delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti"

Transcript

1 L a metodologia CISA per la contabilità delle emissioni locali nell'appennino bolognese. Ing. Natale Massimo Caminiti La contabilità di emissioni di gas serra a scala comunale: proposte per i comuni dell'appennino bolognese 20 novembre - Bologna Obiettivo L obiettivo della metodologia è quello di permettere agli enti locali o ad altri operatori di avere un quadro di conoscenze omogeneo e confrontabile dello stato delle emissioni di un territorio (comune, provincia, etc.) relativo a un dato anno nonché di valutare l andamento temporale dell'impatto sulle emissioni di gas serra di una serie di interventi realizzati o eventualmente pianificati per il raggiungimento di obiettivi energetico-ambientali. N. M. Caminiti 2 1

2 Come è fatta la metodologia La metodologia è sostanzialmente costituita da due parti principali: la prima riguarda la predisposizione di una metodologia replicabile per la contabilità delle emissioni di gas serra a livello locale (comunale), utilizzabile in relazione agli obiettivi di riduzione del Protocollo di Kyoto e Post Kyoto. Le emissioni comunali sono disaggregate per settori sorgenti, come previsto a livello nazionale e internazionale la seconda parte prevede la definizione di schede metodologiche (leve) per la valutazione degli impatti sulle emissioni di gas serra di un set di interventi. Le riduzioni dovute agli interventi sono disaggregate per settore sorgente (come sopra). La metodologia permette inoltre una prima valutazione degli interventi tenendo conto dei diversi impegni a livello europeo per i settori NON-ETS e ETS. N. M. Caminiti 3 Caratteristiche Le due parti sono complementari e costituiscono un unico strumento attraverso il quale operatori istituzionali e non, possono avere informazioni per definire una base line e dei target di riduzione attraverso l utilizzo della prima metodologia e monitorare negli anni, attraverso la valutazione degli interventi realizzati con la seconda metodologia, la virtuosità del percorso intrapreso, i limiti e gli aggiustamenti necessari. L insieme delle due fornisce una lettura della situazione attuale dello stato delle emissioni, della sua evoluzione con la possibilità di valutare gli interventi di riduzione delle emissioni realizzati o previsti al fine di avere un quadro di riferimento negli anni della situazione comunale, nel nostro caso al 2010, 2015 e N. M. Caminiti 4 2

3 Specificità 1. La semplicità di utilizzo (non sono richieste particolari competenze tecniche o scientifiche ed è necessario, di solito, un solo valore di ingresso facilmente comprensibile e reperibile). 2. La velocità di esecuzione (si tratta di utilizzare dei dati di input disponibili in rete o presenti nei progetti delle iniziative o desumibili dagli stessi e i risultati attesi si ottengono in tempo reale, attraverso un modello di elaborazione automatico). 3. Il costo praticamente nullo della sua gestione (non sono necessari particolari oneri aggiuntivi per gli utilizzatori). 4. La omogeneità e confrontabilità dei risultati (affinché i vari risultati negli anni per un dato comune o tra comuni diversi siano confrontabili bisogna utilizzare la stessa metodologia, gli stessi dati di riferimento e gli stessi parametri per le elaborazioni), anche nel caso in cui la metodologia venga utilizzata da diversi operatori, ad esempio di diversi comuni. 5. Le informazioni che si ottengono (disaggregate per settori sorgenti e settori ETS e NON-ETS ) permettono di fare valutazioni sia in relazione ai punti deboli e di forza dell impegno comunale sia in relazione a definizione di obiettivi comunali in coerenza con gli impegni internazionale e europei. N. M. Caminiti 5 Difficoltà Poter disporre di dati omogenei annualmente Poter disporre di dati omogenei annualmente aggiornati (anche anni recenti) Poter disporre di dati omogenei annualmente con procedure semplici (senza particolari richieste e autorizzazioni) ISTAT: nazionali, regionali, provinciali, comunali, frequenza decennale ISPRA: GHG nazionali, frequenza annuale ISPRA: regionali e provinciali frequenza quinquennale ENEA: regionali, frequenza annuale MiSE e TERNA: frequenza annuale Camere commercio: comunali, frequenza annuale N. M. Caminiti 6 3

4 Parte Prima Inventario comunale emissione GHG N. M. Caminiti 7 Processo metodologico Messa a punto metodologia (emissioni complessiva e per settore sorgente) Applicazione ad un comune per l anno 2001 (2001 anno in cui si ha la maggiore disponibilità di dati) Calibrazione della metodologia per il 2001 Verifica metodologia ISPRA provinciale quinquennale con dati annuali MiSE e Camera di Commercio (questo ci permette di poter utilizzare in maniera omogenea i dati annuali MiSE e della Camera di commercio) Calibrazione metodologia 2001 e 2005 Applicazione ad un comune anno 2001 e 2005 Verifica risultati N. M. Caminiti 8 4

5 Dati Nazionali DATI NAZIONALI Dati Caratteristici popolazione (ab.) superficie (kmq) Settore industriale Emissioni settore industriale (t CO 2 ) numero addetti settore industriale (n.) Settore trasporti Emissioni trasporti solo da strada (t CO 2 ) Numero veicoli circolanti (n.) Settore agricoltura Emissioni Agricoltura (t CO 2 ) N. M. Caminiti 9 Dati provinciali DATI PROVINCIALI Dati Caratteristici popolazione (ab.) superficie provinciale (kmq) Settore trasporti consumo benzina (t) consumo gasolio (t) consumo GPL (t) numero veicoli circolanti Settore agricoltura consumo gasolio (t) Settore elettrico energia elettrica consumata totale (GWh) N. M. Caminiti 10 5

6 Dati comunali DATI COMUNALI Dati caratteristici popolazione (ab.) centro abitato fuori centro abitato superficie comunale (kmq) Settore Civile Settore residenziale superficie media abitazioni (m 2 ) numero abitazioni totali zona climatica X X X X X abitazioni centro abitato (%) metano 0% 0% 0% 0% 0% gpl 0% 0% 0% 0% 0% gasolio 0% 0% 0% 0% 0% legna 0% 0% 0% 0% 0% abitazioni fuori centro abitato (%) metano 0% 0% 0% 0% 0% gpl 0% 0% 0% 0% 0% gasolio 0% 0% 0% 0% 0% legna 0% 0% 0% 0% 0% Settore terziario numero addetti settore terziario Settore pubblico consumo metano (m 3 /a) consumo GPL(l/a) consumo gasolio (l/a) numero addetti settore pubblico Settore Industriale numero addetti settore industriale Settore trasporti numero veicoli circolanti Settore energia elettrica Consumo pubblico energia elettrica (GWh) N. M. Caminiti 11 I risultati NOME DEL COMUNE Emissioni Civile (t CO2) emissioni residenziali (tco 2/a) emissioni terziario (tco2/a) emissioni pubblico (tco 2/a) emissioni civile (tco2/a) Ipotesi A (tco2/a) Ipotesi B (tco2/a) Emissioni Industria (t CO2) emissioni industria (tco 2/a) Emissioni Trasporti (t CO2) emissioni trasporti (tco2/a) Emissioni produzione elettrica (t CO 2) emissioni energia elettrica (t CO2/a) di cui emissioni settore pubblico (t CO2/a) emissioni totali comunali (t CO2/a) N. M. Caminiti 12 6

7 Utilizzo metodologia file excel Inventario locale GHG composto da tre fogli di calcolo: foglio di lavoro denominato dati input per l inserimento dei dati in ingresso un foglio di lavoro denominato elaborazione un foglio di lavoro denominato risultati emissioni comunali con la lettura dei risultati N. M. Caminiti 13 Parte seconda Schede metodologiche per la valutazione degli impatti sulle emissioni di gas serra di un set di interventi. N. M. Caminiti 14 7

8 Processo metodologico Il set di interventi è stato individuato facendo riferimento ai principali interventi di carattere energetico lato produzione. ai principali interventi lato usi finali Si è tenuto conto in particolare Position Paper sulle fonti rinnovabili (settembre 2007) Schede di valutazione predisposte dall AEEG Interventi previsti dal Piano Nazionale per l Efficienza Energetica (luglio 2007) Direttiva Europea sui biocarburanti Si determinata la riduzione di GHG per ogni intervento Si sono classificati gli interventi in base ai settori sorgenti di emissioni Si è determinato il contributo complessivo comunale Si è disaggregato il contributo alla riduzione di GHG comunale per i settori ETS e NON-ETS N. M. Caminiti 15 Il set di interventi individuato (circa 30 tipologie) C e n t r a le e le t t r ic a a c o m b u s t ib il e f o s s il e P ic c o l a c o g e n e r a z io n e a m e t a n o P ic c o l o id r o E o lic o F o t o v o lt a ic o C e n t r a le a b io m a s s a P ic c o l a c o g e n e r a z io n e a fo n t i r in n o v a b i li T e le r is c a ld a m e n t o a f o n t i r i n n o v a b il i S o l a r e t e r m i c o G e o t e r m ic o S o s t it u z io n e s c a ld a c q u a e l e t t r ic i c o n s c a l d a c q u a a g a s S o s t it u z io n e s c a ld a c q u a a g a s a c a m e r a a p e r t a e f ia m m a p ilo t a c o n s c a ld a c q u a a g a s a c a m e r a s t a g n a e a c c e n s io n e p ie z o e le t t r ic a S o s t it u z io n e c a ld a i a a g a s c o n c a ld a ia a le g n a p e r r is c a ld a m e n t o in v e r n a le C o i b e n t a z io n e a b it a z io n i, e d if ic i e d o s p e d a li p e r r i s c a ld a m e n t o in v e r n a le C o i b e n t a z io n e a b it a z io n i, e d ific i e d o s p e d a li p e r r a f fr e s c a m e n t o e s t iv o S o s t it u z io n e v e t r i s e m p lic i c o n d o p p i v e t r i L a m p a d e a d a lt a e ff ic ie n z a I n s t a ll a z io n e d i c o n d i z io n a t o r i a d a lt a e f f ic ie n z a I n s t a ll a z io n e d i e r o g a t o r i id r ic i a b a s s o f lu s s o C o s t r u z io n e d i n u o v e a b it a z io n i I n s t a ll a z io n e d i r e g o l a t o r i d i f lu s s o lu m in o s o in im p ia n t i d i illu m i n a z io n e e s t e r n a S o s t it u z io n e d i l a m p a d e a v a p o r i d i m e r c u r io c o n la m p a d e a v a p o r i d i s o d i o a d a lt a p r e s s io n e in im p i a n t i d i p u b b lic a il lu m in a z i o n e I n s t a ll a z io n e d i in v e r t e r s u m o t o r i e l e t t r ic i I n s t a ll a z io n e d i m o t o r i e l e t t r ic i a d a lt a e f fic ie n z a d i p o t e n z a e le t t r ic a fin o a 1 0 k W I n s t a ll a z io n e d i m o t o r i e l e t t r ic i a d a lt a e f fic ie n z a d i p o t e n z a e le t t r ic a d a 1 0 k W f in o a 4 5 k W I n s t a ll a z io n e d i m o t o r i e l e t t r ic i a d a lt a e f fic ie n z a d i p o t e n z a e le t t r ic a s u p e r io r e a 4 5 k W I n t r o d u z i o n e d i b io c a r b u r a n t i n e g li a u t o b u s e s is t e n t i d e l le flo t t e p u b b lic h e P o t e n z i a m e n t o d e l t r a s p o r t o p u b b lic o c o n in t r o d u z io n e d i n u o v i a u t o b u s a m e t a n o P o t e n z i a m e n t o d e l t r a s p o r t o p u b b lic o c o n in t r o d u z io n e d i n u o v i a u t o b u s a t r a z io n e e l e t t r ic a N. M. Caminiti 16 8

9 Settori sorgente interventi Totale Comunale Produzione di energia Residenziale Terziario Pubblico Industriale Trasporti Totale Comunale N. M. Caminiti 17 Schede - Settore produzione di energia Scheda E1 - Centrale elettrica a combustibile fossile Impanto turbogas Ciclo combinato Scheda E2 - Piccola cogenerazione a metano Caso motori alternativi Caso turbina a gas Caso caldaia a vapore Scheda E3 - Piccolo idro Caso impianti potenza elettrica < 100 kw Caso impianti potenza elettrica >100< 1000 kw Scheda E4 - Eolico Caso impianti potenza elettrica < 100 kw Caso impianti potenza elettrica > 100 kw<1000 kw Caso impianti potenza elettrica > 1000 kw Scheda E5 - Fotovoltaico Caso impianti a terra Scheda E6 - Centrale a biomassa Caso filiera corta Caso filiera Scheda E7 - Piccola cogenerazione a fonti rinnovabili 2005,,, 2010,,, 2015,,, 2020 Energia elettrica prodotta (GWh/a) Caso gassificazione con motore alternativo Caso gassificazione con turbina a gas Caso caldaia a vapore Scheda E8 - Teleriscaldamento a fonti rinnovabili Volumetria totale allacciata (m 3 ) volumetria totale allacciata (m 3 ) N. M. Caminiti 18 9

10 Scheda R1 - Fotovoltaico Caso impianti tetto Schede - Settore residenziale 2005,,, 2010,,, 2015,,, 2020 Scheda R2 - Solare termico Superficie installata (m 2 ) Caso sostituzione scaldabagno elettrico Caso sostituzione scaldabagno a gas Caso sostituzione scaldabagno a GPL Scheda R3 - Geotermico Volumetria totale riscaldata (m 3 ) Abitazioni allacciate Scheda R4 - Sostituzione scaldacqua elettrici con scaldacqua a gas Residenziale Scheda R5 - Sostituzione scaldacqua a gas a camera aperta e fiamma pilota con scaldacqua a gas a camera stagna e accensione piezoelettrica Residenziale Scheda R6 - Sostituzione di caldaia a gas con caldaia a legna per riscaldamento invernale Residenziale Numero scaldacqua elettrici sostituiti Numero scaldacqua sostituiti Volumetria totale riscaldata (m 3 ) Scheda R7 - Coibentazione abitazioni per riscaldamento invernale Superficie totale coibentata (m 2 ) abitazioni di tipo A abitazioni di tipo B Scheda R8 - Coibentazione abitazioni per raffrescamento estivo Superficie totale coibentata (m 2 ) edifici di tipo A edifici di tipo B Scheda R9 - Sostituzione vetri semplici con doppi vetri Superficie vetrata totale sostituita (m 2 ) residenziale Scheda R10 - Lampade ad alta efficienza edifici residenziale Scheda R11 - Condizionatori ad alta efficienza residenziale Scheda R12 - Erogatori idrici a basso flusso Residenziale Numero lampade sostituite Potenza totale frigorifera installata (kwf) Numero erogatori a basso flusso Scheda R13 - Costruzione di nuove abitazioni Superficie totale nuove abitazioni (m 2 ) residenziale N. M. Caminiti 19 Scheda T1 - Fotovoltaico Schede - Settore terziario 2005,,, 2010,,, 2015,,, 2020 Caso impianti tetto Caso impianti a terra Scheda T2 - Solare termico Superficie installata (m 2 ) Caso sostituzione scaldabagno elettrico Caso sostituzione scaldabagno a gas Caso sostituzione scaldabagno a GPL Scheda T3 - Coibentazione edifici per riscaldamento invernale Superficie totale coibentata (m 2 ) edifici di tipo A edifici di tipo B Scheda T4 - Coibentazione edifici per raffrescamento estivo Superficie totale coibentata (m 2 ) edifici di tipo A edifici di tipo B Scheda T5 - Sostituzione vetri semplici con doppi vetri Superficie vetrata totale sostituita (m 2 ) terziario Scheda T6 - Lampade ad alta efficienza Numero lampade sostituite edifici terziario Scheda T7 - Installazione di regolatori di flusso luminoso in impianti di illuminazione esterna Illuminazione privata esterna Scheda T8 - Installazione di condizionatori ad alta efficienza Potenza elettrica totale regolata (W) Potenza totale frigorifera installata (kwf) terziario Scheda T9 - Installazione di erogatori idrici a basso flusso Numero erogatori a basso flusso Ricezione alberghiera Impianti sportivi N. M. Caminiti 20 10

11 Schede - Settore pubblico 2005,,, 2010,,, 2015,,, 2020 Scheda P1 - Fotovoltaico Caso impianti tetto Caso impianti a terra Scheda P2 - Solare termico Superficie installata (m 2 ) Caso sostituzione scaldabagno elettrico Caso sostituzione scaldabagno a gas Caso sostituzione scaldabagno a GPL Scheda P3 - Geotermico Volumetria totale riscaldata (m 3 ) Edifici allacciati Scheda P4 - Sostituzione di caldaia a gas con caldaia a legna per riscaldamento invernale Edifici pubblici Scheda P5 - Coibentazione edifici pubblici per riscaldamento invernale edifici di tipo A edifici di tipo B Scheda P6 - Coibentazione edifici ospedalieri per riscaldamento invernale Volumetria totale riscaldata (m 3 ) Superficie totale coibentata (m 2 ) Superficie totale coibentata (m 2 ) edificio ospedaliero di tipo A edificio ospedaliero di tipo B Scheda P7 - Coibentazione edifici pubblici ed ospedali per raffrescamento estivo edifici di tipo A edifici di tipo B Scheda P8 - Sostituzione vetri semplici con doppi vetri negli edifici pubblici pubblico Scheda P9 - Sostituzione vetri semplici con doppi vetri negli edifici ospedalieri Superficie totale coibentata (m 2 ) Superficie totale vetrata sostituita (m 2 ) Superficie totale vetrata sostituita (m 2 ) ospedali Scheda P10 - Installazione di condizionatori ad alta efficienza Potenza totale frigorifera installata (kwf) pubblico Scheda P11 - Lampade ad alta efficienza Numero lampade sostituite edifici pubblici N. M. Caminiti 21 Schede - Settore pubblico (segue) Scheda P12 - Sostituzione di lampade a vapori di mercurio con lampade a vapori di sodio ad alta pressione in impianti di pubblica illuminazione illuminazione pubblica Scheda P13 - Installazione di regolatori di flusso luminoso in impianti di illuminazione esterna Numero lampade sostituite Potenza elettrica totale regolata (W) Illuminazione pubblica esterna Scheda P14 - Installazione di inverter su motori elettrici Potenza elettrica totale interessata (kw) Scheda P15 - Installazione di motori elettrici ad alta efficienza di potenza elettrica fino a 10 kw Scheda P16 - Installazione di motori elettrici ad alta efficienza di potenza elettrica da 10 kw fino a 45 kw Potenza elettrica totale motori elettrici sostituiti (kw) Potenza elettrica totale motori elettrici sostituiti (kw) Scheda P17 - Installazione di motori elettrici ad alta efficienza di potenza elettrica superiore a 45 kw Scheda P18 - Installazione di erogatori idrici a basso flusso Impianti sportivi Potenza elettrica totale motori elettrici sostituiti (kw) Numero erogatori a basso flusso N. M. Caminiti 22 11

12 Schede - Settore industriale 2005,,, 2010,,, 2015,,, 2020 Scheda I1 - Fotovoltaico Caso impianti tetto Caso impianti a terra Scheda I2 - Solare termico Superficie installata (m 2 ) Caso sostituzione scaldabagno elettrico Caso sostituzione scaldabagno a gas Caso sostituzione scaldabagno a GPL Scheda I3 - Installazione di inverter su motori elettrici Potenza elettrica totale interessata (kw) Scheda I4 - Installazione di motori elettrici ad alta efficienza di potenza elettrica fino a 10 kw Scheda I5 - Installazione di motori elettrici ad alta efficienza di potenza elettrica da 10 kw fino a 45 kw Scheda I6 - Installazione di motori elettrici ad alta efficienza di potenza elettrica superiore a 45 kw Scheda I7 - Installazione di regolatori di flusso luminoso in impianti di illuminazione esterna Illuminazione privata esterna Potenza elettrica totale motori elettrici sostituiti (kw) Potenza elettrica totale motori elettrici sostituiti (kw) Potenza elettrica totale motori elettrici sostituiti (kw) Potenza elettrica totale regolata (W) N. M. Caminiti 23 Schede - Settore trasporti 2005,,, 2010,,, 2015,,, 2020 Scheda T1 - Introduzione di biocarburanti negli autobus esistenti delle flotte pubbliche Percorso totale effettuato (km/a) Introduzione di biocarburanti negli autobus esistenti delle flotte pubbliche Scheda T2 - Potenziamento del trasporto pubblico con introduzione di nuovi autobus a metano Percorso totale effettuato (km/a) Potenziamento del trasporto pubblico con introduzione di nuovi autobus a metano Scheda T3 - Potenziamento del trasporto pubblico con introduzione di nuovi autobus a trazione elettrica Percorso totale effettuato (km/a) Potenziamento del trasporto pubblico con introduzione di nuovi autobus a trazione elettrica N. M. Caminiti 24 12

13 Totale Comunale Settori 2010 Riduzione GHG annua (t CO 2 ) Produzione di energia Residenziale Terziario Pubblico Industriale Trasporti Totale Comunale N. M. Caminiti 25 Risultati contributo riduzione di emissioni per settori ETS NON-ETS Totale Comunale TOTALE NON ETS ETS Riduzione GHG (t CO 2) Riduzione GHG (t CO 2) Riduzione GHG (t CO 2) Produzione di energia Residenziale Terziario Pubblico Industriale Trasporti Totale Comunale 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 N. M. Caminiti 26 13

14 Utilizzo metodologia file excel denominato Interventi riduzione GHG contiene tre fogli di calcolo: il primo foglio denominato dati input interventi in cui è previsto l intervento dell operatore il secondo foglio dal titolo elaborazione che calcola automaticamente l ammontare delle emissioni evitate il foglio denominato risultati riduzione GHG che riporta il risultato delle elaborazioni necessarie alla valutazione N. M. Caminiti 27 Grazie per l Attenzione 14

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Normativa di riferimento Decreti ministeriali del 24 Aprile 2001 (elettrico e termico) Decreti ministeriali del 20 Luglio 2004 (elettrico e termico)

Dettagli

IL FUTURO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI BELLUNO IL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI BELLUNO GLI SCENARI EVOLUTIVI PER I CONSUMI

IL FUTURO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI BELLUNO IL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI BELLUNO GLI SCENARI EVOLUTIVI PER I CONSUMI IL FUTURO ENERGETICO DELLA PROVINCIA DI BELLUNO Azioni congiunte e strumenti per la sostenibilità energetica e ambientale del territorio IL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI BELLUNO GLI SCENARI

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica Consulenza e Gestione TEE Generare valore economico dall efficienza energetica Chi siamo Siamo una società dinamica e flessibile con esperienza pluriennale nel settore delle energie rinnovabili. La nostra

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

Workshop Industria. La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica

Workshop Industria. La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica Workshop Industria La riqualificazione dello stabilimento produttivo di un industria metalmeccanica: soluzioni integrate per l efficienza energetica Sergio Cucchiara ANIMA Assotermica OBIETTIVI DA PERSEGUIRE

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250

CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250 CERTIFICATI BIANCHI DAVIDE FRACCARO / 328 9489871 MATTEO SCANTAMBURLO / 393 2010250 mitigazione efficientamento mitigazione adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione adattamento Divisione Energia

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica JPE2010 ha ottenuto la certificazione secondo la UNI CEI 11352, la norma italiana che stabilisce i requisiti per le società che svolgono il ruolo di Energy Service Company Jpe 2010 S.c.r.l. E.S.Co. Via

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

OPEN ENERGY Comune di Merano. 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano

OPEN ENERGY Comune di Merano. 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano OPEN ENERGY Comune di Merano 20.03.2015 L Alto Adige verso Klimaland Presentazione PAES del Comune di Merano Indice: Progetto Open Energy Inventario delle emissioni di Merano nel 2005 e 2010 Azioni e simulazioni

Dettagli

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine 4. ENERGIA Introduzione Limitatamente al sistema energetico, il XX secolo è stato caratterizzato da una tendenza di fondo sostanzialmente costante, cioè la fortissima crescita dei consumi energetici, e

Dettagli

Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE

Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE Progetto Kyoto ADOZIONE E APPLICAZIONE DI MARKAL-TIMES PER LA COSTRUZIONE DI UN PIANO DI MITIGAZIONE PER LA REGIONE Riassunto non tecnico U.O. FEEM 2 anno Responsabile di Linea: Prof. Marzio Galeotti,

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese

Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese Daniele Agostini Roma, 23 giugno 2010 Obiettivi al 2020 per l Europa Gas serra - 20% rispetto al 1990

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per le strutture ricettive: dall audit energetico alle scelte strategiche. Incontro ISNART Varese Aprile 2010

Soluzioni impiantistiche per le strutture ricettive: dall audit energetico alle scelte strategiche. Incontro ISNART Varese Aprile 2010 Soluzioni impiantistiche per le strutture ricettive: dall audit energetico alle scelte strategiche Incontro ISNART Varese Aprile 2010 Martedì 27.04.2010 OBIETTIVO della presentazione: Esistenza di un percorso

Dettagli

1.BREVE DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

1.BREVE DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO ALLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO, REGIONI, PROVINCE, COMUNI E COMUNITA MONTANE DELLE REGIONI CONVERGENZA PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA REALIZZARE NELL AMBITO DELLA LINEA

Dettagli

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL

FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Ing Lorenzo FABBRICATORE FAREFFICIENZA SRL 1 - Presentazione FAREFFICIENZA SRL - Titoli di efficienza energetica - Tipologia di interventi ammissibili - Esempi economici

Dettagli

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze PROVINCIA DI TORINO Silvio De Nigris denigris@provincia.torino.it Le attività della Provincia di Torino in materia di

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Casi di interventi sostenibili per il risparmio energetico ed economico

Casi di interventi sostenibili per il risparmio energetico ed economico Milano, 22 novembre 2012 PVB SOLUTIONS SPA M. Fauri Casi di interventi sostenibili per il risparmio energetico ed economico Settori di intervento Fonti rinnovabili Efficienza energetica e/o Fonti rinnovabili

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione

Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione Efficienza energetica nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione prof ing. Maurizio Fauri Università degli studi di trento Polo Tecnologico per l Energia srl (Trento) Scenario italiano % dei consumi

Dettagli

Piano di Azione per l Energia Sostenibile Comunità della Valdi Non

Piano di Azione per l Energia Sostenibile Comunità della Valdi Non Piano di Azione per l Energia Sostenibile Comunità della Valdi Non ing. Alberto Bonomi ing. Christian Tiso Via delle Regole85, 38123 TRENTO 1 Patto dei Sindaci Inventario base delle emissioni Azioni per

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI ALLEGATO 1 1) Anno di riferimento dell'inventario 2005 Indicare il numero di abitanti nell'anno di inventario: 598 2) Fattori di emissione Selezionare la voce corrispondente:

Dettagli

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA AL 2010 NELLO SCENARIO TENDENZIALE 6 - ASPETTI METODOLOGICI 7 - INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI SETTORI INDUSTRIA, TERZIARIO,

Dettagli

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione COGENERAZIONE La cogenerazione, o produzione combinata di energia elettrica e calore, consente di ottenere da una singola unità produttiva energia elettrica e termica, o in alcuni casi, lavoro ed energia

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità. FederUtility Valeria Zingarelli

Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità. FederUtility Valeria Zingarelli Key Energy 2008 Certificati Bianchi verso la maturità FederUtility Valeria Zingarelli Sintesi delle principali modifiche al meccanismo dei TEE Aumento obiettivi esistenti (anni 2008/2009); Introduzione

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 ALLEGATO B SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO PROGETTUALE RELATIVO ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AD ACCEDERE AI

Dettagli

FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA ENERGETICA

FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA ENERGETICA FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO R.A.M.E. LE ESCO E L EFFICIENZA L ENERGETICA FERMO 24 Marzo 2006 Teatro dell Aquila Ing. Simone Capriotti Ing. Maurizio Croce Ing. Giacomo Detto In collaborazione

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

20-20-20 Italia Spunti di riflessione e primi numeri

20-20-20 Italia Spunti di riflessione e primi numeri -- Italia Spunti di riflessione e primi numeri Milano, febbraio 8 Fonti rinnovabili: l obiettivo UE al ed il ruolo dell efficienza Consumi finali (Mtoe) 18 16 14 1 1 8 6 4 (*) Stima EU modello Primes 133

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Lo sviluppo del teleriscaldamento a Milano. Milano, 24 ottobre 2012

Lo sviluppo del teleriscaldamento a Milano. Milano, 24 ottobre 2012 Lo sviluppo del teleriscaldamento a Milano Milano, 24 ottobre 2012 Teleriscaldamento: energia per le Smart Cities I moderni sistemi di teleriscaldamento urbano si basano sul riutilizzo delle fonti di calore

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

Efficienza energetica, nuova risorsa per gli enti locali

Efficienza energetica, nuova risorsa per gli enti locali Introduzione Facoltà di Ingegneria - Università di Trento Polo Tecnologico per l Energia l srl Efficienza energetica, nuova risorsa per gli enti locali Introduzione Obiettivi vincolanti fissati dal Consiglio

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE LA COGENERAZIONE FINO A 10 MW Microturbine Piccoli cogeneratori (< 100 kw) Applicazioni nel settore civile e terziario Motori endotermici 1500

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA UN OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO: DUE CONCETTI DISTINTI RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENZA ENERGETICA CAMBIO COMPORTAMENT I efficienza energetica:

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio -: i consumi energetici e le emissioni a NEMBRO Domenico Leo

Dettagli

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo Sistemi Elettrici Cogenerazione 2012 L Italia e l Europa a confronto Milano, 14

Dettagli

Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna

Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna Centro per l Innovazione e lo Sviluppo Economico Strumenti per la Gestione dell Energia in Emilia Romagna Luca Bartoletti - Resp.. Settore Ambiente - C.I.S.E. Settembre 26 Corso della Repubblica, 5-471

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

SINTESI DELLA PROPOSTA PROGETTUALE

SINTESI DELLA PROPOSTA PROGETTUALE SINTESI DELLA PROPOSTA PROGETTUALE SOGGETTO PROPONENTE: TITOLO PROGETTO 1 : CODICE PROGETTO 2 : SINTETICA DESCRIZIONE: UBICAZIONE DELL INTERVENTO Identificazione dell immobile/degli immobili in cui sarà

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 QUAL È IL SIGNIFICATO DI IBE? L inventario di base delle

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione Residenziale Intero edificio Passaggio di proprietà Non residenziale Unità immobiliare Locazione Classificazione D.P.R. 412/93:

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA ENERGIA, ACQUA, LEGNO: TECNOLOGIE E TUTELA AMBIENTALE NELL'AMBITO DEL PROGETTO STRATEGICO RENERFOR TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA Ing. Roberta ROBERTO UTTS ENEA C.R. Saluggia roberta.roberto@enea.it

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 SFIDE NELLA COSTRUZIONE DELL IBE Definire anno di riferimento

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002

Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002 Rimini - Ricicla 2002 7 Novembre 2002 Opportunità per gli Energy manager per l attuazione dei Decreti sull Efficienza Energetica Ing. Franco Canci - Italgas Proposte di un Azienda Distributrice di Gas

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

mitigazione efficientamento mitigazione adattamento adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione

mitigazione efficientamento mitigazione adattamento adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione CERTIFICATI BIANCHI mitigazione efficientamento mitigazione adattamento mitigazione rinnovamento mitigazione adattamento come trasformare questa confusione in un vantaggio? quale opportunità? etica come

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici

Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Indagine conoscitiva sulla Strategia Energetica Nazionale Audizione Gestore dei Servizi Energetici Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Commissione Attività Produttive della Camera Roma,

Dettagli

Il meccanismo dei certificati bianchi

Il meccanismo dei certificati bianchi KEY ENERGY RIMINI 9 NOVEMBRE 2012 Il meccanismo dei certificati bianchi Ing. Luigi De Sanctis, luigi.desanctis@enea.it ENEA-UTEE/IND ENEA - UTEE 1 Il meccanismo dei certificati bianchi L uso razionale

Dettagli

I risultati dello studio di Confindustria sull efficienza energetica. Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Economia Sistemi Elettrici CESI RICERCA

I risultati dello studio di Confindustria sull efficienza energetica. Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Economia Sistemi Elettrici CESI RICERCA I risultati dello studio di Confindustria sull efficienza energetica Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Economia Sistemi Elettrici CESI RICERCA Analisi degli usi finali di energia e stima dei risparmi

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Efficienza Energetica e FER termiche: le politiche. 8 febbraio 2013 Enrico Bonacci Obiettivi SEN al 2020: Fonti Rinnovabili Obiettivo sviluppo rinnovabili al 2020 Incidenza energia rinnovabile su consumi

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi

L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi ing. Matteo Manica Polo Tecnologico per l Energia l srl (Trento) L audit energetico: uno strumento importante per l individuazione di potenziali risparmi INTRODUZIONE Andamento storico delle emissioni

Dettagli

RELAZIONE DI ATTUAZIONE CAMMINARE PER CRESCERE PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE 0-2 2-10 10-20 20+

RELAZIONE DI ATTUAZIONE CAMMINARE PER CRESCERE PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE 0-2 2-10 10-20 20+ CAMMINARE PER CRESCERE 0-2 2-10 10-20 20+ PIANO D'AZIONE PER L'ENERGIA SOSTENIBILE UN MODO PER FARE DELL ENERGIA UN CONCETTO SOSTENIBILE PER FAMIGLIA E AMBIENTE ADESIONE PAES MEI 2013 RELAZIONE DI ATTUAZIONE

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA L offerta di E.ON Energia Titoli di Efficienza energetica: COSA SONO Definizione I Titoli di Efficienza Energetica (TEE), detti anche Certificati Bianchi attestano il risparmio

Dettagli

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni Incentivazione del risparmio energetico nell industria tramite i Certificati Bianchi Linea Guida per accedere al contributo PREMESSA La legislazione

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015

DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Allegato A al Disciplinare del marchio Terre di Siena Carbon Free 2015 per la riduzione delle emissioni climalteranti DOMANDA DI ADESIONE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO Terre di Siena Carbon Free 2015 Al Presidente

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

Il Piano Energetico Ambientale del Comune di Ancona

Il Piano Energetico Ambientale del Comune di Ancona Il Piano Energetico Ambientale del Comune di Ancona Assessore: Caterina Di Bitonto Responsabile Tecnico: Marco Cardinaletti Ancona, 14 ottobre 28 Com è strutturato? FASE I Raccolta dati BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Energia elettrica frigorifera termica E.S.CO.

Energia elettrica frigorifera termica E.S.CO. Energia elettrica frigorifera termica Produciamo Energia, Dove Occorre. Senza Investimenti. In Maniera Pulita. ris Riscaldamento, condizionamento, energia elettrica: servizi energetici indispensabili per

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE Roberta ROBERTO ENEA Unità Tecnica Tecnologie Saluggia Conversione

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia FONTI DI ENERGIA sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia Fonti energetiche primarie quelle che si trovano disponibili in natura si possono classificare in: Fonti energetiche

Dettagli

Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi

Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi 1. Metodologia di calcolo per interventi di piccole dimensioni di incremento dell efficienza energetica di cui all articolo 4, comma 1 1.1 Per gli interventi

Dettagli

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema Work shop tecnico: Edifici Impianti a pompa di calore per la climatizzazione annuale e la produzione di acqua calda sanitaria: soluzioni per edifici polifunzionali, residenziali, uffici. Giampiero Colli

Dettagli

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d per l Energia l e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente Dino De Simone Giuseppe Maffeis Punti Energia - Regione Lombardia

Dettagli

Indice Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice Errore. Il segnalibro non è definito. COGENERAZIONE Indice 1. Definizione e normativa di riferimento... 3 1.1. Indice di risparmio di energia (IRE):... 4 1.2. Limite termico (LT):... 4 2. Descrizione generale degli impianti di cogenerazione...

Dettagli

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica CRESCERE CON EFFICIENZA Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi Massimo Filippi Matteo Manica DM 21 dicembre 2015 Contributi alle PMI per diagnosi energetiche e certificazione ISO 50001 Finalità

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli