Gruppo Hera: attività nel settore delle energie rinnovabili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gruppo Hera: attività nel settore delle energie rinnovabili"

Transcript

1 Gruppo Hera: attività nel settore delle energie rinnovabili 1

2 Un approccio rinnovabile su tutte le filiere Le caratteristiche di HERA Rispetto per l ambiente come elemento fondamentale di rapporto con il proprio territorio Gestione contestuale delle filiere energia, acqua e ambiente (valore della visione di insieme) L approccio Costituzione di un apposita divisione organizzativa dedicata alle attività di ricerca e sviluppo Costituzione di una apposita società (Hera Energie Rinnovabili) a presidio delle attività del Gruppo di sviluppo delle Energie Rinnovabili Promozione diretta della ricerca e applicazione di soluzioni tecnologiche all avanguardia Pragmatismo e certezza degli sviluppi industriali Impegno allo sfruttamento delle opportunità di recupero e valorizzazione energetica in tutti i business Individuare opportunità di sviluppo integrato sull intero ciclo dei servizi vs. ricerca massa critica 2

3 Principali impianti di produzione energia rinnovabile (potenza installata) RUNNING MW PV 4 impianti integrati su tetto 7 impianti a terra Piccoli impianti sulle sedi del gruppo 3,3 MW 5,2 MW 0,7 MW HYDRO Impianto del Cavaticcio 1,8 MW GEOTERMICO Impianto di Ferrara 14 MW WTE BIOMASSA, BIOGAS, BIODIGESTORI 10 impianti per il trattamento urbano dei rifiuti 13 impianti a biogas Biogas da trattamento dei rifiuti 4 digestori anaerobici 1 impianto a biomassa 150 MW 14 MW 2,0 MW 4,3 MW 13 MW Nel Piano Industriale del Gruppo Hera sono inclusi ulteriori sviluppi di capacità installata, specialmente sugli impianti CHP. Il Gruppo Hera partecipa inoltre alla costruzione del WTE di Firenze (rifiuti urbani). TURBOESPANSORI 6 impianti sulle cabine primarie 9 MW CHP Impianto di Imola (integrato con TLR) 16 impianti di medie dimensioni 17 impianti industriali in service 85 MW 30 MW 26 MW ~ 350 MW 3

4 2014 Electric and Thermal Energy Production GWh En. elettrica prodotta (2014) En. termica prodotta (2014) WTE (51% produzione dei WTE - rinnovabile) Biogas 71 Biogas da digestione 24 5 Biogas da trattamento rifiuti 7 7 PV 12 Biomass a Hydro 2 Geotermica 78 SUBTOTAL RINNOVABILI PURE CHP CHP (service) Turboespansori 10 SUBTOTAL ALTA EFFICIENZA WTE (non-rinnovabile %) Impianti termici 344 SUBTOTAL TRADIZIONALI TOTALE Nel 2014, il 43% circa della produzione di energia elettrica è venuta dalle rinnovabili (partecipazioni del gruppo in impianti CCGT escluse). Questa percentuale aumenta al 70% se si considerano impianti di cogenerazione ad alta efficienza. Anche l energia termica è principalmente prodotta (~60%) attraverso sorgenti a basso impatto ambientale (rinnovabili + sistemi ad alta efficienza) Tradizionali Alta efficienza "Alta Rinnovabili efficienza" 28% 29% 43% E.E. E.E. prodotta 42 % % % E.T. T.E. prodotta prodotta 4

5 Overview of Hera Energie Rinnovabili SpA Hera Energie Rinnovabili S.p.A. ( HER ) è la società del Gruppo Hera attiva nella produzione di energia da fonti rinnovabili Ad oggi, HER ha sviluppato impianti fotovoltaici di elevata qualità con un totale di potenza installata pari a 7.5 MWp Questi impianti sono principalmente localizzati nell area geografica di riferimento del Gruppo Hera (i.e. Emilia Romagna) e comprendono entrambe le tipologie di impianti, a terra e su tetto Nel 2013, HER ha generato ricavi per 3,9m e un EBITDA di 3,1m COMPANY OVERVIEW Tutti gli impianti PV sono al 100% di HER, con il solo impianto di Ghirlandina Solare nel quale HER detiene una partecipazione del 33% HISTORY OF HERA ENERGIE RINNOVABILI NET INSTALLED CAPACITY Costituzione di HER ed acquisizione del PV Interporto 1 da Hera S.p.A. Costruzione e connessione alla rete dei PV Interporto 2 e Interporto 3 (1 MWp ognuno) Alfianello (BS) ~ 1 MWp Ghirlandina Solare Srl Modena (MO) ~ 1 MWp YTD Costituzione di Ghirlandina Solare Srl per costruire il PV da 1 MWp di Modena Costruzione e connessione alla rete del PV di Interporto 4 e Ghirlandina Solare (partecipazione del 33%) Acquisizione delle SPV di Alfianello, Copparo, Faenza e Petriolo e successiva fusione in HER Focus sull aumento di efficienza attraverso l ottimizzazione dell O&M Interporto 1,2,3,4 Bentivoglio (BO) Faenza (RA) ~ 1 MWp Copparo (FE) ~ 1 MWp ~ 3,2 MWp Petriolo (MC) ~ 1 MWp 5

6 Overview of HER Installed Capacity Interporto 1 Interporto 2 Interporto 3 Interporto 4 Alfianello Copparo Faenza Petriolo Ghirlandina Solare Potenza [kwp] Localizzazione Interporto Bologna Interporto Bologna Interporto Bologna Interporto Bologna Alfianello (BS) Copparo (FE) Faenza (RA) Petriolo (MC) Modena Data di connessione 17/04/ /06/ /06/ /07/ /06/ /05/ /04/ /07/ /02/2011 Conto energia I CE II CE II CE IV CE II CE III CE III CE IV CE II CE Tariffa [ /MWh] 514, Tipo di impianto Fixed Fixed Fixed Fixed Fixed Fixed Fixed Fixed Fixed Posizione Tetto Tetto Tetto Tetto Terra Terra Terra Terra Terra Produttore dei pannelli Sharp Kyocera First Solar Sun Earth Yingli Solar ILB Helios Moserbaer Canadian Sun Earth Tecnologia dei pannelli mono-si poli-si CdTe mono-si poli-si poli-si poli-si poli-si mono-si Produttore dei pannelli Santerno Power One Power One Power One Power One Santerno SMA SMA Power One Tecnologia inverter Central Central Central String Central Central Central Central String Stima produzione con PVGIS [MWh] Produzione media [MWh] Ore equiv prod [MWh/MWp] , ,070 1,080 1,090 1,240 1, Impianti fotovoltaici di elevata qualità e performance (i.e. 14% superiore alle iniziali stime di PVGIS) 6

7 Hera Energie Rinnovabili SpA: Interporto Rooftop PV Plants Gli impianti su tetto si trovano tutti nell area di Interporto Bologna Gli impianti in quest area sono 4 distinti impianti per una potenza complessiva installata di 3.2 MWp La produzione media annua di questi 4 impianti su tetto è di MWh Questa produzione corrisponde a tonnellate di CO2 evitate ogni anno 4 pv su tetto 3,2 MWp installati MWh prodotti tonnellate di CO2 evitate 7

8 Hera Energie Rinnovabili SpA: Land PV Plants Gli impianti a terra si trovano in tre diverse regioni: Emilia Romagna, Lombardia e Marche I PV a terra sono 5 per una potenza totale installata di 5 MWp La produzione media annua di questi 5 impianti è di MWh Questa produzione corrisponde a tonnellate di CO2 evitate ogni anno 5 pv a terra 5 MWp installati MWh prodotti tonnellate di CO2 evitate 8

9 Evoluzione del mercato Una multiutility Una smart city 1. Guadagna dallo smaltimento rifiuti 2. Guadagna dalla vendita di gas 1. Riduce i rifiuti e il loro smaltimento 2. Riduce il consumo di energie fossili ( ) 1. Produrre materia e biocombustibili dal rifiuto (vetro, carta, plastica, CSS, ecc.) 2. Produrre e distribuire energia rinnovabile termica e elettrica 9

10 Il trend 10

11 11

12 Distribuzione consumi 12

13 Indirizzi UE Obiettivi energetici UE al 2020: 20% in meno di anidride carbonica 20% in meno di energia consumata 20% di energia rinnovabile Elettrica e Termica 10% di biocarburanti Obiettivi rifiuti UE al 2020: 50% di recupero materia (vetro carta, palstica, ecc.) Biowaste in discarica inferiori al 35% rispetto al

14 Gli obiettivi per l Italia EU 20% energia rinnovabile 10% carburanti rinnovabili IT Necessità di energia rinnovabile = 17% energia consumata Energia Elettrica = 43% (5.600 ktep) Calore rinnovabile = 33% (4.300 ktep) Bio Carburanti = 24% (3.100 ktep) ER Obiettivi Emilia Romagna : 9% energia rinnovabile Italiana = tep Elettrici = 400 ktep Calore e carburanti = 800 ktep = 900 milioni di Nmc CH4 La norma sul Burden sharing prevede il monitoraggio da parte dello Stato del raggiungimento degli obiettivi intermedi da parte delle Regioni, nel caso di mancato raggiungimento viene imposto il commissariamento della Regione, dal punto di vista energetico, e l acquisto da parte del commissario di quote di energia rinnovabile da regioni confinanti o da stati confinanti, a spese del bilancio regionale. 14

15 Smart energy 1. Produzione energia termica e biocarburanti 2. Efficienza energetica 3. Produzione energia elettrica 15

16 Drivers 1. Bioraffineria : biometano, biocarburanti e biocombustibili da rifiuti Generazione distribuita 2. Efficienza energetica : cogenerazione distribuita con Fuel cell 3. Risparmio energetico : Nest technology Risparmio energetico Smart Energy Bioraffineria 16

17 Energia termica e biocarburanti Bioraffineria : trend e linee strategiche 1. Oltre all energia elettrica rinnovabile bisogna produrre anche calore rinnovabile, tramite (solare termico, biomasse, biometano, ecc.) L Emilia Romagna per rispettare gli obiettivi UE e di Burden Sharing deve produrre un quantitativo pari a 900 milioni di Nmc di metano. 2. Dalla raccolta differenziata di tutti i rifiuti organici umidi regionali e dalla successiva trasformazione in biometano si può produrre il 4% del totale termico richiesto per la regione Emilia Romagna come calore+biocombustibili. 3. La produzione di biometano da sottoprodotti agroalimentari può coprire una parte ulteriore di questi bisogni, tale linea di produzione richiede l utilizzo di nuove tecnologie di pretrattamento analoghe a quelle sviluppate per il bioetanolo di seconda generazione (Mossi e Ghisolfi). 4. Il biometano può essere immesso in una rete rete gas (smart) e distribuito a tutte le utenze singole, oppure utilizzato come biocarburante 5. Ulteriori quote di energia come biocarburanti possono essere recuperate dal trattamento di alcune tipologie di rifiuti liquidi (oli alimentari) e solidi (biomasse legnose, ecc.) 17

18 Bio energia Bioraffineria Waste to gas Biometano Waste to fuels Biocombustibili e Biocarburanti Power to gas Energy storage 18

19 Smart gas grid Situazione attuale Distribuzione mono-gas Top-down supply chain Nessuna interazione con le altre reti energetiche Situazione futura Multi gas: CH4, bio CH4, H2 Bi directional supply chain Interazione con rete elettrica e teleriscaldamento Rete passiva Rete attiva, intelligente con monitoraggio e controllo di qualità, portata, pressione 19

20 Energy storage 20

21 Active grids Data grid 21

22 22

23 Trend e linee strategiche Efficienza energetica 1. La produzione di energia elettrica tramite combustione ha un rendimento del 40-50%, il 60% residuo è disperso come calore. Per avere rendimenti dell 80-90% bisogna recuperare il calore. 2. Il calore si può recuperare tramite reti di teleriscaldamento che collegano il generatore ai luoghi di utilizzo, oppure spostando il generatore presso i luoghi stessi cioè utilizzare una cogenerazione distribuita 3. Per realizzare una cogenerazione distribuita dobbiamo utilizzare sistemi di cogenerazione anche di piccola taglia (25 kw) da installare nelle singole abitazioni. Ogni volta che produrremo energia termica, in abbinamento avremo anche energia elettrica da utilizzare in loco o da immettere in rete (rendimento dell 80%) 4. Utilizzare a questo scopo dei motori a combustione di piccole dimensioni non è la soluzione migliore (costi di gestione, manutenzione, ecc.) l introduzione delle fuel cell a metano consente di recuperare il calore direttamente sul luogo di utilizzo, senza emissioni e con bassi costi di manutenzione. 23

24 Cogenerazione distribuita Inserendo in ogni abitazione una fuel cell, ogni volta che vendiamo calore al cliente produciamo anche energia elettrica da vendere alla rete/cliente (replichiamo quanto già avviene a livello industriale con i cogeneratori gas to power). electricity Electrical grid Fuel cell electricity Methane gas Heat Gas grid 24

25 Risparmio energetico Integrazione con I servizi attuali : Energy Efficiency business activities Nest Technology Google ha invece comunicato l'acquisizione per 3,2 miliardi di dollari di Nest Lab, azienda attiva nella domotica fondata da Tony Fadell e Matt Rogers, già membri del team che sviluppo iphone e ipod per Apple qualche tempo fa. Nest Lab è nata nel 2010 e sviluppa oggetti per la casa intelligente in grado di regolare la temperatura e rilevare il fumo. Hanno venduto molto negli Usa, perché semplici da usare, capaci di regolarsi sulle abitudini degli utenti e di gestire alcune funzioni in maniera autonoma. (Il Sole 24 Ore) 25

26 Trend e linee strategiche La Produzione di energia elettrica 1. La Germania ha pianificato l adozione di un sistema energetico Fossil fuel free, che prevede oltre al non utilizzo di idrocarburi anche l uscita dal nucleare. L energia verrà prodotta con biogas, eolico, biomasse, ecc.) 2. Negli ultimi 10 anni abbiamo assistito ad una riduzione dei costi relativi ai pannelli fotovoltaici del 75%. Oggi abbiamo una sostanziale grid parity ; prossimamente costerà meno produrre energia elettrica in maniera rinnovabile rispetto a quella prodotta tramite combustione di idrocarburi. 3. Per produrre con il fotovoltaico tutta l energia elettrica necessaria ad un bacino di 1 milione di abitanti (per es. la Romagna) è sufficiente utilizzare il 2% di tutta la Superficie Agricola Utile (Sau) presente in Romagna. 4. I pannelli fotovoltaici più performanti hanno raggiunto un rendimento elettrico del 40% sulla energia solare incidente (Fraunhofer Institute) contro il 15% attuale offerto sul mercato, per cui in futuro si ridurranno ulteriormente le superfici necessarie. 5. Produrre la stessa quantità di energia tramite combustione biomasse richiede molto più impegno di territorio rispetto al fotovoltaico. Da questo punto di vista il fotovoltaico è 40 volte più efficiente dell impianto a biomasse. 6. Stanno entrando in commercio sistemi di produzione di energia eolica idonei a venti con basse velocità, per cui si ampliano le zone idonee alle produzioni eoliche presenti nel nostro territorio. 7. L esubero di energia elettrica rinnovabile necessita di stoccaggi energia per renderla disponibile quando è richiesta. Ciò può consentire di avviare lo schema power to gas, cioè utilizzare gli esuberi di energia elettrica per produrre gas sottoforma di H2 o CH4 da immettere nella rete gas, in modo da stoccare gli eccessi di energia. 26

27 Risultati del progetto smart energy Le nuove tecnologie ci permetteranno di : raggiungere gli obiettivi comunitari al 2020 ( ) Risparmio energetico Efficienza energetica Produzione energia rinnovabile elettrica Produzione energia termica rinnovabile Produzione biocombustibili rendere le città energeticamente smart acquisire una leadership nella produzione di energia smart 27

28 Smart City I tre progetti sono interconnessi e lo sviluppo di ognuno ha sinergie con gli altri Smart grid Smart waste Smart energy 28

29 Prossimi passi Conclusioni o inizio Definire modalità realizzative di ognuno dei 10 petali dei tre progetti: 1. Fattibilità tecnica 2. Fattibilità economica 3. Tempi di entrata nel mercato 4. Risorse da impegnare 5. Definizione dei vari step di gestione del progetto Individuare altri eventuali progetti che possano inserirsi nello schema Smart hera 29

Il ruolo delle Aziende dei S.P.L. nel campo delle Energie Rinnovabili

Il ruolo delle Aziende dei S.P.L. nel campo delle Energie Rinnovabili Il ruolo delle Aziende dei S.P.L. nel campo delle Energie Rinnovabili LUIGI CASTAGNA Presentazione del Progetto Distretto Agroenergetico dell Appennino Bolognese PorrettaTerme Sabato 21 Marzo 2015 CONFSERVIZI

Dettagli

un agricoltura più sostenibile L evoluzione del biogas per AB ENERGY SPA per ridurre la biomassa che alimenta Utilizzo del calore di cogenerazione

un agricoltura più sostenibile L evoluzione del biogas per AB ENERGY SPA per ridurre la biomassa che alimenta Utilizzo del calore di cogenerazione L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile Utilizzo del calore di cogenerazione per ridurre la biomassa che alimenta l impianto a parità di potenza elettrica Bologna, mercoledì 6 luglio

Dettagli

Il potenziale delle fonti termiche per i Piani Energetici Regionali

Il potenziale delle fonti termiche per i Piani Energetici Regionali Terza Conferenza Nazionale sulle Rinnovabili Termiche Il Caldo e il Freddo nel Conto 20-20-20 Il potenziale delle fonti termiche per i Piani Energetici Regionali Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione

Dettagli

Gli obiettivi 20-20-20 e le incentivazioni della cogenerazione e delle fonti rinnovabili: il quadro italiano è bilanciato?

Gli obiettivi 20-20-20 e le incentivazioni della cogenerazione e delle fonti rinnovabili: il quadro italiano è bilanciato? Gli obiettivi 20-20-20 e le incentivazioni della cogenerazione e delle fonti rinnovabili: il quadro italiano è bilanciato? Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione Italiana Riscaldamento Urbano

Dettagli

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI Ing. Alessandro Massone Austep S.r.l. Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com www.austep.com 1 LA COGENERAZIONE

Dettagli

Sistemi di teleriscaldamento geotermici per aree urbane: Ferrara.

Sistemi di teleriscaldamento geotermici per aree urbane: Ferrara. Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Sistemi di teleriscaldamento geotermici per aree urbane: l esperienza e le prospettive di sviluppo

Dettagli

La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile

La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile La Generazione Distribuita: Un Nuovo Modello di Sviluppo Sostenibile Sonia Sandei Responsabile Impianti Generazione Distribuita Enel Energia Soluzioni Grandi Clienti Italian DHI Conference Torino, 15 Ottobre

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011

Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Lo sviluppo del biogas e del biometano in Italia alla luce del nuovo Decreto legislativo 28/2011 Rocca di Casalina, Deruta (PG) 15 settembre 2011 Marino Berton Quali politiche di incentivo per il biogas

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE A GAS Risparmio energetico attraverso la realizzazione di impianti per la produzione di energia termica/frigorifera ed elettrica 1 Cogenerazione e Trigenerazione La cogenerazione

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

L esperienza geotermica. di Ferrara

L esperienza geotermica. di Ferrara L esperienza geotermica di Ferrara Fausto Ferraresi Direzione Teleriscaldamento HERA s.p.a. Acquasanta Terme, 25 gennaio 2014 0 Cos è il Teleriscaldamento Il Teleriscaldamento è un sistema di riscaldamento

Dettagli

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore geotermico Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

GEOTERMIA E TELERISCALDAMENTO: L ESPERIENZA DI FERRARA

GEOTERMIA E TELERISCALDAMENTO: L ESPERIENZA DI FERRARA Quarta Conferenza Nazionale per le Rinnovabili Termiche Milano, 13-14 maggio 2013 GEOTERMIA E TELERISCALDAMENTO: L ESPERIENZA DI FERRARA Ing. Franco Buscaroli Direzione Teleriscaldamento Hera s.p.a. Agenda

Dettagli

Base Emission Inventory Comune di Calderara di Reno

Base Emission Inventory Comune di Calderara di Reno Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Base Emission Inventory Comune di Calderara di Reno Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA

Dettagli

Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese

Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE

Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE Biomasse: stato dell arte e prospettive future Riccardo Ballesio, Laura Cardinali SAFE Sommario Bioenergia nel mondo Panoramica europea Situazione italiana Considerazioni conclusive Bioenergie: una realtà

Dettagli

Spaghetti e Biocarburanti: le opportunità di sviluppo e impatti dei biocombustibili sul settore agroalimentare Rimini, 9 Novembre 2007 Biometano: prospettive in Italia Sergio Piccinini Centro Ricerche

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

LA NORMATIVA REGIONALE SUL BIOGAS: I PUNTI CRITICI

LA NORMATIVA REGIONALE SUL BIOGAS: I PUNTI CRITICI LA NORMATIVA REGIONALE SUL BIOGAS: I PUNTI CRITICI Bastia Umbra, 3 ottobre 2012 Di norma breve sintesi del relatore: Ernesta Maria Ranieri Premessa: I limiti della potestà regionale : la competenza in

Dettagli

Biogas e biometano per la competitività dell azienda agricola

Biogas e biometano per la competitività dell azienda agricola la competitività dell azienda agricola CONFERENZA Bioenergia: quali prospettive per l agricoltura e l impresa italiana Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 6 luglio 2015, Milano Centro Ricerche

Dettagli

Le Comunità Solari e la transizione energetica verso l Europa Solare del 2050

Le Comunità Solari e la transizione energetica verso l Europa Solare del 2050 Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Le Comunità Solari e la transizione energetica verso l Europa Solare del 2050 Leonardo Setti Università di Bologna CIRI ENERGIA&

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Le sfide per il futuro. Enrico Pochettino

L'EVOLUZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Le sfide per il futuro. Enrico Pochettino L'EVOLUZIONE DEL SETTORE ELETTRICO Le sfide per il futuro Enrico Pochettino 13 Novembre 2015 LA NASCITA DEL MERCATO ELETTRICO IN ITALIA Il primo impianto italiano: la Centrale elettrica di via Santa Radegonda

Dettagli

SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente

SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente SCHEDA questionario da compilarsi dall Ente competente COMUNE DI Provincia di Nome e qualifica del funzionario che compila il questionario Ufficio/Ente/Servizio che compila il questionario Indirizzo CAP

Dettagli

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo IL TandEM PERCHE New! Taglia la bolletta Installando il TandEM di asjagen puoi generare contemporaneamente energia elettrica e calore (cogenerazione ad alto rendimento) utilizzando un unico combustibile.

Dettagli

Stefano Valentini Piattaforma Energia & Ambiente Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna

Stefano Valentini Piattaforma Energia & Ambiente Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna Il biometano in Regione Emilia-Romagna: il progetto Stefano Valentini Piattaforma Energia & Ambiente Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna Project cofinanced by the European Regional Development Fund (ERDF)

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

USO DELLE ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI AD ISCHIA ANGELO D'ABUNDO CORDINATORE PROGETTO ISCHIA AREA ENERGIA AMBIENTE E TERRITORIO APRILE 2011

USO DELLE ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI AD ISCHIA ANGELO D'ABUNDO CORDINATORE PROGETTO ISCHIA AREA ENERGIA AMBIENTE E TERRITORIO APRILE 2011 USO DELLE ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI AD ISCHIA ANGELO D'ABUNDO CORDINATORE PROGETTO ISCHIA AREA ENERGIA AMBIENTE E TERRITORIO APRILE 2011 Fonte Enea Fonte Enea Fonte Enea Riserve di petrolio Life Index

Dettagli

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of

BIO-METHANE REGIONS. Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO. With the support of IT BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la REGIONE ABRUZZO With the support of BIO-METHANE REGIONS Il Bio-Metano: combustibile del futuro, opportunità per la nostra

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

The District Heating plant in Ferrara is an integrated system of geothermal, waste incineration and reserve boilers

The District Heating plant in Ferrara is an integrated system of geothermal, waste incineration and reserve boilers 1 34 Euroheat & Power Congress Climate talks, climate action DHC leading the way to Copenhagen The District Heating plant in Ferrara is an integrated system of geothermal, waste incineration and reserve

Dettagli

Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città

Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città Giornata n 01/2014 Network, efficienza e managerialità nella gestione dell illuminazione pubblica Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città

Dettagli

Terra Futura2011. Patto dei Sindaci. Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Terra Futura2011. Patto dei Sindaci. Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Terra Futura2011 Patto dei Sindaci Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Biomassedarifiutocome risorsaenergetica, per abbatterele emissionidi CO 2 Inquadramento

Dettagli

Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013

Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013 Risparmio Energetico: una strada di sviluppo per l Italia Chiavari, 26 gennaio 2013 I temi scelti Il risparmio e l efficienza energetica applicati agli stabilimenti industriali; L utilizzo intelligente

Dettagli

Il Piano Energetico di Pianoro

Il Piano Energetico di Pianoro Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Il Piano Energetico di Pianoro Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 10 Luglio 2013 THE DECARBONIZATION

Dettagli

Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive. Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI. Sergio Piccinini

Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive. Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI. Sergio Piccinini ACCADEMIA DEI GEORGOFILI Giornata di studio AGROENERGIE E BIOCOMBUSTIBILI Biogas e Biometano: tecnologie, situazione e prospettive Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia FIRENZE

Dettagli

Le fonti rinnovabili di energia per la qualità ambientale: esperienze e prospettive internazionali e italiane

Le fonti rinnovabili di energia per la qualità ambientale: esperienze e prospettive internazionali e italiane Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali UNIVERSITA DI BOLOGNA Le fonti rinnovabili di energia per la qualità ambientale: esperienze e prospettive internazionali e italiane Leonardo Setti Polo

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Nuove filiere energetiche in Emilia-Romagna

Nuove filiere energetiche in Emilia-Romagna Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

CHI LAVORA CON NOI. 21 Comuni, Hera, Fondazioni (azioni correlate: COSEAM. Rieco) AIMAG + BPER + Sosel+ Lirca AIMAG + Sorgea

CHI LAVORA CON NOI. 21 Comuni, Hera, Fondazioni (azioni correlate: COSEAM. Rieco) AIMAG + BPER + Sosel+ Lirca AIMAG + Sorgea PIANO INDUSTRIALE 2014-2016 2016 1 OVERVIEW 2 CHI LAVORA CON NOI 21 Comuni, Hera, Fondazioni (azioni correlate: COSEAM. Rieco) AIMAG + BPER + Sosel+ Lirca AIMAG + Sorgea AIMAG AIMAG + Bianchini, F.lli

Dettagli

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2011 SMART ENERGY : DA LA SAPIENZA ALLA CITTÀ

PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2011 SMART ENERGY : DA LA SAPIENZA ALLA CITTÀ PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2011 SMART ENERGY : DA LA SAPIENZA ALLA CITTÀ Ripartizione VII Attività Edilizie Servizio di Ateneo per l Energia SAE Energy Manager SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA

Dettagli

il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista

il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista il bluff delle «agroenergie» Roberto Pellegrino biologo ambientalista Impronta ecologica Misura della richiesta umana nei confronti della natura Impronta ecologica umana 2010: 1,78 La Terra non è infinita

Dettagli

Le prospettive del biometano in Italia

Le prospettive del biometano in Italia Progetto GasHighWay Montecatini Terme 30 settembre 2011 Le prospettive del biometano in Italia Dott. Maurizo Cocchi Ing. Stefano Capaccioli 1 IEE/08/545/SI2.528537, www.gashighway.net Biogas e Biometano

Dettagli

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013.

Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. Incentivazione delle fonti rinnovabili. Bollettino aggiornato al 31 dicembre 2013. PREMESSA Il presente documento è il bollettino informativo che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) elabora semestralmente

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

La sostenibilitä degli impianti biogas nella pianificazione energetica

La sostenibilitä degli impianti biogas nella pianificazione energetica Dipartimento di Chimica Industriale ÄToso MontanariÅ UNIVERSITA DI BOLOGNA La sostenibilitä degli impianti biogas nella pianificazione energetica Leonardo Setti UniversitÄ di Bologna CIRI ENERGIA& AMBIENTE

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO

PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO PROGETTO MALENA GLI INCENTIVI PER LA PRODUZIONE DI BIOMETANO Roberto Murano Catania, Venerdì 14 Marzo 2014 Biometano: che cosa è? Il biogas è prodotto attraverso la decomposizione biologica di sostanza

Dettagli

PROSPETTIVE E COMPATIBILITA NELLA PRODUZIONE DI ENERGIA DA RESIDUI Asti, 5 marzo 2012 Prof. Ing GENON Giuseppe Ing PANEPINTO Deborah Forme di conversione energetica delle biomasse Conversione delle biomasse

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

TurBinde. Energia, valore da gestire

TurBinde. Energia, valore da gestire TurBinde Guarrdarre all ffutturro,, anttiicciiparre ii ttempii.. Biillancciiando essiigenzze enerrgettiicche e rriisspetttto dellll ambiientte.. Cerrccando ssolluzziionii cche ottttiimiizzzziino ii rrendiimenttii..

Dettagli

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda e Fondazione EnergyLab L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Il piano energetico ambientale regionale Mauro Fasano Regione Lombardia, DG

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Allegato A al Disciplinare del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Al Presidente

Dettagli

Cenni introduttivi alle tecnologie per la generazione di energia a piccola e media scala David Chiaramonti CREAR/RE-CORD University of Florence

Cenni introduttivi alle tecnologie per la generazione di energia a piccola e media scala David Chiaramonti CREAR/RE-CORD University of Florence Cenni introduttivi alle tecnologie per la generazione di energia a piccola e media scala CREAR/RE-CORD University of Florence Sommario Introduzione alla giornata di studio Le Bioenergie: stato in EU Italia:

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

PROGETTAZIONE, PREVEDIBILITÀ E PROGRAMMABILITÀ DELLE FONTI RINNOVABILI

PROGETTAZIONE, PREVEDIBILITÀ E PROGRAMMABILITÀ DELLE FONTI RINNOVABILI PROGETTAZIONE, PREVEDIBILITÀ E PROGRAMMABILITÀ DELLE FONTI RINNOVABILI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze Commissione Ambiente ed Energia Firenze, Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze

Dettagli

Il Piano Energetico di Pieve di Cento

Il Piano Energetico di Pieve di Cento Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Il Piano Energetico di Pieve di Cento Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

Dettagli

Efficienza in sanità Ing. Nicola Morgese - 10 maggio 2013

Efficienza in sanità Ing. Nicola Morgese - 10 maggio 2013 Efficienza in sanità Ing. Nicola Morgese - 10 maggio 2013 MILANO, 10 maggio 2013 FIRE - Federazione Italiana uso Razionale dell'energia POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE Le risposte applicative

Dettagli

Gruppo. Distributor GE Energy. Combi Cycle Systems. Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza

Gruppo. Distributor GE Energy. Combi Cycle Systems. Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza Gruppo Distributor Combi Cycle Systems Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza Distributor Gruppo Progeco PROGECO e la sua consociata INGECO sono a Silea

Dettagli

BOZZA BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015. Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna

BOZZA BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015. Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna Contributo di CONFSERVIZI alla individuazione dei temi oggetto dell attività del Comitato Paritetico BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015 BOZZA

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI il ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI COS È L ENERGIA fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica è un sistema che sfrutta l energia solare e la trasforma, direttamente e istantaneamente,

Dettagli

Susanna Zucchelli Direttore Business Unit Struttura operativa territoriale Imola-Faenza Gruppo HERA

Susanna Zucchelli Direttore Business Unit Struttura operativa territoriale Imola-Faenza Gruppo HERA Susanna Zucchelli Direttore Business Unit Struttura operativa territoriale Imola-Faenza Gruppo HERA La ricerca dell equilibrio costi e benefici nella gestione ambientale Fonti Energetiche e sviluppo sostenibile

Dettagli

GREEN CITY ENERGY. (La città che produce energia) GLI USI DIRETTI ED IL TELERISCALDAMENTO NELLA REALTA' GEOTERMICA TOSCANA (e non solo)

GREEN CITY ENERGY. (La città che produce energia) GLI USI DIRETTI ED IL TELERISCALDAMENTO NELLA REALTA' GEOTERMICA TOSCANA (e non solo) GREEN CITY ENERGY (La città che produce energia) GLI USI DIRETTI ED IL TELERISCALDAMENTO NELLA REALTA' GEOTERMICA TOSCANA (e non solo) Roberto Amidei (Direttore Geo Energy Service srl) Pisa 02 Luglio 2010

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

Intesa Sanpaolo per le Piccole e Medie Imprese: le soluzioni finanziarie per gli impianti fotovoltaici

Intesa Sanpaolo per le Piccole e Medie Imprese: le soluzioni finanziarie per gli impianti fotovoltaici Intesa Sanpaolo per le Piccole e Medie Imprese: le soluzioni finanziarie per gli impianti fotovoltaici Carlo Buonfrate Intesa Mediocredito Gruppo Intesa Sanpaolo Roma, 30 gennaio 2008 I vincoli per uno

Dettagli

La digestione anaerobica: non solo elettroni rinnovabili contro il cambiamento climatico, ma molto di più

La digestione anaerobica: non solo elettroni rinnovabili contro il cambiamento climatico, ma molto di più La digestione anaerobica: non solo elettroni rinnovabili contro il cambiamento climatico, ma molto di più Negli ultimi anni il settore del Biogas italiano è cresciuto significativamente ed oggi l Italia

Dettagli

Efficienza energetica nel quadro europeo e gli interventi locali attraverso i piani energetici comunali

Efficienza energetica nel quadro europeo e gli interventi locali attraverso i piani energetici comunali Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali UNIVERSITA DI BOLOGNA Efficienza energetica nel quadro europeo e gli interventi locali attraverso i piani energetici comunali Leonardo Setti Polo di

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

AcegasAps e le sfide della Green Economy

AcegasAps e le sfide della Green Economy AcegasAps e le sfide della Green Economy Il programma INDICE Il Gruppo AcegasAps Spa L economia Green AcegasAps le attività AcegasAps l Efficienza energetica Il Gruppo Hera Il Gruppo AcegasAps La Capogruppo,

Dettagli

Isola «Smart Grid» Efficienza energetica e fonti rinnovabili.

Isola «Smart Grid» Efficienza energetica e fonti rinnovabili. Isola «Smart Grid» Efficienza energetica e fonti rinnovabili. 1 Traffico passeggeri e consumi aeroportuali Sistema energia di ADR As is CENTRALE DI COGENERAZIONE (TRIGENERAZIONE) 25,5 MW elettrici 3 motori

Dettagli

La Provincia di Ravenna e le energie rinnovabili

La Provincia di Ravenna e le energie rinnovabili La Provincia di Ravenna e le energie rinnovabili Dott. Marco Bacchini Responsabile del Servizio Politiche Energetiche e Sicurezza del Territorio Sala Consiglio della Provincia di Ravenna Giovedì 22 maggio

Dettagli

ENPLUS COMPANY GROUP PROFILE. Passion to Create

ENPLUS COMPANY GROUP PROFILE. Passion to Create ENPLUS COMPANY GROUP PROFILE Passion to Create ENPLUS Srl è un azienda nata nel 2006 dall unione di persone con esperienza maturata in oltre 25 anni di progettazione esecutiva e realizzazione di impianti

Dettagli

Modelli di business per il teleriscaldamento solare

Modelli di business per il teleriscaldamento solare Modelli di business per il teleriscaldamento solare Politecnico di Milano Comitato Smart Cities 09 settembre 2015 1 Scopo di questo documento Questo documento è da considerarsi come integrazione degli

Dettagli

Il leader nell efficienza energetica e ambientale

Il leader nell efficienza energetica e ambientale Il leader nell efficienza energetica e ambientale GDF SUEZ offre soluzioni energetiche innovative a privati, comunità e imprese, avvalendosi di: un portafoglio di approvvigionamento diversificato un parco

Dettagli

SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008

SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008 SECI Energia S.p.A. 26 Settembre 2008 IL GRUPPO MACCAFERRI OPERA IN VARI SETTORI INDUSTRIALI : SECI HOLDING GRUPPO INGEGNERIA AMBIENTALE INGEGNERIA MECCANICA COSTRUZIONI & INGEGNERIA CIVILE REAL ESTATE

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

C.R. ENEA MICROCOGENERAZIONE UNA TECNOLOGIA AFFIDABILE E COLLAUDATA. Efficienza energetica e basse emissioni in atmosfera

C.R. ENEA MICROCOGENERAZIONE UNA TECNOLOGIA AFFIDABILE E COLLAUDATA. Efficienza energetica e basse emissioni in atmosfera 29 ottobre 2008 Workshop Italiano sull ecobuilding C.R. ENEA Aula Magna - Via Martiri di Monte Sole, 4- BOLOGNA MICROCOGENERAZIONE UNA TECNOLOGIA AFFIDABILE E COLLAUDATA Efficienza energetica e basse emissioni

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

IL MONDO. dell end user

IL MONDO. dell end user IL MONDO AB ENERGY, GRUPPO AB - LA COGENERAZIONE PER VINAVIL E L ACCORDO CON GE dell end user di Alessandro Bignami In tempi difficili per l economia e l ambiente, gli impianti di cogenerazione si affermano

Dettagli

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo

Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo Impianti a biomasse in Emilia-Romagna: aspetti autorizzativi e di controllo Il quadro degli impianti in Emilia-Romagna Franco Zinoni Bologna 1 2 ottobre 2013 La crescita delle biomasse: 2009 Fonte: Arpa

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

COMBI CYCLE 300 PLUS CHP

COMBI CYCLE 300 PLUS CHP Gruppo Progeco PROGECO e la sua consociata INGECO sono a Silea (Treviso) con stabilimento di produzione di 2.200 mq PROGECO e per l Italia di GENERAL ELECTRIC - Heat Recovery Solutions PROGECO Progetta

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020

Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020 Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Le strategie energetiche nelle aree urbane dell Emilia-Romagna per il 2020 Leonardo Setti Università di Bologna CIRI ENERGIA&

Dettagli

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Workshop rivolto ai Comuni beneficiari del progetto Alterenergy Udine, 30 maggio 2013 Sala Pasolini Silvia Stefanelli,

Dettagli