ANNO ACCADEMICO 2009/2010: GIURISPRUDENZA RELATIVA AI DELITTI CONTRO IL PATRIMONIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO ACCADEMICO 2009/2010: GIURISPRUDENZA RELATIVA AI DELITTI CONTRO IL PATRIMONIO"

Transcript

1 FURTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010: GIURISPRUDENZA RELATIVA AI DELITTI CONTRO IL PATRIMONIO Cass. pen., sez. V, , n Sussiste il reato di furto consumato e non tentato nel caso in cui l agente si impossessi all interno di un centro commerciale di un portafoglio sottraendolo con destrezza, sia pure per un breve lasso di tempo, al controllo del proprietario che accortosi abbia seguito e bloccato l imputato. Cass. pen., sez. V, Difetta il requisito dell altruità della cosa, richiesto per la configurabilità del reato di furto, qualora l agente, proprietario di prodotti semilavorati consegnati per l ulteriore lavorazione ad altro soggetto, li sottragga a quest ultimo dopo che la detta lavorazione sia stata effettuata. Cass. pen., sez. V, Costituisce furto consumato e non tentato quello che si commette all atto del superamento della barriera delle casse di un supermercato con della merce prelevata dai banchi e sottratta al pagamento, nulla rilevando che il fatto sia avvenuto sotto il costante controllo del personale del supermercato incaricato della sorveglianza. Cass. pen., sez. IV, Per la consumazione del reato di furto è sufficiente che la cosa sottratta sia passata sotto il dominio esclusivo dell agente anche se per breve tempo e senza spostamento dal luogo della sottrazione (fattispecie nella quale l autore del furto, dopo aver sottratto il corpo di reato dalla cassaforte dell ufficio, lo aveva riposto all interno della sua autovettura parcheggiata nel cortile dell edificio, essendo poco dopo sorpreso dalle forze dell ordine). Cass. pen., sez. V, , n La differenza tra furto con strappo e rapina risiede nella direzione della violenza, giacché è configurabile la rapina quando il fatto è commesso mediante violenza alla persona, mentre ricorre il furto quando la violenza è immediatamente rivolta verso la cosa e solo in via del tutto indiretta attinge la persona che la detiene. Cass. pen., sez. IV, Il dipendente di una ditta di trasporti che sottragga la merce a lui affidata commette il reato di furto e non già quello di appropriazione indebita, atteso che le operazioni materiali di cui è incaricato (trasporto, deposito, conservazione e consegna) non gli conferiscono quell effettivo potere di autonoma disponibilità dei beni affidatigli, che è invece presupposto necessario della fattispecie di cui all art. 646 c.p.p. Cass. pen., sez. V, Nel delitto di furto sussiste l aggravante dell utilizzo di mezzo fraudolento qualora il soggetto attivo si impossessi della merce sottratta dai banchi di un supermercato, occultandola sulla propria persona, in quanto tale condotta, improntata ad astuzia e scaltrezza, è preordinata ad eludere gli accorgimenti a tutela dei beni e, nella specie, i controlli predisposti dagli addetti alla cassa del supermercato. Cass. pen., sez. V,

2 Sussiste l aggravante di cui all art. 625, 1º comma, n. 7 c.p. - sub specie di esposizione della cosa per necessità o per consuetudine o per destinazione alla pubblica fede - nel caso in cui il soggetto attivo si impossessi di effetti personali sottratti ai bagnanti sulla spiaggia, in quanto rientra nelle abitudini sociali e nella pratica di fatto lasciare incustoditi tali oggetti da coloro che abbandonino temporaneamente la spiaggia per andare a fare il bagno. Cass. pen., sez. V, , n Integra il delitto di furto aggravato da mezzo fraudolento - e non quello di truffa - la condotta di colui che si faccia consegnare, adducendo un pretesto che implichi l intesa di un immediata restituzione, un bene (nella specie anello di brillanti e telefono cellulare) e riparta d improvviso con la propria auto, in quanto quest ultima condotta integra lo spossessamento «invito domino», poiché il soggetto passivo si è privato materialmente dal bene in via del tutto provvisoria e senza la volontà di spossessarsene, mantenendo anzi con la propria presenza il controllo su di esso, vanificato dall improvviso dileguarsi dell autore del reato. Cass. pen., sez. IV, , n In tema di furto, la causa di non punibilità prevista dall art. 649 c.p. ha natura personale, con la conseguenza che non si estende all eventuale concorrente. FURTO IN ABITAZIONE E FURTO CON STRAPPO Cass. pen., sez. IV, , n L art. 624 bis c.p. (furto in abitazione e furto con strappo) prevede autonome figure di reato e non circostanze aggravanti del furto semplice. Cass. pen., sez. IV, Ai fini della sussistenza del delitto di furto in abitazione di cui all art. 624 bis c.p., «luogo destinato a privata dimora» deve intendersi qualsiasi luogo, non pubblico, in cui una persona si trattenga, in modo permanente oppure transitorio e contingente, per compiere atti di vita privata o attività lavorative. Cass. pen., sez. IV, , n Integra il reato previsto dall art. 624 bis c.p., la condotta del soggetto che, per commettere un furto, si introduca all interno di una farmacia durante l orario di apertura, poiché il concetto di privata dimora è più ampio di quello di abitazione, ricomprendendo tutti i luoghi non pubblici nei quali le persone si trattengano per compiere, anche in modo transitorio e contingente, atti della vita privata. Cass. pen., sez. IV, , n La nozione di luogo destinato a privata dimora di cui all art. 624 bis c.p. comprende qualsiasi luogo, non pubblico, in cui una persona si trattenga, in modo permanente oppure transitorio e contingente, per compiere atti di vita privata o attività lavorative (nel caso di specie, un estraneo si era introdotto nello spogliatoio destinato agli avvocati in un palazzo di giustizia, sottraendo un capo di abbigliamento). Cass. pen., sez. II, È configurabile il furto con strappo quando la violenza è immediatamente rivolta verso la cosa e solo in via del tutto indiretta verso la persona che la detiene, anche se, a causa della relazione fisica intercorrente tra cosa sottratta e possessore, può derivare una ripercussione indiretta e involontaria sulla vittima, mentre ricorre la rapina allorché la res è particolarmente aderente al corpo del possessore e questi, istintivamente e deliberatamente, contrasta la sottrazione, cosicché la violenza 2

3 necessariamente si estende alla sua persona, dovendo l agente vincerne la resistenza e non solo superare la forza di coesione inerente al normale contatto della cosa con essa. FURTI MINORI Cass. pen., sez. V, Rientra nella fattispecie di cui all art. 626, 1º comma, n. 3, c.p. (furto punibile a querela dell offeso, previsto dall art. 626, 1º comma, n. 3 c.p.) - che consiste nel fatto di spigolare, rastrellare o raspollare nei fondi altrui, non ancora spogliati interamente del raccolto - anche l ipotesi in cui, sussistendo segnali concreti della non volontà dell avente diritto di procedere al raccolto, l apprensione abusiva cada esclusivamente su prodotti vegetali (nella specie olive) da ritenere, comunque, destinati a sfuggire ad una eventuale iniziativa in tal senso, per essere caduti a terra e per richiedere a causa della loro specifica natura la lavorazione a brevissimo termine. APPROPRIAZIONE INDEBITA Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di appropriazione indebita la condotta del datore di lavoro che omette di versare nel termine assegnato le somme di denaro trattenute a titolo di contributi previdenziali sui compensi spettanti al lavoratore. Cass. pen., sez. II, , n Non integra il delitto di appropriazione indebita, risolvendosi un mero inadempimento civilistico, la corresponsione della retribuzione ai dipendenti in misura inferiore a quella risultante dalla busta paga, perché la differenza di denaro che il datore di lavoro trattiene per sé non costituisce parte del patrimonio dei dipendenti. Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di appropriazione indebita la condotta dell esercente la professione forense che trattenga somme riscosse a nome e per conto del cliente ancorché egli sia, a sua volta, creditore di quest ultimo per spese e competenze relative ad incarichi professionali espletati, salva la dimostrazione non solo dell esistenza del credito, ma anche della sua esigibilità e del suo preciso ammontare. Cass. pen., sez. II, , n Il reato di appropriazione indebita si consuma nel momento in cui l agente tiene consapevolmente un comportamento oggettivamente eccedente la sfera delle facoltà ricomprese nel titolo del suo possesso ed incompatibile con il diritto del titolare, in quanto significativo dell immutazione del mero possesso in dominio, senza che sia necessario che la parte offesa formuli un esplicita e formale richiesta di restituzione dello specifico bene oggetto della interversione del possesso (nella specie, dalla situazione maturata fra le parti - separazione con allontanamento della parte offesa dalla casa di abitazione senza il ritiro dei propri oggetti personali e dell autovettura - si è dedotto che l imputato avesse avuto modo di comprendere perfettamente di trattenere presso di sé oggetti appartenenti alla parte offesa, con conseguente integrazione del reato di cui Cass. pen., sez. II, Il reato di appropriazione indebita si realizza con la semplice interversione del possesso: quest ultimo, agli effetti penali, è integrato anche da una mera detenzione qualificata consistente nell esercizio sulla cosa di un potere di fatto al di fuori della sfera di sorveglianza del titolare. Cass. pen., sez. II,

4 La condotta appropriativa, in presenza di un contratto risolto e di una richiesta di restituzione della cosa da parte del proprietario, può consistere nella mera ritenzione del bene (fattispecie relativa alla ritenzione di un autoveicolo, da parte del locatario, nonostante la risoluzione del contratto di leasing e la richiesta di restituzione del bene). Cass. pen., sez. II, Integra il reato di appropriazione indebita il rifiuto del professionista (nella specie, patrocinante) di restituire al cliente la documentazione ricevuta, in quanto costituisce un comportamento che eccede i limiti del titolo del possesso. Cass. pen., sez. II, Commette il reato di appropriazione indebita (art. 646 c.p.) continuata (art. 81 c.p.) e aggravata dalla violazione del pactum fiduciae (art. 61 n. 11 c.p.), l amministratore di condominio che con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, allo scopo di procurarsi un profitto e avendone il possesso in ragione del proprio ufficio, si appropria di una somma di denaro, omettendo di destinarla al pagamento delle spese di gestione ordinaria o straordinaria.. Cass. pen., sez. II, Bene è configurato il reato di appropriazione indebita a carico del mediatore immobiliare il quale trattenga a titolo di provvigione parte della somma corrispostagli dal promittente acquirente e destinata al promettente venditore, in assenza della definitiva formazione del preliminare di compravendita con atto scritto, come richiesto ad substantiam, in base a quanto previsto dagli art e 1351 c.c., nulla rilevando eventuali «comportamenti concludenti» che si assumano posti in essere dalle parti. Cass. pen., sez. II, , n Integra il delitto di appropriazione indebita l omessa restituzione della cosa da parte del detentore al legittimo proprietario, se dal comportamento tenuto dal detentore si rilevi, per le modalità del rapporto con la cosa, un oggettiva interversione del possesso (nella fattispecie, il detentore del bene, una motocicletta, ne aveva smontato senza autorizzazione diverse parti). RAPINA Cass. pen., sez. I, , n La minaccia necessaria ad integrare l elemento oggettivo della rapina può consistere in qualsiasi comportamento deciso, perentorio e univoco dell agente che sia astrattamente idoneo a produrre l effetto di turbare o diminuire la libertà psichica e morale del soggetto passivo (fattispecie relativa ad intimazione a scendere dall autovettura rivolta al suo conducente, seguita da forzatura della portiera conseguente alla chiusura della «sicura» da parte della vittima e a sottrazione del danaro dal portafogli). Cass. pen., sez. II, , n Nel delitto di rapina il profitto può concretarsi in qualsiasi utilità, anche solo morale, in qualsiasi soddisfazione o godimento che l agente si riprometta di ritrarre, anche non immediatamente, dalla propria azione, purché questa sia attuata impossessandosi con violenza o minaccia della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene (la corte ha riconosciuto la sussistenza dell elemento psicologico del reato anche nella fattispecie relativa alla sottrazione di un arma ad una guardia giurata al solo fine di umiliare la vittima) Cass. pen., sez. II, , n Integra il tentativo di rapina anche il mero possesso di armi, pur se di fatto non utilizzate, in quanto l univocità della condotta va apprezzata, senza tenere conto della distinzione tra atti preparatori ed 4

5 atti esecutivi, nelle sue caratteristiche oggettive, così da verificare se sia tale da rivelare le finalità attraverso l apprezzamento, secondo le regole di comune esperienza, della natura e dell essenza degli atti compiuti e del contesto in cui si inseriscono. Cass. pen., sez. II, , n L esimente della desistenza nel tentativo richiede che la determinazione del soggetto agente di non proseguire nell azione criminosa si concreti indipendentemente da cause esterne che impediscano comunque la prosecuzione dell azione o la rendano vana (nella fattispecie, l imputato, intenzionato ad introdursi nella banca per compiervi una rapina, era stato fermato dalle guardie all ingresso che gli avevano trovato addosso un taglierino pronto all uso). Cass. pen. [ord.], sez. II, , n In tema di tentata rapina, la non punibilità dell agente per inesistenza dell oggetto può aversi solo quando l inesistenza sia assoluta, cioè quando manchi qualsiasi possibilità che in quel contesto di tempo la cosa possa trovarsi in un determinato luogo e non, invece, quando essa sia puramente temporanea e accidentale (fattispecie nella quale è stato affermato il delitto di tentata rapina per avere il soggetto rovistato nella borsa della vittima al cui interno non vi era denaro). T. Milano, Per configurarsi il tentativo di rapina, non è sufficiente che l agente abbia posto in essere atti preparatori idonei alla realizzazione della rapina, giacché gli atti diretti in modo non equivoco alla commissione del reato, cui fa riferimento l art. 56 c.p., sono soltanto quelli esecutivi, cioè tipici della condotta prevista dalla fattispecie incriminatrice astratta, ancorché qualificabili solo in minima parte come inizio di esecuzione (nella specie e stata esclusa la configurabilità del tentativo di rapina aggravata dall uso delle armi nel caso di due soggetti che, predisposta un auto parcheggiata nei pressi di un ufficio postale ed avendo a disposizione passamontagna, guanti in lattice ed un coltello, si erano seduti, in attesa dell apertura dell ufficio, su una panchina di un giardinetto sito nelle G.u.p. T. Orvieto, Colui che si sia limitato a svolgere la funzione di mero autista dei partecipanti ad una rapina, accompagnandoli sul posto, attendendoli e fuggendo con gli stessi, risponde, oltre che di concorso in rapina pluriaggravata, dei reati che gli altri partecipanti abbiano posto in essere anche quando siano consistiti nel compimento di atti di gratuita violenza. Cass. pen., sez. II, L elemento distintivo del delitto di rapina da quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone risiede nell elemento soggettivo, perché nell un caso l autore agisce al fine di procurare a sé o ad altri un profitto ingiusto, ben sapendo che quanto pretende non gli spetta e non è giuridicamente azionabile, nell altro agisce nella ragionevole opinione di esercitare un diritto con la coscienza che l oggetto della pretesa gli spetti. Cass. pen., sez. II, , n Nella rapina impropria, la violenza o la minaccia possono realizzarsi anche in luogo diverso da quello della sottrazione della cosa e in pregiudizio di persona diversa dal derubato, sicché, per la configurazione del reato, non è richiesta la contestualità temporale tra sottrazione e uso della violenza o minaccia, essendo sufficiente che tra le due diverse attività intercorra un arco temporale idoneo a realizzare, secondo i principi di ordine logico, i requisiti della quasi flagranza e tale da non interrompere il nesso di contestualità dell azione complessiva posta in essere al fine di impedire al derubato di rientrare in possesso della refurtiva o di assicurare al colpevole l impunità (fattispecie nella quale, dopo il furto di due autovetture, c era stato un inseguimento dei ladri da parte dei carabinieri, all indirizzo dei quali i primi avevano tenuto un atteggiamento violento e 5

6 Cass. pen., sez. VI, , n Nel delitto di rapina impropria, il requisito dell immediatezza che lega la sottrazione all uso della violenza o minaccia va inteso non in senso meramente letterale, come assenza di qualsivoglia intervallo temporale tra le due azioni, ma in riferimento al dato concettuale della flagranza e della quasi flagranza. Cass. pen., sez. II, Integra la fattispecie di tentativo di rapina impropria la condotta del soggetto che fa uso della violenza o della minaccia per assicurarsi l impunità, immediatamente dopo il compimento di atti idonei diretti in modo non equivoco ad impossessarsi della cosa mobile altrui. Cass. pen., sez. V, In tema di rapina impropria, postulando l art. 628, 2º comma, c.p., che la violenza o la minaccia siano adoperate «immediatamente dopo la sottrazione» ed al fine di conseguire, proprio mediante il loro impiego, il possesso, non ancora conseguito, della cosa sottratta ovvero l impunità, deve ritenersi che non sia configurabile il tentativo di rapina impropria, ma sussistano invece il reato di tentato furto o quello (minaccia, percosse, lesioni o altro) cui la condotta violenta o minacciosa abbia dato luogo, qualora tale condotta sia posta in essere senza che la sottrazione sia stata previamente realizzata. Cass. pen., sez. VI, , n Non è configurabile il tentativo di rapina impropria quando la condotta di sottrazione della cosa non venga completata, dovendovi invece ritenere integrato il tentativo di furto, oltre che altro autonomo reato che abbia come elemento costitutivo la violenza o la minaccia. Cass. pen., sez. II, , n Sussiste il reato di tentata rapina impropria, e non quello di tentato furto in concorso con il reato di resistenza a pubblico ufficiale, nel caso in cui il soggetto, sorpreso in flagranza a sottrarre o impossessarsi della cosa altrui da agenti di polizia giudiziaria, li aggredisca e usi violenza per assicurarsi l impunità. Cass. pen., sez. II, , n È configurabile il tentativo di rapina impropria, per il caso in cui al mancato impossessamento del bene faccia seguito l esplicazione di violenza o minacce finalizzate al conseguimento dell impunità per quanto commesso, in quanto la norma incriminatrice di cui all art. 628, 2º comma, c.p., deve necessariamente integrarsi con la norma generale sul delitto tentato. Cass. pen., sez. II, È configurabile il tentativo di rapina impropria nel caso in cui l agente, dopo aver compiuto atti idonei all impossessamento della res altrui, non portati a compimento per cause indipendenti dalla sua volontà, adoperi violenza o minaccia per assicurarsi l impunità. Cass. pen., sez. VI, , n È configurabile il tentativo di rapina impropria quando la condotta di sottrazione della cosa venga completata, ossia quando si realizzi il suo impossessamento, dovendosi invece ritenere integrato il tentativo di furto, in concorso con la minaccia o la resistenza al pubblico ufficiale, quando manchi il presupposto della sottrazione (fattispecie in cui la suprema corte ha annullato senza rinvio la sentenza di «patteggiamento», escludendo che l erronea qualificazione giuridica del fatto come tentativo di furto aggravato presentasse margini di opinabilità). 6

7 Cass. pen., sez. un., , n In tema di rapina, la locuzione impiegata nell ultima delle ipotesi previste dall art. 628, 3º comma, n. 1, c.p. esprime un concetto di pluralità che sussiste anche nel caso di due soggetti soltanto. Cass. pen., sez. II, , n Il concorrente nel delitto di rapina aggravato dall uso delle armi risponde, a titolo di concorso pieno e non anomalo, del delitto di lesioni materialmente commesso dal correo armato, dovendosi ritenere prevedibile detto evento lesivo, quale ordinario possibile sviluppo della condotta criminosa qualificata dall uso delle armi. Cass. pen., sez. II, , n Il reato di sequestro di persona è assorbito in quello di rapina aggravata previsto dall art. 628, 3º comma, n. 2, c.p. solo quando la privazione della libertà personale abbia una durata limitata al tempo strettamente necessario all esecuzione della rapina, ma non quando si protragga anche dopo la consumazione della stessa. Cass. pen., sez. VI, , n L esclusione della causa di non punibilità di cui all art. 649 c.p. in riferimento alle fattispecie criminose di rapina, estorsione e sequestro di persona a scopo d estorsione è normativamente estesa anche alle corrispondenti fattispecie di tentativo, che strutturalmente comportano l uso della violenza alla persona, pur solo preordinata e non realizzata (la corte ha precisato che nella nozione di «violenza alle persone», di cui all ultima parte dell art. 649, 3º comma, c.p., rientra anche la violenza morale, e ciò perché tutte le fattispecie criminose a cui si riferisce la causa di non punibilità si connotano per l equiparazione della violenza alla minaccia). Cass. pen., sez. V, , n Nel caso in cui nel corso di una rapina posta in essere con violenza sulla persona (nella specie, spintonando la vittima e trascinandola per alcuni metri per strapparle la borsa) la persona offesa riporti gravi lesioni personali che ne cagionino il decesso correttamente l evento morte viene addebitato a titolo di omicidio preterintenzionale (art. 583 c.p.), e non come morte in conseguenza di un altro reato (art. 586 c.p.). ESTORSIONE Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di estorsione la condotta del datore di lavoro che costringa i lavoratori ad accettare la corresponsione di retribuzioni inferiori ai minimi sindacali, facendo loro firmare prospetti paga per importi superiori a quelli effettivamente corrisposti, a fronte della minaccia di un pregiudizio, quale l impossibilità di accedere, in caso di licenziamento e data la condizione di mercato segnata da alti livelli di disoccupazione, ad altre possibilità occupazionali, risultando irrilevante ad escludere la fattispecie delittuosa l eventuale accordo fra datore di lavoro e lavoratori.. Cass. pen., sez. II, , n L imposizione da parte del datore di lavoro ai propri dipendenti di trattamenti retributivi deteriori e non corrispondenti alle prestazioni effettuate e, in genere, inferiori ai minimi sindacali, approfittando della situazione di mercato caratterizzata da domanda di lavoro di gran lunga superiore all offerta, configura il reato di estorsione, risultando irrilevante ad escluderlo, di per sé, il previo accordo in tal senso fra datore di lavoro e lavoratori. Cass. pen., sez. II, , n

8 Non è configurabile il delitto di estorsione se il destinatario della pretesa vessatoria non si trovi nelle condizioni di dover adempiere a quanto richiesto come unico modo per evitare un pregiudizio diretto ed immediato (nella fattispecie, relativa alla richiesta di una buonuscita per il rilascio di un immobile, la corte ha affermato che la negoziazione di una somma in cambio del vantaggio di una più rapida soluzione di una vicenda contrattuale non assume il carattere di una minaccia e, benché soggettivamente vissuta come vessatoria, pur sempre si risolve all interno di una libera determinazione privatistica). Cass. pen., sez. II, , n Non integra il delitto di estorsione, in assenza della intrinseca ingiustizia del fine perseguito, la minaccia di far valere un diritto pur quando se ne prospetti, con forte carica intimidatoria, un uso sproporzionato rispetto alle ragioni vantate (nella fattispecie la corte non ha ritenuto l ingiustizia del fine perseguito del proprietario di un immobile che, con la minaccia dello sfratto, si era fatto dare alcuni assegni a copertura dell aumento «in nero» del canone di locazione). Cass. pen., sez. II, , n Il delitto di estorsione si caratterizza rispetto a quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone per il fatto che la violenza o minaccia solo nel secondo caso sono esercitate per far valere un diritto già esistente e azionabile dinanzi a un giudice; qualora, invece, l azione costrittiva sia finalizzata a far sorgere una posizione giuridica che altrimenti non potrebbe essere vantata né conseguita attraverso il ricorso al giudice, e a questa consegua un ingiusto vantaggio patrimoniale, è configurabile il reato di estorsione (fattispecie nella quale è stato ravvisato il delitto di estorsione nell erogazione di un mutuo, avvenuta alla condizione illecita di prestazioni sessuali da parte della mutuataria in favore del mutuante, e nella successiva pretesa del mutuante di restituzione della somma versata, sotto la minaccia di divulgare una videocassetta in cui sarebbero stati registrati gli incontri. Cass. pen., sez. II, , n In tema di estorsione, la circostanza aggravante delle «più persone riunite» non si identifica con una generica ipotesi di concorso di persone nel reato, ma richiede la simultanea presenza di non meno di due persone nel luogo e nel momento in cui si realizza la violenza o la minaccia, in quanto solo in tal modo hanno luogo quegli effetti fisici e psichici di maggiore pressione sulla vittima che ne riducono significativamente la forza di reazione e giustificano il rilevante aumento di pena. Cass. pen., sez. II, , n Non esclude la consumazione del delitto di estorsione la circostanza che la consegna del danaro all estorsore da parte della vittima avvenga in presenza delle forze dell ordine preventivamente allertate e appostate, ma intervenute dopo il conseguimento del possesso del danaro stesso, sia pure per una breve frazione temporale, da parte dell estorsore, in quanto la consumazione del reato deve rapportarsi al momento e nel luogo in cui si è verificato l ingiusto profitto con l altrui danno. Cass. pen., sez. V, , n La minaccia costitutiva del delitto di estorsione può essere manifestata anche in maniera implicita, essendo solo necessario che essa sia idonea a incutere timore e a coartare la volontà del soggetto passivo, in relazione alle circostanze concrete, alla personalità dell agente, alle condizioni soggettive della vittima e alle condizioni ambientali in cui questa opera. Cass. pen., sez. II, , n Integra il delitto di estorsione, in relazione all ingiusto profitto derivante da una pretesa penalmente e civilisticamente illecita, la minaccia posta in essere per ottenere il pagamento di un credito di 8

9 natura usuraria, quand anche consistente nel prospettato ricorso a mezzi astrattamente consentiti dalla legge (nella specie, attivazione di garanzie costituite da assegni e da iscrizione ipotecaria). Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di tentata violenza privata e non già di tentata estorsione la minaccia diretta a costringere altri a ritirare la denuncia presentata nei confronti di un terzo, non essendo il vantaggio derivante dal ritiro della stessa connotato da contenuto patrimoniale o di utilità economica. Cass. pen., sez. V, , n Per la configurazione del concorso nel reato (art. 110 c.p.), il quale richiede che l azione incriminata sia frutto di volontaria adesione alla condotta tipica altrui, occorre che il soggetto passivo non abbia chiesto ausilio all ipotizzato concorrente nel reato, o che gli abbia dato un mandato di cui il mandatario abbia abusato, o almeno che ne sia stato dissuaso dal sottrarsi alla minaccia; con la conseguenza che in assenza di prove certe ed univoche che accertino la sussistenza di tali elementi, la condotta di colui che consegni una somma di denaro all autore di un estorsione in nome dell offeso, non integra gli estremi del reato di concorso in estorsione (art. 110 e 629 c.p.). Cass. pen., sez. II, È ravvisabile il delitto di estorsione qualora il locatore, con la minaccia di esercitare le azioni giudiziarie previste a tutela del credito, si faccia dare dalla vittima somme superiori ai canoni di locazione dovuti. Cass. pen., sez. II, La minaccia di porre fine ad un vincolo di amicizia allo scopo di ottenere un profitto non dovuto integra gli estremi del delitto di estorsione quando sia consapevolmente strumentalizzata la particolare vulnerabilità psicologica di chi (nella specie, una tredicenne), dalla cessazione del legame affettivo, possa subire conseguenze deteriori esorbitanti dal dolore normalmente collegato all abbandono e al tradimento. Cass. pen., sez. VI, Non risponde di estorsione colui che, per incarico della vittima di un furto e nell esclusivo interesse di quest ultima, si metta in contatto con gli autori del reato per ottenere la restituzione della cosa sottratta mediante esborso di denaro, senza conseguire alcuna parte del prezzo. Cass. pen., sez. II, Integra la condotta del delitto di estorsione la pretesa di una somma di denaro, rivolta ad uno dei partecipanti ad un asta giudiziaria da parte di altro concorrente come compenso per l astensione dalla partecipazione, perché la prospettazione dell esercizio di un diritto, nel caso di specie del diritto di prendere parte alla gara, siccome finalizzato al conseguimento di un ingiusto profitto, assume connotazioni minacciose. Cass. pen., sez. II, In tema di estorsione, la minaccia, ancorché consistente nell esercizio di una facoltà o di un diritto spettante al soggetto agente (e dunque all apparenza legale), diviene contra ius quando, pur non essendo antigiuridico il male prospettato, si faccia uso di mezzi giuridici legittimi per ottenere scopi non consentiti o risultati non dovuti, come quando la minaccia sia fatta con il proposito di coartare la volontà di altri per soddisfare scopi personali non conformi a giustizia (nella fattispecie il ricorrente, con la minaccia di azioni legali e persecutorie si era fatto dare dalla vittima somme anche superiori ai canoni di locazione dovuti). Cass. pen., sez. II,

10 In tema di estorsione, l elemento dell ingiusto profitto si individua in qualsiasi vantaggio, non solo di tipo economico, che l autore intenda conseguire e che non si collega ad un diritto, ovvero è perseguito con uno strumento antigiuridico o con uno strumento legale ma avente uno scopo tipico diverso (nella fattispecie l imputato intendeva impedire alla vittima di procedere giudizialmente nei suoi confronti con un azione ritenuta ingiusta). Cass. pen., sez. II, In tema di tentativo di estorsione, l assenza di esplicite minacce comporta che l idoneità della condotta rispetto all ingiusto risultato debba essere apprezzata in riferimento alle modalità con cui è stata posta in essere, avendo riguardo alla personalità sopraffattrice del soggetto agente, alle circostanze ambientali, all ingiustizia del profitto, alle particolari condizioni soggettive della vittima. Cass. pen., sez. II, In tema di delitto di estorsione, la costrizione, che deve seguire alla violenza o minaccia, attiene all evento del reato, mentre l ingiusto profitto con altrui danno si atteggia a ulteriore evento, sicché si ha solo tentativo nel caso in cui la violenza o la minaccia non raggiungono il risultato di costringere una persona al facere ingiunto (nella fattispecie la corte ha precisato che il danno era quello che in prospettiva poteva realizzarsi attraverso l imposizione all acquirente di rivolgersi ad un unico fornitore, senza la possibilità di godere dei vantaggi economici della concorrenza). Cass. pen., sez. II, Colui che assume la veste di intermediario fra gli estorsori e la vittima, anche se per incarico di quest ultimo, non risponde di concorso nel reato solo se agisce nell esclusivo interesse della stessa vittima e per motivi di solidarietà umana, altrimenti contribuendo la sua opera alla pressione morale ed alla coazione psicologica nei confronti della vittima e quindi conferendo un suo apporto causativo all evento. Cass. pen., sez. V, , n In tema di estorsione, la circostanza aggravante del concorso di più persone riunite è configurabile anche se la minaccia sia stata esercitata da un solo soggetto, in quanto non è necessaria la presenza contestuale di più correi nel luogo di esecuzione del reato, ma è sufficiente che il soggetto passivo percepisca che la violenza o la minaccia provengono da più persone, avendo tale fatto, per se stesso, maggiore effetto intimidatorio. Cass. pen., sez. II, , n Si ha consumazione, e non mero tentativo del delitto di estorsione, allorché la cosa estorta venga consegnata dal soggetto passivo all estorsore, e ciò anche nelle ipotesi in cui sia predisposto l intervento della polizia giudiziaria che provveda immediatamente all arresto del reo ed alla restituzione del bene all avente diritto. Cass. pen., sez. II, , n Risponde del delitto di estorsione tentata il parcheggiatore abusivo il quale, con atteggiamento intimidatorio, compia atti idonei diretti in modo non equivoco a costringere l automobilista ad un atto di disposizione patrimoniale, quand anche di pochi spiccioli (nella specie, richiesta di euro 1,50). Cass. pen., sez. II, Integra il delitto di truffa la condotta di colui che prospetti un male come possibile ed eventuale, in ogni caso non proveniente direttamente o indirettamente da chi lo prospetta, in modo che la persona offesa non è coartata, ma si determina alla prestazione, costituente l ingiusto profitto dell agente, 10

11 perché tratta in errore dall esposizione di un pericolo inesistente; mentre si configura l estorsione se il male viene indicato come certo e realizzabile ad opera del reo o di altri, poiché in tal caso la persona offesa è posta nella ineluttabile alternativa di far conseguire all agente il preteso profitto o di subire il male minacciato. Cass. pen., sez. II, , n I reati consumati di rapina, estorsione e sequestro di persona a scopo di estorsione restano esclusi dall operatività della previsione dell art. 649 c.p., pur se posti in essere senza violenza alle persone. SEQUESTRO DI PERSONA A SCOPO DI ESTORSIONE G.i.p. T. Genova, Il rapimento di neonato a scopo estorsivo integra il delitto di sequestro di persona di cui all art. 630 c.p., il quale si pone in rapporto di specialità sia con le fattispecie che puniscono la privazione della libertà personale (essendo caratterizzato dal dolo specifico), sia con il reato di estorsione. A. Genova, Il rapimento di neonato a scopo estorsivo non può integrare il delitto di sequestro di persona di cui all art. 630 c.p., non avendo il minore raggiunto quel minimo grado di consapevolezza che gli consenta di comprendere la lesione infertagli attraverso la privazione della libertà di autodeterminazione nel movimento; deve, invece, considerarsi il delitto di sottrazione di persone incapaci di cui all art. 574 c.p. in concorso (ovvero in continuazione) con il reato (nella fattispecie: tentato) di estorsione ex art. 629 c.p. Cass. pen., sez. I, Perché si configuri il delitto di sequestro di persona a scopo di estorsione è sufficiente che il soggetto passivo subisca una limitazione della libertà personale, quali ne siano il grado e la durata, il luogo in cui avvenga e i mezzi usati per imporla, potendo il sequestro realizzarsi, oltre che con la coercizione fisica che impedisce in concreto ogni libertà di movimento, anche attraverso l inganno e con motivi pretestuosi che attraggono la vittima e ne inficiano la volontà di autodeterminarsi. Cass. pen., sez. I, L ingiusto profitto cui deve essere finalizzata l azione dell agente nel delitto di sequestro a scopo di estorsione si identifica in qualsiasi utilità che costituisca un vantaggio per il soggetto attivo del reato (fattispecie in ipotesi di sequestro di un familiare al fine di indurre la madre a prostituirsi). Cass. pen., sez. III, Ove esuli dal progetto degli imputati il conseguimento di un riscatto quale prezzo della liberazione della donna sequestrata a fini di sfruttamento della sua prostituzione e la violenza venga esercitata su di essa per il solo inserimento in una organizzazione, non già per liberarla, bensì per controllarla nella determinata prostituzione, della quale doveva consegnare loro i ricavi, non è configurabile il delitto di sequestro di persona a scopo di estorsione. Cass. pen., sez. V, Integra gli estremi del delitto di sequestro di persona (art. 630 c.p.) - e non quelli del delitto di estorsione (art. 629 c.p.) - la condotta criminosa consistente nella privazione della libertà di una persona finalizzata a conseguire come prezzo della liberazione una prestazione patrimoniale, pretesa in esecuzione di un precedente rapporto illecito, posto che il delitto di cui all art. 630 c.p. è un reato plurioffensivo nel quale l elemento oggettivo del sequestro viene tipizzato dallo scopo di conseguire un profitto ingiusto dal prezzo della liberazione, a nulla rilevando che il perseguimento del prezzo di riscatto trovi la sua fonte in pregressi rapporti illeciti.. 11

12 Cass. pen., sez. V, In tema di sequestro di persona a scopo di estorsione, ai fini della concessione della circostanza attenuante della dissociazione diretta a far riacquistare al soggetto passivo la libertà, non è richiesto che la liberazione stessa sia conseguenza di una iniziativa spontanea del dissociato, occorrendo, invece, da un lato, che la dissociazione sia volontaria e che si realizzi anteriormente alla liberazione dell ostaggio prima del pagamento del riscatto, dall altro, che il comportamento del dissociato si traduca in fatti concreti, finalisticamente indirizzati alla liberazione del sequestrato ed eziologicamente rilevanti per il raggiungimento dello scopo della cessazione del sequestro. Cass. pen., sez. I, In tema di sequestro di persona a scopo di estorsione, la speciale attenuante prevista dall art. 6 d.l. 15 gennaio 1991 n. 8, conv. con modif. in l. 15 marzo 1991 n. 82, a favore del concorrente dissociatosi dagli altri il quale, nell ambito delle ipotesi già previste dal 4º e 5º comma dell art. 630 c.p., abbia fornito un contributo di «eccezionale rilevanza», richiede, per la sua configurabilità, che detto contributo sia «eccezionale» nel suo complesso, e debba quindi anche concorrere, in una qualche misura, pur non necessariamente determinante, ad assicurare l integrità personale dell ostaggio e ad abbreviare la privazione della libertà (nella specie, in applicazione di tale principio, la suprema corte ha ritenuto che correttamente fosse stata esclusa la sussistenza della circostanza in questione in un caso in cui l apporto del dissociato, pur definito di determinante importanza, si era limitato alla sola fase delle indagini successive alla conclusione dell attività criminosa). T. Roma, In materia di sequestro di persona a scopo di estorsione, la circostanza attenuante della «collaborazione» prevista dall art. 630, 4º comma c.p., per l ipotesi del concorrente che, dissociatosi, si adopera in modo che la vittima riacquisti la libertà senza il pagamento del riscatto, non può essere riconosciuta al correo che al momento dell arresto in flagranza indichi alla polizia giudiziaria il luogo di custodia dell ostaggio. Cass. pen., sez. I, In tema di sequestro di persona a scopo di estorsione, il reato previsto dall art. 1, 4º comma, d.l. 15 gennaio 1991 n. 8, conv. con modif. in l. 15 marzo 1991 n. 82, siccome concepito dal legislatore solo in funzione dell esigenza di ostacolare per quanto possibile il pagamento della somma pretesa in cambio della liberazione dell ostaggio, è configurabile (salvo che si tratti di prossimi congiunti), anche quando l attività di intermediazione sia mossa da solo spirito di solidarietà con le vittime del reato, differenziandosi comunque il reato anzidetto da quello di concorso nel sequestro di persona per la mancanza, nell agente, dell animus socii, posto che l elemento soggettivo è quello proprio di chi non agisce di concerto con i sequestratori (diventandone quindi concorrente), ma si muove su di un piano diverso, con lo specifico intento di favorire il mero pagamento del riscatto; il che pure costituisce ostacolo al compimento dell attività investigativa, il cui scopo essenziale è invece quello di addivenire alla liberazione dell ostaggio e alla cattura dei colpevoli. TRUFFA Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di truffa aggravata previsto dall art. 640, 2º comma, n. 1, c.p. e non quello di cui all art. 316 ter, la condotta artificiosa consistente nella falsa attestazione di versare nelle condizioni previste dalla legge per poter beneficiare dell esenzione dal pagamento delle prestazioni sanitarie (nel caso di specie, la suprema corte ha rigettato il ricorso avverso una sentenza di condanna per i reati di cui agli art. 640, 2º comma, n. 1, e 483 c.p.). 12

13 Cass. pen., sez. II, , n La truffa commessa da soggetto che, mediante esibizione di falso diploma di infermiere, si fa assumere da una clinica convenzionata con il servizio sanitario nazionale, è reato a consumazione prolungata e non reato istantaneo, atteso che lo stesso si protrae sino a che perdura l erogazione economica fraudolentemente conseguita, la quale rappresenta ad un tempo l ingiusto profitto per l agente ed il danno per lo stato, consistente nell esborso di pubblico denaro in cambio di servizi espletati da soggetto non qualificato. Cass. pen., sez. II, , n In tema di truffa in assunzione ad un pubblico impiego (ottenuta, nella fattispecie, mediante esibizione di falso diploma di infermiere), il requisito dell ingiusto profitto, una volta accertata l esplicazione della prestazione lavorativa richiesta, non può essere ravvisato nella percezione dei ratei di retribuzione, i quali sono dovuti al dipendente in forza del disposto di cui agli art e 2129 c.c.: ne consegue che il reato, di natura istantanea, si consuma all atto della costituzione del rapporto impiegatizio. Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di truffa contrattuale aggravata, a consumazione prolungata, la condotta di chi, col falso titolo abilitativo alla professione di infermiere, si procura l assunzione presso una struttura sanitaria pubblica e lì svolge continuativamente la professione, riscuotendone il corrispettivo. Cass. pen., sez. II, , n Ai fini della sussistenza del reato di truffa, l idoneità dell artificio e del raggiro non è esclusa dalla mancanza di diligenza della persona offesa. Cass. pen., sez. II, , n La condotta di chi, inducendo in errore il giudice in un processo civile o amministrativo mediante artifici o raggiri, ottenga una decisione favorevole non integra il reato di truffa, per difetto dell elemento costitutivo dell atto di disposizione patrimoniale, anche quando è riferita all emissione di un decreto ingiuntivo, poiché quest ultima attività costituisce esercizio della funzione giurisdizionale. Cass. pen., sez. II, , n Configura il reato di truffa la condotta del dipendente di un ente locale il quale ha fatto rilevare falsamente, attraverso la timbratura del cartellino marcatempo, la propria presenza pomeridiana in ufficio, laddove invece si trovava presso lo stadio comunale per assistere ad un incontro di calcio. Cass. pen., sez. II, , n Gli artifizi o i raggiri richiesti per la sussistenza del reato di truffa contrattuale possono consistere anche nel silenzio maliziosamente serbato su alcune circostanze da parte di chi abbia il dovere di farle conoscere, indipendentemente dal fatto che dette circostanze siano conoscibili dalla controparte con ordinaria diligenza (fattispecie di tentata truffa in cui il venditore di un immobile aveva taciuto il fatto che il mutuo per l acquisto dello stesso era stato stipulato da soggetto coinvolto in reato di corruzione con il rischio di possibile confisca per equivalente dell immobile stesso). T. Rieti, [11] Ciò posto, ricorrono nella predetta condotta gli elementi oggettivi e soggettivi del reato di tentata truffa. 13

14 [12] Si afferma costantemente in giurisprudenza che è configurabile il reato di truffa nell'ipotesi in cui taluno, vantando l'efficacia di pratiche di magia, ottenga in cambio dell effettuazione di tali pratiche un consistente corrispettivo economico (v., per tutte, Cass., 23 settembre 2005, Mura, in relazione a fattispecie in cui l agente si era procurato il profitto, ritenuto ingiusto, di quasi lire cinquanta milioni in cambio di prestazioni consistenti in rituali magici asseritamente idonei a far sì che venisse realizzato il desiderio della persona offesa di ottenere i favori sessuali di una donna: trattasi, come risulta dal certificato del casellario giudiziale, di sentenza a carico proprio dell imputato Mura Umberto). T. Rieti, [13] Ricorre, altresì, l aggravante speciale dell aver ingenerato il timore di un pericolo immaginario (in relazione alle asserite presenze maligne all interno dell abitazione della persona offesa e al fatto che la stessa avesse ricevuto in passato una «fattura a morte», affermazioni che avevano causato alla Fasciolo una sensazione di «panico»: pag. 8 delle trascrizioni testimoniali): sul punto, la giurisprudenza afferma che integra il reato di truffa aggravata ex art. 640, comma 2, n. 2 c.p. la condotta del soggetto che, sfruttando la notorietà creatasi di mago o guaritore esperto di pratiche esoteriche, ingeneri nella persona offesa il pericolo immaginario dell avveramento di gravi malattie o di gravi incidenti e faccia credere alla stessa di poterla guarire e preservare, e così la induca in errore, compiendo asseriti esorcismi o pratiche magiche o somministrando o prescrivendo sostanze al fine di procurarsi un ingiusto profitto con danno della stessa (Cass., 4 marzo 2009, Campana; Cass., 30 ottobre 2008, Quarta; Cass., 20 dicembre 2004, Simonelli; Cass., 10 giugno 2003, C.; Cass. 24 aprile 1996, Palumbo). [14] Deve ritenersi sussistente il requisito dell induzione in errore di cui all art. 640 c.p. La circostanza - riferita dalla stessa persona offesa (pag. 20 delle trascrizioni testimoniali) - deve ritenersi senz altro verosimile: la donna, invero, era affetta da un morbo raro (la sindrome di Behçet) per il quale non esiste una cura, come risulta dalla documentazione prodotta dalla parte civile e la stessa ne era perfettamente consapevole (cfr. pag. 8 delle trascrizioni). Pertanto, anche in considerazione della grave sintomatologia della malattia (emorragie rettali, lesioni della pelle, artralgie, ecc.) e del conseguente stato di prostrazione psichica della donna, era naturale che la stessa potesse attaccarsi a qualsiasi flebile speranza di guarigione, tanto più che, sulla base della letteratura medica in materia, trattasi di malattia frequentemente mortale. Il fatto che la Fasciolo si sia rivolta ad un suo amico carabiniere non è sufficiente ad escludere l elemento dell induzione in errore, avendo la stessa dichiarato di aver agito in quel modo soltanto per sentirsi più sicura: al momento della messa in scena dell esorcismo (in cui il car. Scamurra era nascosto sotto al letto) il tentativo di truffa si era ormai ampiamente perfezionato, in quanto la condotta fino ad allora posta in essere era già di per sé idonea ed univocamente diretta a conseguire un ingiusto profitto, non essendo necessaria a tal fine la consegna dell assegno: invero, già in precedenza il Mura aveva detto alla Fasciolo che avrebbe potuto pagare con un assegno e che la quantificazione del prezzo sarebbe stata fatta alla fine. T. Rieti, [15] Il reato di cui al capo d imputazione, pertanto, dev essere riqualificato in quello di truffa tentata: l assegno consegnato al Mura, invero, non è stato mai posto all incasso, essendo stato sequestrato dal car. Scamurra, prontamente intervenuto al momento della consegna all imputato. In proposito, si afferma in giurisprudenza che il delitto di truffa si perfeziona non nel momento in cui il soggetto passivo assume un obbligazione per effetto degli artifici o raggiri subìti, bensì in quello in cui si verifica l effettivo conseguimento del bene economico da parte dell agente e la definitiva perdita di esso da parte del raggirato: pertanto, quando il reato predetto abbia come oggetto immediato il conseguimento di assegni bancari, il danno si verifica nel momento in cui i titoli vengono posti all incasso ovvero usati come normali mezzi di pagamento, mediante girata, a favore di terzi (Cass. 24 gennaio 2002, Migliorini; Cass. 28 ottobre 1997, Stabile; Cass. 16 aprile 1997, Tassinari; Cass. 15 gennaio 1984, Susini). T. Rieti,

15 [16] Responsabile del predetto reato, oltre al Mura, deve ritenersi anche la Vanni, la quale ha certamente agito in concorso morale e materiale con il primo. Deve rilevarsi, innanzi tutto, che è stata proprio lei a presentare il Mura alla Fasciolo: probabilmente, la stessa ha tratto l ispirazione per il suo piano criminoso dal fatto che la Fasciolo le aveva raccontato di essersi rivolta al proprio parroco (che la conosceva da anni), il quale le aveva detto di avere avvertito in lei delle negatività (di ben altro genere, in quanto, come riferito dalla Fasciolo, l incontro con il prelato si era risolto semplicemente in un attività di preghiera: pagg delle trascrizioni testimoniali). Successivamente, la Vanni ha posto in essere dei veri e propri artifici e raggiri, sfruttando l amicizia decennale che la legava alla persona offesa (era stata la madrina delle sue nipoti) e lo stato di inferiorità fisica e psichica in cui quest ultima versava: la prevenuta, invero, asseriva di avvertire, nell abitazione della Fasciolo, delle correnti fredde e di avere delle brutte sensazioni, tanto da chiederle di poterle praticare la terapia in terrazzo; poi le chiedeva di consegnarle delle fotografie ed in seguito le diceva di averle mostrate ad Umberto, riferendole che quest ultimo aveva capito, vedendo le foto, che stava male ed aveva bisogno di essere visitata da lui. La Vanni, inoltre, magnificava le doti del Mura, raccontando che aveva trattato con successo molte persone (che egli aveva fatto guarire da malattie gravi come la distrofia muscolare e l anoressia: pag. 9) e, una volta, le aveva detto che sua madre avrebbe avuto un infarto (cosa che, a detta dell imputata, era poi avvenuta). Tutto ciò era stato riferito dalla Vanni all evidente scopo di carpire la fiducia della Fasciolo che, disperata a causa dell impraticabilità di terapie tradizionali, aveva finito per credere o comunque per affidarsi alla proposta di trattamento offertale dagli imputati (probabilmente come una sorta di «ultima spiaggia»). Inoltre, era stata la Vanni a spiegare alla Fasciolo in che cosa sarebbe consistito l esorcismo (pag. 11) e l imputata ha partecipato al rituale nonostante, in base agli accordi, non avrebbe dovuto farlo a causa del rischio che il male sottratto alla Fasciolo potesse trasferirsi su di lei (ma il giorno stabilito per l esorcismo la Vanni si presentava con un disegno della «rosa dei venti» che, a suo dire, l avrebbe protetta, il che rappresenta un ulteriore raggiro ai danni della persona offesa). Infine, la Vanni ha preso parte alla lettura dei libri e delle formule recitate dal Mura e, in ultimo, ha concordato con lui (o ha finto di concordare) l entità del prezzo, rassicurando la Fasciolo che era un trattamento di favore (pag. 13). Non vi è dubbio, pertanto, circa la sua piena compartecipazione nel reato de quo. Cass. pen., sez. III, , n È punibile penalmente la condotta di colui che abbia posto in essere una situazione apparente, contraria a quella reale, consistente in realtà nel gestire un movimento religioso, privo di qualsiasi legittimazione ecclesiastica ufficiale, con modalità idonee a trarre in errore le vittime sulla reale natura dell associazione (nel caso di specie, il ricorrente non perseguiva, nella gestione della comunità, alcuna finalità di natura spirituale o caritatevole, ma interessi di carattere patrimoniale facendo propri i vantaggi conseguibili dalle vittime indotte, con insistenti pressioni, a prestazioni di servizi e di opere, all interno e all esterno della sede della comunità, senza essere retribuite ovvero a compiere atti di disposizione patrimoniale in suo favore senza il corrispettivo del prezzo). Cass. pen., sez. II, , n Sussiste il reato di truffa «contrattuale» anche nell ipotesi in cui venga pagato un giusto corrispettivo a fronte della prestazione truffaldinamente conseguita, posto che l illecito si realizza per il solo fatto che la parte sia addivenuta alla stipulazione del contratto, che altrimenti non avrebbe stipulato, in ragione degli artifici e dei raggiri posti in essere dall agente. Cass. pen., sez. V, , n Ai fini della consumazione del reato di truffa è necessario che il profitto dell azione truffaldina entra nella sfera giuridica di disponibilità dell agente, non essendo sufficiente che esso sia fuoriuscito da quella del soggetto passivo (nella specie il giudice di merito riteneva integrato il reato in quanto il bonifico era uscito dalla sfera giuridica dell ente erogante ed era entrato in quella del 15

16 truffatore, sia pure «sub condizione» attraverso l incasso di un «concorrente inconsapevole», reputando irrilevante che quest ultimo avesse, a seguito di successivi accertamenti, disvelato l iniziativa truffaldina dell imputato; mentre la suprema corte afferma sussistente il mero tentativo). Cass. pen., sez. II, , n Integra il delitto di truffa aggravata e non quello di indebita percezione di erogazioni a danno dello stato l utilizzazione o la presentazione di dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere, o l omissione di informazioni dovute, quando hanno natura fraudolenta (in motivazione la corte ha evidenziato la necessità di valutare, ai fini della qualificazione giuridica del fatti, la rilevanza, e le conseguenze in ordine alle determinazioni dell ente pubblico, di elementi come la natura fittizia dell ente richiedente, la presentazione di fatture materialmente false e di documenti oggetto di rendiconto presentati anche ad altro ente, il silenzio serbato dall imputato sull aver ricevuto aliunde entrate riconducibili alle medesime iniziative). Cass. pen., sez. II, È punibile ex art. 495 e 640, cpv., n. 1, c.p. la cittadina extracomunitaria, che - a seguito di una lettera ministeriale con cui le era stato (erroneamente) comunicato di poter riscuotere un sussidio statale, destinato per legge solo a cittadini italiani o di altro paese dell Unione europea (nella specie, c.d. bonus bebè) - lo abbia riscosso, dopo aver esibito il proprio documento d identità e compilato il modulo, appositamente previsto dalla legge. Cass. pen., sez. II, , n Non integra il delitto di tentata truffa la condotta costituita dalla produzione di falsa documentazione a sostegno di un ricorso al prefetto avverso l ordinanza-ingiunzione di pagamento di una sanzione amministrativa per violazione delle norme sulla circolazione stradale, perché l eventuale decisione favorevole non dà luogo ad un atto di disposizione patrimoniale. Cass. pen., sez. II, , n Si configura il delitto di truffa aggravata in danno di ente pubblico nel caso di espletamento delle mansioni d ufficio, che richiedono adeguate capacità professionali, da parte di soggetto che ha ottenuto l impiego pubblico con artifici o raggiri consistiti nel dichiarare falsamente l esistenza delle condizioni e dei requisiti previsti per l assunzione, così inducendo in errore l ente col conseguente danno consistente nell esborso di pubblico denaro in cambio di servizi espletati da soggetti non qualificati. Cass. pen., sez. II, , n Costituisce truffa a consumazione prolungata e non istantanea quella posta in essere da chi, dando a credere di essere in possesso del necessario titolo di studio, si faccia assumere come dipendente qualificato di una struttura pubblica e svolga quindi, indebitamente, le relative mansioni (principio affermato, nella specie, con riguardo al caso di un soggetto che, mediante l esibizione di un falso diploma di infermiere, si era fatto assumere da una clinica convenzionata con il ssn ed aveva ivi prestato, per un certo tempo, la propria attività). Cass. pen., sez. II, Posto che il momento consumativo del reato di truffa va fissato all atto dell effettiva, concreta e definitiva lesione del bene tutelato e può consistere anche nella sola assunzione dell obbligazione di effettuare una prestazione economica, costituisce truffa consumata e non tentativo di truffa l attività dell impiegato di banca che inganni i clienti facendogli sottoscrivere a loro insaputa un atto di fideiussione, consistendo l ingiusto profitto per la banca nel poter contare su una garanzia patrimoniale artatamente realizzata e l altrui danno nella soggezione del patrimonio del sottoscrittore alla diminuzione patrimoniale nella misura equivalente all importo garantito. 16

17 Cass. pen., sez. II, , n In tema di truffa finalizzata all assunzione ad un pubblico impiego, l attività svolta da un infermiere all interno di una struttura ospedaliera pubblica in difetto della necessaria qualificazione professionale - pur potendo eventualmente integrare gli estremi del reato di abusivo esercizio di una professione - non risulta intrinsecamente illecita, e pertanto la corresponsione del salario non costituisce danno patrimoniale rilevante ai fini della configurabilità del reato. Cass. pen., sez. II, , n Commette una truffa contrattuale, a consumazione prolungata, provvista degli elementi dell ingiusto profitto e del corrispondente danno per la p.a., e destinata a protrarsi sino a che vi sia l erogazione economica fraudolentemente conseguita, colui che si procura il titolo abilitativo falso di diploma di infermiere professionale, e induce in errore la dirigenza di una clinica medica, che in conseguenza assume una persona carente dei requisiti necessari, e si procura l ingiusto profitto consistente nell attribuzione della posizione lavorativa, del relativo stipendio, con pari danno per il ssn. T. Monza, Sussistono gli estremi del reato di truffa (nella specie, aggravata ex art. 61, n. 7, c.p.) e non quelli di appropriazione indebita, a carico del promotore finanziario il quale, con artifici e raggiri, faccia credere ai proprio clienti di poter gestire con interessi notevolmente superiori a quelli correnti i loro risparmi, così da carpirne la fiducia e indurli a versargli ulteriori somme poi sottratte loro con proprio ingiusto profitto. T. Milano, Integra, altresì, il reato di truffa la falsa rappresentazione, in una cartella clinica tenuta da una casa di cura convenzionata con il ssn, di patologie e conseguenti prestazioni sanitarie di cui si chieda il rimborso, attuata, con l indicazione di codici di Drg, simulando circostanze inesistenti, quali la prospettazione come complesse, tanto da richiedere il ricovero anche protratto per più giorni, di prestazioni aventi in realtà caratteristiche ambulatoriali. T. Milano, Deve rispondere del delitto di truffa colui che avvalendosi delle tecniche di phishing, mediante gli artifici e i raggiri derivanti dalla sostituzione di persona (realizzata attraverso la creazione ed utilizzazione di un account di posta elettronica ed attribuzione falsa delle generalità di un diverso soggetto), dopo avere indotto in errore la vittima ed essersi fatto rivelare le credenziali di accesso, si introduce nel suo servizio di home-banking, compiendo un atto dispositivo che comporta una depauperazione del patrimonio del deceptus, con pari profitto in proprio favore. Cass. pen., sez. II, , n Non costituisce truffa né tentativo di truffa l esposizione sul parabrezza dell autovettura di un falso contrassegno di assicurazione, atteso che il profitto derivante da una tale condotta è soltanto quello costituito dalla circolazione senza copertura assicurativa, senza che da ciò derivi alcuno spostamento di risorse economiche da parte del soggetto ipoteticamente truffato in favore dell agente. USURA Cass. pen., sez. II, , n

18 In tema di rapporti tra il reato di usura e quello di estorsione, deve ritenersi che tali reati concorrano tra loro ove la violenza o la minaccia, assenti al momento della stipulazione del patto usurario, siano impiegate in un momento successivo, al fine di ottenere la realizzazione dei pattuiti «interessi o altri vantaggi usurari» che il soggetto passivo non possa o non voglia più corrispondere, sussistendo invece il solo reato di estorsione ove la violenza o la minaccia siano impiegate ab initio, al fine di ottenere la dazione o la promessa dei suddetti interessi o vantaggi. Cass. pen., sez. IV, La condotta tipica del reato di usura non richiede che il suo autore assuma atteggiamenti intimidatori o minacciosi nei confronti del soggetto passivo, atteso che tali comportamenti caratterizzano la diversa fattispecie di estorsione. Cass. pen., sez. II, , n Lo stato di bisogno della persona offesa del delitto di usura può essere provato anche in base alla sola misura degli interessi, qualora siano di entità tale da far ragionevolmente presumere che soltanto un soggetto in stato di bisogno possa contrarre il prestito a condizioni talmente inique e onerose. Cass. pen., sez. II, , n Il momento di consumazione del delitto di usura, in caso di rateizzazione nella corresponsione del capitale e degli interessi illeciti pattuiti, si individua nella dazione effettiva dei singoli ratei e non nella illecita pattuizione. Cass. pen., sez. II, , n In tema di delitto di usura, la riscossione degli interessi dopo l illecita pattuizione integra il momento di consumazione e non costituisce un post factum penalmente irrilevante (la corte ha precisato che il delitto di usura si atteggia a delitto a consumazione prolungata, che perdura nel tempo sino a quando non cessano le dazioni degli interessi). Cass. pen., sez. II, , n Il delitto di usura si configura come un reato a schema duplice, costituito da due fattispecie - destinate strutturalmente l una ad assorbire l altra con l esecuzione della pattuizione usuraria - aventi in comune l induzione del soggetto passivo alla pattuizione di interessi od altri vantaggi usurari in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra cosa mobile, delle quali l una è caratterizzata dal conseguimento del profitto illecito e l altra dalla sola accettazione del sinallagma ad esso preordinato; ne consegue che nella prima il verificarsi dell evento lesivo del patrimonio altrui si atteggia non già ad effetto del reato, più o meno esteso nel tempo in relazione all eventuale rateizzazione del debito, bensì ad elemento costitutivo dell illecito il quale, nel caso di integrale adempimento dell obbligazione usuraria, si consuma con il pagamento del debito, mentre nella seconda, che si verifica quando la promessa del corrispettivo, in tutto o in parte, non viene mantenuta, il reato si perfeziona con la sola accettazione dell obbligazione rimasta inadempiuta; ne deriva, in tema di prescrizione, che il relativo termine decorre dalla data in cui si è verificato l ultimo pagamento pagamento degli interessi usurari. Cass. pen., sez. II, , n In tema di delitto di usura, la rilevante entità della misura degli interessi pattuiti o corrisposti dà prova anche dello stato di bisogno della persona offesa e della consapevolezza di tale stato da parte dell agente. T. Pescara,

19 L approfittamento della condizione di bisogno della vittima al momento della conclusione del patto usurario deve intendersi come approfittamento di una condizione psicologica che limita la volontà del soggetto passivo, con la conseguenza che è irrilevante la causa del bisogno, che può essere indifferentemente cagionato da pericoli, sventure, cause incolpevoli ovvero vizi, prodigalità o altre cause inescusabili. G.u.p. T. Lecce, L individuazione del fatto tipico ricadente nella previsione incriminatrice dell art. 644 c.p. deve essere effettuata esclusivamente in base alla determinazione dei tassi trimestralmente pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale con decreto del ministro del tesoro, non potendo ammettersi un integrazione della norma attraverso elementi estranei a quelli presi in considerazione dalla fonte secondaria, cui l art. 644 rinvia, giacché ciò si risolverebbe nella creazione da parte dell interprete di una diversa fattispecie incriminatrice, in violazione degli art. 25, 2º comma, cost. e 1 c.p. 19

Parte I Il delitto di rapina

Parte I Il delitto di rapina INDICE SOMMARIO Capitolo I Premessa... pag. 1 1.1. Elementi comuni alle fattispecie in esame...» 2 1.2. Nozione di patrimonio...» 4 1.3. Altruità della cosa e del danno...» 7 1.4. Profitto e danno...»

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 9 BIBLIOGRAFIA... 13 AVVERTENZA... 19 CASISTICA... 21 CAPITOLO PRIMO L ELEMENTO OGGETTIVO 1. Gli artifici e raggiri... 23 1.1. In

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537. Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537. Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. Unite Penali 25 Febbraio 2011, n 7537 (Pres. E. Lupo; Est. A. Fiale) Penale Delitti contro la pubblica amministrazione Malversazione a danno dello Stato - Indebita

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del

MASSIME: PENALE. Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855. Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del MASSIME: PENALE Corte di Cassazione Sez. III Penale 1 Giugno 2011, n 21855 Penale Accertamento fiscale Dichiarazioni spontanee del contribuente in assenza del difensore Utilizzo nelle indagini preliminari

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA. Atto di appello penale. PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona

ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA. Atto di appello penale. PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA Atto di appello penale PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona (AQ) in Viale Stazione Centrale n. 52, domiciliata in Sulmona in Via Aragona

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale SISTEMA GAROFOLI La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale DIRITTO PENALE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO

FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO FAMIGLIA DI REATI FALSITÀ IN MONETE, IN CARTE DI PUBBLICO CREDITO, IN VALORI DI BOLLO E IN STRUMENTI O SEGNI DI RICONOSCIMENTO NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 25 bis disciplina le ipotesi in cui

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Roberto GAROFOLI DIRITTO PENALE Parte generale e speciale Volume quinto SOMMARIO PARTE II IL REATO CAPITOLO VI LE CIRCOSTANZE DEL REATO 751 1. Le circostanze

Dettagli

Indice dei quesiti di diritto Penale per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. Da 300 a 399 Liv. N.

Indice dei quesiti di diritto Penale per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. Da 300 a 399 Liv. N. 300 Nel concorso di più persone nel reato, la rinuncia al diritto di querela da parte di colui al quale ne spetta l'esercizio, si estende a tutti i concorrenti? 301 Il diritto di querela può esercitarsi

Dettagli

Progetto LEXOP. Milano, 27 febbraio-5 marzo 2012. Intervento dr. Fabio Roia, Giudice penale Tribunale di Milano Sezione Soggetti Deboli

Progetto LEXOP. Milano, 27 febbraio-5 marzo 2012. Intervento dr. Fabio Roia, Giudice penale Tribunale di Milano Sezione Soggetti Deboli Progetto LEXOP Milano, 27 febbraio-5 marzo 2012 Intervento dr. Fabio Roia, Giudice penale Tribunale di Milano Sezione Soggetti Deboli Tratto da F.Roia, AC Baldry Strategie efficaci per il contrasto ai

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 22 Gennaio 2013, n 197 (Pres. Penale Delitti contro la persona Delitti contro l onore Reato

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. V Penale 22 Gennaio 2013, n 197 (Pres. Penale Delitti contro la persona Delitti contro l onore Reato MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. V Penale 22 Gennaio 2013, n 197 (Pres. Ferrua; Rel. Micheli) Penale Delitti contro la persona Delitti contro l onore Reato d ingiuria Risponde del reato d ingiuria

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

ROVIDA CIDDA - GRONDONA

ROVIDA CIDDA - GRONDONA Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Dott. Silvia DI BRACCIO -------------------

Dettagli

PROCEDURE ESECUTIVE E MISURE PATRIMONIALI ANTIMAFIA. www.lascalaw.com www.iusletter.com

PROCEDURE ESECUTIVE E MISURE PATRIMONIALI ANTIMAFIA. www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on PROCEDURE ESECUTIVE E MISURE PATRIMONIALI ANTIMAFIA Marzo 2012 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI

IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI IL CONCORSO E LA SOLIDARIETA NEGLI ILLECITI AMMINISTRATIVI Fra i principi basilari in tema di illeciti amministrativi in materia di lavoro occupano un posto di rilievo quelli relativi al concorso di più

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2014 di Roberto GAROFOLI 50 PARERI PENALE SU CASI ESAMINATI DALLA CASSAZIONE NEGLI ULTIMI ANNI con la collaborazione di Giovanna MANCA Mariangela CALÒ SOMMARIO Premessa V PARTE GENERALE

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI 50 PARERI PENALE SU CASI ESAMINATI DALLA CASSAZIONE NEGLI ULTIMI ANNI con la collaborazione di LUANA BENNETTI MARIANGELA CALÒ ALESSANDRO CARRA VINCENZA RAGANATO

Dettagli

1. Il testo unico in materia di immigrazione: le disposizioni penali

1. Il testo unico in materia di immigrazione: le disposizioni penali Capitolo VII I Reati in materia di Immigrazione Clandestina So m m a r io : 1. Il testo unico in materia di immigrazione: le disposizioni penali. - 2. Falsità in titolo di soggiorno. 3. Mancata esibizione

Dettagli

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali L applicazione della non punibilità (no assoluzione ) per la particolare tenuità del fatto non può certo inibire

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI S. STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI SOLIDARIETÀ E MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE VITTIME DEI REATI ESTORSIONE E DI USURA. (Approvato con deliberazione

Dettagli

Omissione di referto

Omissione di referto Omissione di referto Art. 365 c.p. Chiunque, avendo nell esercizio di una professione sanitaria prestata la propria assistenza o opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale

Dettagli

SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV.

SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV. SECURITY MANAGERIALE E RICONOSCIMENTO DELL INFORTUNIO PROFESSIONALE PATRONATO ANMIL ROMA- CONSULENTE CENTRALE AVV.MAURO DALLA CHIESA TENTATO OMICIDIO A SCOPO DI RAPINA VITTIMA AGGRESSORE direttore punto

Dettagli

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice LE CONDOTTE TIPICHE -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 IL DELITTO DI ABUSO DI UFFICIO: APPROFONDIMENTI PROF. FABIO FOGLIA MANZILLO Indice 1 LE CONDOTTE TIPICHE --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Obbligo di comunicazione dell ammontare del reddito professionale alla Cassa di previdenza In tema di obblighi degli avvocati

Dettagli

di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli

di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli L ANZIANO MALTRATTATO NEL CONTESTO FAMILIARE. OBBLIGHI E DOVERI DELL ASSISTENTE SOCIALE di Alice Grasso Avvocato in Padova Dottoranda di ricerca in diritto penale presso l Università degli Studi didip

Dettagli

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione 45 Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione di Anna Liconti Traccia Tizio conduce l immobile sito nel Comune

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria COMPITI GENERALI IL DOVERE DI INFORMARE L AUTORITA LE DENUNCE OBBLIGATORIE SANITARIE: comunicazione all Autorità competente (Sindaco, in

Dettagli

Filodiritto.it. 1. Le massime

Filodiritto.it. 1. Le massime La responsabilità del contagio da HIV del coniuge: colpa con previsione o dolo eventuale?nota a Corte di Cassazione Sezione Quinta Penale, Sentenza 16 aprile 2012, n. 38388 Dott. Andrea Falcone Filodiritto.it

Dettagli

Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica

Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro Sentenza sull infortunio di un alunno di scuola elementare in una struttura scolastica RAVVISATA LA RESPONSABILITA' DEI DIRIGENTI SCOLASTICI PER UN

Dettagli

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Lugano, 22 ottobre 2013 avv. Alessandro Pistochini 1 1) Scenario generale Summary 2) L impianto del diritto penale tributario ai sensi del d.lgs.

Dettagli

Esame per l iscrizione agli albi degli avvocati Atto giudiziario su quesito proposto in materia di diritto penale

Esame per l iscrizione agli albi degli avvocati Atto giudiziario su quesito proposto in materia di diritto penale Esame per l iscrizione agli albi degli avvocati Atto giudiziario su quesito proposto in materia di diritto penale di Fabrizio Rigo La sera del 20 novembre 1999 Caio si trova a bordo della vettura condotta

Dettagli

Corte di Cassazione Sentenza n. 12516/2012

Corte di Cassazione Sentenza n. 12516/2012 Violazione dell obbligo di assistenza familiare Non è penalmente rilevante una condotta di omessa assistenza materiale che attenga a una mancata contribuzione economica che tuttavia non si risolva nell

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1

L AUTORICICLAGGIO. A cura dell' Avv. Michele Cardenà 1 L AUTORICICLAGGIO 1 INDICE Legge15 dicembre 2014, n. 186 3 Schema comparativo norme c.p. 5 Reato di autoriciclaggio: evoluzione storica 6 Freno all interpretazione generalizzata 7 Introduzione in Italia

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

Inquadramento giuridico e responsabilità

Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Custode Detentore Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Proprietà Definizione La proprietà è il diritto di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2011 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2011 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2011 di Roberto GAROFOLI Antonino GIGLIA COME SI SCRIVE IL PARERE GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Paolo ABBATE- Anna Maria Rosa DIFALCO Sergio DI GERLANDO - Paola MARINO - Giuseppe

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

Considerato in diritto

Considerato in diritto Considerato in diritto 1. La Corte di cassazione, terza sezione penale, con ordinanza del 15 ottobre 2013 (r.o. n. 275 del 2013), ha sollevato, in riferimento agli artt. 3 e 27, terzo comma, della Costituzione,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015

Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015 Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015 di Lorenzo Roccatagliata 1. Premessa. Dopo due esami preliminari, con il Consiglio dei Ministri n. 82 di venerdì 22 settembre,

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE I ATTI GIUDIZIARI DI DIRITTO CIVILE

INDICE SOMMARIO PARTE I ATTI GIUDIZIARI DI DIRITTO CIVILE IX Presentazione... Gli Autori... v xv PARTE I ATTI GIUDIZIARI DI DIRITTO CIVILE SEZIONE I PROPRIETAv E DIRITTI REALI N. 1 Comparsa di costituzione e risposta Servitù prediali Servitù coattiva di passaggio...

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p.

IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. IL REATO DI ATTI PERSECUTORI ex art. 612 bis c.p. Delitto contro la libertà morale. Delitto doloso che prevede la rappresentazione dell evento. L elemento soggettivo è la volontà della condotta e dell

Dettagli

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica Note preliminari I reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto Lezione 7-8 giugno 2004 Claudia Cevenini Reato = illecito penale. Diritto penale = prevede la pena come conseguenza della violazione

Dettagli

LESIONI COLPOSE DURANTE UN AZIONE DI GIOCO Sentenza Cass. N. 19473/05. di Corrado Spina *

LESIONI COLPOSE DURANTE UN AZIONE DI GIOCO Sentenza Cass. N. 19473/05. di Corrado Spina * RIVISTA DI DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT ISSN 1825-6678 135 Vol. I, Fasc. 2, 2005 LESIONI COLPOSE DURANTE UN AZIONE DI GIOCO Sentenza Cass. N. 19473/05 di Corrado Spina * La sentenza n. 19473/05 del

Dettagli

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole La Corte di Giustizia Europea ha dichiarato non punibile l utilizzatore finale che dimostra di non essere parte dell

Dettagli

Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013

Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013 Rel. n. III/04/2013 Roma, 18 dicembre 2013 Novità legislative: D.L. 10 dicembre 2013, n. 136 Disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali ed a favorire lo sviluppo delle

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it Dott. Claudio Belcastro Dott. Emanuela Candido Rag. Maria Teresa Cimarosa Dott. Franco Chiudino Rag. Sandra Macrì Rag. Caterina Piccolo Dott. Sergio Policheni Rag. Santina Sansotta Dott. Francesco Strangio

Dettagli

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti Associazione di volontariato ASSOARMA Croce Rossa Italiana Comitato locale di Brescia Volontariato Brescia ONLUS Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà Comune di Brescia SETTORE SICUREZZA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti

Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti Stampa Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti admin in Contenzioso e processo tributario La Corte di Cassazione, sezione Penale, si è pronunciata

Dettagli

SECONDA PROVA ESAME AVVOCATO 2015: PARERE PENALE

SECONDA PROVA ESAME AVVOCATO 2015: PARERE PENALE SECONDA PROVA ESAME AVVOCATO 2015: PARERE PENALE PRIMA TRACCIA Tizio, alla guida della sua autovettura a bordo della quale si trova anche Caio, a causa della eccessiva velocità perde il controllo del veicolo

Dettagli

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3 ALLEGATO 3 REATI SOCIETARI 1. False comunicazioni sociali Art. 2621 c.c. Salvo quanto previsto dall articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti

Dettagli

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria 1. Referto 2. Denuncia di reato REFERTO IL REFERTO E L ATTO SCRITTO CON IL QUALE L ESERCENTE UNA PROFESSIONE SANITARIA RIFERISCE ALL AUTORITA GIUDIZIARIA

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Bracconaggio, furto venatorio e maltrattamento

Bracconaggio, furto venatorio e maltrattamento Bracconaggio, furto venatorio e maltrattamento 20 novembre 2013 La fauna selvatica da un punto di vista normativo ha oggi una duplice natura, quella di patrimonio indisponibile dello Stato alla luce della

Dettagli

Parte speciale Reati informatici

Parte speciale Reati informatici Parte speciale Reati informatici Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 L Amministratore delegato APPROVAZIONE Il Presidente del CdA STATO DEL DOCUMENTO Redazione Revisione Modifica

Dettagli

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio

Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio Parte Speciale R : Il reato di autoriciclaggio MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA EMAK S.p.A. REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 7/08/2015 1 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti

Dettagli

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE Informativa n. 38 del 21 settembre 2011 La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE 1 Premessa... 2 2 Operatività

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Reati di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Approvato con determinazione

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO LA NUOVA DISCIPLINA DELLA LEGITTIMA DIFESA IN PRIVATO DOMICILIO Premessa: La legge 13 febbraio 2006, n. 59 ha profondamente innovato l art. 52 c.p., afferente la scriminante della legittima difesa, introducendo

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale Inquadramento generale sui reati presupposto I reati per i quali è esclusa la punibilità I reati per i quali non è esclusa la

Dettagli

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-...

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-... Page 1 of 5 Sent. n. 16860 del 4 maggio 2010 (ud. del 17 marzo 2010) della Corte Cass. Sez. III pen. Pres. Altieri, Rel. Processo penale Iva Imposta mezzi importati - Pagamento all importazione Accordo

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli