Ricerca e Sviluppo di Innovazioni Tecnologiche. TecnoaXess503 Specifiche Tecniche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricerca e Sviluppo di Innovazioni Tecnologiche. TecnoaXess503 Specifiche Tecniche"

Transcript

1 Specifiche Tecniche

2 Pagina 2 Terminale di controllo accessi 503 TecnoRS Specifiche Tecniche Rev. 00 EDIZIONE Maggio 2008

3 Pagina 3 Indice 1 Generalità Descrizione del dispositivo Caratteristiche tecniche del terminale Collegamenti e descrizione del prodotto Fissaggio del terminale Collegamento e installazione del terminale Collegamento alla linea di alimentazione Collegamento dell uscita a relay Collegamento dell interfaccia RS485 su bus di trasmissione dati Uso del dispositivo Configurazione terminale Programmazione / cancellazione card abilitate Gestione Tasca Interna (cod. TRS0141) Utilizzo del lettore RFID Sincronizzazione dell orologio di sistema GENERALITÀ 1.1 DESCRIZIONE DEL DISPOSITIVO Il terminale è un dispositivo di controllo accessi RFID progettato per essere inserito in scatole 503 in modo da garantire la massima integrazione a livello architettonico adattandosi ad ogni tipo di modello e marca di armature in commercio. Specificamente progettato per esigenze in ambito alberghiero è in grado di gestire autonomamente sia un accesso ad una stanza, che un eventuale lettore RFID aggiuntivo (di seguito indicato come tasca interna cod. TRS0141) che rileva e gestisce la permanenza dell utente all interno della stanza. E possibile inoltre richiedere eventuali personalizzazione che l integratore vuole customizzare sulle specifiche del cliente. Le principali caratteristiche che lo contraddistinguono si possono elencare come: Funzionamento stand-alone (senza collegamento al sistema Host) sia intermini di chiavi di accesso che di memorizzazione transiti gestendo in locale fino a 5950 transiti espandibili a richiesta. Gestione fino a 100 card per ogni terminale (espandibile a richiesta) divise su 3 livelli di autorizzazione diverse. Livello 1 anche detto Ospiti che viene assegnato normalmente all utente che deve poter accedere e soggiornare all interno di una data stanza; Livello 2 anche detto Operatori che viene assegnato agli addetti alla manutenzione / pulizie ed in fine il Livello 3 anche detto Passepartout che è assegnato alle card che debbono poter accedere ad ogni stanza senza restrizioni. Gestione di una particolare card detta di Programmazione che consente l abilitazione o la cancellazione di card di Livello 1 direttamente dal terminale senza l utilizzo di software accessori o nel caso di mancanza di collegamento con il sistema Host di controllo. Gestione di una card detta di Configurazione fornita all installatore che è utilizzata per la configurazione del terminale in fase di installazione del sistema. Lettura di card RFID operanti alla frequenza di 13,56MHz nel formato più comune come MIFARE (ISO A/B) ed opzionalmente è possibile avere la possibilità di utilizzo di card del tipo I-CODE2 (ISO 15693). Interfacce di trasmissione dati RS485. Gestione fino a 5m di antenne di ribattuta Tasca Interna su bus RS232 (TTL comp.)

4 Pagina 4 Fissaggio su scatola 503 di ogni modello e marca (Vimar, Gewiss, bticino) ad esclusione delle placche in metallo. Un relay interno per la gestione completa di serrature elettroniche, due uscite open collector per la gestione su due livelli delle utenze interne alla stanza. E dotato di 2 ingressi analogici. Possibilità di implementazione della gestione di ingressi a scalare. Possibilità di integrazione su sistemi di controllo accessi su protocollo di comunicazione lato server. 1.2 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL TERMINALE Tensione di alimentazione: Consumo massimo: Dimensioni (HxLxP): Vdc 2W (Incluso lettore tasca interna) 6,5 cm x 3,7 cm x 4 cm Contenitore Fornito su armatura per scatola 503 (Gewiss Vimar Bticino) Range di temperatura di stoccaggio: - 40 C C Range di temperatura di funzionamento: 0 C + 60 C Umidità: 40 C (non condensante) Standard card RFID ISO14443A/B (MIFARE) (I-CODE2 opzionale) Distanza di lettura card 3 ~ 6 cm (*) Uscite a relay 1 relay con contatto NO 24V) Ingressi 2 ingressi analogici (0-5V). Led 1 Led Bicolore verde / rosso Segnalazione sonora Buzzer interno Interfacce di trasmissione dati - RS485 (Dispositivo Slave) Distanze di trasmissione dati Vedere sez relative alle interfacce di trasmis. Cap. di memorizzazione transiti 5950 (espandibile a richiesta) Massimo numero di card gestite 100 (espandibile a richiesta) Numero di livelli card gestiti 3 Gestione antenna di ribattuta Distanza massima antenna di ribattuta Configurazione terminale Su bus RS232 (TTL). ~ 5 m RS232, sistema Host (*)La distanza di lettura può dipendere dalla tecnologia di fabbricazione della card, dalle sue dimensioni, dal modello dell armatura utilizzata (Vimar, Gewiss, Bticino). 2 COLLEGAMENTI E DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Di seguito viene riportata una rappresentazione del terminale con indicazione delle varie parti così come si presenta all utente finale una volta installato.

5 Pagina Legenda: 1) Led bicolore (rosso/verde) 2) Placca esterna 3) Testa di lettura RFID FISSAGGIO DEL TERMINALE Per fissare il terminale su una parete verticale seguire le indicazioni riportate nello schema di assemblaggio dell armatura scelta (Vimar Gewiss Bticino).

6 Pagina COLLEGAMENTO E INSTALLAZIONE DEL TERMINALE Di seguito si riporta il layout della scheda connessioni in cui sono alloggiati i morsetti di collegamento del terminale: Posizione Funzione Descrizione J9 2 +5V Terminale Positivo tensione di servizio +5V Alimentazione tasca interna J9 1 GND Terminale Negativo tensione di servizio 0V Alimentazione tasca interna J8 1 RX RS232 Terminale di ricezione del bus per collegamento Tasca interna J8 2 TX RS232 Terminale di Trasmissione del bus per collegamento Tasca interna J7 1 Eearth Terminale di terra per bus RS485 J7 2 Ground Terminale di massa per bus RS485 J6 1 B- Bus RS485 (B-)

7 Pagina 7 J6 2 A+ Bus RS485 (A+) J5 1 OUT1 Uscita digitale 1 (open collector) J5 2 OUT2 Uscita digitale 2 (open collector) J4 1 Relay COM Contatto Relay Comune J4 2 Relay NO Contatto Relay Normalmente Aperto J3 2 VCC IN Pin di alimentazione positiva del terminale (12-24V) J3 1 GND IN Pin di alimentazione negativa del terminale (GND) J2 1 IN 1 Ingresso analogico 1 (0V-5V) J2 2 IN 2 Ingresso analogico 2 (0V-5V) COLLEGAMENTO ALLA LINEA DI ALIMENTAZIONE PERICOLO Verificare che: - l alimentazione abbia voltaggio idoneo al funzionamento del dispositivo. Tensioni più elevate possono provocare danni a cose o persone oltre che danneggiare irreversibilmente il dispositivo. - Non vi sia una differenza di potenziale tra la terra della macchina o quadro elettrico e il neutro di alimentazione. E possibile alimentare il terminale utilizzando tensione continua. Collegare la linea di alimentazione ai morsetti J3-2 (12V 24V) e J3-1 (GND) rispettando in ogni caso il range di tensione minima e massima pari a Vdc. Per un corretto collegamento del terminale procedere nel seguente modo: Effettuare tutti gli altri collegamenti come relay, ingressi ed eventuale rete di trasmissione dati (RS485) Collegare i cavi collegati sul connettore J3 Il terminale rispetta la normativa sulla compatibilità elettromagnetica ma è tuttavia buona norma tenere separata la linea di alimentazione da quella di potenza. Nel progetto della linea di alimentazione dei terminali occorre tenere in considerazione la sezione del cavo utilizzato in relazione al numero di terminali collegati sulla stessa tratta e quindi all assorbimento totale a in relazione alla lunghezza del cavo. AVVERTENZA Nel caso in cui si collegano più terminali connessi alla stessa linea di alimentazione tenere in considerazione la sezione dei cavi utilizzati in relazione alla lunghezza della tratta di alimentazione, all assorbimento totale dei terminali e alla temperatura di esercizio dei cavi stessi. In ambienti particolarmente rumorosi si consiglia l uso di cavi schermati.

8 Pagina COLLEGAMENTO DELL USCITA A RELAY ATTENZIONE Prima di procedere al collegamento delle uscite a relay verificare che: - le potenze che il relay dove commutare non superino le specifiche riportate di seguito - Il terminale sia scollegato dalla linea di alimentazione. - Tutti gli apparecchi connessi al terminale siano scollegati dalla linea di alimentazione. Il terminale è dotato di un relay per la gestione completa della serratura. Di seguito si riportano le caratteristiche elettriche del relay: Relay Morsetti Caratteristiche elettriche Tensione e corrente nom. 2A 30Vdc RL1 Relay di accesso Massima Potenza commutabile 60W J4-1 / J4-2 Massima tensione commutabile 220Vdc Massima corrente commutabile 2A Resistenza di contatto massima 100mΩ Per un corretto funzionamento si consiglia di inserire: Diodo di protezione del tipo 1N4002, 1N4003 e 1N4004 nel caso di serrature elettriche che hanno un alimentazione in continua. Inserire il catodo del diodo contrassegnato dalla barra bianca sul positivo dell alimentazione della serratura Un varistore di tipo MOV (metal oxide varistor) nel caso di serrature alimentate a tensione alternata. Scegliere un MOV con una tensione di lavoro maggiore di quella della serratura. Utilizzare alimentatore a 12 o 24Vdc se si vuole connettere direttamente al relay interno del TecnoaXess 503.

9 Pagina COLLEGAMENTO DELL INTERFACCIA RS485 SU BUS DI TRASMISSIONE DATI AVVERTENZA Prima di collegare il terminale al bus RS485 verificare che il terminale e tutti gli apparecchi connessi allo stesso bus siano scollegati dalla linea di alimentazione. AVVERTENZA Condizioni di massimo utilizzo previste dallo standard RS485: Massima distanza di trasmissione = 1220 m Massima tensione ai capi = +/- 7V Massimo numero di dispositivi sulla stessa linea = 32 Per un corretto collegamento verso dispositivi esterni si consiglia di seguire scrupolosamente le indicazioni nel presente paragrafo. In figura, il layout del terminale con indicate le parti relative alla comunicazione RS485: dove i riferimenti riportati in figura sono: Riferimento Descrizione 1 Connettore a morsetti per collegamenti su bus RS485 2 Jumper per la configurazione delle terminazioni di linea per quanto riguarda il connettore di connessione RS485 (rif. 1) si hanno i seguenti significati:

10 Pagina 10 Pin Descrizione A+ Pin Trasmissione / Ricezione non invertente B- Pin Trasmissione / Ricezione invertente GND Pin per collegamento del segnale GND bus RS-485 Earth Pin per collegamento a terra mentre per i Dip-Switch: Pin J10 J11 J12(**) J13 Descrizione ON/OFF terminazione 5V fail - safe ON/OFF terminazione GND fail - safe ON/OFF terminazione con resistenza 120 Ω e condensatore Esclusione condensatore su terminazione J TERMINAZIONI SU BUS RS485 E CONFIGURAZIONE DEL BUS Nel caso in cui il bus ha una lunghezza che eccede la decina di metri è necessario attivare le terminazioni di linea per evitare errori di trasmissione. Ogni terminale RS485 ha una serie di jumper dedicati alla configurazione delle terminazioni. Più precisamente il jumper J13 permette di escludere il condensatore dalla terminazione attivabile con J12 e realizzata con la serie di una resistenza di 120 Ω e da un condensatore di 100nF. Normalmente J13 non va inserito. Esso può essere usato per aumentare la velocità di trasmissione nel caso di collegamenti a breve distanza ed in ambienti non rumorosi. La lunghezza massima di un collegamento su bus RS-485 non può essere definita a priori ma dipende dalla velocità di comunicazione, dal rapporto fra segnale e disturbo e dalla qualità del cavo. Per quanto riguarda la configurazione di ogni singolo ramo del bus RS485 si consiglia di cablare il bus di comunicazione senza derivazione praticando per ogni terminale l ingresso sul rispettivo pin e la partenza dello stesso verso i terminali che lo seguono. Se strettamente necessario, si possono ammettere alcune derivazioni che non devono tuttavia avere una lunghezza complessiva maggiore di 2 metri. In fine quello che se deve assolutamente evitare sono le configurazioni a stella con più rami che derivano da un punto. Gli estremi della linea dovranno essere opportunamente terminati. Nella configurazione entra-esci in cui i terminali sono collegati in cascata, dovranno essere attivate le terminazioni da 120Ω dei dispositivi che si trovano all estremità della linea. Per attivare le terminazioni da 120Ω inserire il jumper J12. Si consiglia inoltre di attivare in almeno un dispositivo del ramo le terminazioni dette fail-safe per evitare false detezioni nel caso in cui tutti i dispositivi sono in alta impedenza. Per attivare tale terminazioni inserire i jumper J10 e J11. Nel caso in cui si usi un cavo schermato, lo schermo del cavo deve essere collegato al morsetto EARTH su tutti i componenti della rete RS USO DEL DISPOSITIVO Di seguito verranno illustrate le operazioni che consentono l utilizzo del terminale nel normale esercizio per il quale è stato configurato.

11 Pagina 11 All accensione del terminale il led assume il colore verde fisso e in questa fase il terminale sta eseguendo la fase di boot in cui controlla le periferiche hardware e controlla la presenza o meno della tasca interna (Cod. TRS0141). Al termine della fase di boot il terminale inizia il suo normale funzionamento contrassegnato da un lento lampeggio verde del led; in questa fase il terminale è pronto e indica che all interno della camera non vi è alcuna persona in quanto il lettore interno non rileva alcuna card. Avvicinando una card non abilitata, si accenderà il led rosso per una durata pari al tempo impostato in Timer Relay e il terminale memorizzerà tale Log come Ingresso Negato salvando contestualmente l ID card e la data / ora dell evento. Avvicinando invece una card abilitata, si accenderà il led verde per una durata pari al tempo impostato in Timer Relay durante il quale il relay rimane eccitato consentendo l apertura della serratura elettrica della porta e quindi l accesso alla camera. Contestualmente all apertura della porta, il terminale attiva per un tempo pari Timer Utenze anche la / le uscite digitali OUT1 e OUT2 (open collector) a seconda del livello della card che ha avuto accesso. Nella fattispecie se ad entrare è una card di livello 1 o 3 viene attivata l uscita OUT1 mentre nel caso di card di livello 2 Operatori viene attivata OUT2. In questo modo è possibile differenziare il tipo di utenze che si voglio abilitare agli utenti di livello 1 e 3 e a quelli di livello 2. Allo scadere del tempo impostato su Timer Utenze, se l utente non ha ancora inserito la sua card nella tasca interna, il terminale disabilita le utenze finche l utente non inserisce la card nel lettore all interno della stanza. L inserimento di una card nella tasca è memorizzato dal terminale come Log di tipo Inizio Permanenza mentre la sua estrazione come Log di tipo Fine Permanenza. Nel momento di estrazione della card dalla tasca, il terminale lascia ancora attive le uscite per un tempo pari a quello impostato in Timer Utenze dando quindi il tempo al utente di uscire dalla stanza prima di disabilitare tutte le utenze. 3.1 CONFIGURAZIONE TERMINALE Mediante l uso della card di configurazione è possibile configurare il terminale al momento della sua prima accensione. Avvicinando la card di configurazione infatti il terminale si pone in uno stato di configurazione, contrassegnato dal lampeggio alternato tra il led verde e rosso, durante il quale assume come indirizzo su bus RS485 il numero (0xFFFF). Il software lato Host dovrebbe interrogare, mediante il comando GET_INFO, tale indirizzo al quale risponderebbe il particolare terminale in configurazione. Successivamente al comando GET_INFO è possibile inviare allo stesso terminale anche il comando GET_CONFIG per conoscere l attuale configurazione del dispositivo. Una volta scelta la nuova configurazione (compreso il nuovo indirizzo che il terminale dovrà assumere) è possibile inviarla al terminale tramite il comando SEND_CONFIG dopo il quale il terminale esce dallo stato di configurazione e riprende il normale funzionamento con la nuova configurazione. Tranne nel caso in cui si voglia modificare la velocità di comunicazione, non è necessario riavviare il dispositivo dopo l invio di una nuova configurazione. 3.2 PROGRAMMAZIONE / CANCELLAZIONE CARD ABILITATE Nella configurazione del terminale mediante il comando SEND_CONFIG è possibile impostare una particolare card come card di programmazione che, consegnata al utente finale, consente l inserimento o la cancellazione di card di livello 1 direttamente interagendo con il terminale senza l utilizzo del software di gestione.

12 Pagina 12 Più precisamente avvicinando la card di programmazione ad un terminale esso si pone nello stato di programmazione contrassegnato dal lampeggio alternato del led bicolore (verde / rosso) in cui è possibile avvicinare una card non ancora abilitata per consentirne il suo inserimento nella lista del terminale, oppure cancellarla se essa è già presente. In questo modo il sistema garantisce il funzionamento anche in assenza di collegamento con il sistema Host di gestione e l utente può abilitare o disabilitare una card di una data stanza. 3.3 GESTIONE TASCA INTERNA (COD. TRS0141) Ogni terminale consente la gestione di un lettore di card ausiliario posto all interno della stanza e adibito al controllo della presenza di una persona. Tale lettore viene connesso direttamente al terminale posto all esterno della camera, mediante un cavo a 4 poli in cui vengono forniti direttamente l alimentazione al lettore e il bus (RS232 TTL) di comunicazione con il lettore. Il bus di comunicazione non deve superare la lunghezza di 5 metri ed è consigliabile separarlo da linee di potenza di altri dispositivi per limitare le interferenze. Nel momento in cui viene inserita nella tasca interna una card abilitata il terminale rileva un Log del tipo inizio permanenza mantenendo attive le uscite digitali relative al livello della card per tutta la durata della permanenza. Al momento dell estrazione della card dalla tasca, il terminale rileva un Log del tipo Fine Permanenza e mantiene ancora le uscite abilitate per un tempo pari a quello impostato in configurazione alla sezione Timer Utenze. Durante la permanenza, il led del terminale all esterno della camera lampeggerà con colore rosso invece di verde; questo ad indicare che la stanza è occupata e disabilita pertanto l accesso alla camera stessa a tutte le card di livello 2 Operatori mentre ne consente l accesso a quelle di livello 1 e UTILIZZO DEL LETTORE RFID L antenna RFID che consente la lettura delle card assegnate agli utenti si trova in corrispondenza al logo raffigurato nel tasto centrale. Per effettuare un accesso occorre avvicinare la card tenendola orizzontalmente rispetto al piano dove è raffigurato il logo e centrata rispetto ad esso. La distanza di lettura può variare a seconda del tipo di card o dal tipo di placca utilizzata, da 2 a 4 cm. Una volta avvicinata la card attendere l avvenuta lettura indicata dal led rosso o verde a seconda dell accesso consentito o negato. AVVERTENZA Nel caso la card venga allontanata prima della completa lettura o ci sono errori in lettura, occorre attendere 4~5 secondi prima di riavvicinare la card per effettuare un nuovo tentativo di lettura. AVVERTENZA Evitare l utilizzo di placche metalliche che possono sensibilmente ridurre la distanza di lettura della card RFID.

13 Pagina SINCRONIZZAZIONE DELL OROLOGIO DI SISTEMA Il terminale di rilevazione presenze possiede internamente un orologio ad alta precisione con batteria di backup che garantisce il funzionamento anche in assenza di alimentazione generale (terminale spento). Tuttavia per garantire una maggiore precisione, occorre sincronizzare i terminali mediante il messaggio SET_DATE_TIME inviato dal sistema host al terminale. L intervallo di sincronizzazione è scelto dal sistema host a seconda del grado di precisione voluto.

14 Pagina 14 TecnoRS s.r.l Via XXV Aprile Z.I. Pietrarossa Trevi (PG) Tel Fax Web Servizio Post-Vendita Tel Fax

LM2002. Manuale d installazione

LM2002. Manuale d installazione LM2002 Manuale d installazione Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà responsabile per errori che potranno

Dettagli

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware 1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware Il seguente diagramma è un esempio di sistema di controllo accessi con il software Veritrax AS-215 e i controllori AC- 215. 1.1

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.2

Manuale Controllo Accesso V 0.2 & Manuale Controllo Accesso V 0.2 Luglio 2012 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM EL35.002 Telecontrollo GSM MANUALE UTENTE Il dispositivo EL35.002 incorpora un engine GSM Dual Band di ultima generazione. Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni

Dettagli

Dispositivo wireless Interfaccia Ethernet in tecnologia ZigBee

Dispositivo wireless Interfaccia Ethernet in tecnologia ZigBee KET-GZE-100 Dispositivo wireless Interfaccia Ethernet in tecnologia ZigBee MANUALE D USO e INSTALLAZIONE rev. 1.2-k Sommario Convenzioni utilizzate... 3 Descrizione generale... 4 Funzioni associate ai

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.3

Manuale Controllo Accesso V 0.3 & Manuale Controllo Accesso V 0.3 Ottobre 2013 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle persone

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti:

MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti: MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti: ITALIANO Z-PC Z-PASS1-0 Modbus Ethernet/Serial Gateway and Serial Device Server with VPN 1. AVVERTENZE PRELIMINARI 2. ISTRUZIONI

Dettagli

Wlink Extender. Router radio per sistemi WLINK

Wlink Extender. Router radio per sistemi WLINK Doc8wlink Wlink Extender Router radio per sistemi WLINK Tecnologia a microprocessore low-power a 32 bit Elegante involucro in robusto materiale plastico con segnalazioni luminose di attività per i due

Dettagli

NV780. Manuale d installazione V2.51. (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi DT02168DI0612R00

NV780. Manuale d installazione V2.51. (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi DT02168DI0612R00 NV780 (Cod. PXNV780) Rivelatore digitale a doppia visione laterale da esterno con 4x sensori doppi Manuale d installazione V2.51 DT02168DI0612R00 Introduzione Il rivelatore NV780 incorpora due rivelatori

Dettagli

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS

CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS CENTRALE ALLARME ANTINTRUSIONE G8 PLUS Le centrali di allarme G-Quattro plus (4 zone) e G-Otto plus (8 zone) nascono con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di impianti di allarme di

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN

Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN Interfaccia remotizzatore GSM - RF antifurto - da guida DIN GW 90 823 A 1 2 3 4 RF 5 1 Pulsante di programmazione 2 Morsetto ponticello programmazione 3 LED presenza alimentazione 4 LED di programmazione

Dettagli

CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE. Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale.

CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE. Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale. CT2-GSM COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE D USO E INSTALLAZIONE Si consiglia di seguire attentamente le istruzioni contenute in questo manuale. NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO: ATTENZIONE: NON EFFETTUARE

Dettagli

TITAN Installazione PLUS

TITAN Installazione PLUS MOBISAT - SISTEMI DI PROTEZIONE SATELLITARE TITAN Installazione PLUS INDICE 1. Connessione dei cavi 2. Fornire alimentazione (positivo e negativo) 3. Installare il cavo DIN 1 (Ignizione) 4. Connessione

Dettagli

TITAN Installazione LITE

TITAN Installazione LITE MOBISAT - SISTEMI DI PROTEZIONE SATELLITARE TITAN Installazione LITE INDICE 1. Connessione dei cavi 2. Fornire alimentazione (positivo e negativo) 3. Installare il cavo DIN 1 (Ignizione) 4. Connessione

Dettagli

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE A) - Destinazione dell apparecchiatura Quadro elettronico adibito al comando di 1 motore asincrono monofase alimentato a 230 vac destinato all automazione di una tapparella

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM INDICE Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM Informazioni per utilizzo... 2 Generali... 2 Introduzione... 2 Istruzioni per la sicurezza... 2 Inserimento della SIM (operazione da eseguire con spento)...

Dettagli

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet. (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet. (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00 Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00 Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso.

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

L4561N Controllo Stereo. Manuale installatore. www.legrand.com

L4561N Controllo Stereo. Manuale installatore. www.legrand.com L4561N Controllo Stereo www.legrand.com Controllo Stereo Indice Controllo Stereo 1 Introduzione 4 1.1 Avvertenze e consigli 4 1.2 Descrizione generale 4 2 Installazione 5 2.1 Schema di collegamento al

Dettagli

MARY VOX. Centrale Allarme 8 zone. Manuale Tecnico di Installazione e Programmazione

MARY VOX. Centrale Allarme 8 zone. Manuale Tecnico di Installazione e Programmazione MARY VOX Centrale Allarme 8 zone Manuale Tecnico di Installazione e Programmazione Caratteristiche Tecniche Centrale 8 zone parzializzabile i 2 o 3 Aree con modulo GSM integrato Zone ritardate selezionabili

Dettagli

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet APICE S.r.l. Via G.B. Vico, 45/b - 50053 Empoli (FI) Italy www.apice.org support@apice.org BUILDING AUTOMATION CONTROLLO ACCESSI RILEVAZIONE PRESENZE - SISTEMI

Dettagli

AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME

AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME AR32 PLUS RICEVITORE PER INTERFACCIAMENTO A CENTRALI DI ALLARME ( MANUALE PROVVISORIO DI FUNZIONAMENTO ED USO CARATTERISTICHE TECNICHE) 1.0 DESCRIZIONE GENERALE DI FUNZIONAMENTO Il ricevitore AR-32 Plus,

Dettagli

LINCE ITALIA S.p.A. MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008

LINCE ITALIA S.p.A. MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 Radio RX4 Ricevitore Art.: 1780 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Generalità...3 2 Caratteristiche Tecniche...3

Dettagli

Fig. 1. Fig. 2 Fig. 3 6 6 Alloggiamento S I M - C A R D. Fig. 4

Fig. 1. Fig. 2 Fig. 3 6 6 Alloggiamento S I M - C A R D. Fig. 4 Fig. 1 1 Morsetto a 6 Poli Uscite: Relè, On-Off, Aux1 - Aux2 2 J4: Ponticello di Reset Totale e Configurazione D e f a u l t 3 C o n n e t t o re 8 Poli: Alimentazione e I n g ressi 1-2-3 4 Relè Allarme:

Dettagli

Manuale utente. MIra. venitem.com

Manuale utente. MIra. venitem.com Manuale utente MIra venitem.com INDICE TASTIERA 1. Segnalazione sulla tastiera 2. Segnalazione sul display durante il normale funzionamento 3. Segnalazione sul display dopo la digitazione di un Codice

Dettagli

Manuale d'uso RFID METALLO

Manuale d'uso RFID METALLO Manuale d'uso RFID METALLO Skynet Italia Srl www.skynetitalia.net Pagina 1 Indice Capitolo 1 - Panoramica... 3 Introduzione...3 Scheda tecnica...3 Dimensioni...3 Capitolo 2 Installazione... 4 Installazione...4

Dettagli

Lettore doppia tecnologia Prossimità/Digicode Wiegand. Gamma : controllo accesso Integrato MANUALE D INSTALLAZIONE

Lettore doppia tecnologia Prossimità/Digicode Wiegand. Gamma : controllo accesso Integrato MANUALE D INSTALLAZIONE IT EN FR Gamma : controllo accesso Integrato MANUALE D INSTALLAZIONE 1] Presentazione prodotto Doppia tecnologia Lettore di prossimità, Tastiera Digicode. Formati di uscita Wiegand, CDVI Formato, ISO Track

Dettagli

BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA

BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA Indice 1 ELENCO COMPONENTI PRINCIPALI Pag. 3 2 CONSIGLI INSTALLATIVI Pag. 5 3 INSTALLAZIONE Pag. 6 MONTAGGIO A MURO Pag. 6 MONSTAGGIO A PALO Pag. 6 4 CONNESSIONI

Dettagli

Apparecchi. Cronotermostato elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE

Apparecchi. Cronotermostato elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE Apparecchi elettronico GSM - CARATTERISTICHE TECNICHE 01913 - elettronico GSM Alimentazione: 120-230 V~, 50-60 Hz. 2 batterie AAA NiMH 1,2 V ricaricabili (fornite) in grado di garantire, per alcune ore,

Dettagli

Cronos ZERO Terminali lettori di badge di prossimità

Cronos ZERO Terminali lettori di badge di prossimità Cronos ZERO Terminali lettori di badge di prossimità Cronos ZERO è una innovativa serie di terminali lettori di badge di prossimità polifunzionali impiegati per Controllo Accessi, abilitazione all uso

Dettagli

Q71A. 230V ac Q71A. CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso

Q71A. 230V ac Q71A. CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso Q71A CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso 230V ac Q71A Centrale di gestione per cancello battente 230Vac ad 1 o 2 ante Programmazione semplificata del ciclo di funzionamento

Dettagli

INTERFACCIA SERIALE RS232PC

INTERFACCIA SERIALE RS232PC PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it STARLIGHT INTERFACCIA SERIALE RS232PC STARLIGHT

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle

Dettagli

HOME AUTOMATION Controllo accessi

HOME AUTOMATION Controllo accessi Campo di applicazione La gamma di prodotti consente di realizzare, in ambito residenziale, terziario e alberghiero dei sistemi di controllo accessi e gestione utenze sicuri, affidabili e flessibili. Disponibile

Dettagli

sesamo è una suite completa di soluzioni hardware progettata per risolvere tutte le esigenze legate alle problematiche del Controllo Accessi.

sesamo è una suite completa di soluzioni hardware progettata per risolvere tutte le esigenze legate alle problematiche del Controllo Accessi. www.trexom.it ACCESS CONTROL Il Controllo Accessi in ambiente di lavoro, sia esso azienda privata o ente pubblico, è importante per il buon funzionamento dell ambiente stesso; e lo è sempre più. Riconoscere

Dettagli

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme.

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. WIN6 Limitatore di carico Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. Limitazione del carico a doppia sicurezza mediante connessione di 2 unità. Limitazione

Dettagli

Manuale istruzioni. 01931 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA

Manuale istruzioni. 01931 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA Manuale istruzioni 093 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA RADIOCLIMA Indice. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Installazione 2 4. Collegamenti 3 5. Comandi e segnalazioni del comunicatore

Dettagli

Controllore di accesso con password. Manuale utente.

Controllore di accesso con password. Manuale utente. Controllore di accesso con password Manuale utente. Prima di installare il prodotto leggere I seguenti passi: 1. Introduzione: 1.Questo modello di dispositivo di controllo accesso può funzionare solo con

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

Mini sistema di controllo per reti LAN. versione 1.0

Mini sistema di controllo per reti LAN. versione 1.0 uwatched Mini sistema di controllo per reti LAN versione 1.0 Manuale Utente Revisione 1.00 Area SX s.r.l. - Via Stefano Longanesi 25, 00146 ROMA - Tel: +39.06.99.33.02.57 - Fax: +39.06.62.20.27.85 Manuale

Dettagli

Eikon Idea Plana. Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni

Eikon Idea Plana. Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni Eikon Idea Plana 20470 16470 14470 Controllo accessi e gestione utenze via BUS mediante chiave o card a transponder Istruzioni INDICE 1. Legenda... 2 2. Installazione sistema via BUS... 3 3. Caratteristiche

Dettagli

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0.

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0. Astel GSM remote controller Guida per l utente Ver. 1.0. Astel Electronics and industrial automation Via Rosselli,9 /a - 10015 Ivrea (TO) ITALY Tel. 0125 63.42.25 / 62.71.15 FAX 0125 64.89.11 e-mail: info@astel.it

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

LOCALIZZATORE SATELLITARE PER FLEET MANAGEMENT E SVR (STOLEN VEHICLE RECOVERY)

LOCALIZZATORE SATELLITARE PER FLEET MANAGEMENT E SVR (STOLEN VEHICLE RECOVERY) LOCALIZZATORE SATELLITARE PER FLEET MANAGEMENT E SVR (STOLEN VEHICLE RECOVERY) MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 Descrizione dei sottosistemi 2 Caratteristiche tecniche 3 Posizionamenti

Dettagli

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798 Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 0 798 GW 798 GW 4 798 3 8 A 3 4 5 4 0 5 9 6 7 6 Pulsante di test canali EIB 3 4 5 6 LED multifunzione LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione

Dettagli

Manuale tecnico Vedo Touch Art. VEDOTOUCH

Manuale tecnico Vedo Touch Art. VEDOTOUCH IT Manuale tecnico edo Touch rt. EDOTOUCH ERTENZE vvertenze Effettuare l installazione seguendo scrupolosamente le istruzioni fornite dal costruttore ed in conformità alle norme vigenti. Tutti gli apparecchi

Dettagli

Italiano. Manuale di uso e installazione. Serie GSM. MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso.

Italiano. Manuale di uso e installazione. Serie GSM. MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso. Italiano Serie GSM MINI Manuale di uso e installazione MINI Rev. 6 01/2015 MITECH srl si riserva di modificare i dati senza preavviso. Indice Descrizione delle funzioni del dispositivo 3 Descrizione dei

Dettagli

Installazione del vostro iguard serie LM520

Installazione del vostro iguard serie LM520 Installazione del vostro iguard serie LM520 DECIDERE DOVE INSTALLARE L iguard L iguard si fissa al muro con una piccola occupazione di spazio e può essere installato con facilità dovunque. Se il terminale

Dettagli

COM ID. Comunicatore telefonico Contact-ID. Manuale installazione ed uso. versione 1.0

COM ID. Comunicatore telefonico Contact-ID. Manuale installazione ed uso. versione 1.0 COM ID Comunicatore telefonico Contact-ID Manuale installazione ed uso versione 1.0 Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle direttive R&TTE (Unione Europea) SCHEDA ELETTRICA LED3 Errore

Dettagli

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 1 DESCRIZIONE GENERALE L espansore senza fili è un modulo

Dettagli

LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008. GR868ONDA Art.: MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY

LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008. GR868ONDA Art.: MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 GR868ONDA Art.: 4072 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Generalità...3 2 Caratteristiche Tecniche...3 3 Avvertenze...3

Dettagli

Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE

Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni riportate in questo manuale.

Dettagli

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso

PA100. Pulsante manuale a riarmo wireless. Manuale Installazione/Uso I PA100 Pulsante manuale a riarmo wireless DS80SB32001 LBT80856 Manuale Installazione/Uso DESCRIZIONE GENERALE Il pulsante manuale a riarmo wireless PA100 è un dispositivo che consente di generare una

Dettagli

Centrale LINK8G RX. Manuale utente

Centrale LINK8G RX. Manuale utente Centrale LINK8G RX Manuale utente La centrale LINK8 può visualizzare su richiesta, una serie di videate che forniscono informazioni di stato e di diagnosi che riguardano il funzionamento della centrale.

Dettagli

MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1

MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MA 431 DISPOSITIVO RILEVAZIONI ALLARMI DI BATTERIA PER XLD SWITCH BOX V 2.0/V 2.1 MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Febbraio 2004 MON. 206 REV. 2.0 1 di 7 INDICE 1.0 GENERALITÁ 3 2.0 INTERFACCE 3 3.0 CARATTERISTICHE

Dettagli

Free_ring control gsm based

Free_ring control gsm based Free_ring control gsm based 1. Introduzione Il free_ring è un apparecchio per la generazione di controllo remoto mediante rete GSM, di conseguenza possiamo utilizzare chiamate, sms o app. Facile da installare

Dettagli

ARMADIO DI SICUREZZA LIBRA-EV + MVx4-NG

ARMADIO DI SICUREZZA LIBRA-EV + MVx4-NG AB01G ARMADIO DI SICUREZZA LIBRA-EV + MVx4-NG MANUALE DI INSTALLAZIONE INDICE 1 AVVERTENZE... 2 1.1 PRECAUZIONI D USO - MISURE DI SICUREZZA... 2 1.2 PER UN CORRETTO UTILIZZO... 2 1.3 RESPONSABILITA...

Dettagli

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6. D07_01_010_F-FED D07_01_009_E-FED Unità operative FED, Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.02 Interfaccia PC/stampante (FED-90) Clock interno 2003/10 Con riserva

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

Manuale di installazione

Manuale di installazione LMLM-IP Manuale di installazione Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà responsabile per errori che potranno

Dettagli

MA 433 MODULO ALLARMI PER TELAIO DSLAM

MA 433 MODULO ALLARMI PER TELAIO DSLAM MA 433 MODULO ALLARMI PER TELAIO DSLAM MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 211 REV. 2.1 1 di 11 INDICE 1.0 GENERALITÁ 03 2.0 INTERFACCE 03 3.0 CARATTERISTICHE TECNICHE 07 3.1 CARATTERISTICHE

Dettagli

TELEMONITORAGGIO IMPIANTI FOTOVOLTAICI

TELEMONITORAGGIO IMPIANTI FOTOVOLTAICI TELEMONITORAGGIO IMPIANTI FOTOVOLTAICI ES-3000 COMBO GUIDA ALL INSTALLAZIONE RAPIDA (MANUALE INSTALLATORE) Versione 2.0 Solarbook è un marchio registrato. Tutti i diritti riservati 2013 Info@Solarbook.it

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

GUIDA Utente-Installatore da conservare con i documenti del veicolo

GUIDA Utente-Installatore da conservare con i documenti del veicolo GUIDA Utente-Installatore da conservare con i documenti del veicolo SISTEMA DI SICUREZZA SATELLITARE GPS-GSM Rev. 10/07 20 1 2 19 17. Smaltimento di apparecchiature elettriche ed elettro- La direttiva

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO MANUALE DI INSTALLAZIONE E USO DESCRIZIONE Il GSM-CB33 è un combinatore telefonico GSM a 3 ingressi di allarme per la trasmissione di 3 messaggi vocali + 3 messaggi SMS (prioritari) relativi agli ingressi

Dettagli

E-Box Quadri di campo fotovoltaico

E-Box Quadri di campo fotovoltaico Cabur Solar Pagina 3 Quadri di campo fotovoltaico Quadri di stringa con elettronica integrata per monitoraggio e misura potenza/energia CABUR, sempre attenta alle nuove esigenze del mercato, ha sviluppato

Dettagli

Indice. Istruzioni per un utilizzo sicuro. 1. Prima dell utilizzo

Indice. Istruzioni per un utilizzo sicuro. 1. Prima dell utilizzo 2 Indice Istruzioni per un utilizzo sicuro 1. Prima dell utilizzo 1.1 Componenti 1.2 Struttura 1.3 Metodi per l inserimento delle impronte 1.4 Procedure d installazione 1.4.1 Registrazione dell amministratore

Dettagli

Dimensioni (mm) Programmazione settimanale con 6 orari di ON e OFF per ogni giorno. Regolazione temperatura dell acqua: 0 100 C

Dimensioni (mm) Programmazione settimanale con 6 orari di ON e OFF per ogni giorno. Regolazione temperatura dell acqua: 0 100 C Centralina di regolazione per la gestione locale e a distanza di impianti termici e tecnologici complessi - MASTER Il regolatore è utilizzato negli impianti particolarmente complessi dove, per risolvere

Dettagli

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti

Interfaccia contatti a 2 ingressi indipendenti Il dispositivo è utilizzato per collegare al sistema antintrusione i contatti magnetici di allarme normalmente chiusi, contatti elettromeccanici a fune per la protezione di avvolgibili e tapparelle e sensori

Dettagli

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione

Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione Gruppo di alimentazione ALSCB138V24 Manuale d installazione 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il gruppo di alimentazione ALSCB138V24 è stato progettato per risultare idoneo all impiego con tutti i tipi di apparecchiature,

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici Lettore General Porpouse di Badge Magnetici I sistemi di controllo degli accessi trovano da sempre ampio consenso tra il nostro pubblico; questo è il motivo per cui proponiamo regolarmente all interno

Dettagli

TASTIERA CODIFICATA PER SERRATURE

TASTIERA CODIFICATA PER SERRATURE CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO HAA85 TASTIERA CODIFICATA PER SERRATURE (cod.haa85) 1. INTRODUZIONE Sistema dotato di doppia uscita a relè per controllo accessi e altre applicazioni destinate alla sicurezza.

Dettagli

BARRIERA PERIMETRALE A INFRAROSSI A DOPPIA OTTICA ART. 30008303

BARRIERA PERIMETRALE A INFRAROSSI A DOPPIA OTTICA ART. 30008303 BARRIERA PERIMETRALE A INFRAROSSI A DOPPIA OTTICA ART. 30008303 Manuale di posa e installazione Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta S. Lorenzo (Bergamo) http://www.comelitgroup.com e-mail:commerciale.italia@comelit.it

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE CONV 61850. TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783. http://www.tecsystem.it R. 1.

MANUALE D ISTRUZIONE CONV 61850. TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783. http://www.tecsystem.it R. 1. MANUALE D ISTRUZIONE TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783 http://www.tecsystem.it R. 1.1 01/01/12 1) SPECIFICHE TECNICHE ALIMENTAZIONE Valori nominali 24 VAC-DC ±10%

Dettagli

ETH-HOTEL. Hotelmanagementsystem

ETH-HOTEL. Hotelmanagementsystem ETH-HOTEL Hotelmanagementsystem Presentazione del sistema di gestione alberghiera ETH-HOTEL ETH-HOTEL è un sistema di automazione alberghiera progettato e realizzato secondo i migliori standard qualitativi

Dettagli

RICEVITORE RADIO SUPERVISIONATO TRX16

RICEVITORE RADIO SUPERVISIONATO TRX16 RICEVITORE RADIO SUPERVISIONATO TRX16 MANUALE TECNICO SOMMARIO SENSORI RADIO PROGRAMMAZIONE SENSORI RADIO APPRENDERE UN NUOVO SENSORE RADIO CANCELLARE UN SENSORE RADIO SUPERVISIONE RISINCRONIZZARE I SENSORI

Dettagli

ISTRUZIONI COMANDI SMS

ISTRUZIONI COMANDI SMS ISTRUZIONI COMANDI SMS PREPARAZIONE DELLA SIM CARD: Disabilitare il codice PIN dalla SIM Card e inserirla nel MY FIDO. Non e' necessario effettuare alcune operazione nella rubrica della SIM Card in quanto

Dettagli

RSPC 20 REGOLATORE DI CARICA Regolatore di carica La massima corrente di ricarica è 20 A, ma qualora l impianto ha una potenza da fotovoltaico superiore ai 20 A è possibile connettere più regolatori RSPC20

Dettagli

GSM Plus MANUALE D USO. Cod. 23700 Combinatore Telefonico GSM. Italian. Quality

GSM Plus MANUALE D USO. Cod. 23700 Combinatore Telefonico GSM. Italian. Quality GSM Plus Cod. 23700 Combinatore Telefonico GSM 4 canali vocali o sms programmabili 1 teleattivazioni con riconoscimento ID 1 risposta a tele attivazioni Invio sms settimanale di esistenza in vita Menù

Dettagli

GSM Dialer. Skynet Italia Srl www.skynetitalia.net Pagina 1 COMBINATORE GSM - DIALER

GSM Dialer. Skynet Italia Srl www.skynetitalia.net Pagina 1 COMBINATORE GSM - DIALER COMBINATORE GSM - DIALER Combinatore telefonico GSM con funzione combinatore telefonico a linea fissa.dispositivo da collegare ad antifurti PSTN ma anche ad altre apparecchiature. Invia chiamate vocali

Dettagli

DIGITAL LUX DIGITAL LUX WL DIGI KIT 120

DIGITAL LUX DIGITAL LUX WL DIGI KIT 120 DIGITAL LUX 80 Metri DIGITAL LUX WL 80 Metri a Parete DIGI KIT 120 120 Metri in KIT 10 METRI 2+2 RAGGI DIRETTI o 4+4 INCROCIATI 15 METRI 3+3 RAGGI DIRETTI o 7+7 INCROCIATI 20 METRI 4+4 RAGGI DIRETTI o

Dettagli

SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067

SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067 SISTEMA ANTINTRUSIONE 1067 Centrali Il nuovo sistema antintrusione è idoneo per ogni tipo di applicazione ed è destinato in particolare ad impianti di medie dimensioni: il suo campo di applicazione spazia

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL

MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL MANUALE INSTALLATORE CAR WASH SENTINEL MANUALE INSTALLATORE CAR WASH GENIO ITALIA si riserva il diritto di apportare modifiche o miglioramenti ai propri prodotti in qualsiasi momento senza alcun preavviso.

Dettagli

Building Management System

Building Management System Building Management System Sistema Building Automation in tecnologia LonWorks I nodi di Apice basati sulla tecnologia LonWorks per l'automazione globale delle camere (come uffici, Hotel Camere e Altre

Dettagli

TASTIERA RETRO ILLUMINATA A 100 CODICI UTENTE MONTAGGIO AD INCASSO

TASTIERA RETRO ILLUMINATA A 100 CODICI UTENTE MONTAGGIO AD INCASSO DC100E TASTIERA RETRO ILLUINATA A 100 CODICI UTENTE ONTAGGIO AD INCASSO ze La tastiera DC100E è disponibile anche nelle versioni a 2 e 3 uscite relais (DC100E2R, DC100E3R). Riferirsi a pag. 8 di questo

Dettagli

HCS-DEC-1-2-3-4/F Manuale d uso 650201040-1041-1042

HCS-DEC-1-2-3-4/F Manuale d uso 650201040-1041-1042 La scheda di decodifica HCS-DEC-1-2-4/F è una centralina a 1-2-4 canali comandata da un qualsiasi trasmettitore con encoder HCS Keeloq Trademark di Microchip, programmato con codice Aur el. Dispone della

Dettagli

GPS ANTIFURTO SATELLITARE KINGSAT-ITALIA Manuale installazione

GPS ANTIFURTO SATELLITARE KINGSAT-ITALIA Manuale installazione INSTALLAZIONE DISPONIBILE ANCHE L APPLICAZIONE PER ANDROID. SCARICABILE DAL MARKET SOTTO LA VOCE KINGSAT! 1 DESCRIZIONE DISPOSITIVO 1. Connettore antenna GSM 2. Slot scheda SIM operatore telefonico 3.

Dettagli

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA

Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Montaggio dei SENSORI DI GAS nel sistema D2NA e NNA Manuale d uso di GAS T1 (Propane Detector). Il gas detector è un dispositivo che segnala la presenza di un certo tipo di gas con l ausilio di un allarme acustico e visivo locale. Il dispositivo può funzionare

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S. MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM

MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S. MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM MANUALE UTENTE VIVALDI MA-5060S MA-5120S MA-5240S MA-5360S MA-5480S MIXER AMPLIFICATO Con player USB e Radio FM ATTENZIONE: QUESTO APPARECCHIO DEVE ESSERE COLLEGATO A TERRA IMPORTANTE I conduttori del

Dettagli

Aggiornato dettaglio per il calcolo degli imp./wh per i contatori Azur Energia.

Aggiornato dettaglio per il calcolo degli imp./wh per i contatori Azur Energia. LISTA CONTATORI Rev. Data Titolo Revisione 00 01/2013 Prima emissione. 01 15/04/13 Aggiornato dettaglio per il calcolo degli imp./wh per i contatori Azur Energia. 1. CABLAGGIO E PROGRAMMAZIONE CONTATORI...

Dettagli

MA 434 MODULO ALLARMI PER IP DSLAM

MA 434 MODULO ALLARMI PER IP DSLAM MA 434 MODULO ALLARMI PER IP DSLAM MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Novembre 2005 MON. 232 REV. 2.0 1 di 14 INDICE 1.0 GENERALITÁ 03 2.0 INTERFACCE 03 3.0 CARATTERISTICHE TECNICHE 07 3.1 CARATTERISTICHE

Dettagli

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox

Vox. Manuale di Installazione ed Uso. - Versione 1.0 - www.amcelettronica.com. Vox Manuale di Installazione ed Uso - Versione 1.0 - Indice INTRODUZIONE 3 SCHEDA E COLLEGAMENTI 3 LED DI SEGNALAZIONE DELLO STATO OPERATIVO 4 DEFAULT RESET 4 PROGRAMMAZIONE 4 wizard tecnico 5 FUNZIONE INGRESSI

Dettagli

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 5. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO

- Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE. Centrale mod. AXIS 5. Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO - Limena (Padova) - &HQWUDOH$;,6 MANUALE PER L UTENTE Centrale mod. AXIS 5 Omologazione IMQ - ALLARME 1 e 2 LIVELLO AXEL AXIS 5 6HJQDOD]LRQLFRQOHG led 1 giallo : se acceso, indica la presenza della tensione

Dettagli

CENTRALE serie R. Utente. Manuale. - Versione 4.1 -

CENTRALE serie R. Utente. Manuale. - Versione 4.1 - CENTRALE serie R Manuale Utente - Versione 4.1-00 1 Menù Utente CODICE PERSONALE (DEFAULT utente 1= 111111) Frecciagi ù INSERIMENTO Invio ( ) Utilizzare i Tasti Numerici per configurare i Programmi da

Dettagli