Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - A.A AutoCAD. Creazione di un Nuovo Disegno.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - A.A. 2010-2011. AutoCAD. Creazione di un Nuovo Disegno."

Transcript

1 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - AutoCAD Creazione di un Nuovo Disegno Everyday drafting will never be the same Laboratorio CAD docente: Giuseppe 1 Modica Creare un disegno da zero - Generalità Anche nel disegno assistito dal calcolatore, la creazione di un nuovo disegno è molto simile ad un foglio di carta bianco. Prima di cominciare a lavorare su un nuovo disegno, occorre procedere con alcune impostazioni di base. Queste possono essere salvate in modelli di lavoro ed utilizzate come veri e propri standard di lavoro. È possibile iniziare un nuovo disegno utilizzando diversi metodi. Il metodo consigliato è rappresentato dall uso di un file modello di disegno (è il cosiddetto template, con estensione.dwt). Di default autocad apre il template acadiso.dwt che è quello più adatto, essendo appunto creato sugli standard ISO. In un file modello di disegno sono contenute impostazioni predefinite, standard e definizioni che permettono di risparmiare molto tempo di impostazione. Quando si inizia un disegno con un modello di disegno, queste impostazioni passano al nuovo disegno. 2

2 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Creare un disegno da zero Il file modello I file modello di disegno includono le impostazioni e gli elementi di base del disegno utilizzati di frequente, come: Precisione e tipo di unità Impostazioni e preferenze degli strumenti Organizzazione dei layer Riquadri delle iscrizioni (cartigli), bordi e logo Stili di quota Stili di testo Tipi e spessori di linea Stili di stampa È possibile creare un file modello di disegno salvando un disegno con l estensione *.dwt. 3 Creare un disegno da zero Salvare un file modello 4

3 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Creare un disegno da zero Disegnare in scala Anche se è possibile personalizzare alcune impostazioni all interno di un file modello e poi riutilizzarle successivamente, come pure accettare quelle di default presenti dopo l installazione nei file modello (architettonico, meccanico, ecc.), è bene capire e di conseguenza sapere impostare alcuni parametri di base. Il primo parametro di fondamentale importanza è la scala del disegno. A differenza che nel disegno manuale, nei programmi CAD conviene sempre disegnare in scala 1:1 (scala naturale dimensioni reali dell oggetto). È al momento della stampa che il disegno viene scalato e ciò in base alla tipologia e quindi alla sua grandezza. In base a questo si sceglie il supporto più adatto e non all inverso. Per gli edifici rurali, le scale di rappresentazione normalmente utilizzate sono 1:100; solo in casi particolari si usano rapporti di scala 1:200 o 1:50. 5 Creare un disegno da zero Impostare le unità di disegno Command line: units In AutoCAD esistono esclusivamente unità di disegno. La prima cosa da fare è quindi stabilire a cosa corrisponde una unità di disegno. Se si scelgono unità decimali, le unità disegno corrispondono ai millimetri. L oggetto viene disegnato in unità che sono unità di disegno ; il punto nodale è poi la corrispondenza tra unità di disegno ed unità di misura di riferimento. Ciascuno sceglie il proprio standard; è poi all atto della stampa che occorre prestare attenzione. Nel caso si scelgano i millimetri, si disegna in scala al naturale ed il processo di stampa in scala è più immediato. Basta semplicemente inserire il rapporto di scala scelto per la restituzione grafica. Caso diverso se, come spesso avviene nella pratica del disegno e della progettazione architettonica, all atto in cui si disegnano gli elementi si inseriscono le unità di misura in metri (se inserisco una linea lunga 10 m, scrivo 10 alla richiesta di inserire la lunghezza della stessa); in tal caso, è fondamentale avere a mente che si sta disegnando in scala 1:1000. Per disegnare in scala al naturale, quando il comando richiede di inserire il valore di lunghezza per una linea che nella realtà è lunga 10 m, devo scrivere Al momento della stampa in scala occorre quindi partire da questo rapporto ed adattarlo alla scala di stampa. 6

4 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Creare un disegno da zero impostare le unità di disegno Command line: units Precisione Imposta il numero di cifre decimali o le dimensioni frazionarie visualizzate per le misure lineari. Scala di inserimento Controlla l'unità di misura per i blocchi e i disegni inseriti nel disegno corrente, in modo che un blocco o un disegno creato con unità diverse da quelle specificate venga scalato al momento dell'inserimento. La scala di inserimento è il rapporto tra le unità utilizzate nel blocco (o nel disegno di origine) e quelle utilizzate nel disegno di destinazione. Se si seleziona Senza unità, il blocco non viene scalato in automatico al momento dell'inserimento. Impostazione per l inserimento degli angoli. Come si vede, di default l angolo base di riferimento è a Est (sull orizzontale) e il senso di rotazione antiorario. 7 Creare un disegno da zero Spazio modello e Layout AutoCAD rende disponibili due ambienti di lavoro paralleli rappresentati dalla scheda Modello e dalle schede di Layout. Sulla scheda Modello è possibile disegnare un modello del soggetto a schermo intero. Sulle schede di layout, è possibile disporre più istantanee del modello. La Scheda Modello consente di accedere a un area di disegno senza limiti di estensione. Successivamente, si passa a impostare il formato delle unità di disegno, quindi si disegna in scala al naturale (1:1). Le Schede di Layout (Spazio Carta) consentono di accedere ai layout di disegno. Quando si imposta un layout, è necessario indicare la dimensione di foglio che si desidera utilizzare. Il layout rappresenta un foglio di disegno stampato che consente di visualizzare una o più viste del modello su diverse scale. Qui possono essere create le finestre del layout, che hanno la funzione di finestre nello spazio modello. Ogni finestra del layout può contenere una vista diversa del modello. Possono altresì essere predisposti i riquadri delle iscrizioni, non visibili nella scheda modello. 8

5 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Creare un disegno da zero Organizzazione dei Layers Come visto, i layers sono l equivalente dei fogli lucidi sovrapposti utilizzati nel disegno manuale. Ogni layer include un colore assegnato, un tipo di linea e uno spessore di linea. Prima di creare gli oggetti, è necessario impostare il layer su cui devono essere creati. Questo viene denominato layer corrente. Barra degli strumenti layer LAYER 0 - Quando si apre un nuovo disegno viene impostato corrente un layer di default denominato "0"; colore bianco, tipo di linea continuous. È un layer che non si può né eliminare né rinominare cui, molti utilizzatori tendono ad associare i primi oggetti disegnati. Da un punto di vista metodologico è un errore perché la sue funzioni sono altre: fare in modo che nel disegno sia presente almeno un layer (ecco perché non si può eliminare); fornire un layer speciale correlato al controllo dei colori nei blocchi. LAYER DEFPOINTS è un particolare layer automaticamente creato da AutoCAD, con colore bianco e tipo di linea continua, in cui ogni oggetto che vi risiede verrà normalmente visualizzato sia sullo spazio modello che sullo spazio carta, ma non verrà stampato. Di solito, giacciono sul layer defpoints i punti di definizione utilizzati per la creazione di una quota. È un layer difatti creato non appena si quota un oggetto. 9 Controllo dei layer Per rendere invisibili gli oggetti di un layer, è possibile disattivare il layer o congelarlo in Gestore proprietà layer. È inoltre possibile bloccare i layer per evitare che gli oggetti vengano modificati inavvertitamente. Disattivazione dei layer. Si preferisce questa opzione al congelamento se si ha necessità di attivare e disattivare la visibilità di un layer con frequenza. Congelamento dei layer. Scegliere questa opzione se non si ha necessità di mantenere visibile un layer a lungo. Quando si scongela un layer, si ottiene una rigenerazione automatica del disegno. L operazione di scongelamento richiede più tempo rispetto all attivazione di un layer. Blocco dei layer. Questa opzione impedisce la modifica degli oggetti di un layer. È comunque possibile utilizzare gli oggetti di un layer bloccato per eseguire operazioni che non comportano la modifica degli oggetti. È possibile, ad esempio, eseguire lo snap a questi oggetti per utilizzarli come guide per il disegno di precisione. 10

6 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Creare un disegno da zero Organizzazione dei Layers Di default, AutoCAD assegna automaticamente il colore, il tipo di linea e lo spessore di linea correnti ai nuovi oggetti creati. Controllo colore Gestione tipo di linea Controllo spessore Controllo stile stampa Barra degli strumenti Proprietà (dei layer) 11 Layers are Easier to Organize Con il Layer Properties Manager è possibile: Fornire una descrizione per ciascun layer Applicare cambiamenti alle proprietà dei layers senza uscire dall applicazione (apply) Filtrare i layers sulla base di referenze esterne (automaticamente) Filtrare i layers sulla base delle loro proprietà Impostare filtri sulla base di gruppi di layers Riga comando: layer 12

7 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Creare un disegno da zero Organizzazione dei Layers Command line: layer Apertura del Gestore proprietà Layer 13 Il disegno di precisione Impostare il sistema di coordinate Nei software CAD sono disponibili diversi metodi per immettere correttamente le coordinate. Quando un comando richiede di specificare un punto, è possibile selezionarne uno mediante un dispositivo di puntamento oppure digitare il valore di una coordinata nella riga di comando. Nel caso delle versioni più recenti, se l Input dinamico è attivo, è possibile immettere i valori delle coordinate nelle descrizioni comandi accanto al cursore. Le coordinate 2D possono essere inserite sotto forma di coordinate Cartesiane (X,Y) o polari. Coordinate Cartesiane (2D) Un sistema di coordinate cartesiane bidimensionale è composto da due assi perpendicolari tra loro: X, Y. Digitando i valori delle coordinate, si indica la distanza (in unità) e la direzione (+ o -) di un punto lungo gli assi X, Y rispetto all'origine del sistema di coordinate (0,0). Nello spazio bidimensionale, i punti vanno specificati sul piano XY, noto anche come piano di costruzione, simile ad un foglio di carta millimetrata. Il valore X di una coordinata cartesiana specifica la distanza orizzontale, mentre il valore Y specifica quella verticale. L'origine (0,0) indica il punto di intersezione dei due assi. 14

8 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione Impostare il sistema di coordinate Nei software CAD sono disponibili diversi metodi per immettere correttamente le coordinate. Quando un comando richiede di specificare un punto, è possibile selezionarne uno mediante un dispositivo di puntamento oppure digitare il valore di una coordinata nella riga di comando. Nel caso delle versioni più recenti, se l Input dinamico è attivo, è possibile immettere i valori delle coordinate nelle descrizioni comandi accanto al cursore. Le coordinate 2D possono essere inserite sotto forma di coordinate Cartesiane (X,Y) o polari. Coordinate Polari Nei sistemi bidimensionali di coordinate polari, i punti vengono individuati in base ad una distanza e ad un angolo. Sia con le coordinate cartesiane sia con quelle polari, è possibile digitare le coordinate assolute in base all'origine (0,0) o le coordinate relative in base all'ultimo punto specificato. Direzione positiva degli angoli in AutoCAD 15 Il disegno di precisione Uso delle coordinate cartesiane Coordinate CARTESIANE assolute e relative I valori di coordinata assoluti vengono calcolati rispetto all origine (0,0). I valori di coordinata relativi vengono calcolati rispetto all ultimo punto specificato. (Con input dinamico ATTIVATO) Inserimento di coordinate assolute dal prompt Disegnare una linea il cui punto di inizio corrisponde al valore -2 di X e 1 di Y e il cui punto finale è 3,4. Nella descrizione comandi digitare quanto segue: Comando: linea Dal punto: -2,1 Al punto: #3,4 (Con input dinamico DISATTIVATO) Inserimento di coordinate relative dal prompt Per specificare le coordinate relative anteporre il Ad esempio, si specifica un punto situato ad una distanza di 3 unità lungo l'asse X e 4 unità lungo l'asse Y rispetto all'ultimo punto specificato. Di default, se l input dinamico è ATTIVO, autocad inserisce il primo punto di qualsiasi comando con coordinate assolute e i successivi con coordinate relative; per inserire coordinate assolute è necessario far precedere le coordinate dei punti successivi dal simbolo #. Se l input dinamico è DISATTIVATO, di default tutti i punti vengono inseriti con coordinate assolute. 16

9 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione Uso delle coordinate cartesiane Coordinate POLARI assolute e relative I valori di coordinata assoluti vengono calcolati rispetto all origine (0,0). I valori di coordinata relativi vengono calcolati rispetto all ultimo punto specificato. Esempio (Con input dinamico ATTIVATO) Inserimento di coordinate assolute dal prompt Costruzione di due linee disegnate con le coordinate polari assolute e l'impostazione di default della direzione dell'angolo. Nella descrizione comandi digitare quanto segue: Comando: linea Dal punto: 0,0 Al punto: #4<120 Al punto: #5<30 Nella finestra Unità, provare a cambiare l angolo base, da EST a OVEST, e ripetere lo stesso esercizio. Per l inserimento delle coordinate polari occorre una distanza e un angolo. In autocad, i valori angolari immessi tramite la riga di comando sono preceduti dal simbolo < 17 Il disegno di precisione Uso delle coordinate cartesiane Coordinate POLARI assolute e relative I valori di coordinata assoluti vengono calcolati rispetto all origine (0,0). I valori di coordinata relativi vengono calcolati rispetto all ultimo punto specificato. Esempio Inserimento di coordinate relative dal prompt (Con input dinamico ATTIVATO) Per specificare le coordinate relative, anteporle il Ad esempio, si specifica un punto situato ad una distanza di 1 unità dall'ultimo punto specificato e con un'angolazione di 45 gradi rispetto all'asse X. Nell'esempio seguente vengono mostrate due linee tracciate mediante coordinate polari relative. In ciascuna illustrazione, la linea inizia nella posizione etichettata come punto precedente. Comando: linea 18

10 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione Uso delle coordinate polari e cartesiane RIEPILOGO Inserimento Coordinate Cartesiane Come digitare le coordinate cartesiane assolute (2D) Al messaggio di richiesta del primo punto, digitare le coordinate normalmente; per i punti successivi, nella descrizione comandi utilizzando il seguente formato: # x, y (con input dinamico disattivato, il simbolo # non è ritenuto valido dal programma) Come digitare le coordinate cartesiane relative (2D) Al messaggio di richiesta del punto, digitare le coordinate utilizzando il seguente x, y RIEPILOGO Inserimento Coordinate Polari Come digitare le coordinate polari assolute (2D) Al messaggio di richiesta del punto, digitare le coordinate nella descrizione comandi utilizzando il seguente formato: # distanza < angolo (con input dinamico disattivato, il simbolo # non è ritenuto valido dal programma) Come digitare le coordinate polari relative (2D) Al messaggio di richiesta del punto, digitare le coordinate utilizzando il seguente distanza < angolo 19 Il disegno di precisione Impostazione del sistema di coordinate AutoCAD utilizza i seguenti sistemi di coordinate, validi sia per quelle polari sia per quelle cartesiane WCS (World Coordinate System o Sistema di Coordinate Globale) è il sistema di riferimento di default di AutoCAD, esso è fisso ed invariabile cioè ha l origine in 0,0 e gli assi sono orientati secondo la schema classico degli assi coordinati X,Y (Z). UCS (User Coordinate System o Sistema di Coordinate dell Utente) è il sistema di coordinate definite dall utente, cioè un sistema di coordinate personalizzabile e quindi mobile. Con l UCS si può porre l origine e l orientazione degli assi a proprio piacimento. L UCS viene sempre definito in rapporto al WCS. 20

11 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione Sistema di Coordinate Utente (UCS) Command line: UCS Comando gestione UCS È possibile riposizionare il Sistema di Coordinate Utente mediante: Spostamento dell'ucs definendo una nuova origine. Allineamento dell'ucs con un oggetto esistente o con la direzione di visualizzazione corrente. Ruotare il sistema UCS corrente attorno ad uno degli assi. Ripristino di un UCS salvato. 21 Il disegno di precisione Sistema di Coordinate Utente (UCS) Command line: UCS Definisce un nuovo sistema di coordinate in base ad uno dei sei metodi disponibili. Specificare origine nuovo UCS o [Asse-z/3punti/OGgetto/Faccia/Vista/X/Y/Z] <0,0,0>: 22

12 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione Sistema di Coordinate Utente (UCS) Command line: UCS Ridefinisce un sistema UCS spostando l'origine o modificando la profondità Z del sistema UCS corrente e lasciando invariato l'orientamento del piano XY. Modificando il valore della profondità Z-, il sistema UCS viene spostato lungo l'asse Z in direzione positiva o negativa rispetto all'origine corrente. Specificare nuovo punto di origine o [profz] <0,0,0>: Specificare un punto o digitare z 23 Il disegno di precisione Sistema di Coordinate Utente (UCS) Command line: UCS Specifica uno dei sei sistemi UCS ortogonali disponibili. Le impostazioni dei sistemi UCS vengono in genere utilizzate durante la visualizzazione e la modifica di modelli 3D. Digitare un opzione [Alto/Basso/Fronte/Retro/Sinistra/Destra] <corrente>: Digitare un'opzione o premere INVIO 24

13 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione Sistema di Coordinate Utente (UCS) Command line: UCS Command line: GESTUCS Finestra di dialogo UCS Imposta i valori del sistema UCS corrente in base al sistema WCS (World Coordinate System, Sistema di Coordinate Globali). Il sistema WCS costituisce la base di tutti i sistemi di coordinate utente e non può essere ridefinito. 25 Il disegno di precisione Modalità SNAP Snap on/off F9 Lo snap limita i movimenti del puntatore a croce agli intervalli definiti dall utente nella griglia. Quando questa funzione è attiva, il cursore sembra aderire, o agganciarsi, ad una griglia invisibile. Lo snap risulta utile per specificare punti precisi con il cursore. Cliccando con il tasto dx del mouse sul pulsante SNAP, GRIGLIA o OSNAP si possono settare i rispettivi parametri 26

14 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione Griglia Griglia on/off F7 La griglia è un modello di punti rettangolare che si estende sull area specificata dai limiti stabiliti (command line: limiti), la cui funzione consiste nel facilitare l allineamento degli oggetti e la visualizzazione della distanza che li separa. La griglia non compare nel disegno stampato. La visualizzazione della griglia dipende dalla sua spaziatura in relazione alla grandezza del disegno. Se la griglia è troppo fitta non potrà essere visualizzata. 27 Il disegno di precisione Modalità ortogonale (ORTO) L ORTO è uno strumento che permette di muoversi sullo schermo solo in orizzontale o in verticale, in questo modo è semplice tracciare con il mouse linee perfettamente orizzontali o verticali. Orto on/off F8 Se però nella finestra Impostazioni disegno, alla voce Snap Angolo si inserisce un valore diverso da zero, con la funzione ORTO è possibile disegnare linee inclinate esattamente del valore inserito. Tra l altro, è possibile verificare ciò in quanto il puntatore assume un altra forma. 45 e multipli 0, , 270 Angolo qualsiasi Tale funzionalità non si ritrova nelle versioni più recenti di AutoCAD Per attivare o disattivare temporaneamente la modalità orto, tenere premuto il tasto MAIUSC durante il lavoro. 28

15 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione il Puntamento Polare Quando si disegnano linee o si spostano oggetti, è possibile utilizzare il puntamento polare per limitare il movimento del cursore a incrementi angolari specificati (il valore di default è 90 gradi). Ad esempio, è possibile creare una serie di linee perpendicolari attivando la modalità Polare prima di iniziare a disegnare. L andamento delle linee è vincolato agli assi orizzontale e verticale, cosa che consentirà di disegnare più velocemente, sapendo che le linee sono sicuramente perpendicolari tra loro. In considerazione della funzionalità ORTO il Puntamento Polare è più interessante per disegnare linee inclinate di un preciso numero di gradi, non ortogonali (a 30, a 60, ecc.). 29 Il disegno di precisione Puntamento Polare (POLARE) Il Polare consente di muoversi lungo direzioni radiali a partire da un determinato punto. L angolo di inclinazione delle direzioni radiali è impostabile nella finestra Impostazioni Disegno (Drafting Settings) alla cartella Puntamento Polare (Polar Tracking). Per esempio, impostando un Angolo di Incremento (Increment Angle) di 45, l utente sarà aiutato a tracciare linee inclinate di 45. Come per altri comandi, anche il puntamento polare aveva un utilità maggiore nelle versioni precedenti alla 2006, prive dell input dinamico. 30

16 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione il Puntamento Polare Polare on/off F10 Cliccando con il tasto dx del mouse sul pulsante SNAP e GRIGLIA, o OSNAP si possono settare i rispettivi parametri 31 Il disegno di precisione Puntamento Polare (POLARE) Se nella cartella Snap e Griglia si imposta un valore di Spaziatura Polare (Polar Spacing), come mostrato in figura, si dispone di uno Snap attivo lungo le direzioni polari impostate nella sezione Spaziatura polare. Per limitare l'immissione di punti alle distanze polari, è necessario che il puntamento polare e la modalità di snap (impostata su PolarSnap) siano entrambi attivi. 32

17 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione SNAP a punti precisi di oggetti ObjectSNAP OSnap on/off F3 L Osnap o Snap ad oggetto è il più utile tra gli aiuti per il disegno di precisione, attraverso questo strumento è infatti possibile posizionare con precisione il puntatore a croce su punti impossibili da selezionare ad occhio. L uso degli snap ad oggetto rappresenta il metodo principale per specificare una posizione esatta su un oggetto senza dover utilizzare le coordinate. Ad esempio, è possibile utilizzare uno snap ad oggetto per disegnare una linea che passa per il centro di un cerchio, per il punto mediano di un altro segmento di linea, per la tangente di un arco... Il menu SNAP AD OGGETTO si visualizza premendo MAIUSC + pulsante dx del mouse. 33 Il disegno di precisione SNAP a punti precisi di oggetti ObjectSNAP Tenendo premuto il tasto MAIUSC lo Snap a oggetto è contestuale agli oggetti presenti nel disegno Fine di una linea; Centro di una linea; Centro di un cerchio; Nodo (per catturare dei punti); Quadrante (per catturare la fine dei semiassi di una ellisse); Intersezione di due linee; Intersezione apparente Estensione (per catturare un punto sulla linea ideale di estensione di una linea disegnata); Inserimento di un blocco (per catturare il punto di inserimento di un blocco); Perpendicolare; Parallelo; Tangente; Vicino; Intersezione apparente (quando non c è intersezione reale nello spazio 3D, ma solo sullo schermo); Parallelo; Il menu SNAP AD OGGETTO si visualizza premendo MAIUSC + pulsante dx del mouse. 34

18 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Il disegno di precisione SNAP a punti precisi di oggetti Impostazione del menu Snap ad oggetto Command line: OSNAP Cliccando con il tasto dx del mouse sul pulsante SNAP, GRIGLIA o OSNAP si possono settare i rispettivi parametri Il menu SNAP AD OGGETTO si visualizza premendo MAIUSC + pulsante dx del mouse. 35 Il disegno di precisione SNAP a punti precisi di oggetti Impostazione del menu Snap ad oggetto Da notare come la modalità snap ad oggetto si interfacci 36

19 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - 37 Il disegno di precisione SNAP a punti precisi di oggetti Puntamento SNAP ad Oggetto L Otrack o Puntamento ad oggetto è un aiuto per il disegno che, usato in combinazione con lo Snap ad oggetto, consente di puntare su punti appartenenti alle linee di estensione che hanno origine nei punti individuati dagli Snap ad oggetto stessi. Per chiarire l uso, per la verità semplice di questo comando, si consideri l esempio seguente: si vuole puntare su un punto che sta sulla linea di estensione di un estremo di una linea già disegnata (1). Dopo aver cominciato a disegnare una seconda linea (2) a partire dal punto a, si attiva lo Snap ad oggetto End in concomitanza con Otrack. Si attiva l Otrack catturando il punto estremo della prima linea b, infine ci si può spostare sull orizzontale per puntare su un punto appartenente alla linea di estensione c. c b 2 a 1 38

20 Laboratorio CAD - Supporto didattico n. 4 - docente Giuseppe Modica - Tasti di scelta rapida F1 Apre la Guida in linea GUIDA F2 Passa dalla finestra di testo all area di disegno e viceversa SCHGRAF, SCHTESTO F3 Attiva e disattiva le modalità di snap ad oggetto OSNAP F6 Modifica la visualizzazione delle coordinate sulla barra di stato COORDS F7 Attiva e disattiva la griglia GRIGLIA F8 Attiva e disattiva la modalità Orto ORTO F9 Attiva e disattiva lo snap SNAP F10 Attiva e disattiva il puntamento polare IMPOSTADIS F11 Attiva e disattiva il puntamento con snap ad oggetto IMPOSTADIS F12 Disattiva temporaneamente l input dinamico DYNMODE CTRL+9 Attiva e disattiva la finestra dei comandi LINEACOM/NASCLINEACOM CTRL+0 Attiva e disattiva gli elementi dell interfaccia ATTSCHINT/DISATTSCHINT CTRL+R Passa da una finestra all altra CVPORT Da ricordare che alcuni comandi come ORTO e OSNAP si possono momentaneamente disattivare tenendo premuto il tasto MAIUSC 39

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

La finestra di Avvio di Excel

La finestra di Avvio di Excel Con Excel si possono fare molte cose, ma alla base di tutto c è il foglio di lavoro. Lavorare con Excel significa essenzialmente immettere numeri in un foglio di lavoro ed eseguire calcoli sui numeri immessi.

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012

Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012 Guida Rapida v6.4 EasternGraphics 2012 Indice 1 Introduzione... 5 1.1 Campi di applicazione... 6 1.2 Caratteristiche principali... 6 2 Informazione tecnica... 7 2.1 Requisisti raccomandati... 8 2.2 Scheda

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1.

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1. DOCFA Plug-in Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA CAD Solutions www.progecad.com Ver. 1.0 P a g i n a 2 P a g i n a 3 Indice Indice...

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma 1 Il Momento Legislativo Istruzioni stampa Messaggi e Ricevute relative

Dettagli

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI SPECIFICHE DISEGNI TECNICI ISTRUZIONI DI LAVORO IO_SUP02_R1 Cod. file: IO_02_R1-Specifiche tecniche.docx Pagina 1 di 9 INDICE 1. GENERALITA 2. DENOMINAZIONE DISEGNI TECNICI 3. LAYER, LINEE, COLORI E SPESSORI

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser.

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Se vogliamo accedere alla nostra casella di posta elettronica unipg.it senza usare un client di posta (eudora,

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli