obiettivo TUTELA La nostra esperienza abbraccia tre generazioni e guarda al futuro!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "obiettivo TUTELA La nostra esperienza abbraccia tre generazioni e guarda al futuro!"

Transcript

1 N. 1/2012 Periodico ANMIL - Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1 - Aut. GIPA/C/RM/28/ Gennaio/Aprile N. 1/ euro 1,29 obiettivo TUTELA La nostra esperienza abbraccia tre generazioni e guarda al futuro! Sostieni ANMIL con il 5 x1000: basta indicare il Codice Fiscale Ringraziamo per la foto la famiglia del Direttore del periodico dei Pannesi Il Castello il signor Pietro De Michele insieme alla consorte, il figlio, la nuora e i due nipotini.

2 OBIETTIVO TUTELA N. 1/2012 Obiettivo TUTELA Fondato dall ANMIL nel 1947 Tiratura copie La quota associativa comprende l invio del periodico in abbonamento PER IL GOVERNO TECNICO VECCHI PROBLEMI, PER L ANMIL NUOVE SFIDE di Franco Bettoni SOMMARIO EDITORIALE LE NOSTRE BATTAGLIE SICUREZZA SUL LAVORO SERVIZI AI SOCI LA GIORNATA GIORNATE LOCALI REGIONI VITA ASSOCIATIVA Direttore Responsabile Franco Bettoni Responsabile Editoriale Ilio Palmariggi Comitato di Redazione Luigi Bonanni - Antonio Maiorana Antonella Pisetta - Gino Rebuzzi Per il Governo tecnico vecchi problemi, per l'anmil nuove sfide Responsabile Redazionale Sandro Giovannelli Coordinamento Redazionale Marinella de Maffutiis Redazione Ufficio Comunicazione ANMIL Progetto grafico, Impaginazione Officine Giglietti Roberto Sensidoni Hanno collaborato: Ufficio Servizi Istituzionali Angela Vetrano Ufficio Organizzazione Antonio Fancello Ufficio Contabilità e Bilancio Anna Abbate Stampa: Postel SpA - Gruppo Poste italiano - Via Carlo Spinola, Roma Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, Aut. GIPA/C/RM/28/2008 di Franco Bettoni L'impegno dell'anmil con governo, forze politiche ed INAIL per cure, giusto indennizzo e reinserimento lavorativo In ricordo dell'amico Marco Fabio Sartori di Franco Bettoni Il sostegno della Fondazione ANMIL Sosteniamoli subito allo studio sulla prevenzione Amianto: un progetto della Fondazione ANMIL per conoscerlo e sconfiggerlo ANMIL in visita al Centro di Budrio. Nuovo regolamento INAIL per ausili e protesi. La Guida alle prestazioni INAIL per i Soci Al via la terza Edizione del Giro d'italia di HandBike con ANMIL ANMIL affianca la ricerca con l'istituto Sant'Anna A Reatech la parola d'ordine è "inclusione" Il fascino delle Donne che Vincono Il fenomeno degli infortuni in Mostra di Raul Wittenberg Primi in sicurezza : 10 anni di impegno al fianco delle scuole Il SAF diventa CAF. Manovra salva Italia: quanto costerà agli italiani a cura del CAF ANMIL La riforma delle pensioni: le finalità del legislatore di Giulio Cimaglia - Legale Patronato ANMIL Celebrata a Roma la Giornata nazionale per le vittime del lavoro 9 ottobre 2011: le celebrazioni locali della 61 a Giornata Direzione, Redazione ed Amministrazione Via A.Ravà, Roma T F Obiettivo Tutela è sul sito: Numero Verde Quello che è appena iniziato è un anno che già si presenta profondamente segnato dagli effetti di una crisi economica gravissima, dalle difficoltà socio-politiche che ne sono derivate e dai numerosi sacrifici che si continuano a chiedere ai cittadini per sostenere il Paese nel raggiungimento della propria stabilità. In questo contesto probabilmente l ANMIL si troverà costretta - molto più che in passato - a dover assumere un ruolo di difesa nei confronti di un sistema di Welfare che oggi sembra essere sotto attacco, quale fonte di una spesa pubblica non più sostenibile, di sprechi e di abusi. Attacco che al momento non ha ancora riguardato direttamente la tutela prevista dall assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, ma che l ANMIL non può ignorare come segnale di un ripensamento generale delle politiche sociali e da monitorare con attenzione. Il nostro sarà un impegno, quindi, concentrato al massimo sulle contingenze del momento: per valutare gli effetti dei futuri provvedimenti sul sistema di tutela degli invalidi del lavoro e per individuare possibili spazi di intervento sulle tematiche classiche della piattaforma rivendicativa ANMIL. Dovremo, in sostanza, ancora una volta ricominciare da capo; dovremo mettere da parte i progressi fatti con il precedente Governo per l adeguamento delle tabelle di indennizzo del danno biologico e per possibili miglioramenti alle procedure per il reinserimento delle vittime del lavoro nel ciclo produttivo. Come Penelope, dovremo riprendere a tessere la tela delle nuove relazioni istituzionali. Parallelamente, però, dovremo attentamente vigilare sulla conservazione degli attuali livelli di tutela, messi a rischio da una situazione economica quanto mai complessa che, al momento, non consente di fare previsioni e che richiede, invece, forte realismo e senso di responsabilità. È per questo che nei confronti degli esponenti del nuovo Governo si sta procedendo a piccoli passi; cogliendo ogni occasione per evidenziare soprattutto la rilevanza delle rivendicazioni di ANMIL, perché se è vero che in questo momento i sacrifici sono richiesti a tutti, bisogna anche ammettere che per alcuni possono diventare ancor più penosi, perché si sommano a situazioni di partenza già complesse, a difficoltà quotidiane costose sia in termini economici che sociali. A livello parlamentare, invece, l ANMIL sta avviando, attraverso deputati e senatori sensibili alle tematiche che sosteniamo, sfide di più ampio respiro ed in primo luogo quella sulla revisione complessiva della normativa che disciplina l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Le senatrici Silvana Amati ed Ombretta Colli - in pieno spirito bipartisan e raccogliendo le istanze loro sottoposte dal Gruppo di lavoro ANMIL per le Politiche Femminili costituito quasi dieci anni fa dal Consiglio Nazionale dell Associazione - hanno già depositato un disegno di legge che punta ad una revisione della tutela prevista per le donne, non solo in quanto lavoratrici esposte ai rischi professionali ma anche in quanto casalinghe. Ma per dare maggiore forza a questa iniziativa parlamentare, l ANMIL dal canto suo sta predisponendo una proposta di revisione complessiva del Testo Unico sull Assicurazione Infortuni per la quale potrebbe essere avviata una raccolta di firme da parte di tutti, associati e cittadini, per la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare. Insomma, come sempre una grande attenzione ed un fortissimo impegno per le rivendicazioni della categoria di fronte ad un quadro socio-economico di estrema difficoltà e con la consapevolezza di essere portatori di giuste aspettative. EDITORIALE 3

3 CON GOVERNO, FORZE POLITICHE ED INAIL PER CURE, GIUSTO INDENNIZZO E REINSERIMENTO AL LAVORO LE NOSTRE BATTAGLIE Il nuovo anno si è aperto con un appello alle Istituzioni, attraverso una lettera inviata al Presidente del Consiglio Mario Monti, al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero, al Segretario Nazionale del PD Pier Luigi Bersani e al Segretario Politico del PdL Angelino Alfano, per riportare con forza alla loro attenzione alcune tematiche di interesse per gli invalidi del lavoro sulle quali si vorrebbe aprire quanto prima un confronto. Innanzitutto, i temi classici delle rivendicazioni ANMIL, come l inserimento lavorativo dei disabili, sollecitando una riflessione diretta a correggere al più presto le criticità della legge 68/1999 per favorire opportunità di lavoro e di inserimento delle categorie più svantaggiate, e poi la questione dell indennizzo del danno biologico, in particolare per quanto riguarda la previsione di un meccanismo automatico di adeguamento degli importi delle relative tabelle stabilite dal decreto n. 38 del 2000, per la quale è stata fino ad oggi prevista una solo parziale rivalutazione nel Nelle lettere è stata inoltre affrontata la questione relativa all articolo 5 dell ultima manovra finanziaria, approvata il 22 dicembre scorso, che ha introdotto nuove disposizioni in materia di ISEE, dettando i criteri per la sua applicazione che dovrà avvenire con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Una norma che deve ancora realizzarsi, ma che potrebbe comportare ulteriori difficoltà per i disabili e i non autosufficienti, qualora fosse applicata senza la dovuta cautela. La disposizione, infatti, desta concreti e specifici timori anche per gli invalidi del lavoro, nella parte in cui si prefigge, nel calcolo dell ISEE, di tenere conto anche della percezione di somme esenti da imposizione fiscale. Come ANMIL avevamo auspicato che, in sede di conversione in legge della manovra, venisse inserita l espressa esclusione delle somme derivanti da prestazioni indennitarie, quale appunto è la rendita INAIL, ma purtroppo ciò non è avvenuto. Agli esponenti del Governo e dei partiti politici è stata quindi sottolineata l urgenza di vedere affermata l estraneità della rendita infortunistica che è di natura prettamente risarcitoria, dal calcolo dei requisiti reddituali affinché agli invalidi del lavoro non vengano negate prestazioni sociali alle quali avrebbero pieno diritto. Al riguardo si continuerà a portare avanti posizioni della nostra categoria, nell ambito del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza INAIL. Nei confronti dell organismo di controllo sull Istituto Assicuratore il 2011 può dirsi un anno positivo, basti pensare all approvazione della Relazione Programmatica (il primario documento guida dell azione dell Istituto) alla quale l ANMIL ha potuto contribuire concretamente con numerose proposte riguardanti i servizi e le prestazioni istituzionali. Particolarmente apprezzato è stato il contributo dell ANMIL per quanto riguarda il versante delle prestazioni sanitarie, che a partire dalla relazione Programmatica ha avuto un progressiva e sempre più marcata attenzione alla luce delle crescenti esigenze degli infortunati ed invalidi a fronte delle obiettive delimitazioni del Servizio Sanitario Nazionale. Proprio su questi aspetti si è particolarmente insistito per far comprendere come i meccanismi del SSN, richiedano troppo spesso tempi lunghi per gli interventi di riabilitazione e cura, certamente non compatibili con la repentinità degli eventi infortunistici del lavoro e con il rilievo della garanzia di ristoro, in questo caso con cure, rispetto alla lesione subita. Per questo si è puntato sulla necessità di valorizzare il dettato dell articolo 11 del decreto 106/2009, all epoca frutto di nostre sollecitazioni, che ribadisce a monte l obbligo da parte dell INAIL di garantire comunque ai lavoratori infortunati le cure necessarie, ricorrendo a strutture convenzionate pubbliche o private. Questa riflessione è stata ampiamente sviluppata nell ambito del Consiglio di indirizzo e vigilanza, anche con momenti di confronto critico, superati con la stesura di un testo che accoglie nostre indicazioni su punti specifici e, soprattutto, riconosce la complessità e centralità del tema. Per questo, con specifiche Linee Guida che impegnano le strutture dell INAIL, è stato riaffermato in via di principio e di fatto il pieno diritto degli infortunati e tecnopatici a tutte le cure necessarie e utili al pieno recupero della integrità fisica, a presidi e protesi quale che sia la situazione di inabilità temporanea o permanente, IN RICORDO DI UN AMICO di Franco Bettoni L INAIL perde una guida, gli invalidi del lavoro perdono un amico. È l ultimo saluto che il Presidente nazionale ANMIL Franco Bettoni ha rivolto al Presidente dell Istituto Marco Fabio Sartori, al fianco delle vittime del lavoro, esempio di dignità e forza per tutti, morto prematuramente per un male incurabile. procedendo anche ad aggiornamenti sistematici e frequenti del Regolamento protesico al fine di coprire le esigenze di cure, rieducazione e riabilitazione in modo eccellente. In coerenza con questi indirizzi il 29 settembre scorso è arrivata anche la delibera 261/2011 del Presidente dell INAIL che contiene il nuovo Regolamento per l erogazione di prestazioni di assistenza protesica agli invalidi del lavoro, un documento che migliora e amplia ulteriormente l'offerta di prestazioni e di servizi finalizzati al recupero dell'autonomia da parte della persona con disabilità di lavoro, anche attraverso forme di personalizzazione delle protesi e degli ausili sempre più adeguate all'evoluzione tecnologica e alle esigenze degli assistiti. L impegno dell Associazione naturalmente rimarrà invariato nel 2012 anche per quanto riguarda la presenza nel CIV, con ancora nuovi temi da affrontare e con nuove prospettive che si aprono, non da ultima la presenza dell ANMIL nei Comitati Consultivi Provinciali INAIL che nei prossimi mesi dovrebbe iniziare a consolidarsi e a dare i primi riscontri. Caro Marco, ci sono momenti nei quali si sente il bisogno di restare da soli con il dolore che ti provoca la perdita di una persona cara; una persona che con la sua presenza ed il suo impegno ha condiviso e promosso momenti importanti per la gente che lavora è esposta ai rischi del proprio mestiere e ne subisce le conseguenze traumatiche sul piano fisico e morale. Vorrei restare solo per tenermi dentro il dolore per la perdita di un amico che ho avuto modo di apprezzare per il suo lavoro, l impegno professionale e sociale e per la straordinaria dignità ed il coraggio con cui ha affrontato una malattia che, pur implacabile, non ha mai condizionato la tua presenza al fianco dei tuoi collaboratori, al fianco di soggetti come noi dell ANMIL nel portare avanti a piccoli passi riforme nello sviluppo di un sistema di tutela nonostante le enormi difficoltà del momento. Ho ancora in mente, nel cuore, le parole con le quali ci hai sempre dimostrato la tua vicinanza e nel parlarti di lavoro, quasi mi sembra possibile non interrompere il filo del discorso che ci ha accomunato in questi anni nei quali siamo riusciti, insieme ad organi ed a professionalità eccellenti, a creare un clima di costruttiva collaborazione, di amicizia gestionale che di sicuro sapremo arricchire sulla spinta delle cose già realizzate e del messaggio di impegno che ci lasci. Con questo ti saluto, come amico e a nome di tutti noi dell ANMIL che non dimanticheremo quanto hai fatto nel promuovere l interesse di tutti i livelli politici ed amministrativi per la tutela delle condizioni lavoro e di quanti continuano a subire dolorose conseguenze dal verificarsi dei rischi che le caratterizzano. Grazie Marco. LE NOSTRE BATTAGLIE 4 5

4 IL SOSTEGNO DELLA FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO ONLUS ALLO STUDIO SULLA PREVENZIONE AMIANTO: UN PROGETTO DELLA FONDAZIONE ANMIL PER CONOSCERLO E SCONFIGGERLO LE NOSTRE BATTAGLIE In base all art. 1 dello Statuto della Fondazione ANMIL Sosteniamoli Subito la Fondazione può finanziare attività di assistenza sociale e sociosanitaria, formazione, sport dilettantistico, tutela, promozione e valorizzazione di attività culturali, di ricerca scientifica e perseguire altre finalità volte a migliorare la qualità della vita dei familiari delle vittime per cause di lavoro e, in generale, della categoria degli infortunati sul lavoro. In base a queste finalità, dopo la ricerca condotta con l Università di Padova sullo studio del Disagio psicologico per le vittime del lavoro all indomani di un infortunio, questa volta è sul tema delle malattie professionali che gli organi della Fondazione hanno ritenuto di rivolgere l attenzione per un confronto tra esperti sulle implicazioni che comportano per i lavoratori quando si ritrovano in ambienti insalubri. In occasione della premiazione dei vincitori del 2 Bando per l attribuzione di 10 Borse di studio per tesi di laurea in Ingegneria, Medicina e Giurisprudenza sul tema della sicurezza sul lavoro - per il quale sono pervenute oltre 200 tesi valutate da una Commissione composta da accademici e ricercatori illustri quali: Giuseppe Battista, docente di Medicina del Lavoro, Università di Siena e di Pisa; Michele Tiraboschi, Direttore Centro Studi Internazionali e Comparati Marco Biagi e Università di Modena e Reggio Emilia; Maria Giovannone, Direttore Scientifico ANMIL Sicurezza è stato dunque organizzato un convengo lo scorso 14 dicembre, a Roma presso la Direzione Generale ANMIL, dal titolo Le malattie professionali trasversali a più comparti e i nuovi rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori vulnerabili: fenomenologia, tutele e prospettive evolutive. In considerazione della tematica che, stando ai dati INAIL, rivela un fenomeno in forte crescita, abbiamo voluto far coincidere la premiazione del Bando con la possibilità di offrire anche ai vincitori un momento di valore in termini di studio, approfondimento e di confronto sulla tematica di grande livello proprio grazie alla partecipazione di illustri relatori, ha dichiarato con soddisfazione il Presidente della Fondazione Antonio Sechi. All evento ha partecipato anche l Assessore Regionale al Lavoro e Formazione Lazio Mariella Zezza, che, nel lodare l iniziativa, ha confermato il proprio interesse a promuovere insieme all ANMIL un analogo Bando per l assegnazione di Borse di studio finanziato dalla Regione per i residenti nel Lazio. A conclusione dei lavori, anche il prof. Tiraboschi ha sottolineato il valore del Concorso per lo stimolo dei giovani, affermando che queste iniziative favoriscono il reperimento di fondi per incoraggiare la ricerca in un settore che ha bisogno delle menti e dell impegno soprattutto di tutti per raccogliere la massima attenzione su un tema che può contribuire alla salvaguardia della salute e della vita dei lavoratori. Le relazioni, il resoconto degli interventi e i dati sul fenomeno infortunistico del Convegno sono reperibili sul portale ANMIL nella sezione dedicata alla Fondazione I VINCITORI DELLE 10 BORSE DI STUDIO PER TESI DI LAUREA SUL TEMA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO MESSE A BANDO DALLA FONDAZIONE SOSTENIAMOLI SUBITO RICCARDO AURINO (Salerno) - Ingegneria meccanica, Università di Napoli - Analisi e prevenzione degli incendi in una flotta di autobus in servizio pubblico di linea. FRANCESCA BERNARDINI (Arezzo) - Medicina del Lavoro, Università di Siena - Cancro della vescica e attività lavorativa: esami di una casistica di 574 pazienti. ELPIDIO MARIA GARZILLO (Caserta) - Scuola di Specializzazione in medicina del Lavoro, Università di Napoli - Studio dell'interazione geneticoambientale nei pazienti campani affetti da sclerosi laterale amiotrofica: il ruolo dell'attività lavorativa e dell'esposizione a metalli pesanti. LAURA GIROTTO (Treviso) - Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro, Università di Trieste - Analisi e caratterizzazione degli infortuni sul lavoro oggetto di indagine da parte della SOCPSAL dell'a.s.s. n. 4 "Medio Friuli" nel decennio MICHELE LEONE (Taranto) - Giurisprudenza, Università degli Studi di Bari - La tutela della salute e della sicurezza nel lavoro marittimo. ANDREA MANFRINI (Loreto - AN) - Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro, Università delle Marche - La rimozione dell'amianto friabile in un edificio. GIORGIA MURRI (Lanciano - CH) - Medicina e Chirurgia, Università dell Aquila - Stress lavoro correlato, evidenze in campo valutativo. GIOVANNI SEBASTIANO SALIS (Oliena - NU) - Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro, Università di Sassari - La prevenzione delle radiazioni ionizzanti nella comunità. Rilevazioni di Radon in aule scolastiche. MARTINA TREBBI (Roma) - Laurea specialistica in Ingegneria medica, Roma Tor Vergata - Applicazione del principio di minima azione di Gauss all analisi biomeccanica di sistemi multibody. TOMMASO TRINCHERA (Milano) - Giurisprudenza, Università di Milano - La tutela penale in tema di sicurezza sul lavoro: profili problematici. Amianto: campagna di sensibilizzazione e Fund Raising per la prevenzione e la ricerca per la cura delle malattie asbesto-correlate Nel solo 2010 sono state denunciate malattie correlate all amianto con un trend in continua crescita secondo gli ultimi dati INAIL. Questo minerale naturale a struttura fibrosa, il cui nome deriva dal greco àsbestos, letteralmente indistruttibile, è dunque un nemico insidioso e, nonostante in Italia sia stato dichiarato illegale nel 1992, continua a rappresentare un grave pericolo per la salute delle persone anche per la lenta incubazione delle patologie ad esso correlate (un ventennio circa), i cui danni oggi stanno interessando la popolazione civile e quindi non più solo i lavoratori. Su questo tema strettamente inerente a quello delle malattie professionali vuole essere un ambito in cui anche la nostra Associazione intende fare la propria parte in modo concreto e attraverso la Fondazione ANMIL Sosteniamoli subito si sta lavorando alla sottoscrizione di un accordo, con CISL, CGIL, AFEA (Associazione Famiglie Vittime dell Amianto) e AIEA (Associazione Italiana Esposti Amianto), per la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi volta a finanziare progetti di ricerca per la prevenzione e la cura delle malattie asbesto-correlate. La gravità di questo problema è nota purtroppo solo a coloro che ne rimangono vittime e per contenere i danni che può provocare l amianto è indispensabile avere consapevolezza di come si può evitarne il contatto e provvedere eventualmente ad una bonifica sicura e responsabile. Infatti le piccolissime fibre dell amianto possono provocare danni solo in caso di dispersione nell ambiente mentre resta innocuo se compattato nel cemento. Dall anonimato delle vittime che hanno contratto il mesotelioma pleurico, il tema è tornato alla ribalta per la storica sentenza emessa lo scorso 14 frebbraio, dopo due anni e 66 udienze, dal Tribunale di Torino per il processo al magnate svizzero Stephan Schmidheiny e al barone belga Louis de Cartier, i due ex dirigenti della Eternit condannati a 16 anni per disastro ambientale doloso e omissione volontaria delle cautele antinfortunistiche negli stabilimenti di Casale Monferrato (Alessandria) e Cavagnolo (Torino) della multinazionale dell'amianto. Ma Casale Monferrato non è l unico sito dove l amianto ha fatto vittime e dove servirà ancora molto tempo prima che la bonifica abbia termine e dopo la sentenza molti comuni hanno ripreso con vigore la battaglia per il riconoscimento di diritti non solo di lavoratori ma di intere popolazioni calpestati o ignorati. A partire dunque dal 28 aprile, in occasione della Giornata Mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro, verrà dato il via alla campagna informativa promossa dalla Fondazione ANMIL con la presentazione dei partner sostenitori del progetto e i membri del Comitato scientifico che sarà composto da valenti esperti che decideranno i migliori progetti di ricerca da finanziare grazie ai fondi raccolti con la campagna di sensibilizzazione fino a novembre. Per saperne di più è possibile chiamare l ANMIL al numero e per ricevere un aiuto legale o medico-legale rivolgersi alla sede ANMIL più vicina. LE NOSTRE BATTAGLIE 6 7

5 DELEGAZIONE ANMIL IN VISITA AL CENTRO DI BUDRIO E NUOVO REGOLAMENTO INAIL PER AUSILI E PROTESI REAGIRE ALLA DISABILITÀ CON LO SPORT: L ANMIL PARTNER DEL 3 GIRO D ITALIA DI HANDBIKE LE NOSTRE BATTAGLIE La verifica costante delle tutele previste per gli invalidi del lavoro ed in particolare per i disabili gravi è una delle principali linee di azione dell ANMIL su cui si concentra l attenzione e l impegno dell apposita Commissione per le Invalidità Gravi. In questo ambito si è andata rafforzando la collaborazione con il Centro Protesi INAIL di Budrio, culminata lo scorso settembre con un incontro tra i componenti della Commissione ANMIL e la Direzione del Centro, in occasione del quale si sono rappresentate le criticità riscontrate dai nostri Soci nella fruizione dei servizi offerti dal Centro e le principali aspettative della categoria rispetto al tema della tutela sanitaria e protesica. Una visita guidata ha consentito poi di apprezzare i miglioramenti intervenuti ma anche le numerose difficoltà gestionali, collegate al momento di crisi, che hanno colpito l ambito della ricerca scientifica, quello della progettazione e realizzazione delle protesi, fino a quello sanitario-assistenziale. C è il rischio, d altra parte, che sotto l urto della crisi, si perda la certezza del diritto degli infortunati a prestazioni anche riabilitative e protesiche eccellenti per qualità e tempestività. Per questo l ANMIL è impegnata nel richiamare l attenzione sulla specialità della tutela assicurativa, che si è concretizzato nell approvazione, fra l altro, del nuovo Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi di sostegno per il reinserimento nella vita di relazione. Questo documento è basilare per favorire il recupero dell integrità fisica e psichica degli invalidi del lavoro ed è un aspetto fondamentale del sistema di tutela globale ed integrata che l Istituto intende garantire ai propri assicurati, per un modello sempre più evoluto di presa in carico ed adeguato al costante progresso scientifico e tecnologico che, in questi ultimi anni, ha consentito di ottenere prodotti di eccellenza più efficienti dal punto di vista del loro utilizzo. Obiettivo Tutela, in collaborazione con il portale nazionale ANMIL, sta predisponendo un dossier illustrativo delle principali novità del Regolamento anche in relazione alle approvazioni dell accordo quadro Stato-Regioni che consentirà, presto, ad INAIL di garantire agli invalidi del lavoro assistenza sanitaria e riabilitativa adeguata alle esigenze. Peraltro, fra le novità del Regolamento merita un cenno la crescente attenzione verso la qualità della vita degli invalidi, confermata dalla previsione di una nuova sezione di interventi di sostegno alla socializzazione anche attraverso l'attività sportiva, con progetti promozionali dedicati appunto a detta attività. In questo quadro, con il CIP e lo stesso INAIL stiamo definendo il progetto Giro di Italia di Handbike e a conferma della concretezza degli impegni assunti, una vera e propria novità è lo stesso Regolamento che prevede la fornitura gratuita agli assistiti INAIL di attrezzature sportive, comprese le handbike. Per evitare incertezze ed errori nelle pratiche conviene rivolgersi alla locale Sezione ANMIL anche per predisporre la domanda, oltreché per informazioni sulle nuove opportunità di servizio offerte. GUIDA ALLA PRESTAZIONI: UN IMPORTANTE STRUMENTO DI SUPPORTO NELLA BUROCRAZIA DEL DOPO INFORTUNIO SUL LAVORO Le difficoltà di interpretazione e i problemi burocratici che le vittime di un incidente sul lavoro o i loro familiari si trovano a dover affrontare all indomani di un infortunio costituiscono fonte di forte disagio. Per questo motivo, sebbene le sedi ANMIL siano a disposizione per un supporto veloce e concreto, in accordo con l INAIL abbiamo voluto offrirvi uno strumento di informazione completo quale la Guida alle prestazioni INAIL allegata al presente numero di Obiettivo Tutela. Questa pubblicazione è pensata per tutti gli infortunati sul lavoro, per coloro che hanno contratto una malattia professionale, e per i familiari delle vittime aiuta a capire come e cosa fare. L opuscolo infatti si apre con una panoramica sulle prestazioni erogate dall INAIL con l indicazione dei relativi requisiti e modalità per richiedere il riconoscimento dell informativa, l aggravamento la rendita ai superstiti o le cure e gli ausili, attraverso schede sintetiche che ne facilitano la consultazione. Non manca, poi, la sezione dedicata alle malattie professionali con un approfondimento sulla tutela in ambito internazionale. L opuscolo fornisce anche indicazioni utili ai titolari delle varie tipologie di assegno previste dall INAIL e alcuni capitoli che offrono importanti informazioni sull assistenza sanitaria e tutto ciò che riguarda protesi, macchinari previsti dal Nomenclatore, cure ambulatoriali, riabilitative e idrotermali. Vi ricordiamo che per qualsiasi necessità potete contattare il Numero Verde ANMIL per informazioni, consulenza o essere messi in contatto direttamente con la sede più vicina. Con il termine inglese handbike si indica letteralmente bicicletta a mano, questa particolare variante della bicicletta è composta da un telaio supportato da tre ruote e viene azionata con le mani dal ciclista adagiato sul sedile. L handbike permette a chi guida di farlo da sdraiato e senza l uso delle gambe, in una comoda posizione che dà stabilità e aerodinamicità. Nel corso degli anni questa disciplina, inserita tra gli sport paralimpici, è cresciuta esponenzialmente e ad oggi si contano numerosi circuiti e competizioni di livello internazionale. Alla diffusione di questo sport nel nostro Paese ha contribuito in modo particolare l ex campione di Formula Uno Alex Zanardi che a seguito dell incidente sul circuito tedesco del Lausitzring ha avuto l amputazione delle gambe. In Italia, da due anni, si disputa il Giro d Italia di Handbike, manifestazione itinerante che interessa il territorio nazionale nata da un idea di Andrea Leoni che ha costituito il Comitato Organizzatore insieme a Maura Macchi che ne è Presidente. Per questa terza edizione abbiamo voluto esserci anche noi e così, in quasi 70 anni, è la prima volta che l ANMIL sostiene una manifestazione sportiva tanto importante e articolata a livello nazionale, facendo affidamento sulla convincente e valida attività svolta dai volontari che organizzano l iniziativa e sull attestazione di successo confermata dal numero di atleti che ha aderito alla prime due edizioni. Questo sport che offre momenti di aggregazione e occasioni di riscatto a tutte quelle persone che hanno subito un grave infortunio sul lavoro può essere sicuramente di grande aiuto per ritrovare un equilibrio, una serenità e una forza interiore che, in alcuni casi, potrebbero essere perse per sempre. L iniziativa del 2012, la cui prima tappa è calendarizzata il 15 aprile, si avvia sotto i prestigiosi patrocini: del CONI, della Federazione Ciclistica Italiana, del Comitato Italiano Paralimpico e del Segretariato Sociale Rai, mentre tra gli atleti disabili ha già segnato un record di adesioni. A proposito delle tappe, merita una menzione speciale quella di Casale Monferrato per la cui realizzazione alla quale tenevamo in modo particolare al fine di richiamare l attenzione sul problema amianto grazie al Giro - dobbiamo ringraziare per l impegno e la personale attivazione il Consigliere CIV INAIL Giuseppe Turudda che è riuscito a sensibilizzare il Sindaco della Città, Giorgio Demezzi. Dunque il ruolo che svolgerà l Associazione sarà quello di far conoscere gli stimoli e l energia virale di questo sport e, a livello territoriale, affiancare gli organizzatori del Giro con il supporto delle Sedi locali che daranno informazioni soprattutto su un importante novità per tutti gli invalidi del lavoro. Infatti il nuovo Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi di sostegno per il reinserimento nella vita di relazione, più semplicemente chiamato Regolamento Protesi INAIL, nella crescente attenzione verso la qualità della vita degli invalidi, ha previsto una nuova sezione di interventi di sostegno alla socializzazione anche attraverso l'attività sportiva, con progetti promozionali dedicati. Inoltre, l Art. 36 che definisce i Dispositivi ed ausili per la pratica di attività sportive e motorie, prevede la fornitura gratuita agli assistiti INAIL di attrezzature sportive. Ciò significa che anche le handbike potranno essere richieste gratuitamente come numerose altre attrezzature. Pertanto invitiamo i soci ad avvalersi di questa straordinaria opportunità rivolgendosi alle Sezioni più vicine per lo svolgimento delle pratiche con l INAIL. Per seguire le tappe del Giro ed avere informazioni vi invitiamo a visitare il portale e chissà che non si nasconda proprio tra i soci ANMIL la futura Maglia Rosa della terza edizione. LE NOSTRE BATTAGLIE 8 9

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA onlus FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA La Fondazione Accendi la Speranza onlus è nata il 25 ottobre 2011, grazie al grande desiderio dei Fondatori di concretizzare la solidarietà e l aiuto verso chi non

Dettagli

Un Monumento per il lavoro, una Rete per la vita.

Un Monumento per il lavoro, una Rete per la vita. Sede Provinciale di Perugia Bando di Concorso Un Monumento per il lavoro, una Rete per la vita. PREMESSA La drammatica attualità degli infortuni lavorativi, delle malattie professionali e delle morti bianche

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti.

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti. Il mensile dell Unasca. L Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica. Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager ALLEGATO A Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager tra: Regione Toscana, INAIL Toscana, Università degli Studi di Firenze, Pisa e Siena, Confindustria

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

law firm of the year Chambers Europe Awards

law firm of the year Chambers Europe Awards Oltre 360 avvocati 4 volte Law Firm of the Year agli IFLR Awards nell ultimo decennio (2011, 2010, 2006, 2004) 9 sedi, 5 in Italia e 4 all estero law firm of the year Chambers Europe Awards for excellence

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D INTESA TRA PREFETTURA UTG DI MODENA, AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE, DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO, INAIL, AZIENDA USL DI MODENA E AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI MODENA SULLE INIZIATIVE

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Progetto Da donna a donna

Progetto Da donna a donna Progetto Da donna a donna Un mosaico di iniziative in occasione dei 40 anni del Circolo BNL Presentato dalla Sezione Palcoscenico CCRS BNL di Roma in collaborazione con Il circolo BNL Nel cuore La fase

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA BOCCE Il Comitato Italiano

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

PROPOSTA DI LEGGE: A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO PROPOSTA DI LEGGE: ISTITUZIONE DEL FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO, SCOLASTICO E FORMATIVO DEI FIGLI DELLE VITTIME D'INCIDENTI MORTALI SUL LAVORO A FIRMA DEL CONSIGLIERE ANTONIO MARCIANO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 336. Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul lavoro» d iniziativa del senatore DE POLI

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 336. Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul lavoro» d iniziativa del senatore DE POLI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 336 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE POLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 MARZO 2013 Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul

Dettagli

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CATANIA E ASSESSORATO REGIONALE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE AZIENDA USL 3 DI CATANIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE DEL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA Allegato A) alla deliberazione n 185del 10/04/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA protocollointesa_volontariato_31032015 Pagina 1 di 6 INDICE Premesso

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

BANDO. Articolo 1 Oggetto e finalità

BANDO. Articolo 1 Oggetto e finalità BANDO Premessa Il Comitato Imprenditoria Femminile della CCIAA di Palermo e il "Tavolo Regionale delle Politiche di Genere" (costituito dalle rappresentanti Regionali dell'imprenditoria Femminile di ciascuna

Dettagli

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori.

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori. PRESENTAZIONE OPUSCOLO Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori Roma 19 aprile 2012 Sala D Antona Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione HEAD OF THE BOARD 2015 Corso per Consiglieri di Amministrazione Che cos è Head of the board Il progetto Head of the Board 2015 : - è il corso per consigliere di amministrazione finalizzato a sostenere

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Pienezza e qualità di vita.

Pienezza e qualità di vita. Pienezza e qualità di vita. Fiera Milano (Rho) 24-27 Maggio 2012 Con il patrocinio di Un impegno per noi, un occasione per tutti. accessibilità, inclusione, autonomia ossia... pienezza e qualità di vita

Dettagli

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia

del Coordinamento provinciale del volontariato di Protezione civile della Puglia Il I convegno dei Coordinamenti provinciali del volontariato di Protezione civile della Puglia CONVEGNI Quale futuro per il volontariato di Protezione civile pugliese? : è stato questo il tema di un interessante

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a:

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a: Protocollo di intesa tra la Regione Piemonte, la Città di Torino, l Università degli Studi di Torino, la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, l Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, l Ufficio Pio della

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Comitato scientifico. Avv. Gabriella Alboresi Avv. Monica Severi Dr.ssa Vanna Tori Avv. Giovanna Zanolini. Segreteria organizzativa

Comitato scientifico. Avv. Gabriella Alboresi Avv. Monica Severi Dr.ssa Vanna Tori Avv. Giovanna Zanolini. Segreteria organizzativa LO STATUTO DEI DIRITTI DEI FIGLI dalla legge 54/2006 alla legge 219/12 La lunga esperienza di consulenza legale svolta in associazione, ci ha reso consapevoli che spesso per aiutare, tutelare, sostenere

Dettagli

Progetto. Donna in libertà

Progetto. Donna in libertà Progetto Donna in libertà finanziato dal Ministero nell ambito di interventi finalizzati a Rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza I numeri che parlano della violenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA - XVI LEGISLATURA - n. 1037 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa dei Senatori Amati, Scanu, Pegorer Disposizioni a favore del personale militare esposto ed ex esposti all amianto e dei

Dettagli

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Dal 3 al 6 aprile 2014 in Fiera a Vicenza, vi aspettano quattro giornate di divertimento alla scoperta del fascino degli sport,

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO NELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DELLA PROVINCIA DI CATANIA TRA Il Prefetto di Catania rappresentato dalla Dott.ssa Anna

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio L INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio di infortuni e ne garantisce il percorso riabilitativo

Dettagli

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.

FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba. FIABA ONLUS Piazzale degli Archivi, 41-00144 Roma Tel. 06.43400800 / Fax 06.43400899 info@fiaba.org - ufficiostampa@fiaba.org skype: ufficiostampafiaba www.fiaba.org CHI SIAMO FIABA é un organizzazione

Dettagli

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Categoria 3 85 Scheda del progetto Comune di Magenta Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Progetto di rinnovamento sito

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino Circ. Reg. n. 132 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca 20 10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n 5912/P Torino, 28/8/2002

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Associazione Culturale Amici di G. Carnovali detto il Piccio Montegrino Valtravaglia (VA)

Associazione Culturale Amici di G. Carnovali detto il Piccio Montegrino Valtravaglia (VA) Associazione Culturale Amici di G. Carnovali detto il Piccio Montegrino Valtravaglia (VA) BANDO DI CONCORSO per una BORSA di STUDIO Giovanni Carnovali detto il Piccio proposta dell Associazione Culturale

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è STARE PIU VICINI AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE MIGLIORARE L EFFICIENZA DEI SERVIZI RIDURRE I COSTI PROCESSO CRITICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE E LINEE DI INDIRIZZO STRATEGICO DEL CIV 1)

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

SOCIETÀ PER GLI ASILI NOTTURNI UMBERTO I Ente Morale R.D. del 17 Novembre 1901 Iscritta all Anagrafe delle ONLUS il 27/7/2006

SOCIETÀ PER GLI ASILI NOTTURNI UMBERTO I Ente Morale R.D. del 17 Novembre 1901 Iscritta all Anagrafe delle ONLUS il 27/7/2006 SOCIETÀ PER GLI ASILI NOTTURNI UMBERTO I Ente Morale R.D. del 17 Novembre 1901 Iscritta all Anagrafe delle ONLUS il 27/7/2006 PORTE APERTE AI BAMBINI RI-DENTI Una nuova attività degli Asili Notturni Asili

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Sommario L idea e gli obiettivi... 1 La funzione degli RLS tra limiti e opportunità... 2 Il KIT OMERO... 4 Pari

Dettagli

TESTIMONI NEL MONDO PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE SULLA PROBLEMATICA AMIANTO

TESTIMONI NEL MONDO PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE SULLA PROBLEMATICA AMIANTO TESTIMONI NEL MONDO PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE SULLA PROBLEMATICA AMIANTO L AFeVA (Associazione Famigliari e Vittime Amianto) di Casale Monferrato propone un progetto di sensibilizzazione sul tema dell

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

. Comune di San Rocco al Porto Provincia di Lodi C.A.P. 26865 Piazza della Vittoria C.F. 03946010158

. Comune di San Rocco al Porto Provincia di Lodi C.A.P. 26865 Piazza della Vittoria C.F. 03946010158 . Comune di San Rocco al Porto Provincia di Lodi C.A.P. 26865 Piazza della Vittoria C.F. 03946010158 F:\testi\REGOLAMENTI IN VIGORE\REGOLAMENTI IN VIGORE\FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI.DOC REGOLAMENTO

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 SETTE BORSE

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto Nella Regione Abruzzo sono

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014 OGGETTO: ADEONE ALLA ASSOCIAZIONE BORGHI AUTENTICI D ITALIA. L anno duemilaquattordici il giorno tre del mese di

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO

PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO PROTOCOLLO D INTESA PER IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEGLI INVALIDI DEL LAVORO TRA L I.N.A.I.L. SEDE DI ROVIGO E LA PROVINCIA DI ROVIGO L I.N.A.I.L. sede di ROVIGO nella persona della Dottoressa Patrizia

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli