AVV. ROSA FRANCAVIGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVV. ROSA FRANCAVIGLIA"

Transcript

1 AVV. ROSA FRANCAVIGLIA MAGISTRATO DELLA CORTE DEI CONTI GLI ESITI DELLA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA NEL COMPARTO SANITA DEL. N 7/2004/g SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LE MARCHE LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA NELL AMBITO DELLA RIFORMA SANITARIA LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE E LA PEREQUAZIONE REGIONALE DEI FONDI L AREA CONTRATTUALE DEL COMPARTO-L AREA CONTRATTUALE DELLA DIRIGENZA- I FONDI DELLA DIRIGENZA-INCIDENZA DEI FONDI CONTRATTUALI RISPETTO AL COSTO DEL PERSONALE-LE DINAMICHE DI DISTRIBUZIONE DEI FONDI CONTRATTUALI-I FONDI CONTRATTUALI AZIENDALI-L ATTIVITA LIBERO- PROFESSIONALE NEL SETTORE SANITARIO- EVOLUZIONE NORMATIVA E REGIME DELLE INCOMPATIBILITA - Deliberazione n. 7/2004/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione regionale di controllo per le Marche nell adunanza del 15 luglio 2004 * * * Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con regio decreto 12 luglio 1934, n. 1214, e successive modificazioni; Visto l art. 3, commi 4, 5 e 6 della legge 14 gennaio 1994, n. 20, recante disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti, e successive modificazioni; Visto il Regolamento per l organizzazione delle funzioni di controllo della Corte dei conti approvato con deliberazione della Corte dei conti in Sezioni Riunite n. 14/DEL/2000 in data pubblicato nella G.U.R.I. Serie Generale n. 156 del ; Vista la deliberazione di questa Sezione n. 10/2003 in data 22 dicembre 2003, con la quale è stata approvata l integrazione del programma annuale del controllo successivo sulla gestione per il 2003 includendo, in applicazione dell art.48, c.7 del d.lgs. n.165 del 2001,

2 l indagine coordinata sugli esiti della contrattazione integrativa nel comparto Sanità con riferimento al quadriennio 1998/2001; Vista la comunicazione in data 28 giugno 2004 del Presidente di questa Sezione con la quale l Amministrazione regionale, nella persona del Presidente della Giunta regionale Marche, è stata convocata per l adunanza odierna, con invito all audizione; Visti i risultati della istruttoria eseguita e preso atto delle integrazioni acquisite in sede di contraddittorio con l Amministrazione regionale rappresentata dal Dirigente della funzione Risorse umane comparto Sanità dell Assessorato Servizi alla persona e alla comunità dott. Luigi Leonarduzzi, dal funzionario della funzione Risorse umane del Dipartimento servizi alla persona e alla comunità dott.ssa Paola Maurizi, dal Dirigente amministrativo dell Azienda U.S.L. n. 3 di Fano dott. Francesco Angioni, dal Dirigente del Servizio personale, AA.GG. e legali del Presidio Ospedaliero di Alta Specializzazione G. Salesi di Ancona dott. Nazzareno Luconi Udito il magistrato relatore Rosa Francaviglia; D E L I B E R A di approvare la relazione finale concernente l indagine coordinata sugli esiti della contrattazione integrativa nel comparto Sanità con riferimento al quadriennio 1998/2001; O R D I N A che copia della presente deliberazione, corredata dalla relazione approvata, sia trasmessa, a cura della Segreteria, al Presidente del Consiglio regionale delle Marche nonché al Presidente della Giunta regionale e all Assessore alla sanità. Il Relatore (F.to Rosa Francaviglia) Il Presidente (F.to Giovanni Bencivenga) Depositata in Segreteria il 2 agosto 2004 Il Direttore della segreteria F.to Dott. Carlo Serra

3 A) I N D I C E 1. Presupposti, oggetto e finalità dell indagine 2. Metodologia adottata nella conduzione dell analisi 3. La contrattazione integrativa nell ambito della riforma sanitaria 4. La struttura della retribuzione di cui alla contrattazione integrativa in sanità (quadriennio ) e la perequazione regionale dei fondi (per l equiparazione e per l esclusività) 5. I fondi contrattuali aziendali previsti dal CCNL dell della dirigenza medica e s.p.t.a. e dal CCNL del del comparto 5.1. Riepilogo della gestione dei fondi contrattuali delle due aziende 5.2. Le dinamiche della distribuzione dei fondi nel quadriennio L incidenza dei fondi contrattuali rispetto al costo del personale 6. Il ruolo di coordinamento della Regione Marche nell ambito della contrattazione integrativa nella sanità 6.1. Contrattazione di Comparto 6.2. Contrattazione Dirigenza 7. L attivita libero-professionale- premessa 7.1. Evoluzione normativa e regime delle incompatibilita 7.2. Le disposizioni di cui alla legge 26 maggio 2004, n 138 di conversione del decretolegge 29 marzo 2004, n La libera professione infermieristica e le prestazioni aggiuntive 7.4. La disciplina di recepimento della Regione Marche 7.5. I caratteri dell istituto all interno delle due aziende - tabelle riepilogative 8. Collaborazioni, consulenze e convenzioni 8.1. Profili generali consulenze ed incarichi esterni - giurisprudenza contabile

4 8.2. I dati all interno delle due aziende 8.3. L incidenza delle consulenze e degli incarichi esterni rispetto al costo del personale 9. Conclusioni Tabelle fondi contrattuali delle due aziende 1. PRESUPPOSTI, OGGETTO E FINALITA DELL INDAGINE Il programma generale di controllo per l anno 2003 ha previsto l avvio, in prima applicazione dell art. 48, comma 7, del D.Lgs. n 165/2001, di un indagine coordinata sugli esiti della contrattazione integrativa del comparto sanità. Sulla base del programma 2003, approvato con deliberazione delle Sezioni Riunite della Corte dei Conti in sede di controllo n 50/CONTR/PRG/02 e tenendo, altresì, in debita considerazione le indagini parallele già avviate in materia da altri soggetti istituzionali (ARAN, Ministero dell Economia, IGOP), si è provveduto, in sede di coordinamento, ad individuare oggetto ed obiettivi dell indagine. La Sezione regionale di controllo per le Marche, in ottemperanza alla norma istitutiva degli organismi di controllo della Corte dei Conti ed alle indicazioni, criteri ed indirizzi di cui alla succitata deliberazione n. 50 del 2002 ha incluso nell ambito del programma annuale del controllo successivo sulla gestione per il 2003, l indagine coordinata sugli esiti della contrattazione integrativa nel comparto sanità. L arco temporale di riferimento ricomprende il quadriennio 1998/2001. L oggetto è stato individuato nelle tre macrocategorie del Comparto (personale inquadrato nei livelli professionali), della Dirigenza medica e della Dirigenza non medica. L indagine della Corte si prefigge non solo l obiettivo della mera analisi statistica, bensì anche quello di conoscere gli effetti finanziari della

5 contrattazione e le ricadute della stessa in termini di tenuta dei bilanci delle aziende interessate. A tal fine giova evidenziare che, come è noto, fra i fattori maggiormente incidenti sulla crescita esponenziale della spesa sanitaria, particolarmente evidente negli ultimi anni sia a livello nazionale che a livello regionale, assumono notevole rilievo quelli dell incremento del costo del personale nelle aziende sanitarie e del considerevole aumento della spesa farmaceutica. Le aziende sanitarie oggetto di indagine sono state individuate nelle seguenti: - Azienda Ospedaliera Salesi di Ancona; - Azienda U.S.L. n 3 di Fano. Ciò risulta conforme ai criteri indicati dal gruppo di lavoro sanità, il quale, in relazione alla complessità dell indagine, ha concordato, per il programma 2003, una restrizione dell indagine ad un azienda sanitaria e ad un azienda ospedaliera del territorio regionale. Si è ritenuto utile procedere anche alla disamina dell attività liberoprofessionale e dei rapporti di collaborazione, delle consulenze e delle convenzioni relative alle due aziende di cui sopra stanti gli indubbi riflessi che la loro esistenza comporta in termini finanziari. Pertanto, sono state predisposte, anche per tali tematiche, apposite tabelle riepilogative. L indagine ha precipua finalità collaborativa, essendo volta a favorire l attivazione di procedimenti di autocorrezione delle amministrazioni interessate secondo il regime dell autotutela in via amministrativa e nell ottica del miglioramento degli assetti gestionali contrattuali integrativi e di eliminazione di taluni profili di criticità riscontrati.

6 2. METODOLOGIA ADOTTATA NELLA CONDUZIONE DELL ANALISI La presente indagine affianca quella ordinaria sulla gestione del sistema sanitario della Regione Marche. Essa si fonda su un analisi tale da permettere una valutazione in chiave comparativa dei risultati conseguiti nelle diverse realtà territoriali trattandosi di indagine realizzata da tutte le Sezioni regionali della Corte dei Conti. Ciò premesso, per quanto attiene la metodologia adottata nella conduzione dell analisi, la Sezione si è avvalsa sia del criterio cartolare storico acquisendo la documentazione di carattere generale sulle due aziende summenzionate, nonché quella relativa alla contrattazione integrativa aziendale, sia del criterio informativo a riscontro diretto mediante plurimi incontri con gli esponenti delle aziende e della Regione Marche e/o accessi presso le amministrazioni interessate. L acquisizione documentale non è, peraltro, stata agevole a cagione di obiettive difficoltà incontrate dalle due aziende nel reperimento degli atti e provvedimenti necessari al fine di assicurare l espletamento dell iter istruttorio da parte della Magistratura Contabile. Tali difficoltà operative in sede di raccolta cartolare sono parzialmente riconducibili all istituzione dell ASUR mediante un processo di fusione delle vecchie ASL per incorporazione. 1 Tuttavia, si dà atto che sia la Regione Marche, per quanto di competenza, sia l Azienda Ospedaliera Salesi di Ancona, nonché l Azienda U.S.L. n 3 di Fano hanno collaborato egregiamente con la Sezione fornendo anche utili chiarimenti per una corretta conduzione dell analisi. Si deve, altresì, sottolineare che, essendo l indagine estesa al quadriennio , la raccolta documentale, integrando operazione ad elevata complessità, non poteva intervenire a breve termine e, quindi, l 1 La Legge Regionale n 13 del 2003 di riorganizzazione dell SSN ha ridotto il numero delle AUSL per ottenere, tra l altro, economie dalla razionalizzazione delle strutture amministrative e dalla centralizzazione degli acquisti. L ASUR ( Azienda Sanitaria Unica regionale ) è nata dalla incorporazione nella Azienda 7 di Ancona delle altre 12 AUSL. Tuttavia, per un biennio, le zone territoriali restano operative, eccetto che per talune funzioni subito centralizzate nell ASUR. Con apposito atto (pubblicato sul BUR) del 4 marzo scorso, il Presidente della Giunta regionale ha decretato di non indire nell anno 2004 il referendum abrogativo della Legge Regionale n 13/2003 richiesto in data 28 ottobre 2003.

7 inoltro degli atti richiesti, seppure in parte avvenuto oltre la scadenza del termine indicato nella richiesta istruttoria, appare ampiamente giustificabile. Per ciascun fondo relativo ad ogni macrocategoria è stata predisposta una tabella che ricostruisce analiticamente la genesi e l utilizzo del fondo stesso a partire dall anno Sia la parte relativa alle voci di entrata sia quella concernente le voci di spesa è stata compilata dalle due aziende. Sulla scorta della documentazione prodotta, la Sezione ha poi provveduto ad effettuare le verifiche di rito vagliando dette tabelle onde valutarne l attendibilità. In particolare, per quanto attiene le voci di entrata, ci si è basati sui provvedimenti di determinazione dei fondi adottati dai Direttori Generali delle aziende incise e scaturiti, limitatamente a taluni di essi, anche da accordi sindacali. 3. LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA NELL AMBITO DELLA RIFORMA SANITARIA A seguito delle rilevanti modifiche subite dal D. Lgs. n 29/1993 per effetto della L. n 59/1997, con conseguente innovazione del preesistente

8 modello di contrattazione decentrata, e la successiva adozione dei Decreti lgs. n. 396/1997 e n. 80/1998, il Legislatore, con l art. 9 del Testo Unico del Pubblico Impiego (T.U.P.I. D.Lgs. n 165/2001, già art. 10), perviene alla rideterminazione del sistema di relazioni sindacali attribuendo ai C.C.N.L. il compito di ridisciplinare gli istituti partecipativi ed i rapporti con le O.O.S.S. anche con riferimento agli atti interni organizzativi incidenti sul rapporto di lavoro. Il novellato art. 40 del T.U.P.I. ( già art. 45 ) prevede che la contrattazione collettiva si svolga su ogni materia del rapporto di lavoro, nonché detta la disciplina, la durata dei C.C.N.L. e dei contratti integrativi, la struttura negoziale ed i rapporti fra i diversi livelli di contrattazione. Analogamente a quanto accade per il settore privato, le PP.AA. attivano livelli autonomi di contrattazione collettiva integrativa nell osservanza dei vincoli di bilancio come risultanti dagli strumenti programmatici annuali e pluriennali. Pertanto, detta contrattazione ha luogo nelle materie e nei limiti prefissati dai CC.NN.LL. e coi soggetti e le procedure da essi previsti e si estende ad un ambito territoriale ricomprendente più amministrazioni. Corollario di ciò è che alle PP.AA. viene inibita la sottoscrizione in sede decentrata di contratti integrativi non in linea coi vincoli posti dai CC.NN.LL. che comportino oneri non contemplati negli strumenti programmatori summenzionati di ciascuna amministrazione. Ne consegue che l eventuale difformità delle clausole negoziali viene sanzionata con la nullità e l inapplicabilità delle stesse. Circostanza questa che differenzia il settore pubblico da quello privato, nel quale non è ravvisabile il principio di prevalenza o di gerarchia fra fonti contrattuali collettive e che, quindi, difetta di un siffatto regime di invalidità. La qualificazione eteronoma del sistema pubblico va intesa, quindi, nei termini di commistione fra lo schema classico di contrattazione decentrata di pertinenza delle PP.AA. con quello di pertinenza della contrattazione integrativa privata. Presumibilmente, siffatta combinazione si spiega in ragione dell esigenza di contenimento del costo del lavoro, evitando l adozione di modelli privatistici completamente sganciati dall ottica pubblicistica.

9 Su tali premesse si innesta la logica dei controlli e delle verifiche di compatibilità finanziarie. In particolare, l art. 40 del T.U.P.I., introducendo il principio basilare per cui ogni P.A., in relazione alla propria produttività, pone a disposizione dei dipendenti delle risorse aggiuntive rispetto a quelle derivanti dal C.C.N.L., da utilizzare in sede di contrattazione aziendale, involge l esigenza del controllo sulla compatibilità dei costi della contrattazione integrativa con i vincoli di bilancio. Peraltro, si serba inalterato quanto sancito a suo tempo dall Accordo di San Tommaso del 23 luglio 1993 contenente, almeno in parte, le formule definitorie delle regole disciplinanti la contrattazione di secondo livello. Il sistema dei controlli in questione viene assicurato dal Collegio dei revisori dei Conti oppure, laddove tale organo non sia previsto, dai Nuclei di Valutazione o dai servizi di controllo interno. Per le aziende sanitarie, le verifiche erano state già demandate al Collegio sindacale dall art. 3-Ter del D.Lgs. n 502/1992. La normativa di riferimento è contenuta nell art. 52 del D.Lgs. n 29/1993 ( ora art. 48 del D.Lgs. n. 165/2001 ) che fornisce indicazioni anche sulle funzioni attribuite in tale materia alla Corte dei Conti. Detta tipologia di controllo è sostanzialmente analoga a quella devoluta alla Corte dei Conti (Sezioni Riunite in sede di controllo III Collegio Certificazione C.C.N.L. e Costo del Lavoro), concerne la compatibilità finanziaria che si conclude mediante la certificazione dei costi ( negativa o positiva ). Proprio in ragione delle affinità esistenti fra le due procedure certificatorie (quella della Magistratura Contabile e quella del Collegio dei Revisori in ambito aziendale ), deve ritenersi che tempi e modalità siano analoghi. Ne deriva che, qualora intervengano valutazioni negative con diniego di certificazione, il contratto potrà sbloccarsi solo sotto l assunzione di responsabilità del Direttore Generale. L organo di controllo rilascia, quindi, nell ipotesi di certificazione positiva, la prescritta dichiarazione di compatibilità dei costi, supportata dall invio dei dati contabili di riferimento come da modello predisposto dal Ministero dell economia e Finanze in cui vengono definiti i parametri su cui si fonda la compatibilità dei costi con i vincoli di bilancio ( art. 30 L. n 468/1978 art.

10 5 c. 7 del D. Lgs. n 502/1992 art. 60 del D.Lgs. n 165/2001 Legge Finanziaria per il 2002 e successive istruzioni ministeriali ). Corre l obbligo di sottolineare l importanza che detto controllo vi sia e che esso sia effettivo e non meramente formalistico. L omissione delle verifiche di compatibilità finanziarie non solo collide con il disposto normativo, ma costituisce anche indice rivelatore di anomalia nella gestione della cosa pubblica, essendo palese l ineludibile esigenza presupposta di contenimento del costo del lavoro, particolarmente sentita con riferimento al personale sanitario. Peraltro, la carenza della procedura in questione, la quale, se fosse stata apprestata, avrebbe condotto al diniego di certificazione, può implicare precisi risvolti di responsabilità amministrativa e/o contabile. E, per l altrettanto, trattandosi di obbligo legislativamente imposto, l omissione ex se considerata potrebbe assumere anche valenza penalmente rilevante. Il settore sanitario è labour intensive, avendo un costo del lavoro oscillante a circa la metà della spesa corrente. Pertanto, le risorse umane in sanità costituiscono un fattore di notevole incidenza per valutare la performance del sistema di assistenza del Servizio Pubblico. Deve rilevarsi, altresì, che il mercato del lavoro in ambito ospedaliero ed aziendale ha connotazioni sue proprie: si producono servizi alla persona piuttosto che atti; ci si colloca in una situazione di quasi-mercato rispetto alle strutture sanitarie private; è riscontrabile una notevole presenza di organizzazioni a base professionale, quali ordini ed associazioni categoriali esponenziali delle plurime specifiche figure che la sanità annovera ; esiste una presenza di rilievo dei sindacati autonomi; il tasso di sindacalizzazione è elevato; la dirigenza è numericamente forte rispetto ad altri settori del pubblico impiego per la ovvia ragione che il personale medico ha qualifica dirigenziale, a prescindere dalle responsabilità gestionali; la cronica carenza infermieristica apporta squilibri nella struttura occupazionale specie in considerazione del fatto che la penuria di tale personale si traduce, di sovente, in turnazioni continuative con ritmi lavorativi spesso insostenibili e particolarmente usuranti. La riorganizzazione dei processi aziendali sanitari ha inciso anche sul profilo della gestione delle risorse umane con precipuo riferimento alla organizzazione del lavoro ed alla distribuzione delle mansioni. La flessibilizzazione delle modalità di prestazione della attività lavorativa si presenta sotto diffusione del part-time e di incremento della mobilità intraenti od interaziendale, così come in sede di articolazione dell orario per fronteggiare le esigenze (e le emergenze) scaturenti dalle turnazioni.

11 In un contesto siffatto, dove il processo di riforma del rapporto di lavoro è maggiormente accentuato rispetto alle altre amministrazioni, la differenziazione retributiva fra i dipendenti, gli status professionali, il sistema delle responsabilità e delle garanzie dovrebbero essere strumentali ad incrementare la motivazione del personale. Ruolo preminente ha, perciò, il salario accessorio, il quale non dovrebbe giammai essere snaturato e livellato indiscriminatamente, specie quando viene finanziato con fondi a destinazione vincolata. In quanto all esternalizzazione di taluni servizi, giova evidenziare che la stessa generalmente ha interessato attività di tipo manuale e/o materiale quali le pulizie, le lavanderie o le mense. E indubbio che la contrattazione collettiva nazionale si è conformata (od almeno ha tentato di farlo) alle nuove esigenze del mercato del lavoro sanitario. Tuttavia, ciò è avvenuto in uno scenario talora frammentato ed estremamente articolato qual è quello delle relazioni sindacali in ambito sanitario, con conseguente insorgenza di forti conflittualità fra le parti sociali.

12 4. LA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE DI CUI ALLA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA IN SANITÀ (QUADRIENNIO ) E LA PEREQUAZIONE REGIONALE DEI FONDI (PER L EQUIPARAZIONE E PER L ESCLUSIVITÀ) Il compito di regolare la leva di gestione del personale relativa al trattamento economico è affidato al contratto collettivo di lavoro e si identifica con l insieme degli istituti che comportano incentivi e meccanismi premianti individuali o collettivi. Il C.C.N.L. relativo alla prima tornata contrattuale ( periodo ), sia del Comparto che della Dirigenza medica e non medica, riconfermando precedenti forme di produttività collettiva per il miglioramento dei servizi aveva previsto la possibilità per i dipendenti di partecipare a progetti individuali e di gruppo, con l obbligo di erogare le relative risorse a consuntivo, successivamente alla verifica, da parte dei servizi di controllo interno, dei risultati raggiunti. Accanto alla remunerazione della produttività, già prevista nella precedente tornata contrattuale, i CC.CC.NN.LL. di Comparto e della Dirigenza della 2^ tornata contrattuale hanno meglio specificato le attività

13 particolarmente disagiate, o pericolose o dannose per la salute che danno titolo all attribuzione di particolari indennità. L AREA CONTRATTUALE DEL COMPARTO Il C.C.N.L. del 7 aprile 1999 del comparto, nel confermare il sistema degli incentivi, introduce un altro meccanismo premiante: quello dei percorsi economici orizzontali, denominati fasce, raggiungibili dai singoli dipendenti nel periodo di permanenza nella medesima categoria e livello. In tale contratto i precedenti fondi sono stati ridotti a tre, tramite parziale accorpamento tra loro; essi hanno assunto le seguenti nuove denominazioni: 1. Fondo per il lavoro disagiato e per lo straordinario ex art.38, commi 1 e 2; 2. Fondo per la produttività collettiva ed individuale (c.d.incentivazione) ex art.38, commi 3 e 4; 3. Fondo per la progressione orizzontale ex art.39 (che finanzia sia la progressione orizzontale e sia l attribuzione delle posizione organizzative); - Spostamenti di risorse fra i fondi e loro comunicabilità L art. 38, c. 3 lett d) del C.C.N.L. di Comparto ha riconfermato la possibilità che i risparmi accertati a consuntivo sul Fondo del lavoro disagiato vengano dirottati- sia temporaneamente che irreversibilmente- al fondo della produttività collettiva. Il comma 7 dell art. 38 prevede, inoltre, che lo stesso fondo della produttività collettiva, con decorrenza possa essere decurtato irreversibilmente, in un importo fra il 10% e il 15%, a favore del fondo per le fasce retributive ex art Ai sensi, infine, dell art. 39, comma 7 (sul Fondo per la progressione orizzontale) qualora a fine anno risultassero, su tale Fondo, delle economie, le stesse possono essere temporaneamente utilizzate per incrementare il 2 Tale possibilità viene consentita dal contratto una sola volta. In caso diverso il fondo rimarrebbe ben presto sprovvisto di risorse per la produttività (estratto da nota ARAN del 25/6/2001-prot. 9545, trasmessa agli Assessori alla Sanità-Province autonome)

14 finanziamento del Fondo per la produttività collettiva previsto per lo stesso anno dall art.38,comma 3. L articolo 41, comma 4, prevede che nell arco della vigenza contrattuale qualora le somme stanziate per il finanziamento dei fondi di cui agli artt.38 e 39 non siano impegnate nel rispettivo esercizio finanziario, esse siano riassegnate, nell esercizio successivo, agli stessi fondi. Va infine evidenziato che, a decorrere dal1/1/2001, le risorse regionali aggiuntive di cui all art.38, comma5 del CCNL 1998/2001, aumentate di un ulteriore 0,4%, che fino all es.2000 incrementavano il Fondo sulla produttività collettiva, a seguito di contratto integrativo aziendale sono convogliate o sui fondi dell art. 38 o sul fondo dell art.39. Ciò in aderenza a quanto previsto dall art.4 del CCNL, II biennio L AREA CONTRATTUALE DELLA DIRIGENZA 3 Il C.C.N.L. del 8 giugno 2000 della dirigenza medico veterinaria, riconfermando i fondi contrattuali previsti con la prima tornata contrattuale, ha tuttavia introdotto alcune modifiche sulle voci retributive da questi disciplinate. Complessivamente viene consentito, al pari di quanto previsto per il comparto, un uso più flessibile dei fondi rendendo possibile, previo accordo specifico tra le parti, lo spostamento di risorse al loro interno. I fondi individuati con il C.C.N.L. della dirigenza medico veterinaria e della dirigenza s.p.t.a. dell 8 giugno 2000 sono i seguenti: 1 - Fondo per l indennità di specificità medica, retribuzione di posizione, equiparazione, indennità per dirigenti con incarico di direzione di struttura complessa (denominato anche Fondo di posizione); 2 - Fondo del trattamento accessorio legato alle condizioni di lavoro (denominato anche Fondo del lavoro disagiato o dell accessorio); 3 Visto che la grande maggioranza dei dirigenti delle strutture sanitarie sono medici, si è scelto di analizzare in particolare i fondi che li riguardano ( sugli aspetti di base degli stessi, inoltre, non vi sono differenze con i fondi dell area del personale dirigente non medico).

15 3 - Fondo per la retribuzione di risultato ( denominato anche Fondo della produttività collettiva); 4 - Fondo per il premio per la qualità della prestazione individuale (assorbito dal 1999 dal Fondo per la retribuzione di risultato). Con questo contratto tutti i fondi per la dirigenza medica veterinaria e della dirigenza non medica vengono costituiti a partire dal monte salari consolidato al Con il termine monte salari si deve intendere l insieme delle somme, al netto degli oneri riflessi a carico dell Ente, corrisposte nell anno di riferimento dalle amministrazioni al personale relativamente al trattamento economico per: - salario principale; - salario accessorio, comprensivo delle incentivazioni al netto degli oneri riflessi. 4 Vengono pertanto escluse dal calcolo le somme retribuite a tariffa professionale (per attività libero professionale) e quelle non strettamente istituzionali, tra cui: - assegni per il nucleo familiare; - trattamento economico per missioni, congressi,sussidi, ecc. Naturalmente questo concetto di monte salari vale anche per l area contrattuale del comparto. 4 La struttura retributiva dei dirigenti medici è regolamentata dall art.35 del C.C.N.L Essa è così composta: Trattamento fondamentale : Stipendio Indennità Integrativa Speciale Retribuzione Individuale di Anzianità(R.I.A.) Indennità di specificità medica Retribuzione di posizione minima fissa Assegno personale corrisposto ai dirigenti di ex secondo livello Trattamento accessorio: Retribuzione di posizione Retribuzione di risultato Retribuzione legata alle particolari condizioni di lavoro, ove spettanti Specifico trattamento economico (S.T.E.) Indennità di incarico di struttura complessa( per i dirigenti del ruolo unico titolari di relativo incarico) Il contratto individuale di lavoro stipulato tra l Azienda ed ogni dirigente dovrà contenere tutte le voci sopra indicate in quanto rientranti nell ambito del rapporto di lavoro subordinato che lega il dirigente all Amministrazione. Tale struttura della retribuzione va infine integrata con quanto previsto con il secondo biennio contrattuale 2000/2001 dall art.3 sull Equiparazione, dall art.4 sulla Retribuzione minima contrattuale dei dirigenti di nuova assunzione e dall art.5 sull Indennità di esclusività del rapporto di lavoro della dirigenza

16 - I Fondi della Dirigenza Fondo di posizione (art. 50, 1 biennio; art. 9, 2 biennio) B) Analisi delle voci retributive finanziabili con il fondo Tale fondo finanzia le seguenti cinque voci retributive: 1 Indennità di specificità medica Rimane fissata in 15 milioni per tredici mensilità per tutti i dirigenti del ruolo unico Per i dirigenti di ex 2 livello(ex primari) in servizio al o per i vincitori di concorso per dirigente di struttura complessa con bando pubblicato in G.U. entro quella data, viene determinata in lire 20 milioni per tredici mensilità. 2 Retribuzione di posizione Rimane la sua articolazione in parte fissa, variabile contrattuale e variabile aziendale. Vengono rideterminati, a far data dal e per tutti i dirigenti in servizio e indipendentemente dall anzianità maturata, i livelli minimi contrattuali nei seguenti importi: Parte fissa: L Parte variabile: L (medici); L (veterinari). 3 Specifico trattamento economico (STE): Rimane come assegno ad personam per gli ex dirigenti di 2 livello in servizio al , negli importi in loro godimento. 4 Indennità di struttura complessa Viene corrisposta a tutti i dirigenti titolari di incarico di struttura complessa nominati tali in data successiva al

17 L importo è pari a L per tredici mensilità. 5 Equiparazione degli ex assistenti e ex aiuti ( ex dirigenti di 1 livello) Il contratto porta definitivamente a compimento il processo di equiparazione del salario di posizione complessivo degli ex nono livello (assistenti) e degli ex dirigenti di 1 livello(aiuti). L equiparazione viene realizzata a partire dal tramite l utilizzo delle risorse del salario di anzianità (R.I.A.) Tale componente della retribuzione è confluita nell apposito Fondo aziendale a norma di quanto disposto dall art. 47, comma 4 del precedente contratto, all atto della risoluzione del rapporto di lavoro per qualsiasi causa dei dirigenti cessati dal servizio; dal , infine, dette risorse confluiscono nel Fondo di posizione ex art.50. Tale equiparazione, come verrà meglio approfondita alla fine di questo capitolo, è avvenuta nell ambito delle relazioni sindacali regionali, attraverso un protocollo d intesa fra la Regione Marche e le OO.SS. di categoria definito in data 16 settembre L equiparazione è stata attuata in aderenza a quanto disciplinato dall art.7 del C.C.N.L., parte normativa quadriennio 1998/2001, attraverso la cosiddetta Perequazione regionale dei fondi ex art.41 dello stesso contratto. B) Incrementi finanziari 1 e 2 biennio economico del Fondo di posizione art.50 Il fondo ex art. 60 C.C.N.L (per l indennità di specificità medica e della retribuzione di posizione e dello STE dei dirigenti di II livello) consolidato al è integrato ed incrementato, a seguito dell applicazione del C.C.N.L. dell 8 giugno 2000, da una serie di risorse tra le quali, a valere dal , di un eventuale quota di risorse provenienti dall art. 51 (Fondo del lavoro disagiato). Tali incrementi di risorse rimangono a disposizione per la graduazione delle funzioni dirigenziali con il connesso trattamento economico.

18 Fondo del lavoro disagiato o delle condizioni di lavoro art. 51 (1 biennio)e art 10, comma 2 (2 biennio) C.C.N.L Viene confermato il fondo del 1 biennio nel suo ammontare consolidato al ed il fondo del 2 biennio nel suo ammontare consolidato al L art. 51 comma 4 del C.C.N.L. 8 giugno 2000 prevede che, mediante contrattazione integrativa aziendale, parte delle risorse del Fondo del lavoro disagiato possa essere trasferita al Fondo di posizione; ciò in presenza di processi di razionalizzazione stabili dell orario di lavoro e dei servizi di guardia e pronta disponibilità. In tale ipotesi le risorse vengono acquisite in modo irreversibile nel fondo di destinazione. E prevista invece la possibilità di utilizzo, in modo reversibile, di parte delle risorse del Fondo del lavoro disagiato a favore del Fondo per la retribuzione di risultato (art.51, 2 comma del C.C.N.L. 8 giugno 2000). Fondo della retribuzione di risultato, o della produttività collettiva e per il premio per la qualità della prestazione individuale art. 52, 1 biennio e art 10, comma 2, 2 biennio Detto fondo è strettamente correlato alla realizzazione degli obiettivi assegnati e viene quindi erogato a consuntivo dei risultati totali o parziali raggiunti, ovvero per stato di avanzamento, in ogni caso dopo la necessaria verifica almeno trimestrale, secondo le modalità previste dall art. 65 del C.C.N.L ( Relazione predisposta dal Nucleo di valutazione, sentito il parere del Direttore sanitario ed amministrativo). Il fondo viene confermato nel suo ammontare consolidato al Con il nuovo C.C.N.L. il fondo viene integrato dalle seguenti ulteriori risorse: - 1% monte salari al

19 - eventuali economie di gestione - eventuali spostamenti di fondi dall art. 50 (Fondo di posizione) e/o dell art 51 (Fondo del lavoro disagiato) - eventuali risorse derivanti dall attuazione dell art. 43 della L. 449/1997 (sponsorizzazioni, convenzioni con soggetti pubblici o privati) A decorrere dal , secondo indirizzi emanati dalla Regione, il fondo viene inoltre integrato dall 1,2% del monte salari. Quindi l incremento del fondo per il primo biennio ( ), fatte salve le altre voci sopra indicate, è pari al 2,2% (1% di risorse statali +1,2% di risorse regionali) Per il 2 biennio l ammontare complessivo del fondo è quello consolidato al L incremento annuo del fondo di risultato dell 1% di cui al comma 5 lett. B) dell art. 52, oltre allo 0,2% di cui all art 52, comma 7, continua ad operare a decorrere dal Da tale data però questo 1,2% concorre integralmente a finanziare l indennità di esclusività 5 del rapporto di lavoro e pertanto non può essere utilizzato per ulteriori incrementi del fondo stesso. Nell assegnazione degli obiettivi relativi a tale fondo sono esclusi i medici non a rapporto esclusivo, sulla base delle disposizioni di cui all art.47, comma 4. CCNL 8/6/ Spostamento di risorse tra i fondi e loro comunicabilità nel contratto della dirigenza medica e non. Abbiamo visto che il C.C.N.L. dell 8 giugno 2000 consente una buona flessibilità nell uso dei fondi rendendo possibile spostare risorse da un fondo all altro. 5 L indennità di esclusività del rapporto rappresenta l ulteriore elemento economico distintivo del C.C.N.L Per l erogazione di tale indennità non viene costituito specifico fondo in quanto essa riveste le caratteristiche di voce extracontrattuale o meglio di elemento distinto della retribuzione che non viene calcolato al fine della determinazione del monte salari cui fanno riferimento gli incrementi contrattuali qui esaminati (art.5, c. 2 biennio )

20 Il precedente contratto consentiva come unica possibilità lo spostamento, dal Fondo di risultato al Fondo di posizione, di un importo massimo del 16%. In più era previsto che eventuali economie sui Fondi di posizione o del lavoro disagiato non utilizzati nell anno potevano essere trasferite all anno successivo negli stessi fondi di provenienza, andando in tal modo ad incrementare la massa spendibile del nuovo anno. Il C.C.N.L. dell 8 giugno 2000 prevede invece, così come prima in parte anticipato: a) La riconferma dell obbligo dell integrale utilizzazione, nell anno in corso, delle risorse in capo al Fondo di posizione. Ai sensi di quanto disposto dall art. 50, co 4, eventuali economie accertate a fine anno su tale fondo possono essere temporaneamente utilizzate per finanziare la retribuzione di risultato. Ciò al pari di quanto stabilito nell Area del Comparto per il Fondo sulla progressione orizzontale. b) La possibilità di riassegnare, ai sensi dell art.62, 1 comma, agli stessi tre fondi nell anno successivo eventuali rispettive economie non utilizzate nel corso d esercizio (così come già possibile anche precedentemente). c) Lo spostamento delle risorse in capo ai seguenti fondi: 1) Dal Fondo del lavoro disagiato ( art.51) al fondo di risultato (art. 52 c. 4 lett. C) per utilizzo anche temporaneo di eventuali risparmi accertati a consuntivo sul primo fondo. 2) Dal fondo del lavoro disagiato al fondo di posizione (art. 51 comma 4 ), in caso di razionalizzazione di spesa derivanti da nuova organizzazione del lavoro. In tale caso le risorse vengono acquisite in modo irreversibile nel fondo di destinazione. - La Perequazione regionale dei fondi in applicazione dell art.41 e 42 del C.C.N.L. della Dirigenza 1998/2001-Equiparazione ed esclusività In data 16 settembre 2003 il Comitato paritetico costituitosi nell ambito della Conferenza permanente dell Area della Dirigenza medica e S.P.T.A ha definito, in sede di coordinamento regionale così come previsto dall art.7, 1^

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il quadriennio normativo 2006-2009 ed il biennio economico

Dettagli

OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ

OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ 1 OGGETTO ATTRIBUZIONE DELLA FASCIA SUPERIORE DELL INDENNITÀ DI ESCLUSIVITÀ QUESITO (posto in data 23 luglio 2013) Ho chiesto recentemente all'ufficio del Personale della nostra Azienda l'aggiornamento

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 In data 31 luglio 2009, alle ore 11.30, ha avuto luogo l incontro tra l

Dettagli

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale.

Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Posizione Uil Ricerca Università Afam in merito alla sopravvivenza del sistema delle progressioni economiche orizzontali nella vacanza contrattuale. Alcune amministrazioni, in violazione del Contratto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO ANNO 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili:

IL DIRIGENTE. Sostanzialmente il fondo è composto da due macroraggruppamenti di risorse definite stabili e variabili: IL DIRIGENTE Premesso che: il contratto nazionale di lavoro per il personale del comparto Regioni ed Enti Locali (di seguito per brevità CCNL) del 22/1/2004 all art. 31 ha ridisegnato, semplificando e

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 In data 21 Dicembre 2009, alle ore 10.30, presso la Sala Riunioni dell A.S.L.

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012;

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ECONOMICO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO RISORSE DECENTRATE RELATIVO ALL ANNO 2012; In conformità della circolare della RGS n. 25 / 2012 Modulo I -

Dettagli

N. 2/SSRRCO/CCN/13 A Sezioni riunite in sede di controllo. Presiedute dal Presidente della Corte Luigi GIAMPAOLINO e composte dai magistrati

N. 2/SSRRCO/CCN/13 A Sezioni riunite in sede di controllo. Presiedute dal Presidente della Corte Luigi GIAMPAOLINO e composte dai magistrati La N. 2/SSRRCO/CCN/13 A Sezioni riunite in sede di controllo Presiedute dal Presidente della Corte Luigi GIAMPAOLINO e composte dai magistrati Presidenti di sezione Giuseppe S. LAROSA, Giorgio CLEMENTE,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.194/2014/par REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio dell adunanza generale del 28 ottobre 2014 visto il T.U. delle

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE C.S.E.A. (Prov. di Cuneo) ACCORDO INTEGRATIVO ANNUALE 2015 PER UTILIZZO FONDO SALARIO ACCESSORIO Pervengono alla sottoscrizione del presente accordo, previa sessione

Dettagli

annue lorde, confermando il finanziamento dei maggiori oneri con le risorse di cui all art. 15 del CCNL 1/04/199 e successivi incrementi.

annue lorde, confermando il finanziamento dei maggiori oneri con le risorse di cui all art. 15 del CCNL 1/04/199 e successivi incrementi. Il Comune di XXX pone quesito inerente l indennità spettante al personale educativo degli asili nido di cui all art. 31 comma 7 del CCNL 14/09/2000, in particolare se la medesima sia o meno erogabile in

Dettagli

Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con Regio Decreto 12

Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con Regio Decreto 12 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 34/2014/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. Giuseppe Maria MEZZAPESA

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DIRIGENTE DELL AREA VI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2004-2005 In data 1 agosto 2006 alle ore 12.15. ha avuto luogo l incontro per la definizione

Dettagli

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 Roma, 3 dicembre 2010 Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 (Testo coordinato con l atto di revisione

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO

TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO Con circolare n.23 del 30.3.2004 l INPDAP ha diretto istruzioni alle Università aderenti alla sperimentazione liquidazione dei trattieni pensionistici.

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 Il giorno 14 luglio dell anno 2011, alle ore 9,00, presso una sala del Rettorato, le

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI BIENNIO ECONOMICO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI BIENNIO ECONOMICO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 A seguito del parere favorevole espresso in data 14 febbraio 2001 dal

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEL CNEL BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 A seguito del parere favorevole espresso in data 7 dicembre 2001 dalla Presidenza del Consiglio

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 146 del 1 settembre 2011

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 146 del 1 settembre 2011 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 146 del 1 settembre 2011 Oggetto: Personale con qualifica dirigenziale: determinazione dell'ammontare

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : SETTORE FINANZIARIO Responsabile: Casula Maria Angela DETERMINAZIONE N. 17 in data 20/01/2014 OGGETTO: COSTITUZIONE PROVVISORIA DEL FONDO PER LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2013 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

Comune di Acquaviva Picena CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Comune di Acquaviva Picena (Provincia di Ascoli Piceno) CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO QUADRIENNIO 1998-2001 COMPARTO AUTONOMIE LOCALI copia bozza accordo decentrato-piccoli comuni PRIMA PARTE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2012 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL LAZIO Deliberazione n. 21/2015/PAR Comune di Forano (RI) REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL LAZIO Nella Camera di consiglio del 19 dicembre 2014 composta dai magistrati

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA AREA FINANZIARIA E DELLE RISORSE UMANE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE LAVORO 2002/2005 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO L anno2006 (duemilasei), il giorno 17 (diciassette

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Deliberazione n. 371/2012/PAR

Deliberazione n. 371/2012/PAR Deliberazione n. 371/2012/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati dott. Mario Donno dott. Ugo Marchetti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo Patumi presidente;

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì ventitre del mese di ottobre alle ore 15.30 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SAGRAMOLA

Dettagli

In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale del Comune di Monte Castello di Vibio, ha avuto luogo l incontro tra:

In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale del Comune di Monte Castello di Vibio, ha avuto luogo l incontro tra: CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO PER LA DISCIPLINA DI INCENTIVAZIONE DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E DELLA PRODUTTIVITA VALIDO PER L ANNO 2010 In data 23.11.2010, presso la Residenza Municipale

Dettagli

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE DEL 19 LUGLIO 2012, N. 25 Ipotesi di accordo sulla utilizzazione del Fondo per il finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato dei dirigenti di seconda fascia e del personale incaricato di funzioni

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

WORKSHOP GESTIONE DELLO SVILUPPO E AUTONOMIA FINANZIARIA DEGLI ENTI LOCALI

WORKSHOP GESTIONE DELLO SVILUPPO E AUTONOMIA FINANZIARIA DEGLI ENTI LOCALI Ordine dei Dottori Commercialisti di Parma Unione Giovani Dottori Commercialisti di Parma COMUNE DI PARMA WORKSHOP GESTIONE DELLO SVILUPPO E AUTONOMIA FINANZIARIA DEGLI ENTI LOCALI DAL DECRETO TAGLIASPESE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l amministrazione

Dettagli

Area Finanziaria Comune di Bomporto. Prot. 11464 del 04.10.2010

Area Finanziaria Comune di Bomporto. Prot. 11464 del 04.10.2010 Prot. 11464 del 04.10.2010 RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA ALLEGATA ALLA BOZZA DI CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL COMUNE DI BOMPORTO SULL UTILIZZO DELLE RISORSE FINANZIARIE 2008, 2009 e 2010. 1) LE

Dettagli

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza

COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza COPIA Deliberazione n. 222 COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA Provincia di Vicenza Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: APPROVAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. L

Dettagli

Repubblica italiana. Corte dei Conti. La Sezione del controllo per la Regione Sardegna

Repubblica italiana. Corte dei Conti. La Sezione del controllo per la Regione Sardegna Parere n. 4/2008 Repubblica italiana Corte dei Conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai magistrati: prof. avv. Giuseppe Palumbi dott. Giorgio Longu avv. Prof. Nicola Leone dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/189/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott.ssa Laura De Rentiis dott. Donato Centrone

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/116/CR05/C1

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/116/CR05/C1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/116/CR05/C1 Modifiche al documento INTERPRETAZIONE DELLE DISPOSIZIONI DEL DECRETO LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, IN MATERIA DI CONTENIMENTO DELLE SPESE

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato Delibera n.sccleg/5/2013/prev REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati: Presidente

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 30 del 21.04.2015 OGGETTO: Sistema di misurazione e valutazione delle performance dei Responsabili di unità organizzativa

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali.

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. Pubblichiamo una serie di pareri resi recentemente dall ARAN che interpreta numerose questioni legate all applicazione del CCNL

Dettagli

Presiedute dal Presidente Enrica LATERZA e composte dai magistrati

Presiedute dal Presidente Enrica LATERZA e composte dai magistrati N. 8/SSRRCO/CCN/14 A Sezioni riunite in sede di controllo Presiedute dal Presidente Enrica LATERZA e composte dai magistrati Presidenti di sezione Mario FALCUCCI, Claudio IAFOLLA, Ennio COLASANTI, Roberto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

Capo I Programma di Previdenza Complementare

Capo I Programma di Previdenza Complementare Regolamento disciplinante il trattamento pensionistico complementare del personale CONSOB assunto a far data dal 28 aprile 1993. Capo I Programma di Previdenza Complementare Sezione I Definizioni e finalità

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO- FINANZIARIA AL CONTRATTO INTEGRATIVO ISTITUTO A COSA SERVE FONTE NORMATIVA CONTENUTO DELLA NORMA POSSIBILE DISCIPLINA COMPETENZA AUTORE DATA Relazione illustrativa

Dettagli

L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei

L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei TITOLO IV LA VALUTAZIONE E LA PREMIALITA DEL PERSONALE Premessa L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei comportamenti coerenti con la missione, i valori

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Art. 1 Introduzione Art. 2 Oggetto e finalità Art. 3 Caratteristiche degli obiettivi Art. 4 Ambiti di misurazione e valutazione

Dettagli

Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale

Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale A seguito dell informativa data dall Amministrazione in sede di delegazione trattante del 23 luglio u.s., sulla modifica del Regolamento Regionale (DGR 361/2015),

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE,SPORT E RISORSE UMANE REG. GEN.LE N. 77500DEL 26/09/2014 REG. SERVIZIO

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 21/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 febbraio 2012 composta dai Magistrati:

Dettagli

Il provvedimento legislativo innanzi tutto contiene una nuova disciplina in materia di assenze per malattia.

Il provvedimento legislativo innanzi tutto contiene una nuova disciplina in materia di assenze per malattia. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO PERSONALE Alle Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma

Dettagli

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Milano, 10 dicembre 2013 A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Si informa che in data 29 novembre

Dettagli

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere

Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie. Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Prot. 35081/2012 Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori Generali degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico LORO SEDI

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 248/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE VISTO l articolo 3 della legge 28 giugno 2012, n. 92, volto ad assicurare, ai lavoratori dei settori non coperti dalla normativa in materia d integrazione salariale, una tutela in costanza di rapporto

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E MERITOCRAZIA. Misurazione e valutazione della performance nella Pubblica Amministrazione

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E MERITOCRAZIA. Misurazione e valutazione della performance nella Pubblica Amministrazione PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E MERITOCRAZIA Misurazione e valutazione della performance nella Pubblica Amministrazione La complessa struttura della pubblica amministrazione italiana ha più volte posto il problema

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 14 DEL OGGETTO: Approvazione piano fabbisogno del personale triennio 2015-2017 e approvazione piano

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O Saldo fondo per la ponderazione qualitativa delle quote capitarie di cui all'art. 59,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ORARIO DI LAVORO DEL DIRIGENTE MEDICO QUESITI (posti in data 3 agosto 2012) La disciplina dell orario di lavoro del dirigente medico reca in sé una profonda contraddizione. In particolare nel

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - BARI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - BARI REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - BARI Contratto collettivo decentrato integrativo personale del comparto Regione Puglia. REGIONE PUGLIA Vice Presidenza G.R. ASSESSORATO

Dettagli

VERIFICA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

VERIFICA AMMINISTRATIVO-CONTABILE VERIFICA AMMINISTRATIVO-CONTABILE AL COMUNE DI SALERNO DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA DELLO STATO S.I. 2299/V IRREGOLARITA evidenziate nella relazione ispettiva

Dettagli

e p.c. OGGETTO: CCNL del personale non dirigente del comparto delle Agenzie Fiscali - quadriennio giuridico 2006/2009 e biennio economico 2006/2007.

e p.c. OGGETTO: CCNL del personale non dirigente del comparto delle Agenzie Fiscali - quadriennio giuridico 2006/2009 e biennio economico 2006/2007. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it ROMA, 15/07/2008

Dettagli

C O M U N E d i S E R M O N E T A

C O M U N E d i S E R M O N E T A AREA 1 - AMMINISTRATIVA, AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N 144 del 13-05-2013 C O M U N E d i S E R M O N E T A ( P r o v i n c i a d i L a t i n a ) COPIA DELLA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Pag. 1 di 9 Articolo 1 Campo di applicazione e durata 1. Il presente contratto decentrato integrativo redatto ai sensi dell art. 5 del CCNL del 01.04.1999, così

Dettagli

Deliberazione n.36/2014/par. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.36/2014/par. REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti. Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.36/2014/par REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nelle camere di consiglio dell adunanza generale del 18 dicembre 2013 e del 10 marzo 2014;

Dettagli

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema)

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) COMUNE DI GERACI SICULO Provincia di Palermo www.comune.geracisiculo.pa.it - Email: segretariogenerale@pec.comune.geracisiculo.pa.it Geraci Siculo Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) Modulo

Dettagli

IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE

IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE IPOTESI DI ACCORDO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO SUI CRITERI PER LA RIPARTIZIONE, L UTILIZZAZIONE E LE MODALITA DI ATTRIBUZIONE DEL FONDO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E PER LA PRODUTTIVITA

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

Circolare Inail 42 del 5 settembre 2012: Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1 gennaio 2012.

Circolare Inail 42 del 5 settembre 2012: Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1 gennaio 2012. Organo: DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI - DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI Documento: Circolare n. 13 del 19 febbraio 2013 Oggetto: Collaborazione coordinata e continuativa a progetto a lla

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Copia della presente determinazione viene trasmessa a: SINDACO SEGRETARIO GENERALE ASSESSORE ALLE RISORSE UMANE DIRIGENTE ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE SERVIZIO FINANZIARIO ALTRI SERVIZI ALBO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato

CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato CRITERI DI VALUTAZIONE PERMANENTE DELLA PERFORMANCE - Per l attribuzione dell indennità di produttività ai Dipendenti e dell indennità di risultato ai Responsabili di P.O. e Alte Professionalità ART. 1

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/41/CR05/C1

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/41/CR05/C1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/41/CR05/C1 PROBLEMATICHE DEL PERSONALE DIPENDENTE PUBBLICO RELATIVAMENTE ALLE DISPOSIZIONI DELL ARTICOLO 24 DEL DECRETO LEGGE N. 201 DEL 6 DICEMBRE

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI 2 BIENNIO ECONOMICO 2000-2001 Pag. 2 In data 24 ottobre 2002 alle ore 10,30 ha avuto luogo l'incontro

Dettagli

Le Sezioni Riunite in sede referente. nell'adunanza del 23 dicembre 1999

Le Sezioni Riunite in sede referente. nell'adunanza del 23 dicembre 1999 .l MODULARIO f I C.C. 2 I MODo 2 ( J4 --»-2/ #S'....(- Le Sezioni Riunite in sede referente nell'adunanza del 23 dicembre 1999 Visto l'art. 51, comma 4, del d.lgs. 3 febbraio 1993, n. 29, nel testo sostituito

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 34/2015/QMIG REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE ai sensi del Regolamento ISVAP n. 39 del 9 giugno 2011 Definite nella seduta del Consiglio di Amministrazione del: 31 / 03 / 2015

Dettagli

I DUBBI DI FINE ANNO

I DUBBI DI FINE ANNO I DUBBI DI FINE ANNO Il problema dell'umanità è che gli stupidi sono strasicuri, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi. Bertrand Russell 1) Nomino o Non nomino? = OIV o Nucleo di valutazione nel

Dettagli

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA)

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA) Rispetto dell iter adempimenti procedurale e degli atti propedeutici e successivi alla contrattazione Personale News Modelli operativi www.publika.it Relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria

Dettagli

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c.

Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati. Agli Enti di Patronato. e, p.c. Roma, 12/8/2004 DIREZIONE CENTRALE PENSIONI Ufficio I Normativa Tel. 06 51017626 Fax 06 51017625 E mail dctrattpensuff1@inpdap.it Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali istituto nazionale di

Dettagli

IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it

IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it Sulla Gazzetta Ufficiale n.148 del 27.6.2012 risulta pubblicato il decreto legge n.87/2012 contenente misure

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni e MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento della Ragioneria

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI FERRARA DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO UNICO IL DIRETTORE GENERALE

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI FERRARA DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO UNICO IL DIRETTORE GENERALE AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI FERRARA DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO UNICO DATA: 9.8.2010 DELIBERA N. 327 LL/mcf OGGETTO: PD-356/2010 + ALL. - Approvazione Regolamento aziendale per la valutazione del

Dettagli

Immediatamente eseguibile

Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 159 Del 15/06/2015 Oggetto: Autorizzazione alla spesa di cui al D.Lgs. 165/01 per la stipula dei CC.CC.II.AA. di individuazione ed utilizzo risorse del Personale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL DLGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009 A CHE COSA SERVE IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE

Dettagli