COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara"

Transcript

1 COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Reg. delib. N. 41 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza straordinaria Seduta di prima convocazione In data 11/06/2015 alle ore 19:00 Ai sensi dell'art comma del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267, si è convocato il Consiglio Comunale nella Residenza Municipale, oggi 11/06/2015 alle ore 19:00 in adunanza straordinaria di prima convocazione, previo invio di invito scritto mediante PEC. Fatto l appello nominale risultano: Presenti Assenti 1 FABBRI MARCO X 2 BELLINI ROBERTO X 3 RIGHETTI ALBERTO X 4 MODONESI MICHELE X 5 TADDEI ALESSIO X 6 BELLOTTI ROBERT X 7 CALDERONE MARIANO ENRICO X 8 SENNI SAMUELE X 9 MORESE CONSIGLIA X 10 FERRACIOLI CRISTIAN X 11 PEDRIALI TIZIANA X 12 MICHETTI DAVIDE X 13 MALANO ANDREA X 14 FELLETTI MARIA FRANCESCA X 15 KUBBAJEH MOH'D X 16 DI MUNNO ANTONIO X 17 CAVALLARI FABIO X 14 3 Assiste Il Segretario Generale Dott.ssa Daniela Ori Il Presidente del Consiglio Robert Bellotti - assume la presidenza e, riconosciutane la legalità, dichiara aperta la seduta, designando scrutatori i tre Consiglieri: RIGHETTI ALBERTO, CALDERONE MARIANO ENRICO, MICHETTI DAVIDE OGGETTO: VARIAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE DEI LAVORI PUBBLICI 2015/ ELENCO ANNUALE ^ PROVVEDIMENTO E VARIAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 E BILANCIO PLURIENNALE 2015/ PROVVEDIMENTO.

2 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del Gli Assessori signori: Denis Fantinuoli, Alice Carli, Stefano Parmiani, Sergio Provasi, presenti in aula, partecipano all'odierna seduta consiliare senza il diritto di voto e senza essere conteggiati ai fini della validità della riunione. IL CONSIGLIO COMUNALE Uditi gli interventi di cui all'allegato 1 agli atti della presente deliberazione; Premesso che: - per dare completamento al percorso turistico inserito nel Nuovo Museo a Comacchio si ritiene opportuno inserire il 2 stralcio per una spesa pari ad ,00; - l'amministrazione Comunale intende aderire, con quota di compartecipazione, ai bandi europei POR-FESR 2014/2020, per un progetto di recupero e riqualificazione dell'intero Comparto Vallivo, per un importo di ,00 - bando che la regione Emilia Romagna emanerà, presumibilmente entro il mese di giugno 2015; Atteso che a fronte delle suddette nuove opere, che verranno inserite nelle annualità 2015/2016, e delle risultanze del rendiconto della gestione per l'esercizio finanziario 2014 è emersa la necessità di adeguare alcuni stanziamenti di bilancio e le relative fonti di finanziamento; Vista la deliberazione del Consiglio Comunale n. 144 del 19/12/2014, con la quale è stato approvato il programma triennale dei lavori 2015/2017 ed elenco annuale 2015; Visto il bilancio preventivo per l'esercizio finanziario 2015 e il bilancio pluriennale per gli esercizi 2015/2017 approvati con proprio atto deliberativo n. 149 del 19/12/2014; Vista la propria deliberazione n. 24 del 30/04/2015 relativa all'approvazione delle risultanze del rendiconto della gestione finanziaria 2014; Preso atto, inoltre, del riaccertamento straordinario dei residui, disposto dalla normativa in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio, approvato 2

3 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del dalla Giunta Comunale con deliberazione n. 137 del 30/04/2015 e della conseguente variazione di bilancio; Rilevato che nell'ambito del riaccertamento straordinario dei residui sono stati cancellati i residui passivi correlati a spese di investimento, la cui gara per l'aggiudicazione dei lavori non risultava intervenuta entro il termine di riaccertamento straordinario dei residui, confluendo nella parte vincolata dell'avanzo di amministrazione; Atteso che l'avanzo di amministrazione risultante dal rendiconto per l'esercizio 2014 (pari ad ,74) viene rideterminato all' , a seguito del riaccertamento straordinario dei residui, in ,91 e risulta ripartito come segue: RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE AL 1 GENNAIO ,91 DOPO IL RIACCERTAMENTO STRAORDINARIO DEI RESIDUI Parte accantonata Fondo crediti di dubbia e difficile esazione al ,71 31/12/2014 Fondo residui perenti al 31/12/2014 (solo per 0,00 le regioni) Fondo al 31/12/ ,01 Totale parte accantonata ,72 Parte vincolata Vincoli derivanti da leggi e dai principi 0,00 contabili Vincoli derivanti da trasferimenti ,27 Vincoli derivanti dalla contrazione di mutui ,54 Vincoli formalmente attribuiti dall'ente ,46 Altri vincoli da specificare 0,00 Totale parte vincolata ,27 Totale parte destinata agli investimenti ,78 Totale parte disponibile ,14 Dato atto, inoltre, che le spese del titolo 2, cancellate in sede di riaccertamento straordinario dei residui per le motivazioni sopra indicate sono state iscritte per ,56 con la variazione di bilancio, assunta per l'urgenza con i poteri di Consiglio dalla Giunta Comunale con 3

4 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del deliberazione n. 145 del 8/5/2015, e per ,29 da iscriversi con la presente variazione; Dato atto che al bilancio di previsione dell esercizio in corso è stato applicato un avanzo pari a complessivi ,56, per cui rimane da applicare un avanzo residuo di ,35 così composto: Importo accertato Avanzo applicato Avanzo applicabile Avanzo accantonato Parte accantonata Fondo crediti dubbia e difficile esazione ,71 0,00 0, ,71 Fondo al ,01 0,00 0, , ,72 0,00 0, ,72 Parte vincolata Vincoli derivanti da trasferimenti , , ,23 Vincoli derivanti dalla contrazione di debiti , , ,13 Vincoli formalmente attribuiti dall'ente , , , , , ,49 Parte destinata ad investimenti Parte destinata ad investimenti , ,78 0, , ,78 0,00 4

5 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del Parte disponibile Parte disponibile ,14 0, , ,14 0, ,14 TOTALE , , , ,72 Visto il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118 (armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio); Richiamato l art. 42 del D.Lgs. n. 267/2000 che indica tra le competenze del Consiglio Comunale anche quella relativa all approvazione del programma delle opere pubbliche e conseguentemente anche ad ogni sua variazione; Dato atto che sono stati posti in essere gli atti propedeutici alla redazione della succitata programmazione triennale dei lavori pubblici 2015/2017, ai sensi dell art. 128 del D.Lgs. n. 163/2006 Codice degli appalti pubblici ; Ravvisata l opportunità di variare il Programma dei lavori pubblici Elenco annuale 2015 e annualità per le motivazioni di cui sopra nel seguente modo: - modificare / aumentare/ diminuire gli importi / fonti di finanziamento di alcune opere, così come evidenziate nell'allegato A; - inserire una nuova opera 4 Completamento nuovo Museo Comacchio 2 stralcio per un importo pari a ,00 finanziato con avanzo; - inserire una nuova opera 29 Riqualificazione a recupero comparto vallivo per un importo pari a ,00 finanziato con avanzo; - per l'annualità 2016: inserire nuova opera 10 Riqualificazione a recupero comparto vallivo per un importo pari a ,00 finanziato con oneri; Viste a tale scopo le schede debitamente adeguate a firma del Dirigente del Settore V - Lavori Pubblici; 5

6 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del Considerato che a seguito delle sopra citate variazioni al programma OO.PP e per le motivazioni sopra esposte si renderà necessario apportare le opportune variazioni al bilancio di previsione e al bilancio pluriennale 2015/2017 così come evidenziate nell allegato prospetto B; Acquisito il parere favorevole del Collegio dei Revisori dei Conti in data ; Dato atto che la presente deliberazione è stata sottoposta all'esame della Commissione Consiliare competente nella seduta del ; Acquisita l'attestazione, parte integrante dell'atto, sull'insussistenza del conflitto di interessi anche solo potenziale né di gravi ragioni di convenienza che impongano un dovere di astensione dall'esercizio della funzione di cui al presente provvedimento, né in capo all'istruttore dell'atto né in capo al Dirigente firmatario dell'atto medesimo; Acquisiti i pareri favorevoli di regolarità tecnica in ordine alla regolarità e correttezza dell azione amministrativa, parte integrante dell'atto, espressi dai responsabili dei servizi interessati, Dirigente del Settore V, Arch. Antonio Pini, e Dirigente del Settore III, Dott.ssa Cristina Zandonini, ai sensi degli artt comma e 147 bis del D.Lgs. n. 267/2000; Acquisito il parere di regolarità contabile, parte integrante dell'atto, espresso dal responsabile del servizio Finanziario, Dott.ssa Cristina Zandonini, ai sensi degli artt comma e 147 bis del D.Lgs. n. 267/2000. Visto l art. 134 comma 4 del D. Lgs. 267/2000, stante l'urgenza di attivare le opere previste nel programma triennale dei lavori pubblici; Con il seguente risultato di voto: Consiglieri presenti: n. 14 voti favorevoli: n. 10 astenuti: n. 4 (Davide Michetti, Andrea Malano L'ONDA; Maria Francesca Felletti P.D.; Antonio Di Munno P.D.L.-IL FARO) 6

7 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del DELIBERA - di apportare, per i motivi citati in premessa, al Programma triennale dei lavori pubblici 2015/2017 Elenco annuale 2015 le variazioni descritte analiticamente in narrativa, secondo le disposizioni contenute nell art. 128 del D.Lgs. n. 163/2006 Codice degli appalti pubblici ; - di dare atto che, a seguito della presente deliberazione, il nuovo Programma dei lavori pubblici 2015/2017 risulta essere quello di cui all allegato prospetto (allegato A); - di apportare per i motivi indicati in premessa, al bilancio preventivo per l esercizio corrente e bilancio pluriennale 2015/2017 (annualità 2016) le variazioni di cui all'allegato prospetto B che forma parte integrante e sostanziale del presente atto e che si possono di seguito riassumere: ESERCIZIO 2015 Maggiori entrate ,19 Minori spese , Totale ,66 Minori entrate ,31 Maggiori spese , Totale ,66 ESERCIZIO 2016 Maggiori entrate ,00 Minori spese , Totale ,00 7

8 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del Minori entrate 0,00 Maggiori spese , Totale ,00 - di dare atto che: * le variazioni contenute nel presente atto deliberativo modificano, di conseguenza, il bilancio pluriennale redatto secondo il D.Lgs. 118/2011 (armonizzazione dei sistemi contabili), la relazione previsionale e programmatica ed il bilancio pluriennale allegati al bilancio di previsione 2015; * le suddette variazioni, operate nel rispetto del disposto dell art. 175 del D.Lgs n. 267/2000, garantiscono il mantenimento del pareggio e la salvaguardia dei suoi equilibri; * le variazioni degli stanziamenti previsionali, contenute nel presente provvedimento, sono state predisposte in maniera tale da garantire il raggiungimento dell'obiettivo programmatico del patto di stabilità interno determinato in sede di approvazione del bilancio di previsione 2015 (vedi prospetto dimostrativo allegato C) precisando che le spese saranno attivate compatibilmente con il rispetto dei vincoli di tale patto, per il quale, alla data odierna, non risultano approvate le modifiche normative che incideranno sul calcolo del rispetto dei suoi obiettivi e che quindi le variazioni di bilancio approvate con la presente deliberazione saranno riesaminate alla luce delle modifiche in corso di approvazione; * a seguito della variazione apportata al bilancio con il presente atto l avanzo di amministrazione, rideterminato alla data dell'01/01/2015 in ,91 e applicato risulta così composto: Importo accertato Avanzo applicato Avanzo applicabile Avanzo accantonato Parte accantonata Fondo crediti dubbia e difficile ,71 0,00 0, ,71 8

9 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del esazione Fondo al ,01 0,00 0, , ,72 0,00 0, ,72 Parte vincolata Vincoli derivanti da trasferimenti Vincoli derivanti dalla contrazione di debiti Vincoli formalmente attribuiti dall'ente , , , , ,54 0, , , , , , ,37 Parte destinata ad investimenti Parte destinata ad investimenti , ,78 0, , ,78 0,00 Parte disponibile Parte disponibile , , , , , ,07 TOTALE , , , ,72 9

10 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del di dare atto che dopo la presente variazione il bilancio di previsione 2015 pareggia ad ,60; - di demandare alla Giunta comunale gli adempimenti di spettanza di semplice attuazione; - di dare atto che il Responsabile del procedimento del programma triennale 2015/2017 è l'arch. Antonio Pini Dirigente del Settore V - Lavori Pubblici. La proposta del Presidente di rendere la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ottiene i seguenti risultati di voto: Consiglieri presenti: n. 14 voti favorevoli: n. 10 astenuti: n. 4 (Davide Michetti, Andrea Malano L'ONDA; Maria Francesca Felletti P.D.; Antonio Di Munno P.D.L.-IL FARO) Si dà atto che durante la trattazione dell argomento risultano presenti i Consiglieri Cristian Ferracioli e Andrea Malano. Prop. n. 35/AP/CZ/MP/AC/as 10

11 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35/2015 OGGETTO: VARIAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE DEI LAVORI PUBBLICI 2015/ ELENCO ANNUALE ^ PROVVEDIMENTO E VARIAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2015 E BILANCIO PLURIENNALE 2015/ PROVVEDIMENTO. Attestazione istruttore Si attesta la regolarità dell'istruttoria del presente atto per quanto di competenza. Si attesta l'insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Parere di regolarità tecnica Si esprime parere favorevole di regolarità tecnica in ordine alla regolarità e correttezza dell azione amministrativa, ai sensi degli artt comma e 147 bis del D.Lgs n. 18 agosto 2000 n Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Comacchio, lì 07/05/2015 L'Istruttore Mario Pozzati L'Istruttore Alessandra Cavallari Attestazione istruttore contabile Comacchio, lì 08/05/2015 IL DIRIGENTE SETTORE V Arch. Antonio Pini IL DIRIGENTE SETTORE III Dott.ssa Cristina Zandonini Parere di regolarità contabile Si attesta la disponibilità sul capitolo di spesa. Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Si esprime parere favorevole di regolarità contabile, ai sensi degli artt comma e 147 bis del D.Lgs n. 18 agosto 2000 n Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Comacchio, lì 15/05/2015 L istruttore contabile Alessandra Cavallari Attestazione istruttore contabile Comacchio, lì 27/05/2015 IL DIRIGENTE SETTORE III Dott.ssa Cristina Zandonini Visto di copertura finanziaria Si attesta la regolarità in ordine alla disponibilità sul capitolo di spesa e all avvenuta registrazione della prenotazione della spesa. Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Si attesta la copertura finanziaria ai sensi dell articolo 147-bis del D.Lgs n. 18 agosto 2000 n Si attesta l insussistenza di conflitto di interessi, ai sensi della Legge 6 novembre 2012 n Comacchio, lì 15/05/2015 Comacchio, lì 27/05/2015 L istruttore contabile Alessandra Cavallari Estremi registrazione spesa IL DIRIGENTE SETTORE III Dott.ssa Cristina Zandonini E/U NUMERO CAPITOLO ANNO GEST.RESIDUI IMPORTO 11

12 COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 41 del Letto e sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALE Robert Bellotti Dott.ssa Daniela Ori Questa deliberazione viene pubblicata all albo pretorio per 15 giorni consecutivi dal, art. 124 D.Lgs. 267/00. Dalla Sede Comunale, addì IL SEGRETARIO GENERALE Dott.ssa Daniela Ori Esecutiva per decorrenza del termine (10 giorni) dall eseguita pubblicazione, art comma - D.Lgs. 267/00. Il IL SEGRETARIO GENERALE Dott.ssa Daniela Ori La presente deliberazione viene dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art comma del D.Lgs. 267/2000. Il 11/06/2015 IL SEGRETARIO GENERALE Dott.ssa Daniela Ori Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n seduta del 11/06/

13 Allegato 1 PUNTO N. 12 all'o.d.g.: Variazione programma triennale dei lavori pubblici 2015/ elenco annuale provvedimento e variazione al bilancio preventivo per l'esercizio finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015/ provvedimento. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: Assessore Parmiani, prego. STEFANO PARMIANI Assessore: Sì, grazie, Presidente. Dopo il Bilancio consultivo e il riaccertamento appunto di tutti i residui con questa delibera andiamo a modificare il Piano triennale delle opere pubbliche Ed esattamente andiamo ad inserire 3 nuove voci: 2 sul 2015 e una sul Oltre a questo sono state modificate alcune fonti di finanziamento e qualche valore, visto che abbiamo reinserito alcune quote di avanzo che se le portavano 1

14 avanti da diversi anni. Entrando nello specifico appunto, come dicevo, la prima voce che viene inserita nell annualità 2015 è la n. 4 completamento nuovo museo - secondo stralcio per un valore di ,00 euro finanziato con avanzo. Come sapete anche in questo caso è un progetto quello dell apertura dell ex ospedale degli infermi su cui stiamo puntando tantissimo, su cui stiamo correndo veloci e questa è una quota che servirà poi ad arricchire quella che è la proposta tecnologica del futuro museo. La seconda voce che andiamo a inserire nell annualità sempre 2015 è la n. 29 riqualificazione e recupero comparto vallivo per un importo di ,00 euro finanziati con avanzo. La stessa voce si ripropone sul 2016, alla n. 10 per un importo complessivo di ,00 euro. Quindi in totale andiamo ad inserire la somma complessiva di un milione di euro sulle due annualità che è una somma che sostanzialmente servirà come quota di compartecipazione a quelli che sono i bandi europei che se non ricordo male dovrebbero uscire poi a ottobre, questi FESR appunto che andranno a finanziare quei progetti di crescita economica e 2

15 attrattività dei territori. Quindi ecco che un progetto di riqualificazione valliva dovrebbe rientrare pien amente in questi parametri dettati poi dall Europa. Detto questo va detto che abbiamo deciso di inserire subito in questa annualità gran parte della cifra perché insomma pensiamo possa essere un fattore favorevole il fatto di avere già inserito a Bilancio questa quota e quindi facilmente spendibile nel caso di approvazione di un futuro progetto. Oltre a questo appunto, chissà, magari anche il nuovo riconoscimento dato a Parigi dall Unesco chissà, speriamo che possa influire sulla scelta. Grazie. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: Grazie, Assessore. Apriamo la discussione. Consigliere Malano, prego. ANDREA MALANO Consigliere L Onda: Grazie, Presidente. Ne approfitto non tanto per entrare nel merito, visto che parliamo di lavori pubblici e di modifica al Piano Triennale, nel Piano Triennale ci sono, ci sono stati, ci saranno, e spero che ce ne saranno ancora di più in futuro, soldi per la 3

16 manutenzione strade e marciapiedi ed è una cosa che vedo state utilizzando parecchio, un po di più magari di quello che è stato fatto negli ultimi anni. Però volevo osservare su questo tipo di manutenzione che ci sono molti problemi. I lavori che vengono fatti, i lavori che vengono appaltati per le asfaltature delle strade, soprattutto sui lidi dove ci sono più piante, pini particolari, vengono fatte con delle tecniche che secondo me non sono quelle giuste, nel senso che vengono fatti degli scavi troppo poco profondi e nel giro di due o tre anni le radici degli alberi spaccano le strade nuove; bisogna cominciare a ragionare sul cambiare il modo di fare questo tipo di operazioni perché io ho fatto un analisi di un po di interventi fatti l anno scorso o quelli fatti quattro anni fa, che son stati quelli diciamo, più corposi negli ultimi anni, la maggior parte delle strade hanno dei problemi, non come prima perché prima erano completamente distrutte però ci sono chiaramente nel centro della strada, di parecchie strade, le radici che sono tornate completamente fuori perché vengono praticamente solo limate nella parte superficiale. Che è anche giusto da un certo punto di vista per la tutela ambientale però 4

17 bisogna pensare a un tipo di intervento che può salvare la pianta ma può salvare anche la strada sennò che questi sono soldi che non dico che si buttano via ma hanno una resa molto minore di quello che è necessario. Un altra cosa, sempre su questo tipo di interventi ci vorrebbe un maggior controllo perché io ho notato diverse volte e per deformazione professionale lo guardo perché ci capisco abbastanza, molto spesso fanno gli interventi, chiudono le carritoie esistenti, le imprese che hanno l appalto non ci guardano ed io ho segnalato più di una volta agli uffici che ci sono delle strade con dei lavori fatti anche 4 5 anni fa dove le carrette sono state chiuse e mai più riaperte e si fanno degli allagamenti con problemi anche di infestazione delle zanzare perché si creano delle zone più pericolose. Per cui anche questo andrebbe osservato e controllato un po di più. Scusate, ne ho approfittato perché l argomento ai lavori pubblici era quello giusto. Grazie. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: 5

18 Grazie, Consigliere. Ci sono altri interventi? Sindaco, prego. MARCO FABBRI Sindaco: No, ne approfitto anch io per fare ulteriori considerazioni anche rispetto ad alcuni articoli che sono usciti in questi giorni. Tra l altro anche il Consigliere Michetti è intervenuto per fare un po di chiarezza, visto che stiam parlando di avanzo di amministrazione che andiamo ad applicare. Come avrete visto il totale di avanzo applicato supera i ,00 perché mi pare che anche sulla composizione del cosiddetto avanzo di amministrazione e anche sulle possibilità di utilizzare l avanzo di amministrazione, so che è una cosa molto tecnica però vanno fatte delle doverose puntuali zzazioni. La prima è che lo scorso anno per la prima volta, l avevamo detto poi anche nel corso dell approvazione del Bilancio consuntivo 2014, è stato fatto un lavoro, che ha visto impegnati gli uffici per quasi sei mesi, volto a verificare tutti i residui attivi e i residui passivi che dagli anni 80 ci trascinavamo fino a 5 anni fa, perché questa analisi è arrivata fino a 5 anni fa. È 6

19 arrivata fino all anno 2014 però ci siamo concentrati con una doppia lente di ingrandimento su quelli chiaramente più datati. Sono stati cancellati residui attivi, quindi somme che dovevano arrivare al Comune che superano i 7 milioni di euro, di cui oltre 4 milioni in conto capitale, quindi relative a contributi, finanziamenti che provenivano da altri enti ma che di fatto erano stati cancellati. Nella parte dei residui passivi e qui rientrano anche molte opere, molto datate per cui per esempio, ma non è l unico caso, ce ne sono altri, opere che erano già state appaltate e realizzate, collaudate e che non era mai stato chiuso il quadro economico quindi ipoteticamente era stata fatta negli anni 80 una gara dove veniva messa a base d asta 10 milioni di lire, quella gara veniva affidata a seguito del ribasso a nove, quell uno che ci rimaneva, nonostante l opera fosse stata cancellata, chiusa, collaudata, quell uno non era mai stato, tra virgolette, cancellato quindi ci portavamo dietro un tesoretto che poi andava a confluire di anno in anno in questo avanzo di amministrazione. Questo è un lavoro che non era mai stato fatto, diciamo, con questo impegno, perché siamo andati 7

20 indietro di trent anni riverificando una per una tutte le opere, una per una tutte le fatture, una per una tutti gli impegni di spesa. Quindi questo per dire cosa? Sì, è vero che l avanzo di amministrazione rispetto allo scorso anno è aumentato ma bisogna anche andare a vedere il motivo per il quale è aumentato perché noi abbiamo avuto, tra virgolette, la fortuna di chiudere comunque questa differenza tra residui attivi e passivi in positivo perché poteva venir fuori che questo ente, come è successo in altre realtà o come qualcuno verrà fuori perché ogni anno ci sono Comuni che vanno a finire in dissesto, potesse chiudere con un disavanzo tutto sommato di Amministrazione e questo non è avvenuto. Questo per dire cosa? Che non corrisponde al vero l affermazione del Consigliere Michetti quando dice che quell avanzo è dovuto alla gestione di queste Amministrazioni perché se andate a vedere la competenza, cioè l anno di riferimento, l avanzo complessivo non si compone di risorse non spese relative all anno

21 Aggiungo un altra cosa, quei ,00 sono in parte vincolate. Vincolate vuol dire che sono legate a dei vincoli per cui non sono spendibili. Faccio un ulteriore puntualizzazione anticipando il prossimo punto, il milione e mezzo aggiuntivo, che ci viene chiesto dal Governo rispetto allo scorso anno anche volendo non poteva essere coperto con l utilizzo dell avanzo di amministrazione, questo perché tecnicamente questa operazione non è possibile farla, e c è qui anche il Dirigente per confermarla. Questo perché? Perché sono somme che sono anche qui vincolate, faccio un esempio, le entrate derivanti dalle concessioni cimiteriali possono essere spese soltanto per l ampliamento, la ristrutturazione, ecc. ecc. dei cimiteri. Quindi quando andate a vedere la voce 14 e la voce 15 ci sono più di ,00 euro che noi proponiamo di applicare per l anno in corso per i cimiteri; non vuol dire che verranno realizzate tutte nell anno in corso ma vuol dire che queste somme possono essere utilizzate soltanto per i cimiteri. Quindi se io ci volessi fare una piazza non posso farla, se io ci volessi pagare una spesa corrente come la mensa 9

22 scolastica non potrei farla, come non potrei colmare, tra virgolette la richiesta del Gove rno. Fatta questa doverosa delucidazione, noi abbiamo applicato di fatto tutto l avanzo di amministrazione che era in un qualche modo disponibile e l abbiamo fatto con delle opere anche strategiche perché si evidenziava la manutenzione strade, con gli interventi che sono partiti negli scorsi giorni, nelle scorse settimane, più quelli che andiamo a iscrivere in questo momento, con questa proposta di Bilancio complessivamente andiamo a realizzare manutenzioni per circa ,00. Poca roba, poca roba rispetto alle esigenze che avrebbe questo Comune e che con i ,00 che ci portano via potremmo in un solo anno non dico asfaltare tutte le strade ma quasi. Oltre quindi alle attività ordinarie ci sono comunque anche dei nuovi e forti e importanti segnal i. Il primo è sicuramente il secondo stralcio del completamento del nuovo museo di Comacchio dove mettiamo ulteriori ,00 euro per gli allestimenti e che ha visto, come abbiamo evidenziato qualche tempo fa, un accelerazione importante. 10

23 I cimiteri comunque li avevo già citati. Successivamente evidenzio anche l ulteriore trasferimento per la sicurezza idraulica. Qui andiamo a destinare ,00 di avanzo per la sicurezza idraulica. In questi giorni, a proposito di sicurezza idraulica, il CADF sta ultimando degli importanti interventi come quelli di via Marina che erano interventi che non saranno risolutivi, saranno migliorativi ma sono interventi che sono almeno trent anni, se non trenta magari venticinque, che dovevano essere fatti. Anche per la sicurezza idraulica sui lidi il 4 giugno ci sono stati consegnati i primi progetti ed andremo ad aprire nel breve la conferenza dei servizi per poi arrivare a realizzare anche quelle famose vasche che permetteranno di non avere più questi allagamenti sui lidi. In fondo ma non meno importante, come sottolineava l Assessore, c è il progetto che vogliamo presentare rispetto al comparto vallivo. Un progetto che dovrà essere candidato a valere sul POR FESR, quindi un progetto turistico ma che naturalmente punta a mettere insieme il recupero ambientale di determinate 11

24 situazioni congiuntamente chiaramente alla valorizzazione e alla fruizione turistica. Quindi è importante dimostrare alla Regione che il Comune di Comacchio è in grado di garantire un cofinanziamento, che in questo caso c è un primo stralcio ma poi, a seconda anche di quanto ci verrà concesso vorremmo andare a rimpinguare ulteriormente questa somma, perché comunque il taglio minimo dei progetti è di un milione e mezzo, con un cofinanziamento richiesto al Comune del 20%. Noi, come capirete dai numeri, vogliamo presentare un progetto più grosso rispetto a un milione e mezzo per il recupero naturalmente dei casoni di valle su cui, come sottolineava oggi qualcuno sui giornali, è da fine degli anni 80 che non viene fatta nessuna manutenzione. Mi fa piacere insomma che venga evidenziata soltanto oggi questa cosa. E anche rispetto all ultimazione di determinati percorsi, siamo in fase di consultazione, siamo in fase di affidamento di parte della progettazione, l ambizione è quella di presentare un grosso progetto che abbia una valenza internazionale proprio perché è arrivato questo riconoscimento MAB Unesco, proprio perché verrà 12

25 ultimato l argine della discordia, che in un qualche modo nonostante fosse già sancito che si dovesse fare, diventerà la pista ciclabile più bella d Europa. L ho sottolineato più volte perché permetterà di percorrere in bicicletta in mezzo alle valli un percorso unico da Boscoforte praticamente fino alla stazione di pesca di Bellocchio, chiaro che mancano dei pezzettini rispetto all ultimazione di quei percorsi turistici. Tutto questo per dire cosa? Per dire la strategia che ha questa Amministrazione perché questo avanzo chiaramente non verrà speso tutto entro fine anno. Uno perché comunque ci sono delle procedure di gara che dovranno essere realizzate, due perché questi interventi hanno un respiro abbiam dimenticato la piscina, hanno un respiro comunque pluriennale e quindi sono interventi che devono tenere in considerazione i tempi di realizzazione ma anche i tempi legati al Patto di Stabilità. Noi abbiamo fatto una richiesta importante alla Regione di allentamento del Patto di Stabilità anche in virtù del fatto che c è questo accordo territoriale legato alla sicurezza idraulica, speriamo di avere un po di ossigeno che ci permetta insomma di poter arrivare a 13

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 252 approvata il 15 aprile 2015 DETERMINAZIONE: ACQUISTO DI N. 42

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015

Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015 Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015 DETERMINAZIONE: 005/301. SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO

Dettagli

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni LAVORO N. 01 CODICE C.U.P. F46D14000080002 OGGETTO INTERVENTO LAVORI DI COMPLETAMENTO EX SCUOLA ELEMENTARE DI VIA ROMA AD USO EDIFICIO PER SERVIZI SOCIO-SANITARI TIPOLOGIA INTERVENTO 07 Manutenzione Straordinaria

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli