Relatore: Avv. Massimo Biffa RELAZIONE DEL CONVEGNO DEL MAFIA E TERRORISMO: SPECIALITA DEL PROCEDIMENTO PER DELITTI DI MAFIA.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relatore: Avv. Massimo Biffa RELAZIONE DEL CONVEGNO DEL 19.11.2012 MAFIA E TERRORISMO: SPECIALITA DEL PROCEDIMENTO PER DELITTI DI MAFIA."

Transcript

1 Relatore: Avv. Massimo Biffa RELAZIONE DEL CONVEGNO DEL MAFIA E TERRORISMO: SPECIALITA DEL PROCEDIMENTO PER DELITTI DI MAFIA. La presente relazione vuole offrire alcuni spunti di riflessione circa le peculiarità che caratterizzano il giudizio che abbia ad oggetto il delitto di cui all art. 416 bis c.p., o comunque i delitti commessi avvalendosi delle condizioni previste da tale disposizione. Non sarà possibile, in questa sede, un approfondimento giuridico di ciascun momento del procedimento penale costruito ad hoc per i delitti di criminalità mafiosa, poiché un approfondimento esaustivo richiederebbe tempi e spazi degni di una vera e propria monografia. Nel ripercorrere, quindi, le disposizioni speciali che vanno dalla fase delle indagini preliminari, sino a quella dell esecuzione, sarà possibile soffermarsi su alcuni temi giuridici di particolare attualità. ***** La specialità del procedimento di mafia: indagini preliminari. Un dato sintomatico dell esistenza di regole processuali diverse rispetto a quelle ordinarie è rappresentato dalla disciplina delle indagini per i delitti di criminalità organizzata. Innanzitutto, come è noto, il legislatore ha ritenuto di affidare le funzioni di investigazione, come anche di esercizio dell azione penale, a Magistrati dell Ufficio del Pubblico Ministero presso il tribunale del capoluogo del distretto ove ha sede il giudice competente. Tali funzioni, sancite dall art. 53, comma III, c.p.p., possono essere solo per giustificati motivi, e limitatamente alla fase del dibattimento, derogate con delega del Procuratore Distrettuale ovvero del Procuratore Generale presso la Corte d Appello. Le attribuzioni funzionali agli Uffici della Procura Distrettuale, dunque, riguardano essenzialmente i delitti di cui all art. 416 bis c.p., e quelli commessi con le modalità descritte dall art. 7 legge n. 203/1991. Ad essi, si sono aggiunti a

2 partire dal 2001 (legge n. 92/2011), il delitto associativo di cui all art. 74 DPR 309/90, i delitti consumati o tentati con finalità di terrorismo, ecc.. Così come per l ufficio del Pubblico Ministero, anche per il Giudice per le Indagini Preliminari e per il Giudice dell Udienza Preliminare valgono delle disposizioni che segnano un ipotesi di vera e propria competenza funzionale del giudice. Infatti, ai sensi dell art. 328, commi I bis e ss., c.p.p., nelle ipotesi particolari indicate dall art. 51, comma III bis e ss. c.p.p., le funzioni di giudice per le indagini preliminari sono esercitate da un magistrato del tribunale del capoluogo di distretto ove ha sede il giudice competente. Sin dall individuazione dell Ufficio di Procura e del Giudice per le Indagini Preliminari si comprende dunque la specialità della disciplina. Tale specialità si traduce in una serie di disposizioni ulteriori che scadenzano diversamente dall ordinario i tempi delle indagini preliminari. In particolare, a differenza degli altri tipi di reati, i delitti sin qui indicati, hanno una disciplina derogatoria rispetto a quella ordinaria dei termini delle indagini. Ai sensi dell art. 405, comma II, c.p.p., i termini di durata delle indagini, sono pari ad un anno, e possono essere prorogati sino ad una durata massima di due anni, senza che delle eventuali richieste di proroga venga data notizia agli interessati, come generalmente previsto dal codice, con conseguente impossibilità per questi ultimi di interloquire sulla sussistenza delle condizioni legittimanti una prosecuzione delle indagini oltre il termine ordinario. La mancata comunicazione all indagato dell eventuale richiesta di proroga dei termini delle indagini, di cui si è accennato, risulta in linea con la disciplina, anche qui particolare, prevista dall art. 335, comma III, c.p.p., ove è stabilito che le iscrizioni del nominativo degli indagati nell apposito registro delle notizie di reato, non siano suscettibili di comunicazione, quando abbiano ad oggetto, tra gli altri, i delitti di mafia. Va precisato, per completezza, che, la maggior durata dei termini delle indagini preliminari, come il divieto di comunicazione delle iscrizioni di cui all art. 335 c.p.p., è associata ad una elencazione piuttosto ampia di delitti, meglio specificati all art. 407, comma II, lett. a), c.p.p., che ricomprende ipotesi di reato che, pur connotate da particolare gravità, non rientrano direttamente tra quelli di criminalità organizzata o terrorismo. 2

3 Nell ambito delle indagini preliminari, inoltre, per quanto attiene al profilo del ricorso a particolari mezzi di ricerca della prova, viene in rilievo, con specifico riguardo alla disciplina delle intercettazioni, un regime processuale diverso da quello ordinario. Nell ambito del doveroso ed imprescindibile procedimento autorizzativo delle captazioni telefoniche, ambientali o telematiche, infatti, sono previsti presupposti diversi quando si proceda per fatti di criminalità organizzata, essendo richiesti non già i gravi indizi di reato di cui all art. 267 c.p.p., ma solo sufficienti indizi di reato, e non l assoluta indispensabilità dell intercettazione a fini probatori, ma la sola necessità del ricorso ad essa (cfr. art. 13 legge n. 203/1991). Anche i termini di durata delle intercettazioni sono disciplinati diversamente, sicché, la prima autorizzazione ha la durata di giorni quaranta dall inizio dell esecuzione delle operazioni, e le proroghe hanno durata di venti giorni ciascuna. Si tratta, dunque, di un ulteriore peculiarità processuale, da cui si rileva che a fronte di un particolare disvalore penale e sociale che il legislatore ha inteso attribuire ai delitti di criminalità, si assottigliano le garanzie che presidiano diritti costituzionali quale quello di cui all art. 15 della Costituzione. La specialità del procedimento di mafia: le misure cautelari. Le più significative differenze tra procedimento per reati ordinari e procedimento per delitti di criminalità mafiosa emergono, senza dubbio, in relazione alle vicende processuali de libertate. Il procedimento per l applicazione delle misure cautelari, è, solo in parte condizionato alla sussistenza degli ordinari requisiti. Infatti, la sovrapponibilità tra la disciplina ordinaria e quella speciale, è limitata alla verifica della sussistenza di gravi indizi di colpevolezza. Dopo il vaglio di sussistenza dei gravi indizi ex art. 273 c.p.p., diventa, nella sostanza, prossima all automatismo l affermazione di sussistenza delle esigenze cautelari. Come è noto, ai sensi dell art. 275, comma III, c.p.p., vige in materia di sussistenza delle esigenze cautelari una duplice presunzione. Questa consiste in una prima presunzione di sussistenza delle esigenze cautelari di cui all art. 274 c.p.p., che ha natura relativa, nel senso che può essere vinta 3

4 dall allegazione di elementi idonei a superarla, cui segue, una presunzione avente natura assoluta di adeguatezza della sola custodia cautelare in carcere per la particolare tipologia dei delitti di mafia. Lo scorso anno, il Centro Studi del Codice di Procedura Penale, ha dedicato un intero seminario alla materia, evidenziando, innanzitutto, che l elenco dei delitti cui era riferibile il regime delle presunzioni in tema di misure cautelari, era stato nel tempo oggetto di ampliamento, ma che, gli interventi additivi, erano stati in larga parte intaccati da decisioni della Corte Costituzionale. Nelle numerose pronunce, sia della Suprema Corte di Cassazione, sia della Corte Costituzionale, sulla materia, era stato ripetutamente evidenziato che il particolare rigore, in tema di misure cautelari, che per un verso, dava luogo ad un minor onere motivazionale da parte del giudice all atto dell applicazione della misura, e, per altro verso, all imposizione della custodia cautelare quale unica misura adeguata, trovava giustificazione solo nelle peculiarità criminali e sociali dei delitti di mafia e nella massima di esperienza per cui il vincolo di appartenenza ad un sodalizio mafioso potrebbe essere interrotto efficacemente solo dalla custodia cautelare. Caratteristiche queste che non si rinvenivano invece per gli altri delitti, pur gravissimi, inseriti nel testo dell art. 275, comma III, c.p.p., con plurimi e diversi interventi del legislatore. Nel seminario dedicato alla specifica materia, si era sottolineata la difficoltà pratica, nella logica difensiva, di rinvenire elementi idonei a superare il duplice regime presuntivo, che risultava tra l altro ancorato ad ulteriore presunzione, di carattere sostanziale, circa la permanenza del vincolo associativo in assenza di elementi probanti in ordine alla cessazione dell associazione stessa, ovvero alla recisione da parte dell interessato dei legami con essa. Si era, altresì, sottolineato che isolati orientamenti giurisprudenziali avevano iniziato ad aprire qualche spiraglio nel sistema delle presunzioni, operando alcune distinzioni, sia con riguardo al grado di effettiva intraneità del soggetto agente nell organizzazione mafiosa (l ipotesi del concorrente esterno), sia con riguardo all effettiva applicabilità del disposto dell art. 275, comma III, c.p.p., ai momenti successivi rispetto a quello genetico/impositivo della misura. Ebbene, quelli che solo alcuni mesi fa, erano arresti giurisprudenziali isolati che si auspicava potessero trovare maggior riconoscimento soprattutto in ambito di 4

5 giurisprudenza di legittimità, hanno rappresentato una tappa significativa nel percorso che ha indotto la Suprema Corte a sollevare eccezione di illegittimità costituzionale, in relazione all art. 275, comma III, c.p.p.. Come è noto con ordinanza datata , le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione, investite della questione se la presunzione di adeguatezza della custodia cautelare in carcere ex art. 275, comma III, c.p.p., operi solo in occasione dell adozione del provvedimento genetico della misura coercitiva o riguardi anche le vicende successive che attengono alla permanenza delle esigenze cautelari con riferimento a fattispecie aggravata ex art. 7 legge n. 203/1991, ritenevano necessario sollevare eccezione di illegittimità costituzionale. La questione, pendente, non è stata ancora decisa dalla Corte Costituzionale. Merita, per il momento, evidenziare che le Sezioni Unite, hanno ritenuto non manifestamente infondata la questione, sulla base del seguente ragionamento la sostituzione di una misura con altra meno affittiva, nel caso di attenuazione delle esigenze cautelari, così come prevede l art. 299, comma II, c.p.p., è chiara espressione della regola generale che comporta una continua verifica, da parte del giudice, circa il permanere delle condizioni che hanno determinato la limitazione della libertà personale e la scelta di una determinata misura cautelare. Orbene, a tale regola che governa per l aspetto per così dire dinamico della vicenda cautelare, disciplinato nel contesto normativo dell art. 299 c.p.p. il legislatore ha inteso porre un eccezione, attenuando la discrezionalità del giudice, con l introduzione di criteri legali di valutazione, e così ponendo una presunzione assoluta di adeguatezza della misura della custodia in carcere per determinati reati in quanto ritenuti di particolare pericolosità sociale: presunzione che deve ritenersi operante non solo in occasione dell adozione del provvedimento genetico della misura coercitiva (art. 275, comma III, c.p.p.) ma, necessariamente, anche per il prosieguo della vicenda cautelare proprio perché espressamente richiamata nel comma II dell art. 299 c.p.p. (salvo quanto previsto dall art. 275, comma III). Va pertanto enunciato il seguente principio di diritto <<la presunzione di adeguatezza della custodia in carcere ex art. 275, comma III, c.p.p. opera non solo in occasione dell adozione del provvedimento genetico della misura coercitiva ma anche nelle vicende successive che attengono alla permanenza delle esigenze cautelari. Risolto il quesito sottoposto al vaglio delle Sezioni Unite, bisogna ora procedere all esame della questione di legittimità costituzionale prospettata dalla difesa del Lipari, posto 5

6 che alla luce del principio sopra enunciato, secondo la formulazione dell art. 275, comma III, c.p.p., tale disposizione dovrebbe trovare applicazione anche in relazione ai delitti aggravati ai sensi dell art. 7 del d.l. 152/1991 (convertito dalla legge 203/1991). ( ) La deroga costituita dalle presunzioni di sussistenza delle esigenze cautelari e di adeguatezza della misura carceraria per i delitti di mafia in senso stretto, ha superato il vaglio della Corte Costituzionale e della Corte Europea dei Diritti dell Uomo, avendo entrambe le Corti valorizzato le peculiarità di tali delitti, la cui connotazione strutturale astratta, come reati associativi e dunque permanenti, rende ragionevoli le presunzioni, e specificamente quella di adeguatezza della custodia carceraria, misura ritenuta maggiormente idonea per soddisfare l esigenza di neutralizzazione del periculum libertatis connesso al verosimile protrarsi dei contatti tra imputato e associazione. ( ) la stessa Corte (Costituzionale) ha definito <<particolarmente significativa>> la propria sentenza n. 231 del 2011 con la quale è stata dichiarata illegittima la presunzione in argomento in riferimento ad una fattispecie associativa (ex art. 74 D.P.R. 309/90), ed ha evidenziato che nell occasione è stato in particolare sottolineato che il delitto di associazione di tipo mafioso è normativamente connotato di riflesso ad un dato empirico sociologico come quello in cui il vincolo associativo esprime una forza di intimidazione e condizioni di assoggettamento e di omertà, che da quella derivano, per conseguire determinati fini illeciti. Caratteristica essenziale è proprio tale specificità del vincolo, che sul piano concreto, implica ed è suscettibile di produrre, da un lato, una solida e permanente adesione tra gli associati, una rigida organizzazione gerarchica, una rete di collegamenti e un radicamento territoriale e, dall altro, una diffusività dei risultati illeciti, a sua volta produttiva di accrescimento della forza intimidatrice del sodalizio criminoso. Sono tali peculiari connotazioni a fornire una congrua base statistica alla presunzione considerata, rendendo ragionevole la convinzione che, nella generalità dei casi, le esigenze derivanti dal delitto in questione non possano venire adeguatamente fronteggiate se non con la misura carceraria>>. ( ) Le ragioni che, ad avviso di queste Sezioni Unite, sostengono il giudizio di non manifesta infondatezza della questione di costituzionalità in esame, si sostanziano per una parte, negli argomenti, quali sopra ricordati, che la stessa giurisprudenza costituzionale ha nel tempo utilizzato per eliminare la presunzione assoluta di adeguatezza della custodia cautelare in carcere per alcuni tipi di reato (con particolare riguardo a quello associativo di cui all art. 74 D.P.R. 309/90 ed a quello 6

7 di associazione per delinquere realizzata allo scopo di commettere i dati di cui agli artt. 473 e 474 c.p., caratterizzati da un vincolo di appartenenza alla organizzazione malavitosa, dal Giudice delle Leggi ritenuto di per sé solo inidoneo a giustificare la presunzione assoluta di connotazioni specifiche del legame che caratterizza gli appartenenti ad un associazione di tipo mafioso); per altra parte, nel rilievo che anche i delitti aggravati ai sensi dell art. 7 decreto legge n. 152 del 1991 avendo o potendo avere una struttura individualistica potrebbero per le loro caratteristiche non postulare necessariamente esigenze cautelari affrontabili esclusivamente con la custodia in carcere. La circostanza aggravante in esame può accompagnare, invero, la commissione di qualsiasi fattispecie delittuosa; di talché, ove si volesse ricomprendere anche i reati così aggravati nella locuzione <<delitti di mafia>>, cui si fa ripetutamente richiamo nelle decisioni della Corte Costituzionale, si finirebbe con l assimilare, sotto il profilo del disvalore sociale e giuridico, manifestazioni delittuose del tutto differenti, sia con riferimento alla loro portata criminale, sia con riferimento alla pericolosità dell agente: la presunzione di adeguatezza della misura della custodia in carcere per delitti commessi al fine di agevolare l attività delle associazioni previste dall art. 416 bis c.p., comporterebbe infatti una parificazione tra chi a dette associazioni abbia aderito e chi, invece, senza appartenere ad esse, abbia inteso agevolare le attività delle associazioni stesse. Parificazione che sembrerebbe ingiustificata sulla scorta delle considerazioni svolte dalla stessa Corte Costituzionale laddove la presunzione in argomento è stata ritenuta ragionevole e giustificata, come ricordato, solo in presenza di un legame associativo peraltro connotato da specifiche caratteristiche, quali la forza intimidatrice del vincolo stesso e la condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva, che non sembrano riscontrabili in una condotta delittuosa pur aggravata ai sensi dell art. 7 d.l. 152/1991; comportamento ovviamente grave e indice di pericolosità ma non necessariamente, ed in ogni caso maggiore, di chi sia ad esempio partecipe di un associazione dedita al traffico di stupefacenti, posto che, giova ripeterlo, in relazione all aggravante contestata sotto il profilo dell agevolazione delle attività delle associazioni previste dall art. 416 bis c.p., situazione corrispondente alla concreta fattispecie, avuto riguardo al reato per il quale è intervenuta sentenza di condanna del Lipari è escluso un vincolo o legame con l associazione. L esame dell ordinanza di rimessione riportata, impone una serie di riflessioni. 7

8 Non vi è dubbio, infatti, che mentre essa rappresenta uno spiraglio con riferimento alle vicende cautelari successive all imposizione della misura, limitatamente ai reati aggravati dall art. 7 legge n. 203/1991, essa rimarchi però, la particolarità e specialità delle vicende che abbiano ad oggetto la fattispecie associativa ex art. 416 bis c.p.. Sotto quest ultimo profilo, infatti, l ordinanza chiarisce definitivamente che, stanti le caratteristiche intrinseche della fattispecie, la presunzione di cui all art. 275, comma III, c.p.p., resta pienamente applicabile nella sua duplice forma, con riferimento a tutte le vicende de libertate, ivi comprese quelle successive al momento genetico della misura. Emerge, dunque, sia pure nell ambito dei delitti rientranti nella definizione di criminalità organizzata una netta distinzione tra fattispecie associativa ex art. 416 bis c.p., e delitti posti in essere con le modalità di cui all art. 416 bis c.p. ovvero finalizzati ad agevolare le attività dell associazione mafiosa, che riverbera in modo significativo sulla materia delle misure cautelari. ***** Accanto alle questioni che attengono alla specialità dei requisiti applicativi della misura, il procedimento cautelare risulta speciale rispetto all ordinario anche in relazione ai termini di durata delle misure cautelari. In particolare, i termini di fase della custodia cautelare, per i delitti di criminalità organizzata, sono i seguenti: - indagini preliminari: un anno, per i delitti indicati dall art. 407, comma II, lett. a) c.p.p. (delitti di criminalità mafiosa o commessi con finalità di terrorismo, omicidio, estorsione aggravata, sequestro di persona a scopo di estorsione, armi ed esplosivi ad eccezione di alcune ipotesi, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, ecc.), sempre che per il delitto oggetto del provvedimento coercitivo sia prevista la pena della reclusione superiore nel massimo a sei anni; - dibattimento: il termine massimo per la fase del dibattimento, che è disciplinato in funzione della pena prevista per il reato oggetto del titolo custodiale può essere aumentato di ulteriori sei mesi, quando si proceda per i delitti di cui all art. 407, comma II, lett. a), c.p.p., come previsto 8

9 dall art. 303, comma I, lett. b), n. 3 bis) c.p.p.. Tale termine è imputato a quello della fase delle indagini preliminari ove il relativo termine non sia integralmente spirato ovvero al giudizio d appello, con proporzionale riduzione del termine previsto per quest ultima fase del giudizio. La disposizione prevista dall art. 303, comma I, lett. b), n. 3 bis, c.p.p., merita particolare attenzione nella logica dell esame delle peculiarità dei procedimenti per delitti di mafia. Il testo del n. 3 bis, infatti, veniva introdotto dall art. 2, comma I, del d.l n. 341, convertito in legge n. 4 del La genesi della disposizione in esame stava nell esigenza di far fronte ad una presunta situazione di emergenza dettata dalla asserita imminente scadenza dei termini di fase della custodia cautelare in un procedimento per delitti di camorra, all epoca pendente innanzi la Corte d Assise di Santa Maria Capua Vetere. Si tratta, dunque, dell ennesima disposizione di carattere emergenziale in materia delicatissima e rilevantissima - quale quella della libertà personale, presidiata da garanzia costituzionale - giustificata dalla necessità di combattere il fenomeno mafioso. Sin dal momento della sua entrata in vigore, il dibattito sulla disposizione ebbe ad oggetto la questione della possibilità di applicare il termine aggiuntivo di sei mesi, quando i termini di fase della custodia cautelare fossero stati oggetto di sospensione dei termini per complessità del dibattimento, ex art. 304, comma II, c.p.p., e dunque, raddoppiati, con raggiungimento del termine massimo di cui al comma VI del medesimo art In un primo momento, la giurisprudenza di merito si orientò nel senso di ritenere possibile cumulare sia la sospensione dei termini per complessità del dibattimento, sia il termine aggiuntivo di sei mesi. Quasi subito, tuttavia, si comprese che a ben vedere, in ossequio ai principi sanciti dalla Corte Costituzionale con riguardo ai termini oltre i quali la privazione della libertà personale non può essere consentita, e cioè quelli tracciati dall art. 304, comma VI, c.p.p., il raddoppio dei termini di fase e la proroga di sei mesi non fossero cumulabili. In tal senso, del resto, si orientava esplicitamente, senza mai mutare avviso sino a tutt oggi, anche la Suprema Corte di Cassazione. 9

10 Con numerose decisioni, la Suprema Corte espressamente affermava il principio di diritto per cui il termine di durata massima della custodia cautelare di cui all art. 304, comma VI, c.p.p., non può essere aumentato fino a sei mesi, ai sensi dell art. 303, comma I, lett. b), n. 3 bis), c.p.p., poiché per un verso l avverbio comunque utilizzato nella prima disposizione sottolinea il carattere di limite insuperabile del <<doppio>> termine di custodia e, per altro verso, la collocazione dell inciso <<senza tenere conto dell ulteriore aumento previsto dall art. 303, comma I, lett. b), n. 3 bis)>> subito dopo l enunciazione della regola in tema di durata massima della custodia, esclude l adozione di ogni criterio di computo che riduca la portata della regola stessa (cfr. Cass. Pen. I, sent. n del , rv ; Cass. Pen. IV, sent. n del , rv ; Cass. Pen. VI, sent. n del , rv ; Cass. Pen. VI, sent. n del , rv ; Cass. Pen. II, ord. n del , rv ). Ancora, ai fini del calcolo del termine massimo di fase di durata della custodia cautelare dell aumento fino a sei mesi previsto dall art. 303, comma I, lett. b), n. 3 bis), c.p.p., non può tenersi conto, mentre deve tenersi conto dei periodi di sospensione di detta durata dovuta a rinvii del dibattimento per adesione del difensore all astensione collettiva dalle udienze proclamata dagli organismi di categoria ( Cfr. Cass. Pen. I, sent. 623 del , cc , rv ). Preme ricostruire la storia della disposizione speciale, e della sua interpretazione, per offrire ulteriore significativa dimostrazione della particolarità dei processi per delitti di criminalità organizzata. Lo scorso anno, il Tribunale per il Riesame di Napoli, adottava una pluralità di ordinanze, in cui, nonostante il consolidato ed immutato orientamento espresso dalla Suprema Corte, era affermato il principio diametralmente opposto, e cioè quello della possibilità di porre a carico del soggetto sottoposto a custodia, i cui termini di fase fossero stati già raddoppiati, anche il termine aggiuntivo di sei mesi. Nei fatti, erano in corso diversi procedimenti penali per delitti di mafia, in cui i termini massimi per la fase del dibattimento, raddoppiati per effetto della sospensione di cui all art. 304, comma II, c.p.p., erano spirati. Al fine di non scarcerare gli imputati prima della pronuncia della sentenza di primo grado, i 10

11 giudici di cognizione avevano sostenuto l erroneità dell indirizzo giurisprudenziale da lungo tempo espresso dalla Suprema Corte di Cassazione. Il Tribunale per il Riesame di Napoli, intervenendo quale giudice del procedimento de libertate ex art. 310 c.p.p., aveva ripetutamente sostenuto che, stando ai lavori preparatori della disposizione in discussione, la chiara finalità del legislatore era stata quella di aggiungere il termine di sei mesi, anche quando fosse già maturato il doppio del termine di fase per il dibattimento. In sede di legittimità, si sono registrati ripetuti annullamenti senza rinvio delle ordinanze del Tribunale per il Riesame di Napoli. Il risultato pratico è stato, tuttavia, quello di protrarre indebitamente il regime di custodia cautelare, ben oltre i termini consentiti, e di permettere ai giudici di cognizione di pronunciare le sentenze con gli imputati in vinculis. L esempio riportato appare significativo della specialità dei procedimenti di mafia, che non è tale solo in astratto, ma anche nelle particolari patologie procedimentali che trovano terreno fertile nell infelice formulazione di alcune delle numerose disposizioni emergenziali. ***** La specialità del procedimento di mafia: l udienza preliminare ed il dibattimento. Le due fasi procedimentali sono trattate unitariamente, in ragione di alcuni aspetti comuni che riguardano le modalità di partecipazione dell imputato al procedimento penale. Sia nella fase dell udienza preliminare, che nella fase del dibattimento, infatti, vigono regole particolari per la partecipazione dell imputato al processo, quando si tratti di imputato sottoposto a misura cautelare e: sussistano particolari gravi ragioni di ordine e sicurezza; il dibattimento sia di particolare complessità e la partecipazione a distanza risulti funzionale ad evitare ritardi nello svolgimento del processo; l imputato sia sottoposto del regime speciale di cui all art. 41 bis o.p.. Invero, è stabilito in tali particolari ipotesi che l imputato debba partecipare al processo a suo carico, in videoconferenza, secondo la disciplina prevista dall art. 146 bis disp. att. c.p.p.. 11

12 In estrema sintesi tale modalità di partecipazione dell imputato a distanza, prevede che il medesimo venga collegato in audio e video, da una apposita sala ubicata all interno del carcere, con l aula di udienza, e con facoltà di comunicare con il proprio difensore a mezzo di una linea telefonica riservata. E anche prevista la possibilità per il difensore di partecipare all udienza direttamente dal sito ove si trova il suo assistito. Al momento dell entrata in vigore della disciplina della partecipazione a distanza, nel 1998 (legge n. 11/1998), si discusse abbondantemente della sua idoneità a rispettare i parametri sanciti dall art. 24 della Costituzione con riferimento al pieno esercizio del diritto di difesa. Nonostante i giudici di merito, i giudici di legittimità e la stessa Corte Costituzionale, abbiano ritenuto pienamente coerente con i principi costituzionali la disciplina della partecipazione a distanza, essendo comunque consentita all imputato la possibilità di assistere al processo, di vedere ed ascoltare quanto accada nell aula di udienza, di comunicare riservatamente con il proprio difensore, restano a tutt oggi seri i dubbi sull idoneità del sistema a garantire il pieno esercizio del diritto di difesa. E sufficiente evidenziare, infatti, che anche con riferimento alla disciplina della partecipazione a distanza, si sono verificati episodi patologici agevolati dalle modalità previste dal legislatore. Si sono registrati, infatti, casi documentati in cui, agenti di polizia penitenziaria presenti all interno della saletta, abbiano indebitamente annotato i contenuti di conversazioni, intervenute utilizzando la linea riservata, tra imputato e difensore presente nell aula di udienza. Nei relativi procedimenti penali, in conseguenza di tali documentati episodi, veniva dedotta la nullità delle udienze e del procedimento per violazione del diritto di difesa. Le relative eccezioni, nonostante la gravità degli episodi e la loro concreta incidenza sull esercizio dei diritto di difesa, sono state sistematicamente disattese (cfr. ad esempio, Corte Assise Santa Maria Capua Vetere, II Sezione, sentenza del , contro Abbate Antonio + altri). Per quanto concerne, invece, la sola fase dibattimentale, si osserva che la tematica della partecipazione a distanza, riguarda non solo l imputato, ma anche l audizione di testimoni di giustizia o collaboratori di giustizia. 12

13 Qui, infatti, il legislatore, oltre a prevedere la partecipazione dell imputato con le modalità della videoconferenza, ha previsto che le medesime modalità vengano adottate per la partecipazione o per l esame di testimoni di giustizia o collaboratori di giustizia (art. 147 bis disp. att. c.p.p.). Anche tale disposizione sacrifica significativamente i principi dell oralità ed immediatezza del dibattimento, oltre a quello di un pieno contraddittorio, soprattutto nel momento più delicato della cross examination di dichiaranti che spesso costituiscono la principale fonte di prova nel processo. Nondimeno, le situazioni appena esaminate non esauriscono i casi di deroga ai principi di oralità, immediatezza e pienezza del contraddittorio. E sufficiente ricordare, in questo senso, il disposto dell art. 190 bis c.p.p.. Come è noto, alla stregua della richiamata disposizione, è stabilito che, nei casi di procedimenti per delitti, tra l altro di criminalità organizzata, quando è richiesto l esame di un testimone o di una delle persone indicate dall art. 210 c.p.p. e queste hanno già reso dichiarazioni in sede di incidente probatorio ovvero in dibattimento nel contraddittorio delle parti, o ancora nell ipotesi in cui abbiano reso dichiarazioni in verbali acquisiti ex art. 238 c.p.p., l esame è ammesso solo se riguarda fatti o circostanze diversi da quelli oggetto delle precedenti dichiarazioni ovvero se il giudice o taluna delle parti lo ritenga necessario sulla base di specifiche esigenze. Tale disposizione viene in rilievo, nella quasi totalità dei casi, nelle ipotesi di mutamento della persona fisica del giudice. Qui, in linea di principio, dovrebbero trovare applicazione le regole sancite dalla giurisprudenza di legittimità in tema di rinnovazione dell assunzione della prova, salvo il consenso delle parti all utilizzazione mediante lettura delle prove assunte innanzi a diverso giudice. Sennonché, l applicabilità di tali regole è espressamente esclusa dall art. 190 bis c.p.p., per quanto attiene ai procedimenti per delitti di criminalità organizzata. Qui, infatti, la regola è diametralmente opposta e prevede la piena utilizzabilità della dichiarazione resa dal testimone o dall imputato di reato connesso o collegato, innanzi ad altro giudice, sempre che l esame non debba riguardare fatti o circostanze diverse o che esso non sia ritenuto necessario dal giudice o dalle parti. 13

14 Queste ultime possibilità di rinnovazione della prova, in astratto previste dall art. 190 bis c.p.p., sono in verità scarsamente applicate, poiché raramente il giudice procedente ritiene d ufficio necessaria la riassunzione della prova ovvero accoglie le richieste difensive. La rinnovazione della prova dichiarativa è, infatti, subordinata ad una valutazione del giudice che ha natura puramente discrezionale ed in quanto tale difficilmente sindacabile. Dunque è tutt altro che infrequente il caso in cui, nonostante la gravità delle imputazioni, i procedimenti per delitti di criminalità vengano decisi da giudici che non abbiano direttamente assunto le prove dichiarative né abbiano ritenuto opportuno disporne la rinnovazione. ***** La specialità del procedimento di mafia: l esecuzione. Qualche breve cenno merita anche la disciplina della fase dell esecuzione delle sanzioni irrogate in relazione a delitti di criminalità organizzata. L art. 4 bis dell ordinamento penitenziario, sia pure operando alcune distinzioni per fasce e specifici titoli di reato, preclude ogni possibilità di accesso ai benefici penitenziari, fatta eccezione per liberazione anticipata, nei confronti di condannati per delitti di cui all art. 416 bis c.p. ovvero aggravati ex art. 7 legge n. 203/1991. Di fatto, sebbene la disposizione di cui all art. 4 bis o.p. preveda alcune peculiari ipotesi di concedibilità dei benefici penitenziari, è ben raro che essi vengano concessi ai condannati per i delitti indicati. Oltre all ipotesi della collaborazione con la giustizia, infatti, le fattispecie della collaborazione impossibile od inesigibile in capo al soggetto condannato per il delitto di cui all art. 416 bis c.p., risultano oggetto di sostanziale probatio diabolica in capo all interessato. In altri termini, se il giudizio per i reati di mafia presenta le indubbie peculiarità descritte nei punti che precedono, altrettanto può dirsi per quanto attiene alla fase dell esecuzione. ***** 14

15 La particolare natura del delitto associativo e dei delitti aggravati dalle modalità o dalle finalità di cui all art. 416 bis c.p., è, dunque, segnata dal sistema di presunzioni sostanziali e processuali, legate a massime di esperienza, che permeano tutto il procedimento, con particolare riferimento ai momenti che attengono alla privazione della libertà personale, sia in virtù di un titolo di natura puramente cautelare, sia in virtù di un titolo esecutivo vero e proprio. In definitiva, il meccanismo delle presunzioni descritto abbondantemente si traduce, quasi invariabilmente, nella prassi applicativa, in uno strumento di oggettiva vanificazione di ogni allegazione di segno opposto. 15

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI Ottava Sezione Penale Collegio F Il Tribunale di Napoli, composto dai sottoscritti magistrati:

Dettagli

L accertamento tributario e procedimento penale

L accertamento tributario e procedimento penale L accertamento tributario e procedimento penale a cura di: Rosario Fortino Avvocato Tributarista in Cosenza fortinoepartners@libero.it Riflessione critica sulla utilizzabilità degli atti di polizia tributaria,

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 02225/2015 REG.PROV.COLL. N. 02709/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari Newsletter 231 n. 3/2014 I reati Tributari 1. Premessa I reati Tributari di cui al D.lgs 10 marzo 2000, n. 74 non sono ancora - contemplati tra i reati presupposto della responsabilità amministrativa degli

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Il Tribunale di Genova si è recentemente pronunciato circa la procedibilità o

Il Tribunale di Genova si è recentemente pronunciato circa la procedibilità o Ne bis in idem: modifica delle condizioni di separazione ex art. 710 c.p.c. e divorzio (improcedibile il primo, se instaurato il secondo) commento a decreti del Tribunale di Genova, 31.01.2012 e 21.02.2012)

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di riferimento normativo In questi ultimi anni gli acquisti

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE 1. L udienza penale dibattimentale inizia alle ore 9.30, subito dopo la trattazione dei procedimenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

LE INFORMATIVE PREFETTIZIE

LE INFORMATIVE PREFETTIZIE LE INFORMATIVE PREFETTIZIE Il Consiglio di Stato con la pronuncia n. 444/2012 si è espresso sull appello, avverso una sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, sede di Napoli, presentato

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 OGGETTO: D.P.R. 4 aprile 2001, n.235, Regolamento recante semplificazione del procedimento per il rilascio dell autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Verona - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; - visto il decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 62 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Deliberazione n.98/2015/par. Corte dei conti. Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 gennaio 1978 n. 21 e

Deliberazione n.98/2015/par. Corte dei conti. Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 gennaio 1978 n. 21 e Deliberazione n.98/2015/par Repubblica italiana Corte dei conti La Sezione del controllo per la Regione Sardegna composta dai magistrati: Dott. Francesco Petronio Dott. ssa Maria Paola Marcia Dott. ssa

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

Deliberazione n. 371/2012/PAR

Deliberazione n. 371/2012/PAR Deliberazione n. 371/2012/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati dott. Mario Donno dott. Ugo Marchetti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo Patumi presidente;

Dettagli

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing Osservazioni sulla proposta dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture di Linee Guida per la redazione dei documenti di gara e per l utilizzo dell offerta economicamente

Dettagli

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE \ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE SCHEDA INFORMATIVA SU : IL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO A) SCELTA DEL TEMA : RAGIONI.

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

informatica 30 maggio 2011

informatica 30 maggio 2011 L informatica Forense: profili critici i della prova informatica 30 maggio 2011 volatilità modificabilità alterabilità Nuove Reti e nuovi strumenti Legge n. 48 del 2008 Ratifica della convenzione di Budapest

Dettagli

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità.

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Tribunale di Roma 27.09.2010 n. 14015 Dott.ssa Marrocco Z.E. (Avv. Maciejak) - INPS In

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

Asseverazione del Modello Organizzativo della Sicurezza»

Asseverazione del Modello Organizzativo della Sicurezza» Asseverazione del Modello Organizzativo della Sicurezza» Fabrizio Bottini Professore a contratto in legislazione prevenzionale comparata 18 febbraio 2014 Commissione "L'ingegneria nei Sistemi di Gestione"

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri)

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) INDICE SOMMARIO Premessa... vii Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) Capitolo I DALLA RIFORMA DELL ART. 111 DELLA COSTITUZIONE ALLA LEGGE N. 63/2001 1.1. Premessa... 3 1.2. La

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto)

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Giuseppe Sileci Una delle disposizioni di maggior interesse del nuovo ordinamento forense è quella

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE MISURE DI PREVENZIONE

TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE MISURE DI PREVENZIONE TRIBUNALE DI CALTANISSETTA SEZIONE MISURE DI PREVENZIONE Il Tribunale di Caltanissetta, Sezione per l applicazione delle misure di prevenzione nei confronti delle persone socialmente pericolose, composto

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) SENTENZA.

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche. (Sezione Prima) SENTENZA. N. 00963/2014 REG.PROV.COLL. N. 00982/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per le Marche (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale.

Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. ARPA EMILIA-ROMAGNA Le funzioni di polizia giudiziaria dell Arpa. Le sanzioni amministrative e penali in campo ambientale. Selezione pubblica per collaboratore amministrativo professionale (Cat. D) A cura

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA N. 04045/2014 REG.PROV.COLL. N. 03024/2006 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA Le linee guida che sono qui definite costituiscono il frutto di alcuni incontri sollecitati dal Presidente del Tribunale di Milano tra giudici penali dell'ufficio,

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA

TRIBUNALE DI BRESCIA TRIBUNALE DI BRESCIA Sezione Riesame N. 81/10 mod. 18 N. 1470/10 RGNR N. 9839/10 RG GIP A carico di G. N. F. Il Tribunale di Brescia, Sezione per il riesame dei provvedimenti restrittivi della libertà

Dettagli

Casi Transfrontalieri Il Diritto Penale Europeo per gli avvocati difensori. Avv. Vania Cirese. info@studiocirese.com

Casi Transfrontalieri Il Diritto Penale Europeo per gli avvocati difensori. Avv. Vania Cirese. info@studiocirese.com Casi Transfrontalieri Il Diritto Penale Europeo per gli avvocati difensori Avv. Vania Cirese info@studiocirese.com Il 24 marzo 2009 l'autorità spagnola consegnava un soggetto all'autorità giudiziaria italiana

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli