CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS"

Transcript

1 CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS

2 INDICE 1 Parte: i valori e gli impegni dell Associazione I Cinque Pani Onlus-Ente autorizzato 1.1 Perché la Carta dei Servizi 1.2 I principi ispiratori dell adozione internazionale 1.3 L impegno di sussidiarietà 2 Parte: ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS 2.1 La storia dell Associazione I Cinque Pani Onlus ed i paesi autorizzati 2.2 L organizzazione territoriale dell Associazione I Cinque Pani Onlus 2.3 Gli accordi di collaborazione finalizzati alle adozioni internazionali 3 Parte: il percorso adottivo 3.1 La fase pre-adozione avvicinarsi all adozione incontri informativi il colloquio conferimento di incarico ed individuazione dei paesi per l adozione adozione internazionale e revoca della disponibilità all adozione nazionale costruzione del dossier di documentazione della coppia iter dei fascicoli all estero la gestione del tempo di attesa: attività formative e di accompagnamento 3.2 La fase dell adozione proposta di adozione e preparazione all incontro con il bambino la partenza la permanenza all estero il rientro in Italia 3.3 La fase post-adozione l accompagnamento post adottivo il sostegno alla famiglia 4 Parte: i costi e le informazioni 4.1 La descrizione dei costi 4.2 Le informazioni sul sostegno fiscale ed economico 4.3 Informazioni sulla tutela e sostegno a maternità e paternità 4.4 Informazioni relative alla revoca conferimento incarico e al cambio Ente Allegati: 1. Glossario dell Associazione I Cinque Pani Onlus 2. Incontri informativi: informazioni specifiche 3. Conferimento di incarico 4. Modulo relativo al rapporto tra adozione internazionale e nazionale 5. Gestione del tempo di attesa 6. Guida al rientro in Italia 7. Dichiarazione di scelta 8. Modulo relativo ai costi sostenuti 9. Percorso di accompagnamento post adozione 10. Costi dell adozione 11. Il sostegno fiscale ed economico Pagina 2 di 51

3 1 PARTE: I VALORI E GLI IMPEGNI DELL ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS 1.1 Perché la Carta dei Servizi L Associazione I Cinque Pani Onlus ente autorizzato, promuove la collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti nel percorso adottivo: enti autorizzati, C.A.I. Commissione per le Adozioni Internazionali, Autorità Centrali dei paesi esteri, Tribunali per i Minorenni, Regioni e Servizi Territoriali, affinché gli aspiranti all adozione internazionale possano beneficiare di un adeguato sostegno ed assistenza. Questa Carta dei Servizi rappresenta un impegno di comunicazione dei principi e valori alla base delle attività dell Ente. Oltre che di informazione e di trasparenza in tutte le fasi del percorso adottivo verso le coppie aspiranti all adozione. Vuole essere anche uno strumento di garanzia di qualità verso altri Organismi ed Associazioni sia pubblici che privati. La Carta dei Servizi si compone di un testo e di alcuni allegati. Il testo è suddiviso in quattro parti, che descrivono i valori e gli impegni dell Ente, la sua storia e la sua organizzazione territoriale, il percorso adottivo e forniscono informazioni su costi, agevolazioni e modalità di comportamento. Gli allegati presentano un glossario e le specifiche attività e modalità che ogni ente pone in essere nell ambito del percorso adottivo. La Carta dei Servizi è disponibile presso tutte le sedi dell Associazione, ed è scaricabile direttamente dal sito web. 1.2 I principi ispiratori dell adozione internazionale I principi che ispirano l operato quotidiano dell Associazione I Cinque Pani Onlus Ente autorizzato sono i seguenti: la centralità del minore in ogni attività svolta dall ente; il primario interesse per i minori in difficoltà; la centralità della famiglia che si concretizza nell impegno ad attivare e promuovere azioni ed interventi finalizzati a dare una famiglia a bambini che ne siano privi o che comunque siano in stato di abbandono giuridicamente dichiarato; la concezione dell azione come misura sussidiaria da adottare unicamente qualora non sia possibile tutelare altrimenti il diritto del minore ad una famiglia nel suo paese di origine; la promozione dell istituto dell adozione quale strumento a sostegno dell infanzia abbandonata, prima che appagamento di un bisogno di genitorialità; la valorizzazione del ruolo dell ente autorizzato e della sua rilevanza quale soggetto avente funzione pubblica; la preparazione e l accompagnamento delle coppie che intraprendono il percorso adottivo e la presa in carico della nuova famiglia nell inserimento del minore nel nuovo contesto sociale e relazionale; l accompagnamento degli enti associati al fine di standardizzare i compiti e le procedure dell iter adottivo, favorendo la collaborazione tra gli stessi allo scopo di adottare una linea di condotta comune e solidale per fronteggiare gli abusi, le inefficienze e le carenze eventualmente presenti in loco. Pagina 3 di 51

4 1.3 L impegno di sussidiarietà Il nostro impegno di sussidiarietà si concretizza nei seguenti principi: la promozione di progetti di cooperazione atti a migliorare le condizioni di vita dei minori nei paesi di origine; il riconoscimento del primario diritto del bambino ad avere una famiglia nel suo paese e quindi la visione dell adozione internazionale come ultimo intervento in caso questo non sia possibile; la prevenzione del fenomeno dell abbandono attraverso la collaborazione con altre associazioni nazionali e internazionali ed enti pubblici e privati, mediante studi e ricerche finalizzate a sensibilizzare l'opinione pubblica attivando programmi a favore di paesi dove l'infanzia si trova in difficoltà; la promozione di politiche di sostegno alla famiglia qualora si trovi in difficoltà. Pagina 4 di 51

5 2 PARTE: L ENTE 2.1 La storia dell Associazione I Cinque Pani Onlus ed i paesi autorizzati L Associazione I Cinque Pani Onlus è: associazione ai sensi del libro I del codice civile; persona giuridica iscritta al registro delle persone giuridiche al n 87 della Prefettura di Prato dal 22/04/2009; ente autorizzato per le adozioni internazionali dalla C.A.I. Commissione Adozioni Internazionali; organizzazione di volontariato iscritta al Registro Regionale del Volontariato sezione provinciale di Prato Settore Sociale con determinazione n 1022 del 01/04/2009; Onlus iscritta all Anagrafe Unica delle Onlus dal 04/09/2008 n del 12/09/08. L Associazione I Cinque Pani Onlus è un associazione basata sul volontariato, senza fini di lucro, che, ponendo il bambino abbandonato o in difficoltà, al centro dei propri interessi, opera nel campo delle Adozioni Internazionali e della Cooperazione con i paesi in via di sviluppo. E stata fondata da un gruppo di famiglie adottive nel L azione di promozione dell adozione è stata realizzata seguendo le direttive contenute nella Convenzione dell Aja del 29 maggio 1993 sulla tutela dei minori e la cooperazione nell adozione internazionale. Per questo motivo si è provveduto a curare in modo particolare la formazione degli aspiranti all adozione, l assistenza agli stessi nella preparazione della documentazione da inviare all estero e nella delicatissima fase post-adottiva e il rapporto con i nostri corrispondenti all estero. ORGANO DIRETTIVO COGNOME NOME INCARICHI E FUNZIONI NELL ENTE CARICA SOCIALE NELL ENTE SANMARTIN MAURIZIO PRESIDENTE PRESIDENTE NANNI PIER VICE-PRESIDENTE VICE-PRESIDENTE FRANCESCO NOVELLI EDOARDO CONSIGLIERE TESORIERE PEZZATINI FRANCESCO CONSIGLIERE CONSIGLIERE RUGGERI VALERIA CONSIGLIERE CONSIGLIERE MISSIONE L Ente opera per il perseguimento del preminente interesse del minore e nel rispetto del principio della sussidiarietà dell adozione internazionale, rivolta a quei bambini in effettivo stato di abbandono. L Associazione I Cinque Pani Onlus è apartitica e aconfessionale. Realizza un azione di promozione dell adozione nella piena osservanza dei principi sanciti dalla Convenzione dell Aja del 29 maggio 1993 sulla tutela dei minori e la cooperazione nell adozione internazionale, svolge infatti un servizio al bambino in stato di abbandono, Pagina 5 di 51

6 salvaguardando i suoi diritti, primo fra tutti, dopo quello della vita, il diritto ad avere una famiglia. In linea con i dettami della Convenzione, l Associazione non ha e non opera pregiudiziali discriminazioni nei confronti delle persone che aspirano all adozione, comprese quelle di tipo ideologico e religioso, promuove la sensibilizzazione ad una cultura all accoglienza, all integrazione e interazione multirazziale e multiculturale, attraverso interventi mirati, si adopera per la formazione delle aspiranti coppie adottive ponendo come assioma la centralità del bambino reale rispetto al bambino ideale focalizzando quindi le esigenze del bambino rispetto a quelle della coppia, affinché queste diventino il criterio fondamentale sul quale fondare l organizzazione presente e futura dei rapporti e delle dinamiche familiari. Per poter accettare il mandato della coppia, l'associazione chiede una disponibilità da 0 a 7 anni per 1 minore e da 0 ad 8 anni per 2 minori (da verificare paese per paese). In tema di inserimento del bambino nella realtà italiana, l associazione promuove la corresponsabilità attiva che tutti sono chiamati ad avere in questo campo, dai genitori adottivi, alle istituzioni civili, agli stessi bambini adottati, e coinvolge a tal fine questi soggetti rendendoli attivi nello sviluppo delle iniziative. Inserirsi in una società vuol dire non solo accettarla così com è, ma anche promuovere il suo miglioramento, dando impulso in essa allo spirito di fratellanza universale, di corresponsabilità nella promozione del bene, nell aiuto al più debole, nel superamento del razzismo, nel sostegno agli altri anche nei Paesi diversi dal nostro. ESTERO L obiettivo è rivolto all adozione di bambini in stato di abbandono. L Associazione I Cinque Pani Onlus è autorizzata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali allo svolgimento di pratiche di adozioni relative a minori stranieri dal 1 agosto del 2000 (autorizzazione n 35/2000) per gli stati del Brasile, della Colombia, del Perù, e delle Filippine riconosciuto Ente autorizzato con la L. 476/98. Dal 2009 l Associazione è autorizzata anche ad operare nella Repubblica Democratica del Congo e in Mali. I NOSTRI PAESI PAESI Aree Situazione Accreditamenti esteri geografiche canale Colombia Intero territorio operativo Ultimo ottenuto nel 2011 Perù Intero territorio operativo Ultimo ottenuto nel 2011 Brasile San Paolo, operativo Ultimo ottenuto nel 2012 Rio de Janeiro, Minas Gerais, Santa Caterina Filippine Intero territorio operativo Ultimo ottenuto nel 2012 Repubblica Intero territorio operativo 2009 Democratica del Congo Mali Intero territorio operativo 2011 Pagina 6 di 51

7 RAPPRESENTANZE ESTERE Paese estero Sede operativa: Colombia Sede operativa: Perù Sede operativa: Brasile Sede operativa: Filippine Sede operativa: R. D. del Congo Sede operativa: Mali RAPPRESENTANTE Avv. Natividad del Socorro Alvarez Sanchez Sig.ra Maria Alejandra Pinto Rivera Avv. Andrea Silvia Cardoso Verotti Sig. Cristino F. Sapnit Avv. Serge Kukembila Avv. Djènèba Diop Sidibe 2.2 L organizzazione territoriale dell Ente Città Indirizzo Responsabile di sede Legale ed operativa: PRATO Operativa: ROMA via delle Badie, 3/c Prato tel fax dal lun al ven: 9:30 17:30 Via S. Botticelli, Roma tel fax mar mer dalle 9 :00 alle 16 :00 ven dalle 11 :00 alle 18 :00 Francesco Pezzatini Maurizio Sanmartin Informativa: BOLOGNA via Scipione Dal Ferro, Bologna cell Avv. Rossella Buttazzi Informativa: BARI via Giulio Pastore, Bitritto (Ba) cell Dr.ssa Annapaola Arbore Ci rivolgiamo a coppie o a famiglie desiderose di accogliere uno o più bambini in stato di abbandono. È stata autorizzata dalla Commissione per le Adozioni Internazionali ad operare nell intera macro area C (Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche e Sardegna ), D (Lazio, Sardegna, Abruzzo, Molise e Campania ) e nella regione limitrofa Liguria. Può però prendere in carico coppie provenienti da altre regioni, previa specifica autorizzazione CAI. Possono offrire la propria disponibilità all adozione solo le coppie di coniugi che rispondano ai requisiti previsti dalle leggi 476/98 e 149/01. Pagina 7 di 51

8 ATTIVITA Le attività svolte dal Settore Adozioni Internazionali sono le seguenti: Prima dell adozione - Attività di informazione; - Attività di verifica delle concrete possibilità di adozione e presa in carico coppia; - Attività di formazione all adozione internazionale; - Attività di assistenza e accompagnamento per la realizzazione dell adozione. Durante l adozione -Attività di assistenza, sostegno durante il tempo dell attesa alle singole coppie; -organizzazione gruppi di sostegno per coppie in attesa; -accompagnamento, sostegno e formazione specifica alle coppie durante le fasi dell abbinamento; -assistenza logistica, burocratica, psicologica e sostegno durante il soggiorno estero. Dopo l adozione -Attività di sostegno del nuovo nucleo familiare appena formatosi ed assistenza nell adempimento degli impegni post-adottivi presi con l Autorità Centrale Estera; -organizzazione gruppi post adottivi per genitori. 2.3 Gli accordi di collaborazione finalizzati alle adozioni internazionali Protocollo d intesa tra Enti e Regione Toscana L'accordo tra Enti e Centri adozione esiste dal 2002, il primo protocollo è del 2005, un rinnovo è stato siglato nel 2008 e nel 2011 è stato approvato e firmato un nuovo protocollo, più dettagliato e chiaro. Il protocollo, nel rispetto di quanto sancito dalle leggi internazionali, nazionali e regionali in materia di diritti dei minori, persegue la finalità di tutelare il diritto del minore ad avere una famiglia attraverso il rafforzamento e la qualificazione della rete integrata dei servizi per l'adozione che svolgono un'efficace azione di sostegno e accompagnamento per le coppie, nonché per la diffusione della cultura dell'adozione internazionale. Gli enti autorizzati firmatari si impegnano a svolgere incontri periodici con le coppie e con gli operatori del territorio nei 4 centri adozione toscani (Firenze, Prato, Pisa, Siena). Collaborazione con il Centro Comunale romano per l affido e l adozione Pollicino Da ormai svariati anni l Associazione I Cinque Pani Onlus partecipa attivamente all organizzazione e realizzazione degli incontri annuali Bambini del mondo, in collaborazione con il Centro Comunale per l affido e l adozione Pollicino. Gli incontri vedono coinvolti tutti gli Enti aventi sede nella regione Lazio, hanno scopo divulgativo e formativo rispetto ai temi cari all adozione internazionale ed all informazione circa il fare adozione nei vari paesi del mondo. Pagina 8 di 51

9 Protocollo d intesa tra Enti e Regione Lazio La Regione Lazio nel rispetto dei principi sanciti dalla Costituzione, dalla Convenzione dell Aja e dalla normativa italiana in materia di tutela dei minori, nell intento di realizzare il principio di sussidiarietà di cui alla Legge 476/98 con iniziative di cooperazione, è stata impegnata, anche attraverso il Protocollo operativo per la collaborazione tra Servizi Territoriali, Enti Autorizzati e Tribunale per i Minorenni in materia di adozione internazionale di cui alla delibera n 431 della D.G.R. in data 15 aprile 2002, a completare la realizzazione sul territorio di una rete integrata di servizi per le adozioni attraverso l azione degli Assessorati regionali Politiche Sociali e Famiglia e Sanità. Nell ottica di un ulteriore potenziamento della rete dei servizi, della efficacia degli interventi, nonché della sinergia tra rete formale ed informale al servizio della cittadinanza e con riferimento sia all adozione nazionale che a quella internazionale, il nuovo protocollo sostituisce il Protocollo organizzativo e metodologico - operativo per gli adempimenti relativi all adozione adottato dalla Regione Lazio con deliberazione della G.R. n.4281 del 27/7/1999, alla luce di quanto previsto dalla Legge 476/98 di ratifica della Convenzione dell Aja e dalla successiva Legge 149/2001. Per quanto concerne specificamente gli aspetti relativi all adozione internazionale, il protocollo impegna i seguenti soggetti: la Regione Lazio, i Comuni e le ASL, attraverso le équipe specialistiche per le adozioni, GG.II.LL.AA., gli Enti Autorizzati. Il nuovo Protocollo attuativo prevede altresì la partecipazione delle Associazioni Familiari, riconosciute a livello nazionale e operanti nella Regione Lazio con una esperienza almeno quinquennale nel campo dell adozione e di operatività interistituzionale consolidata con gli Enti Pubblici che abbiano dimensione territoriale regionale. Gli Enti autorizzati potranno in forma volontaria o meno partecipare alla informazione preliminare delle coppie aspiranti l adozione internazionale. Pagina 9 di 51

10 3 PARTE: IL PERCORSO ADOTTIVO 3.1 La fase pre-adozione Avvicinarsi all adozione In base ai principi dell Associazione I Cinque Pani Onlus, il percorso adottivo è stato pensato per aiutare la famiglia verso l incontro e l accoglienza del proprio figlio. Infatti, una famiglia consapevole, supportata nella riflessione, rappresenta una risorsa importante per il bambino che ha bisogno di genitori. Per ogni famiglia il percorso adottivo sarà un percorso unico e l Associazione I Cinque Pani Onlus è impegnata a fornire un supporto di tipo personalizzato. L Allegato 1 contiene un utile glossario, per conoscere il linguaggio dell adozione. Per avvicinarsi all'adozione internazionale l Associazione I Cinque Pani Onlus propone incontri, in cui vengono fornite informazioni sul significato, i tempi, i costi e le procedure dell'adozione internazionale e le metodologie operative in base ai paesi di origine del bambino. Viene fornito il punto di vista procedurale, psicologico, legale. In relazione ai costi dell adozione, l Associazione I Cinque Pani Onlus opera nella più completa trasparenza e completezza di informazione, così come evidenziato nel punto relativo al conferimento di incarico e nella parte quarta della Carta dei Servizi, relativa ai costi e alle altre informazioni. Per iscriversi agli incontri, le coppie sono invitate a contattare le sedi italiane dell Associazione I Cinque Pani Onlus, evidenziate nel precedente punto 2.2, sia telefonicamente che tramite il sito web Incontri informativi Gli aspiranti adottanti, dopo aver preso contatto con l'associazione in merito all'adozione dei minori, vengono invitati a partecipare ad un incontro informativo sulla nostra attività, non vincolante e completamente gratuito. In questa occasione, viene concretamente presentato l'approccio scelto dall'ente per la gestione e organizzazione delle pratiche connesse all'adozione internazionale. Le coppie vengono informate sui Paesi stranieri nei quali siamo abilitati ad operare, sulla loro disciplina legislativa, sulla situazione dei minori e soprattutto sulle condizioni alle quali l'ente presta la propria assistenza. L'incontro ha quindi lo scopo principale di fornire agli aspiranti genitori adottivi tutti gli elementi necessari ad una scelta matura e consapevole in merito all'ente che seguirà concretamente la pratica. L Allegato 2 riporta le informazioni specifiche in materia di incontri informativi Il colloquio Dopo l'incontro informativo, le coppie che decidono consapevolmente di richiedere l'assistenza dell'associazione, vengono invitate ad un colloquio individuale, che ha la durata di circa 2 ore. Il colloquio ha lo scopo di approfondire le disponibilità e i limiti Pagina 10 di 51

11 della coppia, verificare la reale spendibilità del decreto e della relazione psico-sociale (inviatici preventivamente) all estero, approfondire maggiormente i paesi interessati. A fine colloquio la coppia dovrebbe essere in grado di dare mandato e l Associazione di accoglierlo. L'incontro mira ad accrescere la comprensione dell iter adottivo negli aspiranti adottanti ed a fornire quelle informazioni indispensabili che possano permettere alla coppia una scelta consapevole dell Associazione che li accompagnerà in questo viaggio Conferimento di incarico ed individuazione dei paesi per l adozione Il conferimento di incarico è previsto dalla legge n. 476/98. Con esso la coppia autorizza l Associazione I Cinque Pani Onlus ad attivare e proseguire una procedura di adozione di minore straniero all'estero. Il conferimento d'incarico da parte della coppia configura accettazione della metodologia operativa utilizzata dall Ente. L Associazione I Cinque Pani Onlus, prima del conferimento di incarico, ha l obbligo di informare le coppie attraverso incontri, colloqui ed altre metodologie sulle modalità operative utilizzate sia in Italia che all'estero e sulle eventuali difficoltà, in ordine, ad esempio, all'età oppure ai tempi dell'adozione nel paese indicato dalle coppie. Prima di accettare l incarico, l Associazione I Cinque Pani Onlus richiede alla coppia la relazione redatta dai servizi socio-sanitari e, ove la relazione non sia in loro possesso, previo consenso espresso dei coniugi, può richiederla al Tribunale per i Minorenni che ha dichiarato l idoneità. Dalla relazione potrebbero infatti emergere più chiaramente le reali aspettative della coppia, alle quali nei fatti l Ente potrebbe non essere in grado di dare una risposta, ad esempio perché nel paese in cui la coppia intende adottare non sono disponibili per l adozione bambini di età o caratteristiche sperate. L Associazione I Cinque Pani Onlus ha l'obbligo di segnalare tempestivamente ed in qualsiasi momento fatti notizie e cambiamenti sostanziali della realtà personale e/o familiare riguardante gli aspiranti genitori adottivi di cui è venuto a conoscenza e che possono richiedere l'intervento dei Servizi territoriali o dello stesso Tribunale in relazione all'idoneità. La coppia può revocare il mandato all Associazione I Cinque Pani Onlus e deve darne comunicazione dell'avvenuta revoca ai Servizi e al Tribunale per i Minorenni, così come ne darà comunicazione l Ente stesso. La coppia mentre si trova all'estero per l'abbinamento non può revocare il mandato all Associazione I Cinque Pani Onlus, per conferire un nuovo mandato ad un altro Ente autorizzato. Le modalità per la revoca ed il cambio Ente sono riportate nella 4 Parte, punto 4.4 della presente Carta dei Servizi. Il modulo di conferimento di incarico, riportato nell Allegato 3, viene consegnato alla coppia assieme agli altri moduli collegati, evidenziando in maniera chiara e precisa i passaggi procedurali ed economici. All atto del conferimento di incarico, l Associazione I Cinque Pani Onlus richiede alla coppia di sottoscrivere anche una dichiarazione relativa alle relazioni post-adottive. Con essa i coniugi si impegnano, per l intero arco di tempo previsto dal paese estero, a rendersi disponibili a fornire informazioni all Ente circa lo sviluppo psico-fisico del figlio adottivo e la sua vita di relazione familiare, scolastica e sociale. La coppia prende atto che, in caso di non osservanza dell impegno, sarà segnalata alla C.A.I. e al Tribunale per i Minorenni per eventuali provvedimenti limitativi della Pagina 11 di 51

12 potestà, potendosi nella mancata trasmissione delle notizie richieste ravvisare condotta pregiudizievole verso il figlio, cittadino non solo italiano ma, fino alla maggiore età, anche del paese di origine. L Associazione I Cinque Pani Onlus, per quanto è nelle sue possibilità, cercherà di mantenere un equilibrato rapporto tra i mandati già accettati e non ancora portati a termine ed i mandati nuovi Adozione internazionale e revoca della disponibilità all adozione nazionale L Ente, al momento del conferimento, stipula con la famiglia un accordo verbale in virtù del quale, la stessa si impegna a comunicare tempestivamente l eventuale individuazione da parte del Tribunale dei Minorenni una eventuale adozione nazionale. L Ente richiede alla coppia la revoca della domanda di adozione nazionale, contestualmente alla proposta di abbinamento internazionale. La specifica informativa relativa al rapporto tra adozione internazionale e nazionale è riportata nell Allegato Costruzione del dossier di documentazione della coppia In un incontro di coppia l operatore illustra i documenti da preparare e spiega approfonditamente come vanno fatti. Vengono consegnati anche dei fac-simile insieme ad una mini guida specifica del paese scelto dalla coppia. L operatore rimane disponibile per risolvere ogni difficoltà dovesse nascere nella produzione dei documenti stessi. Oltre alle sedi operative, anche i punti informativi dell Associazione I Cinque Pani Onlus presenti nel territorio, si attivano per la risoluzione dei problemi con le prefetture ed i servizi socio-sanitari locali. Successivamente la famiglia consegna all operatore un album di foto ed il dossier completo, ne viene quindi verificata l adeguatezza rispetto a quanto chiesto dal paese straniero Iter dei fascicoli all estero La famiglia viene informata di ogni passaggio significativo del proprio fascicolo nel paese estero. L Associazione I Cinque Pani Onlus fornisce per via telefonica, o con colloqui personali le informazioni relative alla procedura specifica della singola coppia, scegliendo la metodologia in base al tipo di informazione da dare. Notizie di interesse generale vengono fornite tramite incontri di gruppo, comunicazioni collettive via e- mail o via posta. Per quanto riguarda i tempi di attesa nel paese straniero, questi sono variabili in base allo stato di origine del minore, all età del bambino che la famiglia è in grado di accogliere, alle condizioni sanitarie e giuridiche e a molte altre variabili che non dipendono dalla volontà o capacità dell Associazione I Cinque Pani Onlus. Ogni famiglia riceverà dall operatore di riferimento una ipotesi di previsione del tempo di attesa per il paese indicato, formulato in base alle statistiche dell'ultimo anno di attività dell Associazione I Cinque Pani Onlus. Pagina 12 di 51

13 In ogni caso l Associazione I Cinque Pani Onlus si impegna a comunicare tempestivamente ogni cambiamento significativo nella tempistica della procedura adottiva La gestione del tempo di attesa: attività formative e di accompagnamento L attesa è il momento più difficile che deve affrontare una coppia che intraprende il percorso della adozione internazionale, non solo perché questo è sempre un tempo incerto, ma anche perché in genere viene vissuto come un tempo vuoto che non passa mai. L Associazione I Cinque Pani Onlus propone alcune attività per trasformare il tempo dell attesa in un tempo utile e proficuo per prepararsi all incontro col bambino. Il programma di accompagnamento all attesa è un insieme di attività di diverso tipo che vengono proposte alle famiglie sino all'abbinamento, e vuole essere un supporto psicologico, formativo ed esperienziale a tutte le famiglie "in attesa". Le tipologie di corsi previsti, le modalità organizzative ed i programmi sono contenuti nell Allegato 6. Per avvicinarsi al futuro figlio, l Associazione I Cinque Pani Onlus organizza un corso che ha un valore formativo e orientativo, ma non valutativo. Il corso è rivolto alle coppie che hanno già conferito il mandato all Associazione. Il corso si sviluppa in due giornate formative con l intento di rispondere ai bisogni, ai dubbi e alle paure che le coppie vivono in questa delicata fase. Il corso formativo si terrà nei giorni di venerdì e sabato. L'incontro si tiene con la collaborazione e il supporto di una Equipe Tecnica, composto da una psicologa, un assistente sociale, una psicomotricista, un legale, un medico, una mediatrice familiare ed una mental coach che affronteranno, in modo altamente professionale, le tematiche giuridiche, antropologiche, psicologiche, pedagogiche, mediche e sociali che interessano la relazione genitore figlio. L'attività, svolta durante le due giornate formative, è rivolta a completare la piena comprensione dell'adozione negli aspiranti adottanti ed a fornire strumenti utili poi nella comprensione e gestione del figlio adottivo e nella cura del suo inserimento nel nostro tessuto sociale. Tra le varie attività vorremmo dare risalto ai così detti Gruppi dell Attesa. Questi sono attivi nelle due sedi operative di Prato e Roma, sono condotti da personale specializzato con esperienza nel campo dell adozione internazionale e prevedono un lavoro di approfondimento circa le tematiche che risulteranno poi cruciali durante il viaggio e la convivenza con il/i minore/i. Durante il periodo dell attesa la coppia sarà anche invitata agli incontri annuali denominati Cicogna dove 6? durante i quali seguirà un aggiornamento della propria situazione, incontrerà una coppia rientrata dal paese da loro scelto potendone ascoltare l esperienza diretta. Sempre nell Allegato 6 sono indicate le principali iniziative che l Associazione realizza nel dettaglio. Presso ogni singola sede, inoltre, è disponibile la scheda di programmazione con le iniziative, il luogo e gli orari. Pagina 13 di 51

14 3.2 La fase dell adozione Proposta di adozione e preparazione all incontro con il bambino La proposta di adozione è un atto formale con cui i genitori accettano il bambino proposto. Una volta firmato il consenso all'abbinamento, la coppia assume un impegno definitivo nei confronti del minore proposto in adozione. La proposta di abbinamento deve tener conto delle indicazioni del decreto di idoneità della coppia e di quanto emerso nella fase di conoscenza della coppia presso l Associazione I Cinque Pani Onlus La partenza La coppia viene invitata per un colloquio prima della partenza, dove vengono ripresi i temi della permanenza all'estero, dell'incontro con il bambino, della sentenza con il giudice straniero. L Associazione I Cinque Pani Onlus si occupa della programmazione del viaggio. Viene consegnato, se non fatto precedentemente, l'elenco delle cose da fare al rientro in Italia e del comportamento da tenere all estero rispetto allo specifico paese. Viene fornita ogni altra notizia utile e necessaria specifica al paese e al momento della partenza La permanenza all estero L Associazione I Cinque Pani Onlus è consapevole che la permanenza all estero può rappresentare a volte un periodo problematico e difficile, a causa delle condizioni sociali del paese straniero alle quali però è necessario adattarsi. Questo può riguardare la sistemazione in albergo o in appartamenti privati, le condizioni igieniche o quelle atmosferiche. L Associazione dispone in ogni paese di uno staff di operatori esperti che accompagna la famiglia per tutto il periodo di permanenza, nei momenti collegati alla procedura adottiva. L incontro col bambino è la fase più delicata della procedura di adozione ed il grado di assistenza che l Associazione può fornire alla famiglia dipende dal paese e spesso dalla gestione del singolo istituto. L Associazione si impegna a fornire il massimo supporto possibile rispetto alla situazione specifica Il rientro in Italia L attività post adottiva svolta dall Associazione I Cinque Pani Onlus viene espletata con l intero nucleo familiare, come previsto dalla Convenzione dell Aja. La famiglia, seguendo lo schema fornito dall operatore prima della partenza denominato Guida al rientro in Italia, riportato nell Allegato 7, dovrà adoperarsi per espletare le formalità previste. In particolare la coppia dovrà recarsi presso l Associazione I Cinque Pani Onlus, entro i termini stabiliti dall ente stesso, per effettuare il colloquio di inserimento e, qualora si Pagina 14 di 51

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati FEBBRAIO 2015

associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati FEBBRAIO 2015 CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati FEBBRAIO 2015 Pagina 1 di 36 INDICE 1 Parte: i valori e gli impegni del C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI DELL ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI DELL ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI DELL ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS INDICE 1 Parte: i valori e gli impegni dell Associazione I Cinque Pani Onlus-Ente autorizzato 1.1 Perché la Carta

Dettagli

ASSOCIAZIONE MARIANNA Ente per le adozioni internazionali CARTA DEI SERVIZI. Ente associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati

ASSOCIAZIONE MARIANNA Ente per le adozioni internazionali CARTA DEI SERVIZI. Ente associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati ASSOCIAZIONE MARIANNA Ente per le adozioni internazionali CARTA DEI SERVIZI Ente associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati novembre 2009 Pagina 1 di 40 INDICE 1 Parte: i valori e gli impegni del

Dettagli

LA PRIMOGENITA INTERNATIONAL ADOPTION CARTA DEI SERVIZI

LA PRIMOGENITA INTERNATIONAL ADOPTION CARTA DEI SERVIZI LA PRIMOGENITA INTERNATIONAL ADOPTION CARTA DEI SERVIZI data 01/05/2015 INDICE 1 Parte: PRESENTAZIONE GENERALE 1.1 Perché la Carta dei Servizi 1.2 I principi ispiratori dell adozione internazionale 1.3

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO 1 ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO Premessa La Convenzione dell Aja (1993) riconosce che l adozione internazionale può offrire l'opportunità di dare una famiglia permanente

Dettagli

Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali

Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali La presente Carta dei Servizi è stata redatta in base alla Deliberazione della Commissione per le Adozioni Internazionali n.13/2008 del 28/11/2008, approvata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS 1 PARTE: I VALORI E GLI IMPEGNI DELL ASSOCIAZIONE I CINQUE PANI ONLUS 1.1 Perché la Carta dei Servizi L Associazione I

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI di SENZA FRONTIERE ONLUS. associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI di SENZA FRONTIERE ONLUS. associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI di SENZA FRONTIERE ONLUS associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati novembre 2009 Approvata dal Consiglio Direttivo di C.E.A. il e dal Consiglio

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011)

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011) CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI (aggiornamento 28.10.2011) PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali

Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali Associazione per L Adozione Internazionale Brutia Onlus Ente associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati Approvata dal Consiglio Direttivo di C.E.A.

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO Ri Distretto Sociosanitario 17 Riviera e Val di Vara MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI PER L'ACCOGLIENZA DEI MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO Il giorno ventinove

Dettagli

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Città di Busto Arsizio Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 89 del 25.07.2008 Premessa L affido familiare è regolamentato

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione

Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione Le nuove Linee di Indirizzo Regionale (LIR) per lo studio di coppia finalizzato alla valutazione e all'accompagnamento per l'idoneità all'adozione Nel 2012 la Regione Toscana ha coinvolto un gruppo di

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

In fase di sottoscrizione

In fase di sottoscrizione Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l'emilia Romagna Ufficio XI Ambito Territoriale di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Assessorato al welfare

Dettagli

Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali

Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali Carta dei Servizi per le Adozioni Internazionali Associazione per L Adozione Internazionale Brutia Onlus Ente associato al C.E.A. Coordinamento Enti Autorizzati Approvata dal Consiglio Direttivo di C.E.A.

Dettagli

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo 1. Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico. Il primo approccio al GVS avviene di solito per telefono: la coppia è invitata

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI. La carta dei servizi è un utile strumento volto a

ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI. La carta dei servizi è un utile strumento volto a ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi o della Carta dei Servizi è quello di

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 Oggetto: Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e Istituzione di equipe

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono al Centro Aiuti per l Etiopia per poter intraprendere

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.)

(Testo D.G.R. 7 maggio 2002, n. 37-5948 e s.m.i.) Statuto per l organizzazione ed il funzionamento della Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte a norma dell art. 4 comma 8 della legge regionale 16 novembre 2001, n. 30 (Testo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6

Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6 Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6 Provincia di Ferrara Assessorato Sanità, Servizi sociali, Politiche abitative, Associazionismo, Politiche giovanili Ministero dell Istruzione dell

Dettagli

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale Codice deontologico per l attività di Adozione Internazionale Gli Enti Autorizzati firmatari del presente documento nel rispetto della Convenzione de L Aja del 1993 in materia di adozione internazionale,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI I GIUGNO 2011 Ospedale Infantile Regina Margherita Dott.ssa Anna Maria Colella Direttore ARAI Regione Piemonte Cenni legislativi LA

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA. Agostino Alloni. Mario Barboni.

PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA. Agostino Alloni. Mario Barboni. PROGETTO DI LEGGE 200 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLA ADOZIONE INTERNAZIONALE IN REGIONE LOMBARDIA di iniziativa dei Consiglieri: Enrico Brambillla Alessandro Alfieri Agostino Alloni Mario Barboni Laura Barzaghi

Dettagli

PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI

PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI PROTOCOLLI TRA REGIONE LAZIO E TRIBUNALE DEI MINORENNI A TUTELA DEI MINORI ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Con i protocolli contenuti in questa pubblicazione intendiamo formulare risposte innovative

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI

CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI CARTA DEI SERVIZI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI di CIFA ONLUS Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia n. 13/2008 del 28/11/2008 Pagina di 29

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS C A R T A D E I S E R V I Z I La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi che vengono realizzati dall

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto PROTOCOLLO TRA ILTRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA E LE AZIENDE SANITARIE LOCALI DI BERGAMO, BRESCIA, CREMONA, MANTOVA VALLECAMONICA SEBINO PER LA DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA IN MATERIA DI ADOZIONE NAZIONALE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi offerti dall ente. L obiettivo della

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 SERVIZIO ADOZIONI ASS6 Progetto regionale Genitorialità fragile e tutela dei minori LA SCUOLA INCONTRA L ADOZIONE Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 4 Indicazioni e procedure

Dettagli

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali

Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali. Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Ordine regionale degli Psicologi Centro Regionale Adozioni Internazionali Assessorato Regionale alle Politiche Sociali Normativa Legge 4 Maggio 1983, n.184 Diritto del Minore ad una famiglia Legge 31 Dicembre

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI Premessa La Carta del Servizio Adozioni

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1

CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 CARTA DEI SERVIZI ANNO 2015 ASL PROVINCIA DI MILANO N. 1 Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Possesso dei requisiti 4. Principi 5. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 6. Stili di lavoro

Dettagli

viste: - la Legge 31.12.1998, n.476, Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la

viste: - la Legge 31.12.1998, n.476, Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA, COMUNE DI REGGIO EMILIA IN QUALITA' DI ENTE CAPOFILA PER L'ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE, AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA, ENTI TITOLARI E DELEGATI

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Anna Maria Colella 1

Anna Maria Colella 1 Anna Maria Colella 1 L Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte: Il primo servizio pubblico iscritto nell albo degli enti autorizzati (Legge N. 476/98, Art. 39 bis) Sommario: 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL S.A.A.T.

REGOLAMENTO DEL S.A.A.T. REGOLAMENTO DEL S.A.A.T. OBIETTIVI GENERALI Scopo generale dell affidamento familiare è quello di tendere ad inserire un bambino che presenta disadattamento in un sistema di rapporti affettivi armonici,

Dettagli

Statuto. E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione

Statuto. E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione Statuto Art. 1 denominazione E costituito il Gruppo di Coordinamento di Enti Autorizzati per la sussidiarietà dell adozione internazionale Oltre l adozione. Art. 2 sede Il Gruppo di Coordinamento ha sede

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Regolamento del Coordinamento CARE

Regolamento del Coordinamento CARE Regolamento del Coordinamento CARE (a completamento di quanto indicato nello Statuto) Il presente Regolamento attua, definisce e disciplina gli aspetti organizzativi interni, così come i diritti e i doveri

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI SELEZIONE PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO ESTERNO DI ASSISTENTE SOCIALE

AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI SELEZIONE PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO ESTERNO DI ASSISTENTE SOCIALE AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI SELEZIONE PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO ESTERNO DI ASSISTENTE SOCIALE (contratto di collaborazione continuativa) IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA

Dettagli

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice, Istituto degli Innocenti La Regione Toscana

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e Forum Toscano delle Associazioni per i diritti della Famiglia -

Dettagli

LA STRADA DELL'ADOZIONE

LA STRADA DELL'ADOZIONE LA STRADA DELL'ADOZIONE FONTE: Commissione per le Adozioni Internazionali 2011 1ª TAPPA : La dichiarazione di disponibilità TEMPI: entro 15 giorni dalla presentazione della dichiarazione il Tribunale deve

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA Allegato B II annualità Progetto Sostegno alla genitorialità - Distretto di Carbonia REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA - Con D.G.R. n. 40/09 del

Dettagli

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE Premessa Art. 1 L affidamento familiare Art. 2 L affidamento familiare e la

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE COMITATO DEI SINDACI N 26 13.10.2003 Oggetto

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

Indice. CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali, 5

Indice. CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali, 5 Carta dei Servizi La Carta dei Servizi è lo strumento fondamentale per conoscere con chiarezza le attività ed i servizi offerti da CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali Indice

Dettagli

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 31.12.2007 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 30 PARTE PRIMA 5963 PARTE PRIMA REGOLAMENTO REGIONALE 19 dicembre 2007, n. 4. LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI Regolamento di attuazione della legge

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLE EQUIPES TERRITORIALI PER LE ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI.

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLE EQUIPES TERRITORIALI PER LE ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI. ALLEGATO A: INDICAZIONI OPERATIVE PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLE EQUIPES TERRITORIALI PER LE ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI. pag. 2 ALLEGATO B: PROTOCOLLO OPERATIVO COORDINATO AI SENSI DELLA L. 476/98

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli