classe II) invece di piccoli (classe o) p.ti-10 v) Errato abbattimento: qualsiasi prelievo diverso da quello assegnato, non contemplato nei precedenti casi p.ti L assegnazione dei campi comporta la seguente riduzione di punteggio nella graduatoria: a) Maschio adulto (classe II) p.ti- 12 b) Maschio giovane (classe I) p.ti - 6 c) Femmina adulta e subadulta (classe I e II) p.ti - 3 d) Piccolo (classe 0) p.ti I capi assegnati non possono essere ceduti. 17. I capi assegnati possono essere rinunciati, ma la rinuncia comporta comunque la riduzione del punteggio di merito pari al 50% corrispettivo del valore del capo. 18. Qualora per 3 anni consecutivi un selecacciatore non viene autorizzato al prelievo viene escluso dal RG- PA. 19. Il selecacciatore assegnatario di una UG-capriolo e del relativo piano di abbattimento, con l accettazione del autorizzazione si impegna, oltre a rispettare la normativa regionale in materia e il presente regolamento, anche a rispettare il disciplinare attuativo che norma le modalità di prelievo nonché ad accompagnare eventuali cacciatori per il prelievo di capi previsti in base alla caccia speciale. 20. Quale contributo per l attività di gestione del capriolo, l ATC stabilisce annualmente la quota di partecipazione che ogni selecacciatore a cui viene assegnata una UG-capriolo e il relativo piano di prelievo è tenuto a versare per ottenere l autorizzazione ad esercitare l attività. Tale quota è compresa tra un minimo di 80,00 ed un massimo di 160, L autorizzazione per l accesso al prelievo di capriolo deve essere ritirata da ogni selecacciatore, dal rispettivo Responsabile di Distretto, alla data stabilita annualmente dall ATC RN2 e comunque non oltre il termine dei successivi 30 giorni, decorsi i quali si intende l automatica rinuncia di accesso al prelievo da parte dell interessato che non ha provveduto a ritirare il materiale autorizzativo. 22. Le quote introitate dall ATC, di cui al precedente comma 21, sono destinate ad un capitolo di spesa del bilancio dell ATC riservato alla gestione degli Ungulati. ART. 10 Modalità di esecuzione del prelievo 1. Il prelievo selettivo è consentito in forma individuale con i sistemi della cerca e dell'aspetto da punto fisso. 2. I tirocinanti selecacciatori, di cui all art. 9 comma 14, possono esercitare il prelievo esclusivamente accompagnati da un selecacciatore, con esperienza almeno triennale, appartenente allo stesso DGcapriolo in cui ricade l UG del tirocinante.

11 3. Il disciplinare, di cui al precedente art. 8 comma 5, lett. h), stabilisce le modalità dettagliate per l esecuzione del prelievo selettivo e prevede tra i vari aspetti quanto riportato di seguito: a) Le modalità di segnalazione dell uscita e del rientro della giornata di prelievo; b) La tipologia e i contenuti del verbale giornaliero di attività; c) Le modalità di accertamento del capo abbattuto, che devono prevedere: la comunicazione del selecacciatore di avvenuto abbattimento al Responsabile di Distretto o, solo nel caso in cui questi non risulti reperibile, al Vice Responsabile che è tenuto comunque a dare informazione della circostanza al Responsabile di Distretto; la compilazione della scheda di abbattimento; l apposizione di marca inamovibile; la documentazione fotografica; d) L individuazione dei punti di raccolta dei capi abbattuti, nel numero di almeno 1 per ogni DGcapriolo; e) Le modalità e i tempi attraverso cui i capo distretto devono trasferire le schede giornaliere di uscita ed i verbali di attività; f) Le modalità per l accompagnamento dei cacciatori autorizzati nei casi previsti; g) Le modalità e i tempi entro cui devono essere consegnati i reperti ossei; h) Le modalità di segnalazione dei capi feriti e i relativi interventi di recupero. ART. 11 Capi gestionali 1. L ATC può impiegare personale volontario per svolgere alcune attività riferite all organizzazione e alla gestione dei Cervidi. In particolare individua e incarica le seguenti figure, aventi le funzioni previste dal R.R. n 751/08, dal presente regolamento e stabilite annualmente dal Piano Annuale di gestione: a) i Capo distretto; b) i vice capo distretto; c) gli accompagnatori di cacciatori delle caccia speciale; d) i rilevatori biometrici. 2. Quale rimborso per le collaborazioni rese l ATC assegna a tali figure annualmente capi da prelevare, sulla base dell impegno profuso nell anno precedente, nell ambito del PPA-capriolo. 3. Ad ogni capo distretto viene assegnato un maschio giovane (classe I) 4. Ad ogni vice capo distretto viene assegnato una femmina adulta (classe II) o un piccolo (classe 0) rispetto all impegno profuso valutato dal capo distretto e dalla Commissione Tecnica. 5. Ad ogni conduttore abilitato al recupero dei capi feriti che offre la disponibilità di realizzare il servizio vengono assegnati i seguenti capi di capriolo, che verranno prelevati nei DG-capriolo indicati dall ATC: a) Per lo svolgimento di almeno un servizio di recupero: un classe 0 b) Per lo svolgimento di 2 o 3 servizi di recupero: una femmina; c) Per lo svolgimento di 4 o più servizi di recupero: un M1. 6. Agli accompagnatori di caccia ed ai rilevatori biometrici, nei casi previsti, vengono rispettivamente assegnati 1 punto per ogni sessione di accompagnamento ed 1 punto per ogni giornata di presenza presso il centro di raccolta. Tali punti sono accreditati nella Registro Graduatoria PA-capriolo. 7. Nel Piano di abbattimento vengono assegnati prioritariamente i capi gestionali 8. I capi gestionali sono aggiunti al piano di prelievo. 9. Le modalità di prelievo dei capi gestionali sono omologhe a quelle dei capi del PPA-capriolo.

12 ART. 12 Caccia speciale 1. Fino al 10% del PPA-capriolo oltre ai capi non assegnati del Piano stesso per qualsiasi motivo, possono andare a costituire il pacchetto della caccia speciale al capriolo. 2. La caccia speciale si configura come l assegnazione di un capo a cacciatori non titolari di una UGcapriolo nell ATC RN2. 3. Quale contributo per la gestione del capriolo e per spese organizzative accessorie, l ATC stabilisce annualmente l importo richiesto per accedere al prelievo dei capi dei caccia speciale, che sono compresi entro le seguenti cifre: a) Per un piccolo (classe 0), da 20,00 a 40,00; b) Per una femmina giovane o adulta classe I o II, da 40,00 a 80,00; c) Per un maschio giovane (classe I), da 80,00 a 160,00; d) Per un maschio adulto (classe II), da 200,00 a 400, Le quote introitate dall ATC, di cui al precedente comma, sono destinate ad un capitolo di spesa del bilancio dell ATC riservato alla gestione degli Ungulati. TITOLO IV NORME DI COMPLETAMENTO ART. 13 Deroghe 1. In deroga all art. 2 comma 1, l ATC RN2 può modificare i DG-cinghiale entro il 31 gennaio di ogni anno sino a quando la Provincia non avrà approvato il Piano Faunistico-Venatorio, successivo alla data di approvazione del presente regolamento. 2. Qualora ogni anno presentino domande di ammissione le squadre omologhe autorizzate ad operare dall ATC RN2 nella stagione venatoria precedente e le squadre aggregate, queste sono ammesse in deroga al parametro previsto all art. 2 comma 5. Sono definite squadre omologhe e squadre aggregate come indicato all art. 4 comma 9 rispettivamente lett. a) e b). 3. In deroga all art. 7 comma 2, l ATC RN2 può modificare i DG-capriolo entro il 15 gennaio di ogni anno sino a quando la Provincia non avrà approvato il Piano Faunistico-Venatorio, successivo alla data di approvazione del presente regolamento. ART Norme accessorie 1. Per tutto quanto non previsto e dettagliato nel presente regolamento si deve fare riferimento al R.R. n o nei disciplinari attuativi dell ATC RN2. 2. L ATC a proprio insindacabile giudizio, per qualsiasi caso in cui sia prevalente l esigenza di tutelare le popolazioni di capriolo può modificare nel corso dell anno il PPA-capriolo e le modalità di esecuzione dello stesso.

A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5

A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5 A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5 Consiglio Direttivo (Legge Regionale n.8/94 art.31 e n. 6/00) Via Balzella, 41/D Forlì tel 0543-777289 fax 0543-750517 e-mail atcfc@libero.it Approvate dal Consiglio

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA SV 2 - ZONA PONENTE REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI POLIGASTRICI - REV.

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA SV 2 - ZONA PONENTE REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI POLIGASTRICI - REV. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA SV 2 - ZONA PONENTE REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI POLIGASTRICI - REV. 15/05/2015 L A.T.C. SV2 si prefigge il conseguimento delle finalità

Dettagli

BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3

BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3 BOZZA REGOLAMENTO DI CACCIA AL CINGHIALE ATC CS3 Art. 1 (Caratteri generali) 1. Il presente, disciplina la gestione faunistico-venatoria del cinghiale nella Provincia di Cosenza, nel rispetto della normativa

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO DELLE UNITA DI GESTIONE PER LA CACCIA ALLA LEPRE NELLA PROVINCIA DI SAVONA

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO DELLE UNITA DI GESTIONE PER LA CACCIA ALLA LEPRE NELLA PROVINCIA DI SAVONA PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO DELLE UNITA DI GESTIONE PER LA CACCIA ALLA LEPRE NELLA PROVINCIA DI SAVONA (Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34 del 05/07/2012) TITOLO I Disposizioni generali

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA via Mantova, 45-85100 Potenza. Tel.: 0971/410023 Fax: 0971/330018 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DEL CINGHIALE PER LA PROVINCIA DI POTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA CACCIA DI SELEZIONE AI CERVIDI

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA CACCIA DI SELEZIONE AI CERVIDI AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FIRENZE N. 5 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA CACCIA DI SELEZIONE AI CERVIDI TITOLO I. Norme Generali Art. 1- Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la caccia

Dettagli

ANNATA VENATORIA 2014/2015 VISTO

ANNATA VENATORIA 2014/2015 VISTO ANNATA VENATORIA 2014/2015 Il Comitato di Gestione dell Ambito Territoriale di Caccia CS2, al fine di garantire una corretta ed efficace gestione della caccia nel territorio dei 29 Comuni, VISTO la Legge

Dettagli

Provincia di Ancona. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale. n. 143 del 05/06/2014

Provincia di Ancona. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale. n. 143 del 05/06/2014 Provincia di Ancona DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale n. 143 del 05/06/2014 Oggetto: GESTIONE UNGULATI, SPECIE CINGHIALE - APPROVAZIONE PIANI

Dettagli

L'ASSEGNAZIONE DI CAPI DI CERVO IN PROVINCIA DI PISTOIA A CACCIATORI NON ISCRITTI ALLE LISTE PROVINCIALI

L'ASSEGNAZIONE DI CAPI DI CERVO IN PROVINCIA DI PISTOIA A CACCIATORI NON ISCRITTI ALLE LISTE PROVINCIALI ALLEGATO A (DELIBERA N. 70 SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2009) REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CAPI DI CERVO IN PROVINCIA DI PISTOIA A CACCIATORI NON ISCRITTI ALLE LISTE PROVINCIALI (Art. 15, comma b del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELL AREA CONTIGUA Stagione Venatoria 2009-2010, 2010-2011. ART. 1 Accesso per l esercizio venatorio nell area contigua (zona di pre-parco) L esercizio

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N. 17-5754 DEL 06/05/2013

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N. 17-5754 DEL 06/05/2013 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C.VC1 VIA VERCELLI 44 13030 CARESANABLOT TEL./FAX 0161 58181 REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO CACCIA DI SELEZIONE AL MUFLONE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C. LUCCA 11

PROTOCOLLO OPERATIVO CACCIA DI SELEZIONE AL MUFLONE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C. LUCCA 11 PROTOCOLLO OPERATIVO CACCIA DI SELEZIONE AL MUFLONE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C. LUCCA 11 In applicazione del Regolamento sperimentale per la gestione del muflone in Provincia di Lucca

Dettagli

PROGRAMMA VENATORIO. Annata 2013/2014. Linee Generali

PROGRAMMA VENATORIO. Annata 2013/2014. Linee Generali PROGRAMMA VENATORIO Annata 2013/2014 Linee Generali L art.9 comma 15 della L.R n. 27 del 13.8.98 dispone che, in attuazione del Piano faunistico venatorio regionale, la Giunta Regionale approva il programma

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C. PROVINCIA DI FOGGIA (Approvato con deliberazione del Comitato di Gestione n. 66/12 del 22 giugno 2012 e successive modiche ed integrazioni effettuate in data 30/01/2014

Dettagli

Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze.

Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze. Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze. TITOLO I - Principi generali Art. 1 Finalità Art. 2 Vocazione del territorio Art. 3 Unità di gestione Art.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AMBITO TERRITORIALE CACCIA ATC CN1 P.zza Dompè, 13/A 12045 Fossano (CN) Tel e Fax 0172/488372

REGIONE PIEMONTE AMBITO TERRITORIALE CACCIA ATC CN1 P.zza Dompè, 13/A 12045 Fossano (CN) Tel e Fax 0172/488372 REGIONE PIEMONTE AMBITO TERRITORIALE CACCIA ATC CN1 P.zza Dompè, 13/A 12045 Fossano (CN) Tel e Fax 0172/488372 REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO MODIFICATO IN DATA 23/07/2015

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CINGHIALE NELLA REGIONE PIEMONTE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CINGHIALE NELLA REGIONE PIEMONTE Allegato A LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CINGHIALE NELLA REGIONE PIEMONTE 1. METODI DI PRELIEVO E SUDDIVISIONE TERRITORIALE 1. La gestione faunistico-venatoria del cinghiale negli A.T.C., nei C.A., nelle

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

RENDE NOTO INDIRIZZI E CRITERI IN ORDINE ALL AMMISSIONE DEI CACCIATORI NEI C.A. E NEGLI A.T.C.

RENDE NOTO INDIRIZZI E CRITERI IN ORDINE ALL AMMISSIONE DEI CACCIATORI NEI C.A. E NEGLI A.T.C. La Giunta Regionale Vista la Legge 11 febbraio 1992, n. 157 e la L.R. 4 settembre 1996, n. 70 Vista la D.G.R. n. 179-45728 dell 8/5/1995, la D.G.R. n. 32-23997 del 16/2/1998, la D.G.R. n. 1-5182 del 30/1/2002,

Dettagli

Il Sottoscritto. nato a il. residente a in via. Tel. Cell. Mail. Cod. Fiscale. Titolare della licenza di caccia n del. Rilasciata dalla questura di il

Il Sottoscritto. nato a il. residente a in via. Tel. Cell. Mail. Cod. Fiscale. Titolare della licenza di caccia n del. Rilasciata dalla questura di il Marca da bollo 14,62 Spettabile PROVINCIA DI BRESCIA Settore Caccia Via Milano, 13 25126 BRESCIA Prot. A.T.C. N del Il Sottoscritto nato a il residente a in via Tel. Cell. Mail. Cod. Fiscale Titolare della

Dettagli

Oggetto :- Caccia al Cinghiale in battute autorizzate - stagione venatoria 20-20. - Richiesta autorizzazione.

Oggetto :- Caccia al Cinghiale in battute autorizzate - stagione venatoria 20-20. - Richiesta autorizzazione. Marca da bollo da 16,00 Alla Città Metropolitana di Napoli Ufficio Caccia e Pesca Piazza Matteotti, 1 NAPOLI Oggetto :- Caccia al Cinghiale in battute autorizzate - stagione venatoria 20-20. - Richiesta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 67 del 30 dicembre 2013 Pag. 1 di 11 ART. 1 Finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

ART. 2 Modalità di abilitazione

ART. 2 Modalità di abilitazione A.T.C. PERUGIA 1 Regolamento di attuazione sul recupero degli ungulati feriti in azione di caccia ai sensi del REGOLAMENTO REGIONALE 27 luglio 1999 n. 23 (Gestione faunistico-venatoria dei cervidi e bovidi)

Dettagli

------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Prot. n. (ABF/03/5863) ------------------------------------------------------------- Richiamate: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA la legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari Legge 11 febbraio 1992, n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma

Dettagli

D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici.

D.D.L. concernete Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. TESTO Articolo 1 Finalità 1. La presente legge disciplina

Dettagli

Amministrazione Provinciale dell Aquila

Amministrazione Provinciale dell Aquila Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore Politiche Ambientali Risorse Naturali ed Energetiche PROGRAMMA CORSO DI ABILITAZIONE PER SELECONTROLLORI PRINCIPI DI CONOSCENZA DELLA FAUNA SELVATICA a)

Dettagli

Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti

Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE COPIA N. 32 DEL 23-02-2015 Oggetto: Selezione Biologo per raccolta, elaborazione e archiviazione dati della ricerca scientifica: affidamento al dott. Francesco Ferretti DIREZIONE

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010

ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010 ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO N.16/C DEL 29/03/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AD ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE, ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, SOCIETA O ENTI OPERANTI NEL CAMPO DELLA

Dettagli

DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese

DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese (Delibere del CdG n. 219 del 30.08.2010, n. 92 del 27.05.2013, n. 94 e n. 95 del 10.06.2013, n. 101 del 17.06.2013,

Dettagli

Curriculum aziendale

Curriculum aziendale s.n.c. Gestione Faunistica Ambientale Curriculum aziendale Curriculum professionale dello Studio G.F.A. Gestione Faunistica ed Ambientale s.n.c. Attività professionale 1997 Incarico dell Amministrazione

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 50. Data 03/04/2014 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ESAMI VENATORI E ISCRIZIONE ALL ALBO PROVINCIALE DEI CACCIATORI DI SELEZIONE. Art.

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ESAMI VENATORI E ISCRIZIONE ALL ALBO PROVINCIALE DEI CACCIATORI DI SELEZIONE. Art. Approvato con delib. C.P. n. 109 del 9/06/2003 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ESAMI VENATORI E ISCRIZIONE ALL ALBO PROVINCIALE DEI CACCIATORI DI SELEZIONE Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLA FAUNA SELVATICA IN PROVINCIA DI FIRENZE. Articolo 6 Attivazione degli interventi e sistema informativo gestionale

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLA FAUNA SELVATICA IN PROVINCIA DI FIRENZE. Articolo 6 Attivazione degli interventi e sistema informativo gestionale REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLA FAUNA SELVATICA IN PROVINCIA DI FIRENZE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Piani di controllo con cattura e/o abbattimento Articolo 3 Cattura Articolo 4 Tempi ed orari Articolo

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE ED INDICAZIONI DI GESTIONE FAUNISTICA DELLA SPECIE. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE ED INDICAZIONI DI GESTIONE FAUNISTICA DELLA SPECIE. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE ED INDICAZIONI DI GESTIONE FAUNISTICA DELLA SPECIE Art. 1 Finalità 1. La gestione faunistico venatoria del cinghiale mira ad attuare i principi di cui alla l. 157/92

Dettagli

Provincia di Pisa Ambito Territoriale di Caccia Pisa Occidentale 15. Distretti di Caccia di Selezione:

Provincia di Pisa Ambito Territoriale di Caccia Pisa Occidentale 15. Distretti di Caccia di Selezione: Provincia di Pisa Ambito Territoriale di Caccia Pisa Occidentale 15 Distretti di Caccia di Selezione: Piani di gestione e prelievo Stagione Venatoria 2015/2016 Allegati: Piani di Prelievo Moduli Provincia

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana

La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana La carne degli ungulati selvatici: elementi per le buone metodologie di conservazione e lavorazione La normativa per la lavorazione delle carni di selvaggina della Regione Toscana A cura di: Sandro Nicoloso

Dettagli

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER IL PAESAGGIO (art. 81 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 e art. 148 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 D.G.R. n. VIII/7977 del 6 agosto 2008 e D.G.R. n. VIII/8139 del

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Il seguente documento è una copia dell'atto. La validità legale è riferita esclusivamente al fascicolo in formato PDF firmato digitalmente. Parte prima Decreti Regolamenti e decreti Assessorato Difesa

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone

Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone NUOVO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI ASSEGNI DI STUDIO COMUNALI PER MERITO Per gli studenti delle scuole superiori Regolamento per l assegnazione degli Assegni

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali

REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali Aggiornato in data 25/02/2015 dall Assemblea dei Soci 1 SOMMARIO

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 L esercizio venatorio nella stagione 2015/2016, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE AL CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO SULLA GESTIONE DEL CINGHIALE

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE AL CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO SULLA GESTIONE DEL CINGHIALE AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE AL CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO SULLA GESTIONE DEL CINGHIALE PREMESSA L Ente Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello, in attuazione del vigente Progetto di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA Norme per l' attuazione del Fondo regionale per la prevenzione ed il risarcimento dei danni arrecati alla produzione agricola dalla fauna selvatica ed

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Senato Accademico 17 dicembre 2012 Consiglio di Amministrazione 31 gennaio 2013 Decreto Rettorale Rep. n. 200/2013 Prot. n 3759 del 13 febbraio 2013 Albo di Ateneo Pubblicato all Albo di Ateneo con n.

Dettagli

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it

Provincia di Udine. P.E.C. comune.maranolagunare@certgov.fvg.it Prot. n. 841/2014 AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI NATURA PROFESSIONALE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LA GESTIONE DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI SOMMARIO INTRODUZIONE. 1. PRINCIPI GENERALI 2. REGOLE GENERALI

Dettagli

art. 1 Finalità e ambito di applicazione

art. 1 Finalità e ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÁ VOLONTARIA CON AZIENDE DEL COMPARTO SANITA E CON AMMINISTRAZIONI DI COMPARTI DIVERSI. PERSONALE DIRIGENTE E NON DIRIGENTE (approvato con deliberazione n. 185

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE COMUNE DI CARPI (Provincia di Modena) REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE di VOLONTARIATO di PROTEZIONE CIVILE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 171 del 24/11/2011 Dichiarata immediatamente

Dettagli

Allegato A. 1. Requisiti di partecipazione

Allegato A. 1. Requisiti di partecipazione Allegato A Avviso di selezione pubblica, mediante richiesta di disponibilità, per il reperimento di un contingente di 341 operatori sociali/esperti ratione materiae per l espletamento degli adempimenti

Dettagli

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana.

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. notificazione della cartella di pagamento a pena di decadenza, allegando copia della documentazione attestante il reddito di cui al comma 2. 4. Sulle somme il cui pagamento è stato rateizzato si applicano

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE Appendice al Regolamento stralcio per l accesso all impiego ed agli incarichi di lavoro COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE Approvata

Dettagli

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web A.T.C. FO-5 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI DESTINATI AI CONTRIBUTI PER L INDENNIZZO DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA E ALL ACQUISTO DEI MEZZI DI PREVENZIONE DA DARE

Dettagli

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287 REGOLAMENTO per il reclutamento del personale dipendente e per il conferimento di incarichi professionali e collaborazioni (adottato ai sensi della Direttiva C-II DGR n. 258 del 05/03/2013 e successive

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE Direttiva sulle procedure di attuazione ed approvazione della modulistica per i percorsi di formazione dei Responsabili ed Addetti dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP e ASPP) di cui all Accordo

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA CITTA DI POGGIARDO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 276 del 30.12.2013 ARTICOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 21 ottobre 2013 n.133 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 6, comma 1, lettera g), del Decreto Delegato 8 agosto 2013

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni)

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni) AMBITO TERRITORIALE CACCIA ANCONA 2 REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI ARRECATI ALLA PRODUZIONE AGRICOLA DALLA FAUNA SELVATICA (Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive

Dettagli

Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo 2009, n. 15, ed il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, di seguito Decreto,

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI MOBILITA ESTERNA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI MOBILITA ESTERNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI MOBILITA ESTERNA INDICE Art. 1- Principi generali pag. 3 Art. 2- Requisiti pag. 3 Art. 3- Avviso di mobilità e domanda di partecipazione pag. 3 Art. 4-

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS CONVENZIONE IN FORMA DI SCRITTURA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI RIMOZIONE, POSA E RIPRISTINO TABELLE PERIMETRALI DELLE ZONE TEMPORANEE DI RIPOPOLAMENTO E

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO Approvato con deliberazione G.C. n. 174 del 14/10/2010 Art. 1 Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 5 ALLEGATO A Criteri e modalità di istituzione, autorizzazione e gestione delle Zone per l allenamento e l addestramento dei cani e per le gare e le prove cinofile (ZAC) (art. 33, l.r. 7/1995) Principi

Dettagli

ART.3 CONDIZIONI PRELIMINARI PER L ATTIVAZIONE DELLA MOBILITÀ ESTERNA BANDO PUBBLICO...3

ART.3 CONDIZIONI PRELIMINARI PER L ATTIVAZIONE DELLA MOBILITÀ ESTERNA BANDO PUBBLICO...3 INDICE DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITÀ ESTERNA ED INTERNA DEL PERSONALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n.16 del 3.7.2012 ART.1 CRITERI GENERALI E AMBITO

Dettagli

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Esente da bollo ai sensi art. 8 Legge 266/91 Comune di Russi (Provincia di Ravenna) Prot. n. Rep. n. CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Periodo: dal

Dettagli

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 147 DEL 08/03/2012 OGGETTO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013, ASSE 1 - MISURA 111 AZIONE 1 "FORMAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2011/2012. Nota sulle operazioni di rilascio

TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2011/2012. Nota sulle operazioni di rilascio TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2011/2012 Nota sulle operazioni di rilascio MATERIALE CONSEGNATO A PROVINCE E COMUNI Ad ogni Provincia vengono consegnati i tesserini non personalizzati,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso

COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso COMUNE DI TARZO Provincia di Treviso BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEI CAMPI DA CALCIO (CIG. 5088440984) Il Comune di Tarzo, in esecuzione della delibera consiliare n.11

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI. Art. 1 - Obiettivi

TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI. Art. 1 - Obiettivi TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI Art. 1 - Obiettivi 1. Il presente Regolamento è finalizzato a definire nel Territorio della Riserva Naturale Statale Gola del Furlo (denominata in seguito Riserva)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Art.1 Oggetto del regolamento L Ente Parco nei limiti delle

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE

2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE 2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE - Caratteristiche dell Agenzia Formativa - L inserimento nell elenco regionale dei soggetti abilitati a proporre e realizzare attività di formazione è riconosciuto alle

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone Protocollo n. 2012/156146 Modifiche al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 22 ottobre 2012 di approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI:

AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI: AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI: 7 addetti in qualità di impiegati amministrativi di concetto che siano in grado di svolgere con

Dettagli

DISCIPLINARE PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DI CERVIDI E BOVIDI

DISCIPLINARE PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DI CERVIDI E BOVIDI PROVINCIA DI SIENA SETTORE RISORSE FAUNISTICHE E AREE PROTETTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE DISCIPLINARE PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DI CERVIDI E BOVIDI Approvato con Delibera di

Dettagli

COMUNE DI CAPENA (Provincia di Roma)

COMUNE DI CAPENA (Provincia di Roma) AVVISO DI PUBBLICAZIONE DI SELEZIONE DI N.4 UNITA DA IMPIEGARE IN UN TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO Si rende noto che il Comune di Capena si impegna alla realizzazione di un tirocinio di Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO O INDETERMINATO CON CONTRATTO DI LAVORO PART-TIME O FULL TIME DI PERSONALE CON QUALIFICA DI IMPIEGATO

Dettagli