VoIP e IPSec: uno studio sulla coesistenza e cooperazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VoIP e IPSec: uno studio sulla coesistenza e cooperazione"

Transcript

1 Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni VoIP e IPSec: uno studio sulla coesistenza e cooperazione Relatore: Chiar.mo Prof. Giuliano Benelli Correlatore: Mauro Graziani Ing. Manlio Proia Tesi di Laurea di: Jonny Pianigiani ANNO ACCADEMICO

2 2 A Mia Nonna

3 Ringraziamenti Sono tante le persone che mi hanno aiutato e sostenuto in questi anni di studi e nella realizzazione di questa tesi che non sarà facile trovare per tutti una parola speciale. Innanzi tutto i miei genitori: se sono arrivato sin qua lo devo agli innumerevoli sacrifici che hanno fatto per consentirmi di portare a termine gli studi e soprattutto all affetto che mi hanno dimostrato in ogni situazione che mi ha aiutato ad andare avanti anche nei momenti più difficili. Per avermi dato l opportunità di svolgere la tesi in un ambiente lavorativo all avanguardia come è la Amtec, ringrazio la Dott.sa Letizia Gabrielli e il Prof. Giuliano Benelli; un debito ringraziamento va inoltre ai miei tutor l Ing. Manlio Proia e il Sig. Mauro Graziani per avermi aiutato a superare gli ultimi esami e aver condiviso con me la loro esperienza per aiutarmi a comprendere al meglio gli aspetti più tecnici del mio lavoro. Un grazie enorme va anche a tutti i ragazzi della Amtec e in particolare a Eleno, Franco, Michele, Roberto, Simone e Gigliola per gli innumerevoli consigli, per la pazienza che hanno avuto con me e soprattutto per essersi dimostrate persone dalla grande umanità e su cui poter fare affidamento. 3

4 Un saluto speciale va ad Alessandro, David, Simone e a tutti gli altri amici vicini e lontani con cui ho condiviso mille passioni, che mi hanno fatto ridere quando ero triste e che hanno reso la mia vita più ricca anche se, in alcuni momenti, più complicata. Un abbraccio a Rosaanna e Lorenzo per avermi trattato, in questi anni, come un figlio e per tutte le cose, piccole e grandi, che hanno fatto per me. 4

5 Indice INTRODUZIONE... 8 TELEFONIA CLASSICA E PROTOCOLLI La telefonia classica Le PSTN Limiti della telefonia classica La commutazione di pacchetto Protocolli internet Il protocollo IP Il protocollo UDP Il protocollo TCP Il protocollo RTP...25 LA TELEFONIA OVER IP (VOIP) Lo standard H Architettura Terminali Gateway Gatekeeper Esempio di una chiamata Lo standard SIP Architettura Messaggi

6 2.2.3 Esempio di una chiamata Analogie e differenze Protocolli per il VoIP Il protocollo RSVP Il Real Time Transport Protocol Il protocollo di controllo RTCP Considerazioni sulla sicurezza in ambito VoiP Sicurezza Fisica I firewall Il NAT Cifratura Conclusioni...61 LA SICUREZZA IN RETE: IKE-IPSEC Una breve introduzione alla crittografia Terminologia Algoritmi simmetrici o a chiave segreta Algoritmi asimmetrici o a chiave pubblica IKE e IPSec ISAKMP e OAKLEY La prima fase IKE La seconda fase IKE Introduzione al protocollo IPSec Associazioni di Sicurezza Caratteristiche generali dell IPSec Il protocollo AH

7 Indice Il protocollo ESP Tunnel mode Transport mode Elaborazione del traffico AH e ESP...86 ANALISI DEGLI ASPETTI LEGATI ALLA TRASMISSIONE I parametri fondamentali Ampiezza di banda Latenza e Jitter Packet loss IP Fragmentation e Ordinamento VERIFICA SPERIMENTALE SU UNA PIATTAFORMA DI TEST Descrizione della piattaforma Configurazioni e Settaggi Test con la sicurezza attiva Realizzazione di una chiamata VoIP Test sulla banda Test con ritardi nulli e perdite variabili Test con perdite nulle e ritardi variabili Test finali e conclusioni Conclusioni Glossario BIBLIOGRAFIA

8 INTRODUZIONE Osservando il mondo delle telecomunicazioni, ci possiamo rendere conto che alla telefonia classica su PSTN (Public Switched Telephone Network) che è robusta, affidabile, consolidata e con alle spalle un secolo di evoluzione, si sta gradualmente affiancando la telefonia a pacchetto (Voice over IP), una nuova frontiera che offre servizi innovativi neanche pensabili nella telefonia classica. E evidente che in una situazione di questo tipo diventa fondamentale, per chi fornisce il servizio, garantire agli utenti un livello di sicurezza e privacy adeguato, che in alcune realtà richiede l adozione dell IPsec. Con questa tesi si integreremo la tecnologia VoIP con la quale è possibile scambiare in tempo reale, attraverso un collegamento internet tra due o più utenti, suoni, immagini e dati, con l architettura IKE-IPsec, progettata per fornire sicurezza ai protocolli IPv4 e IPv6. Volendo far convivere VoIP con IPsec andremo ad analizzare e risolvere i possibili conflitti che si verranno a creare. Il presente lavoro di tesi consisterà quindi in una approfondita analisi sperimentale effettuata su un sistema di prova realizzato allo scopo, preceduta da uno studio teorico degli standard relativi all'ipsec e all'architettura VoIP. 8

9 Introduzione Il nostro scopo è infatti quello di realizzare un collegamento IP tra HOST, sviluppando una piattaforma composta da apparati per reti sicure SAS (Secur Acces System) e PC su cui analizzeremo, in varie sessioni, il comportamento dell IPsec, del VoIP e in ultima analisi della loro interazione, inserendo anche dei dispositivi che consentano di simulare dei disservizi. In particolare, ci concentreremo su quei parametri che hanno una maggiore probabilità di entrare in conflitto nel sistema finale come la latenza, gli overhead introdotti e la banda occupata. Con tale sistema di test cercheremo, infine, di identificare dei valori di riferimento sui quali poter basare un implementazione VoIP su IPSec che ci permettano, inoltre, di stabilire quali siano le possibili condizioni di utilizzo delle due tecnologie prese in esame. Per gli scopi di questa tesi non sarà analizzata la possibilità di introdurre sistemi di Quality Of Service (QOS). Alla luce di queste premesse, la tesi si articolerà nei seguenti capitoli. Il Capitolo 1 presenta una trattazione generale sulla telefonia classica, confrontandola con il VoIP ed evidenziandone i servizi aggiuntivi. Inoltre introduciamo la suite dei protocolli TCP/IP su cui si basano le tecnologie esposte. Il Capitolo 2 è dedicato alla tecnologia Voice over IP. Ne descriviamo l architettura e i suoi protocolli principali, l H323 e il SIP, evidenziando le loro differenze allo scopo di scegliere il più adatto al nostro scopo. 9

10 Introduzione Dopo aver trattato il VoIP, prendiamo in esame, nel Capitolo 3, l IKE- IPSec, occupandoci dei problemi tipici di questa architettura, come l instaurazione di una SA (Security Association) e lo scambio sicuro delle chiavi. Andremo poi a vedere in dettaglio come funziona l IPSec. Il quarto Capitolo analizzerà dal punto di vista teorico gli effetti dei più comuni problemi nei collegamenti, come la perdita dei pacchetti, la latenza e l ampiezza di banda. Infine il quinto e ultimo Capitolo è dedicato alla descrizione dell ambiente di test su cui saranno verificate, nella pratica, le problematiche analizzate nel quarto capitolo, riportandone le conclusioni. Nella tesi si farà spesso riferimento a termini tecnici e/o abbreviazioni; per comprenderli al meglio rimandiamo alla consultazione del glossario. 10

11 C a p i t o l o 1 TELEFONIA CLASSICA E PROTOCOLLI Analizzando il mondo delle telecomunicazioni, osserviamo che siamo in un periodo di transizione tra due diversi modelli e concezioni della telefonia. Da un lato abbiamo la telefonia classica su PSTN, con un architettura robusta, prestazioni ben definite sia sul trasporto del segnale che sull elaborazione della chiamata e con standard precisi [1], una realtà insomma ben consolidata e affidabile che però sta mostrando i suoi limiti. Dall altro lato abbiamo invece la telefonia Voice over IP (VoIP), considerata la nuova frontiera della comunicazione, il campo dove investire tempo e risorse e da cui ci si aspettano le novità che delineeranno il panorama tecnologico dei prossimi anni. Un settore però, molto meno consolidato sia a livello di architettura e di protocolli impiegati, che di obiettivi e vincoli sulle prestazioni e che inevitabilmente dovrà confrontarsi con la situazione preesistente e superarla nell offerta di costi e servizi per poterla soppiantare. 11

12 Telefonia classica e protocolli Per poter comprendere le potenzialità del VoIP diventa necessario, quindi, conoscere il suo predecessore per poter instaurare un confronto tra le due modalità e vedere come una muta nell altra. 1.1 La telefonia classica La telefonia classica è basata sulle reti PSTN (Public Switched Telephone Network), reti telefoniche pubbliche commutate che, evolutesi per più di un secolo fino alla configurazione attuale, consentono la comunicazione vocale tra utenti Le PSTN Le attuali PSTN si basano su reti a commutazione di circuito che trasmettono segnali digitali, codificati secondo la modulazione PCM (Pulse Code Modulation), dalla centrale telefonica all apparecchio privato (linea locale), tramite portanti (linee di collegamento) di vario genere, realizzate cioè con doppini, cavi coassiali o fibre ottiche. La struttura di questi reti è, a grandi linee, quella di una gerarchia multilivello di centrali telefoniche ad alta ridondanza, tali cioè, da poter supplire, in caso di guasti, al malfunzionamento di uno o più componenti. Per instradare le chiamate, vengono usati degli switch, posti lungo cammini predeterminati, che mettono in connessione elettrica diretta i due apparecchi terminali. 12

13 Telefonia classica e protocolli La commutazione di circuito La commutazione di circuito utilizzata nelle PSTN, consiste sostanzialmente nella creazione e nel mantenimento, dall istante in cui il telefono del chiamato inizia a squillare fino al momento in cui uno dei due interlocutori interrompe la comunicazione, di un canale telefonico dedicato alla conversazione in atto tra i due utenti. Una forte limitazione della commutazione di circuito è, tuttavia, quella di dover instaurare questo cammino prima che qualsiasi dato possa essere trasmesso: questo porta a ritardi, noti come Call Setup Delay, legati alla necessità di ottenere tutte le informazioni per realizzare il canale prima di poter connettere i due apparecchi. Fortunatamente questi ritardi, nel corso degli anni, si sono notevolmente ridotti. Siamo passati dai minuti degli anni venti ai pochi secondi dei nostri tempi per quelle chiamate che non necessitano della consultazione del database [2] contenente le informazioni per raggiungere l utente chiamato (routing). D altro canto, come conseguenza del cammino fisico definito tra i due apparati, una volta terminata l instaurazione della chiamata, l unico ritardo per la trasmissione dei dati è dovuto al tempo di propagazione del segnale lungo la linea, che è di circa 5 ms ogni 1000 km; inoltre è assente ogni problema di congestione, data la linea dedicata. SS7 e ISDN I più recenti sviluppi per la telefonia classica, quelli che cioè ne caratterizzano la situazione attuale, sono l SS7 (Signaling System 7) e l ISDN (Integrated Service Digital Network). 13

14 Telefonia classica e protocolli Il sistema SS7 è uno standard di segnalazione a canale comune pensato inizialmente per applicazioni di controllo della chiamata, ma evolutosi in seguito in un protocollo usato per effettuare segnalazioni fuori banda sulla rete PSTN. La segnalazione SS7 supporta, infatti, la rete pubblica gestendone l instaurazione della chiamata, lo scambio di informazioni, l indirizzamento e fornendole i servizi di una rete intelligente (IN). Il sistema ISDN è un protocollo di interallacciamento che offre comunicazioni basate su circuito per voce e dati, con due metodi di accesso, BRI (Basic Rate Interface) e PRI (Primari Rate Interface): BRI consiste in due canali a 64 Kbps adibiti al trasporto dati, e uno da 16 Kbps per il trasporto di segnali di servizio; è usato principalmente per utenze domestiche; PRI comprende più canali a 64 Kbps (23 in America e 30 in Europa) per il trasporto dati, e uno da 16 Kbps per le segnalazioni di servizio; è utilizzato dall utenza aziendale di medie-grosse dimensioni. Sostanzialmente ISDN permette di offrire molti più servizi della normale rete PSTN, trasmettendo voce e dati sulle reti classiche con una qualità e una velocità elevate Limiti della telefonia classica Con l evolversi della telefonia, le reti PSTN hanno iniziato a offrire sempre più servizi, oltre alla chiamata base, grazie all impiego di Reti Intelligenti e linee SS7. Alcuni di questi servizi sono, ad esempio, l avviso e il trasferimento di chiamata, la conversazione a tre e l identificazione del 14

15 Telefonia classica e protocolli chiamante. E grazie a queste innovazioni che la telefonia classica ha prolungato la sua vitalità. Le reti pubbliche a commutazione hanno però alcune grosse limitazioni che, in un epoca di rapido sviluppo delle telecomunicazioni come la nostra, le rendono limitanti e obsolete a causa di nuove richieste che esse non possono più soddisfare. Infatti le PSTN non sono in grado di creare e fornire nuove funzionalità con la rapidità richiesta dagli operatori del settore i quali invece, per aumentare la loro competitività, cercano di sviluppare in continuazione nuovi servizi e applicazioni per la loro clientela. Un altra importante limitazione è data dal fatto che non era possibile, fino a poco tempo fa, realizzare una convergenza Dati-Voce-Video su PSTN utilizzando il semplice doppino telefonico; è stato necessario, infatti, organizzare una conversione su larga scala a reti a larga banda e ad alta velocità, come le linee digitali (DSL) via cavo o wireless. Inoltre il traffico dati supera, ormai in molti casi, quello vocale, e nonostante questo è relegato a viaggiare su reti ottimizzate per il traffico voce; si noti, però, che i dati hanno caratteristiche differenti, quali la necessità di una maggiore ampiezza di banda ed un uso variabile della medesima, quindi le risorse non risultano affatto ottimizzate per questo tipo di traffico. Presto, invece, sarà il traffico voce a circolare su reti ottimizzate, che saranno ad alta velocità e verranno realizzate con nuove tecnologie per consentire il trasporto dei dati aggiuntivi. Si stanno già realizzando, infatti, reti in fibra ottica, che grazie alle proprietà di questo materiale, sono adattabili a diversi tipi di traffico, sia veloce che lento. 15

16 Telefonia classica e protocolli Un esempio sono le recenti linee dedicate in CDN (Canali Diretti Numerici) che hanno diverse capacita di banda a partire da 64 Kbps fino ad arrivare a 34 Mbps, in modo da consentire un collegamento ottimale per ogni tipo di applicazione. Infine, un ulteriore vantaggio che avremo nel passaggio ad una rete VoIP, è che non si farà più uso della commutazione di circuito. Questo tipo di commutazione, infatti, durante una chiamata blocca una risorsa, cioè un circuito telefonico, la quale però, nei momenti di silenzio, viene sottoutilizzata. Al contrario, le reti dati, consentono l utilizzo dell ampiezza di banda solo nei momenti in cui essa è richiesta, differenza tutt altro che trascurabile in una rete in cui il traffico dati ha richieste sempre maggiori di ampiezza di banda La commutazione di pacchetto Per riuscire a sfruttare la banda in modo ottimale, è stato introdotto un nuovo tipo di commutazione: quella di pacchetto. In questa modalità, durante lo scambio di informazioni, non è previsto l assegnamento di una connessione fisica dedicata ai due utenti, che, per il trasferimento dei messaggi, si affidano completamente alla rete: più che un collegamento fisico tra utenti avviene cioè un collegamento logico. Dato che i canali non sono dedicati ad una particolare connessione fisica, possono essere condivisi da più connessioni logiche, ottimizzando così l uso delle risorse di rete. Nella suddetta commutazione i messaggi degli utenti vengono frazionati in unità elementari, dette appunto pacchetti, di dimensioni variabili ma non superiori ad un massimo prefissato, cui 16

17 Telefonia classica e protocolli vengono aggiunte intestazioni che consentono al ricevitore di ricostruire il messaggio. Questi pacchetti vengono spediti dall utente ad un nodo della rete, quindi sono collocati in un buffer e spediti al nodo successivo non appena possibile (store and forward). Questo procedimento si ripete fin quando tutte le parti del messaggio non hanno raggiunto il destinatario. Ovviamente niente evita che ogni pacchetto utilizzi un cammino diverso per arrivare a destinazione. Diventa chiaro che la metodologia di commutazione a pacchetto è adatta alle trasmissione non sensibili al ritardo, in quanto questa tipologia presenta tutta una serie di problematiche legate alla perdita, al corretto ordinamento e al tempo di attraversamento dei singoli pacchetti che andranno, quindi, risolte per poterla utilizzare con una trasmissione vocale (molto sensibile al ritardo). Di questo si occupa, come vedremo nel prossimo paragrafo, il protocollo RTP. 1.2 Protocolli internet L infrastruttura a pacchetti del nuovo modello di telefonia si basa sul protocollo di trasporto dati IP (Internet protocol) [3]: la sua funzione è quella di trasportare dati da un capo all altro della connessione senza considerare il carico pagante. Assieme all IP vengono utilizzati, per il trasporto del traffico vocale, il protocollo UDP (User Datagram Protocol), semplice ma poco affidabile, e, il protocollo TCP (Transmission Control Protocol) per garantire la corretta instaurazione di una chiamata. 17

18 Telefonia classica e protocolli Infine, l elemento fondamentale per la trasmissione di traffico in tempo reale su reti IP è il protocollo RTP (Real Time Protocol), in quanto risolve i problemi tipici della commutazione a pacchetto trattati in precedenza Il protocollo IP Lo schema dell architettura a livelli dell Internet Protocol Suite è il seguente: Figura 1.1 Internet Protocol Suite Come si può osservare i livelli inferiori non sono specificati perché l architettura serve per collegare reti anche eterogenee e quindi caratterizzate da protocolli differenti. Ai livelli inferiori sono richieste alcune funzionalità minime che sono fondamentalmente la capacità di instradare localmente i pacchetti con una qualsiasi modalità, un indirizzamento locale sul quale basare una corrispondenza con gli indirizzi IP, e la possibilità di effettuare un indirizzamento broadcast. Il protocollo IP è responsabile del corretto instradamento dei pacchetti attraverso la rete. Un datagramma IP consiste in un header o intestazione ed una parte riservata ai dati. 18

19 Telefonia classica e protocolli Tecnicamente il protocollo IP è: Unreliable: inaffidabile, è un servizio privo di garanzie; i pacchetti possono essere persi, duplicati o consegnati fuori ordine senza che l utente sorgente o quello destinazione vengano avvisati. Va comunque sottolineato che la perdita di pacchetti avviene solo in casi eccezionali, quali la congestione totale di un componente o, addirittura la caduta della rete. Connectionless: privo di connessione; ogni pacchetto viene trattato indipendentemente da tutti gli altri. Infatti una sequenza di dati spediti da un host ad un altro potrebbe seguire cammini totalmente diversi per giungere a destinazione. Best-effort: massimo sforzo; il protocollo IP effettua un serio tentativo nell inoltro dei pacchetti. In sostanza IP definisce l unità base del datagramma e la forma di tutti i dati che passano attraverso internet, gestisce le funzioni di routing ed include un insieme di regole grazie alle quali, gli host e i router, processano i pacchetti, generano i messaggi di errore e decidono quali pacchetti scartare. L IP è considerato, però, un protocollo intermittente, le applicazioni che risiedono su di esso sperimentano, cioè, periodi di silenzio seguiti da periodi di grande traffico in cui è necessario allocare la maggior parte delle risorse. Il protocollo IP è, inoltre, senza connessione: questo vuol dire che non vi è nessun meccanismo che garantisca l affidabilità, il controllo del 19

20 Telefonia classica e protocolli flusso e l ordine delle sequenze. Un servizio di questo tipo andrà quindi aggiunto da protocolli che si posizionano a livelli superiori. L IP, senza altre aggiunte, risulta quindi inadatto al trasporto della voce. A questa carenza suppliscono i protocolli di livello superiore, il TCP e l UDP Il protocollo UDP Nel complesso della suite TCP/IP, lo User Datagram Protocol [4] fornisce un servizio di recapito dei datagrammi, che è connectionless (non viene effettuato l handshaking) ed inaffidabile, in quanto usa l IP per trasportare i messaggi da una macchina all altra. L inaffidabilità dell UDP è, quindi, quella propria dell IP, in quanto non è previsto nessun protocollo aggiuntivo per il controllo dell errore, a differenza di quanto avviene nel TCP. Infatti l User Datagram Protocol non usa acknowledgement per assicurare al mittente che i messaggi siano arrivati, non dispone le sequenze di datagrammi in ordine e non fornisce una retroazione per il controllo del flusso tra macchine. Perciò i messaggi UDP possono essere persi, duplicati oppure arrivare fuori ordine o addirittura più velocemente di quanto il ricevente sia in grado di processarli. Tuttavia l UDP è molto più semplice da implementare rispetto al TCP e, cosa da non trascurare, ha un tempo di processazione dei pacchetti molto breve. Per questo l UDP è adatto per applicazioni dove la perdita di un pacchetto è meno importante del tenere sotto controllo la latenza che, al contrario, nel TCP tra ritrasmissioni e attese di acknowledgement diventa eccessiva. 20

21 Telefonia classica e protocolli Il protocollo TCP Il TCP [5] si assume la responsabilità di instaurare un collegamento tra due utenti, di rendere affidabile il trasferimento di dati e comandi tra essi ed infine di chiudere la connessione. E inoltre capace di trasferire un flusso continuo di dati fra due utenti in entrambe la direzioni (full duplex), decidendo, a suo piacimento, quando bloccare o continuare le operazioni. Poiché il TCP fa veramente poche assunzioni riguardo l hardware sottostante, è possibile implementarlo sia su una singola rete come una ethernet sia su un complesso variegato come internet. Tale protocollo ha una ulteriore funzionalità rispetto all UDP: tiene una traccia di ciò che è stato trasmesso ed eventualmente ritrasmette quella parte di informazione che è andata perduta lungo il tragitto. La fondamentale differenza con l UDP è che il TCP garantisce un servizio di trasporto affidabile (reliable delivery service), ponendo rimedio alle cause di inaffidabilità proprie dell IP, anche se ciò comporta una implementazione più complessa. L importanza dell affidabilità del flusso permessa da tale protocollo è il motivo per cui il complesso del protocollo TCP/IP ha questo nome. L affidabilità di questo servizio è caratterizzata da cinque proprietà: Stream Orientation: quando due programmi applicativi trasferiscono dati, il flusso nella macchina di destinazione passa al ricevente come è stato originato nella macchina sorgente; 21

22 Telefonia classica e protocolli Virtual circuit connection: dal punto di vista del programmatore e dell utente, il servizio che il TCP fornisce è analogo a quello di una connessione dedicata; Buffer transfer: i routers interessati dal trasferimento sono provvisti di buffers per rendere più efficiente il trasferimento e minimizzare il traffico di rete; Unstructured stream: il TCP/IP stream service non adotta un flusso di dati strutturato; ovvero non c è modo di distinguere i records che costituiscono il flusso di dati; Full duplex connection: la connessione fornita dal TCP/IP stream service permette un trasferimento di flusso contemporaneo ed indipendente in entrambe le direzioni, senza apparente interazione. Se un qualunque messaggio è troppo grande per un singolo pacchetto TCP si procede a dividerlo in segmenti di lunghezza fissa e poi, arrivati a destinazione, si controlla che siano in ordine e si riassemblano, in modo che tale operazione risulti del tutto invisibile ai due utenti. Poiché queste funzionalità sono necessarie per molte applicazioni, si è preferito realizzarle tutte nel protocollo TCP piuttosto che inserirle, come parte del programma, in ogni applicativo che ne ha bisogno. L affidabilità è garantita da una tecnica di fondamentale importanza nota come acknowledgement with retrasmisson (Riscontro con ritrasmissione). Tale tecnica prevede che il destinatario invii un messaggio di 22

23 Telefonia classica e protocolli acknowledgemwnt (ACK) al mittente, una volta ricevuto un pacchetto. Il mittente mantiene una copia di ciascun pacchetto spedito e la rimuove dal buffer di trasmissione solo dopo aver ricevuto l ACK relativo ad essa. Nella configurazione più banale e meno efficiente l utente sorgente, dopo aver trasmesso un pacchetto, aspetta di ricevere il suo ACK, prima di spedire il successivo; inoltre fa anche partire un cronometro per il timeout, allo scadere del quale, se non ha ricevuto risposta, ritrasmette quello stesso pacchetto: Figura 1.2 Funzione Acknowledgement with retransmission del protocollo TCP Un semplice protocollo di tipo stop and wait come questo abbassa notevolmente le prestazioni della rete, sprecando gran parte della banda disponibile nell attesa dell ACK relativo al pacchetto precedente. Un canale full-duplex è utilizzato infatti come se fosse un half-duplex. Tale problema è accentuato se i pacchetti devono attraversare lungo il cammino molti componenti quali bridge, router, ripetitori che, ovviamente, 23

24 Telefonia classica e protocolli introducono sia un ritardo fisso di elaborazione che una componente dovuta al traffico di rete. Nelle successive realizzazioni si è adottato un sistema a finestre che consente, a chi riceve i dati, di inviare l ACK solo quando la finestra è piena. In questo modo si aumentano notevolmente le prestazioni, in quanto chi trasmette può farlo per un tempo più lungo senza dover aspettare ogni volta la conferma dal destinatario Il protocollo RTP Il real time protocol [6] è lo standard per la trasmissione di traffico sensibile ai ritardi lungo le reti a pacchetto: aggiunge alle informazioni dell UDP e dell IP altri dati, quali informazioni sulla sequenzialità e sulla cronologia, per permettere al ricevente di determinare se i pacchetti sono stati ricevuti nel momento in cui erano attesi e nell ordine esatto. Tutte queste informazioni aiutano la stazione ricevente a fissare le impostazioni per mascherare problemi quali ritardo, jitter e perdita di pacchetti. L RTP si divide in una parte dati e in una parte di controllo RTCP (Real Time Control Protocol). La prima è un protocollo leggero che offre supporto per applicazioni operanti in tempo reale, come trasmissioni continue di audio e video, comprendendo ricostruzione istantanea, rilevamento delle perdite e identificazione del contenuto. Il secondo fornisce supporto per conferenze di qualunque dimensione in tempo reale via internet e il rivelamento della QoS dai ricevitori. Dopo aver fatto questa panoramica sull attuale modello di telefonia e sui protocolli che sono impiegati nelle comunicazioni via internet, analizzeremo in dettaglio nei prossimo due capitoli, le architetture del VoIP 24

25 Telefonia classica e protocolli e dell IPsec. Cercheremo, in particolare, di capirne il funzionamento e il tipo di risorse di cui hanno bisogno, in modo da poterle implementare più facilmente sulla piattaforma di test. 25

26 C a p i t o l o 2 LA TELEFONIA OVER IP (VOIP) In questo capitolo verranno trattati gli aspetti fondamentali del VoIP. Ci concentreremo in particolare sui due standard che lo caratterizzano, l H323 e il SIP, e sui protocolli che forniscono il supporto per il traffico real-time, l RTP (Real Time Protocol) e l RSTP (Real Time Control Protocol). Basandoci su questa analisi sceglieremo, inoltre, tra i due standard proposti, quello che secondo noi si adatta meglio ai nostri scopi. Infine, verranno fatte alcune considerazioni sulla sicurezza che il VoIP può offrire senza l aiuto di altri protocolli come l IKE-IPSec. 2.1 Lo standard H323 In questo capitolo si intende fornire una descrizione dello standard H.323, la raccomandazione ITU (International Telecommunication Union) [7] per sistemi di comunicazioni multimediali su reti a pacchetto. La raccomandazione ITU-T H.323 descrive Terminali ed altre entità che forniscono servizi comunicativi multimediali basati su reti a commutazione di pacchetto (PBN, Packet Based Networks) che non sono in grado di fornire qualità del servizio. 26

27 La telefonia over IP (VoIP) Le entità H.323 possono fornire comunicazioni in tempo reale di tipo audio, video e dati. Il supporto dell audio è obbligatorio, mentre dati e video sono opzionali ma, se supportati, si richiede la capacità di utilizzo di uno specifico modo operativo comune, cosicché tutti i terminali possano interagire. Le entità H.323 possono essere utilizzate con configurazioni punto-punto, multipunto o broadcast e possono essere integrate in personal computer o implementate in dispositivi appositi quali ad esempio i videotelefoni. La Raccomandazione in questione descrive i componenti di un sistema H.323, ovvero Terminali, Gateway, Gatekeeper, Controllori Multipunto, Processori Multipunto, Unità di Controllo Multipunto (MCU, Multipoint Control Units). I messaggi di controllo e le procedure all interno della Raccomandazione definiscono come questi componenti comunicano tra loro. E necessario evidenziare subito quali siano i protagonisti dello standard in questione: terminali : sono le postazioni per gli utenti che, per essere conformi allo standard, devono consentire almeno una comunicazione audio in tempo reale bi-direzionale; gateway: sono gli elementi necessari per passare da una rete a commutazione di pacchetto ad una a commutazione di circuito; devono tradurre sia i protocolli di segnalazione sia il formato dei dati trasmessi. Non sono necessari per la comunicazione tra due terminali appartenenti alla stessa rete H.323; 27

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in appendice

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Multimedialità e Web. VoIP

Multimedialità e Web. VoIP Università degli Studi di Napoli Parthenope Multimedialità e Web VoIP M. Del Prete A. Guadagno 1 Sommario 1. VoIp concetti generali 2. La tecnologia di base Rete telefonica e commutazione di circuito Rete

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

VoIP. Introduzione. Telefonia VoIP Prima fase. Telefonia tradizionale

VoIP. Introduzione. Telefonia VoIP Prima fase. Telefonia tradizionale Introduzione VoIP Introduzione Il VoIP (Voice over IP) è la trasmissione della voce in tempo reale su una rete IP Rispetto alla rete telefonica tradizionale (PSTN - Public Switched Telephon Network) Consente

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

VoIP. (L implementazione AdR-BO) Franco Tinarelli

VoIP. (L implementazione AdR-BO) Franco Tinarelli VoIP (L implementazione AdR-BO) Voice over IP: definizioni VoIP è l acronimo di Voice over IP (Voce trasportata dal Protocollo Internet). Raggruppa le tecnologie, hardware e software, in grado di permettere

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Modelli di comunicazione

Modelli di comunicazione omunicazione End-to-end o Relayed UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PRM Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http://www.tlc.unipr.it/veltri

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

VoIP H.323. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP H.323. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP H.323 Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazioni, a.a. 00/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Sommario 1) L evoluzione della comunicazione: dalla rete PSTN alla

Dettagli

Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure

Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano TECNOLOGIA VoIP INTRODUZIONE In questo documento verranno trattati i caratteri principali della tecnologia

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Caratteristiche del livello Trasporto Il livello Trasporto si occupa del trasferimento delle informazioni, chiamate segmenti, tra due processi in esecuzione su due computer collegati

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment IL DIMENSIONAMENTO SU LAN Soluzione IPTel (PBX virtuali) Gateway con rete PSTN ISDN/PSTN IP Eth. phones Call manager (gatekeeper) Server H.323

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network.

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. La trasmissione di voce in tempo reale su di una rete IP (Internet Protocol), conosciuta anche come Voice over IP

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP. Stefano Sotgiu

I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP. Stefano Sotgiu VIP(i VoIP (in)security I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP Stefano Sotgiu Agenda Il VoIP e la rete telefonica tradizionale Il VoIP più in dettaglio (SIP) Le minacce nel VoIP Cosa e come

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Sommario. Prefazione all edizione italiana Prefazione

Sommario. Prefazione all edizione italiana Prefazione Kurose_0_Kurose_0 14/03/13 11:49 Pagina V Prefazione all edizione italiana Prefazione XIII XV Capitolo 1 Reti di calcolatori e Internet 1 1.1 Che cos è Internet? 2 1.1.1 Gli ingranaggi di Internet 2 1.1.2

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 9. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP Prof. Raffaele Bolla dist Reti per servizi multimediali

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

La tecnologia VoIP: architettura e protocolli

La tecnologia VoIP: architettura e protocolli Fieldbus & Networks La tecnologia VoIP: architettura e protocolli Mariano Severi Sono ormai passati oltre cento anni da quando, nel 1876, Alexander Graham Bell realizzò la prima trasmissione vocale su

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6 Riassunto: reti IP Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

Introduzione al VoIP

Introduzione al VoIP Introduzione al VoIP Cos è il VoIP (Voice over IP)? tecnica che consente la comunicazione telefonica attraverso Internet Reso possibile da prestazioni di accesso ad Internet in rapida crescita negli ultimi

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 4 Giovedì 13-03-2014 1 Ritardi e perdite nelle reti a commutazione

Dettagli

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP Tutto il in 45 minuti!! Giuseppe Tetti Ambiente Demo 1 Ambiente Demo Ambiente Demo 2 Ambiente Demo ATA Ambiente Demo Internet ATA 3 Ambiente Demo Internet ATA Rete Telefonica pubblica Ambiente Demo Internet

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

VoIP (Voice over IP) Organizzazione del modulo

VoIP (Voice over IP) Organizzazione del modulo VoIP (Voice over IP) Rosario. arroppo ruppo di Ricerca in Reti di Telecomunicazioni (Netroup) wwwtlc.iet.unipi.it Organizzazione del modulo Introduzione alla voce su IP Applicazioni li standard Architettura

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 5 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Reti - Protocollo TCP/IP I pacchetti di dati vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione.

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Cos è un protocollo? Protocolli di rete: macchine invece di esseri umani Tutte le attività di comunicazione in Internet sono governate da protocolli

Cos è un protocollo? Protocolli di rete: macchine invece di esseri umani Tutte le attività di comunicazione in Internet sono governate da protocolli Cos è un protocollo? Protocolli umani: Che ora è? Ho una domanda Presentazioni messaggi specifici vengono spediti azioni specifiche sono compiute quando i messaggi sono ricevuti, o in seguito ad altri

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

I protocolli UDP e TCP

I protocolli UDP e TCP I protocolli UDP e TCP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il livello di trasporto in Internet APP. APP. TCP UDP IP collegamento logico tra diversi processi applicativi collegamento logico tra diversi host IP

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli