Il fax e l ( standard) quali strumenti di comunicazione giuridica nei rapporti tra le amministrazioni pubbliche e con il cittadino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il fax e l e-mail ( standard) quali strumenti di comunicazione giuridica nei rapporti tra le amministrazioni pubbliche e con il cittadino"

Transcript

1 Dipartimento Istituzionale Direzione Regionale Attività della Presidenza Area Consulenza e Assistenza Giuridica Il fax e l ( standard) quali strumenti di comunicazione giuridica nei rapporti tra le amministrazioni pubbliche e con il cittadino A cura di: Dott.ssa Raffaella Benvenuti Dott.ssa Paola Pasquini Giugno 2010

2 Premessa Nei rapporti tra la pubblica amministrazione ed il cittadino l utilizzo degli strumenti tecnologici ed informatici costituiscono oramai il metodo ordinario di comunicazione attraverso il quale si realizza la necessaria cooperazione tra i soggetti. Questi sono sempre più utilizzati anche nella fase di svolgimento dei procedimenti amministrativi tanto da costituire un sistema di supporto al procedimento stesso. Sebbene questi strumenti siano disciplinati dalla vigente normativa statale e regionale, il loro utilizzo non esime dal porsi alcuni interrogativi giuridici rispetto ai quali è doveroso dare risposta Considerate le frequenti richieste di parere formulate sull argomento, con la presente circolare si ritiene utile affrontare questa tematica con particolare riferimento all utilizzo del fax e della standard, eccetto quindi la posta elettronica certificata ( PEC), fornendo al riguardo non solo il quadro generale della normativa vigente, ma procedendo, alla luce della giurisprudenza, ad una analisi volta ad approfondire da un lato il valore giuridico da attribuire a questi sistemi di trasmissione, dall altro, invece, i limiti di utilizzo soprattutto ai fini della loro idoneità a far decorrere i termini perentori previsti dall articolo 21 bis della legge 241/1990 per l impugnazione dei provvedimenti.

3 SOMMARIO Premessa 1.Il quadro normativo di riferimento nelle comunicazioni a mezzo fax pag 1 2.Il valore giuridico degli atti trasmessi per fax alla luce della Giurisprudenza.. pag..3 3.In quali casi è possibile comunicare con il cittadino attraverso il fax..pag 4 4.Trasmissione via fax ed effettiva conoscenza ai fini della decorrenza dei termini per la proposizione del ricorso contro gli atti lesivi. pag 6 5 I limiti della comunicazione via fax ai fini della conoscenza dell atto e del computo dei termini per la proposizione del gravame. pag 8 6. L utilizzo dell ( standard ) nella pubblica amministrazione ed il quadro normativo di riferimento... pag Gli attuali orientamenti della dottrina e della giurisprudenza sul valore giuridico e probatorio dell pag Conclusioni..pag 15

4 1. Il quadro normativo di riferimento nelle comunicazioni a mezzo fax Negli ultimi anni l uso del fax nelle pubbliche amministrazioni è andato sempre più diffondendosi tanto da indurre il legislatore a regolamentarne l utilizzo e i limiti. Un primo intervento legislativo con il quale si autorizza l impiego del fax è contenuto nell articolo 7 della l. 15 ottobre 1986, n. 664, nella parte in cui è previsto che l'avvocatura dello Stato può avvalersi dei mezzi di telecomunicazione per la trasmissione a distanza degli atti relativi agli affari contenziosi consultivi e amministrativi. Con la finanziaria statale l. 30 dicembre 1991, n.412 il ricorso a questa nuova forma di comunicazione viene disciplinato all articolo 6, comma 2, dove è previsto che salvo che per gli atti aventi valore normativo, le comunicazioni tra amministrazioni pubbliche, enti pubblici, regioni ed enti locali che avvengano via telefax sono valide ai fini del procedimento amministrativo una volta che ne sia verificata la provenienza. Qualora dalle comunicazioni possano nascere diritti, doveri, legittime aspettative di terzi, prima dell'atto finale del procedimento dovrà essere acquisito agli atti l'originale della comunicazione. Successivamente con il DPR 27 giugno 1992, n. 352 in materia di diritto all accesso ai documenti amministrativi, il legislatore ha specificato che tale diritto non consiste solo nella presa visione ed eventuale estrazione di copie di documenti cartacei, ma si estende ad una consultazione per via telematica, in grado di ridurre i tempi dell attività burocratica. Ai fini di una maggior diffusione degli strumenti informatici e di un efficace utilizzo, in termini di qualità del servizio e contenimento dei costi, è stata in seguito istituita, con il D.lgs 12 febbraio 1993, n. 39, l Autorità per l informatica nella pubblica amministrazione, le cui funzioni sono state poi trasferite al Centro per l informatica nella P.A., che opera presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Solo a seguito della prima grande fase di riforma e rinnovamento della pubblica amministrazione il legislatore, con l emanazione del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 in materia di documentazione amministrativa, ha statuito all articolo 38 che tutte le istanze e le dichiarazioni da presentare alla P.A. ed ai gestori o esercenti di pubblici servizi possono essere inviate anche per fax e via telematica, mentre all articolo 43 ha previsto che i documenti trasmessi da chiunque ad una pubblica amministrazione tramite fax, o con altro mezzo telematico o informatico idoneo ad accertarne la fonte di provenienza, soddisfano il requisito della forma scritta e la loro trasmissione non deve essere seguita da quella del documento originale. Tale precetto è stato successivamente confermato nell articolo 45, comma 1, del D.lgs 17 marzo 2005, n.82, recante il Codice dell amministrazione digitale, il

5 quale prevede che i documenti trasmessi da chiunque ad una pubblica amministrazione con qualsiasi mezzo telematico o informatico, ivi compreso il fax, idoneo ad accertarne la fonte di provenienza, soddisfano il requisito della forma scritta e la loro trasmissione non deve essere seguita da quella del documento originale. Le disposizioni in argomento sono state recepite anche nell ordinamento regionale con il Regolamento regionale 6 settembre 2002, n.1 ( Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi della Giunta regionale) e successive modifiche, il quale, nel dettare le disposizioni in materia di procedimento amministrativo, ha stabilito, all articolo 79, che la comunicazione dell avvio del procedimento (da intendersi estensivamente riferita a tutte le comunicazioni endoprocedimentali e del provvedimento finale) è effettuata personalmente al destinatario mediante mezzo idoneo ad attestare la provenienza, il ricevimento e la relativa data, mentre all articolo 92 ha previsto che Sono valide le istanze e dichiarazioni presentate all amministrazione regionale mediante fax e in via telematica. Anche a livello comunitario il legislatore, nel ritenere adatto il ricorso a tale strumentazione, specie nelle gare d appalto, ne incoraggia l utilizzo prevedendo all articolo 42 della direttiva 2004/18/Ce del 31 marzo 2004, che tutte le comunicazioni e tutti gli scambi di informazioni possono avvenire, a scelta dell amministrazione aggiudicatrice, per posta, mediante fax o per via elettronica. La direttiva aggiunge inoltre che il mezzo scelto deve essere comunemente disponibile al pubblico, in modo da non limitare e quindi non discriminare, l accesso degli operatori economici alla procedura di aggiudicazione.

6 2. Il valore giuridico degli atti trasmessi per fax alla luce della Giurisprudenza Sul valore giuridico della trasmissione a mezzo fax la giurisprudenza amministrativa ha avuto modo di chiarire che il fax, in carenza di espresse prescrizioni che prevedano una forma particolare di notificazione, rappresenta uno strumento idoneo a determinare la piena conoscenza del provvedimento stesso, in quanto costituisce un sistema basato su linee di trasmissione di dati e su apparecchiature che consentono di documentare sia la partenza del messaggio dall apparato trasmittente, sia la ricezione del messaggio in quello ricevente attraverso il così detto rapporto di trasmissione. E stato quindi affermato che tali modalità, garantite da protocolli universalmente accettati, ne fanno uno strumento idoneo a garantire l effettività della comunicazione (1). Per quanto concerne l onere della prova circa la ricezione del messaggio, la giurisprudenza prevalente è unanime nel sostenere che gli accorgimenti tecnici che caratterizzano il sistema garantiscono, in via generale, una sufficiente certezza. Il legislatore, con l articolo 43, comma 6, del DPR 445/2000, giusto il quale I documenti trasmessi ad una P.A. tramite fax soddisfano il requisito della forma scritta e la loro trasmissione non deve essere seguita da quella del documento originale, ha recepito l elaborazione giurisprudenziale secondo cui un fax deve presumersi giunto al destinatario quando il rapporto di trasmissione indica che questa è avvenuta regolarmente, senza che colui che ha inviato il messaggio debba fornire alcuna ulteriore prova (2). Sostanzialmente, si istaura una sorta di inversione dell onere della prova a favore del soggetto che abbia trasmesso il messaggio fax e abbia ricevuto il rapporto di trasmissione, in quanto viene a formarsi, in capo al destinatario, la presunzione della ricezione del documento. Solo a quest ultimo spetterà dimostrare il cattivo funzionamento dell apparecchio attraverso prove rigorose, non ritenendosi sufficienti circostanze impeditive apposte in modo generico e non seriamente documentate quali, ad esempio, la semplice dichiarazione del destinatario di non aver ricevuto il fax (3).

7 3. In quali casi è possibile comunicare con il cittadino attraverso il fax Come in premessa accennato, l utilizzo di particolari strumenti, quali il fax o il telefax (4), consente alla pubblica amministrazione di perseguire due importanti principi in materia di diritto amministrativo,quello della celerità e quello dell economicità dell azione amministrativa, considerato che la spedizione di un fax è virtualmente più veloce e meno costosa rispetto all utilizzo dei tradizionali mezzi di comunicazione. Con riguardo agli ambiti di operatività, le numerose pronunce giurisprudenziali hanno individuato nel tempo una serie di ambiti che consentono l impiego di tale strumento, sempre che il legislatore non disponga espressamente l utilizzo di mezzi diversi quali la notifica o la lettera raccomandata. In particolar modo è stata riconosciuta la validità dell invio mediante fax di: a) istanze e dichiarazioni unitamente alla copia non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore, non solo nei procedimenti completamente informatizzati ma anche in quelli misti, nei quali l uso delle tecnologie convive con la gestione cartacea dei documenti; b) atti recettizzi, ossia quegli atti che per produrre effetto devono essere portati a conoscenza dei destinatari, non solo perché tale strumento, per le sue caratteristiche tecniche, garantisce la certezza della ricezione del messaggio da parte del destinatario (5), ma anche perché, se non diversamente previsto per legge, compete all amministrazione procedente dettare le regole da seguire nella comunicazione degli atti endoprocedimentali. Difatti è la pubblica amministrazione che disciplina la partecipazione delle parti all istruttoria, regolandola in modo da fornire ai diversi soggetti pubblici e privati uno strumento comunicativo che consenta loro di cooperare in vista del fine comune, ovvero di un adeguato e sollecito svolgimento dell istruttoria medesima (6); c) atti attestanti certezze giuridiche nell ambito dell attività istruttoria per l acquisizione d ufficio da parte della pubblica amministrazione (7); d) comunicazioni collegate ai bandi di concorso, alle gare per contratti pubblici nonché ai provvedimenti finalizzati alla fruizione di sovvenzioni, somministrazioni o servizi che il cittadino richieda all amministrazione. In questi casi, ove il bando prescriva che le comunicazioni con i partecipanti o con i richiedenti possano avvenire anche a mezzo fax e il cittadino indichi tale recapito nell istanza di partecipazione, si può ritenere che tale

8 indicazione sia sufficiente a integrare una piena legittimazione per l amministrazione di rendere le comunicazioni attraverso questo mezzo. (8) Si sottolinea che, ai fini di una validazione delle comunicazioni via fax, è sempre bene che l amministrazione, nei rapporti con il cittadino, specifichi espressamente il suo utilizzo, sia che si tratti dell esercizio di un diritto partecipativo ex art. 7 l. 241/1990, ovvero in sede di richiesta di accesso agli atti o nella replica ad un rigetto preliminare ex art. 10 l. 241/1990. Ciò perchè l indicazione volontaria del cittadino del proprio recapito telefax fa sorgere nell amministrazione la potestà di comunicare via fax i provvedimenti relativi al procedimento in corso, a condizione che dell esercizio di tale facoltà ne sia dato avviso da parte dell amministrazione stessa come ad esempio nei bandi, o in sede di avvio del procedimento. Dall analisi della giurisprudenza si ritiene inoltre, al pari di quanto avviene per l articolo 47 c.c., in base al quale Si può eleggere domicilio speciale per determinati atti o affari. Questa elezione deve farsi espressamente per iscritto, che l indicazione del recapito telefax abbia rilevanza quale domicilio speciale e quindi limitatamente a quel dato procedimento in corso (9) non potendo, anche se comunicato volontariamente dal cittadino, rivestire la funzione di domicilio generale presso cui trasmettere tutte le comunicazioni future da parte dell amministrazione (10). La ratio di tale orientamento va ricercata nel fatto che la comunicazione del recapito telefax obbliga, in un certo modo, il cittadino o l impresa a mantenere in buon funzionamento l impianto del fax per tutta la durata del procedimento, creando così una presunzione di conoscenza rispetto alla trasmissione e al rapporto di consegna prodotto automaticamente dall apparecchio (11).

9 4. Trasmissione via fax ed effettiva conoscenza ai fini della decorrenza dei termini per la proposizione del ricorso contro gli atti lesivi Un aspetto che merita approfondimento riguarda la conoscenza dell atto trasmesso per fax. Si tratta di appurare se la comunicazione del documento via fax realizzi appieno la conoscenza dell atto, anche ai fini della decorrenza dei termini necessari per la proposizione del gravame contro gli atti lesivi. Come si è avuto modo di appurare, secondo il consolidato orientamento giurisprudenziale formatosi in materia, la trasmissione degli atti via telefax e il suo rapporto sono idonei a garantire la piena conoscenza dell atto al pari della comunicazione mediante raccomandata. La giurisprudenza amministrativa oramai sembra essere orientata nel sostenere che la comunicazione (dell atto o del provvedimento) avvenuta via fax è idonea a far decorrere il termine per impugnare. Infatti tale ragionamento poggia sul fatto che gli accorgimenti tecnici che caratterizzano il sistema, garantiscono, in via generale, una sufficiente certezza circa la ricezione del messaggio così da determinare appunto l idoneità del mezzo a far decorrere i termini (12) Al riguardo, si richiama anche un autorevole orientamento della dottrina secondo cui ai fini di perfezionare la fase integrativa dell efficacia, in quei procedimenti nei quali la notificazione è richiesta, è peraltro certamente sufficiente la trasmissione di una lettera contenente gli elementi essenziali del provvedimento od ogni altra forma scritta, idonea allo scopo, salvi naturalmente i casi in cui la legge prescriva una determinata forma necessaria (13). Le numerevoli pronunce giurisprudenziali sono state prese in considerazione dal legislatore che, nell apportare modifiche alla legge generale sul procedimento amministrativo, l. 241/1990, ha introdotto l articolo 21 bis il quale, nello stabilire che Il provvedimento limitativo della sfera giuridica dei privati acquista efficacia nei confronti di ciascun destinatario con la comunicazione allo stesso effettuata anche nelle forme stabilite per la notifica agli irreperibili nei casi previsti dal codice di procedura civile, sembrerebbe aver superato ogni possibile differenza tra notificazione e comunicazione ai fini dell efficacia dell atto e della sua impugnazione.( 14) Si ritiene quindi, alla luce degli orientamenti prevalenti, che la comunicazione via fax degli atti amministrativi si aggiunge ai tradizionali mezzi fino ad oggi utilizzati in quanto idonea ad integrare l effettiva conoscenza dell atto da cui la legge di riforma della l. 241/1990 fa discendere la produzione degli effetti lesivi di provvedimenti limitativi della sfera giuridica

10 dei privati con conseguente onere di esecuzione o di impugnazione immediata da parte dell interessato. Si aggiunge infine che la comunicazione via fax, nel garantire l obbligo di comunicazione dell atto al destinatario, realizza non solo il principio di pubblicità dell azione amministrativa, dato che la pubblicità del procedimento amministrativo è un principio del patrimonio costituzionale comune dei Paesi europei (15) ma assolve anche al principio dell obbligo di conclusione del procedimento con un provvedimento espresso.

11 5 I limiti della comunicazione via fax ai fini della conoscenza dell atto e del computo dei termini per la proposizione del gravame Un aspetto che merita sicuramente attenzione attiene all individuazione dei limiti entro i quali l amministrazione può liberamente disporre del fax quale strumento di comunicazione con il cittadino, anche ai fini della valida produzione degli effetti di cui all articolo 21 bis della l. 241/1990. Se da una prima analisi del combinato disposto di cui agli articoli 38 e 43 del DPR 445/2000 e degli articoli 3 e 4 del D.Lgs 82/2005 e successive modificazioni, sembrerebbe che la vigente normativa riconosca in capo al cittadino un diritto soggettivo all utilizzo di strumentazioni telematiche per le comunicazioni con la pubblica amministrazione, in realtà, dall esame della giurisprudenza amministrativa si evince una qualificazione dello stesso come interesse legittimo. Sostiene, infatti, la giurisprudenza che a fronte dell azione della p.a. come autorità non si possono ordinariamente scorgere diritti soggettivi in senso proprio, se non per quanto riguarda i limiti esterni del potere, ma solo interessi legittimi. Pertanto, considerato che l esercizio del potere organizzatorio della pubblica amministrazione, per costante orientamento, è esercizio di poteri autoritativi, si conferma che la situazione soggettiva tutelata( utilizzo delle tecnologie) non è un diritto soggettivo in senso proprio, poiché tale situazione non è tutelata nella sua pienezza allorchè non vi siano le necessarie risorse. (16) Inoltre, va aggiunto che dalla disamina della normativa in esame è chiaro che al diritto /interesse del cittadino a comunicare con il telefax non corrisponde alcun obbligo, in capo allo stesso, di attivare linee telefax per ricevere comunicazioni da parte dell amministrazione, così come non si riconosce a quest ultima alcun potere generalizzato a trasmette atti o comunicazioni al cittadino mediante l utilizzo del suddetto strumento. Infatti, è da ritenere che per attivare questo tipo di potestà in capo all amministrazione sia necessario che il cittadino aderisca volontariamente, attraverso espressa dichiarazione o adesione collegata al singolo procedimento in questione, a ricevere comunicazioni via fax, in quanto tale manifestazione di volontà potrebbe ricondursi all elezione volontaria di domicilio di cui all articolo 47 c.c.. Al contrario, dovrebbero ritenersi illegittime, per aggravio del procedimento, eventuali norme di legge o di regolamento che prevedessero, per intere tipologie procedimentali, l onere

12 per il cittadino di indicare il proprio recapito di telefax, non sussistendo a monte nessun obbligo per quest ultimo. Dall analisi svolta emerge che l uso del telefax come mezzo tipico di comunicazione tra i cittadini e la pubblica amministrazione sia da considerare legittimo purchè, al preventivo avviso dell amministrazione che le comunicazioni riferite a quel singolo e specifico procedimento avverranno a mezzo fax, corrisponda una accettazione del cittadino, il quale provvederà ad indicare il proprio telefax sottoscrivendolo nell apposito modulo predisposto dall amministrazione. In presenza di queste condizioni sarà dunque possibile assolvere alla funzione di comunicazione

13 6 L utilizzo dell ( standard) nella pubblica amministrazione ed il quadro normativo di riferimento La disciplina normativa concernente l impiego della telematica nella pubblica amministrazione risale al periodo delle riforme degli anni 90,quando con la l. 241/1990 in un primo momento e con la l. 59/1997 (c.d. riforma Bassanini) poi, si riconosce validità e rilevanza agli atti, ai dati e ai documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici e telematici. Nel 2002, con l approvazione da parte del Consiglio dei Ministri delle Linee guida del Governo per lo sviluppo della società dell informazione nella legislatura, viene posto tra gli obiettivi principali, la diffusione dell impiego della posta elettronica per tutte le comunicazioni interne alla pubblica amministrazione. Successivamente, l articolo 27 della l. 2/2003 ha previsto espressamente che Entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge sono emanati uno o più regolamenti, per introdurre nella disciplina vigente le norme necessarie ai fini del conseguimento dei seguenti obiettivi: e) estensione dell'uso della posta elettronica nell' ambito delle pubbliche amministrazioni e dei rapporti tra pubbliche amministrazioni e privati. Ad arricchire il quadro normativo è intervenuta poi la Direttiva 27 novembre 2003 del Ministro per l Innovazione e le Tecnologie, la quale ha evidenziato la necessità di intensificare l impiego della posta elettronica per consentire un cambiamento culturale ed organizzativo della pubblica amministrazione, anche al fine di consentire al paese di sostenere le sfide della competitività proposte a livello europeo. Con l adozione del Codice dell amministrazione digitale, D.lgs 82/2005, che peraltro ha ripreso talune delle diposizioni contenute nel DPR 445/2000, la materia è stata sistematicamente disciplinata dall articolo 47 il quale ha statuito che le comunicazioni di documenti tra le pubbliche amministrazioni avvengono di norma mediante l utilizzo della posta elettronica; esse sono valide ai fini del procedimento amministrativo, una volta che ne sia verificata la provenienza. Ed è proprio su quest ultimo aspetto che si concentra l attenzione in quanto si tratta di verificare la certezza giuridica che può riconoscersi ad un messaggio di posta elettronica c.d. standard, rispetto ad uno inviato mediante posta elettronica certificata ai sensi del DPR 11 febbraio 2005, n.68 e dell articolo 48 del medesimo D.lgs 82/2005, secondo cui la trasmissione del documento informatico effettuato mediante posta elettronica certificata, equivale, nei casi consentiti dalla legge, alla notificazione per mezzo

14 della posta. La data e l ora di trasmissione e di ricezione di un documento informatico trasmesso mediante posta elettronica certificata sono opponibili ai terzi se conformi alle disposizioni di cui al DPR 68/2005.

15 7. Gli attuali orientamenti della dottrina e della giurisprudenza sul valore giuridico e probatorio dell Come si è avuto modo di chiarire con la presente circolare ci occuperemo della posta elettronica standard rinviando, invece ad altra sede l analisi della posta elettronica certificata (PEC), disciplinata dal DPR 11 febbraio 2005, n. 68, che la l. 28 gennaio 2009, n. 2, ha reso obbligatoria per determinate categorie, quali le imprese, i professionisti e le pubbliche amministrazioni (17) Con riferimento all standard è utile ricordare che sussiste un ampio dibattito dottrinale e giurisprudenziale volto ad accertarne il valore giuridico e probatorio. Secondo un primo orientamento della dottrina solo il documento provvisto di firma digitale o avanzata può garantire sicurezza ed affidabilità e avere, quindi, valore giuridicamente rilevante. Al contrario, l non può essere considerata come prova scritta ai sensi dell articolo 636 c.p.c. (18) in quanto la c.d. firma leggera (19) non attesta la paternità di un documento ad una persona, ma si limita ad autenticare il soggetto abilitato ad un determinato servizio, così da non garantire né l immodificabilità e l integrità del documento, né la sua provenienza, riducendo quindi il documento informatico a mera riproduzione meccanica. Ne consegue che l priva della sottoscrizione digitale, costituirebbe un semplice documento scritto, trascritto, ma non sottoscritto mancando così di quel requisito essenziale in grado di conferirle efficacia di scrittura privata. (20). Diversamente, altra parte della dottrina sostiene che è necessario garantire una esistenza giuridica alle e a tutte le nuove forme di contrattazione telematica sprovviste di firma digitale, allo scopo di favorire lo sviluppo del commercio elettronico(21). Secondo tale orientamento il legislatore comunitario in primo luogo e conseguentemente quello statale, avrebbero garantito ampia libertà alle parti circa l utilizzo dei nuovi sistemi di comunicazione elettronica propri del commercio elettronico, così che anche i documenti elettronici scritti non sicuri, quali l , possono essere considerati mezzi idonei a formalizzare accordi tra privati purchè si possa attribuire agli stessi una qualche paternità. Infatti, il mittente di una dovrà comunque eseguire una autenticazione inserendo il proprio username e password. Ciò garantirà un legame tra l utente del servizio di posta elettronica e lo strumento di comunicazione utilizzato. Pertanto, sul piano formale una , pur non essendo equiparata ad una scrittura privata, rappresenta comunque una valida manifestazione di volontà che soddisfa il requisito della forma scritta, al pari del telegramma,

16 mentre, dal punto di vista probatorio, la valutazione è rimessa al giudice il quale dovrà tener conto delle circostanze di affidabilità o meno dell . Sul fronte della giurisprudenza si può osservare come recenti pronunce abbiano in realtà voluto garantire all un minimo di rilevanza giuridica o meglio, una validità di forma scritta, anche se liberamente valutabile dal giudice da un punto di vista probatorio. (22) Il ragionamento si basa sul presupposto che l rappresenta un documento informatico che soddisfa appieno i requisiti previsti dalla legge sia con riguardo all articolo 1, comma 1, lettera b), del DPR 445/2000, che definisce il documento informatico come la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti, sia con riguardo all articolo 8 del medesimo decreto, giusto il quale il documento informatico, da chiunque formato, la registrazione su supporto informatico e la trasmissione con strumenti telematici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge, se conformi alle disposizioni del presente testo unico. Se dunque dal combinato disposto dei due articoli discende la validità giuridica dell quale documento informatico, è necessario altresì valutare se lo stesso possa o meno integrare anche il requisito della forma scritta, così come richiesto dall articolo 10, comma 2, del DPR 445/2000. Al riguardo, la giurisprudenza, partendo dall analisi della firma elettronica, individua la differenza tra la firma elettronica complessa, che si realizza mediante un meccanismo di validazione e riconoscimento qualificato che permette di accertarne l autenticità, così da assegnare valore di prova scritta al documento informatico (23) e la firma elettronica leggera o semplice, rispetto alla quale non sono predeterminati dal legislatore sistemi di validazione e certificazione, così che i metodi di autenticazione informatica consistono, in genere, nell insieme di strumenti elettronici e di procedure per la verifica indiretta dell identità. Sulla base di tali presupposti la giurisprudenza si è chiesta se il procedimento di formazione del messaggio di posta elettronica (standard) sia o meno in grado di soddisfare i caratteri della firma elettronica semplice. In realtà, attraverso un ragionamento complesso, si è arrivati a dimostrare che anche per l , così come per la firma elettronica semplice, sussistono delle associazioni logiche che portano ad un sistema di autenticazione e quindi di riconoscimento, anche indiretto, dell autore, il quale, per confezionare un messaggio di posta, dovrà accedere ad una area a lui riservata (account), creata presso il fornitore della casella di posta (internet service provider). Inoltre, l riporta una precisa intestazione (headers) ovvero un elenco di dati che ne indicano il percorso effettuato dal momento del suo invio. Pertanto, secondo la giurisprudenza, i requisiti previsti dal DPR 445/2000 parrebbero soddisfatti in virtù dell associazione dei dati di indirizzo del mittente (headers) e dalla

17 username-password, anche se ciò non attribuisce alla firma elettronica c.d. leggera lo stesso valore della firma elettronica complessa. Del resto la giurisprudenza si ricollega anche agli orientamenti assunti dal Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione (CNIPA), il quale, nel fare chiarezza sul valore formale dell , ha sostenuto che il sistema di autenticazione utilizzato è giuridicamente idoneo a generare una firma elettronica leggera, in grado di attribuire valore di forma scritta al documento informatico di riferimento(24). Pertanto, l può ritenersi idoneo strumento di autenticazione in grado di attribuire forma scritta ai documenti informatici di riferimento, anche se liberamente valutabili dal giudice, al quale spetta verificare la genuinità e riconducibilità effettiva del suo contenuto al titolare dell indirizzo di posta elettronica utilizzata. Ciò in sintonia con il comma 4 dell articolo 10 del DPR 445/2000 secondo cui al documento informatico sottoscritto con firma elettronica, in ogni caso, non può essere negata rilevanza giuridica né ammissibilità come mezzo di prova unicamente a causa del fatto che è sottoscritto in forma elettronica ovvero in quanto la firma non è basata su di un certificato qualificato rilasciato da un certificatore accreditato o, infine, perché la firma non è stata posta avvalendosi di un dispositivo per la creazione di una firma sicura. Secondo la giurisprudenza la norma esclude che la firma elettronica semplice possa avere lo stesso valore della firma elettronica avanzata, ma comunque attribuisce al documento valore probatorio.

18 8. Conclusioni Dall analisi legislativa e giurisprudenziale consegue: FAX la trasmissione è giuridicamente valida in quanto trattasi di una modalità garantita da protocolli universalmente accettati così da rendere il fax uno strumento idoneo a garantire l effettività della comunicazione sussiste l onere della prova in quanto i documenti trasmessi ad una P.A. tramite fax soddisfano il requisito della forma scritta e la loro trasmissione non deve essere seguita da quella del documento originale è idoneo ai fini della decorrenza dei termini per la proposizione del gravame in quanto, aggiungendosi ai tradizionali mezzi di comunicazione, garantisce l effettiva conoscenza dell atto, con conseguente onere di esecuzione o impugnazione immediata da parte dell interessato l uso è legittimo, purchè al preventivo avviso dell amministrazione che le comunicazioni riferite a quel procedimento avverranno a mezzo fax, corrisponda una accettazione del cittadino che indicherà il proprio telefax, sottoscrivendolo nell apposito modulo predisposto dall amministrazione. In presenza di queste condizioni sarà possibile assolvere alla funzione di comunicazione.

19 in linea generale le comunicazioni di documenti tra le pubbliche amministrazioni avvengono di norma mediante l utilizzo della posta elettronica; esse sono valide ai fini del procedimento amministrativo, una volta che ne sia verificata la provenienza (standard) il sistema di autenticazione dell è giuridicamente idoneo a generare una firma elettronica leggera in grado di attribuire valore di forma scritta al documento informatico di riferimento all è riconosciuta una minima rilevanza giuridica, o meglio, una validità di forma scritta, anche se liberamente valutabile dal giudice, da un punto di vita probatorio..

20 Note finali (1) Sul punto cfr Tar Lazio sez II quater n. 8233/2008; CdS sez VI n. 2951/2007; Tar Lazio III quater 1254/2008; Tar Sicilia Palermo sez II n. 197/2008; Tar Lazio sez III bis n. 238/2008; Tar Lazio sez I bis n /2004; Tar Piemonte n. 1190/2002 (2) Sul punto cfr. Consiglio di Stato Sez. VI n. 4151/2009 (3) Sul punto cfr Tar Lazio sez II quater 8232/2008; Consiglio di Stato Sez VI n 2951/2007; Tar Friuli n. 720/2007; Tar Lazio Sez III n. 1066/2006; Consiglio di Stato Sez V n. 2207/2002 (4) La differenza tra il fax ed il telefax consiste nel fatto che il secondo possiede anche la funzione di memorizzare dei dati prima della loro trasmissione e della loro stampa, consentendo così di superare eventuali problemi dovuti, ad esempio, alla mancanza della carta o all inceppamento della stessa. Cfr Foro Amministrativo 4 aprile 2005 l utilizzo di strumenti elettronici ed informatici nelle comunicazioni della pubblica amministrazione (5) Cfr. Tar Sardegna Sez. I n. 555/2005. (6) Cfr Consiglio di Stato 2207/2002 (7) Cfr Tar Lazio Sez. III quater. n.1254/2008 (8) Cfr Consiglio di Stato Sez IV n.2951/2007; Tar Lazio Sez. III quater n.1254/2008; Consiglio di Stato Sez V n.4032/2009 (9) Cfr Cass.civ. sez I n /2005; Tar Sicilia Catania Sez II n. 2208/2002; Tar Campania Napoli Sez V n. 6256/2002 (10) Cfr Consiglio di Stato Sez VI n.1250/1989 (11) Cfr Cass. Civ. sez II n.10564/1998; Tar Lazio sez III n. 9253/2004 (12) Cfr Cons Stato Sez VI 4 giugno 2007, n.2951 (13) Sul punto Stella Richter Diritto amministrativo Voce notificazione, in Enciclopedia del diritto XXVIII Si veda anche La comunicazione degli atti amministrativi F.Cammeo.Padova secondo cui, in assenza di disposizioni espresse, ogni forma di comunicazione, persino orale, è sufficiente per far conseguire efficacia all atto amministrativo. (14) Cfr Cons.Stato sez. IV n. 4858/2006; Tar Piemonte Torino Sez I n.2471/2006. (15) Cfr Corte Costituzionale 17 marzo 2006, n.104 (16) Cfr Cons Stato sez contr. Atti normativi n.31/06 del 30 gennaio2006 ( Parere richiesto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per l innovazione tecnologica su schema di Dlgs recante disposizioni correttive e integrative al Dlgs 7 marzo 2005, n.82 c.d. Codice del amministrazione digitale) (17) Per Posta Elettronica Certificata (PEC), ai sensi del d.p.r. 11 febbraio 2005, n. 68, si intende "ogni sistema di posta elettronica nel quale è fornita al mittente documentazione elettronica attestante l'invio e la consegna di documenti informatici".con la Posta Elettronica Certificata al mittente viene fornita la documentazione elettronica, con valenza legale, che attesta l'invio e la consegna di documenti informatici. In altri termini, il proprio gestore di posta invia al mittente una ricevuta che costituisce prova legale dell'avvenuta spedizione del messaggio e dell'eventuale allegata documentazione. Inoltre, quando il messaggio giunge al destinatario, il gestore invia al mittente la ricevuta di avvenuta o mancata consegna con specifica indicazione temporale.la traccia informatica delle operazioni svolte viene conservata per legge per un periodo di trenta mesi: in tal modo il mittente può ottenere la riproduzione, con lo stesso valore giuridico, delle ricevute stesse (ad esempio, in caso di smarrimento).la PEC è disciplinata dal d.p.r. 11 febbraio 2005, n. 68, che ne stabilisce le modalità di utilizzo sia a livello di diritto privato che di diritto amministrativo (dunque non solo

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione. A v v. V I T T O R I N O C A G N O N I PATROCINANTE IN CASSAZIONE A v v. S A N D R A B O N F E A v v. A L E S S A N D R O C A G N O N I A v v. E M I L I A N O C A G N O N I A v v. F E D E R I C O C A G

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.

COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail. COMUNE DI MASSA DI SOMMA Provincia di Napoli www.comunedimassadisomma.na.gov.it PEC: protocollo.massadisomma@cstnapoli.legalmail.it bollo di 16,00 da apporre solo se si richiedono copie conformi Al Responsabile

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli