- 01 Gennaio 2014/ 31 dicembre 2014-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 01 Gennaio 2014/ 31 dicembre 2014-"

Transcript

1 \ COMUNE DI STEZZANO Provincia di Bergamo Settore 3 Servizi alla Persona CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE ASSISTENZA SCOLASTICA, EXTRASCOLASTICA E DOMICILIARE PER DISABILI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI INTEGRATIVI AL TEMPO SCUOLA SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA (S.F.A.) PER MINORI E ADULTI DISABILI - 01 Gennaio 2014/ 31 dicembre ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Oggetto della gara è l affidamento di servizi e progetti socio/educativi per disabili, tenuto conto delle indicazioni operative sui servizi di assistenza educativa scolastica, sul funzionamento dei servizi di formazione all autonomia e dei servizi territoriali disabili dell Ambito territoriale di Dalmine, approvati nell Assemblea dei Sindaci in data 8 maggio 2006, in data 11 febbraio 2009, in data 1 marzo 2010 e in data 4 aprile 2011, e dei servizi di assistenza integrativi alle attività scolastiche previste nel piano programmatico per il diritto allo studio annualmente approvato ai sensi della normativa vigente. Il servizio dovrà svolgersi sotto l osservanza delle norme contenute negli articoli che seguono tenendo inoltre conto di quanto previsto in materia di igiene sanità e sicurezza per il personale impiegato. Lotto unico Durata annuale CIG D ,08 più IVA 1

2 Servizi e progetti socio/educativi oggetto di gara: SERVIZI DI ASSISTENZA EDUCATIVA PER MINORI DISABILI Assistenza educativa per minori disabili residenti nel Comune di Stezzano, inseriti nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie del territorio; Progetti educativi territoriali rivolti ai minori disabili inseriti nelle scuole (progetti del tempo libero, progetti educativi volti all inserimento nelle agenzie educative del territorio); SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER DISABILI; Assistenza domiciliare rivolto ai disabili su base organica, di età compresa tra i 3 ed i 25 anni, che vivono difficoltà di relazione all interno del proprio nucleo familiare. Prevede un progetto individualizzato. SERVIZI DI FORMAZIONE PER MINORI E ADULTI DISABILI Servizio S.F.A, istituito dalla Regione Lombardia con Delibera Regionale 7433 del 13 giugno 2008, mira al potenziamento delle abilità di base e delle abilità sociali del singolo disabile accompagnando la persona all interazione con il territorio e con gli altri servizi ; son previste attività individuali di potenziamento delle autonomie, attività laboratoriali e attività nel territorio. Bacino d utenza potenziale: n. 14. Progetti mirati di territorio, integrano l attività del servizio S.F.A per accompagnare il disabile nelle agenzie del territorio con l obiettivo di facilitare l inserimento autonomo e continuativo. Progetti tempo libero, integrano il progetto d intervento individualizzato, sono rivolti al soggetto disabile e alla sua famiglia per l inclusione nel tessuto sociale territoriale, Iniziative formative e di sensibilizzazione rivolte alla comunità del territorio per favorire l inclusione e la condivisione sociale SERVIZIO INFORMATIVO/ORIENTATIVO Sportello di informazione, orientamento in grado di indirizzare e accompagnare le famiglie nell affrontare particolari percorsi SERVIZI INTEGRATIVI ATTIVITA SCOLASTICHE PER LE SCUOLE DELL INFANZIA E PRIMARIE PREVISTI NEL PIANO PROGRAMMATICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO. Servizi di accoglienza e assistenza educativa durante la mensa scolastica; Servizi di accoglienza e assistenza educativa in orario extrascolastico nelle scuole dell infanzia e primarie (pre e post scuola); Servizi di supporto educativo extrascolastico per gli alunni della scuola dell obbligo (non solo compiti). Art. 2 FINALITA E OBIETTIVI DEI SERVIZI L'assistenza alle persone disabili, prevista dal D.P.R 616/1977 e successive modifiche, dalle Leggi n.104\92 e successive integrazioni, n. 328/2000, n.517/77 e dalla Legge Regionale 31/80, comprende servizi che offrono prestazioni di natura socio-educativa aventi la finalità di favorire lo sviluppo psico-fisico del minore o adulto disabile e di promuovere il loro benessere, attraverso interventi che agiscano sull autonomia e sulle capacità di relazione e socializzazione. ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA ED EXTRASCOLASTICA PER MINORI DISABILI Il servizio di assistenza scolastica agli alunni in situazione di handicap, ai sensi degli artt. 12 e 13 della legge quadro n. 104/92 ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona diversamente abile nell apprendimento, nella comunicazione, nella relazione e nella socializzazione, integrando il sostegno scolastico durante tutti i momenti, nessuno escluso, della vita scolastica, sia nella scuola che nelle attività esterne organizzate dalla scuola, si inquadra nel più generale obiettivo del Progetto Educativo Individualizzato che la scuola e le agenzie territoriali formulano in sinergia al fine di promuovere l integrazione dell alunno disabile nella sua interezza e specificità potenziando capacità di autonomia personale e comunicativa all interno ed all esterno della scuola. L assistenza educativa affianca il lavoro di tipo educativo-didattico dei docenti ed è svolto da personale qualificato che si muove nell area psico-educativa. Si prefigge i seguenti obiettivi: Promuovere lo sviluppo psico-fisico del disabile attraverso interventi assistenziali e/o educativi individualizzati che agiscano sull autonomia personale e sulle capacità di relazione e socializzazione; 2

3 Favorire l inserimento e la partecipazione scolastica dei disabili sostenendone l integrazione e assicurando loro la necessaria assistenza tramite stimoli di natura educativa; Sviluppare una rete di collaborazione con le associazioni e le agenzie educative per garantire una maggiore integrazione attraverso progetti da realizzarsi con e sul territorio; Promuovere l integrazione dei disabili nei diversi ambiti di vita: familiare, educativa e socio-ricreativa. ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER DISABILI Assistenza domiciliare rivolto ai disabili su base organica, di età compresa tra i 3 ed i 25 anni, che vivono difficoltà di relazione all interno del proprio nucleo familiare (incapacità di avere un ruolo educativo coerente, stanchezza nella gestione del familiare disabile, limitazioni socio-culturali dei familiari, ecc.). Prevede un progetto individualizzato, affianca i compiti educativi della famiglia, offre spazi di sollievo nelle attività di cura in carico alla famiglia e facilita l integrazione e la socializzazione del disabile nel proprio territorio di appartenenza. La finalità principale dell intervento di assistenza domiciliare educativa è quella di offrire spazi educativi stimolanti per la promozione globale della persona disabile valorizzando prima di tutto il suo contesto familiare con particolare attenzione alle seguenti aree d intervento: sviluppare la capacità di rapporto dialogico nella comunicazione con gli altri, in particolare con i familiari; supportare la famiglia nel compito educativo e offrire uno spazio di sollievo nella gestione del disabile; sviluppare la competenza comunicativa; sviluppare il potenziamento delle capacità logico-cognitive nelle varie aree; potenziare e sviluppare la consapevolezza di sé aiutando il minore a scoprire le proprie capacità e abilità; promuovere le autonomie personale sia nel contesto casa che in uno spazio esterno. in uno spazio esterno. SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA (S.F.A) PER MINORI E ADULTI DISABILI Il servizio si pone quale finalità l inclusione sociale della persona potenziando o sviluppando le sue autonomie personali. Il servizio contribuisce inoltre all acquisizione di prerequisiti di autonomia utili all inserimento professionale che dovrà avvenire in raccordo con i servizi deputati all inserimento lavorativo, si prefigge i seguenti obiettivi: potenziare le autonomie personali che consentano alla persona di muoversi autonomamente sul territorio, organizzare il proprio tempo, avere cura di sé, sviluppare interesse alle relazioni sociali, acquisire/riacqusire il proprio ruolo nella famiglia o emanciparsi dalla famiglia; sviluppare i prerequisiti per un inserimento/reinserimento lavorativo attraverso il potenziamento delle competenze cognitive, il potenziamento delle abilità funzionali residue, il riconoscimento e rispetto delle regole del mondo del lavoro. favorire l integrazione nell ambito della comunità di appartenenza coinvolgendo il più possibile il contesto sociale; assicurare alle famiglie interventi di appoggio e sostegno; lavorare in sinergia con le altre agenzie educative e socializzanti del territorio. Progetti mirati di territorio, integrano l attività del servizio S.F.A per accompagnare il disabile nelle agenzie del territorio con l obiettivo di facilitare l inserimento autonomo e continuativo. Progetti tempo libero, integrano il progetto d intervento individualizzato, sono rivolti al soggetto disabile e alla sua famiglia per l inclusione nel tessuto sociale territoriale, Iniziative formative e di sensibilizzazione rivolte alla comunità del territorio per favorire l inclusione e la condivisione sociale SERVIZIO INFORMATIVO/ORIENTATIVO La complessità dei bisogni e l articolazione a volte frammentata delle risposte rende necessario offrire alle famiglie occasioni di informazione, orientamento in grado di indirizzare e accompagnare le famiglie nell affrontare particolari percorsi. 3

4 L obiettivo del servizio è quello orientativo assicurando competenza nell ascolto e nella valutazione dei bisogni, soprattutto nelle situazioni complesse che necessitano di invio alle competenti aree sociali del Comune, dell Asl, e delle diverse unità d offerta, monitorando i progetti e mettendo in connessioni bisogni e risorse, accompagnando la famiglia nella costruzione del progetto di vita del proprio figlio disabile. SERVIZI INTEGRATIVI ATTIVITA SCOLASTICHE PER LE SCUOLE DELL INFANZIA E PRIMARIE PREVISTI NEL PIANO PROGRAMMATICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO. Servizi di accoglienza e assistenza educativa durante la mensa scolastica; Servizi di accoglienza e assistenza educativa in orario extrascolastico nelle scuole dell infanzia e primarie (pre e post scuola); Servizi di supporto educativo extrascolastico per gli alunni della scuola dell obbligo (non solo compiti). Sono servizi programmati nel piano per il diritto allo studio volti a facilitare l accesso scolastico e a conciliare i tempi di lavoro con i tempi di cura familiare: SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI INTEGRATIVI AL TEMPO SCUOLA SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI 1 GRADO Obiettivi dei servizi integrativi al tempo scuola: garantire ai bambini che usufruiscono i servizi mensa l assistenza educativa durante l anno scolastico; garantire l assistenza educativa ai bambini che usufruiscono del servizio educativo pre e post scuola; garantire servizi di supporto educativo extrascolastico per gli alunni della scuola dell obbligo (non solo compiti) Tali servizi sono attivati a domanda individuale con il raggiungimento di un minimo di richieste necessarie per garantire la copertura dei costi di gestione. ART. 3 PRESTAZIONI E MODALITA DI SVOLGIMENTO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA ED EXTRASCOLASTICA PER MINORI DISABILI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA Il servizio di assistenza educativa scolastica per minori disabili sarà realizzato presso le scuole del territorio (scuole dell infanzia, scuole primarie e secondarie) ed è finalizzato ad assicurare loro il diritto allo studio attraverso forme di sostegno tali da facilitarne l inserimento e l integrazione scolastica, svilupparne le potenzialità individuali nell apprendimento, nella comunicazione e nella socializzazione, nonché garantirne la continuità fra i diversi gradi di scuola con percorsi educativi personalizzati. L affidatario dovrà garantire l effettiva e costante presenza, sulla base degli orari concordati, di operatori qualificati presso le sedi scolastiche indicate dall Ufficio scolastico comunale. Data la particolarità del servizio, l affidatario dovrà inoltre garantire, salvo casi eccezionali, che non si verifichino nel corso dell anno scolastico avvicendamenti degli operatori assegnati a ciascun alunno/istituto. Il monte ore, compreso di programmazione e verifica, è definito all inizio di ogni anno scolastico e / o anno di attività educativa in funzione del bisogno e delle valutazioni di efficacia dell intervento. Gli orari di svolgimento dei servizi, la loro durata e il numero di operatori necessari saranno concordati tra le parti in relazione al numero e ai bisogni degli utenti e alla loro presenza nei diversi plessi scolastici. Il monte ore per la durata del contratto è indicativamente stimato in numero 450 ore settimanali nel corso dell anno in base al calendario scolastico da settembre a giugno, diversamente articolato in relazione agli ordini scolastici (scuola del infanzia, primarie e secondaria di I e II ), considerando indicativamente una media di 35 settimane annuali per un totale ore anno stimato in ore. Bacino di utenza previsto circa 40 alunni con disabilità certificate. Tale monte ore deve essere aggiornato annualmente in base alle esigenze e può ridursi del 40% senza richiesta di danni da parte della cooperativa. 4

5 Le ore di programmazione, verifica e formazione riservate ad ogni singolo assistente educatore saranno pari a 42 ore annue da utilizzare per incontri con insegnanti e specialisti da definire con il Comune e la Scuola. Saranno inoltre garantite 20 ore annue per la formazione degli operatori a carico della cooperativa. Il coordinamento del servizio è stimato per un monte ore complessivo di 50 ore annuali. In caso di assenza dell alunno, l assistente non è autorizzato a restare a scuola. Allo stesso viene riconosciuta la prima ora del primo giorno di assenza non preavvisata. In caso di un assenza prolungata, l assistente educatore non è autorizzato a svolgere la sua attività al domicilio (salvo progetto educativo domiciliare autorizzato dal Comune di concerto con la Scuola). L abbinamento tra alunno e assistente viene effettuato dalla Impresa/Cooperativa, attraverso una selezione attenta del personale da parte della cooperativa tenuto conto dei seguenti criteri: indicazioni contenute nella diagnosi funzionale; continuità dell assistente educatore, salvo controindicazioni (es. difficoltà di relazione tra assistente educatore e alunno; indicazione dell Unità Multidisciplinare dell ASL di riferimento rispetto alle caratteristiche dell assistente educatore. La Ditta dovrà inoltre garantire la continuità del servizio, provvedendo all immediata sostituzione dell operatore assente dal servizio medesimo per qualsiasi motivo, utilizzando, a tal fine, personale supplente dotato degli stessi requisiti prescritti per il titolare dell incarico annuale. Per quanto attiene l assistenza scolastica è previsto che siano predisposti almeno : 2 incontri (verifica intermedia e finale) all anno con le scuole; 1 incontro generale, ad inizio anno con le famiglie; consegna di una relazione finale scritta. Attrezzature e materiale di consumo: le eventuali attrezzature ludiche e il materiale di consumo per la realizzazione delle attività laboratoriali sono a carico della ditta aggiudicataria del servizio. A solo titolo indicativo attualmente il servizio di assistenza educativa scolastica è rivolto a n. 42 alunni disabili di cui n. 7 scuola infanzia n. 1 scuola Potenziata Curno n. 22 scuole primarie n. 4 scuole secondarie 1 grado ; n. 8 scuole Professionali e scuole di 2 grado ( Bergamo o Provincia ) Figure professionali previste: assistenti/educatori per l autonomia e la comunicazione personale in possesso di diploma di scuola superiore ad indirizzo sociale pedagogico o educativo e con esperienza lavorativa documentata in servizi socio-educativi o in possesso di titoli professionali riconosciuti dalla regione (Osa, Asa, Oss, ecc.) per l espletamento delle seguenti mansioni: supporto all integrazione scolastica dell alunno disabile; supporto agli apprendimenti scolastici dell alunno disabile (affiancamento e accompagnamento nei percorsi didattici concordati con il team docente); collaborazione con gli insegnanti e gli altri soggetti coinvolti nell intervento sul disabile (partecipazione alla programmazione, partecipazione a incontri con insegnanti e specialisti); interventi extrascolastici atti a migliorare le competenze sociali della persona disabile; accompagnamento nei viaggi di istruzione, anche di più giorni. L accompagnamento alle gite scolastiche spetta prioritariamente all insegnante di sostegno, con l eventuale presenza dell assistente educatore qualora l alunno disabile presenti elevati carichi di assistenza. L assistente educatore, se richiesto, è tenuto alla partecipazione alle gite scolastiche alle seguenti condizioni: per gite di un giorno si riconoscono all assistente educatore le effettive ore svolte, per un massimo di 10 ore; per gite di più giorni si riconoscono per ciascun giorno 10 ore; vitto e alloggio dell assistente educatore sono a carico della scuola. coordinatore tecnico - referente dell impresa. Il soggetto aggiudicatario si obbliga a nominare un Coordinatore del Servizio quale interlocutore unico con il Comune e la scuola per ogni problema relativo al Servizio. 5

6 Il Coordinatore deve essere in possesso di una laurea triennale o quinquennale ad indirizzo pedagogico o similari e/o aver maturato almeno n. 5 anni di esperienza nei servizi di riferimento. Il nominativo ed il curriculum del Coordinatore devono essere comunicati all Ente appaltante, unitamente all elenco del personale utilizzato per l espletamento del servizio. Il Coordinatore è tenuto, altresì, a redigere una relazione annuale concernente l andamento tecnico della gestione del servizio con l indicazione dei risultati e delle problematiche emerse, oltre ad eventuali suggerimenti per il migliore andamento della gestione del servizio; Il Coordinatore Tecnico, inoltre è tenuto a segnalare al Servizio sociale del Comune in modo tempestivo, direttamente o a mezzo di relazione scritta, gravi difficoltà e problematiche emerse durante l esecuzione del servizio e che richiedano interventi o soluzioni immediate. I PROGETTI EDUCATIVI EXTRA SCOLASTICI: sono rivolti solo ad alcuni minori con patologia grave, inseriti nelle scuole dell obbligo (indicativamente n. 2) per migliorare le competenze e potenziare le capacità degli alunni sulla base di progetti educativi individualizzati condivisi con i servizi specialistici, la scuola e la famiglia nell ambito del progetto di vita del minore. Sono utilizzati spazi scolastici o altre strutture presenti sul territorio (impianti sportivi). Il monte ore settimanale è compreso nel computo complessivo previsto per il servizio di assistenza educativa scolastica. Trattasi di interventi integrativi rientranti nella programmazione educativa individualizzata (P.E.I.), il servizio sarà espletato con le stesse modalità gestionali del servizio di assistenza educativa scolastica. SERVIZI INTEGRATIVI ATTIVITA SCOLASTICHE: Servizi di accoglienza e assistenza educativa durante la mensa scolastica; Servizi di accoglienza e assistenza educativa in orario extrascolastico nelle scuole dell infanzia e primarie (pre e post scuola); Servizi di supporto educativo extrascolastico per gli alunni della scuola dell obbligo ( non solo compiti ). I servizi programmati nel piano per il diritto allo studio volti a facilitare l accesso scolastico e a conciliare i tempi di lavoro con i tempi di cura familiare sono di seguito precisati: Intermensa scuole primarie e secondaria di 1 grado Il monte ore previsto è di 44 ore settimanali considerando una media di 33 settimane annue, per un totale annuo stimato in ore 1.452, da definirsi in base al calendario scolastico nei giorni di attivazione del servizio. Servizi di accoglienza e assistenza educativa in orario extrascolastico nelle scuole dell infanzia e primarie (pre e post scuola); Il monte ore previsto è di 13,5 ore settimanali considerando una media di 35 settimane annue per le primarie e 38 settimana per l infanzia, per un totale annuo stimato in 495 ore. Servizi di supporto educativo extrascolastico per gli alunni della scuola dell obbligo (non solo compiti). Il monte ore previsto è di 10 ore settimanali considerando una media di 35 settimane annue, per un totale annuo stimato in ore 350. Tali servizi sono attivati a domanda individuale con il raggiungimento di un minimo di richieste necessarie per garantire la copertura dei costi di gestione. ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER DISABILI : è rivolto alla fascia d età dai 3 ai 25 anni, da attivare su richiesta del disabile e/o della sua famiglia, o un tutore/amministratore di sostegno. In caso di minori di anni 18 è inoltre necessaria la formale segnalazione della Neuro Psichiatria Infantile competente o dell Agenzia Minori dell Ambito di Dalmine o di altra struttura pubblica o accreditata che ha in carico il minore. La responsabilità del servizio è in carico all assistente sociale comunale con funzioni di regia nelle fasi di progettazione individuale degli interventi. L educatore sarà prevalentemente presente nei luoghi di vita del minore, con particolare riferimento al domicilio, è necessaria la formulazione del progetto individualizzato, con una durata giornaliera di 2-3- ore per un monte ore complessivo di almeno 4 ore e un massimo di 10 ore settimanali. Figura professionale prevista: educatore professionale. Gli orari di svolgimento dei servizi, la loro durata e il numero di operatori necessari saranno concordati tra le parti in relazione al numero e ai bisogni degli utenti. in 22 ore settimanali, considerando una media di 35 settimane annue, per un totale annuo di 770 ore. Numero utenti attualmente in carico n. 2. 6

7 L impresa dovrà garantire, per i servizi sopra precisati e per ogni singolo operatore n. 20 ore annuali la formazione Il costo sarà completamente a carico della ditta aggiudicataria. SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA S.F.A. Lo SFA accoglie persone disabili di età compresa tra i 16 e i 35 anni e/o persone di età anche superiore ai 35 con particolari patologie invalidanti che necessitano di un Progetto educativo individualizzato. Lo SFA è funzionante dal lunedì al venerdì e garantisce un apertura di 47 settimane all anno con un orario giornaliero che varia in base al progetto individualizzato, secondo un calendario annualmente programmato. I periodi di chiusura sono previsti per le vacanze natalizie ed estive, stabiliti in sede di programmazione generale all inizio dell anno. Il rapporto max previsto è di un operatore ogni 7 progetti educativi individualizzati. Interventi offerti: laboratori educativi finalizzati al potenziamento e/o mantenimento delle abilità del soggetto disabile; progetti del tempo libero, integrano il progetto individualizzato, sono rivolti al soggetto disabile e alla sua famiglia per l inclusione nel tessuto sociale territoriale; progetti mirati di territorio per favorire l inserimento del soggetto in agenzie del territorio con l obiettivo di facilitare l inserimento autonomo e continuativo ; iniziative formative e di sensibilizzazione rivolte alla comunità del territorio per favorire l inclusione e la condivisione sociale. Figure professionali previste: coordinatore tecnico n. 4 ore settimanali per l espletamento delle seguenti funzioni, per un totale annuo stimato in ore 180: garantire la supervisione della programmazione educativa; garantire il monitoraggio dell andamento dei progetti individuali; garantire lo scambio informativo tra il servizio ed altri interlocutori (istituzionali e non) gestire la partecipazione di collaboratori esterni, quali volontari e/o maestri d arte. educatori professionali con il titolo di studio specifico richiesto (titolo di studio riconosciuto dalla Regione Lombardia, laurea in scienze dell educazione o titoli di studio equipollenti) e/o con adeguata esperienza lavorativa documentata nell area socio-educativa. L educatore professionale svolge le seguenti funzioni: predispone il progetto individuale e gestisce le singole attività; monitora l andamento del progetto e segnala nuovi bisogni o proposte; partecipa alla definizione generale del servizio e alla valutazione progettuale. Per la gestione del servizio sono previsti due educatori per complessive 58 ore settimanali per un totale annuo stimato in ore operatore socio-assistenziale in possesso di titoli professionali riconosciuti dalla regione (Osa, Asa, Oss, ecc.), per le funzioni di assistenza in alcuni momenti specifici (igiene alla persona, assistenza durante il pasto, ecc.)- da attivarsi su richiesta, per un totale annuo stimato in ore 180. Il servizio prevede anche la realizzazione di un esperienza residenziale. E prevista una quota di 4.000,00 annuale quale budget per fondo gestione attività, laboratori e materiale di consumo, da rendicontare allegando alla fattura le note giustificative delle spese sostenute. L impresa dovrà garantire, per ogni singolo operatore n. 20 ore annuali la formazione Il costo sarà completamente a carico della ditta aggiudicataria. SERVIZIO INFORMATIVO ORIENTATIVO Il sevizio è rivolto alle famiglie di minori e adulti con handicap quale sportello di ascolto, orientamento in grado di indirizzare e accompagnare le famiglie nell affrontare percorsi educativi scolastici, di cura e riabilitazione, d inserimento sociale e lavorativo. La figura professionale prevista è l assistente sociale con titolo specifico e iscrizione all Albo professionale. Sono stimate circa 400 ore annuali. Tale servizio sarà attivato in base alle disponibilità di bilancio. 7

8 ART. 4 -FIGURE PROFESSIONALI COINVOLTE MANSIONI La ditta aggiudicataria dovrà assegnare ed impiegare per l espletamento delle funzioni relative al servizio oggetto della convenzione un numero di operatori adeguato alle richieste pervenute dai servizi specialistici e così specificati: assistenti educatori per l assistenza, l autonomia e la comunicazione personale in possesso di diploma di scuola superiore e con esperienza lavorativa documentata in servizi socio educativi; educatori professionali in possesso di diploma specifico, o iscritti ad un corso specialistico di laurea in scienze dell educazione o similari e con esperienza lavorativa documentata in servizi socio/educativi per disabili. coordinatore tecnico in possesso di una laurea triennale o quinquennale ad indirizzo pedagogico o similari e/o aver maturato almeno n. 5 anni di esperienza nei servizi di riferimento; Operatore socio-assistenziale per le funzioni di assistenza in alcuni momenti specifici all interno dello SFA. Servizio da attivarsi su richiesta. assistente sociale in possesso di titolo di studio specifico e iscrizione all Albo professionale; Altre figure che l impresa riterrà opportune o richieste dal Comune, con qualificazione ed esperienza adeguata all implementazione di azioni particolari e/o innovative nei servizi a sostegno ed integrazione della disabilità. L impresa/cooperativa dovrà assegnare e impiegare personale professionale qualificato in possesso delle necessarie autorizzazioni e qualifiche professionali, come sopra previsto. Il personale assegnato dovrà inoltre essere disponibile per la guida di automezzi di proprietà comunale per eventuali spostamenti degli utenti dei servizi, pertanto dovrà essere munito di patente B. Entro dieci giorni dall aggiudicazione l Impresa/cooperativa dovrà incontrare il referente comunale per dettagliare il monte ore assegnato ad ogni alunno per l assistenza educativa scolastica e per dettagliare il personale assegnato ai diversi servizi oggetto dell appalto. Dovrà inviare altresì, entro 10 giorni dall aggiudicazione, a codesta Amministrazione l elenco del personale individuato con specificata la relativa qualifica e il titolo di studio. Il Responsabile del Settore III dovrà esprimere il proprio benestare in merito ai requisiti di professionalità degli stessi. L amministrazione comunale si riserva di richiedere la sostituzione del personale qualora lo stesso per seri e comprovati motivi non risulti idoneo all espletamento del servizio. Ogni variazione a detto elenco dovrà essere comunicato entro sette giorni al Comune di Stezzano. L Impresa/cooperativa dovrà garantire la sostituzione degli operatori in caso di assenza superiore a un giorno. L inosservanza dell obbligo di sostituzione comporterà, previa contestazione scritta, una penale da 50,00 a 250,00 per ogni giorno di assenza. Deve altresì garantire, salvo cause di forza maggiore, la continuità delle stesse persone fisiche degli operatori per la durata del contratto al fine di garantire una continuità nel servizio. Non saranno tollerati turnover, se non per cause di forza maggiore, di personale superiori a 2/5 delle forze presenti: in caso di superamento di tale limite, senza giustificati motivi, si potrà arrivare alla risoluzione del contratto con l affidamento alla seconda Impresa/Cooperativa in graduatoria con l addebito delle maggiori spese sostenute dall amministrazione, mediante trattenuta sull ultima liquidazione o rivalsa sulla cauzione definitiva. Il personale dell Impresa/Cooperativa è tenuto a mantenere il segreto d ufficio su fatti e circostanze di cui sia venuto a conoscenza nell espletamento dei propri compiti. FUNZIONI DEL REFERENTE COMUNALE RESPONSABILE DEI SERVIZI Nell ambito dei servizi oggetto del presente capitolato, il Responsabile del Settore III è titolare delle seguenti funzioni: 1. cura la programmazione generale dei Servizi con l intento di realizzare la rispondenza tra le prestazioni offerte e i bisogni dei disabili residenti, tenuto conto delle risorse disponibili; 2. esercita le funzioni di direzione generale garantendo il necessario raccordo tra le funzioni svolte dal servizio sociale comunale e quelle affidate all impresa aggiudicatrice; 3. verifica periodicamente, insieme al referente tecnico della cooperativa, il regolare svolgimento del servizio e il raggiungimento degli obiettivi prefissati convocando almeno tre volte nel corso dell anno, un incontro con il referente dell impresa per una verifica complessiva dei rapporti reciproci in relazione all andamento dei servizi. 4. determina il monte ore di assistenza educativa per ogni alunno tenuto conto delle indicazioni delle neuropsichiatrie e delle scuole. 5. accoglie e valuta la domanda/bisogno di progetti educativi individualizzati per i disabili, dei progetti di assistenza educativa domiciliare e dei progetti territoriali, nonché i progetti tecnici dei diversi servizi oggetti dell appalto, incontra i familiari dei destinatari, se minorenni, e i diretti destinatari nelle fasi di avvio attuazione e verifica degli interventi anche in presenza del personale della cooperativa ove necessario. 8

9 FUNZIONI DEL REFERENTE DELL IMPRESA COORDINATORE TECNICO Al Coordinatore della Cooperativa sono assegnate le seguenti funzioni: organizzazione e coordinamento del personale e delle loro attività, conduzione degli incontri di programmazione e verifica degli interventi educativi anche ai fini di un supporto agli operatori per il corretto svolgimento del ruolo professionale; assume la responsabilità tecnica/organizzativa dei singoli progetti educativi e di progetti tecnici dei diversi servizi oggetto dell appalto; svolge un ruolo di referente per le scuole e le altre agenzie coinvolte nei progetti, in caso di comunicazioni in merito ad assenze e sostituzioni, cambiamenti di orari e/o altre necessità di tipo logistico/organizzativo; svolge funzione tecnico- operative di raccordo tra cooperativa, scuole, servizi, comune e agenzie territoriali; incontra il referente comunale, per la verifica in merito all andamento del servizio e contatti in tempo reale per comunicazioni, aggiornamenti e/o necessità relative agli utenti; garantisce una costante reperibilità dalle ore 7.45 alle ore 18,00. Art. 5 - CARATTERE DEL SERVIZIO. I servizi oggetto dell appalto sono ad ogni effetto da considerarsi di pubblico interesse e, come tali, non potranno essere sospesi o abbandonati. In caso di sospensione o abbandono, anche parziale del servizio, fatte salve le cause di forza maggiore, l Amministrazione comunale potrà senz altro sostituirsi all appaltatore per l esecuzione d ufficio a danno e spese dell inadempiente, oltre ad applicare le previste penalità. Art. 6 - VOLONTARIATO L impiego di operatori volontari da parte dell appaltatore viene riconosciuto e stimolato. L affidatario del servizio dovrà informare il Comune dell eventuale utilizzo di personale volontario segnalando: 1) le competenze del volontario, il ruolo, l ambito e le modalità di utilizzo; 2) i criteri di copertura assicurativa; 3) gli specifici diritti sia nell ambito della formazione che in quello della programmazione degli interventi con il proprio personale; In nessun caso le prestazioni dei volontari potranno essere utilizzate in maniera sostitutiva rispetto ai parametri di impiego degli operatori e le prestazioni dei volontari non potranno concorrere alla determinazione dei costi di servizio. ART. 7-MONTE ORE DEL SERVIZIO Il servizio verrà prestato dal lunedì al sabato; gli orari di svolgimento, la loro durata e il numero di operatori necessari verranno concordati tra le parti in relazione al numero e ai bisogni degli utenti e alla loro presenza nei diversi plessi scolastici e servizi, compatibilmente alle finalità ed alla organizzazione dei servizi e alle risorse economiche disponibili. Il monte ore per la durata del contratto è indicativamente stimato in complessive ore annue così ripartite: SERVIZI a.educ S.F.A assistenza domiciliare Assistenza servizio mensa. Accoglienza in orario extrascuola (Non solo compiti) Assistenza Pre-post scuola Sportello ascolto Tempi 35 sett. 47 sett. 35sett. 33 sett. 35 sett. 35 primaria infanzia Ore settimanali ,5 8 Ore annuali coord180 + a..s.a

10 Il monte ore complessivo degli assistenti educatori scolastici deve essere aggiornato annualmente in base alle richieste/segnalazioni degli alunni certificati dal servizio di NPI e dei disabili o loro famigliari e può ridursi del 40% senza che l Impresa/Cooperativa possa richiedere risarcimento danni. Il Comune ha comunque la facoltà di adeguare, con formale provvedimento, ed alle stesse condizioni previste dal presente contratto, il monte ore previsto sempre in relazione al numero degli utenti ammessi e a particolari esigenze di servizio. ART. 8- IMPORTO CONTRATTUALE IMPORTO A BASE D ASTA ,08 Inclusi oneri di sicurezza non soggetti a ribasso pari ad 3.000,00 Così suddiviso : SERVIZI a.educ. scolastic. S.F.A. ass. domic. Ass. servizio mensa Ass e accoglienza in orario extrasc. Servizi di Supporto educativo non solo compiti anno , , , , , ,00 Oneri di sicurezza non soggetti a ribasso 3.000,00 ART. 8- DURATA DEL CONTRATTO L appalto ha decorrenza dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre Alla scadenza l appalto cesserà automaticamente, senza necessità di disdetta, restando escluso il rinnovo tacito. La consegna del servizio potrà essere effettuata anche in pendenza della stipula di contratto, purché ad avvenuta aggiudicazione definitiva. OBBLIGHI DELL IMPRESA AGGIUDICATARIA ART. 9- FUNZIONI ED OBBLIGHI DEL SOGGETTO APPALTATORE L impresa/cooperativa aggiudicataria si impegna : a garantire la regolarità e la continuità del servizio, limitando il più possibile il turn-over del personale; a provvedere all immediata sostituzione del personale in servizio in casi di assenze programmate e in caso di assenze non programmate, nel limite di 24 ore, impiegando personale di pari qualifica professionale, senza oneri aggiuntivi per il Comune; a comunicare tempestivamente l avvenuta sostituzione degli operatori; a sospendere il servizio in assenza dell alunno. Il Comune, nel primo giorno di assenza dell utente, non preventivamente comunicata, riconosce all assistente educatore un ora di servizio. a rispettare per gli operatori impiegati nella gestione del servizio tutte le norme e gli obblighi assicurativi previsti dai CCNL del settore. In particolare l Impresa/Cooperativa si impegna ad applicare condizioni normative e retributive non inferiori a quelle previste dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto, nonché gli accordi provinciali del comparto; a tenere uno stretto contatto operativo con il referente comunale di codesta amministrazione; a garantire per tutta la durata del servizio la presenza di personale richiesto per lo svolgimento del servizio; a garantire con proprio personale la guida di automezzi comunali per eventuali spostamenti degli utenti del servizio; a garantire iniziative di formazione, aggiornamento ai propri operatori per almeno 20 ore annuali; a garantire la riservatezza delle informazioni riferite a persone che fruiscono delle prestazioni oggetto del presente appalto; a garantire per tutta la durata dell appalto il rispetto di tutte le norme nazionali e regionali relative al servizio, compreso il mantenimento degli standard gestionali; 10

11 a trasmettere al Comune di Stezzano mensilmente un rendiconto dettagliato delle ore effettuate dagli assistenti educatori compresi quelli dei sostituti, vidimato dal referente di ogni singolo plesso scolastico, nonché dal coordinatore e dagli educatori professionali; a trasmettere al Comune di Stezzano mensilmente un rendiconto dettagliato delle ore effettuate dagli educatori compresi quelli dei sostituti, vidimato dal Responsabile del Servizio referente Comunale; a fornire ogni informazione necessaria al Comune per verificare il buon funzionamento del servizio di assistenza ai disabili. ART RISPETTO D. LGS 81/08 E D. LGS 196/03 L impresa/cooperativa è tenuta all osservanza delle disposizioni del D.Lgs 81/08 e seguenti. L Impresa/Cooperativa si impegna a coordinare con il Comune le misure di prevenzione e protezione e la loro realizzazione attraverso la presentazione, in sede di assegnazione, del documento di valutazione dei rischi, del piano di emergenza e del piano informativo e formativo del personale impiegato in via generale dall impresa e che saranno successivamente adeguati ai servizi oggetto dell appalto, entro due mesi dall avvio del servizio. L Impresa/Cooperativa dovrà inoltrare presentare la documentazione attestante la nomina e la relativa comunicazione agli enti preposti del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, e il nominativo del medico del lavoro competente. L impresa/cooperativa è tenuta all osservanza del decreto legislativo 196/03 indicando il responsabile della privacy. Gli operatori dell impresa aggiudicataria addetti al servizio sono considerati incaricati al trattamento dei dati personali in possesso del Comune e trasmessi nei limiti in cui ciò sia necessario ai fini della corretta esecuzione del servizio. L impresa/cooperativa aggiudicataria assume l obbligo di agire in modo che il personale incaricato di effettuare le prestazioni contrattuali mantenga riservati i dati e le informazioni di cui venga in possesso, non li divulghi e non ne faccia oggetto di sfruttamento. L obbligo non concerne i dati che siano o divengano di pubblico dominio o che siano già in possesso dell impresa aggiudicataria, nonché i concetti, le idee, le metodologie e le esperienze tecniche che l impresa sviluppa o realizza in esecuzione alle prestazioni contrattuali. Ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003, si informa che il Comune tratterà i dati contenuti nel presente contratto esclusivamente per lo svolgimento delle attività ad esso connesse e per l assolvimento degli obblighi previsti dalle Leggi, dallo Statuto e dai Regolamenti in materia. ART. 11- RISPETTO D. LGS 68/99 L impresa/cooperativa è tenuta all osservanza delle disposizioni della legge 68/99 e quindi deve essere in regola con le norme che regolamentano il diritto al lavoro dei disabili, in caso alternativo deve dichiarare di non essere tenuta. ART. 12 FORMAZIONE/PROGRAMMAZIONE L impresa aggiudicataria dovrà garantire per l espletamento del servizio, la formazione e l aggiornamento del personale programmando percorsi formativi a proprio carico 20 ORE ANNUALI per ogni dipendente. ART RACCORDI L Impresa/Cooperativa si impegna a tenere uno stretto contatto con il Comune provvedendo a nominare un coordinatore di riferimento. Il lavoro tra Comune e impresa verrà inoltre raccordato almeno attraverso tre incontri di programmazione, iniziale, intermedio e finale rispetto all anno scolastico tra i responsabili del Comune e dell Impresa. Alla fine dell anno scolastico l Impresa/Cooperativa garantisce l invio al Comune di una relazione sull andamento tecnico del servizio necessaria per una valutazione in merito alla produttività degli interventi e ai risultati conseguiti. È chiamata infine a fornire, in qualsiasi momento, dati e informazioni circa l andamento del servizio e l adempimento degli obblighi contrattuali. 11

12 ART SEDE OPERATIVA L Impresa/Cooperativa deve avere una sede operativa nel territorio provinciale o distante fino ad un massimo di 40 chilometri dal Comune. Tale sede deve essere stabilmente funzionante (indicare indirizzo, numero di telefono e fax) con responsabili in loco abilitati a prendere decisioni immediate rispetto alle soluzioni derivanti dallo svolgimento del servizio. In alternativa l Impresa/Cooperativa aggiudicataria si deve impegnare a stabilire detta sede, nonché detto responsabile non più tardi del trentesimo giorno successivo alla data di aggiudicazione del servizio. In questo caso l aggiudicatario dovrà dimostrare l avvenuta strutturazione della sede operativa mediante copia del contratto o altra documentazione dalla quale risulti la disponibilità di un immobile, nonché l esistenza del responsabile in loco tramite produzione di lettera di incarico. ART GARANZIE E RESPONSABILITA L Impresa/Cooperativa è responsabile dei danni che dovessero occorrere agli utenti del servizio o a terzi nel corso dello svolgimento dell attività ed imputabili a colpa dei propri operatori o derivanti da gravi irregolarità o carenze nelle prestazioni. Essa dovrà pertanto procedere alla stipula di una polizza di assicurazione per la responsabilità civile verso terzi per un importo non inferiore a sinistro massimale di ,00 per danni a cose o a persone. In caso di utilizzo di attrezzature e prodotti forniti dall Impresa essi devono essere conformi alla normativa vigente, con la sottoscrizione del contratto la ditta assume formale impegno in tal senso. Inoltre l espletamento del servizio appaltato verrà svolto con esclusiva responsabilità e rischio dell appaltatore, ivi compresa la responsabilità per gli infortuni del personale addetto, che dovrà essere opportunamente addestrato ed istruito. Il Comune sarà esonerato da qualunque responsabilità che si riferisca alla gestione del servizio appaltato, per la quale risponderà solo ed esclusivamente l appaltatore, che sarà l unico responsabile per gli eventuali danni, di qualsiasi natura, che i propri dipendenti o collaboratori dovessero arrecare o che comunque, nell esecuzione del servizio o per cause a questi inerenti, venissero arrecati a qualunque persona e/o a qualsiasi cosa. L appaltatore sarà responsabile dei danni che dovessero accorrere a persone o cose nel corso dello svolgimento del servizio ed imputabili a colpa dei propri operatori, o derivanti da gravi irregolarità o carenze nelle prestazioni. A garanzia degli obblighi contrattuali, l appaltatore si obbliga a prestare, prima della stipula del contratto una cauzione, anche in formula fideiussoria, così come previsto dall art.13 del D.lgs.163/06 La cauzione provvisoria a copertura della mancata sottoscrizione del contratto per volontà dell aggiudicatario, è pari al 2% dell importo a base d asta. Ai concorrenti non aggiudicatari la cauzione verrà restituita entro 30 giorni dall aggiudicazione definitiva. La fidejussione bancaria o la polizza assicurativa dovrà essere presentata nelle forme prescritte dall art. 75 del D.Lgs. n. 163/2006 e dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta dell ente appaltante. La fidejussione bancaria o polizza assicurativa relativa alla cauzione provvisoria dovrà avere validità per almeno centottanta giorni dalla data di presentazione dell offerta. In caso di raggruppamento temporaneo di concorrenti, non ancora formalmente costituito, la suddetta causione, se prestata mediante polizza o fidejussione, dovrà risultare intestata a tutti i componenti il R.T.C. con specificato espressamente mandanti e mandatari, pena l esclusione dalla gara. La fidejussione bancaria o la polizza assicurativa dovrà inoltre contenere impegno a rilasciare una cauzione definitiva in favore dell ente appaltante, che dovrà essere versata prima della stipulazione del contratto. La cauzione definitiva è stabilita nella misura del 10% dell importo netto contrattuale del servizio assegnato. L aggiudicatario, ai sensi dell art. 113 del D:lgs n. 163/2006, dovrà obbligatoriamente costituire, prima della sottoscrizione del contratto, la cauzione definitiva apri al 10% dell importo contrattuale netto. Ai sensi dell art. 40, comma 7, del D.Lgs. n , le imprese in possesso della certificazione di sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000 usufruiscono del beneficio della riduzione al 50% della cauzione e della garanzia fidjussoria previste dall art. 75 e dall art. 113, comma 1, del citato decreto. In caso di partecipazione in RTC e RTI per poter usufruire di tale beneficio, tutti i componenti il raggruppamento devono essere in possesso dei requisiti previsti. 12

13 ART TRATTAMENTO DEI LAVORATORI L Impresa/Cooperativa ha l obbligo di assumere tutto il personale, compreso le figure di coordinamento, in forza del servizio, dipendenti o socio-lavoratori dell attuale appaltatore, riconoscendogli il trattamento economico maturato, compresi gli scatti di anzianità maturati e maturandi, purché in possesso dei requisiti richiesti. A tale scopo l aggiudicatario deve fornire prova di avere regolarmente soddisfatto i suddetti obblighi. In caso di non ottemperanza agli obblighi suddetti, debitamente accertati, il Comune provvederà alla risoluzione del contratto e all affidamento dello stesso all impresa che segue immediatamente in graduatoria l aggiudicatario. L Impresa/Cooperativa aggiudicataria si impegna ad osservare ed applicare integralmente a tutti gli operatori impiegati nel servizio condizioni economiche non inferiori a quelle contenute nei contratti collettivi di lavoro di categoria e negli eventuali accordi locali integrativi degli stessi ed a rispettare integralmente le disposizioni previste dalla normativa vigente. Nel caso che il servizio venga assegnato ad una Cooperativa, la stessa si impegna alla piena ed integrale applicazione ai dipendenti e ai soci-lavoratori del Contratto Collettivo di Lavoro Cooperative Sociali vigente, nonché il Contratto Integrativo Provinciale vigente. L impegno permane anche dopo la scadenza dei su indicati contratti collettivi fino alla loro sostituzione. L Impresa/Cooperativa aggiudicataria è tenuta inoltre all osservanza ed all applicazione di tutte le norme relative alle assicurazioni obbligatorie ed antinfortunistiche, previdenziali ed assistenziali, nei confronti del proprio personale e dei soci lavoratori nel caso di cooperative. Nel caso di inadempienze nell osservanza delle norme relative al trattamento dei lavoratori, previsto dalle norme contrattuali, il Comune applicherà le sanzioni di cui all art. 22 di cui al presente capitolato. ART. 17- DIVIETO DI SUBAPPALTO E vietato cedere o subappaltare il servizio assunto, pena l immediata risoluzione del contratto e la perdita del deposito cauzionale salvo ulteriore risarcimento dei maggiori danni accertati. In caso di associazioni di imprese e di consorzi non si considerano subappaltati i servizi che sono stati imputati alle rispettive imprese. Il contratto non potrà essere ceduto a terzi, anche in caso di cessazione dell attività da parte dell impresa aggiudicataria e di fallimento della stessa. ART SPESE CONTRATTUALI Sono a carico dell Impresa/Cooperativa aggiudicataria tutti gli oneri, spese, imposte e tasse di qualsiasi natura relativi all appalto. Saranno a carico dell aggiudicatario tutte le spese di contratto, stesura, bollo, registrazione, scritturazione delle copie occorrenti alla ditta stessa e ai diversi uffici, tutte le imposte e tasse che dovessero in avvenire colpire il contratto e successive inerenti. ART. 19 PAGAMENTI OBBLIGHI DELL ENTE APPALTANTE Il pagamento del corrispettivo ha luogo sulla base delle prestazioni effettuate su presentazione di regolari fatture mensili posticipate liquidate entro 90 giorni dal ricevimento della fattura. Il corrispettivo verrà erogato all impresa mensilmente su presentazione di regolare fattura riepilogativa dei servizi effettuati nel periodo di riferimento, con allegato prospetto analitico delle ore di servizio effettuate, previa acquisizione del DURC e attestazione di regolarità delle forniture da parte del Responsabile del Servizio.. Non si darà corso al pagamento di fatture che non presentino le caratteristiche indicate e che non siano accompagnate dalle schede di rendicontazione delle ore di servizio effettivamente svolte dagli operatori debitamente compilate. L aggiudicatario si assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge n. 136/2010 e s.m.i. e dovrà comunicare alla Stazione Appaltante quanto indicato nella stessa Legge. ART. 20 VARIAZIONE PREZZI Il corrispettivo di appalto offerto in sede di gara, non sarà oggetto di variazioni nel periodo di durata del contratto; il prezzo resterà quindi fisso ed invariato per tutta la durate del servizio. 13

14 ART. 21- CONTROLLI E VERIFICHE I controlli sulla natura e sul buon svolgimento del servizio vengono svolti ordinariamente per conto di codesta amministrazione dal Responsabile del Settore III e dal coordinatore indicato dall Impresa/Cooperativa. Il Responsabile avrà l obbligo di controllare l adempimento dei doveri contrattuali avendo la facoltà di richiedere in qualsiasi momento informazioni sul regolare svolgimento del servizio nonché attuando controlli e verifiche con le più ampie facoltà e nei modi ritenuti più idonei, anche in collaborazione con i referenti delle scuole presso cui il personale è impiegato. CLAUSOLE CONTRATTUALI ART. 22- CONTESTAZIONE DISSERVIZI E PROCEDURE DI ADDEBITO Qualora il Comune ritenga che l Impresa/Cooperativa aggiudicataria non adempia ai propri obblighi o non vi adempia regolarmente, dovrà darne comunicazione formale al referente dell impresa, così da porla in condizione di riconoscere ed eventualmente contestare gli inadempimenti rilevati dal Comune non oltre 10 giorni dal ricevimento della contestazione. Ove le controdeduzioni non fossero ritenute valide e giustificative dal responsabile sopra nominato, il medesimo provvederà all applicazione di una penalità su ogni contestazione, non inferiore a 50,00 (centocinquanta euro) e non superiore a 1.500,00 (millecinquecentocinquanta euro), secondo la gravità dell inadempienza. In caso di inottemperanza degli obblighi previsti nel trattamento dei lavoratori, accertata dal Comune, il medesimo comunica all impresa aggiudicataria ed anche alla direzione provinciale del lavoro competente l inadempienza accertata e procede ad una detrazione del 20% sui pagamenti, destinando le somme così accantonate a garanzia dell adempimento degli obblighi di cui sopra per i servizi in corso di esecuzione ovvero alla sospensione del pagamento del saldo se i servizi sono ultimati. Il pagamento all impresa delle somme accantonate o della rata di saldo non sarà effettuato sino a quando non sia stato accertato che ai lavoratori sia stato corrisposto quanto loro dovuto, ovvero che la vertenza sia stata definita. Per tale sospensione o ritardo di pagamento l impresa non può opporre eccezione al Comune e non ha titolo per il risarcimento dei danni. In caso di ripetuta accertata violazione il Comune procederà alla risoluzione del contratto. In seguito a risoluzione del contratto è facoltà del Comune affidare il servizio all impresa concorrente che segue in graduatoria. Il Comune riscuoterà la fideiussione a titolo di risarcimento del danno e addebiterà alla parte inadempiente le maggiori spese sostenute. ART.23 RISOLUZIONE IMMEDIATA DEL CONTRATTO Il Comune si riserva la facoltà di risolvere il contratto in qualunque momento, con preavviso di 10 giorni, in caso di gravi inadempienze imputabili all impresa aggiudicataria, ricorrendo ad altro ente, a spese del soggetto affidatario, trattenendo la cauzione definitiva. Costituiscono motivo di risoluzione del contratto i seguenti casi: - grave inadempimento o frode dell impresa atto a compromettere il risultato dei servizi; - in caso di frode o grave negligenza nell adempimento degli obblighi contrattuali; - sospensione, abbandono o mancata effettuazione del servizio affidato; - impiego di personale inadeguato o insufficiente a garantire il livello di efficienza del servizio; - intervenuto provvedimento di revoca dell'iscrizione della Cooperativa nel registro regionale delle cooperative sociali, se l aggiudicataria è una cooperativa sociale; - non attuazione del progetto presentato; - per motivi di pubblico interesse. Nel caso di risoluzione anticipata del contratto il compenso viene corrisposto fino al girono della cessazione dell affidamento. Nel caso di cessazione per colpa o disdetta dell impresa aggiudicataria, il Comune incamererà il totale della cauzione con ulteriore addebito, anche in rivalsa sui crediti e fatture da liquidare, dell eventuale maggiore spesa conseguente il nuovo contratto. Il Comune potrà altresì procedere alla risoluzione del contratto in tutti gli altri casi previsti dal codice civile. Il Comune potrà aggiudicare la gara al concorrente che segue la graduatoria con diritto al risarcimento del maggiore onere sostenuto mediante trattenuta sui pagamenti o rivalsa sulla cauzione definitiva. L esecuzione in danno non esclude eventuali responsabilità civili o penali dell impresa per il fatto che ha determinato la risoluzione. 14

15 Art.24- CONTROVERSIE Per qualsiasi controversia che dovesse insorgere in fase di esecuzione del presente contratto, e che non si sia potuta risolvere in via amministrativa è demandata ai sensi dell art. 244 del D.Lvo 163/06 al giudice amministrativo del foro di di Bergamo. Art.25 SPESE CONTRATTUALI Tutte le spese ed i diritti contrattuali sono a carico dell aggiudicatario. Art.26 ELEZIONE DOMICILIO Ad ogni effetto contrattuale la ditta appaltatrice elegge domicilio presso la sede del Comune di Stezzano in P.zza Libertà n Stezzano 15

16 ART.27- SOGGETTI AMMESSI ALLA GARA NORME PROCEDURALI ED AMMINISTRATIVE Possono partecipare alla gara i soggetti elencati all art. 34 del d.lgs. 163/2006 ed operanti nel settore socio sanitario educativo, in possesso dei seguenti requisiti: Requisiti di carattere generale: a) per i quali non sussistono le cause di esclusione di cui alle lettere a), b), c), d), e), f), g), h), i), m), del comma 1 dell art.38 del D.lgs. n. 163/2006; b) che dichiarano che la Società non si è avvalsa dei piani individuali di emersione di cui alla legge 383/2001, ovvero si è avvalsa dei piani individuali di emersione di cui alla L.383/2001 ma che il periodo di emersione si è concluso;: c)essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali a favore dei lavoratori, secondo la legislazione italiana o quella dello stato di appartenenza, nonché essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento delle imposte e delle tasse secondo la legislazione italiana o quella dello stato di appartenenza, in caso di società cooperative, che adottino regolamenti interni che garantiscano ai soci lavoratori le condizioni economiche e normative previste dai contratti collettivi nazionali e territoriali di lavoro della categoria vigente nel territorio di esecuzione del contratto; d) iscritti al registro delle imprese presso la competente Camera di commercio. Dovrà essere indicato, il numero di iscrizione, natura giuridica, ragione o denominazione sociale, sede legale, oggetto dell attività (che deve essere coerente con quello oggetto dell appalto), generalità del titolare, soci,amministratori muniti di poteri di rappresentanza e soci accomandatari quali risultano dal certificato di iscrizione alla Camera di Commercio; per le imprese residente in altro Stato UE varrà l iscrizione in uno dei registri professionali o commerciali dello stato di residenza; e) che sono in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili di cui alla L. 68/99; f) di essere a conoscenza e accettare il vincolo per la stazione appaltante di subordinare l aggiudicazione definitiva e i pagamenti all acquisizione del Documento Unico di Regolarità Contributiva; g) di aver preso visione degli atti e di ogni altro elemento concernente la gara e di accettarli in pieno e senza riserve. In caso di partecipazione alla gara in raggruppamento temporaneo di imprese o consorzi ordinari, i requisiti di carattere generale devono essere posseduti da ciascuna impresa partecipante al raggruppamento o, in caso di consorzio ordinario di concorrenti, da tutte le imprese consorziate o, in caso di consorzio ordinario di concorrenti, da tutte le imprese consorziate che partecipano alla gara. In caso di consorzi stabili di cui all art. 34 comma 1 lett. B) e c) del Codice dei Contratti, detti requisiti di carattere generale devono essere posseduti dal Consorzio e dalle imprese indicate come esecutrici dell appalto. L insussistenza delle condizioni di esclusione di cui al citato art. 38, comma 1, lettere b) e c), del D.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 deve riguardare tutti gli amministratori muniti di potere di rappresentanza. Si precisa, inoltre, che la causa di non ammissione, prevista dal sopra richiamato art. 38, comma 1, lettera c) del D.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e successive modificazioni, opera anche nei confronti dei soggetti cessati dalla carica nell anno antecedente la data di pubblicazione della gara, qualora l impresa non dimostri di aver adottato atti o misure di completa dissociazione dalla condotta penalmente sanzionata Il concorrente, in relazione alla causa di non ammissione prevista dal sopra richiamato art. 38, comma 1, lettera c) del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e successive modificazioni, è tenuto a riportare nelle dichiarazioni tutte le eventuali condanne dei soggetti sopra menzionati, comprese le eventuali condanne per le quali abbia beneficiato della non menzione. Requisiti di carattere tecnico e professionale: che siano in possesso di una struttura organizzativa adeguata alla buona gestione dei servizi oggetto della gara; aver maturato nell ultimo triennio esperienza in servizi analoghi a quelli oggetto del presente appalto, per conto di enti pubblici e per periodi continuativi superiori a sei mesi e per un totale di almeno 18 mesi. L esperienza maturato deve essere provata da certificati/i rilasciato/i (o vistati) dall amministrazione o ente pubblico da cui si evinca che la gestione è stata effettuata a regola d arte e con buon esito. Avere nel proprio organico stabile (tra i dipendenti dell organizzazione o tra i soci dell ente) una equipe minima costituita da: n. 1 figura professionale specializzata nel campo delle politiche sociali con laurea ed esperienza di almeno cinque anni in attività di coordinamento, supervisione, monitoraggio e valutazione; n. 1 figura professionale con laurea e con esperienza almeno triennale nella progettazione e gestione di servizi analoghi. 16

17 Requisiti di carattere economico e finanziario: Essere in possesso di adeguata capacità economica e finanziaria comprovata da almeno due idonee certificazioni bancarie. In caso di raggruppamento di imprese tali referenze dovranno essere prodotte da tutte le aziende partecipanti. Aver realizzato nel triennio un fatturato per i servizi oggetto dell appalto, dichiarato ai fini IVA, pari almeno ad ,00. In caso di raggruppamenti temporanei e di consorzi ordinari di concorrenti, i requisiti di carattere tecnico e professionale devono essere posseduti dal raggruppamento o dal consorzio nel suo complesso. In caso di consorzi stabili che partecipano per proprio conto o per conto di alcune consorziate indicate come esecutrici dell appalto, i requisiti tecnici e professionali ed economico-finanziari devono essere posseduti e comprovati dagli stessi, fatto salvo quanto previsto dall art. 35 del D.Lgs. 163/06. Art. 28 AVVALLIMENTO (art.49 del D.Lgs.163/2006) I concorrenti, singoli consorziati o raggruppati, potranno avvalersi delle potenzialità di altro soggetto, al fine di soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti di carattere economico,finanziario e tecnico, presentando, a pena di esclusione: 1) originale o copia autentica del contratto con il quale l impresa ausiliaria si obbliga nei confronti del concorrente a fornire i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie per tutta la durata dell appalto. Nel caso in cui l impresa ausiliaria appartenga allo stesso gruppo imprenditoriale di cui fa parte l impresa concorrente, quest ultima, in luogo del contratto di cui sopra, può presentare una dichiarazione sostitutiva attestante il legame giuridico ed economico esistente nel gruppo. Si precisa che i concorrenti possono avvalersi di una sola impresa ausiliaria per ciascun requisito o categoria. Si precisa inoltre che più concorrenti non potranno avvalersi della stessa impresa ausiliaria, e che l impresa ausiliaria e il concorrente ausiliato non potranno partecipare entrambi alla gara. L impresa ausiliaria dovrà rendere, a pena di esclusione, espresse dichiarazioni di cui alle lettere c), d) ed e) dell articolo 49 del D.Lgs 163/2006. Resta inteso che, ai fini della presente gara, l impresa concorrente e l impresa ausiliaria sono responsabili in solido nei confronti del Comune di Stezzano. E fatto divieto all impresa ausiliaria di assumere il titolo di subappaltatore. L inadempimento alle prescrizioni di cui ai precedenti capoversi comporta l esclusione dalla gara. ART.29 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Per poter partecipare alla gara le ditte dovranno presentare la seguente documentazione: La documentazione dovrà essere suddivisa in tre plichi sigillati, a loro volta inseriti in un ulteriore plico sigillato, come segue: PLICO A), RIPORTANTE LA SCRITTA DOCUMENTI, contenente: 1)Istanza di partecipazione, conforme al modello allegato, che a pena di esclusione deve essere compilata in ogni sua parte e recare la sottoscrizione del legale rappresentante del soggetto partecipante. Qualora l istanza sia firmata da procuratore speciale è necessario allegare copia del documento giustificativo dei poteri. Nell istanza dovrà essere indicato il recapito presso il quale il concorrente riceverà tutte le comunicazioni in ordine alla presente procedura (indirizzo, numero di fax, indirizzo di posta elettronica), l istanza deve essere corredata da copia fotostatica, non autentica, di un documento di identità del sottoscrittore, ai sensi dell art. 38 del D.P.R. n. 445/2000; 2)Dichiarazione ai sensi del D.P.R. 445/00, circa il possesso dei requisiti di carattere generale, conforme al modello allegato, sottoscritta dal legale rappresentante del soggetto partecipante, corredata da copia fotostatica, non autentica, di un documento di identità del sottoscrittore, ai sensi dell art. 38 del D.P.R. n. 445/2000; Qualora si riscontrasse che le dichiarazioni di certificazioni e di atti notori siano non veritiere, oltre alle responsabilità penali cui va incontro il dichiarante, il soggetto partecipante può essere escluso dalla partecipazione a future gare indette dal Comune di Stezzano. 3)Dichiarazione sostitutiva della Certificazione di iscrizione nel registro della Camera di Commercio, Industria Artigianato, Agricoltura CCIAA resa con le formalità d cui al D.P.R. 445/2000 e s.m.i., così come stabilito di recente, dalla legge 12/11/2011 N. 183 art. 15, con allegata fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità, con la quale attesta: di essere iscritto al registro delle imprese, indicandone numero, luogo e data di iscrizione; denominazione, forma giuridica e sede; oggetto sociale e attivazione dell oggetto sociale attinente la fornitura oggetto della gara; sistema di amministrazione e controllo; informazioni sullo statuto; informazioni patrimoniali e finanziarie; titolari di cariche e/o qualifiche e relative durate; eventuale/i direttore/i tecnico/i procuratore/i speciale/i; 17

18 di non essere in stato di fallimento, di liquidazione, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente; il nulla osta antimafia 4)Dichiarazione del fideiussore, firmata dallo stesso, con la quale si impegna a rilasciare la garanzia fideiussoria per l esecuzione del contratto qualora l offerente risultasse aggiudicatario (D.lgs. 163/2006 e successive modificazioni, art. 75 comma 8). 5)Due dichiarazioni in originale di istituti bancari o intermediari autorizzati ai sensi della legge n. 385 del 1/9/1993, opportunamente firmate e rilasciata in data non anteriore a tre mesi dalla scadenza per la presentazione dell offerta attestanti l affidabilità e la solvibilità dell offerente e la garanzia sul piano economico di far fronte ad appalti di valore economico adeguato all oggetto dell affidamento. Si precisa che in caso di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti, ciascun operatore economico del raggruppamento o ciascun consorziato, dovrà produrre almeno una referenza bancaria, firmata dall istituo bancario, attestante la solvibilità e la solidità finanziaria ed economica del concorrente. In caso di R.T.I. o Consorzio: copia scansionata e firmata del mandato collettivo irrevocabile con rappresentanza, conferito alla mandataria ovvero dell atto costitutivo del RTI o del Consorzio. In caso di R.T.I. o Consorzio non ancora costituito: dichiarazione, firmata, attestante: a quale impresa raggruppanda, in caso di aggiudicazione favorevole, sarà conferito mandato speciale con rappresentanza, ovvero l impresa che sarà designata quale referente responsabile del Consorzio; l impegno, in caso di aggiudicazione, ad uniformarsi alla disciplina prevista dall art. 37 comma 8 del D.Lgs. n. 163/2006; per i Consorzi di cui all art. 34 comma 1 lettera b) e c) per quali consorziati il Consorzio concorre. In luogo del Legale Rappresentante le dichiarazioni di cui ai punti precedenti possono essere rese e firmate da soggetto munito dei poteri di firma, comprovati da copia autentica dell atto di conferimento dei poteri medesimi. 6)Documento, firmato, che riporti i Titoli di studio e professionali dei soggetti concretamente responsabili della prestazione del servizio con dichiarato impegno, in caso di sostituzione, a mantenere lo stesso livello professionale e di esperienza degli stessi. Inoltre il concorrente dovrà allegare, a pena di esclusione, i seguenti documenti firmati: Cauzione provvisoria, frimata dal garante, pari al 2% (due per cento) del valore presunto dell apalto per un importo pari ad 8.167,56 (ottomilacentosessantasette/cinquantasei), eventualmente ridotta del 50% ai sensi dell art. 75, comma 7, del D.Lgs. 163/2006 e successive modificazioni ed integrazioni. La cauzione deve essere costituita, a scelta dell offerente, in uno dei modi previsti dall art. 75 comma 2 del D.Lgs. 163/2006 e successive modificazioni ed integrazioni. Per assicurare in modo pieno l operatività della garanzia di fronte ai possibili inadempimenti, nel caso di R.T.I. costituende o già costituite, la garanzia deve essere intestata a tutte le imprese associate e deve richiamare la natura collettiva della partecipazione alla gara, identificando singolarmente le imprese e contestualmente deve dichiarare di garantire con la cauzione provvisoria non solo la mancata sottoscrizione del contratto, ma anche ogni altro obbligo derivante dalla partecipazione alla gara. Detta cauzione, deve riportare l oggetto della gara e deve obbligatoriamente avere una validità di 180 (cento ottanta) giorni dalla data di presentazione dell offerta, deve espressamente prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro quindici giorni a semplice richiesta scritta da parte del Comune di Stezzano. Eventuale documentazione se il concorrente fa riferimento all istituto dell avvallimento, ai sensi dell art. 26 del presente capitolato. In caso di irregolarità formali, non compromettenti la par condicio tra le ditte concorrenti e nell interesse del Comune di Stezzano, il concorrente verrà invitato, a mezzo di opportuna comunicazione scritta a completare o a fornire i chiarimenti in ordine ai documenti presentati, in analogia a quanto previsto all art. 46 del D.lgs. n. 163/2006. ART. 30 OFFERTA TECNICA L appalto sarà aggiudicato mediante procedura aperta, e con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 83 del D.lgs 163/2006, sulla base degli elementi di valutazione previsti dal presente capitolato. 18

19 Nel caso di offerte presentate da raggruppamenti temporanei o da consorzi essa dovrà, pena l esclusione dalla gara, indicare le parti del servizio che saranno svolte dalle singole imprese, e si applicheranno le disposizioni di cui all art. 37 del d.lgs. 163/2006. L offerta tecnica opportunamente firmata dal legale rappresentante, dovrà essere corredata dei seguenti documenti: una relazione tecnico-qualitativa che illustri le caratteristiche dell offerta tecnica, firmata dal legale rappresentante della ditta concorrente o da persona munita dei poteri di firma, comprovati da copia scansionata e firmata dell atto di conferimento dei poteri medesimi un elenco, firmato come sopra, indicante le migliorie offerte senza riferimento al relativo costo. Le ditte concorrenti potranno essere invitate a fornire chiarimenti, in ordine ai documenti presentati nell ambito dell offerta tcnico-qualitativa, tramite comunicazione scritta. Qualora i chiarimenti non vengano forniti entro i termini fissati, sarà preclusa la successiva valutazione dell offerta economica. La relazione tecnico qualitativa deve risultare armonica e coerente a quanto richiesto dal capitolo lato ed essere articolata in modo tale che ogni punto sia esauriente per se stesso. La relazione deve avere un indice analitico, ogni pagine deve essere numerata e ogni articolo deve riportare la numerazione progressiva, non deve inoltre superare 30 pagine esclusi i curricula. Il progetto tecnico-qualitativo: punteggio massimo 60 punti sarà valutato come segue: a)organizzazione dei Servizi risultante da appositi progetti per ogni area di intervento: punteggio massimo 30, in base ai seguenti elementi che dovranno essere presenti nei progetti: definizione chiara degli obiettivi generali del progetto, massimo 8 punti; valutazione degli strumenti di verifica degli obiettivi, massimo 6 punti; conformità delle attività proposte alla realtà territoriale comunale, massimo 5 punti; lavoro di rete, massimo 5 punti; proposta di eventuali progetti innovativi e migliorativi elaborati anche in base a specifici finanziamenti, massimo 6 punti. b) Piano di formazione, aggiornamento e supervisione personale impiegato punteggio massimo 15 punti, così ripartito: valutazione piano di formazione, aggiornamento e supervisione per il personale che verrà impiegato nei Servizi del presente capitolato, massimo 10 punti; valutazione piano di formazione, aggiornamento e supervisione ultimo triennio (2010,2011,2012), così come applicato dall impresa per servizi identici, massimo 5 punti. c) Figura del coordinatore, punteggio massimo 10: valutazione sulla base del curriculum professionale che verrà presentato d) Personale regolarmente assunto dall impresa con contratto a tempo determinato o indeterminato, non incaricato o in contratto di collaborazione o consulenza, punteggio massimo 5 punti ART. 31 OFFERTA ECONOMICA Dovrà essere redatta secondo il modello allegato al bando, formulata in lingua italiana, opportunamente bollata, dovrà contenere l indicazione della ragione sociale o del nominativo dell offerente, nonché del domicilio legale e dovrà essere sottoscritta, con firma leggibili e per esteso, dal Legale rappresentante della ditta o da persona abilitata ad impegnare l offerente. Il prezzo deve essere indicato sia in cifre sia in lettere. In caso di discordanza fra il prezzo indicato in cifre e quello indicato in lettere, sarà ritenuta valida l offerta più vantaggiosa per il Comune di Stezzano. Le offerte in aumento saranno escluse. L offerta di cui sopra è da intendersi quale corrispettivo e remunerativo di ogni voce ed onere oggetto dell aggiudicazione posto a carico della ditta offerente. Le offerte presentate da Raggruppamenti Temporanei di Imprese devono essere sottoscritte, a pena di esclusione, da tutte le imprese che formeranno il raggruppamento. L offerente potrà ritenersi svincolato dalla propria offerta decorsi 180 gironi dalla data di presentazione della stessa. Nell offerta economica il concorrente deve dichiarare di aver tenuto conto degli obblighi connessi alle disposizione in materia di sicurezza e protezione dei lavoratori, nonché degli obblighi previdenziali e assicurativi e che il prezzo offerto è remunerativo e comprensivo di tutto quanto sia necessario per il regolare e diligente svolgimento del servizio e consente di assicurare ai lavoratori il trattamento economico e contributivo minimo previsto dal CCNL vigente per il comparto. L offerta non dovrà contenere né riserve, né condizioni, a pena d invalidità. Le offerte in aumento saranno escluse. 19

20 Il Comune si riserva di aggiudicare l appalto anche in caso di presentazione di una sola offerta valida, se ritenuta conveniente, ferma restando la facoltà di annullare/revocare/prorogare i termini della gara qualora ritenga, a proprio discrezionale ed insindacabile giudizio, di non aver raggiunto gli obiettivi prefissi. Per poter valutare al meglio le capacità imprenditoriali delle imprese partecipanti l offerta di gestione del servizio, datata e sottoscritta dal legale rappresentante, deve essere presentata tenendo conto di quanto specificato nel presente capitolato e sarà suddivisa in due parti: la prima per valutare l efficacia gestionale del servizio (massimo punti 60) e la seconda per la valutazione economica (massimo punti 40). Per la valutazione delle offerte economiche si procederà come segue: all offerta economica più bassa (più vantaggiosa per l Amministrazione Comunale), verrà attribuito il punteggio massimo (40 punti). Per le altre offerte verrà attribuito il punteggio secondo la seguente formula: punteggio massimo x valore offerta più bassa valore singola offerta Saranno presi in considerazione due decimali Qualora talune offerte presentino un prezzo manifestamente ed anormalmente basso rispetto alla prestazione, l Amministrazione, prima di procedere all aggiudicazione e qualora queste non siano ritenute valide, ha facoltà di rigettare l offerta con provvedimento motivato, escludendolo dalla gara ed aggiudicando la gara al concorrente che segue in graduatoria. ART.32- AGGIUDICAZIONE DELL APPALTO La partecipazione alla gara è aperta ad imprese operanti nel settore dei servizi socio sanitari, assistenziali ed educativi. La commissione valuterà le offerte avendo a disposizione 100 punti da attribuire con i criteri sopra riportati 1) progetto tecnico- qualitativo: punteggio massimo 60 punti, 2) offerta economica: punteggio massimo 40 punti. L aggiudicazione dell appalto verrà disposta a favore del concorrente che avrà ottenuto il punteggio complessivo più alto, come risultante dalla somma del punteggio attribuito all offerta relativa alla qualità progettuale e all offerta economica. In caso di parità di punteggio complessivo l aggiudicazione avverrà a favore del concorrente che avrà ottenuto il maggior punteggio nella valutazione economica. In caso di ulteriore parità si procederà mediante sorteggio. Su richiesta della commissione le imprese partecipanti saranno tenute a completare o a fornire chiarimenti in ordine al contenuto dei certificati, documenti e dichiarazioni presentati e a fornire le ulteriori informazioni e/o gli elaborati ritenuti necessari al fine di permettere una più precisa valutazione del servizio stesso. I prezzi offerti dall impresa aggiudicataria ed accettati dal Comune si intendono comprensivi di ogni onere generale e in particolare in conformità alle norme e prescrizioni del presente bando. I predetti prezzi non potranno subire variazioni in aumento per effetto delle incompletezza od erroneità delle previsioni dell impresa aggiudicataria. Ove ritardi e rinvii dipendano da fatti imputabili all impresa aggiudicataria, ferma la facoltà del Comune di risolvere il contratto e salva l applicazione delle penali per ritardata consegna, i prezzi contrattuali rimangono invariati. Il Comune si riserva la facoltà di annullare, sospendere, revocare la gara o prorogarne i termini, qualora ritenga, a proprio discrezionale ed insindacabile giudizio, di non aver raggiunto gli obiettivi prefissati. ART.33 CONDIZIONI GENERALI E FINALI La partecipazione alla gara comporta la piena ed incondizionata accettazione di tutte le condizioni e clausole del presente capitolato d oneri speciale e di tutte le altre clausole di carattere generale che regolano gli appalti dei servizi ed in particolare quelle previste dal D.LGS. 163/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Per quanto non espressamente previsto nel Capitolato si fa riferimento alla normativa vigente in materia. 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C

Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C Procedura aperta per l affidamento della fornitura di disinfestanti e derattizzanti. ALLEGATO C ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE La dichiarazione che segue deve essere resa dall Impresa concorrente completa

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli