Crisi economica: situazione del settore agricolo nei principali paesi dell Unione Europea e provvedimenti dei rispettivi Governi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi economica: situazione del settore agricolo nei principali paesi dell Unione Europea e provvedimenti dei rispettivi Governi."

Transcript

1 Crisi economica: situazione del settore agricolo nei principali paesi dell Unione Europea e provvedimenti dei rispettivi Governi. Bruxelles, 4 febbraio 2009 Al fine di avere un quadro generale degli effetti della crisi sul settore agricolo nei principali Stati Europei, abbiamo chiesto alle rappresentanze agricole europee degli agricoltori di illustrarci la situazione reale nel proprio paese, e le prese di posizione o gli atti ufficiali promulgati dai singoli Governi. Ne viene fuori un quadro molto vario che si sintetizza di seguito. Grecia Fonte: PASAGES Bruxelles - Confederation Panhellenique des unions des cooperatives agricoles). Scioperi e manifestazioni da parte degli agricoltori in tutto il Paese. Numerosi blocchi stradali nei principali snodi del paese. Protesta in risposta allo stato di crisi generale del settore agricolo. I settori maggiormente colpiti sono quello del latte, cereali (in particolare mais) e quello dell olio. Il Governo Greco ha promesso di stanziare 500 milioni di in forma di aiuti compensativi per gli agricoltori allo scopo di sostenere i costi di produzione, l abbassamento dei prezzi e l assicurazione per i danni provocati da calamità naturali. E scoppiata una polemica sulla natura di questi aiuti finanziari. Il Ministro dell Agricoltura, SOTIRIS HATZIGAKIS, ha parlato di una MISURA COMPENSATIVA in linea con le norme comunitarie e incontrerà a tal proposito la Commissaria Fischer Boel il 4 Febbraio. Continuano scioperi e manifestazioni in diverse regioni del paese. La promessa di intervento del governo ha diviso internamente la mobilitazione: da una parte gli agricoltori che si ritengono soddisfatti dell iniziativa governativa e dall altra quelli che reclamano l estensione delle misure di aiuto a tutti i settori produttivi agricoli. Francia Fonte: FNSEA ( e documenti ministeriali eventualmente disponibili in francese). Lo scorso Novembre 2008 si è tenuta in Francia, su richiesta delle rappresentanze agricole, una conferenza nazionale sulla crisi convocata dal Governo per affrontare la crisi economica che ha pesantemente colpito tutto il settore agricolo.

2 Il Governo ha promesso di erogare 250 milioni di fondi nazionali in favore dell agricoltura (204 milioni in misure dirette per i diversi settori e circa 50 milioni in forma di agevolazioni del credito per gli agricoltori e in misure di esonero della contribuzione previdenziale). I soldi, che sono stati stanziati a Dicembre 2008 per l anno 2009, sono stati così ripartiti: 50 milioni per allevatori di ovini attraverso due misure: utilizzo di aiuti comunitari non spesi (dai diritti del pagamento unico); aiuti diretti a titolo di esenzione per compensare i danni economici causati da crisi sanitarie degli animali e lotta contro le malattie epizoiche. Entrambe queste misure sono finanziate al 50% dai crediti comunitari. 75 milioni di per il miglioramento della liquidità delle imprese. Nel settore dell allevamento è stata prevista per il 2009 una diminuzione dei carichi fiscali, della contribuzione previdenziale e sono state rese disponibili risorse finanziarie per agevolare gli investimenti (60 milioni di a carico dello Stato e 15 milioni di a carico dello Stato come riduzione dei costi della previdenza sociale a cui si aggiungeranno 15 milioni di a carico della Cassa di Mutualità Sociale Agricola). Le misure previste sono: Accesso agevolato al credito per: i giovani agricoltori (-2,5 punti), per gli altri (-2 punti) e per le banche che erogano il credito (-1,5 punti); Presa in carico degli interessi dei prestiti di miglioramento; Aiuto ai prestiti di consolidamento; Esonero da alcune tasse; Presa in carico di oneri contributivi da parte dello Stato e delle Casse di Mutualità Agricola. 4 milioni di sotto forma di proroga di un anno all esonero quinquennale (quelli in scadenza nel 2009) dei costi previdenziali per i giovani agricoltori. 75 milioni di per la riduzione dei costi energetici delle imprese (attraverso riduzioni fiscali nel caso di investimenti sulla produzione energetica). Accelerazione del rimborso dei crediti IVA. Il Governo inoltre si è impegnato a richiedere misure eccezionali alla UE per il mercato del burro (stoccaggio) e per la carne suina (restituzioni) e misure nazionali per il latte (qualità) ed esoneri per le piccole produzioni agricole conferite alla trasformazione. Inoltre, il Ministero metterà in campo un Osservatorio dei Prezzi in collaborazione con gli agricoltori, i distributori e i consumatori. Infine, si riporta la notizia di ieri secondo la quale la Commissione ha autorizzato un aiuto di stato temporaneo per concedere presti ad aziende che producono prodotti verdi. La Commissione europea ha autorizzato, ai sensi del Trattato CE, un regime che permette prestiti a imprese che investono nella produzione di prodotti ecologici. La misura si inserisce negli aiuti adottati dalla Francia per affrontare l'attuale crisi economica. L aiuto è volto a sostenere le imprese

3 che si trovano ad affrontare problemi di carattere finanziario a causa della contrazione del credito, agevolando al tempo stesso gli investimenti in prodotti che offrono benefici ambientali. Attraverso questo sistema, il governo, e in particolare gli enti locali, possono concedere prestiti per un periodo di due anni fino al 31 dicembre Il regime rispetta il requisito di temporaneità, imposto dalla Commissione, che permette agli Stati membri di ricorrere ad aiuti supplementari per facilitare l accesso ai finanziamenti in caso di crisi economica e finanziaria. Viene considerata perciò compatibile con l articolo 87(3) /b) del Trattato della Comunità Europea che permette lo stanziamento di aiuti per fronteggiare gravi turbative nell economia di uno Stato membro. In particolare, l'investimento deve essere destinato a prodotti che anticipino le future norme in materia di ambiente o che vadano oltre tali norme. La riduzione dei tassi di interesse non può superare il 50% per le piccole e medie imprese (PMI) e il 25% per le grandi imprese, rispetto al tasso di riferimento, e deve tener conto del profilo di rischio della società al momento il prestito. Il piano di aiuti si applicherà soltanto alle imprese che non si trovavano in difficoltà al 1 luglio Questo regime è la seconda misura adottata dalla Francia nel quadro degli orientamenti per gli aiuti di Stato temporanei, dopo l aiuto N 7 / La Francia è il primo paese ad utilizzare le disposizioni in materia di aiuti alla produzione di prodotti verdi nel quadro temporaneo. La decisione sarà pubblicata nel registro degli aiuti di Stato con il n. 11/2009 sul sito web della DG Concorrenza, una volta adempiute tutte le questioni procedurali. Spagna Fonte: A.S.A.J.A. Bruxelles e COAG Bruxelles. Il settore agricolo spagnolo non è per il momento in mobilitazione. Nelle scorse settimane, ci sono state mobilitazioni ma solo a livello regionale (Zaragoza, Sevilla e Cordoba soprattutto settore latte ma anche olio e riso). Forte la denuncia degli agricoltori spagnoli sulla speculazione dei prezzi all interno della filiera distributiva ( dall origine alla vendita finale). Il Governo Spagnolo aveva promesso di stanziare 1 miliardo di per sostenere la crisi nel settore agricolo. Proprio questa mattina (02/02/09) è arrivata la notizia che il Governo ha deciso di fare marcia indietro, ritenendo il settore agricolo immune e in grado di superare autonomamente la crisi. Nel Paese si registra comunque un drastico calo del reddito agricolo (8,5%) e una crescita continua dei costi di produzione. La preoccupazione maggiore investe il settore dell allevamento: nel 2008 chiusi numerosi allevamenti ovini, bovini e suini. Non è esclusa la possibilità di future mobilitazioni già a partire dalle prossime settimane. Inghilterra Fonte: NFU Bruxelles. Non c è mobilitazione in questo momento.

4 Il Governo Britannico non ha previsto stanziamenti in favore del settore agricolo nazionale e non sembra tener per niente conto delle difficoltà incontrate dagli agricoltori. La popolazione britannica attiva nel settore agricolo è meno del 1%, il Governo Britannico ritiene pertanto di dover affrontare altre sfide in questo momento (industria etc.) C è tuttavia una diffusa preoccupazione per la crescita inarrestabile dei prezzi al consumo di prodotti agricoli. I consumatori finali hanno sempre maggiori difficoltà nell acquisto di beni di prima necessità. Germania State Aid N 661/2008 KfW run Special Programme 2009 Il Programma autorizza un prestito complessivo di 15 miliardi di, di questi 750 milioni sono sotto la forma di aiuti. E da sottolineare che sono fondi destinati a tutti i settori produttivi e la base legislativa prende origine dalla decisione del della Commissione n. (2009/C 16/01) che ha stabilito criteri allargati per la concessione di aiuti di stato (vedi allegato). Per beneficiare di tali sussidi, i contratti di prestito agevolato dovranno essere conclusi tra il 01/01/2009 e il 31/12/2010. Le domande dovranno pervenire prima del 01/01/2010. Il progetto è applicato alle aziende attive nei settori della manifattura, artigianato, commercio e altri servizi. Elementi base del progetto: Il prestito può finanziare investimenti e/o capitale lavoro (iniziali e sostitutivi) fino al 100% delle spese rilevanti; Normalmente, l ammontare di prestito per progetto è limitato a 50 milioni di. In casi eccezionali, può essere autorizzato un ammontare più alto. La parte del prestito destinata a finanziare il capitale lavoro è limitata al 30% dell ultimo bilancio totale del richiedente. Il prestito copre un periodo di 8 anni per gli investimenti e di 5 per il capitale lavoro. I prestiti non beneficiano di moratoria. Il rimborso è lineare e avviene ogni tre mesi. Banche commerciali attive a livello locale e regionale ricevono domande di credito, ne valutano la qualità, concludono i contratti e erogano i finanziamenti. La KfW rifinanzia il prestito allo stesso tasso di interesse. Esistono due diversi meccanismi di canalizzazione del prestito normalmente combinati in prestiti individuali: Primo meccanismo: la banca commerciale conclude il contratto a suo nome e a proprio rischio. In caso di inadempienza la banca commerciale è obbligata a rimborsare il rifinanziamento. Il contratto finale di prestito deve rispettare determinate condizioni. Inoltre, in base alla valutazione di affidabilità e di qualità delle garanzie offerte, viene fissato un tasso di interesse massimo che l azienda deve pagare. La differenza tra il tasso di interesse massimo pagato dall azienda, e il tasso di interesse pagato dalla banca commerciale per rifinanziare il prestito, corrisponde alla somma della tariffa di gestione e del premio di rischio. La tariffa di gestione varia da 50 a 70 punti base a seconda dell affidabilità del beneficiario. Il premio di rischio che viene fissato in vista delle garanzie offerte e dell affidabilità del

5 beneficiario, rimane alla banca commerciale. La banca commerciale può decidere di non applicare il tasso di interesse massimo a un cliente individuale, rinunciando ad una parte del premio di rischio massimo. Tutte le banche commerciali sono soggette alle stesse regole. Secondo meccanismo: La banca commerciale conclude il prestito a suo nome, ma il rischio è assunto dalla KfW. In caso di inadempienza, la banca commerciale non è obbligata a rimborsare il prestito di rifinanziamento. Il contratto finale di prestito deve rispettare determinate condizioni. Il tasso di interesse che il beneficiario deve pagare viene fissato dalla KfW. La banca commerciale riceve la tariffa di gestione che può variare da 50 a 70 punti base a seconda dell affidabilità del beneficiario. Il premio di rischio viene fissato in base alle garanzie offerte e dall affidabilità del beneficiario. In questo caso il rischio di premio rimane pertanto interamente alla KfW. Tutte le banche commerciali sono soggette alle stesse regole. Il programma prevede la possibilità di combinare questi due meccanismi in un sistema in cui il rischio viene condiviso tra la banca commerciale e la KfW. In tal caso sono previste le seguenti tipologie: Per i prestiti d investimento: la banca commerciale può assumere il 100%, o il 50% o il 10% del rischio (il rischio rimanente viene assunto dalla KfW); Per i prestiti in capitale lavoro: la banca commerciale può assumere o il 100% o il 50% del rischio (il rischio rimanente viene assunto dalla KfW). In questa tipologia di condivisione del rischio, il premio di rischio è fissato dalla banca commerciale in base alle garanzie offerte e all affidabilità del beneficiario e viene verificato dalla KfW. State Aid N 668/2008 Federal Framework Small amounts of compatible aid Il volume di aiuto disponibile sotto questo progetto non è stato ancora definitivamente adottato ma è stato stimato dalle autorità tedesche che non deve eccedere i 2 miliardi. Tale aiuto può essere erogato nel 2009 e nel Il progetto è destinato alle PMI e anche alle imprese di dimensioni maggiori. Il progetto è applicabile in tutti i settori tranne al settore ittico e alla produzione primaria di prodotti agricoli ( con l esclusione di certi tipi di aiuto per la lavorazione e il marketing di prodotti agricoli).

6 Elementi base del progetto. L aiuto non deve eccedere i Le somme dovranno essere considerate a lordo, cioè prima di ogni deduzione fiscale. Quando l aiuto viene ottenuto in una forma diversa da quella del finanziamento, il suo ammontare dovrebbe essere equivalente al sussidio di base. Prima di elargire l aiuto, l autorità competente dovrebbe ottenere una dichiarazione da parte del contraente riguardante ogni tipo di aiuto de minimis o aiuto ricevuto sotto questa forma durante il medesimo anno fiscale. L ammontare totale di questi ultimi non deve superare i per contraente nel periodo che va dal 01/01/2008 al 31/ Laddove l aiuto elargito sotto questa forma, debba combinarsi con altri aiuti compatibili o con altre forme di finanziamento comunitario, il tetto massimo deve essere quello indicato dalle Linee Guida del Block exemption regulations ; Laddove queste misure siano applicate a contraenti operativi nella lavorazione e nel marketing dei prodotti agricoli, l ammontare dell aiuto non è fissato sulle basi del prezzo o della quantità di ciascun prodotto acquistato dai produttori primari o immesso nel mercato dagli stessi contraenti, oppure l aiuto non è condizionato dal fatto di essere in parte o interamente promosso dai produttori primari. Cia Bruxelles

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese.

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. Articoli 38 e 39 del Regolamento generale di esenzione per gli aiuti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale

MODULISTICA. Attivo Patrimoniale MODULISTICA DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI E DELL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI COSENZA- EDIZIONE 2015 ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI COSENZA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ).

Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ). Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ). Circolare esplicativa Il Regolamento (UE) n. 1407/2013

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni.

Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni. Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni. Avviso n. 1/2015 Formazione nelle PMI di minori dimensioni 1 1 Finalità Il

Dettagli

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Che cosa sono il Copa e la Cogeca? Il Copa Gli agricoltori europei

Dettagli

Repubblica Italiana REGOLAMENTO

Repubblica Italiana REGOLAMENTO FONDO REGIONALE DI COGARANZIA E CONTROGARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA Legge regionale 7 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4 P.O. FERS 2007-20132013 - Linea di Attività A Obiettivo operativo 6.2.2 Sostenere

Dettagli

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 di Fondimpresa Formazione PMI con corsi a catalogo 1 1 Finalità Il

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

con sede legale in prov. via n.

con sede legale in prov. via n. ALLEGATO N. 1 Il/la sottoscritto/a nato/a a prov. il residente a prov. cap via n. in qualità di (barrare una delle seguenti voci): Titolare Legale rappresentante Procuratore speciale Liquidatore Curatore

Dettagli

Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 7 aprile 2016. Il direttore generale: GATTO

Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 7 aprile 2016. Il direttore generale: GATTO Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 7 aprile 2016 Denominazione della prova Acidità Analisi spettrofotometrica nell UV Numero di perossidi 16A03352

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca La Commissione Europea oggi ha trovato un accordo sul principio e sui contenuti del pacchetto di misure d emergenza per contrastare

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA. Crediti di conduzione nel settore agricolo

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA. Crediti di conduzione nel settore agricolo LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA Crediti di conduzione nel settore agricolo Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 47 del 10 agosto 2006 IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

CONFCOMMERCIO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO

CONFCOMMERCIO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO CONFCOMMERCIO FISCALITÀ E PMI: UN FISCO SOSTENIBILE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Grazie dottor Paternostro.

Dettagli

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima.

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. C.R.I.A.S. Credito di esercizio Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. Finanziamento destinato a sopperire

Dettagli

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov.

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov. Marca da bollo Euro 14,62 Spett.le CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO SERVIZIO PROMOZIONE ECONOMICA E REGOLAZIONE DEL MERCATO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

Dettagli

Agevolazioni contributive e Aiuti de Minimis. La Comunità Europea e gli aiuti di Stato

Agevolazioni contributive e Aiuti de Minimis. La Comunità Europea e gli aiuti di Stato Agevolazioni contributive e Aiuti de Minimis La Comunità Europea e gli aiuti di Stato La politica di sviluppo del mercato unico della Comunità Europea, caratterizzata dalla libera circolazione delle merci

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329 AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI PER LA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329 AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO O IL LEASING DI NUOVE MACCHINE UTENSILI PER LA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- - LEGGE 28 NOVEMBRE 1965, N. 1329

Dettagli

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale Relativamente agli aiuti concessi ai Confidi la disciplina 136 rilevante è contenuta nella Comunicazione

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006

L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 L 368/74 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 23.12.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 1975/2006 DELLA COMMISSIONE del 7 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1698/2005

Dettagli

Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti.

Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti. POLITICA AGRICOLA COMUNE DOMANDA UNICA 2007 Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti. Da quest anno, per effetto delle norme contenute nella Finanziaria 2007, i premi PAC non verranno più pagati

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI . Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati al sostegno

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

CROSSING INTERNATIONAL SERVICES SH.PK.

CROSSING INTERNATIONAL SERVICES SH.PK. AMBITI DI SVILUPPO ED OPPORTUNITA IMPRENDITORIALI NEL SETTORE AGRICOLO, ZOOTECNICO ED AGROALIMENTARE SUL TERRITORIO ALBANESE ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO AIC/CIA del 12 Febbraio 2010 Gli ambiti di sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 826/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 826/2008 DELLA COMMISSIONE 21.8.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 223/3 REGOLAMENTO (CE) N. 826/2008 DELLA COMMISSIONE del 20 agosto 2008 recante norme comuni per la concessione di aiuti all ammasso privato per taluni

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP METTERSI IN PROPRIO A CREMONA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP Approvato con deliberazione n. 137 del 18/09/2014 Pubblicato in data 7 Ottobre 2014 1 Obiettivi, finalità e ambiti di

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

QUALE FUTURO PER LA PAC?

QUALE FUTURO PER LA PAC? QUALE FUTURO PER LA PAC? Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano Società Agraria di Lombardia, 20 aprile 2011 L ennesima

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo di Garanzia per il Consolidamento dei debiti a lungo termine (oltre 5 anni), di cui alla D.G.R. n.

Dettagli

Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check

Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check Workshop promosso dal Gruppo 2013 Il futuro della PAC dopo l Health Check Roma, Palazzo Rospigliosi, 26 novembre 2008 Interventi di mercato e quote latte dopo l Health Check Gabriele Canali Università

Dettagli

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza Schema della relazione 1) Lo studio della Commissione Europea sul settore lattiero-caseario post-2015 2) Gli scenari

Dettagli

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO DCO 38/11 CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE L 114/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.4.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 360/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 aprile 2012 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI DIAGNOSI ENERGETICHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI DIAGNOSI ENERGETICHE SENSIBILIZZAZIONE E SUPPORTO ALLE MPMI CREMONESI PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI DIAGNOSI ENERGETICHE Approvato con deliberazione

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE VIA A. DE CURTIS, 2 88900 CROTONE Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) codice Fiscale in qualità di titolare/legale rappresentante della ditta/società con sede in via/piazza

Dettagli

Allegato alla D.G.P. n.del.

Allegato alla D.G.P. n.del. Allegato alla D.G.P. n.del. Legge Regionale n. 12 del 23 Maggio 2008 art. 10 Programma Meccanizzazione Agricola. D.G.R. n. 40-9259 Del 21/07/2008 e D.G.R. n. 41-11192 Del 06/04/2009 BANDO PROVINCIALE 2010

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 CREDITI DI GESTIONE ISTRUZIONI OPERATIVE Pagina 1 1. PREMESSE La

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO CONTENUTI

Dettagli

Politica fiscale Energia invece dell IVA

Politica fiscale Energia invece dell IVA Politica fiscale Energia invece dell IVA 3 Franco Marinotti Presidente dei verdi liberali del Ticino Un vantaggio per l economia, l ambiente e la società 1. In sintesi Poco più del 40% dell energia elettrica

Dettagli

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI GARANZIA PER IL RISCHIO DI INSOLVENZA SU FINANZIAMENTI Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Istituto Finanziatore

Dettagli

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori MISURA 112 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori 2. Articoli di riferimento Titolo IV, Capo I, sezione 1, Articolo 20 lettera a) punto ii e sottosezione 1, Articolo 22 del Regolamento

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane.

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-II-2007 C(2007) 683 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Trento) Aiuto n. N 208/06 Fondo di rotazione immobiliare a favore di imprese cooperative e agricole (legge provinciale

Dettagli

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1

Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Situazione e prospettive per il mercato avicolo 1 Gian Luca Bagnara consulente Mercato Avicolo di Forlì Gli ultimi anni sono stati segnati da frequenti problemi nella produzione zootecnica europea, i quali

Dettagli

ASPETTI FISCALI DELLA SOCIETÀ COOPERATIVA

ASPETTI FISCALI DELLA SOCIETÀ COOPERATIVA UGDCEC PALERMO PALERMO 12 MARZO 2014 ASPETTI FISCALI DELLA SOCIETÀ COOPERATIVA ANDREA DILI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE SCOPO MUTUALISTICO La prima definizione esauriente di tale scopo va

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

art. 1 Oggetto e finalità art. 2 Definizioni

art. 1 Oggetto e finalità art. 2 Definizioni Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Regolamento recante la definizione di criteri e modalità per la concessione di

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V Erogazione di sussidi a fondo perduto per disagio economico a seguito di malattia, infortunio o decesso. Testo finale approvato C.I.G. Delibera n.56 del 16/12/2011

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N Comuni di: Cappella Maggiore, Cison di Valmarino, Cordignano, Farra di Soligo, Follina, Fregona, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Revine Lago, Sarmede, Segusino, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio

Dettagli

Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno

Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno Gruppo di lavoro del CECODHAS sul Mercato Interno Sussidi statali e descrizione del concetto di equa compensazione - Relazione Introduzione La Commissione Europea richiede garanzie su come, senza calcoli

Dettagli

L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020. Riunioni di zona 2014. Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli

L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020. Riunioni di zona 2014. Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020 Riunioni di zona 2014 Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli Argomenti della presentazione 1. I nuovi pagamenti diretti 2. Approfondimenti su:

Dettagli

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI 6 febbraio 2009 1 Indice 1. Settore automotive Pag. 3 2. Le altre misure del provvedimento Pag. 20 2 1. SETTORE

Dettagli

AUDIZIONE DI FEDERDISTRIBUZIONE. presso gli. UFFICI DI PRESIDENZA INTEGRATI DELLE COMMISSIONI RIUNITE 6 e 10 DEL SENATO

AUDIZIONE DI FEDERDISTRIBUZIONE. presso gli. UFFICI DI PRESIDENZA INTEGRATI DELLE COMMISSIONI RIUNITE 6 e 10 DEL SENATO AUDIZIONE DI FEDERDISTRIBUZIONE presso gli UFFICI DI PRESIDENZA INTEGRATI DELLE COMMISSIONI RIUNITE 6 e 10 DEL SENATO in relazione all esame del D.D.L. n. 783 per la conversione del Decreto legge 4 giugno

Dettagli

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Overview Agricultural Policies in OECD Countries: Monitoring and Evaluation 2003 Politiche agricole nei paesi Ocse : Monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE TITOLO I INTERVENTI IN FAVORE DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE TITOLO I INTERVENTI IN FAVORE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE TITOLO I INTERVENTI IN FAVORE DELLE ASSOCIAZIONI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. 2 - PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE 2 ART. 3 - FORME DI VALORIZZAZIONE 2 ART.

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

JEREMIE SICILIA PMI. Un nuovo strumento finanziario "a condizioni agevolate" per le Imprese siciliane

JEREMIE SICILIA PMI. Un nuovo strumento finanziario a condizioni agevolate per le Imprese siciliane JEREMIE SICILIA PMI Un nuovo strumento finanziario "a condizioni agevolate" per le Imprese siciliane Riccardo Benanti Specialista di Finanza d'impresa Commerciale Corporate Region Sicilia Catania, 31 Marzo

Dettagli

Titolo Estremi del provvedimento di approvazione 1

Titolo Estremi del provvedimento di approvazione 1 Dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in de mimimis ai sensi dell art. 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (Testo Unico delle disposizioni legislative

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 33/2014 del 15/5/2014 ARGOMENTO: PROROGA VERSAMENTI DI UNICO 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1262 Seduta del 24/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico

Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2008 C (2008) 8301 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. N 02/2008 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi nel settore zootecnico Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura

REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura Allegato A al D.D.G. n /2012 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura Modalità e procedure

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli