Manuale delle Procedure Operative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale delle Procedure Operative"

Transcript

1 Rif. MP Pag. 52 di 88 ALLEGATO CODICE DEONTOLOGICO MEDIANET SPA CODICE DEONTOLOGICO MEDIANET S.P.A. MEDIANET S.p.A. è una Società di Mediazione Creditizia, iscritta all Albo dei mediatori creditizi presso l Organismo degli Agenti e Mediatori (OAM) al n. M80 di cui all art. 128 undecies del D. Lgs. 141/2010 e succ.mod. MEDIANET S.p.A. (di seguito, breviter, MEDIANET o Società ) sta sviluppando su tutto il territorio nazionale una Rete di Collaboratori di Mediazione Creditizia MEDIANET (di seguito, breviter, anche solo Rete) caratterizzata dall uniformità dell immagine sul mercato dell attività di mediazione creditizia nel più rigoroso rispetto della Legge 141/2010 e successivi emendamenti. Ogni collaboratore, titolare di un contratto di agenzia, è abilitato all utilizzo dei prodotti finanziari derivanti dalle Convenzioni stipulate da MEDIANET con diversi Istituti finanziari, creditizi e assicurativi. In virtù di detta appartenenza alla Rete MEDIANET, ogni collaboratore, oltre a dover rispettare tutte le norme previste dalla legislazione vigente in materia di mediazione creditizia, è tenuto all osservanza di principi generali e norme di comportamento di cui il presente codice costituisce pratica sintesi. Infatti, il codice deontologico MEDIANET è finalizzato a costituire per il collaboratore MEDIANET un vademecum professionale. Parte I: Principi Generali Art.1 - Destinatari Il Codice è destinato ai collaboratori che hanno sottoscritto un contratto di agenzia e/o accordi commerciali con MEDIANET, Società di mediazione creditizia che opera sul mercato attraverso la propria Rete ai sensi della Legge 141/2010 e successivi emendamenti. Art. 2 Definizione ed attività Il collaboratore, ai sensi del combinato disposto art. 16 Legge 7 marzo 1996 n. 108 e succ. Regolamento D.P.R. 28 luglio 2000, è un libero professionista vincolato dal contratto di agenzia ai sensi dell art 1742 cc. che, in piena libertà, autonomia e indipendenza, mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, Banche o Intermediari finanziari determinati con la potenziale clientela al fine della concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma. E collaboratore, pertanto, la persona fisica che professionalmente svolge la suddetta attività. Al collaboratore è concesso raccogliere le richieste di finanziamento sottoscritte dai clienti, svolgere una prima istruttoria per conto dell intermediario erogante ed inoltrare tali richieste al Customer Service Centrale della sede MEDIANET. L attività di consulenza, finalizzata alla messa in relazione dei suddetti soggetti al fine della concessione del finanziamento, sotto qualsiasi forma, integra l attività di mediazione creditizia. La Banca d Italia, con provvedimento dell agosto 2002, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 211 del 9 settembre 2002 (e successive integrazioni) entrando in merito alla disciplina del rapporto tra intermediari e mediatori ha previsto che anche l attività di mediazione possa essere svolta nel rispetto della specifica disciplina che la regola sulla base di apposite convenzioni con le Banche a condizione che il contenuto delle medesime sia tale da non compromettere il requisito di neutralità e di indipendenza del mediatore. Ai sensi dell'art. 16, comma 5, della Legge n. 108/1996, l'esercizio dell'attività di mediazione creditizia è compatibile con lo svolgimento di altre attività professionali, secondo il regime proprio di ciascuna che determinerà l eventuale incompatibilità, con le eccezioni ed entro i limiti imposti dal D. Lgs. 141/2010 e succ. mod. Il collaboratore, che propone al cliente prodotti assicurativi sia anche accessori alle richieste di finanziamento, deve essere iscritto al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi (di seguito, breviter, R.U.I.) Sezione E, presso l ISVAP, salvo che la legge disponga diversamente. Art. 3- Requisiti e incompatibilità. MEDIANET è tenuta a trasmettere all Organismo di cui all art. 128 undecies del D. Lgs. 141/2010 e succ.mod. i dati relativi ai propri collaboratori. Per svolgere l attività di collaboratore di un mediatore creditizio bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti: 1) requisiti di onorabilità e professionalità indicati nell art. 128 quinquies lettera c), ad esclusione del superamento dell apposito esame, e nell art. 128 septies lettera d) ed e), ad esclusione del superamento dell apposito esame; 2) aver superato la prova valutativa i cui contenuti sono stabiliti all Organismo di cui all art. 128 undecies del D. Lgs. 141/2010 e succ.mod. 3) essere una persona fisica. Pag. 52 di 88

2 Rif. MP Pag. 53 di 88 Secondo quanto chiarito dalla Banca d Italia nel documento intitolato La nuova disciplina degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi in relazione al Convegno FIMEC del 5 novembre 2010, il collaboratore non può svolgere contemporaneamente la sua attività a favore di soggetti iscritti. Inoltre, colui che nell esercizio dell attività bancaria ed anche di mediazione creditizia, indirizza una persona, al fine di realizzare operazioni bancarie e/o finanziarie, ad un soggetto non abilitato all esercizio dell attività bancaria e/o finanziaria è punito salvo che il fatto con costituisca reato più grave. I collaboratori, nella pubblicità a mezzo stampa che eventualmente dovessero effettuare per conto e su espressa indicazione della MEDIANET sono tenuti a menzionare gli estremi dell iscrizione della Società nell Elenco OAM il quale può essere consultato all indirizzo sezione Elenchi. Art.4 - Divieti Al collaboratore è vietato concludere contratti nonché effettuare, per conto di Banche e/o Intermediari finanziari, l erogazione di finanziamenti ed ogni forma di pagamento e/o di incasso di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o di titoli di credito ad eccezione della mera consegna di assegni non trasferibili integralmente compilati dall intermediario o dal cliente. Tale divieto è indicato nell avviso denominato Principali norme di trasparenza infra Parte II Sezione I. Art.5 Diligenza, buona fede e correttezza professionale Il Collaboratore nell esercizio della propria attività deve comportarsi con diligenza, correttezza e buona fede ed ispirarsi ai principi di trasparenza, semplicità e chiarezza al fine del soddisfacimento delle parti. Art.6 Aggiornamento professionale Il collaboratore ha il dovere di conoscere il sistema bancario e creditizio e tutte le leggi, Regolamenti e Provvedimenti relativi allo svolgimento della professione. E tenuto all aggiornamento professionale attraverso i corsi di formazione organizzati da MEDIANET ed a mantenere alto il livello della propria preparazione mediante il costante aggiornamento sia al fine di garantire il decoro professionale sia per assicurare una prestazione qualificata. Parte II: Rapporti con la Clientela, Banche ed Intermediari Finanziari. Sezione I Trasparenza Art. 7 - Adempimenti Il collaboratore, nello svolgimento della propria attività, deve conformarsi alle disposizioni ed istruzioni in materia di trasparenza così come previsto dal Provvedimento UIC del 29/04/2005 Parte IV- e così come richiamato dal Provvedimento della Banca d Italia in data 29/07/2009 Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari. La disciplina in materia di trasparenza persegue l obiettivo, nel rispetto dell autonomia negoziale, di rendere noti ai clienti gli elementi essenziali del rapporto attraverso forme obbligatorie di pubblicità ed di informativa precontrattuale, i requisiti necessari di forma e contenuto, la definizione di forme di comportamento da tenere nell attività svolta fuori sede. Art. 8 Documenti obbligatori Il collaboratore è tenuto a fornire al cliente strumenti di pubblicità e dei servizi offerti nonché l informativa precontrattuale. I principali sono: 1) L Avviso, denominato principali norme sulla trasparenza che deve contenere indicazione dei diritti e degli strumenti di tutela del cliente. Negli avvisi è indicato chiaramente che è ad esso vietato concludere contratti di finanziamento nonché effettuare erogazione di finanziamenti inclusi anticipi ed ogni altra forma di pagamento o di incasso di denaro contante, di altri mezzi di pagamento o di titoli di credito ad eccezione della mera consegna di assegni non trasferibili integralmente compilati dalle Banche e dagli Intermediati finanziari o dal cliente. 2) Il Foglio Informativo il quale deve contenere le informazioni sul mediatore MEDIANET, una dettagliata informativa sulle caratteristiche ed i rischi tipici del servizio offerto, le condizioni economiche della mediazione (comprese spese istruttorie e postali) e le principali clausole contrattuali che regolano la mediazione (diritti, obblighi e recesso). Copia del foglio informativo deve essere trasmessa alla sede legale di MEDIANET che lo conserverà per cinque anni. 3) Il Contratto di mediazione. Il cliente che ne fa richiesta ha diritto di ottenere una copia completa del testo del contratto; tale diritto non può essere sottoposto a termine e /o condizione. I contratti devono indicare la provvigione ed ogni altro onere, spesa, commissione, comunque denominati, posti a carico del cliente nonché gli elementi per la determinazione di dette voci; la consegna è attestata mediante apposita sottoscrizione del cliente sulla copia del contratto conservata dal mediatore; 4) Il Documento di sintesi. Tale documento rappresenta il frontespizio del contratto di mediazione e riproduce lo schema del foglio informativo in quanto deve riportare le condizioni economiche e le principali clausole Pag. 53 di 88

3 Rif. MP Pag. 54 di 88 contrattuali praticate al cliente (non è obbligatorio unicamente e nel caso in cui dette clausole siano individuate con chiarezza nel testo del contratto stesso) Art. 9 - Offerta fuori sede Il collaboratore che procede all offerta fuori sede (ovvero in un luogo diverso dal domicilio o dalla sede o da altro locale del collaboratore aperto al pubblico) per conto delle Banche e/o Intermediari committenti deve osservare gli stessi obblighi di trasparenza previsti per questi ultimi. La Banca d Italia il 29 luglio 2009 è tornata sulla trasparenza dettando nuove disposizioni (con decorrenza 1 gennaio 2010) per Banche e Finanziarie, parzialmente integrate e sostituite dal successivo provvedimenti del 9 febbraio 2011, alle quali la società di mediazione è tenuta nel caso in cui svolga l offerta fuori dalla propria sede. In tal caso il foglio informativo dovrà riportare oltre che le informazioni sull Intermediario anche i dati e la qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente. Il collaboratore sarà quindi tenuto, prima che il contratto sia concluso a fornire al cliente una serie di documenti, acquisendo attestazione dell avvenuta consegna degli atti. Il collaboratore dovrà, quindi, consegnare: 1) Documento denominato Principale diritti del cliente (che ha sostituito l Avviso dell Intermediario sulle principali norme di trasparenza); 2) Appositi documenti denominati Guide concernenti: a. contratti conto corrente; b. mutui ipotecari; c. l accesso a meccanismi di soluzione stragiudiziali (Arbitro Bancario Finanziario). 3) Fogli Informativi che devono contenere, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le informazioni sull intermediario, le condizioni e principali caratteristiche dell operazione e servizio offerto, l elenco condizioni economiche, le clausole contrattuali riguardanti il diritto recesso e i mezzi di tutela stragiudiziale per il cliente, l indicazione che il cliente potrà consultare lo specifico Tasso Effettivo Globale Medio (di seguito, breviter, TEGM) previsto dall art. 2 Legge 108/1996 cd. Legge antiusura. 4) se il finanziamento richiesto riguarda un mutuo garantito da ipoteca per l acquisto dell abitazione principale, anche il Foglio comparativo contenente l indicazione delle diverse tipologie di mutui offerte; 5) Documento contenete TEGM, rilevazione Tassi usura (solo per i finanziamenti); 6) Copia non personalizzata cd. in bianco del contratto idoneo per la stipula, qualora il cliente ne faccia richiesta, comprensivo del Documento di sintesi che riporta in maniera personalizzata, secondo quanto previsto dal contratto, le condizioni economiche pubblicizzate nel foglio informativo relativo allo specifico tipo di operazione o servizio. La consegna della copia è attestata mediante firma del cliente ulteriore rispetto alla firma del contratto apposta sull esemplare conservato presso la banca o finanziaria (Provvedimento della Banca d Italia del 9 febbraio 2011); Resta inteso che il collaboratore dovrà sempre consegnare al cliente i documenti descritti all articolo che precede. L Intermediario committente dovrà verificare che il soggetto incaricato all offerta rispetti gli obblighi di trasparenza accertando anche la conformità degli atti alle disposizioni vigenti nonché l idoneità a conseguire le finalità della disciplina in materia di trasparenza. Art. 10 Credito ai consumatori. Conformemente a quanto stabilito dal D. Lgs. 141/2010 e successive modifiche, nonché precisato dal Provvedimento della Banca d Italia del 9 febbraio 2011, in caso di credito ai consumatori il collaboratore dovrà fornire al cliente, prima della conclusione del contratto, oltre ai documenti indicati al precedente articolo 8 anche: 1) il documento denominato Informazioni europee di base sul credito ai consumatori redatto in conformità del modello 4C allegato a suddetto Provvedimento che deve contenere le condizioni offerte alla generalità della clientela oppure, se le stesse sono personalizzabili, quelle offerte allo specifico consumatore dietro manifestazione delle sue preferenze tra le quali il tipo di contratto di finanziamento richiesto, i dati del finanziatore e del mediatore che entra in rapporti con il consumatore, l importo del credito, il tasso di interesse, il TAEG e tutti gli altri requisiti elencati dal suddetto Provvedimento (si veda nel dettaglio Provvedimento della Banca d Italia del 9 febbraio 2011 e in particolare paragrafo ); 2) su richiesta del cliente, copia completa del contratto idonea per la stipula. Nei casi in cui il mediatore può richiedere al consumatore il pagamento di un compenso per i suoi servizi, ai sensi dell articolo 125-novies, comma 2, del T.U.B. il compenso è comunicato al consumatore e costituisce oggetto di accordo su supporto cartaceo o su altro supporto durevole, prima della conclusione del contratto di credito. Il mediatore creditizio comunica al finanziatore, secondo le modalità tra loro concordate, l ammontare del compenso che il consumatore è tenuto a versargli, comunque in tempo utile affinché il finanziatore possa includerlo nel calcolo del TAEG secondo quanto previsto dal paragrafo del Provvedimento della Banca d Italia del 9 febbraio Pag. 54 di 88

4 Rif. MP Pag. 55 di 88 N.B. IL PROVV. DELLA BANCA D ITALIA SOPRA RICHIAMATO PREVEDE CHE Prima della stipula il finanziatore deve dare completa assistenza al consumatore fornendogli tutte le informazioni necessarie, sia per valutare il tipo di finanziamento piu' adatto alle proprie esigenze, sia per avere informazioni sulla documentazione fornita e sulle caratteristiche del prodotto. L'accesso a questa consulenza deve essere facilitato mettendo a disposizione uffici, numeri di telefono, colloqui individuali, etc. Prima della conclusione del contratto il finanziatore valuta il merito creditizio del consumatore, facendo riferimento alle informazioni fornite dal consumatore stesso e/o recepite da banche dati apposite. Se la domanda di credito è stata rifiutata dopo che è stata consultata una banca dati, il finanziatore informa il consumatore immediatamente e gratuitamente del rifiuto della domanda e degli estremi della banca dati consultata nonché sugli effetti che le informazioni negative registrate a suo nome in una banca dati possono avere sulla sua capacità di accedere al credito. Art Controlli e sanzioni La verifica del rispetto delle disposizioni in materia di trasparenza delle condizioni contrattuali spetta, ai sensi dell art. 128 del T.U.B., all OAM, che potrà sia presso i mediatori sia presso i collaboratori: 1. acquisire informazioni, atti e documenti 2. eseguire ispezioni L OAM potrà, inoltre, nell esercizio del Suo potere ispettivo e di vigilanza, chiedere la collaborazione del Corpo della Guardia di Finanza. In caso di inosservanza degli obblighi di pubblicità sono previste sanzioni amministrative pecuniarie. In caso di ripetute violazioni, invece, potrà essere disposta la sospensione dell attività (anche per sedi secondarie) per un periodo non maggiore di giorni 30. Sezione II - Corrispettivi Art. 12 Determinazione compensi Il collaboratore deve rispettare le norme in materia di compensi che sono poste a garanzia del decoro professionale e della qualità delle prestazioni eseguite. In generale il collaboratore che, avendo ottenuto la necessaria autorizzazione dalla Società mandante, vorrà chiedere al cliente delle commissioni per l attività svolta nel suo interesse dovrà verificare in ogni caso che l Indicatore sintetico di costo (di seguito, breviter, ISC) o Tasso Annuo Effettivo Globale (di seguito, breviter, TAEG) e/o Tasso Effettivo Globale (di seguito, breviter, TEG) comprensivo di tale spesa sia contenuto nei limiti stabiliti dalla Legge ovvero nei limiti della soglia di usura così come determinata ai sensi dell art. 2 Legge 108/1996. Infatti, con decorrenza 1 Gennaio 2010, su disposizione della Banca d Italia (Provvedimento 29/7/2009), si deve ottemperare alle nuove disposizioni relative al calcolo del TEG che dovrà essere calcolato puntualmente per ciascuna operazione di finanziamento e comunicato (da parte degli Istituti di credito) con cadenza trimestrale alla Banca d'italia per contribuire alla determinazione del TEGM utile ai fini del cosiddetto tasso soglia ai fini della normativa antiusura. Il Provvedimento della Banca d Italia del 9 febbraio 2011 ha invece indicato nuove modalità per il calcolo del TAEG. Il collaboratore è, altresì, tenuto a portare a conoscenza del cliente, della società MEDIANET e dell intermediario, prima dello svolgimento dell attività, l ammontare dei compensi che il cliente dovrà versare a Medianet stesso nonché informare il cliente se detto compenso sia stato oggetto di accordo tra MEDIANET ed intermediario. Resta inteso che la Società di mediazione MEDIANET dovrà emettere regolare documentazione fiscale per il compenso pattuito. Il compenso di MEDIANET è parametro dell ISC o del TAEG ovvero costo complessivo dell operazione di finanziamento che è superiore rispetto al Tasso d Interesse richiesto e cioè il Tasso Annuo Nominale (di seguito, breviter, TAN). Le categorie di operazione per le quali deve essere indicato l ISC sono: a) i mutui; b) le anticipazioni bancarie (escluse quelle regolate in c/c) C) altri finanziamenti (es. prestiti personali e finalizzati). Il TAEG viene invece utilizzato per le operazioni di credito al consumo. Nel calcolo dell ISC e del TAEG vi sono, quindi, vari parametri di calcolo, ovvero: 1. Spese d istruttoria; 2. spese di revisione del finanziamento; 3. Spese di apertura e chiusura pratica di credito; 4. Spese di riscossione dei rimborsi e d incasso delle rate (se previste nel contratto); 5. Spese di assicurazione e garanzia; 6. Il costo dell attività di mediazione svolta da un terzo; 7. Ogni altra spesa contrattualmente prevista e connessa all operazione. Ai sensi dell art. 10 del Provvedimento UIC 29/4/2005 i mediatori sono tenuti a comunicare alle Banche e agli intermediari, il costo complessivo dell attività di mediazione, comprensivo sia del compenso della mediazione che di ogni Pag. 55 di 88

5 Rif. MP Pag. 56 di 88 altro onere gravante sul cliente, in modo da consentire agli stessi di procedere ad una corretta imputazione nella base del calcolo ISC o TAEG.. Banca d Italia è, quindi, intervenuta in materia dando istruzioni per la rilevazione dei tassi effettivi globali medi ai sensi della legge sull usura. In particolare, le Banche iscritte nell Albo previsto dall art. 13 T.U.B., i Confidi e gli Intermediari finanziari iscritti nell elenco previsto dall art.107 TUB e in quello generale ex art.106 TUB (inseriti nel campione di rilevazione), sono obbligati a segnalare alla Banca d Italia i tassi effettivi globali medi praticati dal sistema bancario e finanziario in relazione alle categorie omogenee di operazioni creditizie. Nel calcolo del TEG si dovrà, tra l altro, tener conto del costo dell attività di mediazione svolta da un terzo e sostenuto dal cliente, in via diretta o tramite l'intermediario; nell'ambito del rapporto con il mediatore, gli intermediari provvedono ad acquisire le necessarie informazioni riguardo ai compensi corrisposti dal cliente ; pertanto la società di mediazione è tenuta a comunicare ai suddetti soggetti l importo della commissione che intende richiedere al cliente. Si segnala che, al momento della redazione del presente Codice, per la determinazione della Soglia di Usura, i Tassi medi ovvero i Tassi effettivi Globali Medi rilevati trimestralmente dalla Banca d Italia, devono essere aumentati della metà così come previsto e stabilito dall art. 2 della Legge 108/1996. Pertanto, i collaboratori, qualora intendano richiedere ai loro clienti una commissione per l attività svolta nell interesse dei medesimi avendo ottenuto la necessaria autorizzazione dalla Società mandante, applicheranno detta commissione verificando in ogni caso che l ISC comprensivo di tale spesa sia contenuto nei limiti antiusura stabiliti dalla Legge. Il Ministero per l Economia e le Finanze con Decreto Ministeriale 21/06/2010 ha stabilito i tassi di interesse effettivi globali medi ai sensi della legge sull usura n. 108 del 1996, rilevati dalla Banca d Italia, in vigore per successivo trimestre. A tal fine, le segnalazioni che gli intermediari sono tenuti ad effettuare, dovranno tener conto delle Istruzioni per la rilevazione emanate dalla Banca d'italia, delle risposte ai quesiti pubblicate sul sito della Banca nonché dei chiarimenti forniti dal Ministero dell Economia e delle Finanze nella nota metodologica al Decreto del 24 dicembre A partire dalla suddetta rilevazione, gli intermediari dovranno segnalare i compensi complessivamente pagati alla società di Mediazione, comprensivi degli oneri direttamente posti a carico dei clienti e di quelli sostenuti dagli intermediari. La prima componente, posta a carico dei clienti e peraltro già inclusa nel calcolo del TEG, concorrerà alla valutazione della soglia di usura. La rilevazione del corrispettivo complessivamente incassato dalla società di mediazione sarà, quindi, elemento utile ad individuare un parametro quantitativo di riferimento per la valutazione del reato di mediazione usuraria. Art Indicazione del corrispettivo Il collaboratore deve indicare nel contratto di mediazione (c.d. Incarico di Mediazione) il compenso, la provvigione ed ogni altro onere, spesa, commissione, comunque denominati, posti a carico del cliente. Il contratto deve, altresì, indicare gli elementi per la determinazione delle suddette voci. Sono nulle e si considerano non apposte le clausole di rinvio agli usi per la determinazione del compenso di mediazione ed ogni altro prezzo e condizione che prevedono condizioni più sfavorevoli di quelle indicate e riportate nel foglio informativo. E obbligo della società di mediazione emettere regolare documento fiscale dei propri compensi. Sezione III - Antiriciclaggio Art Normativa MEDIANET è tenuta al rispetto degli obblighi antiriciclaggio di identificazione della clientela ex Decreto Ministeriale 03/02/2006 n. 143 (ovvero Regolamento del Ministro dell'economia e delle Finanze in materia di identificazione e di conservazione delle informazioni per gli operatori non finanziari previsto dall articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 recante Attuazione della Direttiva 2001/97/CE in materia di prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività illecite) nonché alla registrazione delle operazioni e di segnalazione delle sospette ex Provvedimento UIC 04/02/2006 (Istruzioni applicative in materia di obblighi di identificazione, registrazione e conservazione delle informazioni nonché di segnalazione delle operazioni sospette per finalità di prevenzione e contrasto del riciclaggio sul piano finanziario a carico degli operatori non finanziarie) ed al rispetto di quanto previsto e stabilito nel D.Lgs 231/2007. Per adeguarsi a detta normativa Medianet ha previsto, ad integrazione dell incarico di mediazione, il Modulo di identificazione per l adeguata verifica della clientela. Art Adempimenti Ai sensi del D.M. 143/2006 e del Provvedimento della Banca d Italia del 24 agosto 2010 e s.m., ogni società di mediazione è tenuto a: Pag. 56 di 88

6 Rif. MP Pag. 57 di 88 a) identificare i clienti in relazione alle operazioni; b) istituire l archivio unico informatico; c) Segnalare le operazioni sospette all UIF (Unità di Informazione Finanziaria) a prescindere dal relativo importo. Il collaboratore deve, quindi, trasmettere al Customer Service centrale in tempo reale ogni documento/contratto del cliente per permettere alla Società di mediazione di registrare e conservare nell archivio unico i dati identificativi e le altre informazioni atte ad identificare il soggetto che richiede il finanziamento. In particolare devono essere acquisite e conservate nell archivio unico le informazioni relative: 1) ai dati identificativi cliente; 2) agli estremi dell intermediario con il quale il cliente viene messo in contatto; 3) alla data della concessione del finanziamento; 4) all ammontare e al tipo del finanziamento accordato. Inoltre, la società di mediazione attraverso il suo collaboratore è tenuto a fornire all intermediario, con il quale mette in contatto il potenziale cliente, le informazioni necessarie per l identificazione di quest ultimo e quelle relative alle operazioni. Ai sensi del D.Lgs 231/2007 il mediatore creditizio osserva gli obblighi di adeguata verifica della clientela in relazione ai rapporti e alle operazioni inerenti allo svolgimento dell'attività istituzionale o professionale degli stessi ed, in particolare, nei seguenti casi: a. quando istaurino un rapporto continuativo; b. quando eseguono operazioni occasionali, disposte dai clienti che comportino la trasmissione o la movimentazione di mezzi di pagamento di importo pari o superiore ad euro euro, indipendentemente dal fatto che siano effettuate in un unica operazione o con più operazioni collegate o frazionate; c. quando vi è sospetto di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo indipendentemente da qualsiasi deroga, esenzione o soglia applicabile d. quando vi sono dubbi sulla veridicità o sull'adeguatezza dei dati precedentemente ottenuti ai fini dell identificazione di un cliente. L Archivio Unico Informatico (A.U.I.) dovrà essere tenuto in conformità alle istruzioni dell Allegato A del provvedimento UIC (Provvedimento UIC - Allegato tecnico A). Le registrazioni, sia su archivio cartaceo che su archivio informatico, dovranno essere conservate per 10 (dieci) anni. La sanzione prevista per l omessa istituzione archivio unico è l arresto da 6 (sei) mesi a 1 (uno) anno e ammenda da euro 5.164,00 (cinquemilacentosessantaquattro/00) ad euro ,00 (venticinquemilaottocentoventidue/00), mentre per la Tardiva e omessa registrazione nell'archivio viene prevista una multa da euro 2.582,00 (duemilacinquecentoottantadue/00) ad euro ,00 (dodicimilanovecentoundici/00). Nella tenuta dell archivio la società di mediazione è tenuta agli obblighi di sicurezza previsti dal codice della privacy in materia di protezione dei dati. Sezione IV Privacy Art Adempimenti Il collaboratore in applicazione a quanto previsto e stabilito dal Codice in materia di protezione dei dati personali ex D.Lgs 196/2003 e successive modifiche e integrazioni è tenuto ad uniformarsi a quanto in esso disposto nonché alla normativa di settore e alle indicazione fornite dall autorità Garante per la protezione dei dati personali. In particolare, il collaboratore ha l obbligo di fornire al cliente l Informativa Generale dove vanno indicate espressamente le modalità e finalità del trattamento cui sono destinati gli atti, la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati, le conseguenze di un eventuale rifiuto nel conferimento dei di rispondere alle informative richieste, i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati, e l ambito di diffusione dei dati medesimi, i diritti degli interessati ai sensi dell art.7 del D.Lgs 196/2003 con l indicazione del Responsabile e Titolare del trattamento medesimo. In caso di cessazione, per qualsiasi causa, del trattamento i dati devono essere: distrutti; ceduti ad altro titolare purché destinati ad un trattamento in termini compatibili agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti; conservati per fini esclusivamente personali e non destinati ad una comunicazione sistematica e alla diffusione; conservati o ceduti ad altro titolare purché per scopi storici, statistici o scientifici e non per la diffusione ed in conformità alla legge. Il titolare del trattamento di dati sensibili redige, anche attraverso il responsabile, se designato, un Documento Programmatico sulla Sicurezza (di seguito, breviter, D.P.S.), dandogli data certa contenente idonee informazioni Pag. 57 di 88

7 Rif. MP Pag. 58 di 88 dettagliatamente descritte al punto 19 del codice in materia di protezione dei dati personali - B. disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza (artt. 33 e 36 del Codice della Privacy). L adempimento degli obblighi di identificazione e di registrazione costituisce trattamento dei dati. Parte III: Rapporti con MEDIANET Art. 17- Adempimenti Collaboratori I collaboratori, sono soggetti giuridicamente ed economicamente indipendenti da MEDIANET. Essi, in relazione all attività oggetto di MEDIANET e nel perseguimento del comune obiettivo di garantire la massima protezione dell identità comune e della reputazione professionale della società, si impegnano: a) ad osservare rigorosamente i procedimenti stabiliti da MEDIANET (Manuale delle procedure generale) per le relazioni con i clienti e con gl Istituti di credito convenzionati; b) ad operare una selezione dei clienti da presentare agli Istituti di credito idonea ad assicurare l efficienza della rete ed il suo apprezzamento positivo da parte del mercato; c) ad evitare di diffondere notizie o informazioni che anche indirettamente possano ledere l immagine di MEDIANET, degli Istituti di credito convenzionati, dei clienti o della rete nel suo insieme; d) a consultare preventivamente la MEDIANET per ricevere istruzioni nel caso voglia realizzare eventuali iniziative promozionali o pubblicitarie che coinvolgano il marchio MEDIANET ; e) a utilizzare ogni cautela per assicurare la più piena riservatezza in ordine a tutte le informazioni, conoscenze e notizie acquisite nello svolgimento della propria attività, sia nella relazione con MEDIANET che con gli Istituti di credito convenzionati o con i clienti; f) a utilizzare ogni cautela per assicurare la massima riservatezza in ordine al patrimonio conoscitivo e di esperienza che costituisce il know-how di MEDIANET, nonché ai marchi e alle tecniche contrattuali e commerciali, e ad ogni altra notizia e conoscenza relativa ai rapporti intrattenuti con MEDIANET S.p.A., con gli Istituti di credito convenzionati e con i clienti; g) al rispetto del marchio MediaNet; h) a darsi una struttura organizzativa sufficiente ad assicurare la massima efficienza della propria attività; i) a svolgere tutte le attività promozionali o pubblicitarie concordate con la Società sottoponendo preventivamente all autorizzazione di questo, ogni tipo di comunicazione o messaggio che utilizzi il marchio MediaNet. l) ad applicare tutte le condizioni previste dagli accordi con gli Istituti di credito convenzionati; m) a fornire a MEDIANET, e/o agli Istituti di credito convenzionati, informazioni complete e precise sul cliente, sull operazione proposta e su ogni altro elemento utile al fine di un effettivo controllo sulla fattibilità dell operazione e sull efficienza del funzionamento della rete; n) a fornire a MEDIANET dati operativi verificabili al fine di facilitare la determinazione dei risultati nonché i dati finanziari necessari per un effettivo controllo; o) a non rivelare a terzi il know-how fornito da MEDIANET, dopo la scadenza del contratto. p) al rispetto di tutti gli obblighi imposti dalle normative vigenti, a cui i collaboratori devono fare riferimento, ed in particolare: - norme antiriciclaggio; - norme sulla trasparenza; - norme in materia bancaria e finanziaria; - norme sulla privacy; - norme sulla sicurezza sul lavoro ex D.Lgs 81/2008; - adozione del modelli organizzativi ex D. Lgs 231/2001. q) a farsi parte diligente nel recepimento delle modifiche e/o adeguamenti della normativa di settore; r) a prendere visione ed accettare i contenuti delle informative che MEDIANET invierà tramite e pubblicherà nel proprio sito; s) a portare a conoscenza del cliente e di MEDIANET, prima dello svolgimento dell attività, l ammontare dei compensi che il cliente dovrà versare alla società stesso nonché informare il cliente se detto compenso sia stato oggetto di accordo tra mediatore ed intermediario. Il collaboratore deve acquisire dal cliente la ricevuta della suddetta informativa ed inviarla alla sede di MEDIANET che dovrà effettuare la verifica dell adempimento. Resta inteso che MEDIANET dovrà emettere regolare documentazione fiscale. Il collaboratore dovrà, inoltre, fornire al cliente tutta la documentazione prevista per Legge ed acquisire attestazione dell avventa consegna nonché eseguire le istruzioni impartitegli dall Istituto di Credito e/o Finanziaria e/o Assicurazione rogante. Art. 18- Buona fede e correttezza professionale Entrambe le parti si impegnano a: Pag. 58 di 88

8 Rif. MP Pag. 59 di 88 a) comunicare reciprocamente in modo chiaro e completo, nonché in tempo utile (via o fax) ogni disservizio, difficoltà operativa o informazione utile alla corretta operatività, in relazione sia ai rapporti con la clientela che a quelli con l istituto convenzionato; b) comunicare per iscritto ogni reciproco inadempimento contrattuale. Prima di procedere all eventuale risoluzione del contratto per inadempimento, le parti si impegnano in buona fede e con buona volontà a tentare una soluzione bonaria della controversia, attraverso corrette e ragionevoli comunicazioni dirette e con l instaurazione di trattative, salvo che ciò non possa determinare grave pregiudizio per la MEDIANET stessa. In questo caso il contratto potrà essere risolto immediatamente. Art. 19 Obblighi MEDIANET L attività di mediazione e la gestione dei rapporti con i collaboratori è di esclusiva competenza di MEDIANET, che si impegna a promuovere l ampliamento della Rete. MEDIANET è impegnata, in questo contesto a scegliere i collaboratori tra coloro che, al termine di una ragionevole indagine, risulteranno possedere le capacità basilari, l istruzione, le qualità personali e professionali e le risorse finanziarie sufficienti a sviluppare l attività oggetto dell accordo. MEDIANET svolge questo compito, mantenendo piena ed ampia discrezionalità nella selezione dei propri collaboratori. MEDIANET inoltre si impegna a stipulare un contratto di assicurazione idoneo a coprire i rischi dell'attività imprenditoriale, con specifico riferimento alla prestazione di servizi oggetto del contratto tenendo presenti ma distinti gli interessi ed i diritti di MEDIANET. La polizza assicurativa comprende la responsabilità civile per l attività di mediazione creditizia connessa alla società per fatto colposo da negligenza, imprudenza ed imperizia dell assicurato stesso o di persona del cui operato l assicurato sia legalmente tenuto a rispondere, nonché per persone con cui intrattenga rapporti di tipo prestazioni occasionali e che siano autorizzati ad utilizzare il nome ed i formulari dell assicurato. Art Forma scritta Tutti gli accordi e tutte le condizioni contrattuali relativi al rapporto di collaborazione saranno redatti per iscritto nella lingua ufficiale del Paese in cui risiede il collaboratore, o tradotti da un traduttore notarile, e i contratti firmati saranno consegnati immediatamente al collaboratore. Art. 21- Doveri di colleganza I collaboratori, nell esercizio delle loro attività, dovranno comportarsi con lealtà nei confronti dei loro colleghi, astenendosi dall esprimere apprezzamenti o pareri sulle loro capacità professionali e operative, e dovranno evitare di procurarsi, con il proprio comportamento, possibili vantaggi a danno dei colleghi. I collaboratori eviteranno qualsiasi rapporto professionale con agenti o professionisti abusivi. Art.22 Approvazione, accettazione e rispetto del codice deontologico Per effetto dell appartenenza a MEDIANET tutti i collaboratori si impegnano al rispetto del presente documento che è strutturato in Parti n. III per complessivi n. 22 (ventidue) articoli e 8 (otto) pagine. Esso viene pubblicato nel portale MEDIANET area pubblica e portato a conoscenza di tutta la Rete dei collaboratori anche tramite invio di circolare interna come da disposizioni contrattuali. Il documento si intende, in tal modo, accettato in ogni sua parte e contenuto; ogni sua violazione, così come previsto nel contratto di affiliazione, determinerà la risoluzione ex art c.c. dello stesso. A MEDIANET è fatta salva la facoltà di variare i contenuti del Codice Deontologico, ovvero adottare, in ogni momento, ulteriori regole che si rendessero necessarie per adeguare e/o recepire qualsiasi modifica normativa e regolamentare relativa all attività della mediazione creditizia nonché di rafforzare le garanzie e l assunzione di responsabilità delineate nell interesse contrattuale e precontrattuale del cliente finale. Pag. 59 di 88

CODICE DI CONDOTTA. Premessa

CODICE DI CONDOTTA. Premessa CODICE DI CONDOTTA Indice Premessa Parte Prima: Disposizioni Generali Disposizioni Generali ( art.1-4) Parte Seconda: Rapporti con la Clientela Sezione Prima: Adempimenti:(art. 5-9) Sezione Seconda: Corrispettivi

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CREDITIZIA ATTIVITÀ ED OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO

AVVISO ALLA CLIENTELA PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CREDITIZIA ATTIVITÀ ED OBBLIGHI DEL MEDIATORE CREDITIZIO Soluzioni Innovative S.r.l. Via Antonio Stoppani, 10/C - 24121 Bergamo Iscritta all Elenco dei Mediatori Creditizi presso OAM n. M25, in data 22/01/2013 Numero R.E.A.: BG 393625 Numero di iscrizione nel

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n.

FOGLIO INFORMATIVO SEZIONE I INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO. Iscritta al Registro delle Imprese C.C.I.A.A. di Milano, R.E.A. n. FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del titolo VI e VI bis del T.U.B., della delibera CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento di attuazione della Banca d Italia del 25 luglio 2003 e del provvedimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le indicazioni contenute nel Provvedimento del 29 Aprile 2005 dell'uic, nella Deliberazione del CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento della Banca d Italia del 25 luglio

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA IMMUTUO S.r.l.. La invita a leggere con attenzione il presente avviso che ha l obiettivo di far conoscere alla propria Clientela i suoi diritti e gli strumenti di tutela a sua disposizione,

Dettagli

LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO

LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO LINK SOLUZIONI S.R.L. FASCICOLO INFORMATIVO Premessa invita a leggere con attenzione il presente avviso che ha l obbiettivo di far conoscere alla Clientela i diritti ad essa spettanti e gli strumenti di

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.1. Premessa 1 GLOSSARIO 6 NORMATIVA 8 1.1 PREMESSA Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere gli obiettivi perseguiti dalle disposizioni

Dettagli

TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA

TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA TACCUINO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA SULLA TRASPARENZA ED OBBLIGHI DI INFORMATIVA PRECONTRATTUALE AVVISO ALLA CLIENTELA Premessa MCS S.p.A. invita a leggere con attenzione il presente avviso che

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA KIRON PARTNER S.P.A. Società di Mediazione Creditizia Sede Legale: via Monte Bianco 60/A - 20089 Rozzano (MI) - Tel. 02.52.858.1 - Fax 02.52.858.311 - e-mail: info@kiron.it - e-mail certificata: kiron@pec.kiron.it

Dettagli

Foglio Informativo Mutuon Srl

Foglio Informativo Mutuon Srl Foglio Informativo Mutuon Srl Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art.16 della legge 108/1996, del titolo VI-bis del T.U. Bancario e successive

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Cash Flow srl

FOGLIO INFORMATIVO. Cash Flow srl FOGLIO INFORMATIVO Cash Flow srl SEZIONE 1. INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO Cashflow srl Via G. Porzio Centro Direzionale Isola A/3- Palazzo Le Gemme 80143 Napoli Tel. +39 081 787 57 62 Fax. +39

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO ALLEGATO 4.1 FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI del T.U. Bancario e successive

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

AUXILIA FINANCE - FOGLIO INFORMATIVO

AUXILIA FINANCE - FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI-bis del T.U. Bancario e successive modifiche, della Delibera

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA & FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA Tra SERFINA S.r.l. con sede legale in Bologna (BO) Viale Aldo Moro n 22,,, - Capitale Sociale 150.000,00 i.v.,

Dettagli

PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE

PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE SEZIONE II PUBBLICITÀ E INFORMAZIONE PRECONTRATTUALE 1. Premessa Gli strumenti di pubblicità delle operazioni e dei servizi offerti e delle relative condizioni contrattuali sono: i documenti contenenti

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA INTESTATARIO 1 (persona fisica) Nome Cognome Codice fiscale Residenza (via e n civico) CAP Località Prov. Telefono fisso fax Tel. Cellulare E-mail documento (Tipo) Num.

Dettagli

Guida pratica antiriciclaggio

Guida pratica antiriciclaggio Guida pratica antiriciclaggio UFFICIO STUDI NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO per le Agenzie Immobiliari e i Mediatori Creditizi Ufficio Studi FIAIP a cura di Armando Barsotti Dal 22 Aprile 2006 sono in vigore

Dettagli

CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA Il sottoscritto, nato a ( ) il, residente in codice fiscale, professione, stato civile, documento tipo, N, rilasciato da, in data, Tel. Cell.,

Dettagli

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013

CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 CORSO ANTIRICICLAGGIO 2013 Normativa, adempimenti, sanzioni, verifiche, flusso operativo procedura Antonello Valentini TeamUfficio S.r.l. 1 Cos è l Antiriciclaggio? Con Antiriciclaggio si intende l azione

Dettagli

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI

2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2. I CONTRATTI E LA NUOVA TRASPARENZA PER BANCHE E INTERMEDIARI FINANZIARI 2.2. Brevi cenni sulla nuova trasparenza per banche e 1 intermediari finanziari GLOSSARIO 7 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 2.2

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Durata del contratto. Il cliente con la sottoscrizione del presente modulo dichiara di averne ricevuto regolarmente copia.

DOCUMENTO DI SINTESI. Durata del contratto. Il cliente con la sottoscrizione del presente modulo dichiara di averne ricevuto regolarmente copia. DOCUMENTO DI SINTESI Il presente modulo è allegato al contratto di mediazione creditizia e ne riporta in chiara evidenza le più significative condizioni contrattuali ed economiche. Il cliente, contestualmente

Dettagli

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e

LUCA PAGLIOTTA Dottore Commercialista Revisore dei conti. Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e 1. Introduzione Dopo aver descritto, nel nostro precedente intervento, il funzionamento giuridico e contabile del rapporto di conto corrente, dedichiamo il presente al tema della pattuizione del tasso

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA DOCUMENTO DI SINTESI PROVVIGIONE A FAVORE DEL MEDIATORE % ( percento) dell importo del finanziamento deliberato dalla banca o intermediario finanziario, a seguito della

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

Prot. 225 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza, Divisione Normativa Primaria

Prot. 225 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza, Divisione Normativa Primaria Prot. 225 Spett.le BANCA D ITALIA Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza, Divisione Normativa Primaria Trasmessa a mezzo e-mail all indirizzo: npv.normativa_primaria@bancaditalia.it Roma, 6 settembre

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA INTESTATARIO 1 (persona Fisica) Codice fiscale Residenza Via n. E-mail INTESTATARIO 2 (persona Fisica) Codice fiscale Residenza Via n. E-mail Ragione/Denominazione sociale

Dettagli

Broker Consult FOGLIO INFORMATIVO. Sezione 1 - INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO

Broker Consult FOGLIO INFORMATIVO. Sezione 1 - INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI-bis del T.U. Bancario e successive modifiche,

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Fondo di Assistenza per il Personale della Pubblica Sicurezza Avviso Pubblico di Invito a manifestare interesse Il Fondo di assistenza Personale

Dettagli

Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE

Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE Foglio Informativo n. 5900/06 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2013 Dati e qualifica del soggetto incaricato dell offerta incaricato dell offerta Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE Timbro

Dettagli

Foglio Informativo FINANZIAMENTO

Foglio Informativo FINANZIAMENTO Foglio Informativo n. 5900/04 Data ultimo aggiornamento: 01 Ottobre 2012 Dati e qualifica del soggetto incaricato dell offerta incaricato dell offerta Foglio Informativo FINANZIAMENTO alle AZIENDE Timbro

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. FINANZIAMENTO DI CANTIERE Apertura di credito ipotecaria

FOGLIO INFORMATIVO. FINANZIAMENTO DI CANTIERE Apertura di credito ipotecaria INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca: Banca del Fucino S.p.A. Indirizzo: Via Tomacelli 107-00186 Roma Telefono: 06.68976.1 Fax: 06.68300129 Sito internet:: www.bancafucino.it E-mail: info@bancafucino.net Codice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI

Dettagli

I contratti di finanziamento

I contratti di finanziamento I contratti di finanziamento La Correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti pagina 1 Nozione di Trasparenza bancaria Quando si parla di "trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e

Dettagli

Foglio Informativo FINANZIAMENTO

Foglio Informativo FINANZIAMENTO Foglio Informativo n. 5800/04 Data ultimo aggiornamento: 01 Ottobre 2012 Dati e qualifica del soggetto incaricato dell offerta (in caso di offerta fuori sede) Foglio Informativo FINANZIAMENTO CONDOMINIO

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE.

IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. IL TAEG E IL TEG: ANALOGIE E DIFFERENZE. Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) viene impiegato come tasso di riferimento per le operazioni di credito al consumo, mentre il TEG (Tasso Effettivo Globale)

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Sommario LE DOMANDE DI BASE... 2 QUALI SONO I PRINCIPALI DIRITTI DEL CONSUMATORE?... 4 COS E IL SECCI (Standard European Consumer Credit Information

Dettagli

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario

Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario Il Sistema Primo Network per la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio sul piano finanziario 1 Definizione di riciclaggio di denaro Il riciclaggio di denaro è l'azione di re-immissione di profitti,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO CON CONTRIBUZIONE AGEVOLATA AI SENSI DELLA L.P. 23.08.1993 N. 18

MUTUO CHIROGRAFARIO CON CONTRIBUZIONE AGEVOLATA AI SENSI DELLA L.P. 23.08.1993 N. 18 Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. MUTUO CHIROGRAFARIO CON CONTRIBUZIONE AGEVOLATA AI SENSI DELLA L.P. 23.08.1993 N. 18 Sezione I - Informazioni

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE

REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 REGOLE DI INSEDIAMENTO E DI ATTIVITÀ DELLE BANCHE ---------------------------------------------- 3 2 L INGRESSO IN ITALIA DI BANCHE COMUNITARIE

Dettagli

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 Disciplina della trasparenza delle condizioni contrattuali delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Pagina 1 di 30 IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER IL CREDITO E IL

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI Via Caldera, 21 20153 Mil ano DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI DISCIPLINATA DAL D.LGS. 385/1993 (TESTO UNICO BANCARIO) E

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha ad oggetto l affidamento del

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AGGREGATI DELL ASSILEA (approvato dal Consiglio del 23 settembre 2014)

CODICE DI COMPORTAMENTO AGGREGATI DELL ASSILEA (approvato dal Consiglio del 23 settembre 2014) CODICE DI COMPORTAMENTO AGGREGATI DELL ASSILEA (approvato dal Consiglio del 23 settembre 2014) Premessa Il presente Codice di comportamento dell Assilea mira a promuovere presso i propri Aggregati comportamenti

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO Esempio relativo ad apertura di credito a revoca 100.000,00 100.000,00 13,80000 % 0,500 % 0,70 annue

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO Esempio relativo ad apertura di credito a revoca 100.000,00 100.000,00 13,80000 % 0,500 % 0,70 annue Pag. 1 / 6 Foglio Informativo DESTINATA ALLE IMPRESE ED AI CONSUMATORI PER IMPORTI SUPERIORI AD. 75.000,00 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO TRA La FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI, con sede in Milano, Via Venezian n. 1, C.F. 80018230153 P.I. 04376350155,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA FOGLIO INFORMATIVO Pagina 1 di 5 RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER NON CONSUMATORI

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER NON CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER NON CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI

Dettagli

Codice di Comportamento Aziendale

Codice di Comportamento Aziendale ALLEGATO 2 Codice di Comportamento Aziendale 1. DESTINATARI - COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE I principi e le disposizioni del presente Codice di Comportamento aziendale sono vincolanti per tutti gli amministratori,

Dettagli

FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO LINEA PIU IMPRESA

FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO LINEA PIU IMPRESA FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO LINEA PIU IMPRESA INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE ED

Dettagli

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 1 LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 2 Sistema distributivo ante CdA Agenzie in economia: produzione diretta Agente in gestione libera: (art. 2, 1 comma ANA 2003 e L.

Dettagli

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Sommario LE DOMANDE DI BASE QUALI SONO I PRINCIPALI DIRITTI DEL CONSUMATORE? COS E IL SECCI (Standard European Consumer Credit Information

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO VARIABILE

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO VARIABILE FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO FIRST A TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55-39100 Bolzano Tel.: 0471 996111 Fax:

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO

IL MINISTRO DEL TESORO Decreto del Ministro del tesoro 8 luglio 1992 (1). Disciplina e criteri di definizione del tasso annuo effettivo globale per la concessione di credito al consumo. IL MINISTRO DEL TESORO VISTO il regio

Dettagli

Lettera di incarico per la ricerca e la stipula di coperture assicurative. Ditta/denominazione: Indirizzo: _ Città CAP _

Lettera di incarico per la ricerca e la stipula di coperture assicurative. Ditta/denominazione: Indirizzo: _ Città CAP _ Lettera di incarico per la ricerca e la stipula di coperture assicurative. Incarico conferito da: Ditta/denominazione: Indirizzo: _ Città CAP _ recapiti: telefono fisso cell. Email _ fax _ a favore di:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMAZIONI

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

2012 Contratto di MEDIAZIONE CREDITIZIA

2012 Contratto di MEDIAZIONE CREDITIZIA 2012 Contratto di MEDIAZIONE CREDITIZIA 1 la vostra soddisfazione è il nostro miglior successo. Società operante nel settore dell intermediazione creditizia, che ha scelto di essere rappresentata nel proprio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO PER AZIENDE

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO PER AZIENDE FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO CHIROGRAFARIO PER AZIENDE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.: 0471 996111 Fax:

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012

L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 L INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA ED. OTTOBRE 2012 1. IL NUOVO SISTEMA DELL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA 1.1. La riforma dell intermediazione del credito 1 GLOSSARIO 6 APPROFONDIMENTI 9 NORMATIVA 10 1.1. LA RIFORMA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO CONVENZIONI CONFIDI VARI

MUTUO CHIROGRAFARIO CONVENZIONI CONFIDI VARI 1 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO CONVENZIONI CONFIDI VARI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo chirografario breve termine Finanziamento a scadenza fissa clientela al dettaglio e altra clientela

FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo chirografario breve termine Finanziamento a scadenza fissa clientela al dettaglio e altra clientela FOGLIO INFORMATIVO relativo al Mutuo chirografario breve termine Finanziamento a scadenza fissa clientela al dettaglio e altra clientela INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO MIO TASSO VARIABILE

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO MIO TASSO VARIABILE FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO MIO TASSO VARIABILE Redatto ai sensi del decreto n. 385 del 01/09/1993 e del provvedimento recante le disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/40 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2011 Dati e qualifica q del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Foglio Informativo PRESTITO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE EDILE - IMMOBILIARE

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE EDILE - IMMOBILIARE FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO TASSO VARIABILE EDILE - IMMOBILIARE Redatto ai sensi del decreto n. 385 del 01/09/1993 e del provvedimento recante le disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni

Dettagli

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 6/2014 Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici INTRODUZIONE Per arginare il fenomeno dell antiriciclaggio è stato emesso il decreto legislativo del

Dettagli

L eventuale durata medio-lunga del finanziamento (superiore ai 18 mesi) permette di avvalersi del regime fiscale agevolato.

L eventuale durata medio-lunga del finanziamento (superiore ai 18 mesi) permette di avvalersi del regime fiscale agevolato. INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IMPRESA SOCI CHIROGRAFARIO A TASSO FISSO Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle (BA) Soc.Coop. Via Tirolo,2-70029 Santeramo in

Dettagli

Principali Diritti del Cliente per operazioni di Finanziamento Finalizzato

Principali Diritti del Cliente per operazioni di Finanziamento Finalizzato Offerta fuori sede Principali Diritti del Cliente per operazioni di Finanziamento Finalizzato Si consiglia una lettura attenta dei diritti prima di scegliere il prodotto e di firmare il contratto. Diritti

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Casse Rurali ed Artigiane Contatti: Avv. Pierfilippo Verzaro, Servizio Affari Legali e tributari FEDERCASSE email: pverzaro@federcasse.bcc.it, tel. +39.06.7207.2620 Avv. Francesco Arcanà, Servizio Affari Legali e tributari FEDERCASSE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO ARTFIDI LOMBARDIA

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO ARTFIDI LOMBARDIA FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO ARTFIDI LOMBARDIA Redatto ai sensi del decreto n. 385 del 01/09/1993 e del provvedimento recante le disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

Foglio informativo n. 2025 Sconto di cambiali

Foglio informativo n. 2025 Sconto di cambiali Foglio informativo n. 2025 Sconto di cambiali Informazioni sulla banca. Denominazione : MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede Legale e Amministrativa : Via Montebello, 18 Milano Numero verde: 800.530.701 Fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO PRIVATI PER SCOPO DIVERSO DA ABITAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 03.014 PREFINANZIAMENTO SU MUTUO CONCESSO DALLA BANCA Aggiornato al 01/04/2016

FOGLIO INFORMATIVO 03.014 PREFINANZIAMENTO SU MUTUO CONCESSO DALLA BANCA Aggiornato al 01/04/2016 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare FriulAdria S.p.A. Sede legale: Piazza XX Settembre 2, 33170 Pordenone Iscritta all Albo delle Banche al n. 5391 - Società soggetta all attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Generalità del Cliente INTESTATARIO. Residente a.. ( ), in (via, piazza )..., CAP. Domiciliato a...( ), in (via, piazza )..., CAP.

Generalità del Cliente INTESTATARIO. Residente a.. ( ), in (via, piazza )..., CAP. Domiciliato a...( ), in (via, piazza )..., CAP. PROPOSTA DI ADESIONE AL SERVIZIO FUNDSTORE DI BANCA IFIGEST S.p.A a cura della BANCA NON COMPILARE DATA:. TIMBRO E FIRMA PER ACCETTAZIONE Generalità del Cliente INTESTATARIO Residente a.. ( ), in (via,

Dettagli

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ

1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1. LA TRASPARENZA E GLI STRUMENTI DI PUBBLICITÀ 1.5. Obblighi e adempimenti 1 GLOSSARIO 4 NORMATIVA 6 1.5 OBBLIGHI E ADEMPIMENTI Al termine di questo capitolo sarai in grado di conoscere la differenza

Dettagli

GRAN MUTUO CHIARO E CERTO

GRAN MUTUO CHIARO E CERTO INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio della Spezia S.p.A. Sede legale: Corso Cavour 86 19121 La Spezia Telefono: 800 445 566 dall estero: 0039 0521 954925 Telefono: 800 445 566 dall estero: 0039

Dettagli

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE

IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE IL CONTO CORRENTE IL TASSO DI INTERESSE CONTENUTO DEL CONTRATTO DI CONTO CORRENTE L'art. 117 del Testo Unico Bancario (T.U.B.), impone la forma scritta del contratto di conto corrente Inoltre ai commi

Dettagli

INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE

INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE INFORMAZIONE: CONDIZIONI OFFERTE ALLA GENERALITA DELLA CLIENTELA PRESTITO RATEALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via del Macello 55 39100 Bolzano

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 16/021 relativo al MUTUO FONDIARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO N. 16/021 relativo al MUTUO FONDIARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo ad APERTURA DI CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE PER IL CREDITO AL CONSUMO

FOGLIO INFORMATIVO relativo ad APERTURA DI CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE PER IL CREDITO AL CONSUMO FOGLIO INFORMATIVO relativo ad APERTURA DI CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE PER IL CREDITO AL CONSUMO Il finanziatore è soggetto ai controlli esercitati dalla Banca d Italia con sede in via Nazionale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a. APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela al Dettaglio e Consumatori)

FOGLIO INFORMATIVO. relativo a. APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela al Dettaglio e Consumatori) FOGLIO INFORMATIVO relativo a APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE (Offerta a Clientela al Dettaglio e Consumatori) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa

Dettagli

RISCHI SPECIFICI LEGATI ALLA TIPOLOGIA DI CONTRATTO

RISCHI SPECIFICI LEGATI ALLA TIPOLOGIA DI CONTRATTO INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Società Cooperativa Sede Legale ERCHIE (BR) Via Roma, 89 CAP 72020 Tel: 0831/767067 Fax: 0831/767591 Email:

Dettagli

CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN - VIA ROMA, 1 TELEFONO E FAX 0461 842 517-0461 842 101

CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN - VIA ROMA, 1 TELEFONO E FAX 0461 842 517-0461 842 101 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO Casa Sicuro Chirografario AGGIORNATO AL 01/10/2015 F50003 DATI INFORMATIVI DELLA BANCA DENOMINAZIONE CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/39 Data ultimo aggiornamento: 01 Gennaio 2011 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO TRADER

MUTUO CHIROGRAFARIO TRADER MUTUO CHIROGRAFARIO TRADER INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO Denominazione e forma giuridica: BANCA DI SCONTO E CONTI CORRENTI DI SANTA MARIA CAPUA VETERE S.P.A Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe Taranto - Società Cooperativa Via Vittorio Emanuele s.n. 74020 San Marzano di San Giuseppe (Taranto)

Dettagli

Ministero dell Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza Fondo di Assistenza per il Personale della Polizia di Stato

Ministero dell Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza Fondo di Assistenza per il Personale della Polizia di Stato Ministero dell Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza Fondo di Assistenza per il Personale della Polizia di Stato Avviso Pubblico di Invito a manifestare interesse Il Fondo di Assistenza per il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO INCENTIVI CASA

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO INCENTIVI CASA FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO INCENTIVI CASA Redatto ai sensi del decreto n. 385 del 01/09/1993 e del provvedimento recante le disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SOCIO&CLIENTE ALL INCLUSIVE

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SOCIO&CLIENTE ALL INCLUSIVE FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SOCIO&CLIENTE ALL INCLUSIVE Redatto ai sensi del decreto n. 385 del 01/09/1993 e del provvedimento recante le disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi

Dettagli