AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE"

Transcript

1 BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE MUNICIPIO ROMA V ROMA CAPITALE Roma, 19 dicembre 2014

2 S ommario 1. Premessa: il Borgo Ragazzi Don Bosco 2. Obiettivo Generale del Progetto 3. Attività previste: a. Prosecuzione del Tavolo di Coordinamento interistituzionale mensile sull Affidamento Familiare. b. Prosecuzione delle azioni di sensibilizzazione ed informazione sull Affidamento e la Solidarietà familiare c. Realizzazione di un percorso di formazione per Famiglie Affidatarie e Solidali d. Prosecuzione degli interventi di sostegno e. Prosecuzione del lavoro di progettazione e monitoraggio integrato dei singoli interventi di affido e di solidarietà familiare 2. Destinatari 3. Durata 4. Risorse impiegate 5. Sintesi dei Costi 2

3 MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. Premessa: il Borgo Ragazzi Don Bosco Il Borgo Ragazzi Don Bosco nasce nel 1948 per dare risposta alle esigenze di migliaia di ragazzi rimasti orfani a causa della guerra (chiamati sciuscià ). Ancora oggi il Borgo Ragazzi Don Bosco fa dello strumento educativo, di ispirazione salesiana, un metodo di prevenzione a situazioni di marginalità sociale. Questa azione educativa è resa possibile grazie all Area Educativa Rimettere le Ali, il cui obiettivo è quello di accogliere giovani di età compresa tra i 12 e i 20 anni in situazione di disagio conclamato, attraverso progetti educativi personalizzati e flessibili rispetto alla variabilità del bisogno, quali: la Casa Famiglia per minori tra i 12 e i 18 anni; il Centro diurno polifunzionale per minori a rischio; il Centro psico-pedagogico per adolescenti e famiglie; Il Movimento Famiglie Affidatarie e Solidali. In particolare, Il Movimento Famiglie Affidatarie e Solidali si occupa dal 2001 di azioni di promozione, formazione e sostegno dell Affidamento e della Solidarietà Familiare per offrire una risposta alle famiglie con figli in difficoltà attraverso l intervento di altre famiglie del territorio. Peculiarità del Movimento è quella di essere composto sia da operatori esperti e sensibili all Affidamento Familiare, sia da famiglie che, con il loro prezioso contributo, permettono ai minori in difficoltà di sperimentare l affetto e la cura di una famiglia. Il 30 settembre 2004 è stato firmato un Protocollo d Intesa tra il Municipio Roma VII gruppo Un Tratto di Strada, il Borgo Ragazzi Don Bosco Movimento Famiglie Affidatarie, e l unità operativa Comunale per l affido e l Adozione a Distanza Pollicino. L obiettivo principale di tale Protocollo è quello di coordinare ed integrare tutte le risorse e gli interventi delle realtà territoriali che si occupano di affidamento familiare, di promuovere e sostenere sul territorio la nascita di una reale cultura dell accoglienza e della solidarietà, e di progettare e monitorare in modo integrato l avvio ed il successivo andamento degli affidamenti familiari. Nell ottica di rendere sempre più concreta l integrazione tra pubblico e privato, di favorire l attuazione di tale Protocollo di Intesa, e di promuovere un reale impegno attivo delle famiglie all interno delle politiche sociali, proponiamo la prosecuzione del Progetto Azioni di Promozione, Formazione e Sostegno per l Affidamento Familiare, che verrà realizzato in stretta integrazione con l'ufficio Adozioni e Affidi dell Area Servizi Sociali del Municipio stesso. 3

4 2. Obiettivo generale del progetto Il Movimento Famiglie Affidatarie e Solidali del Borgo Ragazzi Don Bosco dal 2001 ha formato circa 150 famiglie, e ha sostenuto più di 80 famiglie affidatarie. Con questo progetto si pone l obiettivo di proseguire il lavoro integrato di promozione e sviluppo dell Istituto dell Affidamento Familiare sul territorio del Municipio Roma V, attraverso azioni di sensibilizzazione, formazione e sostegno delle famiglie stesse. 3. Attività previste Il progetto si svolgerà secondo le seguenti linee di sviluppo: a. Prosecuzione del Tavolo di Coordinamento interistituzionale mensile sull Affidamento Familiare. Da ormai più di 8 anni si riunisce con una buona regolarità un Tavolo di Coordinamento mensile sull Affidamento Familiare, che coinvolge tutti gli enti firmatari del Protocollo d Intesa e la ASL RM B, con l obiettivo di promuovere azioni di integrazione e di coordinamento delle attività di sensibilizzazione, formazione, sostegno e monitoraggio degli affidamenti familiari. Anche per il nuovo anno, si propone di proseguire la consolidata e proficua collaborazione avviata, facilitando la partecipazione di più operatori dei Servizi Sociali municipali e della ASL RMB. b. Avvio di azioni di sensibilizzazione ed informazione sull Affidamento e la Solidarietà familiare. Per proseguire l attuazione del Progetto, il gruppo di Coordinamento delle Famiglie Affidatarie e Solidali continuerà a riunirsi quindicinalmente per elaborare e realizzare un programma di sensibilizzazione e di coinvolgimento di tutte le famiglie del territorio, contattando scuole, parrocchie, associazioni di famiglie, ecc A tutte le persone contattate verrà fornito materiale divulgativo e la possibilità di incontri Informativi di gruppo e colloqui di orientamento individuali, che potranno svolgersi presso le realtà contattate, presso il Borgo Ragazzi Don Bosco, o presso i locali del Municipio. Negli incontri di sensibilizzazione ed informazione particolare attenzione sarà rivolta alle varie forme di solidarietà familiare che comprendono l affidamento familiare residenziale, le diverse forme di affidamento part time e i progetti di solidarietà familiare. c. Realizzazione di un percorso di formazione per Famiglie Affidatarie e Solidali Alle famiglie coinvolte durante gli incontri di Sensibilizzazione, che siano interessate ad aprirsi ad esperienze di accoglienza e solidarietà, verrà proposto di partecipare al Percorso di Formazione per future Famiglie Affidatari e/o Solidali. Tale percorso verrà realizzato con una metodologia teorico-esperienziale ormai consolidata nel tempo, che prevede una stretta collaborazione ed una co-conduzione con la responsabile dell'ufficio Adozioni e affidamenti familiari - area servizi sociali del Municipio V. Si sottolinea infatti l importanza di poter offrire ai cittadini del Municipio un percorso formativo nel proprio territorio, in modo che la cultura dell'accoglienza e della solidarietà si radichi sempre di più nella comunità locale. Ai percorso formativi parteciperanno 7/8 famiglie del territorio. 4

5 d. Prosecuzione di interventi di sostegno agli affidamenti familiari in corso. Le famiglie affidatarie presentano prima e durante il periodo di accoglienza del minore, un forte bisogno di sostegno. Per tal motivo riteniamo indispensabile prevedere, lungo tutto il percorso dell affidamento, azioni specifiche di sostegno finalizzate a: sostenere la famiglia durante fasi particolarmente delicate (quale l inserimento del minore, il rapporto con la famiglia d origine, l adolescenza del minore affidato, il rientro nella famiglia d origine, ecc..). promuovere e rafforzare abilità e capacità genitoriali nuove. acquisire le competenze necessarie a relazionarsi all interno della rete dei servizi in un progetto condiviso. Il lavoro di sostegno con le famiglie affidatarie comprenderà: La prosecuzione di un gruppo di sostegno mensile, che coinvolge circa 8/10 famiglie affidatarie. La prosecuzione e l avvio di Progetti di Sostegno Individuali per ogni singola famiglia, condivisi con il Servizio Sociale competente, in base alle necessità di ogni singola famiglia. Tale Progetto prevedrà, in singole fasi distinte, l avvio di colloqui individuali di sostegno socio-psico pedagogico a seconda della necessità. L avvio di azioni di auto-mutuo aiuto tra famiglie del territorio, per favorire un indispensabile sostegno informale alla gestione quotidiana dell Affido. L avvio di momenti di monitoraggio e confronto integrato e periodico su ogni singolo affido, in modo da assicurare una presenza costante ed attenta di tutti gli operatori coinvolti nel progetto. L organizzazione e la realizzazione di Momenti di Incontro e Confronto tra le famiglie affidatarie, anche di altri comuni e regioni, in modo da permettere uno scambio ed una indispensabile rafforzamento delle motivazioni che hanno spinto la famiglia ad offrire la propria disponibilità per affidamento familiare. e. Prosecuzione del lavoro di progettazione e monitoraggio integrato dei singoli affidi. Abbiamo sperimentato già negli anni passati quanto sia importante lavorare per promuovere nuovi progetti di affido e progetti educativi per i minori, in modo integrato, con l apporto cioè di tutte le realtà e le figure professionali coinvolte. Riteniamo pertanto indispensabile proseguire nel capillare lavoro di Progettazione dei singoli affidi, arrivando all elaborazione di un Progetto di Affido scritto e condiviso tra tutti gli attori. In tal modo, sia le famiglie che gli operatori coinvolti conoscono e condividono tutte le fasi, i ruoli ed i differenti compiti di ciascuno, consentendo un miglior andamento dello stesso progetto di affido. Con questo progetto intendiamo pertanto proseguire la promozione di un elaborazione scritta e condivisa dei nuovi progetti di affido sia full time che part time, e la realizzazione di un incontro mensile di monitoraggio su ciascun progetto avviato, che permetta a tutte le figure professionali, che ruotano intorno ad un affido, di incontrarsi periodicamente. 5

6 4. Destinatari Destinatari del Progetto saranno: Circa 100 nuove famiglie del territorio che verranno coinvolte in azioni di sensibilizzazione ed informazione sull affidamento familiare full time e part time. 7\8 famiglie che parteciperanno al Percorso di formazione per future famiglie affidatarie e solidali. 2/3 minori del territorio che usufruiranno di nuovi progetti di affidamento familiare, attraverso progetti integrati con l apporto di tutte le realtà coinvolte. 5/6 famiglie affidatarie del territorio, (o con in affido minori del territorio), che usufruiranno di azioni di sostegno individuale socio-psico-pedagogico. 8/10 famiglie che usufruiranno del sostegno mensile attraverso un gruppo mensile condotto da uno psicoterapeuta. 20/30 famiglie che usufruiranno degli incontri di confronto e di scambio tra famiglie affidatarie. Tutti gli operatori coinvolti nel Tavolo di Coordinamento mensile, che potranno usufruire di un momento di confronto e di coordinamento, indispensabile per superare la solitudine degli operatori rispetto all affidamento familiare. 5. Durata del Progetto Il progetto avrà una durata di un anno. 6. Risorse impiegate Per la realizzazione del Progetto verranno coinvolti sia operatori esperti (un coordinatore, uno psicologo, un assistente sociale, uno psicoterapeuta esperto di sostegno a famiglie in difficoltà, un supervisore), sia le famiglie che costituiscono il Movimento, a seconda delle esigenze e dei ruoli di ciascuno. La struttura del Borgo Ragazzi Don Bosco, della Comunità Educativo Pastorale dell Area Rimettere le Ali e dell Ispettoria Circoscrizione Centrale garantiranno il necessario supporto organizzativo ed amministrativo. Il Borgo Ragazzi don Bosco metterà inoltre a disposizione la rete di servizi educativi disponibili per i minori e le famiglie, oltre agli ambienti attrezzati necessari per le attività e tutte le risorse professionali e volontarie, tra cui tirocinanti, obiettori, ed operatori del Servizio Civile volontari. Tutti gli operatori e le famiglie coinvolte lavoreranno in equipe integrate, che coinvolgono più professionalità, e parteciperanno ad incontri mensili di supervisione condotti dal Prof. Giancarlo Cursi, dell Università Pontificia Salesiana. 6

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO

Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Progetto di solidarietà sociale AFFIDAMENTO FAMILIARE: UNA FAMIGLIA PER OGNI BAMBINO Ente proponente: Associazione Rimettere le Ali ONLUS Via di Prenestina 468 00171 Roma Indirizzato all attenzione di:

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze

Curriculum sintetico. Associazione Rimettere le Ali Onlus. Dati di riferimento. Natura dell organizzazione. Attività ed esperienze Dati di riferimento Denominazione: Associazione rimettere le ali onlus Tipologia: Associazione non Profit Onlus Riconoscimenti: Iscritta all anagrafe delle Onlus regionale del Lazio al protocollo 0036191

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e Forum Toscano delle Associazioni per i diritti della Famiglia -

Dettagli

Riferimenti per la consegna della candidatura: CONSULTARE LA TABELLA ALLA FINE DELLA SCHEDA PROGETTO

Riferimenti per la consegna della candidatura: CONSULTARE LA TABELLA ALLA FINE DELLA SCHEDA PROGETTO Riferimenti per la consegna della candidatura: CONSULTARE LA TABELLA ALLA FINE DELLA SCHEDA PROGETTO Per sole informazioni: Circoscrizione Salesiana Italia Centrale Segreteria Servizio Civile Via Marsala,

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno 1 PRESENTAZIONE Gentili lettori, la Cooperativa Sociale Il Sogno ha scelto da tempo di impostare il proprio lavoro nell'ottica di un alto livello di

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

A. PROGETTO. A.1. Descrizione dettagliata

A. PROGETTO. A.1. Descrizione dettagliata A. PROGETTO A.1. Descrizione dettagliata Analisi dei bisogni: a quale bisogno risponde il progetto, e come questo bisogno è stato individuato Il progetto denominato Rimettere le ali alla formazione nasce

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino

La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino La Casa Famiglia: affetto e accoglienza a misura di bambino Premessa AiBi - Amici dei Bambini è un Organizzazione Umanitaria Internazionale costituita il 21 gennaio 1986, i cui principi ispiratori nascono

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI.

TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. TITOLO DEL PROGETTO: A.A.A. OPPORTUNITÀ DI CRESCITA CERCASI. RAPPRESENTANTE LEGALE e REFERENTE RESPONSABILE DEL PROGETTO: Don Raffaele Panno (Responsabile Area Educativa Rimettere le ali del Borgo Don

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE

PROFILO PROFESSIONALE PROFILO PROFESSIONALE IL SOGNO Società Cooperativa Sociale a.r.l. 1 STORIA La Cooperativa Il Sogno agisce con finalità preventiva e di recupero a favore di minori in situazioni di disagio. Nasce come naturale

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

La tutela dei minori. Milano, 19 aprile 2013. Rebecca Zanuso (Synergia)

La tutela dei minori. Milano, 19 aprile 2013. Rebecca Zanuso (Synergia) La tutela dei minori Milano, 19 aprile 2013 Rebecca Zanuso (Synergia) Il sistema della tutela Gli attori principali del sistema della tutela sono: i servizi (il sistema di welfare), la famiglia, la magistratura.

Dettagli

Domanda di finanziamento. in qualità di legale rappresentante del Coordinamento Istituzionale dell Ambito Territoriale

Domanda di finanziamento. in qualità di legale rappresentante del Coordinamento Istituzionale dell Ambito Territoriale ALLEGATO B Spett. Regione Puglia Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Assessorato al Welfare Servizio Benessere delle Persone e Qualità Sociale Ufficio

Dettagli

Centro per l affido e la Solidarietà familiare C.A.S.F

Centro per l affido e la Solidarietà familiare C.A.S.F Centro per l affido e la Solidarietà familiare C.A.S.F Pramaggiore 28 giugno 2013 NORMATIVA INTERNAZIONALE Convenzione di New York 1986 Diritto a crescere nella propria famiglia Qualora ciò non sia possibile,

Dettagli

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE

ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE ACCOGLIENZA PER BAMBINE e BAMBINI ADOTTATI NELLE SCUOLE Linee guida per genitori ed insegnanti Conoscere per accogliere I minori adottati nella provincia di Bolzano 478 negli ultimi 10 anni 30 nuove adozioni

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e il Coordinamento UBI MINOR Coordinamento Associativo per la tutela e

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. LABORATORIO SCUOLA COOPERATIVA SOCIALE Via Santa Maria, 17-33087 Azzanello di Pasiano

Dettagli

PROGETTO LIBERI DENTRO

PROGETTO LIBERI DENTRO PROGETTO LIBERI DENTRO Premessa Nel corso di questi ultimi anni, il profondo cambiamento dell utenza che afferisce ai servizi, ha spinto le comunità ha modificare in modo profondo le proprie strategie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli I Comuni costituenti l azienda consortile offertasociale, per il miglior espletamento delle competenze

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! OBIETTIVI GENERALI Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale volto a contrastare la dispersione scolastica che si connota come fenomeno complesso investendo

Dettagli

La realtà dell affido a Milano un sistema integrato tra i diversi soggetti

La realtà dell affido a Milano un sistema integrato tra i diversi soggetti Milano SETTORE SERVIZI MINORI, FAMIGLIE E TERRITORIALITA Tavolo Cittadino Affidi Centro Affidi Settimana dell affido Milano 10-16 novembre L INEE DI' INDIRIZZO DELL AFFIDO FAMILIARE La realtà dell affido

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 23 2. TITOLO AZIONE Servizi Residenziali per donne vittime di violenza Numero 2 case protette 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII

ALLEGATO A. Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE. Municipio Roma XIII ALLEGATO A Denominazione Servizio Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima CENTRO FAMIGLIA STELLA POLARE Municipio Roma XIII sostegno alle responsabilità genitoriali e di tutela del

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

Regolamento Affido a Famiglie e/o Strutture di accoglienza Ambito:CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI A6 APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE n. 05 DEL 25.09.2009 L Affidamento familiare Premessa

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare

Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare 1.1 Informazioni generali Denominazione intervento: servizio integrato per l affido. 1.2 Soggetto titolare ed enti coinvolti Comuni dell ambito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL S.A.A.T.

REGOLAMENTO DEL S.A.A.T. REGOLAMENTO DEL S.A.A.T. OBIETTIVI GENERALI Scopo generale dell affidamento familiare è quello di tendere ad inserire un bambino che presenta disadattamento in un sistema di rapporti affettivi armonici,

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI E SOCIO ASSITENZIALI

CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI E SOCIO ASSITENZIALI SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI E SOCIO ASSITENZIALI Piazza I Maggio, 13 GUASTALLA (RE) TEL. 0522/ 824142 fax 0522/226311 e-mail: ilpoliedro@ilpoliedro.re.it CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

In fase di sottoscrizione

In fase di sottoscrizione Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l'emilia Romagna Ufficio XI Ambito Territoriale di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Assessorato al welfare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di:

3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007. Ai sensi di: 3. Piano Provinciale Affidamento familiare e in comunità Triennio 2005-2007 Ai sensi di: - Deliberazione di C.R. n. 615 del 16/11/2004 - Determinazione regionale del Servizio politiche familiari, infanzia

Dettagli

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica Roma, 17/01/2013 Fondazione PAIDEIA onlus www.fondazionepaideia.it; info@fondazionepaideia.it Verso una nuova forma di affido

Dettagli

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER CITTÀ DI POMEZIA COMUNE DI ARDEA PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO SANITARIO RM/H4 A.S.L. RM/H PROVINCIA DI ROMA SIGLATO IN DATA 13 OTTOBRE 2011 PIANO DISTRETTUALE

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI

PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI PROCEDURE del SERVIZIO TUTELA MINORI e SERVIZIO AFFIDI SCOPO Lo scopo della presente procedura è di descrivere l attività del personale psicosociale (assistente sociale, psicologo) del servizio Tutela

Dettagli

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292

SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO 2012/FEI/PROG-103292 Progetto cofinanziato da Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi Terzi - Annualità 2012 SIAMO QUI MINORI MIGRANTI DAL RICONGIUNGIMENTO A PERCORSI INTEGRATI DI CITTADINANZA SUL TERRITORIO

Dettagli

Centro Amaltea. Carta dei Servizi

Centro Amaltea. Carta dei Servizi Centro Amaltea Carta dei Servizi Presentazione Il Centro Amaltea è un progetto del Coordinamento Famiglie Affidatarie ed è nato per concretizzare e rendere operativo il suo pensiero fondante. Amaltea

Dettagli

I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie

I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola I percorsi con la scuola dei bambini e dei ragazzi adottati e delle loro famiglie 1 Adottare

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Regol@mento per. l affidamento familiare dei minori

Regol@mento per. l affidamento familiare dei minori Comune di Spoleto Direzione Istruzione Coesione Sociale Salute e Sport Regol@mento per l affidamento familiare dei minori Il Regolamento per l affidamento familiare dei minori è stato adottato dal Consiglio

Dettagli

Mondi in Famiglia ONLUS Associazione di Solidarietà Familiare

Mondi in Famiglia ONLUS Associazione di Solidarietà Familiare Mondi in Famiglia ONLUS Associazione di Solidarietà Familiare Chi siamo Mondi in Famiglia Onlus è un Associazione di solidarietà familiare nata dall incontro di famiglie che vivono e sono radicate nel

Dettagli

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di.

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di. Istituto Comprensivo Statale di Gavirate a.s._2013/14 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Che cosa è l Affidamento?

Che cosa è l Affidamento? Che cosa è l Affidamento? L affidamento,, diversamente dall adozione adozione, è l accoglienza temporanea nella propria casa di un bambino o di un ragazzo. A Torino esiste sin dal 1976,, a livello nazionale

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA PROVINCIA DI ROMA -ASSESSORATO POLITICHE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO GENERALE L associazione, attraverso la comunità educativa mamma-bambino denominata Casa Cinzia e gli alloggi per l autonomia denominati Cinzia 1 e Cinzia 2, collegati a Casa

Dettagli

Il bilancio di Missione del Centro COSPES Fma del 2014 si chiude positivamente considerato nella sua globalità:

Il bilancio di Missione del Centro COSPES Fma del 2014 si chiude positivamente considerato nella sua globalità: 2 BILANCIO DI MISSIONE 2014 Il bilancio di Missione del Centro COSPES Fma del 2014 si chiude positivamente considerato nella sua globalità: attività presso la sede, collaborazioni o con gli istituti scolastici

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

COSTELLAZIONI DI FAMIGLIE

COSTELLAZIONI DI FAMIGLIE Trento, 8 giugno 2015 COSTELLAZIONI DI FAMIGLIE EQUIPE MULTIDISCIPLINARE AFFIDAMENTO MINORI e FAMIGLIE - EMAMeF SCHEDA DI SINTESI DEL PROGETTO Delibera G.P. n. 1568 d.d. 26.07.13 ENTI COINVOLTI COMUNITÀ

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Genitori con la patente

Genitori con la patente Genitori con la patente Associazione di Promozione Sociale Via Don Tonino Bello, 20 00132 ROMA Iniziativa di SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA E PRESIDIO PSICOLOGICO RELAZIONE DESCRITTIVA A cura di Dott.ssa

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

PROGETTI NON FINANZIATI

PROGETTI NON FINANZIATI PROGETTI NON FINANZIATI 119 SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto TUTOR FAMILIARE Responsabile

Dettagli

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002)

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002) L Affidamento etero familiare inteso come risposta qualificata a garantire il diritto di tanti bambini e ragazzi ad avere una famiglia, in grado anche temporaneamente di aiutarli a crescere ha costituito

Dettagli

Le attività della Fondazione si suddividono in due macro aree di intervento:

Le attività della Fondazione si suddividono in due macro aree di intervento: La Fondazione Paideia, dal 1993, opera a livello regionale per migliorare le condizioni di vita dei bambini disagiati, promuovendo iniziative e fornendo un aiuto concreto a chi è quotidianamente impegnato

Dettagli