REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA"

Transcript

1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA Il presente Regolamento si ispira ai principi della Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate 5 febbraio 1992, n. 104, che mira a garantire il pieno rispetto della dignità umana e i diritti di libertà e di autonomia della persona handicappata e a promuoverne lo sviluppo personale e la piena integrazione nella famiglia, nella scuola, nel lavoro e nella società. Finalità della norma è perseguire il recupero funzionale e sociale della persona affetta da minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali e assicurare i servizi e le prestazioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle minorazioni, nonché la tutela giuridica ed economica della persona handicappata, predisponendo interventi volti a superare stati di emarginazione e di esclusione sociale. La Provincia di Teramo esercita le competenze in materia di servizi socio-assistenziali in favore dei ciechi, sordomuti e sordi pre-linguali, secondo quanto disciplinato dall art. 5 della Legge n. 67 e dalle leggi regionali 9 aprile 1997, n 32, 11 novembre 1998, n 131, , n 64 e loro successive m. e i. Il presente Regolamento intende promuovere e disciplinare i servizi e gli interventi personalizzati a favore dei disabili sensoriali, funzionali a favorire l esercizio del diritto allo studio e sostenere il libero sviluppo della personalità dei soggetti interessati. Gli interventi si ispirano al principio dell universalità, della tutela e della promozione sociale del cittadino in condizione di disagio e sono tesi a favorirne, per quanto possibile, il superamento. In coerenza con quanto espresso dall'art. 3 della Costituzione ("... è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano, di fatto, la libertà e l'uguaglianza dei cittadini..."), gli interventi sono finalizzati a garantire la non discriminazione e i diritti di cittadinanza, operando per prevenire, eliminare o ridurre gli ostacoli alla piena inclusione sociale che derivano dalle condizioni di disabilità, di bisogno e di disagio individuale e familiare, da inadeguatezza di reddito, da difficoltà sociale e da condizioni di non autonomia. L erogazione dei servizi e degli interventi, quindi, è volta a promuovere un sistema di responsabilità condivise tra le istituzioni pubbliche e i soggetti che operano nel terzo settore, per la costruzione di una comunità solidale che valorizzi e sostenga una rete per la crescita, lo sviluppo e la cura degli aventi diritto. Ogni azione, pertanto, dovrà essere tesa a realizzare la massima integrazione possibile tra le competenze istituzionali della Provincia, dei Comuni, della Regione e dell Azienda Sanitaria Locale e la centralità della persona dovrà essere l elemento su cui armonizzare gli interventi istituzionali con quelli promossi dalla comunità civile e dalle Associazioni di categoria.

2 ART. 1 La premessa è parte integrante del presente Regolamento. Art. 2 (GENERALITA E FINALITA ) La Provincia di Teramo garantisce il proprio sostegno alle persone con disabilità sensoriale durante i percorsi scolastici e formativi, a partire dalla scuola materna per terminare con la formazione scolastica ed universitaria, favorendone l'autonomia comunicativa-relazionale e sostenendo l'apprendimento didattico allo scopo di agevolarne l'integrazione scolastica e sociale. Il presente regolamento, in esecuzione delle disposizioni delle leggi regionali 9 aprile 1997, n 32, 11 novembre 1998, n 131, nonché della legge regionale , n 64 e successive modificazioni e integrazioni, disciplina gli interventi assistenziali della Provincia in favore dei ciechi, sordomuti e sordi pre-linguali. Gli interventi sono tesi a favorire una migliore condizione esistenziale degli assistiti, nonché una maggiore integrazione sociale degli stessi nell ambito territoriale. ART. 3 (SOGGETTI INTERESSATI) I soggetti interessati sono tutti i cittadini residenti nel territorio di competenza della Provincia di Teramo, fino al conseguimento del diploma di scuola secondaria superiore nonché coloro che frequentano un corso universitario con il limite di un solo corso di Laurea, quando ricorrono le seguenti condizioni certificate dalle competente Commissioni mediche A.S.L.: cecità assoluta o residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi, con eventuale correzione (ipovedenza grave ai sensi della L. 138/2001); sordità dalla nascita o contratta prima dell apprendimento del linguaggio; ART. 4 (FORME DI ASSISTENZA) La Provincia di Teramo, in ossequio al disposto dell art. 3 e dell art. 3 bis della L.R. 9 aprile 1997 n. 32 e s. m. e i. individua le seguenti forme di assistenza : a) assistenza educativa e didattica, sia a domicilio che presso centri socio-educativi a carattere diurno, al fine di supportare l integrazione scolastica in ogni ordine e grado; b) fornitura dei testi scolastici adattati alle esigenze dei soggetti interessati; c) fornitura di sussidi mimografo-visivi; d) consulenza del tiflologo per i minorati della vista e consulenza dell interprete per i minorati dell udito; e) fornitura agli studenti del materiale didattico a rilievo; f) fornitura del materiale tecnico speciale per i minorati della vista; g) organizzazione di corsi di formazione e di aggiornamento e seminari per il personale addetto all educazione domiciliare, nonché all istruzione specifica dei ciechi, sordomuti e sordi prelinguali qualora non vi provvedano altre istituzioni; h) educazione fisica, musicale, artistica, sportiva, ricreativa, culturale diretta al loro recupero ed alla loro integrazione sociale; i) integrazione sociale dei minorati medesimi ed assistenza alle loro famiglie; l) organizzazione di corsi di formazione professionale di avvio al lavoro specifici.

3 Gli interventi di cui alle lettere a), b) c), d), e) ed f) del presente articolo sono individuati quali interventi prioritari da assicurare annualmente. Gli interventi di cui alle lettere g), h), i) ed l) del presente articolo saranno organizzati in collaborazione con le Associazioni di categoria Ente Nazionale per la protezione e l Assistenza dei Sordi e l Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti e loro emanazioni territoriali, sulla base delle necessità portate in evidenza da quest ultime e sulla base delle risorse di bilancio. In particolare gli interventi di cui alla lettera g) vengono organizzati almeno ogni 3 anni. Gli interventi di cui alla lettera l) vengono organizzati almeno ogni 3 anni. ART. 5 (FORME DI SUSSIDIO DIVERSE) Qualora non fosse possibile provvedere all assistenza educativa e didattica presso centri educativi specializzati aventi sede nel territorio provinciale, la Provincia potrà erogare sussidi diversi agli studenti sordomuti o sordi prelinguali - figli di entrambi i genitori sordomuti - per favorire la frequenza presso Istituti educativi specializzati parificati, non accreditati al Servizio Sanitario Nazionale, dislocati fuori dal territorio provinciale. La concessione dei sussidi di cui sopra, in conformità a quanto disposto dalla L. 241/90, art. 12, sarà regolamentata come segue: a) i sussidi saranno annualmente quantificati in misura corrispondente al costo del servizio erogato dall Ente a favore di studenti che frequentano lo stesso ordine di scuole presso scuole pubbliche del territorio provinciale; b) i sussidi, nella misura quantificata in sede di approvazione dei programmi annuali e, comunque, non in misura superiore al 70% del costo annuale della retta di frequenza, saranno erogati a favore dello studente, se maggiorenne, o dell esercente la patria potestà o del tutore legale, se minorenne, ad Anno Scolastico concluso e previa esibizione delle quietanze relative alle spese sostenute per la frequenza dell Istituto Scolastico fuori provincia c) unitamente alle quietanze delle spese, l interessato dovrà produrre una dichiarazione circa il concorso di altri Enti Pubblici al sostenimento delle spese in esame. L interessato, laddove lo riterrà necessario, potrà richiedere il frazionamento trimestrale del rimborso, fermo restando la presentazione della documentazione necessaria a dimostrare la spesa sostenuta. In presenza di accertato concorso di altri Enti alla spesa, la Provincia rideterminerà in diminuzione l importo erogabile residuo sino alla concorrenza massima necessaria alla copertura totale della spesa di frequenza documentata. ART. 6 (SERVIZI AI CIECHI PLURIMINORATI) La Provincia, sulla base dell entità annuale dei trasferimenti regionali previsti dalla legge 28 agosto 1997, n. 284 "Disposizioni per la prevenzione della cecità e per la riabilitazione visiva e l'integrazione sociale e lavorativa dei ciechi pluriminorati e della disponibilità annuale di risorse di bilancio dell Ente, si riserva di predisporre progetti specifici a favore dei soggetti ciechi che presentano ulteriori disabilità certificate, residenti sul territorio provinciale. La Provincia si potrà avvalere della collaborazione dell Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UIC) e dell Istituto di Ricerca, Formazione e Riabilitazione (I.Ri.FO.R.), e loro emanazioni locali, che provvederanno con risorse proprie ad integrare gli interventi medesimi.

4 ART. 7 (DOMANDA DI ASSISTENZA) La domanda di assistenza, indirizzata al Settore competente della Provincia di Teramo, deve essere redatta in carta semplice e sottoscritta dall interessato o dall esercente la potestà o dal tutore legale, nel caso che egli sia minore, e deve contenere le seguenti indicazioni : nome e cognome ; dati anagrafici e situazione sanitaria ; servizio assistenziale richiesto, in relazione alle individuali e specifiche necessità. Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti : 1) certificato medico attestante il grado di minorazione della vista o dell udito rilasciato dalla struttura pubblica, copia del verbale di riconoscimento della cecità o del sordomutismo ; 2) certificato di residenza ; 3) certificato scolastico attestante gli studi compiuti ed il certificato di iscrizione alla classe successiva ( per alunni e studenti delle scuole primarie e secondarie); 4) certificato di iscrizione agli studi universitari e autodichiarazione da parte degli studenti universitari di essere studente iscritto al 1 corso di laurea, triennale o specialistica, e di non aver conseguito altro diploma di laurea. 5) certificati medici attestanti lo stato di sordomutismo di entrambi i genitori dello studente sordo per l accesso ai sussidi diversi di cui all art. 5. Ai sensi della normativa vigente, gli utenti possono avvalersi della dichiarazione sostitutiva o temporaneamente sostitutiva per ovviare alla presentazione della documentazione di cui ai numeri 2, 3 e 4 del presente articolo. Ai fini di una migliore organizzazione del servizio le domande devono pervenire al Settore competente della Provincia di Teramo entro il 31 luglio di ogni anno. ART. 8 ( PROGRAMMA ANNUALE DEGLI INTERVENTI) L erogazione dei servizi di cui al precedente art. 4 e dei sussidi diversi di cui all art. 5 del presente Regolamento è subordinata all approvazione di uno specifico Programma annuale degli interventi da parte della Giunta Provinciale. Il programma annuale, da presentarsi ai fini dell accesso al finanziamento alla Regione Abruzzo entro il 31 dicembre dell anno solare precedente rispetto a quello di riferimento, è predisposto previa acquisizione di eventuali proposte delle Associazioni di categoria degli utenti, tenuto conto delle istanze pervenute entro il 31 luglio ed in relazione alle risorse finanziarie disponibili. Le Associazioni di categoria devono presentare le eventuali proposte entro il 30 ottobre di ogni anno. ART. 9 (MODALITA DI GESTIONE)

5 La Provincia si riserva di gestire uno o più dei servizi previsti nel precedente art. 4 direttamente o tramite affidamento a soggetti esterni. L Ente individua i soggetti esterni affidatari tra le Imprese Sociali e quei soggetti che per loro organizzazione presentano le caratteristiche proprie dell Impresa Sociale, il cui atto costitutivo esplicita l assenza dello scopo di lucro e prevede nell oggetto sociale l erogazione di beni e servizi di utilità sociale, con particolare riferimento ai portatori di handicap sensoriali (sordità e cecità). I soggetti dovranno essere in grado di assicurare i servizi mediante personale educativo specializzato per ciechi e sordomuti. ART. 10 (GESTIONE FINANZIARIA) Le spese relative ai servizi disciplinati con il presente regolamento sono coperte con i fondi derivanti dai contributi regionali, riservandosi la Provincia di integrarli, all occorrenza, anche in misura superiore all importo minimo di cofinanziamento previsto dalla legge regionale n. 32/97 all art. 6, comma 2. L entità dell intervento finanziario della Provincia, sulla base delle risorse di bilancio e delle richieste pervenute da parte degli utenti, viene annualmente concordato con le Associazioni di categoria maggiormente rappresentative a livello nazionale, che abbiano quale scopo primario quello dell assistenza in favore dei ciechi, sordomuti e sordi prelinguali,. Una quota del fondo annuale disponibile viene destinata alle spese per la fornitura agli studenti ciechi dei materiali didattici specifici, nella misura massima del 20% del fondo stesso e in base ai programmi da attivare. ART. 11 (NORME FINALI) Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento valgono le norme di legge regionale e statale vigenti in materia. Dalla data di entrata in vigore, il presente Regolamento sostituisce in ogni sua parte il precedente Regolamento approvato con Delibere di Consiglio Provinciale n. 25 e n. 84 rispettivamente del e del che perde efficacia e si ritiene integralmente abrogato. Il presente Regolamento entra in vigore dalla data di pubblicazione, ovvero, nel caso di urgenza, può essere dichiarato immediatamente eseguibile.

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

REGOLAMENTO ASSISTENZA AI MINORI RICONOSCIUTI DA UN SOLO GENITORE, ABBANDONATI OD ESPOSTI ALL ABBANDONO SUSSIDI AI DISABILI SENSORIALI

REGOLAMENTO ASSISTENZA AI MINORI RICONOSCIUTI DA UN SOLO GENITORE, ABBANDONATI OD ESPOSTI ALL ABBANDONO SUSSIDI AI DISABILI SENSORIALI Approvato con Deliberazione A.C. N. 16 del 29/11/2007 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE FUNZIONI GIA DI COMPETENZA PROVINCIALE E TRASFERITE AL CISS-CUSIO IN BASE ALLA L.R. 1/2004 IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI SOCIO-ASSISTENZIALI IN FAVORE DI MINORI O GIOVANI STUDENTI CON DISABILITA VISIVA O UDITIVA INDICE 1. PREMESSA... 2 2. DESTINATARI DELL'ASSISTENZA... 2 3. TIPOLOGIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA A FAVORE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO PARTE I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 OGGETTO Articolo 2 DESTINATARI DEGLI INTERVENTI PARTE II ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Provincia di Potenza. Ufficio Scolastico Provinciale

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Provincia di Potenza. Ufficio Scolastico Provinciale PROTOCOLLO D INTESA Tra Provincia di Potenza Ufficio Scolastico Provinciale Unione Italiana dei Ciechi e degli ipovedenti (sede Provinciale di Potenza) Per promuovere e attuare - progetto di assistenza

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 579 DEL 05/10/2012 E INTEGRATO DALLE MODIFICHE APPORTATE

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

IL DIRIGENTE. Art. 1 Oggetto L operatore dovrà svolgere le seguenti prestazioni:

IL DIRIGENTE. Art. 1 Oggetto L operatore dovrà svolgere le seguenti prestazioni: Avviso di selezione pubblica, per titoli, per la creazione dell Albo degli operatori a cui affidare l assistenza specialistica in favore di alunni con disabilità sensoriali e/o psicofisiche frequentanti

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO PAVONI PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SUPPORTO DOMICILIARE PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA FAVORE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Richiamata

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

L alunno. ADHD a scuola. Lo stato dell arte MIUR ANGIOLINA PONZIANO PESCARA 2011

L alunno. ADHD a scuola. Lo stato dell arte MIUR ANGIOLINA PONZIANO PESCARA 2011 L alunno ADHD a scuola Lo stato dell arte PESCARA 2011 1 L alunno ADHD a scuola Lo stato dell arte Disabilità : Le nuove norme Disturbi specifici di apprendimento La legge 170/2010 PESCARA 2011 2 3. Soggetti

Dettagli

D. A. n 833 del 31.3.2004

D. A. n 833 del 31.3.2004 D. A. n 833 del 31.3.2004 REPUBLICA ITALIANA R E G I O N E S I C I L I A N A Dipartimento Regionale per la Famiglia, le Politiche sociali e le Autonomie locali L ASSESSORE PER LA FAMIGLIA, LE POLITICHE

Dettagli

ALLEGATO A) Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88

ALLEGATO A) Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88 Atti RG 7897/2015-234176 13.3/2015/88 ALLEGATO A) LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Legge regionale 9 novembre 2015, n. 13. IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga

Legge regionale 9 novembre 2015, n. 13. IL CONSIGLIO REGIONALE. ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga Legge regionale 9 novembre 2015, n. 13. Istituzione del Fondo regionale per il sostegno socio-educativo, scolastico e formativo dei figli delle vittime di incidenti mortali sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Allegato alla delibera consigliare n. 38 del 01.08.2011 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componenti : Buono Scuola, Disabilità, Integrazione al reddito Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA (SASS) DEL COMUNE DI CARLOFORTE

LINEE GUIDA PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA (SASS) DEL COMUNE DI CARLOFORTE Allegato 4 AREA CULTURA DEMOGRAFICI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CARLOFORTE PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS UFFICIO SERVIZI SOCIALI LINEE GUIDA PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA (SASS)

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

Legislazione di riferimento - Disabilità

Legislazione di riferimento - Disabilità Legislazione di riferimento - Disabilità Costituzione della Repubblica Italiana 1 / 12 Articolo 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni

Dettagli

Allegato A. indice: 1. Normativa di riferimento; 2. Servizio di Assistenza Educativa Scolastica A.E.S.; a. Definizione; b.

Allegato A. indice: 1. Normativa di riferimento; 2. Servizio di Assistenza Educativa Scolastica A.E.S.; a. Definizione; b. Allegato A LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (AES), ASSISTENZA ALLA COMUNICAZIONE (DS), TIFLOLOGICO E TRASPORTO (STAD) IN FAVORE DI ALUNNI CON DISABILITÁ A.S.

Dettagli

dell alunn_ Cognome e nome alunno

dell alunn_ Cognome e nome alunno Domanda di iscrizione classe prima (corsi del diurno) Sistema Gestione Qualità B1-01 Rev. n.8 AL DIRIGENTE SCOLASTICO _l_ sottoscritt_ padre madre tutore Cognome e nome dell alunn_ Cognome e nome alunno

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Allegato A PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Indice: 1 - Normativa di riferimento pag. 2,3 2 -

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

sottoscritto genitore del minore nato a residente a via n. tel. fax

sottoscritto genitore del minore nato a residente a via n. tel. fax Fac-simile domanda per ottenere il ripetitore domiciliare da parte dell Amministrazione Provinciale. Al Sig. Presidente Amministrazione Provinciale OGGETTO: richiesta di insegnante ripetitore per l anno

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DI ISTITUZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI IN FAVORE DEI SOGGETTI PORTATORI DI HANDICAPS Approvato con delibera del

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel.

PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel. PROVINCIA DI BERGAMO Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Attività produttive C.O.R.S.I. viale Papa Giovanni XIII n 106-24121 Bergamo Tel. 035/387235 Fax 035/387410 L intento del presente opuscolo,

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E LA CONCESSIONE DI ASSEGNI DI STUDIO NEL SETTORE DELL'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ED ARTISTICA, SCUOLA MEDIA INFERIORE,

Dettagli

Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO

Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO 1 Sommario Criteri per l attribuzione di borse di studio...

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI REGOLAMENTO COMUNALE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO E DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. ART. 1 FINALITA 1. Ai sensi

Dettagli

SETTORE 4 POLITICHE SOCIALI

SETTORE 4 POLITICHE SOCIALI PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA SETTORE 4 POLITICHE SOCIALI Prot. n.2914/2001 REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI A FAVORE DI NON VEDENTI E NON UDENTI RIEDUCABILI. (L.R. n. 33/91

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 70 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI NEL CAMPO DEI SERVIZI SOCIALI Premessa

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014)

Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) Provincia Regionale di Caltanissetta ora Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta (l.r. 8/2014) ****************************** REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA AI CIECHI ED AI SORDI RIEDUCABILI ******************************

Dettagli

Disabilità e provvidenze economiche

Disabilità e provvidenze economiche Aggiornato ad Aprile 2006 Disabilità e provvidenze economiche Pensione non reversibile a favore di Ciechi civili (ciechi assoluti e ciechi parziali). - CIECHI ASSOLUTI La pensione non reversibile è concessa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 1. Finalità e Principi Generali L Università degli Studi di Bari Aldo Moro, nell intento di promuovere pari opportunità di formazione e di studio,

Dettagli

DOTE SCUOLA a.s. 2009/2010

DOTE SCUOLA a.s. 2009/2010 ISTITUZIONE PER I SERVIZI CULTURALI E FORMATIVI PUBBLICA ISTRUZIONE DOTE SCUOLA a.s. 2009/2010 Dal 10 febbraio 2009 al 30 aprile 2009 è possibile richiedere la domanda per ottenere i contributi dote scuola

Dettagli

Assistenza ai ciechi e ai sordi

Assistenza ai ciechi e ai sordi Assistenza ai ciechi e ai sordi Quali modalità, quali diritti? Proposta di Linee guida CONVEGNO Al centro o all angolo studenti con disabilità sensoriali...40 anni dopo Pavia, sala dell Annunciata - 30

Dettagli

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica A cura di Settore Servizi al Cittadino Assistente Sociale Dott.ssa

Dettagli

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI COMO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP (artt. 12 e 13 L. 104/92 e art. 2 D.P.R. del 24/2/94) TRA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

MODELLO UNICO BANDO PROVINCIALE PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI SILLANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S.

MODELLO UNICO BANDO PROVINCIALE PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI SILLANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. \ MODELLO UNICO BANDO PROVINCIALE PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI SILLANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2009/2010 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della

Dettagli

PROT. 4447/C14 LAVELLO,5 DICEMBRE 2015

PROT. 4447/C14 LAVELLO,5 DICEMBRE 2015 ISTITUTO ISTRUZIONE Secondaria Superiore G.Solimene LAVELLO Via Aldo Moro, 1-85024 Lavello (PZ) Tel.-Fax-0972 85396 - E-mail: pzis01100t@istruzione.it Posta certificata pzis01100t@pec.istruzione.it C.F.

Dettagli

IL DIRIGENTE RENDE NOTO

IL DIRIGENTE RENDE NOTO Avviso per l inserimento negli elenchi degli operatori per l assistenza specialistica in favore di alunni con disabilità sensoriali e/o psicofisiche frequentanti le Scuola della Provincia di Foggia, secondo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

denominate, finanziati con contributi o compartecipazione da parte delle Amministrazioni.

denominate, finanziati con contributi o compartecipazione da parte delle Amministrazioni. DISCIPLINARE TIPO per il servizio di assistenza per l autonomia e la comunicazione degli studenti disabili gravi frequentanti le scuole superiori della provincia di Siracusa 1. definizioni ed ambito. Il

Dettagli

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Comune di CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 65 del 30 settembre 2009) 1 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI SCARLINO BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 L attuale quadro normativo di riferimento è costituito

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla ibera n. DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componente : buono scuola Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le scuole primarie, secondarie

Dettagli

SETTORE POLITICHE SCOLASTICHE, GIOVANILI E FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO

SETTORE POLITICHE SCOLASTICHE, GIOVANILI E FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO DIRITTO ALLO STUDIO AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE SPESE DI TRASPORTO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI CHE FREQUENTANO ISTITUTI SUPERIORI DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA. ANNO SCOLASTICO

Dettagli

ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE. Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale

ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE. Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale La Provincia interviene in favore dei disabili sensoriali inseriti in

Dettagli

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso Art.1 Premesse L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3, comma 3, dello

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 43 bis DEL 30/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 IL SERVIZIO CIVICO L Amministrazione

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE INVALIDITA - CIVILE - DI SERVIZIO - DI LAVORO - DI GUERRA INVALIDI CIVILI Sono considerati invalidi civili secondo la Legge 118/1971: Cittadini di età

Dettagli

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 ALLEGATO B COMUNE DI CAVRIGLIA BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 L attuale quadro normativo di riferimento è costituito dalla Legge

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico. (denominazione della Scuola o Istituto) _l_ sottoscritt padre madre tutore dell'alunn

DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico. (denominazione della Scuola o Istituto) _l_ sottoscritt padre madre tutore dell'alunn DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico (denominazione della Scuola o Istituto) _l_ sottoscritt padre madre tutore dell'alunn CHIEDE l iscrizione dell_ stess_ alla classe sede di per l anno scolastico

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 \ PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia

Dettagli

Dote Scuola della Regione Lombardia anno scolastico 2013/2014

Dote Scuola della Regione Lombardia anno scolastico 2013/2014 UFFICIO SERVIZI SOCIALI - tel. 031/457824 e-mail: assistentesociale@comune.grandate.co.it Dote della Regione Lombardia anno scolastico 2013/2014 Si tratta di un sistema di contributi destinato alle famiglie

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI SAINT-RHEMY-EN-BOSSES REGOLAMENTO COMUNALE SUI CRITERI E LE MODALITA PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI NONCHE PER L ATTRIBUZIONE

Dettagli

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 Bando regionaleallegato A Schema regionale unificato di bando BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DELL'INCENTIVO ECONOMICO INDIVIDUALE PACCHETTO SCUOLA - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 L attuale quadro normativo di riferimento

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare COMUNE DI ATZARA PROVINCIA DI NUORO Via Vittorio Emanuele, 27 08030 ATZARA telefono 0784/65205 fax 0784/65380 e-mail: servizi.sociali@comune.atzara.nu.it UFFICIO SERVIZI SOCIALI Regolamento Servizio Assistenza

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Criteri per l erogazione del Voucher socio-educativo e assistenziale per l acquisto di prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERFACOLTA (AGRARIA-MEDICINA VETERINARIA) in PRODUZIONI ANIMALI (Classe L-38) Ai sensi del D.M. 270/2004 Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 53 il decreto legislativo n. 297 del 16 aprile 1994, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative in

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 1029 del 04/08/2015 pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. 1029 del 04/08/2015 pag. 1/5 giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1029 del 04/08/2015 pag. 1/5 BANDO (CRITERI E MODALITA ) PER LA CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO REGIONALE BUONO-LIBRI E STRUMENTI DIDATTICI ALTERNATIVI ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI COMUNE DI TORTORETO Provincia di Teramo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI Approvato con deliberazione Consiliare n. 24 del 29/02/2000 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO II presente

Dettagli

proposta di legge n. 67

proposta di legge n. 67 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 67 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 24 gennaio 2011 NORME E PROVVEDIMENTI PER FAVORIRE LE OPPORTUNITÀ DI VITA AUTONOMA

Dettagli

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Via Vicenza, 7-00185 Roma REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Approvato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 938 del 10/06/2014 pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. 938 del 10/06/2014 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 938 del 10/06/2014 pag. 1/5 BANDO (CRITERI E MODALITA ) PER LA CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO REGIONALE BUONO-LIBRI E STRUMENTI DIDATTICI ALTERNATIVI ANNO

Dettagli

LEGISLAZIONE ITALIANA DI RIFERIMENTO SULLA DISABILITA (a cura di Angelo Fabbri)

LEGISLAZIONE ITALIANA DI RIFERIMENTO SULLA DISABILITA (a cura di Angelo Fabbri) LEGISLAZIONE ITALIANA DI RIFERIMENTO SULLA DISABILITA (a cura di Angelo Fabbri) Ogni cittadino italiano dovrebbe conoscere la nostra Costituzione, con questo voglio ricordare solo pochi articoli inerenti

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 617 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore PROVERA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 MAGGIO 1996 Norme in favore

Dettagli

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO

COMUNE DI CARAMANICO TERME. (Provincia di Pescara) -------------------------------------------------------------- REGOLAMENTO Comune di Caramanico Terme (PE) Corso Gaetano Bernardi, 30 - CAP 65023 - tel. (085) 92.90.131 - fax (085) 92.90.202 COMUNE DI CARAMANICO TERME (Provincia di Pescara) --------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza)

COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza) COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza) CONVENZIONE tra Comune di Albiate e Scuola dell Infanzia parrocchiale Paritaria Giovanni XXIII di Albiate per il sostegno alle famiglie albiatesi

Dettagli

Prot. n 0000255/A22 Petronà, 2 febbraio 2016

Prot. n 0000255/A22 Petronà, 2 febbraio 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PETRONÀ C.F. 97035390794 C.M. CZIC83600R TEL. 0961933007 FAX 0961933007 Via Arenacchio - 88050 P E T R O N À CZ Mail: czic83600r@istruzione.it; czic83600r@pec.istruzione.it

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP

DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP GLI STRUMENTI DELL'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DIAGNOSI FUNZIONALE PROFILO DINAMICO FUNZIONALE PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO GRUPPI DI LAVORO PER L HANDICAP Legge 5 febbraio 1992, n. 104 "Legge-quadro per

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute PROTOCOLLO D'INTESA tra il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca e il Ministero della Salute PER LA TUTELA DEL DIRITTO ALLA SALUTE E DEL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI

Dettagli

C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA C O M U N E D I M A M M O L A 89045-PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO AFFARI GENERALI LEGALE CULTURA PUBBLICA ISTRUZIONE SERVIZI SOCIALI SPORT TURISMO TEMPO LIBERO COMUNICAZIONE

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli