PIT 2012:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIT 2012: Workshop@UniNA"

Transcript

1 PIT 2012: Arduino: Open Hardware - a cura di Luciano Esposito - con il patrocinio del Preside della Facoltà di Ingegneria dell'università degli Studi di Napoli Federico II: Prof. Piero Salatino e con il sostengo del Prof. Antonio Pescapè Comics Unina Research Group

2 Indice Argomenti trattati Cos'è Arduino e com'è fatto IDE e processo di sviluppo Programmazione su Arduino Il protocollo I2C Controllo di dispositivi esterni Propedeuticità Buona conoscenza del C/C++ Rudimenti di architettura dei calcolatori Un po' di elettronica di base

3 Cos'è Arduino? È una piattaforma di sviluppo software e fornisce un supporto per la prototipazione rapida di hardware È compatibile con tutti i sistemi operativi Lo sviluppo software si basa su un semplice ed intuitivo IDE (Integrated Develpment Environment) È controllabile tramite USB Gli schemi elettrici ed il codice sorgente degli applicativi a supporto (IDE, compilatore, programmatore, ecc.) sono disponibili in rete: open hardware e open software Progetto COMPLETAMENTE italiano

4 Com'è fatto? Il cuore principale di Arduino è il chip Atmega della Atmel Possiede numerosi slot di I/O sia analogici sia digitali Dispone di due slot da 3,3V e 5V per alimentare circuiti esterni Utilizza un connettore USB per alimentazione e/o controllo, ed un connettore standard per l'alimentazione

5 Il microcontrollore Atmega 328P All'interno del chip Atmega non è presente solo un processore ma un intero sistema di elaborazione che più tecnicamente è detto SoC (system-on-a-chip). Troveremo infatti oltre alla CPU anche: EEPROM (Electrically Erasable Programmable Read-Only Memory) memoria non volatile Memoria RAM Registri e dispositivi I/O Dispositivo per la comunicazione seriale (USART) Oscillatore Convertitori A/D e D/A (SAR e DAC ) Ecc...

6 La CPU AVR È di tipo RISC (Reduced Instruction Set Computer). Istruzioni a lunghezza variabile con PC (Program Counter) a 14 bit Utilizza un'architettura che separa la memoria istruzioni dalla memoria dei dati (tipo Harvard) Possiede una pipeline a singolo stadio (solo prefetch) capace di eseguire una singola istruzione per periodo di clock Gestisce le interruzioni Possiede 32 registri ad 8 bit general purpose Possiede lo stack register ed un set di istruzioni che ne permettono la gestione Cinque modi di indirizzamento (Diretto, Indiretto, Indiretto con offset, Indiretto con pre e post incremento)

7 Le memorie AVR (1/2) Il microcontrollore ATMega 328P possiede due spazi di memoria fondamentali: la memoria istruzioni (Memory Flash) e la memoria dati (SDRAM) Memoria Istruzioni è organizzata in due spazi: Boot Flash Section (solo read) e Application Flash Section (capacità di 32 Kbyte ma con un parallelismo di 16 bit) Memoria Dati è organizzata secondo l'indirizzo di memoria: Indirizzi da 0x0000 a 0x001F accedono ai 32 registri general purpose Indirizzi da 0x0020 a 0x005F accedono a 64 registri I/O Indirizzi da 0x0060 a 0x00FF accedono 160 Extended register I/O Indirizzi da 0x0100 a 0x08FF accedono alla SRAM interna (capacità 2Kbyte)

8 Le memorie AVR (2/2) È presente all'interno del chip anche una memoria EEPROM da 1KByte accessibile mediante 3 registri utilizzando particolari istruzioni Registro EEAR (EEPROM Address Register) a 16 bit Registro EEDR (EEPROM Data Register) a 8 bit Registro EECR (EEPROM Control Register) a 8 bit

9 I dispositivi I/O (1/2) Sono presenti all'interno del chip diversi dispositivi per gestire i vari I/O: 8-bit e 16-bit Timer/Counter con PWM Si tratta di dispositivi in grado di generare un segnale utilizzando la tecnica PWM (Pulse-Width Modulation) che consente di ottenere una tensione media variabile che dipende dalla durata e dall'ampiezza di ogni singolo impulso. Tale dispositivo utilizza un contatore a 8 o 16 bit per ottenere tale tensione. USART (Universal Synchronous and Asynchronous serial Receiver and Transmitter) Tale dispositivo converte flussi di bit di dati da un formato parallelo a un formato seriale asincrono (o sincrono) o viceversa. Può operare sia in modalità slave sia in modalità master

10 I dispositivi I/O (2/2) Convertitore A/D a 10 bit Tale dispositivo permette di trasformare un segnale analogico in un segnale numerico. Il microcontrollore usa un convertitore a successive approssimazioni (SAR) con un circuito del tipo Sample and Hold per mantenere costante il livello di tensione acquisito. La tensione di riferimento interna è di 1,1V altrimenti può essere impostata o dall'esterno mediante il pin AREF (Analog REFerence) o utilizzando la tensione che Arduino può erogare a circuiti esterni (5V o 3,3V) 2-wire Serial Interface Si tratta di un dispositivo capace di connettere al microcontrollore ulteriori dispositivi, fino ad un massimo di 128, utilizzando solo due fili uno per i dati (SDA) ed uno per il clock (SCL)

11 Ulteriori dispositivi Dispositivi per la generazione e gestione di più clock Gestione dell'alimentazione e risparmio energetico (sleep mode, idle mode, power-save mode, ecc...) Timer watchdog Dispositivi per il controllo delle cause di reset, registri per il controllo dei timer watchdog, ecc... Vettore per il controllo delle interruzioni interne ed esterne debugwire on-chip sistema che utilizza un'interfaccia bidirezionale per controllare il flusso del programma e per scrivere all'interno delle memorie non volatili (EEPROM e FLASH)

12 Il ciclo di sviluppo SW (1/3) Il nostro programma (o sketch) deve passare attraverso tre fasi prima di poter essere eseguito su Arduino. Similmente al processo di sviluppo di un programma in C/C++ le fasi sono: Pre-proccessing Compilazione e collegamento Caricamento sulla board

13 Il ciclo di sviluppo SW (2/3) L'ambiente di sviluppo di Arduino compie alcune trasformazioni allo sketch prima di compilarlo. Fase 1: Pre-proccessing 1 - Aggiunge allo sketch la libreria WProgram.h che contiene tutte le definizioni delle funzioni necessarie alla propria board Arduino per poter funzionare 2 - L'ambiente di sviluppo cerca le definizioni delle funzioni scritte dall'utente e ne crea i prototipi, cioè le dichiarazioni 3 - Il preprocessore inserisce tutti i prototipi di funzione ed i vari statements #include prima del blocco di definizione delle variabili o dei tipi strutturati.

14 Il ciclo di sviluppo SW (3/3) Fase 2: Compilazione e collegamento Lo sketch così completo è compilato tramite i compilatori avr-gcc e avr-g++ secondo l'architettura e le esigenze della propria board Arduino. Si generano così file con estensione.o (file oggetto) che vengono successivamente collegati dal linker, insieme alle librerie, arrivando infine ad un unico file con estensione.hex Fase 3: Caricamento sulla board Il file.hex, risultato finale della compilazione, viene caricato dal programma avrdude sulla board. Il processo di caricamento viene eseguito controllando alcune variabili di configurazione tipiche della board sulla quale si dovrà caricare lo sketch (nome della board, tipo di microcontrollore, tipo di bootloader, ecc..)

15 L'IDE di sviluppo Tutte le fasi viste in precedenza sono trasparenti all'utente e vengono effettuate dall'ide (Integrated Develpment Environment) di Arduino Possiede un'interfaccia semplice ed intuitiva ed è disponibile per tutti i sistemi operativi. Applicazione open source

16 Programmare su Arduino Analizziamo un semplice esempio: La procedura setup() è utile per permettere l'inizializzazione di alcune funzioni tipiche di Arduino La procedura loop() gestisce il ciclo principale del programma const unsigned int LED_PIN = 13; const unsigned int PAUSE = 500; void setup() { pinmode(led_pin,output); } void loop(){ } digitalwrite(led_pin, HIGH); delay(pause); digitalwrite(led_pin, LOW); delay(pause); Questa funzione imposta il pin 13 sulla scheda Arduino come output elettronico Queste funzioni permettono di impostare il valore alto o basso (5V) sul pin 13 mediante il tag HIGH e LOW Questa funzione imposta l'intervallo di tempo da attendere

17 Il protocollo I2C (1/2) Protocollo di comunicazione seriale di tipo master/slave con bus sincrono Sono presenti due linee di comunicazione dati: SDA (Serial DAta line) per i dati SCL (Serial Clock Line) per il clock Vi è inoltre la presenza di due linee di servizio: GND o massa Vdd alimentazione L'indirizzamento dei dispositivi avviene mediante indirizzi a 7 bit per un totale di 128 dispositivi di cui, però, 16 riservati scendendo ad un massimo di 112 effettivamente controllabili

18 Il protocollo I2C (2/2) Un bus I2C per poter operare ha bisogno di due nodi: Nodo master: dispositivo che emette il segnale di clock Nodo slave: nodo che si sincronizza sul segnale di clock senza poterlo controllare In generale ci sono 2 modi distinti di operare sia per il master che per lo slave (non mutuamente esclusivi durante una sessione di comunicazione): Un master trasmette, controlla il clock e invia dati agli slave Un master riceve, controlla il clock ma riceve dati dallo slave Lo slave trasmette, il dispositivo non controlla il clock ma invia dati al master Lo slave riceve, il dispositivo non controlla il clock e riceve dati dal master

19 Il nunchuk Wii (1/3) Il nunchuk wii dispone di: Un accelerometro su 3 assi (X, Y, Z) Una levetta capace di fornire la propria posizione rispetto agli assi X ed Y Due pulsanti Z e C Utilizza il protocollo I2C per comunicare con la Wii lo stato dei pulsanti, la posizione della levetta e i valori dell'accelerometro

20 Il nunchuk Wii (2/3) L'unica operazione che un dispositivo master può effettuare con il nunchuk wii è la lettura dei valori dei vari sensori e dei dispositivi presenti nel controller La lettura avviene quando il master richiede tale operazione, leggendo un pacchetto dati di 6 byte proveniente dal controller

21 Il nunchuk Wii (3/3) Il byte 0 contiene il valore dell'asse X della levetta mentre il byte 1 contiene il valore dell'asse Y. Variano tra 29 e 228 (circa) e sono valori interi senza segno ad 8 bit I valori di accelerazione lungo gli assi X,Y e Z sono numeri a 10 bit. I byte 2, 3 e 4 contengono gli 8 bit più significativi, mentre i due bit meno significativi sono contenuti all'interno del byte 5 Il byte 5 è suddiviso in gruppi di uno o più bit. Il bit 0, meno significativo, contiene lo stato del pulsante Z (0 se è premuto altrimenti vale 1). Il bit 1 contiene invece lo stato del pulsante C con medesima semantica del bit precedente. I restanti bit, come già detto, contengono i bit meno significativi dei valori di accelerazione

22 Collegamento con Arduino Collegamento fisico: Il plug del nunchuk possiede 6 connettori ma solo 4 di questi sono utilizzati. Il connettore Data andrà collegato al pin analogico 4 (A4) Il connettore Clock andrà collegato al pin analogico 5 (A5) Il connettore 3,3V al rispettivo pin su Arduino Il connettore GND al pin di massa su Arduino Il collegamento software verrà effettuato mediante l'interfaccia Wire disponibile con l'ide di Arduino

23 L'interfaccia Wire È una classe che consente la comunicazione mediante il protocollo I2C con il dispositivo 2-wire Serial Interface I principali metodi sono: begin() o begin(address) Inizializza la classe Wire ed il bus I2C begintrasmission(address) Comincia una comunicazione con un dispositivo slave avente l'indirizzo address endtrasmission() - Termina una comunicazione con un dispositivo slave send(byte) Invia un byte al dispositivo slave [vedi anche write()] requestfrom(address, count) Usato dal dispositivo master per richiedere count byte al dispositivo slave receive() - legge i byte ricevuti dal dispositivo slave [vedi anche read()]

24 Leggere dal Nunchuk (1/5) #include <Wire.h> unsigned char outbuf[6]; unsigned char joy_x_axis; unsigned char joy_y_axis; int cnt = 0; int z_button = 0; int c_button = 0; int dtime = 1000; Includo la libreria Wire.h Buffer dove verrà contenuto il pacchetto proveniente dal nunchuk Oggetto istanza della classe TwoWire definita all'interno della libreria Wire.h TwoWire link; void setup(){ Serial.begin (9600); link.begin (); nunchuck_init (); Serial.print ("Finished setup\n"); } Inizializzazione programma Metodo che inizializza la comunicazione tra master e slave

25 Leggere dal Nunchuk (2/5) void nunchuck_init(){ link.begintransmission (0x52); link.send (0x40); link.send (0x00); link.endtransmission (); } void send_zero(){ link.begintransmission (0x52); link.send (0x00); link.endtransmission (); } void loop(){ link.requestfrom (0x52, 6); while (link.available ()) { outbuf[cnt] = decode(link.receive()); cnt++; } cnt = 0; send_zero(); printnunchuckdata(); delay(dtime); } Procedura che avvia e gestisce l'handshake tra arduino ed il nunchuk Procedura che richiede al nunchuk di trasmettere un altro pacchetto dati Loop principale del programma che si occupa di decodificare il pacchetto proveniente dal nunchuk

26 Leggere dal Nunchuk (3/5) unsigned char decode ( unsigned char b ){ return ( b ^ 0x17 ) + 0x17; } void printnunchuckdata(){ joy_x_axis = outbuf[0]; joy_y_axis = outbuf[1]; unsigned int accel_x_axis = ( (unsigned int) (outbuf[2] << 2) ( outbuf[5] >> 2 & 0x03) ); unsigned int accel_y_axis = ( (unsigned int) (outbuf[3] << 2) ( outbuf[5] >> 4 & 0x03) ); unsigned int accel_z_axis = ( (unsigned int) (outbuf[4] << 2) ( outbuf[5] >> 6 & 0x03) ); unsigned char z_button = 0; unsigned char c_button = 0; Procedura di stampa dei valori letti dal nunchuk Funzione di decodifica di ogni byte proveniente dal nunchuk

27 Leggere dal Nunchuk (4/5) switch ( outbuf[5] & 0x03 ) { case 0: c_button = 0; z_button = 0; break; case 1: c_button = 0; z_button = 1; break; Lettura dei bit rappresentativi dello stato dei pulsanti presenti sul nunchuk case 2: c_button = 1; z_button = 0; break; } case 3: c_button = 1; z_button = 1; break;

28 Leggere dal Nunchuk (5/5) } Serial.print("Asse X: "); Serial.print(outbuf[0],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Asse Y: "); Serial.print(outbuf[1],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Acc X: "); Serial.print(outbuf[2],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Acc Y: "); Serial.print(outbuf[3],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Acc Z: "); Serial.print(outbuf[4],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Button Z: "); Serial.print(z_button,DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Button C: "); Serial.print(c_button,DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("\n"); Stampa sul monitor di tutti i valori (come interi positivi in base dieci) provenienti dal nunchuk mediante la classe Serial

29 Servomotori Particolare tipo di motore generalmente di piccola potenza, le cui condizioni operative, a differenza dei motori tradizionali, sono soggette ad ampie e spesso repentine variazioni sia nel campo della velocità che della coppia motrice, alle quali si deve adattare con la massima rapidità e precisione. Da un servomotore elettrico è generalmente richiesta bassa inerzia, elevata linearità tensione/velocità e corrente/coppia, rotazione (o traslazione) uniforme con bassa oscillazione di coppia angolare (o forza) senza posizioni preferenziali e capacità di sopportare picchi impulsivi di potenza. Possiede già all'interno tutta l'elettronica e la meccanica necessaria alla movimentazione e al controllo.

30 Collegamento e controllo Collegare un servomotore all'arduino è molto semplice. Di norma tali dispositivi prevedono tre cavi. Due di questi sono di alimentazione e vanno quindi collegati ai rispettivi slot della board (5V e GND). Il terzo cavo è solitamente usato per il controllo. Il controllo di un servomotore può essere effettuato collegando il cavo di controllo all'uscita PWM dell'arduino gestito dalla libreria, fornita dall'ide, Servo.h. La movimentazione sarà gestita mediante un apposito metodo che posizionerà il servomotore ad una specifica angolazione definita via software dal programmatore.

31 Controllare il servomotore (1/3) #include <Wire.h> #include <Servo.h>... TwoWire link; Servo Motor1; void setup(){ Istanza classi TwoWire e Servo Inclusione delle librerie Servo.h e Wire.h per il controllo rispettivamente del servomotore e nunchuk } link.begin (); nunchuck_init (); Motor1.attach(9); Inizializzazione del nunchuk e collegamento software del servomotore al pin 9 dell'arduino void nunchuck_init(){... } void send_zero(){... }

32 Controllare il servomotore (2/3) void loop(){ link.requestfrom (0x52, 6); while (link.available ()) { outbuf[cnt] = decode(link.receive()); cnt++; } Ricezione e decodifica di ogni byte ricevuto dal nunchuk cnt = 0; send_zero(); control(); delay(dtime); } unsigned char decode ( unsigned char b ){... } Avvio della procedura per il controllo del servomotore Funzione di decodifica

33 Controllare il servomotore (3/3) void control() { } unsigned char pos; pos = outbuf[0]; Motor1.write(pos); Lettura della posizione della levetta del nunchuk e posizionamento del servomotore NB. Questo piccolo esempio permette la semplice movimentazione del servomotore, ma non tiene conto di vari effetti di disturbo che potrebbero verificarsi muovendo la levetta del nunchuk. Ci sarebbe bisogno di una funzione che eliminasse i vari disturbi... lascio a voi il completamento del programma ^_^

34 Ringraziamenti Un sentito ringraziamento a chi ha permesso lo svolgersi di tutto questo: al Preside della Facoltà di Ingegneria dell'università degli Studi di Napoli Federico II: Prof. Piero Salatino e al Prof. Antonio Pescapè, nostro eterno supporter Ai ragazzi dell'associazione NaLug Napoli GNU/Linux Users Group

35 Riferimenti Riferimenti: Datasheet ATMega328P Luciano Esposito

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

ARDUINO. Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it

ARDUINO. Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it ARDUINO Ing. Francesco Giurlanda francesco.giurlanda@iet.unipi.it Cos'è ARDUINO? Il progetto nasce ad Ivrea, nel 2005. Obiettivo: realizzare un sistema di prototipizzazione economico. Al Maggio del 2011

Dettagli

Architettura del PIC 18F452

Architettura del PIC 18F452 Controllo Digitale a.a. 2005-2006 Architettura del PIC 18F452 Ing. Federica Pascucci PIC 18F452 Caratteristiche Frequenza operativa: 40 MHz Memorie: Program FLASH memory: 32 KBytes, 16 K-istruzioni memorizzabili

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Arduino UNO. Single board microcontroller

Arduino UNO. Single board microcontroller Arduino UNO Single board microcontroller Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware basata su un microcontrollore, per lo sviluppo di applicazioni che possono interagire con il mondo esterno.

Dettagli

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Candidato: Ardilio Angelica Classe: 5 B - I.T.I.S. Elettronica ed Elettrotecnica. T.P.S.E.E. Tecnologia & Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici ARDUINO.

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto Rossi Pietro Alberto Agenda Introduzione Hardware Software Programmazione, primi passi Protocolli di comunicazione Programmazione Conclusioni Introduzione Il Raspberry Pi è una scheda elettronica impementante

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009

Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Università di Ferrara Facoltà di Ingegneria Docente: Ing. Massimiliano Ruggeri Mail: m.ruggeri@imamoter.cnr.it mruggeri@ing.unife.it Tel. 0532/735631 Corso di Sistemi di Elaborazione A.A. 2008/2009 Durata:

Dettagli

Introduzione a Arduino

Introduzione a Arduino Introduzione a Arduino Gianpaolo Gonnelli gianpaolo.gonnelli@gmail.com Arduino 1 Contenu7 l Cosa è? l Da cosa è composto? l Alcuni componen7 u7li l Programmare Arduino l Esperimen7 l Comunicare col PC

Dettagli

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.

Arduino. Laboratorio Arduino Base. HackLab Terni. Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni. Laboratorio Base HackLab Terni Laboratorio aperto a tutti di elettronica, scienza e arte. hacklabterni.org Cos'è? è una piattaforma di prototipazione elettronica open-source basata su microcontrollore

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

K8076 Manuale utente

K8076 Manuale utente K8076 Manuale utente Informazioni generali 1. Introduzione La ringraziamo per aver acquistato e realizzato questo kit Velleman. Il K8076 rappresenta un programmatore per uso didattico, in grado di programmare

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 1 ª) gennaio 2015 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.istitutoprimolevi.gov.it

Dettagli

ARDUINO ARDUINODUE. la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti. New. New. futurashop.it. S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica

ARDUINO ARDUINODUE. la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti. New. New. futurashop.it. S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica ARDUINO la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti Realizza i tuoi progetti sfruttando questa innovativa piattaforma a basso costo, che mette

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Architettura dei calcolatori Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte

Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte Politecnico Open unix Labs 13 Aprile 2012 POuL Laboratorio microcontrollori e open source Prima parte 1/ 53 Introduzione Questo corso è una breve

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

PROGETTO ROBOT BIPEDE

PROGETTO ROBOT BIPEDE Esame di stato 2012/2013 PROGETTO ROBOT BIPEDE Dalla Pellegrina Ivan Indice Introduzione Progetto Ricerca I vantaggi della costruzione di un Robot Lista materiali (breve descrizione componenti) Principio

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione Architettura dei calcolatori

Calcolo numerico e programmazione Architettura dei calcolatori Calcolo numerico e programmazione Architettura dei calcolatori Tullio Facchinetti 30 marzo 2012 08:57 http://robot.unipv.it/toolleeo Il calcolatore tre funzionalità essenziali:

Dettagli

In questa puntata scopriremo

In questa puntata scopriremo TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259 - Gennaio 2007 Interfacce SPI, I2C e 1-Wire Ottava parte n 260 - Febbraio 2007 Uso

Dettagli

Caratteristiche HW. Clock Speed 16 MHz

Caratteristiche HW. Clock Speed 16 MHz ARDUINO YÚN Caratteristiche HW AVR Arduino Microcontroller ATmega32u4 Operating Voltage 5V Input Voltage 5V Digital I/O Pins 20 PWM Channels 7 Analog Input Channels 12 DC Current per I/O Pin 40 ma DC Current

Dettagli

Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena

Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Aldo Romani A.a. 2005-2006 UART UART Universal Asynchronous Receiver/Transmitter Clock implicito e trasmissione

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO PROGRAMMA Descrizione funzionale di un calcolatore elementare, COS'E' UN ELETTRONICO HARDWARE SOFTWARE HARDWARE

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI

CALCOLATORI ELETTRONICI CALCOLATORI ELETTRONICI Giuseppe Coldani Tel. 0382 985678 e-mail: giuseppe.coldani@unipv.it giuseppe.coldani@tin.it orario delle lezioni: Mercoledì 14.00-18.00 orario di ricevimento: su appuntamento 1

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino)

Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Gestione dell'interrupt con il microcontrollore ATMega328 (scheda Arduino) Un microcontrollore normalmente esegue le istruzioni nella sequenza definita in fase di programmazione (fig. 1). Comunque, il

Dettagli

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI 1 Microcontrollori? Molti prodotti utilizzati quotidianamente contengono più intelligenza di quanto ogni utente possa immaginare. Uno studio indica che ogni

Dettagli

Introduzione ai ai Microcontroller

Introduzione ai ai Microcontroller Corso di Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 26/04/2007 Introduzione ai ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti in tutto

Dettagli

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC

Capitolo. Interfacciamento di periferiche I/O con il PC. 1.1 Il BUS di espansione del PC Capitolo 1 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC 1.1 Il BUS di espansione del PC 1.2 Interfacciamento di periferiche I/O con il PC, con dispositivi non programmabili 1.3 Istruzioni per leggere

Dettagli

11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Un servomotore è un dispositivo capace di eseguire dei movimenti meccanici in funzione del

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

ARDUINO. Misurare e controllare. Riccardo Barberi. Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy

ARDUINO. Misurare e controllare. Riccardo Barberi. Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy ARDUINO Misurare e controllare Riccardo Barberi Dip. di Fisica Univ. Della Calabria Rende (CS), Italy Misurare In ambito scientifico le misure di grandezze fisiche permettono di studiare i fenomeni, verificare

Dettagli

Corso di Sistemi Automatici di Misura

Corso di Sistemi Automatici di Misura Corso di Sistemi Automatici di Misura GENERALITA SUL VXI BUS Oggi che i sistemi di misura automatici costituiscono una realtà consolidata, l interesse va spostandosi sempre più verso la qualità dell automazione

Dettagli

Livello logico digitale. bus e memorie

Livello logico digitale. bus e memorie Livello logico digitale bus e memorie Principali tipi di memoria Memoria RAM Memorie ROM RAM (Random Access Memory) SRAM (Static RAM) Basata su FF (4 o 6 transistor MOS) Veloce, costosa, bassa densità

Dettagli

La piattaforma hardware e software Arduino: parte I. Corso di autoapprendimento

La piattaforma hardware e software Arduino: parte I. Corso di autoapprendimento La piattaforma hardware e software Arduino: parte I (tempo di apprendimento previsto circa 2-3 ore) Introduzione Corso di autoapprendimento Prof. Angelo Monfroglio Questa è la prima parte di un corso di

Dettagli

Informatica di Base - 6 c.f.u.

Informatica di Base - 6 c.f.u. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica di Base - 6 c.f.u. Anno Accademico 2007/2008 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori I parte Introduzione,

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Qualche informazione sul microcontrollore PIC

Qualche informazione sul microcontrollore PIC Qualche informazione sul microcontrollore PIC Il Web contiene un ampia quantità di informazioni sui microcontrollori e sulla famiglia PIC in particolare. Accanto ai siti dei produttori hardware e software

Dettagli

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR

La macchina di Von Neumann. Central Processing Unit (CPU) Elementi base. Architettura computer. Bus di sistema MEMORIA CENTRALE PERIFERICHE A B INTR Architettura di un computer La macchina di Von Neumann Architettura organizzata secondo il modello della macchina di von Neumann definita nei tardi anni 40 all Institute for Advanced Study di Princeton.

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Programmazione di Base Variabili Array Funzioni Strutture di controllo Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 3^ parte Com è fatto Arduino Programmazione da USB Nota: Firmware: Insieme

Dettagli

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC

09-05-07. Introduzione ai microcontrollori PIC 09-05-07 Introduzione ai microcontrollori PIC Daniele Beninato: Nicola Trivellin: beninato@dei.unipd.it trive1@tin.it Che cosa è un microcontrollore? Un microcontrollore è un sistema a microprocessore

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

Laboratorio di Elettronica. Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione

Laboratorio di Elettronica. Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione Laboratorio di Elettronica Arduino Lezione 1 Descrizione della board e installazione 1 Lezione 1 - Arduino: introduzione ai componenti fondamentali - Hardware: microcontrollore e I/O - Software: come programmare

Dettagli

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso?

IZ1MHN e IW1ALX. Agenda. Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? IZ1MHN e IW1ALX Agenda Introduzione ad Arduino Arduino l hardware Arduino il software Alcune idee realizzabili con Arduino E se facessimo un corso? 1 Introduzione ad Arduino Cos è Arduino Un po di storia

Dettagli

Collegamento al sistema

Collegamento al sistema Collegamento al sistema Chi comanda il movimento della testina? Chi comanda la generazione del raggio laser? Chi si occupa di trasferire i dati letti in memoria centrale? Chi comanda la rotazione dei dischi?

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

Che cos'è Arduino? ARDUINO UNO

Che cos'è Arduino? ARDUINO UNO Che cos'è Arduino? Arduino è una piattaforma open-source utilizzata per la costruzione di progetti di elettronica e automazione. Arduino consiste in una scheda fisica programmabile con micro-controllore

Dettagli

ARDUINO Nuove opportunità' per la sperimentazione radioamatoriale Serata introduttiva per iniziare ad utilizzarlo

ARDUINO Nuove opportunità' per la sperimentazione radioamatoriale Serata introduttiva per iniziare ad utilizzarlo ARI SEZIONE VERONA IQ3VO ARDUINO Nuove opportunità' per la sperimentazione radioamatoriale Serata introduttiva per iniziare ad utilizzarlo IZ3HAE Davide Melchiori Cosa è arduino? E' un progetto open source

Dettagli

Corso Base Arduino ed Elettronica

Corso Base Arduino ed Elettronica Corso Base Arduino ed Elettronica Secondo incontro Saldatura e Relatore: Roberto Beligni rbeligni@altratecnoloiga.com L'ambiente di sviluppo L'ambiente di sviluppo di Arduino (Chiamato IDE) facilita la

Dettagli

ITC FOSSATI- DA PASSANO. Progetto sonar. A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo

ITC FOSSATI- DA PASSANO. Progetto sonar. A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo Progetto sonar A cura di: Bamonte Davide Bertagna Davide Canaccini Alessandro Celi Andrea Conti Thomas Filattiera Lorenzo A.S. 2013/2014 Classe 4 Q Pag. 1 Relazione Componenti hardware : Arduino1, basetta

Dettagli

La Memoria d Uso. La Memoria d Uso

La Memoria d Uso. La Memoria d Uso Fondamenti dell Informatica A.A. 2000-2001 La Memoria d Uso Prof. Vincenzo Auletta 1 Fondamenti dell Informatica A.A. 2000-2001 Memorie di Massa Processore CU e ALU Memorie di massa esterne La Memoria

Dettagli

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano Le Memorie interne: RAM, ROM, cache Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano 1 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria veloce abbastanza grande da contenere tutti i dati e i programmi

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

V31an Digital and Analog port expander with ARDUINO Nano

V31an Digital and Analog port expander with ARDUINO Nano V31an Digital and Analog port expander with ARDUINO Nano info@parsicitalia.com 1 Nota informativa Le informazioni contenute sul presente manuale tecnico sono state verificate con attenzione. Parsic Italia

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Percorsi Abilitanti Speciali A.A. 2013/2014 classe abilitazione C320 LABORATORIO MECCANICO TECNOLOGICO Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Pag. 2 SOMMARIO Presentazione delle caratteristiche

Dettagli

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A.

Sistemi Elettronici #1. Sistemi Elettronici. Definizioni e concetti generali. Sistemi Elettronici Laurea Triennale in Elettronica A.A. Sistemi Elettronici Definizioni e concetti generali Concetti generali Il microcontrollore è un dispositivo che raggruppa su un unico chip un processore ed un insieme di dispositivi CPU Memoria RAM Memoria

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Classe 5I2 AS. 2013/14 Niccolò Bulla Giorgia Novelli

Classe 5I2 AS. 2013/14 Niccolò Bulla Giorgia Novelli Obiettivo: Implementare un sistema che consenta la trasmissione, puramente ottica, di un messaggio in codice Morse tramite una stazione di trasmissione (sorgente) e una di ricezione. Lo scopo finale è

Dettagli

Sistema di Input/Output modulare e auto-configurante www.theremino.com

Sistema di Input/Output modulare e auto-configurante www.theremino.com 1 Sistema di Input/Output modulare e auto-configurante www.theremino.com Cos è Theremino Theremino è un sistema modulare e componibile, FREE e OPEN, progettato per interfacciare Windows, Linux, Android

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Architettura dei calcolatori DOTT. ING. LEONARDO RIGUTINI DIPARTIMENTO INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE UNIVERSITÀ DI SIENA VIA ROMA 56 53100 SIENA UFF. 0577234850-7102 RIGUTINI@DII.UNISI.IT HTTP://WWW.DII.UNISI.IT/~RIGUTINI/

Dettagli

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo IPSES S.r.l. Scientific Electronics MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo La gamma più completa per il controllo intelligente dei motori passo passo I nostri sistemi sono la soluzione

Dettagli

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino

Introduzione. Corso di Informatica Applicata. Università degli studi di Cassino Università degli studi di Cassino Corso di Laurea in Ingegneria della Produzione Industriale Corso di Informatica Applicata Introduzione Ing. Saverio De Vito e-mail: saverio.devito@portici.enea.it Tel.:

Dettagli

Free Software & Open Hardware

Free Software & Open Hardware Free Software & Open Hardware L o Arduino è una piattaforma hardware / software rilasciata sotto licenza Creative Commons che permette la realizzazione oggetti fisici interattivi, in grado di utilizzare

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors)

Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Microprocessori, Microcontrollori e DSP (Digital Signal Processors) Il microprocessore è un dispositivo integrato digitale che può essere programmato con una serie di istruzioni per effettuare una specifica

Dettagli

e automazione industriale

e automazione industriale Corso di Laurea Magistrale di Ingegneria Elettrica Corso di Sistemi e componenti per l automazione AA 2014-15 Azionamenti elettrici e automazione industriale Ezio Bassi, Francesco Benzi Università di Pavia

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

IL DSP - Digital Signal Processor

IL DSP - Digital Signal Processor IL DSP - Digital Signal Processor Processore dei segnali digitali 1. Generalità Il Digital Signal Processor (DSP, processore di segnali digitali) è un particolare tipo di microprocessore, ottimizzato per

Dettagli

LABORATORIO DI SISTEMI

LABORATORIO DI SISTEMI ALUNNO: Fratto Claudio CLASSE: IV B Informatico ESERCITAZIONE N : 1 LABORATORIO DI SISTEMI OGGETTO: Progettare e collaudare un circuito digitale capace di copiare le informazioni di una memoria PROM in

Dettagli

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014 Tonco Daniel Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni 1 2 Indice: Obiettivo Premessa Prime operazioni (foto allegate) Spiegazione montaggio

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Struttura del calcolatore

Struttura del calcolatore Struttura del calcolatore Proprietà: Flessibilità: la stessa macchina può essere utilizzata per compiti differenti, nessuno dei quali è predefinito al momento della costruzione Velocità di elaborazione

Dettagli

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT

LaurTec. RS232-CAN Protocol Converter. Versione N 1.0. Autore : Mauro Laurenti. email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Versione N 1.0 RS232-CAN Protocol Converter Autore : Mauro Laurenti email: info.laurtec@gmail.com ID: PJ2003-IT Copyright 2008 Mauro Laurenti 1/9 INFORMATIVA Come prescritto dall'art. 1, comma 1, della

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN PERSONAL COMPUTER

ARCHITETTURA DI UN PERSONAL COMPUTER ARCHITETTURA DI UN PERSONAL COMPUTER Processore Tastiera Mouse CD-ROM Bus Memoria FD HD Stampante La struttura logica Fisicamente l unità centrale è costituita da:... la gabbia per le schede (rack)...

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 5ª) giugno 2013 Giorgio Carpignano I.I.S. PRIMO LEVI C.so Unione Sovietica 490 (TO) Materiale didattico: www.iisprimolevi.it Servomotori

Dettagli

Automobile Bluetooth

Automobile Bluetooth Automobile Bluetooth Ivancich Stefano 17 Maggio 2015 SOMMARIO Di seguito s illustra un progetto di un automobile comandata da uno smartphone tramite la connessione Bluetooth. E stata presa una automobilina

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi

CORSO DI FORMAZIONE AS 2010/11. I MICROCONTROLLORI e ARDUINO. DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi CORSO DI FORMAZIONE IPSIA CASTIGLIANO AS 2010/11 I MICROCONTROLLORI e ARDUINO DOCENTE: Prof. Francesco Contalbi INTRODUZIONE E GENERALITA prof. Francesco Contalbi 2 Perché i Microcontrollori? Sono usatissimi

Dettagli

ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board 0216 - GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System

ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board 0216 - GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System Cod. Doc.: 88021600_rev10_FluctuS ExpBoard 0216 Manual Revisione: 1.0 Data: 17/05/2013 Pag. 1/14 ExpBoard 0216 Manual Expansion Board 0216 - GAS versione Base FluctuS http://www.e-fluctus.com Sommario

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione

UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) UNITÀ DI ELABORAZIONE (CPU) Opcode OpCode Operazione RCHITETTUR DI UN ELORTORE MCCHIN DI VON NEUMNN Ispirata al modello della Macchina di Von Neumann (Princeton, Institute for dvanced Study, anni 40). UNITÀ FUNZIONLI fondamentali Processore (CPU) Centrale

Dettagli

Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net

Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2013 2014 Il Bus SPI (Serial Peripheral Interface) Vedi anche: l interfaccia SPI di Mauro Laurenti [http://www.laurtec.it] Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net

Dettagli

Hardware interno. Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra. Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia

Hardware interno. Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra. Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Hardware interno Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Hardware A prima vista... Alimentazione PC e Monitor Lettore DVD Porte Ps/2

Dettagli

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware

Lezione 1 Caratteristiche principali del PIC16C84 L'hardware Lezione 1 Nella prima lezione del corso, cercheremo di comprendere come sia fatto internamente il controller più conosciuto di Microchip, ovvero il PIC16C84 poi evoluto nel PIC16F84. Sebbene i microcontroller

Dettagli

MACCHINA DI VON NEUMANN

MACCHINA DI VON NEUMANN I seguenti appunti non hanno la pretesa di essere esaustivi, ma hanno l unico scopo di illustrare in modo schematico i concetti necessari allo sviluppo del programma di Informatica della 1D del Liceo Scientifico

Dettagli