Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo"

Transcript

1 Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Versione /11/2009

2 Giustificativo Pagina 1 Aspettativa altra esperienza lavorativa 3 2 Aspettativa dottorato di ricerca e borse di studio 4 3 Aspettativa periodo a tempo determinato 5 4 Aspettativa periodo di prova 6 5 Astensione obbligatoria per maternità 7 6 Congedo aggiuntivo rischio radiologico 8 7 Congedo coniuge all estero 9 8 Congedo per documentati motivi di studio 10 9 Congedo per gravi motivi familiari Congedo malattia figlio adottivo minore di 6 anni Congedo malattia figlio di età compresa fra i 3 e gli 8 anni Congedo malattia figlio minore di 3 anni Congedo parentale Congedo retribuito Legge 388/ Ferie Gravi Patologie Interdizione Malattia Missione Permesso art. 33 Legge 104/ Permesso breve Permesso breve Pausa Caffè (causale 9 da timbratore) Permesso per assemblea sindacale Permesso per motivate esigenze (personale a tempo determinato) Permesso per donazione sangue Permesso per esami diagnostici e terapie Permesso retribuito documentate gravi infermità Permesso retribuito per concorsi od esami Permesso retribuito per lutto Permesso retribuito per matrimonio Permesso retribuito per nascita figli o gravi motivi pers. e famil Permesso studio (150 ore) Recupero (intera giornata) Riposo settimanale (compensativo) Sciopero Telelavoro 38 2

3 Questo quaderno rappresenta un insieme degli istituti, di maggior interesse per il dipendente, per la gestione del proprio rapporto di lavoro. Le sezioni, in ordine alfabetico, sono affrontate dal punto di vista della normativa e del contenuto dell attività specifica. 1 Aspettativa altra esperienza lavorativa Norma: art. 37, comma 2, CCNL Contenuto: al dipendente è concessa, a domanda, un aspettativa per un anno senza assegni per realizzare l esperienza di una diversa attività lavorativa. Periodo massimo: anni 1 Retribuzione: NO Anzianità Maturata: NO Contribuzione: NO Adempimenti: Richiesta + contratto di lavoro o iscrizione professionale 3

4 2 Aspettativa dottorato di ricerca e borse di studio Norma: art. 37, comma 1, CCNL Contenuto: al dipendente, ammesso ai corsi di dottorato di ricerca, è concessa, a domanda, un aspettativa (congedo straordinario) per motivi di studio senza assegni per il periodo di durata del corso ed usufruisce della borsa di studio ove ricorrano le condizioni richieste. In caso di ammissione a corsi di dottorato di ricerca senza borsa di studio, o di rinuncia a questa, l'interessato in aspettativa conserva il trattamento economico, previdenziale e di quiescenza in godimento da parte dell'amministrazione pubblica presso la quale è instaurato il rapporto di lavoro. Periodo massimo: tutta la durata dell evento Retribuzione: NO se percepisce una borsa / SI se non percepisce una borsa Adempimenti: Richiesta + Ammissione al corso 4

5 3 Aspettativa periodo a tempo determinato Norma: art. 17, lettera b), CCI Contenuto: al dipendente è concessa, a domanda, un aspettativa per tutta la durata del contratto di lavoro a termine se assunto presso l Università di Pisa o presso altra Amministrazione del comparto, ovvero in altre Pubbliche Amministrazioni di diverso comparto o in Organismi dell Unione Europea con rapporto di lavoro o incarico a tempo determinato. Periodo massimo: tutto il periodo di durata Retribuzione: NO Adempimenti: Contribuzione: NO Adempimenti: Richiesta + contratto di lavoro 5

6 4 Aspettativa periodo di prova (altro impiego pubblico) Norma: art. 37, comma 2, CCNL art. 20, comma 11, CCNL (solo comparto università) Contenuto: al dipendente è concessa, a domanda, un aspettativa per il tempo necessario a superare un periodo di prova. Periodo massimo: tutto il periodo Retribuzione: NO Anzianità Maturata: NO Contribuzione: NO Adempimenti: Richiesta + atti concorso. Al termine del periodo di prova eventuale dichiarazione di opzione per l impiego ad altro ente. 6

7 5 Astensione obbligatoria per maternità Norma: art. 16 D. Lgs. 151/01 Contenuto: è vietato adibire al lavoro la dipendente nei 2 mesi precedenti la data presunta del parto (1 mese a domanda della dipendente a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro) e nei 3 mesi dopo il parto (4 mesi nel caso di 1 mese di pre-parto). Periodo massimo: minimo 5 mesi (quando la data di nascita coincide o è precedente alla data presunta) Adempimenti: Astensione 2 mesi + 3 mesi: comunicazione + certificato del medico specialista del S.S.N. con indicazione della data presunta del parto. Astensione 1 mese + 4 mesi: richiesta +certificato del medico specialista del S.S.N. + certificato del medico competente ai fini della Prevenzione e Tutela della salute nei luoghi di Lavoro + dichiarazione del responsabile dell ufficio della tipologia di attività svolte sul luogo di lavoro. 7

8 6 Congedo aggiuntivo rischio radiologico Norma: art. 53, comma 9, D.P.R. 28 novembre 1990, n. 384;art. 5 della legge 23 dicembre 1994 n. 724 Contenuto: al dipendente tecnico sanitario di radiologia medica, medico specialistico in radio-diagnostica, radio-terapia, medicina nucleare, ortopedia, cardiologia, e quanti svolgono abitualmente la specifica attività professionale in zona controllata, spetta un congedo aggiuntivo di 15 giorni. Il part-time verticale riduce il periodo di congedo: per il calcolo rapportare il totale del periodo con i periodi di effettivo servizio. Il part-time orizzontale non influisce sul calcolo del periodo. Tale periodo deve essere fruito in un'unica soluzione, e si riferisce ad un periodo di servizio di un anno. Se il periodo di servizio è inferiore ad un anno, il numero dei giorni di congedo va rapportato al periodo di lavoro effettivamente svolto. Periodo massimo: 15 giorni l anno. Se il periodo di servizio è inferiore ad un anno, il numero dei giorni di congedo va rapportato al periodo di lavoro effettivamente svolto Adempimenti: Richiesta del dipendente 8

9 7 Congedo coniuge all estero Norma: art. 33 CCNL Contenuto: il dipendente con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il cui coniuge o convivente stabile presti servizio all estero, può chiedere un aspettativa senza assegni, qualora l Amministrazione non ritenga di poterlo destinare a prestare servizio nella stessa località in cui si trova il coniuge o il convivente stabile, o qualora non sussistano i presupposti per un suo trasferimento nella località in questione anche presso Amministrazione di altro comparto. Periodo massimo: per la durata corrispondente al periodo di tempo in cui permane la situazione che l ha originata Retribuzione: NO Anzianità Maturata: NO Contribuzione: NO Adempimenti: Richiesta + Attestazione dell attività di lavoro svolta all estero dal coniuge 9

10 8 Congedo per documentati motivi di studio Norma: art. 32, comma 1, CCNL Contenuto: al dipendente può essere concesso, a domanda, per documentati motivi di studio, un periodo di congedo continuativo o frazionato. Periodo massimo: 2 anni Retribuzione: NO Anzianità Maturata: NO Contribuzione: NO Adempimenti: Richiesta + Attestazione iscrizione corso 10

11 9 Congedo per gravi motivi familiari Norma: art. 32, comma 1, e CCNL Contenuto: al dipendente può essere concesso, a domanda, per documentati e gravi motivi familiari, un periodo di congedo continuativo o frazionato. Periodo massimo: 2 anni Retribuzione: NO Anzianità Maturata: NO Contribuzione: NO Adempimenti: richiesta + documentazione dei gravi motivi 11

12 10 Congedo malattia figlio adottivo minore di 6 anni Norma: artt. 47, comma 1, e 50 D. Lgs. 151/01, art. 31, comma 5, del CCNL Contenuto: entrambi i genitori, alternativamente, hanno diritto di astenersi dal lavoro per periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio adottivo di età non superiore a sei anni. Periodo massimo: 30 giorni per ogni anno di vita di ciascun figlio adottivo (anni del figlio) Adempimenti: richiesta con dichiarazione di non fruizione del diritto da parte dell altro genitore + certificato del medico specialista del S.S.N. o convenzionato. 12

13 11 Congedo malattia figlio di età compresa fra i 3 e gli 8 anni Norma: art. 47 D. Lgs. 151/01, art. 31, comma 5, del CCNL Contenuto: entrambi i genitori, alternativamente, hanno diritto di astenersi dal lavoro per 5 giorni lavorativi per ciascun anno di vita di ciascun figlio di età compresa tra 3 e 8 anni. Periodo massimo: 5 giorni lavorativi per ciascun anno di vita di ciascun figlio (anni del figlio) Retribuzione: NO Adempimenti: richiesta con dichiarazione di non fruizione del diritto da parte dell altro genitore + certificato del medico specialista del S.S.N. o convenzionato. Modulo 13

14 12 Congedo malattia figlio minore di 3 anni Norma: art. 47, comma 1, D. Lgs. 151/01, art. 31, comma 5, del CCNL Contenuto: entrambi i genitori, alternativamente, hanno diritto di astenersi dal lavoro per periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio di età non superiore a tre anni. Periodo massimo: 30 giorni per ciascun anno di vita di ciascun figlio (anni del figlio) Adempimenti: richiesta con dichiarazione di non fruizione del diritto da parte dell altro genitore + certificato del medico specialista del S.S.N. o convenzionato. 14

15 13 Congedo parentale Norma: art. 32, D. Lgs. 151/01, art. 31, del CCNL Contenuto: per ogni bambino, nei primi suoi otto anni di vita, ciascun genitore ha diritto di astenersi dal lavoro. Periodo massimo: i congedi parentali dei genitori non possono complessivamente eccedere il limite di dieci mesi, così suddivisi: la madre lavoratrice, trascorso il periodo di congedo di maternità, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi; il padre lavoratore, dalla nascita del figlio, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi, elevabile a sette (Qualora il padre lavoratore eserciti il diritto di astenersi dal lavoro per un periodo continuativo o frazionato non inferiore a tre mesi, il limite complessivo dei congedi parentali dei genitori e' elevato a undici mesi). Qualora vi sia un solo genitore, il periodo, continuativo o frazionato, non può superare dieci mesi. Retribuzione: Fino al 3 anno di vita del figlio: primi 30 giorni al 100%, successivi 5 mesi al 30%, restante periodo senza retribuzione; Da tre ad otto anni di vita del figlio: senza stipendio o al 30% se non viene superata la soglia di reddito individuale annuo prevista dall ISTAT. Adempimenti: Richiesta 15

16 14 Congedo retribuito Legge 388/00 Norma: art. 80, comma 2, Legge 388/00, (art. 4, comma 4/bis, Legge 53/00) Contenuto: la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre, anche adottivi, o, dopo la loro scomparsa, uno dei fratelli o delle sorelle conviventi, o il coniuge, di soggetto con handicap in situazione di gravità di cui all'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, accertata ai sensi dell'articolo 4, comma 1, della legge medesima e che abbiano titolo a fruire dei benefici di cui all'articolo 33, commi 1, 2 e 3, della predetta legge n. 104 del 1992 per l'assistenza del figlio, hanno diritto a fruire di congedo. Periodo massimo: 2 anni (se sotto il limite della soglia di reddito, valutato annualmente sulla rivalutazione dell indice ISTAT) Adempimenti: Richiesta + verbale commissione medica di accertamento di handicap in situazione di gravità 16

17 15 Ferie Norma: art. 28 CCNL Contenuto: il dipendente ha diritto, per ogni anno di servizio, ad un periodo di ferie retribuito di 32 giorni lavorativi (30 per i primi 3 anni di servizio, 36 per orari di lavoro articolati su 6 giorni settimanali). Periodo massimo: 30 giorni annui nei primi 3 anni di rapporto, 32 giorni annui dal quarto anno, 4 giorni in più nel caso di orario di lavoro su 6 giorni lavorativi. Il part-time verticale riduce il periodo di ferie: per il calcolo rapportare il totale delle ferie con i periodi di effettivo servizio. Il part-time orizzontale non influisce sul calcolo del periodo. Adempimenti: Richiesta 17

18 16 Gravi Patologie Norma: art. 35, comma 14, CCNL Contenuto: In caso di gravi patologie che richiedano terapie temporaneamente e/o parzialmente invalidanti sono esclusi dal computo dei giorni di assenza per malattia, oltre ai giorni di ricovero ospedaliero o di day hospital, anche quelli di assenza dovuti alle conseguenze certificate delle terapie. Periodo massimo: tutta la durata dell evento Adempimenti: Richiesta + Certificato del medico specialista del S.S.N. 18

19 17 Interdizione Norma: art. 17, D. Lgs. 151/01 Contenuto: può essere disposto, dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro, sulla base di accertamento medico, avvalendosi dei competenti organi del Servizio sanitario nazionale, l'interdizione dal lavoro delle lavoratrici in stato di gravidanza, fino al periodo di astensione obbligatoria per maternità. Periodo massimo: valutato caso per caso Adempimenti: Richiesta + Certificato del medico specialista del S.S.N da presentare al Servizio Ispettivo del Ministero del Lavoro (Ispettorato) 19

20 18 Malattia Norma: art. 35 del CCNL ; art. 71, comma 1, L. 102/09 e successive modifiche ed integrazioni Contenuto: il dipendente assente per malattia ha diritto alla conservazione del posto per un periodo di 18 mesi, calcolati sul triennio precedente, più un ulteriore periodo di 18 mesi, per casi particolarmente gravi. Periodo massimo: tutta la durata dell evento Retribuzione:i primi 9 mesi di assenza al 100%, i successivi 3 mesi di assenza 90%, gli ulteriori 6 mesi di assenza 50%, gli eventuali successivi 18 mesi senza retribuzione. Inoltre decurtazione del trattamento accessorio per i primi dieci giorni di assenza per ogni evento di malattia ad eccezione dell infortunio sul lavoro o causa di servizio, ricovero ospedaliero, day hospital o patologie gravi che richiedano terapie salvavita. /NO nei periodi senza retribuzione (18 mesi) Adempimenti: Avvisare il proprio referente entro le ore 9.00 del 1 giorno di assenza + Certificato medico entro il 5 giorno lavorativo dall evento di malattia. 20

21 19 Missione Norma: Regolamento di Ateneo per le missioni fuori sede Contenuto: al dipendente può essere conferito l incarico di missione fuori sede da svolgersi in nome e per conto dell Università di Pisa o di una sua struttura. Periodo massimo: tutta la durata dell evento. Adempimenti: Autorizzazione del responsabile Le ore di viaggio non possono essere computate come ore di lavoro straordinario; il 50% del tempo di viaggio compiuto fuori del normale orario di lavoro può essere computato, su richiesta dell'interessato, ai fini del riconoscimento di riposi compensativi. 21

22 20 Permesso art. 33 Legge 104/92 Norma: art. 33, commi 3 e 6, della Legge , n. 104 (e successive modifiche ed integrazioni dovute da legge e sentenze) Contenuto: successivamente al compimento del terzo anno di vita del bambino, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre, anche adottivi, di minore con handicap in situazione di gravità, nonché colui che assiste una persona con handicap in situazione di gravità, che sia un parente o affine entro il terzo grado, nonché il convivente, nonché il figlio (in particolari circostanze) hanno diritto a tre giorni di permesso mensile coperti da contribuzione figurativa, fruibili anche in maniera continuativa a condizione che la persona con handicap in situazione di gravità non sia ricoverata a tempo pieno. Lo stesso diritto spetta al lavoratore handicappato in situazione di gravità. Periodo massimo: alternativamente 3 giorni o 18 ore al mese. Il part-time verticale riduce il periodo qualora sia calcolato sul mese o sulla settimana; per il calcolo rapportare il periodo della 104 con i periodi di effettivo servizio nel mese. Il part-time orizzontale non influisce sul calcolo del periodo quando la 104 è usufruito a giorni, mentre riduce proporzionalmente la 104 a ore. Adempimenti: Richiesta + Attestazione ASL riconoscimento L. 104/92 a persona handicappata in situazione di gravità 22

23 21 Permesso breve Norma: art. 34 del CCNL , art. 15 CCI Contenuto: può essere concesso al dipendente che ne faccia richiesta il permesso di assentarsi per brevi periodi durante l'orario di lavoro. Periodo massimo: metà della durata di ogni singola giornata lavorativa. Retribuzione: NO (se non recuperato entro il mese successivo) Adempimenti: Richiesta 23

24 22 Permesso breve Pausa Caffè Norma: circolare D.A. n. I/3A/13918 del (sulla base dell art. 15 CCI e del successivo art. 34 del CCNL ) Contenuto: si intende preventivamente autorizzata la cosiddetta pausa caffè, nella misura complessiva di 20 minuti giornalieri. Questo istituto NON rientra nella fattispecie dei permessi brevi da autorizzare (vedi 2.21), in quanto, come detto, si intende già preventivamente autorizzata per tutto il personale. Al momento in cui si usufruisce della pausa caffè deve essere digitato, preventivamente alla strisciata, il tasto 9 sull orologio sia all uscita che al rientro. In caso non si sia proceduto a tale operazione, sarà necessario giustificare il periodo di assenza tramite infoweb con la causale PBR. Periodo massimo: 20 minuti giornalieri Retribuzione: NO (se non recuperato entro il mese successivo) Adempimenti: Timbratura del badge previa digitazione del tasto 9 24

25 23 Permesso per assemblea sindacale Norma: art. 16 del CCNL Contenuto: il dipendente ha diritto a partecipare, durante l orario di lavoro, ad assemblee sindacali, in idonei locali concordati con l amministrazione. Periodo massimo: 12 ore annue. Il part-time riduce in maniera proporzionale il permesso. Adempimenti: Timbratura del badge + giustificativo 25

26 24 Permesso per motivate esigenze (personale a tempo determinato) Norma: art. 22, comma 2, lettera c), del CCNL Contenuto: al dipendente a tempo determinato possono essere concessi permessi non retribuiti per motivate esigenze. Periodo massimo: 10 giorni annui Retribuzione: NO Anzianità Maturata: NO Contribuzione: NO 26

27 25 Permesso per donazione sangue Norma: art. 13, Legge 107/90 Contenuto: il dipendente donatore di sangue e di emo-componenti ha diritto ad astenersi dal lavoro per l'intera giornata in cui effettua la donazione. Periodo massimo: ogni evento Adempimenti: Certificato attestante donazione 27

28 26 Permesso per esami diagnostici e terapie Norma: art. 16, comma 3, del CCI Contenuto: al dipendente che si trovi nella necessità di sottoporsi ad esami diagnostici o a serie programmate di sedute terapeutiche per patologie anche non permanenti e subordinatamente alla presentazione al Responsabile della struttura di appartenenza di specifica istanza, debitamente documentata, può essere concesso di assentarsi dal lavoro senza recupero delle ore non lavorate. Le ore di assenza dal servizio verranno sommate fino al raggiungimento di 7 ore e multipli di 7. Ciascun giorno così computato verrà ricompreso, a tutti gli effetti, nei periodi di assenza per malattia. Alla fine di ogni anno, l'eventuale periodo di assenza dal servizio per i motivi suddetti, inferiore a 7 ore, verrà computato nel monte ore dei permessi brevi. Se l assenza supera la metà dell orario di lavoro il dipendente verrà considerato assente per l intera giornata. Periodo massimo: tutta la durata dell evento Adempimenti: Richiesta + certificato medico 28

29 27 Permesso retribuito documentate gravi infermità Norma: art. 30, comma 1, lettera c) del CCNL ; art. 4, comma 1, Legge 53/00 Contenuto: al dipendente, sulla base di apposita documentazione, sono concessi permessi retribuiti, ai sensi dell articolo 4, comma 1, della legge n. 53/2000, per il coniuge o di un parente entro il secondo grado o del convivente, purchè la stabile convivenza con il lavoratore o la lavoratrice risulti da certificazione anagrafica. Periodo massimo: 3 giorni l anno. Il part-time verticale riduce il periodo; per il calcolo rapportare i 3 giorni con il periodo effettivamente lavorato. Il part-time orizzontale non influisce sul calcolo del periodo. Adempimenti: Richiesta da cui risulti per chi si intende usufruire del permesso e il grado di parentela + certificato medico 29

30 28 Permesso retribuito per concorsi od esami Norma: art. 30, comma 1, lettera a) del CCNL Contenuto: al dipendente, sulla base di apposita documentazione, sono concessi permessi retribuiti per la partecipazione a concorsi od esami, limitatamente ai giorni di svolgimento delle prove. Periodo massimo: 8 giorni l anno. Il part-time verticale riduce il periodo; per il calcolo rapportare i 3 giorni con il periodo effettivamente lavorato. Il part-time orizzontale non influisce sul calcolo del periodo. Adempimenti: Richiesta + attestazione di partecipazione 30

31 29 Permesso retribuito per lutto Norma: art. 30, comma 1, lettera b) del CCNL Contenuto: al dipendente, sulla base di apposita documentazione, sono concessi permessi retribuiti per lutto per decesso del coniuge o di un parente entro il secondo grado o di affini di primo grado o del convivente, purché la stabile convivenza con il lavoratore o la lavoratrice risulti da certificazione anagrafica. Periodo massimo: 3 giorni ad evento Adempimenti: Autocertificazione con indicazione della parentela o dell affinità 31

32 30 Permesso retribuito per matrimonio Norma: art. 30, comma 3, del CCNL Contenuto: al dipendente, sulla base di apposita documentazione, sono concessi permessi retribuiti in occasione del matrimonio, fruibile entro i 10 giorni successivi al matrimonio stesso. Periodo massimo: 15 giorni consecutivi ad evento da fruire entro i dieci giorni successivi al matrimonio Adempimenti: Richiesta con indicazione data matrimonio (autocertificato) 32

33 31 Permesso retribuito per nascita figli o per gravi motivi personali e familiari Norma: art. 30, comma 2, del CCNL Contenuto: al dipendente possono essere concessi 18 ore di permesso per nascita dei figli o per gravi motivi personali o familiari documentati mediante autocertificazione. Periodo massimo: 18 ore l anno. Il part-time verticale riduce il periodo; per il calcolo rapportare le 18 ore con il periodo effettivamente lavorato. Il part-time orizzontale riduce il diritto nella misura percentuale del part-time stesso. Adempimenti: Richiesta + autocertificazione 33

34 32 Permesso studio (150 ore) Norma: art. 32, comma 8, del CCNL Contenuto: al dipendente è concesso - in aggiunta alle attività formative programmate dall amministrazione o previste dal presente articolo di usufruire permessi straordinari retribuiti, nella misura massima di 150 ore individuali per ciascun anno. Periodo massimo: 150 ore all anno (nell anno accademico). Il part-time riduce il periodo. Adempimenti: Richiesta 34

35 33 Recupero (intera giornata) Norma: art. 14, comma 11, del CCI Contenuto: il dipendente può recuperare i crediti orari utilizzando la flessibilità in entrata ed in uscita od anche in giornate intere, entro i sei mesi lavorativi successivi. I recuperi possono anche avvenire in giorni immediatamente consecutivi o precedenti a giorni di ferie. Periodo massimo: il totale dei crediti orari accumulati Adempimenti: Richiesta 35

36 34 Riposo settimanale (compensativo) Norma: art. 29, del CCNL Contenuto: ove non possa essere fruito nella giornata domenicale, il riposo settimanale deve essere fruito entro la settimana successiva. Il riposo settimanale non è rinunciabile e non può essere monetizzato. Periodo massimo: ogni volta non si possa usufruire del riposo domenicale (o festivo) 36

37 35 Sciopero Norma: art. 17, del CCNL Contenuto: per gli scioperi di durata inferiore alla giornata lavorativa, le relative trattenute sulle retribuzioni sono limitate alla effettiva durata della astensione dal lavoro. Periodo massimo: ogni evento Retribuzione: NO - NO TFR Adempimenti: Giustificativo + (per gli scioperi ad ore) Timbratura del badge 37

38 36 Telelavoro Norma: art. 23, del CCNL , CCI del in materia di telelavoro Contenuto: ogni biennio un apposito bando regolamenta l accesso al telelavoro. Periodo massimo: massimo un biennio Adempimenti: Richiesta al momento del bando 38

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11 Area Risorse e Sistemi Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento A tutto il Personale

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE

MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE PERSONALE DELLA SCUOLA CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO PERSONALE I.T.I. OGGETTO: domanda per ferie nel corso dell anno scolastico

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014 BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013 Regole generali relative all orario di lavoro ottobre 2014 1 INDICE 1. ORARIO DI LAVORO pag. 3 2. ORARIO DI LAVORO PERSONALE APPARTENENTE AI LIVELLI IV-VIII pag. 3 2.1 Flessibilità

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01.

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. 200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. I permessi retribuiti per la tutela dell handicap sono stati introdotti dalla legge n. 104/1992, come

Dettagli

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO Art. 1 Generalità Il presente disciplinare è volto a normare l'articolazione dell'orario di lavoro per tutto il personale dell'istituto sulla base di quanto previsto dalla

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

REGOLAMENTO. Concessione permessi retribuiti

REGOLAMENTO. Concessione permessi retribuiti REGOLAMENTO Concessione permessi retribuiti ART. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con quanto disposto dall art.21 del C.C.N.L. 01/09/1995 del Comparto Sanità e dagli artt.22 e 23 del C.C.N.L.

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

FERIE - PERMESSI - ASSENZE Normativa e modulistica inerente il personale con contratto a tempo indeterminato e determinato

FERIE - PERMESSI - ASSENZE Normativa e modulistica inerente il personale con contratto a tempo indeterminato e determinato Via Palermo, 14-721013 Ceglie Messapica (BR) Tel/Fax 0831 093024 Cellulare Segretario nazionale 3890862780 SEGRETERIA NAZIONALE FERIE - PERMESSI - ASSENZE Normativa e modulistica inerente il personale

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO.

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. PROVINCIA DI LIVORNO CIRCOLARE N. 1/2014 Ai Dirigenti Ai dipendenti Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. Alla luce delle modifiche intercorse a seguito

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro.

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro. COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it REGOLAMENTO

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS) Prot.n.4389 del12.10.2010 Al personale docente e ATA OGGETTO: informativa sulla

Dettagli

I diritti e le tutele

I diritti e le tutele I diritti e le tutele per chi lavora nell università L e leggi e i contratti collettivi hanno sancito per i lavoratori dipendenti una serie di diritti e di tutele per i tanti casi della vita in cui altre

Dettagli

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7 SOMMARIO Introduzione PAG. 3 DIRITTI DELLA MAMMA QUANDO E IN ATTESA Permessi per esami prenatali PAG. 5 Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6 Congedo di maternità PAG. 7 DIRITTI DEI GENITORI FINO AL

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it COMUNE DII SUNO

Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it COMUNE DII SUNO Tel. 0322885510 Fax 0322858042 COMUNE DI SUNO Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it www.comune.suno.novara.it GUIIDA AL LAVORO PER

Dettagli

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008 I genitori che lavorano hanno diritto ad una serie di benefici atti a salvaguardare la loro salute a consentire loro di conciliare le esigenze lavorative con la cura dei figli ad impedire che, sul luogo

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER ACCUDIRE AL FIGLIO QUESITI (posti in data 28 ottobre 2009) 1) È possibile chiedere all'azienda un periodo di aspettativa senza assegni per accudire al figlio dell età di tre anni?

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Banca Fideuram S.p.A. SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Il documento è stato realizzato in collaborazione con la Fisac Cgil di Banca Fideuram 1 CONGEDO DI MATERNITÀ/PATERNITÀ:

Dettagli

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO Art. 1 Fonti e campo di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del personale tecnico e amministrativo

Dettagli

I CONGEDI FAMILIARI PROGETTO BUON LAVORO MAMMA. La tutela della lavoratrice madre. Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE

I CONGEDI FAMILIARI PROGETTO BUON LAVORO MAMMA. La tutela della lavoratrice madre. Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE PROGETTO BUON LAVORO MAMMA La tutela della lavoratrice madre I CONGEDI FAMILIARI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE Piazza Matteotti,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

PERMESSI RETRIBUITI. Trattamento economico.

PERMESSI RETRIBUITI. Trattamento economico. PERMESSI RETRIBUITI Istituto Codice assenza ormativa di riferimento Disciplina Permessi per concorsi ed esami 0012 Art.19 CCNL 6.07.95 Art.77 CCDI 18.10.05 Al personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato

Dettagli

A) Previsione generica comune a tutte le assenze per malattia (art. 21 CCNL del 21/2/1995 + art. 6 CCNL del 16/5/2001):

A) Previsione generica comune a tutte le assenze per malattia (art. 21 CCNL del 21/2/1995 + art. 6 CCNL del 16/5/2001): Vademecum a cura di Maura Bonito sulle Tutele previste per i lavoratori del comparto Ministeri affetti da patologie gravi che richiedano terapie salvavita (es. : emodialisi chemioterapia trattamento per

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria Il Capo del Dipartimento f.f. Circolare nr. 0186333-2001 del 26.07.2001 OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n.53 recante Disposizioni

Dettagli

Roma, 6 ottobre 2014 Prot.N. 5734/A32. Al personale Docente e non Docente All Albo. Oggetto: assenze e permessi

Roma, 6 ottobre 2014 Prot.N. 5734/A32. Al personale Docente e non Docente All Albo. Oggetto: assenze e permessi Istituto Statale Biagio Pascal Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Brembio,97-00188 - Via dei Robilant,2-00194 Roma Centralino: 06-12112-4205 via Brembio - 06-12112-4225 Via dei Robilant Fax: 06-33615164

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). C H I E D E

OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). C H I E D E OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). di poter usufruire dei seguenti periodi di: C H I E D E a) FERIE A.S..../... dal.../.../... al.../.../... gg.... dal.../.../... al.../.../...

Dettagli

INDIRIZZI IN ALLEGATO

INDIRIZZI IN ALLEGATO DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE II Reparto Div. 5^ - Sez. 2^ Viale dell Università, 4 00185 ROMA Prot.n. Roma, lì INDIRIZZI IN ALLEGATO OGGETTO: Assenze comportanti decurtazione o mancata corresponsione

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione.

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione. Introduzione La legge 53/2000 (conosciuta con il titolo di Congedi Parentali) e altre norme ad essa collegata introducono rilevanti modifiche a importanti leggi dello Stato quali: La Legge 1204 del 30/12/1971

Dettagli

Dipartimento I Risorse Umane e Qualità dei Servizi. Roma, 9 settembre 2011. Rif. int. n.466/u

Dipartimento I Risorse Umane e Qualità dei Servizi. Roma, 9 settembre 2011. Rif. int. n.466/u Rif. int. n.466/u Roma, 9 settembre 2011 e p.c. Al Capo di Gabinetto Al Segretario Generale Al Direttore Generale Ai Direttori di Dipartimento e Uffici equiparati Ai Dirigenti di Servizio Ai dipendenti

Dettagli

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151)

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151) Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 26 Aprile 2002 Circolare n. 85 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione:

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione: TUTTO SUI PERMESSI NEL GRUPPO INTESASANPAOLO- AGGIORNATO 2013 Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale 1) Al Personale possono essere concessi permessi retribuiti, da giustificarsi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119

DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119 DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119 Attuazione dell'articolo 23 della legge 4 novembre 2010, n. 183, recante delega al Governo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE. Data di stipulazione 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI. Data di stipulazione

CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE. Data di stipulazione 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI. Data di stipulazione CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI Art. 34 Artt. 27 e 37 CONGEDI PARENTALI / PER MOTIVI FAMILIARI / PERMESSI VARI In caso di matrimonio avente effetti

Dettagli

ART. 26 - MALATTIA E INFORTUNIO NON SUL LAVORO (diventerà art. 32)

ART. 26 - MALATTIA E INFORTUNIO NON SUL LAVORO (diventerà art. 32) ART. 26 - MALATTIA E INFORTUNIO NON SUL LAVORO (diventerà art. 32) 1. Il lavoratore malato deve avvertire di norma l azienda prima dell inizio del suo orario di lavoro e comunque entro il primo giorno

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP. Definizione introduttiva

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP. Definizione introduttiva GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP Definizione introduttiva L istituto dei congedi parentali (astensione facoltativa dal posto di lavoro del lavoratore o della

Dettagli

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di Richiesta di congedo straordinario per assistenza al genitore con disabilità grave (art. 42 comma 5 del D. Lgs. n. 151/2001, come modificato dalla Legge n. 350/2003 e dal D.lgs. 18.07.2011, n 119) Al Direttore

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

Università degli Studi di Udine

Università degli Studi di Udine Università degli Studi di Udine Prot. 12137 Udine, 26.05.2014 Tit. I cl. 1 fasc. 2 A tutto il Personale Tecnico e Amministrativo A tutti i Responsabili degli Uffici/Strutture Loro Sedi OGGETTO: Disposizioni

Dettagli

Il presente lavoro vuole essere un utile strumento

Il presente lavoro vuole essere un utile strumento attualità Diritti e doveri per gli infermieri dipendenti di strutture pubbliche e private Maurizio Neri, Consigliere Collegio IPASVI MI-LO Direttore Editoriale Il presente lavoro vuole essere un utile

Dettagli

I diritti e le tutele

I diritti e le tutele I diritti e le tutele Leggi e contratto per chi lavora nell università L e leggi e i contratti collettivi hanno sancito per i lavoratori dipendenti una serie di diritti e di tutele per i tanti casi della

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA REGOLAMENTO DI SEGRETERIA Art. 1 Descrizione 1. Il Regolamento è stilato a uso interno del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Bologna inteso in tutti

Dettagli

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE.

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. a cura di Libero Tassella, dalla Gilda di Napoli 12/11/2005 1. I Destinatari del congedo. La lavoratrice

Dettagli

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA L'INDENNITÀ DI MATERNITÀ CHE COS E E' un'indennità sostitutiva della retribuzione che viene pagata alle lavoratrici assenti dal servizio per gravidanza e puerperio. A CHI SPETTA A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

VITERBO LEGGE 104/92

VITERBO LEGGE 104/92 VITERBO LEGGE 104/92 D.lgs n.151/2001 1 ARAN Comparto del personale delle Regioni e delle Autonomie locali LA DISCIPLINA DEI PERMESSI E DEI CONGEDI PER LA TUTELA DEI DISABILI SOMMARIO SCHEDA N. 1 pag.

Dettagli

Guida ai diritti e ai Congedi Parentali

Guida ai diritti e ai Congedi Parentali Guida ai diritti e ai Congedi Parentali La presente guida è stata curata da Loretta Moroni. Hanno collaborato il dipartimento di Organizzazione e la Segreteria della Funzione Pubblica di Ravenna. Anno

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 LEGGE 104 CONGEDO STRAORDINARIO Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 Legge 104/92 Art. 33 Tra i quesiti che ci pervengono quotidianamente da, lavoratori, delegati sindacali, membri di Associazioni

Dettagli

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE Welfare news n. 48 novembre 2013 SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE I recentissimi interventi legislativi: DLGS 101 e 102 del 31/8/2013 hanno apportato alcuni correttivi di salvaguardia per

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE 29 ottobre 2003 n.137 REPUBBLICA DI SAN MARINO INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare la seguente

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE RELATIVE ALLA GESTIONE DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE - PRINCIPI GENERALI -

DISPOSIZIONI OPERATIVE RELATIVE ALLA GESTIONE DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE - PRINCIPI GENERALI - DISPOSIZIONI OPERATIVE RELATIVE ALLA GESTIONE DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE - PRINCIPI GENERALI - Il dipendente dell Estav Nord Ovest ispira i suoi comportamenti ai principi di diligenza, lealtà,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I.

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. 1 Art. 1 Riferimenti normativi Legge 5.2.1992, n.104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

UNIVERSITA DEL SALENTO

UNIVERSITA DEL SALENTO UNIVERSITA DEL SALENTO Ripartizione Risorse Umane Area Personale UFFICIO PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO Questo manuale rappresenta la raccolta degli istituti di maggior interesse per la gestione del

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151, "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 OGGETTO: SIG. - OMISSIS -, DIPENDENTE COMUNALE A TEMPO INDETERMINATO

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 96 del 30.12.2014 In vigore dal 01.01.2015 ART. 1 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di

Dettagli

VADEMECUM LEGISLATIVO PER LA TUTELA DELLA MADRE, DEL PADRE E DEL BAMBINO

VADEMECUM LEGISLATIVO PER LA TUTELA DELLA MADRE, DEL PADRE E DEL BAMBINO Associazione Nazionale Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica Via Carlo Conti Rossini 26 - Roma, 00147 TeleFax 06 5123395 Numero Verde : 800 95 95 29 Indirizzi internet: www.nursingup.it

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi.

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi. Elenco dei tipi di assenza previsti dal contratto Enti Locali: Permesso per matrimonio Controlli prenatali. Congedo di maternità. Interdizione anticipata dal lavoro per maternità. Congedo di paternità.

Dettagli

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI 2007 Si riporta una breve traccia sui diritti della donna lavoratrice in caso di gravidanza e maternità (e dei conseguenti diritti

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA SUI PROCEDIMENTI CHE RIGUARDANO IL RAPPORTO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI AREZZO. MODI E TEMPI DI OGNI PROCEDURA

GUIDA INFORMATIVA SUI PROCEDIMENTI CHE RIGUARDANO IL RAPPORTO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI AREZZO. MODI E TEMPI DI OGNI PROCEDURA GUIDA INFORMATIVA SUI PROCEDIMENTI CHE RIGUARDANO IL RAPPORTO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI AREZZO. MODI E TEMPI DI OGNI PROCEDURA 1 Indice generale - PERMESSI PER EVENTI E CAUSE PARTICOLARI...

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE II Reparto Div. 4^ - Sez. 1^- 2^ ASSENZE DAL SERVIZIO DEL PERSONALE CIVILE

DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE II Reparto Div. 4^ - Sez. 1^- 2^ ASSENZE DAL SERVIZIO DEL PERSONALE CIVILE DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE II Reparto Div. 4^ - Sez. 1^- 2^ ASSENZE DAL SERVIZIO DEL PERSONALE CIVILE INDICE: 1 Assenze per malattia 2 Permessi retribuiti 3 Tutela della maternità e della

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli