PIT 2012:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIT 2012: Workshop@UniNA"

Transcript

1 PIT 2012: Arduino: Open Hardware - a cura di Luciano Esposito - con il patrocinio del Preside della Facoltà di Ingegneria dell'università degli Studi di Napoli Federico II: Prof. Piero Salatino e con il sostengo del Prof. Antonio Pescapè Comics Unina Research Group

2 Indice Argomenti trattati Cos'è Arduino e com'è fatto IDE e processo di sviluppo Programmazione su Arduino Il protocollo I2C Controllo di dispositivi esterni Propedeuticità Buona conoscenza del C/C++ Rudimenti di architettura dei calcolatori Un po' di elettronica di base

3 Cos'è Arduino? È una piattaforma di sviluppo software e fornisce un supporto per la prototipazione rapida di hardware È compatibile con tutti i sistemi operativi Lo sviluppo software si basa su un semplice ed intuitivo IDE (Integrated Develpment Environment) È controllabile tramite USB Gli schemi elettrici ed il codice sorgente degli applicativi a supporto (IDE, compilatore, programmatore, ecc.) sono disponibili in rete: open hardware e open software Progetto COMPLETAMENTE italiano

4 Com'è fatto? Il cuore principale di Arduino è il chip Atmega della Atmel Possiede numerosi slot di I/O sia analogici sia digitali Dispone di due slot da 3,3V e 5V per alimentare circuiti esterni Utilizza un connettore USB per alimentazione e/o controllo, ed un connettore standard per l'alimentazione

5 Il microcontrollore Atmega 328P All'interno del chip Atmega non è presente solo un processore ma un intero sistema di elaborazione che più tecnicamente è detto SoC (system-on-a-chip). Troveremo infatti oltre alla CPU anche: EEPROM (Electrically Erasable Programmable Read-Only Memory) memoria non volatile Memoria RAM Registri e dispositivi I/O Dispositivo per la comunicazione seriale (USART) Oscillatore Convertitori A/D e D/A (SAR e DAC ) Ecc...

6 La CPU AVR È di tipo RISC (Reduced Instruction Set Computer). Istruzioni a lunghezza variabile con PC (Program Counter) a 14 bit Utilizza un'architettura che separa la memoria istruzioni dalla memoria dei dati (tipo Harvard) Possiede una pipeline a singolo stadio (solo prefetch) capace di eseguire una singola istruzione per periodo di clock Gestisce le interruzioni Possiede 32 registri ad 8 bit general purpose Possiede lo stack register ed un set di istruzioni che ne permettono la gestione Cinque modi di indirizzamento (Diretto, Indiretto, Indiretto con offset, Indiretto con pre e post incremento)

7 Le memorie AVR (1/2) Il microcontrollore ATMega 328P possiede due spazi di memoria fondamentali: la memoria istruzioni (Memory Flash) e la memoria dati (SDRAM) Memoria Istruzioni è organizzata in due spazi: Boot Flash Section (solo read) e Application Flash Section (capacità di 32 Kbyte ma con un parallelismo di 16 bit) Memoria Dati è organizzata secondo l'indirizzo di memoria: Indirizzi da 0x0000 a 0x001F accedono ai 32 registri general purpose Indirizzi da 0x0020 a 0x005F accedono a 64 registri I/O Indirizzi da 0x0060 a 0x00FF accedono 160 Extended register I/O Indirizzi da 0x0100 a 0x08FF accedono alla SRAM interna (capacità 2Kbyte)

8 Le memorie AVR (2/2) È presente all'interno del chip anche una memoria EEPROM da 1KByte accessibile mediante 3 registri utilizzando particolari istruzioni Registro EEAR (EEPROM Address Register) a 16 bit Registro EEDR (EEPROM Data Register) a 8 bit Registro EECR (EEPROM Control Register) a 8 bit

9 I dispositivi I/O (1/2) Sono presenti all'interno del chip diversi dispositivi per gestire i vari I/O: 8-bit e 16-bit Timer/Counter con PWM Si tratta di dispositivi in grado di generare un segnale utilizzando la tecnica PWM (Pulse-Width Modulation) che consente di ottenere una tensione media variabile che dipende dalla durata e dall'ampiezza di ogni singolo impulso. Tale dispositivo utilizza un contatore a 8 o 16 bit per ottenere tale tensione. USART (Universal Synchronous and Asynchronous serial Receiver and Transmitter) Tale dispositivo converte flussi di bit di dati da un formato parallelo a un formato seriale asincrono (o sincrono) o viceversa. Può operare sia in modalità slave sia in modalità master

10 I dispositivi I/O (2/2) Convertitore A/D a 10 bit Tale dispositivo permette di trasformare un segnale analogico in un segnale numerico. Il microcontrollore usa un convertitore a successive approssimazioni (SAR) con un circuito del tipo Sample and Hold per mantenere costante il livello di tensione acquisito. La tensione di riferimento interna è di 1,1V altrimenti può essere impostata o dall'esterno mediante il pin AREF (Analog REFerence) o utilizzando la tensione che Arduino può erogare a circuiti esterni (5V o 3,3V) 2-wire Serial Interface Si tratta di un dispositivo capace di connettere al microcontrollore ulteriori dispositivi, fino ad un massimo di 128, utilizzando solo due fili uno per i dati (SDA) ed uno per il clock (SCL)

11 Ulteriori dispositivi Dispositivi per la generazione e gestione di più clock Gestione dell'alimentazione e risparmio energetico (sleep mode, idle mode, power-save mode, ecc...) Timer watchdog Dispositivi per il controllo delle cause di reset, registri per il controllo dei timer watchdog, ecc... Vettore per il controllo delle interruzioni interne ed esterne debugwire on-chip sistema che utilizza un'interfaccia bidirezionale per controllare il flusso del programma e per scrivere all'interno delle memorie non volatili (EEPROM e FLASH)

12 Il ciclo di sviluppo SW (1/3) Il nostro programma (o sketch) deve passare attraverso tre fasi prima di poter essere eseguito su Arduino. Similmente al processo di sviluppo di un programma in C/C++ le fasi sono: Pre-proccessing Compilazione e collegamento Caricamento sulla board

13 Il ciclo di sviluppo SW (2/3) L'ambiente di sviluppo di Arduino compie alcune trasformazioni allo sketch prima di compilarlo. Fase 1: Pre-proccessing 1 - Aggiunge allo sketch la libreria WProgram.h che contiene tutte le definizioni delle funzioni necessarie alla propria board Arduino per poter funzionare 2 - L'ambiente di sviluppo cerca le definizioni delle funzioni scritte dall'utente e ne crea i prototipi, cioè le dichiarazioni 3 - Il preprocessore inserisce tutti i prototipi di funzione ed i vari statements #include prima del blocco di definizione delle variabili o dei tipi strutturati.

14 Il ciclo di sviluppo SW (3/3) Fase 2: Compilazione e collegamento Lo sketch così completo è compilato tramite i compilatori avr-gcc e avr-g++ secondo l'architettura e le esigenze della propria board Arduino. Si generano così file con estensione.o (file oggetto) che vengono successivamente collegati dal linker, insieme alle librerie, arrivando infine ad un unico file con estensione.hex Fase 3: Caricamento sulla board Il file.hex, risultato finale della compilazione, viene caricato dal programma avrdude sulla board. Il processo di caricamento viene eseguito controllando alcune variabili di configurazione tipiche della board sulla quale si dovrà caricare lo sketch (nome della board, tipo di microcontrollore, tipo di bootloader, ecc..)

15 L'IDE di sviluppo Tutte le fasi viste in precedenza sono trasparenti all'utente e vengono effettuate dall'ide (Integrated Develpment Environment) di Arduino Possiede un'interfaccia semplice ed intuitiva ed è disponibile per tutti i sistemi operativi. Applicazione open source

16 Programmare su Arduino Analizziamo un semplice esempio: La procedura setup() è utile per permettere l'inizializzazione di alcune funzioni tipiche di Arduino La procedura loop() gestisce il ciclo principale del programma const unsigned int LED_PIN = 13; const unsigned int PAUSE = 500; void setup() { pinmode(led_pin,output); } void loop(){ } digitalwrite(led_pin, HIGH); delay(pause); digitalwrite(led_pin, LOW); delay(pause); Questa funzione imposta il pin 13 sulla scheda Arduino come output elettronico Queste funzioni permettono di impostare il valore alto o basso (5V) sul pin 13 mediante il tag HIGH e LOW Questa funzione imposta l'intervallo di tempo da attendere

17 Il protocollo I2C (1/2) Protocollo di comunicazione seriale di tipo master/slave con bus sincrono Sono presenti due linee di comunicazione dati: SDA (Serial DAta line) per i dati SCL (Serial Clock Line) per il clock Vi è inoltre la presenza di due linee di servizio: GND o massa Vdd alimentazione L'indirizzamento dei dispositivi avviene mediante indirizzi a 7 bit per un totale di 128 dispositivi di cui, però, 16 riservati scendendo ad un massimo di 112 effettivamente controllabili

18 Il protocollo I2C (2/2) Un bus I2C per poter operare ha bisogno di due nodi: Nodo master: dispositivo che emette il segnale di clock Nodo slave: nodo che si sincronizza sul segnale di clock senza poterlo controllare In generale ci sono 2 modi distinti di operare sia per il master che per lo slave (non mutuamente esclusivi durante una sessione di comunicazione): Un master trasmette, controlla il clock e invia dati agli slave Un master riceve, controlla il clock ma riceve dati dallo slave Lo slave trasmette, il dispositivo non controlla il clock ma invia dati al master Lo slave riceve, il dispositivo non controlla il clock e riceve dati dal master

19 Il nunchuk Wii (1/3) Il nunchuk wii dispone di: Un accelerometro su 3 assi (X, Y, Z) Una levetta capace di fornire la propria posizione rispetto agli assi X ed Y Due pulsanti Z e C Utilizza il protocollo I2C per comunicare con la Wii lo stato dei pulsanti, la posizione della levetta e i valori dell'accelerometro

20 Il nunchuk Wii (2/3) L'unica operazione che un dispositivo master può effettuare con il nunchuk wii è la lettura dei valori dei vari sensori e dei dispositivi presenti nel controller La lettura avviene quando il master richiede tale operazione, leggendo un pacchetto dati di 6 byte proveniente dal controller

21 Il nunchuk Wii (3/3) Il byte 0 contiene il valore dell'asse X della levetta mentre il byte 1 contiene il valore dell'asse Y. Variano tra 29 e 228 (circa) e sono valori interi senza segno ad 8 bit I valori di accelerazione lungo gli assi X,Y e Z sono numeri a 10 bit. I byte 2, 3 e 4 contengono gli 8 bit più significativi, mentre i due bit meno significativi sono contenuti all'interno del byte 5 Il byte 5 è suddiviso in gruppi di uno o più bit. Il bit 0, meno significativo, contiene lo stato del pulsante Z (0 se è premuto altrimenti vale 1). Il bit 1 contiene invece lo stato del pulsante C con medesima semantica del bit precedente. I restanti bit, come già detto, contengono i bit meno significativi dei valori di accelerazione

22 Collegamento con Arduino Collegamento fisico: Il plug del nunchuk possiede 6 connettori ma solo 4 di questi sono utilizzati. Il connettore Data andrà collegato al pin analogico 4 (A4) Il connettore Clock andrà collegato al pin analogico 5 (A5) Il connettore 3,3V al rispettivo pin su Arduino Il connettore GND al pin di massa su Arduino Il collegamento software verrà effettuato mediante l'interfaccia Wire disponibile con l'ide di Arduino

23 L'interfaccia Wire È una classe che consente la comunicazione mediante il protocollo I2C con il dispositivo 2-wire Serial Interface I principali metodi sono: begin() o begin(address) Inizializza la classe Wire ed il bus I2C begintrasmission(address) Comincia una comunicazione con un dispositivo slave avente l'indirizzo address endtrasmission() - Termina una comunicazione con un dispositivo slave send(byte) Invia un byte al dispositivo slave [vedi anche write()] requestfrom(address, count) Usato dal dispositivo master per richiedere count byte al dispositivo slave receive() - legge i byte ricevuti dal dispositivo slave [vedi anche read()]

24 Leggere dal Nunchuk (1/5) #include <Wire.h> unsigned char outbuf[6]; unsigned char joy_x_axis; unsigned char joy_y_axis; int cnt = 0; int z_button = 0; int c_button = 0; int dtime = 1000; Includo la libreria Wire.h Buffer dove verrà contenuto il pacchetto proveniente dal nunchuk Oggetto istanza della classe TwoWire definita all'interno della libreria Wire.h TwoWire link; void setup(){ Serial.begin (9600); link.begin (); nunchuck_init (); Serial.print ("Finished setup\n"); } Inizializzazione programma Metodo che inizializza la comunicazione tra master e slave

25 Leggere dal Nunchuk (2/5) void nunchuck_init(){ link.begintransmission (0x52); link.send (0x40); link.send (0x00); link.endtransmission (); } void send_zero(){ link.begintransmission (0x52); link.send (0x00); link.endtransmission (); } void loop(){ link.requestfrom (0x52, 6); while (link.available ()) { outbuf[cnt] = decode(link.receive()); cnt++; } cnt = 0; send_zero(); printnunchuckdata(); delay(dtime); } Procedura che avvia e gestisce l'handshake tra arduino ed il nunchuk Procedura che richiede al nunchuk di trasmettere un altro pacchetto dati Loop principale del programma che si occupa di decodificare il pacchetto proveniente dal nunchuk

26 Leggere dal Nunchuk (3/5) unsigned char decode ( unsigned char b ){ return ( b ^ 0x17 ) + 0x17; } void printnunchuckdata(){ joy_x_axis = outbuf[0]; joy_y_axis = outbuf[1]; unsigned int accel_x_axis = ( (unsigned int) (outbuf[2] << 2) ( outbuf[5] >> 2 & 0x03) ); unsigned int accel_y_axis = ( (unsigned int) (outbuf[3] << 2) ( outbuf[5] >> 4 & 0x03) ); unsigned int accel_z_axis = ( (unsigned int) (outbuf[4] << 2) ( outbuf[5] >> 6 & 0x03) ); unsigned char z_button = 0; unsigned char c_button = 0; Procedura di stampa dei valori letti dal nunchuk Funzione di decodifica di ogni byte proveniente dal nunchuk

27 Leggere dal Nunchuk (4/5) switch ( outbuf[5] & 0x03 ) { case 0: c_button = 0; z_button = 0; break; case 1: c_button = 0; z_button = 1; break; Lettura dei bit rappresentativi dello stato dei pulsanti presenti sul nunchuk case 2: c_button = 1; z_button = 0; break; } case 3: c_button = 1; z_button = 1; break;

28 Leggere dal Nunchuk (5/5) } Serial.print("Asse X: "); Serial.print(outbuf[0],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Asse Y: "); Serial.print(outbuf[1],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Acc X: "); Serial.print(outbuf[2],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Acc Y: "); Serial.print(outbuf[3],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Acc Z: "); Serial.print(outbuf[4],DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Button Z: "); Serial.print(z_button,DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("Button C: "); Serial.print(c_button,DEC); Serial.print("\t"); Serial.print("\n"); Stampa sul monitor di tutti i valori (come interi positivi in base dieci) provenienti dal nunchuk mediante la classe Serial

29 Servomotori Particolare tipo di motore generalmente di piccola potenza, le cui condizioni operative, a differenza dei motori tradizionali, sono soggette ad ampie e spesso repentine variazioni sia nel campo della velocità che della coppia motrice, alle quali si deve adattare con la massima rapidità e precisione. Da un servomotore elettrico è generalmente richiesta bassa inerzia, elevata linearità tensione/velocità e corrente/coppia, rotazione (o traslazione) uniforme con bassa oscillazione di coppia angolare (o forza) senza posizioni preferenziali e capacità di sopportare picchi impulsivi di potenza. Possiede già all'interno tutta l'elettronica e la meccanica necessaria alla movimentazione e al controllo.

30 Collegamento e controllo Collegare un servomotore all'arduino è molto semplice. Di norma tali dispositivi prevedono tre cavi. Due di questi sono di alimentazione e vanno quindi collegati ai rispettivi slot della board (5V e GND). Il terzo cavo è solitamente usato per il controllo. Il controllo di un servomotore può essere effettuato collegando il cavo di controllo all'uscita PWM dell'arduino gestito dalla libreria, fornita dall'ide, Servo.h. La movimentazione sarà gestita mediante un apposito metodo che posizionerà il servomotore ad una specifica angolazione definita via software dal programmatore.

31 Controllare il servomotore (1/3) #include <Wire.h> #include <Servo.h>... TwoWire link; Servo Motor1; void setup(){ Istanza classi TwoWire e Servo Inclusione delle librerie Servo.h e Wire.h per il controllo rispettivamente del servomotore e nunchuk } link.begin (); nunchuck_init (); Motor1.attach(9); Inizializzazione del nunchuk e collegamento software del servomotore al pin 9 dell'arduino void nunchuck_init(){... } void send_zero(){... }

32 Controllare il servomotore (2/3) void loop(){ link.requestfrom (0x52, 6); while (link.available ()) { outbuf[cnt] = decode(link.receive()); cnt++; } Ricezione e decodifica di ogni byte ricevuto dal nunchuk cnt = 0; send_zero(); control(); delay(dtime); } unsigned char decode ( unsigned char b ){... } Avvio della procedura per il controllo del servomotore Funzione di decodifica

33 Controllare il servomotore (3/3) void control() { } unsigned char pos; pos = outbuf[0]; Motor1.write(pos); Lettura della posizione della levetta del nunchuk e posizionamento del servomotore NB. Questo piccolo esempio permette la semplice movimentazione del servomotore, ma non tiene conto di vari effetti di disturbo che potrebbero verificarsi muovendo la levetta del nunchuk. Ci sarebbe bisogno di una funzione che eliminasse i vari disturbi... lascio a voi il completamento del programma ^_^

34 Ringraziamenti Un sentito ringraziamento a chi ha permesso lo svolgersi di tutto questo: al Preside della Facoltà di Ingegneria dell'università degli Studi di Napoli Federico II: Prof. Piero Salatino e al Prof. Antonio Pescapè, nostro eterno supporter Ai ragazzi dell'associazione NaLug Napoli GNU/Linux Users Group

35 Riferimenti Riferimenti: Datasheet ATMega328P Luciano Esposito

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

ARDUINO UNO. Programmazione avanzata e Librerie di sistema VISPA. Simone Majocchi. Sommario. Edizioni

ARDUINO UNO. Programmazione avanzata e Librerie di sistema VISPA. Simone Majocchi. Sommario. Edizioni ARDUINO UNO Programmazione avanzata e Librerie di sistema di Simone Majocchi VISPA Edizioni Sommario i ii Sommario Prefazione 0 Un bel po di anni fa ero un ragazzino appassionato di elettronica che consumava

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded

Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Microelettronica Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded Introduzione prof. Stefano Salvatori A.A. 2014/2015 Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo documento sono

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Realizzazione di un sistema timesharing Materiale didattico a cura di: Prof. A. Mazzeo Ing. L. Romano Ing. L. Coppolino Ing. A. Cilardo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Arduino. Board-IDE-Shield. DII - Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Comunicazioni Wireless

Arduino. Board-IDE-Shield. DII - Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Comunicazioni Wireless DII - Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Comunicazioni Wireless Arduino Board-IDE-Shield Samuele Gasparrini s.gasparrini@univpm.it Laura Montanini laura.montanini@univpm.it Schema lezione

Dettagli

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL

CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL CIRCUITI INTEGRATI Costruzione di circuiti (logici e non) su un substrato di silicio. Non solo la parte attiva, ma anche le connessioni tra le porte. Incredibile miglioramento nelle prestazioni, nell affidabilità

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210

1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210 1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210 Il software Mercedes Commander è in grado di generare i file

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Si disegni lo schema di un flip-flop master-slave S-R sensibile ai fronti di salita e

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

I μ-controllori ARM: la logica RISC

I μ-controllori ARM: la logica RISC I μ-controllori ARM: la logica RISC I μ-controllori ARM (ARM è l acronimo di Advanced RISC Machines Ltd) sono molto interessanti perché basati su di una architettura di funzionamento diversa da quella

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

PROGETTI CON ARDUINO UNO

PROGETTI CON ARDUINO UNO PROGETTI CON ARDUINO UNO -Introduzione alla scheda Arduino- www.arduino.cc sistemisds.altervista.org Gennaio 2015 - Sergio De Sordi Dispositivo interattivo sensori Arduino attuatori Comportamento software

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design Power Fail Rx Tx Dout QEED www.q.it info@q.it CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC . Guida alle FM 35x. 1 ... 1 Guida alle FM 35x.... 1 Tipologie d Encoder... 4 Acquisizione degli encoder con S7-300 e S7-400.... 4 Conteggio e misura.... 6 Modalità di conteggio... 6 Posizionamento con

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Tradurre in linguaggio assembly MIPS il seguente frammento di

Dettagli

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO PD32 Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO Domanda #5 14/09/2000 Si dispone di un PD32 per effettuare il collaudo di un circuito integrato combinatorio con 5 ingressi e una uscita,

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Cas Interface 2 - Manuale Utente www.duolabs.com tutti i diritti sono riservati. Cas Interface 2 & Add-On. Manuale Utente.

Cas Interface 2 - Manuale Utente www.duolabs.com tutti i diritti sono riservati. Cas Interface 2 & Add-On. Manuale Utente. Cas Interface 2 & Add-On Manuale Utente Italiano - 9 settembre 2004-1 2003-2004 Duolabs srl Duolabs, Cas interface2, Cas Interface Studio, Cas Interface 2 sono marchi di fabbrica di Duolabs srl in Italia

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C.:luxx:. PREMESSE In questa guida non verranno trattati i costrutti di flusso, le funzioni, o comunque le caratteristiche del linguaggio, che si danno come presupposte.

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

VIP X1/VIP X2 Server video di rete

VIP X1/VIP X2 Server video di rete VIP X1/VIP X2 Server video di rete IT 2 VIP X1/VIP X2 Guida all'installazione rapida Attenzione Leggere sempre attentamente le misure di sicurezza necessarie contenute nel relativo capitolo del manuale

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Architettura MIPS (RISC) Architetture dei Calcolatori (Lettere. Principi di Progettazione ISA MIPS MIPS R3000 ISA. Il Set di Istruzioni MIPS

Architettura MIPS (RISC) Architetture dei Calcolatori (Lettere. Principi di Progettazione ISA MIPS MIPS R3000 ISA. Il Set di Istruzioni MIPS Architettura MIPS (RISC) Architetture dei Calcolatori (Lettere A-I) Il Set di Istruzioni MIPS Ing.. Francesco Lo Presti Sviluppata e progettata a Stanford (USA) Progettata nei primi anni 80 Prodotta e

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC

ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC Syllabus 5.0 Roberto Albiero Modulo 1 Concetti di base dell ICT Questo modulo permetterà al discente di comprendere i concetti fondamentali delle Tecnologie dell Informazione

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli