PROSCRIPTA racconti brevi. di Antonio Munno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROSCRIPTA racconti brevi. di Antonio Munno"

Transcript

1 PROSCRIPTA racconti brevi di Antonio Munno

2 INDICE Un bacione a Firenze Film per Andreina I crisantemi transgenici Il taccuino di Emilio Il vangelo secondo Matteo, mio cugino La sterzata di Shephard L ultima fava Bar Le storie di Carlo La meraviglia. Il miracolo. Il prodigio Dal mondo sospetto al destino comune Contattami:

3 Un bacione a Firenze Fa caldo. Impossibile mangiare il ghiacciolo senza che goccioli appiccicoso sulle dita. Firenze. Quanti rullini. Quanti poliziotti a rassicurarli. Quanti ruffiani a prostituirsi. Lucidano vetrine e pavimenti con la bava. Stazione di S.M.N. ore 1,30 La stazione è chiusa. A ridosso del muro, tanti sacchi a pelo che dormono. Io ho trovato un cartone e mi va già bene. Certo, sfiguro, ma mi distinguo. Non faccio in tempo a stendermi che arriva chiassoso un extra-comunitario. -Sigaretta, sigaretta- scuote i sacchi a pelo che reagiscono infastiditi. -Turisti di merda, tornate nei vostri Paesi se non fumate- dice e passa avanti. Lo guardo divertito e aspetto il mio turno. -Sigaretta?- -Tieni!- Ha gli occhi lucidi e l alito etilico. -Oh, finalmente uno intelligente!- -Solo perché ti ho dato una sigaretta, allora i tabaccai sono tutti degli scienziati?- -No, voglio dire che questi sono tutti pezzi di merda, non capire un cazzo, nessuno ci sentire, nessuno ci vede, solo per mandarci via- -Sono intrippati nelle loro seghe, non sanno nemmeno in che mondo si trovano-

4 -Come ti chiami?- -Antonio- -Di dove sei?- -Di Foggia- -Foggia! Pomodori. Dormire dal benzinaio. La mattina fare a botte per andare coi padroni di pomodori: merda!- -E tu?- -Micheal, delle isole Mauritius, vicino Madagascar- -Fregna!- -Vuoi un po di vino, vado a comprare?- -Perché no?- Se ne va, spedito. Ritorna dopo un po senza prima aver infastidito altri sacchi a pelo. Inauguriamo il cartone di vino bianco che scioglie ulteriormente la lingua. -Io sono nato povero e voglio morire povero. Io voglio essere un uomo, non voglio essere ricco. Tutti correre fiuu gli americani sulla Luna, Marte e noi qua! Fermate! Fermate a essere uomini. Io credo in Dio. Chi ha fatto il sole, gli americani? Chi ha fatto la Terra, il mare gli americani?- -E chi ha fatto gli americani?- -Dio ha sbagliato a fare gli americani- D improvviso sposta la sua attenzione verso un magrebino faccia tosta, tuta e scarpe da ginnastica, probabilmente scippatore. -Che guardi, che vuoi? Va a rubare ai giapponesi, va a rubare ai carabinieri!- Il magrebino non reagisce, è di marmo. Così Michael si alza e gli va incontro, sembra una zattera in un mare mosso.quando arriva dal magrebino, le sue intenzioni bellicose si stemperano in un abbraccio

5 e tanti baci. Sembra un pugile estenuato che si attacca al collo dell avversario. Riesce a tornare e crolla a fianco a me. Si riprende dopo un po al rumore di una macchina che parcheggia. -Dove vai?- -A chiedere una sigaretta- In macchina c è una signora che, alla vista di Michael, mette giù tutte le sicure. -Apri, dammi una sigaretta!- La signora finge di niente e Michael le fa la linguaccia e il marameo. La signora, a quel punto, rimette in moto e se ne va, rinunciando alla sua commissione. Michael ritorna, fa l ultimo sorso di vino e s addormenta. Più tardi ci sveglia il rumore delle macchine della pulizia, venute a lavare il pavimento e a cancellare le tracce della notte.

6 FILM PER ANDREINA Entra dall uscita di sicurezza. Attraversa la penombra di un corridoio. Pigia nel cerchietto del sotterraneo e le porte dell ascensore si chiudono. L arrivo è accompagnato dal trillo di un campanello. Raggiunge una porta, la chiave nel pugno che apre. Appoggia la borsa su di un mobiletto e il cappello da proibizionismo anni 20 sull attaccapanni. Va verso la scrivania e porta sull' ON l interruttore che giace al lato di uno schermo. Immediatamente inizia il teatrino mobile dell orologio svizzero. Le lancette segnano le 8 p.m. Le statuette sfilano sulle note del carillon. Black Aut. Dal buio della bocca di un megafono esce lentamente l occhio della camera. Cresce la luce e il suono, la camera va a cercare il cartello sul muro: LEICESTER SQUARE -Cittadini di tutto il mondo, benvenuti alla gioia, benvenuti alla sempre accesa piazza del divertimento e dell allegria. Tutto è pronto, tutto abbiamo preparato per imbarazzarvi nella scelta di questo spettacolo infinitooo..-. L uomo al megafono è eccitato. Veste un frac grigio. Capelli bianchi e basettoni escono dal cilindro con la bandiera del Regno. Ora la camera indietreggia. Ragazzi, che tengono volantini inquieti, riempiono lo spazio a mò di cerniera lampo che si chiude. -Corona il tuo sogno- -Da noi vivrai l indicibile- -Da noi di più- si legge sui volantini colorati. La camera si confonde nel marasma. Avvista un arco umano divertito e va a sbirciare curiosa. Un uomo travestito da Charlot tiene banco. Corre dietro un passante calvo per mettergli una parrucca. Ora sente il rombo di un aereo e tira fuori dalla borsa un telecomando. Poi passa un rasta e tira fuori un pettinone. Infine arriva la macchina della polizia e riprende il telecomando.

7 Imbrunisce. La camera si lascia affascinare dalle luci intermittenti dell EMPIRE. Poi si volta a guardare l uomo ragno. E di colore, ha un incisivo d oro. Si inarca fino a portare le gambe sopra le spalle e cammina a quattro zampe: bocche aperte. Le statue umane immobili: in alto le insegne del LITTLE HAVANA. Il BURGER KING, CICHITA. Di fronte, il chitarrista hippie dalla voce da pecora: seduti, a gambe incrociate, i nostalgici. Infine, nel buio, commoventi predicatori derisi nella piazza della perdizione. ( Servizio: Cara Andreina, è mia intenzione mostrare la piazza e i giullari che intrattengono. I giullari cambiano continuamente e, quindi, tutto sarebbe legato ai presenti nel momento delle eventuali riprese. I locali, bene o male, sono quelli. Mi piacerebbe che le insegne fossero riprese da molto vicino, fino a farle apparire mostruose, o comunque, aggressive.) A questo punto, la camera si ferma su di un ragazzo che raccoglie bicchieri e bottiglie vuote sui tavoli esterni di un locale. Lo segue. Entra nel bar piantonato da due gorilla. OXIGEN: fumo e baccano. Il ragazzo appoggia i vuoti sul banco. So le nove e mezzo, io vado in pausa- dice all altro dietro il banco. Così, fa le scale, passa il bar del primo piano e sale ancora per guadagnare l ufficio dove si tengono zaini e giacche. Proprio davanti alla porta, incrocia un altro ragazzo, intento a scendere, nell atto di indossare la giacca. -Dove stai andando, Simone- -In pausa e tu, Mauro?- -Lo stesso!- -Dài che ti aspetto!- Scendono le scale e insieme escono dall Oxigen. Si dirigono verso la piazza. Passano davanti al chiosco dei biglietti del teatro. S- E così, questo è il tuo ultimo giorno di lavoro?- M- Sì -Cosa fai dopo?- -Me ne torno in Italia- -A far che?- -Non lo so, so solo che mi sono rotto il cazzo a guardare nei bicchieri o nelle bottiglie della gente che beve-

8 -Lo so, è un lavoro di merda, ma hai mai fatto il lavapiatti?- -Sì ma non so dirti cos è peggio- Seguono l inferriata del giardino poi ad un certo punto si fermano a consumare un panino. Tra un morso e l altro: -Ecco, proprio lì ho fatto il lavapiatti, al Rendez Vous- -Che cos è, un bar?- -Sì, bar, sala da thè, pasticceria. Non facevo un gran che, amoreggiavo tutto il tempo con le bariste. La vedi quella ai gelati?- -Sì,carina!- -Si chiama Ilona. E lituana. Veniva sempre in cucina a lavarsi le mani e a bagnarmi- -E tu?- -Niente, ridevo, non conoscevo una parola di inglese. Una volta, verso Pasqua, mentre facevamo la pausa, mi costrinse a salire senza biglietto sulla giostra dei cavalli a dondolo che era venuta per la festa- -Cos è accaduto?- -E arrivato il tipo con una faccia da Mangiafuoco, grosso e grasso, barba e capelli lunghi, e ci ha fatto scendere malamente- -Che ora si è fatta?- -Mancano cinque alle dieci- -Ci avviamo?- -Sì, dài!- Si alzano e si dirigono verso l Oxigen. La camera li segue. -Ora che hai menzionato Mangiafuoco, questa piazza sembra un po il paese dei balocchi- -Sì, è vero, Collodi deve essere passato di qui prima di scrivere Pinocchio. Ridacchiano. Arrivano all Oxigen, salutano i gorilla della security e fanno le scale. -Perché ti sei licenziato dal Rendez Vous?- -Perché io dopo un po mi rompo il cazzo- -E con Ilona?- -Quando ho la pausa vado a spiarla dalla vetrata- Arrivano in ufficio e lasciano zaini e giacche. Scendendo: -Ancora cinque ore di lavoro- -Per te sono le ultime- -Già, per il resto sono cazzi tuoi- -Grazie per la solidarietà- -Dovere!- Simone rimane al primo piano, Mauro scende al piano terra. Riprende la caccia ai vuoti. Su e giù, dentro e fuori. Scansa persone, sostituisce

9 posaceneri. Pulisce i tavoli. Scopa e paletta, raccoglie carte e cicche di sigarette. Va a prendere il ghiaccio e controlla i bagni. Il tutto in una terribilmente lucida assenza. -La spazzatura, Mauro!- grida il ragazzo dietro il banco. Mauro raggiunge lo sgabuzzino della spazzatura dove trova Simone ed altri ragazzi che stanno già portando fuori i sacchi. Mauro se ne carica due e sotto sforzo: -Con tutti sti gorilla che abbiamo, non potremmo farla fare a loro questa operazione?- -Hai ragione, loro risparmierebbero i soldi della palestra e noi non rischieremmo l ernia- Ora la camera è fuori e vede crescere la montagna di immondizia, come macerie di una guerra impacchettate. Si torna in quella stanza del sotterraneo. Lo schermo è scomposto in 8,16 quadri. Ogni quadro è pieno di immondizia. In uno, ora compare pure Mauro che butta l ultimo sacco di immondizia. A questo punto, l uomo va coll indice sull interruttore e lo porta sull OFF. Mauro e Simone escono dall Oxygen mentre si spegne l insegna. Per strada qualcuno vomita, qualcuno canta, per lo più dormono in piedi. Mauro e Simone si salutano diretti verso differenti fermate dell autobus del ritorno a casa. Mauro è sull autobus, la testa appoggiata al finestrino. Sul ponte di Vauxall albeggia. Ore 10,30 a.m. Suona la sveglia appoggiata su un comodino in una stanza stretta che vede due materassi sul pavimento. -Non l hai mai usata sta sveglia, adesso che hai finito di lavorare, l hai puntata- dice Massimo, l amico di stanza di di Mauro, mentre si gira nel letto. -Dovevo pur darle un senso, mi è costata una sterlina al mercato di Brixton- -Tu sei pazzo- -Lo so- Mauro si sta vestendo. -Ma che devi fare?- -La cosa più importante prima di lasciare Londra- -E quale sarebbe?- -La tomba di Marx- -Niente meno!-

10 -Prestami il London A-Z -E là, nel tiretto- -Higate cemetery- Mauro sta cercando sulla cartina. -Eccolo, è in culo a Giuda, dovrò cambiare almeno tre autobus. Senti puoi prestarmi la tua tessera della metropolitana?- -Sempre lì, nel tiretto- dice Massimo ad occhi chiusi. Ecco Mauro uscire dalla stazione della metropolitana di Archway. Chiede ai passanti dove si trova il cimitero. Lo indirizzano. Una piccola salita, attraversa un piccolo parco e poi il cancello del cimitero. C è una vecchietta, si paga una sterlina. -Dove è sepolto Marx?- chiede alla vecchietta mollandole una sterlina. -Segui la strada tenendo la sinistra, la troverai, subito dopo una curva, sulla destra- Una piccola discesa, una salita e, subito dopo la curva, Mauro vede un uomo in un frac grigio rivolto verso destra. Megafono a tracolla, fa un inchino beffardo tirandosi dalla testa un cilindro con la bandiera del Regno. Alle spalle, un uomo con una borsa e un cappello da proibizionismo anni 20 che trattiene un troppo facile sorriso.

11 I CRISANTEMI TRANSGENICI Se son fiori, appassiranno! Che pena vederli sfiorire! Tutta colpa dell orologio delle stagioni che si era dichiarato indipendente: sin dai primi giorni di Ottobre i crisantemi erano tutti sbocciati. Due anni prima si era fatto rimborsare dalle assicurazioni. Una bella valigetta di bigliettoni da cento. Al momento della stretta di mano, però, il direttore gli fece capire di non farsi più vedere. - Assicurare i crisantemi, oggigiorno, è come assicurarsi una coltellata- gli disse sulla porta. L anno precedente si era salvato convincendo il vescovo ad anticipare di due settimane la festa di commemorazione dei morti. L operazione gli costò il rifacimento del portale del Duomo ed una noia mortale nel giorno dell inaugurazione quando passò addirittura per benefattore. Il Signore del Crisantemo Tutta una collina coltivata a crisantemi aveva fatto la sua fortuna e la sua fama di Signore del Crisantemo. Quell anno aveva contattato una multinazionale di colture transgeniche. Vedrà, potrà tenerli fino a Pasqua! gli aveva assicurato l agente. Il prezzo delle sementi gli sembrò anch esso transgenico ma sempre meglio che pagare il pizzo alla Curia od ingrassare quei magnaccia delle assicurazioni- si disse. Quando la notizia si diffuse, insorsero i Verdi con una manifestazione che vide il suo momento più alto nel lancio di crisantemi di plastica davanti alla sua abitazione. Il Signore del Crisantemo era alla finestra e diceva voglio vedere chi la smaltisce tutta sta plastica!- Poi ci fu la scomunica del vescovo che in una lettera aperta ai parrocchiani lo accusava di sacrilegio e di immoralità. Il bue che dice cornuto all asino- commentò il Signore del Crisantemo.

12 La delegazione Sarà stata suggestione, una notte ricevette in sogno una delegazione di morti. Siamo venuti per delle rimostranze- disse il portavoce. Il Signore del Crisantemo li fece accomodare in salotto e si mise a disposizione. Com è sta faccenda dei crisantemi transgenici? gli chiese il portavoce con tono mafioso. Vedete rispose il Signore del Crisantemo accomodante che qui è già tutto transgenico: le stagioni, le religioni, la politica, il pane.-. Bene, se questa è la sua risposta, si prepari alle fiamme trangeniche disse il portavoce mentre se ne andava seguito dalla delegazione. Le fiamme transgeniche La mattina dopo, il Signore del Crisantemo si mise a cercare sul libro della smorfia le parole: delegazione, portavoce, mafia, morti, fiamme transgeniche. Voleva trarre profitto da quella visita inaspettata giocando numeri al lotto. Ad ogni parola trovò il numero corrispondente tranne che per le fiamme transgeniche. O meglio, le fiamme c erano ma non erano transgeniche. Mentre impugnava la penna per scrivere alla casa editrice affinchè aggiornasse la smorfia, sentì puzza di bruciato, bruciato transgenico, venire dalla collina.

13 Caro Rousseau, C è un tempo, tanto inspiegabile quanto necessario, in cui partire. Il più bello dei cortili, sennò, rimane solo un cortile. Tuo,Emilio. Il taccuino di Emilio D improvviso il mio passo si è fatto insicuro. Non più la terra buona di tutta la mia infanzia, sotto ai piedi, ora, le selci levigate della mia prima volta in città. Mi sono fermato a guardarla come una volpe atterrita da fari d automobile. Corre la città, corre l uomo nel suo artifizio. Si ferma ad un semaforo rosso, riparte dopo il colpo di clacson. Ho preso una mela da una bancarella e mi sono sentito ficcare un calcio in culo.sono seduto su di un marciapiede accartocciato dallo spavento. Clochard- così mi ha detto che si chiama, mi ha preso per mano e mi ha portato a mangiare. Il crocifisso è alto, troppo alto per chi vi entra con la testa bassa. I vassoi in formica opaca. La luce giallognola in un silenzio religioso. Uno straccio bianco al pennone degli sconfitti, ecco cosa mi è sembrata la mensa della Caritas.

14 Siamo usciti dalla mensa e, per un po, ce ne siamo portati appresso il silenzio. Clochard mi ha accompagnato all uscita della città e mi ha dato un indirizzo:-pestalozzi Enrico, Neuhof-. Mi hanno detto che potevo andare. Ho raccolto i miei stracci celermente. Non è la cella che fa impazzire ma il sapere che la mia libertà dipende da terzi. La frontiera è una barra di legno. Il confine è d aria e luce.(*c.s.i.) Rousseau era un lupo, Pestalozzi è un gatto. Rousseau lo si vedeva solo con la coda dell occhio, Pestalozzi è più maldestro. Questo maldestro di Pestalozzi non ha tanta paura della gente. So solo di non essere arrivato. Scarpe rotte eppur bisogna andare. Lascio effimere orme sulla neve. Senza tempo è il cammino. Senza pausa è l ansia di uomo. A Jasnaia Poliana si legge sul frontone: Studiare è desiderare. La scuola è senza porte e senza finestre. Trattenere è un invito ad andare. Tolstoj sa della terza legge della dinamica. Tolstoj non sa cos è il caos. Tolstoj sa cos è il rispetto. Tolstoj non sa nemmeno se ha il diritto. Oggi è arrivata la polizia coi fucili. Tolstoj è uscito col suo ramoscello di ulivo. Gli hanno dato la cicuta del monopolio di stato.

15 IL VANGELO SECONDO MATTEO, MIO CUGINO Quanta strada per raggiungerla! Poveri re magi e poveri anche i cammelli. Ora che la stella cometa era proprio sulle loro teste, scesero dai gropponi e presero i doni. San Giuseppe si avventò sull uscio. -Parola d ordine!- chiese aggressivo. - Non al denaro, non all amore, né al cielo - rispose Baldassarre. -Bene, chi siete?- -Siamo i re magi, siamo venuti a portare i doni al re dei re- disse Melchiorre. -Cosa avete portato?- -Oro, incenso e mirra- dissero i re magi rispettando il turno. -Non avete i Lines dormi-asciutto?- -No!- rispose Gasparre mentre si riempiva di stupore. -Allora non abbiamo bisogno di niente- disse San Giuseppe cacciandoli malamente. Nei ritagli di tempo, Gesù andava a trovare suo padre in bottega. Dava una sistemata e raccoglieva i trucioli. -Che cosa vuoi fare da grande?- gli domandava San Giuseppe. -Non lo so, forse il Maestro- rispondeva Gesù. -Basta che non lavori per i padroni- si raccomandava San Giuseppe. Nella Samaria c era un capellone fannullone. Cantava Help e Ticket to Ride. Le madri dicevano ai figli di non avvicinarlo perché aveva i pidocchi. I pidocchi non lo avvicinavano perché lo consideravano uno di loro. Un giorno si trovò a passare di lì Gesù. Sarà stata la stanchezza o la debolezza, insomma, cadde a terra. Prima passò un bancario e disse- ci mancava un altro capellone!- e se ne andò. Poi passò un prete e disse- ecco che fine fa chi non viene all oratorio!- e se ne andò. Infine arrivò il capellone fannullone e si fermò a soccorrerlo. Gesù lo ringraziò e insieme cantarono una canzone di Battiato di quando era ancora lucido: -si salverà chi non ha voglia di far niente e non sa fare niente-.

16 Gesù tornava dal suo viaggio in India quando gli venne incontro una donna tutta vestita di nero. Sul momento non la riconobbe poi, quando si gettò ai suoi piedi, capì che si trattava di donna Cuncetta, la moglie napoletana di Lazzaro. Aggiu fatt a guerr, aggiu fatt o contrabband, àggiu mangiat pan e ppan- diceva mentre Gesù cercava di tirarla su. Famm a ggrazj, famm a ggrazj- concludeva. Allora Gesù si fece condurre alla tomba di Lazzaro e fece spostare le pietre. -Lazzaro, alzati e cammina!- ordinò. Lazzaro si destò infastidito: -Se c è qualcosa che non capisco in questa fottutissima vita, quello è l accanimento terapeutico- si sfogò. Alla conta di mezzo giorno mancava una pecora. Al garzone sobbalzarono immediatamente le parole del suo padrone di origine sarda:- se manca un solo capo ti stacco un orecchio-. Preso dal panico, lasciò il gregge ed iniziò la ricerca della smarrita. Mentre percorreva la strada a ritroso, portava continuamente le mani ai padiglioni e si domandava quale dei due avrebbe scelto il padrone. Quando, dietro una fratta, ritrovò la pecora accasciata, il garzone fece salti di gioia. -Ti ho ritrovata!- diceva mentre se la baciava. -Hai ritrovato il tuo orecchio- pensava la pecora pulendosi dallo sbavacchio. Il garzone la prese di peso e se la portò intorno al collo. Quando raggiunse il gregge, erano tutte davanti alla TV a rincoglionirsi con I Fatti Vostri. In verità, in verità vi dico che è più facile smarrirsi nel gregge. Quando il suo carisma era diventato tale da riuscire a radunare migliaia di persone, Gesù venne invitato da Confindustria. Alla notizia reagì con queste parole Hanno la faccia proprio come il culo!-. Ci fu un lungo titubare, poi Simone gli disse Vàcci, basta che non fai la fine di Masaniello- e così andò. Quando fu il suo turno, portò il microfono all altezza della bocca e disse Di andare ai cocktails con la pistola non ne posso proprio più ; in questo nido di vipere ci

17 vorrebbero almeno una diecina di Ananas per far saltare tutto-. A quel punto intervennero i gorilla della security. -Lasciatemi, servi!- diceva mentre lo sbattevano fuori. Durante la sua relazione sul tema di Brecht: Aprire una banca è lo stesso che rapinarla Gesù si raccomandò al popolo convenuto di non confondersi con l usciere perché questi era solo un servo. -Ricordatevi- continuò che il nemico è generalmente invisibile ma non è sempre solo il ricco perché, se ogni ricchezza puzza di furto, un po tutti sognano di puzzare-. Guardatevi dall American Dream perché esso è esca per gli sprovveduti ed è miraggio per gli imbecilliammonì. Tutti il giorno e tutti i giorni a spiegare alla gente perché respirava, dove si trovava e chi la comandava: Gesù non ne poteva proprio più. Una mattina, a metà predica, abbandonò e se ne andò sul Calvario. Mica è colpa mia se sono andato troppo avanti col pensiero- si diceva mentre saliva. Quando fu in cima al monte, alzò gli occhi al cielo e disse Padre, io non lo so se questi hanno margini di recupero ma ricordati di chi viaggia in direzione ostinata e contraria col suo marchio speciale di speciale disperazione, che tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi per consegnare alla morte una goccia di splendore, di umanità, di verità -. Da Smisurata preghiera De Andrè Gesù raccolse mendicanti e punks-a-bestia per strada e disse loro di seguirlo. -Dove andiamo?- gli chiedevano. -A Roma!- rispondeva. -A far che?- insistevano. -A prenderci il salario sociale- e si azzittivano. Dopo un po qualcuno gli chiese e se non ce lo dànno?-. -Sfasciamo tutto!- rispose. -Ma tu sei non-violento- gli obbiettò. -Perché non mi hai visto spaccare le bancarelle dei mercanti fuori dal tempio- rispose risoluto.

18 Gesù si era iscritto al corso per computer perché, diceva, -bisogna cavalcare la tecnologia sennò sti bastardi ci fottono-. Smessi i panni del predicatore, ora si era messo in testa di fare l Hacker. -Bisogna azzerare i conti e mischiare le carte- continuava. Prima, però, dovette scomodare lo Spirito Santo perché scendesse e gli facesse dono della lingua inglese. - Sti inglesi sono peggio dei romani, ti impongono pure la lingua- si lamentava. All ultima cena Gesù dovette fare parecchi miracoli perché il vino finiva sempre. A turno cantavano una strofa de La società dei magnaccioni e poi si accoravano nel ritornello. Solo Giuda partecipava svogliatamente. Allora Gesù prese il pintone del vino e gli riempì il bicchiere. Bevi,- gli disse così ti scordi di quanto sei stronzo!-.-lo sai meglio di me che è tutto scritto e noi siamo solo inchiostro- si difese Giuda. Sei il miglior avvocato che io conoscarispose Gesù toccandogli il bicchiere col suo. A quel punto intervenne Pietro a chiedere spiegazioni. Tu è meglio che ti stai zitto!- lo stroncò Gesù. Mentre aspettava che le guardie venissero a prenderlo, Gesù fu preso da una botta di malinconìa. Svaniti i fumi dell alcool dell ultima cena, ora si sentiva solo. Così raggiunse Maria. -Che c è, figliuolo!- -Ho tanta voglia di tornare nel tuo liquido amniotico!- -Andiamo, su, hai trentatre anni!- -Mi faccio piccolo!- Allora Maria lo prese sulle ginocchia e gli cantò La giacca di Claudio Lolli. Gesù capì. Diede un bacio alla madre e se ne ritornò nell orto degli ulivi. Pilato cantava Roma capoccia e si lavava le mani. Allora Gesù gli disse di voi romani ho sempre apprezzato il senso dell igiene; siete capaci di spostar montagne per fare dighe e acquedotti. Per le fogne,poi, primeggiate nel disfarvi della merda-. -Non lo sapevi che la merda più la smuovi e più puzza?- -Non muoverti, allora; la trovo da me l uscita-.

19 LA STERZATA DI SHEPHARD Tutta l'inghilterra è ferma. Un minuto, una preghiera: la regina madre sta morendo. Roma. Angelus, prima domenica di marzo dell'anno Nostradamus aveva visto giusto. Il Papa del 2000 è nero ed è anche punk. - Tutta la notte... (applauso) - Tutta la notte ho pensato alla regina madre (applausi). E' a lei che dedico questo pezzo -. Così rivolge il telecomando al cielo e preme un tasto. Ora il cielo si apre e scende una nuvola. Incredibile! Sulla nuvola c'è Sid Vicious. Eccolo raggiungere il palco dove lo aspetta la sua band. Giusto una pacca sulla spalla e poi iniziano: God save the Queen. Los Angeles, barflys - Io lo sapevo - - Che? - - Che erano tutte stronzate: regine, conti e marchese - - So' più stronzi quelli che ci credono - - Speriamo che schiatta subito, così tirano fuori una nuova birra - - Costerà una cifra! - - Già, queste regine non ci servono proprio a niente! - - Portano solo disgrazie - - E noi ne abbiamo abbastanza da dover bere per dimenticarle! - - Cin - - Cin - I vermi scelti. Salviette al collo e pugni che stringono posate sulla tavola bandita, i vermi sono pronti. Dopo estenuanti prove selettive sulla storia della monarchia inglese con accenni alle monarchie europee, a questo sparuto numero di vermi spetta l'onore di spolpare la regina madre. - Quando arriva? - - Arriverà, arriverà! - - E se decidesse di farsi cremare? - - Ci facciamo un brodino con le ceneri! E dove va, non ha scampo! -

20 Al capezzale c'è tutta la famiglia reale ed anche lo stalliere. Tutti vogliono assistere a questo momento storico nonostante i ripetuti inviti del medico a sgombrare la stanza. La regina madre chiede al guardasigilli di avvicinarsi con un regale movimento della mano. Trattasi dell'ultimo desiderio della moribonda: l'ultimo giro per Londra sul Routemaster (il famoso bus rosso a due piani). Il guardasigilli comunica ai presenti la notizia, che suscita sommesso clamore. Il medico si oppone invano, poi se ne va sbattendo la porta. Inizia la mobilitazione. Il guardasigilli si prende cura della cosa in prima persona. Organizza subito un vertice al quale invita il capo della polizia e l'amministratore delegato dell'azienda dei trasporti. - A lei - dice rivolgendosi al capo della polizia - a lei il compito di organizzare una strategia di percorso: che ne so... Tower Bridge, Westminster, Trafalgar Square e qualche parco... ah, non voglio barboni sul tragitto -. - A lei - dice rivolgendosi all'amministratore delegato - il compito di attrezzare il Routemaster di un sollevatore che porti la regina madre al piano superiore - - Domande? - - No, Sir! - rispondono all'unisono i sottoposti. - Voglio che tutto sia pronto per domattina alle Si, Sir - - Si, Sir - Buckingham Palace, ore 9.00 La regina madre si sta alzando. Il guardasigilli è sceso a controllare che sia tutto pronto. Il capo della polizia gli va incontro per mostrare la mappa del percorso. - Non male - dice il guardasigilli dopo un'occhiata fugace. Il Routemaster è pronto davanti alla porta, preceduto e seguito da una scorta di poliziotti in motocicletta. Il guardasigilli entra a guardare seguito dall'amministratore delegato: c'è il sollevatore e, cautelativamente, sono stati rimossi dei sedili che avrebbero potuto essere d'intralcio. - Un buon lavoro - dice il guardasigilli - ma non c'era un autista bianco?- - No Sir - risponde l'amministratore - l'ultimo è morto due mesi fa di cirrosi epatica -.

21 Ore La regina madre è al piano superiore del Routemaster, ora la colonna si muove. La regina è stanca e commossa. Commossa è anche la gente che, alla notizia, si è riversata per le strade. Tutti agitano un fazzoletto bianco per l'estremo saluto e con lo stesso s'asciugano il pianto. Trafalgar Square, Big Ben, Westminster quando, ad un certo punto, il Routemaster si arresta inspiegabilmente. Il guardasigilli scende infuriato e va dall'autista. - Perché ti sei fermato? Segui la scorta! - L'autista è impassibile, non lo degna di uno sguardo. - Fottiti! - gli risponde con gli occhi fissi in avanti, quasi sotto ipnosi. Poi, deciso, come se fosse uscito da un lungo tormento, un tormento lungo quanto una notte, sterza tutto e riparte. Già, una notte insonne per Shephard. Drin, drin! - Pronto chi è? - - Sono il capo, domani non sei in linea, devi accompagnare la regina madre in giro per Londra. - Allora una, due, tre sigarette. I compagni dell'associazione Fratelli d'africa, i vicini di casa: già gli puntavano l'indice. - La regina? E chi se la incula?! - aveva detto una volta al pub suscitando ilarità. - Dove vai? Questa strada è fuori percorso! - gli dice ora il guardasigilli. - A Brixton! - risponde secco. Nulla si può contro quell'omone nero, chiuso nella sua cabina e protetto da vetri antiproiettili. La regina madre non si è accorta di niente. Le forze le scemano e forse ha perduto ogni senso. Quando arrivano sotto il ponte di Brixton, chiude definitivamente gli occhi, quegli occhi che mai videro la periferia del mondo.

22 L ultima fava Quando il violinista pazzo tornò al suo paese, la terra mostrava labbra aride e il popolo adorava i telefonini. D emergenza ricompose la scuola peripatetica e fece il punto della situazione. - Prima era il deserto dell anima e noi eravamo ginestre- disseora sarà anche il deserto della Terra e finirà per tutti. Peripatetici, -continuò- dobbiamo fermare la desertificazione ma, prima ancora, dobbiamo far saltare i ripetitori dei telefonini perché questi si so tutti rincoglioniti-. Il giorno dopo, il popolo si svegliò senza tacche sul telefonino. La scuola peripatetica continuò puntuale nella villa comunale. Il violinista pazzo era arrivato canticchiando una canzone del C.S.I. Ecco la Terra in permanente rivoluzione, ridotta imbelle, sterile, igienica, una unità di produzione, una unità di produzione. - Voglio citarvi una frase dei compianti indiani d America- disse ad un certo punto, Questa Terra non la abbiamo avuta in eredità dai nostri padri ma l abbiamo in consegna dai nostri figli. Ora, è successo questo, che, per andare appresso a quei babbioni di quegli altri americani degli Stati Uniti, abbiamo ridotto la Terra una mappina, senza guardare in faccia né ai padri né ai figli-.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

"UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis

UN NATALE MAGICO Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis "UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis *** Attenzione è possibile acquistare il cd musicale ( 20 ) con le canzoni con voce e le basi musicali direttamente dall autore scrivi

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo!

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Oh che meraviglia... Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Inserto N. 4 2009 Carissimi bambini, ogni anno vi divertite un mondo a fare il vostro presepe e non vedete l ora di aggiungere

Dettagli

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO LE AVVENTURE DI PINOCCHIO Esercizi UNITà IV www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 La storia di Pinocchio col Grillo-Parlante, dove si vede come i ragazzi cattivi hanno a noia di sentirsi correggere

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De

Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De Alice non lo sa (1973) www.iltitanic.com - pag. 1 ,4,,4, Alice guarda i gatti e i gatti guardano nel sole ALICE RE RE4 RE mentre il mondo sta girando senza fretta. Irene al quarto piano è lì tranquilla,

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli