LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE"

Transcript

1 LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE Verona, 27 Novembre 2009 Ing. Emilio Fadda 1

2 NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: D.M La circolare ministeriale del 05/08/09 definisce le modalità operative nel periodo successivo al 01/07/2007 riguardante le norme tecniche sulle costruzioni. Dal 01/07/2009 è obbligatoria l'applicazione del D.M. 14/01/2008 per i materiali utilizzati nelle costruzioni. Cosa prescrivono le norme riguardo le armature, i controlli nei Centri di Trasformazione e i controlli di accettazione nei Cantieri? 2

3 D.M (p ) Si definisce Centro di trasformazione un impianto esterno alla fabbrica e/o al cantiere, fisso o mobile, che riceve dal produttore di acciaio elementi base (barre o rotoli, reti, lamiere o profilati, profilati cavi, ecc.) e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in cantiere, pronti per la messa in opera o per successive lavorazioni. D.M (p ) Si definisce Centro di trasformazione, nell ambito degli acciai per cemento armato, un impianto esterno al produttore e/o al cantiere, fisso o mobile, che riceve dal produttore di acciaio elementi base (barre o rotoli, reti, ecc.) e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in opere in cemento armato quali, ad esempio, elementi saldati e/o presagomati (staffe, ferri piegati, ecc.) o preassemblati (gabbie di armatura), pronti per la messa in opera. 3

4 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 1 Qualità acciaio (p ) 2 Documentazione di accompagnamento delle forniture di acciaio (p ) 3 Rintracciabilità dell acciaio (p ) 4 Caratteristiche del processo produttivo (p ) 5 Documentazione di accompagnamento delle forniture di presagomato (p ) 6 Controlli nei centri di trasformazione (p ) 7 Dichiarazione al Servizio Tecnico Centrale (p ) 8 Attestato di Qualificazione (p ) 4

5 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 1 QUALITA' ACCIAIO D.M (p ) Acciaio per Cemento Armato È ammesso esclusivamente l impiego di acciai saldabili qualificati secondo le procedure di cui al precedente e controllati con le modalità riportate nel Gli acciai in barre e rotoli ammessi, sono del tipo B450C e B450A. L acciaio di gran lunga più utilizzato è il B450C. Questi è caratterizzato dai seguenti valori nominali delle tensioni caratteristiche di snervamento e rottura da utilizzare nei calcoli: F ynom 450 N/mm 2 F tnom 540 N/mm 2 5

6 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 1 QUALITA' ACCIAIO D.M (p ) Acciaio per Cemento Armato 6

7 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 1 QUALITA' ACCIAIO D.M (p ) Acciaio per Cemento Armato COME MAI IL VALORE LIMITE INFERIORE DELLO SNERVAMENTO (f y minimo) E PIU BASSO DEL VALORE NOMINALE(f ynom )? PER TENER CONTO DELLA DISPERSIONE DEI DATI E DELLE VARIAZIONI TRA LE DIVERSE APPARECCHIATURE E MODALITA DI PROVA (FRATTILE DEL 5%) 450x5%=22,5 N/mm ,5 425 N/mm 2 7

8 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 2 DOCUMENTAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO DELLE FORNITURE DI ACCIAIO D.M (p ) Tutte le forniture di acciaio, per le quali non sussista l obbligo della Marcatura CE, devono essere accompagnate dalla dichiarazione degli estremi dell attestato di qualificazione del Servizio Tecnico Centrale. L attestato può essere utilizzato senza limitazione di tempo. Il riferimento a tale attestato deve essere riportato sul documento di trasporto. Le forniture effettuate da un commerciante intermedio devono essere accompagnate da copia dei documenti rilasciati dal Produttore e completati con il riferimento al documento di trasporto del commerciante stesso. Il Direttore dei Lavori prima della messa in opera, è tenuto a verificare quanto sopra indicato ed a rifiutare le eventuali forniture non conformi, ferme restando le responsabilità del produttore. 8

9 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 3 RINTRACCIABILITA DELL ACCIAIO D.M (p ) Centri di Trasformazione Il Centro di trasformazione può ricevere e lavorare solo prodotti qualificati all origine, accompagnati dalla documentazione prevista al Particolare attenzione deve essere posta nel caso in cui nel centro di trasformazione, vengano utilizzati elementi base, comunque qualificati, ma provenienti da produttori differenti, attraverso specifiche procedure documentate che garantiscano la rintracciabilità dei prodotti. Il trasformatore deve dotarsi di un sistema di controllo della lavorazione allo scopo di assicurare che le lavorazioni effettuate non comportino alterazioni tali da compromettere le caratteristiche meccaniche e geometriche dei prodotti originari previste dalle presenti norme. 9

10 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 3 RINTRACCIABILITA DELL ACCIAIO 10

11 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 4 CARATTERISTICHE DEL PROCESSO PRODUTTIVO D.M (p ) I centri di trasformazione sono identificati, ai sensi delle presenti Norme, come luogo di lavorazione e, come tali, sono tenuti ad effettuare una serie di controlli atti a garantire la permanenza delle caratteristiche, sia meccaniche che geometriche, del materiale originario. I controlli devono essere effettuati secondo le disposizioni riportate nel seguito per ciascuna tipologia di acciaio lavorato. Nell ambito del processo produttivo deve essere posta particolare attenzione ai processi di piegatura e di saldatura. In particolare il Direttore Tecnico del centro di trasformazione deve verificare, tramite opportune prove, che le piegature e le saldature, anche nel caso di quelle non resistenti, non alterino le caratteristiche meccaniche originarie del prodotto. Per i processi sia di saldatura che di piegatura, si potrà fare utile riferimento alla normativa europea applicabile. Per quanto sopra, è fatto obbligo a tali centri di nominare un Direttore Tecnico dello stabilimento che opererà secondo il disposto dell art. 64, comma 3, del DPR 380/01. 11

12 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA DPR 380/2001 Art. 64 (L) - Progettazione, direzione, esecuzione, responsabilità (Legge n del 1971, art. 1, quarto comma; art. 2, primo e secondo comma; art. 3, primo e secondo comma)..omissis 3. L'esecuzione delle opere deve aver luogo sotto la direzione di un tecnico abilitato, iscritto nel relativo albo, nei limiti delle proprie competenze stabilite dalle leggi sugli ordini e collegi professionali. 12

13 13

14 5- DOCUMENTAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO DELLE FORNITURE DI PRESAGOMATO D.M (p ) OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA Tutti i prodotti forniti in cantiere devono essere identificati tramite etichette che individuino in modo inequivocabile il centro di trasformazione di provenienza. Tali etichette devono riportare il logo o il marchio del centro di trasformazione depositato presso il Servizio Tecnico Centrale. 14

15 5- DOCUMENTAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO DELLE FORNITURE DI PRESAGOMATO D.M (p ) OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 15

16 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 5- DOCUMENTAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO DELLE FORNITURE DI PRESAGOMATO D.M (p ) Tutti i prodotti forniti in cantiere dopo l intervento di un trasformatore devono essere accompagnati da idonea documentazione, specificata nel seguito, che identifichi in modo inequivocabile il centro di trasformazione stesso.. Ogni fornitura in cantiere di elementi presaldati, presagomati o preassemblati deve essere accompagnata: a) da dichiarazione, su documento di trasporto, degli estremi dell attestato di avvenuta dichiarazione di attività, rilasciato dal Servizio Tecnico Centrale, recante il logo o il marchio del centro di trasformazione; b) dall attestazione inerente l esecuzione delle prove di controllo interno fatte eseguire dal Direttore Tecnico del centro di trasformazione, con l indicazione dei giorni nei quali la fornitura è stata lavorata. Qualora il Direttore dei Lavori lo richieda, all attestazione di cui sopra potrà seguire copia dei certificati relativi alle prove effettuate nei giorni in cui la lavorazione è stata effettuata. 16

17 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 5- DOCUMENTAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO DELLE FORNITURE DI PRESAGOMATO D.M (p ) Il Direttore dei Lavori è tenuto a verificare quanto sopra indicato ed a rifiutare le eventuali forniture non conformi, ferme restando le responsabilità del centro di trasformazione. Della documentazione di cui sopra dovrà prendere atto il collaudatore, che riporterà, nel Certificato di collaudo, gli estremi del centro di trasformazione che ha fornito l eventuale materiale lavorato. 17

18 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 6 CONTROLLI NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE D.M (p ) I controlli sono obbligatori e devono essere effettuati: a) in caso di utilizzo di barre, su ciascuna fornitura, o comunque ogni 90 t; b) in caso di utilizzo di rotoli, ogni dieci rotoli impiegati. Qualora non si raggiungano le quantità sopra riportate, in ogni caso deve essere effettuato almeno un controllo per ogni giorno di lavorazione. Ciascun controllo è costituito da 3 spezzoni di uno stesso diametro per ciascuna fornitura, sempre che il marchio e la documentazione di accompagnamento dimostrino la provenienza del materiale da uno stesso stabilimento. In caso contrario i controlli devono essere estesi alle eventuali forniture provenienti da altri stabilimenti. I controlli devono consistere in prove di trazione e piegamento e devono essere eseguiti dopo il raddrizzamento. 18

19 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 6 CONTROLLI NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE D.M (p ) 19

20 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 6 CONTROLLI NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE D.M (p ) In caso di utilizzo di rotoli deve altresì essere effettuata, con frequenza almeno mensile, la verifica dell area relativa di nervatura o di dentellatura, secondo il metodo geometrico di cui alla seconda parte del punto Tutte le prove suddette devono essere eseguite dopo le lavorazioni e le piegature atte a dare ad esse le forme volute per il particolare tipo di impiego previsto. Le prove di cui sopra devono essere eseguite e certificate dai laboratori di cui all art. 59 del DPR n. 380/2001. Il Direttore tecnico di stabilimento curerà la registrazione di tutti i risultati delle prove di controllo interno su apposito registro, di cui dovrà essere consentita la visione a quanti ne abbiano titolo. 20

21 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 6 CONTROLLI NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE D.M (p ) Il D.M. nel capitolo 11 sull acciaio per cemento armato indica due generi di certificato: quello al punto cioè quello che debbono eseguire i produttori per qualificare il materiale e quello indicato al punto cioè quello che si deve redigere per i controlli di accettazione in cantiere. Entrambi non coincidono con le abitudini e procedure dei Centri di Trasformazione. 21

22 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 6 CONTROLLI NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE D.M (p ) Il primo certificato coincide per le caratteristiche temporali, ma è sovrabbondante per quanto richiesto negli ultimi due punti: L analisi chimica per i prodotti dichiarati saldabili (o comunque utilizzati per la fabbricazione di prodotti finiti elettrosaldati); Le elaborazioni statistiche previste nei : , , e Il secondo certificato richiede dei dati sconosciuti o difficilmente reperibili dal Centro di Trasformazione: L identificazione del committente dei lavori in esecuzione e del cantiere di riferimento; Inoltre: Non riporta la data di prelievo ma solo la data di ricevimento e di esecuzione delle prove. Per tutti i certificati è vietato fare copie e però la normativa specifica che, in caso di richiesta della Direzione Lavori, i centri di trasformazione devono fornirle. Viene richiesto il nominativo del Direttore dei Lavori, mentre andrebbe 22 riportato il nominativo del Direttore di Stabilimento

23 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 6 CONTROLLI NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE D.M (p ) La nostra proposta è che il certificato standard riporti i dati del punto ad esclusione degli ultimi due. Il certificato dovrà riportare: L identificazione del centro di trasformazione e dello stabilimento di produzione; L indicazione del tipo di prodotto e della eventuale dichiarata saldabilità; Il marchio di identificazione del centro di trasformazione depositato presso il Servizio Tecnico Centrale; Gli estremi dell attestato di qualificazione; La data del prelievo, il luogo di effettuazione delle prove e la data di emissione del certificato; Le dimensioni nominali ed effettive del prodotto ed i risultati delle 23 prove eseguite.

24 24

25 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 6 CONTROLLI NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE D.M (p ), D.M (p ) Cosa fare se il materiale è fuori norma? O, cosa che succede più di frequente, alcuni valori non rientrano fra i parametri riportati all interno della tabella di raffronto? La norma non dice niente. Per trovare una soluzione, si può analizzare il paragrafo relativo ai controlli nei centri di trasformazione operanti nel settore degli acciai per cemento armato precompresso. Infatti qui la norma va a specificare con grande dettaglio come debbano essere eseguiti i controlli di accettazione dell acciaio. In particolare la norma specifica chiaramente: 1) Quantità e frequenza di prelievo dei saggi da sottoporre a prova; 2) Valori minimi di accettazione; 3) Comportamento da adottare in caso di valori anomali; 4) Modalità di prelievo, identificazione ed invio dei provini; 5) Caratteristiche dei certificati di laboratorio. 25

26 6 CONTROLLI NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE D.M (p ) OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA Un altra anomalia presente nel D.M. 14/01/2008 è l imposizione, nelle verifiche di accettazione degli acciai per cemento armato, di un limite superiore. Questo non avviene per nessun altra tipologia di acciai strutturali trattata dalla norma. A nostro parere ciò è piuttosto strano. Infatti l imposizione di un limite di superiore ai valori dello snervamento e nel rapporto rottura / snervamento è giustificata dall esigenza di avere in opera acciai quanto più omogenei possibile, onde evitare comportamenti anomali nella rigidezza dei vari elementi strutturali, soprattutto in caso di eventi sismici. Perché allora le stesse esigenze non sono state valutate anche per gli acciai laminati per le strutture metalliche? 26

27 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 7 DICHIARAZIONE AL SERVIZIO TECNICO CENTRALE D.M (p ) I centri di trasformazione sono tenuti a dichiarare al Servizio Tecnico Centrale la loro attività, indicando l organizzazione, i procedimenti di lavorazione, le massime dimensioni degli elementi base utilizzati, nonché fornire copia della certificazione del sistema di gestione della qualità che sovrintende al processo di trasformazione. Ogni centro di trasformazione dovrà inoltre indicare un proprio logo o marchio che identifichi in modo inequivocabile il centro stesso. Nella dichiarazione deve essere indicato l impegno ad utilizzare esclusivamente elementi di base qualificati all origine. Alla dichiarazione deve essere allegata la nota di incarico al Direttore Tecnico del centro di trasformazione, controfirmata dallo stesso per accettazione ed assunzione delle responsabilità, ai sensi delle presenti norme, sui controlli sui materiali. 27

28 OBBLIGHI DELL IMPIANTO DI PRESAGOMATURA 7 DICHIARAZIONE AL SERVIZIO TECNICO CENTRALE D.M (p ) Il Servizio Tecnico Centrale attesta l avvenuta presentazione della dichiarazione di cui sopra. La dichiarazione sopra citata deve essere confermata annualmente al Servizio Tecnico Centrale, con allegata una dichiarazione attestante che nulla è variato rispetto al precedente deposito, ovvero siano descritte le avvenute variazioni. 28

29 29

30 8 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE 30

31 Acciaio = Armatura? Non più dal 01/07/2009 1) Marchiatura del materiale Acciaio Armatura 31

32 Acciaio = Armatura? Non più dal 01/07/2009 2) Documentazione di accompagnamento: DDT + Attestato di Qualificazione dell acciaio proveniente dalla ferriera 32

33 Acciaio = Armatura? Non più dal 01/07/2009 2) Documentazione di accompagnamento: DDT + Attestato di Qualificazione dell acciaio proveniente da un commerciante intermedio 33

34 Acciaio = Armatura? Non più dal 01/07/2009 2) Documentazione di accompagnamento: DDT + Attestato di Qualificazione dell armatura proveniente da un Centro di Trasformazione 34

35 I CONTROLLI IN CANTIERE COSA DEVE CONTROLLARE IN CANTIERE LA DIREZIONE LAVORI? L'ACCIAIO IN ACCETTAZIONE (par del D.M. 14/01/2008) LA PREPARAZIONE DELLE ARMATURE (se sagomate in cantiere, par del D.M. 14/01/2008) L'ACCIAIO PRESAGOMATO (par del D.M. 14/01/2008) 35

36 I CONTROLLI IN CANTIERE COSA DEVE GARANTIRE IN CANTIERE LA DIREZIONE LAVORI? CHE L'ACCIAIO CHE ARRIVA SIA CONFORME (par del D.M. 14/01/2008) CHE L'ACCIAIO NON VENGA ROVINATO (se sagomato in cantiere, par del D.M. 14/01/2008) 36

37 37

38 I CONTROLLI IN CANTIERE IL D.M. 14/01/2008 E LA CIRCOLARE DEL 02/02/2009 NON SONO UNIVOCI I controlli di accettazione in cantiere sono obbligatori, devono essere effettuati entro 30 giorni dalla data di consegna del materiale e devono essere campionati, nell'ambito di ciascun lotto di spedizione,..., in ragione di 3 spezzoni, marchiati, di uno stesso diametro, scelto entro ciascun lotto,sempre che il diametro e la documentazione di accompagnamento dimostrino la provenienza del materiale da uno stesso stabilimento.... I valori di resistenza ed allungamento di ciascun campione,.., da eseguirsi comunque prima della messa in opera del prodotto riferiti ad uno stesso diametro,..(par del D.M. 14/01/2008) I controlli di accettazione in cantiere sono obbligatori. E' opportuno che gli stessi siano effettuati prima della messa in opera del lotto di spedizione e comunque entro 30 giorni dalla data di consegna del materiale.... Il campionamento viene generalmente effettuato su tre diversi diametri opportunamente differenziati nell'ambito di ciascun lotto di spedizione, in numero di 3 spezzoni, marchiati, per ciascuno dei diametri selezionati,sempre che il marchio e la documentazione di accompagnamento dimostrino la provenienza del materiale da uno stesso stabilimento....(par. C della C.M. 02/02/2009) 38

39 Il D.M. del 14/01/2008 prescrive che, se la sagomatura e/o l'assemblaggio delle armature avviene in cantiere, la Direzione dei Lavori deve vigilare. Inchemodo? I CONTROLLI IN CANTIERE Possiamo prendere spunto dal punto del D.M. 14/01/2008 e da quanto richiesto ai centri di trasformazione (punto ). 39

40 I CONTROLLI IN CANTIERE Il punto del D.M. 14/01/2008 dice: il progetto deve riportare le specifiche di esecuzione in funzione della particolarità dell opera, del clima e della tecnologia costruttiva. In analogia il Direttore dei Lavori deve vigilare la corretta esecuzione delle armature in funzione della particolarità dell opera, del clima e della particolarità costruttiva. 40

41 I CONTROLLI IN CANTIERE Per quanto riportato al punto deve essere posta particolare attenzione ai processi di piegatura e di saldatura. In particolare il Direttore dei Lavori deve verificare, tramite opportune prove, che le piegature e le saldature, anche nel caso di quelle non resistenti non alterino le caratteristiche meccaniche originarie del prodotto. Per i processi sia di saldatura che di piegatura, si potrà fare utile riferimento alla normativa europea applicabile. 41

42 I CONTROLLI IN CANTIERE Ora entrambe queste indicazioni possono essere soddisfatte con l applicazione della norma EN Tale norma, approvata in via definitiva nel 2008 è spesso citata nel D.M. come norma di riferimento per il calcestruzzo, tale fatto è dovuto all inadeguato titolo della norma Costruzioni in calcestruzzo che dovrebbe essere Costruzioni in cemento armato, infatti al capitolo 6 e all allegato D spiega le regole della preparazione delle armature ed in particolare al primo capoverso recita: i seguenti paragrafi si applicano per le armature lavorate sia in sito sia in stabilimento. Riportiamo qui di seguito un confronto fra quanto richiesto dal D.M. e quanto riportato nella EN

43 I CONTROLLI IN CANTIERE D.M. 14/01/2008 Particolarità dell opera EN Per la piegatura delle barre il diametro del mandrino usato sarà conforme alle specifiche di esecuzione. Se non viene specificato diversamente, il mandrino non deve essere inferiore a 4 volte il diametro della barra se il diametro della barra è 16 mm, e 7 volte il diametro della se il diametro della barra > 16 mm. In caso di piegamento il mandrino dovrebbe essere due volte questo valore, a meno che le proprietà di ripiegamento dell armatura non siano documentate 43

44 I CONTROLLI IN CANTIERE D.M. 14/01/2008 Particolarità del clima EN La piegatura dell acciaio a temperature inferiori ai 5 C è consentita solo se previsto dalle specifiche di esecuzione e a condizione che le procedure adottate diano precauzioni addizionali 44

45 I CONTROLLI IN CANTIERE D.M. 14/01/2008 Particolarità della tecnologia costruttiva EN La piegatura sarà fatta in una unica operazione; quando si usano macchine piegatrici automatiche essa può essere continua o incrementale Armature da rotolo non potranno essere usate in mancanza di appropriati macchinari e le procedure per il raddrizzamento dovranno essere conformi alle istruzioni del costruttore del macchinario stesso. Lo sbobinamento e la raddrizzatura in barre dovrà soddisfare i requisiti per le armature dati nelle relative norme dopo il raddrizzamento e le verifiche come specificato nella EN

46 I CONTROLLI IN CANTIERE Pertanto il Direttore dei Lavori deve vigilare che (art del D.M. 14/01/2008): il materiale utilizzato sia qualificato; vengano effettuate le prove di accettazione secondo quanto disposto dall art del D.M. 14/01/2008; nella preparazione delle armature venga rispettato quanto previsto dalla EN e che i macchinari presenti in cantiere siano adeguati alle lavorazioni da eseguire; le operazioni di piegatura e di saldatura non alterino le caratteristiche meccaniche originarie del prodotto (EN 13670, ISO ); in caso di saldature ci siano le abilitazioni dei macchinari e del personale nei confronti delle norme europee di riferimento (EN ). 46

47 I CONTROLLI IN CANTIERE 47

48 48 I CONTROLLI IN CANTIERE

49 COLLAUDATORE CONTROLLI IN CANTIERE D.M (p.9.1.) Il collaudo statico di tutte le opere di ingegneria civile regolamentate dalle presenti norme tecniche, deve comprendere i seguenti adempimenti: a) controllo di quanto prescritto per le opere eseguite sia con materiali regolamentati dal DPR n. 380, leggi n. 1086/71 e n. 64/74 sia con materiali diversi; b) ispezione dell opera nelle varie fasi costruttive degli elementi strutturali ove il collaudatore sia nominato in corso d opera, e dell opera nel suo complesso, con particolare riguardo alle parti strutturali più importanti. L ispezione dell opera verrà eseguita alla presenza del Direttore dei lavori e del Costruttore, confrontando in contraddittorio il progetto depositato in cantiere con il costruito. Il Collaudatore controllerà altresì che siano state messe in atto le prescrizioni progettuali e siano stati eseguiti i controlli sperimentali. Quando la costruzione è eseguita in procedura di garanzia di qualità, il Collaudatore deve prendere conoscenza dei contenuti dei documenti di controllo qualità e del registro delle non-conformità. c) esame dei certificati delle prove sui materiali, articolato: - nell accertamento del numero dei prelievi effettuati e della sua conformità alle 49 prescrizioni contenute al Cap. 11 delle presenti norme tecniche;

50 COLLAUDATORE CONTROLLI IN CANTIERE - nel controllo che i risultati ottenuti delle prove siano compatibili con i criteri di accettazione fissati nel citato Cap. 11 ; d) esame dei certificati di cui ai controlli in stabilimento e nel ciclo produttivo, previsti al Cap. 11; e) controllo dei verbali e dei risultati delle eventuali prove di carico fatte eseguire dal Direttore dei lavori. Infine, nell ambito della propria discrezionalità, il Collaudatore potrà richiedere: i) di effettuare tutti quegli accertamenti, studi, indagini, sperimentazioni e ricerche utili per formarsi il convincimento della sicurezza, della durabilità e della collaudabilità dell opera, quali in particolare: - prove di carico; - prove sui materiali messi in opera, anche mediante metodi non distruttivi; - monitoraggio programmato di grandezze significative del comportamento dell opera da proseguire, eventualmente, anche dopo il collaudo della stessa. 50

51 COSA SUCCEDE SE L ACCIAIO NON PROVIENE DA UN CENTRO DI TRASFORMAZIONE ACCREDITATO? In teoria: 1) L opera non è sanabile a posteriori; 2) Il Direttore dei Lavori deve rifiutare il materiale indipendentemente dalle sue caratteristiche; 3) Il Collaudatore non può collaudare la struttura; 4) Gli atti di vendita degli immobili privi di collaudo sono nulli. 51

52 COSA HA FATTO L ANSFER? 1) Ha redatto le LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NUOVE NORME TECNICHE NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE; 2) Sta definendo un accordo con l AFCAB (association francaise de certification des armatures du beton) per il controllo delle saldature. 52

53 COSA PENSIAMO DI FARE? 1) Definire un certificato per i Centri di Trasformazione e stabilire il comportamento da tenere nel caso uno o più valori emersi durante le prove di accettazione non siano compresi fra i valori massimi e minimi riportati all interno della norma; 2) Stabilire le tolleranze di produzione delle armature in accordo con i limiti stabiliti dal D.M. 14/01/2008 per garantire un adeguato ricoprimento di calcestruzzo. 53

54 GRAZIE PER L ATTENZIONE 54

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE DELL ACCIAIO. I nuovi soggetti nel settore delle costruzioni.

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE DELL ACCIAIO. I nuovi soggetti nel settore delle costruzioni. I CENTRI DI TRASFORMAZIONE DELL ACCIAIO. I nuovi soggetti nel settore delle costruzioni. Raffaello Dellamotta Direzione Tecnica IG r.dellamotta@giordano.it Premessa. Probabilmente sono ancora pochi coloro

Dettagli

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI Il D.M. del 14/01/08 Nuove Norme Tecniche per le costruzioni e la C.M. applicativa n. 617 del 02/02/09 entrati in vigore il 01/07/09 hanno introdotto profonde innovazioni

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI I centri di trasformazione: un nuovo concetto di fornitore di acciaio per c.a.

Dettagli

- attraverso la qualificazione del Servizio Tecnico Centrale, con la procedura indicata nelle NTC stesse.

- attraverso la qualificazione del Servizio Tecnico Centrale, con la procedura indicata nelle NTC stesse. C11.3 ACCIAIO C11.3.1 PRESCRIZIONI COMUNI A TUTTE LE TIPOLOGIE DI ACCIAIO C11.3.1.1 Controlli Le NTC prevedono che il controllo sugli acciai da costruzione sia obbligatorio e si effettui, con modalità

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

CENTRO DI TRASFORMAZIONE

CENTRO DI TRASFORMAZIONE DEFINIZIONE (NTC 11.3.1.7): Un impianto esterno alla fabbrica... che riceve dal produttore di acciaio elementi base... e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in cantiere I centri di

Dettagli

sagomazione acciaio Descrizione impianto Certificazioni Qualità ISO 9001:2000 Macchine attualmente operative

sagomazione acciaio Descrizione impianto Certificazioni Qualità ISO 9001:2000 Macchine attualmente operative sagomazione acciaio Dal mese di marzo del 2009 è attivo lo stabilimento di pre- sagomazione di acciaio per strutture in cemento armato a Civitavecchia, zona industriale. Lo stabilimento opera nel settore

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT)

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Insegnamento di Gestione del Cantiere e Sicurezza dell Ambiente di Lavoro Tutor Docente neoassunto Prof. Andrea

Dettagli

Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008

Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008 Associazione Costruttori Acciaio Italiani Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008 8 Ottobre 2013, Milano Marco Perazzi

Dettagli

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE Documentazione di conformità secondo le nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (DM 14 Gennaio 2008) Ing. Lorenzo Di Gregorio PRESIDER Srl Bastia Umbra,

Dettagli

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con Unsider -ENTE ITALIANO DI UNIFICAZIONE SIDERURGICA - FEDERATO ALL UNI e-mail segreteria@unsider.it www.unsider.it Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti

Dettagli

Paolo Riva INTRODUZIONE

Paolo Riva INTRODUZIONE Paolo Riva Università di Bergamo QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008 Laboratorio Prove Materiali Dipartimento di Progettazione e Tecnologie Facoltà di Ingegneria

Dettagli

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO La marcatura CE UNI EN 1090-1. Il primo passo è il conseguimento dell Attestato di Denuncia Attività da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e l iscrizione

Dettagli

NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A

NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A PRIMO VANTAGGIO: MIGLIORA LA QUALITÀ DEL DETTAGLIO ESECUTIVO Il Decreto Interministeriale del 15/11/2011

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

, ' *-- ' " $!,"""&& # " $%

, ' *-- '  $!,&& #  $% ! "#$ %"&"" $$' " (#! %")" * +'#!", ' *-- ' " $!,"""&& # " $% &' ())* %")" + +' # ++,! " %"" '+'$ " $( ++ %"&"" ' " '! $- &(.)'.())/ &/0 # $ %. " (' ' 1 + $ *2.&)/.33./ 0' 12' 3, & 4 5 3./.22, 4) 5 " &

Dettagli

LA FORNITURA DI ARMATURE PER CEMENTO ARMATO. Linee guida

LA FORNITURA DI ARMATURE PER CEMENTO ARMATO. Linee guida LA FORNITURA DI ARMATURE PER CEMENTO ARMATO Linee guida - 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI Le norme di riferimento per la presagomatura dell'acciaio per cemento armato sono le seguenti: D.M. del 14/01/2008, Norme

Dettagli

Come cambiano gli obblighi per le strutture metalliche a partire dal 1 luglio 2014

Come cambiano gli obblighi per le strutture metalliche a partire dal 1 luglio 2014 Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 Come cambiano gli obblighi per le strutture

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008. Lecco, 2 dicembre 2011

IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008. Lecco, 2 dicembre 2011 IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE STRUTTURE IN C.A. E IN ACCIAIO COME PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008 2 IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO STATICO IN CORSO D OPERA

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E IN ACCIAIO CONTROLLO DEI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE

COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E IN ACCIAIO CONTROLLO DEI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E IN ACCIAIO (D.M. Infrastrutture 14-01-2008 e Circolare 02-02-2009 n 617 C.S.LL.PP.) CONTROLLO DEI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE 1. ADEMPIMENTI COGENTI 1.1 PRESCRIZIONI

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore R.Casimiri - GUALDO TADINO. Indirizzo Tecnologico corso Costruzioni,Ambiente e Territorio

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore R.Casimiri - GUALDO TADINO. Indirizzo Tecnologico corso Costruzioni,Ambiente e Territorio PRIME INDICAZIONI RIGUARDANTI LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL D.M. 14/1/2008 Norme tecniche per le costruzioni CONTROLLI MINIMI DI ACCETTAZIONE IN CANTIERE AI SENSI DEL D.M. 14/01/2008, Legge 5.11.1976

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VICENZA Doc. B Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 Delibera del Consiglio: 25/11/2010 In vigore dal: 02/05/2011 1. Il presente

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici. Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione

Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici. Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione SICUREZZA SUL LAVORO Valutazione rischi - D.Lgs. 81/08 Formazione

Dettagli

PROFESSIONAL SERVICES

PROFESSIONAL SERVICES > SGS ITALIA INDUSTRIAL D.M. 14 Gennaio 2008 PROFESSIONAL Data: 20/04/2012 Autore: F. Prosperi R. Donadel SGS NEL MONDO Leader mondiale nei servizi di: Ispezione Verifica Analisi Certificazione Nel Mondo:

Dettagli

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A.

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Contratto di Ricerca tra FERALPI SIDERURGICA S.p.A. e CONSORZIO CIS-E STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Relazione finale Prof. Ing. Carlo Poggi Prof.

Dettagli

La Norma EN 1090-1 per la Marcatura CE delle Strutture Metalliche

La Norma EN 1090-1 per la Marcatura CE delle Strutture Metalliche La Norma EN 1090-1 per la Marcatura CE delle Strutture Metalliche Il Processo di Progettazione e la Conformità del Prodotto: i Compiti del Direttore dei Lavori Catania, 02-07-2014 LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI

Dettagli

LINEE GUIDA DIREZIONE LAVORI. in accordo al D.M. 14.01.2008

LINEE GUIDA DIREZIONE LAVORI. in accordo al D.M. 14.01.2008 LINEE GUIDA DIREZIONE LAVORI in accordo al D.M. 14.01.2008 1 INTRODUZIONE Il d.m. 14.01.2008 (Norme Tecniche per le Costruzioni) nasce con una vocazione prestazionale segnando un punto di cambiamento rispetto

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

CALCESTRUZZO: PRESCRIZIONI, D.L., FPC E CONTROLLO STATISTICO

CALCESTRUZZO: PRESCRIZIONI, D.L., FPC E CONTROLLO STATISTICO CALCESTRUZZO: prescrizioni, D.L., FPC e controllo statistico Soluzioni pratiche mediante il servizio Optimix 2 TORINO, 1 dicembre 2010 ing. Davide RUGGERI NORME TECNICHE IL QUADRO NORMATIVO Norme Tecniche

Dettagli

L ACCIAIO DA CEMENTO ARMATO: processi produttivi caratteristiche controlli

L ACCIAIO DA CEMENTO ARMATO: processi produttivi caratteristiche controlli www.assosismic.it 6 marzo 2007 L ACCIAIO DA CEMENTO ARMATO: processi produttivi caratteristiche controlli Universitàdegli studi di Brescia CICLO INTEGRALE (da CARICA LIQUIDA) AI TRENI DI LAMINAZIONE Al

Dettagli

Calcestruzzo ed acciaio

Calcestruzzo ed acciaio LA CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Marcatura CE e Norme Tecniche per le Costruzioni dott. ing. Sebastiano Cristoforetti L accettazione di materiali e prodotti strutturali nelle NTC 2008 Calcestruzzo

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

I controllisuinuoviacciaida c.a. e da carpenteriaalla lucedelle NTC 2008

I controllisuinuoviacciaida c.a. e da carpenteriaalla lucedelle NTC 2008 Ressort für Bauten, ladinische Schule und Kultur Dipartimento ai lavori pubblici, scuola e cultura ladina PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt ai lëures publics, scola y cultura ladina Bolzano,

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO (Provincia di Prato) http://www.comune.montemurlo.po.it e-mail: montemurlo@comune.montemurlo.po.it via A. Toscanini,1-59013 MONTEMURLO (PO) - tel. 0574 5581 - Fax 0574 558348 - C.F. 00584640486 - P.I.

Dettagli

Oggetto dell'appalto CAPITOLO 2 - ACCETTAZIONE DEI MATERIALI IN GENERALE. Art. 2.Importo dei lavori in appalto. Art. 5.

Oggetto dell'appalto CAPITOLO 2 - ACCETTAZIONE DEI MATERIALI IN GENERALE. Art. 2.Importo dei lavori in appalto. Art. 5. Art. 1. Oggetto dell'appalto L'appalto ha per oggetto l'esecuzione di tutti i lavori, le forniture e le prestazioni necessarie per: la realizzazione di un ascensore per abbattimento barriere architettoniche

Dettagli

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE:

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE: SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 1 1. Calcestruzzo Classe di esposizione: XC1 (elevazione) XC2 (fondazione) Classe di consistenza:

Dettagli

ALLEGATO1: PIANO QUALITA DI COMMESSA

ALLEGATO1: PIANO QUALITA DI COMMESSA ALLEGATO1: PIANO QUALITA DI COMMESSA GENERALITA Secondo quanto precisato nelle norme UNI EN ISO 9001 sui sistemi gestione qualità, il piano della qualità (P.d.Q.) è il documento che definisce come il sistema

Dettagli

1 IL MATERIALE E LA SUA COMMERCIALIZZAZIONE

1 IL MATERIALE E LA SUA COMMERCIALIZZAZIONE Il Manuale della Presagomatura 3 1 IL MATERIALE E LA SUA COMMERCIALIZZAZIONE 1.1 Acciai da cemento armato ordinario L acciaio per cemento armato, introdotto sul mercato nazionale in barre, è ottenuto per

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

REQUISITI PROCESSO DI SALDATURA di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008

REQUISITI PROCESSO DI SALDATURA di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008 Requisito Travi PREM 2015 di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008 Procedimento all arco elettrico (ammessi procedimenti diversi previa adeguata doc. tecnica e sperimentale) Qualifica (certificati) saldatori

Dettagli

C.11 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE

C.11 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE C.11 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Il Cap.11 delle NTC tratta fondamentalmente le procedure di qualificazione e di accettazione in cantiere dei materiali e prodotti per uso strutturale, con

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato. Contenuto tecnico e valore aggiunto

Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato. Contenuto tecnico e valore aggiunto Il marchio di qualità SISMIC per l acciaio da cemento armato Contenuto tecnico e valore aggiunto Il Regolamento il marchio di qualità è attribuito da SISMIC a seguito della: dimostrazione del rispetto

Dettagli

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450 Giunta Regionale Direzione Generale Opere Pubbliche, Politiche per la Casa ed Edilizia Residenziale Pubblica Milano, 16 marzo 2005 Il Direttore Generale R0140P01756D10450 Oggetto: Chiarimenti in ordine

Dettagli

Unical I prelievi di calcestruzzo

Unical I prelievi di calcestruzzo Unical I prelievi di calcestruzzo Argomenti trattati I prelievi di calcestruzzo Il controllo di accettazione Il prelievo di conformità eseguito in contraddittorio Domande frequenti I p re l i e v i d i

Dettagli

Ordine degli ingegneri della Provincia di Genova

Ordine degli ingegneri della Provincia di Genova Ordine degli ingegneri della Provincia di Genova 23 MAGGIO 2012 ACCETTAZIONE DEI MATERIALI STRUTTURALI IN CANTIERE ELEMENTI STRUTTURALI IN ACCIAIO MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Normative Vigenti

Dettagli

Tecnologia e innovazione

Tecnologia e innovazione via San Maurilio 21 20123 Milano T 02.8812951 F 02.8056802 www.assimpredilance.it assimpredil@assimpredilance.it Tecnologia e innovazione NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN VIGORE DAL 1 LUGLIO

Dettagli

International Studies Ltd

International Studies Ltd www.internationalstudies.ltd.uk info@internationalstudies.ltd.uk pag. 1 di 6 Utilizzo dell acciaio in edilizia mediante saldatura e redazione delle WPS L'impiego dei processi di saldatura nel settore delle

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE CALCESTRUZZO: COME REALIZZARE E CONTROLLARE IL PROCESSO DI PRODUZIONE COME DOCUMENTARE IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE 1 Al fine di ottenere la certificazione del controllo del processo del calcestruzzo,

Dettagli

EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu

EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu DM 14-01-2008 Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni EN 1090 Marcatura CE delle strutture in acciaio UNI EN ISO 3834.1:2006 Requisiti di Qualità per la

Dettagli

Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia

Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia costruire e rinnovare in modo sostenibile e sicuro 1 Obiettivi Travi PREM 2015 Evidenziare l impatto delle

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI

NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI METALMECCANICA DI PRODUZIONE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI Breve guida alla lettura per l applicazione delle norme nell edilizia e nella metalmeccanica. A cura di Daniela Scaccia NOTA Ancor prima

Dettagli

LE NUOVE NORME TECNICHE DecretoMinisteriale 14 gennaio2008 I MATERIALI PER USO STRUTTURALE

LE NUOVE NORME TECNICHE DecretoMinisteriale 14 gennaio2008 I MATERIALI PER USO STRUTTURALE Ressort für Bauten, ladinische Schule und Kultur Dipartimento ai lavori pubblici, scuola e cultura ladina PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt ai lëures publics, scola y cultura ladina Bolzano,

Dettagli

Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura

Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura Masterweld Nata agli inizi del 2010, dall unione di due professionisti, Masterweld ha come obiettivo principale quello di fronteggiare

Dettagli

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria (RN) tel. ++39/0541/343030 - telefax ++39/0541/345540 pag.1/7 REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Contenuti Capitolo

Dettagli

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2 Convegno: SEMINARIO AICQ SICEV SICEP 20 maggio 2011 Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto Autore: Flavio Banfi Direttore Tecnico ITALCERT S.r.l. ITALCERT : Certificazione sistemi

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE WWW.PROMOZIONEACCIAIO.IT Ing. M.Antinori Responsabile Ufficio Tecnico Fondazione Promozione Acciaio ACCIAIO STRUTTURALE: La normativa in evoluzione Identificarlo,

Dettagli

COSTRUIRE IN ACCIAIO. 10 Dicembre 2009 Assofermet Padovam.antinori@promozioneacciaio.it

COSTRUIRE IN ACCIAIO. 10 Dicembre 2009 Assofermet Padovam.antinori@promozioneacciaio.it COSTRUIRE IN ACCIAIO Assofermet Padovam.antinori@promozioneacciaio.it NTC DM 14 Gennaio 2008 Norma di riferimento per le costruzioni Il regime transitorio è concluso Il 30 giugno 2009 Decreto 39/2009 Legge

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Il controllo tecnico delle strutture metalliche

Il controllo tecnico delle strutture metalliche Il controllo tecnico delle strutture metalliche Marco Torricelli, Ingegnere, Controllo Tecnico Strutture Il controllo tecnico delle strutture metalliche è regolato dal Decreto Ministeriale del 14/1/08

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CATANZARO - 14 MARZO 2014

SEMINARIO FORMATIVO ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CATANZARO - 14 MARZO 2014 SEMINARIO FORMATIVO ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CATANZARO - 14 MARZO 2014 QUALIFICAZIONE ED ACCETTAZIONE DEI MATERIALI PER USO STRUTTURALE ING. PASQUALE GIDARO DIRIGENTE SERVIZIO

Dettagli

Capitolo 2: ACCETTAZIONE DEI MATERIALI IN GENERALE. Capitolo 3: MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE

Capitolo 2: ACCETTAZIONE DEI MATERIALI IN GENERALE. Capitolo 3: MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Pagina 1 di 48 Sommario Capitolo 1: DATI GENERALI DELL APPALTO Art. 1. Descrizione sommaria dei lavori affidati... 3 1.1 Descrizione dei lavori... 3 Opere in cemento armato di fondazione... 3 Strutture

Dettagli

COMUNE DI CARPI - CIMITERO URBANO RIPARAZIONE CON RAFFORZAMENTO LOCALE PROG. ESECUTIVO - RELAZIONE SUI MATERIALI

COMUNE DI CARPI - CIMITERO URBANO RIPARAZIONE CON RAFFORZAMENTO LOCALE PROG. ESECUTIVO - RELAZIONE SUI MATERIALI INDICE 1. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 2 2. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI NUOVI... 3 2.1. CALCESTRUZZO... 3 2.1.1. Calcestruzzo per opere di fondazione... 5 2.1.2. Calcestruzzo per opere in elevazione...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO

Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO Allegato alla Domanda di Agibilità DIA o PdiC. N del Lavori di: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DEL PROFESSIONISTA ABILITATO Io sottoscritto Comune di nascita Prov. Data di nascita Codice fiscale Partita IVA

Dettagli

Materiali e prodotti per uso strutturale: Acciaio

Materiali e prodotti per uso strutturale: Acciaio I controlli di accettazione dei materiali e componenti strutturali: calcestruzzo, acciaio, acciaio da carpenteria metallica MECI 2015 Lariofiere 11 aprile 2015 Materiali e prodotti per uso strutturale:

Dettagli

N.B.: il collaudo dovrà essere redatto preferibilmente in carta uso bollo al fine di individuare con facilità il rispetto della normativa sul bollo;

N.B.: il collaudo dovrà essere redatto preferibilmente in carta uso bollo al fine di individuare con facilità il rispetto della normativa sul bollo; Bollo Schema Collaudo Statico (art. 7 Legge 05/11/1971 n 1086 condotto secondo i dettami del D. M. 14.01.2008) Il Presente schema è da intendersi esclusivamente come traccia di massima. Il collaudatore

Dettagli

DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08

DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08 Monza 14 novembre 2008 DALLA PRESCRIZIONE AL COLLAUDO DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO CON IL DM 14.01.08 Il nuovo quadro normativo di riferimento per la progettazione delle strutture in c.a. ed il collaudo

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

11 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE

11 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE 11 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE 11.1 GENERALITÀ I materiali ed i prodotti per uso strutturale, utilizzati nelle opere soggette alle presenti norme, devono rispondere ai requisiti indicati nel

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi 1 La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi Torino, 10 aprile 2013 Igor Gallo 2 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Recepimento della nuova Direttiva Europea 2004/22/CE MID

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagina 1 di 5 da INDICE: 1) Scopo 2) Campo di applicazione 3) Norma di riferimento 4) Definizioni e simboli 5) Responsabilità 6) Apparecchiature 7) Modalità esecutive 8) Esposizione dei risultati 1. Scopo

Dettagli

NOTE TECNICHE IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA.

NOTE TECNICHE IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA. IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA. Marcatura CE dei serramenti, facciate continue, chiusure oscuranti, cancelli e porte industriali, commerciali e da garage. 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE.

Dettagli

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici come richiesto dalla EN

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ISPEZIONE SULL ESECUZIONE DELLE OPERE Mod. TEC-11 pag. 1 di 9 Pag.1 di 9 INDICE 1 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2 PROCEDURE DI ISPEZIONE 2 2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE CRITICITÀ... 3 2.2 IMPOSTAZIONE DELL ATTIVITÀ DI VERIFICA... 4 2.3 VERIFICA DOCUMENTALE... 4

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 1996) IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 1996) IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Decreto 9 Gennaio 1996 «Norme tecniche per il calcolo, l esecuzione ed il collaudo delle strutture in cemento armato normale e precompresso e per le strutture metalliche»

Dettagli

TECNOLAB srl FOGLIO INFORMATIVO 1 pag. 1/6

TECNOLAB srl FOGLIO INFORMATIVO 1 pag. 1/6 11.2 CALCESTRUZZO PROVA A COMPRESSIONE SU CALCESTRUZZO INDURITO UNI EN 12390-3 DECRETO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DELL'INTERNO 14/01/2008 NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI. 11 MATERIALI E PRODOTTI

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS PER USO DOMESTICO E 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

TECNO SICILIA S.r.l. LABORATORIO AUTORIZZATO Settore A Per l esecuzione delle prove su materiali da costruzione

TECNO SICILIA S.r.l. LABORATORIO AUTORIZZATO Settore A Per l esecuzione delle prove su materiali da costruzione TECNO SICILIA S.r.l. LABORATORIO AUTORIZZATO Settore A Per l esecuzione delle prove su materiali da costruzione Azienda con Sistema di Gestione per la Qualità in conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli