Se tu conoscessi il dono di Dio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Se tu conoscessi il dono di Dio"

Transcript

1 Diocesi di Treviso Anno pastorale Se tu conoscessi il dono di Dio Riscoprire il nostro battesimo Sussidio per la formazione degli adulti nelle Parrocchie e nelle Collaborazioni A cura dell Ufficio diocesano per il coordinamento della pastorale

2 Obiettivo e struttura del sussidio Questo sussidio è stato pensato per sostenere nelle parrocchie e nelle collaborazioni pastorali una proposta formativa che ravvivi nei partecipanti la consapevolezza del dono del proprio battesimo e li sostenga nel farsene interpreti presso altri adulti. La proposta consiste in cinque tappe, per ognuna delle quali è stata predisposta una scheda con l obiettivo di illuminare un aspetto del battesimo a partire da un episodio della vita di Gesù, così com è raccontato dall evangelista Giovanni: 1. Nicodemo: «Se uno non nasce dall alto» (Gv 3,3). Le relazioni. 2. La Samaritana: «Se tu conoscessi il dono di Dio» (Gv 4,10). Il dono. 3. Il paralitico di Betzata: «Vuoi guarire?» (Gv 5,6). La liberazione dal male. 4. Il cieco nato: «Tu credi nel Figlio dell Uomo?» (Gv 9,35). La fede. 5. Il fianco aperto: «Gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua» (Gv 19,34). Il dono pasquale di Cristo. Ogni tappa è strutturata secondo la dinamica dei percorsi formativi dell Azione cattolica dalla vita alla Parola e dalla Parola alla vita : - dopo il segno di croce iniziale, è descritta una situazione attuale che provoca alla riflessione la vita ci parla, seguita da una preghiera di invocazione; - nella parte intitolata in ascolto è riportato un passo dal vangelo di Giovanni, a partire dal quale si sviluppa la proposta di catechesi per riflettere accompagnata da alcune domande per noi; - è indicato anche un segno o un gesto per fare memoria del battesimo ricevuto, con una sintetica spiegazione del suo significato, e nella sezione Va e fa anche tu lo stesso è riportata una testimonianza agiografica che presenta una figura che ha vissuto esemplarmente il tratto della vita battesimale su cui verte la riflessione; - infine, sono riportati un breve passo dalla Lettera pastorale Se tu conoscessi il dono di Dio e un antifona mariana con cui concludere l incontro. Ogni scheda è compiuta in sé e può essere utilizzata anche singolarmente o per più incontri. Inoltre, l essenzialità della proposta, anche nello sviluppo della riflessione, intende facilitare eventuali adattamenti e approfondimenti ritenuti opportuni da chi guida l incontro.

3 Scheda n. 1 Se tu conoscessi il dono di Dio Nicodemo Se uno non rinasce dall alto (Gv 3,3) Le relazioni Preghiera iniziale Guida Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Tutti Amen. Tutti O Spirito Santo, illumina le nostre menti, riversa la tua Grazia nei cuori che hai creato e vieni a rinnovare il volto della terra. La vita ci parla Giovanni Lindo Ferretti è un artista italiano nato nel 1953 a Cerreto Alpi, sull Appennino tosco-emiliano. Educato da bambino alla fede cattolica, è cresciuto sullo sfondo del post-concilio e del 68, passando poi per gli anni di piombo. In gioventù e nella prima fase della maturità ha vissuto l etica rivoluzionaria in modo coerente, mietendo successi in campo artistico. Vivendo fino in fondo le proprie contraddizioni, ha poi avvertito il bisogno di un ritorno a casa. Da alcuni anni, infatti, Ferretti è tornato a vivere assieme all anziana madre a Cerreto Alpi, dove ha rinunciato a Internet, al cellulare e a tutti i mezzi di comunicazione moderni. Un isolamento che però lo ha completamente riconciliato con Dio e con la genuinità del mondo della sua infanzia. Da bambino, tutte le sere prima di coricarsi, la nonna lo aiutava a recitare le preghiere di fine giornata, prestando particolare attenzione all esame di coscienza. «Mi esortava a comprendere quali fossero le mie colpe», ha detto, «senza pensare a quelle degli altri bambini, sulle quali avrebbero riflettuto loro stessi, con le loro nonne...». Aver ricevuto un educazione cristiana così rigorosa segnò il giovane Ferretti in modo indelebile. Quella vissuta nella sua famiglia era la fede degli umili, quella dei Pater, Ave e Gloria scanditi in modo un po meccanico, in un latino maccheronico ma con grande convinzione ed autenticità. «L educazione si può anche perdere ma alla fine riaffiora», ha raccontato. «Ad una certa età ho perso la fede, ma di sicuro la fede non ha mai perso me. Questo ti fa scoprire una forza che non credevi di avere». Quando, in età matura, Ferretti iniziò a ripensare criticamente la sua vita, sentì l esigenza di un esame di coscienza. Ripensò, quindi, agli esami di coscienza fatti da bambino con la nonna e alle tante preghiere recitate con lei. Da ragazzo aveva smesso di andare in chiesa intorno ai 14 anni: «Le ultime messe a cui ho assistito furono le prime con le chitarre, poi, abbandonate le messe, iniziai ad andare ai concerti dei Nomadi e dell Equipe 84». Fu l inizio della grande passione per il rock che non lo ha mai abbandonato. Anche oggi, «quello che offro al Signore è la mia musica», ha raccontato.

4 Negli anni in cui Giovanni Lindo Ferretti diventava adulto, il connubio tra musica e politica era assai di moda e lui se ne lasciò conquistare. «Sono cresciuto nella mitologia delle rivoluzioni», ha detto, ricordando anche di quando, nel 1974, si ritrovò «in Portogallo, armato su una barricata», durante la «rivoluzione dei garofani» che mise fine alla dittatura. Come la maggior parte dei rivoluzionari, Ferretti fu per molti anni un avversario della Chiesa cattolica: «Vedevo la Chiesa come la causa di tutti i mali sociali», ha detto. Sparare a zero sulla Chiesa, oggi come ieri, è fin troppo facile: è come se esistessero tanti «pacchetti di luoghi comuni anticattolici e io li ho presi tutti», ha confidato. Poi arrivò il successo, unito all inevitabile prezzo da pagare e alle tante amarezze della vita. Ferretti vide morire in giovane età tanti amici, chi per droga, chi per terrorismo. Poi, molti anni più tardi, un viaggio nei paesi dell allora socialismo reale lo riportò bruscamente alla realtà. «Credevo che con la prassi rivoluzionaria si potesse costruire il paradiso in terra, invece peggiora le condizioni di vita degli uomini. [...] Alla fine il discorso è molto semplice. Non ero soddisfatto di quello che stavo facendo. Tu cominci a fare delle cose perché pensi che ti porteranno grandi soddisfazioni, perché pensi di aprire una porta che sarà piena di libertà e di nuove esperienze. Poi, fatto un bel pezzo di strada, ti guardi intorno e ti dici: «Bene, ma tutte queste soddisfazioni dove sono? Tutta questa libertà dov è?». Alla fine, tutto si riduce alla capacità di non raccontarsi le bugie. Se una cosa non è soddisfacente, puoi continuare a dire che è bella, però se non ti racconti le bugie ti dici: «Oh, non vale niente». E se te lo dici, non rimani sul vuoto». In tempi più recenti il ritorno alla casa paterna, agli affetti e ai ricordi d infanzia: l amata nonna non c era più ma le preghiere da lei insegnate erano più vive che mai. «Ho la certezza che, anche quando ero lontano da Dio, qualcuno ha pregato per me». Un ritorno a casa colmo di struggimento e gioia al tempo stesso, ma niente affatto facile da intraprendere, così come non è stato facile il ritorno alla pratica sacramentale: «La strada più lunga che ho mai percorso è stata quella fino al confessionale», ha ammesso. (da zenit.org) Sostiamo qualche istante sulla vicenda di Ferretti. Come si collega alla nostra esperienza quotidiana? Invocazione Guida Signore, tu hai messo nel nostro cuore un immensa nostalgia di te Tutti E il nostro cuore non ha pace finché in te non riposa. Guida Signore, tu ascolti la voce di ogni uomo che invoca vita e speranza Tutti E dischiudi per i tuoi figli il tuo abbraccio di salvezza. Guida Signore, tu hai detto: «Se uno non rinascerà nell acqua e nello Spirito santo non entrerà nel Regno di Dio». Tutti Ci hai rigenerato nel battesimo e ci apri le porte della vita eterna. Guida Nel mistero della tua morte sei entrato dove nessuno poteva entrare: Tutti Hai sconfitto la morte e ci hai resi partecipi della tua vita risorta. In ascolto Dal Vangelo secondo Giovanni (3, ) C era tra i farisei un uomo chiamato Nicodèmo, un capo dei Giudei. Egli andò da Gesù, di notte, e gli disse: «Rabbì, sappiamo che sei un maestro venuto da Dio; nessuno infatti può fare i segni che tu fai, se Dio non è con lui». Gli rispose Gesù: «In verità, in verità ti dico, se uno non rinasce dall alto, non può vedere il regno di Dio». Gli disse Nicodèmo: «Come può un uomo nascere quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e rinascere?». Gli rispose Gesù: «In verità, in

5 verità ti dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quel che è nato dalla carne è carne e quel che è nato dallo Spirito è Spirito. Non ti meravigliare se t ho detto: dovete rinascere dall alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai di dove viene e dove va: così è di chiunque è nato dallo Spirito. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui». Per riflettere La notte di Nicodemo Nicodemo è un ammiratore di Gesù, uno che ha visto i segni che ha compiuto e si è lasciato in qualche modo affascinare da questo maestro. Ma c è differenza tra l essere ammiratore e diventare discepolo. È il cammino della fede, della formazione a cui Gesù provocherà Nicodemo, scalzandolo progressivamente, ma in modo inesorabile, dalle sue sicurezze. L incontro avviene di notte: non è la notte di Giuda, il buio del peccato e della distanza da Dio, ma certamente Nicodemo con questa scelta cerca di vedere senza essere visto, vuole rimanere in incognito. Lui è un capo, un autorità del sinedrio - il parlamento religioso di Gerusalemme -, è probabilmente un uomo maturo, ricco, con una posizione sociale importante. Il suo stesso nome - Nico, radice greca di vittoria, e demo, popolo - indica vittoria del popolo : un vittorioso, dunque, che sa imporsi. Eppure qui Nicodemo ha paura di compromettersi fino in fondo. I suoi passi non avvengono alla luce del sole: possiamo forse dire che la luce è un dono che non ha ancora accolto, da cui non si è lasciato trasformare. Nel suo cuore c è però una ricerca più o meno consapevole: Gesù la coglie e la accoglie, anche se non è ancora limpida, coraggiosa, capace di esporsi. Nicodemo inizia il dialogo sicuro di sé: parte con un «...sappiamo». Questo ci dice che rappresenta un gruppo, ma soprattutto che vuole guidare lui il discorso, che intende partire da quello che sa e che è. Fariseo, amante ed esperto della Legge, porta con sé tutte le sue competenze, sicurezze, il cammino di conoscenza di Dio e di comprensione della verità che si è costruito lungo tutta una vita... Crede probabilmente di poter inserire Gesù in questo schema. Rinascere dall alto Il Maestro, però, non lo lascia continuare e gli chiede subito un salto, lo porta ad un altro livello, introdotto dal suo «Amen amen». Espressione tipica di Gesù, che intende dire: «Sicuro è quello che ti dico, fondato, certo: Bisogna rinascere dall alto!». L avverbio in greco ha due significati, su cui probabilmente Giovanni fa leva: significa dall alto, ma anche di nuovo. Nicodemo ha pensato a questo secondo significato e non comprende come sia possibile, ma Gesù intende dire che bisogna nascere da un altra fonte: non si tratta di tornare indietro, di rientrare nel seno della madre, ma di trovare una nuova origine. Questa possibilità non si costruisce con le proprie forze, non ti fai da te, ma viene dall acqua e dallo Spirito Santo. Acqua e Spirito fanno riferimento ad un unica realtà: lo Spirito è l artefice divino della vita, l acqua ne richiama la forza e ne esprime l azione. Il riferimento al battesimo è evidente: con l immersione nell acqua avviene la trasformazione per opera dello Spirito Santo. La persona rinasce nella novità di Dio, vive una nuova esistenza le cui origini affondano nella Trinità. Rinascere dall alto dice l opera di Dio: rinascere è, in fondo e prima di tutto, accettare con gratitudine di essere figli, di venire alla luce dal suo amore, di partecipare della relazione unica del Figlio Gesù Cristo con il Padre. Ognuno di noi è figlio che riceve la vita dall altro: scopriamo la nostra identità quando vediamo e crediamo nell amore di chi ci ha generato, e

6 solo quando accade questo diventiamo realmente capaci di amare. Sappiamo tutti, per esperienza, che il cammino personale della fede inizia davvero quando diventiamo capaci di riconoscere, nei volti e nei gesti di coloro che in diversi modi e tempi ci hanno generati alla vita, i tratti del volto e dell amore del Signore. Una fede in cammino Nel nostro contesto sociale ed ecclesiale quasi tutti abbiamo ricevuto il battesimo e questo sacramento continua ad essere comunemente richiesto e celebrato, ma quante volte, anche nelle nostre comunità cristiane, fatichiamo a passare dall ammirazione per Gesù a quel salto esistenziale che implica la consapevolezza di essere stati e di essere continuamente generati, amati, salvati da Lui! Fatichiamo a maturare la coscienza reale che tutto, davvero tutto, lo abbiamo ricevuto da Lui; che il dono non è un ideale, un valore, un insieme di tradizioni seppur buone e sensate, ma è Lui stesso vivo, presente e operante nella nostra vita. La consapevolezza che nel battesimo ci ha immerso nella sua stessa Vita, che ci chiede di vivere un incontro reale con Lui che si fa affidamento, che diventa carne, compromissione dietro a Lui, nella sequela lungo la sua via di passione, morte e resurrezione. La misura e la profondità della fede non sono qualcosa di statico, dato una volta per tutte, ma una relazione che ha i suoi passaggi e i suoi salti, che avvengono quando i nostri occhi sono capaci di riconoscere realmente il suo amore per noi nella concretezza della nostra storia. Pensiamo alla vicenda stessa di Nicodemo: il suo cammino di discepolo sarà lungo... Solo alla fine del vangelo di Giovanni lo vedremo passare dal buio alla luce: dopo la crocifissione, al momento della sepoltura di Gesù. Nicodemo con Giuseppe d Arimatea (Gv 19,38-39) accoglie - così andrebbe tradotto il verbo greco, più che prese - il corpo di Gesù e gli dà degna sepoltura. Alla vigilia della Pasqua, quello che era un fariseo osservante tocca un cadavere, si rende impuro e non può mangiare la Pasqua. Ricopre quel corpo con cento libbre di mirra e aloe, una quantità enorme, spropositata, che vale milioni e dice una misura regale. Queste azioni ci dicono che Nicodemo è uscito allo scoperto, si è rivelato, è maturato. Vive ora quello che Giovanni diceva nel prologo: «A quanti l anno accolto, ha dato il potere di diventare figli di Dio» (Gv 1,12). Nicodemo in realtà, in questo momento, sta facendo pasqua, sta rinascendo, sta cambiando. Nicodemo è figura della fede per il nostro cammino, per il superamento dei nostri ostacoli: quel battesimo che abbiamo ricevuto da piccoli agisce adesso, ora possiamo rinascere, ora possiamo essere nuove creature. Domande per noi Quali sono le persone che hanno aperto la mia storia personale alla vita di Dio? In che modo? Cosa significa per me collocare ogni giorno la mia vita nella relazione profonda con Gesù, radicarla sempre e nuovamente nella fede in lui che mi rende figlio? Nei passaggi cruciali del mio cammino chi mi ha stimolato ad alzare gli occhi, a cambiare lo sguardo e trovare prospettive alte di vita? Chi mi aiuta oggi a vivere da figlio? Memoria del battesimo Può essere preparato un cartellone con un albero, l albero della fede : in un momento di silenzio i partecipanti all incontro scrivono i nomi delle persone che li hanno fatti crescere, che si sono prese cura di loro, che hanno trasmesso e testimoniato loro la fede in Gesù Cristo. Mentre viene intonato un canto, ciascuno trascriverà questi nomi sulle radici dell albero (se risulta più pratico, si possono attaccare i foglietti con i nomi scritti dal posto).

7 Alla fine si prega insieme così: Ti rendiamo grazie, o Padre, per chi ha avuto cura di noi e della crescita della nostra fede in Te, che con il battesimo ci hai donato. Grazie per tutti coloro che ci hanno fatto incontrare, con i loro gesti e con le loro parole, il volto di tuo Figlio Gesù, e che hanno testimoniato una fede vissuta in ogni tempo con semplicità e fedeltà. Ognuno legge i nomi che ha scritto. Manda il tuo Spirito, affinché anche noi possiamo essere tuo strumento per generare alla fede, per essere annunciatori gioiosi del Vangelo nella quotidianità della nostra vita. Amen. Dall «Introduzione» al Rito del battesimo dei bambini La chiesa, che ha ricevuto la missione di annunciare il vangelo e di battezzare, fin dai primi secoli ha conferito il battesimo non solo agli adulti, ma anche ai bambini. In forza della parola del Signore: «Se uno non rinasce dall acqua e dallo Spirito Santo, non può entrare nel regno di Dio», la chiesa ha sempre ritenuto che i bambini non debbano essere privati del battesimo. Essi infatti vengono battezzati nella fede della chiesa, professata dai genitori, dai padrini e dagli altri presenti al rito: questi rappresentano sia la chiesa locale sia la società universale dei santi e dei fedeli, la chiesa madre, che tutta intera genera tutti e ciascuno. Per attuare pienamente la realtà del sacramento, è necessario che i bambini siano in seguito educati nella fede in cui sono stati battezzati: il sacramento già ricevuto costituirà il fondamento di questo impegno. Va e anche tu fa lo stesso Una santa testimone: Monica Nacque a Tagaste, antica città della Numidia, nel 332. Quello che sappiamo di lei lo deduciamo dalle celebri Confessioni di suo figlio, Agostino d Ippona, il quale attribuisce la propria conversione alle preghiere e alle lacrime della madre. Nelle Confessioni Agostino, parlando di lei, afferma: «Educata pertanto nella castità e nella temperanza, resa sottomessa ai genitori... quando nella pienezza della giovinezza fu da marito, andò a nozze e servì lo sposo come padrone. Cercò di guadagnarlo a te (Dio) parlandogli di te con l eloquenza della sua vita morale, di cui tu la rendevi bella, degna di riverente amore, e d ammirazione ai suoi occhi. Tollerò poi le infedeltà del marito con tanta rassegnazione da non venire mai a diverbio con lui per questo. Egli era oltre ciò veramente affettuosissimo, ma altrettanto iracondo. Essa era capace di non fare resistenza al marito in collera, non solo a fatti, ma anche a parole. Quando poi tornava tranquillo, ella faceva al momento opportuno le giustificazioni del suo operato, se mai egli si fosse a torto inquietato. Molte altre matrone, pur avendo mariti più mansueti, portavano i segni delle battiture persino sulla faccia sfigurata e, chiacchierando con le amiche, si lagnavano della vita dei loro uomini. Essa riprendeva la loro lingua. [...] Quelle si meravigliavano perché sapevano che marito feroce ella dovesse sopportare e mai s era sentito dire o s era scoperto da qualche segno che Patrizio avesse battuto la moglie o che ci fosse stato, anche per un sol giorno, un dissenso domestico tra lei e lui. [...] Anche la suocera, che da principio era irritata per i pettegolezzi contro di lei di schiave cattive, fu talmente vinta dal suo

8 perseverante rispetto, dalla sua pazienza e mansuetudine che rivelò spontaneamente al figlio le cattive lingue frapposte tra lei e la nuora per turbare la pace domestica e chiese la punizione. [...] E infine ella guadagnò a te (Dio) anche il marito al termine della sua vita temporale; quando perciò divenne credente non dovette più piangere ciò che di lui sopportava quando non era ancora cristiano. Essa era anche la serva dei tuoi servi. Chiunque di loro la conosceva, molto lodava, onorava e amava te, poiché avvertiva la tua presenza nel suo cuore, attestata da una vita santa. Fu infatti sposa di un solo uomo; aveva reso il contraccambio ai propri genitori; aveva piamente governata la sua casa; aveva la testimonianza di opere buone. Aveva educato i suoi figli dandoli tante volte alla luce, quante li vedeva da te deviare» (IX, 9). Monica, infatti, partecipò alle vicende del figlio, soffrì e pregò perché Agostino si decidesse con fermezza per la fede in Gesù Cristo. Dopo la conversione Agostino, durante le vacanze autunnali del 386 si ritirò con la madre nella villa dell amico Verecondo a Cassiciaco, per riposarsi dalle fatiche, approfondire la filosofia e prepararsi al battesimo. Dopo alcuni mesi di vera pace e d intensa preghiera Agostino fu rigenerato a Cristo, a Milano, per le mani di S. Ambrogio, la vigilia di Pasqua del 387. Avendo in mente un progetto di vita cenobitica, sul finire dell estate egli partì per la sua Africa con la madre, l amico Alipio, il fratello Navigio e il figlio suo Adeodato, che aveva ricevuto il battesimo con lui. Giunta a Ostia, la comitiva sostò per rimettersi dalle fatiche del viaggio. Un giorno Monica e Agostino si trovarono soli a una finestra del loro appartamento che dava sul giardino. Iniziarono un dialogo sulle gioie del paradiso: Mentre parlavamo pensando a quelle, confessa il figlio, lo raggiungemmo un poco con tutto l impeto del cuore e sospirammo... Mia madre disse allora: «Figlio, quanto a me nessuna cosa più ha fascino in questa vita. Non so cosa faccio ancora qui, né perché vi sia, compiute ormai le speranze di questo mondo. Unico era il motivo per cui desideravo restare ancora un poco in questa vita: vederti cristiano prima di morire. Dio me l ha concesso con maggiore larghezza, facendomi vedere che disprezzi la felicità terrena e ti consacri al suo servizio» (IX, 10). Dopo alcuni giorni si mise a letto con la febbre. Presagendo prossima la sua fine, disse ai due figli affranti: «Voi seppellirete qui vostra madre... Ponete questo mio corpo dove volete; non vi preoccupate di esso. Vi domando soltanto che di me vi ricordiate presso il Signore in qualsiasi parte vi troviate» (IX, 11). Morì a 56 anni, dopo nove giorni di malattia (forse malaria), il 27 agosto del 387 e fu sepolta ad Ostia. Le sue reliquie sono venerate a Roma nella chiesa di Sant Agostino. Dalla Lettera del Vescovo (nn ): Il battesimo è ingresso nella Pasqua di Cristo. Da quel fonte usciamo, secondo la bella espressione di Paolo, come nuove creature : Se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove (2Cor 5,17). E nel brano battesimale già citato della lettera ai Romani egli parla di un uomo vecchio, segnato dal peccato, che è stato crocifisso con Cristo: dunque destinato a diventare un uomo nuovo, risorto (cf. Rm 6,6). Il battesimo come nuova nascita appare anche nel denso discorso di Gesù a Nicodemo nel vangelo di Giovanni: «Se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio» (Gv 3,5). Non basta essere venuti al mondo: bisogna rinascere da acqua e Spirito. La nuova creatura del battesimo, che vede ormai alle proprie spalle le cose vecchie ci ricorda che il battesimo è anche remissione del peccato. [...] Si potrebbe obiettare: ma quali sono le cose vecchie ormai passate di cui parla Paolo, quelle dell uomo peccatore, nel caso di un neonato, che è privo di passato? Dov è il male nella sua vita appena iniziata?

9 Potremmo rispondere che chi giunge all esistenza entra a far parte di un umanità che non è immacolata, non è al punto zero, ma è segnata da infinite storie di male e di peccato, personali e collettive, che sono evidenti segni di morte. Esse sono sotto gli occhi di tutti, e ben presto raggiungono anche la vita innocente di un bambino. [...] Del resto, chi di noi può dire: il male è entrato nella mia vita solo in quel momento, in quel giorno, in quell ora, mediante quell atto preciso, e non prima? Davvero, come recitiamo nel salmo Miserere, ognuno deve confessare che mia madre mi ha concepito peccatore (cf. Sal 51 (50),6), e a nessuno è difficile sperimentare, ben presto, che porsi sulla via di Gesù e del vangelo è impossibile alle sole proprie forze. Certo, sappiamo bene che perdono dei peccati non significa essere liberati per sempre dalle lusinghe del male; siamo ancora sottoposti a prove, che ci fanno chiedere nel Padre nostro di non essere abbandonati alla tentazione (cf. Mt 6,13). Ma da battezzati, sappiamo di combattere un male che non è invincibile, che non ha l ultima parola, che è sottoposto alla vittoria pasquale di Cristo, di cui siamo resi partecipi. Antifona mariana O Maria, tutte le genti ti proclamano beata perché hai portato in grembo il Figlio di Dio: insegnaci ad accogliere Gesù nella nostra vita e a lasciarci formare da Lui. O Maria, tutte le genti ti esaltano perché, quale fedele discepola del Verbo fatto uomo, hai cercato costantemente la volontà del Signore e l hai compiuta con amore: Insegnaci a mettere Lui al primo posto nella nostra vita, ad orientare a Lui i pensieri e le azioni e a credere che la potenza del suo Spirito può rinnovare in ogni momento la nostra vita. Amen. Guida Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Tutti Amen.

10

11 Scheda n. 2 Se tu conoscessi il dono di Dio La Samaritana Se tu conoscessi il dono di Dio (Gv 4,10) Il dono Preghiera iniziale Guida Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Tutti Amen. Tutti Vieni, Spirito Santo, dono del Padre altissimo, acqua viva, fuoco, amore. Fa che noi siamo docili alla tua Grazia. La vita ci parla Lunedì 8 luglio 2013 papa Francesco ha compiuto la sua prima visita ufficiale fuori dalle mura vaticane. Non si è trattato di una visita di Stato, né di un atto di venerazione in un santuario, ma di un segno di vicinanza e di preghiera, di attenzione agli ultimi, alla periferia meridionale dell Europa. La visita del Santo Padre a Lampedusa arriva proprio all inizio dell estate, quando sull isola si verifica un aumento del flusso di migranti. Un isola diventata uno dei principali porti di ingresso in Europa per i migranti disposti a rischiare la vita a bordo di barconi sovraffollati e insicuri, dopo aver affrontato sofferenze di ogni genere. Dopo l ennesimo dramma di morte in mare, papa Francesco si è incamminato verso il suo appuntamento, come Colui che si lascia afferrare dalle nostre vite disperse, quasi non potesse farne a meno. Infatti, per quella notizia «ho sentito che dovevo venire qui oggi a pregare», ha detto, spiegando che «il pen- siero vi è tornato continuamente come una spina nel cuore». «Dov è tuo fratello? La voce del suo sangue grida fino a me, dice Dio. Questa non è una domanda rivolta ad altri, è una domanda rivolta a me, a te, a ciascuno di noi. Quei nostri fratelli e sorelle», ha proseguito il Papa, «cercavano di uscire da situazioni difficili per trovare un po di serenità e di pace; cercavano un posto migliore per sé e per le loro famiglie, ma hanno trovato la morte. Quante volte coloro che cercano questo non trovano comprensione, accoglienza, solidarietà! E le loro voci salgono fino a Dio!». Sono voci di uomini, donne e bambini che bussano alle porte del nostro continente colmi di speranze, nomadi di una sete infinita: sete di libertà, sete di giustizia e dignità, sete di poter autodeterminare il proprio futuro. Una sete che rimane indifferente alle orecchie dei nostri cuori, come ha detto nell omelia papa Francesco: «Tanti di noi, mi includo anch io, siamo disorientati, non siamo più attenti al mondo in cui viviamo... non siamo più capaci neppure di custodirci gli uni gli altri... La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere in bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l illusione del futile, del provvisorio, che porta all indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell indifferenza». Il dono che ci ha fatto papa Francesco è lo scuotimento dall apatia del non è affare nostro, è in quell invocazione di perdono che ci ingloba tutti nel Cuore di Dio: perdono per essere chiusi nel nostro benessere «che

12 ci porta all anestesia del cuore». Il dono sono quei legni spezzati sulle morti, riscattati alla vita sull altare della Parola e della Mensa, segno che anche i relitti dimenticati possono essere ricostruiti a nuova vita, ed essere via di Resurrezione. Riflettiamo per qualche istante sul gesto di papa Francesco. Come si collega alla nostra vita quotidiana? Invocazione Signore, Tu ci attendi con pazienza, lì dove si incrocia il tuo sguardo con la nostra storia. Sei seduto al pozzo dei nostri giorni, lì dove viviamo, amiamo, speriamo. Manda a noi il tuo Spirito, spalanca il nostro cuore alla Grazia del Tuo Dono, perché non si spenga mai quella sete che ci ha fatti incamminare incontro a Te. Attiraci a Te quando le fatiche ci rallentano il passo. Immergici nella tua acqua limpida, perché abbiamo desiderio di una nuova vita, vogliamo vivere di Te. In ascolto Dal Vangelo secondo Giovanni (4,1-10) Gesù venne a sapere che i farisei avevano sentito dire: «Gesù fa più discepoli e battezza più di Giovanni» - sebbene non fosse Gesù in persona a battezzare, ma i suoi discepoli -, lasciò allora la Giudea e si diresse di nuovo verso la Galilea. Doveva perciò attraversare la Samaria. Giunse così a una città della Samaria chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio: qui c era un pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa mezzogiorno. Giunge una donna samaritana ad attingere acqua. Le dice Gesù: «Dammi da bere». I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi. Allora la donna samaritana gli dice: «Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana?». I Giudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani. Gesù le risponde: «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: Dammi da bere!, tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva». Per riflettere L appuntamento Gesù si mette in viaggio. Doveva attraversare la Samaria, luogo dei lontani, degli infedeli religiosi. La attraversa per quel dovere che solo in Dio si chiama Amore. Per un urgenza di sconfinare nelle nostre lontananze, nelle nostre distanze, nelle zone deserte del cuore. Attraversa il flusso dei nostri giorni distratti, l insieme degli impegni, delle preoccupazioni, delle fatiche... Attraversa e attende. Nel nostro quotidiano si apre una fessura sull Eternità: è nelle pieghe nascoste della vita, nella fatica, nella fragilità, nella debolezza, nel bisogno; si inoltra negli angoli remoti della nostra piccola fede per riportarli alla vita. Dio ci visita in un preciso momento della nostra storia, ci prende per mano e ci conduce in uno spazio di interiorità e incontro: viene a mezzogiorno, un tempo riconosciuto e fissato per sempre. La samaritana è l appuntamento di Gesù... noi siamo il suo appuntamento! Tutta la nostra vita è fatta di incontri. Ma quanto spesso sono banali o frettolosi; quelli veri, invece, ci impegnano, ci stimolano, ci fanno crescere e creano legami costruttivi, segnano in qualche modo la nostra vita. Ci aiutano a capire chi siamo, a trovare il

13 nostro posto nel mondo. Anche l incontro con Gesù è così: scuote la polvere, smuove le abitudini, cambia l esistenza. Con quella donna Lui è Colui che cerca, che incontra, che ama per primo, che attende. Ma il suo orologio è senza lancette: Dio è appuntamento senza tempo. Dio è l attesa amante nella pazienza, sempre assetato di noi, di immergere la nostra vita nella sua. E per la samaritana incontrare Gesù è incontrare la Vita... Lo è anche per noi? La sete La samaritana va ad attingere l acqua al pozzo portandovi ognuno di noi, che, come lei, vi giungiamo con la brocca vuota: quanti pozzi abbiamo visitato e non ci hanno dissetati, quante seti mai spente ci hanno prosciugato. Eccoci dinanzi a Dio, con il fardello di storie colme di solitudini, di progetti mal riusciti; con i cuori assetati di felicità, di vita vera, d amore e, se ne abbiamo il coraggio, come piccoli cercatori di verità. Sui cerchi d onda che l acqua imprime quando è scossa, c è il nostro volto vero, quello che Lui solo conosce. Al pozzo vi è un uomo stanco che prende l iniziativa e chiede: «Dammi da bere!», «Ho bisogno di te!». Gesù ha sete della fede di quella donna, ha sete della nostra fede. Chi ama ha sete di incontrare la creatura amata e quando uno ama conosce la delicatezza, è paziente e comprensivo. Gesù non inizia con la donna un incontro di verifica della sua vita, la incontra con dolcezza perché desidera conquistare il suo cuore. È il nostro cuore la sua méta: con Amore e Verità ci vuole attirare a sé per condurci in una via di fede, ad esplorare i sentieri impervi delle nostre seti, a scoprire le vere attese del cuore. Le domande impegnative della vita si dimenticano sepolte sotto uno spesso strato di polvere. Il dialogo con Gesù, che nasce ai bordi del nostro pozzo, ha la potenza della goccia d acqua che fende la roccia: scava nella nostra interiorità per far nascere in noi una sete eterna, sete d Altro. Lui sa che abbiamo bisogno di un punto fermo, di un senso vero e pieno, di un di più d amore... di un acqua viva. Senza acqua non c è vita. L acqua è uno dei beni essenziali e indispensabili alla vita: è ciò che purifica e lava, ciò che irriga e vince l aridità, ciò che disseta l uomo e alimenta la sua esistenza. E Cristo è l acqua per la nostra sete! Solo Lui può spegnere la nostra sete d amore! Il dono L amore ha il potere di cambiare il vuoto in pienezza. L amore, come un mare in tempesta, porta a galla i detriti e fa emergere i tesori nascosti. Così nel deserto del cuore la Parola scava, illumina, crea, irriga e rigenera l arida sabbia in un giardino. Un giardino di opportunità, di nuova vitalità, dono di Dio, dove ci sentiamo amati senza limiti, perdonati senza riserve. «Se tu conoscessi...». Gesù ci invita a desiderare il dono della sapienza, della conoscenza. C è una regia nell esperienza della fede che non è nelle mani dell uomo, ma solo in quelle di Dio. Ma è necessario il palpito del desiderio, come il frammento centrale di un puzzle che da solo determina tutto il mio centro di creatura, di cui perciò non posso fare a meno. E il desiderio è il dono più grande che Dio ci abbia fatto: scava in noi una voragine in cui Lui può riversarsi e che solo Lui può raggiungere e colmare. Il tesoro che cerco è già dentro di me: il mio più profondo è la mia finestra su Dio, è l Effatà, il mio Apriti al dono dello Spirito. La bellezza del suo dono è nell essere immersi profondamente nell identità di figli ricevuta nel battesimo e, nel desiderio di stare con Lui, sperimentare la pienezza del suo amore vivificante. L acqua che Gesù ci ha offerto per la prima volta il giorno del nostro battesimo, e che continua ad offrirci nei Sacramenti e nella sua Parola, ha il potere di generare in noi una vita nuova. È un acqua che è capace di dare un senso più profondo alla vita dell uomo, un acqua che disseta il bisogno di infinito, di senso, di pace, di amore. Che dilata la nostra esistenza, dà un nome alle seti, scioglie l indifferenza, cancella i pregiudizi, spazza i dubbi e le paure, libera la fede! Gesù desidera portare la donna, come noi, a conoscere il suo dono. Sogna per noi una vita

14 vera e nuova, di grazia, di libertà, di occhi nuovi... una vita da Dio! Domande per noi Esiste in me un angolo di desiderio, sia esso nascosto o trepidante, di essere atteso da Dio, essere il suo appuntamento nella storia della mia vita? Quale viaggio dentro me è necessario che io intraprenda? Quale sete mi spinge a correre al pozzo della mia vita? Credere, avere fede, è solo un contorno sbiadito della mia vita, o mi sono incamminato con la samaritana a scoprirne la vera essenza? «Se tu conoscessi il dono di Dio...». Quale dono ha portato con sé il battesimo nella mia vita? Quali frammenti di eternità mi ha aperto? Come percepisco l amore di Dio nella mia vita? Memoria del battesimo Il rito del battesimo inizia con l accoglienza del battezzando da parte del sacerdote, a nome di tutta la comunità cristiana. Si può fare memoria di questo momento della nostra vita varcando la porta della chiesa e cantando Accoglimi (Sequeri). Accoglimi, Signore, secondo la tua parola. Accoglimi, Signore, secondo la tua parola. Ed io lo so che Tu, Signore, in ogni tempo sarai con me (2 v.). Ti seguirò, Signore, secondo la tua parola. Ti seguirò, Signore, secondo la tua parola. Ed io lo so che in Te, Signore, la mia speranza si compirà (2 v.). Dal Rito del battesimo dei bambini: riti di accoglienza Il celebrante rivolge un saluto ai presenti, specialmente ai genitori e ai padrini, e accenna brevemente alla gioia con cui i genitori hanno accolto i loro bimbi come un dono di Dio: è lui, fonte della vita, che nel battesimo vuole comunicare la sua vita stessa. 37. Il celebrante domanda anzitutto ai genitori del bambino: Celebrante: Che nome date al vostro bambino? Genitori: N... Celebrante: Per N. che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il battesimo. Nel dialogo, il celebrante può usare altre espressioni. Nella seconda risposta, i genitori possono esprimersi con altre parole, come ad esempio: La fede, oppure La grazia di Cristo, o La vita eterna. 38. Il celebrante si rivolge ai genitori con queste parole o con altre simili: Celebrante: Cari genitori, chiedendo il battesimo per vostro figlio, voi vi impegnate a educarlo nella fede, perché, nell osservanza dei comandamenti, impari ad amare Dio e il prossimo, come Cristo ci ha insegnato. Siete consapevoli di questa responsabilità? Genitori: Sì. 39. Rivolgendo la parola ai padrini, il celebrante, con queste espressioni o con altre simili, domanda: Celebrante: E voi, padrino e madrina, siete disposti ad aiutare i genitori in questo compito così importante? Padrini: Sì. 40. Il celebrante prosegue: N., con grande gioia la nostra comunità cristiana ti accoglie. In suo nome io ti segno con il segno della croce. E dopo di me anche voi, genitori (e padrini), farete sul vostro bambino il segno di Cristo Salvatore.

15 Va e anche tu fa lo stesso Un santo testimone: Filippo Neri Filippo Neri nasce a Firenze il 21 luglio 1515, e riceve il battesimo nel bel san Giovanni dei Fiorentini il giorno seguente, festa di S. Maria Maddalena. Era dotato di un bellissimo carattere, pio e gentile, vivace e lieto, il Pippo buono, e suscitava affetto tra tutti i conoscenti. Ricevette una buona istruzione e poi fece pratica nell attività di suo padre e all età di diciott anni abbandonò gli affari e andò a Roma. Filippo vi giunse come pellegrino, e con l animo del pellegrino penitente, del monaco della città per usare un espressione oggi di moda; visse gli anni della sua giovinezza austero e lieto al tempo stesso, tutto dedito a coltivare lo spirito. Visse come laico per diciassette anni e inizialmente si guadagnò da vivere facendo il precettore, scrisse poesie e studiò filosofia e teologia. Cominciò a lavorare fra i giovani della città e fondò una confraternita di laici che si incontravano per adorare Dio e per dare aiuto ai pellegrini. Filippo trascorreva tempo con i suoi ragazzi, sollecitandoli a guardare oltre i propri limiti: «Buttatevi in Dio, buttatevi in Dio, e sappiate che se vorrà qualche cosa da voi, vi farà buoni in tutto quello in cui vorrà adoperarvi». Il desiderio di servire Dio si era impresso in lui fortemente insieme ad una grande umiltà: «Figlioli, siate umili, state bassi», amava ripetere ai suoi giovani. E quando doveva frenare l irrequietezza dei ragazzi diceva: «State fermi» e, sotto voce, «se potete». Nel 1551 Filippo Neri fu ordinato prete e andò a vivere nel convitto ecclesiastico di san Girolamo, dove presto si fece un nome come confessore; gli fu attribuito il dono di saper leggere nei cuori. Ed è proprio con i suoi penitenti che Filippo iniziò, nella semplicità della sua piccola camera, quegli incontri di meditazione, di dialogo spirituale, di preghiera, che costituiscono l anima ed il metodo dell Oratorio. Nacque così, senza un progetto preordinato, la Congregazione dell Oratorio : la comunità dei preti che nell Oratorio avevano non solo il centro della loro vita spirituale, ma anche il più fecondo campo di apostolato. Insieme ad altri discepoli di Filippo, iniziò quella semplice vita famigliare, retta da poche regole essenziali, che fu la culla della futura Congregazione. Filippo aveva il dono dell allegrezza, «Figliuoli, state allegri, state allegri. Voglio che non facciate peccati, ma che siate allegri», ripeteva sempre. Ma era una gioia che si alimentava alla fonte della preghiera, quella gioia che non viene scalfita dalle prove e dalle delusioni: «Non voglio scrupoli, non voglio malinconie. Scrupoli e malinconie, lontani da casa mia!». La sua sete di Dio portava Filippo a passare molto tempo in preghiera, specialmente di notte. Prediligeva le chiese solitarie, i luoghi sacri delle catacombe, memoria dei primi tempi della Chiesa apostolica, il sagrato delle chiese durante le notti silenziose: nella catacomba di san Sebastiano, nel 1544, sperimentò un estasi di amore divino che si crede abbia lasciato un effetto fisico permanente sul suo cuore. Tanta sete di Dio quanta del prossimo. Un intensa, quanto discreta nelle forme e libera nei metodi, attività di apostolato la svolse nei confronti di coloro che egli incontrava nelle piazze e per le vie di Roma (quelle che noi ora chiameremmo periferie), nel servizio della carità presso gli Ospedali degli incurabili, nella partecipazione alla vita di alcune confraternite. Tanto zelo nella preghiera quanto nel servire, con allegria incitava i suoi chierici a non abbandonarsi nell ozio: «Non è tempo di dormire, perché il Paradiso non è fatto pei poltroni». Nelle sue prediche insisteva più sull amore e sull integrità spirituale che sulle austerità fisiche, e le virtù che risplendevano in lui venivano trasmesse agli altri: amore per Dio e per l uomo, umiltà e senso delle proporzioni, gentilezza e gaiezza. Trascorse gli ultimi dodici anni della sua vita a S. Maria in Vallicella, dove incontrava ogni categoria di persone con animo paterno e dolcissimo, ma al tempo stesso forte ed impegnativo, nell intento di condurre a Dio ogni anima, non attraverso difficili sentieri

16 ma nella semplicità evangelica, nella fiduciosa certezza dell infallibile amore divino, nella letizia dello spirito che sgorga dall immergersi tutto in Dio. Si spense nelle prime ore del 26 maggio 1595, all età di ottant anni, amato dai suoi e da tutta Roma, di un amore carico di stima e di affezione. Nella sua vita cercò sempre di restare piccolo di non subire la tentazione delle cariche importanti e dei riconoscimenti. «Paradiso! Paradiso!» era il grido col quale calpestava ogni grandezza umana. Dalla Lettera del Vescovo (nn ): Il bambino è «battezzato nella fede della chiesa». In realtà, anche la fede del battezzato adulto è una «fede della chiesa», non è semplicemente la sua fede personale; né si può pensare che si battezzi solo nella fede personale del sacerdote, o dei genitori o di altre persone presenti. Essi, come dice il testo citato, rappresentano la fede della chiesa tutta intera. La fede della chiesa sarà anche quella che i genitori, e non solo loro, dovranno trasmettere al battezzato. Forse molti di noi, battezzati nell infanzia, possono affermare che fin da piccoli si sono sentiti accolti, avvolti, circondati, dalla fede della chiesa. È stato un clima, un habitat cristiano che ha fatto assimilare a poco a poco quella fede, che ha dato significato al battesimo ricevuto subito dopo la nascita e lo ha fatto sentire come un dono della chiesa percepita, insieme, come madre e come famiglia. Scrive papa Francesco: «Chi riceve la fede scopre che gli spazi del suo io si allargano, e si generano in lui nuove relazioni che arricchiscono la vita. Tertulliano l ha espresso con efficacia parlando del catecumeno, che dopo il lavacro della nuova nascita è accolto nella casa della Madre per stendere le mani e pregare, insieme ai fratelli, il Padre nostro, come accolto in una nuova famiglia» (Lumen fidei, 39). Per questo l educazione cristiana da parte dei genitori viene richiesta esplicitamente e ripetutamente nel corso della celebrazione. Antifona mariana Santa Maria, creatura nuova dello Spirito, Vergine fatta Chiesa, salve! Tu, che hai collaborato all opera della salvezza e nella pienezza del tempo hai donato Cristo, fonte di acqua viva, in cui l umanità intera può saziare l ardente fame e sete di comunione e di amore, insegnaci ad essere docili alla voce interiore dello Spirito, attenti ai suoi richiami alla nostra responsabilità di testimoni della fede. Madre della misericordia e madre dei credenti, ristora la nostra sete di Dio, innaffia della Grazia del Signore il nostro cuore inaridito, accogli la preghiera di noi tuoi figli. Amen. Guida Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna. Tutti Amen.

17 Il paralitico di Betzata Vuoi guarire? (Gv 5,6) La liberazione dal male Scheda n. 3 Se tu conoscessi il dono di Dio Preghiera iniziale Guida Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Tutti Amen. Tutti Vieni, Spirito Santo, nei nostri cuori e santificali. Vieni, Padre dei poveri, e sollevaci. Vieni, Autore di ogni bene, e consolaci. La vita ci parla L avventura cristiana di Paolo Caccone ( ) è affascinante perché ci mostra come anche nel nostro tempo sia possibile intendere la promessa di vita eterna contenuta nel Vangelo e credere ad essa. E come sia possibile credervi anche per uomini che vengono da lontano e che hanno vissuto devastanti ribellioni. Paolo nasce a Modena da una famiglia operaia, cresce lontano da ogni chiesa, fa politica. Ha vent anni nel 1968, è iscritto alla Fgci, vive in una «comune», entra in un gruppo filo-maoista. È iscritto a Biologia a Modena. La politica lo delude, la lettura di un libro sul Buddismo lo porta in India e in Pakistan, dove spera di trovare «il suo guru» e invece trova la droga. Arriva a spacciarla e viene arrestato durante un soggiorno romano: fa due anni di carcere. Poi un altra fuga in Francia e in Gran Bretagna. Rottura completa con la famiglia d origine. Non spaccia più, ma viene picchiato dagli spacciatori perché non paga le dosi. È in queste condizioni quando si presenta nel gennaio del 1986 al pronto soccorso dell ospedale di Modena per una colica renale: risulta sieropositivo. Ha preso l Aids dalla droga, probabilmente, attraverso una siringa usata e di Aids morirà sei anni più tardi. Ma intanto, in uno dei suoi passaggi in ospedale, incontra un monaco della comunità di don Dossetti, che gli dice «Venga a trovarci». Paolo va, incontra don Neri e poi don Dossetti e si confessa e si converte e nell autunno del 1989 entra nella «Piccola famiglia dell Annunziata», come si chiama la comunità monastica dossettiana. In essa vive tre anni da novizio. Muore monaco. (cfr. Umberto Neri, Morire per miracolo. Una storia di droga, carcere e Aids. E di una conversione autentica, Guaraldi 1995) Sostiamo qualche istante sulla vicenda di Caccone. Come si collega alla nostra e- sperienza quotidiana? Invocazione Dio mio, quando nel cammino verso di te non ho più provviste, non ho altra possibilità che rivolgermi a te, ritornare umile sui miei passi. Quando la colpa mi fa temere il castigo, la speranza mi offre riparo alla tua giustizia.

18 Quando l errore mi confina nel mio tormento, la fede annuncia il tuo conforto. Quando mi lascio vincere dal sonno della debolezza, i tuoi benefici e la tua generosità mi risvegliano. Quando la disobbedienza e la rivolta mi allontanano da te, il tuo perdono e la tua misericordia mi riconducono all amicizia. E tu sei sempre lì a sbirciare il mio ritorno per stringermi in un abbraccio rigenerante, aperto a un futuro unico d amore. Possa la tua Parola calare proficua nel mio cuore e farmi vivere per amarti e ringraziarti ogni giorno della mia vita. Amen. (Mario Gobbin) In ascolto Dal Vangelo secondo Giovanni (5,1-8) Dopo questi fatti, ricorreva una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. A Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici. Si trovava lì un uomo che da trentotto anni era malato. Gesù, vedendolo giacere e sapendo che da molto tempo era così, gli disse: «Vuoi guarire?». Gli rispose il malato: «Signore, non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l acqua si agita. Mentre infatti sto per andarvi, un altro scende prima di me». Gesù gli disse: «Alzati, prendi la tua barella e cammina». E all istante quell uomo guarì: prese la sua barella e cominciò a camminare. Per riflettere La crisi Per poter arrivare ad aprire il nostro cuore e la nostra esistenza al Signore, a volte, dobbiamo percorrere strade del tutto personali e lunghe. Lo stesso Signore permette che la nostra esistenza vaghi attraverso luoghi lontani ed esperienze limite, come la storia di Paolo Caccone racconta. Non tutti, certo e per fortuna, compiono percorsi di fallimento, e neppure è necessario arrivare fino ad esperienze di quel tipo, ma ad ognuno di noi spetta una caduta da cavallo, un momento nel quale le certezze e le sicurezze vengono a mancare. «Non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l acqua si agita. Mentre infatti sto per andarvi, un altro scende prima di me», dice il paralitico a Gesù. La salvezza che Dio ci dona nel Figlio Gesù ci raggiunge nella misura in cui noi liberamente apriamo la nostra vita a Lui invocandone l aiuto. Il compagno di viaggio Proprio il momento e l esperienza del fallimento e del peccato può diventare strada di rinnovato incontro con il Signore della vita. A volte, infatti, Egli ci attende attraverso varchi inattesi e inaspettati, momenti della vita che, guidati dalla sua provvidente azione, diventano occasioni uniche di incontro con Lui. In questi momenti la vicinanza di qualcuno che apre un senso, dischiude un significato, offre una nuova chiave di lettura, permette alla persona di dare un significato nuovo a ciò che sta vivendo. Il credente cristiano è quel compagno di viaggio che si accorge di chi lungo la strada della vita giace a terra malmenato, e sa chinarsi e spargere il vino della consolazione. A volte si tratta di offrire una nuova chance, porgere la mano dell amicizia, lasciare che l altro entri, con la sua fatica, nella propria vita e famiglia. La guarigione Quando ciò accade, quando cioè il Signore Gesù entra e tocca la vita della persona, essa si può rialzare in piedi. Alla piscina di Betzatà

19 addirittura non c è neppure bisogno che lo storpio entri nell acqua. La parola/comando del Signore - «Alzati, prendi la tua barella e cammina» - è sufficiente per rimetterlo in piedi e compiere il miracolo della guarigione. Il compagno di strada, il credente che aiuta il viandante a relazionarsi con il Signore, porta ed accompagna fino a quell incontro, non si sostituisce al Signore in quanto la salvezza avviene attraverso un incontro unico e personale. E il salvato diventa, a sua volta, capace di farsi compagno di strada per altre persone che cercano salvezza. L origine di questi incontri liberanti è nel nostro battesimo, quando Gesù ci ha liberato da quella realtà di morte che ci induce a fare alleanza con il male piuttosto che con il bene: il peccato originale. Immersi nel suo amore crocifisso, ormai nulla può separarci da lui e con lui possiamo lottare contro ogni forma di male che affligge noi e l umanità. Domande per noi Rispetto al racconto evangelico dove mi colloco? Al bordo della piscina a chiedere aiuto, a cercare salvezza magari a discapito di altri, ad offrire aiuto a chi lo chiede? Posso anch io affermare di essermi incontrato con l acqua della vita che mi ha ridato fiducia e speranza, mi ha rimesso in piedi perdonando il mio peccato? Memoria del battesimo Si pone al centro un ampolla contenente l olio per l unzione dei catecumeni. Guida Nell antichità l olio era usato dagli atleti sia per tonificare i muscoli, sia per sfuggire alla presa degli avversari. Anche noi siamo stati unti con l olio prima di essere battezzati per essere irrobustiti simbolicamente nella lotta contro satana e il peccato. Sostiamo qualche istante ripensando alla grazia ricevuta nel battesimo. Andiamo con la mente alle lotte che sosteniamo quotidianamente contro il male e chiediamo al Signore la forza di non soccombere. Dopo un tempo di silenzio preghiamo insieme, a due cori, con queste parole di don Angelo Saporiti: Quante volte, mio Dio, la vita mi dissangua... Quante volte, le mie energie se ne vanno per mille rivoli... Quante volte, le delusioni e i fallimenti hanno prosciugato la mia voglia di cambiare... Quante volte le mie scelte sbagliate, il mio modo di comunicare, di amare, mi hanno gettato nell isolamento. In quei momenti, per non morire, ho cercato di raggiungere una sicurezza, ho voluto aggrapparmi a qualcuno che mi potesse aiutare, ho tentato di evitare gli sguardi taglienti di chi mi giudicava. In quei momenti, in cui mi ritenevo perduto, ho afferrato l ultima spiaggia che potesse guarire il mio cuore: Te, Signore! Ho provato ad avere fede in te, a fidarmi della tua forza. Ho giocato il tutto e per tutto con te. E ho provato a venirti dietro, a seguirti. Ho provato ad imitare il tuo stile di vita, il tuo sguardo sul mondo e sulle cose, il tuo saper donare e ricevere, il tuo modo di toccare e di essere toccato. E tu mi hai guarito! Hai risvegliato in me quel fanciullo che era morto, o solo addormentato. Mi hai dato una nuova vita interiore. Mi hai mostrato nuovi modi di vivere il contatto con gli altri.

20 Mi hai sollevato dalle amarezze, dalle stanchezze e dalle immobilità che bloccavano la mia vita. E mi hai detto: Non avere paura. Continua solo ad avere fede. E questo è l unico, solo, assoluto segreto della mia rinascita interiore: la fede in te, Dio di guarigione! Dal Rito del battesimo: orazione di esorcismo e unzione prebattesimale Celebrante: Dio onnipotente, tu hai mandato il tuo unico Figlio per dare all uomo, schiavo del peccato, la libertà dei tuoi figli; umilmente ti preghiamo per questo bambino, che fra le seduzioni del mondo dovrà lottare contro lo spirito del male: per la potenza della morte e risurrezione del tuo Figlio, liberalo dal potere delle tenebre, rendilo forte con la grazia di Cristo, e proteggilo sempre nel cammino della vita. Per Cristo nostro Signore. Assemblea: Amen. 57. Il celebrante continua: Ti ungo con l olio, segno di salvezza: ti fortifichi con la sua potenza Cristo Salvatore, che vive e regna nei secoli dei secoli. Assemblea: Amen. Va e anche tu fa lo stesso In un appunto senza data, ma posteriore alla conversione, Paolo Caccone scrive così: «Pacificazione. Attraverso il silenzio e l ascolto». La storia di quest uomo ci dice come sia possibile oggi l ascolto e il silenzio in mezzo al frastuono, alla dissipazione, allo stordimento dell epoca. E come sia possibile nell avventura di un uomo che quello stordimento aveva pienamente sposato. Nella sua esperienza prima del silenzio c era stato il grido a Dio: «Ormai abbandonato alla disperazione più completa e in preda alla paura e al dispiacere totale del fallimento, una notte piansi e piansi ore ed ore, chiedendo a un Dio se mai ce ne fosse stato uno di aiutarmi: perché quello era il momento». Il grido al Signore e la pacificazione si intrecciano continuamente nell avventura di Paolo. Per esempio di fronte alla tentazione per lui più forte, quella della «lussuria», come la chiama: Allora gridai il nome di Gesù, e tutto si disciolse». In una lettera a don Dossetti, scritta il 7 agosto 1990, trovo il suo testo più bello: «Dio è svisceratamente innamorato della sua creatura e il suo grande diletto consiste nell ascoltarla, e per questo la tiene nella sua grande mano (Gesù), e la nostra intima gioia consiste nel sentirci stretti con forza a lui vicino, vicino, vicino. Non vado in cerca di cose grandi, superiori alle mie forze». All omelia della messa di commiato, Dossetti parlò così di questo suo figlio dell ultima ora: «Aveva percorso tutte le strade del mondo e tutte le possibilità terrene, in un inquietudine che talvolta si cambiava in ribellione, e tal altra diventava ricerca sincera». Don Giuseppe invitò i genitori e i parenti di Paolo a vederlo come il figlio prodigo: «Egli è ritornato, capite? Il figliol prodigo è ritornato in bellezza, e vi è stato restituito dal Signore meglio e più grande di quello che era». E concluse così: «Nella nostra Famiglia è vissuto come un monaco perfetto, dandoci esempio e commuovendo tutti. Sicché noi diciamo: Paolo, prega per noi!».

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 01/4/2013 LUNEDÌ DELL ANGELO Letture: Atti 2, 14. 22-23 Salmo 16 (15) Vangelo: Matteo 28, 1-15 NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN! Ci mettiamo alla Presenza del Signore,

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù

LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù 3 a Domenica di Quaresima - LA SAMARITANA LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù Nella stanza si dovrà preparare il Vangelo aperto posto su un leggio o un cuscino e posizionarlo

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa Voi avete scelto di essere dei cooperatori dell opera di madre Teresa. Avete scelto di compiere qualcosa che possa essere d aiuto alle suore missionarie

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo

Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo Il Rito del Battesimo Il santo Battesimo è il fondamento di tutta la vita cristiana, il vestibolo d'ingresso alla vita nello Spirito e la porta che

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Li inviò a due a due

Li inviò a due a due FEBBRAIO 2015 Adorazione eucaristica dell Istituto Santa Famiglia Li inviò a due a due Proseguiamo la riflessione e preghiera sulla Chiesa in uscita missionaria a partire questa volta dalle indicazioni

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

DOMENICA DOPO L EPIFANIA BATTESIMO DEL SIGNORE Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco

DOMENICA DOPO L EPIFANIA BATTESIMO DEL SIGNORE Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco DOMENICA DOPO L EPIFANIA BATTESIMO DEL SIGNORE Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Nella liturgia odierna, la Chiesa festeggia il Battesimo del Signore, che è l epifania

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni)

Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni) Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni) Consegna del Credo OBIETTIVI PRINCIPALI - I ragazzi sono aiutati con la loro testa e la loro vita a scoprire il volto del nostro Dio che è Padre, Figlio

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli BENEDIZIONE Il celebrante benedice le mamme, che tengono in braccio il loro bambino, quindi i papà e tutti i presenti, dicendo: Dio onnipotente, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla vergine Maria,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO?

CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO? Parrocchia santi Giacomo e Filippo ORATORIO SAN GIOVANNI BOSCO www.oratoriocornaredo.it anno pastorale 2007/2008 Primo incontro di riflessione per i genitori di Terza elementare CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO?

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD)

CASA ESERCIZI SPIRITUALI CASA PADRE LUIGI SUORE DELLA PROVVIDENZA VIA MOIMACCO 21, ORZANO DI REMANZACCO (UD) ARCIDIOCESI DI UDINE UFFICIO DIOCESANO PER LA PASTORALE DELLA FAMIGLIA La coppia cristiana: segno di speranza pomeriiggiio dii spiiriitualliità famiilliiare domenica 27 aprile 2014 CASA ESERCIZI SPIRITUALI

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio

Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio Leggiamo un passo del vangelo di Giovanni (Gv 4, 7-10):

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

(Catechismo della Chiesa cattolica Compendio, 561).

(Catechismo della Chiesa cattolica Compendio, 561). PREGARE PER VIVERE IN PIENEZZA di Fr. Renato D Andrea O. P. La preghiera ci consente di metterci in comunione con Dio-Amore da cui si impara l amore. Solo imparando l amore e di conseguenza amando, si

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Pregate il Padrone della messe

Pregate il Padrone della messe PASTORALE VOCAZIONALE Pregate il Padrone della messe Dalla Trinità all Eucaristia: chiamati alla comunione Suor Carmela Pedrini L icona della Trinità di Andrei Rublev (1360-1430) si ispira all apparizione

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

E voi, padrini e madrine, siete disposti ad aiutare i genitori in questo compito così importante?

E voi, padrini e madrine, siete disposti ad aiutare i genitori in questo compito così importante? RITO DI ACCOGLIENZA Genitori Genitori Genitori Che nome date al vostro bambino? Per i vostri bambini che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Il Battesimo. Cari genitori, chiedendo il Battesimo per i vostri

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli