ANNO ACCADEMICO 2009/2010: GIURISPRUDENZA RELATIVA AI DELITTI CONTRO IL PATRIMONIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO ACCADEMICO 2009/2010: GIURISPRUDENZA RELATIVA AI DELITTI CONTRO IL PATRIMONIO"

Transcript

1 FURTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010: GIURISPRUDENZA RELATIVA AI DELITTI CONTRO IL PATRIMONIO Cass. pen., sez. V, , n Sussiste il reato di furto consumato e non tentato nel caso in cui l agente si impossessi all interno di un centro commerciale di un portafoglio sottraendolo con destrezza, sia pure per un breve lasso di tempo, al controllo del proprietario che accortosi abbia seguito e bloccato l imputato. Cass. pen., sez. V, Difetta il requisito dell altruità della cosa, richiesto per la configurabilità del reato di furto, qualora l agente, proprietario di prodotti semilavorati consegnati per l ulteriore lavorazione ad altro soggetto, li sottragga a quest ultimo dopo che la detta lavorazione sia stata effettuata. Cass. pen., sez. V, Costituisce furto consumato e non tentato quello che si commette all atto del superamento della barriera delle casse di un supermercato con della merce prelevata dai banchi e sottratta al pagamento, nulla rilevando che il fatto sia avvenuto sotto il costante controllo del personale del supermercato incaricato della sorveglianza. Cass. pen., sez. IV, Per la consumazione del reato di furto è sufficiente che la cosa sottratta sia passata sotto il dominio esclusivo dell agente anche se per breve tempo e senza spostamento dal luogo della sottrazione (fattispecie nella quale l autore del furto, dopo aver sottratto il corpo di reato dalla cassaforte dell ufficio, lo aveva riposto all interno della sua autovettura parcheggiata nel cortile dell edificio, essendo poco dopo sorpreso dalle forze dell ordine). Cass. pen., sez. V, , n La differenza tra furto con strappo e rapina risiede nella direzione della violenza, giacché è configurabile la rapina quando il fatto è commesso mediante violenza alla persona, mentre ricorre il furto quando la violenza è immediatamente rivolta verso la cosa e solo in via del tutto indiretta attinge la persona che la detiene. Cass. pen., sez. IV, Il dipendente di una ditta di trasporti che sottragga la merce a lui affidata commette il reato di furto e non già quello di appropriazione indebita, atteso che le operazioni materiali di cui è incaricato (trasporto, deposito, conservazione e consegna) non gli conferiscono quell effettivo potere di autonoma disponibilità dei beni affidatigli, che è invece presupposto necessario della fattispecie di cui all art. 646 c.p.p. Cass. pen., sez. V, Nel delitto di furto sussiste l aggravante dell utilizzo di mezzo fraudolento qualora il soggetto attivo si impossessi della merce sottratta dai banchi di un supermercato, occultandola sulla propria persona, in quanto tale condotta, improntata ad astuzia e scaltrezza, è preordinata ad eludere gli accorgimenti a tutela dei beni e, nella specie, i controlli predisposti dagli addetti alla cassa del supermercato. Cass. pen., sez. V,

2 Sussiste l aggravante di cui all art. 625, 1º comma, n. 7 c.p. - sub specie di esposizione della cosa per necessità o per consuetudine o per destinazione alla pubblica fede - nel caso in cui il soggetto attivo si impossessi di effetti personali sottratti ai bagnanti sulla spiaggia, in quanto rientra nelle abitudini sociali e nella pratica di fatto lasciare incustoditi tali oggetti da coloro che abbandonino temporaneamente la spiaggia per andare a fare il bagno. Cass. pen., sez. V, , n Integra il delitto di furto aggravato da mezzo fraudolento - e non quello di truffa - la condotta di colui che si faccia consegnare, adducendo un pretesto che implichi l intesa di un immediata restituzione, un bene (nella specie anello di brillanti e telefono cellulare) e riparta d improvviso con la propria auto, in quanto quest ultima condotta integra lo spossessamento «invito domino», poiché il soggetto passivo si è privato materialmente dal bene in via del tutto provvisoria e senza la volontà di spossessarsene, mantenendo anzi con la propria presenza il controllo su di esso, vanificato dall improvviso dileguarsi dell autore del reato. Cass. pen., sez. IV, , n In tema di furto, la causa di non punibilità prevista dall art. 649 c.p. ha natura personale, con la conseguenza che non si estende all eventuale concorrente. FURTO IN ABITAZIONE E FURTO CON STRAPPO Cass. pen., sez. IV, , n L art. 624 bis c.p. (furto in abitazione e furto con strappo) prevede autonome figure di reato e non circostanze aggravanti del furto semplice. Cass. pen., sez. IV, Ai fini della sussistenza del delitto di furto in abitazione di cui all art. 624 bis c.p., «luogo destinato a privata dimora» deve intendersi qualsiasi luogo, non pubblico, in cui una persona si trattenga, in modo permanente oppure transitorio e contingente, per compiere atti di vita privata o attività lavorative. Cass. pen., sez. IV, , n Integra il reato previsto dall art. 624 bis c.p., la condotta del soggetto che, per commettere un furto, si introduca all interno di una farmacia durante l orario di apertura, poiché il concetto di privata dimora è più ampio di quello di abitazione, ricomprendendo tutti i luoghi non pubblici nei quali le persone si trattengano per compiere, anche in modo transitorio e contingente, atti della vita privata. Cass. pen., sez. IV, , n La nozione di luogo destinato a privata dimora di cui all art. 624 bis c.p. comprende qualsiasi luogo, non pubblico, in cui una persona si trattenga, in modo permanente oppure transitorio e contingente, per compiere atti di vita privata o attività lavorative (nel caso di specie, un estraneo si era introdotto nello spogliatoio destinato agli avvocati in un palazzo di giustizia, sottraendo un capo di abbigliamento). Cass. pen., sez. II, È configurabile il furto con strappo quando la violenza è immediatamente rivolta verso la cosa e solo in via del tutto indiretta verso la persona che la detiene, anche se, a causa della relazione fisica intercorrente tra cosa sottratta e possessore, può derivare una ripercussione indiretta e involontaria sulla vittima, mentre ricorre la rapina allorché la res è particolarmente aderente al corpo del possessore e questi, istintivamente e deliberatamente, contrasta la sottrazione, cosicché la violenza 2

3 necessariamente si estende alla sua persona, dovendo l agente vincerne la resistenza e non solo superare la forza di coesione inerente al normale contatto della cosa con essa. FURTI MINORI Cass. pen., sez. V, Rientra nella fattispecie di cui all art. 626, 1º comma, n. 3, c.p. (furto punibile a querela dell offeso, previsto dall art. 626, 1º comma, n. 3 c.p.) - che consiste nel fatto di spigolare, rastrellare o raspollare nei fondi altrui, non ancora spogliati interamente del raccolto - anche l ipotesi in cui, sussistendo segnali concreti della non volontà dell avente diritto di procedere al raccolto, l apprensione abusiva cada esclusivamente su prodotti vegetali (nella specie olive) da ritenere, comunque, destinati a sfuggire ad una eventuale iniziativa in tal senso, per essere caduti a terra e per richiedere a causa della loro specifica natura la lavorazione a brevissimo termine. APPROPRIAZIONE INDEBITA Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di appropriazione indebita la condotta del datore di lavoro che omette di versare nel termine assegnato le somme di denaro trattenute a titolo di contributi previdenziali sui compensi spettanti al lavoratore. Cass. pen., sez. II, , n Non integra il delitto di appropriazione indebita, risolvendosi un mero inadempimento civilistico, la corresponsione della retribuzione ai dipendenti in misura inferiore a quella risultante dalla busta paga, perché la differenza di denaro che il datore di lavoro trattiene per sé non costituisce parte del patrimonio dei dipendenti. Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di appropriazione indebita la condotta dell esercente la professione forense che trattenga somme riscosse a nome e per conto del cliente ancorché egli sia, a sua volta, creditore di quest ultimo per spese e competenze relative ad incarichi professionali espletati, salva la dimostrazione non solo dell esistenza del credito, ma anche della sua esigibilità e del suo preciso ammontare. Cass. pen., sez. II, , n Il reato di appropriazione indebita si consuma nel momento in cui l agente tiene consapevolmente un comportamento oggettivamente eccedente la sfera delle facoltà ricomprese nel titolo del suo possesso ed incompatibile con il diritto del titolare, in quanto significativo dell immutazione del mero possesso in dominio, senza che sia necessario che la parte offesa formuli un esplicita e formale richiesta di restituzione dello specifico bene oggetto della interversione del possesso (nella specie, dalla situazione maturata fra le parti - separazione con allontanamento della parte offesa dalla casa di abitazione senza il ritiro dei propri oggetti personali e dell autovettura - si è dedotto che l imputato avesse avuto modo di comprendere perfettamente di trattenere presso di sé oggetti appartenenti alla parte offesa, con conseguente integrazione del reato di cui Cass. pen., sez. II, Il reato di appropriazione indebita si realizza con la semplice interversione del possesso: quest ultimo, agli effetti penali, è integrato anche da una mera detenzione qualificata consistente nell esercizio sulla cosa di un potere di fatto al di fuori della sfera di sorveglianza del titolare. Cass. pen., sez. II,

4 La condotta appropriativa, in presenza di un contratto risolto e di una richiesta di restituzione della cosa da parte del proprietario, può consistere nella mera ritenzione del bene (fattispecie relativa alla ritenzione di un autoveicolo, da parte del locatario, nonostante la risoluzione del contratto di leasing e la richiesta di restituzione del bene). Cass. pen., sez. II, Integra il reato di appropriazione indebita il rifiuto del professionista (nella specie, patrocinante) di restituire al cliente la documentazione ricevuta, in quanto costituisce un comportamento che eccede i limiti del titolo del possesso. Cass. pen., sez. II, Commette il reato di appropriazione indebita (art. 646 c.p.) continuata (art. 81 c.p.) e aggravata dalla violazione del pactum fiduciae (art. 61 n. 11 c.p.), l amministratore di condominio che con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, allo scopo di procurarsi un profitto e avendone il possesso in ragione del proprio ufficio, si appropria di una somma di denaro, omettendo di destinarla al pagamento delle spese di gestione ordinaria o straordinaria.. Cass. pen., sez. II, Bene è configurato il reato di appropriazione indebita a carico del mediatore immobiliare il quale trattenga a titolo di provvigione parte della somma corrispostagli dal promittente acquirente e destinata al promettente venditore, in assenza della definitiva formazione del preliminare di compravendita con atto scritto, come richiesto ad substantiam, in base a quanto previsto dagli art e 1351 c.c., nulla rilevando eventuali «comportamenti concludenti» che si assumano posti in essere dalle parti. Cass. pen., sez. II, , n Integra il delitto di appropriazione indebita l omessa restituzione della cosa da parte del detentore al legittimo proprietario, se dal comportamento tenuto dal detentore si rilevi, per le modalità del rapporto con la cosa, un oggettiva interversione del possesso (nella fattispecie, il detentore del bene, una motocicletta, ne aveva smontato senza autorizzazione diverse parti). RAPINA Cass. pen., sez. I, , n La minaccia necessaria ad integrare l elemento oggettivo della rapina può consistere in qualsiasi comportamento deciso, perentorio e univoco dell agente che sia astrattamente idoneo a produrre l effetto di turbare o diminuire la libertà psichica e morale del soggetto passivo (fattispecie relativa ad intimazione a scendere dall autovettura rivolta al suo conducente, seguita da forzatura della portiera conseguente alla chiusura della «sicura» da parte della vittima e a sottrazione del danaro dal portafogli). Cass. pen., sez. II, , n Nel delitto di rapina il profitto può concretarsi in qualsiasi utilità, anche solo morale, in qualsiasi soddisfazione o godimento che l agente si riprometta di ritrarre, anche non immediatamente, dalla propria azione, purché questa sia attuata impossessandosi con violenza o minaccia della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene (la corte ha riconosciuto la sussistenza dell elemento psicologico del reato anche nella fattispecie relativa alla sottrazione di un arma ad una guardia giurata al solo fine di umiliare la vittima) Cass. pen., sez. II, , n Integra il tentativo di rapina anche il mero possesso di armi, pur se di fatto non utilizzate, in quanto l univocità della condotta va apprezzata, senza tenere conto della distinzione tra atti preparatori ed 4

5 atti esecutivi, nelle sue caratteristiche oggettive, così da verificare se sia tale da rivelare le finalità attraverso l apprezzamento, secondo le regole di comune esperienza, della natura e dell essenza degli atti compiuti e del contesto in cui si inseriscono. Cass. pen., sez. II, , n L esimente della desistenza nel tentativo richiede che la determinazione del soggetto agente di non proseguire nell azione criminosa si concreti indipendentemente da cause esterne che impediscano comunque la prosecuzione dell azione o la rendano vana (nella fattispecie, l imputato, intenzionato ad introdursi nella banca per compiervi una rapina, era stato fermato dalle guardie all ingresso che gli avevano trovato addosso un taglierino pronto all uso). Cass. pen. [ord.], sez. II, , n In tema di tentata rapina, la non punibilità dell agente per inesistenza dell oggetto può aversi solo quando l inesistenza sia assoluta, cioè quando manchi qualsiasi possibilità che in quel contesto di tempo la cosa possa trovarsi in un determinato luogo e non, invece, quando essa sia puramente temporanea e accidentale (fattispecie nella quale è stato affermato il delitto di tentata rapina per avere il soggetto rovistato nella borsa della vittima al cui interno non vi era denaro). T. Milano, Per configurarsi il tentativo di rapina, non è sufficiente che l agente abbia posto in essere atti preparatori idonei alla realizzazione della rapina, giacché gli atti diretti in modo non equivoco alla commissione del reato, cui fa riferimento l art. 56 c.p., sono soltanto quelli esecutivi, cioè tipici della condotta prevista dalla fattispecie incriminatrice astratta, ancorché qualificabili solo in minima parte come inizio di esecuzione (nella specie e stata esclusa la configurabilità del tentativo di rapina aggravata dall uso delle armi nel caso di due soggetti che, predisposta un auto parcheggiata nei pressi di un ufficio postale ed avendo a disposizione passamontagna, guanti in lattice ed un coltello, si erano seduti, in attesa dell apertura dell ufficio, su una panchina di un giardinetto sito nelle G.u.p. T. Orvieto, Colui che si sia limitato a svolgere la funzione di mero autista dei partecipanti ad una rapina, accompagnandoli sul posto, attendendoli e fuggendo con gli stessi, risponde, oltre che di concorso in rapina pluriaggravata, dei reati che gli altri partecipanti abbiano posto in essere anche quando siano consistiti nel compimento di atti di gratuita violenza. Cass. pen., sez. II, L elemento distintivo del delitto di rapina da quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone risiede nell elemento soggettivo, perché nell un caso l autore agisce al fine di procurare a sé o ad altri un profitto ingiusto, ben sapendo che quanto pretende non gli spetta e non è giuridicamente azionabile, nell altro agisce nella ragionevole opinione di esercitare un diritto con la coscienza che l oggetto della pretesa gli spetti. Cass. pen., sez. II, , n Nella rapina impropria, la violenza o la minaccia possono realizzarsi anche in luogo diverso da quello della sottrazione della cosa e in pregiudizio di persona diversa dal derubato, sicché, per la configurazione del reato, non è richiesta la contestualità temporale tra sottrazione e uso della violenza o minaccia, essendo sufficiente che tra le due diverse attività intercorra un arco temporale idoneo a realizzare, secondo i principi di ordine logico, i requisiti della quasi flagranza e tale da non interrompere il nesso di contestualità dell azione complessiva posta in essere al fine di impedire al derubato di rientrare in possesso della refurtiva o di assicurare al colpevole l impunità (fattispecie nella quale, dopo il furto di due autovetture, c era stato un inseguimento dei ladri da parte dei carabinieri, all indirizzo dei quali i primi avevano tenuto un atteggiamento violento e 5

6 Cass. pen., sez. VI, , n Nel delitto di rapina impropria, il requisito dell immediatezza che lega la sottrazione all uso della violenza o minaccia va inteso non in senso meramente letterale, come assenza di qualsivoglia intervallo temporale tra le due azioni, ma in riferimento al dato concettuale della flagranza e della quasi flagranza. Cass. pen., sez. II, Integra la fattispecie di tentativo di rapina impropria la condotta del soggetto che fa uso della violenza o della minaccia per assicurarsi l impunità, immediatamente dopo il compimento di atti idonei diretti in modo non equivoco ad impossessarsi della cosa mobile altrui. Cass. pen., sez. V, In tema di rapina impropria, postulando l art. 628, 2º comma, c.p., che la violenza o la minaccia siano adoperate «immediatamente dopo la sottrazione» ed al fine di conseguire, proprio mediante il loro impiego, il possesso, non ancora conseguito, della cosa sottratta ovvero l impunità, deve ritenersi che non sia configurabile il tentativo di rapina impropria, ma sussistano invece il reato di tentato furto o quello (minaccia, percosse, lesioni o altro) cui la condotta violenta o minacciosa abbia dato luogo, qualora tale condotta sia posta in essere senza che la sottrazione sia stata previamente realizzata. Cass. pen., sez. VI, , n Non è configurabile il tentativo di rapina impropria quando la condotta di sottrazione della cosa non venga completata, dovendovi invece ritenere integrato il tentativo di furto, oltre che altro autonomo reato che abbia come elemento costitutivo la violenza o la minaccia. Cass. pen., sez. II, , n Sussiste il reato di tentata rapina impropria, e non quello di tentato furto in concorso con il reato di resistenza a pubblico ufficiale, nel caso in cui il soggetto, sorpreso in flagranza a sottrarre o impossessarsi della cosa altrui da agenti di polizia giudiziaria, li aggredisca e usi violenza per assicurarsi l impunità. Cass. pen., sez. II, , n È configurabile il tentativo di rapina impropria, per il caso in cui al mancato impossessamento del bene faccia seguito l esplicazione di violenza o minacce finalizzate al conseguimento dell impunità per quanto commesso, in quanto la norma incriminatrice di cui all art. 628, 2º comma, c.p., deve necessariamente integrarsi con la norma generale sul delitto tentato. Cass. pen., sez. II, È configurabile il tentativo di rapina impropria nel caso in cui l agente, dopo aver compiuto atti idonei all impossessamento della res altrui, non portati a compimento per cause indipendenti dalla sua volontà, adoperi violenza o minaccia per assicurarsi l impunità. Cass. pen., sez. VI, , n È configurabile il tentativo di rapina impropria quando la condotta di sottrazione della cosa venga completata, ossia quando si realizzi il suo impossessamento, dovendosi invece ritenere integrato il tentativo di furto, in concorso con la minaccia o la resistenza al pubblico ufficiale, quando manchi il presupposto della sottrazione (fattispecie in cui la suprema corte ha annullato senza rinvio la sentenza di «patteggiamento», escludendo che l erronea qualificazione giuridica del fatto come tentativo di furto aggravato presentasse margini di opinabilità). 6

7 Cass. pen., sez. un., , n In tema di rapina, la locuzione impiegata nell ultima delle ipotesi previste dall art. 628, 3º comma, n. 1, c.p. esprime un concetto di pluralità che sussiste anche nel caso di due soggetti soltanto. Cass. pen., sez. II, , n Il concorrente nel delitto di rapina aggravato dall uso delle armi risponde, a titolo di concorso pieno e non anomalo, del delitto di lesioni materialmente commesso dal correo armato, dovendosi ritenere prevedibile detto evento lesivo, quale ordinario possibile sviluppo della condotta criminosa qualificata dall uso delle armi. Cass. pen., sez. II, , n Il reato di sequestro di persona è assorbito in quello di rapina aggravata previsto dall art. 628, 3º comma, n. 2, c.p. solo quando la privazione della libertà personale abbia una durata limitata al tempo strettamente necessario all esecuzione della rapina, ma non quando si protragga anche dopo la consumazione della stessa. Cass. pen., sez. VI, , n L esclusione della causa di non punibilità di cui all art. 649 c.p. in riferimento alle fattispecie criminose di rapina, estorsione e sequestro di persona a scopo d estorsione è normativamente estesa anche alle corrispondenti fattispecie di tentativo, che strutturalmente comportano l uso della violenza alla persona, pur solo preordinata e non realizzata (la corte ha precisato che nella nozione di «violenza alle persone», di cui all ultima parte dell art. 649, 3º comma, c.p., rientra anche la violenza morale, e ciò perché tutte le fattispecie criminose a cui si riferisce la causa di non punibilità si connotano per l equiparazione della violenza alla minaccia). Cass. pen., sez. V, , n Nel caso in cui nel corso di una rapina posta in essere con violenza sulla persona (nella specie, spintonando la vittima e trascinandola per alcuni metri per strapparle la borsa) la persona offesa riporti gravi lesioni personali che ne cagionino il decesso correttamente l evento morte viene addebitato a titolo di omicidio preterintenzionale (art. 583 c.p.), e non come morte in conseguenza di un altro reato (art. 586 c.p.). ESTORSIONE Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di estorsione la condotta del datore di lavoro che costringa i lavoratori ad accettare la corresponsione di retribuzioni inferiori ai minimi sindacali, facendo loro firmare prospetti paga per importi superiori a quelli effettivamente corrisposti, a fronte della minaccia di un pregiudizio, quale l impossibilità di accedere, in caso di licenziamento e data la condizione di mercato segnata da alti livelli di disoccupazione, ad altre possibilità occupazionali, risultando irrilevante ad escludere la fattispecie delittuosa l eventuale accordo fra datore di lavoro e lavoratori.. Cass. pen., sez. II, , n L imposizione da parte del datore di lavoro ai propri dipendenti di trattamenti retributivi deteriori e non corrispondenti alle prestazioni effettuate e, in genere, inferiori ai minimi sindacali, approfittando della situazione di mercato caratterizzata da domanda di lavoro di gran lunga superiore all offerta, configura il reato di estorsione, risultando irrilevante ad escluderlo, di per sé, il previo accordo in tal senso fra datore di lavoro e lavoratori. Cass. pen., sez. II, , n

8 Non è configurabile il delitto di estorsione se il destinatario della pretesa vessatoria non si trovi nelle condizioni di dover adempiere a quanto richiesto come unico modo per evitare un pregiudizio diretto ed immediato (nella fattispecie, relativa alla richiesta di una buonuscita per il rilascio di un immobile, la corte ha affermato che la negoziazione di una somma in cambio del vantaggio di una più rapida soluzione di una vicenda contrattuale non assume il carattere di una minaccia e, benché soggettivamente vissuta come vessatoria, pur sempre si risolve all interno di una libera determinazione privatistica). Cass. pen., sez. II, , n Non integra il delitto di estorsione, in assenza della intrinseca ingiustizia del fine perseguito, la minaccia di far valere un diritto pur quando se ne prospetti, con forte carica intimidatoria, un uso sproporzionato rispetto alle ragioni vantate (nella fattispecie la corte non ha ritenuto l ingiustizia del fine perseguito del proprietario di un immobile che, con la minaccia dello sfratto, si era fatto dare alcuni assegni a copertura dell aumento «in nero» del canone di locazione). Cass. pen., sez. II, , n Il delitto di estorsione si caratterizza rispetto a quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone per il fatto che la violenza o minaccia solo nel secondo caso sono esercitate per far valere un diritto già esistente e azionabile dinanzi a un giudice; qualora, invece, l azione costrittiva sia finalizzata a far sorgere una posizione giuridica che altrimenti non potrebbe essere vantata né conseguita attraverso il ricorso al giudice, e a questa consegua un ingiusto vantaggio patrimoniale, è configurabile il reato di estorsione (fattispecie nella quale è stato ravvisato il delitto di estorsione nell erogazione di un mutuo, avvenuta alla condizione illecita di prestazioni sessuali da parte della mutuataria in favore del mutuante, e nella successiva pretesa del mutuante di restituzione della somma versata, sotto la minaccia di divulgare una videocassetta in cui sarebbero stati registrati gli incontri. Cass. pen., sez. II, , n In tema di estorsione, la circostanza aggravante delle «più persone riunite» non si identifica con una generica ipotesi di concorso di persone nel reato, ma richiede la simultanea presenza di non meno di due persone nel luogo e nel momento in cui si realizza la violenza o la minaccia, in quanto solo in tal modo hanno luogo quegli effetti fisici e psichici di maggiore pressione sulla vittima che ne riducono significativamente la forza di reazione e giustificano il rilevante aumento di pena. Cass. pen., sez. II, , n Non esclude la consumazione del delitto di estorsione la circostanza che la consegna del danaro all estorsore da parte della vittima avvenga in presenza delle forze dell ordine preventivamente allertate e appostate, ma intervenute dopo il conseguimento del possesso del danaro stesso, sia pure per una breve frazione temporale, da parte dell estorsore, in quanto la consumazione del reato deve rapportarsi al momento e nel luogo in cui si è verificato l ingiusto profitto con l altrui danno. Cass. pen., sez. V, , n La minaccia costitutiva del delitto di estorsione può essere manifestata anche in maniera implicita, essendo solo necessario che essa sia idonea a incutere timore e a coartare la volontà del soggetto passivo, in relazione alle circostanze concrete, alla personalità dell agente, alle condizioni soggettive della vittima e alle condizioni ambientali in cui questa opera. Cass. pen., sez. II, , n Integra il delitto di estorsione, in relazione all ingiusto profitto derivante da una pretesa penalmente e civilisticamente illecita, la minaccia posta in essere per ottenere il pagamento di un credito di 8

9 natura usuraria, quand anche consistente nel prospettato ricorso a mezzi astrattamente consentiti dalla legge (nella specie, attivazione di garanzie costituite da assegni e da iscrizione ipotecaria). Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di tentata violenza privata e non già di tentata estorsione la minaccia diretta a costringere altri a ritirare la denuncia presentata nei confronti di un terzo, non essendo il vantaggio derivante dal ritiro della stessa connotato da contenuto patrimoniale o di utilità economica. Cass. pen., sez. V, , n Per la configurazione del concorso nel reato (art. 110 c.p.), il quale richiede che l azione incriminata sia frutto di volontaria adesione alla condotta tipica altrui, occorre che il soggetto passivo non abbia chiesto ausilio all ipotizzato concorrente nel reato, o che gli abbia dato un mandato di cui il mandatario abbia abusato, o almeno che ne sia stato dissuaso dal sottrarsi alla minaccia; con la conseguenza che in assenza di prove certe ed univoche che accertino la sussistenza di tali elementi, la condotta di colui che consegni una somma di denaro all autore di un estorsione in nome dell offeso, non integra gli estremi del reato di concorso in estorsione (art. 110 e 629 c.p.). Cass. pen., sez. II, È ravvisabile il delitto di estorsione qualora il locatore, con la minaccia di esercitare le azioni giudiziarie previste a tutela del credito, si faccia dare dalla vittima somme superiori ai canoni di locazione dovuti. Cass. pen., sez. II, La minaccia di porre fine ad un vincolo di amicizia allo scopo di ottenere un profitto non dovuto integra gli estremi del delitto di estorsione quando sia consapevolmente strumentalizzata la particolare vulnerabilità psicologica di chi (nella specie, una tredicenne), dalla cessazione del legame affettivo, possa subire conseguenze deteriori esorbitanti dal dolore normalmente collegato all abbandono e al tradimento. Cass. pen., sez. VI, Non risponde di estorsione colui che, per incarico della vittima di un furto e nell esclusivo interesse di quest ultima, si metta in contatto con gli autori del reato per ottenere la restituzione della cosa sottratta mediante esborso di denaro, senza conseguire alcuna parte del prezzo. Cass. pen., sez. II, Integra la condotta del delitto di estorsione la pretesa di una somma di denaro, rivolta ad uno dei partecipanti ad un asta giudiziaria da parte di altro concorrente come compenso per l astensione dalla partecipazione, perché la prospettazione dell esercizio di un diritto, nel caso di specie del diritto di prendere parte alla gara, siccome finalizzato al conseguimento di un ingiusto profitto, assume connotazioni minacciose. Cass. pen., sez. II, In tema di estorsione, la minaccia, ancorché consistente nell esercizio di una facoltà o di un diritto spettante al soggetto agente (e dunque all apparenza legale), diviene contra ius quando, pur non essendo antigiuridico il male prospettato, si faccia uso di mezzi giuridici legittimi per ottenere scopi non consentiti o risultati non dovuti, come quando la minaccia sia fatta con il proposito di coartare la volontà di altri per soddisfare scopi personali non conformi a giustizia (nella fattispecie il ricorrente, con la minaccia di azioni legali e persecutorie si era fatto dare dalla vittima somme anche superiori ai canoni di locazione dovuti). Cass. pen., sez. II,

10 In tema di estorsione, l elemento dell ingiusto profitto si individua in qualsiasi vantaggio, non solo di tipo economico, che l autore intenda conseguire e che non si collega ad un diritto, ovvero è perseguito con uno strumento antigiuridico o con uno strumento legale ma avente uno scopo tipico diverso (nella fattispecie l imputato intendeva impedire alla vittima di procedere giudizialmente nei suoi confronti con un azione ritenuta ingiusta). Cass. pen., sez. II, In tema di tentativo di estorsione, l assenza di esplicite minacce comporta che l idoneità della condotta rispetto all ingiusto risultato debba essere apprezzata in riferimento alle modalità con cui è stata posta in essere, avendo riguardo alla personalità sopraffattrice del soggetto agente, alle circostanze ambientali, all ingiustizia del profitto, alle particolari condizioni soggettive della vittima. Cass. pen., sez. II, In tema di delitto di estorsione, la costrizione, che deve seguire alla violenza o minaccia, attiene all evento del reato, mentre l ingiusto profitto con altrui danno si atteggia a ulteriore evento, sicché si ha solo tentativo nel caso in cui la violenza o la minaccia non raggiungono il risultato di costringere una persona al facere ingiunto (nella fattispecie la corte ha precisato che il danno era quello che in prospettiva poteva realizzarsi attraverso l imposizione all acquirente di rivolgersi ad un unico fornitore, senza la possibilità di godere dei vantaggi economici della concorrenza). Cass. pen., sez. II, Colui che assume la veste di intermediario fra gli estorsori e la vittima, anche se per incarico di quest ultimo, non risponde di concorso nel reato solo se agisce nell esclusivo interesse della stessa vittima e per motivi di solidarietà umana, altrimenti contribuendo la sua opera alla pressione morale ed alla coazione psicologica nei confronti della vittima e quindi conferendo un suo apporto causativo all evento. Cass. pen., sez. V, , n In tema di estorsione, la circostanza aggravante del concorso di più persone riunite è configurabile anche se la minaccia sia stata esercitata da un solo soggetto, in quanto non è necessaria la presenza contestuale di più correi nel luogo di esecuzione del reato, ma è sufficiente che il soggetto passivo percepisca che la violenza o la minaccia provengono da più persone, avendo tale fatto, per se stesso, maggiore effetto intimidatorio. Cass. pen., sez. II, , n Si ha consumazione, e non mero tentativo del delitto di estorsione, allorché la cosa estorta venga consegnata dal soggetto passivo all estorsore, e ciò anche nelle ipotesi in cui sia predisposto l intervento della polizia giudiziaria che provveda immediatamente all arresto del reo ed alla restituzione del bene all avente diritto. Cass. pen., sez. II, , n Risponde del delitto di estorsione tentata il parcheggiatore abusivo il quale, con atteggiamento intimidatorio, compia atti idonei diretti in modo non equivoco a costringere l automobilista ad un atto di disposizione patrimoniale, quand anche di pochi spiccioli (nella specie, richiesta di euro 1,50). Cass. pen., sez. II, Integra il delitto di truffa la condotta di colui che prospetti un male come possibile ed eventuale, in ogni caso non proveniente direttamente o indirettamente da chi lo prospetta, in modo che la persona offesa non è coartata, ma si determina alla prestazione, costituente l ingiusto profitto dell agente, 10

11 perché tratta in errore dall esposizione di un pericolo inesistente; mentre si configura l estorsione se il male viene indicato come certo e realizzabile ad opera del reo o di altri, poiché in tal caso la persona offesa è posta nella ineluttabile alternativa di far conseguire all agente il preteso profitto o di subire il male minacciato. Cass. pen., sez. II, , n I reati consumati di rapina, estorsione e sequestro di persona a scopo di estorsione restano esclusi dall operatività della previsione dell art. 649 c.p., pur se posti in essere senza violenza alle persone. SEQUESTRO DI PERSONA A SCOPO DI ESTORSIONE G.i.p. T. Genova, Il rapimento di neonato a scopo estorsivo integra il delitto di sequestro di persona di cui all art. 630 c.p., il quale si pone in rapporto di specialità sia con le fattispecie che puniscono la privazione della libertà personale (essendo caratterizzato dal dolo specifico), sia con il reato di estorsione. A. Genova, Il rapimento di neonato a scopo estorsivo non può integrare il delitto di sequestro di persona di cui all art. 630 c.p., non avendo il minore raggiunto quel minimo grado di consapevolezza che gli consenta di comprendere la lesione infertagli attraverso la privazione della libertà di autodeterminazione nel movimento; deve, invece, considerarsi il delitto di sottrazione di persone incapaci di cui all art. 574 c.p. in concorso (ovvero in continuazione) con il reato (nella fattispecie: tentato) di estorsione ex art. 629 c.p. Cass. pen., sez. I, Perché si configuri il delitto di sequestro di persona a scopo di estorsione è sufficiente che il soggetto passivo subisca una limitazione della libertà personale, quali ne siano il grado e la durata, il luogo in cui avvenga e i mezzi usati per imporla, potendo il sequestro realizzarsi, oltre che con la coercizione fisica che impedisce in concreto ogni libertà di movimento, anche attraverso l inganno e con motivi pretestuosi che attraggono la vittima e ne inficiano la volontà di autodeterminarsi. Cass. pen., sez. I, L ingiusto profitto cui deve essere finalizzata l azione dell agente nel delitto di sequestro a scopo di estorsione si identifica in qualsiasi utilità che costituisca un vantaggio per il soggetto attivo del reato (fattispecie in ipotesi di sequestro di un familiare al fine di indurre la madre a prostituirsi). Cass. pen., sez. III, Ove esuli dal progetto degli imputati il conseguimento di un riscatto quale prezzo della liberazione della donna sequestrata a fini di sfruttamento della sua prostituzione e la violenza venga esercitata su di essa per il solo inserimento in una organizzazione, non già per liberarla, bensì per controllarla nella determinata prostituzione, della quale doveva consegnare loro i ricavi, non è configurabile il delitto di sequestro di persona a scopo di estorsione. Cass. pen., sez. V, Integra gli estremi del delitto di sequestro di persona (art. 630 c.p.) - e non quelli del delitto di estorsione (art. 629 c.p.) - la condotta criminosa consistente nella privazione della libertà di una persona finalizzata a conseguire come prezzo della liberazione una prestazione patrimoniale, pretesa in esecuzione di un precedente rapporto illecito, posto che il delitto di cui all art. 630 c.p. è un reato plurioffensivo nel quale l elemento oggettivo del sequestro viene tipizzato dallo scopo di conseguire un profitto ingiusto dal prezzo della liberazione, a nulla rilevando che il perseguimento del prezzo di riscatto trovi la sua fonte in pregressi rapporti illeciti.. 11

12 Cass. pen., sez. V, In tema di sequestro di persona a scopo di estorsione, ai fini della concessione della circostanza attenuante della dissociazione diretta a far riacquistare al soggetto passivo la libertà, non è richiesto che la liberazione stessa sia conseguenza di una iniziativa spontanea del dissociato, occorrendo, invece, da un lato, che la dissociazione sia volontaria e che si realizzi anteriormente alla liberazione dell ostaggio prima del pagamento del riscatto, dall altro, che il comportamento del dissociato si traduca in fatti concreti, finalisticamente indirizzati alla liberazione del sequestrato ed eziologicamente rilevanti per il raggiungimento dello scopo della cessazione del sequestro. Cass. pen., sez. I, In tema di sequestro di persona a scopo di estorsione, la speciale attenuante prevista dall art. 6 d.l. 15 gennaio 1991 n. 8, conv. con modif. in l. 15 marzo 1991 n. 82, a favore del concorrente dissociatosi dagli altri il quale, nell ambito delle ipotesi già previste dal 4º e 5º comma dell art. 630 c.p., abbia fornito un contributo di «eccezionale rilevanza», richiede, per la sua configurabilità, che detto contributo sia «eccezionale» nel suo complesso, e debba quindi anche concorrere, in una qualche misura, pur non necessariamente determinante, ad assicurare l integrità personale dell ostaggio e ad abbreviare la privazione della libertà (nella specie, in applicazione di tale principio, la suprema corte ha ritenuto che correttamente fosse stata esclusa la sussistenza della circostanza in questione in un caso in cui l apporto del dissociato, pur definito di determinante importanza, si era limitato alla sola fase delle indagini successive alla conclusione dell attività criminosa). T. Roma, In materia di sequestro di persona a scopo di estorsione, la circostanza attenuante della «collaborazione» prevista dall art. 630, 4º comma c.p., per l ipotesi del concorrente che, dissociatosi, si adopera in modo che la vittima riacquisti la libertà senza il pagamento del riscatto, non può essere riconosciuta al correo che al momento dell arresto in flagranza indichi alla polizia giudiziaria il luogo di custodia dell ostaggio. Cass. pen., sez. I, In tema di sequestro di persona a scopo di estorsione, il reato previsto dall art. 1, 4º comma, d.l. 15 gennaio 1991 n. 8, conv. con modif. in l. 15 marzo 1991 n. 82, siccome concepito dal legislatore solo in funzione dell esigenza di ostacolare per quanto possibile il pagamento della somma pretesa in cambio della liberazione dell ostaggio, è configurabile (salvo che si tratti di prossimi congiunti), anche quando l attività di intermediazione sia mossa da solo spirito di solidarietà con le vittime del reato, differenziandosi comunque il reato anzidetto da quello di concorso nel sequestro di persona per la mancanza, nell agente, dell animus socii, posto che l elemento soggettivo è quello proprio di chi non agisce di concerto con i sequestratori (diventandone quindi concorrente), ma si muove su di un piano diverso, con lo specifico intento di favorire il mero pagamento del riscatto; il che pure costituisce ostacolo al compimento dell attività investigativa, il cui scopo essenziale è invece quello di addivenire alla liberazione dell ostaggio e alla cattura dei colpevoli. TRUFFA Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di truffa aggravata previsto dall art. 640, 2º comma, n. 1, c.p. e non quello di cui all art. 316 ter, la condotta artificiosa consistente nella falsa attestazione di versare nelle condizioni previste dalla legge per poter beneficiare dell esenzione dal pagamento delle prestazioni sanitarie (nel caso di specie, la suprema corte ha rigettato il ricorso avverso una sentenza di condanna per i reati di cui agli art. 640, 2º comma, n. 1, e 483 c.p.). 12

13 Cass. pen., sez. II, , n La truffa commessa da soggetto che, mediante esibizione di falso diploma di infermiere, si fa assumere da una clinica convenzionata con il servizio sanitario nazionale, è reato a consumazione prolungata e non reato istantaneo, atteso che lo stesso si protrae sino a che perdura l erogazione economica fraudolentemente conseguita, la quale rappresenta ad un tempo l ingiusto profitto per l agente ed il danno per lo stato, consistente nell esborso di pubblico denaro in cambio di servizi espletati da soggetto non qualificato. Cass. pen., sez. II, , n In tema di truffa in assunzione ad un pubblico impiego (ottenuta, nella fattispecie, mediante esibizione di falso diploma di infermiere), il requisito dell ingiusto profitto, una volta accertata l esplicazione della prestazione lavorativa richiesta, non può essere ravvisato nella percezione dei ratei di retribuzione, i quali sono dovuti al dipendente in forza del disposto di cui agli art e 2129 c.c.: ne consegue che il reato, di natura istantanea, si consuma all atto della costituzione del rapporto impiegatizio. Cass. pen., sez. II, , n Integra il reato di truffa contrattuale aggravata, a consumazione prolungata, la condotta di chi, col falso titolo abilitativo alla professione di infermiere, si procura l assunzione presso una struttura sanitaria pubblica e lì svolge continuativamente la professione, riscuotendone il corrispettivo. Cass. pen., sez. II, , n Ai fini della sussistenza del reato di truffa, l idoneità dell artificio e del raggiro non è esclusa dalla mancanza di diligenza della persona offesa. Cass. pen., sez. II, , n La condotta di chi, inducendo in errore il giudice in un processo civile o amministrativo mediante artifici o raggiri, ottenga una decisione favorevole non integra il reato di truffa, per difetto dell elemento costitutivo dell atto di disposizione patrimoniale, anche quando è riferita all emissione di un decreto ingiuntivo, poiché quest ultima attività costituisce esercizio della funzione giurisdizionale. Cass. pen., sez. II, , n Configura il reato di truffa la condotta del dipendente di un ente locale il quale ha fatto rilevare falsamente, attraverso la timbratura del cartellino marcatempo, la propria presenza pomeridiana in ufficio, laddove invece si trovava presso lo stadio comunale per assistere ad un incontro di calcio. Cass. pen., sez. II, , n Gli artifizi o i raggiri richiesti per la sussistenza del reato di truffa contrattuale possono consistere anche nel silenzio maliziosamente serbato su alcune circostanze da parte di chi abbia il dovere di farle conoscere, indipendentemente dal fatto che dette circostanze siano conoscibili dalla controparte con ordinaria diligenza (fattispecie di tentata truffa in cui il venditore di un immobile aveva taciuto il fatto che il mutuo per l acquisto dello stesso era stato stipulato da soggetto coinvolto in reato di corruzione con il rischio di possibile confisca per equivalente dell immobile stesso). T. Rieti, [11] Ciò posto, ricorrono nella predetta condotta gli elementi oggettivi e soggettivi del reato di tentata truffa. 13

14 [12] Si afferma costantemente in giurisprudenza che è configurabile il reato di truffa nell'ipotesi in cui taluno, vantando l'efficacia di pratiche di magia, ottenga in cambio dell effettuazione di tali pratiche un consistente corrispettivo economico (v., per tutte, Cass., 23 settembre 2005, Mura, in relazione a fattispecie in cui l agente si era procurato il profitto, ritenuto ingiusto, di quasi lire cinquanta milioni in cambio di prestazioni consistenti in rituali magici asseritamente idonei a far sì che venisse realizzato il desiderio della persona offesa di ottenere i favori sessuali di una donna: trattasi, come risulta dal certificato del casellario giudiziale, di sentenza a carico proprio dell imputato Mura Umberto). T. Rieti, [13] Ricorre, altresì, l aggravante speciale dell aver ingenerato il timore di un pericolo immaginario (in relazione alle asserite presenze maligne all interno dell abitazione della persona offesa e al fatto che la stessa avesse ricevuto in passato una «fattura a morte», affermazioni che avevano causato alla Fasciolo una sensazione di «panico»: pag. 8 delle trascrizioni testimoniali): sul punto, la giurisprudenza afferma che integra il reato di truffa aggravata ex art. 640, comma 2, n. 2 c.p. la condotta del soggetto che, sfruttando la notorietà creatasi di mago o guaritore esperto di pratiche esoteriche, ingeneri nella persona offesa il pericolo immaginario dell avveramento di gravi malattie o di gravi incidenti e faccia credere alla stessa di poterla guarire e preservare, e così la induca in errore, compiendo asseriti esorcismi o pratiche magiche o somministrando o prescrivendo sostanze al fine di procurarsi un ingiusto profitto con danno della stessa (Cass., 4 marzo 2009, Campana; Cass., 30 ottobre 2008, Quarta; Cass., 20 dicembre 2004, Simonelli; Cass., 10 giugno 2003, C.; Cass. 24 aprile 1996, Palumbo). [14] Deve ritenersi sussistente il requisito dell induzione in errore di cui all art. 640 c.p. La circostanza - riferita dalla stessa persona offesa (pag. 20 delle trascrizioni testimoniali) - deve ritenersi senz altro verosimile: la donna, invero, era affetta da un morbo raro (la sindrome di Behçet) per il quale non esiste una cura, come risulta dalla documentazione prodotta dalla parte civile e la stessa ne era perfettamente consapevole (cfr. pag. 8 delle trascrizioni). Pertanto, anche in considerazione della grave sintomatologia della malattia (emorragie rettali, lesioni della pelle, artralgie, ecc.) e del conseguente stato di prostrazione psichica della donna, era naturale che la stessa potesse attaccarsi a qualsiasi flebile speranza di guarigione, tanto più che, sulla base della letteratura medica in materia, trattasi di malattia frequentemente mortale. Il fatto che la Fasciolo si sia rivolta ad un suo amico carabiniere non è sufficiente ad escludere l elemento dell induzione in errore, avendo la stessa dichiarato di aver agito in quel modo soltanto per sentirsi più sicura: al momento della messa in scena dell esorcismo (in cui il car. Scamurra era nascosto sotto al letto) il tentativo di truffa si era ormai ampiamente perfezionato, in quanto la condotta fino ad allora posta in essere era già di per sé idonea ed univocamente diretta a conseguire un ingiusto profitto, non essendo necessaria a tal fine la consegna dell assegno: invero, già in precedenza il Mura aveva detto alla Fasciolo che avrebbe potuto pagare con un assegno e che la quantificazione del prezzo sarebbe stata fatta alla fine. T. Rieti, [15] Il reato di cui al capo d imputazione, pertanto, dev essere riqualificato in quello di truffa tentata: l assegno consegnato al Mura, invero, non è stato mai posto all incasso, essendo stato sequestrato dal car. Scamurra, prontamente intervenuto al momento della consegna all imputato. In proposito, si afferma in giurisprudenza che il delitto di truffa si perfeziona non nel momento in cui il soggetto passivo assume un obbligazione per effetto degli artifici o raggiri subìti, bensì in quello in cui si verifica l effettivo conseguimento del bene economico da parte dell agente e la definitiva perdita di esso da parte del raggirato: pertanto, quando il reato predetto abbia come oggetto immediato il conseguimento di assegni bancari, il danno si verifica nel momento in cui i titoli vengono posti all incasso ovvero usati come normali mezzi di pagamento, mediante girata, a favore di terzi (Cass. 24 gennaio 2002, Migliorini; Cass. 28 ottobre 1997, Stabile; Cass. 16 aprile 1997, Tassinari; Cass. 15 gennaio 1984, Susini). T. Rieti,

15 [16] Responsabile del predetto reato, oltre al Mura, deve ritenersi anche la Vanni, la quale ha certamente agito in concorso morale e materiale con il primo. Deve rilevarsi, innanzi tutto, che è stata proprio lei a presentare il Mura alla Fasciolo: probabilmente, la stessa ha tratto l ispirazione per il suo piano criminoso dal fatto che la Fasciolo le aveva raccontato di essersi rivolta al proprio parroco (che la conosceva da anni), il quale le aveva detto di avere avvertito in lei delle negatività (di ben altro genere, in quanto, come riferito dalla Fasciolo, l incontro con il prelato si era risolto semplicemente in un attività di preghiera: pagg delle trascrizioni testimoniali). Successivamente, la Vanni ha posto in essere dei veri e propri artifici e raggiri, sfruttando l amicizia decennale che la legava alla persona offesa (era stata la madrina delle sue nipoti) e lo stato di inferiorità fisica e psichica in cui quest ultima versava: la prevenuta, invero, asseriva di avvertire, nell abitazione della Fasciolo, delle correnti fredde e di avere delle brutte sensazioni, tanto da chiederle di poterle praticare la terapia in terrazzo; poi le chiedeva di consegnarle delle fotografie ed in seguito le diceva di averle mostrate ad Umberto, riferendole che quest ultimo aveva capito, vedendo le foto, che stava male ed aveva bisogno di essere visitata da lui. La Vanni, inoltre, magnificava le doti del Mura, raccontando che aveva trattato con successo molte persone (che egli aveva fatto guarire da malattie gravi come la distrofia muscolare e l anoressia: pag. 9) e, una volta, le aveva detto che sua madre avrebbe avuto un infarto (cosa che, a detta dell imputata, era poi avvenuta). Tutto ciò era stato riferito dalla Vanni all evidente scopo di carpire la fiducia della Fasciolo che, disperata a causa dell impraticabilità di terapie tradizionali, aveva finito per credere o comunque per affidarsi alla proposta di trattamento offertale dagli imputati (probabilmente come una sorta di «ultima spiaggia»). Inoltre, era stata la Vanni a spiegare alla Fasciolo in che cosa sarebbe consistito l esorcismo (pag. 11) e l imputata ha partecipato al rituale nonostante, in base agli accordi, non avrebbe dovuto farlo a causa del rischio che il male sottratto alla Fasciolo potesse trasferirsi su di lei (ma il giorno stabilito per l esorcismo la Vanni si presentava con un disegno della «rosa dei venti» che, a suo dire, l avrebbe protetta, il che rappresenta un ulteriore raggiro ai danni della persona offesa). Infine, la Vanni ha preso parte alla lettura dei libri e delle formule recitate dal Mura e, in ultimo, ha concordato con lui (o ha finto di concordare) l entità del prezzo, rassicurando la Fasciolo che era un trattamento di favore (pag. 13). Non vi è dubbio, pertanto, circa la sua piena compartecipazione nel reato de quo. Cass. pen., sez. III, , n È punibile penalmente la condotta di colui che abbia posto in essere una situazione apparente, contraria a quella reale, consistente in realtà nel gestire un movimento religioso, privo di qualsiasi legittimazione ecclesiastica ufficiale, con modalità idonee a trarre in errore le vittime sulla reale natura dell associazione (nel caso di specie, il ricorrente non perseguiva, nella gestione della comunità, alcuna finalità di natura spirituale o caritatevole, ma interessi di carattere patrimoniale facendo propri i vantaggi conseguibili dalle vittime indotte, con insistenti pressioni, a prestazioni di servizi e di opere, all interno e all esterno della sede della comunità, senza essere retribuite ovvero a compiere atti di disposizione patrimoniale in suo favore senza il corrispettivo del prezzo). Cass. pen., sez. II, , n Sussiste il reato di truffa «contrattuale» anche nell ipotesi in cui venga pagato un giusto corrispettivo a fronte della prestazione truffaldinamente conseguita, posto che l illecito si realizza per il solo fatto che la parte sia addivenuta alla stipulazione del contratto, che altrimenti non avrebbe stipulato, in ragione degli artifici e dei raggiri posti in essere dall agente. Cass. pen., sez. V, , n Ai fini della consumazione del reato di truffa è necessario che il profitto dell azione truffaldina entra nella sfera giuridica di disponibilità dell agente, non essendo sufficiente che esso sia fuoriuscito da quella del soggetto passivo (nella specie il giudice di merito riteneva integrato il reato in quanto il bonifico era uscito dalla sfera giuridica dell ente erogante ed era entrato in quella del 15

16 truffatore, sia pure «sub condizione» attraverso l incasso di un «concorrente inconsapevole», reputando irrilevante che quest ultimo avesse, a seguito di successivi accertamenti, disvelato l iniziativa truffaldina dell imputato; mentre la suprema corte afferma sussistente il mero tentativo). Cass. pen., sez. II, , n Integra il delitto di truffa aggravata e non quello di indebita percezione di erogazioni a danno dello stato l utilizzazione o la presentazione di dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere, o l omissione di informazioni dovute, quando hanno natura fraudolenta (in motivazione la corte ha evidenziato la necessità di valutare, ai fini della qualificazione giuridica del fatti, la rilevanza, e le conseguenze in ordine alle determinazioni dell ente pubblico, di elementi come la natura fittizia dell ente richiedente, la presentazione di fatture materialmente false e di documenti oggetto di rendiconto presentati anche ad altro ente, il silenzio serbato dall imputato sull aver ricevuto aliunde entrate riconducibili alle medesime iniziative). Cass. pen., sez. II, È punibile ex art. 495 e 640, cpv., n. 1, c.p. la cittadina extracomunitaria, che - a seguito di una lettera ministeriale con cui le era stato (erroneamente) comunicato di poter riscuotere un sussidio statale, destinato per legge solo a cittadini italiani o di altro paese dell Unione europea (nella specie, c.d. bonus bebè) - lo abbia riscosso, dopo aver esibito il proprio documento d identità e compilato il modulo, appositamente previsto dalla legge. Cass. pen., sez. II, , n Non integra il delitto di tentata truffa la condotta costituita dalla produzione di falsa documentazione a sostegno di un ricorso al prefetto avverso l ordinanza-ingiunzione di pagamento di una sanzione amministrativa per violazione delle norme sulla circolazione stradale, perché l eventuale decisione favorevole non dà luogo ad un atto di disposizione patrimoniale. Cass. pen., sez. II, , n Si configura il delitto di truffa aggravata in danno di ente pubblico nel caso di espletamento delle mansioni d ufficio, che richiedono adeguate capacità professionali, da parte di soggetto che ha ottenuto l impiego pubblico con artifici o raggiri consistiti nel dichiarare falsamente l esistenza delle condizioni e dei requisiti previsti per l assunzione, così inducendo in errore l ente col conseguente danno consistente nell esborso di pubblico denaro in cambio di servizi espletati da soggetti non qualificati. Cass. pen., sez. II, , n Costituisce truffa a consumazione prolungata e non istantanea quella posta in essere da chi, dando a credere di essere in possesso del necessario titolo di studio, si faccia assumere come dipendente qualificato di una struttura pubblica e svolga quindi, indebitamente, le relative mansioni (principio affermato, nella specie, con riguardo al caso di un soggetto che, mediante l esibizione di un falso diploma di infermiere, si era fatto assumere da una clinica convenzionata con il ssn ed aveva ivi prestato, per un certo tempo, la propria attività). Cass. pen., sez. II, Posto che il momento consumativo del reato di truffa va fissato all atto dell effettiva, concreta e definitiva lesione del bene tutelato e può consistere anche nella sola assunzione dell obbligazione di effettuare una prestazione economica, costituisce truffa consumata e non tentativo di truffa l attività dell impiegato di banca che inganni i clienti facendogli sottoscrivere a loro insaputa un atto di fideiussione, consistendo l ingiusto profitto per la banca nel poter contare su una garanzia patrimoniale artatamente realizzata e l altrui danno nella soggezione del patrimonio del sottoscrittore alla diminuzione patrimoniale nella misura equivalente all importo garantito. 16

17 Cass. pen., sez. II, , n In tema di truffa finalizzata all assunzione ad un pubblico impiego, l attività svolta da un infermiere all interno di una struttura ospedaliera pubblica in difetto della necessaria qualificazione professionale - pur potendo eventualmente integrare gli estremi del reato di abusivo esercizio di una professione - non risulta intrinsecamente illecita, e pertanto la corresponsione del salario non costituisce danno patrimoniale rilevante ai fini della configurabilità del reato. Cass. pen., sez. II, , n Commette una truffa contrattuale, a consumazione prolungata, provvista degli elementi dell ingiusto profitto e del corrispondente danno per la p.a., e destinata a protrarsi sino a che vi sia l erogazione economica fraudolentemente conseguita, colui che si procura il titolo abilitativo falso di diploma di infermiere professionale, e induce in errore la dirigenza di una clinica medica, che in conseguenza assume una persona carente dei requisiti necessari, e si procura l ingiusto profitto consistente nell attribuzione della posizione lavorativa, del relativo stipendio, con pari danno per il ssn. T. Monza, Sussistono gli estremi del reato di truffa (nella specie, aggravata ex art. 61, n. 7, c.p.) e non quelli di appropriazione indebita, a carico del promotore finanziario il quale, con artifici e raggiri, faccia credere ai proprio clienti di poter gestire con interessi notevolmente superiori a quelli correnti i loro risparmi, così da carpirne la fiducia e indurli a versargli ulteriori somme poi sottratte loro con proprio ingiusto profitto. T. Milano, Integra, altresì, il reato di truffa la falsa rappresentazione, in una cartella clinica tenuta da una casa di cura convenzionata con il ssn, di patologie e conseguenti prestazioni sanitarie di cui si chieda il rimborso, attuata, con l indicazione di codici di Drg, simulando circostanze inesistenti, quali la prospettazione come complesse, tanto da richiedere il ricovero anche protratto per più giorni, di prestazioni aventi in realtà caratteristiche ambulatoriali. T. Milano, Deve rispondere del delitto di truffa colui che avvalendosi delle tecniche di phishing, mediante gli artifici e i raggiri derivanti dalla sostituzione di persona (realizzata attraverso la creazione ed utilizzazione di un account di posta elettronica ed attribuzione falsa delle generalità di un diverso soggetto), dopo avere indotto in errore la vittima ed essersi fatto rivelare le credenziali di accesso, si introduce nel suo servizio di home-banking, compiendo un atto dispositivo che comporta una depauperazione del patrimonio del deceptus, con pari profitto in proprio favore. Cass. pen., sez. II, , n Non costituisce truffa né tentativo di truffa l esposizione sul parabrezza dell autovettura di un falso contrassegno di assicurazione, atteso che il profitto derivante da una tale condotta è soltanto quello costituito dalla circolazione senza copertura assicurativa, senza che da ciò derivi alcuno spostamento di risorse economiche da parte del soggetto ipoteticamente truffato in favore dell agente. USURA Cass. pen., sez. II, , n

18 In tema di rapporti tra il reato di usura e quello di estorsione, deve ritenersi che tali reati concorrano tra loro ove la violenza o la minaccia, assenti al momento della stipulazione del patto usurario, siano impiegate in un momento successivo, al fine di ottenere la realizzazione dei pattuiti «interessi o altri vantaggi usurari» che il soggetto passivo non possa o non voglia più corrispondere, sussistendo invece il solo reato di estorsione ove la violenza o la minaccia siano impiegate ab initio, al fine di ottenere la dazione o la promessa dei suddetti interessi o vantaggi. Cass. pen., sez. IV, La condotta tipica del reato di usura non richiede che il suo autore assuma atteggiamenti intimidatori o minacciosi nei confronti del soggetto passivo, atteso che tali comportamenti caratterizzano la diversa fattispecie di estorsione. Cass. pen., sez. II, , n Lo stato di bisogno della persona offesa del delitto di usura può essere provato anche in base alla sola misura degli interessi, qualora siano di entità tale da far ragionevolmente presumere che soltanto un soggetto in stato di bisogno possa contrarre il prestito a condizioni talmente inique e onerose. Cass. pen., sez. II, , n Il momento di consumazione del delitto di usura, in caso di rateizzazione nella corresponsione del capitale e degli interessi illeciti pattuiti, si individua nella dazione effettiva dei singoli ratei e non nella illecita pattuizione. Cass. pen., sez. II, , n In tema di delitto di usura, la riscossione degli interessi dopo l illecita pattuizione integra il momento di consumazione e non costituisce un post factum penalmente irrilevante (la corte ha precisato che il delitto di usura si atteggia a delitto a consumazione prolungata, che perdura nel tempo sino a quando non cessano le dazioni degli interessi). Cass. pen., sez. II, , n Il delitto di usura si configura come un reato a schema duplice, costituito da due fattispecie - destinate strutturalmente l una ad assorbire l altra con l esecuzione della pattuizione usuraria - aventi in comune l induzione del soggetto passivo alla pattuizione di interessi od altri vantaggi usurari in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra cosa mobile, delle quali l una è caratterizzata dal conseguimento del profitto illecito e l altra dalla sola accettazione del sinallagma ad esso preordinato; ne consegue che nella prima il verificarsi dell evento lesivo del patrimonio altrui si atteggia non già ad effetto del reato, più o meno esteso nel tempo in relazione all eventuale rateizzazione del debito, bensì ad elemento costitutivo dell illecito il quale, nel caso di integrale adempimento dell obbligazione usuraria, si consuma con il pagamento del debito, mentre nella seconda, che si verifica quando la promessa del corrispettivo, in tutto o in parte, non viene mantenuta, il reato si perfeziona con la sola accettazione dell obbligazione rimasta inadempiuta; ne deriva, in tema di prescrizione, che il relativo termine decorre dalla data in cui si è verificato l ultimo pagamento pagamento degli interessi usurari. Cass. pen., sez. II, , n In tema di delitto di usura, la rilevante entità della misura degli interessi pattuiti o corrisposti dà prova anche dello stato di bisogno della persona offesa e della consapevolezza di tale stato da parte dell agente. T. Pescara,

19 L approfittamento della condizione di bisogno della vittima al momento della conclusione del patto usurario deve intendersi come approfittamento di una condizione psicologica che limita la volontà del soggetto passivo, con la conseguenza che è irrilevante la causa del bisogno, che può essere indifferentemente cagionato da pericoli, sventure, cause incolpevoli ovvero vizi, prodigalità o altre cause inescusabili. G.u.p. T. Lecce, L individuazione del fatto tipico ricadente nella previsione incriminatrice dell art. 644 c.p. deve essere effettuata esclusivamente in base alla determinazione dei tassi trimestralmente pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale con decreto del ministro del tesoro, non potendo ammettersi un integrazione della norma attraverso elementi estranei a quelli presi in considerazione dalla fonte secondaria, cui l art. 644 rinvia, giacché ciò si risolverebbe nella creazione da parte dell interprete di una diversa fattispecie incriminatrice, in violazione degli art. 25, 2º comma, cost. e 1 c.p. 19

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEI REATI CONTRO LA P.A. di Roberto Garofoli

LA NUOVA DISCIPLINA DEI REATI CONTRO LA P.A. di Roberto Garofoli LA NUOVA DISCIPLINA DEI REATI CONTRO LA P.A. di Roberto Garofoli SOMMARIO: 1. Ratio e linee guida della legge 6 novembre 2012 n. 190. 2. La nuova disciplina della concussione. 2.1. Rapporto tra vecchie

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti 2 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti SOMMARIO 1. I soggetti attivi. Continuità normativa con la previgente fattispecie. 2. La condotta. 3.

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli