ORDINANZA N. 35 del IL SINDACO ORDINA ORDINANZA SINDACALE N 20

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINANZA N. 35 del 10-03-2010 IL SINDACO ORDINA ORDINANZA SINDACALE N 20"

Transcript

1 ORDINANZA N. 35 del ORDINANZA SINDACALE N 20 OD IL SINDACO Premesso che nell edificio del Palazzo della Direzione di Montevecchio, oggetto di intervento di recupero da parte di questa Amministrazione, si è rilevata una pericolosa instabilità, in seguito al maltempo e al forte vento dei giorni scorsi, sulla copertura in cemento-amianto della loggia del prospetto principale; Tenuto conto che, allo stato attuale non è possibile escludere la pericolosità del cemento amianto e l estensione della contaminazione; Dato atto che è scientificamente provato che l amianto minerale naturale a struttura fibrosa è gravemente nocivo per la salute dell uomo in quanto l esposizione alle fibre di amianto, potenzialmente inalabili, è responsabile di patologie gravi ed irreversibili, prevalentemente a carico dell apparato respiratorio; Richiamate la normativa di settore nonché il D.Lgs. n 152/200 6 Norme in materia ambientale ; l art. 32, comma 1 della Costituzione Italiana secondo il quale la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività; la legge n 257/1992, recante norme relative alla cessazione dell impiego dell amianto; il Decreto del Ministro della Sanità 6 settembre 1994, recante le normative e le metodologie per la valutazione del rischio, la bonifica, il controllo e la manutenzione dei materiali contenenti amianto presenti negli edifici; il Decreto del Ministro della Sanità 14 maggio 1996, recante norme e metodologie tecniche per gli interventi di bonifica di unità prefabbricate, tubazioni e cassoni in cemento amianto; il Decreto del Ministro della Sanità 20 agosto 1999, concernente l ampliamento delle normative e delle metodologie tecniche per gli interventi di bonifica di manufatti contenente amianto; Ritenuto pertanto, che, a fronte di grave, concreto ed attuale pericolo per la salute pubblica, vista la presenza costante di cittadini, turisti e di operatori nelle vicinanze, si giustifica l emissione di Ordinanza Sindacale contingibile ed urgente; Visto l art. 192, comma 3, secondo periodo, del D.Lgs. n 152/2006 Norme in materia ambientale e s.m.i., che prevede che il Sindaco disponga con Ordinanza le operazioni necessarie per la rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti nell edificio ed il ripristino dello stato dei luoghi, anche in considerazione del fatto che l immobile è di proprietà pubblica, l immediata esecuzione; Ritenuto in presenza dell indifferibilità ed urgenza, di disporre che il Responsabile del Settore Beni Ambientali, attivi, con la dovuta immediatezza, tutti gli interventi necessari alla rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti nell edificio, oggetto di intervento, il ripristino dello stato dei luoghi e a contrastare l'insorgenza di eventuali danni futuri, anche facendo ricorso all impegno di ditte esterne specializzate. ORDINA Al Direttore dell Area Demografici, Attività Produttive, Sviluppo e Cultura, Beni Ambientali la predisposizione e l adozione d urgenza di tutti gli atti, conseguenti e susseguenti per gli interventi di rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti

2 nell edificio, oggetto di intervento, il ripristino dello stato dei luoghi e a contrastare l'insorgenza di eventuali danni futuri; Di trasmettere copia della presente al Direttore dell Area Demografici, Attività Produttive, Sviluppo e Cultura e Beni Ambientali. Il SINDACO MARRAS FRANCESCO COMUNE DI GUSPINI - Ordinanza del SINDACO n. 20 del

3 ORDINANZA N. 35 del ORDINANZA SINDACALE N 20 OD IL SINDACO Premesso che nell edificio del Palazzo della Direzione di Montevecchio, oggetto di intervento di recupero da parte di questa Amministrazione, si è rilevata una pericolosa instabilità, in seguito al maltempo e al forte vento dei giorni scorsi, sulla copertura in cemento-amianto della loggia del prospetto principale; Tenuto conto che, allo stato attuale non è possibile escludere la pericolosità del cemento amianto e l estensione della contaminazione; Dato atto che è scientificamente provato che l amianto minerale naturale a struttura fibrosa è gravemente nocivo per la salute dell uomo in quanto l esposizione alle fibre di amianto, potenzialmente inalabili, è responsabile di patologie gravi ed irreversibili, prevalentemente a carico dell apparato respiratorio; Richiamate la normativa di settore nonché il D.Lgs. n 152/200 6 Norme in materia ambientale ; l art. 32, comma 1 della Costituzione Italiana secondo il quale la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività; la legge n 257/1992, recante norme relative alla cessazione dell impiego dell amianto; il Decreto del Ministro della Sanità 6 settembre 1994, recante le normative e le metodologie per la valutazione del rischio, la bonifica, il controllo e la manutenzione dei materiali contenenti amianto presenti negli edifici; il Decreto del Ministro della Sanità 14 maggio 1996, recante norme e metodologie tecniche per gli interventi di bonifica di unità prefabbricate, tubazioni e cassoni in cemento amianto; il Decreto del Ministro della Sanità 20 agosto 1999, concernente l ampliamento delle normative e delle metodologie tecniche per gli interventi di bonifica di manufatti contenente amianto; Ritenuto pertanto, che, a fronte di grave, concreto ed attuale pericolo per la salute pubblica, vista la presenza costante di cittadini, turisti e di operatori nelle vicinanze, si giustifica l emissione di Ordinanza Sindacale contingibile ed urgente; Visto l art. 192, comma 3, secondo periodo, del D.Lgs. n 152/2006 Norme in materia ambientale e s.m.i., che prevede che il Sindaco disponga con Ordinanza le operazioni necessarie per la rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti nell edificio ed il ripristino dello stato dei luoghi, anche in considerazione del fatto che l immobile è di proprietà pubblica, l immediata esecuzione; Ritenuto in presenza dell indifferibilità ed urgenza, di disporre che il Responsabile del Settore Beni Ambientali, attivi, con la dovuta immediatezza, tutti gli interventi necessari alla rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti nell edificio, oggetto di intervento, il ripristino dello stato dei luoghi e a contrastare l'insorgenza di eventuali danni futuri, anche facendo ricorso all impegno di ditte esterne specializzate. ORDINA Al Direttore dell Area Demografici, Attività Produttive, Sviluppo e Cultura, Beni Ambientali la predisposizione e l adozione d urgenza di tutti gli atti, conseguenti e susseguenti per gli interventi di rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti

4 nell edificio, oggetto di intervento, il ripristino dello stato dei luoghi e a contrastare l'insorgenza di eventuali danni futuri; Di trasmettere copia della presente al Direttore dell Area Demografici, Attività Produttive, Sviluppo e Cultura e Beni Ambientali. Il SINDACO MARRAS FRANCESCO COMUNE DI GUSPINI - Ordinanza del SINDACO n. 20 del

5 ORDINANZA N. 35 del ORDINANZA SINDACALE N 20 OD IL SINDACO Premesso che nell edificio del Palazzo della Direzione di Montevecchio, oggetto di intervento di recupero da parte di questa Amministrazione, si è rilevata una pericolosa instabilità, in seguito al maltempo e al forte vento dei giorni scorsi, sulla copertura in cemento-amianto della loggia del prospetto principale; Tenuto conto che, allo stato attuale non è possibile escludere la pericolosità del cemento amianto e l estensione della contaminazione; Dato atto che è scientificamente provato che l amianto minerale naturale a struttura fibrosa è gravemente nocivo per la salute dell uomo in quanto l esposizione alle fibre di amianto, potenzialmente inalabili, è responsabile di patologie gravi ed irreversibili, prevalentemente a carico dell apparato respiratorio; Richiamate la normativa di settore nonché il D.Lgs. n 152/200 6 Norme in materia ambientale ; l art. 32, comma 1 della Costituzione Italiana secondo il quale la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività; la legge n 257/1992, recante norme relative alla cessazione dell impiego dell amianto; il Decreto del Ministro della Sanità 6 settembre 1994, recante le normative e le metodologie per la valutazione del rischio, la bonifica, il controllo e la manutenzione dei materiali contenenti amianto presenti negli edifici; il Decreto del Ministro della Sanità 14 maggio 1996, recante norme e metodologie tecniche per gli interventi di bonifica di unità prefabbricate, tubazioni e cassoni in cemento amianto; il Decreto del Ministro della Sanità 20 agosto 1999, concernente l ampliamento delle normative e delle metodologie tecniche per gli interventi di bonifica di manufatti contenente amianto; Ritenuto pertanto, che, a fronte di grave, concreto ed attuale pericolo per la salute pubblica, vista la presenza costante di cittadini, turisti e di operatori nelle vicinanze, si giustifica l emissione di Ordinanza Sindacale contingibile ed urgente; Visto l art. 192, comma 3, secondo periodo, del D.Lgs. n 152/2006 Norme in materia ambientale e s.m.i., che prevede che il Sindaco disponga con Ordinanza le operazioni necessarie per la rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti nell edificio ed il ripristino dello stato dei luoghi, anche in considerazione del fatto che l immobile è di proprietà pubblica, l immediata esecuzione; Ritenuto in presenza dell indifferibilità ed urgenza, di disporre che il Responsabile del Settore Beni Ambientali, attivi, con la dovuta immediatezza, tutti gli interventi necessari alla rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti nell edificio, oggetto di intervento, il ripristino dello stato dei luoghi e a contrastare l'insorgenza di eventuali danni futuri, anche facendo ricorso all impegno di ditte esterne specializzate. ORDINA Al Direttore dell Area Demografici, Attività Produttive, Sviluppo e Cultura, Beni Ambientali la predisposizione e l adozione d urgenza di tutti gli atti, conseguenti e susseguenti per gli interventi di rimozione della copertura in cemento amianto, la bonifica dei materiali presenti

6 nell edificio, oggetto di intervento, il ripristino dello stato dei luoghi e a contrastare l'insorgenza di eventuali danni futuri; Di trasmettere copia della presente al Direttore dell Area Demografici, Attività Produttive, Sviluppo e Cultura e Beni Ambientali. Il SINDACO MARRAS FRANCESCO COMUNE DI GUSPINI - Ordinanza del SINDACO n. 20 del

OGGETTO: "CENSIMENTO DEI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO PRESENTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TOLENTINO"

OGGETTO: CENSIMENTO DEI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO PRESENTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TOLENTINO AL SIGNOR PRESIDENTE DEL CONSIGLIO AL SIGNOR SINDACO MOVIMENTO 5 STELLE TOLENTINO CONSIGLIERE: GIAN MARIO MERCORELLI TOLENTINO, 12 DICEMBRE 2012 OGGETTO: "CENSIMENTO DEI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO PRESENTI

Dettagli

promuove e organizza il Seminario Nazionale

promuove e organizza il Seminario Nazionale Pagina 1 di 6 promuove e organizza il Seminario Nazionale "LO STATO DELL ARTE DELLA GESTIONE DEL RISCHIO AMIANTO IN ITALIA A 16 ANNI DALL EMANAZIONE DELLA LEGGE N. 257/92 E ALLA LUCE DEGLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

Dettagli

COMUNE DI ARICCIA ORDINANZE PROVINCIA DI ROMA. Ordinanza n 28 del 01/03/2012

COMUNE DI ARICCIA ORDINANZE PROVINCIA DI ROMA. Ordinanza n 28 del 01/03/2012 COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE Ordinanza n 28 del 01/03/2012 OGGETTO: RIMOZIONE E SMALTIMENTO RIFIUTI ABBANDONATI-BONIFICA MATERIALI IN ETERNIT relazione di servizio dell Ufficio Ambiente

Dettagli

COMUNE DI CANISCHIO Città Metropolitana di TORINO

COMUNE DI CANISCHIO Città Metropolitana di TORINO COMUNE DI CANISCHIO Città Metropolitana di TORINO Frazione Mezzavilla 7 Bis Canischio 10080 (TO) 0124/659998 Fax 0124/698480 P.IVA 01868520014 e-mail:info@comune.canischio.to.it Posta Elettronica Certificata

Dettagli

La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto

La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto La formazione degli addetti alle attività che comportano esposizione ad amianto 1 Riferimenti normativi Decreto Legislativo 19 settembre 1994 n. 626 capo VI Decreto Ministeriale 16 gennaio 1997 Decreto

Dettagli

AMIANTO. Pericoli e rischi

AMIANTO. Pericoli e rischi AMIANTO. Pericoli e rischi per la salute e per la sicurezza Pietro Gino Barbieri Direttore Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL Brescia Cemento-amianto: togliamocelo dalla testa I (principali)

Dettagli

Tuttavia tale pregio comporta anche la capacità di rilasciare fibre che, suddividendosi, possono essere potenzialmente inalabili.

Tuttavia tale pregio comporta anche la capacità di rilasciare fibre che, suddividendosi, possono essere potenzialmente inalabili. AMIANTO La caratteristica principale che ha visto l asbesto o, come più spesso viene chiamato, l amianto utilizzato in numerosissime produzioni è quella della sua consistenza fibrosa. Tuttavia tale pregio

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81. Riferimenti normativi. L. 257/92 D. Lgs. 277/91 L. 257/06. Norme attuative

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81. Riferimenti normativi. L. 257/92 D. Lgs. 277/91 L. 257/06. Norme attuative amiantomianto DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 Novità?? Riferimenti normativi L. 257/92 D. Lgs. 277/91 L. 257/06 Tutela dei lavoratori D. Lgs 81/08 L. 1124/65 Norme attuative Disciplinari tecnici

Dettagli

Censimento Amianto: perché farlo?

Censimento Amianto: perché farlo? Ing. Maurizio Villa MINUS ENERGY - NETWORKENERGIA Censimento Amianto: perché farlo? MINUS ENERGY NETWORKENERGIA Group Via Meda, 2-20020 Dairago CENSIMENTO AMIANTO: Rif. Normativi Legge 257/92, comma 5:

Dettagli

AMIANTO. a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008

AMIANTO. a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008 AMIANTO a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008 AMIANTO: La legislazione fondamentale D. Lgs.. N 257/2006 Legge n. 257/92 D.P.R. 8 agosto 1994 D.M. 6 settembre 1994 D.M.

Dettagli

COMUNE DI SCORDIA. ASSESSORATO ALL AMBIENTE Area 3 Servizio Territorio e Ambiente AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI SCORDIA. ASSESSORATO ALL AMBIENTE Area 3 Servizio Territorio e Ambiente AVVISO PUBBLICO COMUNE DI SCORDIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Area 3 Servizio Territorio e Ambiente AVVISO PUBBLICO CENSIMENTO OBBLIGATORIO PRESENZA AMIANTO/ETERNIT NEL TERRITORIO COMUNALE IL SINDACO VISTA la Legge 27 Marzo

Dettagli

LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494

LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494 Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza DOCUMENTO D INDIRIZZO CONGIUNTO N. 1 LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494 Emissione 15 ottobre 2003 SOMMARIO 1. Premessa 2. Gli

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE AMIANTO

SCHEDA VALUTAZIONE AMIANTO SCHEDA VALUTAZIONE AMIANTO In data 18/11/2008 è stato emesso il nuovo Decreto n. 13237 che di seguito riportiamo integralmente: DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 13237 DEL 18/11/2008. Identificativo

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA

ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA PROGETTO OLTRE L AMIANTO ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA Lavoro effettuato dalla Classe 4^A PNI del LICEO SCIENTIFICO PALLI dell ISTITUTO SUPERIORE BALBO In collaborazione con il Prof. Marco Porta

Dettagli

CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani. Settore Servizi tecnici Manutentivi e Ambientali

CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani. Settore Servizi tecnici Manutentivi e Ambientali Registro Determinazione n. 31 del 18/02/2015 CITTA DI ALCAMO Provincia di Trapani Settore Servizi tecnici Manutentivi e Ambientali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DI IMPEGNO DI SPESA N. 00291 DEL 25/02/2015

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è FRIABILE c è il pericolo di inalarne fibre. COMPATTO, materiale

Dettagli

- con DD n. 275 del 18 aprile 2012 sono stati nominati i componenti delegati dalle direzioni regionali e il presidente del Comitato di Direzione;

- con DD n. 275 del 18 aprile 2012 sono stati nominati i componenti delegati dalle direzioni regionali e il presidente del Comitato di Direzione; REGIONE PIEMONTE BU5 31/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 18 dicembre 2012, n. 40-5094 Approvazione del Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi In collaborazione con CEFAS AMIANTO I rischi dell esposizione

Dettagli

CITTA DI SANTENA Provincia di Torino

CITTA DI SANTENA Provincia di Torino CITTA DI SANTENA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE SEDUTA IN DATA 16/07/2015 N. 86 OGGETTO : Verifiche e analisi pavimentazione in linoleum presso Palazzo Comunale - Presa

Dettagli

COMUNE DI FUCECCHIO (Provincia di Firenze) Settore n. 4 Assetto del Territorio - Ambiente

COMUNE DI FUCECCHIO (Provincia di Firenze) Settore n. 4 Assetto del Territorio - Ambiente COMUNE DI FUCECCHIO (Provincia di Firenze) Settore n. 4 Assetto del Territorio - Ambiente SETTORE 4 ASSETTO DEL TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO TUTELA AMBIENTE ORDINANZA N. 98 Fucecchio, 22/09/2014 OGGETTO:

Dettagli

INTERVENTI URGENTI SUGLI EDIFICI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PER LA BONIFICA DELL AMIANTO

INTERVENTI URGENTI SUGLI EDIFICI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PER LA BONIFICA DELL AMIANTO PROGETTO DI LEGGE 2 INTERVENTI URGENTI SUGLI EDIFICI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PER LA BONIFICA DELL AMIANTO Di iniziativa dei Consiglieri: Franco Mirabelli Sara Valmaggi Carlo Borghetti Francesco

Dettagli

CAPITOLO 7 NORMATIVA IN MATERIA DI AMIANTO

CAPITOLO 7 NORMATIVA IN MATERIA DI AMIANTO CAPITOLO 7 NORMATIVA IN MATERIA DI AMIANTO 7.1 NORMATIVA NAZIONALE 7.2 NORMATIVA REGIONE PUGLIA 7.3 NORME REGIONALI 7.4 GIURISPRUDENZA 7.5 MODULISTICA 66 CAP.7 - NORMATIVA IN MATERIA DI AMIANTO 7.1 NORMATIVA

Dettagli

PROVINCIA DI SV DELLA GIUNTA COMUNALE N.73 OGGETTO: CONVENZIONE PER LO SMALTIMENTO DI MANUFATTI DI AMIANTO "AMIANTO FREE" - APPROVAZIONE.

PROVINCIA DI SV DELLA GIUNTA COMUNALE N.73 OGGETTO: CONVENZIONE PER LO SMALTIMENTO DI MANUFATTI DI AMIANTO AMIANTO FREE - APPROVAZIONE. C o p i a COMUNE DI ORTOVERO PROVINCIA DI SV VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.73 OGGETTO: CONVENZIONE PER LO SMALTIMENTO DI MANUFATTI DI AMIANTO "AMIANTO FREE" - APPROVAZIONE. L anno duemilaquindici

Dettagli

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE REGISTRO: NUMERO: DATA: OGGETTO: Determinazione 0001965 04/11/2015 15:56 Approvazione del Protocollo di intesta tra i Comuni di Terred acqua, l Azienda USL di Bologna, e la

Dettagli

Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza di coperture in cemento- amianto negli edifici

Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza di coperture in cemento- amianto negli edifici Comitato di Direzione Amianto (Istituito con DGR n. 64-3574 del 19 marzo 2012) Protocollo regionale per la gestione di esposti / segnalazioni relativi alla presenza di coperture in cemento- amianto negli

Dettagli

CONTROLLO DELLE EMISSIONI DANNOSE SMALTIMENTO DEGLI AERIFORMI APPROVVIGIONAMENTO IDRICO SMALTIMENTO DELLE ACQUE REFLUE ILLUMINAMENTO NATURALE

CONTROLLO DELLE EMISSIONI DANNOSE SMALTIMENTO DEGLI AERIFORMI APPROVVIGIONAMENTO IDRICO SMALTIMENTO DELLE ACQUE REFLUE ILLUMINAMENTO NATURALE ALLEGATO A / 1 FAMIGLIA 3 BENESSERE AMBIENTALE AGGIORNATO AL : 20/12/1999 PAG.: 1/1 PROPOSIZIONE ESIGENZIALE ( SECONDO LA DIRETTIVA 89/106 CEE) L opera deve essere concepita e costruita in modo da favorire

Dettagli

COMUNE DI PISA TIPO ATTO ORDINANZE SINDACO. N. atto DN-16 / 38 del 15/03/2014 Codice identificativo 992084. PROPONENTE Ambiente - Emas OGGETTO

COMUNE DI PISA TIPO ATTO ORDINANZE SINDACO. N. atto DN-16 / 38 del 15/03/2014 Codice identificativo 992084. PROPONENTE Ambiente - Emas OGGETTO COMUNE DI PISA TIPO ATTO ORDINANZE SINDACO N. atto DN-16 / 38 del 15/03/2014 Codice identificativo 992084 PROPONENTE Ambiente - Emas OGGETTO INTERVENTO DI RIMOZIONE DELLE COPERTURE DI MANUFATTI IN AMIANTO

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale N. 71 del 07/05/2014 OGGETTO: CAMPAGNA DI CENSIMENTO DEGLI ELEMENTI EDILIZI CONTENENTI AMIANTO. PROVVEDIMENTI FINALIZZATI

Dettagli

L anno duemilaquattro, addì ventuno del mese di luglio Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00

L anno duemilaquattro, addì ventuno del mese di luglio Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00 311 del 21 LUGLIO 2004 PROT. N. 25480 1 OGGETTO: Programma interventi bonifica e campionamenti ambientali e massivi M.C.A. su edifici comunali Presa atto e approvazione perizia tecnica opere rimozione

Dettagli

Audizione sul Disegno di Legge n. 173

Audizione sul Disegno di Legge n. 173 SENATO DELLA REPUBBLICA XI Commissione (Lavoro, Previdenza sociale) Audizione sul Disegno di Legge n. 173 Disposizioni a favore dei lavoratori e dei cittadini esposti ed ex esposti all amianto e dei loro

Dettagli

Pericolosità del Materiale Contenente Amianto

Pericolosità del Materiale Contenente Amianto Pericolosità del Materiale Contenente Amianto - in buone condizioni: rilascio di fibre estremamente improbabile - danneggiato per manutenzione od altro (es. eventi atmosferici importanti: grandinata.):

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI Area V - Gestione del territorio Servizio Politiche Ambientali Via A. Costa n. 12 40062 Molinella (Bo) Tel. 051/690.68.62-77 Fax 051/690.03.46 ambiente@comune.molinella.bo.it Indice ART. 1 (FINALITÀ)..........

Dettagli

Bollettino Giuridico Ambientale n. 29

Bollettino Giuridico Ambientale n. 29 DECRETO MINISTERIALE 18 marzo 2003, n. 101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto, ai sensi dell'articolo 20 della legge

Dettagli

Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992

Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992 CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992 Gli autori di detto crimine e i proprietari degli immobili,

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma

COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma ORDINANZA SINDACALE COPIA N. 2 DEL 07-01-2015 Oggetto: VERIFICA STATICA ED IMPIANTISTICA IMMOBILE DI PROPRIETA' SIGG.RI PASINI ENRICO ED ERREDE PAOLA L'anno

Dettagli

COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo) Delibera N. 2 del 09/01/2008

COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo) Delibera N. 2 del 09/01/2008 COMUNE DI TREVIOLO (Provincia di Bergamo) Delibera N. 2 del 09/01/2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica OGGETTO: EROGAZIONE DI CONTRIBUTO

Dettagli

PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO

PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO PRAL= PIANO REGIONALE AMIANTO La Regione Lombardia, attraverso l'approvazione del Piano Regionale Amianto Lombardia (PRAL), avvenuta con Decreto di Giunta Regionale n. 8/1526 del 22/12/2005, si è posta

Dettagli

LEGGE N. 11 DEL 04/08/2009 Norme per la protezione dell'ambiente, decontaminazione, smaltimento e bonifica ai fini della difesa dai pericoli

LEGGE N. 11 DEL 04/08/2009 Norme per la protezione dell'ambiente, decontaminazione, smaltimento e bonifica ai fini della difesa dai pericoli LEGGE N. 11 DEL 04/08/2009 Norme per la protezione dell'ambiente, decontaminazione, smaltimento e bonifica ai fini della difesa dai pericoli derivanti dall'amianto. BURA N. 44 DEL 26/08/2009 Art. 1 Finalità

Dettagli

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO Dr.ssa Marinella Natali Dr.ssa Mariella Riefolo Assessorato Sanità REGIONE

Dettagli

Compiti istituzionali dell ARPACal ai sensi della L.R. 14/2011

Compiti istituzionali dell ARPACal ai sensi della L.R. 14/2011 Seminario sul tema: La gestione del rischio Amianto in Calabria: problematiche e soluzioni 27 Aprile 2015, EDILEXPO 2015 Parco Commerciale le Fontane, CATANZARO Compiti istituzionali dell ARPACal ai sensi

Dettagli

CENSIMENTO AMIANTO 2016

CENSIMENTO AMIANTO 2016 COMUNE DI GRAZZANISE PROVINCIA DI CASERTA Insignito con Medaglia di bronzo al Merito Civile CENSIMENTO AMIANTO 2016 L AMIANTO È FUORI LEGGE DA PIÙ DI VENTI ANNI, MA È ANCORA DIFFUSO E PERICOLOSO. L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

S E T T O R E 3 GOVERNO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE Tel. 0963599490 fax 0963263769 cell. 3287609287 Mail leolucaprestia@comune.vibovalentia.vv.

S E T T O R E 3 GOVERNO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE Tel. 0963599490 fax 0963263769 cell. 3287609287 Mail leolucaprestia@comune.vibovalentia.vv. C I T T Á D I V I B O V A L E N T I A S E T T O R E 3 GOVERNO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE Tel. 0963599490 fax 0963263769 cell. 3287609287 Mail leolucaprestia@comune.vibovalentia.vv.it ORDINANZA N.

Dettagli

Prot. n. 01/CN/ALBO 30 MARZO 2004 ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Prot. n. 01/CN/ALBO 30 MARZO 2004 ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI Prot. n. 01/CN/ALBO 30 MARZO 2004 ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI Deliberazione 30 marzo 2004. Criteri e requisiti per l iscrizione all Albo nella categoria 10 - Bonifica

Dettagli

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati AMIANTO L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati L'amianto resiste al fuoco e al calore, all'azione di agenti biologici, agenti chimici, all abrasione e usura fonoassorbente

Dettagli

COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE

COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE Ordinanza n 134 del 05/09/2012 OGGETTO: ORDINANZA A TUTELA DELLA PUBBLICA E PRIVATA INCOLUMITA' PER LA VERIFICA STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SUL LATO DI

Dettagli

GLI INTERVENTI IN PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

GLI INTERVENTI IN PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO GLI INTERVENTI IN PRESENZA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO ROVIGO 29 OTTOBRE 2010 Trattazione Dott. Ermanno Sarti Tecnico della Prevenzione AMIANTO ex D.L.gs. n 257/06 ora D.Lgs integrato dal D.L.gs 03/08/2009

Dettagli

Gestione della presenza amianto in ambienti urbani

Gestione della presenza amianto in ambienti urbani Gestione della presenza amianto in ambienti urbani Convegno organizzato dal Ministro della Salute Balduzzi, Verso la II Conferenza Governativa su amianto e patologie correlate Casale Monferrato -17 Settembre

Dettagli

Adotta. il seguente regolamento: Art. 1. Realizzazione della mappatura

Adotta. il seguente regolamento: Art. 1. Realizzazione della mappatura DECRETO MINISTERIALE 18 marzo 2003, n.101 Regolamento per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate dalla presenza di amianto, ai sensi dell'articolo 20 della legge

Dettagli

COMUNE DI SUCCIVO (PROVINCIA DI CASERTA)

COMUNE DI SUCCIVO (PROVINCIA DI CASERTA) /! COMUNE DI SUCCIVO ORDINANZA SINDACALE n. 3 del 13 febbraio 2014 05 - Oggetto: CENSIMENTO OBBLIGATORIO AMIANTO VISTI: IL SINDACO l'art. 10 della Legge n. 257/1992, che prevede al comma 1 l'adozione da

Dettagli

LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO 1 RIFERIMENTI NORMATIVI L. 257/92, art. 9, 10 Norme relative alla cessazione dell impiego dell amianto. D.M. 06/09/94 Normative e metodologie tecniche di applicazione

Dettagli

NON E STATA ABROGATA LA LEGGE 257 / 92 E TUTTI I RELATIVI DECRETI APPLICATIVI

NON E STATA ABROGATA LA LEGGE 257 / 92 E TUTTI I RELATIVI DECRETI APPLICATIVI Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Dipartimento di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO D. Lgs. 81 del 30.04.2008 TITOLO IX CAPO III : Amianto cosa cambia William

Dettagli

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO AVVISO CENSIMENTO PRESENZA AMIANTO (ETERNIT) Il Sindaco Ufficiale di Igene Pubblica e L Amministrazione Comunale di Carugo, con delibera della Giunta Comunale n del ha

Dettagli

AMIANTO: aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni

AMIANTO: aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni AMIANTO: aggiornamenti normativi e gestione delle segnalazioni Modena 22 maggio 2009 Dr.ssa Anna Ricchi Tecnico della Prevenzione Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda USL di Modena COS E L AMIANTO?

Dettagli

Assunta il giorno VENTI del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco

Assunta il giorno VENTI del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 108 Data: 20/03/2014 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno VENTI del mese di MARZO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Lezione di Enzo Lo Cascio Amianto: quando è pericoloso? Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è

Dettagli

C I T T Á D I V I B O V A L E N T I A S E T T O R E 7 AMBIENTE- PROTEZIONE CIVILE-IGIENE PUBBLICA

C I T T Á D I V I B O V A L E N T I A S E T T O R E 7 AMBIENTE- PROTEZIONE CIVILE-IGIENE PUBBLICA C I T T Á D I V I B O V A L E N T I A S E T T O R E 7 AMBIENTE- PROTEZIONE CIVILE-IGIENE PUBBLICA ORDINANZA N. 94 DEL 04/11/2010 OGGETTO: Dismissione amianto. Premesso che : IL SINDACO -da una stima visiva,

Dettagli

ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO. Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO

ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO. Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO PREMESSO che si ritiene opportuno adottare apposito

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 3 gennaio 2013. Nomina del Commissario per fronteggiare la situazione di grave criticità

Dettagli

COMUNE DI ARICCIA ORDINANZE PROVINCIA DI ROMA. Ordinanza n 25 del 04/03/2013

COMUNE DI ARICCIA ORDINANZE PROVINCIA DI ROMA. Ordinanza n 25 del 04/03/2013 COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE Ordinanza n 25 del 04/03/2013 OGGETTO: RIMOZIONE E BONIFICA TERRENO SITO IN VIA LEGA LATINA FG. 6 PART. 1391 IL SINDACO Vista la relazione prot. 110885 del

Dettagli

IMMOBILE DI VIA MANZONI CREMONA (EX ISTITUTO SUORE M. DI S. DOROTEA) LAVORI DI RIMOZIONE DI MATERALI CONTENENTI AMIANTO

IMMOBILE DI VIA MANZONI CREMONA (EX ISTITUTO SUORE M. DI S. DOROTEA) LAVORI DI RIMOZIONE DI MATERALI CONTENENTI AMIANTO Corso Vittorio Emanuele II, 17 - C.F.80002130195 AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO e PROVVEDITORATO Dirigente: Ing. Rossano Ghizzoni e-mail: patrimonio@provincia.cremona.it IMMOBILE DI

Dettagli

Crisotilo. Amosite, Antofillite. Asbesto (amianto) Actinolite. Crocidolite. Tremolite. Benedetto Nastri-Sabato Silvestri Classe 1 G

Crisotilo. Amosite, Antofillite. Asbesto (amianto) Actinolite. Crocidolite. Tremolite. Benedetto Nastri-Sabato Silvestri Classe 1 G Crisotilo mosite, ntofillite ctinolite sbesto (amianto) Crocidolite remolite Benedetto Nastri-Sabato Silvestri Classe 1 e fibre di amianto a seconda della loro dimensione (alcuni micron) possono raggiungere

Dettagli

CAMPAGNA ETERNIT FREE

CAMPAGNA ETERNIT FREE CAMPAGNA ETERNIT FREE PRESENZA ed AZIONI in TEMA di AMIANTO in REGIONE LIGURIA contributo di Alberto Verardo Regione Liguria - Via Fieschi 15 - Genova - Sala di Rappresentanza, 11 piano torre A ha l obiettivo

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *****

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE ***** COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE ***** ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 82 del Reg. del 21/04/2008 OGGETTO: Servizio di raccolta, trasporto e smaltimento di materiali contenenti

Dettagli

COPERTURE REALIZZATE CON LASTRE DI CEMENTO AMIANTO OBBLIGHI E DOVERI

COPERTURE REALIZZATE CON LASTRE DI CEMENTO AMIANTO OBBLIGHI E DOVERI COPERTURE REALIZZATE CON LASTRE DI CEMENTO AMIANTO OBBLIGHI E DOVERI di Avv. Rosa Bertuzzi Ai tempi odierni sussiste il problema connesso alle coperture realizzate con lastre di cemento-amianto. Tale problema

Dettagli

D.A. Territorio 12 novembre 1998

D.A. Territorio 12 novembre 1998 D.A. Territorio 12 novembre 1998 (G.U.R.S. del 12/12/98 Parte I, n 62) Prescrizioni tecniche minime necessarie per l attivazione, all interno di una discarica di tipo 2A, di una specifica sezione dedicata

Dettagli

Data di presentazione della DUAAP: N Protocollo / Pratica SUAP:

Data di presentazione della DUAAP: N Protocollo / Pratica SUAP: Spazio per la protocollazione/vidimazione MODELLO F - 3 Comunicazione di inizio e fine lavori Variazioni in corso di esecuzione N.B: La presente comunicazione deve essere obbligatoriamente presentata al

Dettagli

Il/la Sottoscritto/a. (Cod. Fisc/ Partita IVA) nato a ( ) il. Residente a ( ) in Via. Recapiti: Tel.: Fax: Email: in qualità di *********************

Il/la Sottoscritto/a. (Cod. Fisc/ Partita IVA) nato a ( ) il. Residente a ( ) in Via. Recapiti: Tel.: Fax: Email: in qualità di ********************* Protocollo in arrivo Marca da bollo 14,62 SPETT.LE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PIAZZA GARIBALDI, 5/1 42011 BAGNOLO IN PIANO (RE) OGGETTO: Richiesta di assegnazione contributo finalizzato alla realizzazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E LE IMPRESE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO ETERNIT SUL TERRITORIO COMUNALE Art. 1. Oggetto 1.1 La presente convenzione ha come obiettivo

Dettagli

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE *****

COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE ***** COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di LECCE ***** ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 92 del Reg. del 08/05/2008 OGGETTO: Deliberazione di G.C. N. 82 del 21/04/2008 INTEGRAZIONE E PRECISAZIONE.

Dettagli

VALORE INDICATORE AL 31.12.2012 VALORE INDICATORE FONTE DI

VALORE INDICATORE AL 31.12.2012 VALORE INDICATORE FONTE DI 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del progetto: 2.7.1 Attuazione del Piano Regionale Amianto 3) Identificativo della linea di intervento generale: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.7 Prevenzione

Dettagli

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco. Vasto utilizzo nell edilizia dal 1950 al 1992 per via di basso costo e buona resistenza.

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco. Vasto utilizzo nell edilizia dal 1950 al 1992 per via di basso costo e buona resistenza. Comune di Montevecchia Provincia di Lecco L AMIANTO Vasto utilizzo nell edilizia dal 1950 al 1992 per via di basso costo e buona resistenza. Utilizzato per: Coperture (ETERNIT) cemento-amianto; Isolanti

Dettagli

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE F. CAVARIANI

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE F. CAVARIANI Asbesto, asbestosi e cancro: dal riconoscimento e controllo del rischio alla qualità della sorveglianza sanitaria degli esposti ed ex esposti. IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE

Dettagli

Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione

Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione A. Programma del corso per addetti delle imprese di da amianto (30 ore) TEMA 1. Aspetti introduttivi 2. Aspetti sanitari 2. Dispositivi di Protezione

Dettagli

Regione Emilia Romagna. AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma

Regione Emilia Romagna. AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma Regione Emilia Romagna AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma * * * * * VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL DIRETTORE GENERALE Deliberazione assunta il 16/02/2015 N.62 Proposta

Dettagli

Città di Orbassano Provincia di Torino DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE III SETTORE GESTIONE TERRITORIO. N.340 del 22/05/2013

Città di Orbassano Provincia di Torino DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE III SETTORE GESTIONE TERRITORIO. N.340 del 22/05/2013 ORIGINALE Città di Orbassano Provincia di Torino DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE III SETTORE GESTIONE TERRITORIO N.340 del 22/05/2013 OGGETTO: INTERVENTO DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE E MIGLIORAMENTO SISMICO

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO MAGRA Provincia della Spezia Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO

COMUNE DI CASTELNUOVO MAGRA Provincia della Spezia Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO COMUNE DI CASTELNUOVO MAGRA Provincia della Spezia Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO SUL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 92 di data 5 marzo 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 92 di data 5 marzo 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 92 di data 5 marzo 2015 OGGETTO: Incarico per il servizio di rimozione e smaltimento di materiale

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA PROCEDURA DI GESTIONE DI ESPOSTI E SEGNALAZIONI RELATIVI A MANUFATTI IN CEMENTO-AMIANTO.

DISCIPLINARE PER LA PROCEDURA DI GESTIONE DI ESPOSTI E SEGNALAZIONI RELATIVI A MANUFATTI IN CEMENTO-AMIANTO. COMUNE DI INCISA IN VAL D ARNO PROVINCIA DI FIRENZE DISCIPLINARE PER LA PROCEDURA DI GESTIONE DI ESPOSTI E SEGNALAZIONI RELATIVI A MANUFATTI IN CEMENTO-AMIANTO. Approvato con delibera C.C. n. 63 del 15.12.2011

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il D.Lgs 24.06.2003, n. 209 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2000/53/Ce relativa ai veicoli fuori uso ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO il D.Lgs 24.06.2003, n. 209 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2000/53/Ce relativa ai veicoli fuori uso ; Garanzie finanziarie previste per le operazioni di smaltimento e/o recupero dei rifiuti, nonché per la bonifica dei siti contaminati. Nuova disciplina e revoca della D.G.R. n. 132 del 22.02.2006. LA GIUNTA

Dettagli

Assunta il giorno DUE del mese di OTTOBRE dell'anno DUEMILADODICI dal Sindaco

Assunta il giorno DUE del mese di OTTOBRE dell'anno DUEMILADODICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 1286 Data: 02/10/2012 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno DUE del mese di OTTOBRE dell'anno DUEMILADODICI

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Delibera del 30 marzo 2004, n. 1

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Delibera del 30 marzo 2004, n. 1 Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Delibera del 30 marzo 2004, n. 1 Gazzetta Ufficiale 15 aprile 2004, n. 88 Criteri e requisiti per l'iscrizione all'albo nella categoria 10 - Bonifica

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Misure urgenti per il miglioramento del sistema di controllo come disciplinato agli artt. 27 e seguenti del Reg. (CE) n. 834/2007 e relativi regolamenti di applicazione. VISTO il Reg. (CE) n. 834/2007

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

DI ANGUILLARA SABAZIA

DI ANGUILLARA SABAZIA 1 CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI ROMA Area Urbanistica - Edilizia Privata - Patrimonio - Edilizia Residenziale Pubblica MODULO C.I.L.A. In duplice copia COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA

Dettagli

Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione

Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione dell'inquinamento dell'ambiente causato dall'amianto Pubblicato nella G.U. 20 aprile

Dettagli

1785 04/03/2014 DIREZIONE GENERALE SALUTE. Identificativo Atto n. 130

1785 04/03/2014 DIREZIONE GENERALE SALUTE. Identificativo Atto n. 130 1785 04/03/2014 Identificativo Atto n. 130 DIREZIONE GENERALE SALUTE TRASMISSIONE INFORMATIZZATA DELLA NOTIFICA E DEL PIANO PER I LAVORI DI BONIFICA DEI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO (ARTT. 250 E 256 D.LGS

Dettagli

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI

Dettagli

Roberto Cecchetti ASL Monza e Brianza

Roberto Cecchetti ASL Monza e Brianza Roberto Cecchetti ASL Monza e Brianza Il censimento in regione Principali azioni per la corretta gestione della presenza di amianto La Legge Regionale n.17/2003 e successive modifiche introdotte dalla

Dettagli

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA. Prot.n..del Ill.mo Sindaco del Comune di Chiaramonte Gulfi

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA. Prot.n..del Ill.mo Sindaco del Comune di Chiaramonte Gulfi COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA Prot.n..del Ill.mo Sindaco del Comune di Chiaramonte Gulfi PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA COMUNALE AVENTE AD OGGETTO: Lavori urgenti per smaltimento

Dettagli

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Modulo NA/1 - pag. 1 di 2 Modulo NA/1 - NOTIFICA PRESENZA DI AMIANTO IN STRUTTURE O LUOGHI Al Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Anno XLIV - N.16 Speciale (06.02.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1. Speciale n. 16 del 6 Febbraio 2013 Ambiente

Anno XLIV - N.16 Speciale (06.02.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1. Speciale n. 16 del 6 Febbraio 2013 Ambiente Anno XLIV - N.16 Speciale (06.02.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Speciale n. 16 del 6 Febbraio 2013 Ambiente Anno XLIV - N.16 Speciale (06.02.2013) Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

VALUTAZIONE del RISCHIO. CONTROLLO e Manutenzione dei Manufatti Contenenti Amianto

VALUTAZIONE del RISCHIO. CONTROLLO e Manutenzione dei Manufatti Contenenti Amianto VALUTAZIONE del RISCHIO CONTROLLO e Manutenzione dei Manufatti Contenenti Amianto Angelo Rostagnotto Incontro Illustrativo, Torino 19/12/2006 Riferimenti normativi Legge ordinaria del Parlamento n 257

Dettagli

AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI DETERMINAZIONE N. 29 DEL 27 GENNAIO 2014

AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI DETERMINAZIONE N. 29 DEL 27 GENNAIO 2014 DETERMINAZIONE N. 29 DEL 27 GENNAIO 2014 Oggetto: Indizione del Bando pubblico per la concessione a privati di contributi finalizzati all incentivazione di rimozione e smaltimento dell amianto da fabbricati

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Tecnico-Patrimoniale, Progetti e Logistica delegato dal Direttore Generale dell Azienda

Dettagli

Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio CONVEGNO COME TRASFORMARE IL PROBLEMA DELL ETERNIT ETERNIT IN UNA OPPORTUNITA!

Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio CONVEGNO COME TRASFORMARE IL PROBLEMA DELL ETERNIT ETERNIT IN UNA OPPORTUNITA! con l alto l Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio CONVEGNO COME TRASFORMARE IL PROBLEMA DELL ETERNIT ETERNIT IN UNA OPPORTUNITA! sito web: www.caspi.it e-mail: info@caspi.it sito web: www.ecocentro.it

Dettagli

www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto

www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto The Italian Association of Asbestos Remediation and Disposal Contractors & Consultants www.assoamianto.it Sito nazionale di documentazione e informazione sul Problema Amianto Sedi: MILANO - CIVATE (LECCO)

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA BONIFICA E LO SMALTIMENTO DI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO IN EDIFICI SCOLASTICI DELLA CITTA.

LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA BONIFICA E LO SMALTIMENTO DI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO IN EDIFICI SCOLASTICI DELLA CITTA. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA BONIFICA E LO SMALTIMENTO DI MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO IN EDIFICI SCOLASTICI DELLA

Dettagli

IL RESPONSABILE DELL AREA

IL RESPONSABILE DELL AREA COMUNE DI OSTIGLIA Via Gnocchi Viani, 16 46035 Ostiglia (MN) comune@comune.ostiglia.mn.it Provincia di Mantova DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE N. 387 DEL 9/10/2013

Dettagli