CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI GUIDONIA MONTECELIO (N.B. DA STIPULARSI IN FORMA ELETTRONICA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI GUIDONIA MONTECELIO (N.B. DA STIPULARSI IN FORMA ELETTRONICA)"

Transcript

1

2 CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI GUIDONIA MONTECELIO (N.B. DA STIPULARSI IN FORMA ELETTRONICA) TRA IL COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO (c.f. ), rappresentato da di seguito denominato Concedente o Comune e (Codice Fiscale), in persona del proprio legale rappresentante di seguito denominata Concessionario PREMESSO CHE: a) con delibera di C.C. n. 59 del 17/10/2013 il Comune ha approvato il Programma Triennale dei lavori pubblici; b) nel programma predetto è inclusa la realizzazione dell ampliamento del cimitero comunale, da realizzarsi mediante concessione di progettazione, costruzione e gestione e con finanziamento a totale carico del concessionario; c) i progetti preliminare, definitivo ed esecutivo dell opera sono stati approvati, rispettivamente, con i seguenti atti deliberativi: progetto preliminare Delibera di Giunta comunale n. 316 del , progetto definitivo Delibera di Giunta comunale n. 81 del progett, esecutivo Determinazione dirigenziale n. 174 del ; d) con determina a contrarre n.. del.. è stato deliberato l affidamento mediante concessione di progettazione, costruzione e gestione della realizzazione dell ampliamento del Cimitero comunale; e) il relativo bando di gara è stato pubblicato sulla GUCE n.. del. e sulla GURI n...del.nonché sui seguenti quotidiani, ed inserito, altresì, sul profilo del committente. f) in esito alla gara esperita con procedura ristretta ed aggiudicazione all offerta economicamente più vantaggiosa, il Comune ha individuato nel..il soggetto concessionario a cui affidare la concessione per la progettazione, realizzazione gestione dell opera predetta. g) I presupposti e le condizioni di base che determinano l equilibrio economico - finanziario degli investimenti e della connessa gestione, ai sensi dell art. 143 c. 8 sono riportati nel Piano economico finanziario;] Tutto ciò premesso Si conviene e si stipula quanto segue: Art. 1 Oggetto La presente convenzione ha per oggetto la revisione ed il completamento della progettazione esecutiva, nonché la realizzazione e la gestione in regime di concessione dell ampliamento del cimitero comunale ai sensi dell art. 3, co. 11 e dell art. 143 e ss. del d.lgs. 163/2006. In particolare, sono comprese nell oggetto della concessione: 1. la revisione ed il completamento della progettazione esecutiva nei limiti specificati nelle Linee Guida allegate al Capitolato Speciale; 2. la direzione dei lavori ed il coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione di cui al d.lgs. 81/2008;

3 3. l esecuzione dei lavori di cui al progetto esecutivo, secondo il cronoprogramma di realizzazione, nonché di tutti i lavori e le opere ad essi strutturalmente collegati; 4. la gestione funzionale ed economica, la manutenzione ordinaria e straordinaria, gli adeguamenti tecnici necessari per il prosieguo della gestione e gli adeguamenti programmati e/o straordinari, da parte del Concessionario, il quale condurrà in proprio tutti i beni e le superfici relative all ampliamento e completamento del cimitero nonché quelle relative al cimitero esistente, per tutta la durata della Concessione; 5. la consegna al Concedente, alla scadenza della Concessione, dell intero complesso cimiteriale, di tutti i beni, delle superfici e delle strutture realizzate, dei relativi impianti ed arredi, in ottime condizioni di conservazione e di funzionamento, conformemente a quanto stabilito in contratto, senza corrispettivo alcuno a favore del Concessionario. Art. 2 Durata della concessione La durata della Concessione è fissata in 25 anni a decorrere dalla firma del presente contratto e quindi con scadenza al ; la durata comprende il tempo necessario all elaborazione degli elaborati di completamento del progetto esecutivo ed all ottenimento dell approvazione degli stessi da parte dell amministrazione comunale, salvo quanto precisato al successivo art. 3, il tempo necessario all approntamento dei cantieri nonché il tempo necessario all ottenimento di ogni autorizzazione prevista dalla normativa vigente per l esecuzione e/o la gestione delle opere. E esclusa qualsiasi forma di tacito rinnovo. Art. 3 Revisione e completamento della progettazione esecutiva e relativa approvazione Il Comune ha posto a base di gara il progetto esecutivo delle opere, da completarsi a cura del concessionario per quanto attiene agli elaborati di dettaglio degli impianti, nonché agli ulteriori approfondimenti/precisazioni indicate nei documenti allegati all atto di validazione del progetto, il tutto come precisato dalle Linee Guida allegate al Capitolato Speciale. Il Concessionario dovrà, altresì, provvedere alla revisione complessiva della progettazione esecutiva al fine di recepire gli elementi migliorativi proposti in sede di gara. Il Concessionario è tenuto a consegnare al Concedente la progettazione esecutiva, rivista e completata ai sensi dei comma precedenti, entro 60 giorni dalla firma della presente convenzione. Il mancato rispetto del termine di consegna comporterà l applicazione delle sanzioni di cui al successivo art. 26. Il Concedente provvederà alla verifica degli elaborati progettuali consegnati dal Concessionario entro i successivi 30 giorni. Tale termine potrà essere interrotto per una sola volta dalla richiesta di chiarimenti. All esito della verifica, il Comune procederà, ove ne ricorrano le condizioni, alla validazione ed approvazione finale degli elaborati, ovvero alla restituzione degli stessi al Concessionario con l indicazione delle eventuali carenze affinché provveda a porvi rimedio. In quest ultimo caso, verranno applicate le sanzioni previste dal successivo art. 26 dalla data della riconsegna degli elaborati progettuali e sino alla loro validazione, fermo restando il diritto del Comune, nel caso in cui gli elaborati ripresentati risultino ancora carenti, di risolvere il presente contratto per inadempimento del Concessionario, con ogni conseguenza di legge. Il Concessionario è tenuto, altresì, a redigere gli elaborati del piano regolatore cimiteriale di cui agli art. 54 e seguenti del D.P.R , N. 285 Art. 4 Realizzazione delle opere di ampliamento del cimitero Il Concessionario si obbliga, in attuazione del progetto esecutivo approvato ai sensi del precedente art. 3, nonché in conformità alle disposizioni del Capitolato Speciale di gara e a quanto specificato nei successivi articoli, alla all effettuazione delle opere di ampliamento del cimitero realizzando ogni opera necessaria al completamento funzionale del servizio. Come previsto dal Capitolato Speciale, la realizzazione dovrà avvenire in tre lotti funzionali. I lotti sono specificati nel Capitolato Speciale e negli elaborati progettuali, cui il Concessionario dovrà scrupolosamente attenersi.

4 Il Concessionario dovrà provvedere a propria cura e spese alla realizzazione delle opere cimiteriali complete in ogni loro parte e finitura, nessuna esclusa o eccettuata, intendendosi inclusi la fornitura degli arredi, suppellettili e attrezzature varie per il funzionamento del cimitero e per la corretta fruizione degli spazi esterni destinati all uso pubblico, le urbanizzazioni necessarie per il loro funzionamento da realizzarsi chiavi in mano, come riportato negli elaborati grafici-descrittivi del progetto esecutivo approvato ai sensi del precedente art. 3. Art. 5 Tempi di realizzazione La realizzazione delle opere di ampliamento del cimitero comunale dovrà avvenire nel rispetto delle tempistiche previste dal Capitolato Speciale, così come specificate nel cronoprogramma facente parte del progetto approvato ai sensi del precedente art. 3, il quale, in ogni caso, dovrà essere conforme a quanto previsto nell offerta aggiudicataria. Il Concessionario è tenuto a dare l avvio ai lavori relativi al primo lotto entro e non oltre centottanta giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data di sottoscrizione del presente contratto. I lavori relativi ai successivi lotti secondo e terzo dovranno essere avviati dal Concessionario nel rispetto di quanto previsto nell offerta presentata in sede di gara e, pertanto, entro...[nel caso in cui il Concessionario abbia proposto una riduzione dei tempi rispetto a quanto previsto dal capitolato speciale e dal progetto esecutivo a base di gara. Altrimenti, verranno riportate le previsioni dei predetti documenti.] Il Concedente potrà, a suo insindacabile giudizio, concedere proroghe del termine di ultimazione lavori, determinato ai sensi dei comma precedenti, qualora si siano verificati eventi straordinari ed imprevedibili che abbiano causato ritardi nei lavori per cause non imputabili al Concessionario. In tali casi, è onere del Concessionario comunicare tempestivamente al Concedente le cause che abbiano determinato o possano determinare gli eventuali ritardi, chiedendo contestualmente la proroga del termine di ultimazione, precisandone altresì la durata. Resta inteso che le eventuali proroghe concesse dal Concedente ai sensi di quanto sopra non avranno effetto sulla durata complessiva della Concessione e, quindi, sulla scadenza del presente contratto, che resterà fissata nella data indicata al precedente art. 2. Le opere dovranno essere eseguite sotto la sorveglianza tecnica dell Ufficio di Alta Sorveglianza, di cui al successivo art. 14, i cui funzionari e consulenti avranno libero accesso ai cantieri. La data d inizio delle opere dovrà essere comunicata a detto ufficio a mezzo raccomandata o PEC, con preavviso di almeno 10 giorni. Le opere anzidette saranno comunque soggette a collaudi in corso d opera e a collaudo definitivi da eseguirsi a cura della Commissione di Collaudo di cui al successivo articolo 12. In nessun modo la responsabilità del Concessionario potrà essere esclusa o limitata a motivo dell attività svolta dall Ufficio di Alta Sorveglianza. Art. 6 Sistemazione aree di cantiere e organizzazione del lavoro Il Concessionario dovrà adottare tutti i provvedimenti necessari affinché l esecuzione dei lavori previsti nei tre lotti non intralci in alcun modo il normale andamento dei servizi cimiteriali. Al fine di consentire il regolare svolgimento delle attività cimiteriali, le aree di cantiere dovranno essere interdette al fine di non creare pericoli alla pubblica e privata incolumità, e dovranno essere opportunamente schermate anche visivamente con l uso di barriere provvisorie mobili, garantendo comunque il decoro delle aree aperte al pubblico. La formazione del cantiere attrezzato, compresi gli allacciamenti, impianti e consumi di acqua ed energia elettrica ad uso cantieri; la recinzione, pulizia e manutenzione del cantiere stesso, l esecuzione delle opere ed impianti provvisionali, qualunque ne sia l entità, nonché di quanto previsto dal progetto di intervento relativo alla sicurezza contenuto nel Piano di sicurezza e coordinamento è ad esclusivo carico del Concessionario, così come ogni altro onere indicato all art. 16 del Capitolato Speciale. Art. 7

5 Proprietà delle opere realizzate La proprietà delle aree e delle opere oggetto di concessione, incluse quelle realizzande a cura e spese del Concessionario, è del Concedente, fin dal momento della loro realizzazione. Il Concessionario, ai sensi dell art. 143 del Codice Contratti (D.Lgs. 163/2006), è titolare unicamente del diritto di gestire e sfruttare economicamente le opere realizzate per l intera durata della concessione, senza che il medesimo acquisisca sulle predette e/o sulle aree ove esse insistono alcun diritto di proprietà. L intero complesso cimiteriale, compresi tutti i beni, le superfici e le strutture realizzate, i relativi impianti e le opere, fissi o mobili, realizzate dal Concessionario, ivi compresi quelli realizzati nel corso della Concessione, tutte le attrezzature, macchinari, arredi e accessori installati dal predetto Concessionario, in forza del contratto di Concessione, nonché il cimitero già esistente rientreranno nel possesso e nella disponibilità del Concedente alla scadenza della Concessione, senza corrispettivo alcuno a favore del Concessionario. Art. 8 Concessione di loculi, ossari e porzioni di suolo a terzi il concessionario è autorizzato dal concedente a dare in concessione a terzi i predetti beni per tutta la durata prevista dal Regolamento di Polizia Mortuaria (trenta anni). Alla scadenza del contratto di concessione di progettazione, costruzione e gestione, ovvero in ogni altro caso in cui il contratto stesso dovesse essere anticipatamente risolto non verrà meno la validità e l efficacia, nei confronti del Concedente, delle concessioni a terzi di loculi, ossari e porzioni di suolo sottoscritte dal concessionario, le quali resteranno valide ed efficaci sino alla scadenza in esse prevista. Art. 9 Responsabilità tecnica Il concessionario provvederà a nominare il proprio Responsabile Tecnico entro 10 giorni dalla data di sottoscrizione del presente contratto. Il Responsabile Tecnico è l interlocutore del Concedente per tutti gli atti conseguenti alla gestione della presente convenzione. Art. 10 Coordinamento per la sicurezza Il Concessionario è, altresì, tenuto, come precisato dalla Deliberazione dell AVCP n. 12/2012 e dalla Determina n. 2/2010, a nominare il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione, per la revisione e il completamento della progettazione esecutiva, ed il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione lavori, nonché il direttore dei lavori. Resta di competenza del Concedente la verifica del progetto esecutivo e la nomina, a spese del concessionario, della Commissione di Collaudo in corso d opera; Art.11 Direzione Lavori Il Concessionario durante la fase di realizzazione provvederà alla nomina dell Ufficio di direzione lavori all inizio lavori, dandone contestuale comunicazione al Concedente presso l Ufficio di Alta Sorveglianza che su tale nomina dovrà esprimere il proprio nulla osta vincolante. Le eventuali modifiche dell ufficio di direzione saranno comunicate all Ufficio di Alta Sorveglianza con almeno 15 giorni di preavviso. Art. 12 Collaudi Gli oneri relativi alla commissione di collaudo, i cui nominativi sono stati indicati al Concessionario dal Concedente a seguito dell aggiudicazione, sono posti a carico del Concessionario.

6 Le opere oggetto della concessione saranno soggette a collaudi in corso di opera ed a collaudo finale così come previsto dall art. 32 del Capitolato Speciale. Per quanto riguarda gli interventi di manutenzione, gli stessi saranno collaudati con cadenza biennale, a partire dalla data di avvio della gestione. Art. 13 Ritrovamenti archeologici Qualora nel corso dei lavori dovessero venire alla luce reperti archeologici, il Concessionario e obbligato a sospendere i lavori e darne immediatamente comunicazione alla competente Sovrintendenza ed all ufficio Alta Sorveglianza. Resta fermo che nulla avrà a pretendere il Concessionario per eventuali sospensioni dei lavori. E comunque facoltà del Concedente richiedere al concessionario l esecuzione di opere provvisionali e di ripristino ambientale, concordando un congruo termine per la loro esecuzione. Qualora a seguito del ritrovamento di reperti archeologici il completamento dell opera comportasse oneri imprevisti e/o una minore utilizzazione della superficie, il Concessionario avrà diritto ad una proroga del termine di ultimazione dei lavori. Art. 14 Alta Sorveglianza Il Concedente provvederà alla costituzione, di un ufficio per l Alta Sorveglianza, presieduto dal Responsabile Unico del Procedimento, preposto al controllo dell attività del Concessionario nella fase di progettazione e nella fase di esecuzione dei lavori, anche mediante consulenze di professionisti incaricati. I funzionari e/o i consulenti dell Ufficio Alta Sorveglianza potranno accedere liberamente ai cantieri. In particolare l ufficio di Alta Sorveglianza, ferme restando le competenze esclusive e gli obblighi di legge del responsabile del procedimento, esprimerà pareri in ordine: a) All approvazione del progetto esecutivo rivisto e completato dal Concessionario; b) Alla regolarità delle procedure realizzazione delle opere; c) Al corretto svolgimento delle procedure di legge; d) Ai contenziosi che dovessero nascere tra il concessionario e le eventuali imprese terze appaltatrici; e) Effettuerà in fase di realizzazione controlli in ordine: All attuazione del presente contratto ed al rispetto dei termini contrattuali; Alla regolare esecuzione dei lavori; Al rispetto dei tempi di realizzazione delle opere secondo quanto programmato nei singoli cronoprogrammi; Alla qualità dei lavori ed alla conformità degli stessi al progetto esecutivo approvato. L ufficio Alta Sorveglianza irrogherà, ove ne ricorrano gli estremi, le sanzioni di cui al successivo art. 27. Il Concessionario dovrà assicurare tutta l assistenza tecnica necessaria ai fini dello svolgimento dei compiti dell Ufficio Alta Sorveglianza e dovrà fornire inoltre tutti i documenti ed i chiarimenti che saranno da questo richiesti. Art.15 Affidamento a imprese collegate Subappalto - Appalto a terzi L affidamento alle imprese collegate (secondo la definizione data dall art. 149 del Codice dei Contratti pubblici, di cui all elenco prodotto in sede di gara), in possesso dei necessari requisiti di qualificazione, può essere effettuato direttamente dal Concessionario senza l esperimento di alcuna gara. Per la quota parte dei lavori che il Concessionario esegue direttamente, si applicano le norme sul subappalto di cui all art. 118 del d.lgs. 163/2006. Il concessionario prima dell inizio dei lavori comunicherà all Ufficio Alta Sorveglianza i lavori e le opere che intende appaltare a terzi. Per la quota parte che il Concessionario ha dichiarato in sede di offerta di voler affidare a terzi, lo stesso dovrà procedere con evidenza pubblica ai sensi dell art. 146 del d.lgs. 163/2006. Il tempo necessario per l espletamento delle procedure ad evidenza pubblica e per la stipula dei relativi contratto d appalto non potrà in alcun modo determinare il protrarsi della durata della

7 Concessione né potrà influire sul rispetto dei termini per l ultimazione dei lavori, cosi come offerti in sede di gara. Il concedente, comunque, resta estraneo a tutti i rapporti del Concessionario con gli appaltatori, fornitori e terzi in genere, dovendosi intendere tali rapporti esclusivamente intercorsi tra il Concessionario e detti soggetti senza che mai si possa comunque assumere una responsabilità diretta o indiretta del concedente. Art. 16 Varianti Il Concessionario non può apportare alcuna variante al progetto esecutivo approvato dal Concedente ai sensi dell art. 3 del presente contratto. Eventuali varianti che venissero proposte dal Concessionario o che si rendessero necessarie per la realizzazione delle opere secondo la perfetta regola dell arte dovranno essere oggetto di specifica perizia ed essere sottoposte all approvazione del Concedente, previo parere vincolante dell Ufficio Alta Sorveglianza. L approvazione potrà essere concessa sempreché non modifichino i termini del presente contratto. Atteso che il Concessionario ha provveduto al completamento e alla complessiva revisione della progettazione esecutiva, le varianti che si rendessero necessarie per eventuali errori progettuali non potranno legittimare alcuna proroga del termine di esecuzione dei lavori né alcuna revisione dell equilibrio del piano economico finanziario. Art. 17 Manutenzione delle opere Il concessionario durante tutto il periodo di gestione deve garantire, a propria cura e spese, la completa manutenzione ordinaria e straordinaria dei manufatti, delle opere tutte, degli impianti e delle attrezzature, degli automezzi di servizio, così da garantire permanentemente la funzionalità necessaria per assicurare l efficiente e decoroso funzionamento del complesso, provvedendo, se del caso, al completo rinnovo di interi impianti o di parte di essi. Gli interventi di manutenzione programmata previsti nel piano di manutenzione dovranno essere comunque effettuati entro l anno di previsione e saranno svolti con le modalità previste dal Disciplinare tecnico di gestione allegato al Capitolato speciale d appalto. Al termine della gestione, l opera dovrà essere consegnata al concedente in valide condizioni di conservazione e di funzionamento. Il concessionario si impegna a garantire il decoro e la pulizia degli spazi aperti al pubblico mediante la manutenzione ordinaria giornaliera di detti spazi. Gli uffici del Concedente competenti al controllo di qualità della gestione irrogheranno le eventuali sanzioni per il mancato rispetto del presente impegno. Il controllo della manutenzione sarà certificato, mediante verifiche ed attestazioni periodiche redatte dai competenti uffici del concedente. Il concedente si riserva di effettuare controlli attraverso il personale dei competenti uffici, ivi compreso l Ufficio di Alta Sorveglianza e/o con propri consulenti, sullo stato di efficienza di impianti, di attrezzature e sullo stato di conservazione dei manufatti, dei servizi, della viabilità e dei parcheggi. Nel caso in cui il concessionario non provveda agli obblighi di manutenzione assunti, previa diffida a provvedere da parte del concedente, troveranno applicazione le sanzioni di cui al successivo art. 26, ivi compresa la rescissione del contratto. Nel corso dell ultimo anno di Concessione il concedente provvederà in contradditorio con il concessionario ad accertare i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché gli eventuali rinnovi, parziali o tali degli impianti, dei manufatti e delle opere in genere tutte, occorrenti per riportare le opere alle condizioni ottimali di esercizio; le relative spese saranno a totale carico del concessionario. Art. 18 Gestione Per tutta la durata della concessione, il concessionario provvederà alla gestione del Cimitero, inclusa la gestione degli immobili ed impianti strumentali per l esercizio del servizio, dell impianto di illuminazione votiva, nel rispetto di quanto previsto dal Disciplinare di gestione allegato al

8 Capitolato Speciale e fermi restando tutti gli impegni, oneri e prescrizioni del Capitolato stesso e del presente contratto. Il Concessionario è tenuto a garantire che la gestione del cimitero comunale e degli eventuali servizi accessori sia ispirata ad elevato decoro e alle esigenze di funzionalità, e sia svolta in modo consono, evitando qualsivoglia iniziativa suscettibile di ledere l immagine della Città di Guidonia Montecelio, di offendere o turbare la pubblica moralità, nel rispetto delle modalità e le garanzie fissate nel Capitolato speciale e nel Disciplinare tecnico di gestione Art. 19 Proventi, Tariffe e relativo aggiornamento Il corrispettivo per il Concessionario sarà costituito unicamente dalla gestione funzionale ed economica dell intervento, con acquisizione dei relativi ricavi per la durata della Concessione, il tutto come riportato nel Piano economico finanziario di copertura degli investimenti e descrittivo dei criteri gestionali Per tutta la durata della concessione saranno di spettanza del concessionario i proventi della gestione delle opere date in concessione, così come meglio precisato nel piano economico finanziario e, in particolare: a) I proventi derivanti dall applicazione di tariffe, canoni e diritti per i servizi cimiteriali; b) I proventi derivanti dalla concessione dei loculi, ossari e porzioni di suolo; c) I proventi derivanti dalla riscossione dei canoni relativi ai contratti di illuminazione votiva. Le tariffe relative alla gestione e concessione dei sepolcri all interno del Cimitero: loculi, tombe private, ossari e cinerari, illuminazione votiva, illuminazione affitto camere ardenti, affitto locali commerciali antistanti, nonché di tutte le altre attività cimiteriali, sono quelle risultanti dall offerta presentata dal concessionario e, pertanto: [da specificare in relazione al piano tariffario proposto in sede di gara dall aggiudicatario] Le tariffe saranno adeguate nel tempo, con cadenza annuale, sulla base della variazione dell indice ISTAT, relativo ai prezzi di consumo per le famiglie degli impiegati e degli operai, registrata con riferimento al medesimo mese dell anno precedente, e secondo le modalità offerte in sede di gara. Art. 20 Piano economico-finanziario, quota annuale di ammortamento degli investimenti, valore residuo Il piano economico finanziario dell intervento è quello presentato dal Concessionario in sede di gara che, allegato al presente contratto, ne costituisce parte integrante ed essenziale. La quota annuale di ammortamento degli investimenti è quella indicata nel predetto piano. Le Parti si danno atto che, al termine della concessione, l intero valore dell investimento a carico del concessionario risulterà totalmente ammortizzato e, pertanto, che non è previsto alcun corrispettivo a carico del concessionario subentrante. Le Parti prendono atto che l equilibrio economico-finanziario degli investimenti, come definito al momento di conclusione del presente contratto, dovrà permanere per tutta la durata della Concessione e, conseguentemente, che gli eventi modificativi ai presupposti e alle condizioni di equilibrio del piano economico finanziario così come specificate in premessa determineranno la necessità di revisione del piano stesso al fine di rideterminarne le condizioni di equilibrio. Le Parti prendono atto che gli eventi modificativi dell'equilibrio economico-finanziario degli investimenti da tenere in considerazione ai sensi del comma che precede non possono in ogni caso consistere in eventi che siano conseguenza diretta o indiretta dì scelte gestionali e/o imprenditoriali del Concessionario. Le variazioni dell equilibrio economico finanziario che apportino maggiori o minori costi contenuti sino ad 20%, rientrano nell alea di rischio del Concessionario e, pertanto, non daranno luogo ad alcuna revisione del piano. Il Concedente ed il Concessionario convengono di procedere ad una revisione della Concessione nelle seguenti fattispecie: mutamento, per fatto del Concedente, dei presupposti e delle condizioni di base, richiamati nelle premesse della presente Convenzione, che determinano l equilibrio economico-finanziario degli investimenti e della connessa gestione nonché entrata in

9 vigore di norme legislative e regolamentari che stabiliscano nuovi meccanismi tariffari o nuove condizioni per l esercizio delle attività previste nella Concessione; varianti in corso d opera che apportino una variazione di prezzo dell opera, ad esclusione delle varianti dovute a errori progettuali; adeguamento dei prezzi dei materiali in corso d opera o in corso di gestione; richiesta di innovazione e/o modifica delle modalità di gestione da parte del Concedente; verificarsi di un evento di forza maggiore. Nel caso in cui le variazioni apportate o le nuove condizioni introdotte risultino favorevoli al Concessionario, la revisione del piano dovrà essere effettuata a vantaggio del Concedente. La parte che intende attivare la procedura di revisione ne darà comunicazione per iscritto all altra con l esatta indicazione dei presupposti e delle ragioni che comporterebbero una alterazione dell equilibrio del Piano Economico Finanziario. L altra parte dovrà comunicare per iscritto le proprie determinazioni in merito alla richiesta di revisione entro 30 giorni dalla ricezione della stessa. In caso di disaccordo in merito ai presupposti di revisione della Concessione, si procede in ogni caso alla apertura della procedura di un accordo bonario. In mancanza di revisione della Concessione mediante la rideterminazione delle nuove condizioni di equilibrio del Piano economico finanziario così come previsto dall art. 143, co. 8 del d.lgs. 163/2006, il Concessionario potrà recedere dalla Concessione. In tal caso si applicherà quanto previsto dall art. 158, del d.lgs. 163/2006, con le limitazioni di cui al successivo art. 43 del presente Capitolato speciale d appalto Art. 21 Società di progetto Il concessionario si obbliga a costituire una società di progetto per azioni con capitale sociale non inferiore a ,00 per la gestione della presente concessione, da ripartirsi secondo quanto specificato in sede di offerta. Le azioni della società di progetto sono cedibili con i limiti di seguito individuati. Le banche e altri investitori istituzionali che non abbiano concorso a formare i requisiti per la qualificazione possono cedere in qualsiasi momento la propria partecipazione al capitale sociale, senza limitazioni. I soci che hanno concorso a formare i requisiti per la qualificazione (c.d. soci qualificanti ) sono tenuti a mantenere intatta la partecipazione al capitale sociale, così come risultante dall impegno presentato in sede di offerta, sino alla data di emissione del certificato di collaudo dell'opera. Successivamente al collaudo dei lavori di realizzazione, i soci che, in sede di gara, abbiano concorso a formare i requisiti di qualificazione per l esecuzione delle opere, possono cedere liberamente la propria quota di partecipazione al capitale sociale. I soci che in sede di gara, abbiano concorso a formare i requisiti di qualificazione per la gestione del servizio, possono cedere la propria quota di partecipazione al capitale sociale, purché mantengano una percentuale di partecipazione non inferiore, complessivamente, al 10% del capitale sociale. I soci che non hanno concorso a formare i requisiti per la qualificazione (c.d. soci non qualificanti ) possono cedere liberamente la propria partecipazione in qualsiasi momento. Art. 22 Cauzione definitiva - Garanzie e coperture assicurative Si dà atto che il Concessionario ha costituito, ai sensi dell art. 113 del d.lgs. 163/2006 apposita garanzia fideiussoria pari al 10% del valore dell investimento, con le modalità di cui all art. 123 del d.p.r. 207/2010 e nelle forme previste dal d.m. 123/2004, così come precisato dall art. 23 del Capitolato Speciale. La cauzione definitiva deve permanere fino alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio, ovvero decorsi dodici mesi dalla data di ultimazione dei lavori risultante dal relativo certificato. La cauzione deve essere trasmessa al Concedente almeno dieci giorni prima della consegna dell area.

10 Per quanto attiene alla fase di realizzazione dell opera, si dà atto che il Concessionario come previsto dall art. 24 del Capitolato Speciale, ha provveduto a stipulare, ai sensi dell art. 129, co. 1, del d.lgs. 163/2006 e dell art. 125 del d.p.r. 207/2010, una polizza di assicurazione a copertura dei danni eventualmente subiti dal Concedente e da terzi a causa del danneggiamento o della distruzione totale o parziale di impianti e opere, anche preesistenti, verificatesi nel corso dell esecuzione dei lavori per una somma assicurata pari all importo delle opere, ai sensi dell art. 125, co. 1, del d.p.r. 207/2010. La medesima polizza assicura il Concedente contro la responsabilità civile per danni causati a terzi, persone o cose nel corso dell esecuzione dei lavori con un massimale sinistro pari al 5% della somma assicurata per le opere, con un minimo di ,00 ed un massimo di ,00, ai sensi dell art. 125, co. 2 del d.p.r. 207/2010. Il Concessionario è obbligato a stipulare, ai sensi dell art. 129, co. 2, del d.lgs. 163/2006 ed all art. 126, co. 1 e 2, del d.p.r. 207/2010, due polizze assicurative decennali, rispettivamente: a) la prima, con decorrenza dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o comunque decorsi dodici mesi dalla data di ultimazione dei lavori risultante dal relativo certificato una polizza indennitaria decennale a copertura dei rischi di rovina totale o parziale dell opera ovvero dei rischi derivanti da gravi difetti costruttivi per un massimale non inferiore al 20% del valore dell opera, ai sensi dell art. 126, co. 1 del d.p.r. 207/2010. b) la seconda, con decorrenza dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio e per la durata di dieci anni una polizza di assicurazione della responsabilità civile per danni cagionati a terzi, con un massimale al cinque per cento del valore dell opera realizzata con un minimo di ,00 ed un massimo di ,00, ai sensi dell art. 126, co. 2 del d.p.r. 207/2010. Per quanto attiene alla fase di gestione del servizio cimiteriale, come prescritto dall art. 25 del Capitolato Speciale a garanzia della conservazione dell opera e della sua corretta gestione, il Concessionario è obbligato a stipulare, entro 15 giorni dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio: i. specifica polizza assicurativa, con validità fino alla scadenza della Concessione, adeguata alla copertura dei danni comunque subiti dall opera e dei rischi di responsabilità civile verso terzi per danni a persone e/o cose derivanti anche da furto ed incendio e comunque idonea a mantenere indenne e sollevato il Concedente da ogni responsabilità e/o richiesta danni; tale polizza dovrà altresì prevedere la copertura assicurativa abbia validità anche in caso di colpa dell assicurato e delle persone responsabili del fatto, delle quali l assicurato deve rispondere a norma di legge, avente massimale per sinistro e per anno di ,00; ii. il Concessionario dovrà assicurare le opere contro i rischi di incendio a copertura dei beni oggetto della Concessione (in questo caso il beneficiario di detta polizza dovrà essere il Concedente), e per responsabilità civile per danni a terzi. Il valore minimo assicurato dovrà essere pari all importo dei lavori, rivalutato annualmente con indice ISTAT; iii. una fideiussione bancaria o assicurativa avente massimale pari a ,00 che tenga indenne il Concedente dal mancato adempimento degli obblighi derivanti dal contratto per le modalità di gestione; la fideiussione bancaria o assicurativa o polizza rilasciata da un intermediario finanziario iscritto nell elenco speciale di cui all art. 107 del d.lgs. 385/1993, dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta del Concedente. iv. Il Concedente, con le modalità previste dal Disciplinare tecnico di gestione, provvederà ad eseguire le verifiche ispettive sulle opere oggetto di Concessione, accertando, gli eventuali lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché gli eventuali rinnovi totali e parziali degli impianti, necessari per riportare lo stesso complesso alle ottimali condizioni di uso; le relative spese saranno ad esclusivo carico del Concessionario; qualora il Concessionario non provveda a completare i lavori di manutenzione richiesti entro il termine indicato, il Concedente procederà ad incamerare la fideiussione di cui sopra, nei termini e con le modalità ivi previste, e provvederà in proprio all esecuzione dei lavori, senza che il Concessionario possa, in alcun modo, opporvisi. v. ulteriore polizza, da costituirsi almeno novanta giorni prima della scadenza della Concessione pari a ,00, a garanzia degli obblighi del Concessionario di cui al successivo art. 34.

11 Il Concessionario dovrà reintegrare le fideiussioni nel caso in cui queste siano venute meno in tutto o in parte. Le garanzie di cui al presente articolo devono decorrere dall inizio della gestione e fino alla riconsegna delle opere al Concedente. Art. 23 Responsabilità del concessionario Il concessionario resta comunque responsabile nei confronti del concedente dell esatto adempimento degli obblighi derivanti dalla presente convenzione; in ogni caso il concessionario si obbliga a tenere indenne il concedente da ogni pretesa, azione e ragione che possa essere avanzata da terzi in dipendenza dalla progettazione, così come dal medesimo Concessionario completata e rivista, dall esecuzione delle opere, e degli interventi previsti dalla presente convenzione o per mancato adempimento degli obblighi contrattuali o per altre circostanze comunque connesse con la progettazione ed esecuzione dei lavori e la gestione della struttura cimiteriale. Il concedente non assume responsabilità conseguenti a rapporti del concessionario con i suoi appaltatori, fornitori, prestatori di opera e terzi in genere. Rimane peraltro stabilito che nei contratti il concessionario dovrà imporre oltre che l osservanza delle leggi, capitolati e norme richiamate nel presente atto, il rispetto puntuale di tutti gli obblighi da lui assunti verso il concedente relativi alla corretta esecuzione e gestione delle opere. Art. 24 Oneri Saranno ad esclusivo carico del Concessionario, oltre agli oneri previsti nei vari articoli del presente contratto e/o del Capitolato Speciale al medesimo allegato, tutti i canoni, diritti e tariffe per la fornitura di acqua, energia elettrica, telefonia e servizi in genere. Resta, inoltre, a carico del Concessionario, il pagamento delle imposte e tasse se e in quanto dovute in base a disposizioni di legge. Gli eventuali lavori che nel corso della realizzazione delle opere oggetto della presente convenzione e/o nella gestione dovessero rendersi necessarie per il rispetto di disposizioni di legge, nonché l adeguamento ed il ripristino funzionale delle utenze in genere e delle infrastrutture di servizi pubblici e privati, devono essere eseguiti a cura e spese del concessionario. Art. 25 Trasferimento competenze al concessionario nella gestione del servizio cimiteriale Il concedente trasferisce al concessionario per tutta la durata della concessione l esecuzione e/o la gestione di ogni operazione cimiteriale in osservanza: 1. del testo unico delle leggi sanitarie R.D. n.1265 del 27 luglio 1934 e successive modifiche e integrazioni; 2. del Regolamento Nazionale vigente di Polizia Mortuaria DPR n.285 del 10 settembre 1990 e successive integrazioni; 3. della Legge n.130 del 30 marzo 2001 in materia di cremazione e dispersione delle ceneri; 4. del Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria. 5. di tutta la normativa in materia di servizi cimiteriali vigente durante la concessione; Il Concedente assicura la propria collaborazione nella supervisione delle pratiche amministrative relative alla concessione dei loculi ed all esecuzione di tutti i compiti e funzioni cimiteriali tramite il personale del Concessionario. Il Concessionario si impegna inoltre a mettere a disposizione personale qualificato ed in numero adeguato al servizio, a pena di decadenza del contratto di concessione. Il Concedente assicura altresì al concessionario la collaborazione dei propri servizi e uffici per i compiti e le funzioni funerarie di carattere amministrativo oltre che le incombenze connesse tra la Vigilanza Cimiteriale e il Corpo dei Vigili Urbani. Art. 26

12 Sanzioni In caso di inadempienza da parte del concessionario ad una qualsiasi delle clausole del presente contratto, afferenti la progettazione, la realizzazione delle opere e la gestione del servizio, il Comune previa messa in mora, potrà in tutto od in parte sostituirsi al concessionario inadempiente provvedendo all espletamento in danno, previo formale preavviso determinato dall Ufficio Alta Sorveglianza, agli adempimenti richiesti con il personale dei propri uffici e/o con appositi incarichi e/o appalti le cui spese tutte saranno poste a totale carico del concessionario mediante sanzione irrogata dai competenti Uffici Comunali con specifico provvedimento. Il Concessionario è assoggettato, inoltre, alle seguenti penali: 1. per ritardi nella revisione/completamento della progettazione e prevista l irrogazione, da parte dell Ufficio di Alta Sorveglianza, di cui al precedente art.14, delle sanzioni di seguito indicate: per la mancata presentazione del progetto rivisto e completato entro i termini precisati all art.3 sanzione pari ad. per ogni giorno di ritardo; per il mancato adeguamento dei progetti a norme di legge sopraggiunte e/o alle prescrizioni dei competenti Uffici del concedente, sanzione pari a per ogni giorno di ritardo rispetto al termine stabilito per l adeguamento; 2. per ritardi rispetto ai termini stabiliti nel cronoprogramma, penale giornaliera pari allo 0,03% dell importo dei lavori, così come previsto dall art. 33 del Capitolato Speciale. 3. Per il mancato rispetto dei livelli minimi del servizio garantiti in sede di offerta, sanzione pari a.. per ciascuna infrazione riscontrata; 4. Per l inosservanza delle norme regolamentari locali, qualora non si tratti di violazioni anche alle disposizioni del regolamento nazionale di cui al DPR 285/90, e prevista l applicazione, della sanzione amministrativa pecuniaria con le modalità di cui alla L. 689/81 e successive modificazioni ed integrazioni. In ogni caso, resta fatta salva la facoltà del concedente di avvalersi delle previsioni di cui al primo comma del presente articolo nonché delle previsioni di cui al successivo art.27. Il concessionario è tenuto al pagamento delle sanzioni irrogate entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento; decorso infruttuosamente tale termine il comune provvederà alla escussione totale o parziale della cauzione definitiva di cui al precedente art.22 Art. 27 Risoluzione Sostituzione del concessionario La risoluzione per inadempimento del Concessionario e del Concedente è disciplinata, rispettivamente, dagli art. 41 e 42 del Capitolato Speciale allegato al presente contratto per costituirne parte integrante e sostanziale. Trovano, altresì, applicazione gli artt. 43 e 44 del Capitolato stesso. Art.28 Autorizzazioni a soggetti terzi E consentita l esecuzione di lavori di completamento delle tombe private e gli altri manufatti sepolcrali, nonché tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e di risanamento conservativo, a soggetti terzi rispetto al concessionario. Gli interventi sono subordinati alla presentazione di istanze, comunicazioni e quant altro previsto dalla vigente normativa in materia di edilizia privata ai competenti uffici del concedente e, per opportuna conoscenza, al concessionario. Art. 29 Definizione delle controversie Per tutte le controversie che dovessero insorgere nel corso della Concessione, e che non dovessero risolversi in via bonaria tra il Concessionario e il Concedente, resta competente il Foro di Tivoli. Art.31 Spese

13 Le spese del presente atto e sue conseguenti sono a carico del concessionario che chiede tutte le agevolazioni fiscali in materia. I compensi e spese, compresi gli oneri tributari per il rilascio delle fidejussioni di cui all art.18 e gli oneri dei collaudatori sono a carico del concessionario.

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO SCHEMA DI CONTRATTO N. Rep.... LAVORI PER LA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO STAMPATO COME ESISTENTE NEL CORTILE INTERNO DELLA SEDE DI PIAZZA CARDINAL FERRARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE

PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE PROPOSTA DI PROJECT FINANCING COMUNE DI ACICATENA (CT) PROGETTO PER IL COMPLETAMENTO DELLA ZONA C DEL CIMITERO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE SEPOLTURE Affidamento di opere in Concessione di progettazione,

Dettagli

ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL. L anno duemiladodici e questo dì del mese di TRA

ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL. L anno duemiladodici e questo dì del mese di TRA ATTO ACCESSIVO ALLA CONCESSIONE DI CUI ALLA DETERMINAZIONE N. DEL L anno duemiladodici e questo dì del mese di in Firenze per il presente atto TRA - il Comune di Firenze, codice fiscale n. 01307110484,

Dettagli

COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona

COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona SETTORE TECNICO SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO Concessione di area pubblica parco 1 Maggio e per la gestione del chiosco-bar destinato all esercizio

Dettagli

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di opere e provviste occorrenti per la realizzazione di N 1 Impianto Fotovoltaico Collegato Alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE "SANTOBONO-PAUSILIPON" VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE SANTOBONO-PAUSILIPON VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630 AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE "SANTOBONO-PAUSILIPON" VIA DELLA CROCE ROSSA N 8-80122 NAPOLI CF/p. IVA 06854100630 CONTRATTO RELATIVO ALL AFFIDAMENTO ANNUALE (PROROGABILE DI UN ULTERIORE ANNO)

Dettagli

COMUNE DI NICOLOSI C.A.P. 95030 PROVINCIA DI CATANIA. Area 6^ - Urbanistica DISCIPLINARE DI CONCESSIONE ART. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE

COMUNE DI NICOLOSI C.A.P. 95030 PROVINCIA DI CATANIA. Area 6^ - Urbanistica DISCIPLINARE DI CONCESSIONE ART. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE COMUNE DI NICOLOSI C.A.P. 95030 PROVINCIA DI CATANIA Area 6^ - Urbanistica DISCIPLINARE DI CONCESSIONE ART. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE 1. Il Comune di Nicolosi affida in concessione la gestione degli

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE. Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE. Provincia di Bologna Allegato alla D.G. n. 119 del 04.07.2008. CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna Repertorio CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO NON ECLUSIVO DI ATTREZZATURE PUBBLICHE PER COLLOCAZIONE IMPIANTO TECNOLOGICO

Dettagli

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO Ai sensi dell art. 125 comma 12 del D. Lgs. n. 163 del 2006 e s.m.i., avente ad oggetto il Codice

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI VITTORIO VENETO Provincia di Treviso Comando Polizia Locale e Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato

Comune di Prato. Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Comune di Prato Servizio Edilizia Pubblica e Cimiteri Concorso di progettazione in fase unica: Parco Cimiteriale e Tempio Crematorio a Chiesanuova, nel Comune di Prato Allegato 11 - Schema disciplinare

Dettagli

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE Tra le sottoscritte parti: CASALE SPORTIVA SRL, con sede in Mirandola (MO), Via Giovanni Pico, 51, p. iva

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI.

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. A.S. 2012/2013 L Istituto scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO, 1 di seguito chiamato scuola,

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE.

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Articolo 1 OGGETTO DELLA FORNITURA Le prestazioni richieste al soggetto appaltatore

Dettagli

SCHEMA DI CONCESSIONE

SCHEMA DI CONCESSIONE SCHEMA DI CONCESSIONE REGOLANTE I RAPPORTI TRA CONCEDENTE E CONCESSIONARIO, RELATIVAMENTE ALLA CONCESSIONE DELLA GESTIONE, MESSA A NORMA E MANUTENZIONE DELL IMPIANTO ALPINE COASTER MONTE LIVATA, SITO IN

Dettagli

La realizzazione dei lavori

La realizzazione dei lavori 131 Nel caso di lavori da aggiudicare con il criterio del prezzo più basso, di importo pari o inferiore alla soglia comunitaria, se il bando prevede l esclusione automatica delle offerte anomale e il numero

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI :

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : SCHEMA DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : N 02 PENSILINE DI ATTTESA BUS N 02 OROLOGI ANTICHIAZZATI N 05 CESTINI

Dettagli

COMUNE DI VALPELLINE

COMUNE DI VALPELLINE COMUNE DI VALPELLINE c/o Municipio: Loc. Les Prailles, 7 11010 Valpelline (AO) - Tel. 0165/73227 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFITTO LOCALI DEL BAR RISTORANTE DI PROPRIETÀ COMUNALE, SITO IN FRAZ. LES PRAILLES

Dettagli

C O M U N E D I L U Z Z A R A

C O M U N E D I L U Z Z A R A CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI GESTIONE, MANUTENZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PORTO LE GARZAIE E DELL AREA GOLENALE CIRCOSTANTE PERIODO ANNO 2009-2022 CUP J19E08000080004 - CIG 0249871810

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE. l sig. o la società.,sede legale, persona del legale

CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE. l sig. o la società.,sede legale, persona del legale CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE Tra: l sig. o la società.,sede legale, persona del legale rappresentante pro-tempore, in proprio nonché quale procuratore di.,

Dettagli

COMUNE DI LUCOLI. (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI

COMUNE DI LUCOLI. (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI SCHEMA CONTRATTO DI CONCESSIONE ALLEGATO - C COMUNE DI LUCOLI (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI PROPRIETÀ COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE DI STRUTTURE MOBILI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO. La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO. La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità di Responsabile dell Area amministrativa finanziaria del COMUNE DI FINO MORNASCO, C.F./P.IVA

Dettagli

3529,1&,$',%5,1',6, $57 2JJHWWRGHOO DSSDOWR

3529,1&,$',%5,1',6, $57 2JJHWWRGHOO DSSDOWR $OOHJDWR³* DOOD'HWHUPLQD]LRQHQƒGHO 3529,1&,$',%5,1',6, &$3,72/$7263(&,$/(' $33$/72 2JJHWWRGHOO DSSDOWR L appalto ha per oggetto i lavori di manutenzione ordinaria, pronto intervento e interventi straordinari

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

COMUNE DI MONTALE. Provincia di Pistoia OGGETTO: LAVORI DI SISTEMAZIONE DEL GIARDINO MONUMENTALE CON ALLESTIMENTO DEL PROGETTO DEL

COMUNE DI MONTALE. Provincia di Pistoia OGGETTO: LAVORI DI SISTEMAZIONE DEL GIARDINO MONUMENTALE CON ALLESTIMENTO DEL PROGETTO DEL COMUNE DI MONTALE Provincia di Pistoia OGGETTO: LAVORI DI SISTEMAZIONE DEL GIARDINO MONUMENTALE CON ALLESTIMENTO DEL PROGETTO DEL GIARDINO DEL XXI SEC VILLA CASTELLO SMILEA MONTALE CAPOLUOGO. REP. 2/2015

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza Rep. N. in data Contratto di appalto per lavori relativi ad interventi di adeguamento alle norme di prevenzione incendi e potenziamento uscite di sicurezza della

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Via XXV Aprile n. 4 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIE E AZIENDE PARTECIPATE SERVIZIO ECONOMATO Tel. 0266023226-Fax 0266023244 e-mail alessia.peraboni@comune.cinisello-balsamo.mi.it

Dettagli

C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806

C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806 C O M U N E DI B O V A L I N O 89044 Provincia di Reggio Calabria Codice Fiscale 81000710806 AREA TECNICA E MANUTENTIVA 0964. 672324 0964.672300 e-mail ufficiotecnico@cert.comune.bovalino.rc.it SCHEMA

Dettagli

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari

COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari 1 COMUNE DI SEGARIU Provincia del Medio Campidano Via Municipio 11- Telefono 070/9303923 Telefax 070/9302306 Servizi Finanziari DISCIPLINALE PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN CAPANNONE PER ESSERE ADIBITO

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE

SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE Con la presente convenzione, tra le sottoscritte parti: o Comune di FARA SAN MARTINO,

Dettagli

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola L anno, nel giorno ( ) del mese di, presso la sede del Comune di Capannori (LU), con il presente atto da valere ad ogni effetto

Dettagli

COMUNE DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA tel. 0444/476589 476585 e-mail: ufficio.contratti@comune.arzignano.vi.it SERVIZIO APPALTI E CONTRATTI Prot. n. 16485/BL Arzignano, 30 maggio 2013 BANDO PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Consiglio Regionale del Piemonte

Consiglio Regionale del Piemonte ALLEGATO N. 02 Consiglio Regionale del Piemonte CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER L ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI VIA PIFFETTI, 49 10143 TORINO. Periodo:

Dettagli

Impianti per la pubblicità diretta Gestione e manutenzione di transenne parapedonali

Impianti per la pubblicità diretta Gestione e manutenzione di transenne parapedonali CITTA DI SALSOMAGGIORE TERME SETTORE 3 TERRITORIO ED INFRASTRUTTURE Servizio Ambiente Viale Romagnosi, 7 43039 Salsomaggiore Terme (PR) Tel. 0524/580239 Fax 0524/580299 www.comune.salsomaggiore-terme.pr.it

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011 Filiale Emilia Romagna ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO Rep. n /Atti Privati del 2011 L anno 2011 addì del mese di, presso la sede dell Agenzia del Demanio Filiale Emilia Romagna

Dettagli

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A

CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A CONTRATTO PER GLI INTERVENTI MIRATI AL RISPARMIO ENERGETICO PRESSO LA REGGIA DI VENARIA REALE FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI A BASSO CONSUMO PER LE SCUDERIE JUVARIANE CODICE C.I.G... - CUP.. Importo netto:

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163)

La normativa in corso dal 01.07.2006 per le coperture assicurative (D.lgs 12 aprile 2006 n. 163) L entrata in vigore del Codice dei Contratti Pubblici Codice de Lise D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Il nuovo testo unitario sugli appalti pubblici (anche denominato "Codice de Lise", dal nome del presidente

Dettagli

SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA

SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA Presidio Ospedaliero Nord S.MARIA GORETTI DI LATINA SERVIZIO DI RISONANZA MAGNETICA GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI UNA RM 1,5 T, L AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE

ALLEGATO B. Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE ALLEGATO B Capitolato Speciale d Appalto (C.S.A.) relativo a FORNITURA IMBARCAZIONE AD USO DI POLIZIA LOCALE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

Allegato C COMUNE DI PISA

Allegato C COMUNE DI PISA Allegato C COMUNE DI PISA CAPITOLATO D'ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI PUBBLICITARI A MESSAGGIO VARIABILE O MAXISCHERMI SU AREE DI PROPRIETA DEL COMUNE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI LOTTO 2 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI STAMPA DEL PERIODICO COMUNALE IL GIORNALE DI CORSICO E DI ALTRI PRODOTTI TIPOGRAFICI. (PERIODO: gennaio 2016/ dicembre 2016) CIG:

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO Art.1 Oggetto dell accordo a- Le parti stipulano alle condizioni descritte un contratto della durata di un anno per i servizi espressamente scelti dal CLIENTE,

Dettagli

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA

CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CITTÀ DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO - PISCINA COMUNALE DI SUNA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL LIDO PISCINA COMUNALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna Rep. n. SCHEMA DI CONTRATTO DI CONCESSIONE IN DIRITTO DI SUPERFICIE DI UN AREA IN LOCALITA PONTE SAMOGGIA EDIFICABILE PRODUTTIVA PER LA REALIZZAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI)

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Procedura aperta per la progettazione, fornitura e installazione di impianti solari termici e fotovoltaici,

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha ad oggetto l affidamento del

Dettagli

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DEGLI ARTT. 19 E 27 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA SPECIALISTICA PER L ELABORAZIONE DEL MODELLO DI FLUSSO DEGLI ACQUIFERI E DI DISPERSIONE DEGLI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10.

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10. CONTRATTO DI LICENZA D USO DI SOFTWARE ddaattaa Hyphen-Italia srl sede legale ed amministrativa: Verona > Via Marconi, 14 > 37010 Affi > Tel. +39 045.62.03.200 > Fax +39 045 62.03.250 Codice fiscale 04334860485

Dettagli

PARTE GENERALE. Art. 1 Oggetto

PARTE GENERALE. Art. 1 Oggetto Capitolato di gara (Polizza generale) per l assicurazione della responsabilità civile professionale dei dipendenti del Comune di Firenze incaricati della progettazione dei lavori ai sensi degli art. 90

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO INDICE Articolo 1 Affidamento del servizio pagina 2 Articolo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna delle parti contraenti, ed uno per l Ufficio del Registro, tra il Comune di Verbania

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SANTA CROCE CAMERINA E LE DITTE PROPRIETARIE: xxxxxxx xxxxxxx PER L ATTUAZIONE DELLA PRESCRIZIONE ESECUTIVA DELLA ZONA OMOGENEA SOTTOZONA C2/8 E LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA = PREZZO PIU BASSO DETERMINATO MEDIANTE MASSIMO RIBASSO SULL IMPORTO DEI LAVORI APPALTO CON CORRISPETTIVO A CORPO = LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA IMPIANTI

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Prot. 9770 del 09/11/2012 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Fornitura in Full Rent di n. 2 autovetture 4x4 SALERNO, 09/11/2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ing. Bernardo Saja Oggetto dell appalto Qualità

Dettagli

CITTA' DI CASTROVILLARI

CITTA' DI CASTROVILLARI CITTA' DI CASTROVILLARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI AREE PER LA COSTRUZIONE DI EDICOLE PRIVATE NEL CIMITERO DI CASTROVILLARI. Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.8 del 23 Marzo 2007

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII Il giorno 2006, presso la sede della Direzione Unità Organizzativa Ambiente e Litorale

Dettagli

I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO

I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO LEASING Sommario Capo I LEASING MOBILIARE FINANZIARIO Definizione Art. 1 Scelta del fornitore e del bene» 2 Forma del contratto» 3 Ordine al fornitore» 4 Consegna» 5 Pagamento del corrispettivo» 6 Assicurazione»

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CIG ZAA0BF9AA1

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CIG ZAA0BF9AA1 SCHEMA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OO.PP. DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA CUP ASSEGNATO AL PROGETTO D31H12000140001 CIG ZAA0BF9AA1 Affidamento

Dettagli

1. STAZIONE APPALTANTE Milanosport S.p.A. viale Tunisia n. 35-20124 Milano - tel. 02-62345110/07 - fax 02/62345191.

1. STAZIONE APPALTANTE Milanosport S.p.A. viale Tunisia n. 35-20124 Milano - tel. 02-62345110/07 - fax 02/62345191. PROCEDURA APERTA PER LA CONCESSIONE D USO DI IMPIANTI PUBBLICITARI INSISTENTI PRESSO I CENTRI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MILANO ED IN GESTIONE A MILANOSPORT S.p.A. - APPALTO REP. 3/2014 - CIG

Dettagli

DISCIPLINARE DI INCARICO

DISCIPLINARE DI INCARICO Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia ENTE PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE DISCIPLINARE DI INCARICO PER IL C OORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN F ASE DI ESECUZI ONE, PER I LAVORI DI REALIZZAZI ONE

Dettagli

BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE

BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE L'anno duemilaquattordici il giorno.. del mese di.. in Piombino, nella Civica Residenza in Piombino Via Ferruccio, 4: SONO COMPARSI - il COMUNE DI PIOMBINO,.. E

Dettagli

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE Cuggiono (MI) Via Ugo Foscolo e Scuola Media 1 SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE 1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: E.E.S.CO.

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE Premessa Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via pervenuto al Comune di Palermo giusta confisca ex L. 575/65 e succ. mod. ed integr. in pregiudizio

Dettagli

CUP: J41I12000020002 ; CIG: 45692020C6 TRA

CUP: J41I12000020002 ; CIG: 45692020C6 TRA SCHEMA di CAPITOLATO D ONERI per L'AFFIDAMENTO dei SERVIZI di PROGETTAZIONE PRELIMINARE e DEFINITIVA e COORDINAMENTO della SICUREZZA in FASE PROGETTUALE, RELATIVI al PROGETTO ADEGUAMENTI DI SICUREZZA e

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO. Caravaggio, il quale interviene al presente atto in nome e

COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO. Caravaggio, il quale interviene al presente atto in nome e COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SCHEMA DI ATTO DI CONCESSIONE IN USO A FAVORE DI... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO VIA CARLO PORTA 2, DELLA SUPERFICIE COMPLESSIVA DI MQ. 940 DI CUI

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE EDILIZIE RELATIVE AD IMMOBILI CIVILI DI PROPRIETA CONDOMINIALE CONTRATTO DI APPALTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla deliberazione C.C. n 25 del 9 novembre 2009 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO,

AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO, CONTRATTO REP. N. DEL AFFIDAMENTO DELLA LA FORNITURA E DELL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE WIRELESS (WLAN) E DEL CENTRO DI CONTROLLO, ESTESO AL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI AVELLINO E BENEVENTO

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Rep. n. - Atti Privati soggetti a registrazione schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 omissis Tutto ciò premesso

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA PRESTAZIONE DEL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE E DEI SERVIZI ACCESSORI (C.I.G. 5199718F05) TRA la società Deval S.p.A. a s.u. (partita IVA e codice fiscale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA F.LLI CALVI. TRA

CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA F.LLI CALVI. TRA CONTRATTO DI LOCAZIONE DELL IMMOBILE COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA F.LLI CALVI. TRA IL COMUNE DI CALOLZIOCORTE: - Sede legale: 23801 Calolziocorte (Lc), p.za V. Veneto n. 13 - Cod.Fisc.

Dettagli

COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO. Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L.

COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO. Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L. COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO Provincia di Fermo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA SOC. COOP. A R.L. MARINA SERVICE DI PORTO SAN GIORGIO GESTIONE SERVIZIO DI SALVATAGGIO A MARE NELLE SPIAGGE LIBERE DEL

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DEL SERVIZIO ASSICURATIVO RELATIVO ALLA POLIZZA TRIENNALE INFORTUNI PER LA SEDE DELLA SOGESID S.P.A. DI ROMA. CIG:

Dettagli

In data odierna. tra. Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede

In data odierna. tra. Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede Contratto di affidamento di incarico In data odierna tra Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede in Pisa, Piazza dei Facchini n. 16, nella persona del Direttore Generale, Dott.

Dettagli

INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI

INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI Con le presenti direttive si forniscono indirizzi per il rilascio ed il rinnovo delle concessioni di pertinenze

Dettagli