REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI RIPARTO DEI CONTRIBUTI PER OPERE E LAVORI PUBBLICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI RIPARTO DEI CONTRIBUTI PER OPERE E LAVORI PUBBLICI"

Transcript

1 ALLEGATO B Provincia di Pordenone MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE Servizio Contributi Opere Pubbliche REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI RIPARTO DEI CONTRIBUTI PER OPERE E LAVORI PUBBLICI

2 Indice: Art. 1 - Finalità Pag. 3 Art. 2 - Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 3 - Soggetti beneficiari Pag. 4 Art. 4 - Programmazione annuale mediante piani settoriali di intervento Pag. 4 Art. 5 - Predisposizione dei piani settoriali di intervento Pag. 4 Art. 6 - Modalità e termini di presentazione delle domande Pag. 5 Art. 7 - Ammissibilità delle domande Pag. 6 Art. 8 - Concessione del contributo Pag. 6 Art. 9 - Erogazione del contributo Pag. 7 Art Termini di inizio e fine lavori Pag. 7 Art Rendicontazione del contributo Pag. 8 Art Devoluzione del contributo Pag. 8 Art Revoca del contributo Pag. 8 Art Contributi straordinari una tantum Pag. 8 Art Interventi speciali a favore di Comuni colpiti da calamità naturali Pag. 9 Art Disposizioni generali Pag. 9 Art Entrata in vigore Pag. 10 Appendice I Pag. 11 Appendice II Pag. 13 Appendice III Pag. 14 Appendice IV Pag. 15 2

3 Articolo 1 Finalità 1. Il presente Regolamento, emanato ai sensi dell articolo 30, comma 1, della Legge Regionale n.7 (Testo unico delle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso) e s.m.i., disciplina criteri e modalità di assegnazione, concessione e rendicontazione dei contributi per opere e lavori pubblici con specifico riferimento alle materie di cui al successivo articolo 2, nel rispetto dei principi fondamentali di cui ai titoli II e III della L.R. 7/2000 e in ottemperanza alle disposizioni della Legge Regionale n.14 (Disciplina organica dei lavori pubblici) e s.m.i.. Articolo 2 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento trova applicazione nell ambito delle seguenti materie trasferite dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia alle Province: Funzioni trasferite ai sensi della Legge Regionale n. 10: - edilizia scolastica (articolo 27, commi I e II) - musei (articolo 31) - impianti sportivi (articolo 37, comma II) - fiere, mostre e mercati (articolo 39, comma I) - insediamenti produttivi (articolo 47, comma III) - viabilità (articolo 48, comma II) - municipi e cimiteri (articolo 49) - sale cinematografiche e polifunzionali (articolo 51, comma I) - parchi urbani ed aree di recupero ambientale (articolo 54, commi II e III) Funzioni trasferite ai sensi della Legge Regionale n. 13 (art. 32) e della Legge Regionale n.24 (art. 23): - piste ciclabili Funzioni trasferite ai sensi della Legge Regionale n. 24: - strade vicinali danneggiate da eventi fisici eccezionali (articolo 12, comma II, lettera a) - strade vicinali ed interpoderali (articolo 12, comma II, lettera b). 3

4 Articolo 3 Soggetti beneficiari 1. Possono presentare istanza di contributo gli Enti locali e gli Enti del settore privato 1 senza fine di lucro 2, aventi sede legale nel territorio della Provincia di Pordenone. 1 Limitatamente alle materie di cui agli articoli 27, commi 1 e 2, 31, 37, comma 2, 51, comma 1, della L.R. 10/1988 e s.m.i. e all articolo 12, comma 2, lett. b), della L.R. 24/2006, qualora le opere da realizzare o i lavori da eseguire debbano considerarsi di interesse pubblico Ai sensi dell art. 12, comma 2, lettera b) della L.R. 24/2006 e dell art. 6, commi 14 e 15, della L.R. 2/2000 e s.m.i., possono presentare domanda di contributo i consorzi di bonifica e di diritto privato. Ai sensi dell art. 9 della L.R. 14/1993 possono presentare domanda di contributo le aziende di trasporto pubblico o in concessione. 2 Limitatamente alle materie di cui all art. 37, comma 2, della L.R. 10/1988 ed ai sensi dell art. 3, comma 1, della L.R. 08/2003 e s.m.i., possono presentare domanda società e associazioni sportive, parrocchie, gruppi sportivi aziendali regolarmente costituiti, anche se privi di personalità giuridica, soggetti privati appositamente convenzionati con Enti locali, per la costruzione, l ampliamento e il miglioramento di impianti sportivi, ivi comprese le opere accessorie, nonché l acquisizione e il recupero di impianti in disuso. Articolo 4 Programmazione annuale mediante piani settoriali di intervento 1. La Provincia approva annualmente piani settoriali di intervento per l assegnazione dei contributi relativi alla realizzazione di opere e all esecuzione di lavori di cui all APPENDICE I del presente Regolamento. 2. I suddetti contributi possono essere assegnati in conto capitale (una tantum) oppure in annualità costanti, secondo i limiti massimi percentuali e nel rispetto delle delimitazioni di cui all APPENDICE II del presente Regolamento. Si stabilisce nel limite massimo del 35% (trentacinque percento) delle risorse complessive, la soglia entro la quale vanno assegnati i contributi agli Enti del settore privati. Il contributo assegnabile agli Enti del settore privato non può superare l importo unitario di Euro ,00 (centomila). Articolo 5 Predisposizione dei piani settoriali di intervento 1. La predisposizione dei piani settoriali di intervento si articola nelle seguenti fasi: Fase A Individuazione dei settori prioritari Il Consiglio Provinciale provvede con proprio atto deliberativo a stanziare le risorse da destinare ai settori prioritari da finanziare, rientranti tra le materie di cui all art. 2. 4

5 Fase B - Istruttoria tecnica Per ogni settore prioritario finanziato il Servizio competente procede, sulla base dei criteri A, B, C, D, di cui all Appendice III, alla valutazione tecnica degli interventi per ciascuno degli Ambiti Socio-Economici di cui all Appendice IV Fase C Valutazione strategica e riparto fondi Il Dirigente competente sottopone l esito dell istruttoria tecnica alla Giunta Provinciale che procede alla valutazione strategica degli interventi (criterio E dell Appendice III). La Giunta Provinciale, con proprio atto deliberativo e dandone adeguata motivazione, applica il criterio E e predispone la graduatoria, suddivisa per ciascuno degli Ambiti Socio-Economici di cui all Appendice IV. In presenza di parimerito, la Giunta è tenuta a motivare la scelta del beneficiario. Con il medesimo atto e sulla base della graduatoria, la Giunta Provinciale procede, applicando il criterio F di cui all Appendice III e dandone adeguata motivazione, al riparto dei fondi. Articolo 6 Modalità e termini di presentazione delle domande 1. Le domande di contributo, debitamente sottoscritte dal legale rappresentante dell Ente e nel rispetto della vigente normativa in materia di bollo, devono pervenire alla Provincia entro i seguenti termini perentori fissati espressamente dalle vigenti leggi regionali di settore: - musei: dal 1 al 31 gennaio (art.6, c. I L.R. 30/1986 e s.m.i.) - impianti sportivi: dal 1 al 31 gennaio (art.5, c. I L.R. 8/2003 e s.m.i.) - sale cinematografiche e polifunzionali: dal 1 gennaio al 31 marzo (art.3, c.i L.R. 19/1984 e s.m.i.) - parchi urbani ed aree di recupero ambientale: dal 1 al 31 gennaio (art.5, c. III L.R. 39/1986 e s.m.i.) dal 1 gennaio al 30 aprile (art.6, c. I L.R. 39/1986 e s.m.i.) dal 1 gennaio al 30 aprile (art.7, c. III L.R. 39/1986 e s.m.i.) dal 1 gennaio al 30 aprile (art.8, c.vi L.R. 39/1986 e s.m.i.) - piste ciclabili: dal 1 gennaio al 31 marzo (art.7, c. VI-bis L.R. 14/1993 e s.m.i.) e (art.10, c. II L.R. 14/1993 e s.m.i.). Per le materie di cui all art. 2 per le quali il termine di presentazione delle domande non è fissato dalle vigenti leggi regionali di settore, le istanze devono pervenire alla Provincia entro il seguente termine: - edilizia scolastica: dal 1 al 31 gennaio - fiere, mostre e mercati: dal 1 al 31 gennaio - insediamenti produttivi: dal 1 al 31 gennaio - viabilità: dal 1 al 31 gennaio - municipi e cimiteri: dal 1 al 31 gennaio - strade vicinali ed interpoderali: dal 1 al 31 gennaio 5

6 I termini di cui sopra, qualora vengano a scadere in un giorno non lavorativo, sono prorogati al giorno lavorativo seguente. Qualora le domande siano inviate a mezzo raccomandata, ai fini del rispetto del termine, fa fede la data del timbro postale, purché la raccomandata pervenga all ufficio competente entro i quindici giorni successivi alla scadenza del termine. Le domande hanno validità limitata all anno solare in cui sono presentate. 2. A ciascuna domanda vanno allegati: a. relazione tecnico-illustrativa; b. preventivo di spesa; c. solo per gli Enti Locali, deliberazione dell organo competente che autorizzi il legale rappresentante ad inoltrare l istanza di contributo per l anno di riferimento; d. solo per gli Enti privati, Atto costitutivo o Statuto (esclusivamente qualora non sia già in possesso dell Amministrazione Provinciale); e. corografia (limitatamente alle materia viabilità e piste ciclabili). Articolo 7 Ammissibilità delle domande 1. Le domande che pervengono alla Provincia oltre il termine di cui al precedente articolo o prive della sottoscrizione del legale rappresentante sono inammissibili. 2. Sono, altresì, inammissibili le domande aventi ad oggetto materie non previste al precedente articolo 2 e relative a opere non previste tra le tipologie di cui all APPENDICE I. 3. Dell inammissibilità a contributo di cui ai precedenti commi è data comunicazione ai soggetti interessati. 4. Le domande, debitamente sottoscritte e pervenute entro i termini, sprovviste di uno o più tra gli allegati richiesti dal precedente articolo, vanno regolarizzate dall Ente interessato entro quindici giorni dalla data di ricevimento della richiesta provinciale, a pena di esclusione. 5. Delle domande pervenute entro i termini viene redatto un elenco suddiviso per singola materia. Articolo 8 Concessione del contributo 1. La concessione del contributo agli Enti Locali è disposta, ai sensi dell art. 56 della L.R. 14/2002, in via definitiva, sulla base del progetto preliminare. La concessione del contributo agli Enti del settore privato è disposta, ai sensi dell art. 59 della L.R. 14/2002, in via definitiva, sulla base di elaborati tecnici progettuali di adeguato approfondimento. Qualora si tratti di forniture la concessione ha luogo su presentazione dell atto o degli atti con cui l Ente Locale o l Ente privato hanno proceduto all aggiudicazione delle forniture medesime. 6

7 Deve, inoltre, essere presentata la dichiarazione del legale rappresentante attestante l insussistenza di ulteriori contributi. Qualora per la medesima opera siano stati concessi ulteriori contributi, dovranno essere dichiarati la provenienza e l ammontare degli stessi. In tal caso per spesa ammissibile si intende quella parte di spesa ammissibile non coperta dai dichiarati contributi. Ai fini della concessione del contributo devono, altresì, essere presentati i documenti richiesti dall Ufficio competente ai sensi della normativa vigente. 2. La documentazione di cui al precedente comma deve pervenire alla Provincia entro sei mesi dalla data di ricevimento della comunicazione di assegnazione contributiva. Il suddetto termine, su motivata richiesta dell Ente beneficiario, può essere prorogato dal Dirigente competente fino ad un periodo massimo di ulteriori 12 mesi, da concedere in una o più soluzioni. Ulteriori proroghe potranno essere concesse su indicazione della Giunta Provinciale. Decorsi inutilmente 60 giorni dalle suddette scadenze, il Dirigente assegnerà un termine perentorio non superiore a 30 giorni entro cui provvedere. 3. Il contributo è concesso nei limiti percentuali previsti all APPENDICE II del presente regolamento, calcolati sulla spesa ammissibile determinata ai sensi dell art. 56 della L.R. 14/2002. Articolo 9 Erogazione del contributo 1. Nel caso di lavori, l erogazione del contributo avviene per gli Enti locali secondo le modalità previste dall art. 57 della L.R. 14/2002 e per gli Enti privati sulla base di quanto disposto dagli articoli 60 e 61 della medesima legge regionale. 2. Nel caso di forniture l erogazione avviene come segue: - per gli Enti Locali in unica soluzione contestualmente al provvedimento di concessione; - per gli Enti privati, in analogia a quanto previsto in materia di lavori, il 50% del finanziamento viene erogato contestualmente all atto di concessione e la somma rimanente a seguito della presentazione del rendiconto. Articolo 10 Termini di inizio e fine lavori 1. I lavori devono avere inizio successivamente alla presentazione della domanda di contributo. 2. Per gli Enti Locali la fissazione dei termini di inizio e fine lavori avviene secondo quanto previsto dall art. 68 della L.R. 14/ Per gli Enti privati la fissazione dei termini avviene secondo le modalità previste al comma 2, per quanto compatibili. 7

8 Articolo 11 Rendicontazione del contributo 1. La rendicontazione del contributo deve avvenire entro il termine indicato nel provvedimento di concessione e secondo le modalità previste dal Titolo II, Capo III della L.R. 7/2000. Il suddetto termine, su motivata richiesta dell Ente beneficiario, può essere prorogato dal Dirigente competente fino ad un periodo massimo di ulteriori 6 mesi da concedere in una o più soluzioni. Ulteriori proroghe potranno essere concesse su indicazione della Giunta Provinciale. Decorsi inutilmente i suddetti termini, il Dirigente assegnerà un termine perentorio, non superiore a 30 giorni, entro cui provvedere. Articolo 12 Devoluzione del contributo 1. Il soggetto assegnatario di contributo, che per motivate ragioni non si trovi più nelle condizioni di utilizzare il contributo per l intervento previsto al momento della presentazione della domanda, può chiederne la devoluzione a favore di altro intervento all interno della medesima materia. La domanda di devoluzione deve pervenire alla Provincia entro il termine di cui all art. 8, comma 2. Alla domanda, debitamente motivata, vanno allegati i documenti di cui all art. 6, comma 2. Se la domanda risulta essere conforme a quanto previsto dai precedenti commi e compatibile con la graduatoria di riferimento, il Dirigente competente dispone la devoluzione del contributo, previo parere favorevole della Giunta Provinciale. Articolo 13 Revoca del contributo 1. Si procede alla revoca dei contributi nei casi e secondo le modalità previsti dalla L.R. 14/2002 e dalla L.R. 7/2000 nonché nei casi di mancato rispetto dei termini perentori di cui agli articoli 8 e 11 del presente Regolamento. Articolo 14 Contributi straordinari una tantum 1. In analogia a quanto previsto dal Regolamento Provinciale di attuazione dell art. 12 della legge 7 agosto 1990, n. 241, la Giunta Provinciale può assegnare contributi per la realizzazione di lavori pubblici e/o di interesse pubblico sulla base delle istanze presentate dai soggetti di cui all articolo 3. Il finanziamento straordinario delle suddette istanze può avvenire solo nella forma del contributo una tantum nella misura massima di Euro ,00 (centomila). 8

9 L entità del contributo non può superare l 80% (ottanta percento) della spesa ammissibile a finanziamento. 2. Ai fini dell accoglimento e del finanziamento delle istanze deve essere presente almeno uno dei seguenti requisiti: - urgenza materiale ed indifferibilità temporale dell opera da realizzare o dei lavori da eseguire; - interesse sovracomunale dell opera da realizzare o dei lavori da eseguire; - interventi su immobili di proprietà pubblica e/o di interesse pubblico aventi rilevanza sociale e/o educativa e/o sportiva; - interventi su immobili di proprietà pubblica e/o di interesse pubblico destinati alla valorizzazione di beni culturali. 3. I lavori devono avere inizio successivamente alla presentazione della domanda di contributo. 4. Non è ammessa la devoluzione del contributo. Articolo 15 Interventi speciali a favore di Comuni colpiti da calamità naturali 1. Nel caso in cui si verifichino eventi naturali di carattere calamitoso atti a produrre gravi danni all assetto del territorio, la Giunta Provinciale può assegnare ai Comuni maggiormente colpiti contributi sia del tipo una tantum sia del tipo pluriennale costante a fronte di istanze presentate dai Comuni medesimi immediatamente dopo la calamità ed aventi ad oggetto la realizzazione di opere o lavori pubblici, imposti dall emergenza, nelle materie di cui al precedente articolo 2. L entità dei contributi (nonché la loro durata, per quanto concerne il tipo pluriennale costante) deve rispettare i limiti massimi percentuali di cui all APPENDICE II del presente Regolamento. Articolo 16 Disposizioni generali 1. Per quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento valgono le disposizione della L.R. 7/2000, della L.R. 14/2002 e delle specifiche leggi di settore. 2. Le disposizioni del presente Regolamento recepiscono le successive modificazioni e integrazioni alla normativa in materia. 9

10 Articolo 17 Entrata in vigore 1. Il presente Regolamento entra in vigore alla data di esecutività del provvedimento di approvazione e si applica ai procedimenti amministrativi attivati con le domande di contributo presentate per l anno 2014, nonché ai procedimenti amministrativi relativi ai Riparti degli anni precedenti e non ancora conclusi. 10

11 APPENDICE I TIPOLOGIE DI OPERE/LAVORI FINANZIABILI NELLA FORMA DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE (C.C.) E/O NELLA FORMA DEL CONTRIBUTO POLIENNALE COSTANTE (P.C.) EDILIZIA SCOLASTICA Ampliamento, riattamento, sistemazione, straordinaria manutenzione, acquisto, costruzione, completamento, ammodernamento, arredamento ed attrezzatura. MUSEI (art.31 L.R. 60/1976 e s.m.i.; art.5 L.R. 30/1986 e s.m.i.) Acquisto, costruzione, ripristino, riattamento, attrezzatura (per istanze sopra i Euro), arredamento (per istanze sopra i Euro). IMPIANTI SPORTIVI (art.3 L.R. 08/2003 e s.m.i.) Costruzione, ampliamento e miglioramento di impianti sportivi, ivi comprese le opere accessorie, nonché acquisizione e recupero di impianti in disuso, con riferimento a strutture di preminente interesse provinciale. FIERE, MOSTRE E MERCATI Impianto ed allestimento di comprensori fieristici, centri commerciali, mercati alla produzione, centri di raccolta di prodotti agricoli, zone di servizio per le operazioni doganali ai valichi di confine, mercati all ingrosso dei prodotti ortofrutticoli, delle carni e dei prodotti ittici. All interno di ciascun centro sono inclusi, fra l altro, gli impianti di refrigerazione, i magazzini, i depositi di merci, le attrezzature di sosta per veicoli od animali, nonché le altre opere e gli altri impianti di interesse pubblico, compresi i macelli comunali. INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Realizzazione di zone industriali di interesse comunale. VIABILITA Realizzazione, completamento, ammodernamento, manutenzione sedi stradali (comprese strade di interesse turistico). Il finanziamento di opere assimilate o di lavori accessori (piazze, parcheggi, marciapiedi, arredo ed attrezzature urbane, impianti di illuminazione pubblica, allacciamenti) è autorizzato nell ambito dell assegnazione del contributo per lavori/opere che riguardino la sede viaria strettamente intesa. MUNICIPI E CIMITERI (artt.1, 2 e 2 bis L.R. 33/1978 e s.m.i.) Costruzione, sistemazione, rifacimento, ristrutturazione, ampliamento, completamento. Acquisto (solo uffici municipali). Recupero, rifacimento ed ampliamento di edifici di proprietà comunale destinati ad uso pubblico ed ubicati in zone di particolare valore ambientale e interesse naturalistico (solo c.c.). In materia di opere cimiteriali, il finanziamento relativo alla realizzazione di loculi o tombe di famiglia e quello concernente lavori ad essi attinenti può essere assegnato soltanto a condizione che il Comune, in qualità di proprietario, ne disponga la concessione a soggetti privati a titolo gratuito. SALE CINEMATOGRAFICHE E POLIFUNZIONALI (art.1 L.R. 19/1984 e s.m.i.) Ristrutturazione ai fini dell adeguamento alla normativa vigente in materia di sicurezza. 11

12 PARCHI URBANI ED AREE DI RECUPERO AMBIENTALE (artt. 5, 6, 7 e 8 L.R. 39/1986 e s.m.i.) Progetti-studio attinenti ad aree di particolare interesse da destinare a parchi urbani, realizzazione di parchi urbani, recupero aree in condizioni di degrado ambientale, gestione di parchi urbani limitatamente alla voce manutenzione di attrezzature ed ambiente. PISTE CICLABILI (artt. 3, 7, 9 e 10 L.R. 14/1993 e s.m.i.) Progettazione e realizzazione di viabilità ciclabile comunale (piste e itinerari), integrazione fra trasporto pubblico ed uso della bicicletta, realizzazione depositi di biciclette. STRADE VICINALI DANNEGGIATE DA EVENTI FISICI ECCEZIONALI (art.10 L.R. 45/1985 e s.m.i.) Ripristino a seguito di danni causati da calamità naturali o da avversità atmosferiche. STRADE VICINALI ED INTERPODERALI (art.6, cc.xiv e XV L.R. 2/2000 e s.m.i.) Realizzazione e manutenzione. 12

13 APPENDICE II LIMITI PERCENTUALI DEL CONTRIBUTO PER CIASCUN SETTORE D INTERVENTO CALCOLATI SULLA SPESA AMMISSIBILE POLIENNALE CONTO SETTORE D INTERVENTO COSTANTE CAPITALE (MINIMO 10 ANNI) EDILIZIA SCOLASTICA Max 80% Max 8% per max 20 anni MUSEI Max 75% Max 8% per max 20 anni IMPIANTI SPORTIVI Max 80% Max 7 1 % per max 20 anni FIERE, MOSTRE E MERCATI Max 100% Max 7% per max 20 anni INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Max 60% 2 Max 7% 3 per max 20 anni VIABILITA Fino 100% Max 7% per max 20 anni MUNICIPI E CIMITERI Fino 100% Max 8% per max 20 anni SALE CINEMATOGRAFICHE E POLIFUNZIONALI NON PREVISTO Max 9% per max 10 anni PARCHI URBANI ED AREE DI RECUPERO AMBIENTALE - Progetti-studio ed altre spese di progettazione - Realizzazione parchi (connettivo) e recupero aree di degrado - Gestione parchi (manutenzione attrezzature ed ambiente) PISTE CICLABILI - Progettazione e realizzazione di viabilità ciclabile comunale - Integrazione fra trasporto pubblico ed uso della bicicletta - Realizzazione depositi di biciclette Fino 100% Max 90% Max 80% Max 90% Max 50% Max 90% NON PREVISTO NON PREVISTO NON PREVISTO NON PREVISTO NON PREVISTO NON PREVISTO STRADE VICINALI DANNEGGIATE DA EVENTI FISICI ECCEZIONALI Fino 100% NON PREVISTO STRADE VICINALI ED INTERPODERALI - Realizzazione e manutenzione strade vicinali - Realizzazione e manutenzione strade interpoderali Fino 100% Max 98% NON PREVISTO NON PREVISTO 1 Per i Comuni con popolazione inferiore ai millecinquecento abitanti, massimo 9% 2 Per i Comuni montani, massimo 80% 3 Per i Comuni montani, massimo 8% 13

14 APPENDICE III SISTEMA ATTRIBUZIONE PUNTEGGI Criterio A Tipologie di opere/lavori finanziabili miglioramento manutenzione straordinaria, ristrutturazione, sistemazione, arredi, completamento, p. 2 ampliamento capitale privato (solo per Enti Locali) p. 1* nuove costruzioni p. 1 *punteggio che può essere attribuito anche in aggiunta alle altre tipologie Criterio B Entità della domanda di contributo fino a p. 1 sopra p. 0 Criterio C - (solo per EE.LL.) Connessione ad opere provinciali opera collegata a intervento Provincia p. 1 opera non collegata a intervento Provincia p. 0 Criterio D Ordine di priorità stabilito dal soggetto istante opera prioritaria p. 1 opera non prioritaria p. 0 Criterio E Valutazione strategica strategicità, rilevanza sociale e/o economica, Fino a p. 2 specificità di settore opera non avente i requisiti previsti p. 0 La valutazione strategica degli interventi viene effettuata dalla Giunta Provinciale sulla base: - della rilevanza e della coerenza degli interventi rispetto alla propria programmazione di mandato e delle OO.PP.; - dell importanza sociale e/o economica degli interventi; - di eventuali specificità delle opere nell ambito dei singoli settori individuati. Per ogni Settore finanziato deve essere garantita l individuazione di almeno un beneficiario per ciascun Ambito Socio-Economico di cui all Appendice IV. Criterio F Equa ripartizione dei fondi sul territorio Il riparto dei fondi da parte della Giunta Provinciale avviene sulla base di parametri oggettivamente riscontrabili (es. popolazione) che garantiscano un equa distribuzione degli stessi sull intero territorio provinciale, a tal fine suddiviso tra gli Ambiti Socio-Economici di cui all Appendice IV. 14

15 APPENDICE IV AMBITI SOCIO-ECONOMICI DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Gli Ambiti Socio-Economici sono zone geografiche aventi vocazione economico-produttiva prevalentemente omogenea e sono composti dai seguenti Comuni: MONTAGNA Andreis, Barcis, Castelnovo del Friuli, Cimolais, Claut, Clauzetto, Erto e Casso, Frisanco, Pinzano al Tagliamento, Tramonti di Sopra, Tramonti di Sotto, Travesio, Vito d Asio PEDEMONTANA MANIAGHESE Arba, Cavasso Nuovo, Fanna, Maniago, Meduno, Montereale Valcellina, Sequals, Vajont PEDEMONTANA SPILIMBERGHESE San Giorgio della Richinvelda, Spilimbergo, Vivaro SACILESE Azzano Decimo, Brugnera, Budoia, Caneva, Chions, Fontanafredda, Pasiano di Pordenone, Polcenigo, Prata di Pordenone, Pravisdomini, Sacile SANVITESE Arzene, Casarsa della Delizia, Cordovado, Morsano al Tagliamento, San Martino al Tagliamento, San Vito al Tagliamento, Sesto al Reghena, Valvasone URBANO Aviano, Cordenons, Fiume Veneto, Porcia, Pordenone, Roveredo in Piano, San Quirino, Zoppola 15

16 Elenco firmatari ATTO SOTTOSCRITTO DIGITALMENTE AI SENSI DEL D.P.R. 445/2000 E DEL D.LGS. 82/2005 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI Questo documento è stato firmato da: NOME: GIOVANNI BLARASIN CODICE FISCALE: BLRGNN58M21L483E DATA FIRMA: 04/03/ :48:26 IMPRONTA: 4444D032FEB5B5D24ECAAF50F23AFDF080C34FDB4D92543DEBBD26AE408491D7 80C34FDB4D92543DEBBD26AE408491D7B381FDA3086C207BC45F4B4719E3FA1A B381FDA3086C207BC45F4B4719E3FA1A2363A9D23100D E45823CA1E A9D23100D E45823CA1E9342C61767EAA7917B7949D1B8335EF58F

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009

CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 CITTA DI CASARSA DELLA DELIZIA Provincia di Pordenone Prot. n. AVVISO PUBBLICO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI PERIODO 01/10/2008 30/09/2009 E intendimento dell Amministrazione Comunale,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 252 approvata il 15 aprile 2015 DETERMINAZIONE: ACQUISTO DI N. 42

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1.

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1. GAL Consorzio Lunigiana Avviso pubblico per la presentazione di manifestazione d interesse per la Misura 3233 Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale r sottomisura a) Tutela e riqualificazione

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli