VEZZANO. notizie dai paesi CIAGO - FRAVEGGIO - LON - MARGONE - RANZO - S. MASSENZA -VEZZANO. N. 1 APRILe 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VEZZANO. notizie dai paesi CIAGO - FRAVEGGIO - LON - MARGONE - RANZO - S. MASSENZA -VEZZANO. N. 1 APRILe 2014"

Transcript

1 Periodico quadrimestrale - Anno XXVIII - Poste Italiane s.p.a. - Sped. in Abbonam. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) - art. 1, comma 1, DCB Trento - Reg. Tribunale di Trento n del 21/4/ Diffusione gratuita - Taxe perçue - Tassa riscossa Trento Ferrovia N. 1 APRILe 2014 VEZZANO 7 notizie dai paesi CIAGO - FRAVEGGIO - LON - MARGONE - RANZO - S. MASSENZA -VEZZANO

2 sommario Periodico quadrimestrale - Anno XXVIII - Poste Italiane s.p.a. - Sped. in Abbonam. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) - art. 1, comma 1, DCB Trento - Reg. Tribunale di Trento n del 21/4/ Diffusione gratuita - Taxe perçue - Tassa riscossa Trento Ferrovia N. 1 APRILE 2014 VEZZANO 7 notizie dai paesi CIAGO - FRAVEGGIO - LON - MARGONE - RANZO - S. MASSENZA -VEZZANO Notiziario quadrimestrale del Comune di Vezzano Direttore responsabile: Enzo Zambaldi Reg. Tribunale di Trento n del 21/04/1999 Sintesi dell attività consiliare 3 Delibere di Giunta e determine 3 Lavori in corso 8 Lavori ultimati 9 Tributi locali: le novità per l anno Movimento della popolazione residente nell anno La parola ai Gruppi 12 Registro di pulizia camini 14 Palazzi Aperti L angolo della biblioteca 20 Una giovane maglia azzurra: Irene Baldessari 22 Bice Bones: scialpinismo e scalate nel suo dna 24 Il Piano Giovani della Valle dei Laghi 25 Dalle associazioni 26 La valle in un gioco 32 Hanno collaborato a questo numero: Anna Antoniol Franco Bressan Attilio Comai Roberto Franceschini Emma Longo Rosetta Margoni Michela Postal Adriano Tecchiolli Massimiliano Tomazzoli Sonia Spallino In copertina: Il nuovo parco giochi ed il campo da calcietto realizzati a Vezzano (Foto Attilio Comai) Realizzazione e stampa: Litografica Editrice Saturnia s.n.c. Via Caneppele, Trento L Amministrazione Comunale Augura Buona Pasqua 2

3 a cura di Attilio Comai attivitàconsiliare Sintesi dell attività consiliare n Seduta del 11 MARZO 2014 Delibera N Adozione in via definitiva della variante al Piano Regolatore Generale del Comune di Vezzano. Il Consiglio, con voti favorevoli unanimi espressi per alzata di mano dagli 11 consiglieri presenti e votanti, delibera di adottare in via definitiva, ai sensi e per gli effetti del combinato disposto dell art. 148 della L.P. 4 marzo 2008 n. 1 e degli artt. 40 e 42 della L.P. 22/1991, la variante 2012 al Piano Regolatore Generale del Comune di Vezzano, così come redatta dall arch. Manfredi Talamo. Delibera N Regolamento organico del personale dipendente del Comune di Vezzano approvato con deliberazione consiliare nr. 42 dd e ss. mm. e int. - Integrazione. Il Consiglio, con voti favorevoli unanimi espressi per alzata di mano dai 14 consiglieri presenti e votanti delibera di integrare il Regolamento organico del personale dipendente del Comune di Vezzano, approvato con deliberazione consiliare nr. 42/1999, con i seguenti articoli: INCARICHI DIRIGENZIALI E DIRET- TIVI ESTERNI - art. 26 ter COLLABORAZIONI ESTERNE E PARTICOLARI. Delibera N Approvazione Regolamento comunale di Polizia urbana. Il Consiglio, con voti favorevoli unanimi espressi per alzata di mano dai 14 consiglieri presenti e votanti delibera di approvare il nuovo Regolamento comunale di Polizia Urbana integrato con le modifiche indicate durante la trattazione della proposta in oggetto. Delibere di Giunta e Determine N. 130 del Delibera di liquidare il saldo della spesa prevista per la gestione associata e coordinata del servizio intercomunale delle attività culturali tra i comuni della Valle dei Laghi e la Comunità della Valle dei Laghi per l anno 2012, prevista in 983,80 e di approvare la spesa totale prevista di 2.440,22 per nuovo programma culturale previsto per l anno 2013 nella gestione associata e coordinata del servizio, come da convenzione approvata con deliberazione consiliare nr. 12 dd tra i Comuni di Calavino, Cavedine, Vezzano, Terlago, Lasino, Padergnone e la Comunità della Valle dei Laghi. N. 131 del Delibera di assegnare all Istituto comprensivo di Vezzano, un sostegno finanziario di 286,43, a parziale copertura della spesa per l affitto del Teatro di Valle, nella misura di 286,43 per la realizzazione del Concerto di Natale. N. 135 del Delibera di approvare il seguente piano delle risorse disponibili in bilancio per l attività svolta nell anno 2013 sia a titolo ordinario che straordinario dalle associazioni e dagli enti operanti sul territorio del Comune di Vezzano in campo culturale, sportivo, sociale e turistico: Risorse da assegnare a sostegno delle scuole d infanzia 1.130,00 Risorse da assegnare a sostegno delle associazioni che operano in campo sociale 1.169,16 Risorse da assegnare a sostegno delle associazioni che operano in campo culturale 5.450,00 Risorse da assegnare a sostegno delle associazioni che operano in campo turistico e per att. di sost. e abbellimento 7.150,00 Risorse da assegnare a sostegno delle associazioni che operano in campo sportivo 7.440,00 3

4 delibere di Giuntae determine N. 136 del Delibera di impegnare la spesa pari a complessivi 8.493,37 per l organizzazione a livello sovracomunale dei progetti relativi alle attività sociali e scolastiche. N. 137 del Delibera di assegnare un contributo di 500,00 alla Pro Loco di Ciago a sostegno finanziario dell acquisto di luminarie con tecnologia led in sostituzione di quelle ad incandescenza. N. 138 del Delibera di di affidare all avvocato Antonio Tita, professionista con studio legale a Trento, l incarico per l assistenza e consulenza al responsabile del procedimento comunale nell ambito dell attività di approvazione del collaudo dell intervento di realizzazione della nuova palestra comunale e di applicazione delle penali per ritardo alla ditta esecutrice, per l importo di 1.200,00, oltre iva e oneri accessori di legge, per complessivi euro 1.522,56 al lordo della ritenuta d acconto. N. 139 del Delibera di prorogare il contratto in scadenza il con Trentino Riscossioni S.p.A., per il periodo , relativamente all attività di accertamento e di riscossione ordinaria e coattiva delle entrate inerenti al servizio idrico e all imposta comunale sugli immobili (I.C.I.), alle medesime condizioni, fatto salvo il subentro della gestione associata, coordinata dalla Comunità della Valle dei Laghi. N. 03 del Delibera di approvare lo schema di convenzione tra il Comune di Vezzano ed il Consorzio Lavoro e Ambiente di Trento per la compartecipazione alla spesa di una unità di personale di supporto assegnato dal Servizio Conservazione della Natura e Valorizzazione della Provincia Autonoma di Trento alla Biblioteca intercomunale di Vezzano, e di stabilire che la convenzione avrà la durata di un anno dal al N. 04 del Delibera di assegnare un contributo straordinario una tantum di 600,00 all Associazione musicale Valle dei Laghi a parziale finanziamento della spesa sostenuta per il progetto Valle In Armonia. N. 05 del Delibera di assegnare un contributo di 1.621,02 alla SAT sezione Valle dei Laghi di Vezzano a seguito delle spese sostenute per tutte le attività escursionistiche, dell assistenza sul percorso della staffetta sentiero 618 e tutte le escursioni previste nel mese di Novembre 2013 durante la Manifestazione Mese Montagna. N. 10 dell Delibera di assegnare un contributo straordinario di euro 5.900,00 al G.S. Fraveggio a sostegno delle spese sostenute per tutte le attività sportive e culturali svolte nel corso dell anno 2013, come meglio specificate in premessa. N. 11 dell Delibera di liquidare la quota di spesa a carico del Comune di Vezzano all interno del progetto sovracomunale in ambito sociale, per l anno 2013 corrispondente ad 5.995,31, e precisamente: - all Associazione di Volontariato Oasi Valle dei Laghi per i progetti denominati Talea e Mixabile 2013, la somma di 1.192,33; - all Associazione Casa Generalizia della Pia Società Torinese di San Giuseppe, per i progetti denominati Comuni...chiamo e Centro per le famiglie relativi all anno 2013, la somma di 4.802,98. N. 12 del Delibera di approvare la proposta definitiva del bilancio di previsione per l anno 2014 del Comune di Vezzano, con i suoi allegati e del bilancio pluriennale 2014/2016 con la relazione previsionale e programmatica, e il piano triennale delle opere pubbliche ( ), secondo le indicazioni e le direttive fornite dalla Giunta Comunale; - di disporre affinché il progetto di bilancio venga depositato in segreteria, unitamente alla relazione del revisore dei conti, dandone avviso ai consiglieri comunali, che potranno prenderne visione e formulare proposte ed osservazioni; - di stabilire che le proposte dei consiglieri comunali, riguardanti emendamenti agli schemi di bilancio ed alla relazione previsionale e programmatica, siano presentate entro gli 8 giorni successivi alla comunicazione dell avvenuto deposito affinché la Giunta le possa esaminare tempestivamente prima della convocazione del Consiglio per l approvazione del bilancio nella sua stesura definitiva. DETERMINAZIONI DEI RESPONSABILI DEGLI UFFICI BIBLIOTECA Dott. Sonia Spallino Attività di promozione della lettura. N. 38 del Determina di assegnazione ad Angela Dal Gobbo, di Udine, dell incarico di proporre il pomeriggio IO & GLI ALTRI, incontrolaboratorio con i genitori sulle bibliografie per i bambini fra i 3 e i 7 anni TU, DI CHE GENERE SEI? STORIE DEL MASCHILE E DEL FEMMINILE NEI LIBRI PER RAGAZZI, di cui Angela Dal Gobbo è autrice, verso il corrispettivo di Euro 750,00; l incontro rientra tra quelli previsti nel progetto TU, DI CHE GENERE SEI? STORIE DEL MASCHILE E DEL FEMMINILE NEI LIBRI PER RAGAZZI, finanziato dalla P.A.T. Ufficio per le Pari Opportunità. N. 5 del Determina di assegnazione al signor Davide Pace di Equilibri Cooperativa Sociale di Modena dell incarico di presentare, nelle date del 25, 26, 27 febbraio e 12 marzo 2014 per un totale di n. 7 incontri, le bibliografie TU, DI CHE GE- NERE SEI? STORIE DEL MASCHILE E DEL FEMMINILE NEI LIBRI PER RAGAZZI, di cui è co-autore, alle classi delle scuole elementare e media, verso il corrispettivo complessivo di Euro 1.144,00; gli incontri rientrano tra quelli previsti nel progetto TU, DI CHE GENERE SEI? STORIE DEL MA- SCHILE E DEL FEMMINILE NEI LIBRI PER RAGAZZI, finanziato dalla P.A.T. Ufficio per le Pari Opportunità. Attività culturali. N. 41 del Determina di assegnazione alla Compagnia teatrale Koinè del contributo di Euro 1.000,00 a parziale copertura delle spese relative alla manifestazione La notte degli alambicchi accesi, in programma a S. Massenza nelle giornate del 6, 7 e 8 dicembre N. 42 del Determina di impegno di spesa per l uso della sala Mansueto Leonardi in occasione della conferenza Perché bisogna amare il patrimonio artistico e storico d Italia tenuta dal dott. Ezio Chini in data 11 dicembre 2013, per una spesa di Euro 22,00. 4

5 delibere di Giuntae determine N. 45 del Determina di impegno di spesa per le attività dell Università della terza età e del tempo disponibile, a.a , per un ammontare di Euro 1.130,43, da corrispondersi alla Comunità della Valle dei Laghi. N. 47 del Determina di impegno di spesa per il concerto del gruppo musicale Compagnia del Bel Bambin, di Belluno, tenutosi in data 22 dicembre 2013, verso il corrispettivo di Euro 500,00. N. 48 del Determina di impegno di spesa per l acquisto di n. 30 copie della pubblicazione Am Schiesstand. Il tiro al bersaglio nel Distretto di Vezzano, edita dalla Compagnia Schuetzen di Vezzano, per una spesa complessiva di Euro 600,00. N. 1 del Determina di impegno di spesa per lo spettacolo ed ora sono nel vento a cura del Gruppo Poe.Mus in occasione della Giornata della Memoria, verso il corrispettivo di Euro 440,00. N. 3 del Determina di impegno di spesa per la presentazione della figura di Maria Zambrano a cura del prof. Silvano Zucal, articolata in 2 incontri in data 12 e 19 febbraio 2014, verso il corrispettivo di Euro 250,00. Laboratori. N. 40 del Determina di assegnazione ala signora Vittoria Procino, di Lasino, dell incarico di tenere ai genitori delle scuole materne di Ranzo e Vezzano un laboratorio di cucito per la realizzazione delle sportine di stoffa per le visite in biblioteca, verso il corrispettivo di Euro 562,50. N. 43 del Determina di assegnazione alla signora Immacolata Ricciardelli, di Vigo Cavedine, dell incarico di tenere un laboratorio di cake design natalizio, verso il corrispettivo di Euro 150,00 a titolo di rimborso spese per l acquisto delle materie prime. N. 2 del Determina di assegnazione alla signora Vittoria Procino, di Lasino, del incarico di tenere in data 8 febbraio 2014 un laboratorio di cucito per bambini e genitori volto alla realizzazione delle maschere di Carnevale, verso il corrispettivo di Euro 100,00. N. 4 del Determina di assegnazione alla signora Immacolata Ricciardelli, di Vigo Cavedine, dell incarico di tenere, in data 13 febbraio 2014, un laboratorio di cake design dedicato a San Valentino, verso il corrispettivo di Euro 150,00 a titolo di rimborso spese per l acquisto delle materie prime. Liquidazione di spese a calcolo. N. 46 del per un ammontare di Euro 2.371,15. Incremento patrimonio. N. 49 del Impegno di spesa per l acquisto di materiale audiovisivo per una spesa di Euro 500,00. N. 51 del Impegno di spesa per acquisto Nuovissimo Programma Multimediale Europeo della Armando Curcio Editore, per una spesa di Euro 900,00, relativa all acquisto del materiale multimediale. N. 52 del _ Impegno di spesa per l acquisto di libri presso la Libreria Ubik di Trento, la Libreria Einaudi di Trento, la ditta Passpartù s.n.c. di Cimego (TN), la ditta RCS s.p.a e la ditta Fastbook s.p.a per un importo complessivo pari ad Euro 1.050,00. Acquisto materiali vari per laboratori con bambini/adulti. N. 50 del Determina di impegno di spesa per materiali vari presso Garden Center di Sarche e T S TESSUTI di Arco per una spesa complessiva di Euro 250,00. UFFICIO TECNICO Geom. Sergio Toccoli Allargamento stradale via al Somados a Ranzo - 2^ stralcio. N. 107 del determina di disporre il pagamento dell indennità di espropriazione per i lavori di allargamento stradale della Via al Somados a Ranzo, 2^ stralcio ai proprietari per una spesa complessiva di Euro 3.549,95. Manutenzione strade comunali. N. 112 del determina di liquidare la fattura a saldo per la realizzazione di un corrimano in acciaio zincato della lunghezza di circa 40 ml per il marciapiede presso il nuovo bivio nord di Vezzano della Ditta S.C.M. di Vezzano, di 2.562,00. N. 114 del determina di liquidare la fattura a saldo lavori di manutenzione straordinaria delle strade comunali della Ditta Bolognani Enio di Vigo Cavedine, di 2.705,06. N. 02 del determina di liquidare la fattura a saldo lavori di manutenzione straordinaria delle strade comunali della Ditta Edilemme s.a.s., di Lon di 2.630,92. Manutenzione parchi e strutture sportive. N. 108 del determina di liquidare la fattura per i lavori di spostamento di nove alberi dall area verde antistante il Teatro e di posa in opera di una siepe sempreverde alla Ditta Prato Verde s.a.s. di Dallapè Michele, di Arco, di 2.964,60. N. 109 del determina di liquidare la fattura a saldo dei lavori di fornitura dell attrezzatura per il parco giochi adiacente alla Chiesa di Vezzano alla Ditta Bontadi di Roberto Bontadi di Calavino (TN), di ,90. N. 110 del determina di liquidare la fattura dei lavori di sistemazione dell aiuola all entrata sud di Vezzano della Ditta Prato Verde s.a.s. di Dallapè Michele, di Arco di 6.100,00. N. 116 del determina di liquidare la fattura a saldo della fornitura altalena doppia in legno per il parco giochi di Ciago della Ditta Bontadi di Roberto Bontadi, di Calavino (TN), di 1.200,48. N. 117 del determina di liquidare la fattura a saldo della fornitura di attrezzatura integrativa per il parco giochi di Lon della Ditta Bontadi di Roberto Bontadi di Calavino (TN), di 6.800,28. N. 120 del determina di acquistare, a trattativa privata dalla Ditta Marchiol s.p.a., viale della Re- 5

6 delibere di Giuntae determine pubblica, 41, Villorba (TV), n 5 corpi illuminanti a led per il nuovo parco giochi vicino alla chiesa di Vezzano, verso il corrispettivo di 2.063,33 compreso trasporto e IVA 10%. N. 121 del determina di affidare alla ditta Costruzioni Fll.i Bones di Vezzano, i lavori di scavo reinterro e sistemazione finale della pavimentazione in cubetti di porfido per l interramento della tubazione dell acqua per il parco giochi adiacente alla chiesa a Vezzano, per una spesa complessiva di Interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica della scuola media S. Bellesini di Vezzano. N. 118 del determina di approvare in via amministrativa e a tutti gli effetti il progetto esecutivo inerente all adeguamento antisismico e altri interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica della scuola media S. Bellesini di Vezzano, che indica un costo complessivo pari ad euro ,00, diversamente distinto in lavori a base d asta per euro ,84, comprensivi dell importo relativo agli oneri della sicurezza, e somme a disposizione per euro ,16, prevedendo le modalità di esecuzione dell intervento, di finanziamento e di impegno della relativa spesa; - di stabilire di appaltare i lavori di realizzazione, come da progetto redatto dall ing. Matteo Sommadossi, con il sistema dell esecuzione dei lavori a mezzo di procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara, con il criterio di aggiudicazione del prezzo più basso ed esclusione automatica delle offerte anomale. N. 123 del determina di prendere formalmente atto della conferma definitiva della concessione al Comune di Vezzano di un contributo in conto capitale di euro ,72, a valere sul Fondo Unico Territoriale (interventi di edilizia scolastica) ai sensi della deliberazione della giunta provinciale n dd. 08/09/2011, come stabilita con la determinazione dirigenziale del Servizio Autonomie Locali della Provincia Autonoma di Trento n. 460 dd. 11/12/2013. Varie. N. 111 del determina di liquidare la fattura a saldo dei lavori di completamento della parete di arrampicata presso la palestra comunale della Ditta SINT ROC & ECOGRIPS s.r.l. di ARCO (TN), di 3.569,50. N. 115 del determina di liquidare la fattura per la fornitura di sei bacheche collocate in zona Bersaglio della Ditta Garden Center di Z.I. e C. di Sarche di Calavino, di 2.220,40. N. 122 del determina di affidare alla Ditta Centro Assistenza Valle dei Laghi, Lon di Vezzano i lavori di riparazioni delle perdite di aria dai canali nella centrale UTA al piano terra e il ripristino delle serrande tagliafuoco bloccate e mal funzionanti dell impianto di trattamento dell aria dell edificio adibito a palestra e uffici presso la scuola media di Vezzano, per un importo presunto di 8.800,00 + IVA e comunque quello che risulterà dalla contabilità finale. N. 05 del determina di affidare ditta Euro Automation s.r.l. di Rovereto (TN) la fornitura e posa in opera del materiale necessario alla realizzazione di un sistema di telecontrollo a seguito dei lavori di risanamento ed adeguamento sanitario dei depositi degli acquedotti di Fraveggio, Ciago, Lon e Vezzano composto da: unità periferica di monitoraggio, unità centrale di Front-End, P.C. Portatile, Sviluppo SW per il Centro di controllo, Misuratore di livello a peretta, Microswitch magnetico, per un importo totale di ,35. UFFICIO DI RAGIONERIA Rag. Marinella Prada Arredo e attrezzature uffici comunali. N. 55 del determina di acquistare, a trattativa privata un nuovo programma per la gestione della contabilità finanziaria, in sostituzione di quello in dotazione ormai obsoleto dalla Ditta Emmetre s.r.l. di Ravina di Trento, del Gruppo Maggioli - denominato con contratto biennale del software applicativo J- Serfin, per l importo di Euro 7.500,00 per l anno 2013 ed Euro 5.500,00 per l anno IVA, oltre alla conversione dei dati dell area finanziaria per Euro 1.000,00 + IVA e alla formazione condivisa all uso della procedura finanziaria di n. 7 giornate, con il Comune di Terlago che acquista il medesimo programma, per un importo di Euro 2.100,00 + IVA ad Ente. N. 57 del determina di acquistare, a trattativa privata un lettore Badge magnetico Luna con I/F Rete di collegamento a quello in dotazione presso il Municipio, verso il corrispettivo di Euro 850,00 + IVA 22% - complessivi Euro 1.037,00 dalla Ditta Semprebon lux di Trento. N. 02 del determina di acquistare dalla Ditta Myo s.r.l. di Torriana RN, prodotti di cancelleria per l anno 2014: - per il servizio di biblioteca per complessivi Euro 1.227,46; - per il servizio ragioneria e demografico per complessivi Euro 514,50, di cui all ordine diretto di acquisto del portale degli acquisti della P.A. n e n di data N. 03 del determina di acquistare dalla Ditta Gisco s.r.l. di Lavis TN, a trattativa privata, per l ufficio segreteria di questo Comune, un modulo di esportazione web dei dati per la trasparenza degli atti, compreso il software web per la visualizzazione ed esportazione, ai sensi della Legge n. 190 e del D.L. n.33 del , che dettano disposizioni in merito alla prevenzione della corruzione nella P.A., verso il corrispettivo di Euro 660,00 + IVA 22%, totale Euro 805,20. Contributi. N. 58 del determina di liquidare all Associazione Carnevale di Fraveggio la somma di 209,20 e alla Pro-Loco di Ciago la somma di 345,04. quale contributo a sostegno di iniziative rivolte alla riduzione di rifiuti nell organizzazione di feste, sagre e manifestazioni da parte delle associazioni. Varie. N. 59 del determina di procedere al rimborso della somma complessiva di 6.609,30 al Comune di Vezzano Ligure (SP) relativa agli errati versamenti ICI per gli anni , effettuati dal contribuente Esso Italiana srl. 6

7 delibere di Giuntae determine UFFICIO DI SEGRETERIA Dott. Claudio Baldessari N. 62 del determina di accettare la proposta del Broker Inser Pulsar S.p.a per il rinnovo delle polizze auto proposto tramite l agenzia ITAS di Trento di seguito riportata per l anno 2014: macchina operatrice AL949H 582,00, macchina operatrice AJG ,00, macchina operatrice PDOAK ,00, autovettura CM258WY 322,00, autovettura BF330HV 551,00, autocarro AN898EM 702,00, autocarro CB316PX 807,00 per un totale di 3.926,00. N. 63 del determina di liquidare la parcella dd pari ad 7.728,63 all ing. Claudio Candioli per il collaudo della nuova palestra. N. 65 del determina di liquidare ai singoli Consiglieri Comunali per le sedute del Consiglio Comunale i gettoni di presenza per complessivi 3.500,00; - di liquidare inoltre ai singoli componenti delle seguenti Commissioni comunali quali gettoni di presenza per la partecipazione alle sedute per complessivi 2.500,00. - all Associazione Valle dei Laghi insieme per un corso di ballo per bambini e genitori con una compartecipazione alla spesa per 292,00. N. 02 del determina di assegnare mediante trattativa privata alla ditta Perini Franco di Vezzano l incarico di proseguire con il servizio di trasporto persone nel comune di Vezzano, per l anno 2014 per un costo complessivo presunto di 8.050,00. N. 07 del determina di approvare la rendicontazione finale dell evento Mese Montagna 2013, attestante il riepilogo finale della spesa complessivamente sostenuta, ammontante ad euro ,18; - di dare atto che la spesa che per il Comune di Vezzano risulta essere di ,18, che trova copertura finanziaria: con l importo di ,18, derivante dai contributi degli sponsor privati e degli enti pubblici, nonché dagli incassi delle serate, e con l importo di ,00, derivante dal ricorso a risorse proprie dell ente; - di provvedere alla liquidazione, dei contributi di solidarietà previsti di complessivi 4.065,00, suddivisi rispettivamente nell importo di 3.565,00 a favore della Onlus Comitato bambini di Hushe e nell importo di 500,00 a favore della AD- MO Trentino Onlus. N. 01 del determina di destinare la quota impegnata del cinque per mille dell IRPEF relativa all anno 2011 (periodo d imposta 2010) pari ad Euro 780,00, ai seguenti progetti: - al Comitato UISP di Trento per un progetto di ginnastica a domicilio per anziani, che prevede 10 incontri con frequenza settimanale per un costo complessivo di 305,00; - all Associazione Valle dei Laghi insieme per il progetto denominato pomeriggio insieme della top for family verso un corrispettivo di 183,00; Alcuni componenti del comitato organizzatore di MeseMontagna in compagnia degli alpinisti Fabio Leoni e Elio Orlandi, referenti della Onlus Comitato bambini di Hushe, a favore della quale è stato donato un contributo di solidarietà di euro ricavato da una parte del biglietto d ingresso pagato nella varie serate. Si ricorda che tutti i cittadini del Comune di Vezzano potranno contribuire con articoli al giornale, tramite lettere agli amministratori. Tali articoli dovranno avere un contenuto d interesse collettivo, riportare la firma autografa dell autore ed essere contenuti nello spazio di mezza facciata del Notiziario; le lettere da pubblicare sul prossimo numero e gli articoli delle associazioni dovranno pervenire entro il 3 luglio 2014 all Ufficio di Segreteria del Comune. È data facoltà agli amministratori, chiamati in causa da gruppi consiliari o cittadini, di dare risposta nello stesso numero del Notiziario. Chi volesse spedire copia del Notiziario ad emigrati del nostro Comune può farne richiesta in Municipio. Orario di apertura al pubblico degli uffici comunali: dal lunedì al venerdì: ore ; il lunedì e il giovedì ore: Via Roma, VEZZANO (Tn) - Tel Fax

8 lavoriin corso 1-2) Lavori di adeguamento viabilità a Ranzo. 3-4) Lavori per l adeguamento dell accesso all acquedotto di Lon. 5-6) Lavori per l adeguamento dell accesso all acquedotto di Ciago. 7) I lavori di ristrutturazione della Scuola S. Bellesini a Vezzano

9 di Enzo Zambaldi lavoriultimati Inaugurato a Vezzano il parco giochi e il campo da calcetto Domenica 23 marzo è stato inaugurato il nuovo parco giochi ed il campo da calcetto adiacente alla chiesa parrocchiale di Vezzano. Nonostante la giornata piovosa un folto gruppo di persone, bambini e ragazzi hanno partecipato all evento. L area è di proprietà della Parrocchia di Vezzano e l ha concessa in comodato gratuito al Comune di Vezzano. Merita sicuramente di essere evidenziata la sensibilità della Parrocchia, che ha messo a disposizione della comunità questa importante area ludico-sportiva. Il sindaco Eddo Tasin ha ricordato che genitori e ragazzi avevano espresso il desiderio di avere un punto di ritrovo e gioco nel centro del paese, fruibile dai piccoli con sicurezza. L intervento è stato curato dal Servizio conservazione della natura e valorizzazione ambientale della Provincia che ha realizzato il campo di calcetto in erba sintetica e i lavori di predisposizione dell area del parco giochi, il rinnovo della recinzione, il ripristino dei muri in pietra, per una spesa di 84 mila euro. Il Comune di Vezzano ha finanziato l acquisto dei giochi, l impianto di illuminazione e quello idrico, per un importo di 23 mila e 500 euro. Ora bambini e ragazzi hanno a disposizione un accogliente e funzionale parco giochi e un campo da calcetto davvero ben realizzato. Il sindaco ha ringraziato il progettista, il direttore dei lavori geometra Cristian Simoni ed, in particolare, il dottor Innocenzo Coppola del Servizio conservazione della natura e valorizzazione ambientale, che ha condiviso la valenza sociale del progetto e l ha finanziato. Un ringraziamento è andato anche alla ditta Giardineria di Zuccatti Walter che ha installato i giochi forniti dalla ditta Pontadi Roberto. Il sindaco Tasin ha affermato che: Quello che oggi stiamo inaugurando non è una semplice opera pubblica, né solo un parco giochi, ma è un piccolo gioiellino di enorme valore, voluto dalla nostra comunità per valorizzare lo spazio adiacente alla chiesa, da sempre punto storico di ritrovo della popolazione, molto importante per la socialità del paese. Il dottor Coppola ha ringraziato le ditte che hanno contribuito alla realizzazione dell opera e l impegno lavorativo degli operai del Progettone. Il parroco di Vezzano don Roberto Lucchi ha benedetto parco giochi e campetto da calcio. Il taglio del nastro augurale sotto la pioggia sarà sicuramente ben augurante. Un momento conviviale nella sala della Comunità della Valle dei Laghi ha concluso la festa comunitaria. 9

10 il Comuneinforma Tributi locali: le novità per l anno 2014 di Emma Longo La legge 147 del 27 dicembre 2013 ha modificato la materia dei tributi locali, introducendo la IUC, l imposta unica comunale. Questo prelievo si compone di tre distinti tributi e precisamente l IMU, la TARI e la TASI. L IMU è la stessa imposta introdotta dal decreto Monti: è dovuta per il possesso di fabbricati e di aree fabbricabili. Sono esenti le abitazioni principali (ad esclusione di quelle classificate con categoria catastale A/1, A/8, A/9) e le relative pertinenze (nel numero di 1 per le diverse categorie catastali C/2, C/6, C/7) nonché i fabbricati rurali strumentali ed i terreni agricoli. L imposta va versata al Comune, utilizzando il modello F24, in due rate scadenti il 16 giugno ed il 16 dicembre. Spetta invece allo Stato il gettito dei fabbricati accatastati D. Il tributo dovuto è pari al 7,83 per mille dell immobile (calcolato utilizzando la rendita catastale per i fabbricati, il valore venale in comune commercio per le aree fabbricabili). La TARI è la tassa che copre i costi del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti. Si compone di una quota fissa e di una variabile. A differenza della tariffa sui rifiuti, applicata fino al 2013, la tassa è calcolata unicamente sui metri quadrati dei locali occupati, seppur parametrati in base al numero degli occupanti oppure alle attività svolte; non è più commisurata al rifiuto secco prodotto. Sono previste delle riduzioni per chi effettua il compostaggio. La TASI è la tassa sui servizi indivisibili del Comune (quali ad esempio, la manutenzione delle strade comunali o del verde pubblico, la pubblica illuminazione, lo sgombero della neve). È dovuta da quanti possiedono o detengono fabbricati ed aree fabbricabili. Si calcola applicando alla medesima base imponibile dell IMU (valore del fabbricato determinato sulla rendita catastale, valore venale in comune commercio per le aree fabbricabili) l aliquota del 1,5 per mille. Sono soggetti alla tassa anche l abitazione principale ed i fabbricati rurali strumentali, mentre sono esenti i terreni agricoli. Nel caso in cui l immobile non sia occupato dal possessore, la tassa è dovuta per una quota anche dal detentore (es. inquilino). La TASI, come l IMU, va versata al Comune utilizzando il modello F24, in due rate scadenti il 16 giugno ed il 16 dicembre. Con l obiettivo di contenere la pressione fiscale a carico delle famiglie e degli operatori economici, la Provincia Autonoma di Trento ed il Consiglio delle Autonomie Locali hanno concordato di esentare dal pagamento della TASI gli immobili destinati ad attività economica (con eccezione di quelli rurali e quelli utilizzati per l esercizio dell attività bancaria ed assicurativa) e gli occupanti. Per le abitazioni principali è prevista un aliquota massima dell uno per mille e la detrazione di euro 50,00. Le misure proposte sono attualmente all esame del consiglio provinciale che, utilizzando la neo acquisita competenza in materia di tributi locali, deve trasformarle in legge. 10

11 a cura di Rosetta Margoni il Comuneinforma Movimento della popolazione residente nell anno 2013 Sorpasso storico quest anno nel nostro comune: per la prima volta gli abitanti di Fraveggio sono più di quelli di Ranzo, 400 a 395, e così ora è Fraveggio la frazione più popolosa dopo il capoluogo. In leggera crescita la popolazione del nostro comune grazie al saldo positivo dei trasferimenti, in particolare a Vezzano e Fraveggio, mentre hanno avuto un calo S. Massenza e Ciago. Abbiamo iniziato il 2013 con 2194 abitanti e l abbiamo terminato con 2211, 17 residenti in più. Rimane quasi paritetica la distribuzione della popolazione tra i sessi, solo 7 femmine più dei maschi, il paese più femminile è Ranzo (52%) mentre quello più maschile è Margone (62%). Altri dati sono esposti in tabella, così come è rappresentato nel grafico l incremento demografico della popolazione dal 1954, anno della separazione di Padergnone dal nostro Comune, ad oggi. Curiosando poi fra altri dati, analizzando l età, scopriamo che i minorenni sono 402, corrispondenti al 18% della popolazione (tra loro il 54% sono maschi), tra i 18 ed i 65 anni abbiamo 1374 abitanti pari al 62% (tra loro il 51% sono maschi) e gli ultrasessanticinquenni sono 435 pari al 20% (tra loro il 43% sono maschi). Gli ultranovantenni sono 27 e tra loro la percentuale maschile è decisamente bassa raggiungendo appena l 11%. La donna più anziana è del 1913 e l uomo più anziano è del 1922; del 1914, 1917 e 1920 non è rimasto più nessuno; l annata più numerosa è quella del 1966 con 55 coetanei (27 maschi e 28 femmine). Riguardo allo stato civile possiamo segnalare che i coniugati sono (nati tra il 1923 ed il 1990); i divorziati sono 46 (nati tra il 1934 ed il 1979), i vedovi sono 22 mentre le vedove sono 134. Nel dare il benvenuto agli 86 nuovi arrivati ed ai 19 nati nel nostro comune, vi presentiamo con gioia alcuni dei piccoli, qui riuniti nella loro prima foto di classe: Gaia, Daniele, Carlo, Giulia, Alessandro D, Elia, Anna e Matteo. Popolazione residente al Nati Morti Iscritti Cancellati Cambi di Abitazione nel Comune Variazioni Popolazione residente al Maschi Femmine Famiglie al Ciago / Fraveggio Lon / Margone 47 / / +3-3 / / Ranzo S.Massenza 132 / / Vezzano TOTALE /

12 la parolaai gruppi Gruppo Consiliare Lista 7 Paesi Mozione consiliare Un comune unico nella valle «Comune Valle dei Laghi» Sino ad alcuni anni orsono, il territorio della Provincia autonoma di Trento, era suddiviso in 223 comuni. Alcuni dei quali anche con poco meno di 100 abitanti. A decorrere dal 1 gennaio 2010, i comuni del Trentino sono diventati 217 essendo stati istituiti due nuovi comuni: Comano Terme, costituito dall unione di 2 comuni prima esistenti (Bleggio Inferiore e Lomaso); Ledro, derivante dalla fusione di 6 comuni prima esistenti (Molina di Ledro, Pieve di Ledro, Concei, Bezzecca, Tiarno di Sotto e Tiarno di Sopra). A breve, inoltre, esattamente il prossimo 13 aprile 2014, la popolazione dei comuni di Coredo, Taio, Tres, Smarano e Vervò (Valle di Non) saranno chiamati ad esprimersi con un referendum consultivo (ex art. 7 dello Statuto Speciale di autonomia e art. 31 del D.P.R. n. 49/1973 e ss.mm.) per la creazione di una sola entità comunale denominata Comune Predaia. Lo stesso giorno, anche gli abitanti di di Bersone, Daone e Praso (Val Giudicarie) saranno chiamati per lo stesso motivo, per dare l avvio al Comune Val Daone, ed anche i residenti di Dorsino e San Lorenzo in Banale (Giudicarie Esteriori) per la fusione nel Comune San Lorenzo- Dorsino. Vedi nota del Commissario del Governo per la Provincia di Trento dott. Francesco Squarcina del 27 febbraio 2014 (n. prot. 4100/area II). Da evidenziare, inoltre, che altre analoghe iniziative istituzionali sono all orizzonte per dei comuni dell Alta Anaunia, Primiero e Bassa Valsugana. Tutto ciò con l ottica di ridurre il numero dei comuni, le spese generali di gestione, ma soprattutto per una sempre migliore amministrazione del bene collettivo. Si ritiene, pertanto, che anche nella nostra entità territoriale sia giunto il momento di pensare ad una fusione dei 6 comuni della Valle dei Laghi (Terlago, Vezzano, Padergnone, Calavino, Lasino, Cavedine), per dare corpo al Comune Valle dei Laghi. Del resto, già in passato le nostre comunità (o almeno una sua parte di residenti), erano state coinvolte in un progetto di fusione (stiamo parlando dell allora unione delle 4 casse rurali presenti nella valle), per l istituzione della Cassa Rurale della Valle dei Laghi, che ha così permesso di unire le forze economiche e finanziare dell intera comunità, con indubbi vantaggi per i soci ed i clienti dell Istituto di Credito Cooperativo, con sede legale a Padergnone. Con la creazione di un solo comune, sarebbe poi anche del tutto superflua la presenza istituzionale della Comunità Valle dei Laghi, giacché il comune unico assorbirebbe direttamente tutte le competenze (ad onor del vero pochine) oggi gestite dalla Comunità Valle dei Laghi. Per questi motivi e per dare così inizio ad un confronto sereno e pacato, con tutti i soggetti istituzionali interessati ad un siffatto progetto di fusione il Consiglio comunale di Vezzano impegna il Sindaco e la Giunta comunale in stretta sinergia con tutti i consiglieri comunali, ad avviare ogni possibile contatto con gli altri 5 comuni della Valle dei Laghi, per esaminare questa proposta di fusione, che dovrà poi necessariamente passare per i rispettivi sopramenzionati comuni della Valle dei Laghi, e successivamente alla consultazione referendaria consultiva. Roberto Franceschini consigliere comunale «7 Paesi» 12

13 la parolaai gruppi Gruppo Consiliare Lista Libera Prima di esporre il perché di quest articolo, deve essere fatta una piccola (per motivi di spazio) introduzione. EL MAL DE GAGIA C è chi ricorda il tempo in cui l uomo e la montagna erano strettamente legati, il tempo in cui la gente viveva delle risorse naturali del proprio territorio, il tempo in cui la montagna era sfruttata come una risorsa preziosa, impoverita, come povera era la gente del tempo, ma viva, conosciuta e amata. Il Gazza è la catena montuosa che delimita a Nord-Ovest la Valle dei Laghi. Le sue propaggini meridionali sono tagliate nettamente dalla forra del Limarò: uno spettacolare canyon scavato dal fiume Sarca; a settentrione è delimitata dalla cima Paganella che raggiunge i 2125 metri di altitudine; Molveno con il lago la separa dal Gruppo di Brenta. Sopra si trovavano dei ricoveri (baite) generalmente di piccole dimensioni, semi-interrate, in sassi; avevano una porta di legno e il tetto di zinco, nessuna finestra. All interno erano caratterizzate dalla presenza del zago, un soppalco di legno sul quale era steso del fieno per creare un giaciglio. Nella parte sottostante erano ricoverate le capre o i buoi; solo una piccola parte era riservata al fogolar accanto al quale c era una panca di legno, lo schienale del quale serviva come scala per salire sul zago. Le scarse suppellettili e il cibo erano appesi o appoggiati in nicchie nei muri. Ora sono state trasformate con alcuni confort, segno di quanto la nostra gente sia ancora legata a questa montagna tramandando di generazione in generazione storie, usanze e tradizioni. La strada selciata che porta in Gazza parte da Lon, Ciago e Covelo e, dopo una prima parte divisa, prosegue unica fino alla Valle di San Giovanni. La regolamentazione di questa strada noviter factam fu concordata alla presenza dei Sindici delle Comunità di Pedegaza (Vezzano, Fraveggio, Lon, Ciago, Covelo) il 30 maggio Un tempo si partiva alle 3 del mattino per risalirla in quattro ore di marcia, al lento ritmo dei buoi e con numerose polse (soste); ora i mezzi moderni certamente hanno ridotto i tempi di salita, ma spesso è mantenuta l usanza di fermarsi per far polsar el mezzo e con la scusa si scambiano due chiacchere. Dopo gli anni 60 il progressivo abbandono del pascolo ha portato a un avanzamento costante della mugheta, tanto da comprometterne la sopravvivenza e ora la Provincia elargisce contributi a chi sia disposto a tagliare la mugheta per restituire spazio alla prateria, in modo da evitare l estinzione di rare piante erbacee, restituire un ambiente adeguato ai diversi animali selvatici, permettere alle persone che amano camminare in montagna di poterlo fare. La selva di Gaza è stata per lungo tempo una fonte di guadagno per la povera economia locale, la montagna doveva essere ammantata di faggi, abeti e larici che fornivano abbondante legname perché era venduto finanche ai cantieri navali veneziani. Ora il bosco è sfruttato solo per fare le part o sort. Molti comunque sono quelli che salgono per i più svariati motivi (passeggiate e mountain-bike, sci e ciaspole, raccolta di funghi, caccia ecc.), ma quello che più sentiamo dire è per EL MAL DE GAGIA. Questo ci ha fatto molto pensare, dopo aver avuto molte segnalazioni, sulla pericolosità della strada da percorrere, tanto da impedire ad alcuni, per motivi di salute o l età, di poter raggiungere la cima o chi è costretto a rischiare il ribaltamento con il trattore carico di legna o chi ha sentito slittare il proprio mezzo specialmente con il bagnato o chi semplicemente si spaventa nel vedere quanto vicino al bordo si trova. Per questo è stato composto un gruppo di persone che si sono interessate su un possibile collegamento del Monte di Ranzo con il Gazza. In molti hanno dato parere favorevole per aver la possibilità della scelta di una strada certo più lunga, ma più sicura e, in ogni caso, sicuramente comoda per la legna, per i soccorsi, per la vigilanza della forestale e comunque per qualsiasi intervento sul luogo. Alcuni hanno obbiettato per la paura di un turismo di massa (che comunque se fosse quello, già arriverebbe dalle vicine località turistiche di Andalo e Molveno). Siamo convinti che se ci si trova prima per regolare la possibilità di usufruire del collegamento (permessi e quant altro serva per cautelare la nostra montagna), forse qualche dubbio sarebbe tolto. Da tener conto che molti sono disposti a dare il proprio contributo sia in lavoro sia in risorse, in modo da limitare al minimo la spesa e questo ci sembra una bella iniziativa che coinvolgerebbe molte persone che hanno el mal de gagia. Abbiamo pensato di pubblicare quest articolo sul nostro spazio per dare conoscenza a più persone. Ci rendiamo disponibili a convocare il gruppo e magari a stabilire una data per un incontro aperto a tutti per un eventuale scambio di opinioni, mettendo sulla bilancia i pro e i contro per ottenere una decisione maggiormente condivisa. 13

14 il Comuneinforma a cura di Attilio Comai Nella riunione dello scorso 11 marzo il Consiglio Comunale ha approvato un nuovo Regolamento di Polizia Urbana. Il dispositivo è piuttosto corposo ed ha impegnato in modo significativo la Commissione regolamenti nel percorso di stesura ed affinamento dato che, per taluni aspetti, introduce importanti novità e definisce con maggiore chiarezza e puntualità comportamenti ed attività comunque influenti sulla vita della comunità cittadina al fine di salvaguardare la convivenza civile, la sicurezza dei cittadini e la più ampia fruibilità dei beni comuni e di tutelare la qualità della vita e dell ambiente. Il regolamento si occupa nello specifico di sicurezza e qualità dell ambiente urbano, pulizia camini, attività agricola, occupazione di aree e spazi pubblici, acque interne, quiete pubblica e privata, protezione e tutela degli animali e dell ambiente, esercizi pubblici e, per ciascuno di questi aspetti detta norme, e stabilisce sanzioni per chi non le rispetta. Molte norme non sono certo una novità, non fanno altro infatti che sancire quelle che sono quotidiani comportamenti civili e di rispetto delle persone e delle cose. Altre invece introducono elementi nuovi che i cittadini devono conoscere, quindi, a partire da questo numero cercheremo di presentare le principali novità introdotte dal regolamento. Registro di pulizia del camino Cominciamo con la sezione relativa alla pulizia dei camini che introduce regole di comportamento ed in particolare l uso del Registro di pulizia del camino che troverete allegato nella parte centrale del notiziario in due copie. Il registro, uno per ciascuna canna fumaria a servizio di generatori a combustibile solido (legna, carbone, ), dovrà essere compilato e conservato a cura del proprietario. Altre copie potranno essere ritirate in comune. Per chi volesse prendere visione del regolamento potrà scaricarlo dal sito del comune di Vezzano nell apposita sezione Regolamenti dello Sportello on line. La manutenzione delle canne fumarie è regolamentata dall articolo 14 della legge regionale 20 agosto 1954, n. 24 (Servizi antincendi), e dal più recente Decreto del Presidente della Provincia n /Leg, del I camini a servizio di generatori utilizzati anche saltuariamente ed alimentati con combustibile solido, devono essere controllati e puliti: a) ogni 40 quintali di combustibile e, in ogni caso, almeno una volta all anno; b) prima di ogni riavvio dopo lunghi periodi di inutilizzo; c) ogni qualvolta si verifichino fenomeni di malfunzionamento. Deve essere svolta in totale sicurezza e con mezzi meccanici in grado di rimuovere i depositi senza danneggiare il sistema di evacuazione dei prodotti da combustione. Il proprietario dell abitazione o suo delegato che occupa l abitazione stessa a qualsiasi titolo è il soggetto responsabile della pulizia dell impianto e garantisce la corretta manutenzione e pulizia dei camini, mantenendo gli stessi in perfetta funzionalità ed efficienza, anche provvedendovi direttamente. Ad ogni operazione di pulizia si deve annotare nell apposito registro l esecutore e la data di svolgimento dell intervento. Deve essere conservato un registro per ciascuna canna fumaria; se la canna fumaria non è in esercizio cioè non è collegata ad alcun generatore oppure è collegata ad un generatore non utilizzato (mai nell arco dell anno), tale condizione va annotata nel relativo registro riportando la data di inattività e la motivazione; nel momento in cui la canna fumaria sarà riutilizzata, tale condizione dovrà essere annotata nel registro. Nel caso di condomini, è obbligo dell amministratore condominiale accertare che ciascun condotto a servizio di generatori alimentati con combustibile solido sia provvisto di proprio registro e che quest ultimo venga regolarmente compilato dal proprietario o suo delegato. Nel caso la pulizia dell impianto sia eseguita da ditta incaricata (spazzacamino), è obbligo del proprietario accertarsi che la stessa sia in possesso del permesso del Sindaco. Il Comune, per chi non fosse in grado di provvedervi direttamente, mette a disposizione un servizio di spazzacamino a pagamento; chi volesse fruirne potrà prenotare l intervento presso il servizio tributi in Municipio. In caso di incendio di una canna fumaria i Vigili del fuoco che intervengono sono tenuti a segnalare l evento al Sindaco verificando la regolare tenuta del registro. Il Sindaco, quale responsabile della sicurezza e della prevenzione incendi, potrà verificare, secondo le modalità che riterrà più opportune, il rispetto del presente regolamento, la corretta manutenzione dei condotti a servizio di generatori alimentati con combustibile solido, la regolare tenuta del registro avvalendosi di tecnici appositamente incaricati, del Corpo di Polizia urbana o del Corpo dei Vigili del Fuoco. Ove necessario la pulizia verrà fatta eseguire d ufficio con il recupero delle spese sostenute a carico dell inadempiente. Le violazioni a quanto disposto dal regolamento è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 50,00 ad euro 500,00. 14

15 REGISTRO DI PULIZIA CAMINI Art del Regolamento UTILIZZATORE: VIA: N. CIVICO PIANO SCALA N APPARTAMENTO POSIZIONE DEL GENERATORE LIVELLO P.ED., P.M., SUB La pulizia dei camini a servizio di generatori utilizzati anche saltuariamente ed alimentati con combustibile solido, devono essere controllati e puliti: a) ogni 40 quintali di combustibile e, in ogni caso, almeno una volta all anno; b) prima di ogni riavvio dopo lunghi periodi di inutilizzo; c) ogni qualvolta si verifichino fenomeni di malfunzionamento. 1

16 REGISTRO DI PULIZIA CAMINO ESECUTORE DATA FIRMA NOTE 2 ESECUTORE DATA FIRMA NOTE 3 16

17 REGISTRO DI PULIZIA CAMINI Art del Regolamento UTILIZZATORE: VIA: N. CIVICO PIANO SCALA N APPARTAMENTO POSIZIONE DEL GENERATORE LIVELLO P.ED., P.M., SUB La pulizia dei camini a servizio di generatori utilizzati anche saltuariamente ed alimentati con combustibile solido, devono essere controllati e puliti: a) ogni 40 quintali di combustibile e, in ogni caso, almeno una volta all anno; b) prima di ogni riavvio dopo lunghi periodi di inutilizzo; c) ogni qualvolta si verifichino fenomeni di malfunzionamento. 1

18 REGISTRO DI PULIZIA CAMINO ESECUTORE DATA FIRMA NOTE 2 ESECUTORE DATA FIRMA NOTE 3 18

19 di Attilio Comai Palazzi Aperti 2014 I municipi del Trentino per i beni culturali iniziativecomunali Anche quest anno il Comune di Vezzano aderisce all iniziativa Palazzi aperti I municipi del Trentino per i beni culturali promossa dal servizio Cultura, turismo e politiche giovanili del Comune di Trento, in collaborazione con la Provincia e i numerosi Comuni del Trentino che aderiscono. Per questa decima edizione sabato 10 maggio alle ci ritroviamo al parcheggio del Teatro Valle dei Laghi per una visita guidata al Sentiero geologico Stoppani e al Casino di Bersaglio. Il geomorfologo del MUSE dott. Christian Casarotto sarà la nostra guida. Esperto di Geologia del Quaternario e quindi dell evoluzione del paesaggio alpino relativamente alle dinamiche glaciali attuali, recenti e passate, in qualità di glaciologo del Comitato Glaciologico Trentino della SAT concentra oggi la sua attività sui ghiacciai trentini. Al Casino di Bersaglio ci accoglieranno gli Schützen con Osvaldo Tonina che illustrerà brevemente la storia passata e recente del Bersaglio. A Conclusione un semplice rinfresco. SABATO 10 MAGGIO 2014 PALAZZI APERTI VISITA GUIDATA AL SENTIERO STOPPANI col dott. Christian Casarotto E CASINO DI BERSAGLIO con Osvaldo Tonina Partenza dal parcheggio del Teatro Valle dei Laghi ore

20 l angolo della biblioteca di Sonia Spallino Non solo libri... Il 2014 è iniziato all insegna del nuovo, qui in biblioteca! È che, a fronte delle mutate abitudini di lettura, sempre di più la biblioteca deve rinnovare se stessa, ripensando alla propria mission e vision e ai modi per incontrare il territorio e l utenza. E così abbiamo cominciato dai colori! Adesso ce n è dappertutto: squillanti, netti e decisi. Arancio, verde, giallo, azzurro e glicine: a detta di tutti un cambiamento bello, che si completerà a breve con l allestimento di un angolo conversazione al secondo piano, per chiacchierare un po o leggere comodamente. E sempre di più la biblioteca è aperta all esterno e ai bisogni della comunità: knit cafè, spazio-compiti, mostre Particolare attenzione anche alla comunicazione: newsletter, sito, pagina facebook, sono tutti canali per tenersi al corrente delle iniziative che la biblioteca propone, peccato non usarli! Una biblioteca, dunque, che sempre più vuole proporsi come luogo al servizio della comunità e dei suoi bisogni di incontro, aggregazione, conoscenza, benessere, crescita personale. Una biblioteca cha ha a cuore i suoi utenti, che pone tra i suoi obiettivi quello di essere per loro spazio accogliente e gradevole, in cui star bene. Speriamo di riuscirci. KNIT CAFÈ Il Knit Cafè è per tutti, esperti e principianti, e per coloro che pensano che fare la calza sia un lavoro da nonne! Perchè non impari solo a fare la maglia: crei e conosci nuove persone (http://www.knitcafe.eu/) Lo knit cafè della biblioteca si riunisce ogni mercoledì alle 9.30 ed è coordinato da Giuliana Merlo. La partecipazione è libera e gratuita: basta portarsi dietro lana e ferri/uncinetto e il proprio progetto. E per questa iniziativa un ringraziamento particolare va a Rosanna Bressan, che ha contribuito in modo decisivo a formare il gruppo iniziale, al quale ci si può aggregare in qualunque momento. SPAZIO COMPITI CON L ASSOCIAZIONE GENITORI VALLE DEI LAGHI INSIEME L Associazione Genitori della Valle dei Laghi Insieme, con la collaborazione della biblioteca e di alcuni giovani volontari, propone a tutti gli alunni della scuola elementare uno spazio aiuto compiti in biblioteca tutti i sabato dalle 10:00 alle 12:00 dal 15 marzo fino al termine della scuola nel mese di giugno. Per motivi organizzativi il numero massimo è di dodici bambini ogni sabato: telefonare al in orario di ufficio per prenotarsi entro il giovedì prima dello svolgimento della attività. Un socio adulto sarà sempre presente e garantirà una supervisione ed un coordinamento dei volontari. La partecipazione è gratuita! ALTA PASTICCERIA IN BIBLIOTECA! Stanno riscuotendo un grande successo i laboratori di pasticceria proposti in biblioteca da Imma Ricciardelli, pasticcera provetta e donna di grande simpatia e comunicativa. Dopo la decorazione natalizia, la torta per la festa degli innamorati e 20

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli