INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO"

Transcript

1 INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO 1

2 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE PERCHÉ VEDIAMO QUANDO SI ILLUMINA? La luce per illuminare deve seguire un percorso analogo a quello indicato dalla linea spezzata 1: dalla sorgente il raggio raggiunge l'oggetto, per venirne in parte riflesso verso l'occhio dell'osservatore dove avverrà il processo della visione. La luce che si propaga in altre direzioni, per esempio lungo le linee 2 e 3, rimane inutilizzata; anzi, lungo la direzione 2, è addirittura di ostacolo alla visione poiché, arrivando direttamente alla pupilla, causa abbagliamento. QUINDI SOLO LA LUCE CHE RAGGIUNGE L'AREA DA ILLUMINARE È FUNZIONALE ALLO SCOPO. 2

3 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE INQUINAMENTO LUMINOSO 1. alterazione della quantità naturale di luce presente nell'ambiente notturno dovuta ad immissione di luce artificiale prodotta da attività umane; 2. ogni forma di irradiazione di luce artificiale che si disperda al di fuori delle aree cui essa è funzionalmente dedicata e, in particolar modo, se orientata al di sopra della linea dell orizzonte. 3

4 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE PROPAGAZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO Emissione A (orizzontale): è un tipo di emissione che arriva a propagarsi molto lontano dalla sorgente, fino a km di distanza oltre la quale interviene la naturale curvatura terrestre a disperdere nello spazio la luce fin qui arrivata. Emissione B (verticale): dopo aver attraversato l'atmosfera si perde nello spazio. Emissione C: (luce riflessa): questo contributo, sommandosi a all'emissione B contribuisce ad aumentare l'inquinamento luminoso a livello locale; tipicamente il flusso luminoso riflesso 4 ammonta a circa il 10% del flusso incidente.

5 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE IL CONTRIBUTO PIÙ RILEVANTE ALL'INQUINAMENTO LUMINOSO NON È QUELLO DIRETTO VERSO LA VERTICALE MA QUELLO DIRETTO A BASSI ANGOLI SOPRA LA LINEA DELL'ORIZZONTE 5

6 APPARECCHI D'ILLUMINAZIONE Un corpo illuminante è composto fondamentalmente da due parti: 1. la lampada 2. l'armatura, comprendente il guscio di protezione, il supporto della lampada e il sistema ottico. LE LAMPADE Esistono di diversi tipi: ad incandescenza; ai vapori di mercurio ad alta pressione; a fluorescenza; alogene; agli alogenuri metallici; ai vapori di sodio ad alta e bassa pressione. 6

7 APPARECCHI D'ILLUMINAZIONE Ogni lampada ha una propria efficienza luminosa, ossia per una data potenza assorbita produce una determinata quantità di luce. Se la luce prodotta dalla lampada poco efficiente è adeguata si potrà ottenere la stessa quantità di luce con una lampada a maggior efficienza impegnando però una potenza minore, con un conseguente risparmio energetico. 7

8 APPARECCHI D'ILLUMINAZIONE LE ARMATURE Per evitare inutili dispersioni di luce conviene utilizzare corpi totalmente schermati (full cutoff), come quello rappresentato in figura. L armatura generalmente è costituita da: un guscio di protezione; un supporto della lampada; un sistema ottico formato da un vetro di protezione esterno; un riflettore interno. 8

9 VETRO PIANO Vantaggi: APPARECCHI D'ILLUMINAZIONE prevenzione maggiore dell'inquinamento luminoso; Svantaggi: molta luce viene rinviata indietro; VETRO CURVO Vantaggi: maggior apertura del cono di luce; Svantaggi: maggiore la luce dispersa; 9

10 LE CURVE FOTOMETRICHE Rappresentazione grafica di come la luce viene distribuita attorno l'apparecchio. Solido Fotometrico: superficie chiusa al cui interno è collocata una sorgente luminosa. Da tale sorgente si possono disegnare tanti vettori che intercettano la superficie del solido; ciascun vettore rappresenta l'intensità luminosa in quella direzione. 10

11 LE CURVE FOTOMETRICHE Sorgente isotropa: stessa intensità in ogni direzione. Si intuisce facilmente come il suo solido fotometrico debba essere una sfera di raggio I pari al valore I dell'intensità luminosa. Nel caso di un inserimento sopra la sorgente di un riflettore, la luce diretta verso l alto sarà costretta a riflettersi verso terra. In questo caso il solido fotometrico passerà da una forma sferica ad una forma molto più complessa. 11

12 LE CURVE FOTOMETRICHE VALUTAZIONE DELLA DISPERSIONE DI LUCE Inserendo la sorgente isotropa su un palo è intuitivo che metà della luce prodotta va verso terra e l'altra metà verso l'alto. Facendo passare un piano (piano α) parallelo al terreno e passante per la sorgente luminosa, questo piano divide il solido in due parti. Rappresenta il flusso disperso, quindi inquinante la parte al di sopra della linea dell'orizzonte. Sezionando il solido fotometrico tramite un opportuno fascio di piani verticali e, riportando su un foglio le sezioni ottenute si possono costruire le "curve fotometriche". 12

13 1 CONFRONTO TRA CORPI ILLUMINANTI 2 2 LE SFERE 1. Miglior tipo di sfera non schermata, con lampada rivolta verso il basso e dotata di alette frangiluce 2. Buona sfera 3 GRANDE DISPERSIONE SOPRA L ORIZZONTE NELL ESEMPIO 1 4 LE LANTERNE 4 3. Lanterna schermata 4. Lanterna non schermata MINORE DISPERSIONE NELLE LANTERNE IN CUI LA LAMPADA E INCASSATA NELL ARMATURA 13

14 CONFRONTO TRA CORPI ILLUMINANTI 5 6 L ILLUMINAZIONE STRADALE 5. Classico lampione (con vetro prismatico di protezione) 6. Moderno lampione (con lampada incassata) 7 8 DISPERSIONE INTORNO AL 30% DELLA LUCE PRODOTTA NELL ESEMPIO 5 I FARI 7. Faro asimmetrico (montato orizzontalmente) 8. Faro simmetrico (montato inclinato) NELL ESEMPIO 8 SI HANNO DISPERSIONI A BASSI ANGOLI SOPRA L ORIZZONTALE 14 (LE PIU NOCIVE)

15 In questo tratto di strada, dopo alcuni lavori, furono installati nuovi pali della luce, dotati di lampade schermate full-cut off con vetro piano. Nonostante l'interdistanza fra i pali della luce (H) continui a rimanere bassa e in questo caso si collochi attorno al valore di H=2.0 (sarebbe preferibile adottare un valore H>3), si nota come le lampade schermate illuminino bene la sede stradale evitando l'abbagliamento. Ben diverso invece è l'effetto prodotto dal 4 lampione, visibile in fondo nella stessa fotografia, il quale utilizza un vetro prismatico, che non ottimizza l'emissione luminosa. 15

16 Le foto sono interessanti perché mostrano la fascia di luce ben direzionata del lampione anti inquinamento luminoso, abbinato all'alone prodotto invece dalla sfera. 16

17 NORMATIVA VIGENTE Per limitare in modo efficace l inquinamento luminoso occorre minimizzare tutta quella parte di esso che è evitabile in quanto non assolutamente necessaria per produrre l illuminazione richiesta. Esistono Leggi Regionali contro l inquinamento luminoso, approvate in 10 Regioni: 1. L.R. 17/00 (Reg. Lombardia); 2. L.R. 113/03 (Reg. Emilia Rom.); 3. L.R. 10/02 (Reg. Marche); 4. L.R. 23/00 (Reg. Lazio); 5. L.R. 13/02 (Reg. Campania); 6. L.R. 22/97 (Reg. Veneto); 7. L.R. 37/00 (Reg. Toscana); 8. L.R. 31/00 (Reg. Piemonte); 9. L.R. 17/98 (Reg. Valle d Aosta); 10. L.R. 41/00 (Reg. Basilicata); 17

18 LA LEGGE REGIONALE LOMBARDIA Gli scopi della Legge Regionale della Lombardia (27 marzo 2000 n. 17) sono: fornire regole per l illuminazione pubblica e privata; fornire un risparmio sensibile da parte dei Comuni sulla tariffa energetica. 18

19 LA LEGGE REGIONALE LOMBARDIA Dall entrata in vigore della L.R. 17/2000, gli impianti di illuminazione esterna, pubblica e privata devono essere: eseguiti a norma anti-inquinamento luminoso e a ridotto consumo energetico; equipaggiati con lampade con la più alta efficacia possibile in relazione allo stato di tecnologia; realizzati in modo che la superficie illuminante non superi il livello di luminanza media mantenuta, previsto dalle norme di sicurezza; provvisti di appositi dispositivi in grado di ridurre, entro la mezzanotte, l emissione di luce degli impianti, in misura non inferiore al 30% rispetto al pieno regime di operatività. 19

20 LA LEGGE REGIONALE LOMBARDIA La L.R. 17/2000, inoltre, impone che: l illuminazione delle insegne non dotate di fonte propria deve essere realizzata dall alto verso il basso; nell illuminazione di impianti sportivi e grandi aree di ogni tipo devono essere impiegati criteri e mezzi per evitare fenomeni di dispersione di luce verso l alto e al di fuori dei suddetti impianti; è vietato utilizzare, per meri fini pubblicitari, fasci di luce roteanti o fissi di qualsiasi tipo; nell illuminazione degli edifici e monumenti devono essere privilegiati sistemi di illuminazione dall alto verso il basso (eccetto per gli oggetti di comprovato valore architettonico); 20

21 LA LEGGE REGIONALE LOMBARDIA Le sorgenti di luce non rispondenti agli indicati criteri devono: entro quattro anni essere sostituite e modificate attraverso l uso di lampade al sodio ad alta e bassa pressione; essere schermate o dotate di idonei dispositivi in grado di contenere e dirigere a terra il flusso luminoso e vetri di protezione trasparenti; essere spente entro le 23:00 (le 22:00 nel periodo di ora solare) qualora risultassero non specifiche e non indispensabili; 21

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 Misure urgenti in materia di risparmio energetico e contenimento dell inquinamento luminoso Rispettare

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA CONSIGLIO REGIONALE. VII Legislatura

REGIONE EMILIA-ROMAGNA CONSIGLIO REGIONALE. VII Legislatura REGIONE EMILIA-ROMAGNA CONSIGLIO REGIONALE VII Legislatura Deliberazione legislativa n. 113/2003 NORME IN MATERIA DI RIDUZIONE DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO E DI RISPARMIO ENERGETICO Approvata dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Approvato con Deliberazione di C.C. n 39 del 09.06.2003 REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE

Dettagli

CITTA' DI ALESSANO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA.

CITTA' DI ALESSANO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA. CITTA' DI ALESSANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA. ------ REGOLAMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELL'ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA

Dettagli

COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO

COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO Approvato con DCC n. 44 del 18/12/2012 REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO Articolo 1 (Finalità) Il presente

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento ILLUMINAZIONE PUBBLICA Normativa e tecnologia Legge Provinciale 3 ottobre 2007, n. 16 Risparmio energetico e inquinamento luminoso MEZZOCORONA, 25 febbraio 2011 INQUINAMENTO

Dettagli

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2009, N. 17 (BUR N. 65/2009) NUOVE NORME PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO, IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

Comune di VESSALICO Provincia di IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'INQUINAMENTO LUMINOSO

Comune di VESSALICO Provincia di IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'INQUINAMENTO LUMINOSO Comune di VESSALICO Provincia di IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'INQUINAMENTO LUMINOSO Approvato con delibera C.C. n. 21 del 30/07/2015 1 REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO Articolo

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE. ALLEGATO Z. ing. Daniela Fiaccavento arch. Maria Luisa Piva ARPAV- Dipartimento di Treviso

PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE. ALLEGATO Z. ing. Daniela Fiaccavento arch. Maria Luisa Piva ARPAV- Dipartimento di Treviso PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE. ALLEGATO ALLEGATO Z Inquinamento luminoso Redazione a cura di ing. Daniela Fiaccavento arch. Maria Luisa Piva ARPAV- Dipartimento di Treviso PIANO TERRITORIALE

Dettagli

CITTA DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA

CITTA DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA CITTA DI PORTOGRUARO PROVINCIA DI VENEZIA Regolamento per l illuminazione pubblica e privata esterna attraverso il contenimento del consumo energetico e l abbattimento dell inquinamento luminoso Ver. 1.00

Dettagli

COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA Regolamento per la riduzione dell inquinamento luminoso, per il risparmio energetico e per la corretta illuminazione delle aree scoperte nel Comune di BEDIZZOLE

Dettagli

ART. 1 - Impianti di illuminazione esterna pubblici e privati preesistenti alla data di entrata in vigore del presente Regolamento.

ART. 1 - Impianti di illuminazione esterna pubblici e privati preesistenti alla data di entrata in vigore del presente Regolamento. REGOLAMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA ATTRAVERSO IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO E L ABBATTIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO ART. 1 - Impianti di illuminazione

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNE DI RIPOSTO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI RIPOSTO PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO Approvato con deliberazione C.C. n 050 del 21/10/2004 INDICE Pag. Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO

REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI SAN BIAGIO DELLA CIMA REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO Approvato con D.C.C. n. 14 /2013, in data 19.7.2013 INDICE ART.1 - Definizioni e finalità

Dettagli

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE Curve Fotometriche Imparare a leggerle e comprenderle La curva fotometria rappresenta graficamente come una sorgente luminosa emette luce nello spazio.

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

ORDINANZA MUNICIPALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO ORDINANZA MUNICIPALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO IL MUNICIPIO Premesso: che la promozione di un illuminazione efficace ed efficiente (illuminare solo ciò che si intende o è necessario illuminare

Dettagli

Per l illuminazione pubblica

Per l illuminazione pubblica Città di Potenza Ufficio Energia U.D. Ambiente - Parchi Energia Regolamento Comunale Per l illuminazione pubblica Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 158 del 28 febbraio 2009 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Legge Regione Lombardia del 27 marzo 200 n. 17

Legge Regione Lombardia del 27 marzo 200 n. 17 Legge Regione Lombardia del 27 marzo 200 n. 17 Misure urgenti in tema di risparmio energetico ad uso di illuminazione esterna e di lotta all inquinamento luminoso. 1. Finalità 1. La presente legge, ai

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE inerente la riduzione dell'inquinamento luminoso

ORDINANZA MUNICIPALE inerente la riduzione dell'inquinamento luminoso ORDINANZA MUNICIPALE inerente la riduzione dell'inquinamento luminoso G:\Cancelleria\Segretario\LEGISLAZIONE\ORDINANZE\Ordinanze Energia\Ordinanza Municipio inquinamento luminoso (città energia).odt IL

Dettagli

P.R.I.C. (P.R.I.C.) PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE COMUNE DI MOLVENO (TN) NORME DI ATTUAZIONE PIANO REGOLATORE PER L ILLUMINAZIONE COMUNALE

P.R.I.C. (P.R.I.C.) PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE COMUNE DI MOLVENO (TN) NORME DI ATTUAZIONE PIANO REGOLATORE PER L ILLUMINAZIONE COMUNALE P.R.I.C. PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE COMUNE DI MOLVENO (TN) NORME DI ATTUAZIONE PIANO REGOLATORE PER L ILLUMINAZIONE COMUNALE (P.R.I.C.) Unione Europea F E S R Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale Marraffa Orazio, matr. 263439 Mesto Emanuele, matr. 257491 Lezione dell 11/05/2016, ore 10:30 / 13:30 INDICE: 1. Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale 2. Apparecchi per la diffusione luminosa

Dettagli

PLAFONIERA SNP2 Stellare

PLAFONIERA SNP2 Stellare ILLUMINOTECNICA PLAFONIERA SNP2 Stellare APPARECCHIO DI ILLUMINAZIONE CON LED AD ALTA POTENZA DA 50 + 50 Watt INSTALLAZIONI AD INCASSO SU CONTROSOFFITTI A DOGHE E PENSILINE PER STAZIONI DI SERVIZIO Pag.2

Dettagli

Fig. 1 F2) G2) H2) I2)

Fig. 1 F2) G2) H2) I2) COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA ATTRAVERSO IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO E L ABBATTIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO ART. 1 -

Dettagli

INQUINAMENTO LUMINOSO. Illuminotecnica Eco Compatibile per esterni

INQUINAMENTO LUMINOSO. Illuminotecnica Eco Compatibile per esterni \ INQUINAMENTO LUMINOSO Illuminotecnica Eco Compatibile per esterni Paolo Pescatori Associazione CieloBuio Museo di Storia naturale - Livorno, 8 novembre 2011 Pianeta Galileo 2011 www.cielobuio.org Chi

Dettagli

Illuminazione esterna e inquinamento luminoso

Illuminazione esterna e inquinamento luminoso Illuminazione esterna e inquinamento luminoso Pubblicato il: 09/12/2005 Aggiornato al: 09/12/2005 di Andrea Gandolfi Negli ultimi anni numerose regioni si sono dotate di leggi contro l'inquinamento luminoso.

Dettagli

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it SORGENTI LUMINOSE Lo sviluppo di nuove tecnologia ha consentito di realizzare una gamma notevole di lampade, destinate alle più differenti applicazioni: Irradiazione per effetto termico Lampade a Incandescenza

Dettagli

Illuminazione naturale (3)

Illuminazione naturale (3) PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati

Dettagli

Art. 1. Finalità ed ambito di applicazione

Art. 1. Finalità ed ambito di applicazione Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. La presente legge promuove il contenimento nel territorio regionale dell'inquinamento luminoso ed il conseguente risparmio energetico al fine della conservazione

Dettagli

ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO

ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO ILLUMINAZIONE di esterni, inquinamento luminoso e RISPARMIO ENERGETICO Collana prodotta dal Servizio Pianificazione Energetica e incentivi Agenzia Provinciale per l Energia Testi: F. Pocher - Servizio

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli

COMUNE DI AMEGLIA - PROVINCIA DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

COMUNE DI AMEGLIA - PROVINCIA DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO COMUNE DI AMEGLIA - PROVINCIA DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 36 in data 30.09.2013 INDICE Art. 1 Definizioni e

Dettagli

FOTO 1. Via XXV Aprile frazione Brugarolo. Questa via presenta un illuminazione non a norma perché: Le lampade sono in parte al neon ed in parte al mercurio; Il montaggio non è a norma a causa dell inclinazione

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale

Regione Toscana Giunta Regionale Regione Toscana Giunta Regionale Linee Guida per la progettazione, l esecuzione e l adeguamento degli impianti di illuminazione esterna Attuazione D. G. R. T. n. 81 5 del 27/08/2004 Delibera Consiglio

Dettagli

Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità

Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Giornata d d informazione Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità Piani della Luce e l energyl saving nell illuminazione

Dettagli

AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA. Zone di interesse pubblico. Zone di valore paesistico-ambientale. Aree di rispetto cimiteriale

AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA. Zone di interesse pubblico. Zone di valore paesistico-ambientale. Aree di rispetto cimiteriale RIEPILOGO STATO DI FATTO Legenda PROPRIETA IMPIANTI Proprietà comunale Proprietà Enel So.l.e. AREA OMOGENEA DI APPARTENENZA Aree verdi Zone residenziali Zone di interesse pubblico Zone produttive Zone

Dettagli

/$35(9(1=,21( '(//,148,1$0(172/80,1262

/$35(9(1=,21( '(//,148,1$0(172/80,1262 CIELOBUIO Coordinamento per la protezione del cielo notturno http://www.cielobuio.org/ MARCO VEDOVATO /$35(9(1=,21( '(//,148,1$0(172/80,1262 %5(9( *8,'$ 3(5 9$/87$5( */,,03,$17, ',,//80,1$=,21( (67(51$

Dettagli

Workshop Trasporti e Infrastrutture

Workshop Trasporti e Infrastrutture Workshop Trasporti e Infrastrutture Illuminazione efficiente nel terziario: illuminazione pubblica Fabio Pagano ANIE ASSIL Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto dalle aziende elettriche

Dettagli

La nuova direttiva applicativa della Legge regionale relativa all Inquinamento Luminoso ed efficienza energetica

La nuova direttiva applicativa della Legge regionale relativa all Inquinamento Luminoso ed efficienza energetica Scenari della nuova tecnologia LED: caratteristiche e classificazione per l illuminazione La nuova direttiva applicativa della Legge regionale relativa all Inquinamento Luminoso ed efficienza energetica

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIII LEGISLATURA ANNO 2004 DISEGNO DI LEGGE 20 maggio 2004, n. 54 Contenimento dell'inquinamento luminoso, risparmio energetico nell'illuminazione per esterni

Dettagli

STUDIO FERRARIS ANDREA VIA CALVISIO, 118 FINALE LIGURE (SV) INDICE:

STUDIO FERRARIS ANDREA VIA CALVISIO, 118 FINALE LIGURE (SV) INDICE: INDICE: ART. 1. (DEFINIZIONI)... 3 ART. 2. (RIFERIMENTI LEGISLATIVI)... 4 ART. 3. (OBIETTIVI)... 4 ART. 4. (AMBITI DI APPLICAZIONE)... 5 ART. 5. (CLASSIFICAZIONE DELLE ZONE)... 5 ART. 6. (MODALITA DI PRESENTAZIONE

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

regionali: Il ruolo delle ARPA

regionali: Il ruolo delle ARPA Inquinamento luminoso e leggi regionali: Il ruolo delle ARPA Dr. Tommaso Aureli Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio Servizio Agenti Fisici unità campi elettromagnetici, inquinamento

Dettagli

INDICE CAPO I 3 ARTICOLO 1 - FINALITA 3 ARTICOLO 2 - DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO 3 NUOVI IMPIANTI 3 ARTICOLO 4 IMPIANTI PREESISTENTI 5 ARTICOLO

INDICE CAPO I 3 ARTICOLO 1 - FINALITA 3 ARTICOLO 2 - DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO 3 NUOVI IMPIANTI 3 ARTICOLO 4 IMPIANTI PREESISTENTI 5 ARTICOLO INDICE CAPO I 3 ARTICOLO 1 - FINALITA 3 ARTICOLO 2 - DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO 3 NUOVI IMPIANTI 3 ARTICOLO 4 IMPIANTI PREESISTENTI 5 ARTICOLO 5 - REGIME AUTORIZZATIVO 5 CAPO II - DISPOSIZIONI ATTUATIVE

Dettagli

LEGGE VALLE D'AOSTA SULL'INQUINAMENTO LUMINOSO

LEGGE VALLE D'AOSTA SULL'INQUINAMENTO LUMINOSO LEGGE VALLE D'AOSTA SULL'INQUINAMENTO LUMINOSO LEGGI E REGOLAMENTI Legge regionale 28 aprile 1998, n. 17. Norme in materia di illuminazione esterna. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI. RIQUALIFICAZIONE completa dell impianto di pubblica illuminazione del centro storico

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI. RIQUALIFICAZIONE completa dell impianto di pubblica illuminazione del centro storico ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI RIQUALIFICAZIONE completa dell impianto di pubblica illuminazione del centro storico Medicina, Sala del Consiglio 16/11/2013 Che significa riqualificazione? 1. Rigenerazione

Dettagli

Con i nostri prodotti si riducono i costi della bolletta elettrica fino al 90%.

Con i nostri prodotti si riducono i costi della bolletta elettrica fino al 90%. CATALOGO 2012 Tecnologia LED Mentre le altre fonti di illuminazione da anni non introducono innovazioni significative, a tecnologia LED e in forte crescita e l efficacia luminosità dei LED aumenta rapidamente

Dettagli

COMUNE DI SEGNI ILLUMINAZIONE DEL CENTRO STORICO - PROGETTO PRELIMINARE - PROVINCIA DI ROMA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA. Arch.

COMUNE DI SEGNI ILLUMINAZIONE DEL CENTRO STORICO - PROGETTO PRELIMINARE - PROVINCIA DI ROMA RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA. Arch. COMUNE DI SEGNI PROVINCIA DI ROMA ILLUMINAZIONE DEL CENTRO STORICO - PROGETTO PRELIMINARE - RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA U.T.C. COMUNE DI SEGNI Arch. Esteban Dukic 1. PREMESSA Negli ultimi anni, visto

Dettagli

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione)

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione) Regolamento regionale per la riduzione e prevenzione dell inquinamento luminoso Art. 1 (Oggetto ed ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento, in attuazione di quanto previsto dagli articoli 3

Dettagli

Completezza di gamma e versatilità di installazione, per illuminazione e segnaletica

Completezza di gamma e versatilità di installazione, per illuminazione e segnaletica GAMMA COMPLETA PER TUTTE LE ESIGENZE 6-8-11-24 W, schermi per la segnaletica in dotazione IDONEA PER TUTTI I TIPI DI INSTALLAZIONE incasso, plafone, a parete, a bandiera SISTEMA OTTICO A DOPPIA RIFLESSIONE

Dettagli

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo L ILLUMINAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo Dott. Ing. Gianni Drisaldi Le grandezze fotometriche Il Flusso Luminoso L Intensità luminosa L illuminamento

Dettagli

COMUNE DI CAPRINO VERONESE Ordinanza n /

COMUNE DI CAPRINO VERONESE Ordinanza n / Premesso: - - 1. 2. 3. Piano dell Illuminazione per il Contenimento COMUNE DI CAPRINO VERONESE Ordinanza n / IL CONSIGLIO COMUNALE - che la mancanza di controllo sull illuminazione pubblica e privata esterna

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento Progetto Lumière Efficienza energetica nell Illuminazione Pubblica Inquadramento della giornata con riferimento alla legge provinciale n. 16/2007 "Risparmio energetico e inquinamento

Dettagli

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009 Pag. 1 di 16 totali INDICE STIMA ECONOMICA DEI COSTI DI ADEGUAMENTO... 2 1. PREMESSA... 2 2. COSTI ADEGUAMENTI CORPI ILLUMINANTI... 3 2.1. SOSTITUZIONE CORPI ILLUMINANTI CON NUOVA SORGENTE AL SODIO (SOLUZIONE

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti:

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: Illuminotecnica Sorgenti luminose artificiali Definizioni Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: La lampada L apparecchio illuminante Le lampade, preposte alla conversione

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI Dimensionamento di un impianto di illuminazione per interni Esempio n.1 Si vuole progettare l'impianto di illuminazione per un locale di fonderia

Dettagli

Legge regionale Emilia Romagna n 19/03 Consigli sull interpretazione della legge

Legge regionale Emilia Romagna n 19/03 Consigli sull interpretazione della legge 2 Legge regionale Emilia Romagna n 19/03 Consigli sull interpretazione della legge Le leggi sull inquinamento luminoso come espressione di una nuova cultura della luce Negli ultimi anni c è stata una significativa

Dettagli

NUOVA LUCE PER IL CANALE DI S. SECONDO

NUOVA LUCE PER IL CANALE DI S. SECONDO NUOVA LUCE PER IL CANALE DI S. SECONDO Gruppo urbanistica e mobilità Daniele Rigano INTRODUZIONE Le vie di comunicazione privilegiate a Venezia sono, per quel che resta, i suoi canali e rii che formano

Dettagli

Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. dell'illuminazione Civile ed industriale.

Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. dell'illuminazione Civile ed industriale. Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. LED Le lampade che Rappresentano il futuro dell'illuminazione Civile ed industriale. Con la recente

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Varapodio Progetto Definitivo/Esecutivo

Dettagli

Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica. San Paolo d Argon 6 maggio 2013

Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica. San Paolo d Argon 6 maggio 2013 Energia Elettrica: - Impianti Fotovoltaici - Illuminazione Pubblica San Paolo d Argon 6 maggio 2013 AGENDA Impianti Fotovoltaici Modalità funzionamento Situazione italiana V Conto Energia Tariffe incentivanti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA. Atti di cui all art. 3 della Legge Regionale 24 Dicembre 2004 n.32 SOMMARIO

REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA. Atti di cui all art. 3 della Legge Regionale 24 Dicembre 2004 n.32 SOMMARIO Mercoledì 23 Settembre 2009 Anno XL - N. 16 REPUBBLICA ITALIANA Direzione, Amministrazione: Tel. 010 54.851 Redazione: Tel. 010 5485663-4974 - Fax 010 5485531 Abbonamenti e Spedizioni: Tel. 010 5485363

Dettagli

Con la collaborazione di: Presenta:

Con la collaborazione di: Presenta: Con la collaborazione di: Presenta: LEGGE PROVINCIALE 3 ottobre 2007, n. 16 " Risparmio energetico e inquinamento luminoso " B.U. 16 ottobre 2007, n. 42 VISUALE Interpretare, capire, conoscere ed approfondire

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri RIPA DI MEANA E BAURDINI

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri RIPA DI MEANA E BAURDINI A tti Consiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 1012 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa dei Consiglieri RIPA DI MEANA E BAURDINI Norme in materia di prevenzione dall inquinamento luminoso e risparmio energetico

Dettagli

C O N S I G L I O R E G I O N A L E

C O N S I G L I O R E G I O N A L E Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI C O N S I G L I O R E G I O N A L E IV COMMISSIONE PROPOSTA DI LEGGE N. 17 (d iniziativa del consigliere Baiutti) PROPOSTA

Dettagli

La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione. Comune di Pastena

La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione. Comune di Pastena T.E.L.E.CITY La soluzione COFELY nella pubblica illuminazione Comune di Pastena APPALTO DEL COMUNE PER L II.PP. Il Comune di Pastena, in provincia di Frosinone, attraverso la realizzazione del Piano Regolatore

Dettagli

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico L impiego dei LED negli impianti di illuminazione permette oggi di contenere in misura significativa i consumi di energia elettrica, ma anche di ridurre

Dettagli

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014 La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia novembre 2014 Milano e Brescia a LED Illuminazione Pubblica 181,76 km 2 area Milano 90,34 km 2 area Brescia 1.316.000 abitanti Milano 195.500 abitanti

Dettagli

Una nuova luce per Brescia

Una nuova luce per Brescia Una nuova luce per Brescia Innovazione dell illuminazione pubblica Brescia, 9 Maggio 2014 L illuminazione pubblica di Brescia Nel 1909 il servizio di illuminazione pubblica fu affidato dal Comune di Brescia

Dettagli

LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY

LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY 1. TECNOLOGIA A LED L introduzione del LED sta rendendo obsolete le vecchie lampade al Mercurio e le comuni

Dettagli

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI GUAGNANO Provincia DI LECCE POI ENERGIA 2007 2013 / PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Dettagli

Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. dell'illuminazione Civile ed industriale.

Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. dell'illuminazione Civile ed industriale. Relazione descrittiva sui vantaggi di utilizzare la tecnologia a diodi led nel campo dell illuminazione. LED Le lampade che Rappresentano il futuro dell'illuminazione Civile ed industriale. Con la recente

Dettagli

LE CURVE FOTOMETRICHE

LE CURVE FOTOMETRICHE LE CURVE FOTOMETRICHE E' noto che l' intensità luminosa è una grandezza che deve essere associata ad una direzione. Non avrebbe molto significato parlare della intensità di un corpo illuminante in una

Dettagli

MISURE URGENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

MISURE URGENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DAL CONSIGLIO REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 LUGLIO 2002, N. 98 MISURE URGENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E CONTENIMENTO

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Usi finali. Illuminazione pubblica C.5. Illuminazione pubblica C.5

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Usi finali. Illuminazione pubblica C.5. Illuminazione pubblica C.5 219 Situazione attuale (2008) In base ai dati forniti dalle aziende elettriche, il consumo di energia elettrica dovuto all illuminazione pubblica si situa oggi al 1.25% rispetto al consumo totale (35 GWh/anno

Dettagli

TITOLO IV - LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE

TITOLO IV - LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE TITOLO IV - LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE Art.8) OBIETTIVI Il piano della luce è stato realizzato privilegiando soluzioni e proposte illuminotecniche

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE dì iniziativa del Consigliere SEBASTIANI

P ROPOSTA DI LEGGE dì iniziativa del Consigliere SEBASTIANI Consig ionale Atti Consiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 1016 P ROPOSTA DI LEGGE dì iniziativa del Consigliere SEBASTIANI Misure urgenti in tema dì risparmio energetico ad uso dì ìllumìnazìone esterna e dì

Dettagli

1 Informazione generale tecnologia LED

1 Informazione generale tecnologia LED 1 Informazione generale tecnologia I lluminazione (acronimo di Light Emitting Diode Diodo emettitore di luce) si sta fortemente diffondendo negli ultimi anni. Le lampade con tecnologia Led, offrono un

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 15 DEL 23.07.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 15 DEL 23.07. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO LUMINOSO E PER IL RISPARMIO ENERGETICO APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 15 DEL 23.07.2009 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 19 DEL 21.06.2013

Dettagli

Legge regionale 18 giugno 2007, n. 15

Legge regionale 18 giugno 2007, n. 15 Legge regionale 18 giugno 2007, n. 15 Misure urgenti in tema di contenimento dell'inquinamento luminoso, per il risparmio energetico nelle illuminazioni per esterni e per la tutela dell'ambiente e dell'attività

Dettagli

VISUAL Regolamento di Attuazione della LR 17/00

VISUAL Regolamento di Attuazione della LR 17/00 CIELOBUIO Coordinamento per la protezione del cielo notturno Presenta: VISUAL Regolamento di Attuazione della LR 17/00 Legge della Regione Lombardia n. 17 del 27/03/2000 Misure urgenti in tema di risparmio

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente

Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente Proposta di legge n. 496/9^ recante: Misure urgenti per il contenimento dell inquinamento

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

INTERCHANGEABLE OPTICAL SYSTEM

INTERCHANGEABLE OPTICAL SYSTEM SCACCO ALLA LUCE IN 5 MOSSE Dalla ricerca Reggiani Dalla ricerca Reggiani nasce IOS, il sistema che rivoluziona la luce, introducendo un dinamismo che non ha confronti, per ottenere infatti la più elevata

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA. Soluzioni per l illuminazione pubblica

EFFICIENZA ENERGETICA. Soluzioni per l illuminazione pubblica ILLUMINAZIONE EFFICIENTE UNA PROPOSTA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Anche in Italia, crescono la sensibilità ambientale e la consapevolezza dell importanza di un uso razionale delle risorse energetiche.

Dettagli

Abstract. Comune di Spinea

Abstract. Comune di Spinea Comune di Spinea Abstract DIVISIONE ENERGIA SRL Via delle Industrie 18/A - 30038 Spinea (VE) Tel. 041 8221863 - Fax 041 8221864 info@divisionenergia.com - www.aequagroup.com P.IVA, e C.F. 04037990274 Il

Dettagli

Studio di ottimizzazione illuminazione pubblica Comune di Maroggia. Riassunto dei punti principali

Studio di ottimizzazione illuminazione pubblica Comune di Maroggia. Riassunto dei punti principali Studio di ottimizzazione illuminazione pubblica Comune di Maroggia Riassunto dei punti principali 1 Eco-Optimum 6822 Arogno André Roesti (Dipl. Ing. El. ETS) (Dipl. Energy Managment Supsi) (Zertifikat

Dettagli

STILIS. armatura stradale a LED

STILIS. armatura stradale a LED armatura stradale a LED Informazioni Generali Lo STILIS è un apparecchio brevettato innovativo e d eccezionale potenza caratterizzato da un fascio luminoso generato da led sapientemente orientati (sistema

Dettagli

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO VENETOSTELLATO Coordinamento Regionale Veneto in collaborazione con: CIELOBUIO Coordinamento per la protezione del cielo notturno INTERNATIONAL DARK-SKY ASSOCIATION UNIONE ASTROFILI ITALIANI INQUINAMENTO

Dettagli

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 L illuminazione del futuro: i e il loro controllo 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 Classificazione delle sorgenti luminose 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi

Dettagli

CFL vs LED... Veniamo al punto.

CFL vs LED... Veniamo al punto. CFL vs LED... Nell ottica del risparmio energetico relativamente all impianto di illuminazione sfruttando quanto la tecnologia e il mercato ci rende disponibile ed accessibile, ho intrapreso l attività

Dettagli

PROPOSTA DI PROJECT-FINANCING AI SENSI DELL ART. 153 COMMA 19 D.Lgs 12/04/2006 N. 163

PROPOSTA DI PROJECT-FINANCING AI SENSI DELL ART. 153 COMMA 19 D.Lgs 12/04/2006 N. 163 REGIONE VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI ZERO BRANCO PIAZZA UMBERTO I, 1 31059 ZERO BRANCO (TV) PROPOSTA DI PROJECT-FINANCING AI SENSI DELL ART. 153 COMMA 19 D.Lgs 12/04/2006 N. 163 PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 87 del 1 agosto 2002

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 87 del 1 agosto 2002 LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 24-07-2002 REGIONE MARCHE MISURE URGENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 87 del

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI

RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI RISPARMIO ENERGETICO ED INQUINAMENTO LUMINOSO NEGLI IMPIANTI D ILLUMINAZIONE PER ESTERNI Il consumo di energia elettrica per illuminazione di ambienti esterni, negli ultimi anni è cresciuto vertiginosamente,

Dettagli

XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED

XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED RISPARMIO Garantito DESIGN Ottimizzato DURATA Impareggiabile ALTERNATIVA Reale XSP IP66 Series. Un nuovo record di prestazioni, un nuovo standard

Dettagli

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO CIELOBUIO Coordinamento per la protezione del cielo notturno in collaborazione con: INTERNATIONAL DARK-SKY ASSOCIATION UNIONE ASTROFILI ITALIANI INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO Un problema

Dettagli

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO TECNOLOGIA LED Il LED è un dispositivo elettronico che trasforma la corrente da cui è attraversato in luce e calore, non irradiato, da dissipare attraverso un apposita struttura

Dettagli

Seminario LE INIZIATIVE FINANZIABILI DAL BANDO REGIONALE EFFICIENZA ENERGETICA LED:SORGENTE LUMINOSA A BASSO CONSUMO VANTAGGI ED APPLICAZIONI

Seminario LE INIZIATIVE FINANZIABILI DAL BANDO REGIONALE EFFICIENZA ENERGETICA LED:SORGENTE LUMINOSA A BASSO CONSUMO VANTAGGI ED APPLICAZIONI Seminario LE INIZIATIVE FINANZIABILI DAL BANDO REGIONALE EFFICIENZA ENERGETICA LED:SORGENTE LUMINOSA A BASSO CONSUMO VANTAGGI ED APPLICAZIONI Relatore: Bearzi Giovannino Presidente CdA B Eng S.r.l. I LED

Dettagli