DESCRIZIONE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DESCRIZIONE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE"

Transcript

1 PROGRAMMA F Bilancio, Innovazione, Personale DESCRIZIONE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE Il contesto nazionale di contenimento della spesa pubblica obbliga le amministrazioni locali ad adottare comportamenti virtuosi che permettano di razionalizzare l utilizzo delle risorse e dei servizi. Le linee di azione a cui attenersi sono: Superare il modello tradizionale di bilancio basato sulla spesa storica; Razionalizzare l organizzazione comunale e la logistica delle sedi degli uffici e dei servizi; Valorizzare le risorse umane e nel contempo razionalizzare l impiego del personale e la relativa spesa; Valorizzare gli strumenti correlati alla pianificazione strategica e al controllo di gestione con l individuazione di obiettivi precisi, verificabili, raggiungibili e misurabili come chiave di volta di ogni tentativo di premiare il merito; Ricercare nuove forme di miglioramento della qualità dei servizi offerti, sviluppando anche strumenti finalizzati al monitoraggio; Riordinare il sistema delle partecipate anche in coerenza con la riforma dei servizi pubblici; Valorizzare il patrimonio comunale inserito nei piani di dismissione per la sua alienazione; Ridurre la spesa per fitti passivi tramite l incremento dell utilizzo di immobili comunali attualmente destinati ad altre funzioni e acquisendo immobili dal demanio; Operare sull organizzazione dei servizi al fine di garantire la massima semplificazione delle procedure e migliorare la trasparenza dell azione amministrativa verso i cittadini; Lavorare per l innovazione tecnologica orientata soprattutto verso i servizi on line al cittadino, anche attraverso la forte partnership con altri soggetti istituzionali in un ottica di area metropolitana; Sviluppare un infrastruttura dati unitaria per il Comune, come nodo di una più ampia rete federata e migliorare l uso delle tecnologie miranti alla dematerializzazione e alla migliore gestione della macchina comunale, anche nel rapporto con gli altri Enti; Operare per il superamento del divario digitale nella città, portando ovunque la copertura della banda larga, anche attraverso la disseminazione di impianti wifi; fare di Firenze una smart city. Fa riferimento al Capitolo 8 del Documento programmatico.

2 OBIETTIVI STRATEGICI Direzioni coinvolte: Patrimonio immobiliare; Servizi tecnici; Risorse umane; Risorse finanziarie; Sistemi informativi Razionalizzare l uso delle risorse Finalità da conseguire Stato attuazione al 31 dicembre 2012 Riacquisizione degli edifici comunali in uso agli uffici giudiziari e all Università per destinarli all esigenze proprie dell Ente: Edifici comunali in uso agli uffici giudiziari: P.za San Firenze, via dell Anguillara, p.za San Martino. Edifici comunali in uso all Università: via del Parione, via San Niccolò. Acquisizione in proprietà dei beni dallo Stato nell ambito del federalismo demaniale Acquisizione immobili già in uso al Comune di Firenze quali Palazzo Strozzi, Forte Belvedere, Museo Marino Marini, uffici Polizia Municipale di Porta Romana, uffici comunali al Galluzzo. Analisi tecnico giuridica delle opportunità di acquisto e predisposizione di tutti gli atti necessari per l attribuzione degli immobili. Dismissione di locazioni passive di immobili utilizzati per uffici comunali al fine di ridurre l importo dei fitti passivi. È prioritario dismettere l uso degli edifici i cui canoni hanno un importo rilevante nel bilancio, tramite trasferimento degli uffici ivi E stato raggiunto un accordo con l Università per il rilascio dell immobile di proprietà comunale ubicato in via del Parione 7. Gli uffici giudiziari non hanno ancora restituito formalmente le sedi di proprietà comunale già da loro utilizzate in quanto vi è ancora parte degli archivi. Tali immobili, destinati ad uffici comunali, sono stati assegnati come segue: - alla Direzione Urbanistica, Piazza S. Martino n 2; - alla Direzione Risorse Finanziarie, Via del Parione n. 7; - alla Direzione Patrimonio Immobiliare, Via dell Anguillara n. 21. È stata richiesta al MIBAC la convocazione del tavolo tecnico propedeutico all acquisizione di Palazzo Strozzi, museo Marino Marini e Forte di Belvedere. Il tavolo è stato attivato. A seguito dell istruttoria della Direzione, con propria Deliberazione n. 26 del il Consiglio Comunale ha individuato ulteriori immobili da acquisire a titolo gratuito dall Agenzia del Demanio, tra cui quelli di Porta Romana e del Galluzzo. L acquisto non sarà però possibile in quanto la norma che lo avrebbe consentito è stata abrogata dal D.L. 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla L. 7 agosto 2012, n. 135 (cd. spending review ). La spesa per fitti passivi nel 2012 è stata ridotta di tre milioni di euro, per effetto del trasferimento di tutte le sedi utilizzate per

3 ubicati in immobili di proprietà comunale ed anche mediante l acquisto di una delle sedi attualmente condotte in locazione. Devono essere quindi individuati, fra quelli che si renderanno prossimamente disponibili, i beni da destinare a tale scopo ed effettuati i lavori di adeguamento per renderli idonei. Riduzione dei consumi per le utenze Predisposizione e diffusione di report sull andamento dei consumi. Individuazione di interventi da attivare per la razionalizzazione e riduzione dei consumi di energia elettrica, gas, riscaldamento, acqua ed utenze telefoniche. Individuazione degli obiettivi di risparmio da attuare e relativo monitoraggio e controllo. uffici giudiziari nel nuovo Palazzo di Giustizia e del rilascio degli immobili di proprità privata (Via Fattori, Via Bezzecca, Via Lavagnini e Via Strozzi). Tale spesa si ridurrà ulteriormente nel corso del 2013 a seguito del trasferimento degli uffici comunale negli immobili di proprietà, già destinati ad uffici giudiziari ed altri, nel frattempo resisi liberi. A questo fine sono stati disdettati i contratti in locazione passiva degli immobili sede di uffici comunali: Via Pietrapiana 53, Via Slataper, Via G. da Montorsoli 14, Piazza Acciaiuoli 20, Via dei Canacci 13, Via B. Dei 2/a, Via della Tancia 1, Via Fabroni, 66, Via Romana, 2. I consumi relativi alle utenze sono una delle maggiori voci di spesa del bilancio dell Ente. L andamento dei consumi viene monitorato e inviato a ciascun responsabile con cadenza quadrimestrale attraverso un programma informatico che, in automatico, acquisisce il flusso delle bollette e costruisce un report, numerico e grafico, per quel determinato contatore/utente. Da qui parte l analisi di ciascun responsabile di edificio/personale sulle azioni da intraprendere per riallineare i consumi rispetto all obiettivo di riduzione aziendale. Di supporto a questa azione sono state redatte, approvate e diffuse le Linee Guida che permettono di individuare le azioni da attivare per la razionalizzazione dei consumi dell Amministrazione Comunale, in accordo con la revisione della spesa prevista dalla Legge n. 135 del 7 agosto 2012 ( spending review ). Attraverso questo strumento, le Direzioni sono state chiamate a contribuire al raggiungimento dell obiettivo attraverso l adozione di comportamenti virtuosi, capaci di realizzare risparmi concreti e immediati. Le attività di progettazione di interventi in corso quali, ad esempio, quelle su complessi significativi -ex Leopoldine di SMN Novella, ex Teatro delloriuolo e biblioteca delle Oblate - sono state allineate con gli obiettivi di analisi e razionalizzazione dei consumi energetici mediante elaborazione di soluzioni impiantistiche a basso impatto e strategie

4 di recupero energicamente sostenibili. Nell ottica di razionalizzare le spese dell Ente, la Direzione Servizi Tecnici ha individuato, per diversi immobili significativi (più energivori), attività per individuare le criticità e per formulare proposte tecniche e gestionali di miglioramento per il risparmio energetico. Sono stati raggiunti gli obiettivi a tal fine pianificati nel PEG della Direzione Servizi Tecnici. Sviluppare e razionalizzare le risorse umane Razionalizzazione dell impiego del personale e riduzione della spesa. Revisione degli accordi e dei CCDI Al fine di garantire la piena attuazione di quanto stabilito dalle disposizioni dell art. 40 c.3 del D.Lgs. 165/2001, il quale prevede il divieto per tutte le pubbliche amministrazioni di sottoscrivere, in sede decentrata, contratti collettivi integrativi in contrasto con vincoli risultanti dai contratti collettivi nazionali o che comportino oneri non previsti negli strumenti di programmazione annuale e pluriennale di ciascuna Amministrazione (le clausole difformi sono nulle e non possono essere applicate), proseguirà l analisi e revisione degli accordi e dei Contratti Collettivi Decentrati Integrativi alla luce delle norme imperative e dei CCNL. Di conseguenza, potrà essere necessario (anche per rispettare il vincolo previsto dall art. 9 c. 2 bis del DL 78/2010, che prevede il divieto di superare il tetto del fondo 2010 e l obbligo contestuale della decurtazione correlata alle cessazioni) rivedere i fondi per il salario accessorio sia del comparto che della dirigenza, nonché delle modalità di gestione degli stessi. Particolare attenzione sarà dedicata alla gestione delle risorse variabili ex art. 15 c. 5 del CCNL correlate ai progetti speciali, con riferimento alle indicazioni fornite dall ARAN con il parere L1, sia in merito ai criteri per la costruzione dei progetti che sulle modalità di correlazione con il fondo incentivante. Proseguirà e si consoliderà l attività di monitoraggio della spesa del personale, in particolare per quanto riguarda la costante verifica del rispetto dei limiti normativi previsti - tetto di spesa e delle continue evoluzioni giuridiche in materia. La riduzione E stata svolta un intensa attività per la ricostruzione dei fondi del salario accessorio, del personale inquadrato con il contratto di lavoro del comparto enti locali, relativi al periodo compreso tra il 1999 ed il 2011, conseguente ai rilievi effettuati dagli ispettori del Ministero dell Economia e delle Finanze. E stata anche effettuata una complessa trattativa con le organizzazioni sindacali per la definizione del nuovo contratto decentrato, che si è conclusa negativamente. Il contratto, decorrente dal 2013, è stato poi adottato dalla delegazione trattante con atto unilaterale, in via temporanea e provvisoria, ai sensi dell art. 40, comma 3 ter, del D.Lgs 165/2001. Per quanto concerne il contratto integrativo del comparto dei dirigenti è stata effettuata l analisi degli istituti non più oggetto di contrattazione ai sensi del D.Lgs 150/2009. Il testo del contratto non è stato modificato formalmente. Con delibera n. 288, approvata dalla Giunta l 11 agosto 2012, è stato adottato il sistema di valutazione della performance (materia non più soggetta a contrattazione) di tutto il personale dell ente, ad eccezione dei docenti inquadrati con il contratto dello Stato, che sostituisce la disciplina preesistente, inserita nei contratti aziendali. E proseguita l attività di monitoraggio finalizzata alla verifica del rispetto, da parte del Comune di Firenze, del complesso delle disposizioni sul contenimento della

5 della spesa prevista deriva sia dalla possibilità di sostituire il personale cessato in misura ridotta (20% delle cessazioni dell anno precedente), sia dal trasferimento del personale docente dell ISIS Leonardo da Vinci allo Stato a seguito delle intese con i Ministeri competenti. Nel 2012 l attività di programmazione del fabbisogno di personale sarà gestita in un ottica di razionalizzazione delle risorse, in relazione al perdurare delle forti limitazioni sulla spesa di personale che dal 1 gennaio operano anche per i rapporti di lavoro flessibile. Così come previsto dall art. 16 della Legge di Stabilità 2012 che ha riscritto integralmente l art. 33 del D.Lgs. n. 165/2001, sarà espletata la procedura ricognitiva del personale finalizzata ad esaminare la situazione degli organici del Comune in relazione alle esigenze funzionali, tenuto conto delle modifiche strutturali intervenute nel corso del La disposizione richiamata impone, infatti, alle Amministrazioni di effettuare annualmente una ricognizione dei propri organici finalizzata ad accertare eventuali eccedenze di personale; tale adempimento costituisce oggi un presupposto per poter effettuare assunzioni, pena la nullità degli atti posti in essere. Nella stessa ottica di razionalizzazione delle risorse sarà orientata anche la fase di reclutamento del personale. L Amministrazione nel corso dell anno intende infatti dare avvio ad alcune procedure concorsuali, finalizzate alla formazione di graduatorie, mirate a soddisfare esigenze specifiche dell Ente, sempre nell ottica di garantire la qualità dei servizi offerti alla collettività. Proseguirà, inoltre, l attività di monitoraggio e revisione del part-time in base al nuovo regolamento, attraverso la ridefinizione di tutti i contratti stipulati in precedenza. In seguito alla riforma delle pensioni, sarà individuata la platea degli aventi diritto a pensione al 31/12/2011 secondo i nuovi criteri stabiliti nel D. L.201 del 6/12/2011, art.24 e saranno rideterminate le anzianità contributive ai fini della verifica del diritto a pensione a partire dal 1/1/2012 secondo i nuovi parametri, adeguando gli strumenti spesa di personale. In particolare, sono proseguiti i riscontri sull osservanza del principio generale di riduzione di tale spesa nonché sulle ulteriori condizioni per procedere ad assunzioni di personale recate dalla vigente formulazione dell art. 14 comma 9 del Decreto Legge n. 78/2010. Le verifiche svolte hanno evidenziato un andamento della spesa di personale in linea con le previsioni iniziali. In particolare, tale spesa ha registrato una diminuzione dovuta sia al trasferimento di parte del personale docente dell ISIS Leonardo da Vinci allo Stato, sia alle cessazioni dal servizio che solo in parte sono state sostituite. Va tenuto conto, inoltre, delle limitazioni imposte dalla normativa sulle assunzioni del personale a tempo determinato che hanno contribuito ulteriormente alla riduzione complessiva della spesa di personale. Nell ultima parte dell anno è proseguito il presidio sull attività di programmazione dei fabbisogni di personale, perseguendo, da un lato, obiettivi di razionalizzazione delle risorse, in conseguenza del perdurare del regime vincolistico sulle assunzioni di personale, e dall altro operando per il soddisfacimento delle esigenze funzionali individuate come prioritarie.- E stato integrato il piano occupazionale già approvato nel precedente mese di agosto, apportando correttivi ad alcune modalità di reclutamento a seguito di eventi intervenuti successivamente e prevedendo altre assunzioni, per soddisfare nuove esigenze anch esse emerse nel corso degli ultimi mesi dell anno. Conclusivamente, vi è da rilevare che la complessiva attività di programmazione effettuata nel corso dell anno 2012 è stata svolta sulla base di un attenta analisi dei fabbisogni di personale per la struttura comunale, anche alla luce degli esiti della ricognizione degli organici effettuata in adempimento delle prescrizioni normative. Per quanto riguarda la fase di reclutamento, successivamente alle procedure già avviate, è stato pubblicato il bando per il concorso pubblico di Funzionario di Polizia Municipale e quello per la selezione pubblica per assunzioni a tempo determinato nel profilo di scuola

6 giuridici e di gestione delle stesse. L insieme di queste azioni comporterà anche il perseguimento della riduzione della spesa di personale in linea con le prescrizioni normative vigenti e gli indirizzi dell Amministrazione, senza peraltro rinunciare allo sviluppo delle risorse umane nell ottica del benessere organizzativo. Formazione Sulla base dell accordo con ANCI Toscana e Università di Firenze, sancito dal Protocollo d intesa stipulato nel 2011, sarà avviata la sperimentazione di un piano di iniziative formative rivolte a personale del Comune di Firenze e degli enti locali dell area fiorentina. Nell ottica della piena valorizzazione dei dipendenti delle istituzioni rappresentate nel Protocollo d Intesa, saranno individuati i docenti, riservando una particolare attenzione agli esperti interni che possiedono particolari e significati competenze. A tal fine potranno anche essere attivati percorsi di formazione dei formatori. Nell ambito del piano formativo annuale dell ente, una particolare attenzione sarà rivolta all area della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, coerentemente con le dell Infanzia. Si è proceduto anche alle assunzioni resesi possibili a conclusione dei concorsi e delle selezioni espletate, anche tramite procedure di mobilità ai sensi del vigente art. 30 del D.Lgs. n. 165/2001, nonché ad ulteriori assunzioni per scorrimento delle graduatoria già esistenti. E stata effettuata l attività propedeutica alla revisione dei provvedimenti di concessione del part-time con attenzione particolare a quelli inerenti lo svolgimento di una seconda attività lavorativa, in attuazione del dettato regolamento per la messa a regime di tale istituto. È stato completato l aggiornamento delle anzianità contributive. La platea dei dipendenti presi in esame fino all anno di nascita 1954, ha permesso di individuare coloro che hanno maturato diritto a pensione al 31/12/2011 nonché coloro che acquisiranno diritto alla pensione di vecchiaia e anzianità secondo i parametri stabiliti dal D.L. 201/2011, convertito in Legge 214/2011. A tale finalità ha contribuito in maniera sostanziale anche l attività di gestione delle pratiche previdenziali, riscatti, ricongiunzioni e accrediti figurativi, il cui iter, una volta definito, ha permesso ad un buon numero di dipendenti di avvalersi di un diritto acquisito e di accedere al pensionamento. Il piano operativo per lo sviluppo delle competenze delle risorse umane si è concretizzato nella realizzazione di iniziative di formazione su: 1. Accordo quadro nel nuovo codice dei contratti (una edizione); 2. Gli incarichi professionali e le altre forme di acquisizione dei servizi (due edizioni); 3. La progettazione e rendicontazione europea (due edizioni, una generale e di una approfondimento); 4. Sperimentazione dei nuovi sistemi contabili e di bilancio; 5. Formazione dei formatori per la Polizia Municipale; 6. Corso di excel livello intermedio; 7. Giornata di studio sulla trasparenza e protezione dei dati; 8. Tecniche di redazione dei regolamenti

7 indicazioni fornite dall Accordo quadro firmato il 21 dicembre u.s. in sede di Conferenza Stato Regioni. Proseguirà, altresì, l implementazione della banca dati dei curricula formativi dei dipendenti già avviata nel 2011 limitatamente all area della sicurezza sul lavoro. Valorizzazione ed implementazione del processo di conoscenza e comunicazione delle risorse umane Il processo di implementazione della conoscenza e comunicazione delle risorse umane verrà consolidato attraverso l attuazione del progetto di revisione della sezione dedicata personale all interno della intranet aziendale e l aggiornamento dei suoi contenuti. L attuazione del progetto avverrà in collaborazione con l Ufficio Gestione di Canali di Comunicazione e la Direzione Sistemi Informativi che cureranno la parte grafica di Layout e la realizzazione informatica. Si precisa inoltre che la nuova intranet, una volta realizzata, presuppone lo svolgimento di un attività di costante presidio, volta ad assicurare l integrazione e l aggiornamento dei suoi contenuti al fine di garantire la massima correttezza delle informazioni fornite ai dipendenti e la loro rispondenza alle previsioni normative e agli assetti organizzativi dell Amministrazione. comunali. A queste iniziative ha partecipato personale del Comune di Firenze, per un totale di circa 600 unità, e dipendenti dei Comuni dell area. La conduzione di queste iniziative è stata affidata sia ad esperti esterni che a personale dipendente, nell ottica della valorizzazione delle risorse interne. Nell ambito del piano formativo annuale dell ente, è stata prevista una riserva di risorse per le iniziative afferenti all area della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Con queste risorse è stata organizzata la formazione per una parte di personale addetto al primo soccorso ed è stato completato il corso previsto dalla norma per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, recentemente eletti. Inoltre i responsabili per la sicurezza e la prevenzione hanno partecipato ad un catalogo di corsi di aggiornamento prescritti dalle normative vigenti. Le attività svolte per la implementazione della banca dati dei curricula formativi dei dipendenti - con particolare riferimento all area della sicurezza sul lavoro - sono in linea con le iniziative realizzate. Il progetto di revisione della sezione dedicata al personale all interno della intranet aziendale è stato definito ed attuato per la parte compatibile con l attuale sistema informatico. Parallelamente, sono stati presidiati i contenuti già pubblicati, curandone, in particolare, l aggiornamento in relazione alle circolari interne e alla modulistica.

8 Prosegue il consolidamento e lo sviluppo dell applicativo informatico per la gestione del sistema di sicurezza dei luoghi di lavoro (TESEO), ai fini dell adozione del Sistema di Gestione della Sicurezza (SGSL). L Amministrazione si propone di proseguire il percorso avviato volto all unificazione delle banche dati utilizzate nell Ente per accrescere il patrimonio informativo e cognitivo comune. La Direzione Risorse Umane continuerà, in particolare, a curare le attività di aggiornamento del sistema di gestione informatica della struttura SOA al fine di adeguare costantemente il sistema alla struttura dell Ente, con particolare riferimento alla revisione in atto dell assetto generale delle Posizioni Organizzative. Proseguirà inoltre il lavoro di affinamento e modifica del sistema di gestione SOA, quale applicativo prioritario nell ambito del sistema di gestione generale anche in un ottica di contemperamento delle esigenze inerenti gli altri applicativi ed in particolare di quello di gestione documentale SIGEDO. Attuare il federalismo fiscale municipale Incremento delle risorse finanziarie proprie Riconfigurazione della tariffa di igiene ambientale (TIA) con inserimento sia dell entrata che della spesa nel bilancio comunale. Modifica del regolamento e della tariffa. Conseguente variazione del contratto di servizio con Quadrifoglio S.p.A., soggetto gestore del servizio raccolta e smaltimento rifiuti. Disciplina del nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, previsto dall art.14 del D.L. 201/2011, convertito con Legge n.214/2011, a decorrere dal primo gennaio Imposta municipale propria (IMU): prima applicazione e regolamentazione. A seguito dell introduzione anticipata in via sperimentale fino al 2014 dell IMU (che sostituisce l ICI dall anno di imposta 2012), avvenuta con L. 214/2011, si procederà a disciplinare le nuove modalità di gestione dell imposta, con particolare riferimento: alla definizione delle aliquote; alla regolamentazione di alcune Per quanto concerne la sorveglianza sanitaria si è incrementata l implementazione del programma di gestione della sicurezza TESEO, con l inserimento delle informazioni inerenti i dipendenti che devono essere periodicamente controllati. Sono proseguiti gli incontri con i dipendenti delle varie Direzioni per completare la loro formazione e aggiornamento, inerente le competenze attribuite che riguardano la gestione di tutte le procedure di sorveglianza sanitaria. In linea con le previsioni, è stata effettuata l ulteriore revisione dell applicativo SOA (sistema organizzativo aziendale) che ha consentito l estensione dell applicativo SIGEDO alle Segreterie degli Assessori. Inoltre, è stato ultimato l aggiornamento della banca dati delle sedi di SOA. Sono stati predisposti tutti gli atti necessari per la riconfigurazione della tariffa di igiene ambientale (TIA) per l anno 2012: tariffa di riferimento, integrazione al contratto di servizio con Quadrifoglio Spa, convenzione con la Provincia di Firenze per la gestione del tributo ambientale, attività relative alle contabilizzazione della nuova entrata in accordo con il Servizio economico finanziario, nonché verifica dell operato della società Quadrifoglio in qualità di agente contabile. In relazione all imposta municipale propria (IMU), sono state portate a termine tutte le attività previste nel piano degli obiettivi, conseguendo il raggiungimento dei risultati prestabiliti. L imposta è stata introdotta sperimentalmente a decorrere dal 2012, in sostituzione dell ICI e dell IRPEF per la parte inerente gli immobili non locati. La relativa disciplina è stata più volte

9 specifiche fattispecie applicative; alla conseguente previsione del gettito IMU di competenza comunale; alla definizione di adeguate azioni di informazione sulla nuova imposta rivolte ai contribuenti e agli operatori di assistenza fiscale (comunicazioni sia cartacee che informatiche, modulistica, dichiarazioni, servizi on-line, etc.); all attivazione di processi virtuosi finalizzati al monitoraggio sulla nuova imposta. In vista dell introduzione, a decorrere dal 1 gennaio 2013, del nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi RES (che sostituirà la tariffa di igiene ambientale e coprirà parte dei costi relativi ai servizi indivisibili), si procederà alla definizione delle modalità applicative e della regolamentazione del nuovo tributo. Contrastare l evasione fiscale (risorse comunali, regionali, statali) Prosecuzione ed incremento delle attività per il controllo ed il recupero dell evasione delle imposte e canoni spettanti al Comune. Per quanto concerne la compartecipazione modificata dal legislatore e ciò ha comportato di conseguenza un particolare impegno per lo studio e la definizione delle previsioni di entrata (che a consuntivo sono risultate corrette, mentre quelle del Ministero dell Economia e Finanze al fine di determinare la riduzione dei trasferimenti erano sovradimensionate). E stato predisposto il relativo Regolamento comunale e per la gestione si è dato avvio allo sviluppo del sistema informatico dell imposta, da integrare con il software SIGE (Sistema Integrato Gestione Entrate). Quest ultimo permetterà di acquisire i versamenti effettuati dai contribuenti e di costruire una banca dati dei medesimi e degli oggetti dagli stessi posseduti, per monitorare e controllare sia le riscossioni che le posizioni contributive, al fine del recupero dell imposta evasa. In merito al nuovo tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARES) - la cui introduzione è stata prevista, a decorrere dall esercizio 2013, dall art.14 del D.L. 201/2011 convertito con Legge n.214/ è stata avviata un attività di studio della normativa di riferimento per analizzarne gli aspetti più significativi. Il risultato di tale analisi si è concretizzato nell elaborazione di una bozza di regolamento comunale che recepisce e disciplina le modalità applicative del tributo. Per quanto attiene all imposta di soggiorno, si è provveduto a dar corso alle modifiche regolamentari, poi approvate dal Consiglio Comunale, necessarie per dare attuazione all indirizzo politico. Nel corso dell anno è proseguita l attività di comunicazione/informazione alle strutture ricettive al fine di monitorare l andamento dei versamenti di imposta dovuti e di emissione dei provvedimenti ingiuntivi nei casi di non rispetto degli obblighi regolamentari e di eventuali sintomi di evasione. L attività di recupero tributi e canoni comunali, svolta dal Servizio Entrate ha conseguito risultati molto soddisfacenti rispetto alle previsioni iniziali, sia in relazione alla qualità degli atti di

10 del Comune al contrasto all evasione fiscale sulle entrate extra comunali (gettito erariale, regionale, etc..), il nuovo Servizio Recupero dell evasione fiscale, in collaborazione sinergica con l Agenzia delle Entrate e la Polizia Municipale, continuerà l attività volta all individuazione di situazioni contributive sintomatiche di probabile evasione. Fondamentale per tale attività sarà l implementazione delle banche dati in dotazione e lo sviluppo del sistema di estrapolazione delle informazioni. Uso massivo del patrimonio informativo dell Ente nell ambito del sistema della Risorsa Dati Federata, in sinergia con i progetti del mondo ELISA, al fine di incrementare - con un processo di miglioramento e affinamento continuo - le potenzialità di indagine e di analisi del Comune in merito al contrasto dell evasione fiscale. Miglioramento dell assetto organizzativo e recupero di efficacia dello stesso in funzione dell individuazione di sempre maggiori figure sintomatiche di evasione tributaria nazionale, regionale e locale. Affinamento delle sinergie con le Direzioni interessate (ad es. Servizio Recupero Evasione Fiscale, ai fini dell inoltro di ben documentate segnalazioni qualificate). contestazione trasmessi (avvisi di accertamento ai fini ICI ed ingiunzioni Cosap e Cimp) sia rispetto al gettito conseguito che ha determinato una maggiore entrata in termini di bilancio di oltre un milione di euro. L attività del nuovo Servizio Recupero Evasione Fiscale (competente sulle entrate di natura extra-comunale) si è sviluppata e consolidata nel corso del 2012, anche mediante importanti momenti formativi e una stretta collaborazione con la Direzione Sistemi informativi. Numerose sono state anche le segnalazioni provenienti dal Corpo di Polizia municipale che rappresentano base di partenza per il successivo invio di segnalazioni qualificate. Dal mese di giugno, a seguito di disposizioni di carattere nazionale, è stato attivato un doppio canale per la trasmissione delle segnalazioni qualificate: uno con la Guardia di Finanza per i casi relativi ad attività; l altro con l Agenzia delle Entrate per i casi relativi a persone fisiche o a carattere induttivo. Le segnalazioni inserite nel programma SIATEL sono state 345. Di queste:6 sono derivate da indicazioni della Regione Toscana; 50 hanno tratto origine da rapporti della Polizia Municipale; 20 da segnalazioni provenienti da Casa SpA; 74 sono scaturite da un lavoro realizzato dalla Direzione Sistemi Informativi che, incrociando alcuni indicatori relativi alle spese sostenute dai cittadini fiorentini, ha consentito al Servizio Recupero Fiscale di approfondire posizioni sintomatiche di possibile evasione (redditi dichiarati troppo esigui per poter essere veritieri); 195 sono nate direttamente per iniziativa dello stesso Servizio sulla base di specifiche informazioni assunte in via diretta o indiretta, verifiche puntuali, estrazioni informatiche per categoria di attività, ecc. Importante è stato anche l impegno profuso per lo sviluppo dell applicativo informatico elaborato a livello regionale, denominato TOSCA, che costituirà un importante ausilio per l attività di recupero nel Positivo è stato anche il rapporto con l Agenzia delle Entrate con cui si sono

11 tenuti contatti costanti e con cui si sono scambiate informazioni operative utili allo svolgimento dell attività di competenza, nonché per l attività di supporto effettuata nell ambito della formazione e aggiornamento del personale comunale addetto al servizio. Il lavoro di individuazione dei potenziali evasori è stato effettuato, prevalentemente, utilizzando le informazioni in possesso del Comune, in particolare quelle fornite dalle Direzioni Attività Economiche e Servizi Sociali. Per quanto riguarda le attività di contrasto all evasione svolte dalla Polizia municipale, la scelta organizzativa dell'ente di centralizzare, in autonoma struttura amministrativa denominata Servizio Recupero Evasione Fiscale, la necessaria interrelazione con l'agenzia delle Entrate, si è reso doveroso un adattamento e rivisitazione dell'attività in essere per migliorarne efficacia ed efficienza. Pertanto si è potenziata l'attività di investigazione sul territorio, ma anche, tramite la collaborazione della Direzione Sistemi Informativi, di accesso a banche dati intersettoriali. L'attività ha portato all inoltro di 146 rapporti all'ufficio sopra menzionato con la finalità di "traduzione" in segnalazioni qualificate. E stato inoltre ottenuto l'accesso a finanziamento regionale, per un importo pari ad stanziato con Decreto n del della Giunta Regionale. Nel contempo, si è intensificata l'attività finalizzata ad accertare evasioni di tributi comunali, con gli esiti rilevanti che si riportano: controlli tesi alla verifica del rispetto della normativa riguardante l occupazione di suolo pubblico con cantieri stradali, ponteggi, alterazioni di suolo pubblico, ecc. contestando 272 sanzioni al Codice della strada; - 21 accertamenti edilizi/ambientali con 41 sanzioni amministrative al Regolamento Edilizio inoltrando, al reparto preposto per i controlli, segnalazioni per i casi di presunte evasioni, direttamente o indirettamente "impattanti" con situazioni indiziarie di potenziali evasioni tributarie, su cui sono

12 stati aperti appositi fascicoli di approfondimento; - 60 servizi di controllo tesi alla verifica delle posizioni degli iscritti AIRE. Relativamente al controllo delle strutture ricettive, sono stati attivati 60 controlli e si segnala l'attivazione, anche funzionale alla neo istituita tassa di soggiorno, pur con difficoltà correlate alla mancata specifica legislativa dei poteri, anche ispettivi, per rendere lo stesso seriamente efficace. Si segnala, infine, per l'importanza in termini di rispetto delle linee del legislatore nazionale per favorire l'attività della piccola imprenditoria, la pianificazione dei controlli di tutti gli uffici comunali, nonché di Provincia, A.S.L. e ARPAT (queste ultime, limitatamente ai principi generali), come previsto dalla Delibera n 2011/G/00542 del che, in attuazione dell'art. 7 della L. 106/2011 affida il coordinamento della relativa attività alla Direzione Polizia Municipale. Monitoraggio della liquidità, dei trasferimenti erariali e del patto di stabilità Si attiveranno azioni di monitoraggio per: garantire il rispetto del patto di stabilità; mantenere gli equilibri di cassa evitando il ricorso ad anticipazioni di tesoreria, anche in considerazione del passaggio alla tesoreria unica previsto all art. 35, commi 8, 9, 10 e 13 del D.L. 1/2012; controllare le spettanze assegnate al Comune di Firenze sia a titolo di nuove entrate che di trasferimenti erariali residui, anche alla luce delle riduzioni di trasferimenti sul fondo sperimentale di riequilibrio previste dalla L. 214/2011. E stato svolto un costante monitoraggio della liquidità dell Ente che ha consentito, anche per il 2012, di non fare ricorso all anticipazione di Tesoreria. Al contempo, sono stati effettuati controlli settimanali sulle entrate da incassare al fine di garantire il rispetto del patto di stabilità interno. Il monitoraggio generale ha riguardato anche l andamento della spesa corrente mediante l effettuazione di un attenta analisi dei fabbisogni economici degli uffici comunali interessati e l individuazione di interventi correttivi finalizzati ad incrementare il livello di efficacia, efficienza ed economicità dell azione amministrativa. Sono stati monitorati attentamente i trasferimenti erariali con particolare riferimento al Fondo sperimentale di riequilibrio, sia a livello di spettanza che di relativa imputazione a bilancio. In applicazione della legge sulla spending review (D.L.95/2012 convertito in L. 135/2012 e successive modificazioni), che ha previsto di utilizzare le riduzioni del fondo sperimentale di riequilibrio per

13 Implementare il monitoraggio delle entrate comunali extra-tributarie diminuire l indebitamento a carico dell ente, sono stati estinti mutui per ,44, ai quali si sono aggiunte ulteriori estinzioni (finanziate con alienazioni) per ,72. Si procederà ad una riorganizzazione funzionale delle attività concernenti la riscossione, con azioni finalizzate ad accelerare l acquisizione delle risorse anche grazie al maggior coinvolgimento attivo delle Direzioni comunali interessate. Riordinare il sistema delle società partecipate Assetto proprietario ed evoluzione del quadro normativo in materia di servizi pubblici locali Per quanto attiene il monitoraggio delle entrate comunali il Servizio economico finanziario è stato riorganizzato creando un unico centro di gestione contabile di tutte le entrate (correnti e investimenti) dell Ente. In tale ambito si è proceduto: - alla sensibilizzazione degli uffici comunali sull'esigenza di operare celermente per l accertamento e l incasso delle entrate di loro competenza; - al monitoraggio costante degli incassi tramite conti correnti postali con incremento dei prelievi da parte degli uffici e con l'effettuazione di un prelievo straordinario di fine anno, al fine di registrare nell'esercizio le somme già incassate dal comune su detti conti; - ad incrementare le operazioni di compensazione tra debiti e crediti vantati dal comune verso lo stesso soggetto. Si analizzeranno ipotesi e processi già avviati di dismissione di aziende e partecipazioni comunali e/o di ridefinizione del ruolo e della missione di alcune società ed anche di altri progetti dell' Amministrazione che coinvolgano le società stesse o le condizioni della loro azione ed operatività. Verrà definito un progetto di apporto di risorse a Firenze Fiera S.p.A. per la realizzazione del programma di investimenti per il recupero funzionale degli immobili e delle strutture del compendio fieristicocongressuale, necessario al rilancio e sviluppo industriale delle attività. Il 2012 è l anno che ha visto completarsi il percorso, avviatosi concretamente a partire dalla deliberazione del Consiglio comunale del dicembre 2011, di separazione da Ataf S.p.A. del ramo di azienda di gestione del trasporto pubblico locale e di privatizzazione di quest ultimo attraverso la cessione sul mercato del 100% di Ataf Gestioni srl. E proseguito anche il confronto tra i soci pubblici di riferimento di Centrale del Latte S.p.A. relativamente al processo di dismissione congiunta delle quote di proprietà della società che si sta indirizzando allo studio e verifica anche della possibilità della quotazione dell azienda sui mercati regolamentati. Nell agosto 2012, il Consiglio di Amministrazione di Firenze Fiera S.p.A. ha approvato il nuovo piano industriale

14 aziendale , elaborato sulla base di un programma di azioni per la riorganizzazione e il rilancio della società sviluppato nell ambito di un gruppo di lavoro di cui hanno fatto parte anche rappresentanti dei principali soci pubblici. Una volta conclusa l operazione della redistribuzione paritaria delle quote azionarie di Comune di Firenze, Provincia di Firenze e Regione Toscana, prevista dall Accordo stipulato nel dicembre 2010 tra i tre Enti, il piano industriale di Firenze Fiera - che enuclea, in particolare, la necessità di investimenti finanziati anche mediante apporti dei soci in conto ricapitalizzazione - verrà sottoposto al definitivo vaglio degli azionisti. Saranno verificati gli effetti, sulle società partecipate interessate, delle recenti leggi nazionali e regionali in materia di servizi pubblici locali, di riforma degli ambiti territoriali di gestione, di autorità di regolazione dei servizi e di procedure di gara per il loro affidamento principalmente su area vasta. Nel corso del 2012 il quadro legislativo di disciplina dei servizi pubblici locali è mutato per ben due volte: dapprima, per effetto della sentenza della Corte Costituzionale del luglio 2012 che ha abrogato la riforma del settore in vigore da poco meno di un anno (articolo 4 del D.L. 138/2011); e poi, come conseguenza della conversione, negli ultimi giorni di dicembre, per effetto del D.L. 179/2012 che definisce - si auspica in via definitiva - le norme sull assetto e sulle forme di gestione dei servizi in questione, confermando, fra l altro, l organizzazione per ambiti e bacini territoriali sovra comunali di quelli cosiddetti strategici e a rete (rifiuti, tpl, servizi idrici, ecc). Ed è proprio in tal senso che, nonostante l incertezza e l alternarsi del quadro di riferimento, sono progrediti nel corso dell anno i processi per la costituzione, l insediamento e l avvio operativo della nuova Autorità di Ambito Toscana Centro (per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti) e dell Autorità Idrica Toscana, enti rappresentativi dei Comuni fra i quali quello di Firenze. Un momento significativo del percorso di razionalizzazione e offerta su area vasta dei servizi di che trattasi è stata l emanazione, a fine anno, del bando di preselezione dell Autorità Toscana Centro per l assegnazione del servizio rifiuti in forma integrata nei territori delle province di Firenze, Prato e Pistoia. La prospettiva dell affidamento unico e della

15 Razionalizzare le società per i servizi strumentali Sarà implementato il progetto per la riorganizzazione di SAS S.p.A. attraverso il supporto alla ridefinizione dei disciplinari di servizio con i vari assetti comunali interessati e all'individuazione di nuovi settori e attività di impegno per la società. Promuovere la Firenze digitale Promuovere l'amministrazione digitale Semplificare la gestione dei processi e degli strumenti di autenticazione e autorizzazione e realizzare un infrastruttura abilitante all erogazione di servizi profilati quali la Mia pagina, con immediato accesso ai servizi d interesse, ed il Fascicolo del cittadino per una visione aggregata di tutte le pratiche ed i rapporti con l Ente. Saranno rese disponibili APPS per fruire dei servizi anche da mobile. partecipazione alla gara d ambito ha favorito l avvio di verifiche e progetti di aggregazione e concentrazioni delle aziende territoriali gestori uscenti (in gran parte a partecipazione pubblica) per valorizzare il know how e gli asset industriali e sfidare competitivamente il mercato. Nel mese di luglio, il Consiglio comunale ha approvato gli indirizzi per la riorganizzazione di SAS S.p.A. e delle sue attività prefigurando, fra l altro, anche l affidamento alla società di nuovi servizi. Le linee dettate dal Consiglio comunale vanno nel senso della massimizzazione dell impiego e della valorizzazione produttiva delle risorse umane e strumentali della società. L implementazione delle analisi e delle verifiche per la realizzazione del piano di riorganizzazione dell assetto aziendale si è concretamente avviato e sviluppato nell autunno grazie all attività di un gruppo di lavoro Comune/Società tenendo conto, fra l altro, anche dell impatto sul processo riorganizzativo della normativa intervenuta nel frattempo in materia di società pubbliche di servizi strumentali (d.l. 95/2012 cosiddetto spending review convertito nella legge 135 del 7 agosto 2012). La normativa in questione è stata oggetto, alla fine dell anno in sede di conversione del D.L. 179/2012, di modifiche che parrebbero riconoscere la possibilità del proseguimento dell auto produzione di servizi strumentali in capo a società con le caratteristiche di SAS S.p.A. Lo sviluppo degli apparati, dei sistemi, dei database e dei servizi presenti nell'infrastruttura PIC (data center centralizzato) e dei sistemi decentralizzati dislocati nelle sedi dell'ente sul territorio si configura come un attività trasversale a tutte le realizzazioni più sotto descritte ed è fondamentale proprio al fine di disporre di un'infrastruttura abilitante all'erogazione

16 Per favorire il rapporto telematico con l Ente, continuerà il processo di sviluppo e messa in esercizio di nuovi servizi online, potenziando e migliorando anche gli esistenti, nei diversi settori tematici dell area SOL Servizi On Line della Rete Civica. Sarà inoltre supportata la completa informatizzazione dei processi di presentazione delle istanze e dei successivi rapporti con le imprese in ambito servizi SUAP. Sono previsti interventi di reingegnerizzazione e integrazione nei gestionali di back-office al fine di dematerializzare la gestione di tutti i flussi informativi interni e con gli Enti terzi. Si procederà infine all adeguamento alla nuova normativa sulla semplificazione amministrativa. continuativa e qualitativamente soddisfacente di qualunque servizio dell'ente. Va in questo senso quanto fatto tra gennaio e settembre per l'adeguamento infrastrutturale (gara espansione SAN, studi per il VDI e il cloud computing, sistemi load balancer e sviluppo dei sistemi FLOSS). Per quanto attiene al progetto PIUSS, è stata effettuata la valutazione tecnica nell'ambito della commissione di aggiudicazione. ELI4U: si è realizzato l intero sistema, superando positivamente l assessment di progetto a Cesena. SCUOLA 2.0: si è messa in produzione sugli store Apple e Google Play la app scuolamobile, e la app per i custodi su tablet. A seguito della dismissione delle linee ADSL delle scuole operata dal MIUR, la Direzione Servizi Tecnici è subentrata nei contratti ADSL e i Sistemi Informativi hanno riconfigurato le linee per collegarle alla rete comunale. Si sono collegate tre scuole a banda ultralarga (100 Mbps). Si sottolinea inoltre lo sviluppo costante dei servizi online, che si incarnano nell attività svolta dal Comune anche per tramite della partecipata Lineacomune spa mediante la revisione del contratto di servizio, approvato con deliberazione di giunta 224 del 18/06/2012. Per quanto riguarda la piattaforma dei servizi online, nell ambito del progetto finanziato SP2CON si è avviato con Linea Comune, con gli altri enti (Comune di Milano, Genova, Vigevano, Pesaro, ecc) e con ANCI un processo di revisione dell infrastruttura dei servizi online, al fine di massimizzarne la manutenibilità per l Ente, e l esperienza utente per i cittadini. Si è provveduto a ingegnerizzare le procedure per la gestione dei procedimenti SUAP di competenza del Servizio Attività Produttive della Direzione Attività Economiche. È stata sviluppata l'integrazione tra gli applicativi di back-office interessati ai procedimenti SUAP. È stato realizzato, inoltre, un modulo di sondaggio per la rilevazione del

17 Portare il wifi in tutte le piazze Definizione di un modello per la gestione unificata, in ottica di semplificazione, delle credenziali verso tutti i punti di accesso wi-fi, sviluppando un sistema che, oltre alla connettività, sia orientato alla diffusione di contenuti tematici orientati alla migliore fruizione della città. Sviluppo sensibile del numero dei punti in modo da garantire la continuità della copertura lungo aree e percorsi qualificati. Sperimentazione della nuova tecnologia LTE. soddisfacimento/utilizzo dei servizi SUAP online. È stato prodotto il fascicolo elettorale elettronico, con partecipazione trainante al relativo progetto pilota promosso dal Ministero dell'interno, coordinato dalla Prefettura e condotto insieme ai Comuni del circondario fiorentino. Sono state apportate significative migliorie all Albo Pretorio online. Per quanto riguarda i servizi demografici è stato adeguato l applicativo SIPo al D. Lgs. n. 5 del 09/02/12. Si è proceduto all installazione ed ai collaudi dell infrastruttura abilitante la piattaforma Mia Pagina in versione web e app per dispositivi mobile. Il Comune di Firenze è stato impegnato a promuovere una progettualità articolata a valere sul bando MIUR per le Smart cities. In particolare, si sono predisposti progetti sui temi del governo del territorio e mobilità (centrali di controllo di nuova generazione), edilizia sostenibile (bio edilizia in legno), logistica urbana (mobilità elettrica per le merci) e tecnologie per i beni culturali (museo intelligente e arredo urbano e illuminazione intelligente). È stato realizzato il gateway di autenticazione centralizzato FIRENZE WIFI con la federazione del database nativo del Comune con quelli dell'università di Firenze e della rete dei PAAS. Si è prodotto un aumento sensibile della copertura, con attivazione di 120 nuove aree e dislocazione federata di 450 hotspot. In accompagnamento a tale attività, si é provveduto a redigere una serie di atti che garantiranno un rafforzamento della collaborazione con la Provincia di Firenze e che potranno sollecitare un concorso anche dei singoli privati per lo sviluppo infrastrutturale; si tratta in particolare di uno schema di convenzione con la Provincia per lo sviluppo e l integrazione della rete wireless Firenze Wi-Fi ( ottobre 2012)e di un Disciplinare per l accesso federato alla rete wireless di privati. Lo schema di disciplinare è stato redatto, anche se è

18 Realizzare un infrastruttura per servizi innovativi per city user Il sistema renderà disponibili al cittadino, all ospite o a coloro che intendono venire in città, una serie di informazioni utili per accompagnarli nella fase di pianificazione della visita e nel soggiorno in città. È prevista la realizzazione di un sistema di redazione e aggregazione di contenuti fruibili in modalità personalizzabile e territorialmente contestualizzata via web, mobile e digital signage. La produzione di video guide, la diffusione di QR code, lo sviluppo di applicazioni di realtà aumentata e la realizzazione di un sistema per la gestione centralizzata dei contenuti informativi pubblicati sui digital signage favoriranno la lettura dei luoghi della città e la fruizione dei servizi ad essi connessi. Al contempo, in sinergia con il processo di apertura dei dati pubblici (Open Data), si promuoveranno varie forme di sviluppo di APPS per dispositivi mobili finalizzate alla fruizione dei contenuti multimediali del Comune di Firenze e degli enti ad esso correlati, nell ambito cultura, turismo e sport. Promuovere la dematerializzazione e la conservazione dei documenti Il processo di dispiegamento, in fase di completamento, del sistema di gestione flussi documentali e protocollo, SIGEDO, impone la digitalizzazione dei documenti cartacei che continuano a pervenire all Ente nonostante la crescente diffusione e utilizzo di strumenti telematici, quali servizi on-line e PEC, per la presentazione di istanze, documenti, progetti, offerte, fatture, etc. stato ritenuto necessario mutarne la definizione in una fase successiva, integrandolo con una documentazione tecnica di maggiore dettaglio. E stata effettuata l analisi funzionale dell interazione fra city user e sistema informativo città dei saperi. Dopo aver individuato le principali fonti dati alimentanti il sistema di contenuti connessi ai luoghi della città ed aver effettuato i sopralluoghi necessari ad individuare i punti di dislocazione dei sistemi di digital signage, si è provveduto ad approvare l elenco dei luoghi dove inserire tali sistemi e ad ordinare i monitor da installare; si è inoltre definito l accordo con i soggetti privati che ospiteranno i monitor (presso luoghi di pubblico interesse), accordo che si è tradotto, entro i tempi previsti, nella redazione dello schema di convenzione con i partners per l implementazione del Sistema Informativo Città dei Saperi (Sics) Piuss. Sono allo studio le possibilità per lo sviluppo di applicazioni di realtà aumentata su questa impalcatura di contenuti. Sono state sviluppate APP nel settore dello sport, della scuola e del decoro urbano, per la gestione di eventi in città e per la navigazione in mobilità dei contenuti relativi al cultural heritage in area UNESCO. Per il progetto PIUSS-SICS si è conclusa l analisi della parte software relativa alle apps ed alle componenti web. Per il progetto Eli4u, si è in attesa di svolgere le ultime azioni preparatorie a mettere in produzione il sistema FirenzeMia entro i primi mesi del Sono in corso i lavori di integrazione del sistema di gestione documentale dell Ente con i sistemi gestionali verticali e con il sistema intranet. Analizzate le problematiche dell attuale PEC integrata in SIGEDO, si è sviluppata, installata e collaudata la componente multi- PEC. Sono in corso d'opera i progetti di

19 Sarà ulteriormente esteso il sistema di Gestione Documentale dell Ente, integrandolo con i diversi flussi informativi digitali legati alle caselle di Posta Elettronica Certificata ed ai sistemi gestionali verticali in uso da parte dei diversi uffici. Promuovere l'interoperabilità delle banche dati territoriali al fine di migliorare l'efficienza e l'efficacia dei servizi Promuovere lo sviluppo di banche dati, alfanumeriche e geografiche, normalizzate, aggiornate, federate e interoperabili nell'ambito della P.A. Le fonti dati, esposte nel catalogo di riferimento, supporteranno: processi di pianificazione e controllo (piano strategico, mobilità, patrimonio immobiliare, ambiente, politiche fiscali e contrasto all'evasione); l'erogazione di servizi al cittadino (mia pagina, fascicolo personale,servizi on-line localizzati); la semplificazione dei processi di controllo di istanze rispetto a dati già in possesso della P.A. La banca dati georeferenziata della numerazione civica, in particolare, insieme al catasto costituisce l'elemento fondamentale a supporto della pianificazione territoriale e per l'analisi statistica delle caratteristiche socio-economiche della città a partire dal censimento. Si promuoverà inoltre lo scambio dei dati con formati standard tra i diversi soggetti che insistono sul territorio fiorentino (Ataf, Provincia di Firenze, musei, soggetti operanti nel mondo del turismo, i fornitori di utility etc), al fine di concretizzare la Risorsa Dati Federata, anche usando i paradigmi di apertura del mondo Open Government. innovazione del back-office di gestione dell'avvocatura (sistema Lisia), per la connessione a SIGEDO e si sono avviate le attività di interconnessione a SIGE e a SIGEPRO. Sono altresì in corso le attività preliminari volte alla sostituzione del sistema di gestione atti, con conseguente significativa innovazione di una consistente porzione dei processi di gestione documentale interni all'ente. È stata avviata un attività di analisi dei risultati del censimento della popolazione e degli edifici in collaborazione con la Direzione Urbanistica anche al fine di implementare e aggiornare il quadro conoscitivo per la pianificazione urbanistica. In questo ambito è stato predisposto un primo rapporto statistico per l Area Unesco e una serie di dati di fonte censuaria per UTOE. Sono stati sviluppati i moduli software per l integrazione di fonti dati nei sistemi per l erogazione dei servizi al cittadino, e sono in corso di svolgimento incontri con i soggetti delle Società partecipate per definire modalità condivise di interscambio di dati a livello cittadino. In particolare si sono predisposti proficui scambi di dati aperti con Publiacqua, Autorità di Bacino, Università di Firenze e Provincia di Firenze. Per tali scambi informativi sono state predisposte tutte le azioni tecniche e amministrative ai sensi del CAD, e si è in attesa di pubblicare i relativi dati in forma congiunta. È stato completato l'applicativo di gestione dati e documentazione inerente i 100 Luoghi (per la raccolta, l'organizzazione e il consolidamento attorno a un nucleo informativo centrale delle fonti e dei flussi informativi sui 100 Luoghi, anche acquisiti mediante dispositivi mobili) Per quanto attiene il sistema controllo della sala operativa e di pianificazione e gestione delle emergenze della Protezione Civile (GEPC), è stato aggiudicato l appalto e si è studiata l integrazione tra le sale operative della Protezione Civile e della Polizia

20 Open Data Proseguiranno le azioni di miglioramento del fronte Open Data del Comune di Firenze, mantenendo ed incrementando il posizionamento dell Ente nel panorama italiano del settore. In particolare si prevede di investire sui seguenti fronti: - Potenziamento dell usabilità, della user experience del sito Open Data del Comune di Firenze, attraverso l incremento di forme visuali più comprensibili anche da utenze meno informatizzate, e la sinergia con i profili social network già in uso nel Comune. - Incremento continuo della quantità e della qualità dei dataset pubblicati nel sito Open Data del Comune di Firenze - Promozione di nuove forme di condivisione di idee e di commenti con i cittadini sui dataset esposti nel sito Open Data, anche con lo sviluppo in forma partecipata di applicazioni per il web o per dispositivi mobili basate sui dati esposti o su loro Municipale, in attesa di finanziamento. Attraverso l aggiornamento e il miglioramento qualitativo della georeferenziazione della numerazione civica eseguita in concomitanza delle attività censuarie, si è provveduto all incrocio di varie banche dati di proprietà o in uso al Comune di Firenze al fine della costituzione di una prima banca dati della numerazione civica interna relativa alle singole unità interne agli edifici. Tale banca dati costituirà la base delle attività che proseguirà nell anno 2013 secondo le indicazioni fornite dall Amministrazione e concordate dai vari uffici interessati I dati provvisori del censimento della popolazione, disponibili grazie alla scelta di effettuare la registrazione autonoma dei questionari, sono stati presentati in occasione del convegno nazionale dell Usci tenutosi a Firenze e in occasione della Giornata Italiana della Statistica. I dati censuari fanno parte del patrimonio informativo dell Ente. Un primo rapporto statistico sull area Unesco, è stato fornito alla Direzione Urbanistica nell ambito delle attività per la definizione del nuovo regolamento urbanistico. Tutti i dati provvisori, sia alfanumerici sia geografici, sono stati pubblicati sul portale Open Data Sia per quanto concerne gli Open Data che l Open Government è stata attivata la fruttuosa collaborazione con soggetti associativi e istituzionali la cui sintesi è rappresentata dal protocollo di intesa con l Associazione Wikitalia sottoscritto dal Sindaco e approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del Si è inoltre provveduto, nel mese di settembre, alla redazione di uno schema di disciplinare per l inserimento di insiemi di dati elaborati e raccolti da soggetti terzi all interno della sezione open data della Rete Civica. Numerosi database statistici, già pubblicati in annuari e bollettini, sono stati resi disponibili come open data. Sono state inserite forme di visualizzazione dei dati evolute (es. basate su Tableau Public), che permetteranno di esporre grafici comprensibili a chiunque e navigabili

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli