CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI GUIDONIA MONTECELIO (N.B. DA STIPULARSI IN FORMA ELETTRONICA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI GUIDONIA MONTECELIO (N.B. DA STIPULARSI IN FORMA ELETTRONICA)"

Transcript

1

2 CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL CIMITERO DI GUIDONIA MONTECELIO (N.B. DA STIPULARSI IN FORMA ELETTRONICA) TRA IL COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO (c.f. ), rappresentato da di seguito denominato Concedente o Comune e (Codice Fiscale), in persona del proprio legale rappresentante di seguito denominata Concessionario PREMESSO CHE: a) con delibera di C.C. n. 59 del 17/10/2013 il Comune ha approvato il Programma Triennale dei lavori pubblici; b) nel programma predetto è inclusa la realizzazione dell ampliamento del cimitero comunale, da realizzarsi mediante concessione di progettazione, costruzione e gestione e con finanziamento a totale carico del concessionario; c) i progetti preliminare, definitivo ed esecutivo dell opera sono stati approvati, rispettivamente, con i seguenti atti deliberativi: progetto preliminare Delibera di Giunta comunale n. 316 del , progetto definitivo Delibera di Giunta comunale n. 81 del progett, esecutivo Determinazione dirigenziale n. 174 del ; d) con determina a contrarre n.. del.. è stato deliberato l affidamento mediante concessione di progettazione, costruzione e gestione della realizzazione dell ampliamento del Cimitero comunale; e) il relativo bando di gara è stato pubblicato sulla GUCE n.. del. e sulla GURI n...del.nonché sui seguenti quotidiani, ed inserito, altresì, sul profilo del committente. f) in esito alla gara esperita con procedura ristretta ed aggiudicazione all offerta economicamente più vantaggiosa, il Comune ha individuato nel..il soggetto concessionario a cui affidare la concessione per la progettazione, realizzazione gestione dell opera predetta. g) I presupposti e le condizioni di base che determinano l equilibrio economico - finanziario degli investimenti e della connessa gestione, ai sensi dell art. 143 c. 8 sono riportati nel Piano economico finanziario;] Tutto ciò premesso Si conviene e si stipula quanto segue: Art. 1 Oggetto La presente convenzione ha per oggetto la revisione ed il completamento della progettazione esecutiva, nonché la realizzazione e la gestione in regime di concessione dell ampliamento del cimitero comunale ai sensi dell art. 3, co. 11 e dell art. 143 e ss. del d.lgs. 163/2006. In particolare, sono comprese nell oggetto della concessione: 1. la revisione ed il completamento della progettazione esecutiva nei limiti specificati nelle Linee Guida allegate al Capitolato Speciale; 2. la direzione dei lavori ed il coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione di cui al d.lgs. 81/2008;

3 3. l esecuzione dei lavori di cui al progetto esecutivo, secondo il cronoprogramma di realizzazione, nonché di tutti i lavori e le opere ad essi strutturalmente collegati; 4. la gestione funzionale ed economica, la manutenzione ordinaria e straordinaria, gli adeguamenti tecnici necessari per il prosieguo della gestione e gli adeguamenti programmati e/o straordinari, da parte del Concessionario, il quale condurrà in proprio tutti i beni e le superfici relative all ampliamento e completamento del cimitero nonché quelle relative al cimitero esistente, per tutta la durata della Concessione; 5. la consegna al Concedente, alla scadenza della Concessione, dell intero complesso cimiteriale, di tutti i beni, delle superfici e delle strutture realizzate, dei relativi impianti ed arredi, in ottime condizioni di conservazione e di funzionamento, conformemente a quanto stabilito in contratto, senza corrispettivo alcuno a favore del Concessionario. Art. 2 Durata della concessione La durata della Concessione è fissata in 25 anni a decorrere dalla firma del presente contratto e quindi con scadenza al ; la durata comprende il tempo necessario all elaborazione degli elaborati di completamento del progetto esecutivo ed all ottenimento dell approvazione degli stessi da parte dell amministrazione comunale, salvo quanto precisato al successivo art. 3, il tempo necessario all approntamento dei cantieri nonché il tempo necessario all ottenimento di ogni autorizzazione prevista dalla normativa vigente per l esecuzione e/o la gestione delle opere. E esclusa qualsiasi forma di tacito rinnovo. Art. 3 Revisione e completamento della progettazione esecutiva e relativa approvazione Il Comune ha posto a base di gara il progetto esecutivo delle opere, da completarsi a cura del concessionario per quanto attiene agli elaborati di dettaglio degli impianti, nonché agli ulteriori approfondimenti/precisazioni indicate nei documenti allegati all atto di validazione del progetto, il tutto come precisato dalle Linee Guida allegate al Capitolato Speciale. Il Concessionario dovrà, altresì, provvedere alla revisione complessiva della progettazione esecutiva al fine di recepire gli elementi migliorativi proposti in sede di gara. Il Concessionario è tenuto a consegnare al Concedente la progettazione esecutiva, rivista e completata ai sensi dei comma precedenti, entro 60 giorni dalla firma della presente convenzione. Il mancato rispetto del termine di consegna comporterà l applicazione delle sanzioni di cui al successivo art. 26. Il Concedente provvederà alla verifica degli elaborati progettuali consegnati dal Concessionario entro i successivi 30 giorni. Tale termine potrà essere interrotto per una sola volta dalla richiesta di chiarimenti. All esito della verifica, il Comune procederà, ove ne ricorrano le condizioni, alla validazione ed approvazione finale degli elaborati, ovvero alla restituzione degli stessi al Concessionario con l indicazione delle eventuali carenze affinché provveda a porvi rimedio. In quest ultimo caso, verranno applicate le sanzioni previste dal successivo art. 26 dalla data della riconsegna degli elaborati progettuali e sino alla loro validazione, fermo restando il diritto del Comune, nel caso in cui gli elaborati ripresentati risultino ancora carenti, di risolvere il presente contratto per inadempimento del Concessionario, con ogni conseguenza di legge. Il Concessionario è tenuto, altresì, a redigere gli elaborati del piano regolatore cimiteriale di cui agli art. 54 e seguenti del D.P.R , N. 285 Art. 4 Realizzazione delle opere di ampliamento del cimitero Il Concessionario si obbliga, in attuazione del progetto esecutivo approvato ai sensi del precedente art. 3, nonché in conformità alle disposizioni del Capitolato Speciale di gara e a quanto specificato nei successivi articoli, alla all effettuazione delle opere di ampliamento del cimitero realizzando ogni opera necessaria al completamento funzionale del servizio. Come previsto dal Capitolato Speciale, la realizzazione dovrà avvenire in tre lotti funzionali. I lotti sono specificati nel Capitolato Speciale e negli elaborati progettuali, cui il Concessionario dovrà scrupolosamente attenersi.

4 Il Concessionario dovrà provvedere a propria cura e spese alla realizzazione delle opere cimiteriali complete in ogni loro parte e finitura, nessuna esclusa o eccettuata, intendendosi inclusi la fornitura degli arredi, suppellettili e attrezzature varie per il funzionamento del cimitero e per la corretta fruizione degli spazi esterni destinati all uso pubblico, le urbanizzazioni necessarie per il loro funzionamento da realizzarsi chiavi in mano, come riportato negli elaborati grafici-descrittivi del progetto esecutivo approvato ai sensi del precedente art. 3. Art. 5 Tempi di realizzazione La realizzazione delle opere di ampliamento del cimitero comunale dovrà avvenire nel rispetto delle tempistiche previste dal Capitolato Speciale, così come specificate nel cronoprogramma facente parte del progetto approvato ai sensi del precedente art. 3, il quale, in ogni caso, dovrà essere conforme a quanto previsto nell offerta aggiudicataria. Il Concessionario è tenuto a dare l avvio ai lavori relativi al primo lotto entro e non oltre centottanta giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data di sottoscrizione del presente contratto. I lavori relativi ai successivi lotti secondo e terzo dovranno essere avviati dal Concessionario nel rispetto di quanto previsto nell offerta presentata in sede di gara e, pertanto, entro...[nel caso in cui il Concessionario abbia proposto una riduzione dei tempi rispetto a quanto previsto dal capitolato speciale e dal progetto esecutivo a base di gara. Altrimenti, verranno riportate le previsioni dei predetti documenti.] Il Concedente potrà, a suo insindacabile giudizio, concedere proroghe del termine di ultimazione lavori, determinato ai sensi dei comma precedenti, qualora si siano verificati eventi straordinari ed imprevedibili che abbiano causato ritardi nei lavori per cause non imputabili al Concessionario. In tali casi, è onere del Concessionario comunicare tempestivamente al Concedente le cause che abbiano determinato o possano determinare gli eventuali ritardi, chiedendo contestualmente la proroga del termine di ultimazione, precisandone altresì la durata. Resta inteso che le eventuali proroghe concesse dal Concedente ai sensi di quanto sopra non avranno effetto sulla durata complessiva della Concessione e, quindi, sulla scadenza del presente contratto, che resterà fissata nella data indicata al precedente art. 2. Le opere dovranno essere eseguite sotto la sorveglianza tecnica dell Ufficio di Alta Sorveglianza, di cui al successivo art. 14, i cui funzionari e consulenti avranno libero accesso ai cantieri. La data d inizio delle opere dovrà essere comunicata a detto ufficio a mezzo raccomandata o PEC, con preavviso di almeno 10 giorni. Le opere anzidette saranno comunque soggette a collaudi in corso d opera e a collaudo definitivi da eseguirsi a cura della Commissione di Collaudo di cui al successivo articolo 12. In nessun modo la responsabilità del Concessionario potrà essere esclusa o limitata a motivo dell attività svolta dall Ufficio di Alta Sorveglianza. Art. 6 Sistemazione aree di cantiere e organizzazione del lavoro Il Concessionario dovrà adottare tutti i provvedimenti necessari affinché l esecuzione dei lavori previsti nei tre lotti non intralci in alcun modo il normale andamento dei servizi cimiteriali. Al fine di consentire il regolare svolgimento delle attività cimiteriali, le aree di cantiere dovranno essere interdette al fine di non creare pericoli alla pubblica e privata incolumità, e dovranno essere opportunamente schermate anche visivamente con l uso di barriere provvisorie mobili, garantendo comunque il decoro delle aree aperte al pubblico. La formazione del cantiere attrezzato, compresi gli allacciamenti, impianti e consumi di acqua ed energia elettrica ad uso cantieri; la recinzione, pulizia e manutenzione del cantiere stesso, l esecuzione delle opere ed impianti provvisionali, qualunque ne sia l entità, nonché di quanto previsto dal progetto di intervento relativo alla sicurezza contenuto nel Piano di sicurezza e coordinamento è ad esclusivo carico del Concessionario, così come ogni altro onere indicato all art. 16 del Capitolato Speciale. Art. 7

5 Proprietà delle opere realizzate La proprietà delle aree e delle opere oggetto di concessione, incluse quelle realizzande a cura e spese del Concessionario, è del Concedente, fin dal momento della loro realizzazione. Il Concessionario, ai sensi dell art. 143 del Codice Contratti (D.Lgs. 163/2006), è titolare unicamente del diritto di gestire e sfruttare economicamente le opere realizzate per l intera durata della concessione, senza che il medesimo acquisisca sulle predette e/o sulle aree ove esse insistono alcun diritto di proprietà. L intero complesso cimiteriale, compresi tutti i beni, le superfici e le strutture realizzate, i relativi impianti e le opere, fissi o mobili, realizzate dal Concessionario, ivi compresi quelli realizzati nel corso della Concessione, tutte le attrezzature, macchinari, arredi e accessori installati dal predetto Concessionario, in forza del contratto di Concessione, nonché il cimitero già esistente rientreranno nel possesso e nella disponibilità del Concedente alla scadenza della Concessione, senza corrispettivo alcuno a favore del Concessionario. Art. 8 Concessione di loculi, ossari e porzioni di suolo a terzi il concessionario è autorizzato dal concedente a dare in concessione a terzi i predetti beni per tutta la durata prevista dal Regolamento di Polizia Mortuaria (trenta anni). Alla scadenza del contratto di concessione di progettazione, costruzione e gestione, ovvero in ogni altro caso in cui il contratto stesso dovesse essere anticipatamente risolto non verrà meno la validità e l efficacia, nei confronti del Concedente, delle concessioni a terzi di loculi, ossari e porzioni di suolo sottoscritte dal concessionario, le quali resteranno valide ed efficaci sino alla scadenza in esse prevista. Art. 9 Responsabilità tecnica Il concessionario provvederà a nominare il proprio Responsabile Tecnico entro 10 giorni dalla data di sottoscrizione del presente contratto. Il Responsabile Tecnico è l interlocutore del Concedente per tutti gli atti conseguenti alla gestione della presente convenzione. Art. 10 Coordinamento per la sicurezza Il Concessionario è, altresì, tenuto, come precisato dalla Deliberazione dell AVCP n. 12/2012 e dalla Determina n. 2/2010, a nominare il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione, per la revisione e il completamento della progettazione esecutiva, ed il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione lavori, nonché il direttore dei lavori. Resta di competenza del Concedente la verifica del progetto esecutivo e la nomina, a spese del concessionario, della Commissione di Collaudo in corso d opera; Art.11 Direzione Lavori Il Concessionario durante la fase di realizzazione provvederà alla nomina dell Ufficio di direzione lavori all inizio lavori, dandone contestuale comunicazione al Concedente presso l Ufficio di Alta Sorveglianza che su tale nomina dovrà esprimere il proprio nulla osta vincolante. Le eventuali modifiche dell ufficio di direzione saranno comunicate all Ufficio di Alta Sorveglianza con almeno 15 giorni di preavviso. Art. 12 Collaudi Gli oneri relativi alla commissione di collaudo, i cui nominativi sono stati indicati al Concessionario dal Concedente a seguito dell aggiudicazione, sono posti a carico del Concessionario.

6 Le opere oggetto della concessione saranno soggette a collaudi in corso di opera ed a collaudo finale così come previsto dall art. 32 del Capitolato Speciale. Per quanto riguarda gli interventi di manutenzione, gli stessi saranno collaudati con cadenza biennale, a partire dalla data di avvio della gestione. Art. 13 Ritrovamenti archeologici Qualora nel corso dei lavori dovessero venire alla luce reperti archeologici, il Concessionario e obbligato a sospendere i lavori e darne immediatamente comunicazione alla competente Sovrintendenza ed all ufficio Alta Sorveglianza. Resta fermo che nulla avrà a pretendere il Concessionario per eventuali sospensioni dei lavori. E comunque facoltà del Concedente richiedere al concessionario l esecuzione di opere provvisionali e di ripristino ambientale, concordando un congruo termine per la loro esecuzione. Qualora a seguito del ritrovamento di reperti archeologici il completamento dell opera comportasse oneri imprevisti e/o una minore utilizzazione della superficie, il Concessionario avrà diritto ad una proroga del termine di ultimazione dei lavori. Art. 14 Alta Sorveglianza Il Concedente provvederà alla costituzione, di un ufficio per l Alta Sorveglianza, presieduto dal Responsabile Unico del Procedimento, preposto al controllo dell attività del Concessionario nella fase di progettazione e nella fase di esecuzione dei lavori, anche mediante consulenze di professionisti incaricati. I funzionari e/o i consulenti dell Ufficio Alta Sorveglianza potranno accedere liberamente ai cantieri. In particolare l ufficio di Alta Sorveglianza, ferme restando le competenze esclusive e gli obblighi di legge del responsabile del procedimento, esprimerà pareri in ordine: a) All approvazione del progetto esecutivo rivisto e completato dal Concessionario; b) Alla regolarità delle procedure realizzazione delle opere; c) Al corretto svolgimento delle procedure di legge; d) Ai contenziosi che dovessero nascere tra il concessionario e le eventuali imprese terze appaltatrici; e) Effettuerà in fase di realizzazione controlli in ordine: All attuazione del presente contratto ed al rispetto dei termini contrattuali; Alla regolare esecuzione dei lavori; Al rispetto dei tempi di realizzazione delle opere secondo quanto programmato nei singoli cronoprogrammi; Alla qualità dei lavori ed alla conformità degli stessi al progetto esecutivo approvato. L ufficio Alta Sorveglianza irrogherà, ove ne ricorrano gli estremi, le sanzioni di cui al successivo art. 27. Il Concessionario dovrà assicurare tutta l assistenza tecnica necessaria ai fini dello svolgimento dei compiti dell Ufficio Alta Sorveglianza e dovrà fornire inoltre tutti i documenti ed i chiarimenti che saranno da questo richiesti. Art.15 Affidamento a imprese collegate Subappalto - Appalto a terzi L affidamento alle imprese collegate (secondo la definizione data dall art. 149 del Codice dei Contratti pubblici, di cui all elenco prodotto in sede di gara), in possesso dei necessari requisiti di qualificazione, può essere effettuato direttamente dal Concessionario senza l esperimento di alcuna gara. Per la quota parte dei lavori che il Concessionario esegue direttamente, si applicano le norme sul subappalto di cui all art. 118 del d.lgs. 163/2006. Il concessionario prima dell inizio dei lavori comunicherà all Ufficio Alta Sorveglianza i lavori e le opere che intende appaltare a terzi. Per la quota parte che il Concessionario ha dichiarato in sede di offerta di voler affidare a terzi, lo stesso dovrà procedere con evidenza pubblica ai sensi dell art. 146 del d.lgs. 163/2006. Il tempo necessario per l espletamento delle procedure ad evidenza pubblica e per la stipula dei relativi contratto d appalto non potrà in alcun modo determinare il protrarsi della durata della

7 Concessione né potrà influire sul rispetto dei termini per l ultimazione dei lavori, cosi come offerti in sede di gara. Il concedente, comunque, resta estraneo a tutti i rapporti del Concessionario con gli appaltatori, fornitori e terzi in genere, dovendosi intendere tali rapporti esclusivamente intercorsi tra il Concessionario e detti soggetti senza che mai si possa comunque assumere una responsabilità diretta o indiretta del concedente. Art. 16 Varianti Il Concessionario non può apportare alcuna variante al progetto esecutivo approvato dal Concedente ai sensi dell art. 3 del presente contratto. Eventuali varianti che venissero proposte dal Concessionario o che si rendessero necessarie per la realizzazione delle opere secondo la perfetta regola dell arte dovranno essere oggetto di specifica perizia ed essere sottoposte all approvazione del Concedente, previo parere vincolante dell Ufficio Alta Sorveglianza. L approvazione potrà essere concessa sempreché non modifichino i termini del presente contratto. Atteso che il Concessionario ha provveduto al completamento e alla complessiva revisione della progettazione esecutiva, le varianti che si rendessero necessarie per eventuali errori progettuali non potranno legittimare alcuna proroga del termine di esecuzione dei lavori né alcuna revisione dell equilibrio del piano economico finanziario. Art. 17 Manutenzione delle opere Il concessionario durante tutto il periodo di gestione deve garantire, a propria cura e spese, la completa manutenzione ordinaria e straordinaria dei manufatti, delle opere tutte, degli impianti e delle attrezzature, degli automezzi di servizio, così da garantire permanentemente la funzionalità necessaria per assicurare l efficiente e decoroso funzionamento del complesso, provvedendo, se del caso, al completo rinnovo di interi impianti o di parte di essi. Gli interventi di manutenzione programmata previsti nel piano di manutenzione dovranno essere comunque effettuati entro l anno di previsione e saranno svolti con le modalità previste dal Disciplinare tecnico di gestione allegato al Capitolato speciale d appalto. Al termine della gestione, l opera dovrà essere consegnata al concedente in valide condizioni di conservazione e di funzionamento. Il concessionario si impegna a garantire il decoro e la pulizia degli spazi aperti al pubblico mediante la manutenzione ordinaria giornaliera di detti spazi. Gli uffici del Concedente competenti al controllo di qualità della gestione irrogheranno le eventuali sanzioni per il mancato rispetto del presente impegno. Il controllo della manutenzione sarà certificato, mediante verifiche ed attestazioni periodiche redatte dai competenti uffici del concedente. Il concedente si riserva di effettuare controlli attraverso il personale dei competenti uffici, ivi compreso l Ufficio di Alta Sorveglianza e/o con propri consulenti, sullo stato di efficienza di impianti, di attrezzature e sullo stato di conservazione dei manufatti, dei servizi, della viabilità e dei parcheggi. Nel caso in cui il concessionario non provveda agli obblighi di manutenzione assunti, previa diffida a provvedere da parte del concedente, troveranno applicazione le sanzioni di cui al successivo art. 26, ivi compresa la rescissione del contratto. Nel corso dell ultimo anno di Concessione il concedente provvederà in contradditorio con il concessionario ad accertare i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché gli eventuali rinnovi, parziali o tali degli impianti, dei manufatti e delle opere in genere tutte, occorrenti per riportare le opere alle condizioni ottimali di esercizio; le relative spese saranno a totale carico del concessionario. Art. 18 Gestione Per tutta la durata della concessione, il concessionario provvederà alla gestione del Cimitero, inclusa la gestione degli immobili ed impianti strumentali per l esercizio del servizio, dell impianto di illuminazione votiva, nel rispetto di quanto previsto dal Disciplinare di gestione allegato al

8 Capitolato Speciale e fermi restando tutti gli impegni, oneri e prescrizioni del Capitolato stesso e del presente contratto. Il Concessionario è tenuto a garantire che la gestione del cimitero comunale e degli eventuali servizi accessori sia ispirata ad elevato decoro e alle esigenze di funzionalità, e sia svolta in modo consono, evitando qualsivoglia iniziativa suscettibile di ledere l immagine della Città di Guidonia Montecelio, di offendere o turbare la pubblica moralità, nel rispetto delle modalità e le garanzie fissate nel Capitolato speciale e nel Disciplinare tecnico di gestione Art. 19 Proventi, Tariffe e relativo aggiornamento Il corrispettivo per il Concessionario sarà costituito unicamente dalla gestione funzionale ed economica dell intervento, con acquisizione dei relativi ricavi per la durata della Concessione, il tutto come riportato nel Piano economico finanziario di copertura degli investimenti e descrittivo dei criteri gestionali Per tutta la durata della concessione saranno di spettanza del concessionario i proventi della gestione delle opere date in concessione, così come meglio precisato nel piano economico finanziario e, in particolare: a) I proventi derivanti dall applicazione di tariffe, canoni e diritti per i servizi cimiteriali; b) I proventi derivanti dalla concessione dei loculi, ossari e porzioni di suolo; c) I proventi derivanti dalla riscossione dei canoni relativi ai contratti di illuminazione votiva. Le tariffe relative alla gestione e concessione dei sepolcri all interno del Cimitero: loculi, tombe private, ossari e cinerari, illuminazione votiva, illuminazione affitto camere ardenti, affitto locali commerciali antistanti, nonché di tutte le altre attività cimiteriali, sono quelle risultanti dall offerta presentata dal concessionario e, pertanto: [da specificare in relazione al piano tariffario proposto in sede di gara dall aggiudicatario] Le tariffe saranno adeguate nel tempo, con cadenza annuale, sulla base della variazione dell indice ISTAT, relativo ai prezzi di consumo per le famiglie degli impiegati e degli operai, registrata con riferimento al medesimo mese dell anno precedente, e secondo le modalità offerte in sede di gara. Art. 20 Piano economico-finanziario, quota annuale di ammortamento degli investimenti, valore residuo Il piano economico finanziario dell intervento è quello presentato dal Concessionario in sede di gara che, allegato al presente contratto, ne costituisce parte integrante ed essenziale. La quota annuale di ammortamento degli investimenti è quella indicata nel predetto piano. Le Parti si danno atto che, al termine della concessione, l intero valore dell investimento a carico del concessionario risulterà totalmente ammortizzato e, pertanto, che non è previsto alcun corrispettivo a carico del concessionario subentrante. Le Parti prendono atto che l equilibrio economico-finanziario degli investimenti, come definito al momento di conclusione del presente contratto, dovrà permanere per tutta la durata della Concessione e, conseguentemente, che gli eventi modificativi ai presupposti e alle condizioni di equilibrio del piano economico finanziario così come specificate in premessa determineranno la necessità di revisione del piano stesso al fine di rideterminarne le condizioni di equilibrio. Le Parti prendono atto che gli eventi modificativi dell'equilibrio economico-finanziario degli investimenti da tenere in considerazione ai sensi del comma che precede non possono in ogni caso consistere in eventi che siano conseguenza diretta o indiretta dì scelte gestionali e/o imprenditoriali del Concessionario. Le variazioni dell equilibrio economico finanziario che apportino maggiori o minori costi contenuti sino ad 20%, rientrano nell alea di rischio del Concessionario e, pertanto, non daranno luogo ad alcuna revisione del piano. Il Concedente ed il Concessionario convengono di procedere ad una revisione della Concessione nelle seguenti fattispecie: mutamento, per fatto del Concedente, dei presupposti e delle condizioni di base, richiamati nelle premesse della presente Convenzione, che determinano l equilibrio economico-finanziario degli investimenti e della connessa gestione nonché entrata in

9 vigore di norme legislative e regolamentari che stabiliscano nuovi meccanismi tariffari o nuove condizioni per l esercizio delle attività previste nella Concessione; varianti in corso d opera che apportino una variazione di prezzo dell opera, ad esclusione delle varianti dovute a errori progettuali; adeguamento dei prezzi dei materiali in corso d opera o in corso di gestione; richiesta di innovazione e/o modifica delle modalità di gestione da parte del Concedente; verificarsi di un evento di forza maggiore. Nel caso in cui le variazioni apportate o le nuove condizioni introdotte risultino favorevoli al Concessionario, la revisione del piano dovrà essere effettuata a vantaggio del Concedente. La parte che intende attivare la procedura di revisione ne darà comunicazione per iscritto all altra con l esatta indicazione dei presupposti e delle ragioni che comporterebbero una alterazione dell equilibrio del Piano Economico Finanziario. L altra parte dovrà comunicare per iscritto le proprie determinazioni in merito alla richiesta di revisione entro 30 giorni dalla ricezione della stessa. In caso di disaccordo in merito ai presupposti di revisione della Concessione, si procede in ogni caso alla apertura della procedura di un accordo bonario. In mancanza di revisione della Concessione mediante la rideterminazione delle nuove condizioni di equilibrio del Piano economico finanziario così come previsto dall art. 143, co. 8 del d.lgs. 163/2006, il Concessionario potrà recedere dalla Concessione. In tal caso si applicherà quanto previsto dall art. 158, del d.lgs. 163/2006, con le limitazioni di cui al successivo art. 43 del presente Capitolato speciale d appalto Art. 21 Società di progetto Il concessionario si obbliga a costituire una società di progetto per azioni con capitale sociale non inferiore a ,00 per la gestione della presente concessione, da ripartirsi secondo quanto specificato in sede di offerta. Le azioni della società di progetto sono cedibili con i limiti di seguito individuati. Le banche e altri investitori istituzionali che non abbiano concorso a formare i requisiti per la qualificazione possono cedere in qualsiasi momento la propria partecipazione al capitale sociale, senza limitazioni. I soci che hanno concorso a formare i requisiti per la qualificazione (c.d. soci qualificanti ) sono tenuti a mantenere intatta la partecipazione al capitale sociale, così come risultante dall impegno presentato in sede di offerta, sino alla data di emissione del certificato di collaudo dell'opera. Successivamente al collaudo dei lavori di realizzazione, i soci che, in sede di gara, abbiano concorso a formare i requisiti di qualificazione per l esecuzione delle opere, possono cedere liberamente la propria quota di partecipazione al capitale sociale. I soci che in sede di gara, abbiano concorso a formare i requisiti di qualificazione per la gestione del servizio, possono cedere la propria quota di partecipazione al capitale sociale, purché mantengano una percentuale di partecipazione non inferiore, complessivamente, al 10% del capitale sociale. I soci che non hanno concorso a formare i requisiti per la qualificazione (c.d. soci non qualificanti ) possono cedere liberamente la propria partecipazione in qualsiasi momento. Art. 22 Cauzione definitiva - Garanzie e coperture assicurative Si dà atto che il Concessionario ha costituito, ai sensi dell art. 113 del d.lgs. 163/2006 apposita garanzia fideiussoria pari al 10% del valore dell investimento, con le modalità di cui all art. 123 del d.p.r. 207/2010 e nelle forme previste dal d.m. 123/2004, così come precisato dall art. 23 del Capitolato Speciale. La cauzione definitiva deve permanere fino alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio, ovvero decorsi dodici mesi dalla data di ultimazione dei lavori risultante dal relativo certificato. La cauzione deve essere trasmessa al Concedente almeno dieci giorni prima della consegna dell area.

10 Per quanto attiene alla fase di realizzazione dell opera, si dà atto che il Concessionario come previsto dall art. 24 del Capitolato Speciale, ha provveduto a stipulare, ai sensi dell art. 129, co. 1, del d.lgs. 163/2006 e dell art. 125 del d.p.r. 207/2010, una polizza di assicurazione a copertura dei danni eventualmente subiti dal Concedente e da terzi a causa del danneggiamento o della distruzione totale o parziale di impianti e opere, anche preesistenti, verificatesi nel corso dell esecuzione dei lavori per una somma assicurata pari all importo delle opere, ai sensi dell art. 125, co. 1, del d.p.r. 207/2010. La medesima polizza assicura il Concedente contro la responsabilità civile per danni causati a terzi, persone o cose nel corso dell esecuzione dei lavori con un massimale sinistro pari al 5% della somma assicurata per le opere, con un minimo di ,00 ed un massimo di ,00, ai sensi dell art. 125, co. 2 del d.p.r. 207/2010. Il Concessionario è obbligato a stipulare, ai sensi dell art. 129, co. 2, del d.lgs. 163/2006 ed all art. 126, co. 1 e 2, del d.p.r. 207/2010, due polizze assicurative decennali, rispettivamente: a) la prima, con decorrenza dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o comunque decorsi dodici mesi dalla data di ultimazione dei lavori risultante dal relativo certificato una polizza indennitaria decennale a copertura dei rischi di rovina totale o parziale dell opera ovvero dei rischi derivanti da gravi difetti costruttivi per un massimale non inferiore al 20% del valore dell opera, ai sensi dell art. 126, co. 1 del d.p.r. 207/2010. b) la seconda, con decorrenza dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio e per la durata di dieci anni una polizza di assicurazione della responsabilità civile per danni cagionati a terzi, con un massimale al cinque per cento del valore dell opera realizzata con un minimo di ,00 ed un massimo di ,00, ai sensi dell art. 126, co. 2 del d.p.r. 207/2010. Per quanto attiene alla fase di gestione del servizio cimiteriale, come prescritto dall art. 25 del Capitolato Speciale a garanzia della conservazione dell opera e della sua corretta gestione, il Concessionario è obbligato a stipulare, entro 15 giorni dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio: i. specifica polizza assicurativa, con validità fino alla scadenza della Concessione, adeguata alla copertura dei danni comunque subiti dall opera e dei rischi di responsabilità civile verso terzi per danni a persone e/o cose derivanti anche da furto ed incendio e comunque idonea a mantenere indenne e sollevato il Concedente da ogni responsabilità e/o richiesta danni; tale polizza dovrà altresì prevedere la copertura assicurativa abbia validità anche in caso di colpa dell assicurato e delle persone responsabili del fatto, delle quali l assicurato deve rispondere a norma di legge, avente massimale per sinistro e per anno di ,00; ii. il Concessionario dovrà assicurare le opere contro i rischi di incendio a copertura dei beni oggetto della Concessione (in questo caso il beneficiario di detta polizza dovrà essere il Concedente), e per responsabilità civile per danni a terzi. Il valore minimo assicurato dovrà essere pari all importo dei lavori, rivalutato annualmente con indice ISTAT; iii. una fideiussione bancaria o assicurativa avente massimale pari a ,00 che tenga indenne il Concedente dal mancato adempimento degli obblighi derivanti dal contratto per le modalità di gestione; la fideiussione bancaria o assicurativa o polizza rilasciata da un intermediario finanziario iscritto nell elenco speciale di cui all art. 107 del d.lgs. 385/1993, dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta del Concedente. iv. Il Concedente, con le modalità previste dal Disciplinare tecnico di gestione, provvederà ad eseguire le verifiche ispettive sulle opere oggetto di Concessione, accertando, gli eventuali lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché gli eventuali rinnovi totali e parziali degli impianti, necessari per riportare lo stesso complesso alle ottimali condizioni di uso; le relative spese saranno ad esclusivo carico del Concessionario; qualora il Concessionario non provveda a completare i lavori di manutenzione richiesti entro il termine indicato, il Concedente procederà ad incamerare la fideiussione di cui sopra, nei termini e con le modalità ivi previste, e provvederà in proprio all esecuzione dei lavori, senza che il Concessionario possa, in alcun modo, opporvisi. v. ulteriore polizza, da costituirsi almeno novanta giorni prima della scadenza della Concessione pari a ,00, a garanzia degli obblighi del Concessionario di cui al successivo art. 34.

11 Il Concessionario dovrà reintegrare le fideiussioni nel caso in cui queste siano venute meno in tutto o in parte. Le garanzie di cui al presente articolo devono decorrere dall inizio della gestione e fino alla riconsegna delle opere al Concedente. Art. 23 Responsabilità del concessionario Il concessionario resta comunque responsabile nei confronti del concedente dell esatto adempimento degli obblighi derivanti dalla presente convenzione; in ogni caso il concessionario si obbliga a tenere indenne il concedente da ogni pretesa, azione e ragione che possa essere avanzata da terzi in dipendenza dalla progettazione, così come dal medesimo Concessionario completata e rivista, dall esecuzione delle opere, e degli interventi previsti dalla presente convenzione o per mancato adempimento degli obblighi contrattuali o per altre circostanze comunque connesse con la progettazione ed esecuzione dei lavori e la gestione della struttura cimiteriale. Il concedente non assume responsabilità conseguenti a rapporti del concessionario con i suoi appaltatori, fornitori, prestatori di opera e terzi in genere. Rimane peraltro stabilito che nei contratti il concessionario dovrà imporre oltre che l osservanza delle leggi, capitolati e norme richiamate nel presente atto, il rispetto puntuale di tutti gli obblighi da lui assunti verso il concedente relativi alla corretta esecuzione e gestione delle opere. Art. 24 Oneri Saranno ad esclusivo carico del Concessionario, oltre agli oneri previsti nei vari articoli del presente contratto e/o del Capitolato Speciale al medesimo allegato, tutti i canoni, diritti e tariffe per la fornitura di acqua, energia elettrica, telefonia e servizi in genere. Resta, inoltre, a carico del Concessionario, il pagamento delle imposte e tasse se e in quanto dovute in base a disposizioni di legge. Gli eventuali lavori che nel corso della realizzazione delle opere oggetto della presente convenzione e/o nella gestione dovessero rendersi necessarie per il rispetto di disposizioni di legge, nonché l adeguamento ed il ripristino funzionale delle utenze in genere e delle infrastrutture di servizi pubblici e privati, devono essere eseguiti a cura e spese del concessionario. Art. 25 Trasferimento competenze al concessionario nella gestione del servizio cimiteriale Il concedente trasferisce al concessionario per tutta la durata della concessione l esecuzione e/o la gestione di ogni operazione cimiteriale in osservanza: 1. del testo unico delle leggi sanitarie R.D. n.1265 del 27 luglio 1934 e successive modifiche e integrazioni; 2. del Regolamento Nazionale vigente di Polizia Mortuaria DPR n.285 del 10 settembre 1990 e successive integrazioni; 3. della Legge n.130 del 30 marzo 2001 in materia di cremazione e dispersione delle ceneri; 4. del Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria. 5. di tutta la normativa in materia di servizi cimiteriali vigente durante la concessione; Il Concedente assicura la propria collaborazione nella supervisione delle pratiche amministrative relative alla concessione dei loculi ed all esecuzione di tutti i compiti e funzioni cimiteriali tramite il personale del Concessionario. Il Concessionario si impegna inoltre a mettere a disposizione personale qualificato ed in numero adeguato al servizio, a pena di decadenza del contratto di concessione. Il Concedente assicura altresì al concessionario la collaborazione dei propri servizi e uffici per i compiti e le funzioni funerarie di carattere amministrativo oltre che le incombenze connesse tra la Vigilanza Cimiteriale e il Corpo dei Vigili Urbani. Art. 26

12 Sanzioni In caso di inadempienza da parte del concessionario ad una qualsiasi delle clausole del presente contratto, afferenti la progettazione, la realizzazione delle opere e la gestione del servizio, il Comune previa messa in mora, potrà in tutto od in parte sostituirsi al concessionario inadempiente provvedendo all espletamento in danno, previo formale preavviso determinato dall Ufficio Alta Sorveglianza, agli adempimenti richiesti con il personale dei propri uffici e/o con appositi incarichi e/o appalti le cui spese tutte saranno poste a totale carico del concessionario mediante sanzione irrogata dai competenti Uffici Comunali con specifico provvedimento. Il Concessionario è assoggettato, inoltre, alle seguenti penali: 1. per ritardi nella revisione/completamento della progettazione e prevista l irrogazione, da parte dell Ufficio di Alta Sorveglianza, di cui al precedente art.14, delle sanzioni di seguito indicate: per la mancata presentazione del progetto rivisto e completato entro i termini precisati all art.3 sanzione pari ad. per ogni giorno di ritardo; per il mancato adeguamento dei progetti a norme di legge sopraggiunte e/o alle prescrizioni dei competenti Uffici del concedente, sanzione pari a per ogni giorno di ritardo rispetto al termine stabilito per l adeguamento; 2. per ritardi rispetto ai termini stabiliti nel cronoprogramma, penale giornaliera pari allo 0,03% dell importo dei lavori, così come previsto dall art. 33 del Capitolato Speciale. 3. Per il mancato rispetto dei livelli minimi del servizio garantiti in sede di offerta, sanzione pari a.. per ciascuna infrazione riscontrata; 4. Per l inosservanza delle norme regolamentari locali, qualora non si tratti di violazioni anche alle disposizioni del regolamento nazionale di cui al DPR 285/90, e prevista l applicazione, della sanzione amministrativa pecuniaria con le modalità di cui alla L. 689/81 e successive modificazioni ed integrazioni. In ogni caso, resta fatta salva la facoltà del concedente di avvalersi delle previsioni di cui al primo comma del presente articolo nonché delle previsioni di cui al successivo art.27. Il concessionario è tenuto al pagamento delle sanzioni irrogate entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento; decorso infruttuosamente tale termine il comune provvederà alla escussione totale o parziale della cauzione definitiva di cui al precedente art.22 Art. 27 Risoluzione Sostituzione del concessionario La risoluzione per inadempimento del Concessionario e del Concedente è disciplinata, rispettivamente, dagli art. 41 e 42 del Capitolato Speciale allegato al presente contratto per costituirne parte integrante e sostanziale. Trovano, altresì, applicazione gli artt. 43 e 44 del Capitolato stesso. Art.28 Autorizzazioni a soggetti terzi E consentita l esecuzione di lavori di completamento delle tombe private e gli altri manufatti sepolcrali, nonché tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e di risanamento conservativo, a soggetti terzi rispetto al concessionario. Gli interventi sono subordinati alla presentazione di istanze, comunicazioni e quant altro previsto dalla vigente normativa in materia di edilizia privata ai competenti uffici del concedente e, per opportuna conoscenza, al concessionario. Art. 29 Definizione delle controversie Per tutte le controversie che dovessero insorgere nel corso della Concessione, e che non dovessero risolversi in via bonaria tra il Concessionario e il Concedente, resta competente il Foro di Tivoli. Art.31 Spese

13 Le spese del presente atto e sue conseguenti sono a carico del concessionario che chiede tutte le agevolazioni fiscali in materia. I compensi e spese, compresi gli oneri tributari per il rilascio delle fidejussioni di cui all art.18 e gli oneri dei collaudatori sono a carico del concessionario.

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli