La decisione d Appello nel caso Google vs Vivi Down: assolti i manager, ripensato il ruolo del provider in rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La decisione d Appello nel caso Google vs Vivi Down: assolti i manager, ripensato il ruolo del provider in rete"

Transcript

1 PENALE. IN EVIDENZA n agli artt. 23, 17 e 26 stesso D.Lgs. con relativo nocumento per la persona interessata (D.L.F.G.). (...) La sentenza va riformata limitatamente al capo B) della rubrica in relazione al quale tutti gli imputati devono essere assolti con la formula perché il fatto non sussiste. Quanto all imputazione di cui al capo A) (...) alle considerazioni già svolte dal Giudice di prime cure, sembra doversi aggiungere solo che per sostenere la responsabilità a titolo di omissione in capo ad un host o content provider, occorre affermare a suo carico un obbligo giuridico di impedire l evento e quindi da un lato, l esistenza di una posizione di garanzia, dall altro la concreta possibilità di effettuare un controllo preventivo. Detta posizione di garanzia però, concordemente a quanto già sostenuto dal Giudice di primo grado, non può essere ravvisata nel diritto vigente, stante l assenza di una specifica previsione in tal senso, e ciò a prescindere dalla questione dell auspicabilità o meno di una normativa che colmi questo vuoto legislativo. (...) Quanto al secondo aspetto preso in considerazione, si osserva che non può essere ravvisata la possibilità effettiva e concreta di esercitare un pieno ed efficace controllo sulla massa dei video caricati da terzi, visto l enorme afflusso di dati. Non può non vedersi come l obbligo del soggetto-web di impedire l evento diffamatorio, imporrebbe allo stesso un filtro preventivo su tutti i dati immessi in rete, che finirebbe per alterarne la sua funzionalità. (...) Insisteva ancora l Accusa ricordando che secondo l insegnamento della Suprema Corte, una posizione di garanzia può derivare (...) anche da «una situazione di fatto per precedente condotta illegittima, che costituisca il dovere di intervento» ed anche può derivare: «dall esistenza di un potere giuridico o di fatto, attraverso il corretto uso del quale, il soggetto garante sia in grado attivandosi di impe Privacy La decisione d Appello nel caso Google vs Vivi Down: assolti i manager, ripensato il ruolo del provider in rete CORTE D APPELLO DI MILANO, 27 febbraio Pres. Malacarne - Est. Milanesi - Imp. D.D.C. e altri Non sussiste alcun obbligo di impedimento dei reati commessi dagli utenti in capo ai responsabili di un host provider, anche se cd. attivo, giacché non vi è alcuna norma giuridica che gli imponga di scongiurare illeciti altrui, né poteri impeditivi idonei a svolgere efficacemente una tale attività. L host provider che permette agli utenti di condividere video è responsabile del trattamento dei dati dell uploader, non dei dati contenuti nel filmato caricato in rete, di cui resta titolare chi ha compiuto e condiviso le riprese (Omissis). Con la sentenza n. 1972/2010 emessa dal Tribunale di Milano in composizione monocratica, all esito di giudizio abbreviato, in data 24 febbraio 2010, D.D.C., F.P.A., D.L.R.G., A.D. venivano assolti perché il fatto non sussiste dall imputazione loro contestata al capo A) ai sensi degli artt. 110, 40 comma II, 595 comma I e III c.p. nei termini di seguito indicati: perché in concorso tra loro D.D.C. - Presidente del C.d.A. di Google Italy s.r.l. dal 19 marzo 2004 e successivamente nominato amministratore delegato in data 2 aprile 2004 (fino al 21 maggio 2007), F.P.A. - Responsabile delle policy sulla privacy per l Europa di Google Inc., D.L.R.G. - membro del C.d.A. di Google Italy s.r.l. e successivamente nominato amministratore delegato in data 2aprile2004(finoal21maggio2007),D.A.-Responsabile del progetto Google Video per l Europa, offendevano la reputazione dell associazione Vivi Down - associazione italiana per la ricerca scientifica e per la tutela della persona Down - nonché di D.L.F.G., consentendo che venisse immesso per la successiva diffusione a mezzo internet, attraverso le pagine del sito (...) e senza alcun controllo preventivo sul suo contenuto, un filmato in cui persone minorenni, in concorso tra loro, pronunciano [frasi ingiuriose nei confronti del minore e dell associazione]. (...) Con la medesima sentenza D.D.C., F.P.A., D.L.R.G. venivano riconosciuti responsabili del reato loro contestato al capo B) d imputazione, per violazione degli artt. 110, 167, comma I e II D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, perché, in concorso tra loro e nelle circostanze di fatto di cui al precedente capo, al fine di trarne profitto per il tramite del servizio Google Video (in relazione al quale Google Italy s.r.l. beneficia degli indotti pubblicitari degli inserzionisti), procedevano al trattamento di dati personali in violazione 766 IL CORRIERE DEL MERITO N. 7/2013

2 n PENALE. IN EVIDENZA dire l evento». (Cassazione Sezione IV n del 6 luglio 2006). Occorre sottolineare però, che neppure sotto questo profilo la tesi accusatoria, secondo cui in sostanza la responsabilità degli imputati deriverebbe dal mancato controllo preventivo sul contenuto dei video, attuabile attraverso l attivazione di tutti i filtri disponibili, pare condivisibile in quanto anche l attivazione di tali dispositivi non sarebbe comunque efficace, a causa dei limiti degli strumenti tecnici, tanto più di quelli utilizzabili al tempo dei fatti. (...) Non ci si può esimere, prima di passare ad esporre le ragioni per cui questa Corte ritiene che in riforma di quanto deciso in primo grado, gli imputati debbano essere assolti dalla imputazione loro mossa al capo B), offrire preliminarmente alcune brevi considerazioni generali. Innanzitutto non vi è dubbio che lungi dal molto rumore per nulla, secondo la citazione utilizzata dalla sentenza di primo grado, ci si trovi di fronte a una vicenda molto complessa, non tanto per la massa delle risultanze della notevole attività istruttoria svolta, per le ingenti produzioni delle parti e per gli estesi e puntuali interventi proposti dalle stesse a sostegno delle rispettive tesi, quanto perché attiene alla questione del governo di internet. (...) Molto si è detto in merito ad uno dei punti essenziali della vicenda processuale e cioè se Google Video possa essere considerato mero host provider o altro. Decisione particolarmente rilevante, poiché, secondo la tesi della difesa degli appellanti, da questo discenderebbe la sostanziale irresponsabilità del provider, in ragione dell applicazione degli artt. 16 e 17 D.Lgs. n. 70/03. L evoluzione della rete informatica mondiale sembra però avere superato nei fatti la figura di mero prestatore di servizio, che veniva elaborata all epoca dellacitatadirettivaechedelineava tale soggetto come del tutto estraneo rispetto alle informazioni memorizzate, sia a livello di gestione che di regolamentazione contrattuale con i destinatari del servizio. Oggi, i servizi offerti dall Ip non si limitano al processo tecnico che consente di attivare e di fornire l accesso alla rete ma, come nel caso del content provider, arrivano ad offrire la possibilità di immettere contenuti propri o di terzi nella rete e dunque non possono non essere chiamati a rispondere secondo le comuni regole di responsabilità in materia di trattamento dei dati. Valga specificare poi che veniva delineata un ulteriore categoria denominata di hosting attivo, cioè di prestatore di servizi non neutra rispetto all organizzazione ed alla gestione dei contenuti degli utenti, caratterizzata anche dalla possibilità di un finanziamento economico attraverso l inserimento di inserzioni pubblicitarie. Questa categoria in realtà, nonèpresente in alcuna norma di legge ma risulta fondata su una costatazione fattuale del ruolo svolto dall Ip [internet provider, n.d.r.], è frutto dell elaborazione di numerose pronunzie in materia di responsabilità. L organizzazione dei servizi pubblicitari non può, certo, come correttamente sostenuto dall accusa ed in sentenza, essere considerato un dato irrilevante rispetto alla verifica da compiersi, sia nella prospettiva della giurisdizione, sia in quella del rapporto con l eventuale illiceità del contenuto del materiale immesso dagli utenti. Orbene tutti gli elementi valutati nel caso - la possibilità del filtraggio, della rimozione, dell individuazione di contenuti tramite parole chiave, dell indicizzazione dei contenuti e della eventuale utilizzazione a fini pubblicitari - portano a ritenere che Google Video non possa che essere qualificata quantomeno come un hosting attivo. In effetti va escluso che Google Video, in quanto capace di organizzare e selezionare il materiale trasmesso dagli utenti possa continuare ad insistere nella sua pretesa neutralità. Detto ciò, come già sostenuto in sentenza e come già anticipato in premessa rispetto all imputazione di cui al capo A), va esclusa, anche per il prestatore di servizi che fornisca hosting attivo, la possibilità ipso facto di procedere ad una efficace verifica preventiva di tutto il materiale immesso dagli utenti. (...) Agli imputati veniva contestato al capo B) della rubrica il reato di illecito trattamento di dati personali, per avere in concorso tra loro e nelle circostanze di fatto di cui al precedente capo, al fine di trarne profitto, proceduto al trattamento dei dati personali di D.L.F.G., con violazione degli artt. 23, 17 e 26 stesso D.Lgs., con relativo nocumento della persona interessata. Tale prospettazione accusatoria però, risultava da subito problematica in ragione della modifica dell impostazione operata, sia dall appellata sentenza, sia successivamente dal PG nella sua requisitoria e nella sua memoria ex art. 121 c.p.p. In effetti dalla motivazione della sentenza, la responsabilità degli imputati in relazione al capo d imputazione in oggetto si esclude possa discendere da una posizione di garanzia con conseguente obbligo preventivo di sorveglianza sui contenuti di quanto immesso in rete, per assenza di un tale obbligo preventivo e per la sua inesigibilità, ma viene fatta, invece, derivare dalla carenza di una corretta puntuale e doverosa informazione agli utenti delle norme poste a tutela della privacy, ex art. 13 D.Lgs. citato. Orbene, data questa premessa non pare possibile non cogliere l incongruenza della scelta operata dal Giudice di primo grado, costituita dal fatto che il citato art. 13 non è neppure richiamato nel testo dell art. 167 in questione. La norma di cui all art. 167 appare caratterizzata dalla tipicizzazione della condotta penalmente rilevante in quanto richiede esplicitamente che l autore del reato abbia agito non rispettando le disposizioni indicate. E nessuna di queste disposizioni impone all Internet Provider, di rendere edotto l utente circa l esistenza ed i contenuti della legge della privacy, pertanto quanto sostenuto in sentenza, anche se di buon senso non si ritiene, possa essere condiviso. Va detto inoltre, che dalla lettura della normativa di cui trattasi, l eventuale violazione dell art. 13, ovvero l omessa o inidonea informativa all interessato, testualmente non viene sanzionata dall art. 167, bensì dall art. 161 Legge Privacy. La sentenza prosegue esponendo gli elementi essenziali del reato: a. l avvenuto trattamento dei dati sensibili di una persona. b. Il mancato consenso da parte del soggetto. c. Il nocumento della persona offesa. d. Il dolo specifico da parte del soggetto agente. Quanto sopra però, senza procedere, come lamentato dalle difese, ad analizzare il concetto di titolarità del trattamento. La responsabilità per il trattamento dei dati è legata al mancato adempimento di specifiche condizioni che rendono lecito l uso di tali dati, ma tali condizioni non possono che essere messe in capo al titolare, al controller dei dati medesimi. In effetti trattare un video, acquisirlo, memorizzarlo, cancellarlo, non può significare di per sé trattamento di dati sensibili. Esistono due distinte modalità di trattare dei dati che non possono essere, a parere di questa Corte, considerati in modo unitario. Trattare un video non può significare trattare il singolo da IL CORRIERE DEL MERITO N. 7/

3 PENALE. IN EVIDENZA n to contenuto, conferendo ad esso finalità autonome e concorrenti con quelle perseguite da chi quel video realizzava. Sarà il titolare del trattamento ad avere l obbligo di acquisire il consenso al trattamento dei dati personali. Nel caso, toccava a G.L., l uploader che caricando il video si assumeva la responsabilità del trattamento dei dati personali del D.L., chiedere ed ottenere il consenso prescritto e tale soggetto doveva ricevere l informativa sugli obblighi di legge da parte di Google. (...) D altra parte è pacifico che la valutazione dei fini di un immagine all interno di un video in grado di qualificare un dato come sensibile o meno, implica un giudizio semantico e variabile che certamente non può essere delegato ad un procedimento informatico. E sul punto si veda anche quanto affermato nella sentenza di primo grado secondo cui non può essere considerato punibile chi raccolga, utilizzi o diffonda dati, che in buona fede debba o possa considerare come lecitamente raccolti da altri in quanto «...sarebbe impossibile pretendere che un Isp [internet service provider] possa verificare che in tutte le migliaia di video che vengono caricati in ogni momento siano stati rispettati gli obblighi concernenti la privacy di tutti i soggetti negli stessi riprodotti». Ad abundantiam, va sottolineato che nella normativa sul commercio elettronico, che costituisce unitamente alla normativa sulla privacy un quadro giuridico coerente e completo, e che non può essere letta in modo alternativo ma integrato, si indica che: «il prestatore non è responsabile delle informazioni memorizzate...a condizione che detto prestatore non sia effettivamente al corrente del fatto che l attività o l informazione è illecita...e che non agisca immediatamente per rimuovere le informazioni medesime». (...) Ancora la Corte rileva, che mentre il riferimento all art. 110 c.p. esplicitato quanto al capo B) di imputazione, prevede una partecipazione attiva nel reato da parte degli imputati, la sentenza ed in parte l Accusa, finiscono per ravvisare un concorso costituito da una condotta omissiva. Sotto questo profilo deve però evidenziarsi che trattandosi di reato di pura condotta, non possono ravvisarsi i presupposti per pervenire su queste basi ad un giudizio di responsabilità essendo la sfera dell art. 40 comma 2 c.p. limitata ai reati di evento. Ulteriore imprescindibile argomento, ostativo al giudizio di colpevolezza espresso in primo grado, è costituito dall insussistenza dell elemento soggettivo del reato contestato. Prima di tutto infatti si osserva che non può essere condivisa l ottica dell estensore della sentenza di primo grado nel momento in cui confonde il dolo specifico con il fine di profitto costituito dalla palese vocazione economica dell azienda Google (Cfr. in senso conforme Cass. III Sez. n. 1464/12 del 24 maggio 2012). L attività dell azienda nei suoi molteplici servizi non può che essere considerata lecita e non può essere assunta a prova della sussistenza del dolo. In conclusione va escluso che nel caso possa essere rinvenuto il dolo specifico richiesto dalla norma, mancando qualsiasi riscontro di un vantaggio direttamente conseguito dagli imputati, in conseguenza della condotta tenuta, tanto più nell ambito di un servizio gratuito quale era Google Video ed in assenza di link pubblicitari associati allo specifico video, oggetto del procedimento. La mancanza di un dolo specifico emerge poi dalla ragionevole certezza che gli imputati non fossero preventivamente a conoscenza del contenuto del filmato e dell immissione del dato personale non lecitamente trattato. (...) Si pone da ultimo un problema di compatibilità tra la forma del dolo eventuale - individuata in capo agli imputati nella sostanza per avere serbato una voluta disattenzione nelle politiche societarie relative al trattamento della privacy, al fine dell ottenimento di buoni risultati di mercato - ed il dolo specifico richiesto dalla norma in oggetto. La soluzione in senso positivo, non appare accettabile, in quanto la struttura della fattispecie di cui all art. 167 Codice privacy postula la necessaria partecipazione psichica intenzionale e diretta del soggetto al raggiungimento di un profitto. (cfr. in senso conforme Cass. Sez. I 14 ottobre 1994 C. in Cass. Pen., 1996, 2177). (Omissis). Il commento di Alex Ingrassia La nota vicenda processuale cd. Google vs Vivi Down assume un significato rilevante in relazione al governo di internet e alla definizione del ruolo e delle funzioni che i provider assumono nel ciberspazio. La Corte d Appello ambrosiana, nella decisione che si annota, esclude, in linea con la sentenza impugnata, che l host provider, anche se attivo, debba impedire reati realizzati dagli utenti della rete. Il Giudice del gravame compie, inoltre, una pregevole actio finium regundorum tra normativa sulla privacy e limitazioni di responsabilità previste dalla disciplina sul commercio elettronico da cui conclude, riformando la decisione del Tribunale, che non spetta al provider verificare che i propri utenti non trattino illecitamente dati di terzi, controllo impossibile dal punto di vista tecnico, giuridicamente non imposto da alcuna norma. Il caso Google vs Vivi Down: un veloce ambientamento Con la sentenza che qui si annota la Corte d Appello di Milano ha assolto i manager di Google (1) per il reato Nota: (1) Segnatamente, sono tratti a giudizio i due amministratori delegati di Google Italy, il responsabile del progetto Google Video per l Europa e il responsabile della policy per la privacy per l Europa di Google Inc. 768 IL CORRIERE DEL MERITO N. 7/2013

4 n PENALE. IN EVIDENZA di illecito trattamento di dati (art. 167 D.Lgs. n. 196/2003, cd. Codice della Privacy o Legge Privacy), in riforma della decisione di primo grado (2), sul punto ampiamente criticata dalla dottrina (3), confermando, inoltre, l insussistenza del delitto di diffamazione, realizzato da un utente di Google Video e contestato agli imputati in forma omissiva, mancando in capo al provider una posizione di garanzia e poteri impedivi. Come noto, il processo scaturisce dalla pubblicazione di un filmato sull host provider (4) Google Video che ritrae un ragazzo diversamente abile, umiliato da alcuni compagni all interno di un edificio scolastico; nella ripresa si sentono anche frasi ingiuriose nei confronti dell associazione Vivi Down. L accusa è costruita in termini di omesso impedimento del reato altrui (5): il provider avrebbe una posizione di garanzia di protezione sui dati eventualmente trattati dai propri uploader (6), ricavabile dalle norme del codice della privacy, che prescrivono l informativa agli utenti sul trattamento dei dati (art. 13), l autorizzazione scritta dell interessato e quella preventiva del Garante per il trattamento di dati sensibili (art. 26) e, infine, l adozione di speciali garanzie per il trattamento dei dati sensibili (art. 17) (7). La decisione di prime cure ha escluso che i manager del provider siano gravati da una posizione di garanzia, sostanzialmente con tre argomenti: (i) l impossibilità di ricostruire dalle norme individuate dall accusa un generale obbligo di impedimento di reati commessi dagli utenti; (ii) l inesigibilità di un controllo preventivo da parte di Google Video, impossibile da un punto di vista tecnico; (iii) l impercorribilità di un attività di filtraggio preventivo ad opera del provider, che verrebbe trasformato in un censore e renderebbe impossibile il funzionamento della rete. Su tali basi il Tribunale ha assolto i manager dall imputazione di diffamazione perpetrata ai danni dell associazione Vivi Down. Discorso diverso per l illecito trattamento dei dati. Il Tribunale, pur non riconoscendo un obbligo di verifica del provider sul contenuto dei video e, nello specifico, l onere di controllare che gli uploader abbiano ottenuto il consenso al trattamento dei dati personali dagli eventuali interessati, di fatto impossibile, venendo caricati migliaia di video ogni giorno, e giuridicamente non imposto da alcuna norma, ha, invece, ritenuto che gravasse su Google Video «un obbligo di corretta informazione agli utenti dei conseguenti obblighi agli stessi imposti dalla legge, del necessario rispetto degli stessi, dei rischi che si corrono non ottemperandoli» (8); tale obbligo deriverebbe, secondo il Tribunale, dall art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003 oltre che dal buon senso (9). I manager di Google vengono conseguentemente condannati ex art. 167 del D.Lgs. n. 196/2003 per non aver avvisato gli uploader che il trattamento di dati altrui richiede il consenso. I motivi d impugnazione: due opposte prospettive sul ruolo del provider in rete Avverso tale decisione propongono gravame sia la pubblica accusa che le difese degli imputati. La richiesta di riforma del P.M. ripercorre le ragioni poste a fondamento dell esercizio dell azione, sostenendo il dovere e la possibilità in concreto per i manager di Google di impedire gli illeciti degli uploader attraverso il ricorso a filtri già disponibili all epoca dei fatti. Le ragioni dell accusa sono supportate da una memoria del P.G. in cui si prospetta la possibilità di configurare una posizione di garanzia del provider derivante dall esercizio di un attività pericolosa (10). Inoltre, secondo l accusa, poiché Google Video non agisce da mero intermediario, ma sceglie quali informazioni trasmettere e secondo quali modalità (host cd. attivo), non sarebbero applicabili al provider le limitazioni di responsabilità previste dal D.Lgs. n. 70/2003, che escludono generali obblighi di sorveglianza e di ricerca di attività illecite realizzate dagli utenti in capo ai gestori dei servizi telematici (11). (2) Si tratta di Trib. Milano, sez. IV, 24 febbraio 2010, n. 1972, Est. Magi, leggibile per intero in 12 aprile (3) Si richiamano qui, in particolare, le critiche avanzate, seppur sotto profili diversi, da L. Beduschi, Caso Google: libertà d espressione in internet e tutela dell onore e della riservatezza, in questa Rivista, 2010, in particolare p. 967; R. Lotierzo, Il caso Google-Vivi Down quale emblema del difficile rapporto degli internet providers con il codice della privacy, in Cass. Pen., 2010, 1288 e ss.; A. Manna, I soggetti in posizione di garanzia, indir. info., 2010, 779 e ss. Volendo si veda anche A. Ingrassia, Il ruolo dell ISP nel ciberspazio: cittadino, controllore o tutore dell ordine? Le responsabilità penalideiprovider nell ordinamento italiano, ininternet provider e giustizia. Modelli di responsabilità e forme di collaborazione processuale, Milano, 2012, 25 ss. e 52 ss. (4) L attività dihosting consiste nella memorizzazione di contenuti forniti dagli utenti. (5) Sull omesso impedimento del reato altrui si vedano, tra gli altri, L. Bisori, L omesso impedimento del reato altrui nella dottrina e nella giurisprudenza italiane, in Riv. it. dir. proc. pen., 1997, 1339 e ss.; F. Centonze, Controlli societari e responsabilità, Milano, 2009; I. Leoncini, Obbligo di attivarsi, obbligo di garanzia e obbligo di sorveglianza, Torino, 1999, 353 e ss.; A. Nisco, Controlli sul mercato finanziario e responsabilità. Posizioni di garanzia e tutela del risparmio, Bononia University Press, 2009; L. Risicato, Combinazione e interferenza di forme di manifestazione del reato, Milano, 2001, 376 e ss. (6) Gli uploader sono i soggetti che condividono i propri files (audio, video, di testo etc.) con gli altri utenti della rete, mediante il caricamento su host provider. (7) Per un ampia illustrazione della prospettiva accusatoria si veda F. Cajani, Quella Casa nella Prateria: gli Internet Service Providers americani alla prova del caso Google Video, in L. Picotti - F. Ruggieri (a cura di), Nuove tendenze della giustizia di fronte alla criminalità informatica, Milano, 2012, 223 e ss. (8) Così la decisione ambrosiana a p. 96. (9) Ivi, 93. (10) La tesi del P.G. recupera la ricostruzione giuridica, non coltivata dall accusa nel giudizio di prime cure, contenuta in un parere pro veritate del Prof. Filippo Sgubbi, pubblicato in Dir. info., 2009, 746, richiesto dall Associazione Vivi Down proprio in relazione alla presente vicenda. (11) Sulle interazioni tra responsabilità dei providers e D.Lgs. n. 70/2003 si veda G. Corrias Lucente, Ma i network providers, iservice providers egliaccess providers rispondono degli illeciti penali commessi da un altro soggetto mediante l uso degli spazi che loro gestiscono?, ingiur. mer., 2004, 2527 e ss. In generale si veda, tra gli altri, la recente analisi di E. Tosi, La responsabilità civile per fatto illecito degli Internet Service Provider edeimotori di ricerca a margine dei recenti casi Google Suggest per errata programmazione del software di ricerca e di Yahoo! Italia per link illecito in violazione dei diritti di proprietà industriale, inriv. dir. ind., 2012, 44 e ss. Volendo A. Ingrassia, Il ruolo dell ISP, cit., 35ess. IL CORRIERE DEL MERITO N. 7/

5 PENALE. IN EVIDENZA n Le difese degli imputati con gli atti d appello e con successive memorie, preliminarmente e in generale, contestano la sussistenza di giurisdizione e di competenza del Tribunale di Milano, essendo i server della società collocati negli Stati Uniti, nonché il difetto di correlazione tra l imputazione e la decisione in relazione all illecito trattamento di dati, stante la difforme ricostruzione fattuale e giuridica prospettata dal decidente rispetto a quella contenuta nel capo d imputazione; nel merito, le difese rilevano l impossibilità di sussumere le condotte contestate nel capo d imputazione nell alveo dell art. 167 D.Lgs. n. 196/2003, mancando sia l elemento oggettivo sia quello soggettivo del reato. Segnatamente, quanto alla tipicità - secondo le difese - (i) l interpretazione del Tribunale si risolve in una doppia analogia in malam partem giacché l art. 167 D.Lgs. n. 196/2003 non richiama, tra le disposizioni di cui costituisce il presidio, l art. 13 e in quanto, a tutto voler concedere, tale norma non richiede l informativa che - secondo il decidente - Google Video avrebbe dovuto prestare; (ii) poiché a mente della normativa interna (12) e comunitaria (13), il titolare-responsabile del trattamento è colui che decide unitamente all interessato le modalità e le finalità del trattamento stesso, Google Video è responsabile esclusivamente dei dati degli uploader e solo questi ultimi dei dati contenuti nei filmati caricati: tra tali relazioni non sussiste alcuna proprietà transitiva per cui Google non assume alcuna responsabilità in relazione ai soggetti ripresi e ai loro dati personali eventualmente trattati. In punto di elemento soggettivo tre sono le critiche mosse dagli appellanti alla decisione del Tribunale: (i) non vi è prova alcuna che i manager imputati conoscessero il filmato e, a fortiori, sapessero che in esso fossero trattati dati sensibili senza consenso; (ii) il dolo specifico di profitto richiesto dall art. 167 D.Lgs. n. 196/2003 è incompatibile con il dolo eventuale ( voluta disattenzione ) e con la generica finalità lucrativa di Google Video descritti dal decidente; (iii) non essendoci alcun link pubblicitario collegato ai video, al momento di consumazione dell illecito e in relazione allo specifico servizio di condivisione, il dolo specifico di profitto resterebbe privo di fondamento fattuale. Emerge chiaramente dalle prospettazioni delle parti un opposta visione del ruolo che il provider deve giocare in rete: per la Pubblica accusa l host ha un ruolo di garante del ciberspazio, ne è il controllore ed è tenuto ad impedire i reati degli utenti; per le difese il ruolo del provider è quello del cittadino di internet, che non ha obblighi di impedimento né poteri impeditivi. Si è prospettato in altra sede (14), che il ruolo del provider nel ciberspazio può essere triplice, potendo ricoprire la funzione di cittadino, tutore dell ordine o controllore della rete, a seconda che il provider (i) risponda solo degli illeciti commissivi realizzati come autore (cittadino); oppure (ii) abbia anche un obbligo penalmente presidiato di denunciare e collaborare con l autorità per il perseguimento dei reati, già consumati, degli utenti della rete (tutore dell ordine); o, infine, (iii) debba, inoltre, impedire direttamente reati altrui, prima che siano realizzati (controllore). La scelta per l uno o per l altro modello di ruolo e di responsabilizzazione del provider ha dirette ricadute sul volto della rete e sul bilanciamento tra libertà d espressione degli utenti e tutela dei terzi. Nella decisione dei Giudici del gravame si è giocato, dunque, un momento significativo dell individuazione del ruolo del provider nel ciberspazio. La decisione della Corte d Appello: l assenza di posizione di garanzia in capo al provider in relazione alla diffamazione commessa dall uploader La Corte d Appello supera rapidamente le questioni di giurisdizione e competenza, rilevando che almeno una parte dei fatti di reato - le conseguenze dannose e il trattamento dei dati - si sarebbe realizzata in Italia e, in particolare, a Milano, sede di Google Italy: ciò è bastevole a fondare la giurisdizione e a radicare la competenza (15). Entrando nel merito, quanto alla diffamazione nei confronti dell Associazione Vivi Down, il Giudice d Appello richiama per relationem le motivazioni del Tribunale in punto di radicale assenza di posizione di garanzia in capo al provider e di carenza di poteri impeditivi. La Corte si premura poi di aggiungere due precisazioni, anche in risposta alle doglianze della pubblica accusa. Segnatamente, il decidente esclude, in linea con la giurisprudenza costante di merito (16) e di legittimità (17), che si possa fondare in capo al provider una posizione di garanzia in base agli artt. 57 e 57 bis c.p., in materia di stampa: una tale soluzione è preclusa dal principio di tassatività (18). (12) Art. 4, comma 1, lett. f), D.Lgs. n. 196/2003. (13) Art. 2, lettera d), Dir. 95/46/CE relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione dei dati. (14) A. Ingrassia, Il ruolo dell ISP, cit. (15) Sui problemi correlati alla giurisdizione e alla competenza in relazione ai reati commessi in tutto o in parte on line si vedano, tra gli altri, R. Lotierzo, La competenza territoriale per la diffamazione on line, in Cass. Pen., 2011, 4317 ss.; C. Pecorella, Truffe on line: momento consumativo e competenza territoriale, inriv. it. dir. proc. pen., 2012, 113 ss. (16) Si veda in particolare, Trib. Milano, 25 febbraio 2004, Est. Simi, in Giur. mer., 2004, 1922, con nota di F. Resta, La responsabilità del provider: tra laissez faire ed obblighi di controllo. (17) Si tratta di Cass. pen., sez. V, 16 luglio 2010, n , in Diritto contemporaneo, con nota di S. Turchetti, L art. 57 c.p. non è applicabile al direttore del periodico on line; in Giust. pen., parte II, 2011, 261 e ss., con nota di V. Spagnoletti, La responsabilità del provider tra applicazione della normativa sulla stampa ed esigibilità del controllo sui contenuti di internet; si veda poi Cass. pen., sez. V, 28 ottobre 2011, n , in Diritto contemporaneo, con nota di S. Turchetti, Un secondo alt della Cassazione all applicazione dell art. 57 c.p. al direttore del periodico on line. (18) Sostengono che l applicazione ai providers degli artt. 57 e 57 bis c.p. si risolverebbe in un applicazione analogica in malam partem, per cui vietata, di norme incriminatrici tra gli altri R. Flor, Tutela e autotutela tecnologica dei diritti d autore nell epoca di internet, Milano, 2010, 454; D. De Natale, La responsabilità dei fornitori di informazioni in internet per i casi di diffamazione on line, in Riv. trim. dir. pen. eco., 2009, 539 ss.; V. Zeno Zencovich, La pretesa estensione alla tematica del regime della stampa. Note critiche, indir. inform. e informatica, 1998, IL CORRIERE DEL MERITO N. 7/2013

Dal Libro verde Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori

Dal Libro verde Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori Dal Libro verde Prepararsi a un mondo audiovisivo della piena convergenza: crescita, creazione e valori 3.4. Tutela dei minori (Commissione europea - 24 aprile 2013) La continuità di contenuti trasmessi

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15. Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15. Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 La responsabilità dell Internet Intermediary Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 SERVIZI E PRESTATORI Internet service providers (ISP) e Internet

Dettagli

Diritto della Rete. Avv. Marilù Capparelli, Direttore Affari Legali Google Italy Avv. Marco Berliri, Partner Hogan Lovells Studio Legale

Diritto della Rete. Avv. Marilù Capparelli, Direttore Affari Legali Google Italy Avv. Marco Berliri, Partner Hogan Lovells Studio Legale Diritto della Rete La società dell informazione: prestatori di servizi online, quadro normativo di riferimento e l esenzione di responsabilità per gli Internet Service Provider Avv. Marilù Capparelli,

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Reati contro la Personalità dello Stato La decisione A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Iolanda D Alessandro Associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Dettagli

La normativa italiana in materia di commercio elettronico. Avv. Ivan Rigatti

La normativa italiana in materia di commercio elettronico. Avv. Ivan Rigatti La normativa italiana in materia di commercio elettronico Avv. Ivan Rigatti Il commercio elettronico Nella sua accezione più ristretta, il commercio elettronico (più noto come e-commerce contrazione di

Dettagli

Responsabilità dei prestatori intermediari. Corso di Informatica Giuridica Facoltà di Giurisprudenza Sede di Bologna

Responsabilità dei prestatori intermediari. Corso di Informatica Giuridica Facoltà di Giurisprudenza Sede di Bologna Responsabilità dei prestatori intermediari Corso di Informatica Giuridica Facoltà di Giurisprudenza Sede di Bologna 1 Internet Service Provider Direttiva 2000/31/CE D.lgs. 70/2003 Tre tipi di ISP: Mere

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

INDICE. Introduzione. Il sistema penale ai tempi dell internet. La figura del provider tra diritto e processo di LUCA LUPÁRIA... 1

INDICE. Introduzione. Il sistema penale ai tempi dell internet. La figura del provider tra diritto e processo di LUCA LUPÁRIA... 1 INDICE Introduzione. Il sistema penale ai tempi dell internet. La figura del provider tra diritto e processo di LUCA LUPÁRIA... 1 Sezione Prima I PROFILI DI DIRITTO SOSTANZIALE E IL QUADRO EUROPEO Capitolo

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO

Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Il processo. Con decreto di citazione diretta dell 8.9.2010, emesso a seguito di opposizione

Dettagli

Dr. ROBERTO FLOR. http://www.robertoflor.net. Università di Verona

Dr. ROBERTO FLOR. http://www.robertoflor.net. Università di Verona Fondamenti e limiti delle posizioni di garanzia degli Internet Service Providers: responsabilità penali e responsabilità da reato delle persone giuridiche per l immissione e diffusione in Internet di opere

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

Le novità del periodo in materia doganale

Le novità del periodo in materia doganale Le novità del periodo in materia doganale Avv. Sara Armella, Armella & Associati, Milano e Genova www.studioarmella.com Nel corso degli ultimi mesi, la materia doganale è stata interessata da importanti

Dettagli

WEB REPUTATION Profili legali

WEB REPUTATION Profili legali WEB REPUTATION Profili legali Milano, martedì 11 febbraio 2014 Workshop CONFCOMMERCIO MILANO Corso Venezia n. 47 Diffusione dell oniine in Italia Stando ai dati AUDIWEB di dicembre 2013 http://www.audiweb.it/cms/view.php?id=6&cms_pk=271

Dettagli

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale...

Decisione N. 488 del 17 febbraio 2012 IL COLLEGIO DI ROMA. composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis.. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio... Membro designato dalla

Dettagli

Ossevatorio sulla Corte di cassazione

Ossevatorio sulla Corte di cassazione Ossevatorio sulla Corte di cassazione Sequestro preventivo La questione Sequestro preventivo - Sito web Ammissibilità Manifestazione del pensiero Libertà di stampa Testata giornalistica telematica registrata

Dettagli

sommario introduzione Profili civili

sommario introduzione Profili civili introduzione DIRITTI FONDAMENTALI E SOCIAL NETWORK doc. 354 INTERNET E SOCIAL NETWORK TRA FISIO- LOGIA COSTITUZIONALE E PATOLOGIA APPLICA- TIVA di Lorenzo Diotallevi 1. Premessa P.2508 2. La prospettiva

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698

23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698 23 aprile 2009 Corte di Cassazione, Sez. Lav., n. 9698 Il comportamento imprudente del lavoratore danneggiato nella dinamica dell infortunio se, da un lato, non esclude la responsabilità del datore di

Dettagli

Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0

Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0 Aspetti legali connessi alle applicazioni del Web 2.0 Come è noto Internet non è un entità fisica o tangibile, ma piuttosto una gigantesca rete che interconnette un numero infinito di gruppi più ristretti

Dettagli

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Tribunale di Livorno Ufficio Giudice Indagini Preliminari Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Presso il Tribunale di Livorno Dr. Antonio Pirato all udienza in Camera

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom

Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom F O C U S T M T 24 N O V E M B R E 2014 Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom di Andrea Morrone Professore

Dettagli

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) -n. 19962 del 22 gennaio 2013 (dep. 9 maggio 2013)- Collegio

Dettagli

Carte credito, vaglia postale veloce,carta

Carte credito, vaglia postale veloce,carta Carte di credito, vaglia postale veloce,carta di Pagamento,penale,pagamenti,internet,legalgeek Cassazione Feriale Penale del 15 settembre 12 dicembre 2011, n. 45946 testo Civile.it " I reati sono stati

Dettagli

NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI. Astolfo DI AMATO

NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI. Astolfo DI AMATO NOTE SULLE IMPLICAZIONI PENALISTICHE DELLA NUOVA DISCIPLINA DEI FINANZIAMENTI DEI SOCI ALLE IMPRESE IN CRISI Astolfo DI AMATO Sommario - 1. La mancata riforma dei reati fallimentari; 2. La riforma implicita

Dettagli

REATI IN RETE si possono commettere senza saperlo?

REATI IN RETE si possono commettere senza saperlo? si possono commettere senza saperlo? 1 1. Diffamazione tramite Tripadvisor si può essere chiamati a rispondere se si postano commenti o giudizi particolarmente «pesanti» su una struttura? (v. caso milanese).

Dettagli

LA DIFFAMAZIONE A MEZZO STAMPA(PARTE SECONDA LA DIFFAMAZIONE ON LINE

LA DIFFAMAZIONE A MEZZO STAMPA(PARTE SECONDA LA DIFFAMAZIONE ON LINE LA DIFFAMAZIONE A MEZZO STAMPA(PARTE SECONDA LA DIFFAMAZIONE ON LINE PROF.SSA FRANCESCA MITE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Com è noto, gli articoli da 14 a 16 del D.L.vo 70/2003, nel disciplinare la responsabilità dei prestatori intermediari, distinguono tra:

Com è noto, gli articoli da 14 a 16 del D.L.vo 70/2003, nel disciplinare la responsabilità dei prestatori intermediari, distinguono tra: Responsabilità del provider per violazione del diritto d autore. Nota a Tribunale di Catania, Sezione Quarta Civile, sentenza 29 giugno 2004, n. 2286/2004 di Giuseppe Briganti avv.briganti@iusreporter.it

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

MALTRATTAMENTO DI ANIMALI E LEGGI SPECIALI: CONFERME GIURISPRUDENZIALI O QUESTIONI ANCORA APERTE?

MALTRATTAMENTO DI ANIMALI E LEGGI SPECIALI: CONFERME GIURISPRUDENZIALI O QUESTIONI ANCORA APERTE? MALTRATTAMENTO DI ANIMALI E LEGGI SPECIALI: CONFERME GIURISPRUDENZIALI O QUESTIONI ANCORA APERTE? Commento alle sentenze n. 116066 del 26 marzo 2012 e n. 46784 del 21 dicembre 2005 della III Sezione Penale

Dettagli

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN

Dettagli

Responsabilità dei Service Provider. Sentenza n. 7680/11 del Tribunale di Milano : Reti Televisive Italiane (RTI) contro Italia On Line s.r.l.

Responsabilità dei Service Provider. Sentenza n. 7680/11 del Tribunale di Milano : Reti Televisive Italiane (RTI) contro Italia On Line s.r.l. Responsabilità dei Service Provider Sentenza n. 7680/11 del Tribunale di Milano : Reti Televisive Italiane (RTI) contro Italia On Line s.r.l. (IOL) Sentenza n. 10893/11 del Tribunale di Milano: Reti Televisive

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Pena interdittiva accessoria sentenza penale di condanna La cancellazione dall Albo degli Avvocati, disposta come conseguenza

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

Diritto.it SENTENZA N.92/12 DEL 26.04.2012 TRIBUNALE DI BARI

Diritto.it SENTENZA N.92/12 DEL 26.04.2012 TRIBUNALE DI BARI La competenza per territorio nel reato di diffamazione a mezzo "Internet" è determinata dal luogo di residenza, dimora o domicilio dell'imputato De Cataldis Valerio Diritto.it SENTENZA N.92/12 DEL 26.04.2012

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione Lavoro Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marilena Rizzo ha pronunciato ex art. 429 c.p.c. la seguente

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica

Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica DIRITTO INDUSTRIALE TMT MEDIA Il nuovo regolamento AGCOM in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica Contenuti 1. L iter dei procedimenti amministrativi: tratti comuni

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

Un nuovo modello di responsabilitá civile per i webmaster dei siti internet

Un nuovo modello di responsabilitá civile per i webmaster dei siti internet Un nuovo modello di responsabilitá civile per i webmaster dei siti internet Mario Tocci Avvocato in Cosenza e dottorando di ricerca in Impresa, Stato e Mercato nell Università Statale degli Studi della

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...L esclusione, disposta per tardività della presentazione dell offerta (pervenuta oltre il termine di capitolato), è stata ritenuta legittima dalla sentenza impugnata,......non ha alcun fondamento

Dettagli

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo

La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo 3/2009 Il Caso La prima sentenza della Corte di Cassazione sul nuovo concordato preventivo IN BREVE La Cassazione è intervenuta per la prima volta sulla disciplina del concordato preventivo, di recente

Dettagli

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 21/07/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Nota a Consiglio di Stato, Sezione Sesta, 11 gennaio 2013, n. 122 A cura di Lorella Mazzeo

www.ildirittoamministrativo.it Nota a Consiglio di Stato, Sezione Sesta, 11 gennaio 2013, n. 122 A cura di Lorella Mazzeo Nota a Consiglio di Stato, Sezione Sesta, 11 gennaio 2013, n. 122 A cura di Lorella Mazzeo Sulla multiforme natura giuridica delle società pubbliche e sul relativo riparto di giurisdizione La decisione

Dettagli

Decisione N. 157 del 14 gennaio 2015

Decisione N. 157 del 14 gennaio 2015 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) SANTONI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p.

Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p. ALDO AREDDU (Avvocato) Il nuovo reato di oltraggio a pubblico ufficiale: analogie (poche) e differenze (tante) con il precedente art. 341 c.p. Tanto per essere chiari, cominciamo dalla fine! La conclusione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE CIVILE ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso 2366-2008 proposto da: M. F. elettivamente domiciliato

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore

Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore Formulari di trasporto di rifiuti non pericolosi: il Giudice di merito riconosce il concorso tra produttore e trasportatore A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta 1. Il sistema di responsabilità correlato

Dettagli

La tutela nell acquisto online

La tutela nell acquisto online La tutela nell acquisto online Caro amico, questa guida è stata realizzata dallo Studio Legale Gli Avvocati Associati Tieni presente che le informazioni che, di seguito, troverai, sono di carattere generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA PRIMA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico dott.ssa Damiana Colla ha emesso la seguente SENTENZA nella causa

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 08 gennaio 2015, n. 57

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 08 gennaio 2015, n. 57 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 08 gennaio 2015, n. 57 Svolgimento del processo Con sentenza del 17 novembre 2011 la Corte d'appello di Milano ha confermato la sentenza del Tribunale di rigetto della domanda

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROVIDER E DEL FORNITORE DI SERVIZI TELEMATICI DOPO IL D. Lgs. 70/2003

LA RESPONSABILITA DEL PROVIDER E DEL FORNITORE DI SERVIZI TELEMATICI DOPO IL D. Lgs. 70/2003 LA RESPONSABILITA DEL PROVIDER E DEL FORNITORE DI SERVIZI TELEMATICI DOPO IL D. Lgs. 70/2003 SOMMARIO: 1. Introduzione; 2. La responsabilità del provider in Italia prima del decreto; 3. Il D. Lgs. 70/2003

Dettagli

STUDIO LEGALE. www.casubrignola.it D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA

STUDIO LEGALE. www.casubrignola.it D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA Trib. Milano (GIP) - Sent. 27/02/07 e Ord. 12/03/08 Criterio di attribuzione della responsabilità

Dettagli

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale SISTEMA GAROFOLI La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale DIRITTO PENALE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI: I RIFIUTI PERICOLOSI NEL SISTEMA DEL T.U.AMBIENTE CODICI A SPECCHIO

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI: I RIFIUTI PERICOLOSI NEL SISTEMA DEL T.U.AMBIENTE CODICI A SPECCHIO Di Rosa Bertuzzi LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI: I RIFIUTI PERICOLOSI NEL SISTEMA DEL T.U.AMBIENTE CODICI A SPECCHIO di Avv. Rosa Bertuzzi Nell'ambito della disciplina di gestione dei rifiuti uno dei problemi

Dettagli

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Oltre alla violenza privata, in seguito alla pubblicazione del video scatta anche la violazione della privacy di Marina Crisafi

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole La Corte di Giustizia Europea ha dichiarato non punibile l utilizzatore finale che dimostra di non essere parte dell

Dettagli

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI Ottava Sezione Penale Collegio F Il Tribunale di Napoli, composto dai sottoscritti magistrati:

Dettagli

LE OPINIONI. 1 Per ulteriori approfondimenti sul tema delle responsabilità per fatto illecito in Internet si

LE OPINIONI. 1 Per ulteriori approfondimenti sul tema delle responsabilità per fatto illecito in Internet si LE OPINIONI PRESTATORI DI SERVIZI DELLA SOCIETÀ DELL'INFORMAZIONE IL NUOVO REGIME DI RESPONSABILITÀ CIVILE ALLA LUCE DEL D.LGS. 70/2003 SUL COMMERCIO ELETTRONICO Come noto il 15 maggio 2003 è entrata in

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

PMA eterologa ed età limite per la donna. Tar Veneto, sez. III, sentenza 8 maggio 2015, n. 501 (Pres. Settesoldi, est. Farina)

PMA eterologa ed età limite per la donna. Tar Veneto, sez. III, sentenza 8 maggio 2015, n. 501 (Pres. Settesoldi, est. Farina) PMA eterologa ed età limite per la donna Tar Veneto, sez. III, sentenza 8 maggio 2015, n. 501 (Pres. Settesoldi, est. Farina) PMA Fecondazione eterologa Limite di età della donna per l accesso Età diversa

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

CONDIZIONI PER L ACCESSO ALL ELENCO FORNITORI CTM

CONDIZIONI PER L ACCESSO ALL ELENCO FORNITORI CTM CONDIZIONI PER L ACCESSO ALL ELENCO FORNITORI CTM Requisiti generali Per essere iscritti all Elenco Fornitori CTM è necessario essere in possesso dei requisiti di carattere generale previsti dagli artt.38

Dettagli

Trasferimento di dati e responsabilità del prestatore di servizi telematici: dal «diritto secondo» al «diritto primo»

Trasferimento di dati e responsabilità del prestatore di servizi telematici: dal «diritto secondo» al «diritto primo» AIDA ANNALI ITALIANI DEL DIRITTO D AUTORE DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO Anno XIX 2010 (Estratto) ANTONIO ALBANESE Trasferimento di dati e responsabilità del prestatore di servizi telematici: dal «diritto

Dettagli

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Corporate Law Alert SETTEMBRE 2013 AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Con l articolo 9 comma 2 del D.L. 14 agosto 2013, n. 93 recante Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

BERGAMO, 6 GIUGNO 2008

BERGAMO, 6 GIUGNO 2008 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Distretto di Brescia Ufficio dei referenti per la formazione decentrata BERGAMO, 6 GIUGNO 2008 dr. Paolo IELO Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Internet: comunicare dati personali altrui senza consenso è reato?

Internet: comunicare dati personali altrui senza consenso è reato? PLE PARTNER Avv. Giuseppe Briganti avv.briganti@iusreporter.it 2005 Giuseppe Briganti www.iusreporter.it Internet: comunicare dati personali altrui senza consenso è reato? Comunicare dati personali altrui

Dettagli

Pratiche sessuali estreme: è sempre necessario il consenso espresso Cassazione, sentenza n. 37916/2012 commento e testo

Pratiche sessuali estreme: è sempre necessario il consenso espresso Cassazione, sentenza n. 37916/2012 commento e testo Pratiche sessuali estreme: è sempre necessario il consenso espresso Cassazione, sentenza n. 37916/2012 commento e testo Avvocati.it Per i rapporti di coppia estremi il consenso dato dal partner, all'inizio

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici

La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici La conservazione sostitutiva La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici di Silvana Semeraro (collaboratrice esterna dello Studio Legale Lisi www.studiolegalelisi.it) 1. Le

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 28 maggio 2010 CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 28 maggio 2010 OGGETTO: IRAP autonoma organizzazione giurisprudenza della Corte di cassazione ulteriori istruzioni operative per la

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE

CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE CONTRATTI WEB BASED GUIDA INTRODUTTIVA PAOLO LOTTI TAR PIEMONTE CONTRATTO DI HOUSING Il Provider è il soggetto che fornisce all'utente-cliente la connessione alla rete mondiale Internet (World Wide Web

Dettagli

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-...

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-... Page 1 of 5 Sent. n. 16860 del 4 maggio 2010 (ud. del 17 marzo 2010) della Corte Cass. Sez. III pen. Pres. Altieri, Rel. Processo penale Iva Imposta mezzi importati - Pagamento all importazione Accordo

Dettagli